Sei sulla pagina 1di 1

lunedì 23 gennaio 2006 SERIE D 19

GIRONE H | Il derby tra le nobili decadute finisce con un pareggio, ma i padroni di casa protestano per il calcio di rigore concesso agli ospiti

Savoia-Scafatese, decide il dischetto


SAVOIA 1 vittoria consecutiva casalinga solo va il portiere siglando il sorpasso IL TECNICO OPLONTINO VOLEVA LA VITTORIA
SCAFATESE 1 nel finale, da un calcio di rigore del Savoia e la sua prima rete con

SAVOIA: Ioime 6.5, Lo Polito 6,


inesistente. Partita che al di là del-
l’episodio sfavorevole ha mostrato
un Savoia in netta crescita sia dal
la casacca bianca. Sulle ali del-
l’entusiasmo il Savoia anelava una
serie di occasioni per raddoppiare,
Lazic non ha nessun dubbio:
Carbonaro 6, Parisi 6.5, Savino
6.5, Cerrato 7, Logrieco 5.5 (47’st
Ricciardi s.v), Marasco 7, Del
punto di vista del gioco che della
compattezza di squadra. La cura
Lazic sembra cominciare a fare i
ma il risultato rimaneva immutato.
Al 15’ è ancora De Paola a sfiorare
la doppietta, ben servito da Mara-
«Peccato, due punti persi»
Grande 5.5 (8’st Mainenti 6), De suoi effetti, dato che la competiti- sco, riusciva a liberarsi del suo av- TORRE ANNUNZIATA. Terzo risultato utile re della rete oplontina De Paola: «In que-
Paoloa 6.5, Moxedano 6 (8’st Pi- vità del Savoia, grazie anche al- versario sfruttando anche un rim- consecutivo e secondo pareggio conse- sto caso non posso ritenermi soddisfatto,
scopo 6). A disp.: De Blasio, Sco- l’innesto nella rosa di Marasco e pallo favorevole, ma il tiro mal cal- cutivo della nuova gestione Lazic. Quel- dato che il mio goal non è servito alla
gnamiglio, Fichera, Vitagliano. De Paola, è cresciuta di gran lun- ciato finiva per terminare alto sul- li contro la Scafatese sembrano più due squadra per vincere. Quel che più conta
All.: Lazic 6 ga. La gara entrava subito nel vivo, la traversa. punti persi che uno guadagnato, sia per per me adesso sono più le prestazioni
SCAFATESE: Sorriso 6.5, Bin- con i locali determinati e protesi a Al 26’ invece scambio di ruoli, l’episodio del rigore inesistente, sia per complessive della squadra che quella mia
ciardi 6, Mele 5.5 (36’st Mazza- voler fare propri i tre punti, men- era de Paola a Mettere al centro quello che si è visto in campo, ossia una personale. In merito alla partita non so
riello s.v), Vezzoli 6, Caruso 6 tre più guardingo l’assetto ospite, una palla, che veniva ben raccolta squadra che attaccava, il Savoia e l’altra cosa possiamo rimproverarci dato che dal
(19’st Mercurio 6), De Falco 6.5, bravo a sfruttare ed approfittare da Marasco che di prima provava a che pensava esclusivamente a difendere, punto di vista della tenacia e della de-
Ambruso 6, Marzano 5 (36’st Gril- delle ripartente, qualità a loro con- sorprendere l’estremo difensore la Scafatese. Tanto rammarico e delu- terminazione non potevamo fare meglio.
lo s.v), De Luca 6.5, Scarpa 6, Gal- geniale. scafatese, ma il tiro finiva alto. sione si percepisce nella sala stampa do- Anche se non siamo riusciti a vincere ri-
di 6. A disp.: Ingenito, Cappiello, Al 13’ buon calcio di punizione di Al 39’ l’episodio che farà tanto po la gara, e in particolar modo nelle pa- mane il fatto che siamo molto competi-
Amarante, Cozzolino. All.: Espo- Scarpa dal limite, spostato sul ver- discutere nel dopo gara, insegui- role di Lazic: «Un derby giocato bene da tivi e che da qui fino alla fine del cam-
sito 6 tice destro, traiettoria leggermen- to al tiro di giocatore Scafatese, parte nostra che abbiamo costruito tan- pionato potremo giocarcela con tutte al-
ARBITRO: Giardina di Agrigen- te angolata sul palo opposto, tem- la sfera dopo una serie di rimpal- to, ma raccolto poco. Gli avversari han- la pari». A parlare è anche il tecnico del-
