Sei sulla pagina 1di 171

UNIVERSIT

`
A DEGLI STUDI DI MILANO
Corsi di laurea in Matematica
e in Matematica per le applicazioni
LEZIONI DI ALGEBRA
di V. ZAMBELLI
anno accademico 2007/08
1
Questi appunti riportano lo schema delle lezioni dei Corsi di Algebra I e Algebra II tenuti per i Corsi di
laurea in Matematica e in Matematica per le applicazioni.
Lo studente pu`o essere guidato da essi nella lettura di testi di Algebra in cui gli stessi (e altri) argomenti
sono trattati in modo pi` u approfondito: ad esempio
P.M.Cohn, Classic Algebra, 2000 John Wiley
M.Curzio, P.Longobardi, M.Maj, Lezioni di algebra, 1994 Liguori
E.Marchionna, C.Marchionna Tibiletti, Lezioni di algebra, Masson
S.Franciosi, F.de Giovanni, Lezioni di Algebra, 1992 Aracne
P.Quattrocchi, G.Rinaldi, Algebra, 1995 Zanichelli
Lo studente pu`o trovare utile e interessante la consultazione di testi quali
P.M.Cohn, Algebra Vol.I, 1981; Vol.II, 1989 John Wiley
M.Artin, Algebra, 1997 Bollati Boringhieri
L.Childs, Algebra: unintroduzione concreta, 1989 ETS Editrice
R.B.J.T.Allenby, Rings, Fields and Groups, 1982 Edward Arnold
Ogni capitolo si conclude con una serie di TEMI. Per buona parte di essi viene dato qualche suggerimen-
to per la risoluzione anche richiamando Proposizioni ed Esercizi che possono talvolta essere applicati
direttamente, talaltra suggerire un procedimento.
Raccolte di esercizi si trovano anche in
M.Curzio, P.Longobardi, M.Maj, Esercizi di Algebra, 1994 Liguori
C.Marchionna Tibiletti, V.Zambelli, Esercizi di Algebra, 1993 Masson
S.Franciosi, F.de Giovanni, Esercizi di Algebra, 1992 Aracne
R.Ciampi Procesi, R.Rota, Algebra moderna, Esercizi, 1992 ed.Veschi
A.Ragusa, C.Sparacino, Esercizi di Algebra, 1992 Zanichelli
2
INDICE
I. Numeri interi; divisibilit`a e fattorizzazione.
1. 1. I numeri interi e i numeri naturali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
2. 1. Principio di induzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3. 1. Divisibilit`a.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4. 1. Numeri primi, teorema di fattorizzazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
II. Relazioni di equivalenza e relazioni dordine.
1. 1. Relazioni fra insiemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2. 1. Relazioni di equivalenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2. Congruenze aritmetiche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
3. 1. Relazioni dordine. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
2. Reticoli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
III. Applicazioni, prodotto di applicazioni.
1. 1. Applicazioni fra insiemi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
2. Prodotto di applicazioni.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
IV. Strutture algebriche: semigruppi, gruppi, anelli, moduli, algebre, reticoli.
Sottostrutture di una struttura algebrica.
1. 1. Operazioni e leggi di composizione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2. 1. Propriet`a associativa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2. Semigruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
3. Sottosemigruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3. 1. Elemento neutro.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2. Monoidi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4. 1. Elemento inverso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2. Gruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
3. Sottogruppi di un gruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
5. 1. Propriet`a distributiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2. Anelli, corpi, campi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3. Sottoanelli, sottocorpi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
4. Lanello (Z
n
; +, ). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
5. Anelli di polinomi. Lanello K[x]: divisibilit`a e fattorizzazione. Radici. . . . . . . 35
6. Domini a fattorizzazione unica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
6. 1. Moduli su un anello; spazi vettoriali. Algebre. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
2. Sottomoduli di un A-modulo. Sottoalgebre di una A-algebra. . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3. Ideali destri e sinistri di un anello. Ideali di una A-algebra. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
7. 1. Reticoli come strutture algebriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
2. Reticoli e anelli di Boole. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3. Sottoreticoli di un reticolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4. Il reticolo delle sottostrutture. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
8. 1. Isomorsmo. Automorsmi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
9. 1. Prodotto cartesiano di strutture algebriche. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
3
V. Sottostruttura generata da una parte di una struttura algebrica.
1. 1. Sottosemigruppo generato da una parte di un semigruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
2. 1. Sottogruppo generato da una parte di un gruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2. Gruppi ciclici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
3. Prodotto di due sottogruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3. 1. Sottoanello generato da una parte di un anello.
Sottoanello fondamentale in un anello dotato di unit`a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2. Caratteristica in un anello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
3. Sottocorpo generato da una parte di un corpo.
Sottocorpo minimo.
Campo dei quozienti di un dominio dintegrit`a in un corpo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4. 1. Sottomodulo generato da una parte di un A-modulo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
2. Ideali nitamente generati e ideali principali in un anello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
3. Domini ad ideali principali. Domini euclidei. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
VI. Quoziente di una struttura algebrica rispetto ad una congruenza.
1. 1. Congruenza in una struttura algebrica.
Struttura quoziente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
2. Gli anelli (Z, +, ) e (Q; +, ) come strutture quoziente.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
3. Immersione di un dominio di integrit`a in un campo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
2. 1. Laterali di un sottogruppo in un gruppo.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2. Teorema di Lagrange. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
3. Sottogruppo normale. Gruppo quoziente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
3. 1. Ideali di un anello. Anello quoziente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
2. Ideali e anelli quoziente di K[x]. Campi di Galois. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
4. 1. A-modulo quoziente. A-algebra quoziente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
VII. Omomorsmo fra strutture algebriche.
1. 1. Omomorsmo fra gruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
2. 1. Omomorsmo fra anelli. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
2. Ideali massimali, ideali primi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3. 1. Omomorsmo di A-moduli e di algebre. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
VIII. Prodotto diretto, somma diretta.
1. 1. Prodotto diretto di sottogruppi.
Teorema di decomposizione per gruppi abeliani niti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
2. 1. Somma diretta di ideali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
3. 1. Somma diretta di A-sottomoduli e di ideali di unalgebra. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
IX. Elementi di teoria dei campi.
1. 1. Estensioni di campi.
Chiusura algebrica di un campo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
2. Estensione semplice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
2. 1. Campo di spezzamento di un polinomio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
2. Campi niti.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
4
I. NUMERI INTERI;
DIVISIBILIT
`
A E FATTORIZZAZIONE
1.1. I numeri interi e i numeri naturali.
Indicheremo con Z linsieme 0, 1, 2, . . . dei numeri interi (relativi), con N linsieme
1, 2, . . . dei numeri naturali e con N
0
linsieme N 0.
Linsieme dei numeri naturali verr`a identicato con linsieme dei numeri interi positivi.
(cfr. IV, 8.1)
In Z sono state introdotte le operazioni di addizione e moltiplicazione che godono delle
seguenti propriet`a:
1. laddizione e la moltiplicazione sono associative , ovvero per ogni a, b, c Z si ha
(a +b) +c = a + (b +c)
(a b) c = a (b c);
2. laddizione e la moltiplicazione sono commutative, ovvero per ogni a, b Z si ha
a +b = b +a
a b = b a;
3. la moltiplicazione `e distributiva rispetto alladdizione, ovvero per ogni a, b, c Z si ha
a (b +c) = a b +a c;
4. i numeri 0 e 1 sono tali che a + 0 = a e a 1 = a per ogni a Z;
5. per ogni a Z esiste a Z tale che a + (a) = 0;
6. per ogni a, b Z con a ,= 0 e b ,= 0 `e a b ,= 0;
7. per a, b, c Z con c ,= 0 luguaglianza a c = b c implica a = b;
8. per a, b Z `e a b = 1 se e solo se a = b = 1 o a = b = 1;
9. per a, b, c, d Z se a b e c d, allora a +c b +d;
10. per a, b, c Z se a b e c > 0, allora a c b c.
2.1. Principio di induzione.
PRINCIPIO DI INDUZIONE A]. Sia S un sottoinsieme di N
0
tale che 0 S e tale che,
se n S, anche n + 1 S; allora S = N
0
.
Altre formulazioni del Principio di Induzione, equivalenti alla A], sono le seguenti:
PRINCIPIO DI INDUZIONE B]. Sia S `e un sottoinsieme di N
0
tale che 0 S e tale che,
se m S per ogni m n, anche n + 1 S; allora S = N
0
.
PRINCIPIO DI INDUZIONE C] Sia S un sottoinsieme di N
0
che soddisfa alle seguenti
condizioni: i) esiste n
o
N
0
tale che n
o
S, ii) se per ogni intero m tale che n
o
m n `e
m S, anche n +1 S. Allora appartengono ad S tutti gli interi maggiori o uguali ad n
o
.
Se T(n) `e un enunciato in cui interviene un intero positivo n, lenunciato pu`o essere
dimostrato vero per ogni n (se lo `e!) facendo induzione su n, ovvero considerando
linsieme S degli interi positivi per i quali T(n) `e vero.
5
In alcuni casi pu`o esistere un intero positivo n
o
tale che lenunciato T(n) perde signicato
o `e falso per n < n
o
; si applicher`a il Principio di Induzione nella forma C].
Il principio di Induzione `e equivalente anche al
PRINCIPIO DEL MINIMO. Ogni sottoinsieme non vuoto di N
0
ammette elemento
minimo.
3.1. Algoritmo della divisione.
Teorema 3.1.1. Dati a, b Z con b > 0, esistono e sono univocamente determinati q, r Z
tali che
a = bq +r e 0 r < b
(q e r vengono detti rispettivamente quoziente e resto della divisione fra a e b.)
Per a 0 si prova la tesi facendo induzione su a.
Se a < 0, posto a = bq +r con 0 r < b, si ha a = b(q) per r = 0 e a = b(q 1) +(br)
con 0 b r < b per r ,= 0.
Corollario 3.1.2. Dati a, b Z con b ,= 0, esistono e sono univocamente determinati
q, r Z tali che
a = b q + r e 0 r < [b[
(dove [b[ indica il valore assoluto di b).
Esistono q, r Z tali che a = [b[q +r con 0 r < [b[; se b < 0, a = b(q) +r.
Denizione. Dati a, b Z, diciamo che a divide b (e scriviamo a[b) se e solo se esiste
c Z tale che b = ac.
Denizione. Dati a, b Z, si dice che un intero d Z `e massimo comun divisore di a
e b (brevemente: d `e M.C.D.(a, b)) se e solo se
1) d[a e d[b,
2) se c Z e c[a, c[b, allora c[d
Teorema 3.1.3. Siano a, b Z.
I] Esiste M.C.D.(a, b) (che si pu`o determinare con lalgoritmo delle divisioni successive
se a e b non sono nulli);
II] se d `e M.C.D.(a, b), anche e soltanto d `e M.C.D.(a, b);
III] se d `e M.C.D.(a, b), esistono x, y Z tali che d = ax +by.
I] Se b = 0, a `e M.C.D.(a, b).
Sia b ,= 0; esistono q
0
, r
0
Z tali che a = bq
0
+r
0
con 0 r
0
< [b[.
Se r
0
= 0, b `e M.C.D.(a, b). Se r
0
,= 0, esistono q
1
, r
1
Z tali che b = r
0
q
1
+ r
1
con
0 r
1
< r
0
.
Se r
1
,= 0, esistono q
2
, r
2
Z tali che r
0
= r
1
q
2
+r
2
con 0 r
2
< r
1
.
Si procede cos` con divisioni successive
r
i1
= r
i
q
i+1
+r
i+1
con 0 r
i+1
< r
i
.
Esiste un intero n tale che r
n+1
= 0; si verica che r
n
`e M.C.D.(a, b).
II] Se d
t
`e M.C.D.(a, b), d e d
t
si dividono a vicenda. Da d = kd
t
e d
t
= hd segue d = khd;
se d ,= 0, `e hk = 1 e quindi h = k = 1.
III] Per induzione su i si prova che esistono x
i
, y
i
Z tali che r
i
= ax
i
+by
i
; essendo d = r
n
,
si ha la tesi.
Denizione. Due interi a, b Z0 vengono detti primi fra loro o coprimi se ammet-
tono come divisori comuni solo +1 e -1 (ovvero se 1 `e M.C.D.(a, b)).
Teorema 3.1.4. Due interi a, b Z0 sono coprimi se e solo se esistono x.y Z tali che
1 = xa +yb. (Identit`a di Bezout).
Se a e b sono coprimi, la tesi segue da III] del Teorema 3.1.3.
Viceversa, se 1 = ax+by e se d `e M.C.D.(a, b), allora a = a
t
d, b = b
t
d e quindi 1 = (a
t
x+b
t
y)d;
ne segue d = 1.
6
Esercizio 1. Siano a, b
1
, b
2
Z0; se a divide il prodotto b
1
b
2
e a `e primo con b
1
, allora a divide b
2
.
Esercizio 2. Siano a, b
1
, b
2
, . . . , b
n
Z0; a `e primo con ogni b
i
per i = 1, 2, . . . , n se e solo se a `e
primo con il prodotto b
1
b
2
. . . b
n
. (Induzione su n)
Esercizio 3. Siano a
1
, a
2
, . . . , a
n
Z0 divisori di un intero b a due a due coprimi; allora anche il
prodotto a
1
a
2
a
n
`e un divisore di b. (Per lesercizio precedente basta dimostrare la tesi per n = 2).
4.1 Numeri primi, teorema di fattorizzazione
Denizione. Numero primo `e ogni numero naturale p, maggiore di 1, i cui divisori
in N sono solo 1 e p.
Se p `e un numero primo ed a un numero naturale, maggiore di 1, p `e primo con a se e
solo se p non divide a.
Tenendo presente lEsercizio 1 in 3.1 si deduce che
Teorema 4.1.1. Sia n un numero naturale, maggiore di 1; n `e primo se e solo se, ogni
qualvolta n divide un prodotto a
1
a
2
a
r
con a
i
N, n divide almeno uno dei fattori a
i
.
Si faccia induzione su r.
Teorema 4.1.2. Ogni numero naturale a N, maggiore di 1, `e primo o pu`o essere
scritto come prodotto di numeri primi; tale scrittura `e unica a meno dellordine in cui
si scrivono i fattori.
Si faccia induzione su a; la tesi `e vera per a = 2. Sia a > 2; se a non `e primo, sar`a a = bc
con 1 < b < a, 1 < c < a. Per induzione b e c sono primi o prodotto di primi e quindi a `e
prodotto di primi.
Sia a = p
1
p
2
p
n
= p
t
1
p
t
2
p
t
m
con p
i
, p
t
j
primi per ogni i, j. Poiche p
1
divide il prodotto
p
t
1
p
t
2
p
t
m
, p
1
divide almeno uno dei fattori p
t
j
; possiamo supporre che p
1
divida p
t
1
. Essendo
p
t
1
primo, `e p
1
= p
t
1
e quindi p
2
p
n
= p
t
2
p
t
m
. Per induzione segue n = m e, cambiando
eventualmente lordine dei fattori, p
i
= p
t
i
per i = 1, 2, . . . , n.
Corollario 4.1.3.(Euclide) Esistono inniti numeri primi.
Per assurdo supponiamo che linsieme T dei numeri primi sia nito; sia T=p
1
, p
2
, . . . , p
n
.
Posto a = p
1
p
2
p
n
+ 1, a non `e divisibile per alcun p
i
e questo `e assurdo per il Teorema
4.1.2.
Esercizio 1. Si mostri che esistono inniti numeri primi del tipo 4n 1 con n N. (Si osservi che il
prodotto di due numeri interi del tipo 4n + 1 `e un numero dello stesso tipo e che ogni numero primo,
diverso da 2, `e del tipo 4n + 1 o 4n 1.)
Esercizio 2. Si mostri che esistono inniti numeri primi del tipo 6n 1 con n N.
Dal Teorema 4.1.2 si deduce un teorema di fattorizzazione per gli interi relativi.
Denizione. Intero primo `e ogni numero intero del tipo +p o p, dove p `e un numero
naturale primo.
Teorema 4.1.4. Ogni numero intero a, diverso da 0, +1, 1, `e primo o pu`o essere scritto
come prodotto di interi primi. Se a = p
1
p
r
= q
1
q
s
con p
1
, . . . , p
r
, q
1
, . . . , q
s
interi primi,
allora `e r = s e, cambiando eventualmente lordine dei fattori, p
i
= q
i
o p
i
= q
i
per ogni
i = 1, . . . , r.
7
II. RELAZIONI DI EQUIVALENZA
E RELAZIONI DORDINE
1
1. Relazioni fra insiemi.
Denizione. Una relazione (o corrispondenza) da un insieme S ad un insieme T `e
un qualunque sottoinsieme del prodotto cartesiano S T.
Per indicare che (s, t) (con s S, t T) si usa spesso anche la notazione s t e si dice
che la relazione associa allelemento s di S lelemento t di T.
Particolari relazioni sono la relazione vuota e la relazione totale.
Esempi.
1. Siano S linsieme dei punti e T linsieme delle rette di un piano; sia la relazione che
associa ad un punto s S una retta t T se e solo se s appartiene a t. Ad ogni elemento
di S sono associati dalla pi` u elementi di T e ogni elemento di T `e associato dalla a
pi` u elementi di S.
2. Sia la relazione denita da N a N ponendo per n, m N
n m se e solo se m divide propriamente n
Ne ad 1 ne ad alcun numero primo `e associato dalla un elemento di N; per ogni
elemento n N con n ,= 1 esiste qualche m N tale che mn, ad esempio m = 2n.
Se in particolare linsieme T coincide con linsieme S, si parler`a di relazione in S.
Una relazione in un insieme S pu`o godere di alcune notevoli propriet`a:
riessiva: s s per ogni s S;
simmetrica: per s, t S se s t, allora t s;
transitiva: per s, t, v S se s t e t v, allora s v;
antisimmetrica: per s, t S se s t e t s, allora s = t.
Osservazioni.
1. Una relazione in un insieme S `e simmetrica e antisimmetrica se e solo se essa si
riduce alla relazione identica su un sottoinsieme T di S: precisamente T = x S [ esiste
y S tale che x y.
2. Sia una relazione simmetrica e transitiva; `e riessiva se e solo se per ogni s S
esiste t S tale che st.
3. Una relazione in S pu`o non godere di alcuna delle quattro propriet`a sopra citate.
Ad esempio in S = a, b, c si consideri la relazione denita dal seguente sottoinsieme di
S S:
(a, a), (a, b), (b, a), (a, c)
Esercizio 1. Nellinsieme S = a, b, c si deniscano relazioni che godono di una o pi u delle quattro
propriet`a sopra citate, ma non delle altre.
8
2
2.1. Relazioni di equivalenza.
Denizione. Ogni relazione in un insieme (non vuoto) S, che gode delle propriet`a
riessiva, simmetrica e transitiva, viene detta relazione di equivalenza in S.
Esempi.
1. La relazione identica e la relazione totale in un insieme S sono relazioni di equivalen-
za.
2. Nellinsieme delle rette del piano (o dello spazio) la relazione che associa ad una retta
s una retta t se e solo se t coincide con s o `e parallela ad s, `e di equivalenza.
La relazione che associa ad una retta s una retta t se e solo se t coincide con s o `e
incidente ad s, `e di equivalenza?
3. Nel prodotto cartesiano N
0
N
0
`e equivalenza la relazione denita da
(m, n) (r, s) se e solo se m+s = r +n
per m, n, r, s N
0
.
4. Nel prodotto cartesiano Z(Z0) `e equivalenza la relazione denita da
(a, b) (c, d) se e solo se ad = bc
per a, c Z e b, d Z0.
5. In Z `e equivalenza la relazione denita da
a b se e solo se a +b `e pari
per a, b Z.
Denizione. Sia una relazione di equivalenza in un insieme S e sia a S; linsieme
a

= x S [ a x viene detto classe di equivalenza rappresentata dallelemento a.


Esercizio 1. Per ognuna delle relazioni di equivalenza indicate negli esempi che precedono si indichi da
quali elementi `e costituita la classe di equivalenza rappresentata da un dato elemento.
Proposizione 2.1.1. Sia una relazione di equivalenza in un insieme S.
1] Per ogni a S si ha a a

.
2] Per ogni a, b S sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) a b;
ii) a

= b

.
iii) a

,= ;
Le classi di equivalenza di in S costituiscono pertanto una partizione di S, cio`e una
collezione di sottoinsiemi non vuoti di S tale che ogni elemento di S appartiene ad uno
e uno soltanto di tali sottoinsiemi.
1]
`
E a a

poiche `e a a.
2] i) = ii). Sia x b

; da a b e b x segue a x e quindi x a

. Essendo anche b a,
allo stesso modo si prova che, se y a

, allora y b

.
ii) = iii). Ovvio.
iii) = i). Sia c a

ovvero a c e b c; allora c b per la propriet`a simmetrica e


quindi a b per la propriet`a transitiva.
Viceversa, si verica facilmente la Proposizione che segue.
Proposizione 2.1.2. Siano X
i

iI
una partizione di un insieme S e la relazione in S
denita da
a b se e solo se a, b X
i
per qualche i I;
`e una relazione di equivalenza, le cui classi di equivalenza sono i sottoinsiemi X
i
.
Denizione. Sia `e una relazione di equivalenza in un insieme S: linsieme, i cui
elementi sono le classi di equivalenza di , viene detto insieme quoziente di S rispetto
a e verr`a indicato con
S

o con S/.
9
2.2. Congruenze aritmetiche.
Sia n un intero ssato; sia
n
la relazione denita in Z ponendo per a, b Z
a
n
b se e solo se n divide b a
Per n = 0 e per n = 1 la relazione
n
si riduce rispettivamente alla relazione identica e
alla relazione totale; inoltre la relazione
n
coincide con la relazione
n
. Pertanto si
supporr`a sempre n 2.
La relazione
n
`e una relazione di equivalenza che viene detta congruenza modulo n.
Per essa si usa anche la notazione a b (modn) al posto di a
n
b.
Per a Z la classe di equivalenza a cui appartiene a viene solitamente indicata con il
simbolo [a]
n
o con il simbolo a
n
; la classe [a]
n
`e costituita da tutti e soli gli interi del
tipo a +kn che si ottengono al variare di k in Z.
Le classi di equivalenza della relazione
n
vengono dette classi di resti modulo n e
sono esattamente [0]
n
, [1]
n
, . . . , [n 1]
n
: infatti per a, b Z, posto a = q
1
n +r
1
, b = q
2
n +r
2
con
0 r
i
< n, `e a
n
b se e solo se r
1
= r
2
.
Linsieme delle classi di resti modulo n verr`a indicato con Z
n
.
Proposizione 2.2.1.
1] Per a, b, c, d Z se a
n
b e c
n
d, allora a +c
n
b +d e ac
n
bd.
2] Se k Z `e primo con n e ka
n
kb, allora a
n
b.
1] Se b = a + hn, d = c + kn con h, k Z, allora b + d = (a + c) + (h + k)n e bd =
ac + (ak +ch +hkn)n con h +k, ak +ch +hkn Z.
2] Sia k(b a) = kb ka = hn con h Z; se n `e primo con k, n divide b a. (cfr. I, 3.1
Esercizio 1)
Esercizio 1. Mostrare che la congruenza modulo 2 coincide con la relazione denita nellEsempio 5 in
2.1.
Esercizio 2. Sia a Z ; si provi che esiste qualche x Z tale che sia ax
n
1 se e solo se a `e primo con
n. Si mostri che in tal caso gli interi x cosiatti costituiscono una classe di resti mod n.
Esercizio 3. Siano n
1
, n
2
, . . . , n
r
interi positivi a due a due coprimi; per a
1
, a
2
, . . . , a
r
Z esiste qualche
x Z tale che sia x
n
i
a
i
per ogni i.(Teorema cinese dei resti)
Denizione. Sia n un intero positivo; si indica con (n) il numero degli interi t, primi
con n, tali che 1 t n.
viene detta funzione di Eulero.
Teorema 2.2.2 (Eulero, 1707-1783) Sia n un intero positivo; per ogni intero a, primo
con n, si ha a
(n)

n
1 .
Caso particolare del Teorema di Eulero `e il
Teorema 2.2.3 (Fermat, 1601-1665) Sia p un numero primo; per ogni intero a si ha
a
p

p
a.
I Teoremi di Eulero e di Fermat potranno essere provati pi u avanti come conseguenza di
IV, 5.2 Esercizio 2, di IV Proposizione 5.4.1 e di VI Corollario 2.2.2.
10
3
3.1. Relazioni dordine.
Denizione. Ogni relazione in un insieme (non vuoto) S, che gode delle propriet`a
riessiva, transitiva e antisimmetrica, viene detta relazione dordine in S.
Spesso per indicare relazioni dordine si usano simboli del tipo , _, .
Un insieme S, in cui `e denita una relazione dordine , verr`a indicato con (S, ) e verr`a
detto insieme ordinato o parzialmente ordinato rispetto alla .
Denizione. Una relazione dordine in un insieme S verr`a detta totale se e solo se
per ogni a, b S si ha a b o b a (due qualsiansi elementi di S sono confrontabili); in
tal caso linsieme S verr`a detto totalmente (o linearmente) ordinato rispetto alla .
Un insieme totalmente ordinato viene spesso detto anche catena.
Esempi.
1. In N
0
la relazione denita ponendo per a, b N
0
a b se e solo se c N
0
tale che b = a +c
`e una relazione dordine totale e ci fornisce lusuale ordinamento dellinsieme dei numeri
naturali.
2. In N
0
la relazione denita ponendo per a, b N
0
a b se e solo se c N
0
tale che b = ac
`e una relazione dordine non totale.
3. Nellinsieme T(X) delle parti di un insieme X la relazione di inclusione insiemistica
denita ponendo per A, B T(X)
A B se e solo se A B
`e una relazione dordine (non totale, se X possiede almeno due elementi distinti).
Se un insieme S `e ordinato rispetto ad una relazione , S `e anche ordinato rispetto alla
relazione duale denita ponendo a b se e solo se b a per ogni a, b S.
Denizione. Siano (S, ) un insieme ordinato e T un sottoinsieme non vuoto di S:
minorante di T `e un qualunque elemento k S tale che k t per ogni t T;
minimale in T `e un elemento t

T per cui non esiste alcun t T , t ,= t

tale che
sia t t

;
minimo in T `e un elemento m T tale che m t per ogni t T.
Considerando in S la relazione dordine duale si introducono i concetti di maggiorante,
massimale, massimo di T.
Denizione. Siano (S, ) un insieme ordinato e T un sottoinsieme non vuoto di S:
maggiorante di T `e un qualunque elemento k S tale che t k per ogni t T;
massimale in T `e un elemento t

T per cui non esiste alcun t T , t ,= t

tale che
sia t

t;
massimo in T `e un elemento m T tale che t m per ogni t T.
E importante osservare che un sottoinsieme T di un insieme ordinato S pu`o non possedere
elementi del tipo sopra denito.
Ad esempio, si consideri N
0
ordinato rispetto alla relazione denita nellEsempio 2.
Il sottoinsieme T di N
0
, costituito dai numeri primi non ha minimo e ammette come
minorante soltanto 1; ogni suo elemento `e minimale. Il sottoinsieme V = 6, 12, 18, 24 ha
minimo 6, ma non ha massimo; V ammette come minoranti 1, 2, 3, 6 e come maggioranti
tutti i multipli di 72. Il sottoinsieme W = 2
n
[ n N non ammette elementi massimali;
0 e lunico maggiorante di W.
Ricordiamo il seguente
Assioma o Lemma di Zorn. Sia (S; ) un insieme ordinato; se ogni sottoinsieme di S,
totalmente ordinato rispetto alla , ammette un maggiorante, allora esiste in S qualche
elemento massimale.
11
Denizione. Siano (S, ) un insieme ordinato e T un sottoinsieme non vuoto di S;
si chiama massimo minorante o estremo inferiore di T il massimo (se esiste)
dellinsieme (se non `e vuoto) dei minoranti di T; si chiama minimo maggiorante
o estremo superiore di T il minimo dei maggioranti di T. Essi vengono indicati rispet-
tivamente con inf T e supT.
Osservazioni. Siano (S; ) un insieme ordinato e T un sottoinsieme di S.
1. Se T ha minimo (massimo) m, allora m `e lunico elemento minimale (rispettivamente,
massimale) di T e anche m =inf T (risp. m =supT).
2. Se T possiede un unico elemento minimale (massimale) t

, non `e detto che t

sia
minimo (risp. massimo) di T. Ad esempio si pu`o considerare nellinsieme S dellEsercizio
1 che segue il sottoinsieme T = 2
n
, 5, 1/5 [ n Z: 1/5 `e lunico elemento minimale (ma
non `e minimo!) di T e 5 `e lunico elemento massimale (ma non `e massimo!) di T.
Proposizione 3.1.1. Sia S un insieme ordinato tale che per ogni sottoinsieme non
vuoto T di S esiste inf T. Certamente S ha minimo, ma pu`o non avere massimo; se S ha
massimo, allora per ogni sottoinsieme non vuoto T di S esiste supT.
Lelemento inf S `e minimo di S.
Se S ha massimo m, per ogni sottoinsieme T linsieme W dei maggioranti di T non `e vuoto,
poich`e m W; esiste pertanto inf W. Per ogni t T e per ogni w W `e t w; t `e un
minorante di W e quindi t inf W. Ne segue che inf W `e un maggiorante di T e quindi
inf W W; allora inf W `e il minimo di W, ovvero inf W = supT.
3.2. Reticoli.
Denizione. Un insieme ordinato (S, ), in cui esistono inf a, b e supa, b per ogni
a, b S, viene detto reticolo.
Gli insiemi ordinati considerati in 3.1 negli Esempi 1,2,3 sono reticoli.
Linsieme costituito dai dischi del piano e dallinsieme vuoto, ordinato rispetto allin-
clusione insiemistica, non `e un reticolo.
Ogni insieme totalmente ordinato `e un reticolo.
Esercizio 1. Nellinsieme S dei numeri razionali positivi si consideri la relazione denita ponendo per
a, b S
a b se e solo se n N tale che b = na;
si mostri che (S, ) `e un reticolo.
Esercizio 2. Nellinsieme S dei numeri reali positivi si consideri la relazione denita ponendo per
a, b S
a b se e solo se n N tale che b = na;
si mostri che S `e ordinato rispetto alla , ma non `e un reticolo.
Esercizio 3. Ogni insieme ordinato nito ammette elementi massimali ed elementi minimali; ogni reticolo
nito possiede massimo e minimo.
Esercizio 4. Se un reticolo ammette un elemento minimale (massimale), allora ammette minimo (mas-
simo).
Esercizio 5. Sia (S; ) un insieme ordinato.
Per s
1
, s
2
S si scriva s
1
< s
2
per indicare che s
1
s
2
con s
1
,= s
2
.
Sia T = S S = (a, b) [ a, b S; si denisca in T una relazione ponendo per (a, b), (c, d) T
(a, b) (c, d) se e solo se `e a < c oppure a = c e b d.
Si verichi quanto segue.
I] `e una relazione dordine in T.
II] (T; ) `e totalmente ordinato se e solo se (S; ) `e totalmente ordinato.
III] Sia (S; ) non totalmente ordinato; (T; ) `e reticolo se e solo se (S; ) `e reticolo dotato di massimo
e di minimo.
12
TEMI II.
1. Sia n un intero maggiore di 1 e sia p il minimo primo che divide n. Si mostri che
I] M.C.D.(p 1, n) = 1;
II] p non divide 2
n
1 (e quindi n non divide 2
n
1).
Sugg. I] Se d =M.C.D.(p 1, n) ,= 1, esiste un primo q che divide d.
II] Proposizione 2.2.1. Per p ,= 2 `e 2
p1
1 (mod p); se fosse anche 2
n
1 (mod p), da
1 = xn +y(p 1) con x, y Z si dedurrebbe un assurdo.
2. Nellinsieme Q
+
dellinsieme dei numeri razionali positivi si consideri la relazione denita ponendo
a b se e solo se esiste n N
0
tale che 2
n
(a b) Z
Si verichi che `e una relazione di equivalenza e si mostri che
i) se p `e un numero primo dispari, le classi di equivalenza
1
p

,
1
p
2

, . . .,
1
p
r

, . . ., (con r N) sono
distinte;
ii) se p e q sono primi distinti, per ogni r, s N le due classi
1
p
r

e
1
q
s

sono distinte.
Le classi
1
2

,
1
2
2

, . . .,
1
2
r

, . . . sono distinte tra loro?


Sugg. Proposizione 2.1.1;
1
p
r

1
p
s
con r s se e solo se esistono n N
0
e t Z tali che 2
n
(p
sr
1) = tp
s
,
assurdo per r ,= s, I Teorema 4.1.1.
3. Sia X = x = 2
r
3
s
[ r, s N ; per x
1
, x
2
X si ponga x
1
x
2
se e solo se esiste n N tale che
x
2
= x
n
1
.
i) Si verichi che, rispetto alla relazione sopra denita, X `e un insieme ordinato, non totalmente
ordinato.
ii) Si mostri che (X; ) possiede elementi minimali, ma non possiede minimo.
iii) (X; ) possiede elementi massimali?
iv) (X; ) `e un reticolo?
Sugg. i) 2
2
3 e 2 3
2
non sono confrontabili.
ii) Se 1 =M.C.D.(r, s), lelemento 2
r
3
s
`e minimale; 3.1 Osservazioni.
iv) Linsieme 2
2
3, 2 3
2
non ammette ne maggioranti ne minoranti.
4. In N si denisca una relazione ponendo ab se e solo se a e b hanno lo stesso numero di cifre e a b
(dove a b indica lusuale ordinamento in N) ; si provi che `e una relazione dordine.
(N, ) `e totalmente ordinato? Ammette minimo o massimo? Quali sono gli elementi minimali e gli
elementi massimali?
`
E un reticolo?
Sugg. 1 e 10 non sono confrontabili.
1, 10 sono elementi minimali; 9, 99 sono elementi massimali.
3.2 Esercizio 4.
5. Si scriva ogni n N nella forma n = 5
r
k con r N
0
, k N e M.C.D.(5, k) = 1.
Si considerino le relazioni e denite in N ponendo
(5
r
k) (5
s
h) se e solo se r +s `e pari
(5
r
k) (5
s
h) se e solo se 5
r
k = 5
s
h oppure r < s.
I] Si mostri che `e una relazione di equivalenza e se ne determinino le classi di equivalenza distinte.
II] Si verichi che (N, ) `e un insieme ordinato, non totalmente ordinato. (N, ) `e un reticolo?
Si mostri che
i) ogni sottoinsieme Y di N ammette elementi minimali, mentre esistono sottoinsiemi di N privi di
elementi massimali;
ii) un sottoinsieme non vuoto Y di N ammette minoranti se e solo se in Y esiste al pi` u un numero
non divisibile per 5;
iii) un sottoinsieme Y di N `e privo di maggioranti se e solo se per ogni r N
0
esiste in Y qualche
numero divisibile per 5
r
.
III] Esistono sottoinsiemi non vuoti di N dotati di minimo? dotati di massimo?
Esistono sottoinsiemi non vuoti di N privi di minimo? privi di massimo?
13
6. Sia (L; ) un reticolo; per ogni a, b L con a b si ponga X
a,b
= x L[ a =infb, x .
Si osservi che X
a,b
non `e vuoto e ammette minimo.
I] Si provi che, se (L; ) `e il reticolo costituito dalle parti di un insieme non vuoto S rispetto allinclusione
insiemistica, ogni insieme X
a,b
ammette massimo.
II] Si mostri con esempi che possono esistere a, b L tali che X
a,b
non ha massimo sia nel caso L nito
che nel caso L innito.
Sugg. I] Per A B S si consideri A (S B).
II] Si consideri il diagramma di Hasse
3,2 Esercizio 1.
7. Siano (S, ) un insieme parzialmente ordinato ed una relazione di equivalenza in S. Nellinsieme
quoziente
S
7
si consideri la relazione denita ponendo
[x]
7
[y]
7
se e solo se esiste y [y]
7
tale che a y per ogni a [x]
7
.
Si provi quanto segue.
I] `e antisimmetrica e transitiva;
II] sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) `e riessiva,
ii) per ogni x S la classe [x]
7
ammette massimo rispetto alla relazione denita in S,
iii) per ogni x, y S `e [x]
7
[y]
7
se per ogni a [x]
7
esiste b [y]
7
(b dipendente eventualmente
da a) tale che a b.
8. Sia una relazione simmetrica in un insieme X; per ogni x X esista y X tale che xy. Si denisca
in X una relazione ponendo per x
1
, x
2
X
x
1
x
2
se e solo se esistono y
0
, y
1
, . . . , y
n
X tali che x
1
= y
0
, x
2
= y
n
, y
i
y
i+1
per 0 i n 1
I] Si verichi che `e una relazione di equivalenza in X.
II] In X=N1 si consideri la relazione simmetrica denita da ab se e solo se M.C.D.(a, b) ,= 1: quali
sono le classi di equivalenza della corrispondente relazione ?
9. Siano (S; ) un insieme parzialmente ordinato ed una relazione di equivalenza in S. Nellinsieme
quoziente
S
7
si consideri la relazione denita ponendo
[x]
7
[y]
7
se e solo se per ogni a [x]
7
esiste b [y]
7
tale che a b.
Si provi quanto segue.
I] `e riessiva e transitiva;
II] se S `e nito, `e antisimmetrica;
III] per S= Z e ordinamento naturale, si pu`o scegliere la relazione in modo che non sia antisim-
metrica;
IV] condizione suciente anche sia antisimmetrica `e che per x, y S da x y z e xz segua xy.
Mostrare che la condizione non `e necessaria.
10. Sia S un insieme non vuoto; per ogni A, B T(o) si ponga AB = (AB)(AB) = (AB)(BA).
Fissato K T(o), si denisca in T(o) la relazione ponendo per X
1
, X
2
T(o)
X
1
X
2
se e solo se KX
1
KX
2
.
Si provi quanto segue.
I] (T(o), ) `e un insieme ordinato, dotato di massimo e di minimo.
II] Se K `e linsieme vuoto, la relazione coincide con la relazione ; se K = S, la relazione coincide
con la relazione .
III] Se K `e un sottoinsieme proprio di S, allora (T(o), ) non `e totalmente ordinato.
IV] (T(o); ) `e totalmente ordinato se e solo se S `e costituito da un solo elemento.
11. Sia linsieme di tutte le relazioni in un insieme non vuoto S; per
1
,
2
si ponga
14

1

2
se e solo se x
1
y implica x
2
y (per x, y S)
I] Si verichi che `e relazione dordine in e che (; ) `e un reticolo.
II] Detto c linsieme delle relazioni di equivalenza in S, si mostri che c `e un sottoreticolo di (; ) se e
solo se S possiede al pi` u due elementi.
15
III. APPLICAZIONI
PRODOTTO DI APPLICAZIONI
1
1.1. Applicazioni fra insiemi.
Denizione. Siano S e T due insiemi non vuoti; una applicazione da S a T `e una
relazione da S a T che associa ad ogni elemento s S un elemento t T, univocamente
determinato da s.
Linsieme delle applicazioni da un insieme S ad un insieme T viene indicato con T
S
.
Una applicazione f da S a T viene solitamente indicata con f : S T.
Se allelemento s S la f associa lelemento t T, si usa scrivere t = f(s) (o anche t = sf
o t = s
f
) e dire che t `e immagine di s e s `e retroimmagine o controimmagine di t
nella f.
Se X `e un sottoinsieme di S, si indica con f(X) linsieme f(x) [ x X; se Y `e un sottoin-
sieme di T, si indica con f
1
(Y ) linsieme w S [ f(w) Y . Se X S, allora f
1
[f(X)] X;
se Y T, allora f[f
1
(Y )] Y .
Osservazione. Sia S linsieme dei numeri razionali positivi; la relazione da S a N che
associa ad r/s (con r, s N) il numero naturale r + s non `e una applicazione da S a N,
mentre lo `e la relazione che associa ad r/s il numero naturale (r +s)/M.C.D.(r, s).
Esercizio 1. La relazione in Z
n
, denita da [a]
n
[(1)
a
a]
n
, `e una applicazione da Z
n
a Z
n
se e solo
se n `e pari.
Denizione. Si dice che una applicazione f : S T `e
suriettiva se per ogni t T esiste almeno un s S tale che f(s) = t;
iniettiva se per ogni t T esiste al pi u un s S tale che f(s) = t;
(ovvero se da f(s
1
) = f(s
2
) con s
1
, s
2
S segue s
1
= s
2
);
biiettiva se `e suriettiva e iniettiva.
La relazione identica in un insieme S `e una applicazione biiettiva da S a S; essa viene
detta applicazione identica su S e indicata con I
S
o 1
S
.
Se S e T sono niti e sono costituiti dallo stesso numero di elementi, unapplicazione
f : S T `e iniettiva se e solo se `e suriettiva.
Esempio 1.
f: ZZ con f(2a) = f(2a + 1) = a per ogni a Z `e suriettiva, non iniettiva;
f: ZZ con f(a) = 2a per ogni a Z `e iniettiva, non suriettiva;
f: ZZ con f(a) = [a[ per ogni a Z non `e iniettiva ne suriettiva;
f: ZZ con f(a) = a + 2 per ogni a Z `e biiettiva.
Esercizio 2. Sia f: Z
n
Z
n
lapplicazione denita da f([a]
n
) = [ra]
n
, dove r `e un intero ssato. Si
provi che sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) r `e primo con n;
ii) f `e iniettiva;
iii) f `e suriettiva.
Esercizio 3. Sia f : S T una applicazione; si provi che
I] f `e iniettiva se e solo se per ogni sottoinsieme X di S `e f
1
(f(X)) = X;
II] f `e suriettiva se e solo se per ogni sottoinsieme Y di T `e f(f
1
(Y )) = Y .
Esercizio 4.
i) Si verichi che esiste una applicazione biiettiva tra Z e linsieme quoziente (N
0
N
0
)/ con denita
in II.2.1 Esempio 3.
16
ii) Si verichi che esiste unapplicazione biiettiva tra Q e linsieme quoziente (Z(Z0))/ con
denita in II.2.1 Esempio 4.
Denizione. Sia f : S T una applicazione biiettiva; viene detta inversa della f
lapplicazione f
1
: T S denita ponendo per t T, s S
f
1
(t) = s se e solo se f(s) = t
Esempio 2. Se f: Z
9
Z
9
`e lapplicazione biiettiva (cfr.Esercizio 2) denita da f([a]
9
) =
[2a]
9
, f
1
`e lapplicazione da Z
9
a Z
9
denita da f
1
([a]
9
) = [5a]
9
.
Esercizio 5. Sia f lapplicazione da Z a Z denita ponendo per ogni x Z
f(x) =
_
(1)
x+1
x, se x < 0;
(1)
x
x + 1, se x 0.
Si verichi che f `e biiettiva e si determini f
1
.
1.2. Prodotto di applicazioni.
Denizione. Siano S, T, V insiemi e f : S T, g : T V applicazioni; si chiama prodotto
delle applicazioni f e g la relazione da S a V denita da s v (con s S, v V ) se e
solo se v = g[f(s)].
Si provano facilmente le Proposizioni che seguono.
Proposizione 1.2.1. Il prodotto di due applicazioni f : S T e g : T V `e una
applicazione da S a V , che verr`a indicata con fg o con g f.
Proposizione 1.2.2. Sia f : S T unapplicazione; allora
i) I
S
f = f = f I
T
;
ii) se f `e biiettiva, `e ff
1
= I
S
e f
1
f = I
T
.
Proposizione 1.2.3. Siano f : S T, g : T V, h : V W applicazioni; sono deniti i
prodotti fg, (fg)h, gh, f(gh) e sussiste luguaglianza (fg)h = f(gh).
Proposizione 1.2.4. Siano f : S T, g : T V applicazioni; allora
I]i) se f e g sono iniettive, fg `e iniettiva;
ii) se f e g sono suriettive, fg `e suriettiva;
iii) se f e g sono biiettive, fg `e biiettiva.
II]i) se fg `e iniettiva, f `e iniettiva;
ii) se fg `e suriettiva, g `e suriettiva;
iii) se fg `e biiettiva, f `e iniettiva e g `e suriettiva.
Esercizio 1. Sia f : S T unapplicazione;
i) f `e iniettiva se e solo se esiste unapplicazione g : T S tale che fg = I
S
;
ii) f `e suriettiva se e solo se esiste unapplicazione h : T S tale che hf = I
T
;
iii) f `e biiettiva se e solo se esiste unapplicazione k : T S tale che fk = I
S
e kf = I
T
.
Esercizio 2. Sia S un insieme con almeno due elementi e sia f unapplicazione di S in se. Si mostri che
sono tra loro equivalenti le condizioni che seguono:
i) f `e biiettiva;
ii) esiste una ed una sola applicazione g di S in se tale che fg = I
S
;
iii) esiste una ed una sola applicazione h di S in se tale che hf = I
S
.
Esercizio 3. Siano f, g le applicazioni di Q in se denite da
f(x) =
_
4x + 1 per x 0,
x per x < 0
g(x) =
_
x + 1 per x 0,
2x + 2 per x < 0.
Si mostri che fg `e biiettiva, mentre gf non `e ne iniettiva ne suriettiva.
Lapplicazione f `e iniettiva? `e suriettiva?
Lapplicazione g `e iniettiva? `e suriettiva?
17
TEMI III.
1. Sia S un insieme; siano f e g due applicazioni da S a S tali che fg = I
S
(I
S
identit`a su S).
Si provi che
I] f `e iniettiva;
II] se linsieme S `e nito, allora `e anche gf = I
S
;
III] se linsieme S `e innito, pu`o essere fg = I
S
e gf ,= I
S
.
Sugg. I] Proposizione 1.2.4
II] f `e biiettiva, esiste f
1
; Proposizione 1.2.2
III] Esempio: S =N
0
; f(n) = n + 1 per ogni n N
0
; g(0) = 0, g(n) = n 1 per ogni n N
2. Sia n un intero relativo ssato; sia
n
lapplicazione da Z a Z denita da

n
(x) =
_
nx se x 0;
x se x < 0, x dispari;
x/2 se x < 0, x pari
.
Si provi che
n
`e iniettiva se e solo se n `e un intero positivo pari e che
n
`e biiettiva se e solo se n = 2.
Sugg. Se n < 0,
n
(1) =
n
(2n); se n > 0 e n dispari,
n
(1) =
n
(n).
3. Sia r un intero ssato; si consideri la relazione
r
fra Z
75
e Z
90
denita ponendo per a, b Z
[a]
75

