Sei sulla pagina 1di 4

Alan,saad,damiano,malek Bibite gassate

Alimenti Prezzo al L. Coloranti Addensanti Regolatori di acidit Altri additivi


Ingredienti

Pompelmo 0.68
ACESULFAME K

Coca Cola 1.18


E 150 D

Fanta 1.00
NO

Sprite 1.78
NO

Gassosa 1.50
E 952,E 950,E 955

NO ACIDO CITRICO

NO
ACIDO FOSFORICO

NO
ACIDO CITRICO

NO
ACIDO CITRICO

NO
ACIDO CITRICO, ACID

ACIDO ASCORBICO GOMMA DI ACACIA

NO
ACQUA,ZUCC HERO,ANIDRI DE CARBONICA, COLORANTE, ACIDO FOSFORICO, AROMI NATURALI

GOMMA DI ACACIA ACIDO ASCORBICO

CITRATO TRISODICO

SODIO CITRATO ACIDO ASCORBICO

ACQUA,SUCC O DI POMPELMO, AROMI,ACID O CITRICO,ACI DO ASCORFBICO ,ACESULFAM E K,GOMA D' ACACIA

ACQUA,SUCC O D'ARANCIA,Z UCCHERO,AN IDRIDE CARBONICA, ACIDO CITRICO,ARO MI,GOMMA D'ACACIA,AC IDO ASCORBICO

ACQUA,ZUCH ERO,ANIDRID E CARBONICA, ACIDO CITRICO AROMI,CITRA TO SODICO

ACQUA,ANID RIDE CARBONICA, ACIDO CITRICO,ARO MI,COLORAN TI,SALE,SODI O CITRATO,ACI DO ASCORBICO

adittivi:effetti sulla salute,nomi specifici formule chimiche


acelsufame L'acesulfame K un edulcorante artificiale, chiamato anche acesulfame potassico (K il simbolo delpotassio). conosciuto anche come E950. L'acesulfame K, un sale di potassio, stato scoperto casualmente nel 1967 dal chimico tedesco Karl Clauss, della compagnia Hoechst AG (oggi Nutrinova).[2]. Ha un potere dolcificante pari a 200 volte quello del saccarosio, uguale a quello dell'aspartame e pari a met di quello della saccarina. Allo stesso modo della saccarina per ha un retrogusto amaro.

Spesso l'acesulfame K utilizzato insieme ad altri edulcoranti, solitamente il sucralosio e l'aspartame. A differenza dell'aspartame, l'acesulfame potassico resistente al calore, anche in ambienti moderatamente acidi o basici, il che lo rende particolarmente adatto per prodotti di pasticceria o a lunga conservazione, oltre che nelle bibite gassate. Come per gli altri additivi alimentari, l'acesulfame K stato criticato per la possibile nocivit, bench gli studi effettuati dimostrino il contrario. Ulteriori obiezioni riguardanti il potenziale effetto cancerogeno e la ricerca poco approfondita sulle conseguenze nocive del prodotto sono state smentite sia dalla Food and Drug Administration.[3] sia dalla Scientific Committee on Food dell'Unione Europea[4]

L' acido citrico (nome IUPAC acido 3-carbossi-3-idrossi-1,5-pentandioico), una sostanza solida, incolore, solubile in acqua. L'acido citrico uno degli acidi pi diffusi negli organismi vegetali ed un prodotto metabolico di tutti quelli aerobici. Il succo di limone ne contiene il 5-7% e l'arancia l'1% circa, ma presente anche in quasi tutta la frutta, nei legni, nei funghi, nel tabacco, nel vino e persino nel latte. L'acido citrico si ricavava, originariamente, dal succo di limone (Citrus) attraverso un complesso processo con soluzione di ammoniaca, cloruro di calcio e acido solforico. Da questa fonte venne isolato per cristallizzazione per la prima volta nel 1784 da Carl Wilhelm Scheele. Attualmente viene prodotto attraverso fermentazioni su scala industriale utilizzando funghi (es. Aspergillus niger) o lieviti in bioreattori ad ambiente a basso pH (acidulato) e bassa concentrazione di ferro; a tale scopo si utilizzano chelanti degli ioni ferro come l'EDTA. In questo modo il ciclo di Krebs viene interrotto all'acido citrico il quale pu essere estratto dalla cellula e purificarne. ACIDO FOSFORICO I composti del fosforo sono molto utilizzati come acidificanti e correttori dell'acidit degli alimenti ai quali vengono aggiunti. Questi composti, cio l'acido fosforico e i suoi sali, possono essere addizionati alle bevande analcoliche gassate e ad altri prodotti.Bisogna cercare di non consumare un eccesso di fosforo, perch un consumo troppo elevato potrebbe provocare una carenza di calcio, e nei bambini soprattutto, ci aumenta il rischio di rachitismo (osteoporosi negli adulti). L'acido fosforico o acido ortofosforico un composto inorganico presente normalmente in molti frutti e in molte verdure. Il prodotto usato commercialmente dalle industrie per ottenuto dal fosfato, estratto dalle miniere statunitensi. L'acido fosforico un antiossidante, un correttore di acidit ed un agente chelante (cio un composto usato per legare ioni di metallo). Pu essere addizionato a diversi prodotti: utilizzato, soprattutto, nelle bevande gassate (per esempio la cola), nei cibi surgelati, nelle salse, nelle carni e nei prodotti a base di formaggio. Non sono stati riscontrati, al momento, effetti collaterali negativi rilevanti alle dosi normali, ma bene limitare il consumo dei fosfati e dei loro sali al fine di evitare un deficit di calcio. DOSE ADI:70 mg per kg di peso corporeo.

