Sei sulla pagina 1di 3

Societ Italiana di Biosistemica

VIIIMEETING dellEmilia Romagna - dedicato a Jerome Liss Le piccole cose importanti


SABATO POMERIGGIO 25 MAGGIO Whorkshop 18.00/20.00

25/ 26 maggio 2013

(SALA FLAMINIA) Gianluca Ansaloni, Federica Baracchini, Sabrina Vaccaro (P). Identit sessuale: slalom tra s, ruoli e pregiudizi. Affronteremo insieme le tematiche dell'identit sessuale e dei ruoli sociali connessi. Attraverso l'approccio biosistemico cercheremo di favorire un contatto e un collegamento tra queste tematiche e l'esperienza, il sentire e le credenze individuali. Faremo esperienza della complessa relazione tra categorie sociali di femminile e maschile e orientamento sessuale, esperienza del proprio corpo e della propria posizione psicologica. Come si costruisce un equilibrio personale tra queste diverse componenti? Come si possono quindi raggiungere una stabilit relazionale e un benessere psichico? Si tratta sempre di una formazione di compromesso tra le richieste della biologia, della cultura e della storia personale e riguarda le persone omosessuali come quelle eterosessuali.(Lingiardi). Obiettivo principale del workshop quello di stressare il concetto di tipizzazione di genere e di approfondire la comprensione di come costruiamo la nostra identit sessuale - omosessuale, eterosessuale, bisessuale, transessuale nel nostro contesto di vita (PLENARIA - TRITONE) Marcello Carpini (P). Dato che siamo in ballo... balliamo! Alla ricerca di una coerenza sistemica con la Ricerca. Ad ogni giovane o meno giovane professionista cui viene commissionato il prendersi cura dellaltro potr capitare di incorrer e nel dubbio di non essere sufficientemente adeguato, di sostegno o di smarrirsi: Star facendo abbastanza? Star andando nella direzione giusta? Mi sembra che non stiamo facendo progressi. La ricerca da Luborsky a Norcross passando per Dazzi, Colli e Lingiardi ci suggerisce per che tutto quello che dobbiamo fare imparare a non fare e imparare a far fare. Quello che infatti dovremmo imparare immergerci nella terapia come in un bagno di responsabile e consapevole umilt. Senza dimenticarci da dove arriviamo, ben radicati cio nel nostro sistema teorico esperienziale, dovremo entrare in acqua lasciando fuori a rimirarsi, come da migliore tradizione, il nostro narciso; tranquilli, potremo riprendercelo appena riemergeremo dal nostro bagno e torneremo ad indossare i nostri indumenti pi intimi.
1

(SALA NETTUNO) Franca Maria De Cicco (Insegnante Feldenkrais). Oltre le abitudini: consapevolezza corporea, funzionalit ed espressivit. Rendere presenti alla nostra consapevolezza le piccole, essenziali abitudini che di solito ignoriamo di avere e che comunque utilizziamo continuamente nello svolgimento delle nostre mansioni quotidiane: questo il primo passo, fondamentale per poterle oltrepassare e insieme per poter (ri)conoscere tutta la vasta gamma di potenzialit funzionali e comunicative di cui pu essere capace il nostro corpo-mente. Non si tratta di eliminare n di correggere le abitudini che in fondo, senza saperlo, ci hanno consentito di assolvere ai nostri compiti, rispondendo ai bisogni della vita quotidiana e professionale: il METODO FELDENKRAIS aiuta al contrario a portarle a consapevolezza per superarle agevolmente, mentre ci aiuta a ricostruire la condizione favorevole al ri-apprendimento dei movimenti basilari (riproponendo in una sorta di laboratorio la condizione dell'apprendimento organico proprio del neonato che gradatamente realizza gli schemi motori funzionali , consentendo cos poi di attuarli nella vita quotidiana quando siano utili, in modo fluido, senza sforzo, armonico, funzionale, espressivo...oltre le abitudini ! (SALA MARE) Alessandra Giovagnoli (P). Il doppio inganno: la fenomenologia dellabuso intrafamigliare. Stanno giocando a un gioco. Stanno giocando a non giocare a un gioco. Se mostro loro che li vedo giocare, infranger le regole e mi puniranno. Devo giocare al loro gioco, di non vedere che vedo il gioco. (Ronald David Laing da Nodi, 1974). Questo workshop nasce dal desiderio profondo di condividere la visione sintetica di una rappresentazione teatrale che mi rimasta nel cuore e nella mente da un anno a questa parte. Tale forma darte, a forte impatto emotivo in cui le immagini, la musica e lestetica diventano dramma e poesia insieme - ho sempre creduto alla stretta connessione tra arti e psicoterapia in quanto espressioni dellUmanit - ci consentir di entrare in un argomento indicibile, inenarrabile e paradossale come quello dellabuso sessuale intrafamigliare. Potremo contattare la ferita eterna ed insostenibile del minore abusato; il colore viola (linvischiamento, lambivalenza, la confusione tra ci che vero ma che non pu essere vero); la somatizzazione e la medicalizzazione del sintomo (il mal di testa); la temporalizzazione del quotidiano (lanticipazione/ripetitivit dellabuso); la disumanizzazione (lautoma), lisolamento (la torre antiatomica) e la dimensione del sogno/irrealt in cui vive la persona violata. Sar possibile guardare per vedere il doppio inganno: la maschera dellabusante, losservatore imparziale e silente (la madre), il rapporto invischiante abusante/abusato, e soprattutto, lESPROPRIAZIONE del CORPO. Ed infine potremo ascoltare la colonna sonora (la musique) dellevento traumatico ovvero il mal di vivere che accompagna tutta la vita. Alla visione del filmato/viaggio nel purgatorio, seguir un lavoro corporeo e la condivisione emotiva dellintera esperienza.
2

