Sei sulla pagina 1di 12

On-line:

http://www.toscana.
lafragola.kataweb.it/
pistoia/medie/
francescoferrucci-
Journal d’information des écoles PEE Comenius 3 - M.E.D.I.A. larciano/
Fevrier 2007 Année I N. 1

S AL UT !
Nei giorni dal 21 al 24 novembre, si è svolto in Francia, a Poussan
Un vrai bonheur…… (Montpellier), l’incontro dei rappresentati di cinque istituti europei, per con-
cordare le linee educative e didattiche da sviluppare nell’ambito del Pro-
Comme moi, plongez- getto Europeo di sviluppo della scuola – Comenius 3.
vous avec délices dans
les écrit de nos jeunes MEDIA e EDUCAZIONE: una DISPUTA sull’assimilazione delle INFORMA-
journalistes, et savorez ZIONI e sullo sviluppo dell’AUTOFORMAZIONE .
leur talent.
Attorno a questa pro-
blematica comune, è
Vous saurez tout (ou
stato deciso di coope-
presque) sur le téléphone rare, sviluppando una
portable, en Italie, en riflessione sul ruolo
Espagne, en Roumanie et dei media nella tra-
en France…….. smissione delle cono-
scenze e l’etica che
J’attends avec impatience l’accompagna, con lo
le Numero 2, comme scopo di scoprire del-
vous lorsque vous aurez le pratiche originali,
attraverso lo scambio
savouré le numéro 1. di esperienze.

Bravo, Con questo progetto


l’équipe de rédaction! si intende migliorare
la qualità e rinforzare
S. Dubos la dimensione euro-
Principale du College pea dell’insegna- Nella foto i cinque coordinatori degli istituti partner: Ligia Cristea
(Romania), Adriano Disperati (Italia), Irene Paredes (Spagna),
de Poussan mento scolastico in- Giuliana Ferrali (Italia), Nicole Zanetti (Francia)
coraggiando la coo-
perazione transnazionale tra gli istituti partecipanti.

Il progetto da svilupparsi in tre anni si articola attorno a 5 punti principali:

1. Riflettere sulla problematica della trasmissione e della costruzione dei


saperi;
2. Concepire o mettere a punto degli strumenti pedagogici che utilizzino
i media contemporanei (Internet, televisione, radio, sequenze video
documentarie, stampa), scambiare le pratiche tra i partener europei,
esporle via sito Internet;
SOMMAIRE 3. Affrontare l’aspetto etico e proporre un approccio critico del contenuto
diffuso attraverso i media;
Pag. 2 Burela (Sp) 4. Attivare la formazione (per insegnanti e per allievi) al fine di imparare
Pag. 4 Lamporecchio (It) a conoscere i media per migliorarne l’utilizzo come ricettore e produt-
tore;
Pag. 6 Larciano (It) 5. Redazione comune (da parte degli alunni) di un giornale europeo
Pag.8 Poussan (Fr) multilingue.