r
[b]
90
se e solo se b = ra
I] Si determinino i valori di r per i quali
r
`e una applicazione da Z
75
a Z
90
.
II] Fra tali valori di r ne esistono alcuni per i quali
r
`e suriettiva o iniettiva?
Sugg. I] Se [a]
75
= [a
t
]
75
, deve essere [ra]
90
= [ra
t
]
90
II]
r
([15]
75
) =
r
([0]
75
) con [15]
75
,= [0]
75
.
4. Siano X e Y due insiemi non vuoti; sia f : X Y una applicazione.
Si provi che un insieme T pu`o essere messo in corrispondenza biunivoca con f(X) se e solo se esistono
due applicazioni : X T suriettiva e : T Y iniettiva tali che f = .
Sugg. f : X f(X) `e suriettiva; Proposizione 1.2.4
Se : T f(X) `e biiettiva, = f
1
`e suriettiva.
Se f = , `e f(X) = [(X)] = (T); : T f(X) `e biiettiva.
5. Sia f : X Y unapplicazione da un insieme X ad un insieme Y .
I] Si provi che sono tra loro equivalenti le condizioni
a) f `e suriettiva;
b) per ogni sottoinsieme T di X `e f(X T) Y f(T);
c) esiste V X tale che f(X V ) Y f(V ).
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le condizioni
h) f `e iniettiva;
k) per ogni sottoinsieme T di X `e f(X T) Y f(T).
III] Si mostri che non sono tra loro equivalenti le condizioni
h) f `e iniettiva;
l) esiste V X tale che f(X V ) Y f(V ).
Sugg. I] c) a): per ogni y Y , `e y f(V ) f(X) o y Y f(V ) f(X V ) f(X).
II] k) h) Se f(x
1
) = f(x
2
) con X
1
,= x
2
,per T = x
1
si ha f(x
2
) f(XT) e f(x
2
) , Y f(T).
III] per y Y e V = v X[ f(v) = y `e soddisfatta la condizione l) anche se f non `e iniettiva.
6. Siano e applicazioni da N a N denite da
(x) =
_
x + 1, se x `e dispari;
x 1, se x `e pari e x 10;
x, se x = 2, 4, 6, 8.
18
(x) =
_
1, se x = 1;
x 1, se x `e dispari e x ,= 1;
x + 1, se x `e pari.
Si provi che
I] non `e ne iniettiva ne suriettiva;
II] `e biiettiva;
III] ,= ;
IV] e non sono ne iniettive ne suriettive.
Sugg. I] (1) = 2 = (2); 3 , (N)
IV] Proposizione 1.2.4.
7. Si considerino le applicazioni f, g : Q Q denite come segue:
f(x) =
_
x 1, per x 0;
2 x, per 0 < x < 2 ;
x + 1, per x 2;
g(x) =
_
x + 1, per x 0;
2 x, per 0 < x < 2 ;
x 1, per x 2.
I] Si costruisca lapplicazione fg.
II] Si stabilisca se le applicazioni fg, f, g sono iniettive e/o suriettive.
III] Si stabilisca se lapplicazione gf `e suriettiva e/o iniettiva.
Sugg. I] fg = I
Q
II] Proposizione 1.2.4: f iniettiva, g suriettiva. 0 , f(Q), g(0) = g(2).
III] Proposizione 1.2.4.
8. Sia f : S T unapplicazione da un insieme S ad un insieme T. Si provi che f `e suriettiva se e solo
se `e cancellabile a sinistra rispetto al prodotto di applicazioni (i.e. se g, h sono applicazioni dallinsieme
T ad un insieme V tali che fg = fh, allora g = h).
Si mostri con qualche esempio che, se f `e suriettiva, pu`o non essere cancellabile a destra.
Sugg. 1.2 Esercizio 1, ii).
9. Sia f : X X unapplicazione di un insieme X in se.
Si provi quanto segue.
1) f, vista come relazione in X, `e riessiva se e solo se `e f = I
X
.
2) f, vista come relazione in X, `e simmetrica se e solo se `e f
2
= I
X
.
3) f, vista come relazione in X, `e antisimmetrica se e solo se per ogni x X tale che sia x = f
2
(x) `e
anche x = f(x).
4) f, vista come relazione in X, `e transitiva se e solo se `e f
2
= f.
Si provi quindi che, se f ,= I
X
, allora
i) se f `e transitiva, f non `e ne iniettiva ne suriettiva;
ii) se f `e simmetrica, f `e biiettiva, ma non vale il viceversa;
iii) se f `e antisimmetrica, f pu`o essere iniettiva o suriettiva, ma pu`o anche non esserlo.
10. Siano m, n interi maggiori di 1; si considerino gli insiemi Z
m
e Z
n
delle classi di resti modm e modn
rispettivamente. Sia G = ([a]
m
, [b]
n
) [ a, b Z.
Fissato r N, si consideri lapplicazione f
r
: G G denita ponendo per ogni a, b Z
f
r
: ([a]
m
, [b]
n
) ([ra]
m
, [rb]
n
)
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) M.C.D.(r, mn) = 1;
ii) M.C.D.(r, m) =M.C.D.(r, n) = 1;
iii) lapplicazione f
r
`e biiettiva.
Sugg. ii) iii) II, Proposizione 2.2.1,2]
iii) ii) Se d =M.C.D.(r, m) ,= 1 e m = dm
t
, allora f(([m
t
]
m
, [0]
n
)) = f(([0]
m
, [0]
n
)).
19
11. Si denisca in Q una relazione ponendo per a, b Q
a b se e solo se a b Z
Si verichi che
I] `e una relazione di equivalenza;
II] esiste una applicazione biiettiva tra linsieme quoziente Q/ e linsieme delle radici complesse
dellunit`a.
20
IV. STRUTTURE ALGEBRICHE: GRUPPI, ANELLI, MODULI.
SOTTOSTRUTTURE DI UNA STRUTTURA ALGEBRICA.
1
1.1. Operazioni e leggi di composizione.
Denizione. Siano S, T, V tre insiemi non vuoti; si chiama legge di composizione
(binaria) fra S e T con risultato in V una applicazione f da S T a V . Pi u in generale si
chiama operazione fra S e T con risultato in V unapplicazione f da un sottoinsieme di
S T a V .
Per indicare che v = f((s, t)) con v V, s S, t T si preferisce usare notazioni del tipo
v = s t oppure v = s t, ecc.
Per S = T = V si parla di operazioni e leggi di composizione interne.
Esempi.
1. Laddizione e la moltiplicazione sono leggi di composizione in N
0
, Z, Q , R , C. La
sottrazione `e operazione in N
0
e legge di composizione in Z. La divisione `e operazione in
Z e in Q ed `e legge di composizione in Q0.
2. In N
0
la legge denita da a b=M.C.D.(a, b) `e legge di composizione.
3. In N
0
la legge denita da a b = m.c.m.(a, b) `e legge di composizione.
4. Nellinsieme dei punti dello spazio `e legge di composizione quella denita da AB = C
se A ,= B e il punto C `e il simmetrico di A rispetto a B oppure se A = B = C.
5. Nellinsieme dei punti dello spazio `e legge di composizione quella denita da AB = C
se C `e il punto medio del segmento AB.
6. Nellinsieme X
X
delle applicazioni di un insieme X in se stesso il prodotto di appli-
cazioni `e legge di composizione.
7. In un reticolo (R; ) sono denite due leggi di composizione e ponendo ab =infa, b
e a b =supa, b per ogni a, b R.
Una legge di composizione in un insieme nito S = s
1
, s
2
, . . . , s
n
pu`o essere indicata da
una tavola di composizione: si scriver`a
s
1
s
2
. . . s
n
s
1
s
11
s
12
. . . s
1n
s
2
s
21
s
22
. . . s
2n
. . . . . . . . . . . . . . .
s
n
s
n1
s
n2
. . . s
nn
dove s
ij
= s
i
s
j
per ogni i, j 1, 2, . . . , n.
Gli Esempi mostrano che unoperazione in un insieme S pu`o non essere commutativa.
Denizione. Unoperazione in un insieme S viene detta commutativa se per ogni
a, b S per cui `e denito a b `e denito anche b a ed `e a b = b a.
Esercizio 1. Nellinsieme X
X
(delle applicazioni di un insieme X in se) il prodotto `e commutativo se e
solo se X `e costituito da un solo elemento.
Il termine struttura algebrica indica un insieme S in cui sono denite una o pi u
operazioni , , . . .; essa verr`a indicata con (S; , , . . .).
21
2
2.1. Propriet`a associativa.
Denizione. Sia unoperazione in un insieme S; si dice che `e associativa se per
ogni a, b, c S per cui sono deniti a b e (a b) c sono deniti anche b c e a (b c) ed `e
(a b) c = a (b c).
Fra gli esempi dati in 1.1 sono associative le operazioni 2, 3 e 6.
Teorema 2.1.1. Se `e una legge di composizione associativa in un insieme S, scelti
comunque n elementi s
1
, s
2
, . . . , s
n
S (n 3), coincidono tutti i prodotti che con questi
elementi si possono costruire associandoli diversamente, ma nellordine dato.
(Ad esempio, per n = 4 si ha [(s
1
s
2
) s
3
] s
4
= (s
1
s
2
) (s
3
s
4
) = s
1
[s
2
(s
3
s
4
)] =
s
1
[(s
2
s
3
) s
4
] = [s
1
(s
2
s
3
)] s
4
.)
Proviamo la tesi facendo induzione su n; per ipotesi la tesi `e vera per n = 3.
Sia n > 3; proviamo che ogni prodotto p coincide con lelemento [(s
1
s
2
) s
3
] s
n
.
Sar`a p = p
1
p
2
, dove p
1
`e un prodotto costruito associando in qualche modo s
1
, s
2
, . . . , s
r
e p
2
`e un prodotto costruito associando s
r+1
, . . . , s
n
(con 1 r n 1).
Se r n 2, per lipotesi di induzione sar`a p
2
= p
3
s
n
, dove p
3
`e un prodotto su
s
r+1
, . . . , s
n1
o p
3
= s
n1
per r = n 2; allora p = p
1
(p
3
s
n
) = (p
1
p
3
) s
n
.
Se r = n 1, sar`a p
2
= s
n
e p = p
1
s
n
.
In ogni caso sar`a p = p s
n
, dove p `e un prodotto costruito associando s
1
, s
2
, . . . , s
n1
;
per lipotesi di induzione sar`a p = [(s
1
s
2
) ] s
n1
e da ci`o segue la tesi.
Se `e associativa, `e lecito quindi scrivere s
1
s
2
s
n
.
Osservazione
Loperazione denita in N
0
ponendo a b =M.C.D.(a, b) `e associativa; pertanto resta
denito anche M.C.D.(a
1
, a
2
, . . . , a
r
) comunque si scelgano r 2 e a
1
, a
2
, . . . , a
r
N
0
. Si
prova (per induzione su r) che, se d =M.C.D.(a
1
, a
2
, . . . , a
r
), esistono x
1
, x
2
, . . . , x
r
Z tali che
d = x
1
a
1
+x
2
a
2
+ +x
r
a
r
.
2.2. Semigruppi.
Denizione. Sia S un insieme (non vuoto) in cui `e denita una legge di composizione
; se la `e associativa, la struttura (S; ) viene detta semigruppo.
Esempi.
1. N
0
, Z, Q, R, C sono semigruppi tanto rispetto alladdizione quanto rispetto alla
moltiplicazione; (Z, -) non `e un semigruppo.
2. Se X `e un insieme non vuoto, X
X
`e un semigruppo rispetto al prodotto di applicazioni.
(cfr. III, Proposizione 1.2.3)
3. Se (R; ) `e un reticolo, (R; ) e (R; ) sono semigruppi (dove e sono deniti come
in 1.1 Esempio 7).
Denizione. Sia (S; ) un semigruppo; si deniscono per induzione le potenze di un
elemento s S con esponente intero positivo ponendo per ogni s S
s
1
= s e s
n+1
= s
n
s
Proposizione 2.2.1. Sia (S; ) un semigruppo; per ogni s S e per ogni m, n N si ha
s
m
s
n
= s
m+n
e (s
m
)
n
= s
mn
Induzione su n. Per n = 1 le uguaglianze sono vere per denizione. Inoltre
s
m
s
n+1
= s
m
(s
n
s) = (s
m
s
n
) s = s
m+n
s = s
m+n+1
(s
m
)
n+1
= (s
m
)
n
s
m
= s
mn
s
m
= s
mn+m
= s
m(n+1)
.
22
2.3 Sottosemigruppi.
Denizione. Sottosemigruppo di un semigruppo (S; ) `e un sottoinsieme non vuoto
H di S, che `e semigruppo rispetto alloperazione denita in S.
N
0
`e un sottosemigruppo tanto di (Z;+) quanto di (Z; ).
Linsieme delle applicazioni iniettive (o suriettive) di un insieme X in se stesso `e un
sottosemigruppo del semigruppo (X
X
; ). (cfr. 2.2 Esempio 2)
Linsieme degli interi negativi `e sottosemigruppo di (Z;+), ma non di (Z; ).
Un sottoinsieme H di un semigruppo (S; ) `e un sottosemigruppo se e solo se `e chiuso
rispetto alloperazione denita in S, ovvero per ogni h
1
, h
2
H `e h
1
h
2
H.
Esercizio 1. Sia (S; ) un semigruppo; sia s S. Linsieme H = s
n
[ n N `e un sottosemigruppo di
(S; ) a cui appartiene lelemento s e che `e contenuto in ogni sottosemigruppo di (S; ) a cui appartiene s.
Proposizione 2.3.1. Sia H
i

iI
una famiglia non vuota di sottosemigruppi di un
semigruppo (S; ): linsieme

iI
H
i
(se non `e vuoto) `e un sottosemigruppo di S.
Siano x, y

iI
H
i
; `e x, y H
i
per ogni i I e quindi x y H
i
per ogni i I ovvero
x y

iI
H
i
.
23
3
3.1. Elemento neutro.
Denizione. Sia (S; ) un insieme dotato di legge di composizione; un elemento e S
viene detto elemento neutro se per ogni s S si ha
s e = s = e s.
(Z; +) ammette come elemento neutro 0; (Z; ) ammette come elemento neutro 1.
Osserviamo per`o che, ad esempio, (Z; - ) non ammette elemento neutro; tuttavia lele-
mento 0 `e tale che n 0 = n per ogni n Z.
Ancora, denita in un qualsiasi insieme S, con pi u di un elemento, una legge di compo-
sizione (associativa) ponendo ab = b per ogni a, b S, si osserva che non esiste elemento
neutro; tuttavia ogni elemento `e neutro se `e scritto a sinistra in un prodotto.
Denizione. Sia (S; ) un insieme dotato di legge di composizione; un elemento e S
viene detto elemento neutro a sinistra (elemento neutro a destra) se per ogni
s S si ha e s = s (s e = s).
Proposizione 3.1.1. Sia una legge di composizione in un insieme S; se esistono in
S un elemento neutro a sinistra e
s
e un elemento neutro a destra e
d
, allora e
s
= e
d
. In
particolare se esiste in S un elemento neutro, questo `e unico.
Basta osservare che e
d
= e
s
e
d
, poiche e
s
`e elemento neutro a sinistra e che e
s
= e
s
e
d
,
poche e
d
`e neutro a destra.
3.2. Monoidi.
Denizione. Un semigruppo (S; ) dotato di elemento neutro viene detto monoide.
N
0
, Z, Q, R, C sono monoidi tanto rispetto alladdizione quanto rispetto alla moltipli-
cazione.
Con riferimento agli Esempi in 1.1 sono monoidi 2, 3 e 6.
Linsieme T(X) delle parti di un insieme X `e un monoide sia rispetto allintersezione che
rispetto allunione.
Denizione. Sia (S; ) un monoide con elemento neutro e; per ogni s S poniamo
s
0
= e
Proposizione 3.2.1. Sia (S; ) un monoide; per ogni s S e per ogni m, n N
0
si ha
s
m
s
n
= s
m+n
e (s
m
)
n
= s
mn
.
(Si confronti con la Proposizione 2.2.1.)
Si devono vericare le uguaglianze per m = 0 o n = 0.
24
4
4.1. Elemento inverso.
Denizione. Sia una legge di composizione in un insieme S con elemento neutro e;
un elemento s
t
S viene detto inverso di un elemento s S se e solo se
s s
t
= e = s
t
s.
Denizione. Sia una legge di composizione in un insieme S con elemento neutro e;
ogni elemento di S, che ammette inverso, viene detto invertibile o unitario.
In (Z, +) ogni elemento ha inverso, mentre in (Z, ) solo +1 e 1 hanno inverso.
Negli Esempi 2, 3 in 1.1 solo lelemento neutro ha inverso.
Nel monoide X
X
delle applicazioni di un insieme X in se hanno inverso tutte e sole le
applicazioni biiettive (cfr.III, 1.2 Esercizio 1, iii) ).
Si `e per`o osservato (nello stesso Esercizio) che se f X
X
`e iniettiva, esiste g X
X
tale
che fg = I
X
, mentre se f `e suriettiva, esiste h X
X
tale che hf = I
X
.
Denizione. Sia una legge di composizione in un insieme S con elemento neutro e;
sia s S. Un elemento t S viene detto inverso destro di s se
s t = e,
mentre viene detto inverso sinistro di s se
t s = e.
In generale un elemento pu`o avere inverso destro e inverso sinistro distinti; ad esempio,
si consideri linsieme S = a, b, c, e con le legge di composizione denita dalla seguente
tavola
e a b c
e e a b c
a a c e b
b b b a e
c c e b a
lelemento e `e neutro e lelemento a ha inverso destro b e inverso sinistro c.
Invece in (X
X
, ), se unapplicazione f ha inverso destro g e inverso sinistro h, allora f `e
biiettiva e g = h = f
1
(cfr. III.1.2, Esercizi 1 e 2); ci`o dipende dal fatto che il prodotto
di applicazioni `e associativo.
Proposizione 4.1.1. Sia (S; ) un monoide; se un elemento s S ha inverso destro t S
e inverso sinistro v S, allora t = v.
In particolare, se s S ammette inverso in S, ne ammette uno solo.
Sia e lelemento neutro in S; da st = e = vs segue v = ve = v(st) = (vs)t = et = t.
Denizione. Sia (S; ) un monoide con elemento neutro e; se s S ammette inverso
s
t
S, per ogni intero negativo n poniamo
s
n
= (s
t
)
n
.
In particolare sar`a s
1
= s
t
; per questa ragione nel seguito indicheremo con s
1
linverso
(quando esista) di un elemento s di un monoide S.
Proposizione 4.1.2. Sia (S; ) un monoide; sia s S un elemento che ammette inverso.
Per ogni m, n Z si ha
s
m
s
n
= s
m+n
e (s
m
)
n
= s
mn
.
(cfr. con Proposizione 3.2.1.)
Le uguaglianze sono da vericare per m < 0 o n < 0.
Esercizio 1. Sia (S : ) un semigruppo; sia a S. Siano
a
e
a
le applicazioni di S in S denite ponendo

a
(s) = sa e
a
(s) = as per ogni s S.
Si provi che sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) (S; ) `e un monoide e lelemento a `e invertibile;
25
ii)
a
e
a
sono suriettive;
Si provi che la condizione i) implica la condizione
iii)
a
e
a
sono iniettive,
ma non `e equivalente ad essa.
4.2. Gruppi.
Denizione. Si chiama gruppo un monoide (S; ) in cui ogni elemento ha inverso.
Lelemento neutro di un gruppo viene spesso detto unit`a.
Se loperazione `e commutativa, si usa dire che il gruppo `e abeliano.
Se linsieme S `e nito, il numero dei suoi elementi viene detto ordine del gruppo.
Esempi.
1. (Z; +), (Q; +), (R; +), (C; +), (Q0; ), (R0; ), (C0; ) sono gruppi abeliani.
2. Per ogni insieme non vuoto X linsieme S
X
delle applicazioni biiettive di X in se `e
un gruppo rispetto al prodotto di applicazioni; il gruppo (S
X
; ) `e abeliano se e solo se X
possiede al pi` u due elementi.
3. Siano (S; ) un monoide e V linsieme degli elementi invertibili di S: (V ; ) `e un gruppo.
4. Il gruppo simmetrico. Per X = 1, 2, . . . , n il gruppo (S
X
; ) viene indicato con S
n
(o anche con Sym(n)) e viene chiamato gruppo simmetrico su n lettere.
Il gruppo S
n
ha ordine n!
Per S
n
si user`a una notazione del tipo :
=
_
1 2 . . . n
a
1
a
2
. . . a
n
_
dove a
1
, a
2
, . . . , a
n
`e una permutazione di 1, 2, . . . , n tale che (i) = a
i
per i = 1, . . . , n,
oppure, pi` u spesso, una notazione del tipo
= (b
11
, b
12
, . . . , b
1r
1
)(b
21
, b
22
, . . . , b
2r
2
) . . . (b
s1
, b
s2
, . . . , b
sr
s
) ()
(con s 1, r
i
1, r
1
+ + r
s
= n, b
ij
= b
lk
se e solo se i = l, j = k), dove (b
ij
) = b
i(j+1)
per
1 j r
i1
e (b
ir
i
) = b
i1
per i = 1. . . . , s.
Se r
i
= 1 per qualche i (ovvero se (b
i1
) = b
i1
), si omette in generale nella scrittura () il
termine (b
i1
).
Ad esempio sia n = 8 e sia
=
_
1 2 3 4 5 6 7 8
5 6 1 4 3 8 2 7
_
;
si scriver`a = (1, 5, 3)(2, 6, 8, 7).
Con questa convenzione di scrittura, i termini (1, 5, 3) e (2, 6, 8, 7) possono essere visti
anche come elementi di S
8
; precisamente
= (1, 5, 3) =
_
1 2 3 4 5 6 7 8
5 2 1 4 3 6 7 8
_
,
= (2, 6, 8, 7) =
_
1 2 3 4 5 6 7 8
1 6 3 4 5 8 2 7
_
,
Si verica che = = (prodotto di applicazioni).
Ogni sostituzione del tipo (x
1
, x
2
, . . . , x
r
) viene detta ciclo di lunghezza r. La () permette
allora di dire che la sostituzione `e prodotto di cicli disgiunti (e quindi a due a due
permutabili) di lunghezze r
1
, r
2
, . . . , r
s
.
Esercizio 1. Sia X un insieme con almeno due elementi; sia (S
X
; ) il gruppo costituito dalle applicazioni
biiettive di X su X (rispetto al prodotto di applicazioni).
I] Si mostri che il gruppo (S
X
; ) non `e ridotto allunit`a.
26
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) linsieme X possiede esattamente due elementi;
ii) il gruppo (S
X
; ) `e abeliano;
iii) esiste S
X
, ,= I (I applicazione identica) tale che = per ogni S
X
.
Per stabilire se (S; ) `e un gruppo pu`o essere utile valersi del seguente criterio.
Proposizione 4.2.1. Sia (S; ) un semigruppo; (S; ) `e un gruppo se (e solo se) esiste
in S un elemento neutro a destra e e per ogni s S esiste s
t
S tale che s s
t
= e ( s
t
`e
inverso destro di s rispetto ad e).
Analogo enunciato con sinistro al posto di destro.
Per le Proposizioni 3.1.1 e 4.1.1 occorre (e basta) provare che per ogni s S `e e s = s e
s
t
s = e.
Da s s
t
= e si deduce
e (s s
t
) = e e = e
e quindi, essendo associativa,
(e s) s
t
= e = s s
t
Per ipotesi esiste s S tale che s
t
s = e; allora
[(e s) s
t
] s = (s s
t
) s
e quindi
(e s) (s
t
s) = s (s
t
s)
(e s) e = s e
e s = s.
Ancora da s s
t
= e si deduce
s
t
(s s
t
) = s
t
e
(s
t
s) s
t
= s
t
[(s
t
s) s
t
] s = s
t
s
(s
t
s) (s
t
s) = e
(s
t
s) e = e
s
t
s = e
Proposizione 4.2.2. Sia (S; ) un semigruppo; (S; ) `e un gruppo se e solo se per ogni
a, b S esistono x, y S tali che a x = b e y a = b.
Tali elementi x e y sono univocamente determinati.
Sia (S; ) un gruppo; per ogni a, b S, indicato con a
t
linverso di a in S, `e
a (a
t
b) = (a a
t
) b = e b = b
(b a
t
) a = b (a
t
a) = b e = b;
pertanto esistono x = a
t
b e y = b a
t
tali che a x = b e y a = b.
Mostriamo che x `e univocamente determinato.
Sia x S tale che a x = b; si deduce
a
t
(a x) = a
t
b
(a
t
a) x = a
t
b
e x = a
t
b
x = a
t
b.
Analogo ragionamento per y.
Viceversa, sia (S; ) un semigruppo in cui per ogni a, b S esistono x, y S tali che ax = b
e y a = b.
Scelto a S, esiste e S tale che a e = a; per ogni s S esiste y S tale che y a = s.
Si deduce
y (a e) = y a
(y a) e = y a
s e = s;
ci`o prova che e `e elemento neutro a destra.
Per ogni s S esiste x S tale che s x = e; x `e inverso destro di s.
Per la Proposizione 4.2.1 (S; ) `e un gruppo.
Esercizio 2. Sia (S; ) un semigruppo; (S; ) `e un gruppo se possiede uno ed un solo elemento neutro a
destra e e per ogni s S esiste un inverso sinistro s
t
S. (Suggerimento: si osservi che, se s s
t
= e,
27
allora e (s s
t
) = (s s
t
) (s s
t
) = e.)
E importante segnalare la seguente propriet`a dei gruppi.
Proposizione 4.2.3. In un gruppo (G; ) valgono le leggi di cancellazione o sempli-
cazione, ovvero per a, b, c G se a c = b c o se c a = c b, allora a = b.
Sia a c = b c; detto c
t
linverso di c in G, si ha
(a c) c
t
= (b c) c
t
a (c c
t
) = b (c c
t
)
a e = b e
a = b.
Consideriamo gli Esempi dati in 1.1 e osserviamo che:
i) nel monoide (N
0
; +) valgono le leggi di cancellazione, ma il monoide non `e un
gruppo;
ii) in 2 e in 3 non valgono le leggi di cancellazione;
iii) in 4 e in 5 valgono le leggi di cancellazione, ma non si tratta di gruppi.
Esercizio 3. Ogni semigruppo nito, in cui valgono le leggi di cancellazione, `e un gruppo.
Esercizio 4. Linsieme delle applicazioni iniettive (o suriettive) di un insieme X in se `e un monoide
rispetto al prodotto di applicazioni; `e un gruppo? Valgono in questo monoide le leggi di cancellazione?
4.3. Sottogruppi di un gruppo.
Denizione. Sottogruppo di un gruppo (G; ) `e un sottoinsieme non vuoto di G, che
`e gruppo rispetto alloperazione denita in G.
I sottoinsiemi 1
G
e G di un gruppo (G; ) sono sottogruppi, che vengono detti impropri;
il sottogruppo 1
G
viene anche detto sottogruppo banale.
Per indicare che un sottoinsieme H di un gruppo G `e un sottogruppo di G, si usa scrivere
(H; ) (G; ) o pi u brevemente H G.
Esempi.
1. (Z; +) (Q; +) (R; +) (C; +).
2. Fissato n Z linsieme H
n
= kn[ k Z `e un sottogruppo del gruppo (Z; +).
3. Linsieme delle similitudini sulla retta reale (ovvero delle applicazioni
a,b
: R R
con a, b R, a ,= 0 denite da
a,b
(x) = ax + b per ogni x R), linsieme T delle traslazioni
( ovvero delle applicazioni
1,b
denite da
1,b
(x) = x + b per ogni x R), linsieme
delle omotetie (ovvero delle applicazioni
a,0
denite da
a,0
(x) = ax per ogni x R) sono
sottogruppi del gruppo S
R
costituito da tutte le applicazioni biiettive della retta reale in
se; inoltre e T .
4. Il gruppo alterno. Si `e visto in 4.2 Esempio 4 che ogni sostituzione su n lettere
pu`o essere scritta come prodotto di cicli. Osserviamo per`o che ogni ciclo pu`o essere
scritto come prodotto di scambi (o trasposizioni):
(a
1
, a
2
, a
3
, . . . , a
r
) = (a
1
, a
2
)(a
1
, a
3
) (a
1
a
r
) :
ne segue che ogni sostituzione pu`o essere scritta come prodotto di scambi.
Ad esempio, sar`a
= (1, 5, 3)(2, 6, 8, 7) = (1, 5)(1, 3)(2, 6)(2, 8)(2, 7);
si osservi per`o che `e anche
= (1, 5)(3, 5)(1, 3)(1, 5))(2, 8)(2, 6)(6, 8))(2, 8)(2, 7).
Non `e dunque unica la decomposizione di una sostituzione in prodotto di scambi. Si pu`o
tuttavia dimostrare che `e univocamente determinata la parit`a del numero degli scambi
di cui una sostituzione `e prodotto.
28
Ci`o giustica la denizione che segue.
Denizione. Una sostituzione S
n
viene detta pari (o dispari) se pu`o essere de-
composta in prodotto di un numero pari (rispettivamente, dispari) di scambi.
`
E facile vericare che linsieme delle sostituzioni pari su n lettere `e un sottogruppo del
gruppo simmetrico S
n
, che viene detto sottogruppo alterno e indicato con A
n
o con
Alt(n); `e [A
n
[ =
n!
2
.
5. Si chiama gruppo di trasformazioni su un insieme X un qualunque sottogruppo
del gruppo S
X
costituito dalle applicazioni biiettive di un insieme X su se stesso rispetto
al prodotto di applicazioni.(cfr.4.2 Esempio 2.)
In questa accezione i sottogruppi , T, presentati nellEsempio 3 vengono detti gruppo
delle similitudini, gruppo delle traslazioni, gruppo delle omotetie.
Proposizione 4.3.1. Se H `e un sottogruppo di un gruppo (G; ), lunit`a di H coincide
con lunit`a di G e linverso in H di un elemento h H coincide con linverso di h in G.
Siano 1
H
e 1
G
rispettivamente lunit`a di H e lunit`a di G; per ogni h H `e 1
H
h = 1
G
h = h
e quindi 1
H
= 1
G
per la Proposizione 4.4.5.
Siano rispettivamente h
1
H
e h
1
G
linverso di h in H e in G; da h
1
H
h = 1
H
= 1
G
= h
1
G
h
segue h
1
H
= h
1
G
.
Proposizione 4.3.2.
i) Un sottoinsieme H di un gruppo (G; ) `e un sottogruppo di G se (e solo se) per ogni
h
1
, h
2
H si ha h
1
h
2
H e h
1
1
H.
ii) Un sottoinsieme H di un gruppo (G; ) `e un sottogruppo di G se (e solo se) per ogni
h
1
, h
2
H si ha h
1
h
1
2
H.
iii) Un sottoinsieme nito H di un gruppo (G; ) `e un sottogruppo di G se (e solo se) per
ogni h
1
, h
2
H si ha h
1
h
2
H.
i) Dallipotesi segue 1
G
= h
1
h H.
ii) Per h
1
= h
2
H si deduce 1
G
H. Per ogni h H scegliendo h
1
= 1
G
e h
2
= h si deduce
h
1
H. Per ogni h, k H scegliendo h
1
= h e h
2
= k
1
si deduce hk = h(k
1
)
1
H.
iii) Sia h H; linsieme h
r
[ r N `e contenuto in H ed `e pertanto nito. Esistono allora
due interi positivi r e s tali che h
r
= h
r+s
= h
r
h
s
; ne segue 1
G
= h
s
H e h
1
= h
s1
H.
Esercizio 1. Sia n un intero tale che n = rs con 1 < r < n (r, s interi). Si mostri che linsieme
H = [rk]
n
[ k Z `e un sottogruppo di ordine s del gruppo (Z
n
; +).
Esercizio 2. Sia (G; ) un gruppo.
1) Se H `e un sottogruppo di G,
C
G
(H) = x G[ xh = hx per ogni h H
`e un sottogruppo di G detto centralizzante di H in G.
In particolare il centralizzante di G in G viene detto centro di G e indicato con Z(G).
2) Per a G
C
G
(a) = x G[ xa = ax
`e un sottogruppo di G detto centralizzante di a in G.
Esercizio 3. In G =R1 si consideri loperazione denita da a b = ab + a + b per ogni a, b G.
Si provi che
I) (G; ) `e un gruppo;
II) H = h G[ h > 1 `e un sottogruppo di (G; );
III) K = k G[ 2 < k 0 `e un insieme chiuso rispetto alla , ma non `e un sottogruppo di (G; );
IV) L = 0, 2 `e sottogruppo di (G; ).
Esercizio 4. Sia (G; ) un gruppo; sia a G. Si provi che linsieme H = a
n
[ n Z `e un sottogruppo
di (G; ). (cfr. Esempio 2.)
Proposizione 4.3.3. Sia H
i

iI
una famiglia non vuota di sottogruppi di un gruppo
(G; ): linsieme

iI
H
i
`e un sottogruppo di G.
Linsieme

iI
H
i
`e un sottosemigruppo di G per la Proposizione 2.3.1.
Se x

iI
H
i
, x H
i
per ogni i I; allora x
1
H
i
per ogni i I e quindi x
1

iI
H
i
.
29
5
5.1. Propriet`a distributiva.
Denizione. Sia (S; , ) una struttura algebrica in cui sono denite due operazioni; si
dice che vale la propriet`a distributiva a sinistra di rispetto a se e solo se per ogni
a, b, c S per cui sono deniti b c e a (b c), sono deniti anche a b, a c, (a b) (a c) ed `e
a (b c) = (a b) (a c)
In modo analogo si enuncia la propriet`a distributiva a destra. ((b c) a = (b a) (c a).)
Esempi.
1. In (N ; +, ), (Q ; +, ), (R ; +, ), (C ; +, ) valgono le propriet`a distributive (a destra
e a sinistra) della moltiplicazione rispetto alladdizione, ma non quelle delladdizione
rispetto alla moltiplicazione.
2. In (N
0
; , ), con e denite come in 1.1 Esempi 2 e 3, valgono le propriet`a
distributive di ognuna delle due operazioni rispetto allaltra.
3. Nellinsieme M delle applicazioni di N in N deniamo unoperazione ponendo per
f, g M e per ogni n N
f g : n f(n) +g(n).
Il prodotto di applicazioni `e distributivo a sinistra rispetto alloperazione , ma non a
destra.
Quando in un insieme S sono denite due leggi di composizione (e soprattutto quando
una delle due `e distributiva rispetto allaltra) si usa indicarle con i simboli e +, anche
se S non ha nulla a che vedere con gli abituali insiemi numerici e, di conseguenza, e +
non sono le abituali operazioni di moltiplicazione e addizione.
5.2. Anelli, corpi, campi.
Denizione. Si chiama anello una struttura algebrica (A; +, ) che soddisfa alle seguenti
condizioni:
i) (A; +) `e un gruppo abeliano;
ii) (A; ) `e un semigruppo;
iii) valgono le propriet`a distributive a destra e a sinistra di rispetto a +.
Se loperazione (che verr`a detta prodotto) `e commutativa, si dice che lanello `e
commutativo.
Lelemento neutro del gruppo (A; +) viene indicato con 0 o con 0
A
e detto zero; linverso
di a A rispetto alloperazione + (che verr`a detta somma) viene indicato con a e
detto opposto di a. La potenza n-esima di a A rispetto alla somma viene indicata
con na.
Si usa scrivere a b al posto di a + (b).
Proposizione 5.2.1. Sia (A; +, ) un anello; valgono le seguenti propriet`a:
i) a0 = 0a = 0 per ogni a A;
ii) a (b) = (a) b = (a b) per ogni a, b A;
iii) a (b c) = (a b) (a c) e (b c) a = (b a) (c a) per ogni a, b, c A;
iv) n(a b) = (na) b = a (nb) per ogni a, b A e per ogni n Z;
v) se a, b A e a b = b a, allora (a +b)
n
= a
n
+b
n
+

n1
i=1
_
n
i
_
a
i
b
ni
per ogni n N.
i) Per ogni b A si ha a b = a (b+0)=a b +a0; da a b = a b +a0 segue a0=0
poich`e (A; +) `e un gruppo.
ii)
`
E a b +a (b) = a [b +(b)] = a0=0; da a b +a (b) =0 segue a (b) = (a b).
iii)a (b c) = a [b + (c)] = a b +a (c) = a b + [(a c)] = a b a c.
iv) Proviamo che (na) b = n(a b).
Per n = 0 `e (0a) b =0b =0=0(a b).
30
Per n > 0 per induzione si deduce (na) b = [(n 1)a +a] b = [(n 1)a] b +a b =
= (n 1)(a b) + (a b) = n(a b).
Per n = 1 la tesi segue da ii).
Per n < 1, posto n = (1)n
t
con n
t
> 0, si ha (na) b = [(n
t
a)] b = [(n
t
a) b] =
= [n
t
(a b)] = n(a b).
v) Induzione su n.
Esercizio 1. In un anello (A; +, ) pu`o esistere qualche elemento z ,=0 tale che sia a z = z a = z per
ogni a A?
Se esiste in (A; +, ) un elemento neutro rispetto al prodotto, esso viene detto unit`a
dellanello e viene spesso indicato con 1
A
o anche semplicemente con 1; se lanello possiede
almeno due elementi, lunit`a (quando esiste) `e diversa dallo zero 0 dellanello.
Se lanello A possiede unit`a e un elemento a A ammette inverso rispetto al prodotto,
lelemento a viene detto unitario o invertibile e il suo inverso viene indicato con a
1
.
Esercizio 2. In un anello dotato di unit`a linsieme degli elementi unitari `e un gruppo rispetto al prodotto.
(cfr. 4.2 Esempio 3)
Esempi.
1. (Z; +, ), (Q; +, ), (R; +, ), (C; +, ) sono anelli commutativi, dotati di unit`a, rispetto
alle operazioni di addizione e moltiplicazione dellAlgebra classica.
2. (R
R
; +, ) `e un anello commutativo, dotato di unit`a, rispetto alle operazioni + e cos
denite:
f +g : x f(x) +g(x)
f g : x f(x)g(x)
dove la somma e il prodotto scritti alla destra delle frecce indicano le usuali operazioni
in R.
Un elemento f `e unitario se e solo se f(x) ,= 0 per ogni x R.
Si osservi che (R
R
; +, ) (dove indica il prodotto di applicazioni denito in III, 1.2) non
`e un anello!
3. Linsieme dei vettori dello spazio `e un anello rispetto alla somma di vettori e al
prodotto vettoriale?
4. Sia
Mat
2
(Q) =
_
=
_
a
11
a
12
a
21
a
22
_
[ a
ij
Q
_
;
deniamo in Mat
2
(Q) una somma e un prodotto ponendo
_
a
11
a
12
a
21
a
22
_
+
_
b
11
b
12
b
21
b
22
_
=
_
a
11
+b
11
a
12
+b
12
a
21
+b
21
a
22
+b
22
_
_
a
11
a
12
a
21
a
22
_

_
b
11
b
12
b
21
b
22
_
=
_
a
11
b
11
+a
12
b
21
a
11
b
12
+a
12
b
22
a
21
b
11
+a
22
b
21
a
21
b
12
+a
22
b
22
_
(Mat
2
(Q ); +, ) `e un anello non commutativo, dotato di unit`a. Lelemento `e unitario
se e solo se `e a
11
a
22
,= a
12
a
21
.
Lanello Mat
2
(Q) viene detto anello delle matrici di ordine 2 ad elementi razionali.
Il gruppo moltiplicativo degli elementi unitari dellanello Mat
2
(Q ) viene detto gruppo
generale lineare di grado 2 su Q e viene indicato con GL(2,Q).
Allo stesso modo si deniscono gli anelli Mat
2
(Z), Mat
2
(R), Mat
2
(C) e pi u in generale
Mat
2
(A), dove (A; +, ) `e un qualsiasi anello commutativo.
Denizione. Si chiama corpo un anello (K; +, ) (non ridotto al solo zero) in cui linsieme
degli elementi diversi dallo zero 0 `e un gruppo rispetto al prodotto denito nellanello.
Un corpo commutativo viene detto campo.
31
Proposizione 5.2.2. Un anello (A; +, ) (non ridotto al solo zero) `e un corpo se e solo
se possiede unit`a e ogni elemento diverso da 0 `e unitario.
Sia a b =0 con a, b A; supposto a ,=0, esiste a
1
A e quindi b = 1
A
b = (a
1
a) b =
a
1
(a b) = a
1
0=0. Ne segue che (A0; ) `e un gruppo.
Tra gli Esempi dati sopra solo (Q; +, ), (R; +, ), (C; +, ) sono corpi, anzi campi.
Esercizio 3. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a sinistra e tale che ogni elemento diverso dallo zero
ammette inverso sinistro; si provi che lanello A `e un corpo.
Sussiste il seguente Teorema, di cui omettiamo la dimostrazione.
Teorema di Wedderburn. Ogni corpo nito `e commutativo.
Esercizio 4. Si consideri linsieme H delle matrici quadrate di ordine 2 ad elementi in C del tipo
_


_
dove indica il complesso coniugato di .
Rispetto alla somma e al prodotto deniti come nellEsempio 4, H `e un corpo non commutativo, noto
come corpo dei quaternioni di Hamilton (1805-1865).
Esercizio 5. Sia (K; +, ) un campo; siano a, b, c, d K con b ,= 0 e d ,= 0. Si provi che valgono
le uguaglianze
ab
1
+cd
1
= (ad +bc)(bd)
1
(ab
1
)(cd
1
) = (ac)(bd)
1
.
(Si noti che scrivendo
a
b
al posto di ab
1
le uguaglianze diventano
a
b
+
c
d
=
ad+bc
bc
a
b

c
d
=
ac
bd
ben note regole di calcolo frazionario.)
Osservazione. In un anello (A; +, ) pu`o essere a b =0 (con a, b A) anche se `e a ,=0 e
b ,=0.
Consideriamo lEsempio 2 dato sopra. Lo zero dellanello (R
R
; +, ) `e lapplicazione
z : RR tale che z(x) = 0 per ogni x R. Siano f, g : RR denite come segue:
f(x) =
_
1, per x = 0,
0, per x ,= 0;
g(x) =
_
1, per x = 2,
0, per x ,= 2;
E f g = z con f ,= z e g ,= z.
Denizione. Sia (A; +, ) un anello; un elemento a A viene detto divisore dello zero
se `e a ,=0 ed esiste b A, b ,=0 tale che a b = 0 o b a = 0.
Ovviamente ogni corpo `e privo di divisori dello zero; (Z; +, ) `e un anello privo di divisori
dello zero, ma non `e corpo.
Denizione. Si dice che in un anello (A; +, ) valgono le leggi di cancellazione rispetto
al prodotto se e solo se per a, b, c A con a ,=0 da a b = a c segue b = c e da b a = c a
segue b = c.
Proposizione 5.2.3. Un anello (A; +, ) `e privo di divisori dello zero se e solo se in esso
valgono le leggi di cancellazione rispetto al prodotto.
Sia (A; +, ) privo di divisori dello zero; siano a, b, c A tali che a b = a c con a ,=0. Si ha
0=(a b) (a c) = a (b c) e quindi 0=b c ovvero b = c.
Viceversa valgano in (A; +, ) le leggi di cancellazione rispetto al prodotto; siano a, b A tali
che a b =0. Se a ,=0, da a b = a0 si deduce b =0.
Proposizione 5.2.4. Ogni anello nito, non ridotto al solo zero e privo di divisori dello
zero, `e un corpo. (cfr. anche Esercizio 3 in 4.2).
32
Sia (A; +, ) un anello nito, privo di divisori dello zero; se 0,= a A, per ogni n N `e
a
n
,=0 e linsieme a
n
[n N `e nito. Esistono pertanto due interi positivi s, t tali che
a
s
= a
s+t
= a
s
a
t
= a
t
a
s
.
Per ogni b A si ha allora a
s
b = a
s
a
t
b e b a
s
= b a
t
a
s
; essendo a
s
,=0, si deduce
b = a
t
b = b a
t
e pertanto a
t
`e unit`a dellanello A.
Lelemento a ammette allora come inverso a
t1
(che coincide con a per t = 1).
Per la Proposizione 5.2.2 (A; +, ) `e un corpo.
Esercizio 6. Si mostri che lanello (Mat
2
(A); +, ) possiede divisori dello zero.
Esercizio 7. Sia A un anello dotato di unit`a.
1) Si mostri che nessun elemento unitario `e divisore dello zero.
2) Si provi che se A `e nito, i divisori dello zero sono tutti e soli gli elementi non unitari, diversi dallo
zero.
3) Se A =Mat
2
(Q) o se A =Mat
2
(Z) esistono elementi non unitari, diversi dallo zero, che non sono
divisori dello zero?
Un anello commutativo, privo di divisori dello zero, viene detto dominio dintegrit`a.
Denizione. Un anello (A; +, ), tale che sia a b =0 per ogni a, b A, viene detto zero-
anello.
Ogni gruppo abeliano G pu`o essere visto come zero-anello, assumendo come somma la
legge di composizione denita in G e denendo il prodotto con a b =0 per ogni a, b G
(dove 0 indica lelemento neutro di G).
5.3. Sottoanelli, sottocorpi.
Denizione. Sottoanello di un anello (A; +, ) `e un sottoinsieme H di A, che `e un anello
rispetto alla somma e al prodotto deniti in A.
Scriveremo (H; +, ) (A; +, ).
Un sottoanello H di un anello (A; +, ) `e dunque un sottogruppo del gruppo additivo (A; +),
che `e anche sottosemigruppo del semigruppo (A; ).
Pertanto un sottoinsieme H di un anello (A; +, ) `e un sottoanello se e solo se per ogni
h
1
, h
2
H si ha h
1
h
2
H e h
1
h
2
H.
I sottoinsiemi 0 e A di un anello (A; +, ) sono sottoanelli (detti impropri) di A.
Esempi.
1. Fissato n Z, linsieme H
n
= kn[ k Z `e un sottoanello dellanello (Z; + ).
2. (Z; +, ) `e un sottoanello di (Q;+, ), che `e a sua volta sottoanello di (R; +, ).
Se H `e un sottoanello di un anello A, il fatto che H possieda unit`a `e indipendente dal fatto
che la possieda A; anche nel caso che entrambi possiedano unit`a, le due unit`a possono
coincidere o essere diverse.
Esempio 3. Nellanello (Mat
2
(Z), +, ) si considerino il sottoanello
A =
__
2a b
0 0
_
[ a, b Z
_
e il sottoanello
B =
__
b 0
0 0
_
[ b Z
_
;
Mat
2
(Z) possiede unit`a, A non la possiede e B possiede unit`a diversa dallunit`a di Mat
2
(Z).
Un sottoanello di un anello (A; +, ), che sia corpo rispetto alla somma e al prodotto
deniti in A, viene detto sottocorpo.
Se A `e un corpo, un suo sottoanello H pu`o non essere sottocorpo, ad esempio A =Q
e H =Z. Anche se A non `e un corpo, un suo sottoanello pu`o essere corpo; ad esempio
nellanello Mat
2
(Q) il sottoanello
33
C =
__
a 0
0 a
_
[ a Q
_
`e un sottocorpo.
Esercizio 1. Sia k R sso. Sia
A =
__
a +kb b
b a
_
[ a, b R
_
I] Si verichi che A `e un sottoanello commutativo dellanello (Mat
2
(R);+,).
II] Si determinino i valori di k per i quali lanello (A; +, ) `e un sottocampo di (Mat
2
(R);+,).
III] Si mostri che l anello (A; +, ) `e un campo se e solo se `e privo di divisori dello zero.
Se (K; +, ) `e un corpo, un suo sottoinsieme H `e sottocorpo se e solo se (H; +) `e sottogruppo
del gruppo additivo (K; +) e (H0; ) `e un sottogruppo del gruppo (K0; ).
Pertanto se H `e un sottocorpo di un corpo K, ad H appartengono lunit`a di K e linverso
(in K) di ogni elemento non nullo di H.
Proposizione 5.3.1.
1) Se H
i

iI
`e una famiglia non vuota di sottoanelli di un anello (A; +, ), il sottoinsieme

iI
H
i
`e un sottoanello di A.
2) Se H
i

iI
`e una famiglia di sottocorpi di un corpo (K; +, ), il sottoinsieme

iI
H
i
`e
un sottocorpo di K.
Corollario 5.3.2. Lintersezione di tutti i sottocorpi di un corpo (K; +, ) `e un sottocorpo
K
0
, che viene detto sottocorpo minimo di K; esso `e infatti minimo nella famiglia dei
sottocorpi di K, ordinata rispetto allinclusione insiemistica.
5.4. Lanello (Z
n
; +, ) delle classi di resti modn.
In II.2.2 sono state introdotte la congruenza e le classi di resti modulo n in Z e si `e
mostrato che la congruenza modulo n `e compatibile con la somma e il prodotto deniti
in Z (cfr. Proposizione II.2.2.1); da ci`o segue
Proposizione 5.4.1.
1) Sono ben denite in Z
n
le seguenti leggi di composizione di somma e prodotto:
[a]
n
+ [b]
n
= [a +b]
n
[a]
n
[b]
n
= [ab]
n
2) (Z
n
, +, ) `e un anello commutativo, dotato di unit`a.
3) Un elemento [a]
n
Z
n
`e unitario se e solo se `e M.C.D.(a, n) = 1.
1) Se [a]
n
= [a
t
]
n
e [b]
n
= [b
t
]
n
, allora [a +b]
n
= [a
t
+b
t
]
n
e [ab]
n
= [a
t
b
t
]
n
.
2) [1]
n
`e lunit`a dellanello.
3) [a]
n
`e unitario in (Z
n
; +, ) se e solo se esiste [b]
n
Z
n
tale che [a]
n
[b]
n
= [1]
n
ovvero se
e solo se esiste b Z tale che ab 1 (modn). La tesi segue da II.2.2 Esercizio 2.
Applicazione. La prova del 9, la prova dell11.
Proposizione 5.4.2. Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (Z
n
, +, ) `e un campo;
ii) (Z
n
, +, ) `e privo di divisori dello zero;
iii) n `e un numero primo.
i) ii): ovvio.
ii) iii):
se n non fosse primo, sarebbe n = rs con r, s N, 1 < r < n, 1 < s < n; allora
[r]
n
[s]
n
= [0]
n
con [r]
n
,= [0]
n
e [s]
n
,= [0]
n
.
iii) i):
se [a]
n
,= [0]
n
, n non divide a; essendo n primo, `e 1=M.C.D.(n, a) e quindi [a]
n
`e unitario
in (Z
n
; +, ).
Per ogni numero primo p esiste dunque un campo nito di ordine p, precisamente
(Z
p
, +, ).
34
Esercizio 1. Nellanello (Z
n
; +, ) esiste qualche elemento [a]
n
,= [0]
n
tale che [a]
2
n
= [0]
n
se e solo se
esiste qualche primo p tale che p
2
divide n.
Esercizio 2. Sia n un intero tale che n = rs con 1 < r < n (r, s interi).
1) Linsieme H = [rk]
n
[ k Z `e un sottoanello dellanello (Z
n
; +, ) di ordine s.
2) Lanello (H; +, ) possiede unit`a se e solo se `e M.C.D.(r, s) = 1; in tal caso lunit`a di (H; +, ) `e diversa
dallunit`a di (Z
n
; +, ).
3) H `e un sottocorpo di Z
n
se e solo se s `e un numero primo che non divide r.
Esercizio 3. Siano n N con n 2 e k N con 1 k < n.
Si denisca in Z
n
unoperazione ponendo per ogni [a]
n
, [b]
n
Z
n
[a]
n
[b]
n
= [kab]
n
I] Si verichi che (Z
n
; +, ) `e un anello, non zero-anello.
II] Si provi che lanello (Z
n
; +, ) possiede unit`a se e solo se `e M.C.D.(k, n) = 1.
III] Si provi che se `e M.C.D.(k, n) ,= 1, ogni elemento non nullo dellanello (Z
n
; +, ) `e un divisore dello
zero.
5.5. Anelli di polinomi. Lanello K[x]: divisibilit`a e fattorizzazione. Radici.
LAlgebra classica ci ore altri esempi notevoli di anelli: gli anelli di polinomi in una
o pi` u indeterminate a coecienti interi, razionali, reali, complessi. Vogliamo ritrovare
questi anelli come caso particolare di anelli di polinomi su un anello (A; +, ).
Sia P linsieme delle successioni = (a
0
, a
1
, a
2
, . . .) di elementi di A per le quali esiste
un intero n tale che a
n+t
= 0
A
per ogni t > 0; chiameremo polinomio una successione
cosiatta.
Per ogni polinomio , diverso dal polinomio zero 0=(0
A
, 0
A
, 0
A
, . . .), si denisce il grado
come lintero n tale che a
n
,= 0
A
e a
n+t
= 0
A
per ogni t > 0; a
n
viene detto coeciente
direttivo del polinomio.
Deniamo in P unoperazione di somma e unoperazione di prodotto come segue.
Siano = (a
0
, a
1
, a
2
, . . .) e = (b
0
, b
1
, b
2
, . . .) due polinomi con a
n+t
= b
m+t
= 0
A
per ogni t > 0.
Poniamo
+ = (c
0
, c
1
, c
2
, . . .) con c
i
= a
i
+b
i
per ogni i 0,
= (d
0
, d
1
, d
2
, . . .) con d
i
=

j+l=i
a
j
b
l
per ogni i 0;
posto r=maxn, m, `e c
r+t
= 0
A
e d
n+m+t
= 0
A
per ogni t > 0 e pertanto + e
appartengono a P.
Si verica che P, rispetto alla somma e al prodotto cos` deniti, `e un anello, che viene
detto anello di polinomi sullanello A.
Tra gli elementi non nulli di P esistono i polinomi (a
0
, a
1
, . . .) tali che a
i
= 0 per ogni indice
i diverso da un dato n; indicheremo un polinomio cosiatto con a
n

n
.
E immediato che per = (a
0
, a
1
, . . . , a
n
, 0
A
, 0
A
, . . .) P si ha
= a
0