Acido ascorbico La vitamina C importante per il corretto funzionamento del sistema immunitario e la sintesi di collagene nell'organismo. Il collagene rinforza i vasi sanguigni, la pelle, i muscoli e le ossa. L'uomo non pu creare collagene senza la vitamina C. Sembra che la vitamina C abbia un ruolo importante, soprattutto in reazioni di ossidoriduzione catalizzate da ossigenasi, e svolga un'azione antistaminica. Tra i processi pi noti in cui la vitamina dovrebbe intervenire si ricordano: idrossilazione della lisina e della prolina ad opera della prolina idrossilasi e della lisina idrossilasi, reazioni importanti per la maturazione del collagene, idrossilazione della dopamina per formare la noradrenalina, sintesi della carnitina, catabolismo della tirosina, amidazione di alcuni peptidi con azione ormonale, sintesi degli acidi biliari, sintesi degli ormoni steroidei per intervento durante le reazioni di idrossilazione, riduzione dell'acido folico per formare la forma coenzimatica, aumento dell'assorbimento di ferro per riduzione del Fe (III) a Fe (II) azione di rigenerazione della vitamina E per cessione di un elettrone al radicale -tocoferossilico.

Sembra, inoltre, che la vitamina C possa diminuire la formazione di nitrosammine intestinali e ridurre vari composti ossidanti (il radicale superossido, l'acido ipocloroso e i radicali idrossilici). Gomma di acaica La gomma arabica una gomma naturale nota anche come gomma di acacia in quanto estratta da due specie di acacia subsahariana: Acacia senegal e Acacia seyal. Come quasi tutte le gomme e le resine di origine vegetale, prodotta dalla pianta in seguito a un processo naturale di "gommosi" che si attiva spontaneamente per rimarginare un vulnus (ferita) alla propria integrit superficiale. un eccipiente (E414) utilizzato soprattutto nell'industria alimentare come "stabilizzatore", ma ha anche funzioni di controllo delle viscosit in certi inchiostri. La gomma arabica una miscela complessa di polisaccaridi (P .M. 250.000-300.000) e glicoproteine che le conferiscono una delle sue propriet pi importanti: la completa edibilit (commestibilit). composta da diversi componenti: arabinosio D-galattopiranosio ramnopiranosio acido D-glucoronico

Calcio Magnesio Potassio Sodio mucillagini

Essendo un antidiarroico mucillaginoso e un emolliente, l'industria farmaceutica e cosmetica usano la gomma arabica non solo come eccipiente, ma anche per la cura di alcuni disturbi come ad esempio la dissenteria o alcune enteriti, oppure nelle creme per la pelle. Sostituita da altre sostanze nei casi in cui la tossicit non costituisce un problema, rimane ancora un ingrediente importante nei soft drink e nelle caramelle gommose per la sua caratteristica propriet di impedire la cristallizzazione degli zuccheri. La sostanza utilizzata anche dai pittori come legante tradizionale per i colori e se ne trova traccia persino nel lucido da scarpe. Infine, sotto forma di una piccola striscia adesiva da inumidire con la saliva, il collante presente in uno dei lati delle cartine da sigaretta. In commercio la gomma arabica si distingue secondo la sua provenienza: Gomme del Nilo, della Somalia, del Senegal (il maggior produttore), del Marocco, dell'Australia ecc. Citrato di sodio Il citrato di sodio usato come additivo alimentare, col numero E331, sia per dare il gusto acidulo che come conservante. frequente il suo utilizzo in bevande gassate e in energy drinks. utilizzato per controllare lacidit in dessert gelatinosi, e pu essere presente nei mini-contenitori di latte da aggiungere ai caff. Come antiacido presente in preparazioni da sciogliere in acqua, come l'Alka-Seltzer. Coloranti Un colorante una sostanza in grado di conferire un particolare colore ad un determinato substrato. L'effetto fisico del colore per queste sostanze perlopi dovuto al fenomeno dellatrasmittanza e dell'assorbimento di determinate lunghezze d'onda della luce visibile. La struttura molecolare responsabile del colore detta cromoforo