Pag.10 Oradea (Ro) Adriano Disperati


PAG 2 Fevrier 2007 Année I N. 1

Burela
LENGUAJE SMS: La alfabetizaciòn de los jòvenesen el siglo xxi

El lenguaje de móviles está generando una El rsteo peuden estar ttaolmntee mal y aun pordas
revolución en el idioma, que sin prejuicios, lerelo sin pobrleams. Etso es pquore no lemeos
pensamos, sería un cambio en el proceso de cada ltera por si msima preo la paalbra es un tdoo.
alfabetización de los jóvenes del siglo XXI. Pesornamelnte me preace icrneilbe...
Simplemente, mostramos algunas justificaciones de Esto demuestra que la práctica lectora desarrolla
estos procesos y las leyes que rigen el lenguaje mecanismos intelectuales que permiten comprender
SMS, con ejemplos ilustrativos. el significado de las palabras presentes en cada
instante en nuestro campo visual sin necesidad de
Dentro de los progresos de nuestro tiempo y como deletrearlas, por lo cual no importa que algunas de
parte de las nuevas tecnologías tenemos la sus letras estén trastocadas si no deforman
telefonía móvil en sus múltiples variedades, extremadamente su aspecto. ¿Cómo afectará a la
calidades y formatos. Es innegable que ha sido una adquisición de este automatismo el uso, para una
revolución de 10-12 años atrás, hasta nuestros misma palabra, de dos formas léxicas diferentes,
días, mejorando ante todo la comunicación de los una en modo SMS y otra en modo normal?
usuarios. Un elemento que ha cambiado la forma Mientras no se hagan estudios rigurosos no
tradicional de comunicarse son los Mensajes de debemos precipitarnos aventurando una respuesta,
Texto a través de móviles, o los también llamados pues lo que en principio se nos presenta como un
SMS (Short Messages Standard), es decir, sistema obstáculo puede resultar favorecedor.
de mensajes cortos sin cables. ¿Qué actitud hemos de adoptar los profesores ante
Los SMS constituyen un fenómeno social de los casos, relativamente frecuentes, de ejercicios
nuestros días cuyas consecuencias trascienden el escritos con profusas expresiones propias de SMS?
ámbito de la comunicación del que han surgido Sin lugar a dudas debemos ser fieles a nuestra
para repercutir de forma imprevisible en distintos obligación de velar por el correcto aprendizaje y uso
aspectos de la educación. del idioma, ya sea en su gramática, sintaxis u
Si cada generación de jóvenes se ha caracterizado ortografía, mas esta obligación no nos debe
en el último siglo por su rechazo a las normas arrastrarnos a posturas extremas de rechazo a todo
preestablecidas adoptando formas y costumbres cuanto tenga que ver con los SMS.
que les diferencien de la anterior, aunque para ello Por ley natural los jóvenes que hoy han asumido
hayan de rebuscar en lo más profundo de la este sistema de comunicación son los hombres que
extravagancia, la juventud actual ha encontrado en mañana lo mantendrán, tanto por propia
los SMS su signo de identidad, y la víctima inocente complacencia como por imperativos tecnológicos, y
en quien recaen las consecuencias involuntarias de es seguro que hasta los profesores más
su rebeldía no es otra que la ortografía. intolerantes hoy día se verán en la necesidad de
La sumisión a las reglas ortográficas que tantas familiarizarse con él si no quieren padecer en un
dificultades origina entre la población estudiantil, futuro próximo algún tipo de síndrome de
resultará mucho más costosa para una juventud aislamiento, pues el fenómeno parece imparable y
acostumbrada a la libertad, tolerancia y simplicidad no ha hecho más que empezar.
que disfruta con total legalidad en los círculos de En esta comunicación no pretendemos presentar
chateo y mensajería a través de móviles. Por otro nada nuevo, sino llamar la atención a la comunidad
lado los hábitos adquiridos en el ejercicio de una educativa, sobre los cambios que pueden sufrir las
escritura que podríamos calificar como anómala nuevas fórmulas de comunicarse y como puede
pueden generar y consolidar errores ortográficos afectar a los aprendizajes de las lenguas. No
muy difíciles de erradicar. podemos dejar de reconocer que puede afectar a
También la técnica de lectura puede verse los aprendizajes adquiridos de unas normas de
afectada. escritura, expresión y reglas básicas de la
Hace dos meses hemos recibido el siguiente e-mail: comunicación escrita, dado el uso continuado e
Sgeun un etsduio de una uivenrsdiad ignlsea, no infructuoso de un lenguaje generado con una doble
ipmotra el odren en el que las ltears etsan ersciats, finalidad: comunicar más en menos tiempo y con el
la uicna csoa ipormtnate es que la pmrirea y la menor costo económico. Aunque sólo sea por eso,
utlima ltera esten ecsritas en la psiocion cocrrtea. ya está justificado.
Fevrier 2007 Année I N. 1 PAG 3

Burela
CÓDIGO DE SMS

diapositiva diapo hígado iga2


día da hola hi / hl
días dd igualmente =mnt
dinero $ individual indval
Dirección dir internet w3
discoteca dsk jamás ja+
dormido zzz jueves ju
Duda ? juvenil jvnil
ejemplo ej kilogramo kg
gracias thanx lechuga lxuga
grande xl llámame yamm
lunes lu mascar +kr
macho mxo medio 1/2
mañana mñna melodía mlody
manzana mnza melón mln
martes mar menosprecio -prcio
más + mensaje msj
abecedario abc cabeza kbza masaje +ag mesa msa
aburrido abrrdo café kf miércoles mi socorro sos
además ad+ calcetines klztnes mierda kk suspenso 0
adiós a2 / bye calimocho klimoxo minuto min también tb
al menos al - cállate kyat mosquito mskito texto txt
amarillo amryo cama kma móvil mv tiempo tpo
año ñ camiseta kmiz mujer mj tierra trra
años aa cansado knso música musik tomate 2mt
aunque a1q Casados ksa2 rebelde rbld uno 1
ayuda sos Cenicero cn0 regalo rgalo universidad univ
baja bj Cerveza crvza reloj rlj vacaciones vaks
bastante bstant/ bstnt Chat xat respuesta r vale ok
beber bbr chica xik / xx rico rco vehículo vh
belleza byeza bienvenido 2nvnido sábado sa verano vrano
besitos bsit2 birra brra saludos salu2 vestidos vsti2
beso b bizcocho bizc8 sangre rh viaje vje
butaca butak borrachera pdo sanitario bñ viernes vi
cabello kbyo botellón btyon secar skr vosotros vo
cine fx e-mail e-m / @ segundo seg zapato zpto
colchón c8n En n sincero sin0 zona zna
colegio clgio Enamorados namor2 zoológico zo
compañero cmpa encender ncndr
contesta cntsta enfadado grr José Luis Hernández Pacheco
cuestión ? entonces ntncs Emilio Miraflores Gómez
cumpleaños qmple /
qmplaños
escalera sklra
bueno weno guapa wpa
de d guapo wapo
decir dcir habitación hab
dedos d2 harina arna
demasiado d+iao hasta hsta
deprimido dwn hecho exo
desde dsd helado hldo
PAG 4 Fevrier 2007 Année I N. 1