0
+a
1

1
+ +a
n

n
,
dove + indica la somma di polinomi sopra denita.
Ad esempio per A=Z e = (2, 3, 0, 1, 0, 4, 0, 0, 0, . . .) sar`a = 2
0
+(3)
1
+1
3
+4
5
.
La notazione algebrica cos` introdotta per i polinomi giustica il fatto che lanello
di polinomi su un anello A venga indicato con A[] e detto anello di polinomi con
coecienti in A.
Si verica che se = a
n
e = b
m
, allora = ab
n+m
. Questo consente, scritti i polinomi
nella forma algebrica, di calcolarne somma e prodotto nel modo in cui nellAlgebra
classica si calcolano somma e prodotto di polinomi a coecienti interi, razionali, reali.
Osservazione. Linsieme costituito dallo zero e dai polinomi di grado zero di A[x] `e
un sottoanello di (A[x]; +, ): posto a = a
0
= (a, 0
A
, 0
A
, . . .) per ogni a A, `e a + b = a +b
e a b = a b. Non nascono pertanto equivoci se si scrive semplicemente a al posto di a.
(Questo discorso verr`a meglio precisato in seguito, cfr.8.1 Esempio 8.)
35
Si verica facilmente la Proposizione che segue.
Proposizione 5.5.1. Sia (A; +, ) un anello;
i) lanello di polinomi A[] `e commutativo se e solo se `e commutativo lanello A dei
coecienti;
ii) lanello A[] possiede unit`a se e solo se lanello A possiede unit`a;
iii) lanello A[] `e privo di divisori dello zero se e solo se lanello A `e privo di divisori
dello zero.
Supponiamo ora che lanello (A; +, ) possieda unit`a, che indicheremo con 1; il poli-
nomio (1, 0
A
, 0
A
, . . .) `e unit`a di A[].
Sar`a 1
1
= (0
A
, 1, 0
A
, 0
A
, . . .) e quindi 1
n
= (1
1
)
n
per ogni n 0; posto inoltre a = a
0
per
ogni a A, `e a
n
= a (1
1
)
n
. Se si conviene allora di scrivere semplicemente al posto
di 1
1
e quindi
n
al posto di (1
1
)
n
, si pu`o scrivere
() = a
0

0
+a
1

1
+ +a
n

n
= a
0
+a
1
+ +a
n

n
,
dove nellultimo termine i segni + e indicano somma e prodotto di polinomi.
Pertanto, scrivendo semplicemente a al posto di a, ogni polinomio assume la forma
() = a
0
+a
1
+a
2

2
+ +a
n

n
.
Ogni polinomio () individua una applicazione : A A, detta funzione polinomiale
destra denita da
(k) = a
0
+a
1
k +a
2
k
2
+ +a
n
k
n
per ogni k A
e una funzione polinomiale sinistra

: A A denita da

(k) = a
0
+ka
1
+k
2
a
2
+ +k
n
a
n
per ogni k A
(dove + e indicano la somma e il prodotto in A).
Se lanello (A; +, ) `e commutativo, le due funzioni polinomiali coincidono; in tal caso `e
entrato nelluso valersi dello stesso simbolo (x) per indicare un polinomio e la relativa
funzione polinomiale (si deve per`o usare una certa cautela poiche a polinomi diversi pu`o
corrispondere la stessa funzione polinomiale: ad esempio per A =Z
p
, (x) = x , (x) = x
p
si ha =

per II Teorema 2.2.3) e indicare con A[x] lanello di polinomi a coecienti
in A.
Esercizio 1. Siano (), () due polinomi di A[]; siano () = () +() e () = ()() la
loro somma e il loro prodotto in A[]. Si mostri che
i] per ogni k A `e (k) = (k) +

(k);
ii] se A `e commutativo, `e (k) = (k)

(k);
iii] se A non `e commutativo, pu`o essere (k) ,= (k)

(k).
Esercizio 2. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; sia D linsieme costituito dallo zero e
dai divisori dello zero di A.
Si provi che, se il polinomio f(x) = k
n
x
n
+ +k
0
A[x] `e un divisore dello zero nellanello di polinomi
A[x], allora k
n
, k
0
D.
Si determinino a, b Z
6
tali che il polinomio f(x) = ax + b Z
6
[x] sia un divisore dello zero nellanello
Z
6
[x]. Un polinomio f(x) = ax +b Z
6
[x] pu`o essere unitario nellanello Z
6
[x]?
Lanello di polinomi su un campo: algoritmo della divisione e fattorizzazione.
Se (K; +, ) `e un campo, lanello di polinomi K[x] gode di propriet`a analoghe a quelle viste
allinizio per lanello Z degli interi relativi. Qui cominciamo a vederne alcune.
Osservazione 5.5.2. Siano (A; +, ) un anello dotato di unit`a e (), () A[]; se il
coeciente direttivo di almeno uno dei due polinomi non `e un divisore dello zero di A
(o addirittura `e un elemento unitario di A), `e deg(()()) =deg()+deg() (dove
deg() indica il grado di ()).
Proposizione 5.5.3. Siano (A; +, ) un anello dotato di unit`a e () un polinomio di
A[x] non nullo, con coeciente direttivo unitario; per ogni () A[] esistono e sono
univocamente determinati q(), r() A[] tali che
36
() = ()q() +r() e r() = 0 oppure degr() <deg()
I polinomi q() e r() vengono detti quoziente e resto della divisione a sinistra di ()
per ().
Proviamo anzitutto che q(x) e r(x), se esistono, sono univocamente determinati.
Se (x) = (x)q(x) + r(x) = (x)q(x) + r(x), allora (x)[q(x) q(x)] = r(x) r(x); per
lOsservazione 5.5.2, se fosse q(x) ,= q(x), sarebbe deg ((x)[q(x) q(x)]) deg (x), mentre
deg (r(x) r(x)) <deg (x), assurdo. Pertanto q(x) = q(x) e anche r(x) = r(x).
Mostriamo che q(x) e r(x) esistono.
Siano deg (x) = n e deg (x) = m. Se n < m baster`a porre q(x) = 0 e r(x) = (x).
Sia n m. Il sistema di equazioni che segue nelle incognite q
0
, q
1
, . . . , q
nm
, r
0
, r
1
, . . . , r
m1
ammette soluzione poiche b
m
`e invertibile in A:
a
n
= b
m
q
nm
a
n1
= b
m
q
nm1
+b
m1
q
nm
. . . . . . . . . . . . . . .
a
m+1
= b
m
q
1
+b
m1
q
2
+
a
m
= b
m
q
0
+b
m1
q
1
+
a
m1
= b
m1
q
0
+ +r
m1
. . . . . . . . . . . . . . .
a
1
= b
1
q
0
+b
0
q
1
+r
1
a
0
= b
0
q
0
+r
0
Baster`a allora porre q(x) = q
nm
x
nm
+ +q
1
x +q
0
e r(x) = r
m1
x
m1
+ +r
1
x +r
0
.
In modo analogo si deniscono il quoziente e il resto a destra.
Corollario 5.5.4. Se (K; +, ) `e un campo e (x) `e un polinomio non nullo di K[x], per
ogni (x) K[x] esistono e sono univocamente determinati il quoziente e il resto della
divisione di (x) per (x).
Denizione. Siano (), () A[]; si dice che () `e divisibile a sinistra (o a destra)
per () se esiste () A[] tale che () = ()() ( o () = ()()).
Denizione. Sia (K; +, ) un campo; si chiama massimo comun divisore in K[x] di
due polinomi (x), (x) K[x] un polinomio d(x) K[x] tale che
1) d(x) divide (x) e (x);
2) se un polinomio c(x) K[x] divide (x) e (x), allora c(x) divide d(x).
Scriveremo che d(x) `e M.C.D.((x), (x)).
Se (x) = (x) =0, il polinomio 0 `e loro massimo comun divisore.
Proposizione 5.5.5.
i) Per ogni (x), (x) K[x] non entrambi nulli esiste in K[x] un loro massimo comun
divisore, che si pu`o determinare con lalgoritmo euclideo delle divisioni successive;
ii) se d(x) `e M.C.D.((x), (x)) in K[x], tutti e soli i polinomi kd(x) con k K0 sono
M.C.D.((x), (x));
iii) se d(x) `e M.C.D.((x), (x)) in K[x], esistono f(x), g(x) K[x] tali che d(x) = (x)f(x) +
(x)g(x).
La dimostrazione `e analoga a quella di I Teorema 3.1.3.
Denizione. Due polinomi non entrambi nulli (x), (x) K[x] vengono detti primi
fra loro o coprimi se lunit`a di K `e loro massimo comun divisore, ovvero (per la
Proposizione 5.5.5) se esistono f(x), g(x) K[x] tali che (x)f(x) +(x)g(x) = 1
K
.
Esercizio 3.
1) Sia (K; +, ) un campo e siano
1
(x),
2
(x) K[x] non nulli; si provi che
1
(x) e
2
(x) non sono
coprimi se e solo se esistono
1
(x),
2
(x) K[x] non nulli con deg
1
(x) <deg
1
(x), deg
2
(x) <
deg
2
(x), tali che
1
(x)
2
(x) =
2
(x)
1
(x).
2) Si considerino i polinomi x
3
+ 2x
2
+ 1 Z
p
[x] e x
3
+x 2 Z
p
[x] (p primo); si determinino i valori
di p per i quali i due polinomi non sono coprimi.
Esercizio 4. Sia (K; +, ) un campo; siano
1
(x),
2
(x) K[x], aventi grado maggiore di zero.
37
Detto d(x) un massimo comun divisore di
1
(x) e
2
(x) in K[x] e posto
1
(x) = d(x)
1
(x),
2
(x) =
d(x)
2
(x), si provi che esistono f
1
(x), f
2
(x) K[x] tali che sia
d(x) =
1
(x)f
1
(x) +
2
(x)f
2
(x),
con deg f
1
(x) <deg
2
(x) e deg f
2
(x) <deg
1
(x).
Esercizio 5. Si stabiliscano e si provino per K[x] enunciati analoghi a quelli dati per Z negli Esercizi
1,2,3 di I, 3.1.
Denizione. Per ogni polinomio f(x) K[x] i polinomi del tipo kf(x), dove k K0,
vengono detti associati a f(x).
Due polinomi non nulli di K[x] si dividono a vicenda se e solo se sono associati.
Denizione. Un polinomio g(x) K[x], non nullo e avente grado maggiore di zero, viene
detto irriducibile in K[x] se i suoi divisori in K[x] sono solo gli elementi unitari (ovvero
i polinomi di grado zero) e i polinomi ad esso associati.
Proposizione 5.5.6. Se un polinomio irriducibile g(x) K[x] divide un prodotto di n
polinomi di K[x], esso divide almeno uno dei fattori.
Baster`a dimostrare la tesi per n = 2 e fare quindi induzione su n.
Sia a(x)b(x) = g(x)c(x) con a(x), b(x), c(x) K[x]; supponiamo che g(x) non divida a(x).
Essendo g(x) irriducibile, sar`a 1
K
=M.C.D.(g(x), a(x)) e quindi 1
K
= k(x)g(x) + h(x)a(x)
per qualche k(x), h(x) K[x].
Ne segue b(x) = k(x)g(x)b(x) + h(x)a(x)b(x) = [k(x)b(x) + h(x)c(x)]g(x) e pertanto g(x)
divide b(x).
Teorema 5.5.7. In K[x] ogni polinomio non nullo, avente grado maggiore di zero, pu`o
essere scritto in uno ed un solo modo come prodotto di un elemento non nullo di K e di
un numero nito di polinomi monici (i.e. aventi come coeciente direttivo lunit`a di
K) irriducibili di K[x].
Ne segue che se (x) = g
1
(x) g
s
(x) = h
1
(x) h
t
(x) con g
i
(x) e h
j
(x) polinomi irriducibili di
K[x] per ogni i e j, allora s = t e (cambiando eventualmente gli indici) per ogni i = 1, . . . , s
i polinomi g
i
(x) e h
i
(x) sono associati.
Facendo induzione sul grado si prova che ogni polinomio di K[x], non nullo e avente grado
maggiore di zero, `e irriducibile o `e prodotto di un numero nito di polinomi irriducibili.
Si osservi poi che se g(x) = k
n
x
n
+ . . . + k
1
x + k
0
, allora k
n
,= 0 e g(x) = k
1
n
g(x) `e un
polinomio monico, irriducibile in K[x].
Pertanto si potr`a scrivere a(x) = d g
1
(x) g
s
(x), con d K, s 1, g
i
(x) monico, irriducibile
in K[x] per i = 1, . . . , s.
Sia anche a(x) = d

h
1
(x) h
t
(x) con h
j
(x) monico irriducibile in K[x] per j = 1, . . . , t e
d

K; supponiamo s t.
d e d

coincidono con il coeciente direttivo di a(x) e quindi d = d

; allora g
1
(x) g
s
(x) =
h
1
(x) h
t
(x).
Per la Proposizione 5.5.6 g
1
(x) divide uno dei fattori h
j
(x); cambiando eventualmente gli
indici (K[x] `e commutativo!), possiamo supporre che g
1
(x) divida h
1
(x). Poniamo h
1
(x) =
g
1
(x)l(x); poiche h
1
(x) `e irriducibile, sar`a l(x) = l K e, poiche h
1
(x) e g
1
(x) sono monici,
sar`a l = 1
K
ovvero h
1
(x) = g
1
(x).
Si deduce g
2
(x) g
s
(x) = h
2
(x) h
t
(x); se s = 1, da 1
K
= h
2
(x) h
t
(x)) segue t = 1.
Facendo induzione su s si deduce s = t e (cambiando eventualmente gli indici) g
i
(x) = h
i
(x)
per i = 1, . . . , s.
Denizione. Se il polinomio g(x) `e un fattore irriducibile di (x), si dice che g(x) ha
molteplicit`a r se (x) `e divisibile per g(x)
r
e non `e divisibile per g(x)
r+1
.
Ci`o equivale a dire che il polinomio monico associato a g(x) compare esattamente r volte
nella decomposizione di (x) in prodotto di polinomi irriducibili (di cui si `e detto al
Teorema 5.5.7).
`
E facile determinare la decomposizione di (x) in prodotto di polinomi irriducibili,
38
quando si conoscano i suoi divisori irriducibili distinti. In molti casi `e possibile deter-
minare un polinomio che `e il prodotto dei divisori irriducibili distinti di (x) o stabilire
se i fattori irriducibili di (x) siano tutti semplici (i.e. molteplicit`a 1).
Denizione. Si chiama derivata del polinomio (x) = a
n
x
n
+a
n1
x
n1
+ +a
1
x+a
0
K[x]
il polinomio
t
(x) = na
n
x
n1
+ (n 1)a
n1
x
n2
+ + 2a
2
x +a
1
.
Proposizione 5.5.8.
1) Se (x) = (x)(x) allora
t
(x) =
t
(x)(x) +(x)
t
(x).
2) Se (x) = (x)
n
(con n N), allora
t
(x) = n(x)
n1

t
(x).
3) Se (x) `e divisibile per (x)
n
, allora
t
(x) `e divisibile per (x)
n1
e (x)
n1
divide
M.C.D.)((x),
t
(x)).
1) Verica banale.
2) Induzione su n. Ovvio per n = 1. Se n 2, per la 1) da (x) = (x)(x)
n1
si deduce

t
(x) =
t
(x)(x)
n1
+(x)[(n 1)(x)
n2

t
(x)] = n(x)
n1

t
(x).
3) Se (x) = (x)
n
(x), allora
t
(x) = n(x)
n1

t
(x)(x) +(x)
n

t
(x) =
= (x)
n1
[n
t
(x)(x) +(x)
t
(x)].
Dalla 3) della Proposizione 5.5.8 segue che, se `e M.C.D.((x),
t
(x)) = 1, ogni fattore
irriducibile di (x) ha molteplicit`a 1.
Diamo ora alcune propriet`a relative a sottocampi del campo complesso; segnaliamo per`o
che la Proposizione 5.5.9. che segue e il suo Corollario possono essere estesi ad altri
campi.(cfr. Esercizi 4 e 5 in V, 3.2.)
Proposizione 5.5.9. Sia K un sottocampo del campo complesso (C,+, ).
1) Sia g(x) un fattore irriducibile del polinomio (x) K[x] avente molteplicit`a r; g(x) `e
fattore irriducibile di
t
(x) se e solo se `e r 2 e in tal caso g(x) `e fattore di
t
(x) con
molteplicit`a r 1.
2) Posto d(x)=M.C.D.((x),
t
(x)) e (x) = d(x)(x), il polinomio (x) ha gli stessi fattori
irriducibili di (x), ognuno con molteplicit`a 1.
1) Sia (x) = g(x)
r
(x) e quindi
t
(x) = g(x)
r1
[rg
t
(x)(x) +g(x)
t
(x)]. Poiche rg
t
(x) ,=0
e g(x) non divide ne (x) ne rg
t
(x), g(x)
r
non divide
t
(x); se ne deduce facilmente la tesi.
2) Ogni fattore irriducibile di (x) `e ovviamente fattore irriducibile di (x).
Se g(x) `e fattore irriducibile di (x) con molteplicit`a r, g(x) `e fattore irriducibile di d(x) con
molteplicit`a r 1 (attenzione al caso r = 1!) e pertanto `e fattore di (x) con molteplicit`a 1.
Corollario 5.5.10. Sia K un sottocampo del campo complesso; sia (x) K[x]. I fattori
irriducibili di (x) hanno tutti molteplicit`a 1 se e solo se M.C.D.((x),
t
(x)) = 1.
Radici di un polinomio.
Denizione. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; siano 0,= (x) A[x] e
k A. Si dice che k `e radice di (x) se la funzione polinomiale si annulla in k, ovvero
se `e (k) = 0.
Teorema 5.5.11.(Runi 1765-1822) Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a;
siano k A, 0,= (x) A[x]. Lelemento k `e radice di (x) se e solo se il polinomio (x) `e
divisibile in A[x] per il polinomio x k.
Per la Proposizione 5.5.3 esistono q(x) A[x] e r A tali che (x) = (xk)q(x) +r; poiche
lanello A `e commutativo, `e (k) = (k k)q(k) +r = r e quindi (k) = 0 se e solo se r = 0.
Osservazione.
I] Dal teorema di Runi si deduce che se (K; +, ) `e un campo e (x) K[x],
i) se (x) `e irriducibile in K[x] e deg(x) 2, allora (x) non ha radici in K;
ii) se (x) non ha radici in K e 2 deg(x) 3, allora (x) `e irriducibile in K[x].
II] Il polinomio (x) = a
1
x +a
0
con a
1
,= 0 `e irriducibile e ammette come radice a
1
1
a
0
.
III] Per K =Q e (x) = (x
2
+ 1)
2
, (x) non ha radici in Q, ma `e riducibile in Q[x].
39
Se lanello A non `e commutativo (ad esempio se A `e un anello di matrici), ad ogni poli-
nomio () si possono associare due funzioni polinomiali, quella destra e quella sinistra.
Vale anche in questo caso un enunciato tipo Runi:
Esercizio 6. Siano (A; +, ) un anello dotato di unit`a (non necessariamente commutativo), k A,
() A[].
I] Si provi che il resto a destra della divisione di () per k `e (k) (dove indica la funzione
polinomiale destra). Pertanto () `e divisibile a destra per k se e solo se `e (k) = 0.
II] Si mostri che le condizioni
i) (k) = 0,
ii) () `e divisibile a sinistra per k,
sono indipendenti.
Esercizio 7. Sia p un numero primo, maggiore di 2. Si provi che se r N `e un divisore (proprio o
improprio) di p 1, il polinomio x
r
1 Z
p
[x] `e prodotto di polinomi monici di primo grado.
Denizione. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; siano 0,= (x) A[x] e
k A una sua radice. Si chiama molteplicit`a della radice k di (x) il massimo intero
positivo r tale che (x) `e divisibile per (x k)
r
.
Il Teorema di Runi garantisce che, se k `e radice di (x), esiste qualche intero positivo
s tale che (x) `e divisibile per (x k)
s
; lOsservazione 5.5.2 garantisce che s deg(x) e
che pertanto esiste il massimo intero positivo r tale che (x) `e divisibile per (x k)
r
.
Esercizio 8. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
+ax + 1 Z
5
[x]; si determinino i valori di a Z
5
per i
quali f(x) ammette una radice doppia.
Esercizio 9. Determinare per quali valori del primo p il polinomio x
3
+ 2x + 1 Z
p
[x] ammette una
radice almeno doppia in Z
p
.
Esercizio 10. Sia p un numero primo ssato; si consideri il polinomio (x) = x
3
+ 2x + 2 Z
p
[x].
1) Si provi che se a Z
p
`e radice doppia (i.e. con molteplicit`a 2) di (x), allora `e a [0]
p
, [1]
p
, [2]
p
.
2) Si determinino i valori di p per i quali il polinomio (x) ammette una radice doppia in Z
p
.
Esercizio 11. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; sia D linsieme costituito dallo zero e
dai divisori dello zero di (A; +, ). Si provi che, se il polinomio f(x) A[x] `e divisore dello zero nellanello
(A[x]; +, ), allora f(a) D per ogni a A.
In particolare, se (K; +, ) `e un campo, k K `e radice di (x) K[x] con molteplicit`a r se e
solo se il polinomio x k `e un fattore irriducibile di (x) con molteplicit`a r; dal Teorema
5.5.7 si deduce allora il teorema seguente.
Teorema 5.5.12. Se (K; +, ) `e un campo e 0,= (x) K[x], la somma delle molteplicit`a
( e quindi anche il numero) delle radici in K di (x) non supera il grado di (x).
Corollario 5.5.13. (Principio didentit`a dei polinomi) Sia (K; +, ) un campo
e siano (x), (x) due polinomi in K[x] di grado n; se esistono n + 1 elementi distinti
k
1
, . . . , k
n+1
K tali che (k
i
) = (k
i
) per i = 1, . . . , n + 1, allora (x) = (x).
Sia (x) = (x) (x); gli elementi k
1
, . . . , k
n+1
sono radici distinte di (x). Se fosse
(x) ,=0, questo sarebbe assurdo poiche sarebbe anche deg (x) n.
Corollario 5.5.14. Se K `e un campo innito, polinomi distinti di K[x] individuano
funzioni polinomiali distinte.
Se (x) e (x) sono polinomi distinti di K[x], `e nito linsieme k
1
, . . . , k
n
delle radici di
(x) (x); pertanto esiste k Kk
1
, . . . , k
n
e (k) ,= (k).
Concludiamo citando limportante Teorema fondamentale dellAlgebra.
Teorema 5.5.15. Ogni polinomio di C[x], avente grado maggiore di zero, ammette una
radice in C, ovvero per ogni polinomio non nullo di C[x] la somma delle molteplicit`a delle
radici in C `e uguale al grado del polinomio.
Ne segue che i polinomi irriducibili di C[x] sono tutti e soli i polinomi di grado 1.
40
5.6. Domini a fattorizzazione unica.
Abbiamo stabilito per gli anelli Z (cfr. I Teorema 4.1.2) e K[x] (cfr. Teorema 5.5.7)
teoremi di fattorizazione; Z e K[x] sono esempi degli anelli che presenteremo in questo
paragrafo.
In tutto il paragrafo sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a 1; sia inoltre V
D
linsieme degli elementi unitari di D (cfr.5.2).
Denizione. Siano a, b D; si dice che a divide b (e si scrive a[b) se e solo se esiste c D
tale che b = ac.
Proposizione 5.6.1. La relazione denita in D ponendo per a, b D
a b se e solo se a[b e b[a
`e unequivalenza; se a b, si dice che a e b sono associati.
Gli elementi unitari di D sono tutti e soli gli elementi associati allunit`a 1 di D.
`
E a b se e solo se esiste un elemento unitario v V
D
tale che a = bv.
Per ogni a D gli elementi associati ad a e gli elementi unitari sono divisori (detti
impropri) di a.
Denizione. Siano a, b D; si chiama massimo comun divisore di a e b un elemento
d D tale che
1) d[a e d[b,
2) se c[a e c[b (con c D), allora c[d.
Si scriver`a d=M.C.D.(a, b) o, pi u brevemente, d = (a, b).
Se 1=M.C.D.(a, b), gli elementi a e b vengono detti primi fra loro o coprimi.
Osservazioni.
1. a=M.C.D.(0, a) per ogni a D.
2. Sia d=M.C.D.(a, b); `e d
t
=M.C.D.(a, b) se e solo se `e d
t
d.
3. Se per le coppie qui di seguito indicate esiste massimo comun divisore, si ha
(ac, bc) (a, b)c, ((a, b), c) (a, (b, c))
Denizione. Un elemento non nullo e non unitario p D viene detto irriducibile se e
solo se ammette solo divisori impropri.
Un elemento non nullo e non unitario p D `e irriducibile se e solo se da p = ab (con
a, b D) segue che a o b `e unitario (ovvero, rispettivamente b p o a p).
Denizione. Un elemento non nullo e non unitario p D viene detto primo se e solo
se, ogniqualvolta p divide un prodotto ab (con a, b D), allora p divide a o p divide b.
Facendo induzione su n si prova che, se un elemento primo p D divide un prodotto di
n fattori, allora p divide almeno uno dei fattori.
Proposizione 5.6.2. Ogni elemento primo in D `e irriducibile.
Sia p D un elemento primo; sia p = ab con a, b D. Poiche p divide se stesso, p[a o p[b;
supponiamo p[a. Allora p ed a sono associati ed esiste v V
D
tale che p = av; da p = av = ab
con a ,= 0 segue b = v e ci`o prova che i divisori di p sono banali.
Alcuni tra gli Esempi che seguono mostrano che un elemento irriducibile non `e neces-
sariamente primo.
Esempi.
1. D=Z.
Gli elementi unitari sono +1 e 1.
Esiste M.C.D.(a, b) per ogni a, b Z (cfr. I, 3.1).
Gli elementi irriducibili coincidono con gli elementi primi; essi sono tutti e soli i numeri
+p e p, dove p `e un numero (naturale) primo (cfr. I, 4.1).
2. D = K[x] con (K; +, ) campo.
41
Gli elementi unitari sono tutti e soli i polinomi di grado zero, ovvero gli elementi non
nulli di K.
Esiste M.C.D.(a(x), b(x)) per ogni a(x), b(x) K[x] (Proposizione 5.5.5).
Gli elementi irriducibili coincidono con gli elementi primi (Proposizione 5.5.6).
3. D=Z[

1] = a + ib[a, b Z (anello degli interi di Gauss), sottoanello del campo


complesso C.
Gli elementi unitari sono 1 e i.
Si vedr`a in seguito (cfr. V, 4.3) che per ogni , Z[

1] esiste M.C.D.(, ): ad esempio


1 + 2i=M.C.D.(5, 7 i). Inoltre gli elementi irriducibili coincidono con gli elementi primi.
Se a Z `e irriducibile in Z[

1], a = p dove p `e un numero primo; tuttavia un numero


intero primo p pu`o essere riducibile in Z[

1], ad esempio 2 = (1 +i)(1 i).


4. D=Z[

3] = a +ib

3[a, b Z sottoanello del campo complesso C.


Gli elementi unitari sono 1.
Gli elementi 2, 1 + i

3, 1 i

3 sono irriducibili, a due a due non associati; da 4 = 2 2 =


(1 +i

3)(1 i

3) segue che 2, 1 +

3i, 1

3i non sono elementi primi.


I divisori comuni a 4 e 2+2i

3 sono 1, 2, (1+i

3), (1i

3); 4 e 2+2i

3 non ammettono
massimo comun divisore.
(Si osservi che, se a +ib

3 divide c +id

3 in Z[

3], allora a
2
+ 3b
2
divide c
2
+ 3d
2
in N.)
5. D = f(x) Q[x][f(0) Z sottoanello dellanello di polinomi Q[x].
Gli elementi unitari sono 1.
I numeri interi primi sono elementi irriducibili di D.
Se f(x) D `e irriducibile in D, allora f(x) = p (p primo) oppure f(x) `e irriducibile in
Q[x] e f(0) = 1.
Ogni polinomio del tipo kx con k Q0 `e irriducibile in Q[x], ma `e riducibile in D poiche
kx =
k
2
x 2 con
k
2
x, 2 D.
Ogni elemento irriducibile in D `e primo.
Per ogni f(x), g(x) D esiste M.C.D.(f(x), g(x)).
Negli anelli Z e K[x] (K campo) si `e provato che ogni elemento irriducibile `e primo e se ne
`e dedotto che ogni elemento non nullo, non unitario e riducibile pu`o essere scritto come
prodotto di un numero nito di elementi irriducibili in modo essenzialmente unico
(non unico: in Z `e 6 = 2 (3) = (2) 3, in Q[x] `e x
2
1 = (x 1)(x + 1) = (2x 2)(
1
2
x +
1
2
)).
Lesistenza di una tale scrittura `e stata provata applicando il Principio di induzione.
Nel dominio D del precedente Esempio 5 si verica che lelemento x D `e riducibile, ma
non pu`o essere scritto come prodotto di elementi irriducibili in D; tuttavia nello stesso
dominio ogni elemento irriducibile `e primo.
Nel dominio D dellEsempio 4, lelemento 4 ammette due fattorizzazioni in prodotto
di elementi irriducibili, ma i termini di una fattorizzazione non sono associati a quelli
dellaltra.
Denizione. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; si dice che D `e un
anello gaussiano o un dominio a fattorizzazione unica (brevemente D `e UFD)
se e solo se sono soddisfatte le seguenti condizioni:
(F) ogni elemento a D non nullo, non unitario e riducibile pu`o essere scritto come
prodotto di un numero nito di elementi irriducibili di D;
(U) se a = p
1
p
2
p
r
= p
t
1
p
t
2
p
t
s
con p
i
, p
t
j
D irriducibili per ogni i, j, allora r = s e,
cambiando eventualmente lordine dei fattori, p
i
p
t
i
per i = 1, 2, . . . , r (fattorizzazione
essenzialmente unica).
Proposizione 5.6.3. Sia D un dominio dintegrit`a dotato di unit`a.
1) Condizione suciente anche valga in D la condizione (F) `e che non esista alcuna
successione innita a
1
, a
2
, . . . di elementi di D tale che ogni a
i+1
sia divisore proprio di
a
i
(condizione della catena).
2) Condizione suciente anch`e valga in D la condizione (U) `e che ogni elemento
irriducibile di D sia primo.
42
1) Proviamo anzitutto che ogni elemento a D non nullo, non unitario e riducibile possiede
un divisore irriducibile.
Essendo a riducibile, `e a = a
1
b
1
con a
1
divisore proprio di a. Se a
1
`e irriducibile, la tesi `e
provata; altrimenti `e a
1
= a
2
b
2
con a
2
divisore proprio di a
1
(e quindi anche di a). Se a
2
`e
irriducibile, la tesi `e provata; altrimenti a
2
= a
3
b
3
con a
3
divisore proprio di a
2
. Si ottiene
una successione a, a
1
, a
2
, . . . in cui ogni termine `e un divisore proprio del precedente; se a
non possedesse alcun divisore irriducibile, questa successione sarebbe innita.
Proviamo che `e soddisfatta la condizione (F).
Si pu`o scrivere a = p
1
c
1
con p
1
irriducibile. Se c
1
`e irriducibile, la tesi `e provata; se c
1
`e
riducibile, si potr`a scrivere c
1
= p
2
c
2
con p
2
irriducibile. Allora a = p
1
p
2
c
2
; se c
2
`e irriducibile,
la tesi `e provata; altrimenti sar`a c
2
= p
3
c
3
. Si ottiene una successione a, c
1
, c
2
, . . . in cui ogni
termine `e un divisore proprio del precedente; necessariamente esiste un intero n tale che c
n
`e irriducibile e a = p
1
p
2
p
n
c
n
`e prodotto di elementi irriducibili.
2) Sia a = p
1
p
2
p
r
= p
t
1
p
t
2
p
t
s
con p
i
, p
t
j
D irriducibili per ogni i, j; supponiamo r s.
Poiche p
1
`e primo e divide il prodotto p
t
1
p
t
2
p
t
s
, p
1
divide almeno uno dei fattori p
t
j
; poiche
D `e commutativo, si possono cambiare eventualmente gli indici e supporre che p
1
divida
p
t
1
. Essendo p
t
1
irriducibile, i suoi divisori sono banali e quindi p
1
`e associato a p
t
1
; sia
p
t
1 = p
1
v
1
con v
1
V
D
. Poiche in D valgono le leggi di cancellazione rispetto al prodotto,
ne segue p
2
p
r
= v
1
p
t
2
p
t
s
. Allo stesso modo si deduce p
t
2
= p
2
v
2
, . . . , p
t
r
= p
r
v
r
con
v
2
, . . . , v
r
V
D
.
Se fosse r < s si avrebbe 1
D
= v
1
v
2
v
r
p
t
r+1
p
t
s
, assurdo poiche p
t
s
non `e unitario.
Pertanto r = s e p
i
p
t
i
per i = 1, 2, . . . , r.
I precedenti Esempi 4 e 5 mostrano che le due condizioni (F) e (U) sono indipendenti.
Proposizione 5.6.4. Sia D un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; D `e un dominio a
fattorizzazione unica se e solo se vale in D la condizione della catena e ogni elemento
irriducibile in D `e primo.
Avendo gi`a provato la Proposizione 5.6.3, resta da provare che in un dominio a fattorizzazione
unica D vale la condizione della catena e ogni elemento irriducibile `e primo.
Per ogni a D, a ,= 0 e non unitario possiamo denire una lunghezza l(a) di a come il
numero dei termini di una fattorizzazione di a in prodotto di elementi irriducibili.
Si verica che, se a divide propriamente b (con a, b D), allora l(a) < l(b); se ne deduce
che in D `e soddisfatta la condizione della catena. Infatti, se a
1
, a
2
, . . . `e una successione
di elementi di D tali che ogni a
i+1
divide propriamente a
i
, la successione di interi positivi
l(a
1
), l(a
2
), . . . `e strettamente decrescente ed `e quindi necessariamente nita; ne segue che `e
nita la successione a
1
, a
2
, . . ..
Sia p un elemento irriducibile in D; siano a, b, c D tali che ab = cp. Se a `e unitario,
b = a
1
cp e p divide b; analogo se b `e unitario. Se a e b non sono unitari, posto a = p
1
p
r
,
b = q
1
q
s
, c = t
1
t
n
con p
i
, q
j
, t
l
irriducibili, si ha
p
1
p
r
q
1
q
s
= t
1
t
n
p:
per la condizione (U) sar`a p p
i
per qualche i o p q
j
per qualche j e quindi rispettivamente
p[a o p[b.
Esercizio 1. Sia p un primo ssato; si consideri nel campo razionale il sottoanello
A =
r
s
Q[ M.C.D.(r, s) =M.C.D.(s, p) = 1.
Si determinino gli elementi unitari e gli elementi irriducibili dellanello (A; +, ). Si mostri che (A; +, ) `e
un dominio a fattorizzazione unica.
Proposizione 5.6.5. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; D `e un dominio
a fattorizzazione unica se e solo se vale in D la condizione della catena e due qualsiansi
elementi di D ammettono massimo comun divisore.
Sia D un dominio a fattorizzazione unica; si `e gi`a visto che in D vale la condizione della
catena.
Per a, b D non nulli e non unitari si pu`o supporre che essi ammettano fattorizzazioni del
tipo
a = p

1
1
p

r
r
q

1
1
q

s
s
43
b = p

1
1
p

r
r
w

1
1
w

t
t
con p
i
, q
j
, w
l
irriducibili a due a due non associati e
i
0,
i
0.
Si verica quindi che, se r > 0, posto
i
=min
i
,
i
per ogni i = 1, . . . , r, lelemento
d = p

1
1
p

r
r
`e M.C.D.(a, b); se r = 0, allora 1
D
`e M.C.D.(a, b).
Viceversa, valga in D la condizione della catena ed esista M.C.D.(a, b) per ogni a, b D.
Siano a, b D e p un elemento irriducibile che divide il prodotto ab. Se p non divide a, `e
1 =M.C.D.(a, p) e quindi b =M.C.D.(a, p)b =M.C.D.(ab, pb) (cfr. Osservazioni, 3); poiche p
divide ab e pb, ne segue che p divide b.
Notiamo che in Z e in K[x] si verica facilmente che `e soddisfatta la condizione della
catena; pertanto, dopo aver provato lesistenza di massimo comun divisore, dalla Propo-
sizione 5.6.5 seguono i teoremi di decomposizione degli interi in prodotto di primi e dei
polinomi in prodotto di polinomi irriducibili.
Esercizio 2. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b, c D. Si provi che
i) se a e b sono divisori di c e M.C.D.(a, b) = 1 , allora ab divide c;
ii) se M.C.D.(a, c)=M.C.D.(b, c) = 1, allora M.C.D.(ab, c) = 1;
iii) se a divide bc e M.C.D.(a, b) = 1, allora a divide c.
Si mostri che nel dominio Z[

3] non valgono le implicazioni i), ii), iii).


Esercizio 3. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b D tali che 1
D
=M.C.D.(a, b).
Si provi che per ogni h D `e M.C.D.(h, ab) M.C.D.(h, a)M.C.D.(h, b)
Esercizio 4. Si mostri che per , Z[

1] con ,= 0 esistono , Z[

1] tali che = + e
N() < N().
Se ne deduca che due qualsiansi elementi di Z[

1] ammettono massimo comun divisore e quindi che


Z[

1] `e un dominio a fattorizzazione unica.


`
E di fondamentale importanza il Teorema di trasporto che segue.
Teorema 5.6.6. Se (D; +, ) `e un dominio a fattorizzazione unica, anche lanello di
polinomi D[x] `e un dominio a fattorizzazione unica.
Corollario 5.6.7. Gli anelli di polinomi in un numero nito di indeterminate, a coef-
cienti in un dominio a fattorizzazione unica (in particolare in Z o in un campo) sono
domini a fattorizzazione unica.
Vogliamo dare qui la dimostrazione del Teorema 5.6.6 nel caso particolare D=Z.
Ci sar`a utile il concetto di polinomio primitivo.
Denizione. Un polinomio non nullo a(x) = a
n
x
n
+ + a
0
Z[x] viene detto primitivo
se e solo se M.C.D.(a
n
, . . . , a
0
) = 1.
Osservazioni.
1. Ogni polinomio irriducibile in Z[x] `e primitivo.
2. Per ogni polinomio non nullo f(x) Z[x] si pu`o scrivere f(x) = d f(x) con d Z e
f(x) Z[x] primitivo.
3. Se f(x) Z[x] `e primitivo e n Z, allora n `e massimo comun divisore dei coecienti del
polinomio n f(x).
4. Per ogni polinomio non nullo (x) Q[x] si pu`o scrivere (x) = k f(x) con k Q e
f(x) Z[x] primitivo.
5. Ogni divisore di un polinomio primitivo `e primitivo.
Proposizione 5.6.8. Siano a(x), b(x) Z[x] polinomi primitivi:
1) il polinomio c(x) = a(x) b(x) `e primitivo;
2) se a(x) e b(x) sono associati in Q[x], allora a(x) = b(x).
1) Siano a(x) = a
n
x
n
+ +a
0
e b(x) = b
m
x
m
+ +b
0
; sia c(x) = c
n+m
x
n+m
+ +c
0
.
Sia d =M.C.D.(c
n+m
, . . . , c
0
); supposto d ,= 1, sia p un divisore primo di d.
44
Poiche a(x) `e primitivo, esiste r tale che p divide a
0
, a
1
, . . . , a
r1
e non divide a
r
; analoga-
mente esiste s tale che p divide b
0
, . . . , b
s1
e non divide b
s
. Poiche p divide c
r+s
=

i+j=r+s
a
i
b
j
, se ne deduce che p divide il prodotto a
r
b
s
, il che `e assurdo.
2) Se a(x) =
h
k
b(x) con h, k Z, allora k a(x) = h b(x) e k = h per lOsservazione 3 fatta
sopra.
Proposizione 5.6.9. Sia f(x) Z[x] con degf(x) > 0; f(x) `e irriducibile in Z[x] se e solo
se `e primitivo ed `e irriducibile in Q[x].
Sia f(x) irriducibile in Z[x]; abbiamo gi`a osservato che f(x) `e primitivo. Per assurdo sia
f(x) = (x)(x) con (x), (x) Q[x] e deg (x) > 0, deg (x) > 0.
Posto (x) = q
1
a(x), (x) = q
2
b(x) con q
1
, q
2
Q, a(x), b(x) Z[x] primitivi, per la
Proposizione 5.6.8 `e f(x) = a(x) b(x), contro lipotesi che f(x) sia irriducibile in Z[x].
Viceversa, sia f(x) primitivo; se f(x) `e riducibile in Z[x], `e f(x) = a(x)b(x) con a(x), b(x)
Z[x] e deg a(x) > 0, deg b(x) > 0 e pertanto f(x) risulta riducibile anche in Q[x].
Teorema 5.6.10. Lanello di polinomi Z[x] `e un dominio a fattorizzazione unica.
Si verica facilmente che in Z[x] `e soddisfatta la condizione della catena e pertanto `e
soddisfatta la condizione (F).
Siano f(x) = p
1
p
l
a
1
(x) a
n
(x) = q
1
q
k
b
1
(x) b
m
(x) due fattorizzazioni di un
polinomio f(x) Z[x] in prodotto di elementi irriducibili con deg a
i
(x) > 0, deg b
j
(x) > 0
per ogni i, j.
I polinomi a
i
(x) e b
j
(x), essendo irriducibili, sono primitivi; ne segue p
1
p
l
= q
1
q
k
e
quindi l = k e (cambiando eventualmente gli indici) p
h
= q
h
per ogni h = 1, . . . , l.
Per la Proposizione 5.6.9 i polinomi a
i
(x) e b
j
(x) sono irriducibili in Q[x]; per il Teorema
5.5.7 sar`a n = m e (cambiando eventualmente gli indici) per ogni r = 1, . . . , n i polinomi
a
r
(x) e b
r
(x) saranno associati in Q[x]. Per la Proposizione 5.6.8,2) sar`a a
r
(x) = b
r
(x) e
ci`o prova che `e soddisfatta la condizione (U).
Osservazione.
Per la Proposizione 5.6.5 due qualsiansi polinomi a(x), b(x) Z[x] ammettono massimo co-
mun divisore sia in Z[x] che in Q[x]; li indicheremo rispettivamente con M.C.D.
Z[x]
(a(x), b(x))
e M.C.D.
Q[x]
(a(x), b(x)). Il secondo `e facilmente determinabile con lalgoritmo euclideo delle
divisioni successive; il primo resta determinato di conseguenza in virt u dellEsercizio che
segue.
Esercizio 5. Siano a(x), b(x) Z[x] ; si pongano a(x) = m a(x) e b(x) = n b(x) con m, n Z e
a(x), b(x) Z[x] primitivi. Allora
1) M.C.D.
Z[x]
(a(x), b(x)) = M.C.D.
Z
(m, n) M.C.D.
Z[x]
(a(x), b(x);
2) M.C.D.
Z[x]
(a(x), b(x)) `e primitivo ed `e M.C.D.
Q[x]
(a(x), b(x)) e M.C.D.
Q[x]
(a(x), b(x)) .
Si badi per`o che non sempre esistono f(x), g(x) Z[x] tali che sia d(x) = a(x)f(x) + b(x)g(x);
si considerino ad esempio a(x) = x + 1 e b(x) = 2x. (cfr. V, 4.3 Esercizio 1.)
Esercizio 6. Siano
a(x) = 2x
4
5x
3
+ 9x
2
8x + 4
b(x) = 2x
5
3x
4
2x
3
+ 8x
2
7x + 2;
si determini un loro massimo comun divisore d(x) in Z[x] e si mostri che non esistono f(x), g(x) Z[x]
tali che sia d(x) = a(x)f(x) +b(x)g(x).
RIDUCIBILIT
`
A E DECOMPOSIZIONE DI UN POLINOMIO IN Q[x]
Il problema di vedere se un polinomio (x) Q[x] `e irriducibile in Q[x] `e riconducibile a
quello di vedere se un polinomio f(x) Z[x] `e irriducibile in Q[x] o in Z[x].
Infatti abbiamo gi`a notato che un polinomio (x) Q[x], avente grado maggiore di zero,
pu`o essere scritto nella forma
(x) = k f(x)
con k Q e f(x) Z[x] primitivo.
Per la Proposizione 5.6.9 sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
45
i) (x) `e irriducibile in Q[x];
ii) f(x) `e irriducibile in Q[x];
iii) f(x) `e irriducibile in Z[x].
Una condizione suciente anche f(x) Z[x] sia irriducibile in Q[x] `e espressa dal Cri-
terio di Eisenstein che segue.
Proposizione 5.6.11. Sia f(x) = a
n
x
n
+. . . +a
1
x +a
0
Z[x]; se esiste un numero primo p
tale che
i] p non divide a
n
,
ii] p divide ogni a
i
per 0 i < n,
iii] p
2
non divide a
0
,
allora f(x) `e irriducibile in Q[x].
Supponiamo che f(x) sia riducibile in Q[x]; per la Proposizione 5.6.9 si potr`a scrivere
f(x) = f
1
(x)f
2
(x) con f
1
(x), f
2
(x) Z[x].
Posto f
1
(x) = b
r
x
r
+ + b
0
e f
2
(x) = c
s
x
s
+ + c
0
, sar`a a
0
= b
0
c
0
; poiche p divide a
0
ma p
2
non divide a
0
, p divider`a uno ed uno solo dei coecienti b
0
e c
0
. Supponiamo che p
divida b
0
e non c
0
.
Poiche p non divide a
n
= b
r
c
s
, p non divide b
r
; sia m lintero ( r) tale che p non divide b
m
ma p divide ogni b
j
con j = 0, 1, . . . , m1.
Poiche s 1, `e m < n e quindi p divide a
m
. Da a
m
=

j+l=m
b
j
c
l
segue allora che p divide
b
m
c
0
, assurdo.
Esercizio 7. Sia p un numero naturale primo; si consideri il polinomio f(x) = 1 + (1 + x) + (1 + x)
2
+
+ (1 + x)
p1
Q[x]. Si provi che f(x) =
_
p
1
_
+
_
p
2
_
x + +
_
p
p
_
x
p1
e che f(x) `e irriducibile in Q[x].
Se ne deduca che il polinomio g(x) = 1 +x + +x
p1
`e irriducibile in Q[x].
Unaltra condizione suciente anche un polinomio primitivo di Z[x] sia irriducibile in
Q[x] si pu`o dedurre attraverso la cosiddetta riduzione modulo p.
Proposizione 5.6.12. Sia p un primo; sia f(x) = k
n
x
n
+ +k
0
Z[x] primitivo.
Ad f(x) possiamo associare il polinomio f
p
(x) = [k
n
]
p
x
n
+ + [k
0
]
p
Z
p
[x].
Se p non divide k
n
e f
p
(x) `e irriducibile in Z
p
[x], allora f(x) `e irriducibile in Z[x] (ovvero
in Q[x]).
Sia f(x) = a(x)b(x) con a(x), b(x) Z[x]. Poiche p non divide k
n
(coeciente direttivo di
f(x)), p non divide ne il coeciente direttivo di a(x) ne quello di b(x); ne segue che i polinomi
f(x), a(x), b(x) hanno grado uguale rispettivamente a quello di f
p
(x), a
p
(x), b
p
(x).
Essendo f
p
(x) = a
p
(x)b
p
(x) e f
p
(x) irriducibile in Z
p
[x], sar`a deg a(x)=deg a
p
(x) = 0 o
deg b(x)=deg b
p
(x) = 0 e quindi a(x) = 1 oppure b(x) = 1. Ci`o prova la tesi.
Osservazione. Il polinomio f(x) = x
4
x
2
+ 1 Z[x] `e riducibile modulo p per ogni
primo p, ma `e irriducibile in Q[x].
`
E f
2
(x) = (x
2
+x + 1)
2
e f
3
(x) = (x
2
+ 1)
2
.
Sia p = 2r + 1 > 3.
Si verica facilmente che i quadrati distinti e non nulli di Z
p
sono in numero di r =
p1
2
;
siano a
1
, a
2
, . . . , a
r
tali elementi. Se [1]
p
non `e un quadrato in Z
p
, non sono quadrati gli
elementi a
1
, a
2
, . . . , a
r
; ne segue che per ogni s Z uno dei due elementi [s]
p
e [s]
p
`e
un quadrato in Z
p
.
Ci`o premesso e scelto t Z tale che 2t 1 (modp), si potr`a scrivere
f
p
(x) = (x
2
+ [t]
p
)
2
([t
2
1]
p
f
p
(x) = (x
2
+ [1]
p
)
2
[3]
p
x
2
f
p
(x) = (x
2
[1]
p
)
2
+x
2
Baster`a provare che almeno uno degli elementi [t
2
1]
p
, [3]
p
, [1]
p
`e un quadrato in Z
p
.
Supposto che [1]
p
e [3]
p
non siano quadrati in Z
p
, [3]
p
sar`a un quadrato. Da t
2
1
4t
2
(t
2
1) t
2
(2t 2)(2t + 2) (modp) segue [t
2
1]
p
= [t]
2
p
[1]
p
[3]
p
= [t]
2
p
[3]
p
e pertanto
[t
2
1]
p
`e un quadrato in Z
p
.
46
Presentiamo inne un metodo (detto metodo di interpolazione di Lagrange), che
consente di stabilire se un polinomio primitivo di Z[x] `e riducibile e anche di determinarne
una decomposizione in prodotto di elementi irriducibili.
In II.2.2 abbiamo presentato il Teorema cinese dei resti per gli interi relativi (Esercizio
3; un analogo teorema vale in K[x] (con (K; +, ) campo).
Proposizione 5.6.13. (Teorema cinese dei resti in K[x]).
Siano g
1
(x), g
2
(x), . . . , g
r
(x) polinomi di K[x] a due a due coprimi (r 2). Scelti comunque
a
1
(x), a
2
(x), . . . , a
r
(x) K[x], esiste h(x) K[x] tale che g
i
(x) divide h(x)a
i
(x) per i = 1, 2, . . . , r.
Facciamo induzione su r.
Sia r = 2. Esistono f
1
(x), f
2
(x) K[x] tali che 1
K
= g
1
(x)f
1
(x) + g
2
(x)f
2
(x); posto
k
i
(x) = f
i
(x)(a
1
(x) a
2
(x)) per i = 1, 2, la tesi sar`a soddisfatta per
h(x) = a
1
(x) g
1
(x)k
1
(x) = a
2
(x) +g
2
(x)k
2
(x).
Sia r > 2. Per lipotesi di induzione esiste l(x) K[x] tale che g
j
(x) divide l(x) a
j
(x) per
j = 1, 2, . . . r1. Il polinomio g(x) = g
1
(x)g
2
(x) g
r1
(x) e il polinomio g
r
(x) sono coprimi
(cfr. 5.5 Esercizio 4); per quanto provato sopra esiste h(x) K[x] tale che h(x) l(x) `e
divisibile per g(x) e h(x) a
r
(x) `e divisibile per g
r
(x). Il polinomio h(x) soddisfa alla tesi.
Corollario 5.6.14. Siano b
1
, b
2
, . . . , b
r
Z distinti; scelti comunque a
1
, a
2
, . . . , a
r
Z non
tutti nulli, esiste uno ed un solo polinomio f(x) Q[x] tale che
degf(x) < r e f(b
i
) = a
i
Per la Proposizione precedente, esiste h(x) Q[x] tale che x b
i
divide h(x) a
i
per i =
1, 2, . . . , r; sar`a h(b
i
) = a
i
per ogni i. Si potr`a scrivere h(x) =
_
r
i=1
(xb
i
)
_
q(x) +f(x) con
f(x) Q[x] e deg f(x) < r; `e f(b
i
) = h(b
i
) = a
i
.
Per quanto riguarda lunicit`a, basta osservare che se anche f