to 5 pestivo e puntuale l’intervento di li carambolava sui piedi di Galdi, no pensato soprattutto a difendere ed a la Scafatese Esposito: «Oggi abbiamo tro-
RETI: 11’st De Paola (r) (Sav), Ioime a deviare in fallo laterale. Al Mainenti contrasta Grillo la difesa nel salire male lasciava distruggere il nostro gioco, facendosi for- vato di fronte un’ottima squadra che an-
39’st De Luca (r) (Sca). 25’ invece sempre su calcio piaz- l’attaccante praticamente solo ti dei nostri errori. Loro hanno costruito che se non si trova in posizioni esaltan-
NOTE: Angoli Savoia 3 – Scafa- zato dai 20 metri è Savino a sca- frazione di gara. La ripresa co- davanti la porta, ma nel contra- poco e ci hanno messo in difficoltà sol- ti, rimane una formazione dura da af-
tese 6. Spettatori circa 1500, con valcare la barriera, ma la sfera ter- minciava all’insegna degli ospiti starlo finiva a terra abbondante- tanto nelle ripartente veloci, dato che noi frontare e l’abbiamo visto sul campo. Per
500 giunti da Scafati. Recupero 2’ minava di un metro sulla traversa. che al 9’ sfioravano il vantaggio con mente fuori dall’area, ma per il attaccando gli abbiamo concesso molti noi quello di oggi è un punto guadagna-
I tempo, 5’ II tempo. Ammoniti: Al 29’ Savoia vicino alla marcatu- il solito De Luca, che metteva i bri- direttore di gara l’intervento era spazi. Dispiace molto per questa vittoria to, dato che per come si erano messe le
Carbonaro, Parisi (Sav) – Vezzoli, ra con Del Grande, servito De Pao- vidi alla retroguardia oplontina all’interno e quindi rigore a favo- mancata, dato che per quello che abbia- cose. In merito alla direzione arbitrale
De Luca, Scarpa (Sca). la, bravo ad incunearsi in area ma con un tiro a botta sicura da pochi re degli ospiti. Sulla sfera si por- mo prodotto ce lo meritavamo decisa- preferisco non issare polemiche, ma sem-
si defilava troppo e il tiro finiva al- passi, ma Ioime faceva gli straor- tava De Luca che siglava senza mente. Nonostante tutto siamo conten- plicemente dire che se si tratta di dire-
TORRE ANNUNZIATA. Si conclude con to sulla traversa. dinari e riusciva a sventare il pe- problemi. Timida reazione del Sa- to per la condizione in cui riversa la squa- zione arbitrale errata, lo è stata per en-
un pareggio il derby tra il Savoia di Il Savoia andava nuovamente vi- ricolo deviando la sfera fuori. voia, ma cinque minuti più altri dra, ottima salute e voglia di migliorare. trambe le formazioni. Noi intanto conti-
Lazic e la Scafatese. Una gara de- cino al vantaggio al 30’ con de Pao- I locali non stavano certamente cinque di recupero non saranno Riguardo a loro direi che è l’annata giu- nuiamo a crederci senza mollare, dato
cisa da due penalty, uno per parte, la, che in girata a volo cercava l’an- a guardare, infati dopo poco al 10’ sufficienti agli uomini di Lazic sta dato che fanno poco per fare risulta- che per dove ci troviamo adesso dobbia-
decretati entrambe nel secondo golo basso alla destra di Sorriso, costruiscono l’azione che porterà per fare propria una gara che ap- to, anche quando giocano male, mentre mo lottare fino alla fine, anche se credo
tempo. che ottimamente si accasciava e al vantaggio. Fallo di mano di De pariva già finita. Alla fine ap- noi dobbiamo fare il doppio per cercare che la Paganese rimane la più accredi-
La truppa traghettata dal tecni- deviava in angolo. Terminava dopo Lucae rigore netto. Sulla sfera al plausi del pubblico. di raccogliere qualcosa». tata alla vittoria finale».
co serbo vede sfumare la seconda due minuti di recupero la prima 11’ si porta De Paola che spiazza- DOMENICO IMPERATORE Sulla stessa linea d’onda anche l’auto- [DOMIMP]