Lamporecchio
L’Istituto Comprensivo di Lamporecchio

L’Istituto Comprensivo Lamporecchio è costituito dalla all’ autorealizzazione dei piccoli allievi, che vi interagi-
Scuola Secondaria di I° grado “F. Berni”, la Scuola Pri- scono, per raggiungere concreti traguardi di sviluppo in
maria “G. Dei” e tre Scuole dell’Infanzia situate nelle fra- ordine all’ identità, all’autonomia, allo sviluppo di abilità
zioni di Borgano, San Baronto, Mastromarco. sensoriali, percettive, motorie, linguistiche ed intellettive.
Il paese di Lamporecchio, dove l’Istituto è ubicato e da L’itineraio continua nella scuola primaria, della durata di
cui esso prende il nome, lega le sue vicende storiche al cinque anni (dai 6 agli 11 anni), dove viene valorizzato il
paesaggio paludoso della parte meridionale della Valdi- patrimonio di esperienze maturate dai bambini nella
nievole, che per lungo tempo ha impedito il formarsi di scuola dell’infanzia per consentire il passaggio dal
un nucleo abitato consistente in pianura. La popolazio- sapere comune esperenziale ai primi ordinamenti
ne, che attualmente ammonta a 7217 unità (di cui 477 formali dei saperi. La scuola secondaria, infine, che si
stranieri -comunitari ed extra comunitari-), fino alla fine articola nell’arco di tre anni, offre occasioni ulteriori di
dell’Ottocento era dislocata in poderi e ville sparse su sviluppo di tutte le aree della personalità, accompa-
per l’ ondulata pendice occidentale del Montalbano. gnando il preadolescente nella sua maturazione fino
Il centro abitato in pianura si è sviluppato soprattutto a alla soglia dell’adolescenza; al tempo stesso favorisce
partire dalla seconda metà del Novecento, grazie alla la conquista di capacità logiche, per sedimentare le
bonifica delle terre paludose, al rinnovato assetto viario competenze e per una conoscenza più approfondita di
del collegamento fra Empoli e Pistoia e alle alienazioni sé e del mondo.
delle terre di proprietà del principe Rospigliosi. Insieme La scuola, oltre ad essere funzionale sul piano orga-
all’aspetto urbanistico è cresciuto anche il benessere nizzativo per la sua unità in quanto istituto comprensivo,
economico, prevalentemente nel settore dell’artigianato, consentendo e facilitando la razionalizzazione dei servi-
dell’industria dolciaria, calzaturiera, delle materie plasti- zi e delle strutture, dalla scuola dell’infanzia a quella
che e nella commercializzazione di prodotti agricoli pre- primaria, alla secondaria di primo grado, evidenzia tratti
gevoli, quali l’olio e il vino, per i quali il nostro territorio qualificanti quali la creazione di condizioni molto favore-
era famoso già in epoca medioevale. voli alla piena attuazione dei raccordi tra i tre segmenti
del primo ciclo di scolarizzazione; la possibilità unitaria
del sistema di istruzione per decidere scelte pedagogi-
che e strutturali per tutti e tre i segmenti, il controllo
nella progressione nell’apprendimento a partire dai
gradi di istruzione inferiore.
Il nostro Istituto, oltre alla quota nazionale del currico-
lo scolastico, sviluppa attività e discipline opzionali sug-
gerite dalla specifica situazione locale, grazie anche alla
collaborazione tra scuola, Enti istituzionali, Associazioni
e Volontariato, sviluppando, così una serie di progetti
quali, l’acquaticità, l’educazione alla salute, l’educazione
ambientale, l’educazione stradale, lo studio della storia
locale, la donazione e la solidarietà, il Consiglio Comu-
nale dei ragazzi, la conoscenza delle opere d’arte del
territorio, ecc…
Tutte e tre i plessi scolastici sono dotati di laboratori, ma
in particolare la Scuola Secondaria di Primo grado
Sia per la bellezza del paesaggio, sia per le considere- presenta il numero più alto di aule speciali, con
voli testimonianze artistiche, sia per la vicinanza con strumentazioni e sussidi didattici idonei al loro funziona-
importanti centri storici e famose città d’arte (Vinci, Fi- mento ed in linea con le potenzialità operative degli
renze, Pisa, Lucca) negli ultimi anni è considerevolmen- allievi. Le aule di scienze, di musica, di tecnica, di
te aumentata la presenza di turisti stranieri: olandesi, artistica, la biblioteca ed aula video, la palestra ed il
tedeschi, francesi, svizzeri, austriaci e anche inglesi. campetto, integrati da altri spazi esterni, le due aule di
Nel zona centrale di Lamporecchio, nelle vicinanze di informatica, munite di un numero adeguato di postazio-
una vasta ed attrezzata area verde comunale, si trova- ni, con attrezzature aggiornate, capaci di offrire ottime
no i due plessi adiacenti della scuola secondaria di pri- possibilità di lavoro e di ricerca, consentono agli alunni
mo grado e della scuola primaria. L’Istituto Comprensi- di trovare nella scuola quegli stimoli e quei supporti
vo è stato varato il 1° settembre 2000; esso accoglie culturali necessari alla loro formazione.
603 alunni (153 nelle tre scuole dell’infanzia, 273 in Uno spazio importante dell’attività didattica è dedicato
quella primaria e 177 nella Secondaria) e 65 docenti. alla musica, alla danza, alla drammatizzazione e al
Nel nostro istituto l’azione educativa ha inizio nella teatro, al fine di realizzare lo spettacolo conclusivo del
scuola dell’infanzia che segue percorsi didattici rivolti Progetto Socrates-Comenius.
Fevrier 2007 Année I N. 1 PAG 5

Lamporecchio
La mania del cellulare
E’ un oggetto di desiderio e uno “status symbol” dei ragazzi di oggi, un servo-padrone, utile, talvolta
indispensabile, ma anche un po’ maledetto…