(x) Q[x] soddisfa alla tesi,


posto l(x) = f(x) f

(x), `e deg l(x) < r e l(b


i
) = 0 per i = 1, 2, . . . , r; per il Teorema 5.5.12
segue l(x) = 0.
Costruzione del polinomio f(x) del Corollario.
Sia g(x) =

r
i=1
(x b
i
); posto t
j
(x) =

i,=j
(x b
i
) e quindi g(x) = (x b
j
)t
j
(x),
`e g
t
(b
j
) = t
j
(b
j
) =

i,=j
(b
j
b
i
) ,= 0.
Posto k
j
(x) = g(x)/[(x b
j
)g
t
(b
j
)], `e k
j
(b
j
) = 1 e k
j
(b
i
) = 0 per i ,= j.
Ora, se f(x) =

r
j=1
a
j
k
j
(x), `e f(b
i
) = a
i
per ogni i.
Il Corollario rappresenta la premessa al metodo che consente di determinare i divisori
di un polinomio f(x) Z[x].
Sia f(x) Z[x] primitivo con degf(x) = n 2.
Se f(x) non `e irriducibile in Z[x], esso possiede un fattore di grado [
n
2
]; sia r = [
n
2
] + 1.
Siano b
1
, b
2
, . . . , b
r
Z distinti e tali che sia f(b
i
) ,= 0 per i = 1, 2, . . . , r. Se h(x) Z[x] `e un
divisore di f(x) in Z[x], allora h(b
i
) divide f(b
i
) per i = 1, 2, . . . , r.
Consideriamo pertanto tutte le possibili r-ple v = (a
1
, a
2
, . . . , a
r
) con a
i
divisore di f(b
i
)
per ogni i; le r-ple cosiatte sono in numero nito. Per ognuna di esse determiniamo il
polinomio h
v
(x) Q[x] avente grado < r e tale che h
v
(b
i
) = a
i
.
Baster`a allora vedere se tra i polinomi h
v
(x) (detti polinomi interpolatori di La-
grange) ve ne `e qualcuno appartenente a Z[x] e divisore di f(x). In caso negativo f(x)
`e irriducibile in Z[x] (ovvero in Q[x]); in caso positivo si itera il procedimento no ad
ottenere una decomposizione di f(x) in prodotto di polinomi irriducibili.
47
6
6.1. Moduli su un anello: spazi vettoriali. Algebre.
Denizione. Siano (A; +, ) un anello, (V ; +) un gruppo abeliano, una legge di compo-
sizione fra A e V con risultato in V (ovvero unapplicazione da AV a V ); si dice che V `e
un modulo sinistro su A o un A-modulo sinistro rispetto alla legge di composizione
(che verr`a detta prodotto esterno fra A e V ) se sono soddisfatte le seguenti condizioni
per ogni a, a
1
, a
2
A e per ogni v, v
1
, v
2
V :
1) a (v
1
+ v
2
) = a v
1
+ a v
2
;
2) (a
1
+a
2
) v = a
1
v + a
2
v;
3) a
1
(a
2
v) = (a
1
a
2
) v.
Denizione. Si dice che (V ; +) `e un A-modulo sinistro unitario se lanello A possiede
unit`a 1
A
e 1
A
v = v per ogni v V .
Denizione. Se lanello (A; +, ) `e un corpo e (V ; +) `e un A-modulo sinistro unitario, V
viene detto spazio vettoriale sinistro su A.
In modo analogo si denisce un A-modulo destro V rispetto ad un prodotto esterno tra
V e A con risultato in V .
Un A-modulo V `e dunque una struttura algebrica con quattro operazioni (S; +, , +,
), dove S `e lunione insiemistica di A e V .
Nel seguito per lo pi` u indicheremo con + tanto la somma denita nellanello A quanto
la somma + denita in V e con tanto il prodotto in A quanto il prodotto esterno
(spesso il segno verr`a sostituito dal semplice accostamento); sar`a ovvio, ad esempio,
che in unespessione del tipo x +y il segno + indicher`a la somma in A o la somma in V a
seconda che sia x, y A o x, y V .
Denizione. Siano (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a, (V ; +, ) un anello
e un prodotto esterno fra A e V con risultato in V ; si dice che V `e una A-algebra
sinistra o una algebra sinistra su A se (V ; +) `e un A-modulo sinistro unitario rispetto
al prodotto esterno e se per ogni a A e per ogni v
1
, v
2
V `e soddisfatta luguaglianza
a (v
1
v
2
) = (a v
1
) v
2
= v
1
(a v
2
)
In modo analogo si denisce una A-algebra destra,
Si dice che la A-algebra `e commutativa se lanello (V ; +, ) `e commutativo.
Se (V ; +, ) `e un corpo, si parla di A-algebra con divisione.
Esempi.
1. I vettori dello spazio (ovvero i segmenti orientati

v =

OP uscenti da un punto
sso O) costituiscono un gruppo abeliano V rispetto alla somma (denita attraverso
la regola del parallelogramma) e un modulo su R rispetto al prodotto esterno denito
ponendo 0 v =

0 per ogni v V e r

v =

w per ogni r R0, dove

w `e il vettore che ha
modulo [r[[

v [, la stessa direzione di

v e verso uguale od opposto a quello di

v a seconda
che r sia positivo o negativo.
2. Ogni gruppo abeliano (G; ) pu`o essere visto come Z-modulo rispetto al prodotto esterno
che associa ad un intero n e ad un elemento g G la potenza n-esima di g.(cfr. Propo-
sizione 4.1.2) Ogni anello (A; +, ) pu`o essere visto come Z-algebra rispetto al prodotto
esterno denito da n a = na per ogni n N e per ogni a A. (cfr. Proposizione 5.2.1, iv)
3. Se (A; +, ) `e un anello, il gruppo additivo (A; +) pu`o essere visto come A-modulo (si-
nistro o destro) rispetto al prodotto esterno coincidente con il prodotto denito in A.
Se lanello (A; +, ) `e dotato di unit`a, (A; +) `e A-modulo unitario.
Se lanello (A; +, ) `e commutativo e dotato di unit`a, esso pu`o essere visto come A-algebra
rispetto al prodotto denito in A.
4. Il gruppo additivo (A[]; +) dellanello (A[]; +, ) pu`o essere visto come modulo sinistro
su A rispetto al prodotto esterno denito da
48
b () = b (a
n

n
+ +a
1
+a
0
) = ba
n

n
+ +ba
1
+ba
0
per ogni b A e per ogni () A[].
Se lanello ((A; +, ) `e commutativo e dotato di unit`a, lanello (A[x]; +, ) pu`o essere visto
come A-algebra.
5. Siano (A; +, ) un anello e V = (a
1
, a
2
, . . . , a
n
) [ a
i
A, ove n `e un intero positivo ssato.
V `e un gruppo abeliano rispetto alla somma + denita per ogni a
i
, b
i
A da
(a
1
, a
2
, . . . , a
n
) + (b
1
, b
2
, . . . , b
n
) = (a
1
+b
1
, a
2
+b
2
, . . . , a
n
+b
n
)
e un A-modulo sinistro rispetto al prodotto esterno denito per ogni k A da
k (a
1
, a
2
, . . . , a
n
) = (ka
1
, ka
2
, . . . , ka
n
).
6. Il gruppo additivo (Mat
n
(K); +), costituito dalle matrici quadrate di ordine n ad ele-
menti in un campo (K; +, ) rispetto alla somma elemento per elemento, `e uno spazio
vettoriale su K rispetto al prodotto esterno denito ponendo per ogni (a
ij
) Mat
n
(K) e per
ogni k K
k (a
ij
) = (b
ij
) con b
ij
= k a
ij
per ogni i, j.
Lanello (Mat
n
(K); +, ) `e una K-algebra rispetto al prodotto esterno .
7. Siano (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a, e (G; ) un gruppo; si indichi
con AG linsieme delle somme formali

gG
a
g
g con a
g
A, g G per le quali `e nito
linsieme g G[ a
g
,= 0
A
.
AG `e un anello rispetto alla somma e al prodotto deniti come segue:

gG
a
g
g +

gG
b
g
g =

gG
c
g
g dove c
g
= a
g
+b
g
per ogni g G,

gG
a
g
g

gG
b
g
g =

gG
d
g
g dove d
g
=

hk=g
a
h
b
k
=

kG
a
gk
1b
k
.
Lanello (AG; +, ) `e una A-algebra sinistra rispetto al prodotto denito da
a

gG
a
g
g =

gG
(aa
g
)g;
questa algebra viene detta algebra gruppo di G su A.
Proposizione 6.1.1. Sia (V ; +) un modulo sinistro su un anello (A; +, ); siano 0 lo zero
di A e 0 lo zero di V . Per ogni a A, v V, n Z si ha
i) 0v = a0=0;
ii) (a)v = a(v) = av;
iii) (na)v = a(nv) = n(av);
iv) se A `e un corpo e V `e spazio vettoriale su A, `e av =0 se e solo se a = 0 o v=0.
i) Da av = (0 +a)v = 0v +av segue 0v =0; da av = a(0+v) = a0+av segue a0=0.
ii) Da 0=0v = [a + (a)]v = av + (a)v segue (a)v = (av).
Da 0=a0=a[v + (v)] = av +a(v) segue a(v) = (av).
iii) per n 0 si faccia induzione su n; per n < 0 ci si valga della ii).
iv) Sia av =0; supponiamo a ,= 0. Essendo A un corpo, esiste a
1
A e v = 1
A
v =
(a
1
a)v = a
1
(av) = a
1
0=0.
(Si confronti questa Proposizione con la Proposizione 5.2.1.)
6.2. A-sottomoduli di un A-modulo.
A-sottoalgebre di una A-algebra.
Denizione. A-sottomodulo di un A-modulo sinistro (V ; +) su un anello (A; +, ) `e un
sottoinsieme di V , che `e A-modulo rispetto alla somma e al prodotto esterno, rispetto ai
quali (V ; +) `e A-modulo.
Denizione. A-sottoalgebra di una A-algebra sinistra (V ; +, ) `e un sottoinsieme H di
V , che `e A-algebra rispetto alle operazioni rispetto alle quali `e A-algebra V .
Un A-sottomodulo H di un A-modulo sinistro (V ; +) `e dunque un sottogruppo del gruppo
(V ; +) tale che per ogni a A e per ogni h H si abbia ah H.
Un sottoinsieme H di un A-modulo V `e un A-sottomodulo se e solo se per ogni h
1
, h
2
H
e per ogni a A si ha h
1
h
2
H, ah
1
H.
49
Se (V ; +) `e un A-modulo unitario, un sottoinsieme H di V `e un A-sottomodulo di V se e
solo se per ogni h
1
, h
2
H e per ogni a A si ha h
1
+h
2
H, ah
1
H.
0 e V sono A-sottomoduli (impropri) dellA-modulo V .
Una A-sottoalgebra H di una A-algebra (V ; +, ) `e un A-sottomodulo dellA-modulo (V ; +),
che `e anche sottoanello dellanello (V ; +, ); un sottoinsieme H di V `e quindi una A-
sottoalgebra se e solo se per ogni a A e per ogni h
1
, h
2
H si ha h
1
+ h
2
H, h
1
h
2
H,
ah
1
H.
Esempi.
1. Sia G un gruppo abeliano; se si considera G come Z-modulo (cfr. 6.1 Esempio 2), gli
Z-sottomoduli sono tutti e soli i sottogruppi di G.
2. Sia A un anello; se si considera (A; +) come A-modulo sinistro (cfr.6.1 Esempio
3), ogni A-sottomodulo `e un sottoanello, ma non viceversa: ad esempio Z `e sottoanello
dellanello (Q,+, ) ma non `e Q-sottomodulo del Q-modulo (Q; +).
3. Sia A un anello; si consideri (A[x]; +) come A-modulo (cfr.6.1 Esempio 4). Linsieme
dei polinomi di grado n (con n 1) `e un A-sottomodulo ma non `e sottoanello dellanello
A[x].
4. Siano (A; +, ) un anello e B un suo sottoanello: (A; +) pu`o essere visto come B-modulo
rispetto al prodotto esterno coincidente con il prodotto denito in A. Un B-sottomodulo
pu`o non essere un sottoanello di A (se B ,= A) e un sottoanello di A pu`o non essere un
B-sottomodulo: si dia qualche esempio in proposito.
Proposizione 6.2.1. Se H
i

iI
`e una famiglia non vuota di A-sottomoduli (A-sottoalge-
bre) di un A-modulo sinistro (di una A-algebra) V , il sottoinsieme

iI
H
i
`e un A-sotto-
modulo sinistro (A-sottoalgebra) di V .
6.3. Ideali destri e sinistri di un anello.
Ideali di una A-algebra.
Sia (A; +, ) un anello; se si considera (A; +) come A-modulo sinistro (come in 6.1 Esempio
3), un A-sottomodulo di (A; +) `e un sottoinsieme H di A tale che per ogni h, h
t
H e per
ogni a A si ha hh
t
H e ah H: un sottoinsieme cosiatto viene detto ideale sinistro
dellanello A.
In modo analogo si denisce ideale destro dellanello A un sottoinsieme H di A tale che
sia h h
t
H e ha H per ogni h, h
t
H e per ogni a A. Gli ideali destri di A sono gli
A-sottomoduli di (A; +), visto come A-modulo destro.
Un sottoinsieme H di A che sia contemporaneamente ideale destro e sinistro viene detto
ideale bilatero o brevemente ideale dellanello A.
0 e A sono ideali bilateri (impropri) dellanello (A; +, ).
Se (V ; +, ) `e unalgebra su un anello (A; +, ), si chiama ideale sinistro (destro, bilatero)
della A-algebra V un sottoinsieme di V che sia ideale sinistro (rispettivamente destro
o bilatero) dellanello (V ; +, ) e A-sottomodulo dellA-modulo (V ; +).
Esempi.
1. Nellanello di matrici Mat
n
(K) (ove (K; +, ) `e un campo) per r 1, 2, . . . , n `e ideale
sinistro il sottoinsieme
T
r
= (a
ij
) Mat
n
(K) [ a
ij
= 0 per ogni j ,= r
mentre `e ideale destro il sottoinsieme
H
r
= (a
ij
) M
n
(K) [ a
ij
= 0 per ogni i ,= r ;
si pu`o dimostrare che lanello (Mat
n
(K); +, ) non possiede ideali bilateri propri.
2. Nellanello Z degli interi relativi ogni sottoanello H
n
= kn[k Z con n N
0
`e un
ideale.
3. Se H `e un ideale dellanello (A; +, ), H `e in particolare un sottoanello di A; non ogni
sottoanello di un anello `e per`o un suo ideale. Ad esempio Z `e un sottoanello del campo
50
razionale Q, ma non `e un suo ideale.
4. In uno zero-anello gli ideali sono tutti e soli i sottogruppi del gruppo additivo.
5. Nellanello di polinomi K[x] ((K; +, ) campo) linsieme costituito dal polinomio zero
e dai polinomi di grado n `e sottogruppo del gruppo additivo, ma non `e sottoanello per
n 1; linsieme costituito dal polinomio zero e dai polinomi di grado zero `e un sottoanello,
ma non `e ideale.
Per a K linsieme I
a
= f(x) K[x] [ f(a) = 0 `e un ideale.
Proposizione 6.3.1. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a; se un elemento unitario
appartiene ad un ideale sinistro (o destro) I, allora `e I = A.
Sia v un elemento unitario di A appartenente allideale sinistro I; allora 1
A
= v
1
v I e
quindi per ogni a A si ha a = a1
A
I.
Corollario 6.3.2. Un corpo non possiede ne ideali destri ne ideali sinistri propri.
Proposizione 6.3.3. Ogni anello (A; +, ), dotato di unit`a e privo di ideali sinistri (o
destri) propri, `e un corpo.
Per ogni a A, a ,=0, linsieme I = xa [ x A `e un ideale sinistro di A e a = 1
A
a I;
pertanto I ,= 0 e quindi I = A. Esiste allora x A tale che 1
A
= xa e a ammette inverso
sinistro. (cfr. 5.2 Esercizio 3)
Proposizione 6.3.4. Ogni anello (A; +, ), privo di ideali sinistri (destri) propri, `e un
corpo o uno zero anello. ( di ordine primo; cfr.V, 2.2 Esercizio 7.)
Supponiamo che (A; +, ) non sia uno zero-anello; siano a, b A tali che ab ,=0.
I = xb [ x A `e un ideale sinistro di A e ab I; allora I ,= 0 e quindi I = A. Pertanto
b I ed esiste y A tale che b = yb. Proviamo che y `e unit`a dellanello A; seguir`a la tesi
per la Proposizione precedente.
Per ogni c A si ha cb = cyb e quindi (c cy)b =0; lelemento c cy appartiene allideale
sinistro J = z A[ zb =0. Poiche a , J, `e J = 0 e quindi c = cy; y `e pertanto unit`a a
destra.
Per ogni x, c A `e c(x yx) = cx cyx =0 e quindi lelemento x yx appartiene allideale
bilatero T = t A[ ct =0 per ogni c A; poiche y , T, sar`a T = 0 e quindi yx = x per
ogni x A. Ci`o prova che y `e anche unit`a sinistra.
Esercizio 1. Sia k Q0 ssato. Sia A = (a, b) [ a, b Q; A `e un anello ripetto alla somma e al
prodotto deniti come segue:
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, bd +kac)
I] Si mostri che esistono valori di k per i quali lanello (A; +, ) `e un campo ed altri per i quali non lo `e.
II] Si mostri che per ogni r Q linsieme H
r
= (a, ra) [ a Q `e un sottogruppo del gruppo additivo
(A; +) e che esiste qualche r Q per il quale H
r
non `e sottoanello dellanello (A; +, ).
III] Si mostri che nellanello (A; +, ) esistono sottoanelli che non sono ideali.
IV] Esistono nellanello (A; +, ) ideali propri?
Esercizio 2.
1) Sia (A; +, ) un anello commutativo; linsieme I degli elementi nilpotenti di A (i.e. elementi x A tali
che x
n
=0 per qualche intero positivo n) `e un ideale di A, detto nilradicale di A.(Si tenga presente
la Proposizione 5.2.1, v).)
2) Nellanello (Z
n
; +, ) il nilradicale `e proprio se e solo se esiste almeno un primo p tale che p
2
divide n.
Esercizio 3. Siano (A; +, ) un anello commutativo con unit`a e (G; ) un gruppo; nellalgebra gruppo AG
(cfr. 6.1 Esempio 7) linsieme I =

gG
a
g
g [

gG
a
g
= 0
A
`e un ideale bilatero dellalgebra gruppo
AG.
Esercizio 4. Sia (V ; +, ) unalgebra sinistra su un anello (A; +, ); si mostri che, se lanello (V ; +, ) `e
dotato di unit`a, gli ideali sinistri dellanello (V ; +, ) sono tutti e soli gli ideali dellA-algebra (V ; +, ).
51
7
7.1. Reticoli come strutture algebriche.
In II, 3.2 abbiamo introdotto i reticoli come insiemi ordinati (R; ); in 1.1 abbiamo
osservato che ad un reticolo pu`o essere associata una struttura algebrica (R; , ) denita
ponendo per ogni a, b R
a b=infa, b , a b=supa, b. ()
Proposizione 7.1.1 Se (R; ) `e un reticolo e (R; , ) `e la struttura algebrica ad esso
associata, le leggi di composizione e sono associative, commutative e soddisfano alla
seguente condizione:
a (a b) = a = a (a b) per ogni a, b R (leggi di assorbimento)
Proposizione 7.1.2 Sia (R; , ) una struttura algebrica con due leggi di composizione
(dette rispettivamente intersezione ed unione) commutative, associative, soddis-
facenti alle leggi di assorbimento
a (a b) = a = a (a b) per ogni a, b R;
allora
i) per ogni a R `e a a = a = a a;
ii) per ogni a, b R `e a b = a se e solo se `e a b = b;
iii) la relazione _, denita in R ponendo per x, y R
x _ y se e solo se `e x y = x,
`e una relazione dordine in R e linsieme ordinato (R; _) `e un reticolo (reticolo as-
sociato alla struttura algebrica (R; , )).
iv) se (R; , ) `e la struttura algebrica associata al reticolo (R; _), per ogni a, b R `e
a b = a b e a b = a b (ovvero le operazioni e coincidono rispettivamente con
le operazioni e )
.
i) Scelto comunque b R si ha
a a = a [a (a b)] = a
a a = a [a (a b)] = a
ii) Se a = a b allora a b = (a b) b = b.
Se a b = b, allora a b = a (a b) = a.
iii) Si verica che per ogni a, b R `e ab=infa, b e ab=supa, b rispetto alla relazione
dordine _.
Si verica facilmente la Proposizione che segue.
Proposizione 7.1.3 Sia (R; ) un reticolo e sia (R; , ) la struttura algebrica ad esso
associata; se (R; _) `e il reticolo associato alla struttura algebrica (R; , ), allora per ogni
a, b R `e a b se e solo se `e a _ b (ovvero le relazioni dordine e _ coincidono).
Un reticolo potr`a pertanto essere denito e visto tanto come struttura ordinata quanto
come struttura algebrica e verr`a indicato con (R; , ; ), dove le operazioni , e la
relazione dordine sono legate dalla () e dalla condizione a b se e solo se a b = a.
Esercizio 1. In un reticolo (R; , , ) la relazione dordine `e compatibile con le operazioni e , cio`e
per ogni a, b, c, d R, se `e a b e c d, allora `e a c b d e a c b d.
Esempi.
1. Linsieme T(X) delle parti di un insieme X `e un reticolo rispetto alle operazioni
di intersezione e unione insiemistiche e rispetto alla relazione dordine di inclusione
insiemistica.
2. N
0
`e un reticolo rispetto alla relazione dordine denita ponendo per a, b N
0
a b se e solo esiste c N
0
tale che b = ac;
per a, b N
0
sar`a a b=M.C.D.(a, b) e a b=m.c.m.(a, b) (dove in particolare M.C.D.(0, a) = a
e m.c.m.(0, a) = 0 per ogni a N
0
).
3. Sia S linsieme dei punti di un piano ; sia R linsieme i cui elementi sono linsieme
vuoto , i punti di , le rette di , S stesso. (R; ) `e un reticolo rispetto allinclusione
52
insiemistica.
Si osservi che in questo reticolo, se A e B sono due punti distinti, AB `e linsieme vuoto,
mentre AB `e la retta che li congiunge (e non `e quindi lunione insiemistica); se r ed
s sono due rette distinte, `e S = r s.
4. Sia un piano proiettivo; linsieme che ha per elementi linsieme vuoto, i punti di ,
le rette di e stesso `e un reticolo rispetto allinclusione insiemistica. Anche in questo
caso lunione (nel reticolo) di due elementi non `e in generale la loro unione insiemistica.
Accanto ad ogni reticolo (R; , ; ) si pu`o considerare il reticolo duale (R; , ; _) dove
a b = a b, a b = a b e a _ b se e solo se b a (si badi che qui i simboli , , _ sono usati
con signicato diverso da quello che avevano nelle Proposizioni 7.1.2 e 7.1.3).
Teorema 7.1.4 - Principio di dualit`a. Sia P un enunciato di una proposizione in
teoria dei reticoli ove intervengono soltanto le operazioni , e sia

P lenunciato ottenuto
da P scambiando fra loro i simboli delle operazioni , . Allora anche

P `e un enunciato
in teoria dei reticoli detto duale di P.
Denizione. Se in un reticolo (R; , ) esiste elemento neutro rispetto allunione, tale
elemento viene detto zero del reticolo R e viene indicato con 0; lo zero di un reticolo,
qualora esista, `e lelemento minimo dellinsieme ordinato (R, ).
Denizione. Se in un reticolo (R; , ) esiste elemento neutro rispetto allintersezione,
tale elemento viene detto unit`a del reticolo R e viene indicato con 1; lunit`a di un
reticolo, qualora esista, `e lelemento massimo dellinsieme ordinato (R, ).
I reticoli dati negli Esempi sono tutti dotati di zero e unit`a.
Rispetto alla relazione dordine denita nellEsempio 2 anche N `e un reticolo, che
possiede zero, ma non unit`a; il suo duale `e ovviamente un reticolo dotato di unit`a,
ma non di zero.
Il reticolo dato in II.3.2 Esercizio 1 `e privo di zero e di unit`a.
Esercizio 2. Ogni reticolo nito possiede zero e unit`a.
Denizione. Sia R un reticolo dotato di zero e di unit`a e sia a R; un elemento a
t
R
viene detto complemento di a se a a
t
= 0 e a a
t
= 1.
Osservazioni. Lo zero e lunit`a sono rispettivamente luno il complemento dellaltro e
se a
t
`e un complemento di a, a `e un complemento di a
t
.
Con riferimento agli Esempi dati sopra notiamo che
in 1 ogni elemento ha uno ed un solo complemento (il cosiddetto insieme comple-
mentare);
in 2 nessun elemento, diverso dallo zero e dallunit`a del reticolo, ha complemento;
in 3,4 ogni elemento (diverso dallo zero e dallunit`a) ha pi` u di un complemento.
Osserviamo che negli Esempi 1 e 2 ognuna delle due operazioni del reticolo `e distributiva
rispetto allaltra; ci`o non accade negli Esempi 3 e 4.
Denizione. Un reticolo (R; , ) `e detto distributivo se per ogni a, b, c R si ha:
i) a (b c) = (a b) (a c),
ii) a (b c) = (a b) (a c).
Si verica facilmente che le condizioni i) e ii) si implicano a vicenda.
Proposizione 7.1.5 Sia (R; , ) un reticolo distributivo, dotato di zero e di unit`a; se
un elemento a R ha complemento, ne ha uno solo.
Siano a
t
, a R due complementi di a in R. Si ha
a
t
= a
t
(a a) = (a
t
a) (a
t
a) =1(a
t
a) = a
t
a,
a = a (a a
t
) = (a a) (a a
t
) =1(a a
t
) = a a
t
;
da a
t
a = a a
t
segue a
t
= a.
Esercizio 3. Sia (L; , , ) un reticolo; per ogni a, b L con a b sia X
a,b
= x L[ a =infb, x .
Si osservi che X
a,b
non `e vuoto e ammette minimo.
53
Si provi che, se il reticolo `e nito e distributivo, per ogni a, b L linsieme X
a,b
ammette massimo.
Si mostri con esempi che non vale il viceversa.
Abbiamo gi`a osservato che il reticolo dato nellEsempio 4 non `e distributivo; tuttavia
per ogni x, y, z R con x z si ha
x (y z) = (x y) (x z) = (x y) z
Una condizione di questo genere (pi` u debole della propriet`a distributiva) denisce i
cosiddetti reticoli modulari.
Denizione. Un reticolo (R; , ) `e detto modulare (o di Dedekind) se per ogni
a, b, c R con a c risulta
a (b c) = (a b) c
Come gi`a detto, ogni reticolo distributivo `e modulare, ma non viceversa: Esempio 4.
Esistono reticoli non modulari: Esempio 3.
7.2. Reticoli e anelli di Boole.
Denizione. Un reticolo (R; , ) `e detto di Boole o algebra di Boole se:
i) `e distributivo,
ii) `e dotato di zero e unit`a,
iii) ogni elemento a R ha un complemento a
t
R (unico, per la Proposizione 7.1.5).
Esempio. Il reticolo (T(X); , ) (cfr. 7.1 Esempio 1) `e un reticolo di Boole.
Esercizio 1. Sia n un intero ssato con n 2. Sia R linsieme dei divisori interi positivi di n; sia (R; )
il reticolo denito da a b se e solo se a divide b. Si provi che (R; ) `e un reticolo di Boole se e solo se n
non `e divisibile per alcun quadrato di primo.
Proposizione 7.2.1. (Leggi di De Morgan) Sia (R; , ) un reticolo di Boole; per ogni
a, b R si ha:
i) (a b)
t
= a
t
b
t
,
ii) (a b)
t
= a
t
b
t
.
Occorre e basta vericare che (a b) (a
t
b
t
) =0 e (a b) (a
t
b
t
) =1.
La classe delle algebre di Boole `e strettamente connessa con una classe di anelli usual-
mente detti anelli di Boole.
Denizione. Un anello (R; +, ) `e detto anello di Boole se `e dotato di unit`a e per ogni
a R, si ha a
2
= a, cio`e ogni a R `e idempotente.
Esempio. Lanello (Z
2
; +, ) `e un anello di Boole.
Proposizione 7.2.2. Sia (R; +, ) un anello di Boole:
1) Per ogni a R si ha 2a = a +a = 0, cio`e a = a,
2) R `e un anello commutativo.
1)
`
E 2a = (2a)
2
= 4a
2
= 4a e quindi 2a = 0.
2) Per ogni a, b R da a+b = (a+b)
2
= a
2
+b
2
+ab +ba = a+b +ab +ba segue ab +ba = 0
e quindi ab = ba = ba.
Si osservi che nellanello Z
2
[x] valgono le condizioni 1) e 2), ma lanello non `e di Boole.
La connessione fra anelli di Boole e algebre di Boole `e espressa dalla seguente:
Proposizione 7.2.3.
1) Sia (R; , ) unalgebra di Boole; per ogni a, b R si ponga
a +b = (a b
t
) (a
t
b)
a b = a b.
Si deniscono cos in R due operazioni + e tali che (R, +, ) `e un anello di Boole.
54
2) Sia (R; +, ) un anello di Boole; per ogni a, b R si ponga
a b = a b
a b = a +b +a b.
Si deniscono cos in R due operazioni , tali che (R, , ) `e unalgebra di Boole.
Esercizio 2. In S = = (x
1
, x
2
, . . .) [ x
i
Z
2
si denisca un prodotto componente per componente.
Per , S si ponga se e solo se esiste S tale che = .
Si verichi quanto segue.
i) `e relazione dordine, non totale, in S.
ii) (S; ) `e un reticolo di Boole.
7.3. Sottoreticoli di un reticolo.
Denizione. Sottoreticolo di un reticolo (R; , ) `e un sottoinsieme H di R che `e
reticolo rispetto alle operazioni e denite in R.
Un sottoinsieme H di un reticolo (R; , ) `e un sottoreticolo se e solo se per ogni h
1
, h
2
H
si ha h
1
h
2
H e h
1
h
2
H.
Esempi.
1. Sia X un insieme e Y un suo sottoinsieme; il reticolo T(Y ) delle parti di Y `e un
sottoreticolo del reticolo T(X) delle parti di X.
2. Nel gruppo (Z; +) per ogni intero non negativo n si consideri il sottogruppo H
n
=
kn[ k Z ; linsieme H
n
[ n N
0
`e un reticolo rispetto allinclusione insiemistica, ma
non `e un sottoreticolo del reticolo T(Z) delle parti di Z.
Denizione. Sia X un insieme; si chiama algebra su X un qualunque sottoanello /
dellanello di Boole (T(X); +, ) (cfr. Proposizione 7.2.3) che contiene lunit`a X dellanello.
Unalgebra `e pertanto un qualunque sottoinsieme / di T(X) tale che
i) X /;
ii) per ogni Y / `e Y
c
/ ( dove Y
c
= X Y complemento di Y in X);
iii) per ogni Y
1
, Y
2
/ `e Y
1
Y
2
/.
Se / `e unalgebra su X, allora per ogni n N e per ogni Y
1
, Y
2
, . . . , Y
n
/ si ha
n
i=1
Y
i
/
e
n
i=1
Y
i
/.
Unalgebra su X `e in particolare un sottoreticolo del reticolo (T(X); , ).
Denizione. -algebra su X `e unalgebra / tale che, se Y
i

i=1
`e una collezione di
sottoinsiemi di X appartenenti ad /, allora

i=1
Y
i
/ (e pertanto anche

i=1
Y
i
/.)
7.4. Il reticolo delle sottostrutture.
Sia S una delle strutture considerate nei paragra precedenti; linsieme L[S] delle sot-
tostrutture di S ( a cui si aggiunga eventualmente linsieme vuoto, ad esempio se S
`e un semigruppo) `e un reticolo rispetto allinclusione insiemistica. Precisamente se H
e K sono due sottostrutture di S, lintersezione insiemistica H K `e infH, K, mentre
lintersezione di tutte le sottostrutture di S che contengono H e K (fra le quali c`e S
stessa) `e supH, K (cfr. II, Proposizione 3.1.1).
In generale supH, K non coincide con lunione insiemistica di H e K; pertanto, sebbene
gli elementi di L[S] siano anche elementi di T(S), il reticolo (L[S]; ) non `e sottoreticolo
del reticolo (T(S); ).
Esercizio 1. Siano H e K due sottogruppi di un gruppo (G; ); si provi che supH, K coincide con
lunione insiemistica di H e K se e solo se `e H K o K H.
55
8
8.1. Isomorsmo. Automorsmi.
Denizione. Siano S e T due insiemi; siano una legge di composizione in S e una
legge di composizione in T. Si dice che unapplicazione f : S T conserva la legge di
composizione se per ogni a, b S `e f(a b) = f(a) f(b).
Denizione.
1. Se (S; ) e (

S; ) sono due strutture algebriche omologhe con una legge di compo-


sizione (ad esempio, entrambe semigruppi, entrambe monoidi, entrambe gruppi),
si chiama isomorsmo di (S; ) su (

S; ) unapplicazione biiettiva da S a T che con-


serva il prodotto.
2. Se (A; +, ) e (

A;

+,) sono due anelli, si chiama isomorsmo del primo anello sul
secondo unapplicazione biiettiva f : A

A che conserva la somma e il prodotto,
ovvero tale che per ogni a, b A si ha f(a +b) = f(a)

+f(b) e f(ab) = f(a)f(b).


Un isomorsmo dellanello (A; +, ) sullanello (

A;

+,) `e dunque un isomorsmo del
gruppo additivo (A; +) sul gruppo additivo (

A;

+) che conserva anche il prodotto.
3. Se (V ; +) e (

V ;

+) sono due moduli (entrambi sinistri o destri) sullo stesso anello
(A; +, ), si chiama A-isomorsmo di (V ; +) su (

V ;

+) unapplicazione biiettiva f :
V

V che conserva la somma e il prodotto esterno, ovvero tale che per ogni v, w V
e per ogni a A `e f(v +w) = f(v)

+f(w) e f(av) = af(v).


Un A-isomorsmo dellA-modulo (V ; +) sullA-modulo (

V ;

+) `e dunque un isomorsmo
del gruppo (V ; +) sul gruppo (

V ;

+) che conserva il prodotto esterno.
4. In generale, se (S; , , . . .) e (

S, , , . . .) sono strutture algebriche omologhe, si chiama


isomorsmo della prima sulla seconda unapplicazione biiettiva di S su

S che con-
serva tutte le operazioni.
Osservazione. Indicato con Z
+
linsieme dei numeri interi positivi, lapplicazione f : N
Z
+
denita ponendo f(n) = +n per ogni n N, `e un isomorsmo della struttura algebrica
(N;+, ) sulla struttura algebrica (Z
+
, +, ) (dove + e indicano le usuali operazioni di
somma e prodotto in N e in Z). In questo senso si identicano N e Z
+
.
Nellinsieme di tutte le strutture omologhe di un dato tipo (semigruppi, monoidi, gruppi,
anelli, A-moduli sullo stesso anello A) si denisce una relazione di equivalenza asso-
ciando ad una struttura (S; , . . .) una struttura (

S; , . . .) se e solo se esiste un isomorsmo


della prima sulla seconda; due strutture associate in questa relazione vengono dette
isomorfe.
Ogni struttura algebrica (S; , . . .) `e in particolare isomorfa a se stessa; gli isomorsmi di
(S; , . . .) su se stessa vengono detti automorsmi.
Proposizione 8.1.1 Gli automorsmi di una data struttura algebrica (S; , . . .)costitui-
scono un gruppo Aut(S) rispetto al prodotto di applicazioni.
Aut(S) `e un sottoinsieme del gruppo delle applicazioni biiettive di S in se stesso; baster`a
allora vericare che per , Aut(S) `e Aut(S) e
1
Aut(S).
Diamo solo alcuni esempi; molti altri verranno visti in seguito e negli Esercizi.
Esempi.
1. Siano (G; ) il gruppo costituito dai numeri reali positivi rispetto allordinario prodotto
e (R; +) il gruppo costituito dai numeri reali rispetto allordinaria somma: lapplicazione
f : G R denita da f(x) = log x per ogni x G `e un isomorsmo.
2. Il gruppo (R; +) e il gruppo (R 0; ) non sono isomor.
56
3. Il gruppo (R; + ) `e isomorfo al gruppo (T; ) delle traslazioni sulla retta reale. (cfr.
4.3 Esempio 3)
4. Il gruppo simmetrico S
3
(cfr. 4.2) `e isomorfo al gruppo costituito dallinsieme di
matrici ad elementi in R
__
1 0
0 1
_
,
_
0 1
1 0
_
,
_
0 1
1 1
_
,
_
1 1
1 0
_
,
_
1 1
0 1
_
,
_
1 0
1 1
__
.
rispetto al prodotto righe per colonne(cfr.Esempio 4 in 5.2)
5. Lapplicazione f : Z Z denita da f(a) = a per ogni a Z `e un automorsmo del
gruppo (Z ; +), ma non `e un automorsmo dellanello (Z; +, ).
Visto (Z ; +) come Z-modulo (rispetto al prodotto esterno coincidente con il prodotto
denito in Z), f `e un suo Z-automorsmo.
6. Il gruppo degli automorsmi del gruppo (Q ; +) `e isomorfo al gruppo (Q0; ). Il
campo (Q; +, ) e il campo (R ;+, ) possiedono solo lautomorsmo identico.
7. Se in R
4
= (a
0
, a
1
, a
2
, a
3
) [ a
i
R si deniscono una somma componente per com-
ponente e un prodotto ponendo (a
0
, a
1
, a
2
, a
3
)(b
0
, b
1
, b
2
, b
3
) = (a
0
b
0
a
1
b
1
a
2
b
2
a
3
b
3
, a
0
b
1
+
a
1
b
0
+a
2
b
3
a
3
b
2
, a
0
b
2
+a
2
b
0
a
1
b
3
+a
3
b
1
, a
0
b
3
+a
3
b
0
+a
1
b
2
a
2
b
1
), si ottiene un corpo. Questo
corpo `e isomorfo al corpo dei quaternioni di Hamilton H (cfr. 5.2, Esercizio 4): basta
considerare ad esempio lapplicazione f : R
4
H denita da
f((a
0
, a
1
, a
2
, a
3
)) =
_
a
0
+a
1
i a
2
+a
3
i
a
2
+a
3
i a
0
a
1
i
_
Segnaliamo che spesso gli elementi del corpo qui introdotto (e quindi del corpo dei quater-
nioni reali) vengono scritti come somme formali a
0
+ a
1
i + a
2
j + a
3
k su cui il prodotto
opera (attraverso le propriet`a distributive) ponendo i
2
= j
2
= k
2
= 1, ij = k = ji, jk = i =
kj, ki = j = ik.
8. Se (A; +, ) `e un anello, il sottoanello di (A[]; +, ), costituito dallo zero e dai polinomi
di grado zero, `e isomorfo allanello (A; +, ).
Esercizio 1. Sia f un isomorsmo di (S; ) su (

S; ). Se S possiede elemento neutro e rispetto alla ,


allora f(e) `e elemento neutro di

S rispetto alla ; se un elemento s S ammette inverso s
1
S, allora
f(s) ammette come inverso in

S lelemento f(s
1
).
Esercizio 2. Sia (A; +, ) un anello commutativo; ssato un elemento c A0
A
, si denisca in A una
legge di composizione ponendo per ogni a, b A
a b = abc,
Si mostri che
I] (A; +, ) `e un anello;
II] se lanello (A; +, ) possiede unit`a, allora anche lanello (A; +, ) possiede unit`a e i due anelli sono
isomor;
III] anche se lanello (A; +, ) possiede unit`a, lanello (A; +, ) pu`o non avere unit`a e in tal caso i due
anelli non sono isomor;
IV] se lanello (A; +, ) `e un campo, allora lanello (A; +, ) `e un campo isomorfo a (A; +, ).
Esercizio 3. Sia n un intero positivo pari; nellinsieme Z
n
delle classi di resti modn si denisca una
legge ponendo per ogni [a]
n
, [b]
n
Z
n
[a]
n
[b]
n
= [(1)
b
a + (1)
a
b]
n
.
Si verichi che
I] `e una legge di composizione in Z
n
;
II] (Z
n
; ) `e un gruppo;
III] lapplicazione f : (Z
n
; +) (Z
n
; ) , denita ponendo f([r]
n
) = [(1)
r1
r]
n
per ogni [r]
n
Z
n
, `e
un isomorsmo di gruppi.
Esercizio 4. Sia (x) R[x]; si provi che se a + ib C `e radice di (x), lo `e anche a ib C. Se ne
deduca che i polinomi irriducibili in R[x] hanno grado 2.( Si tenga presente il Teorema 5.5.15.)
57
La Proposizione che segue mostra come ogni gruppo possa essere visto come un gruppo
di trasformazioni.
Proposizione 8.1.2. Sia (G; ) un gruppo; per ogni a G si considerino le applicazioni

a
e
a
da G a G denite rispettivamente da
a
(g) = ga e
a
(g) = ag per ogni g G.
i)
a
e
a
sono applicazioni biiettive di G su se stesso;
ii) (G) =
a
[ a G e (G) =
a
[ a G sono gruppi di trasformazioni, isomor al
gruppo G; essi vengono detti rispettivamente Cayleyano destro e Cayleyano si-
nistro di G.
i) Se g
1
a = g
2
a allora g
1
= g
2
e pertanto
a
`e iniettiva; per ogni g G `e g = (ga
1
)a =

a
(ga
1
) e pertanto
a
`e suriettiva.
ii) Per ogni a, b G `e
a

1
b
=
ab
1 (G) e
a

1
b
=
b
1
a
(G); pertanto (G) e
(G) sono gruppi di trasformazioni.
Lapplicazione : (G) G denita ponendo (
a
) = a e lapplicazione : (G) G
denita ponendo (
a
) = a
1
sono isomorsmi di gruppi.
La Proposizione che segue mostra come ogni anello possa essere visto come sottoanello
di un anello dotato di unit`a.
Proposizione 8.1.3. Sia (A; +, ) un anello; sia R = (a, n) [ a A, n Z . Linsieme R `e un
anello rispetto alla somma componente per componente e rispetto al prodotto denito
come segue:
(a
1
, n
1
)(a
2
, n
2
) = (a
1
a
2
+n
2
a
1
+n
1
a
2
, n
1
n
2
)
Lanello (R; +, ) `e dotato di unit`a (0
A
, 1) e linsieme (a, 0) [ a A `e un suo sottoanello,
isomorfo allanello (A; +, ).
La dimostrazione `e una semplice verica.
Inne abbiamo introdotto anche la struttura algebrica di reticolo (R; , ).
Denizione. Si chiama isomorsmo del reticolo (R; , ) sul reticolo (

R; , ) una
applicazione biiettiva f : R

R che conserva lintersezione e lunione, cio`e tale che per
ogni a, b R si ha f(a b) = f(a) f(b), f(a b) = f(a) f(b).
Ricordiamo che un reticolo `e stato denito come struttura ordinata (cfr.II,3.2).
Proposizione 8.1.4. Siano (R; ) e (

R; _) due reticoli; sia f : R

R unapplicazione
biiettiva di R su

R. Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lapplicazione f `e un isomorsmo fra i reticoli R e

R, visti come strutture algebriche,
(ovvero per ogni a, b R `e f(infa, b)=inff(a), f(b) e f(supa, b)=supf(a), f(b));
ii) per ogni a, b R `e a b se e solo se `e f(a) _ f(b).
Esercizio 5. Siano (R
72
; ) e (R
96
; ) i reticoli costituiti dai divisori in N rispettivamente di 72 e di
96 rispetto alla relazione dordine denita da a b se e solo se a divide b in N; si mostri che esistono
applicazioni biiettive tra i due reticoli, ma nessuna di esse `e un isomorsmo.
Esercizio 6. Si considerino due interi positivi n = p

1
1
p

2
2
(con p
1
, p
2
primi distinti), m = q

1
1
q

2
2
(con
q
1
, q
2
primi distinti) e i reticoli (R
n
; ), (R
m
; ) deniti come nellEsercizio 3; si provi che i due reticoli
sono isomor se e solo se `e possibile scegliere gli indici in modo che sia
i
=
i
per i = 1, 2.
58
9
9.1. Prodotto cartesiano di strutture algebriche.
Sia (S

; , , )

una famiglia di strutture algebriche omologhe ( semigruppi, gruppi,


anelli, reticoli, A-moduli su un dato anello A),non necessariamente distinte. Indichiamo
con Cr

il prodotto cartesiano degli insiemi S

Cr

=
_
s

[s

_
e deniamo in esso delle operazioni, che indichiamo ancora con , , , ponendo
s

= s

= s

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .;
(Cr

; , , ) `e una struttura algebrica omologa alle date (S

; , , ) e viene detta
prodotto cartesiano delle S

.
Esercizio 1. Sia (S

; , , )

una famiglia di strutture algebriche omologhe ( semigruppi, gruppi,


anelli, reticoli, A-moduli); sia T lunione degli insiemi S

. Si consideri linsieme F delle applicazioni


f : T tali che sia f() S

per ogni e si deniscano in F le operazioni , , ponendo per


ogni f
1
, f
2
F e per ogni
(f
1
f
2
)() = f
1
() f
2
()
(f
1
f
2
)() = f
1
() f
2
()
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
Si verichi che (F; , , ) `e una struttura algebrica omologa a quelle date e isomorfa a (Cr

; , , ).
Se (G

; )

`e una famiglia di gruppi (non necessariamente distinti), il prodotto carte-


siano (Cr

; ) `e un gruppo, che viene detto anche prodotto diretto completo dei


gruppi G

.
Proposizione 9.1.1 Sia (G

; )

una famiglia di gruppi.