GIRONE H | I rossoneri tornano alla vittoria, conquistando tre punti in trasferta sul campo dell’Ariano Irpino. A segno il solito, infallibile, Baratto
Il Terzigno si rimette a correre: blitz al “Renzulli”
ARIANO IRPINO 0 visto obbligato a commettere fallo in area di rigo- IL TRAINER VESUVIANO: «ORA SERVE CONTINUITÀ»
TERZIGNO 1 re su un pericoloso Zerillo ch si avvicinava alla por-

ARIANO IRPINO: Amabile 6, Stellato 5, Barbato


ta. Esposito tira un sospiro di sollievo nel vedere
il tiro di Todino volare alto sopra la traversa.
Ma poco dopo si cambia musica e comincia a sen-
Esposito non sta nella pelle
6, Parise 6, Dell’Infante 6, Dei Medici 5, Roma 5,5
(1’ st Valente 5) De Rosa V. 6 (17’st Matarangolo
5), Improta 5, Todino 5,5 (20’ st Parentato 6), Ze-
tirsi nell’aria profumo di gol per i vesuviani. Al 29’
Dell’Infante furoi area colpisce il pallone con una
mano, é punizione per il Terzigno. Si incaricva del
Carannante è preoccupato
rillo 6. A disp.: Florio, Tripodi, Del Giudice, Stallo- tiro Baratto che con un tiro ad effetto trafigge Ama- ARIANO IRPINO. Appare tranquillo co-
ne. All. Carannante 6 bile piazzando il pallone nell’angolo in basso a de- me non mai. Il tecnico del Terzigno
TERZIGNO: Allocca 6,5, De Rosa P. 6, Laudano stra della porta irpina. Eppure i padroni di casa non si gode questa vittoria importantis-
6,5, Siciliano 6, Manzi 6 (1’ st Salvatore 6), Sco- vogliono cedere cominciano a reagire al 34’ con Ze- sima. «Una vittoria meritata e per
gnamiglio 6, De Rosa C. 6, Iaderosa 6, Venditto 6 rillo il quale riceve palla da Barbato e con un col- niente sofferta – dichiara l’allena-
(33’ st Rima sv), Baratto 6,5, De Biase 6,5 (44’ st po di testa manda la palla sulla traversa. Al 39’ é tore dei vesuviani - Il quale, poi, ag-
Sorrentino sv). A disp.: Giugliano, Bardiromo, Io- ben due volte una delle quali su rigore sprecato ma- Improta a farsi avanti con un colpo di testa su tra- giunge: «Sono convinto che questa
vane, Tortora. All Esposito 6 lamente da Todino che spediva il pallone sugli spal- versone di De Rosa che finisce ancora sulla tra- gara se si fosse giocata per altri 45
ARBITRO: Tagarelli di Termoli 6.5 ti. I primi presagi di quello che sarebbe accaduto versa. minuti l’Ariano non sarebbe mai riu-
RETE: 29’ pt Baratto successivamente. Il Terzigno, dal canto suo, si é di- Il secondo tempo é di stampo diverso. Già al 6’ scita a riagguantarla». Non è pre-
NOTE: spettatori 700 circa. Ammoniti: Dell’In- mostrato in grado di gestire il vantaggio con intel- Allocca stava per beffarsi da solo grazie ad un er- sunzione, quella palesata dall’alle-
fante, Dei Medici, Parise, Rima. Recupero 2’ pt, 5’ ligenza e prudenza senza alcuna difficoltà dimo- rato rinvio dal fondo che lo costringe a doversi sal- natore del Terzigno, «Ma la sempli-