Così scrivono Martina, della classe 3° C e Ambra, Elena, sopravvento: forse che alcuni di essi non compiono
Denisa, Salvatore, Ivan della classe 3° B (14 anni). azioni violente come nei video giochi dei loro telefonini
maledetti?!”
“…Allarme, allarme telefonini! L’utilizzo del cellulare è
diventato, infatti, veramente eccessivo. Schiere di giova- E gli SMS?
ni, dagli 11 ai 18 anni, passano la maggior parte del loro “…Alcuni professori correggendo i compiti in classe so-
tempo sulle tastiere dei loro “mobiles”, inviando messag- no inorriditi nel vedere scritte alcune parole abbreviate
gini e giocando ai divertimenti virtuali scaricati da inter- come nel linguaggio sms, ad esempio: “perché” cam-
net e poi indirizzati ai loro portali. biato in “xkè”, “come” diventato “km”, “però” trasformato
in “xò”. Alcuni linguisti prevedono un repentino cambia-
I ragazzi di oggi potrebbero vivere senza il loro mento della lingua, che diventerà più abbreviata e me-
“cell”? no comprensibile. Questo virus non si limita però ad
“…La risposta arriva da una indagine effettuata sui gio- attaccare solo la lingua italiana. Purtroppo è impossibi-
vani di una scuola media, la maggior parte di essi ha di- le fermare questa malattia che ha contagiato anche il
chiarato: “No, non potrei vivere senza il mio cell.” mondo anglosassone, dove la parola “late” è diventata
Questa affermazione è confermata da alcuni dati statisti- “L8”, “hro” è il sinonimo di “how are you”, “please call”
ci che rilevano che in Italia il 54% dei bambini fra i 7 e gli me si trasforma in “pcm”…”
11 anni e il 98% degli adolescenti possiede un telefoni-
no.
Il preside di un istituto tecnico industriale di Livorno (nota Adesso diamo la parola ai più piccoli.
città della Toscana) ha dichiarato ad un giornale locale Costanza, Martina, Sara, Ester e Lorenzo della classe
che il cellulare è diventato talmente personale da essere 1° B (11 anni) scrivono.
definito come una specie di “carta di identità” e chiedere “…Il telefonino è il sogno di quasi tutti i ragazzi di oggi,
ad uno studente di andare a scuola senza cellulare sa- ma quanto valore viene dato a questo piccolo oggettino
rebbe come chiedergli di andare senza scarpe, in quan- che si tiene nel palmo della mano? Troppo, decisamen-
to, secondo lui, su 1400 studenti del suo istituto ci sono te troppo! Molto spesso il desiderio di possederlo è
1600 cellulari. condizionato dal gruppo di amici di cui si fa parte e
Essi squillano nel bel mezzo di una spiegazione o di un quasi non ce ne accorgiamo; è uno “status symbol” di
compito in classe, provocando le diverse reazioni dei tutti i ragazzi, dai più piccoli ai più grandi, e se non lo
professori: c’è chi dice di spengerlo e basta, chi fa la possiedi non sei “alla moda”.
predica, chi finge di non sentire, chi fa mettere tutti i tele- “…Il telefonino condiziona la vita di noi giovani e non è
fonini sul banco per sequestrare quelli accesi ed infine giusto farci condizionare da un insulso “mini-robot”
c’è la “visita” al preside. “…Io non lo utilizzo molto perché contatto i compagni di
Il Ministro della Pubblica Istruzione, Giuseppe Fioroni, ha scuola o altre persone che conosco attraverso il telefo-
rilanciato il divieto di portare i cellulari a scuola, perché no di casa. Solo rare volte invio SMS agli amici, non so
alcuni episodi di bullismo e di violenza avvenuti recente- scrivere velocemente, sono lenta e se per questo non
mente sono stati filmati e poi diffusi proprio con il telefo- sono “moderna”, per me non fa alcuna differenza”
nino.” “…Ritengo il cellulare utile, ma anche un oggetto
maledetto, perché riesce ad influenzare anche le feste
E i genitori, che cosa ne pensano? di compleanno: alcune ragazze, infatti, ad un certo pun-
“…Molti disapprovano questo divieto in quanto il cellula- to mostrano il loro nuovo cellulare, vantandone soprat-
re serve per avere sempre i figli sotto controllo. Inoltre, tutto l’eccessivo costo, poi si mettono a “spippolare”,
alcuni genitori troppo protettivi, convinti che i loro ragazzi inviandosi messaggini e autoescludendosi dalla fe-
non sbaglino mai, affermano che i loro figli sanno discer- sta”.
nere la realtà dal mondo virtuale.” “…Il peggior difetto del cellulare è la sua capacità di
tentarti, quando rispondi agli SMS degli amici nemme-
Ma questo è vero? no ti accorgi che le pagine scritte aumentano e che la
ricarica termina. Per inviare i messaggi noi ragazzi u-
“…Noi ragazzi riteniamo che non tutti sanno distinguere siamo un nuovo codice, basato sull’uso di simboli. I
la realtà dal mondo virtuale; infatti, nell’ultimo periodo, miei pensano che l’invenzione di un nuovo alfabeto ci
gli episodi di ragazzi picchiati e violentati dai loro coeta- porterà a diventare tutti analfabeti.
nei fanno pensare che il mondo virtuale abbia preso il
PAG 6 Fevrier 2007 Année I N. 1