I) Linsieme
_
g

Cr

[ g

,= 1

(unit`a di G

) per al pi u un numero nito di


_
`e un sottogruppo del gruppo (Cr

; ); esso viene detto prodotto diretto di-


screto dei gruppi G

e indicato con Dr

(ma anche con X

).
II) Per ogni linsieme
H

=
_
g

Cr

[ g

= 1

per ogni ,=
_
`e un sottogruppo del gruppo (Dr

; ), isomorfo al gruppo (G

; ).
Osservazioni.
1. Se linsieme `e nito, i gruppi Cr

e Dr

coincidono; si parla allora sem-


plicemente di prodotto diretto dei gruppi G

e lo si indica per lo pi u con X

.
2. Se nei gruppi G

loperazione `e indicata come somma, si usa parlare di somma


diretta anziche di prodotto diretto e scrivere

.
Esercizio 2. Siano G
1
e G
2
due gruppi (non ridotti allunit`a) e sia G = G
1
G
2
il loro prodotto diretto;
si provi quanto segue.
i) G `e nito se e solo se G
1
e G
2
sono niti.
ii) G `e abeliano se e solo se G
1
e G
2
sono abeliani.
Esercizio 3. Siano r e s due interi maggiori di 1; siano G
1
= (Z
r
; +), G
2
=(Z
s
; +) e G = G
1
G
2
.
Si osservi che il gruppo G ha ordine rs e si provi che G `e isomorfo al gruppo (Z
rs
; +) se e solo se
M.C.D.(r, s) = 1.
Il prodotto diretto discreto di una qualsiasi famiglia di gruppi isomor a (Z; +) viene
detto gruppo abeliano libero; la cardinalit`a della famiglia viene detta rango del
gruppo abeliano libero.
59
Ogni gruppo abeliano libero `e isomorfo al prodotto diretto discreto di una famiglia di
copie del gruppo (Z ;+).
Se (A

; +, )

`e una famiglia di anelli, il prodotto cartesiano (Cr

; +, ) `e un anello
che viene detto anche somma diretta completa degli anelli A

.
Proposizione 9.1.2 Sia (A

; +, )

una famiglia di anelli.


I) Linsieme
_
a

Cr

[ a

,= 0

(zero di A

) per al pi u un numero nito di


_
`e un anello rispetto alla somma e al prodotto deniti nellanello (Cr

; +, ); esso
viene detto somma diretta discreta degli anelli A

e indicato con Dr

(o an-
che, pi` u spesso, con

).
II) Per ogni linsieme
H

=
_
a

Cr

[ a

= 0

per ogni ,=
_
`e un ideale bilatero dellanello (Dr

; +, ), isomorfo allanello (A

; +, ).
Esercizio 4. Sia (A

; +, )

) una famiglia di anelli (non ridotti al solo zero) con [[ > 1; siano
A =Cr

e sia B =

. Si provi che
i) gli anelli A e B possiedono divisori dello zero;
ii) lanello A possiede unit`a se e solo se ogni anello A

possiede unit`a;
iii) se linsieme degli indici `e innito, lanello B non possiede unit`a.
Se (V

; +)

`e una famiglia di A-moduli tutti sinistri (o tutti destri) (non necessaria-


mente distinti) sullo stesso anello A, il prodotto cartesiano (Cr

; +) `e un A-modulo
sinistro (risp. destro), che viene detto anche somma diretta completa degli A-mo-
duli V

.
Proposizione 9.1.3 Sia (V

; +)

una famiglia di A-moduli sinistri.


I) Linsieme
_
v

Cr

[ v

,= 0

(zero di V

) per al pi u un numero nito di


_
`e un A-modulo sinistro rispetto alla somma e al prodotto esterno deniti per Cr

;
esso viene detto somma diretta discreta (o anche semplicemente somma diretta)
degli A-moduli V

e indicato con Dr

(o anche pi` u spesso con


).
II) Per ogni linsieme
H

=
_
v

Cr

[ v

= 0

per ogni ,=
_
`e un A-sottomodulo dell A-modulo (Dr

; +), isomorfo allA-modulo (V

; +).
In particolare, se A `e un anello dotato di unit`a, ogni somma diretta di una famiglia di
A-moduli sinistri (o destri) isomor allA-modulo sinistro (risp. destro) (A; +), presentato
in 6.1 Esempio 3, viene detto A-modulo libero sinistro (risp. destro); se lanello A `e
commutativo, la cardinalit`a della famiglia viene detta rango dellA-modulo libero.
Un gruppo abeliano G pu`o essere visto come Z-modulo (cfr.6.1 Esempio 2); G sar`a un
gruppo abeliano libero se e solo se G `e uno Z-modulo libero.
Se (K; +, ) `e un corpo, il gruppo (K; +) pu`o essere visto come spazio vettoriale sinistro
(o destro) su K; la somma diretta di n copie di (K; +) `e spazio vettoriale sinistro (risp.
destro) (di dimensione n) su K.
60
TEMI IV
1. Sia (S; ) un semigruppo commutativo tale che s
2
= s per ogni s S.
Si denisca in S una relazione ponendo per x.y S
x y se e solo se x = xy.
I] Si verichi che (S; ) `e un insieme ordinato in cui esiste inf(a, b) per ogni a, b S.
II] Si mostri che, se [S[ = 2, allora (S; ) `e un reticolo.
III] Si mostri con esempi che, se [S[ = 3, (S; ) pu`o essere un reticolo, ma pu`o anche non esserlo.
(A tale scopo si pu`o dare il semigruppo (S; ) attraverso la sua tavola di composizione.)
Sugg. I] ab =inf a, b
II] Se [S[ = 2, (S; ) `e totalmente ordinato.
2. Sia X un insieme innito; sia S = X
X
il monoide costituito dalle applicazioni da X a X rispetto al
prodotto di applicazioni. Si mostri che, se f S `e iniettiva ma non suriettiva, f non possiede inverso
sinistro in S, ma possiede inniti inversi destri.
Sugg. III Proposizione 1.2.4.
Per ogni y X si denisca g
y
: X X ponendo
g
y
(x) =
_
x
t
, se x = f(x
t
) f(X);
y, se x , f(X).
3. Sia X un insieme con almeno due elementi; sia (S
X
; ) il gruppo costituito dalle applicazioni biiettive
di X su X (rispetto al prodotto di applicazioni).
I] Si mostri che il gruppo (S
X
; ) non `e ridotto allunit`a.
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) linsieme X possiede esattamente due elementi;
ii) il gruppo (S
X
; ) `e abeliano;
iii) esiste S
X
, ,= I (I applicazione identica) tale che = per ogni S
X
.
Sugg. II] iii) i) Sia (x
1
) = x
2
,= x
1
. Se [X[ 3 e x
3
X x
1
, x
2
`e ,= per S
X
tale che
(x
2
) = x
3
, (x
3
) = x
2
.
4. Sia G un gruppo non ridotto allunit`a e sia G

= G1
G
. Si denisca in G

una relazione ponendo


per a, b G

ab se e solo se ab = ba.
Si provi quanto segue.
I] `e una relazione di equivalenza in G

se e solo se due qualsiansi elementi permutabili di G

hanno
lo stesso centralizzante.
In tal caso il centro Z(G) `e un sottogruppo improprio di G.
II] Se Z(G) = G, allora `e una relazione di equivalenza.
Se Z(G) = 1
G
, pu`o essere relazione di equivalenza, ma pu`o anche non esserlo.
(Si possono ad esempio considerare i gruppi di sostituzioni S
3
e S
4
.)
Sugg. I] 4.3 Esercizio 2.
II] In G = S
4
siano = (12)(34), = (13)(24); `e = , (12) C
S
4
() ma (12) , C
S
4
().
5. Sia G = (x, y) [ x, y C.
I] Si verichi che G `e un gruppo rispetto al prodotto denito da
(x
1
, y
1
)(x
2
, y
2
) = (x
1
+x
2
, y
1
+y
2
+x
1
x
2
),
dove x
2
indica il complesso coniugato di x
2
.
II] Si mostri che G non `e abeliano e se ne determini il centro Z(G).
Sugg. II] Z(G) = (0, y)[y C.
6. Nel gruppo simmetrico (S
5
; ) su 5 lettere si considerino gli elementi
= (1, 2, 3, 4, 5), = (1, 2, 3)(4, 5)
e gli insiemi
61
A =
r
[ r Z
B =
r
[ r Z.
I] Si provi che A e B sono sottogruppi abeliani di (S
5
; ) e se ne determinino lordine e gli elementi
distinti.
II] Posto C =
r

s
[ r, s Z, si mostri che C non `e un sottogruppo di (S
5
; ).
Sugg. II] , C ma = (1, 3, 2, 4) , C: basta mostrare che
s
, A per 0 s 5.
7. Sia (A; ) un gruppo; sia G = (a, d) [ a A, d +1, 1.
Si denisca in G un prodotto ponendo
(a
1
, d
1
)(a
2
, d
2
) = (a
1
a
d
1
2
, d
1
d
2
)
Si provi che
I] (G; ) `e un gruppo se e solo se il gruppo (A, ) `e abeliano;
II] (G; ) `e un gruppo abeliano se e solo se `e a
2
= 1
A
per ogni a A.
8. Sia (A; +, ) un anello nito, non ridotto al solo zero; si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti
condizioni:
i) Lanello non possiede unit`a;
ii) ogni elemento non nullo di A `e divisore dello zero.
Sugg. Un elemento non nullo, non divisore dello zero, `e cancellabile a destra e a sinistra rispetto al
prodotto.
9. Sia (A; +, ) un anello non ridotto al solo zero. Si provi che esso `e un corpo se e solo se per ogni
a A, a ,= 0 e per ogni b A esiste uno ed un solo x A tale che ax = b.
Sugg. Se ab = 0
A
con a, b A0, allora lequazione ax = 0
A
ammette almeno due soluzioni.
10. Sia (K; +, ) un campo; sia (A; +, ) lanello (commutativo, dotato di unit`a) costituito dalle coppie
ordinate (a, b) K K rispetto alla somma componente per componente e al prodotto denito come
segue
(a, b)(c, d) = (ac bd, ad +bc)
Si provi che sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) esiste k K tale che k
2
= 1
K
(dove 1
K
indica lunit`a di K);
ii) lanello A possiede divisori dello zero;
iii) lanello A non `e un campo.
Sugg. i) ii)Se k
2
= 1
K
, (k, 1)(1, k) = (0, 0).
iii) i) Se k
2
,= 1
K
, per (a, b) ,= (0, 0) `e a
2
+b
2
,= 0.
11. Sia (G; ) un gruppo abeliano non banale; sia (A; +, ) lanello costituito dalle coppie (g, n) con g G
e n Z rispetto alle operazioni di somma e prodotto denite come segue:
(g
1
, n
1
) + (g
2
, n
2
) = (g
1
g
2
, n
1
+n
2
)
(g
1
, n
1
) (g
2
, n
2
) = (g
n
2
1
g
n
1
2
, n
1
n
2
).
I] Si verichi che lanello (A; +, ) `e commutativo, dotato di unit`a e dotato di divisori dello zero.
II] Si determinino gli elementi unitari di (A; +, ).
III] Si verichi che, se (G; ) `e il gruppo moltiplicativo dei numeri complessi non nulli, ogni elemento non
unitario e non nullo dellanello A `e un divisore dello zero.
IV] Se (G; ) `e il gruppo moltiplicativo dei numeri reali non nulli, si determinino i divisori dello zero
dellanello A.
Sugg. 0
A
= (1
G
, 0) e 1
A
= (1
G
, 1).
II] (g, 1)(g
1
, 1) = 1
A
= (g, 1)(g
1
, 1).
III] per ogni n Z esiste c C tale che c
n
= 1.
IV] (g, 2k)(1, 0) = 0
A
.
12. Sia (A; +, ) un anello commutativo; sia c A, c ,= 0
A
.
62
Denita lapplicazione : A A ponendo (a) = ac per ogni a A, si provi quanto segue.
I] Lapplicazione `e iniettiva se e solo se lelemento c non `e un divisore dello zero in (A; +, );
II] Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lapplicazione `e biiettiva;
ii) lanello (A; +, ) possiede unit`a e lelemento c `e unitario in (A; +, );
Sugg. Se `e suriettiva esistono e, x A tali che ec = c e xc = e.
13. Sia (K; +, ) un campo; si consideri linsieme
G = (a, b) [ a, b K, a ,= 0
K

e si denisca in G un prodotto ponendo


(a
1
, b
1
)(a
2
, b
2
) = (a
1
a
2
, a
1
b
2
+b
1
a
1
2
)
per ogni (a
1
, b
1
), (a
2
, b
2
) G.
I] Si verichi che (G; ) `e un gruppo.
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) il gruppo (G; ) `e abeliano;
ii) per ogni k K , k ,= O
K
`e k = k
1
;
iii) il campo K `e nito di ordine 2 o 3.
Sugg. II] ii) iii) Da k = k
1
segue k
2
= 1
K
e quindi (k + 1
K
)(k 1
K
) = 0
K
.
14. Sia K = (a, b) [ a, b R; ssato k R, si considerino in K le leggi di composizione + e denite
come segue:
(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) = (a
1
a
2
b
1
b
2
, a
1
b
2
+b
1
a
2
+kb
1
b
2
)
Si provi quanto segue:
I] (K; +, ) `e un anello commutativo, dotato di unit`a;
II] (K; +, ) `e un campo se e solo se `e 2 < k < 2;
III] se (K; +, ) non `e un campo, esso possiede divisori dello zero.
Sugg. II] (a, b) ammette inverso se e solo se `e a
2
+kab +b
2
,= 0.
15. Sia p un numero primo e sia k Z
p
ssato. Nellanello (Mat
2
(Z
p
); +, ) si consideri il sottoinsieme
A =
_
=
_
a b
kb a
_
: a, b Z
p
_
Si verichi che A `e un sottoanello di (Mat
2
(Z
p
); +, ) e si provi quindi quanto segue.
I] Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lanello (A; +, ) non `e un campo;
ii) lanello (A; +, ) possiede divisori dello zero;
iii) k `e quadrato di qualche elemento di Z
p
.
II] Se p = 2, lanello (A; +, ) non `e un campo.
III] Se p ,= 2, esistono esattamente (p 1)/2 valori di k per i quali (A; +, ) `e un campo.
Sugg. I] La matrice ammette inverso in A se e solo se `e det = a
2
kb
2
,= 0.
III] Per x, y Z
p
`e x
2
= y
2
se e solo se `e x = y. I quadrati distinti degli elementi di Z
p
sono
pi
2
+ 1.
16. Nellanello (Mat
2
(R); +, ) si considerino i sottoinsiemi
A =
_
_
x 5y
y x +ky
_
: x, y R
_
ove k R sso
B =
_
_
m 5n
n m+tn
_
: m, n Z
_
ove t Z sso
I] Si verichi che A e B sono sottoanelli di (Mat
2
(R); +, ), dotati di unit`a.
II] Si provi che gli elementi unitari dellanello (A; +, ) e quelli dellanello (B; +, ) sono unitari in
(Mat
2
(R); +, ).
III] Si mostri che gli elementi di A, che sono unitari in (Mat
2
(R); +, ), sono unitari in (A; +, ), mentre
esistono elementi di B, unitari in (Mat
2
(R); +, ), che non sono unitari in (B; +, ).
63
IV] Si mostri che esistono valori di k R per i quali lanello (A; +, ) `e un campo, mentre non esiste alcun
valore di t Z per il quale lanello (B; +, ) `e un campo.
17. Nellanello (Z
n
; +, ) sia H linsieme degli elementi non unitari.
I] Si mostri che (H; ) `e un semigruppo; si provi che (H; ) `e un gruppo se e solo se n `e primo.
II] Si provi che (H; +) `e un gruppo se e solo se n `e potenza di primo.
Sugg. Se n = rs con 1 < r < n e 1 < s < n, allora [r]
n
, [s]
n
H.
I] Da [x]
n
[r]
n
= [r]
n
e [x]
n
[s]
n
= [s]
n
segue x = 1+ls = 1+kr; allora 1 =M.C.D.(x, s) =M.C.D.(x, r)
e quindi 1 = M.C.D.(x, n) ovvero [x]
n
, H.
II] Sia (H; +) un gruppo; se M.C.D.(r, s) = 1, da [r]
n
, [s]
n
H segue [1]
n
H, assurdo .
18. Sia n un intero, maggiore di 1; per ogni r 1, 2, . . . , n 1 si verichi che linsieme
A
r
= [rk]
n
[ k Z Z
n
.
`e un sottogruppo del gruppo (Z
n
; +).
Si provi quanto segue.
I] Per r, s 1, 2, . . . , n 1 `e A
r
= A
s
se e solo se M.C.D.(r, n)=M.C.D.(s, n).
II]
`
E A
r
=Z
n
se e solo se r e n sono coprimi.
III] Per ogni r 1, 2, . . . , n 1 `e A
r
= A
d
, dove d =M.C.D.(r, n); se ne deduca che lordine di A
r
`e
un divisore di n.
19. Sia (A; +, ) un anello (non ridotto al solo zero) commutativo e dotato di unit`a; sia D linsieme
costituito dallo zero 0
A
e dai divisori dello zero di A. Sia f(x) = ax +b A[x] con a ,= 0
A
.
I] Si provi che, se f(x) `e un divisore dello zero in A[x], allora a, b D.
II] Per (A; +, )=(Z
6
; +, ) si determinino a, b Z
6
tali che f(x) = ax + b sia un divisore dello zero in
Z
6
[x].
Sugg. I] Sia (ax +b)(k
n
x
n
+ +k
0
) = 0 con k
n
,= 0; esiste i 0 tale che k
i
,= 0 e k
i1
= k
i2
=
= k
0
= 0.
20. Sia (A; +, ) un anello commutativo dotato di unit`a; sia a A.
Si mostri che
I] il polinomio x a A[x] non `e divisore dello zero nellanello (A[x]; +, );
II] se f(x) A[x] `e un divisore dello zero nellanello (A[x]; +, ), allora f(a) = 0
A
oppure f(a) `e un
divisore dello zero nellanello (A; +, );
III] se f(a) `e un divisore dello zero in (A; +, ), f(x) pu`o non essere un divisore dello zero in (A[x]; +, ).
21. Sia p un numero primo. Nellanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) si considerino
a(x) = x
4
+x
3
+ 5x + 8 , b(x) = x
2
1
Al variare di p si determinino un M.C.D.((a(x), b(x)) e due polinomi f(x), g(x) Z
p
[x] tali che sia
M.C.D.(a(x), b(x))=f(x)a(x) +g(x)b(x).
22. Nellanello di polinomi Q[x] si considerino
f(x) = x
4
+x
3
2x
2
2x e g(x) = x
2
+a
Si determinino i valori di a Q per i quali g(x) divide f(x) e quelli per i quali f(x) e g(x) sono coprimi.
23. Sia (K; +, ) un campo.
In K[x] si denisca una relazione ponendo per f(x), g(x) K[x]
f(x) g(x) se e solo se f(x) divide g(x) in K[x]
I] Si verichi che la relazione `e riessiva e transitiva, ma non simmetrica.
II] Si mostri che si pu`o scegliere il campo K in modo che sia antisimmetrica e anche in modo che non
lo sia. (Si indichi un opportuno campo per ognuno dei due casi.)
III] Si provi che se `e relazione dordine in K[x], allora linsieme ordinato (K[x]; ) `e un reticolo. dotato
di minimo e di massimo.
24. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
+x
3
x
2
+ 3x + 1 Z
p
[x].
Si dia una decomposizione di f(x) in prodotto di polinomi irriducibili in Z
p
[x] per p = 2, 3, 5.
Il polinomio f(x) `e riducibile in Z[x]?
64
25. Sia p un primo dispari. Si verichi che il polinomio f(x) = x
2
+bx +c Z
p
[x] `e riducibile se e solo
se esiste k Z
p
tale che sia b
2
4c = k
2
.
Si determini il numero dei polinomi riducibili di grado 2 in Z
p
[x].
26. Sia p un numero primo. Si consideri lanello (A; +, ) dove
A = (a, b) [ a, b Z
p

(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)


(a, b)(c, d) = (ad +bc, bd 2ac)
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lanello (A; +, ) `e privo di divisori dello zero;
ii) lanello (A; +, ) `e un campo;
iii) il polinomio x
2
+ [2]
p
Z
p
[x] `e irriducibile in Z
p
[x].
Si indichi qualche valore di p per cui (A; +, ) `e un campo e qualche valore di p per cui non lo `e.
27. Sia (K; +, ) un campo. Si verichi brevemente che linsieme di matrici
A =
__
a b
b a
_
[ a, b K
_
`e un anello rispetto alla somma elemento per elemento e rispetto al prodotto righe per colonne.
I] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (A; +, ) `e un campo;
ii) il polinomio x
2
+ 1 K[x] `e irriducibile in K[x];
iii) il polinomio x
2
+ 1 non ha radici in K.
II] Si verichi che se (K; +, ) = (R;+, ), allora (A; +, ) `e isomorfo al campo complesso (C; +, ).
III] Si verichi che, se (K; +, )=(C;+, ), ogni elemento non unitario e non nullo dellanello (A; +, ) `e un
divisore dello zero.
Sugg. I] cfr. Tema 15.
II] :
_
a b
b a
_
a +ib.
IV]
_
a b
b a
__
a b
b a
_
=
_
a
2
+b
2
0
0 a
2
+b
2
_
.
28. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
1 Z
p
[x] con p primo. Si provi che se f(x) si decompone in
Z
p
[x] in prodotto di fattori lineari, allora p 1 (mod3) o p = 3.
Sugg. Sia p = 1 + 3k. Se [a]
p
Z
p
`e radice di f(x), da a
3
1 (mod p) e a
p
a (mod p) (I Teorema
2.2.3) si deduce a 1 (mod p).
29. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
+x
2
+a Z
7
[x].
I] Si mostri che il polinomio f(x) ha una radice doppia in Z
7
se e solo se `e a = [0]
7
.
II] Si determinino i valori di a Z
7
per i quali il polinomio f(x) ammette radici in Z
7
e per ognuno di
essi si dia una decomposizione di f(x) in prodotto di polinomi irriducibili di Z
7
[x], giusticando i
risultati.
III] il polinomio f(x) `e riducibile in Z
7
[x] se e solo se `e a ,= [3]
7
, [6]
7
.
Sugg. Proposizione 5.5.8; se k Z
7
`e radice doppia di f(x), k `e soluzione del sistema
_
x
4
+x
2
+a = 0
4x
3
+ 2x = 0
30. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
+ax+1 Z
5
[x]; si determinino i valori di a Z
5
per i quali f(x)
ammette una radice doppia.
31. Sia K un campo; sia K
K
lanello costituito dalle applicazioni di K in se stesso rispetto alle operazioni
di somma e prodotto denite ponendo per , K
K
+ : k (k) +(k)
: k (k)(k).
65
I] Si mostri che lanello (K
K
; +, ) possiede unit`a e che ogni elemento non nullo e non unitario `e un
divisore dello zero.
II] Detta : K[x] K
K
lapplicazione che associa ad ogni polinomio f(x) K[x] la funzione polino-
miale denita da f(x), si provi che, se K `e innito, `e iniettiva ma non suriettiva.
Sugg. I] 1
(K
K
)
: k 1
K
per ogni k K; K
K
`e unitario se e solo se 0
K
, (K).
II] Teorema 5.5.12.
32. Sia A un dominio dintegrit`a, dotato di unit`a; sia p un elemento irriducibile. Si provi che
I) per ogni a A esiste M.C.D.(p, a);
II) condizione necessaria anch`e per ogni a A esistano x, y A (dipendenti da a) tali che sia
M.C.D.(p, a) = xp +ya `e che p sia un elemento primo.
Si mostri con qualche esempio che la condizione non `e in generale suciente.
Sugg. II] Siano a, b A tali che p divide ab e p non divide a; allora 1
A
= xp +ya.
33. Siano f(x) e g(x) due polinomi non nulli a coecienti in Z.
Si provi che se essi sono primi fra loro nellanello di polinomi (Z[x]; +, ), essi lo sono anche nellanello
(Q[x]; +, ).
Si mostri con qualche esempio che f(x) e g(x) possono essere primi fra loro nellanello (Q[x]; +, ) senza
esserlo in (Z[x]; +, ).
34. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
5x
3
+x + 8 Z[x]. Per ogni numero primo p sia
f
p
(x) = [1]
p
x
4
[5]
p
x
3
+ [1]
p
x + [8]
p
Z
p
[x]
I] Si decomponga in prodotto di polinomi monici irriducibili in Z
p
[x] il polinomio f
p
(x) per p = 2 e per
p = 3.
II] Si deduca da I] che f(x) `e un elemento irriducibile dellanello Z[x].
Sugg. I] f
2
(x) = x(x
2
+x + 1), f
3
(x) = (x
2
+x 1)(x
2
+ 1).
II] Se g(x) Z[x] `e fattore irriducibile di f(x), esso `e associato in Z[x] ad un polinomio monico; per
ogni primo p ne segue deg g(x) = deg g
p
(x) e g
p
(x) divide f
p
(x). Per`o g
p
(x) potrebbe essere riducibile
in Z
p
[x].
35. Si considerino in Z[x] i polinomi a(x) = 4x
3
4 e b(x) = 6x
3
+ 12x
2
+ 12x + 6.
I] Si determini un loro massimo comun divisore d(x) in Z[x].
II] Si provi che d(x) `e M.C.D.(a(x), b(x)) anche in Q[x].
III] Si mostri che esiste qualche polinomio h(x) Z[x] che `e M.C.D.(a(x), b(x)) in Q[x] ma non in Z[x].
Sugg 5.6 Esercizio 5.
36. Sia p un numero primo; si considerino in Z
p
[x] i polinomi
f(x) = x
5
+ 3x
3
+x
2
+ 2x + 2
g(x) = x
4
+ 3x
3
+ 3x
2
+x + 2
Si determinino i valori di p per i quali i due polinomi sono coprimi.
Considerati f(x) e g(x) come polinomi di Z[x], essi sono coprimi?
37. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b
1
, b
2
, . . . , b
n
elementi non nulli di D. Si
provi che a `e primo con lelemento c = b
1
b
2
b
n
se e solo se a `e primo con b
i
per ogni i = 1, 2, . . . , n.
Sugg. Se d
i
=M.C.D.(a, b
i
), d
i
divide M.C.D.(a, c).
Se p `e fattore irriducibile di M.C.D.(a, c), esiste j tale che p divide d
j
.
38. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a, dotato di unit`a; sia (D[x]; +, ) lanello di polinomi a coecienti
in D. Si mostri che
I] gli elementi unitari dellanello (D[x]; +, ) sono tutti e soli i polinomi di grado zero coincidenti con
gli elementi unitari dellanello (D; +, );
II] un elemento a D `e irriducibile in D[x] se e solo se `e irriducibile in D;
66
III] lanello (D[x]; +, ) `e un dominio a fattorizzazione unica se e solo se lo `e lanello (D; +, ).
Sugg. II] Osservazione 5.5.2.
III] Teorema 5.6.6.
39. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a, in cui ogni elemento non nullo e non unitario `e
prodotto di un numero nito di elementi irriducibili. Si provi che (D; +, ) `e un dominio a fattorizzazione
unica se e solo se `e soddisfatta la condizione () seguente:
() per ogni a, b D che ammettono come divisori comuni solo gli elementi unitari, se a e b
dividono un elemento c D, allora anche ab divide c.
40. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b D tali che 1
D
=M.C.D.(a, b).
Si provi che
I] se gli elementi a e b dividono entrambi un elemento c D, allora ab divide c;
II] per ogni h D `e
M.C.D.(h, ab) M.C.D.(h, a)M.C.D.(h, b)
Si mostri che nellanello Z[

3] = a +ib

3 [ a, b Z C le due proposizioni sono false.


41. Siano (A; +, ) un anello commutativo; sia M
2
(A) lanello di matrici quadrate di ordine 2 ad elementi
in A. Si verichi che, se I `e un ideale bilatero dellanello (A; +, ), M
2
(I) `e un ideale bilatero dellanello
M
2
(A). Se ne deduca che, se lanello M
2
(A) `e privo di ideali bilateri propri, allora lanello A `e un campo.
Sugg. Proposizione 6.3.4. Se (A; +, ) `e uno zero-anello. linsieme
_
_
a 0
0 0
_
[ a A
_
`e un ideale
dellanello M
2
(A).
42. Sia (K; +, ) un campo; sia f(x) K[x] un polinomio monico di grado maggiore di zero. Si provi
che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni
] f(x) `e potenza di un polinomio irriducibile di K[x];
] linsieme J = k(x) K[x][ M.C.D.(f(x), k(x)) ,= 1 0 `e un ideale di K[x].
Sugg. Se g
1
(x), g
2
(x) sono divisori irriducibili di f(x), non associati in K[x], allora g
1
(x), g
2
(x) J; se
J `e ideale, allora 1
K
=M.C.D.(g
1
(x), g
2
(x)) J.
43. Sia k Q0 ssato. Sia A = (a, b) [ a, b Q; A `e un anello ripetto alla somma e al prodotto
deniti come segue:
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, bd +kac)
I] Si mostri che esistono valori di k per i quali lanello (A; +, ) `e un campo ed altri per i quali non lo
`e.
II] Si mostri che per ogni r Q linsieme H
r
= (a, ra) [ a Q `e un sottogruppo del gruppo additivo
(A; +) e che esiste qualche r Q per il quale H
r
non `e sottoanello dellanello (A; +, ).
III] Si mostri che nellanello (A; +, ) esistono sottoanelli che non sono ideali.
IV] Esistono nellanello (A; +, ) ideali propri?
44. Sia (R; , ) un reticolo; sia t R. Si consideri lapplicazione : R R denita da (x) = x t
per ogni x R. Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i] `e iniettiva;
ii] t `e elemento minimo (ovvero zero) di R;
iii] `e suriettiva.
Sugg. (t) = (t x) e t (x) per ogni x R.
45. Sia (R; , ) un reticolo per il quale esiste unapplicazione : R Z tale che per ogni x, y R si ha
i) (x y) +(x y) = (x) +(y),
ii) se x < y, allora (x) < (y).
67
Si provi che R `e modulare.
Si mostri con qualche esempio che R pu`o essere distributivo, ma pu`o anche non esserlo.
Sugg. Per assurdo, esistano a, b, c R tali che a c e a (b c) < (a b) c.
R = L[G] reticolo dei sottogruppi del gruppo (G; +) =(Z
2
; +) (Z
2
; +); (< 0
G
>) = 0, (G) = 2,
(H) = 1 per ogni sottogruppo proprio di (G; +); il reticolo (R; , ) non `e distributivo.
46. Sia n un intero maggiore di 1; sia R il reticolo costituito dai divisori propri e impropri di n in N
rispetto alla relazione dordine denita da a b se e solo se a divide b. Si provi che R `e un reticolo di
Boole se e solo se n `e prodotto di primi distinti.
Sugg. Se p
2
divide n (con p primo), p R non ha complemento.
47. Nel gruppo generale lineare GL(3,Q) si considerino i sottoinsiemi
H =
_
_
_
1 0 0
x 1 0
y x 1
_
_
: x, y Q
_
A =
_
_
_
1 0 0
0 1 0
a 0 1
_
_
: a Q
_
B =
_
_
_
1 0 0
b 1 0
1
2
(b
2
b) b 1
_
_
: b Q
_
Si verichi che
I] H, A, B sono gruppi rispetto al prodotto righe per colonne;
II] i gruppi (A; ) e (B; ) sono isomor al gruppo additivo (Q; +);
III] per ogni H esistono e sono univocamente determinati A e B tali che sia = .
Se ne deduca che il gruppo (H; ) `e isomorfo al gruppo (QQ; +) costituito dalle coppie ordinate (r, s)
QQ rispetto alloperazione + denita componente per componente.
48. Si provi che gli automorsmi del gruppo (Z
n
; +) sono tutte e sole le applicazioni f
r
: Z
n
Z
n
denite
da
f
r
: [a]
n
[ra]
n
dove r `e un intero ssato, primo con n.
Quanti e quali sono gli automorsmi dellanello (Z
n
; +, )?
Sugg. Se : Z
n
Z
n
`e un automorsmo, posto ([1]
n
) = [r]
n
, per ogni [a]
n
Z
n
`e ([a]
n
) = (a[1]
n
) =
= a([1]
n
= a[r]
n
= [ra]
n
.
49. Nel campo complesso (C;+,) si considerino i sottocampi
Q, R, C, Q[

2] = a +b

2 [ a, b Q Q[

3] = a +b

3 [ a, b Q;
si mostri che due qualsiansi di essi non sono isomor.
50. In Q si considerino due operazioni e denite come segue:
x y = x +y 1
x y = xy x y + 2
dove + e al secondo membro indicano le usuali operazioni in Q.
Si verichi che (Q;, ) `e un campo isomorfo al campo razionale (Q;+, ).
51. Fissato r N, nellanello (Z
n
; +, ) delle classi di resti modn si consideri il sottoinsieme
H
r
= [xr]
n
[ x Z
e si provi quanto segue.
I] H
r
`e un sottoanello dellanello (Z
n
; +, ).
II] Se d =M.C.D.(r, n) N, allora H
r
= H
d
e, posto n = ds, `e [H
d
[ = s.
III] Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) M.C.D.(d, s) = 1;
68
ii) lanello (H
d
; +, ) possiede unit`a;
iii) lanello (H
d
; +, ) `e isomorfo allanello (Z
s
; +, ).
Sugg. III] i) ii) Se 1 = dx +sy,[dx]
n
`e unit`a in (H
d
; +, ).
ii) iii) :Z
s
H
d
con ([t]
s
) = [tdx]
n
.
52. Nellanello di matrici (Mat
2
(R);+, ) si considerino i sottoanelli
B =
_
_
a b

5
b

5 a
_
; a, b Z
_
C =
_
_
a b

5
b

5 a
_
; a, b Z
_
Si mostri che lanello (B; +, ) `e isomorfo al sottoanello A = a +b

5 [ a, b Z del campo reale, mentre


lanello (C; +, ) non lo `e.
Sugg. Se esistesse un isomorsmo : A C, dalluguaglianza (

5)
2
= 5 in A seguirebbe luguaglianza
((

5))
2
= (5) = 5(1).
53. Siano (A; +, ) e (B; +, ) due anelli commutativi, dotati di unit`a; siano V
A
e V
B
rispettivamente
linsieme dei loro elementi unitari.
I] Si provi che se gli anelli (A; +, ) e (B; +, ) sono isomor, allora sono tra loro isomor i gruppi additivi
(A; +) e (B; +) e i gruppi moltiplicativi (V
A
; ) e (V
b
; ).
II] Si mostri che non vale il viceversa considerando nel campo complesso i sottoanelli
A = x +iy

2 [ x, y Z
B = x +iy

3 [ x, y Z
e provando che
i) i gruppi additivi (A; +) e (B; +) sono isomor;
ii) i gruppi moltiplicativi (V
A
; ) e (V
B
; ) sono isomor;
iii) gli anelli (A; +, ) e (B; +, ) non sono isomor.
54. Sia (G; +) il prodotto cartesiano dei gruppi (Z
m
; +) e (Z
n
; +). Fissato r N, si consideri
lapplicazione f
r
: G G denita ponendo per ogni a, b Z
f
r
: ([a]
m
, [b]
n
) ([ra]
m
, [rb]
n
)
I] Si verichi che linsieme H = f
r
[ r N, M.C.D.(r, mn) = 1 `e un sottogruppo del gruppo (Aut G; )
(costituito dagli automorsmi del gruppo (G; +) rispetto al prodotto di applicazioni).
II] Si provi che, se M.C.D.(m, n) = 1, allora
i) per ogni Aut G esistono x, y Z tali che
: ([1]
m
, [0]
n
) ([x]
m
, [0]
n
)
: ([0]
m
, [1]
n
) ([0]
m
, [y]
n
)
ii) `e Aut G = H.
III] Si mostri che per m = n = 2 `e H ,=Aut G.
Sugg. I] M.C.D.(r, mn) = 1 M.C.D.(r, m) = 1 =M.C.D.(r, n).
II] i) Se ([1]
m
, [0]
n
) = ([x]
m
, [y]
n
), allora ([mx]
m
, [my]
n
) = ([m]
m
, [0]
n
) = ([0]
m
, [0]
n
).
ii) II, 2.2 Esercizio 3
55. Sia (A; +, ) = QZ, somma diretta esterna degli anelli (Q;+, ) e (Z;+, ); si determinino gli elementi
idempotenti di A (i.e. x A tali che x
2
= x) e si mostri quindi che in A esiste uno ed un solo sottocorpo.
Sugg. Elementi idempotenti: 0
A
= (0, 0), 1
A
= (1, 1), (0, 1), (1, 0).
Se K `e sottocorpo di A, 1
K
`e idempotente e n1
K
K per ogni n Z.
56. Sia k Q; sia (A; +, ) lanello costituito dalle coppie ordinate (x, y) QQ rispetto alla somma
componente per componente e al prodotto denito da
(x
1
, y
1
)(x
2
, y
2
) = (x
1
y
2
+x
2
y
1
, y
1
y
2
+kx
1
x
2
)
Si mostri quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede unit`a.
II] (A; +, ) non `e un campo se e solo se esiste h Q tale che k = h
2
.
69
III] Se esiste h Q tale che k = h
2
e k ,= 0, lapplicazione denita da
: (q
1
, q
2
) (
q
1
q
2
2h
,
q
1
+q
2
2
)
`e un isomorsmo dellanello (Q;+,)(Q;+,) (somma diretta di anelli) sullanello (A; +, ).
70
V. SOTTOSTRUTTURA GENERATA DA UNA PARTE
DI UNA STRUTTURA ALGEBRICA.
Denizione. Sia (S; , , . . .) una struttura algebrica (semigruppo, gruppo, anello, reti-
colo, A-modulo) e sia X un sottoinsieme di S; si chiama sottostruttura generata da
X la minima (rispetto allinclusione insiemistica) sottostruttura di S che contiene X.
Tale sottostruttura viene indicata con X).
Quanto detto nei paragra precedenti ci garantisce lesistenza di X); X) `e infatti
lintersezione insiemistica di tutte le sottostrutture di S che contengono X (fra le quali
c`e almeno S stessa).
Il concetto di sottostruttura generata da una parte X di S risponde a due esigenze:
I] data X, poter vedere X come parte di una sottostruttura di S quanto pi` u possibile
piccola;
II] data una sottostruttura T di S, determinare una parte X di T tale che sia T = X) e
quindi tale che si possa studiare T conoscendo X.
1
1.1. Sottosemigruppo generato da una parte di un semigruppo.
Denizione. Sia (S; ) un semigruppo e sia X un sottoinsieme di S; si chiama sot-
tosemigruppo generato da X il minimo sottosemigruppo di G che contiene X.
Tale sottosemigruppo `e lintersezione di tutti i sottosemigruppi di S che contengono X.
Proposizione 1.1.1. Se (S; ) `e un semigruppo e X `e un sottoinsieme di S, `e
X) = x
1
x
2
x
n
[ x
i
X, n N ;
in particolare, se a S, `e
a) = a
n
[ n N .
Posto T = x
1
x
2
x
n
[ x
i
X, n N , si verica che T `e un sottosemigruppo di S
che contiene X e pertanto contiene X); daltra parte ogni prodotto del tipo x
1
x
2
x
n
appartiene al sottosemigruppo X) e pertanto T X).
71
2
2.1. Sottogruppo generato da una parte di un gruppo.
Denizione. Sia (G; ) un gruppo e sia X un sottoinsieme di G; si chiama sottogruppo
generato da X il minimo sottogruppo di G che contiene X.
Tale sottogruppo viene indicato con X) ed `e lintersezione di tutti i sottogruppi di G che
contengono X.
`
E ) = 1
G
= 1
G
) (dove 1
G
indica lunit`a di G).
Se in particolare X = a con a G, il sottogruppo a) viene detto sottogruppo ciclico
generato da a.
Proposizione 2.1.1. Se (G; ) `e un gruppo e a G, `e
a) = a
n
[ n Z .
Sia H = a
n
[ n Z ; per a
r
, a
s
H `e a
r
(a
s
)
1
= a
rs
H e quindi H `e un sottogruppo.
Se T `e un sottogruppo di G e a T, allora a
n
T per ogni n Z e pertanto H T.
Proposizione 2.1.2. Se (G; ) `e un gruppo e X `e un sottoinsieme di G, `e
X) = x