st. strando la mirabile capacità di tirarsi fuori egre- vare in angolo. L’ Ariano é deciso a pareggiare ma ce e naturale conseguenza di un evi-
giamente da situazioni di stallo. Coraggio nell’at- le due occasioni sprecate, di Valente prima(10’) e dente divario esistente tra la mia
ARIANO IRPINO. Ottima prestazione quella dei cam- tacco e prudenza a difendersi, doti che mancano di Zerillo dopo dimostrano che la squadra manca squadra e l’Ariano. Di un divario, na- menica senza mai montarsi la testa
pani che al Renzulli affrontano con maturità e im- ad un’Ariano sempre più sofferente che arranca in di incisività. E anche la tensione psicologica del- turalmente, a nostro vantaggio». Sul e solo così si salverà prima del pre-
pegno gli avversari dell’Ariano Irpino puniti nel se- brutte acque e destinato a dover fare i conti con le l’Ariano sale alle stelle tanto che Todino ha una di- futuro e sull’esito finale di questo visto». Deluso, di contro, l’allenato-
condo tempo da una rete di Baratto (nella foto). proprie carenze tecniche anche in futuro. C’é da scussione accesa con alcuni tifosi e Carannante é torneo, per, com’è giusto che sia, mi- re dell’Ariano che colpevolizza i pro-
Di certo nessuno degli irpini si sarebbe mai im- ammettere, però, che gli irpini erano partiti piu- costretto a richiamarlo in panchina. Pochi minu- ster Esposito preferisce non sbilan- pri difensori. «Certe ingenuità non
maginato una partita così deludente. Ed ora il cam- tosto bene, conquistando ben tre calci d’angolo nei ti dopo Baratto coglie tutti di sorpresa con una bel- ciarsi eccessivamente: «Questo è un bisogna mai più commetterle – am-
mino é sempre più pericoloso per i ragazzi di Ca- primi dieci minuti e mettendo in atto un buon pres- la intuizione ma il suo tiro si va a stampare sull’e- campionato molto insidioso. Per- monisce Carannanate (nella foto) -
rannante che, nonostante i due legno colpiti da Ze- sing. Ma il Terzigno stava a guardare, subiva gli at- sterno della rete. tanto, non dobbiamo esaltarci per Dobbiamo crescere dal punto di vi-
rillo e Improta, non sono riusciti a riprendere il tacchi riuscendo a non scoprirsi mai troppo quasi Ai fini del risultato i cinque minuti di recupero aver vinto una gara in trasferta con- sta caratteriale e lavorare molto, al-
controllo di un match sfuggito loro di mano trop- volesse far stancare l’avversario per poi infligger- sono inutili, la partita é finita e l’esito di qusto mat- tro una squadra che puntava a usci- trimenti per noi sarà sempre più du-
po presto. Ancora sullo 0-0 la squadra di casa ave- gli il colpo di grazia. Solo al 15’ i campani hanno ch sarà pesante per la situazion dell’Ariano. re dalle zone a rischio. Il mio grup- ra».
va avuto la possibilità di portarsi in vantaggio per rischiato di soccombere quando Scognamiglio si é ALESSIO MIRARCHI po deve pensare domenica dopo do- [ALEMIR]