Larciano
L’Istituto Comprensivo Ferrucci
Origine e storia della nostra scuola

L'Istituto Comprensivo "F. Ferrucci" nato nell'an-


no scolastico 1999/2000, con la verticalizzazione
delle scuole materna, elementare e media del
comune di Larciano, opera su un territorio caratte-
rizzato da una struttura socio-economica formata
di piccole imprese industriali e di artigianato, di
un'agricoltura specializzata anche nell'agriturismo,
con un diffuso benessere economico; negli ultimi
anni si osserva un'immigrazione dall'Italia meridio-
nale e di sempre più consistenti nuclei di stranieri
(europei ed extracomunitari).
Sul territorio sono presenti rilevanti associazioni
sportive, ma meno sviluppate sono quelle culturali,
è notevole il volontariato sociale oltre alle comunità
parrocchiali e un centro di ricerca ambientale. I ragazzi scolasticamente più deboli, o portati a una
scuola di indirizzo pratico, frequentavano la scuola
La Scuola Media Statale "Francesco Ferrucci", di avviamento professionale, che funzionava a
intitolata all'eroe di Gavinana, che fu podestà di Monsummano Terme e, più tardi, anche a Lampo-
Larciano, ha origini assai lontane nel tempo. Risale recchio. La scuola di Larciano era l'unica scuola
infatti al terzo decennio del secolo scorso, con media della Valdinievole Est. Alle spese di gestione
l'istituzione, da parte delle suore domenicane, di un si faceva fronte con i proventi delle modeste e
istituto magistrale inferiore privato, cui accedevano personalizzate tasse di iscrizione e di frequenza.
alunni e alunne della Valdinievole Est, da Monsum- Allorché le suore, molto benemerite, si trovarono
mano Terme a Vinci. L'istituto magistrale inferiore, nell'impossibilità di poterle sostenere, ne cedettero
della durata di quattro anni, si concludeva con un la gestione a un comitato civico, appositamente
esame di stato presso un istituto statale o legalmen- costituitosi. La scuola continuò a funzionare nei
te riconosciuto. Gli alunni della scuola di Larciano locali del convento, nell'edificio sito di fronte alla
erano soliti sostenere tale esame presso l'Istituto chiesa parrocchiale, finché, nel 1959, divenuta
Magistrale "Santa Marta" di Montopoli in Valdarno, statale e assunta l'attuale denominazione, fu trasfe-
legalmente riconosciuto, gestito da suore dello stes- rita nell'edificio che attualmente è sede della U.S.L.
so ordine di quelle di Larciano. Il titolo di studio con- Successivamente, nata con la legge 1659 del 1962,
seguito con il superamento di tale esame, oltreché la scuola media unificata e aumentato di molto, per
consentire di frequentare il successivo triennio su- effetto della scolarizzazione di massa, il numero
periore, dava accesso a non pochi impieghi, anche degli iscritti, fu necessario utilizzare anche alcuni
statali. Per effetto della riforma Bottai del 1939, che locali della canonica e quelli del seminterrato della
istituì la scuola media (al posto delle varie scuole scuola elementare. La tutt'altro che felice situazione
secondarie inferiori), cessò di funzionare l'istituto edilizia si protrasse fino all'anno scolastico 1982/83,
magistrale inferiore privato, sostituito dalla nuova quando ci si trasferì nell'attuale sede, un edificio
scuola, che ottenne subito il riconoscimento legale e ampio e funzionale, costruito secondo le vigenti
fu intitolata a Mons. Pio del Corona, un benemerito norme di edilizia scolastica e dotato, fra l'altro, di
frate domenicano, vescovo di San Miniato. Il bacino una serie di laboratori, di auditorium e palestra.
di utenza della scuola media era pressoché lo stes- Costruita per un organico di 12 classi, la scuola
so dell'istituto magistrale, ma il numero degli alunni funziona ora con 9 classi.
era sensibilmente aumentato, poiché, dopo il Dopo aver accorpato per cinque anni la Scuola
triennio di scuola media, si poteva accedere a ogni Media "Berni" di Lamporecchio, che ne era diventa-
tipo di scuola superiore. La scuola media, alla quale ta una sezione staccata, la Scuola Media "Ferrucci"
ci si iscriveva dopo aver superato un esame di fa ora parte, per effetto di una recente disposizione
ammissione, era selettiva; la più ostica delle discipli- ministeriale, dell'Istituto Comprensivo che raccoglie
ne di studio era il latino. Non erano pochi gli alunni le scuole materna, elementare e media del Comune
che non riuscivano a conseguire la licenza. di Larciano.
Fevrier 2007 Année I N. 1 PAG 7

Larciano
La mania del cellulare
Ci sono molti ragazzi che hanno la mania del cellulare - Circa l’80% degli C o m'e r a i l p r i mo c e l l ul a r e

e non riescono a controllarsi nel suo uso. alunni che hanno il


Poco tempo fa è arrivata la notizia di una ragazzina cellulare, lo hanno
che ha riportato delle lesioni al pollice per i troppi mes- preso nuovo mentre er a nuovo

saggi inviati. gli altri se lo sono passato da un

I “ telefonino- dipendenti” si riconoscono facilmente: fatto prestare da un f ami l i ar e