1
1
x

2
2
x

r
r
[ x
i
X,
i
1, 1, r N .
La dimostrazione `e analoga alla precedente.
Esercizio 1. Il sottogruppo del gruppo simmetrico S
n
, generato dallinsieme degli scambi, coincide con
S
n
; per n 3 il sottogruppo di S
n
generato dai 3-cicli coincide con il sottogruppo alterno. (cfr. IV,4.3
Esempio 4.)
Proposizione 2.1.3. Se X = x
1
, x
2
, . . . , x
n
`e un sottoinsieme nito di un gruppo (G; )
e se gli elementi di X sono a due a due permutabili (in particolare se il gruppo (G; ) `e
abeliano) `e
x
1
, x
2
, . . . , x
n
) = x
s
1
1
x
s
2
2
x
s
n
n
[ s
i
Z .
Siano G un gruppo e g G: il sottogruppo g) resta determinato dal cosiddetto periodo
di g.
Denizione. Si dice che un elemento g di un gruppo (G; ) ha periodo o ordine n N se
n `e il minimo intero positivo tale che g
n
= 1
G
; si dice che g ha periodo (o ordine) innito
se per ogni intero relativo r ,= 0 `e g
r
,= 1
G
.
Si osservi che se g non ha periodo innito, esiste qualche intero r ,= 0 tale che g
r
= 1
G
;
allora anche g
r
= 1
G
e pertanto esiste qualche intero positivo s tale che g
s
= 1
G
. Esiste
allora il minimo intero positivo n tale che g
n
= 1
G
e dunque g ha periodo n.
Il periodo di g G viene indicato con [g[ o con o(g).
Esercizio 2.
I] Si provi che, se ogni elemento diverso dallunit`a di un gruppo ha periodo 2, allora il gruppo `e abeliano.
II] Si consideri nel gruppo GL(3,Z
p
) il sottogruppo
H =
_
_
_
1 a b
0 1 c
0 0 1
_
_
[ a, b, c Z
p
_
;
si verichi che H non `e abeliano e che per p ,= 2 ogni elemento di H, diverso dallunit`a, ha periodo
p. Si determini il periodo degli elementi di H per p = 2.
Proposizione 2.1.4. Sia (G; ) un gruppo e sia g G.
1) Se g ha periodo innito, per r, s Z `e g
r
= g
s
se e solo se `e r = s.
2) Se g ha periodo n, per r, s Z `e g
r
= g
s
se e solo se `e r s (modn).
3) Il periodo di g `e uguale allordine del sottogruppo g) generato da g: se o(g) = , le
potenze di g (con esponente intero relativo) sono tutte distinte, mentre se o(g) = n,
le potenze distinte di g sono
1
G
= g
0
, g, g
2
, . . . , g
n1
72
1) Se g
r
= g
s
allora g
rs
= 1
G
e quindi r s = 0.
2) Sia t Z tale che g
t
= 1
G
; posto t = nq +m con q, m Z e 0 m < n, si deduce g
m
= 1
G
e quindi m = 0 e t 0 (modn). Viceversa, se t = qn allora g
t
= (g
n
)
q
= 1
q
G
= 1
G
.
`
E g
r
= g
s
se e solo se g
rs
= 1
G
e quindi se e solo se r s 0 (modn).
3) Segue da 1) e 2).
Corollario 2.1.5. Ogni elemento di un gruppo nito ha periodo nito, minore o uguale
allordine del gruppo. (cfr. VI, Corollario 2.2.2)
Esercizio 3. Sia (G; ) un gruppo e sia g G; sia 0 ,= k Z:
i) se o(g) = , `e o(g
k
) = e g) = g
k
) se e solo se k = 1;
ii) se o(g) = n, `e g
k
) = g
d
) ove d=M.C.D.(k, n); pertanto o(g
k
) = o(g
d
) =
n
d
e g) = g
k
)
se e solo se M.C.D.(k, n) = 1.
Esercizio 4. Siano a, b due elementi permutabili di un gruppo (G; ), aventi periodo nito:
i) o(ab) divide m.c.m.(o(a), o(b));
ii) se M.C.D.(o(a), o(b)) = 1, allora o(ab)=m.c.m.(o(a), o(b)) = o(a)o(b).
Esercizio 5. Sia (G; ) un gruppo abeliano in cui tutti gli elementi hanno periodo nito; se linsieme dei
periodi degli elementi di G ammette massimo m, allora `e g
m
= 1
G
per ogni g G.
Esercizio 6. Nel gruppo simmetrico S
n
ogni sostituzione ha per periodo il minimo comune multiplo delle
lunghezze dei suoi cicli disgiunti. (cfr. IV,4.2 Esempio 4.)
Esercizio 7. Sia p un numero primo; per ogni intero positivo n sia G
n
= (Z
p
n; +). Si mostri che
1) il gruppo Cr
nN
G
n
possiede elementi di periodo innito;
2) ogni elemento del sottogruppo Dr
nN
G
n
ha per periodo una potenza di p;
3) esistono elementi di Cr
nN
G
n
che non appartengono a Dr
nN
G
n
e che hanno periodo nito.
2.2. Gruppi ciclici.
Pu`o succedere che per qualche g G sia g) = G: ad esempio per G =(Z;+) e g 1
oppure per G =(Z
10
; +) e g [1], [3], [7], [9].
Denizione. Si dice che un gruppo (G; ) `e ciclico se esiste a G tale che a) = G.
I gruppi (Z; +) e (Z
n
; +) sono esempi di gruppi ciclici.
I gruppi (Q; +) e (Q0; ) non sono ciclici.
Proposizione 2.2.1. Ogni sottogruppo di un gruppo ciclico (G; ) `e ciclico; se in parti-
colare G `e innito, ogni suo sottogruppo non banale `e innito.
Sia G = a) un gruppo ciclico e sia H un suo sottogruppo. Se H = 1
G
, H `e ciclico,
generato da 1
G
. Sia quindi H ,= 1
G
. Esiste allora qualche intero s ,= 0 tale che a
s
H;
poiche anche a
s
= (a
s
)
1
H, esiste qualche intero positivo m tale che a
m
H. Sia n il
minimo intero positivo tale che a
n
H; proviamo che H = a
n
).
Per ogni h H esiste qualche intero t tale che h = a
t
; posto t = nq + r con q, r Z e
0 r < n, si deduce a
r
= a
t
(a
n
)
q
H e quindi r = 0. Pertanto h = a
t
= (a
n
)
q
a
n
) e
H = a
n
).
Corollario 2.2.2. I sottogruppi distinti del gruppo (Z; + ) sono tutti e soli i sottoinsiemi
H
n
= kn[ k Z con n N.
Esercizio 1. Il reticolo L[Z], costituito dai sottogruppi del gruppo (Z; +) rispetto allinclusione in-
siemistica `e isomorfo al reticolo (N
0
; ) dove per r, s N
0
`e r s se e solo se s divide r.
Esercizio 2. Siano
r
s
,
m
n
Q0 con M.C.D.(r, s) = M.C.D.(m, n) = 1; si mostri che nel gruppo additivo
(Q; +) `e

r
s
,
m
n
) =
M.C.D.(r, m)
m.c.m.(s, n)
)
Se ne deduca che per ogni sottoinsieme nito X del gruppo (Q ; +) il sottogruppo X) `e ciclico. Si mostri
che il gruppo (Q ;+) possiede sottogruppi propri non ciclici.
73
Esercizio 3. Si osservi che il gruppo (Q0; ) possiede un elemento di periodo 2 e se ne deduca che
non `e ciclico.
Esercizio 4. Sia (G; ) un gruppo tale che per ogni g G esista x G tale che x
2
= g; si provi che se G
`e innito, G non `e ciclico.
Si mostri che se G `e nito, G pu`o essere ciclico e pu`o non esserlo.
Esercizio 5. I gruppi (R; +), (C; +) non sono ciclici.
Esercizio 6. Sia (G; ) un gruppo ciclico di ordine n; si provi che
1) ogni elemento di G ha per periodo un divisore di n e ogni sottogruppo di G ha per ordine un divisore
di n;
2) per ogni divisore r di n esiste in G qualche elemento di periodo r e qualche sottogruppo di ordine r;
3) se r `e un divisore di n e a, b G con [a[ = [b[ = r, ogni elemento del sottogruppo a, b) ha per periodo
un divisore di r e di conseguenza `e a, b) = a) = b); ne segue che in (G; ) esiste un solo sottogruppo
di ordine r.
Esercizio 7. Ogni gruppo privo di sottogruppi propri `e ciclico di ordine primo.
Esercizio 8. Sia (K; +, ) un campo nito di ordine q; il gruppo moltiplicativo (K0; ) `e ciclico (Si
tengano presenti 2.1 Esercizio 5 e IV Teorema 5.5.12.) e ogni elemento di K `e radice del polinomio
x
q
x K[x]; di conseguenza `e
x
q
x = x(x k
1
)(x k
2
) (x k
q1
)
dove k
1
, k
2
, . . . , k
q1
sono gli elementi non nulli di K. (cfr. IV, 5.5 Esercizio 7)
Esercizio 9. Sia p un numero primo; il polinomio x
2
+1 Z
p
[x] ammette radici in Z
p
se e solo se `e p = 2
o p 1 (mod4).
Proposizione 2.2.3. Due qualsiansi gruppi ciclici, aventi lo stesso ordine nito o en-
trambi inniti, sono isomor. Pertanto (Z; +) e (Z
n
; +) sono, a meno di isomorsmi, i
soli gruppi ciclici.
Siano A = a) e B = b) due gruppi ciclici aventi lo stesso ordine nito o entrambi inniti.
Se [A[ = [B[ = n `e a
r
= a
s
se e solo se `e b
r
= b
s
per la Proposizione 2.1.4, 2); pertanto `e
ben denita e biiettiva lapplicazione : A B tale che (a
r
) = b
r
per ogni r Z.
`
E banale
vericare che conserva il prodotto.
Se A e B sono gruppi inniti, le potenze (con esponente intero relativo) di a e quelle di b
sono tutte distinte e lapplicazione , denita come sopra, realizza un isomorsmo fra i due
gruppi A e B.
Esercizio 10. Un gruppo di ordine 2 o 3 `e necessariamente ciclico; un gruppo di ordine 4 pu`o non
essere ciclico (si consideri ad esempio il gruppo delle simmetrie del rettangolo o il gruppo moltiplicativo
degli elementi unitari dellanello (Z
8
, +, )). Si mostri che, a meno di isomorsmi, esiste un solo gruppo
di ordine 4 non ciclico (detto gruppo trirettangolo); la tavola di composizione di tale gruppo `e
1 a b c
1 1 a b c
a a 1 c b
b b c 1 a
c c b a 1
2.3. Prodotto di due sottogruppi.
Abbiamo gi`a osservato che lunione insiemistica di due sottogruppi di un gruppo (G; )
non `e in generale un sottogruppo; per H, K L[G] (reticolo dei sottogruppi di G) supH, K
`e il sottogruppo generato dallunione insiemistica di H e K, che viene indicato con H, K).
Segnaliamo che il sottogruppo H, K) viene spesso detto unione gruppale di H e K e
indicato con H K.
Dalla Proposizione 2.1.2 si deduce facilmente che
H, K) = h
1
k
1
h
2
k
2
h
n
k
n
[ h
i
H, k
i
K, n N .
74
Esercizio 1. Nel gruppo delle similitudini sulla retta reale (cfr.IV,4.3 Esempio 3) si considerino gli
elementi
1
: x
t
= x e
2
: x
t
= x +1 e i sottogruppi H =
1
) e K =
2
); si mostri che H e K hanno
ordine 2 e che H, K) = x
t
= x +n[ n Z .
Osservazione. Se H e K sono sottogruppi di un gruppo abeliano (G; ), risulta
H, K) = hk [ h H, k K.
Denizione. Se H e K sono due sottogruppi di un gruppo (G; ), il sottoinsieme di G
HK = hk [ h H, k K
viene detto prodotto dei due sottogruppi.
Osservazioni.
1. Se il gruppo G `e abeliano, il prodotto HK `e un sottogruppo.
2. Se il gruppo G non `e abeliano, HK pu`o essere un sottogruppo, ma pu`o anche non
esserlo: ad es. se G `e il gruppo simmetrico S
3
e H = (1, 2, 3) >, K = (1, 2)), F = (1, 3)),
allora HK `e un sottogruppo, mentre KF non lo `e.
Denizione. Due sottogruppi H e K di un gruppo (G; ) vengono detti permutabili se
e solo se `e HK = KH.
Proposizione 2.3.1. Due sottogruppi H e K di un gruppo (G; ) sono permutabili se
(e solo se) per ogni h H e per ogni k K esistono h
t
H e k
t
K tali che sia hk = k
t
h
t
(o, analogamente, se per ogni h H e per ogni k K esistono h H, k K tali che
kh = hk).
Per ipotesi `e HK KH. Per ogni h H e per ogni k K esistono per`o h
1
H e k
1
K
tali che h
1
k
1
= k
1
h
1
; ne segue kh = (k
1
h
1
)
1
= h
1
1
k
1
1
HK e quindi KH HK.
Proposizione 2.3.2. Siano H e K due sottogruppi di un gruppo (G; ); sono tra loro
equivalenti le seguenti condizioni:
i) HK `e un sottogruppo di G;
ii) H, K) = HK;
iii) H e K sono permutabili.
i) ii)
Per denizione `e HK H, K); inoltre H HK e K HK.
Se HK `e un sottogruppo, necessariamente contiene il sottogruppo H, K) generato da H e
K e quindi coincide con esso.
Viceversa, `e ovvio che, se HK coincide con il sottogruppo H, K), HK `e un sottogruppo.
i) iii)
Sia HK un sottogruppo. Per ogni h H e per ogni k K `e h, k HK e quindi kh HK;
per la Proposizione 2.3.1 H e K sono permutabili.
Viceversa, siano H e K permutabili. Per g
1
= h
1
k
1
e g
2
= h
2
k
2
in HK si ha
g
1
g
1
2
= (h
1
k
1
)(h
2
k
2
)
1
= h
1
[k
1
(k
2
)
1
]h
1
2
;
per ipotesi esistono h
t
H, k
t
K tali che [k
1
(k
2
)
1
]h
1
2
= h
t
k
t
e quindi si ha g
1
g
1
2
=
= (h
1
h
t
)k
t
HK.
Esercizio 2. Il gruppo delle traslazioni e il gruppo delle omotetie sulla retta reale (cfr. IV,4.3 Esempio
3) sono sottogruppi permutabili del gruppo S
R
di tutte le trasformazioni sulla retta reale.
Esercizio 3. Il centro Z(G) di un gruppo (G; ) (cfr. IV,4.3 Esercizio 2) `e permutabile con ogni
sottogruppo di G.
Come abbiamo visto nellEsercizio 1, se H e K sono due sottogruppi niti di un gruppo
G, il sottogruppo H, K) pu`o anche essere innito; `e invece ovvio che in tal caso linsieme
HK `e nito e [HK[ [H[[K[. Pi u precisamente si pu`o provare quanto segue.
Proposizione 2.3.3. Siano H e K due sottogruppi di un gruppo (G; ).
1) Per h, h
t
H e k, k
t
K `e hk = h
t
k
t
se e solo se esiste i H K tale che sia h
t
= hi e
k
t
= i
1
k.
2) Se H e K sono niti, allora `e
75
[HK[ =
[H[[K[
[H K[
.
1) Per h H, k K, i H K `e h
t
= hi H, k
t
= i
1
k K e h
t
k
t
= hk.
Viceversa siano h, h
t
H e k, k
t
K tali che hk = h
t
k
t
; allora i = k(k
t
)
1
= h
1
h
t
H K
e h
t
= hi, k
t
= i
1
k.
2) Fissata una coppia (h, k) con h H, k K, le coppie (h
t
, k
t
) tali che hk = h
t
k
t
sono tante
quanti sono gli elementi di H K; poiche il numero delle coppie (h, k) `e [H[[K[, il numero
degli elementi distinti dellinsieme HK `e ([H[[K[)/[H K[.
76
3
3.1. Sottoanello generato da una parte di un anello.
Sottoanello fondamentale in un anello dotato di unit`a.
Denizione. Sia (A; +, ) un anello e sia X una parte di A; si chiama sottoanello ge-
nerato da X il minimo sottoanello di A che contiene X, ovvero lintersezione insiemistica
di tutti i sottoanelli di A che contengono X.
`
E ) = 0 = 0).
Esercizio 1. Sia (A; +, ) un anello; per a Ail sottoanello generato da a `e n
1
a+n
2
a
2
+ +n
r
a
r
[ n
i
Z,
r N .
Esercizio 2. Nel campo (Q; +, ) si determini il sottoanello
2
3
,
1
5
). (Si confronti con 2.2 Esercizio 2.)
Esercizio 3. Sia (A; +, ) un anello e sia a A; condizione suciente anche il sottoanello generato da
a coincida con il sottogruppo di (A; +) generato da a `e che sia a
2
= a (a `e idempotente). La condizione
`e necessaria?
Esempio. Sia X un insieme non vuoto; in IV.7.3 abbiamo denito le algebre su X. Sia
( una parte di T(A).
() = algebra generata da (
`e la minima (rispetto allinclusione insiemistica) algebra su X che contiene (, ovvero
lintersezione delle algebre che contengono (; () `e pertanto il sottoanello dellanello
(T(X); +, ) generato dallinsieme ( X.
Poiche `e A
2
= A e A = A per ogni A (, se ( `e chiusa rispetto allintersezione (ad esempio
se ( `e linsieme degli aperti di uno spazio topologico), sar`a
() = Y
1
+Y
2
+ +Y
n
[ n N, Y
i
( X con Y
i
,= Y
j
per i ,= j.
In modo analogo si denisce la -algebra generata da (.
Denizione. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a 1
A
; il sottoanello 1
A
, generato da
1
A
, `e costituito dai multipli (secondo interi relativi) di 1
A
e viene detto sottoanello
fondamentale dellanello A.
Il sottoanello fondamentale 1
A
) di A `e costituito quindi dagli elementi del sottogruppo
ciclico generato da 1
A
nel gruppo additivo (A; +).
3.2. Caratteristica in un anello.
Denizione. Siano (A; +, ) un anello e a A. Si dice che a ha caratteristica n (intero
positivo) se n `e il periodo dellelemento a nel gruppo additivo (A; +); si dice che a ha
caratteristica zero se lelemento a ha periodo innito nel gruppo (A; +).
Nei due casi scriveremo rispettivamente car a = n e car a = 0.
`
E car a = 1 se e solo se `e a =0.
Esempi.
1. Negli anelli Z, Q, R, C tutti gli elementi diversi dallo zero hanno caratteristica zero.
2. Sia 0 ,= f(x) = a
s
x
s
+ +a
1
x +a
0
Z
n
[x]; `e car f(x)=m.c.m.car a
i
[ i = 0, 1, . . . , s.
3. Sia 1 < n N; sia A=Z
n
Z lanello costituito dalle coppie ([r]
n
, s) con [r]
n
Z
n
, s Z
rispetto alla somma e al prodotto componente per componente (cfr.IV, 9.1). Tutti e soli
gli elementi del tipo ([r]
n
, 0) hanno caratteristica diversa da zero.
4. Sia A =

2nN
Z
n
(somma diretta discreta di anelli; cfr. IV, Proposizione 9.1.2);
ogni elemento di questo anello ha caratteristica diversa da zero, ma linsieme delle carat-
teristiche non ha massimo.
Proposizione 3.2.1. Se a `e un elemento idempotente di un anello (A; +, ) (in particolare,
se lanello A possiede unit`a e a = 1
A
), allora
i) se car a = n, il sottoanello generato da a ha ordine n ed `e isomorfo allanello (Z
n
; +, );
77
ii) se car a = 0, il sottoanello generato da a `e isomorfo allanello (Z; +, ).
Il sottoanello a) generato da a `e ra [ r Z. Basta allora considerare rispettivamente le
applicazioni
i) : Z
n
a) denita da ([r]
n
) = ra,
ii) : Z a) denita da (r) = ra,
e provare che sono isomorsmi.
Proposizione 3.2.2. In un anello privo di divisori dello zero tutti gli elementi diversi
dallo zero hanno la stessa caratteristica e questa `e zero o un numero primo p.
La tesi `e ovvia se tutti gli elementi dellanello (A; +, ), diversi dallo zero, hanno caratteristica
zero.
Sia 0,= a A con car a = n > 0; sia 0,= b A.
`
E a(nb) = (na)b =0b =0 (cfr. IV,
Proposizione 5.2.1,iv)) e quindi nb =0 poiche A `e privo di divisori dello zero. Pertanto `e
car b = m n. Allo stesso modo da mb =0 si deduce ma =0 e quindi n =car a m; ne
segue n = m.
Sia n = rs con r, s N; da (ra)(sa) = (na)a =0 segue ra =0 o sa =0 e quindi r n o
s n; pertanto `e r = n o s = n e ci`o prova che n `e un numero primo.
Esercizio 1. Sia (K; +, ) un campo; si mostri che il gruppo additivo (K; +) e il gruppo moltiplicativo
(K0
K
; ) non sono isomor. (Pu`o essere utile ragionare sul periodo degli elementi nei due gruppi)
Denizione. Si dice che un anello ha caratteristica n se ogni elemento dellanello
ha caratteristica diversa da zero e n `e il massimo di tali caratteristiche; altrimenti si dice
che lanello ha caratteristica zero.
Se un anello A ha caratteristica n, allora per ogni a A `e na = 0. (cfr. 2.1 Esercizio 5
applicato al gruppo (A; +).)
Un anello ha caratteristica zero se possiede almeno un elemento di caratteristica zero
(Esempi 1,3) o se tutti gli elementi hanno caratteristica diversa da zero, ma linsieme
delle caratteristiche non ha massimo (Esempio 4).
Ogni anello di caratteristica zero `e innito; lEsempio 2 mostra che un anello innito
non ha necessariamente caratteristica zero.
Se un anello (A; +, ) possiede unit`a, la caratteristica dellanello `e uguale alla caratteristica
dellunit`a : infatti, se car 1
A
= n, per ogni a A si ha na = n(1
A
a) = (n1
A
) a = 0
A
.
Esercizio 2. Per ogni intero n 2 sia A
n
=(Z
p
n; +, ) (p numero primo); si determini la caratteristica
degli anelli
Cr
nN
A
n
,

nN
A
n
,

10
n=2
A
n
, ZA
2
.
Per la Proposizione 3.2.2, la caratteristica di un campo `e zero o un numero primo p.
Ovviamente un campo nito ha caratteristica p; un campo di caratteristica p non `e per`o
necessariamente nito (cfr. VI, 1.3 Esempio 1).
Proposizione 3.2.3. Siano a e b sono due elementi permutabili di un anello tali che
car a =car b = p (p primo); per ogni intero positivo r si ha
(a b)
p
r
= a
p
r
b
p
r
Sia r = 1; per la Proposizione IV, 5.2.1,v) `e (a +b)
p
= a
p
+b
p
+

p1
i=1
_
p
i
_
a
i
b
pi
.
Per 1 i p 1 lintero
_
p
i
_
`e divisibile per p; ne segue
_
p
i
_
a
i
b
pi
= 0 e quindi (a + b)
p
=
a
p
+b
p
.
Inoltre (a b)
p
= [a + (b)]
p
= a
p
+ (b)
p
= a
p
+ (1)
p
b
p
= a
p
b
p
(anche per p = 2)
Si prova la tesi facendo induzione su r.
Esercizio 3. Sia K un campo nito di caratteristica p (primo); si mostri che per ogni intero positivo r
lapplicazione f
r
: K K denita da f
r
(k) = k
p
r
`e un automorsmo del campo K. Pi u avanti si potr`a
provare che [K[ = p
n
(cfr. VI, Proposizione 2.3.6) e quindi che gli automorsmi f
r
costituiscono (rispetto
al prodotto di applicazioni) un gruppo ciclico di ordine n.
Esercizio 4. Sia K un campo di caratteristica zero; sia 0,= f(x) K[x].
78
1) Si provi che `e f
t
(x) =0 se e solo se `e f(x) = k K0.
2) Si mostri che valgono per K gli enunciati dati per ogni sottocampo del campo complesso in IV
Proposizione 5.5.9 e suo Corollario.
Esercizio 5. Sia K un campo nito di ordine p
n
(p primo); sia 0,= f(x) K[x]. Si provi che
1) `e f
t
(x) =0 se e solo se `e f(x) = k
r
x
pr
+k
r1
x
p(r1)
+ +k
1
x
p
+k
0
;
2) se g(x)`e un fattore irriducibile di f(x) con molteplicit`a r, allora g(x) `e fattore irriducibile di f
t
(x) se
e solo se `e r 2;
3) ogni fattore irriducibile di f(x) ha molteplicit`a 1 se e solo se `e M.C.D.(f(x), f
t
(x)) = 1.
79
3.3. Sottocorpo generato da una parte di un corpo.
Sottocorpo minimo.
Campo dei quozienti di un dominio in un corpo.
Denizione. Sia (K; +, ) un corpo e sia X una parte non vuota di K; si chiama sotto-
corpo generato da X il minimo (rispetto allinclusione insiemistica) sottocorpo di K
che contiene X.
Esso `e lintersezione di tutti i sottocorpi di K che contengono X.
Il sottocorpo generato da una parte X di K `e anche il minimo sottocorpo di K che
contiene il sottoanello generato da X.
Il sottocorpo minimo K
0
di K (cfr. IV, Corollario 5.3.2) `e il sottocorpo generato
da 1
K
e anche il sottocorpo generato dal sottoanello fondamentale di K: infatti ogni
sottocorpo di K contiene lunit`a di K e quindi anche il sottoanello fondamentale.
Proposizione 3.3.1. Sia K un corpo e sia D un suo sottoanello commutativo (e quindi
un dominio di integrit`a) non ridotto al solo zero. Il sottocorpo generato da D `e
Q
K
(D) = ab
1
[ a, b D, b ,=0 .
Q
K
(D) `e commutativo e viene detto campo dei quozienti di D in K.
Si verica che per a, b D con b ,=0 `e ab
1
= b
1
a; se anche a ,=0, allora a
1
b
1
= b
1
a
1
.
Scelti ab
1
e cd
1
con a, b, c, d D, b ,=0, d ,=0, `e ab
1
cd
1
= (ad bc)(bd)
1
Q
K
(D)
e (ab
1
)(cd
1
) = (ac)(bd)
1
Q
K
(D).
Scelto a D0 si ha 1
K
= aa
1
Q
K
(D). Inoltre, se ab
1
,=0, allora a ,=0; esiste quindi
ba
1
Q
K
(D) e (ab
1
)(ba
1
) = 1
K
.
Pertanto Q
K
(D) `e un sottocorpo di K.
Per 0,= a D si ha a = a
2
a
1
Q
K
(D) e quindi D Q
K
(D).
Se T `e un sottocorpo di K con D T, per ogni a, b D con b ,=0 `e ab
1
T e quindi
Q
K
(D) T.
Segnaliamo che si usa anche scrivere
a
b
al posto di ab
1
.
Esempio. Fissato un intero positivo n e il sottoanello D = nk [ k Z del campo reale
R, `e Q
R
(D) =Q.
Proposizione 3.3.2. Siano K
1
e K
2
due corpi e siano rispettivamente D
1
e D
2
loro
sottoanelli commutativi non ridotti allo zero; se D
1
e D
2
sono isomor, lo sono anche i
rispettivi campi dei quozienti Q
K
1
(D
1
) e Q
K
2
(D
2
).
Sia un isomorsmo dellanello D
1
sullanello D
2
; si prova facilmente che lapplicazione
da Q
K
1
(D
1
) su Q
K
2
(D
2
), denita ponendo (ab
1
) = (a)(b)
1
per ogni ab
1
Q
K
1
(D
1
),
`e un isomorsmo di anelli.
Pertanto la struttura del campo dei quozienti di un dominio di integrit`a dipende dalla
struttura del dominio e non da quella del corpo in cui `e immerso.
Esercizio 1. Nel campo reale R si considerino il sottoanello A = a + b

2 [ a, b Z e il sottoanello
B = 2a+b

2 [ a, b Z; si verichi che A e B non sono isomor e che hanno lo stesso campo dei quozienti
in R.
Caso particolare.
Il sottocorpo minimo K
0
di un corpo K `e il campo dei quozienti del sottoanello fonda-
mentale di K; pertanto sar`a
K
0
= (r1
K
)(s1
k
)
1
[ r, s Z , s1
K
,=0.
Dalle Proposizioni 3.2.1 e 3.3.2 (tenendo presente anche la Proposizione 3.2.2) segue
che
1) se car K = p, `e K
0
= r1
K
[ r = 0, 1, . . . , p 1 (Z
p
; +, );
2) se car K = 0, `e K
0
= (r1
K
)(s1
K
)
1
[ r, s Z, s ,= 0 (Q; +, ).
Un corpo `e primo (ovvero privo di sottocorpi propri) se e solo se esso coincide con il suo
sottocorpo minimo e pertanto se e solo se esso `e isomorfo al campo (Z
p
; +, ) o al campo
(Q; +, ).
80
4
4.1. Sottomodulo generato da una parte di un A-modulo.
Ideale generato da una parte di un anello.
Denizione. Sia (V ; +) un A-modulo sinistro e sia X una parte di V ; si chiama A-sot-
tomodulo generato da X il minimo A-sottomodulo di V che contiene X.
Esso `e lintersezione di tutti gli A-sottomoduli di V che contengono X.
Proposizione 4.1.1. Sia (V ; +) un A-modulo sinistro e sia X una parte di V .
1) LA-sottomodulo di V generato da X `e
X)
A
= (r
1
x
1
+a
1
x
1
) + + (r
n
x
n
+a
n
x
n
) [ x
i
X, r
i
Z, a
i
A, n N .
2) Se V `e A-modulo unitario, allora `e
X)
A
= a
1
x
1
+ +a
n
x
n
[ x
i
X, a
i
A, n N .
Se X `e nito e X = x
1
, x
2
, . . . , x
s
, allora sar`a
X)
A
= a
1
x
1
+ +a
s
x
s
[ a
i
A.
1) Posto T = (r
1
x
1
+ a
1
x
1
) + + (r
n
x
n
+ a
n
x
n
) [ x
i
X, r
i
Z, a
i
A, n N , `e
T X)
A
poiche X)
A
`e un A-sottomodulo che contiene X. Si verica inoltre facilmente
che T `e un A-sottomodulo che contiene X; da ci`o segue X)
A
T e quindi la tesi.
2) Basta osservare che per ogni r Z, a A, x X `e rx = r(1
A
x) = (r1
A
)x e quindi
rx +ax = (r1
A
+a)x con r1
A
+a A.
Osservazione.
Se indichiamo con X)
+
il sottogruppo del gruppo abeliano (V ; +) generato dallinsieme
X, sar`a
X)
+
=

n
i=1
r
i
x
i
[ r
i
Z, x
i
X, n N
e quindi X)
+
X)
A
; ad esempio, se si considera lo spazio vettoriale dato in IV, 6.1
Esempio 1, per un vettore v V sar`a v)
+
= rv [ r Z e v)
A
= av [ a R.
Gli A-sottomoduli di un A-modulo (V ; +) costituiscono - rispetto allinclusione insiemisti-
ca (cfr.IV, 7.4)- un reticolo L
A
[V ], contenuto nel reticolo L[V ] dei sottogruppi del gruppo
(V ; +); possiamo provare che L
A
[V ] `e un sottoreticolo di L[V ].
Proposizione 4.1.2. Se U e W sono A-sottomoduli di un A-modulo (V ; +), lintersezione
insiemistica U W e lunione gruppale di U + W = U, W)
+
= u + w[ u U, w W sono
A-sottomoduli di V ; in particolare U +W = U, W)
A
.
`
E U +W U, W)
A
.
Per ogni a A, u U, w W si ha a(u + w) = au + aw U + W; pertanto U + W `e un
A-sottomodulo e quindi U, W)
A
U +W.
Quanto detto sopra si applica in particolare allA-modulo costituito dal gruppo additivo
(A; +) di un anello (A; +, ) (cfr. IV, 6.1 Esempio 3); gli A-sottomoduli sono i cosiddetti
ideali sinistri o destri dellanello (A; +, ). (cfr. IV, 6.3)
Dalla Proposizione 4.1.2 segue anche che
Proposizione 4.1.3. Gli ideali destri (o sinistri o bilateri) di un anello A costituiscono
un reticolo rispetto allinclusione insiemistica; in particolare, se I e J sono ideali destri
di A, `e supI, J = I, J)
A
= I +J = i +j [ i I, j J , mentre infI, J `e la loro intersezione
insiemistica.
4.2. Ideali nitamente generati e ideali principali in un anello.
Per quanto detto in 4.1, se (A; +, ) `e un anello e X `e una parte di A, restano deniti
lideale sinistro X)
s
e lideale destro X)
d
generati da X.
Un ideale sinistro (o destro) I di un anello (A; +, ) verr`a detto nitamente generato
se esiste un sottoinsieme nito X di I tale che I = X)
s
(o rispettivamente I = X)
d
).
Se in particolare `e X = x sar`a
x)
s
= nx +ax[ n Z , a A
81
x)
d
= nx +xa [ n Z , a A
Se lanello A `e dotato di unit`a, lA-modulo (A; +) `e unitario e quindi
x)
s
= ax[ a A
x)
d
= xa [ a A.
Se lanello A `e commutativo si parler`a semplicemente di ideale generato da un insieme
X e in particolare di ideale principale generato dallelemento x , che verranno
indicati rispettivamente con X) e x).
Esempi.
1. Nellanello (Z ;+, ) e nellanello (Z
n
; +, ) gli ideali coincidono con i sottogruppi dei
rispettivi gruppi additivi e sono tutti principali.(cfr. Corollario 2.2.2).
2. Nellanello K[x] ((K; +, ) campo) per ogni a K lideale I
a
= f(x) K[x] [ f(a) = 0 `e
principale, generato dal polinomio x a.
3. Nellanello di matrici Mat
n
(K) lideale sinistro T
r
, denito in IV, 6.3 Esempio 1, `e
generato dallelemento (t
ij
) con t
1r
= 1 e t
ij
= 0 per ogni (i, j) ,= (1, r).
Esercizio 1. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a, dotato di unit`a. Si provi che
1) per a, b D `e langlea) = b) se e solo se a e b sono associati;
2) per a D `e a) = D se e solo se a `e unitario;
3) per a, b D, non nulli e non unitari, lideale a) `e contenuto propriamente nellideale b) se e solo se
b divide propriamente a.
Esercizio 2. Nellanello (Z[x]; +, ) si considerino i sottoinsiemi
H = f(x) Z[x] [ f(0) = 0 ,
L = f(x) Z[x] [ f(0) 0 (mod n),
ove n `e un intero pressato, maggiore di 1. Si verichi che
i) H e L sono ideali;
ii) H `e principale, L non lo `e;
iii) L `e lideale generato dallinsieme x, n.
Esercizio 3. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a; per x A `e x)
s
= A se e solo se x ammette inverso
sinistro in A.
Esercizio 4. In uno zero-anello gli ideali sono tutti principali se e solo se il gruppo additivo `e ciclico.
Esercizio 5. Siano (K
1
; +, ) e (K
2
; +, ) due campi e sia A = K
1
K
2
; si mostri che i soli ideali propri
dellanello A sono I
1
= (k
1
, 0
2
) A[ k
1
K
1
e I
2
= (0
1
, k
2
) A[ k
2
K
2
. Gli ideali di A sono tutti
principali?
Proposizione 4.2.1. Se (K; +, ) `e un campo, gli ideali dellanello di polinomi K[x] sono
tutti principali.
Sia I[x] un ideale di K[x]. Se I[x] = 0, I[x] `e principale, generato da 0.
Sia I[x] ,= 0); sia f(x) un polinomio non nullo, avente grado minimo in I[x]. Per ogni
a(x) I[x] esistono q(x), r(x) K[x] tali che a(x) = f(x)q(x) +r(x) con r(x) =0 o
deg r(x) <deg f(x); per`o r(x) = a(x) f(x)q(x) I[x] e pertanto `e r(x) =0.
Ne segue I[x] = f(x)).
Esercizio 6. Sia (K; +, ) un campo; nellanello (K[x]; +, ) si considerino due ideali I = f(x)) e
J = g(x)). Si provi che I J = m.c.m.(f(x), g(x))) e I +J = M.C.D.(f(x), g(x))).
Esercizio 7. Si consideri lanello D =Z[

3] (cfr. IV, 5.6, Esempio 4). Si provi che gli insiemi


I = a + ib

3 D[ a b (mod4) e J = 2 D[ I sono ideali principali di D e se ne determini


un generatore. Posto poi L = 4), si stabilisca se gli ideali L J e L +J sono principali.
Esercizio 8. Siano a(x), b(x) Z[x] e sia d(x) =M.C.D.(a(x), b(x)); si provi che lideale a(x), b(x)) di
Z[x] `e principale se e solo se esistono f(x), g(x) Z[x] tali che d(x) = a(x)f(x) +b(x)g(x).
Esercizio 9. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; si provi che ogni ideale dellanello di
polinomi (D[x]; +, ) `e principale (se e) solo se (D; +, ) `e un campo.
82
Denizione. Un anello commutativo, dotato di unit`a, viene detto noetheriano se ogni
suo ideale `e nitamente generato.
Segnaliamo che sussiste il seguente Teorema di trasporto (cfr. IV, Teorema 5.6.6).
Teorema Se (A; +, ) `e un anello noetheriano, anche lanello di polinomi (A[x]; +, ) `e
noetheriano.
Essendo (Z;+, ) e (K[x]; +, ) (con (K; +, ) campo) anelli noetheriani, sono noetheriani
anche gli anelli di polinomi Z[x
1
, . . . , x
n
] e K[x
1
, . . . , x
n
] in un numero nito di indeterminate.
4.3. Domini ad ideali principali, domini euclidei.
Denizione. Si chiama dominio ad ideali principali (brevemente PID) un dominio
dintegrit`a, dotato di unit`a, in cui ogni ideale `e principale.
Esempi.
1. Z e K[x] ((K; +, ) campo) sono PID.
2. Lanello (Z[x]; +, ) non `e PID: lideale x, 2) = f(x) Z[x][f(0) 0 (mod2) non `e
principale.
3. Lanello di polinomi K[x, y] non `e PID: lideale x, y) = f(x, y) K[x, y] [ f(0, 0) = 0 non
`e principale.
Esercizio 1. Sia p un numero primo ssato. Si consideri nel campo razionale il sottoanello
A =
r
s
Q[ M.C.D.(s, p) =M.C.D.(r, s) = 1
e si mostri che esso `e un dominio ad ideali principali.
Osservazione 4.3.1. Un dominio dintegrit`a unitario D soddisfa alla condizione della
catena (cfr. IV, Proposizione 5.6.3) se e solo se ogni successione strettamente ascendente
I
1
I
2
di ideali principali di D `e nita.( si tenga presente 4.2 Esercizio 1)
Proposizione 4.3.2. Ogni dominio D ad ideali principali `e un dominio a fattorizzazione
unica.
Proviamo che ogni successione strettamente ascendente I
1
I
2
subset . . . di ideali di D `e
nita.
Lunione insiemistica J degli ideali della successione `e un ideale di D.(cfr. IV, Proposizione
7.4.1). Posto J = a), sar`a a I
s
per qualche s e quindi J I
s
; essendo I
s
J, `e J = I
s
.
Se esistesse nella successione un ideale I
s+1
si avrebbe lassurdo J = I
s
I
s+1
J.
Pertanto vale in D la condizione della catena.
Sia p un elemento irriducibile; supponiamo che p divida un prodotto ab e che non divida a.
Sia x D un generatore dellideale p, a): da p = kx segue che x `e unitario o associato a p
e quindi rispettivamente p, a) = D o p, a) = p). Poiche a , p), `e p, a) = D e pertanto
esistono h, k D tali che 1
D
= hp +ka; ne segue b = hpb +kab e p divide b.
Pertanto ogni elemento irriducibile `e primo; per IV, Proposizione 5.6.4 D `e un dominio a
fattorizzazione unica.
Esercizio 2. Sia (D; +, ) un dominio ad ideali principali; siano a, b D e d =M.C.D.(a, b). Si provi che
lideale a, b) coincide con lideale d) e se ne deduca che esistono f, g D tali che d = af +bg.
Denizione. Si chiama dominio euclideo un dominio dintegrit`a (E; +, ), dotato di
unit`a, per cui si pu`o denire unapplicazione : E Z che soddisfa alle seguenti con-
dizioni:
1) se a, b E0 e a divide b, allora (a) (b);
2) per ogni a, b E con b ,=0 esistono q, r E tali che a = bq +r e (r) < (b).
Esempi.
1. Lanello (Z ;+, ) `e un dominio euclideo rispetto allapplicazione denita da (a) =
[a[.
2. Lanello K[x] (K campo) `e un dominio euclideo rispetto allapplicazione denita da
(f(x)) =deg f(x) per f(x) ,=0 e (0)= 1.
83
Esercizio 3. Sia (D; +, ) un dominio euclideo rispetto ad unapplicazione ; si provi che un elemento
a D `e unitario se e solo se `e (a) = (1
D
).
Esercizio 4. I sottoanelli del campo complesso Z[

1] (anello degli interi di Gauss, cfr.IV, 5.6) e


Z[

2] = a + ib

2[a, b Z sono domini euclidei rispetto allapplicazione denita rispettivamente


da (a +ib) = a
2
+b
2
e (a +ib

2) = a
2
+ 2b
2
.
Proposizione 4.3.3. Sia (E; +, ) un dominio euclideo rispetto a : E Z ; per ogni
x E0 `e (0)< (x).
Per la condizione 2) esistono q, r E tali che 0= xq + r con (r) < (x); se fosse r ,=0, da
r = x(q) seguirebbe per la 1) (x) (r), assurdo. Pertanto r =0 e (0)= (r) < (x).
Osservazione. Lesistenza dellapplicazione : E Z `e equivalente allesistenza di
unapplicazione : E0 N
0
che soddisfa alle condizioni
1) se a, b E0 e a divide b, allora (a) (b);
2) per ogni a, b E con b ,=0 esistono q, r E tali che a = bq + r e r =0 oppure r ,=0 e
(r) < (b).
Sia : E Z unapplicazione che soddisfa alle condizione 1) e 2); lapplicazione : E0
N
0
, denita ponendo (a) = (a) (0), soddisfa alle condizioni 1) e 2).
Viceversa, se : E N
0
soddisfa alle condizioni 1) e 2), esiste x E0 tale che (x)
sia minimo; lapplicazione : E Z, denita ponendo (a) = (a) per ogni a E0 e
(0)= (x) 1, soddisfa le condizioni 1) e 2).
Proposizione 4.3.4. Ogni dominio euclideo `e un dominio ad ideali principali (e quindi
un dominio a fattorizzazione unica).
Sia (E; +, ) un dominio euclideo rispetto ad una applicazione : E Z. Sia I un ideale di
E diverso dallideale zero. Per la Proposizione 4.3.3 linsieme (i) [ i I0 ammette
minimo; sia a I0 tale che (a) (i) per ogni i I0. Per ogni i I esistono
q, r E tali che i = aq + r con (r) < (a); poiche r = i aq I, necessariamente r =0 e
i = aq a). Ne segue I = a).
Esercizio 5.
1) I sottoanelli del campo complesso Z[

1] e Z[

2] (cfr. Esercizio 3) sono domini a fattorizzazione


unica.
2) Se k `e un intero maggiore di 2 e privo di quadrati, nel sottoanello del campo complesso Z[

k] =
a+ib

k[a, b Z lelemento 2 `e irriducibile, ma non primo; pertanto Z[

k] non `e a fattorizzazione
unica.
Esercizio 6. Nellanello degli interi gaussiani Z[

1] si considerino gli insiemi


I = a +ib [ a, b Z, a +b 0 (mod 2),
J = (x y) +i(x +y) [ x, y Z,
L = x +iy [ x, y Z, x 8y (mod 13).
Si provi che I, J, L sono ideali di Z[

1] e se ne determini un generatore.
Esercizio 7. Sia p un numero naturale primo; si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) il polinomio x
2
+ 1 Z
p
[x] ha radici in Z
p
;
ii) p `e elemento riducibile nellanello Z[

1];
iii) esistono a, b Z tali che p = a
2
+b
2
.
Se ne deduca che p `e elemento irriducibile in Z[

1] se e solo se `e p 3 (mod 4). (cfr. 2.2 Esercizio 9.)


Esercizio 8.
1) Sia D un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b, c D tali che ab = c
n
(con n N). Si provi che,
se M.C.D.(a, b) = 1, esistono x, y D tali che a x
n
, b y
n
.(cfr. IV, Proposizione 5.6.1)
2) Valendosi del fatto che Z[

1] `e UFD, si determinino le soluzioni intere dellequazione x


2
+ 4 = y
3
.
3) Valendosi del fatto che Z[

2] `e UFD, si determinino le soluzioni intere delle equazioni x


2
+2 = y
3
,
x
2
+ 2 = y
5
, x
2
+ 2 = y
7
.
(Suggerimenti:
2) x
2
+ 4 = (x + 2i)(x 2i) e M.C.D.(x + 2i, x 2i) divide 4i;
se x `e dispari, si deduce M.C.D.(x + 2i, x 2i) = 1 e quindi x + 2i = (a +ib)
3
, ecc. . . .;
per x = 2s, y = 2t si deduce (s +i)(s i) = s
2
+ 1 = 2t
3
= (1 +i)
2
(it)
3
, ecc. . . .)
3) x
2
+ 2 = (x +i

2)(x i

2) e x `e necessariamente dispari.)
84
TEMI V.
1. Sia n un intero, maggiore di 1; per ogni r 1, 2, . . . , n 1 sia
A
r
= [rk]
n
[ k Z Z
n
.
Sia H un sottogruppo del gruppo (Z
n
; +) (non ridotto al solo [0]
n
). Si provi quanto segue:
I] esiste uno ed un solo divisore (positivo) s di n tale che H = A
s
;
II] `e [H[ = t se e solo se `e n = st;
III] il gruppo (H; +) `e isomorfo al gruppo (Z
t
; +).
Sugg. cfr. Temi IV, 18.
2. Sia (G; ) un gruppo abeliano nito; per ogni n N sia X
n
= x G[ x
n
= 1
G
.
Si provi che X
n
`e un sottogruppo di (G; ) e si mostri che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) il gruppo (G; ) `e ciclico;
ii) per ogni n N `e [X
n
[ n.
Sugg. i) ii) Proposizione 2.2.1; se X
n
= a), [X
n
[ = [a[ n.
ii) i) 2.1 Esercizio 5.
3. Sia (G; ) un gruppo ciclico, non ridotto allunit`a. Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti
condizioni:
i) G `e nito e lordine di G non `e potenza di numero primo;
ii) esistono in G due sottogruppi propri la cui intersezione `e ridotta allunit`a.
Si mostri che, se G `e abeliano, non ciclico, le due condizioni non sono equivalenti.
Sugg. i) ii) 2.2 Esercizio 6.
ii) i) In (Z;+) `e rs r) s). Proposizione 2.2.1.
4. Sia (G; ) un gruppo (non ridotto allunit`a) i cui sottogruppi costituiscono un insieme totalmente
ordinato rispetto allinclusione insiemistica.
Si provi che
I] G `e abeliano;
II] ogni elemento di G ha periodo nito;
III] esiste un primo p tale che il periodo di ogni elemento di G `e una potenza di p.
Se ne deduca che il gruppo G `e nito se e solo se `e ciclico.
Sugg. I] Per ogni a, b G `e a) b) o b) a).
II] lipotesi non `e soddisfatta in (Z;+).
III] 2.2 Esercizio 6: se M.C.D.([a[, [b[) = 1, a , b) e b , a).
Se G `e nito, linsieme dei periodi degli elementi di G ammette massimo; 2.1 Esercizio 5.
5. Sia G = (x, y) [ x, y Z; G `e un gruppo rispetto alloperazione + denita componente per compo-
nente.
Siano (r, s) e (t, z) elementi di G, diversi dallelemento neutro; si provi che sono tra loro equivalenti le
seguenti condizioni:
i) il sottogruppo H = (r, s), (t, z)) `e ciclico;
ii) il sottogruppo K = (r, s)) (t, z)) non `e banale;
iii) rz = st.
Sugg. i) ii) Il gruppo (H; +) `e isomorfo a (Z;+).
ii) iii) Esistono h, k Z0 tali che h(r, s) = k(t, z); ne segue hrz = ktz = hst.
iii) i). Posto d =M.C.D.(r, t) con r = dr
t
e t = dt
t
, r
t
divide s; posto s = r
t
w, `e H (d, w)).
6. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
1 Z
p
[x] con p primo. Si provi che f(x) si decompone in Z
p
[x]
in prodotto di fattori lineari se e solo se p 1 (mod3) o p = 3.
Sugg. Se a Z
p
`e radice di x
3
1 e a ,= [1]
p
, allora a ha periodo 3 nel gruppo (Z
p
[0]
p
; ); cfr. 2.2
Esercizi 8 e 6.
85
7. Nel gruppo generale lineare GL
2
(Z) (costituito dagli elementi unitari dellanello (Mat
2
(Z); +, )
rispetto al prodotto righe per colonne) si considerino gli elementi
=
_
0 1
1 0
_
e =
_
0 1
1 1
_
I] Si determini lordine dei sottogruppi A = ) , B = ), C = , ).
II] Vale luguaglianza C = A, B)?
Vale luguaglianza C = AB?
I sottogruppi A e B sono permutabili?
8. Nel gruppo GL(2,R) si considerino il sottoinsieme
K =
__
(1)
n
n
0 1
_
[ n Z
_
e gli elementi
=
_
1 2
0 1
_
, =
_
1 1
0 1
_
, =
_
1 1
0 1
_
Si provi che
I] K `e un sottogruppo di GL(2,R) e K = , ) = , ) = , );
II] posto A = ), B = ), C = ), `e K = AB = AC , ma K ,= BC;
III] i sottogruppi propri niti di K sono ciclici di ordine 2;
IV] K possiede qualche sottogruppo proprio innito.
Sugg. I) =
II) Per I] `e K = A, B) = B, C) = A, C). Proposizioni 2.3.2 e 2.3.3
III) Gli elementi di K sono del tipo
r
e
r
con r Z.
9. Siano (G
1
, ) e (G
2
; ) due gruppi ciclici non banali; sia G = G
1
G
2
il loro prodotto cartesiano. Si
provi che il gruppo G `e ciclico se e solo se G
1
e G
2
sono niti e hanno ordini coprimi.
Sugg. Sia G = (a
1
, a
2
)) con a
i
G
i
. Per ogni g
1
G
1
sar`a (g
1
, 1
2
) = (a
1
, a
2
)
r
ovvero g
1
= a
r
1
e
a
r
2
= 1
2
; segue G
1
= a
1
) e [a
2
[ < . Analogamente G
2
= a
2
) e [a
1
[ < .
Se d =M.C.D.([G
1
[, [G
2
[) ,= 1, scelti ( 2.2 Esercizio 6,2)) b
1
G
1
, b
2
G
2
con [b
1
[ = [b
2
[ = d,
il sottogruppo (b
1
, 1
2
), (1
1
, b
2
)) ha ordine d
2
e non `e ciclico.
10. In un gruppo (G; ) esistano due elementi a e b tali che
i) G = a, b);
ii) [a[ = [b[ = 5 e a) ,= b);
iii) posto c = a
1
b
1
ab (ovvero b
1
ab = ac), sia c Z(G) (dove Z(G) indica il centro di G).
Si provi che
I] c
5
= 1
G
;
II] se c = 1
G
, allora [G[ = 5
2
;
III] se c ,= 1
G
, allora [a, c)[ = 5
2
, G = a, c)b) e quindi [G[ = 5
3
.
Sugg. I] 1
G
= a
5
= (b
1
ab)
5
= (ac)
5
= a
5
c
5
.
II] 2.3
III] G = a, b, c) = a, c), b)).
11. Sia (G; ) un gruppo; siano a, b G con [a[ = [b[ = 3. Detti A e B i sottogruppi generati rispettiva-
mente da a e da b, si provi che i sottogruppi A e B sono permutabili se e solo se `e ab = ba.
Se ne deduca che ogni gruppo di ordine 9 `e abeliano.
Sugg. Sia A ,= B. Se AB = BA, allora ab = ba
r
o ab = b
1
a
r
con 0 r 2. Se ab = b
1
a
2
, allora
(ab)
2
= 1, assurdo poiche AB `e un sottogruppo di ordine 9; se ab = b
1
a, allora aba
1
= b
1
e
quindi b = a
3
ba
3
= b
1
da cui b
2
= 1, assurdo.
12. Sia n un intero positivo ssato. Nellanello di polinomi Z
5
[x] si considerino
f(x) = x
5n
x
n
+a
86
g(x) = (x +b)
5n
(x +b)
n
+a
dove a e b sono elementi ssati di Z
5
e b ,= 0.
I] Si mostri che per ogni k Z
5
si ha f(k) = g(k).
II] Si mostri che esistono valori di n per i quali `e f(x) = g(x) e valori di n per i quali `e f(x) ,= g(x).
III] Si determinino i valori di n per i quali `e f(x) = g(x).
Sugg. I]+ II] Proposizione 3.2.3.
III] Si scriva n = 5
r
s con r, s N e M.C.D.(s, 5) = 1; IV Proposizione 5.2.1.
13. Sia A un anello e sia 0 ,= a A con a
3
= a; sia H il sottoanello generato da a.
Si provi che
I] il sottoanello H `e commutativo e dotato di unit`a;
II] H `e privo di divisori dello zero se e solo se sono soddisfatte entrambe le condizioni ) e ) seguenti
) a ha caratteristica zero o un numero primo,
) `e a
2
= a o a
2
= a.
Sugg. I] 3.1 Esercizio 1
II] Proposizione 3.2.2. La ) implica H = na [ n Z.
14. Si mostri che i soli anelli dotati di unit`a, in cui ogni sottoanello `e un ideale destro sono (a meno di
isomorsmi) Z e Z
n
.
Esistono anelli senza unit`a che soddisfano alla stessa condizione?
Sugg. Proposizione 3.2.1 con a = 1
A
; IV Proposizione 6.3.1.
15. Sia A
i