(SALA SIRENE) Maria Carla Tabanelli (P). Io risalgo. La resilienza, una piccola grande risorsa. Quando la vita rovescia la nostra barca, alcuni affogano, altri lottano strenuamente per salirvi sopra. Gli antichi connotavano il gesto di tentare di risalire sulle imbarcazioni rovesciate con il verbo resalio. La resilienza indica un aspetto fondamentale per tutti gli esseri umani: la capacit di fronteggiare situazioni di crisi attivando energie e risorse al fine di proseguire lungo una traiettoria di crescita e di salute, cercando di resistere agli urti della vita, senza spezzarsi o incrinarsi, mantenendo e potenziando le proprie risorse. Come le altre abilit, la resilienza pu essere acquisita attraverso un processo di apprendimento che pu essere sostenuto e incoraggiato. Questo workshop ha lobiettivo di sviluppare la resilienza tramite un viaggio che cercher di riorganizzare il proprio percorso di vita attraverso un processo di apprendimento e di crescita dellesperienza soggettiva del proprio passato, del proprio presente e del proprio futuro. (SALA DEDALO) Salvatore Battaglia (P). Vivere in armonia con se stessi e con gli altri. E un percorso volto ad approfondire e condividere i propri stati danimo ed emozioni con il desiderio e la volont di mettersi in gioco. Il lavoro si svolger seguendo londa energetica con i due elementi del nostro S.N.A. (Sistema nervoso autonomo), il SIMPATIC O e il PARASIMPATICO, opportunamente stimolati e vedr momenti di attivit col gruppo e in coppia. Ci saranno giocose attivazioni accompagnate da musica e momenti di riflessione e di scambio. Verranno richiamate brevemente alcune nozioni relative ai vari stadi del processo terapeutico Biosistemico partendo dalla premessa indispensabile dellempatia e invitando a fare riferimento a questi nel lavoro a coppie. Si effettuer in chiusura un rilassamento con visualizzazione guidata, mettendo in evidenza come le tecniche di attivazione e di rilassamento favoriscono lo scioglimento dei blocchi dovuti allo STRESS e il nostro benessere psicofisico. (SALA ATLANTIDE) Riccardo Musacchi (P). Limitless. Lesplorazione dei limiti nella vita e nella psicoterapia. C sicuramente un concetto estremamente ampio e reale con cui lessere umano nella vita deve fare i conti innumerevoli volte: il limite. Ci sono tanti tipi di limiti: di tempo, di spazio, di possibilit, del nostro corpo, della nostra mente. Anche le nostre emozioni hanno un limite o perlomeno, hanno anche bisogno di un limite. Nel nostro quotidiano ci si trova talvolta a sognare di infrangere i limiti, di diventare persone senza limiti, come il personaggio del film Limitless. Ma quali sono i veri limiti nelle nostre vite? Come ci relazioniamo ad essi? Che sensazioni crea stare davanti a un limite? In questo workshop esploriamo e sperimentiamo assieme come possiamo spostare un po pi in l alcuni limiti come quelli autoimposti (i peggiori) e come possiamo imparare a rispettare i nostri personali limiti naturali. E imparare anche ad amarli. C= Counselor P= Psicologo o Psicoterapeuta
3