- Non abbandonano mai il cellulare; familiare (vedi grafi-


- Usano i messaggini come mezzo preferito di comuni- co 5).
cazione;
- Diventano ansiosi e nervosi se il cellulare si scarica; Questo cellulare insomma è un “compagno fedele”
- Se hanno il cellulare con la videocamera e fotografa- ma può diventare anche un’ossessione…Allora co-
no tutto; me facciamo a non diventarne dipendenti? Sempli-
- Hanno sempre il cellulare acceso, anche di notte; ce:
- Controllano continuamente il display per vedere se - Utilizziamo il cellulare solo quando serve!!!
sono arrivati sms o chiamate. - Quando siamo in casa usiamo di più il telefono
Proprio su questo argomento abbiamo fatto un son- fisso;
daggio nella no- - Quando non serve, tieniamolo spento, e se non ne
stra scuola e Hai il cellulare? possiamo proprio fare a meno tieniamolo accesso
abbiamo sco- per poco!!
perto che: In conclusione per far il migliore uso possibile del
- 187 ragazzi su no
cellulare la regola è usalo quando serve e non a-
191 intervistati si verlo sempre in mano.
hanno il cellula- Per scoprire se…..Sei telefonino dipendente ? ……
re (vedi grafico fai il nostro test!
1);
Invii messaggi:
a) sempre: è il tuo strumento di comunicazione
preferito
Ti po di c ell ul are b) quando è necessario
- Ben 63 ragazzi c) mai, ti annoia digitare sulla tastiera
70
hanno il cellulare
60

50
che fa foto e video Quando acquisti un nuovo cellulare fai
40
e 47 che video- caso:

30 chiama (vedi grafi- a) se è all’ultima moda


b) quali funzioni possiede
20 co 2); c) se è economico
10

0
normale con f oto conf oto e video videochiamante
Sei ad scuola ed il cellulare:
a) è sempre acceso ed a volume alto
b) è acceso, ma in modalità silenziosa
c) è spento, ma appena suona la ricreazione
A che età hai avuto il primo cellulare? lo accendi
- La maggioranza
ha preso il cellu- 100

lare tra gli otto e i 80


C’è una nuova promozione per attivare sms
gratis:
dieci anni di età e 60

40 a) la vuoi attivare subito


ne ha già cambia- 20
b) controlli bene se ti è utile
c) non ti interessa, spedisci pochi messaggi
ti 3 (vedi grafici 3 0

e 4); da 6 a 8 da 8 a 10

f asce di età
da 10 a 13

- Circa l’80% de- Il tuo numero di cellulare lo


gli alunni che possiede:
hanno il cellulare, N° di cellulari avuti
a) chiunque ti conosce
b) solo i tuoi amici
lo hanno preso c) esclusivamente mamma e papà
nuovo mentre gli 80

altri se lo sono fat- 60


Prevalenza di risposte A Prevalenza di risposte B Prevalenza di risposte C
to prestare da un 40
L’impallinato del cellulare Cellulare Sì, ma a piccole Cellulare ? che roba è ?
familiare (vedi gra- 20 Non puoi farne a meno. Deve essere sempre
dosi
Comprendi l’importanza della sua Non ami il cellulare: un pensiero ed un peso da
fico 5). 0 pronto all’uso e senza di lui ti senti perduto. funzione, ma non ti lasci conquistare. Sai portare sempre con te. Mandare sms ti annoia e
1cellulare 2 cellulari 3 cellulari 4 cellulari più di 4 Come evitare questo stress? Comincia a quando è il caso di tenerlo acceso e preferisci chiamare, ma per poco tempo. Il
celullari tenerlo spento per un po’. quando di spengerlo. Lo usi solo se è cellulare è per te un accessorio come tanti altri.
necessario. Bravo!
PAG 8 Fevrier 2007 Année I N. 1

Poussan
Le College Via Domitia Le Portable….
Il fait couler de l ‘encre… et de la salive !!! Que n’a
ton pas dit sur le téléphone portable.
Zap gazette a mené l’enquête sur le premier mo-
yen de communication des jeunes. Où en est on
en ce premier trimestre 2007 au Collège de Pous-
san ?
Dans le cadre du projet européen qui nous lie aux
collèges de Larciano et Lamporrecchio en Italie, de
Burela en Espagne et de d’Oradéa en Roumanie,
nous vous proposons : une enquête, un dico SMS,
un conte, des jeux, des dessins, des poésies… A
quelles sauces pourrait on encore manger le télé-
phone ?
Nicole Zanetti

« le téléphone portable »
l était une fois une petite fille
Le Collège de Poussan regroupe 740 élèves provenant
qui voulait rendre visite à son
de 4 communes (Poussan, Gigean, Montbazin, Balaruc
grand-père.
le vieux).
Mais elle ne pouvait plus aller le
Les élèves sont accuellis de 8h30 à 17h, du lundi au
voir depuis qu'il avait déménagé
vendredi pour assister à des cours dont les horaires
en Tunisie. Elle savait que son
varient selon l’age et les options entre 25 h et 32 h par
grand-père n'avait pas de télé-
semaine.
phone, mais en revanche il
La majorité des élèves déjeunent au restaurant scolaire,
possédait un perroquet voyageur.
cette « cantine » sert jusqu’à 650 repas, par jour, prépa-
Avec un sifflet, elle appela l'oiseau une
rés sur place.
première fois. Elle le chargea d'un mes-
Le Collège c’est une communié où vivent plus de 900
sage et lui demanda de l'enregistrer
personnes
pour son grand-père.
Les élèves : 740 Le perroquet effectua des allers-retours fréquents
de la 6° (11 ans)
pour transmettre les Six Mignons Secrets de
à la 3° (15 ans)
l'enfant.
Les Profe s- Un jour, alors que le perroquet faisait ses allers-
seurs : 60 envi- retours, en passant par la forêt, il se fit blesser par
ron
un chasseur.
Le personnel Ce chasseur était en fait le créateur du talkie-
Administratif et walkie, il connaissait bien le domaine de la
de Service : 10 communication. Il avait très envie de se faire
personnes
pardonner son acte maladroit et la peine qu'il avait
La vie scolaire : causée à la jeune fille.
10 personnes
Il bricola aussitôt le talkie-walkie de telle sorte qu'il
encadrées par un Conseiller d’Education
le transforma en petit boîtier sans fil permettant
L’Equipe de Direction et de Gestion : Principal, et d'appeler et de recevoir des communications
Principal adjoint, Gestionnaire et leurs services adminis-
orales ou écrites.
tratifs
Voilà pourquoi depuis ce jour-là, grâce à cette pe-
Et aussi : Une infirmière, un conseiller d’orientation psy- tite fille, nous pouvons envoyer nos SMS et
chologue, une assistante sociale…. Que nous partageons
appeler grâce au portable...
avec d’autres établissements du secteur et bien sur une
équipe technique qui s’occupe de l’entretien et du fonc-
tionnement de la « cantine ». Conte écrit par la classe de 6e3.
Fevrier 2007 Année I N. 1 PAG 9