iI
una famiglia di anelli e sia A =

iI
A
i
la loro somma diretta. Si provi che condizione
necessaria anche lanello A abbia caratteristica diversa da zero, `e che ogni anello A
i
abbia caratteristica
diversa da zero. Si provi che, se la famiglia I degli indici `e nita, la condizione `e anche suciente; si
mostri che non lo `e, se la famiglia I `e innita.
Sugg. IV Proposizione 9.1.2; ogni sottoanello di un anello di caratteristica m > 0 ha caratteristica m.
Se I = 1, . . . , n e car A
i
= m
i
, `e car A =m.c.m.m
1
, m
2
, . . . , m
n
.
3.2 Esempio 4.
16. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a 1
A
, tale che il gruppo additivo (A; +) `e ciclico.
Si provi quanto segue.
I] Lanello A ha caratteristica n > 0 se e solo se esso ha ordine n.
II] Lanello A coincide con il suo sottoanello fondamentale ed `e quindi isomorfo allanello (Z:+, ) o
allanello (Z
n
; +, ).
Sugg. Sia (A; +) = a)
+
; se [A[ = n, allora n = car a car 1
A
=car A [A[.
17. Sia p un numero primo.
I] Si provi che in Z
p
[x] vale luguaglianza
(x 1)
p
= (x 1)(1 +x + +x
p1
)
II] Se ne deduca che in Z
p
[x] i polinomi f(x) = 1 +x +x
2
+ +x
p1
e g(x) = (x 1)
p1
coincidono e
quindi che si ha
_
p1
r
_
(1)
r
(modp) per ogni intero r tale che 0 r p 1.
Sugg. Proposizione 3.2.3 e IV Proposizione 5.2.1.
18. Si provi che ogni sottocorpo dellanello (Z
n
; +, ) ha per ordine un numero primo, che divide n.
Si mostri quindi che, se `e n = rp con p primo, lanello (Z
n
; +, ) possiede un sottocorpo di ordine p se e
solo se p non divide r.
Sugg. Proposizione 3.2.2 e Proposizione 2.2.1; IV, 5.4 Esercizio 2.
19. Sia (K; +, ) un campo; sia H linsieme delle matrici del tipo
87
_
_
1 a b
0 1 a
0 0 1
_
_
con a, b K
(dove 0 e 1 indicano rispettivamente lo zero e lunit`a del campo K).
Si verichi quanto segue.
I] H `e un sottogruppo del gruppo generale lineare GL(3, K).
II] Per ogni intero relativo n `e
_
_
1 a b
0 1 a
0 0 1
_
_
n
=
_
_
1 na nb +
n(n1)
2
a
2
0 1 na
0 0 1
_
_
III] Se il sottogruppo H `e ciclico, il gruppo (K; +) `e ciclico e quindi il campo K ha caratteristica diversa
da zero. (Si ricordi che il gruppo (Q; +) non `e ciclico.)
IV] Il sottogruppo H `e ciclico se e solo se K ha ordine 2.
Sugg. cfr. Tema 16: se (K; +) = x), `e [K[ = car x. Si confrontino [H[ e il periodo degli elementi di H.
20. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a, di caratteristica n > 0.
I) Si provi che, se gli elementi non unitari di A costituiscono un ideale di A, allora n `e potenza di primo.
II) Si indichino un anello (dotato di unit`a) di caratteristica potenza di primo, in cui gli elementi non
unitari costituiscono un ideale e uno in cui ci`o non accade.
Sugg. Se n = rs con r > 1 e s > 1, `e r1
A
s1
A
= 0
A
e quindi r1
A
e s1
A
non sono unitari.
21. Sia (K; +, ) un campo; nel gruppo generale lineare GL(2, K) si considerino
S =
__
a 0
b a
1
_
[ a, b K, a ,= 0
_
T =
__
a 0
b 1
_
[ a, b K, a ,= 0
_
I] Si verichi che S e T sono sottogruppi di GL(2, K).
II] Si determinino gli elementi di periodo 2 dei gruppi (S; ) e (T; ) e se ne deduca che, se car K ,= 2, i
gruppi (S; ) e (T; ) non sono tra loro isomor.
22. Se (K; +, ) `e un campo di ordine 9, il sottocorpo minimo di K coincide con linsieme k
4
[ k K.
Sugg. 2.2 Esercizio 8.
23. Sia A[x] lanello di polinomi in una indeterminata x a coecienti in un anello (A; +, ); si indichi con
I[x] lideale di A[x] generato dai polinomi f(x) = x +2 e g(x) = x
3
x
2
+2x +1. Si provi quanto segue.
I] Per A=Z, I[x] non `e principale.
II] Per A=Q, I[x] `e principale; se ne indichi un generatore.
III] Per A=Z
p
, I[x] `e principale; se ne indichi un generatore al variare di p (p primo).
Sugg. I] f(x) `e irriducibile e non divide g(x).
II] 4.2 Esercizio 6.
III] g(x) = f(x)q(x) 15. Se A =Q o se A =Z
p
con p ,= 3, 5 `e I[x] = 1); se A =Z
p
con
p = 3, 5 `e I[x] = f(x)).
24. Sia
A =
_
r
2
n
[ r Z, n N
0
_
Si provi quanto segue.
I] A `e un sottoanello del campo razionale che contiene Z; se ne determinino gli elementi unitari.
II] Se I `e un ideale proprio dellanello A, IZ `e un ideale proprio di Z; se IZ `e generato da un intero
positivo s come ideale di Z, allora I `e generato dallo stesso elemento s come ideale di A.
III] A `e un dominio a fattorizzazione unica. Se ne determinino gli elementi irriducibili.
Sugg. I] Elementi unitari: 2
m
con m Z.
II]
r
2
n
I se e solo se r = 2
n

r
2
n
IZ.
88
III] Prop.4.3.2; 2
m
p con p primo, m Z.
25. Si considerino in Z[x] i polinomi a(x) = 4x
3
4 e b(x) = 6x
3
+ 12x
2
+ 12x + 6. Siano I
Z
lideale di
Z[x] generato da a(x), b(x) e I
Q
lideale di Q[x] generato da a(x), b(x). Si mostri che
I] I
Z
I
Q
Z[x];
II] I
Q
Z[x] `e un ideale principale di Z[x] e se ne indichi un generatore;
III] I
Z
non `e principale.
Sugg. I
Q
= (x
2
+x + 1)(x) [(x) Q[x];
I
Q
Z[x] = (x
2
+x + 1)f(x) [ f(x) Z[x];
M.C.D.
Z[x]
(a(x), b(x)) = 2(x
2
+x + 1) I
Q
Z[x] (IV, 5.6 Esercizio 5) ma 2(x
2
+x + 1) , I
Z
.
26. Sia (A; +, ) un anello (non ridotto al solo zero) commutativo e dotato di unit`a; sia D linsieme
costituito dallo zero 0
A
e dai divisori dello zero di A. Siano a A e H = g(x) A[x] [ g(a) D. Si
provi che
I] `e H = (x a)q(x) +d [ q(x) A[x], d D e H ,= A[x];
II] H `e un ideale dellanello A[x] se e solo se D `e un ideale dellanello A;
III] se H `e ideale di A[x], H `e principale se e solo se lanello A `e privo di divisori dello zero.
Sugg. IV Proposizione 5.5.3 e Osservazione 5.5.2.
27. Sia (L; ) un reticolo; per ogni a, b L con a b si ponga X
a,b
= x L[ a =infb, x .
Si osservi che X
a,b
non `e vuoto e ammette minimo.
Sia (K; +, ) un campo di caratteristica p (primo); sia (V ; +) uno spazio vettoriale su K.
Si provi che
I] se L `e il reticolo dei sottogruppi del gruppo (V ; +) (rispetto allinclusione insiemistica), ogni sottoin-
sieme X
a,b
ha massimo se e solo se `e [V [ = p e di conseguenza [K[ = p;
II] se L `e il reticolo dei K-sottospazi di V (rispetto allinclusione insiemistica), ogni sottoinsieme X
a,b
ha massimo se e solo se V non possiede K-sottospazi propri.
Sugg. I] Per ogni v V `e pv = p(1
K
v) = (p1
K
)v = 0
V
. Se [V [ > p, esistono in (V ; +) almeno tre sotto-
gruppi distinti A, B, C di ordine p con C A+B.
28. Sia A =Z[

1] = a + ib [ a, b Z C lanello degli interi di Gauss (cfr.IV, 5.6 Esempio 3).


Fissato r Z, si consideri lideale H = r +i, 1 +ri). Si mostri che 2 H e se ne deduca che, se r `e pari,
`e H = A, mentre se r `e dispari, `e H = 1 +i).
Sugg. 2 = (1 +ri) i(r +i) H.
Se r `e pari, 1 H; se r = 2k + 1, allora 1 +i = (r +i) 2k H.
29. Sia A lanello costituito dalle coppie ordinate (a, b) ZZ rispetto alla somma componente per
componente e al prodotto denito da
(a, b)(c, d) = (ad +bc, ac +bd).
I] Si determinino i divisori dello zero dellanello A.
II] Detto D linsieme costituito dallo zero e dai divisori dello zero di A, si mostri che D non `e un ideale
di A.
III] Si verichi che lideale di A generato da D `e linsieme (a, b) A[a +b 0 (mod2).
Sugg. D = (a, a), (a, a) [ a Z non `e chiuso rispetto alla somma.
Se a +b = 2n, (a, b) = (n, n) + (a n, n a) D).
30. Si mostri che nellanello di polinomi (Z[x]; +, ) esistono ideali non principali.
Pi` u in generale, sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; si provi che ogni ideale dellanello di
polinomi (D[x]; +, ) `e principale se e solo se (D; +, ) `e un campo.
31. Siano r e n interi positivi con n 2.
Nel sottoanello del campo complesso
89
A = a +ib

n[ a, b Z
si consideri lideale I = r, 1 +i

n).
Si provi quanto segue:
I] posto d =M.C.D.
N
(r, 1 +n), `e I = d, 1 +i

n);
II] `e I = A se e solo se `e d = 1;
III] se d ,= 1, lideale I `e principale se e solo se `e d = 1 +n.
Sugg. I] Occorre e basta provare che r d, 1 +i

n) e d r, 1 +i

n).
II] I = A se e solo se 1 I.
III] Se I = a +ib

n), allora a
2
+nb
2
divide 1 +n in N.
90
VI. QUOZIENTE DI UNA STRUTTURA ALGEBRICA
RISPETTO AD UNA CONGRUENZA
1
1.1 Congruenza in una struttura algebrica. Struttura quoziente.
Denizione. Siano e rispettivamente unoperazione ed una relazione di equivalenza
in un insieme S; si dice che `e compatibile a destra (o a sinistra) con se per ogni
a, b, c S da a b segue (a c) (b c) (o rispettivamente (c a) (c b)).
Proposizione 1.1.1 Siano unoperazione e una relazione di equivalenza in un insieme
S; la relazione `e compatibile a destra e a sinistra con loperazione se e solo se
nellinsieme quoziente S/ `e ben denita unoperazione (che indichiamo ancora con
il simbolo ) con
a

= a b

per ogni a, b S.
Sia compatibile a destra e a sinistra con .
Se a

= a
t

e b

= b
t

, `e a a
t
e b b
t
; ne segue (a b) (a
t
b) e (a
t
b) (a
t
b
t
) e
quindi (a b) (a
t
b
t
), ovvero a b

= a
t
b
t

.
Viceversa, loperazione in S/ sia ben denita.
Sia a a
t
, ovvero a

= a
t

; per ogni b S `e allora a

= a
t

, ovvero
a b

= a
t
b

e quindi (a b) (a
t
b).
In modo analogo si prova che `e compatibile a sinistra con loperazione in S.
Denizione. Si chiama congruenza in una struttura algebrica (S; , , . . .) una relazione
di equivalenza in S, compatibile a destra e a sinistra con le operazioni denite in S.
Esempio 1. La congruenza modulo n introdotta in Z `e compatibile con la somma e con
il prodotto deniti in Z. (cfr. II, Proposizione 2.2.1.)
Per la Proposizione 1.1.1 una congruenza in una struttura algebrica (S; , , . . .) determina
una struttura algebrica (S/; , , . . .) che viene detta struttura quoziente di (S; , , . . .)
rispetto alla .
Esempio 2. Lanello (Z
n
; +, ) introdotto in IV, 5.4 si presenta come struttura quoziente
dellanello (Z ; +, ) rispetto alla congruenza modulo n.
1.2. Gli anelli (Z; +, ) e (Q ; +, ) come strutture quoziente.
I] Si considerino linsieme N
0
N
0
=(n, m)) [ n, m N
0
e in esso le operazioni addizione
e moltiplicazione denite come segue:
(n, m) + (r, s) = (n +r, m+s)
(n, m) (r, s) = (nr +ms, ns +mr)
dove n, m, r, s N
0
e n +r, nr, . . . sono calcolati in (N
0
; +, ).
In N
0
N
0
si denisca la relazione ponendo (n, m)(n
t
, m
t
) se e solo se n +m
t
= m+n
t
;
`e una congruenza nella struttura algebrica (N
0
N
0
; +, ).
91
La struttura quoziente ((N
0
N
0
)/; +, ) `e un anello che pu`o essere identicato con
lanello (Z ; +, ) attraverso lisomorsmo f :(N
0
N
0
)/ Z denito da f([(n, m)]

) = nm.
Per questa ragione la struttura ((N
0
N
0
)/; +, ) pu`o essere assunta come denizione
costruttiva di (Z ; +, ) a partire dalla conoscenza di (N
0
; +, ).
II] Si considerino linsieme S = (a, b) [ a, b Z , b ,= 0 e in esso le operazioni di addizione
e moltiplicazione denite ponendo
(a, b) + (c, d) = (ad +bc, bd)
(a, b) (c, d) = (ac, bd).
Si denisca in S una relazione ponendo (a, b)(a
t
, b
t
) se e solo se ab
t
= a
t
b; `e una
congruenza nella struttura algebrica (S; +, ).
La struttura (S/; +, ) `e un anello (anzi un campo) che pu`o essere identicato con il
campo razionale (Q; +, ) attraverso lisomorsmo f : S/ Q denito da f([a, b]

) =
a
b
.
La struttura quoziente (S/; +, ) pu`o pertanto essere assunta come denizione costruttiva
di (Q ; +, ) a partire dalla conoscenza di (Z ; +, ).
1.3. Immersione di un dominio dintegrit`a in un campo.
La costruzione del campo razionale Q a partire dallanello Z degli interi relativi vista
sopra `e un caso particolare di immersione di un dominio dintegrit`a D in un campo,
ovvero di costruzione di un campo F
D
che contiene un sottoanello D isomorfo
a D e tale che il campo dei quozienti di D in F
D
coincide con F
D
.
Sia dunque (D; +, ) un dominio dintegrit`a (cio`e anello commutativo, privo di divisori
dello zero) non ridotto al solo zero.
Sia S = (a, b) [ a, b D, b ,=0 ; si deniscano in S due operazioni di addizione e molti-
plicazione e una relazione ponendo per (a, b), (c, d) S
(a, b) + (c, d) = (ad +bc, bd)
(a, b) (c, d) = (ac, bd)
(a, b) (c, d) se e solo se `e ad = bc.
Si verica che
1) la relazione `e una congruenza nella struttura algebrica (S; +, );
2) la struttura quoziente (S/; +, ) `e un campo, che verr`a brevemente indicato con F
D
;
3) linsieme D = (ab, b)

[ a, b D, b ,=0 `e un sottoanello di F
D
, isomorfo allanello D;
4) il campo dei quozienti di D in F
D
`e F
D
.
Il campo F
D
viene detto campo dei quozienti di D; luso di questo termine, gi`a in-
trodotto in V, 3.3, `e giusticato dalle 3) e 4) che precedono e dalle Proposizioni 3.3.1
e 3.3.2 in V.
Esempio 1. Per D = K[x] (ove K `e un campo), il campo F
D
`e costituito dalle funzioni
razionali in x su K. Per D =Z
p
[x], F
D
`e un campo innito di caratteristica p.
Osservazione.
Il concetto di campo dei quozienti di un dominio dintegrit`a permette di dimostrare
il Teorema 5.6.6 in IV in modo analogo a quello con cui si `e provato che lanello di
polinomi Z[x] `e un dominio a fattorizzazione unica. (Esercizio!)
92
2
2.1. Laterali di un sottogruppo in un gruppo.
A partire da un sottogruppo H di un gruppo (G; ) introduciamo in G due relazioni di
equivalenza
H
e
H
.
Proposizione 2.1.1. Sia (G; ) un gruppo.
1) Se H `e un sottogruppo di G, la relazione
H
denita in G ponendo per a, b G
a
H
b se e solo se ba
1
H
`e una relazione di equivalenza, compatibile a destra con il prodotto denito in G.
Per ogni g G `e
g

H
= hg [ h H;
la classe di equivalenza g

H
viene solitamente indicata con il simbolo Hg e viene
detta laterale destro di H in G rappresentato da g.
2) Viceversa, se `e una relazione di equivalenza in G, compatibile a destra con il
prodotto denito in G, linsieme H = h G[ 1
G
h `e un sottogruppo di G.
La corrispondente relazione
H
coincide con e pertanto le classi di equivalenza della
relazione sono i laterali destri di H in G.
1) La dimostrazione `e una semplice verica.
2) Si osservi che `e a b 1
G
ba
1
ba
1
H a
H
b.
Da II, Proposizione 2.1.1 segue immediatamente la
Proposizione 2.1.2. Siano (G; ) un gruppo e H un suo sottogruppo; per ogni a, b G
sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) ba
1
H,
ii) Ha = Hb,
iii) Ha Hb ,= .
Esempi.
1. Le classi di resti modulo n sono i laterali destri nel gruppo (Z; +) del sottogruppo
ciclico H = n).
2. Nel gruppo simmetrico S
4
sia H = (1, 2, 3, 4)) ; i laterali destri distinti di H in S
4
sono
H = I, (1, 2, 3, 4), (1, 3)(2, 4), (1, 4, 3, 2)
H(1, 2) = (1, 2), (2, 3, 4), (1, 3, 2, 4), (1, 4, 3)
H(1, 3) = (1, 3), (1, 2)(3, 4), (2, 4), (1, 4)(2, 3)
H(1, 4) = (1, 4), (1, 2, 3), (1, 3, 4, 2), (2, 4, 3)
H(2, 3) = (2, 3), (1, 3, 4), (1, 2, 4, 3), (1, 4, 2)
H(3, 4) = (3, 4), (1, 2, 4), (1, 4, 2, 3), (1, 3, 2)
Si osservi che, ad esempio, H(1, 2) = H(2, 3, 4) = H(1, 3, 2, 4) = H(1, 4, 3), ecc.
Sussiste un enunciato analogo a quello della Proposizione 2.1.1.
Proposizione 2.1.3. Sia (G; ) un gruppo.
1) Se H `e un sottogruppo di G, la relazione
H
denita in G ponendo per a, b G
a
H
b se e solo se a
1
b H
`e una relazione di equivalenza, compatibile a sinistra con il prodotto denito in G.
Per ogni g G `e
g

H
= gh[ h H;
la classe di equivalenza g

H
viene solitamente indicata con il simbolo gH e viene
detta laterale sinistro di H in G rappresentato da g.
2) Viceversa, se `e una relazione di equivalenza in G, compatibile a sinistra con il
prodotto denito in G, linsieme H = h G[ 1
G
h `e un sottogruppo di G.
La corrispondente relazione
H
coincide con e pertanto le classi di equivalenza della
relazione sono i laterali sinistri di H in G.
Vale per i laterali sinistri un enunciato analogo a quello della Proposizione 2.1.2; sar`a
quindi aH = bH se e solo se `e a
1
b H (ovvero se e solo se esiste h H tale che b = ah).
93
Osservazione.
Se il gruppo G `e abeliano, per ogni sottogruppo H si ha
H
=
H
; inoltre la relazione
H
`e una congruenza.
Se il gruppo G non `e abeliano, le relazioni
H
e
H
possono essere distinte o anche
coincidere; ci`o dipende dal sottogruppo H.
Riprendiamo in esame il gruppo S
4
e il suo sottogruppo H = (1, 2, 3, 4)), di cui abbiamo
costruito i laterali destri nellEsempio 2; i laterali sinistri di H in S
4
sono
H = I, (1, 2, 3, 4), (1, 3)(2, 4), (1, 4, 3, 2)
(1, 2)H = (1, 2), (1, 3, 4), (1, 4, 2, 3), (2, 4, 3)
(1, 3)H = (1, 3), (1, 4)(2, 3), (2, 4), (1, 2)(3, 4)
(1, 4)H = (1, 4), (2, 3, 4), (1, 2, 4, 3), (1, 3, 2)
(2, 3)H = (2, 3), (2, 4, 1), (1, 3, 4, 2), (1, 4, 3)
(3, 4)H = (3, 4), (1, 2, 3), (1, 3, 2, 4), (1, 4, 2).
Si osserva che H(1, 2) ,= (1, 2)H, ovvero (1, 2)

H
,= (1, 2)

H
e quindi
H
,=
H
.
Nello stesso gruppo S
4
si consideri il sottogruppo K = I, (1, 2)(3, 4), (1, 3)(2, 4), (1, 4)(2, 3) e
si verichi che per ogni g S
4
`e gK = Kg e pertanto
K
=
K
.
Proposizione 2.1.4. Linsieme dei laterali destri e linsieme dei laterali sinistri di
un sottogruppo H in un gruppo G possono essere messi in corrispondenza biunivoca
attraverso lapplicazione denita da Hg g
1
H; la cardinalit`a di ognuno dei due insiemi
viene detta indice di H in G e viene indicata con il simbolo [G : H].
Si osservi che sono tra loro equivalenti le condizioni che seguono: i) Ha = Hb, ii) ba
1
H,
iii) ab
1
H, iv) a
1
H = b
1
H.
Esercizio 1. Sia G = (r, s) [ r, s Z ; si consideri in G unprodotto denito da
(r, s)(h, k) = (r +h, s + (1)
r
k).
Si verichi che
I) (G; ) `e un gruppo non abeliano;
II) H = (r, 2t) [ r, t Z e K = (2n, 0), (2n + 1, 1) [ n Z sono sottogruppi di G;
III) per ogni (r, s) G `e H(r, s) = (r, s)H;
IV) per (r, s) G `e K(r, s) = (r, s)K se e solo se (r, s) K;
V) [G : H] = 2, [G : K] `e innito.
2.2. Teorema di Lagrange.
La partizione indotta dalla relazione
H
(o in modo analogo dalla
H
) nel gruppo G
permette di dedurre il seguente
Teorema 2.2.1.(Lagrange 1736-1813) Siano (G; ) un gruppo nito e H un suo sot-
togruppo; detti r lordine di H e s il numero dei laterali di H in G, `e [G[ = rs. Pertanto
in un gruppo nito lordine di ogni sottogruppo `e un divisore dellordine del gruppo.
Si osservi anzitutto che, se [H[ = r, allora [Hg[ = r per ogni g G.
Se Hg
1
, Hg
2
, . . . , Hg
s
sono i laterali distinti che H in G, `e [G[ = [Hg
1
[ +[Hg
2
[ + +[Hg
s
[ =
rs.
Corollario 2.2.2. In un gruppo nito il periodo (o ordine) di ogni elemento `e un divisore
dellordine del gruppo.
Basta tenere presente che il periodo di un elemento di un gruppo `e uguale allordine del
sottogruppo ciclico generato dallelemento. (cfr. V, Proposizione 2.1.4)
Corollario 2.2.3. Ogni gruppo nito di ordine primo `e ciclico e privo di sottogruppi
propri.(cfr. V, 2.2 Esercizio 7.)
Esercizio 1. Sia (G; ) un gruppo; siano H e K due sottogruppi di G.
1) Se H e K sono niti e hanno ordini coprimi, allora H K = 1
G
).
2) Se H ha ordine primo, allora H K = 1
G
) oppure H K.
Esercizio 2. Se lordine di un gruppo nito (G; ) `e prodotto di due primi (uguali o distinti), il centro
Z(G) (cfr. IV, 4.3 Esercizio 2) `e un sottogruppo improprio di G.
94
Osservazione 1. Applicando il Corollario 2.2.2 al gruppo moltiplicativo degli elementi
non nulli del campo Z
p
o al gruppo moltiplicativo degli elementi unitari dellanello Z
n
si
deducono rispettivamente il Teorema di Fermat e il Teorema di Eulero presentati in II,
2.2.
Esercizio 3. Sia (K; +, ) un campo nito K di ordine q; sia K = k
0
= 0, k
1
, . . . , k
q1
.
Si provi quanto segue.
I] In K[x] vale luguaglianza x
q
x = x(x k
1
) (x k
q1
).
II] Per ogni f(x), g(x) K[x] le funzioni polinomiali

f e g coincidono se e solo se il polinomio f(x)g(x)
`e divisibile in K[x] per il polinomio x
q
x.
Osservazione 2. Si badi che il Teorema di Lagrange non aerma che in corrispondenza
ad ogni divisore dellordine di un gruppo nito esiste un sottogruppo avente per ordine
quel divisore. Questa propriet`a (nota come inverso del Teorema di Lagrange) non
vale in generale; ad esempio, nel gruppo alterno A
4
non esistono sottogruppi di ordine
6. Si `e gi`a visto (cfr.V, 2.2 Esercizio 6) che vale per i gruppi ciclici; vedremo pi u avanti
che vale anche per i gruppi abeliani (cfr. VII, Proposizione 1.1.6) e per i gruppi aventi
ordine potenza di primo, ma non solo per questi (vale ad esempio per i gruppi simmetrici
S
3
, S
4
).
2.3. Sottogruppo normale. Gruppo quoziente.
Per quanto detto nel paragrafo 2.1, se `e una congruenza in un gruppo (G; ), posto
H = h G[ 1
G
h, `e =
H
e la relazione
H
`e compatibile anche a sinistra con il
prodotto denito in G e al tempo stesso `e =
H
e la relazione
H
`e compatibile anche
a destra con il prodotto denito in G.
Proposizione 2.3.1. Siano (G; ) un gruppo e H un suo sottogruppo; sono tra loro equi-
valenti le seguenti condizioni:
i) la relazione
H
`e compatibile a destra con il prodotto denito in G;
ii) `e
H
=
H
;
iii) la relazione
H
`e compatibile a sinistra con il prodotto denito in G.
Ovviamente la condizione ii) implica tanto la condizione i) quanto la condizione iii).
Essendo H = h G[ 1
G

H
h, se
H
`e compatibile a destra con il prodotto, `e
H
=
H
per la Proposizione 2.1.1, 2); pertanto i) implica ii).
Essendo anche H = h G[ 1
G

H
h, se
H
`e compatibile a sinistra con il prodotto , `e

H
=
H
per la Proposizione 2.1.3, 2); pertanto iii) implica ii).
Proposizione 2.3.2. Siano (G; ) un gruppo ed H un suo sottogruppo; sono tra loro
equivalenti le seguenti condizioni:
i) `e
H
=
H
;
ii) per ogni g G `e gH = Hg;
iii) per ogni g G e per ogni h H `e g
1
hg H.
i) ii)
Le relazioni
H
e
H
coincidono se e solo se inducono la stessa partizione in G, ovvero se e
solo se `e Hg = gH per ogni g G.
ii) iii)
Sia Hg = gH per ogni g G. Per ogni h H esister`a h H tale che hg = gh; ne segue
g
1
hg = h H.
Viceversa, sia g
1
hg H per ogni g G e per ogni h H; sar`a hg = g(g
1
hg) gH e
quindi Hg gH. Inoltre da ghg
1
H seguir`a gh = (ghg
1
)g Hg e quindi gH Hg.
Denizione. Un sottogruppo H di un gruppo G viene detto normale se soddisfa ad
una delle (e quindi a tutte le) condizioni della Proposizione 2.3.2; in tal caso si usa
scrivere H G.
I sottogruppi impropri di un gruppo sono normali.
95
In un gruppo abeliano tutti i sottogruppi sono normali.
Il centro Z(G) di un gruppo G (cfr.IV, 4.3) `e un sottogruppo normale .
Esempio 1. Nel gruppo simmetrico S
4
il sottogruppo K = I, (12)(34), (13)(24), (14)(23) `e
normale; il sottogruppo H = (1234)) non `e normale.
Esercizio 1. Siano (G; ) un gruppo e H un suo sottogruppo; si mostri che per ogni g G linsieme
g
1
Hg = g
1
hg [ h H `e un sottogruppo di G. Si provi che
i) H `e normale in G se e solo se `e g
1
Hg = H per ogni g G;
ii) linsieme N
G
(H) = x G[ x
1
Hx = H `e un sottogruppo di G, che contiene H;
(il sottogruppo N
G
(H) viene detto normalizzante in G di H)
iii) H `e normale in G se e solo se `e N
G
(H) = G;
iv) `e g
1
1
Hg
1
= g
1
2
Hg
2
se e solo se `e N
G
(H)g
1
= N
G
(H)g
2
.
Esercizio 2. Determinare tutti i sottogruppi del gruppo simmetrico S
3
, stabilendo quali fra essi sono
normali.
Esercizio 3. Sia (G; ) un gruppo di ordine p
2
(p primo); si mostri che ogni sottogruppo di ordine p `e
normale in G. (Pu`o essere utile considerare il prodotto di sottogruppi H g
1
Hg con g G.)
Esercizio 4. Ogni sottogruppo H di indice 2 in un gruppo G `e normale.
Esercizio 5. Nel corpo dei quaternioni H (cfr. IV, 8.1 Esempio 7) si consideri il sottoinsieme Q
8
=
1, i, j, k; Q
8
`e un gruppo non abeliano rispetto al prodotto denito in H e ogni suo sottogruppo
`e normale. Il gruppo Q
8
viene detto gruppo dei quaternioni di ordine 8.
Esercizio 6. Sia (; ) il gruppo delle similitudini sulla retta reale (cfr. IV, 4.3 Esempio 3). Si provi
che il sottogruppo T delle traslazioni su R `e normale ed `e contenuto in ogni sottogruppo normale proprio
del gruppo .
Esercizio 7. Si verichi che ogni sottogruppo normale di un gruppo G`e permutabile (cfr. V, Proposizione
2.3.1) con ogni sottogruppo di G.
Esercizio 8. Siano A e B sottogruppi normali di un gruppo (G; ); si provi che
i) a
1
b
1
ab A B per ogni a A, b B,
ii) se A B = 1
G
), allora ab = ba per ogni a A, b B.
Esercizio 9. Sia (G; ) il gruppo costituito dallinsieme G =R0 dei numeri reali non nulli rispetto
alla legge di composizione , denita ponendo per a, b G
a b =
_
ab, se a > 0;
a
b
, se a < 0.
dove ab e
a
b
sono calcolati secondo lordinario prodotto in R.
Dopo aver determinato il periodo degli elementi di (G; ) si provi che
I] gli elementi di periodo innito, insieme allunit`a, costituiscono un sottogruppo M di (G; );
II] i sottogruppi normali di (G; ), diversi da G, sono tutti e soli i sottogruppi di M;
III] se H `e un sottogruppo di (G; ) non normale, esiste k G con [k[ = 2 tale che H = (H M)k).
Proposizione 2.3.3. I sottogruppi normali di un gruppo (G; ) costituiscono un sot-
toreticolo del reticolo L[G] dei sottogruppi di G (cfr.IV, 7.4).
Siano H e K due sottogruppi normali di G; HK `e un sottogruppo di G per IV, Proposizione
4.3.3. Per ogni g G e per ogni x H K si ha g
1
xg H (poiche x H e H G) e
g
1
xg K (poiche x K e K G); pertanto g
1
xg H K e H K G.
Per lEsercizio 7 e V, Proposizione 2.3.2 `e H, K) = HK; pertanto ogni y H, K) potr`a
essere scritto come y = hk con h H e k K. Allora g
1
yg = (g
1
hg)(g
1
kg) HK e
HK G.
Denizione. Un gruppo G, non ridotto allunit`a, viene detto semplice se non possiede
sottogruppi normali propri.
Un gruppo abeliano `e semplice se e solo se `e ciclico di ordine primo. (cfr. V, 2.2
Esercizio 7).
Si pu`o dimostrare che ogni gruppo alterno A
n
(cfr. IV, 4.3) per n ,= 4 `e semplice.
96
Per quanto detto sopra possiamo allora concludere come segue.
Proposizione 2.3.4. Una relazione di equivalenza in un gruppo (G; ) `e una con-
gruenza se e solo se linsieme H = h G[ 1
G
h `e un sottogruppo normale di G. In tal
caso =
H
=
H
e le classi di equivalenza della relazione in G sono i laterali di H in G.
Denizione. Sia H un sottogruppo normale di un gruppo (G; ); la struttura quoziente
(G/
H
; ) `e un gruppo che viene detto gruppo quoziente di G rispetto ad H e viene
indicato con il simbolo G/H o
G
H
.
Il gruppo quoziente G/H `e dunque costituito dai laterali del sottogruppo normale H
rispetto al prodotto denito per ogni a, b G da
Ha Hb = Hab.
Esempio 2. Il gruppo additivo (Z
n
; + ) delle classi di resti modulo n `e il gruppo quoziente
del gruppo (Z; +) rispetto al sottogruppo H = n).
Esercizio 10. Con riferimento allEsempio 2, si scriva la tavola di composizione del gruppo quoziente
S
4
/K; si verichi che i gruppi S
4
/K e S
3
sono isomor.
Esercizio 11. Si verichi che il gruppo dei quaternioni Q
8
(cfr. Esercizio 5) possiede un unico sottogruppo
H di ordine 2; il gruppo quoziente Q
8
/H `e ciclico o trirettangolo?
Esercizio 12. Sia K un campo. Fissato un intero positivo n, nel gruppo additivo (K[x] ; +) si consideri
il sottogruppo H = f(x) K[x] [ deg f(x) < n 0 e si provi che ad ogni laterale di H, diverso da H,
appartiene uno ed un solo polinomio del tipo k
0
x
n
+k
1
x
n+1
+ +k
r
x
n+r
con r 0.
Se ne deduca che il gruppo quoziente (K[x]/H ; +) `e isomorfo al gruppo (K[x] ; +).
Esercizio 13. Nel gruppo additivo (K[x] ; +), ssato un elemento a K, si consideri il sottogruppo
I
a
= f(x) K[x] [ f(a) = 0 .
Si provi che ad ogni laterale di I
a
in (K[x] ; +) appartiene uno ed un solo elemento di K e se ne deduca
che il gruppo quoziente (K[x]/I
a
; +) `e isomorfo al gruppo additivo (K; +).
Esercizio 14. Sia N un sottogruppo normale di un gruppo (G; );
I) il gruppo quoziente (G/N; ) `e abeliano se e solo se per ogni a, b G si ha a
1
b
1
ab N;
II) se [G/N[ = n, `e g
n
N per ogni g G.
A titolo di esempio diamo una Proposizione che si pu`o dimostrare utilizzando il concetto
di gruppo quoziente.
Proposizione 2.3.5. Se un numero primo p divide lordine di un gruppo abeliano nito
(G; ), in G esiste un sottogruppo di ordine p.
Lasserto vale se G `e ciclico (cfr. V, 2.2 Esercizio 6).
Dimostriamo la tesi facendo induzione sullordine del gruppo.
Sia 1
G
,= a G e sia A = a) il sottogruppo ciclico generato da a.
Se p divide [A[, esiste in A (e quindi anche in G) un sottogruppo di ordine p.
Se p non divide [A[, p divide [G/A[; per lipotesi di induzione nel gruppo quoziente G/A esiste
un sottogruppo di ordine p e quindi (per il Corollario 2.2.3) un elemento Ab di periodo p.
Posto [b[ = m, sar`a b
m
= 1
G
e quindi (Ab)
m
= Ab
m
= A; pertanto il periodo p di Ab divide
m. Essendo m = [b)[, nel gruppo ciclico b) (e quindi anche in G) esiste un sottogruppo di
ordine p.
Esercizio 15. Un gruppo abeliano nito, il cui ordine `e prodotto di primi distinti, `e ciclico.
Dalla Proposizione 2.3.5 e da V, Proposizione 3.2.2 si pu`o dedurre la seguente
Proposizione 2.3.6. Sia (K; +, ) un corpo nito; lordine di K `e p
n
, dove p `e la carat-
teristica di K (e quindi p `e primo).
Per V, Proposizione 3.2.2 tutti gli elementi non nulli di K hanno caratteristica p (primo);
ci`o signica che nel gruppo (K; +) tutti gli elementi, diversi dallelemento neutro, hanno
periodo p. Per il Corollario 2.2.2 p divide [K[.
Se [K[ non fosse potenza di p, [K[ sarebbe divisibile per qualche primo q diverso da p; per
la Proposizione precedente esisterebbe nel gruppo (K; +) un elemento di periodo q, assurdo.
97
Esercizio 17. Lordine di un sottocorpo dellanello (Z
n
; +, ) `e un numero primo che divide n.
Se n = pr (p primo), lanello (Z
n
; +, ) possiede un sottocorpo di ordine p se e solo se p non divide r.
98
3
3.1. Ideali di un anello. Anello quoziente.
Ricordiamo che
Denizione. Si chiama ideale (bilatero) di un anello (A; +, ) un sottogruppo H di
(A; +) tale che sia ah, ha H per ogni a A e per ogni h H. (cfr. IV, 6.3)
Proposizione 3.1.1. Una relazione di equivalenza in un anello (A; +, ) `e una con-
gruenza se e solo se linsieme H = h A[ 0 h `e un ideale bilatero dellanello (A; +, ).
La relazione coincide con la relazione
H
denita per a, b A da
a
H
b se e solo se b a H;
le classi di equivalenza della relazione sono i laterali del sottogruppo H nel gruppo
(A; +), che verranno indicati con notazione additiva del tipo H +a = h +a [ h H.
Essendo (A; +) un gruppo abeliano, per la Proposizione 2.3.2 la relazione di equivalenza
nel gruppo (A; +) `e compatibile con la somma se e solo se H = h A[ 0 h `e un
sottogruppo di (A; +); inoltre `e x y se e solo se y x H.
Se `e compatibile con il prodotto, da 0 h segue 0= a0 ah e 0=0a ha e quindi
ah, ha H.
Viceversa, siano ah, ha H per ogni a A e per ogni h H; da x y segue y x H e
quindi ay ax = a(y x) H e ya xa = (y x)a H, ovvero ax ay e xa ya.
Proposizione 3.1.2. Siano (A; +, ) un anello e H un suo ideale bilatero. La relazione

H
, denita ponendo a
H
b se e solo se b a H, `e una congruenza nellanello A; le classi
di equivalenza di
H
sono i laterali di H nel gruppo abeliano (A; +).
Basta osservare che H = x A[0
H
x.
Denizione. Sia H un ideale di un anello (A; +, ); la struttura quoziente (A/
H
; +, ) `e
un anello, che viene detto anello quoziente di A rispetto ad H e viene indicato con il
simbolo A/H o
A
H
.
Lanello quoziente A/H `e dunque costituito dai laterali dellideale H rispetto alle opera-
zioni denite per ogni a, b A da
(H +a) + (H +b) = H + (a +b)
(H +a) (H +b) = H + (ab)
Esempi.
1. Lanello (Z
n
; +, ) `e lanello quoziente dellanello (Z ;+, ) rispetto allideale n) =
kn[k Z.
2. Nellanello K[x] ((K; +, ) campo ), ssato un elemento a K, si consideri lideale
principale I
a
= x a) = f(x) K[x] [ f(a) = 0; lanello quoziente (K[x]/I
a
; +, ) `e un campo
isomorfo al campo (K ; +, ). (cfr. Esercizio 13 in 2.3.)
Esercizio 1. Sia (A; +, ) un anello privo di divisori dello zero; sia (R; +, ) lanello costruito in IV,
Proposizione 8.1.3.
Si osservi che lanello (R; +, ) pu`o avere divisori dello zero.
Posto I = (a, n) R[ ax +nx =0 per ogni x A, si provi che:
1) I `e un ideale dellanello (R; +, );
2) lanello quoziente R/I `e dotato di unit`a ed `e privo di divisori dello zero;
3) lanello R/I possiede un sottoanello isomorfo allanello (A; +, ).
Esercizio 2. Nellanello Z[

1] degli interi gaussiani si consideri linsieme I = a+ib [ a 3b (mod 5).


I] Si provi che I `e un ideale principale dellanello Z[

1] e se ne indichi un generatore.
II] Si mostri che lanello quoziente Z[

1]/I `e un campo di ordine 5.