GIRONE H | Quarto risultato utile dei casertani: ma la vittoria non arriva GIRONE H | I conciari tornano al successo battendo il Matera: le reti nella ripresa
La Normanna Aversa a passo lento Il Solofra si risveglia dall’incubo
NOICATTARO 1 consecutivo per la Normanna targa- stra, cross al centro per l’argentino SOLOFRA 2 mano, Nicoletti, Infantino, Righetti. campo. I lucani cercavano di difen-
NORMANNA 1 ta Vincenzo Ruocco. Il tecnico all’e- Pablo Suarez, che - con l’aiuto di un MATERA 0 Spettatori 300 circa. dersi al loro meglio lasciando però a
sordio in campo, dopo la squalifica braccio - stoppava il pallone di pet- tratti alcuni corridoi liberi per la por-
che l’ha tenuto lontano dal rettan- to calciando di prima intenzione, SOLOFRA. Si riprende il Solofra con ta nei quali i loro avversari non riu-
NOICATTARO: Moschetto, Gi- golo verde nelle precedenti gare, rac- non lasciando scampo all’incolpevo- SOLOFRA: Caruccio 6.5, Carlino 7, una vittoria ai danni del Matera bat- scivano ugualmente ad inserirsi. Gli
smondi, Sabini, Landi, Roselli, Ma- coglie un ottimo punto su di un cam- le Granata. Ed al 23’, puntuale, arri- Iovane 6, Moccia 7, Trifone 6,5, Pic- tuto per 2-0. Quelli di mister Nocera ospiti tentavano anche l’attacco con
strolonardo, Sangirardi, Marcone, po notoriamente caldo quale è quel- vava il gol del pari. Ci pensava Fer- colo 6.5, Marrazzo 6.5, Santangelo 6.5 possono cominciare a tranquillizzar- Righetti e Infantino i quali provava-
Suarez, Tenzone, Domanico (25’ st Di lo di Noicattaro. Era dapprima Fer- raro - alla prima rete in maglia nor- (16’st Napoli 6.5), De Falco 7 (45’st si un pò e a credere di nuovo nelle no invano a sfondare al difesa del So-
Stasio). All. Maiellaro raro, al 3’, a tentare il colpo grosso, manna - a fulminare Moschetto. Gli Sepe sv), Pini 7, Fortino 6 (30’st Ben- possibilità di salvezza grazie soprat- lofra.Nella ripresa si cambia legger-
NORMANNA: Granata, Baletrieri, ma il suo velenoso diagonale veniva aversani non paghi del pareggio cardino 6). A disp. Esposito, tutto alle sconfitte di Ariano e La- mente registro di gioco sebbene si
Cacace, Romaniello, Castaldo, Avo- respinto con i pugni dall’estremo ba- continuavano a premere, andando vi- Guagliulo, Falcone, Iyke. All. Nocera vello. Il match di ieri era determi- debba attendere il 33’ per vedere la
lio, Longo (20’st M. Esposito), Am- rese. Ci riprovava dopo tre minuti cini alla rete al 36’e al 38’con due bo- 7. nante per il Solofra che doveva a tut- prima rete del Solofra. Carlino en-
brosino, Incoronato, Crisci, Ferraro Longo, che pronto ad avventarsi su di lidi fuori misura di Crisci. Al 44’un MATERA: Potenza 5,5, Romano 6, ti i costi aggiudicarsi i tre punti in pa- trava in area con velocità e, dopo aver
(75’ Marcucci). All. Ruocco un filtrante di Ferraro, veniva anti- servizio di Romaniello veniva spizzi- Grazioso 5,5, Liberti 6, Valdisera 6, lio per avanzare il più possibile in scartato due difensori, superava Po-
ARBITRO: Donati di Ravenna cipato in extremis da Moschetto. An- cato di testa da Ferraro a favore di Fuentes 5,5, Fritto 6 (41’st Duca sv), calssifica. Graze ai gol di Carlino e De tenza uscito dai pali fuori tempo. Tra-
RETI: 12’pt Suarez, 23’pt Ferraro. cora Longo al 9’innescava l’azione di Incoronato, che in mezza girata col- Nicoletti 6, Infantino 5,5, Righetti 6, Falco e alle incertezze del portiere scorrevano solo dieci minuti e si as-
NOTE: Ammoniti Gismoindi, Sua- testa, liberando Ambrosino che da piva male, mandando in fumo la Montano 6 (41’st Orsi sv). A disp. Co- Potenza, il Solofra é riuscito nell’im- sisteva al secondo gol dei padroni di
rez, Longo, Ambrosino e Ferraro. buona posizione mandava alto. Al ghiotta occasione. Nel secondo tem- retti, Musillo, Dian, Buono, Cancel- presa. Nel corso del primo tempo non casa. De Falco tirava su assist di Na-
Espulsi. Mastrolonardo e Sangiri- 10’ci voleva il miglior Moschetto per po l’unica azione degna di nota dei lieri. All. si é visto un gran gioco né hanno avu- poli ma Potenza respingeva. La se-
rardi per doppia ammonizione. Spet- deviare un preciso calcio di punizio- locali era targata Sabini, che sugli Bilotta 6. to luogo delle azioni particolari de- conda conclusione dello stesso at-
tatori circa 1000. Angoli 5-5. Presenti ne di capitan Romaniello diretto in sviluppi di un calcio d’angolo, impe- ARBITRO: Intagliata di Siracusa gne di essere riportate nella nostra taccante trafigge Potenza per il defi-
circa 100 tifosi granata fondo al sacco. Inaspettatamente, gnava Granata. La gara diventava un 6. cronaca. I locali non riuscivano ad nitivo 2-0 del finale di partita. Risul-
però, arrivava il vantaggio dei rosso- fioccare di cartellini gialli e rossi, ac- RETI: 33’st Carlino, 40’st De Falco. andare a rete pur dimostrando una tato che dà agli irpini la possibilità di
NOICATTARO. Quarto risultato utile neri. Azione di Domanico sulla sini- cade poco fino alla fine. NOTE: ammoniti Piccolo, Pini, Ro- buona capacità nel gioco a centro- credere ancora nella salvezza.

Potrebbero piacerti anche