Poussan
PAG 10 Fevrier 2007 Année I N. 1

Oradea
LICEO D’ARTE DI ORADEA BIHOR-ROMANIA
CHI SIAMO NOI? Nel 1961 viene creata la scuola Media di Musica ed Arti
Oradea (in italiano Platiche in uno spazio situato in Parcul Libertii. Nel 1963
Gran Varadino, in gli viene attribuito lo spazio attuale. Sempre dal 1963 la
ungherese Nagy- scuola organizza corsi ginnasiali e liceali di musica e belle
várad, in tedesco arti. Dal 1965 la scuola organizza anche corsi elementari.
Großwardein) è una Il liceo ha funzionato fino nel 1977, quando in tutto il
città della Romania, paese sopravvi-
nella provincia di vono soltanto 5
Bihor , in Transilva- licei artistici ; dal
nia. La città stessa 1977 fino 1990
ha una popolazione ci esistera` solo
di 206.527. una scuola gin-
Oradea è una tra le città più prospere della Romania. nasiale con pro-
Il liceo di arte di Oradea, Parc Petofi, 26, e’un’instituzione filo artistico. Nel
unica nella provincia di Bihor. 1990 il liceo
Il suo inizio avenne nel 1957, quando fu creata nella nostra e`stato riaperto
citta’ una Scuola di Musica, scuola che preparava I ragazzi e dal 2000, ac-
strettamente per la music. La nuova istituzione non aveva canto allo studio
una sede propria ed I professori erano strumentisti della della musica e
Filarmonica di oradea e scuola che preparava I ragazzi di belle arti e`
strettamente per la music. La nuova istituzione non aveva stato introdotto
una sede propria ed I professori erano strumentisti della anche il profilo
Filarmonica di oradea e professori della Scuola Popolare di di arhitecttura.
Arte.

Sezione arte plastica : Sezione musicale : Arte Plastiche, Arhitettura :


I Premio – Mot Anca III Premio – Mihaila Nicolae all’ Olim- Olimpiade Nazionale Premio I– Bolo-
III Premio al Concorso internazio- piade Nazionale di Musica- Suceava jan Daniel
nale « Europa » organizzato a Mier- Olimpiade Nazionale di Interpreta- II Premio – Ciobanenco Mihaela, Si-
curea Ciuc. zione Musicale – Satu Mare : laghi Vlad
Pauna Antonia II Premio – Varga Nazarius Menzioni : Gherman Mircea, Hanga
I Premio Matias Roxana, Marian Cor- III Premio – Bohus Debora, Olah Bo- Olivia, Moga Ilarion, Urdea Patricia.
nelia glarka
I Premio Morar Angela I Premio al Concorso Nazionale Co- Risultali alle olimpiadi per le disci-
II Premio Ciora Timea e Premio Spe- rale di Zalau pline di cultura generale:
ciale Heghedus Nora Olimpiade Nazionale di Musica-
I Premio ( Avramut Raluca, Pal Ta- Constanza I premio- Costin Simona Lingua italiana: II Premio –Dinita
nia, Mateias Livia, Gui Ovidiu, Berz- I Premio Olimpiade Nazionale- Ne- Diana, Crosman Vlad.
san Laszlo), II Premio ( Chirila grut Anca
Adrian, David Levente, Mateias livia, II Premio Concorso « J.S. Bach » - Lingua e letteratura romena: II Pre-
Farcas Adriana), III premio ( Novac Fodor Jozsef mio – Ionoi Peret Alexandra, Buboi
Raluca, rad Lavinia) al concorso in- I Premio Concorso « J.S. Bach » - Adina.
ternazionale di arte ‘N. Tonitza’ – Negrut Anca
Barlad.
Fevrier 2007 Année I N. 1 PAG 11

Oradea
1 x x x x x x x x C x x x x x
2 x x x x x x x x E x x x x x
3 x x L x x x x x x x x
4 L x x x x x x x
5 x x x x x x x U
6 x x x x x L x x x x x x x
7 x x x x x x x A x x x x x x
8 x x x x x x x x x x I x x x x
9 x x x x x x R x x x x x x

1. La radio a ete deconvert par l’inventeur italien ....


2. Dispositif pour capter les ondes ( electromagnetiques) .....
3. Dans l’annee 1876 a ete realise le premier appareil telephonique par .... ( Celuir qui a
realise le premier telephone est ... )
4. Pour les adolescents de nos jours ( d’aujourd’hui) le telephone mobil est ...
5. Le moyen principal de ... est le telephone mobil.
6. Le premier telephone mobil a ete realise par la firme ....
7. Pendant les classe on ne pent pas parler, mais on pent envoyer des ...
8. Le telephone .... ( fait du bruit )

Beep, beep...
Je cellulaire,ce dieu nondéclaré de nos jours,qui agit en régime de
thérapie intensive, en faissant augmenter l’adrénaline des posses-
seurs.La présence dans le cartable te fait penser à une bombe à
effet attardé dont l exlosion te fait cesser sans compassion les
pensées et arrive à se transformer dans le chronomètre de ton
agonie journalière qui s’appelle routine.Sur les rythmes printeniers
de Vivaldi ou plus agressifs de Florin Salam, il peut te détruire le
calm intérieur ou extérieur construit, illusoirement d’ailleurs, avec
tant de peine. Les cours et les classes à l’école seront terrorisés
néanmoins et détruits par cet ennemi (ou ami) qui s’insinue lente-
ment dans nos âmes et dans notre pensée. Il a dépasse de-
puis longtemps ses attributions de simple liant de la communica-
tion interhumaine,il arrive à se substituer perfidement au meilleur ami, aux parents,aux frères et devient le confi-
dent principal,témoin de la multitude de choses prononcées et surtout de celles nonprononcées, mais qui n’ant pas
dépassé le niveau de simple pensée.Il possède parfaitement l’art de t’apaiser la souffrance provoquée par la soli-
tude, en te soustrayant à tes propres idées en les détruisant systématiquement ; un message,un jeu plus ou moins
enfantin, une photo, la tienne ou des autras, un beep inocent possèdent la force de te rendre très heureux et je
crois que ni le meilleur psychologue ne le dépassera.Je finis ma courte dissertation en te souhaitant que le petit
instrument qui chatouille ton ouie, ne devienne plus qu`il est d’ailleurs :un moyen et pas un but .
Roxana Netea, 10B
Medias et education un défi pour
assimiler les informations et développer COLECTIVUL DE REDACTIE:
autoformation.
Prof. Ligia Cristea
Prof. Iuliana Pacurar
Prof. Minerva Toie
Telefon mobil (celular)
Téléphone portable Elevii:Alexandra Cioca 9C
Teléfono móvil Roxana Netea 10B
Telefono cellulare Jean Piloiu 10A
Emil Rengle 10A
PAG 12 Fevrier 2007 Année I N. 1

P.E.E. Socrates / Comenius act. 3 a.s. 2006/2007

Titre du projet :

M.E.D.I.A Medias et Education : un Défi pour assimiler les


Informations et développer l’AutoformationEducation aux
Medias pour une formation tout au long de la vie : les rôles
des médias dans la construction des savoirs.

ÉTABLISSEMENT COORDONNATEUR:

COLLEGE "VIADOMITIA" (Collègede Poussan) Personne decontact : ZANETTI NICOLE - professeur coordonnateur
BP11 (rue de la Salle) 4 avenue Georges Brassens
34560 Poussan 34560 Poussan
Languedoc France Languedoc France
Téléphone : 00 33 (0)4 67 78 20 13 Télécopieur : 00 33 (0)4 67 78 44 02 Téléphone : 00 33 (0)4 67 78 28 13
Ce.0340062h@ac-montpellier.fr nicole.zanetti@ac-montpellier.fr

ÉTABLISSEMENTS PARTENAIRES:

INSTITUTO DE BACHARELATO"MONTE CASTELO" Personne decontact : PAREDES PEREZ IRENE Professeur coordinateur
LOS MATOS S/N « El Cantino" 8
278080 - BURELA 278080 - BURELA
Galice Espagne Galice Espagne
Téléphone : 0034-(0)982-58.08.89 Télécopieur : 00 34-(0)982-58.09.38 Téléphone : 0034-(0)982-58.04.42
Ies.monte.castelo@edu.xunta.es www.i-montecastelo.com Télécopieur : 0034 98 25 86 938

LICEUL DE ARTA ORADEA Personne decontact : J ULIANA PACURAR Professeur coordinateur


Parc Petofi 26 Str Feleacului nr.2B
410160 Oradea 3700 - ORADEA
BIHOR ROUMANIE BIHOR
Téléphone :0040(0)359802305 Télécopieur : 0040.259.411.274 Roumanie
lartaoradea@yahoo.com Téléphone : 00 40 0359.410757
Lcatra.home.ro

ISTITUTO COMPRENSIVOSTATALE “FERRUCCI” Personne decontact : DISPERATI ADRIANO Professeur coordinateur


Via Puccini 197 Via Aldo Moro 27
51036 - Larciano
Toscana Italie 51010 - Uzzano
Téléphone : 00 39. 0573 83 83 34 Télécopieur : 00 39. 0573 83 83 34 Toscana Italie
Icferrucci2@virgilio.it http://ospitiweb.indire.it/~ptmm0001 Téléphone : 00 39. 0572 45 13 73
disperati.a@tiscali.it

ISTITUTO COMPRENSIVOLAMPORECCHIO Personne decontact : FERRALI GIULIANA Professeur coordinateur


Via AldoMoro 7 Via Firenze 29
51035 – Lamporecchio 51035 - Lamporecchio
Toscana Italie Toscana Italia
Téléphone : 0039.0573.80 34 72 Télécopieur : 0039.0573.80 34 73 Téléphone : 0039.0573.81252
iclampo@virgilio.it http://web.tiscalinet.it/smlamporecchio