Esercizio 3. Sia (K; +, ) un campo. Nellanello (Mat
3
(K); +, ) si consideri il sottoanello
A =
_
=
_
_
0 0 0
x 0 0
y z 0
_
_
: x, y, z K
_
99
Sia I = A[ = = 0
A
per ogni A. Si verichi che
I] I `e un ideale bilatero dellanello (A; +, );
II] il gruppo additivo (A; +) `e isomorfo al prodotto cartesiano dei gruppi (I; +) e (A/I; +);
III] lanello (A; +, ) non `e isomorfo al prodotto cartesiano degli anelli (I; +, ) e (A/I; +, ).
3.2. Ideali e anelli quozienti di K[x]. Campi di Galois.
Proposizione 3.2.1.
1) Se (K; +, ) `e un campo, gli ideali dellanello (K[x], +, ) sono tutti principali.
2) Per f(x), g(x) K[x] `e f(x)) = g(x)) se e solo se `e f(x) = k g(x) con k K0.
3) Per f(x) K[x] `e f(x)) = K[x] se e solo se degf(x) = 0.
1) cfr. V, Proposizione 4.2.1.
2) Sia f(x)) = g(x)); la tesi `e banale se f(x) =0. Da f(x) = a(x)g(x) e g(x) = b(x)f(x)
segue f(x) = a(x)b(x)f(x) e quindi a(x)b(x) = 1
K
; pertanto a(x) = k K0.
Viceversa, se f(x) = kg(x) con k K0, f(x) g(x)) e quindi f(x)) g(x)); essendo
per`o g(x) = k
1
f(x), `e anche g(x)) f(x)), da cui la tesi.
3)
`
E f(x)) = K[x] se e solo se 1
K
f(x)) e ci`o accade se e solo se deg f(x) = 0.
Osservazioni.
1. Poich`e nellanello (Z;+, ) degli interi relativi gli ideali sono tutti principali (cfr.V,4.2
Esempio 1), le possibili congruenze in Z (con il signicato dato al termine congruenza
in 1.1) sono tutte e sole le congruenze aritmetiche introdotte in II, 2.2 (considerando
anche i casi n = 0, 1).
In modo analogo, se (K; +, ) `e un campo e f(x) K[x], si pu`o denire nellanello (K[x]; +, )
una congruenza modulo f(x) ponendo per a(x), b(x) K[x]
a(x) b(x) (modf(x)) se e solo se f(x) divide b(x) a(x);
dalle Proposizioni 3.1.1 e 3.2.1 segue che le possibili congruenze nellanello (K[x]; +, )
sono tutte e sole le congruenze modulo f(x).
2. Sappiamo che se I = n) `e un ideale dellanello Z, per ogni laterale I + a di I in Z
(ovvero per ogni classe di resti [a]
n
) esiste uno ed un solo intero r Z con 0 r < n tale
che I +a = I +r (ovvero [a]
n
= [r]
n
).
In modo analogo si prova che se I[x] = f(x)) `e un ideale di K[x], per ogni laterale
I[x] + a(x) esiste uno ed un solo r(x) K[x] con r(x) = 0 o r(x) ,= 0 e degr(x) <degf(x) tale
che sia I[x] +a(x) = I[x] +r(x).
3. Sia f(x) K[x] con degf(x) = n > 0; sia
H = r(t) = k
0
+k
1
t
1
+ +k
n1
t
n1
[ k
i
K K[t].
Denito in H un prodotto modulo f(x) ponendo per ogni r
1
(t), r
2
(t) H
r
1
(t) r
2
(t) = r
3
(t) H
se e solo se
r
1
(x)r
2
(x) r
3
(x) (modf(x)),
i) H `e un anello rispetto allordinaria somma di polinomi e al prodotto ;
ii) lanello (H; +, ) contiene (a meno di isomorsmi) lanello (K; +, );
iii) lanello (H; +, ) `e isomorfo allanello quoziente (K[x]/f(x)); +, ).
Esercizio 1. Siano a(x), f(x) K[x]; si provi che esiste qualche b(x) K[x] tale che sia a(x)b(x) 1
(modf(x)) se e solo se a(x) e f(x) sono coprimi (ovvero M.C.D.(a(x), f(x)) = 1).
Esercizio 2. Siano f
1
(x), f
2
(x), . . . , f
n
(x) K[x] polinomi a due a due coprimi.
Per a
1
(x), a
2
(x), . . . , a
n
(x) K[x] esiste qualche b(x) K[x] tale che sia b(x) a
i
(x) (modf
i
(x)) per
ogni i. (Teorema cinese dei resti)
Proposizione 3.2.2. Se K `e un campo nito di ordine q e f(x) K[x] ha grado n, lanello
quoziente K[x]/f(x)) ha ordine q
n
.
Per lOsservazione precedente lordine dellanello quoziente K[x]/f(x)) `e uguale alla cardi-
nalit`a dellinsieme di polinomi k
n1
x
n1
+ +k
1
x +k
0
[ k
i
K.
100
Lanalogia per certi aspetti gi`a segnalata tra lanello Z e lanello K[x] si rileva ancora
confrontando la Proposizione 5.4.2 in IV con quella che segue.
Proposizione 3.2.3. Sia (K; +, ) un campo; sia I[x] = f(x)) un ideale proprio di K[x].
Sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) lanello quoziente K[x]/I[x] `e un campo;
ii) lanello quoziente K[x]/I[x] `e privo di divisori dello zero;
iii) f(x) `e un polinomio irriducibile in K[x].
i) ii)
Ovvio.
ii) iii)
Se f(x) fosse riducibile in K[x], sarebbe f(x) = r(x)s(x) con r(x), s(x) K[x] e deg r(x) <
deg f(x), deg s(x) <deg f(x). Allora sarebbe I[x] = (I[x] + r(x))(I[x] + s(x)) con I[x] ,=
I[x] +r(x) e I[x] ,= I[x] +s(x) e K[x]/I[x] avrebbe divisori dello zero.
iii) i)
K[x]/I[x] `e un anello commutativo, dotato di unit`a. Se I[x] + a(x) ,= I[x], a(x) , I[x] e
quindi f(x) non divide a(x); essendo f(x) irriducibile, `e 1
K
=M.C.D.(f(x), a(x)) e pertanto
esistono k(x), b(x) K[x] tali che 1
K
= f(x)k(x) + a(x)b(x). Se ne deduce che I[x] + a(x)
ammette come inverso I[x] +b(x).
Esercizio 3. Si verichi che lanello quoziente R[x]/x
2
+ 1) `e isomorfo al campo complesso.
Corollario 3.2.4. Se f(x) `e un polinomio irriducibile di Z
p
[x] di grado n > 0, lanello
quoziente K[x]/f(x)) `e un campo di ordine p
n
, che viene detto campo di Galois di
ordine p
n
e indicato con GF(p
n
).
Si vedr`a in seguito (cfr. IX, Proposizione 2.2.1) che tutti i campi di ordine p
n
sono tra
loro isomor.
Esercizio 4. Si costruiscano un campo di ordine 5
2
e un campo di ordine 5
3
. Ricordando che per un
campo nito (K; +, ) il gruppo moltiplicativo (K0 ; ) `e ciclico ( cfr. V,2.2 Esercizio 8), si determini
per ognuno dei due campi costruiti un generatore del gruppo moltiplicativo.
101
4
4.1. A-modulo quoziente. A-algebra quoziente.
Analoga alla dimostrazione delle Proposizioni 3.1.1 e 3.1.2 `e la dimostrazione delle due
Proposizioni che seguono.
Proposizione 4.1.1. Sia (V ; +) un modulo sinistro su un anello (A; +, ); una relazione
di equivalenza in V `e compatibile con la somma denita in V e con il prodotto esterno
fra A e V se e solo se linsieme H = h V [ 0
V
h `e un A-sottomodulo di V .
La relazione coincide con la relazione
H
denita per a, b V da
a
H
b se e solo se b a H;
le classi di equivalenza della relazione sono i laterali del sottogruppo H nel gruppo
(V ; +), ovvero i sottoinsiemi del tipo H +v = h +v [ h H.
Proposizione 4.1.2. Siano (V ; +) un modulo sinistro su un anello (A; +, ) e H un suo
A-sottomodulo; il gruppo quoziente (A/H ; +) `e un A-modulo sinistro rispetto al prodotto
esterno denito per a A e per v V da
a(H +v) = H +av
e viene detto A-modulo quoziente di (V ; +) rispetto ad H.
Esempi.
1. Si considerino lo Z-modulo V = (a
1
, a
2
) [ a
i
Z
6
rispetto alla somma e al prodotto
esterno deniti componente per componente e lo Z-sottomodulo H = (x
1
, x
2
) V [ 3x
1
=
3x
2
= [0]
6
; gli elementi distinti dello Z-sottomodulo quoziente sono H, H + ([1]
6
, [0]
6
),
H + ([0]
6
, [1]
6
), H + ([1]
6
, [1]
6
).
Tanto H quanto V/H sono generabili con due elementi, ma non con meno di due.
2. Si considerino un campo K e il K-spazio vettoriale V = (k
1
, k
2
, k
3
) [ k
i
K rispetto alla
somma e al prodotto componente per componente; sia H = (x
1
, x
2
, x
3
) V [ x
1
+x
2
+x
3
= 0 .
Si mostri che il sottospazio H `e generabile con due elementi (e non meno) e che lo spazio
quoziente V/H `e generato da un elemento.
3. Si considerino lanello K[x] e H = f(x) K[x] [ deg f(x) n 0 con n 1 intero
ssato; H non `e ideale di K[x], quindi non `e denito lanello quoziente di K[x] rispetto
ad H.
Tuttavia K[x] pu`o essere visto come K-modulo (anzi K-spazio vettoriale); H `e K-sotto-
modulo e quindi `e denito il K-spazio vettoriale quoziente K[x]/H.
4. Se un anello (A; +, ) `e privo di ideali bilateri propri, A non ammette anelli quoziente
propri; tuttavia, se A possiede qualche ideale sinistro (o destro) proprio I (ad esempio,
se A =Mat
n
(K)), allinsieme dei laterali di I in A si pu`o dare la struttura di A-modulo
sinistro (rispettivamente, destro).
Si prova facilmente un analogo enunciato per le A-algebre.
Proposizione 4.1.3. Sia (V ; +, ) unalgebra sinistra su un anello (A; +, ).
I] Una relazione di equivalenza in V `e compatibile con la somma e il prodotto deniti
in V e con il prodotto esterno fra A e V se e solo se linsieme H = h V [ 0
V
h `e
un ideale bilatero dellA-algebra V .
La relazione coincide con la relazione
H
denita per a, b V da
a
H
b se e solo se b a H;
le classi di equivalenza della relazione sono i laterali del sottogruppo H nel gruppo
(V ; +), ovvero i sottoinsiemi del tipo H +v = h +v [ h H.
II] Sia H un ideale bilatero dellA-algebra (V ; +, ). Lanello quoziente (V/H; +, ) `e una
A-algebra sinistra rispetto al prodotto esterno denito per a A e per v V da
a(H +v) = H +av
e viene detto A-algebra quoziente di (V ; +, ) rispetto ad H.
102
TEMI VI.
1. Sia G linsieme dei numeri reali diversi da 1; si consideri in G loperazione denita ponendo
a b = ab +a +b per ogni a, b G. Si mostri che (G; ) `e un gruppo e che il sottogruppo H, generato da
1, `e innito e ha indice innito in G.
Sugg. H = 2
n
1 [ n Z . I laterali del tipo 2r H con r Z sono tutti distinti.
2. Sia (K; +, ) un campo di ordine p
n
(p primo).
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) il polinomio x
2
+ 1 K[x] `e riducibile in K[x];
ii) se `e p ,= 2, allora `e p
n
1 (mod 4);
iii) se `e p ,= 2, allora `e p 1 (mod 4) oppure n `e pari.
Sugg. i) ii)
`
E car K = p. Per p ,= 2 `e 1
K
,= 1
K
; se a K `e radice di x
2
+ 1, il periodo di a nel
gruppo (K0
K
; ) `e 4.
3. Sia (G; +) il gruppo abeliano costituito dalle coppie ordinate (a, b) ZZ rispetto alla somma com-
ponente per componente. Posto N = (2, 3)), si mostri che il gruppo quoziente (G/N; +) `e ciclico innito.
Sugg. Il gruppo (G/N; +) `e generato dal laterale N + (1, 1).
4. Siano S un insieme con pi` u di un elemento, (G; ) un gruppo e G
S
linsieme di tutte le applicazioni da
S a G. Si denisca in G
S
una legge di composizione ponendo per , G
S
: s (s)(s)
per ogni s S.
Si verichi che
I] (G
S
, ) `e un gruppo;
II] le applicazioni costanti (ovvero le applicazioni : S G tali che (s) = k

per ogni s S)
costituiscono un sottogruppo H di G
S
, isomorfo a G.
III] H `e normale in G
S
se e solo se G `e abeliano.
Sugg. III] Se (G; ) `e abeliano, (G
S
; ) `e abeliano.
Per ogni a, b G con a ,= b si considerino H con (s) = a per ogni s S e G
S
con
(a) = b e (s) = a per ogni s ,= a; se
1
H, allora (
1
)(a) = (
1
)(b) . . ..
5. Sia (K; +, ) un campo; sia
G =
_

a,b
=
_
a 0
0 b
_
,
a,b
=
_
0 a
b 0
_
[ a, b K0
_
Si provi quanto segue.
I] G `e un gruppo (sottogruppo di GL(2, K) ).
II] Il sottoinsieme H =
a,b
G[ a = b `e un sottogruppo normale di G.
III] Se
G
H
`e abeliano , per ogni k K0 `e k
2
= 1
K
e quindi [K[ 3.
In particolare
G
H
`e un gruppo trirettangolo per [K[ = 3 ed `e un gruppo ciclico per [K[ = 2.
Sugg. III] 2.3 Esercizio 14.
6. Sia (K; +, ) un campo; sia
G =
_

a,b
=
_
a 0
0 b
_
,
a,b
=
_
0 a
b 0
_
[ a, b K0
_
I] Si verichi che G `e un sottogruppo di GL(2, K) e che H =
a,b
G[ b = a
1
`e un sottogruppo
normale di G.
II] Si mostri che
i) il gruppo quoziente
G
H
`e abeliano,
ii) lelemento H
1,1
di
G
H
(dove 1 indica lunit`a di K) ha periodo 2,
103
iii) linsieme H
a,1
[ a K0 `e un sottogruppo di
G
H
, isomorfo al gruppo (K0; ).
III] Se ne deduca che se
G
H
`e ciclico, esso `e nito e K `e un campo nito di ordine pari.
IV] Si mostri anche che, se K `e un campo nito di ordine pari,
G
H
`e ciclico.
Sugg. II] iii) Proposizione 2.1.2.
III] V Proposizione 2.2.1.
V, 2.2 Esercizio 6: il gruppo (K0
K
; ) non possiede elementi di periodo 2.
IV] [G/H[ = 2([K[ 1); V, 2.2 Esercizio 8, V, 2.1 Esercizio 4;.
7. Sia G il gruppo costituto dalle coppie (a, b) con a, b R e a ,= 0 rispetto al prodotto denito da
(a, b)(c, d) = (ac, ad +
b
c
)
Sia N = (1, b) [ b R . Si provi quanto segue.
I] N `e un sottogruppo normale di G e il gruppo quoziente (G/N; ) `e isomorfo al gruppo moltiplicativo
(R0; ).
II] Nessun sottogruppo proprio di G, contenuto propriamente in N, `e normale in G.
III] Ogni sottogruppo di G , che contiene N, `e normale in G.
Sugg. I] N(a, b) = N(c, d) se e solo se a = c.
II] se (1, c) H G, allora (a, b)
1
(1, c)(a, b) H.
III] Il gruppo (G/N; ) `e abeliano; 2.3 Esercizio 14.
8. Sia G il gruppo costituito dalle coppie (n, d) con n Z e d 1, 1 composte con il prodotto denito
da
(n
1
, d
1
)(n
2
, d
2
) = (n
1
+d
1
n
2
, d
1
d
2
)
I] Posto A = (n, 1)[n Z e B = (0, 1), (0, 1), si mostri che A e B sono sottogruppi ciclici tali
che G = AB.
II] Posto C = (n, (1)
n
[n Z , si mostri che C `e un sottogruppo non ciclico di G tale che G = BC.
III] Dopo aver vericato che i sottogruppi A e C sono normali in G, si mostri che i gruppi quoziente
G/A e G/C sono isomor, mentre i gruppi A e C non lo sono.
IV] Posto N = A C, si determinino gli elementi distinti di N e del gruppo quoziente G/N.
Sugg. II] [C[ = e [(1, 1)[ = 2;V Proposizione 2.2.1.
III] [G/A[ = [G/C[ = 2.
IV] N = (2n, 1) [ n Z e G/N = N(0, 1), N(0, 1), N(1, 1), N(1, 1).
9. Un gruppo innito (G; ) `e il prodotto di un suo sottogruppo ciclico A = a) e di un suo sottogruppo
C = c) ciclico di ordine 2.
Si provi quanto segue.
I] Il sottogruppo A `e innito, normale in G e A C = 1
G
) .
Inoltre, se (G; ) non `e abeliano, `e
cac = c
1
ac = a
1
II] Posto B = a
2
)ac), B `e un sottogruppo innito di G.
III] Il sottogruppo B `e ciclico se e solo se il gruppo G `e abeliano.
Sugg. I] V Proposizione 2.3.3; 2.3 Esercizio 4.
Se c
1
ac = a
r
, allora a = c
2
ac
2
= c
1
a
r
c = a
r
2
, da cui r
2
= 1. II] V Proposizione 2.3.2.
III] Se (G; ) non `e abeliano, (ac)
2
= 1
G
. Se (G; ) `e abeliano, a
2
= (ac)
2
.
10. Sia (K; +, ) un campo; siano K

= K0 e W = k
2
[ k K

.
I] Si verichi che W `e un sottogruppo (normale) del gruppo (K

; ).
II] Si provi che, se K `e nito, allora
i) `e [K

: W] 2;
104
ii) se 1
K
, W e k K

W, allora k W.
iii) il polinomio x
4
+ 1 K[x] `e riducibile in K[x].
III] Si mostri che il polinomio x
4
+ 1 `e irriducibile in Q[x].
Sugg. II] i) a
2
= b
2
a = b.
ii) (1
K
)W = kW; (k)W = (1
K
)W kW = (kW)
2
= k
2
W = W.
iii) si considerino i casi: 1
K
W, 2(1
K
) W, 2(1
K
) W.
11. Sia (G; ) un gruppo; sia Z(G) = c G[ cg = gc per ogni g G. Si provi quanto segue.
I] Z(G) `e un sottogruppo normale di G, che coincide con G se e solo se il gruppo G `e abeliano.
II] Se il gruppo quoziente (G/Z(G); ) `e ciclico, allora G = Z(G).
III] Se Z(G) `e un sottogruppo proprio di G, allora `e [G[ 8.
IV] Esiste qualche gruppo G di ordine 8 nel quale Z(G) `e un sottogruppo proprio.
V] Esiste qualche gruppo G di ordine maggiore di 8, in cui Z(G) `e ridotto allunit`a.
Sugg. II] Se G/Z(G); ) `e ciclico, esiste a G tale che G = a)Z(G) e (G; ) `e abeliano.
IV] 2.3 Esercizio 11.
V] Il gruppo simmetrico S
4
, il prodotto cartesiano S
3
S
3
.
12. Sia (G; +) il gruppo quoziente del gruppo (Q;+) rispetto al suo sottogruppo Z. Si provi quanto
segue.
I] Per ogni n N esiste in G uno ed un solo sottogruppo di ordine n; tale sottogruppo `e ciclico.
II] Linsieme H =
_
r
2
n
+Z[ r Z, n N
0
_
`e un sottogruppo innito di G.
III] Non esistono in G sottogruppi ciclici inniti.
IV] Ogni gruppo quoziente di G, non ridotto allunit`a, `e innito.
Sugg. III] s(
r
s
+Z) = Z.
IV] 2.3 Esercizio 14.
13. Si scelga un campo di Galois (K; +, ) di ordine 9 e in relazione ad esso si determinino gli elementi
distinti dellinsieme S = ab
3
a
3
b [ a, b K. Si verichi che S `e un sottogruppo del gruppo (K; +), ma
non `e un sottoanello del campo (K; +, ) .
14. Sia (K; +, ) un campo di Galois di ordine 9; si consideri il gruppo (G; ), dove
G = (k
1
, k
2
) [ k
1
, k
2
K
e il prodotto `e denito da
(a
1
, a
2
)(b
1
, b
2
) = (a
1
+b
1
, a
2
+b
2
+a
1
b
3
1
)
per ogni (a
1
, a
2
), (b
1
, b
2
) G.
I] Si determini il centro Z(G) e si verichi che il gruppo quoziente (G/Z(G); ) `e abeliano.
II] Si provi che, se H `e un sottogruppo normale di (G; ), il gruppo quoziente (G/H; ) `e abeliano se e
solo se (0, ab
3
a
3
b) H per ogni a, b K.
III] Si mostri che in Z(G) esistono due sottogruppi propri A e B tali che il gruppo quoziente (G/A; ) `e
abeliano e il gruppo quoziente (G/B; ) non `e abeliano.
Sugg. III] Si pu`o tenere presente che tutti i campi niti aventi lo stesso ordine sono isomor e valersi
dellesercizio precedente.
15. Siano (G; ) un gruppo e H un suo sottogruppo di indice nito n. Sia a G.
I] Si provi che esiste qualche intero positivo t n tale che a
t
H.
II] Sia r il minimo intero positivo tale che a
r
H.
Si provi che, se il sottogruppo H `e normale in (G; ), allora r `e un divisore di n.
Si mostri con qualche esempio che, se H non `e normale in (G; ), r pu`o non essere un divisore di n.
Sugg. I] I laterali H , Ha , . . . , Ha
n
non possono essere distinti; esistono s, t 0, 1, . . . , n tali che
Ha
s
= Ha
t
.
II] Se H G, `e r = [Ha[ nel gruppo quoziente (G/H; ).
Esempio: G = S
3
e H = (1, 2)).
105
16. Sia (G; ) un gruppo innito e sia N un suo sottogruppo normale tale che il gruppo quoziente (G/N; )
`e nito.
Sia H un sottogruppo di (G; ). Si provi che
I] H N `e un sottogruppo normale di H;
II] il gruppo quoziente (H/(H N); ) `e nito e [H/(H N)[ [G/N[;
III] il sottogruppo H `e nito se e solo se `e nito il sottogruppo H N.
17. Sia (K; +, ) un campo fnito di ordine p
n
> p (p primo); sia K
0
il suo sottocorpo minimo.
Si consideri il gruppo G = (a, b) [ a, b K con
(a
1
, b
1
)(a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
+a
1
a
p
2
)
Posto H = (x, y) [ x K
0
, y K, si provi che
I] H `e un sottogruppo normale del gruppo (G; );
II] i gruppi (H; ) e (G/H; ) sono abeliani;
III] il gruppo (H; ) non `e ciclico, mentre il gruppo (G/H; ) `e ciclico se e solo se `e n = 2.
Sugg. III] Per (a, b) G e n N `e (a, b)
n
= (na, nb +
_
n
2
_
a
p+1
).
18. Sia (A; +, ) un anello nito il cui ordine n `e prodotto di primi distinti. Si provi quanto segue.
I] Il gruppo additivo (A; +) `e ciclico; se ne deduca che lanello `e commutativo.
II] Lanello (A; +, ) `e isomorfo ad un anello (Z
n
; +, ), dove il prodotto `e denito da
[a]
n
[b]
n
= [abr]
n
con r intero sso e 0 r n 1.
Per quali valori di n ed r lanello A `e dotato di unit`a?
Per quali valori di n ed r lanello A `e privo di divisori dello zero?
Per quali valori di n ed r lanello A `e un campo?
Sugg. I] 2.3 Esercizio 15.
II] Sia (A; +) = x)
+
; sia x
2
= rx con r N
0
, 0 r n 1. Sia : Z
n
A con ([s]
n
) = sx.
19. Nel campo complesso C si considerino
A =
_
x
2
+i
y
2

3 [ x, y Z, x y (mod2)
_
I = a +ib

3 [ a, b Z, a b (mod2)
I] Si verichi che A `e un sottoanello di C e che I `e un ideale dellanello (A; +, ).
II] Si determinino i laterali distinti di I in (A; +, ) (giusticando il risultato).
Sugg. I laterali distinti sono I, I + 1, I + (
1
2
+i

3
2
), (I + (
3
2
+i

3
2
).
20. Siano X e Y due anelli commutativi e sia A la loro somma diretta esterna.
Se I `e un ideale di A, si ponga
I
X
= v X[ (v, y) I per qualche y Y
I
Y
= w Y [ (x, w) I per qualche x X
J = (v, w) A[ v I
X
, w I
Y

I] Si osservi che I
X
, I
Y
e J sono ideali rispettivamente di X, Y e A e che I J.
II] Si provi che
a) una condizione suciente anche sia I = J `e che lanello X (o lanello Y ) possieda unit`a,
b) una condizione suciente anche sia I = J `e che lanello quoziente A/I sia privo di divisori
dello zero.
III] Siano X = Y = 2k [ k Z sottoanelli di Z.
a) Si mostri che nessuna delle due condizioni date in II] `e necessaria anche sia I = J, consideran-
do I = (4r, 4s) [ r, s Z .
b) Si mostri che pu`o essere I ,= J, considerando I = (2r, 4s) [ r, s Z, r s (mod2) .
Sugg. II] a) Se (v, w) J e (x, w) I, allora (x, 0) = (x, w)(1
X
, 0) I, (0, w) I . . .
b) Se (x, y) I allora I = [(x, 0) +I] + [(0, y) +I] = [(x, 0) +I][(0, y) +I].
21. Sia (K; +, ) un campo; sia (A; +, ) lanello costituito dalle coppie ordinate (a, b) K K rispetto
alla somma e al prodotto deniti come segue:
(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
)(a
2
, b
2
) = (a
1
b
2
+a
2
b
1
, b
1
b
2
)
106
I] Si mostri che lanello A possiede unit`a e si determinino gli elementi unitari di A.
II] Si mostri che lanello A possiede uno ed un solo ideale proprio I e che lanello quoziente A/I `e un
campo.
Sugg. I] (a, b) `e unitario se e solo se b ,= 0.
II] Se a ,= 0, per ogni k K `e (k, 0) = (a, 0)(0, a
1
k); I = (k, 0) [ k K.
22. Si consideri lanello (A; +, ) = QZ somma diretta esterna degli anelli (Q; +, ) e (Z,+, ). Si provi
che
I] ogni elemento non nullo dellanello (A; +, ) ha caratteristica zero;
II] per ogni intero positivo n
i) linsieme I = (q, nk) [ q Q, k Z `e un ideale dellanello (A; +, );
ii) lanello quoziente (A/I; +, ) `e isomorfo allanello (Z
n
; +, ) ed ha quindi caratteristica n ;
iii) I `e lunico ideale dellanello (A; +, ) tale che lanello quoziente (A/I; +, ) ha caratteristica n.
Sugg. II] Se J `e ideale di (A; +, ) tale che car A/J = n, allora per ogni (a, b) A `e n(a, b) J e quindi
I J,
23. Nellanello di polinomi R[x] (ove (R;+, ) `e il campo reale) si consideri lideale I[x] = x
2
+x + 1).
Si provi quanto segue.
I] Lanello quoziente F =R[x]/I[x] `e un campo.
II] Il gruppo moltiplicativo (F0, ) possiede uno ed un solo elemento di periodo 2 e di conseguenza
esattamente due elementi di periodo 4.
III] Esiste qualche isomorsmo (e lo si indichi) tra il campo (F; +, ) e il campo complesso.
Sugg. I] Proposizione 3.2.3.
II] 3.2 Osservazione. Gli elementi di periodo 4 sono I[x]

3
3
(2x + 1).
III] a +ib I[x] +

3
3
(2bx +b +a

3).
24. Si verichi che per ogni a, b Z
3
vale luguaglianza
(a +b)
5
= a
5
+b
5
.
Si mostri invece che la stessa uguaglianza non vale per ogni a, b GF(3
2
) (campo di Galois di ordine 3
2
).
Sugg. 3.2 Osservazione 3; posto H = at +b [ a, b Z
3
con t
2
= 1, `e (t +1)
5
= t 1 e t
5
+1
5
= t +1.
25. Sia (K; +, ) un campo; sia I[x] un ideale dellanello di polinomi K[x].
Si provi che nellanello quoziente K[x]/I[x] gli elementi unitari sono tutti e soli gli elementi diversi dallo
zero, che non sono divisori dello zero.
Si mostri invece che, per qualche ideale I[x] dellanello di polinomi Z[x], nellanello Z[x]/I[x] esistono
elementi non unitari e non nulli che non sono divisori dello zero.
Sugg. 3.2 Esercizio 1.
Se I[x] = x) Z[x], il laterale I[x] + 2 non `e unitario e non `e divisore dello zero.
26. Nellanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) (p primo) si consideri lideale I = x
4
+x
3
+ 5x + 8, x
2
1) . Si
determinino i valori di p per cui lideale I `e proprio e quelli per cui lanello quoziente Z
p
[x]/I `e un campo.
Sugg. V, 4.2 Esercizio 6; Proposizione 3.2.3.
27. Sia (K; +, ) un campo di caratteristica p (primo); sia K
p
= k
p
[ k K.
I] Si provi che K
p
`e un sottocampo di K, isomorfo a K e se ne deduca che, se K `e nito, K
p
coincide
con K.
II] Si mostri che, se K `e il campo dei quozienti dellanello di polinomi Z
p
[x], lelemento x K non
appartiene a K
p
(e pertanto `e K
p
,= K).
Sugg. I] V Proposizione 3.2.3.
II] 1.3 Esempio 1.
107
28. Sia (K; +, ) un campo nito di ordine q.
Posto I = f(x) K[x] [ f(k) = 0
K
per ogni k K, si mostri che I `e un ideale dellanello (K[x]; +, ),
generato dal polinomio x
q
x.
Si mostri che lanello quoziente K[x]/I non `e un campo e che i suoi elementi unitari sono tutti e soli i
laterali a(x) +I con a(x) K[x] privo di radici in K.
Se a(x) `e irriducibile in K[x], allora a(x) +I `e unitario in K[x]/I?
Se a(x) +I `e unitario in K[x]/I e deg a(x) > 0, a(x) `e irriducibile in K[x]?
108
VII. OMOMORFISMO FRA STRUTTURE ALGEBRICHE.
In IV, 8.1 abbiamo introdotto il concetto di isomorsmo tra strutture algebriche
omologhe, in particolare tra gruppi, tra anelli, tra A-moduli, tra reticoli.
Un concetto pi` u generale `e quello di omomorsmo.
1
1.1 Omomorsmo fra gruppi.
Denizione. Siano (G; ) e (G; ) due gruppi; si chiama omomorsmo da G a G
unapplicazione f : G G che conserva il prodotto, ovvero tale che per ogni a, b G
si ha f(a b) = f(a) f(b).
Se f `e iniettiva, lomomorsmo f viene anche detto monomorsmo.
Se f `e suriettiva, lomomorsmo f viene anche detto epimorsmo.
Se f `e biiettiva, lomomormo f `e un isomorsmo.
Lapplicazione f pu`o non essere ne iniettiva ne suriettiva.
Un omomorsmo f : G G viene detto endomorsmo del gruppo G.
Esempi.
1. Lapplicazione f : Z Z
n
denita da f(x) = [x]
n
per ogni x Z, `e un epimorsmo del
gruppo (Z ; +) sul gruppo (Z
n
; +).
2. Sia (K; +, ) un campo. Lapplicazione f : GL(n, K) (K0; ), che associa ad ogni
matrice non singolare il suo determinante, `e un epimorsmo.
3. Lapplicazione f : S
n
(Q0; ) denita ponendo per ogni sostituzione S
n
f() =
_
+1, se `e pari;
1, se `e dispari.
`e un omomorsmo di gruppi, non iniettivo ne suriettivo.
4. Se H `e un sottogruppo di un gruppo (G; ), lapplicazione i : H G denita ponendo
i(h) = h per ogni h H `e un monomorsmo, detto mappa di inclusione.
5. Lapplicazione f : (Z
4
; +) S
4
denita ponendo f([r]
4
) = (1234)
r
`e un monomorsmo.
6. Lapplicazione f da un gruppo (G; ) ad un gruppo (G; ), denita ponendo f(g) = 1
G
per ogni g G, `e un omomorsmo detto omomorsmo nullo.
Esercizio 1. Siano f : G
1
G
2
e h : G
2
G
3
omomorsmi di gruppi; si mostri che fh : G
1
G
3
(ove
fh indica il prodotto di applicazioni) `e un omomorsmo di gruppi.
Proposizione 1.1.1. Siano (G; ) e (G; ) due gruppi; sia f : G G un omomorsmo.
1) f(1
G
) = 1
G
.
2) Per ogni g G `e f(g
1
) = f(g)
1
.
3) Per ogni g G e per ogni n Z `e f(g
n
) = (f(g))
n
.
4) Se H `e un sottogruppo di G, f(H) = f(h)[h H `e un sottogruppo di G.
In particolare f(G) `e un sottogruppo di G.
5) Se H `e un sottogruppo di G, f
1
(H) = g G[f(g) H `e un sottogruppo di G.
109
In particolare f
1
(1
G
)) = x G[ f(x) = 1
G
`e un sottogruppo di G.
6) Se H `e un sottogruppo normale di G, f(H) `e un sottogruppo normale di f(G); f(H)
pu`o non essere normale in G.
7) Se H `e un sottogruppo normale di G, f
1
(H) `e un sottogruppo normale di G.
1) Sia g G; da 1
G
g = g segue f(1
G
) f(g) = f(g) = 1
G
f(g). In G valgono le leggi di
cancellazione e quindi f(1
G
) = 1
G
.
2) Da gg
1
= 1
G
segue f(g) f(g
1
) = f(1
G
) = 1
G
e quindi f(g
1
) = f(g)
1
.
3) Per n 0 si prova la tesi facendo induzione su n. Per 2) la tesi `e provata per n = 1. Inne
per n = m con m > 0 si ha g
n
= (g
m
)
1
e quindi f(g
n
) = f(g
m
))
1
= (f(g)
m
)
1
= f(g)
n
.
4) Per f(h
1
), f(h
2
) f(H) (con h
1
, h
2
H) si ha f(h
1
) f(h
2
)
1
= f(h
1
) f(h
1
2
) =
= f(h
1
h
1
2
) f(H) poiche h
1
h
1
2
H.
5) Siano g
1
, g
2
f
1
(H) ovvero f(g
1
), f(g
2
) H; si ha f(g
1
g
1
2
) = f(g
1
) f(g
2
)
1
H e
quindi g
1
g
1
2
f
1
(H).
6) Per h H e g G `e g
1
hg H; ne segue f(g)
1
f(h) f(g) f(H).
7) Siano g G e a f
1
(H), ovvero f(a) H; si ha f(g
1
ag) = f(g)
1
f(a) f(g) H e
quindi g
1
ag f
1
(H).
Esercizio 2. Sia f : G G un omomorsmo di gruppi. Si provi che se g G e o(g) = n < , allora
o(f(g)) `e un divisore di n. Si mostri che se o(g) = , o(f(g)) pu`o essere nito o innito.
Esercizio 3. Sia f : ZZ
n
lomomorsmo denito da f(x) = [x]
n
per ogni x Z; si provi che
i) se H = r) Z, allora `e f(H) = [r]
n
);
ii) se H = [s]
n
) Z
n
, allora `e f
1
(H) = d), dove d =M.C.D.(s, n);
iii) per ogni sottogruppo H = r) Z `e f
1
(f(H)) = H se e solo se r divide n.
Esercizio 4. Sia (G; ) un gruppo abeliano e sia un suo endomorsmo. Posto H = g(g
1
) [ g G,
si mostri che H `e un sottogruppo di G e che (H) H. Si indichi con
]H
la restrizione di ad H; si
osservi che
]H
`e un endomorsmo di H e si provi che `e suriettivo o iniettivo se e solo se lo `e
]H
.
Denizione. Si chiama nucleo di un omomorsmo f : G G il sottogruppo f
1
(1
G
)),
che viene solitamente indicato con Ker f.
Con riferimento agli Esempi dati sopra si verica che
in 1. `e Ker f = n),
in 2. Ker f `e linsieme delle matrici che hanno determinante 1
K
(unit`a di K) (questo
sottogruppo di GL(n, K) viene indicato con SL(n, K) e detto gruppo speciale lineare),
in 3. Ker f `e il sottogruppo alterno A
n
,
in 4. `e Ker f = 1
G
),
in 5. `e Ker f = 1
G
),
in 6. `e Ker f = G.
Proposizione 1.1.2. Siano (G; ) e (G; ) due gruppi; sia f : G G un omomorsmo.
1) Ker f `e un sottogruppo normale di G.
2) Per a, b G `e f(a) = f(b) se e solo se `e a Ker f = b Ker f.
3) (I Teorema di isomorsmo)
Lomomorsmo f determina un monomorsmo di gruppi

f
: G/Ker f G,
denito ponendo per ogni a G

f
(a Ker f) = f(a).

f
`e un isomorsmo tra G/Ker f e f(G).
1) Segue dalla Proposizione 1.1.1, 7) poiche 1
G
) G.
2) Sono tra loro equivalenti le condizioni seguenti:
i) f(a) = f(b), ii)f(a
1
b) = f(a)
1
f(b) = 1
G
, iii) a
1
b Ker f, iv) a Ker f = b Ker f.
3) Per la 2)
f
`e ben denita ed `e iniettiva;
f
conserva il prodotto poiche

f
[(a Ker f)(b Ker f)] =
f
(ab Ker f) = f(ab) = f(a) f(b) =
f
(a Ker f)
f
(b Ker f).
Corollario 1.1.3. Un omomorsmo di gruppi f : G G `e iniettivo (o monomorsmo)
se e solo se `e Ker f = 1
G
).
110
Corollario 1.1.4. Se f : G G `e un omomorsmo suriettivo (o epimorsmo) di gruppi,
il gruppo G `e isomorfo al gruppo quoziente G/Ker f.
Esercizio 5. Nel gruppo additivo G =(Z; +)(Z; +) (somma diretta esterna) si consideri il sottogruppo
N = (2, 3)); si provi che il gruppo quoziente G/N `e isomorfo al gruppo (Z; +).
Esercizio 6. Sia f : G G un omomorsmo da un gruppo (G; ) a un gruppo (G; ). Si provi che
1) se S `e un sottogruppo di G, `e f
1
(f(S)) = S se e solo se `e Ker f S;
2) se S `e un sottogruppo di G, `e f(f
1
(S)) = S se e solo se `e S f(G);
3) i sottogruppi di G, che contengono Ker f, sono in corrispondenza biunivoca con i sottogruppi di f(G).
Si usa dire che un gruppo (G; ) `e immagine omomorfa (o epimorfa) di un gruppo
(G; ) se esiste un omomorsmo suriettivo f : G G. Dal Corollario 1.1.4 segue che ogni
immagine omomorfa di un gruppo G `e isomorfa ad un gruppo quoziente di G.
Vale il viceversa.
Proposizione 1.1.5. Siano (G; ) un gruppo ed N un suo sottogruppo normale; lapplica-
zione : G G/N denita ponendo (g) = gN per ogni g G, `e un epimorsmo (detto
omomorsmo naturale), il cui nucleo `e N. Il gruppo quoziente G/N `e quindi immagine
omomorfa di G.
Le immagini omomorfe di un gruppo G sono dunque, a meno di isomorsmi (per lEser-
cizio 1) , tutti e soli i gruppi quoziente di G rispetto ai suoi sottogruppi normali.
Un gruppo ammette come immagini omomorfe se stesso e il gruppo ridotto allunit`a.
Esempio 7. Nel gruppo generale lineare GL(n, K) su un campo K il centro (cfr. IV, 4.3
Esercizio 2) `e il sottogruppo
Z(GL(n, K)) = (k
ij
) GL(n, K) [k
ij
= 0 per i ,= j, e k
11
= k
22
= . . . = k
nn
.
Il gruppo quoziente GL(n, K)/Z(GL(n, K)) viene detto gruppo proiettivo generale li-
neare e indicato con PGL(n, K); se indica lomomorsmo naturale del gruppo GL(n, K)
sul gruppo PGL(n, K)), il sottogruppo (SL(n, K)) (cfr. Esempio 2)viene detto gruppo
proiettivo speciale lineare e indicato con PSL(n, K).
Esercizio 7. Sia f : G G un omomorsmo suriettivo di gruppi; siano N =Ker f ,
f
: G/N G
lisomorsmo determinato da f (cfr. Proposizione 1.1.2, 3)) e : G G/N lomomorsmo naturale. Si
provi che
i) `e f =
f
;
ii) gli omomorsmi suriettivi di G su G, che hanno come nucleo N, sono tutti e soli del tipo f, dove
`e un automorsmo di G.
Esercizio 8. Siano N e M sottogruppi normali di un gruppo G con N M; siano
N
lomomorsmo
naturale di G su G/N e
M
lomomorsmo naturale di G su G/M. Si provi che esiste un omomorsmo
di G/N su G/M tale che
N
=
M
.
Esercizio 9. Sia (; ) il gruppo costituito dalle similitudini sulla retta reale; si mostri che sono sue
immagini omomorfe il gruppo moltiplicativo dei numeri reali non nulli, il gruppo moltiplicativo dei numeri
reali positivi, il gruppo additivo dei numeri reali, il gruppo ciclico di ordine 2.
Il gruppo ciclico di ordine 3 `e immagine omomorfa di (; )? Il gruppo (Z; +) `e immagine omomorfa di
(; )?
Esercizio 10. Sia H un sottogruppo normale di un gruppo (G; ); per ogni a Gsi denisca unapplicazio-
ne f
a
: H H ponendo f
a
(h) = a
1
ha per ogni h H. Si mostri che f
a
Aut (H); se ne deduca che
esiste un omomorsmo dal gruppo G al gruppo Aut (H) che ha come nucleo il sottogruppo C
G
(H). (cfr.
IV, 4.3 Esercizio 2).
Valendosi della Proposizione 1.1.5 si pu`o provare la cosiddetta inversione del Teo-
rema di Lagrange per i gruppi abeliani.
Proposizione 1.1.6. Sia (G; ) un gruppo abeliano nito: si provi che
1) per ogni divisore r di [G[ esiste in G un sottogruppo di ordine r;
2) se [G[ = rs con M.C.D.(r, s) = 1, allora R = x G[ x
r
= 1
G
`e lunico sottogruppo di G
di ordine r.
1) Induzione sullordine del gruppo.
111
La tesi `e banale per r = 1; sia r > 1 e sia p un divisore primo di r (e quindi anche di [G[).
Per VI, Proposizione 2.3.5 esiste in G un sottogruppo H (normale, poiche G `e abeliano) di
ordine p. Per lipotesi di induzione nel gruppo quoziente G/H esiste un sottogruppo K di
ordine
r
p
.
Nellomomorsmo naturale : G G/H ogni elemento di G/H ha p controimmagini; di
conseguenza il sottogruppo
1
(K) di G ha ordine r.
2) Se x
r
= y
r
= 1
G
, allora (xy
1
)
r
= x
r
(y
r
)
1
= 1
G
; R `e quindi un sottogruppo di G.
Il periodo di ogni elemento di R `e un divisore di r ed `e pertanto primo con s; ancora per
VI,Proposizione 2.3.5 lordine di R `e primo con s e, di conseguenza, divide r.
Se K `e un sottogruppo di G di ordine r, per VI,Corollario 2.2.2 per ogni k K `e k
r
= 1
G
e quindi K R. Ne segue [R[ = r e R = K.
112
2
2.1. Omomorsmo fra anelli.
Denizione. Siano (A; +, ) e (A; +, ) due anelli; si chiama omomorsmo da A a A
unapplicazione f : A A che conserva la somma e il prodotto, ovvero tale che per ogni
a, b A si ha f(a +b) = f(a) + f(b) e f(a b) = f(a) f(b).
Un omomorsmo di anelli f `e dunque un omomorsmo dal gruppo additivo (A; +) al
gruppo additivo (A; +), che conserva anche il prodotto.
Esempi.
1. Lapplicazione f data in 1.1, Esempio 1, `e anche un omomorsmo dallanello (Z;+, )
allanello (Z
n
; +, ).
2. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a e sia k A; lapplicazione f :
A[x] A denita ponendo f((x)) = (k) per ogni (x) A[x] `e un omomorsmo suriettivo,
non iniettivo, di anelli.
3. Sia (K; +, ) un campo; lapplicazione f : Mat
n
(K) K, che associa ad ogni matrice il
suo determinante, `e un omomorsmo di anelli?
4. Lapplicazione f da un anello (A; +, ) ad un anello (A; +, ), denita ponendo f(a) = 0
A
per ogni a A, `e un omomorsmo detto omomorsmo nullo.
5. Lapplicazione h : Z Z
n
denita da h(x) = [2x]
n
per ogni x Z, `e un omomorsmo
dal gruppo (Z ; +) al gruppo (Z
n
; +); h `e un omomorsmo di anelli se e solo se `e n = 2,
ovvero se e solo se h `e lomomorsmo nullo.
Proposizione 2.1.1. Siano (A; +, ) e (A; +, ) due anelli; sia f : A A un omomorsmo.
1) f(0
A
) = 0
A
.
2) f(a) = f(a) per ogni a A.
3) f(na) = nf(a) per ogni a A e per ogni n Z.
4) Se H `e un sottoanello di (A; +, ), f(H) `e un sottoanello di (A; +, ).
In particolare f(A) `e un sottoanello di (A; +, ).
5) Se H `e un sottoanello di (A; +, ), f
1
(H) `e un sottoanello di (A; +, ).
6) Se I `e un ideale destro (sinistro) di (A; +, ), f(I) `e un ideale destro (sinistro) di f(A);
f(I) pu`o non essere un ideale di (A; +, ).
7) Se I `e un ideale destro (sinistro) di (A; +, ), f
1
(I) `e un ideale destro (sinistro) di
(A; +, ).
In particolare f
1
(0
A
)) `e un ideale bilatero di (A; +, ).
Esercizio 1. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a 1
A
; sia f : A A un omomorsmo non nullo (cio`e
tale che f(A) ,= 0
A
)) dallanello (A; +, ) ad un anello (A; +, ). Si provi che f(1
A
) `e unit`a dellanello
(f(A); +, ), ma pu`o non essere unit`a dellanello (A; +, ).
Esercizio 2. Ogni omomorsmo non nullo da un anello (A; +, ) dotato di unit`a allanello (Z; +, ) degli
interi relativi `e suriettivo.
Denizione. Lideale bilatero f
1
(0
A
)) viene detto nucleo dellomomorsmo di anelli
f : A A e indicato con Ker f.
Il nucleo di un omomorsmo f di anelli coincide con il nucleo di f visto come omomor-
smo tra i gruppi additivi dei due anelli.
Dal Corollario 1.1.3 segue
Proposizione 2.1.2. Un omomorsmo di anelli f `e iniettivo se e solo se `e Ker f = 0
A
).
Corollario 2.1.3. Ogni omomorsmo non nullo f da un corpo (K; +, ) ad un anello
(A; +, ) `e iniettivo.
Poiche un corpo non possiede ideali propri (cfr. IV, Corollario 6.3.2), sar`a Ker f = K
oppure Ker f = 0
K
); nel primo caso f `e lomomorsmo nullo, nel secondo caso f `e iniettivo.
Esercizio 3. Sia f : A A un omomorsmo suriettivo da un anello (A; +, ) ad un anello non banale
(A; +, ); si provi che se (A; +, ) `e un corpo, allora (A; +, ) `e un corpo, isomorfo ad (A; +, ). Se (A;
113
+, ) `e un corpo, (A; +, ) `e necessariamente un corpo? (cfr.Esempio 1)
Proposizione 2.1.4. Sia f : A A un omomorsmo di anelli; f determina un monomor-
smo di anelli

f
: A/Ker f A
denito ponendo per ogni a A

f
(a+Ker f) = f(a).
Per la Proposizione 1.1.2 lapplicazione
f
`e un monomorsmo dal gruppo (A/Ker f; +) al
gruppo (A; +); basta vericare che
f
conserva anche il prodotto.
Esercizio 4. Sia (A; +, ) un anello dotato di unit`a 1
A
; sia f : Z A denita da f(n) = n1
A
per ogni
n Z. Si mostri che f `e un omomorsmo di anelli e che f(Z) `e il sottoanello fondamentale di A (cfr. V,
3.1).
Esercizio 5. Nellanello Z[x] si consideri lideale H = f(x) Z[x] [ f(0) = 0 ; si mostri che lanello
quoziente Z[x]/H `e isomorfo allanello Z ed `e pertanto privo di divisori dello zero, ma non `e campo. (cfr.
con VI, Proposizione 3.2.3)
Esercizio 6. Siano f : A
1
A
2
e g : A
2
A
3
due omomorsmi di anelli; si mostri che fg : A
1
A
3
`e
un omomorsmo di anelli.
Proposizione 2.1.5. Sia I un ideale bilatero di un anello (A; +, ); lapplicazione : A
A/I, denita ponendo (a) = a + I per ogni a A, `e un omomorsmo suriettivo di anelli,
detto omomorsmo naturale.
Dalle Proposizioni 2.1.4 e 2.1.5 segue che le immagini omomomorfe di un anello
(A; +, ) sono, a meno di isomorsmi, tutti e soli gli anelli quoziente di (A; +, ) rispetto ai
suoi ideali bilateri.
Esercizio 7. Determinare le immagini omomorfe degli anelli (Z ; +, ) e (Z
n
; +, ).
2.2. Ideali massimali, ideali primi in un anello.
Denizione. In un anello (A; +, ) un ideale destro, sinistro o bilatero, massimale
(rispetto allinclusione insiemistica) nella famiglia degli ideali rispettivamente destri,
sinistri o bilateri di (A; +, ), diversi da A, viene detto ideale destro, sinistro o bilatero
massimale.
Esercizio 1. Nellanello (Z; +, ) lideale n) `e massimale se e solo se n `e primo.
Esercizio 2. Sia (K; +, ) un campo e sia f(x) K[x]; lideale f(x)) di (K[x]; +, ) `e massimale se e
solo se il polinomio f(x) `e irriducibile in K[x].
Esercizio 3. Si provi che in un anello commutativo, dotato di unit`a, esistono ideali massimali. (Si consi-
deri linsieme degli ideali dellanello, diversi dallanello stesso, ordinato rispetto allinclusione insiemistica
e ci si valga dellAssioma di Zorn; cfr. II, 3.1.)
La Proposizione 5.4.2 in IV e la Proposizione 3.2.3 in VI possono essere enunciate
nella forma che segue.
Proposizione 2.2.1. Sia (A; +, ) lanello degli interi relativi o lanello dei polinomi
in una indeterminata a coecienti in un campo; sia I un suo ideale. Sono tra loro
equivalenti le condizioni seguenti:
i) lanello quoziente (A/I; +, ) `e un campo;
ii) lanello (A/I; +, ) `e privo di divisori dello zero;
iii) lideale I `e massimale.
Per un generico anello (A; +, ) le condizioni i), ii), iii) non sono per`o in generale equiva-
lenti. Ad esempio, se A =Z[x] e I = x), lanello A/I `e isomorfo allanello Z ed `e privo di
divisori dello zero, ma A/I non `e un campo ne I `e massimale. Ancora, se A = 2k [ k Z
(sottoanello di Z) e I = 4k [ k Z, I `e ideale massimale di A e A/I `e uno zero-anello.
Si pu`o per`o provare che in un anello commutativo e dotato di unit`a le condizioni i) e iii)
sono equivalenti.
Lemma 2.2.2. Sia I un ideale bilatero di un anello (A; +, ); lomomorsmo naturale
114
: A A/I subordina unapplicazione biiettiva dallinsieme degli ideali destri (o sin-
istri) di (A; +, ), che contengono I, allinsieme degli ideali destri (risp. sinistri) dellanello
quoziente (A/I; +, ).
Sia lapplicazione che associa ad ogni ideale destro J di (A; +, ), che contiene I, lideale
(J) di (A/I; +, ).
Lapplicazione `e suriettiva poiche per ogni ideale J di (A/I; +, ) `e J = (
1
(J)).
Essendo I J `e
1
((J) = J (cfr. 1.1 Esercizio 6); ne segue che se J
1
e J
2
sono due
ideali destri di (A; +, ), che contengono I, tali che (J
1
) = (J
2
), allora J
1
=
1
((J
1
)) =

1
((J
2
)) = J
2
e pertanto lapplicazione `e anche iniettiva.
Proposizione 2.2.3. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a 1
A
; sia I un
suo ideale. Lanello quoziente (A/I; +, ) `e un campo se e solo se lideale I `e massimale.
Sia (A/I; +, ) un campo. Per IV, Corollario 6.3.2 lanello A/I `e privo di ideali propri; per
il Lemma 2.2.2 non esiste in (A; +, ) alcun ideale proprio che contenga propriamente I e
pertanto lideale I `e massimale.
Viceversa, sia I massimale. Lanello (A/I; +, ) `e commutativo ed ha unit`a I +1
A
; inoltre per
il Lemma 2.2.2 lanello A/I `e privo di ideali propri. Per IV, Proposizione 6.3.3 (A/I; +, )
`e un campo.
Denizione. Un ideale I di un anello commutativo (A; +, ) viene detto primo se da
ab I (con a, b A) segue a I o b I (non escludendo che entrambi gli elementi a e b
appartengano ad I).
Per ogni anello (A; +, ) lideale improprio A `e primo.
Dalla denizione si deduce immediatamente la Proposizione che segue.
Proposizione 2.2.4. Siano (A; +, ) un anello commutativo ed I un suo ideale ; lanello
quoziente (A/I; +, ) `e privo di divisori dello zero se e solo se lideale I `e primo.
Corollario 2.2.5. In un anello commutativo, dotato di unit`a, ogni ideale massimale `e
primo.
Si osservi che in Z[x] lideale H = x) `e primo ma non massimale.
Esercizio 4. Sia (A; +, ) un dominio dintegrit`a, dotato di unit`a; si provi che un elemento a A `e primo
(cfr. IV, 5.6) se e solo se lideale principale a) `e primo.
Esercizio 5. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; si mostri che se ogni ideale primo proprio
`e massimale, allora ogni ideale primo proprio `e principale.
Esercizio 6. Si provi che in un dominio ad ideali principali, che non sia un campo, gli ideali massimali
sono tutti e soli gli ideali primi propri.
115
3
3.1. Omomorsmo di A-moduli e di algebre.
Denizione. Siano (V ; +) e (V ; +) due moduli sinistri (o destri) sullo stesso anello
(A; +, ); si chiama A-omomorsmo da (V ; +) a (V ; + ) un omomorsmo f dal gruppo
(V ; +) al gruppo (V ; +) che conserva il prodotto per gli scalari, ovvero unapplicazione
f da V a V tale che sia f(v
1
+ v
2
) = f(v
1
) + f(v
2
) e f(av) = af(v) (o rispettivamente
f(va) = f(v)a) per ogni v, v
1
, v
2
V e per ogni a A.
Denizione. Siano (V ; +.) e (V ; +, ) due algebre sinistre (o destre) sullo stesso anello
(A; +, ); si chiama A-omomorsmo da V a V un omomorsmo f dallanello (V ; +, )
allanello (V ; +, ) che conserva il prodotto per gli scalari, ovvero unapplicazione f
da V a V tale che sia f(v
1
+ v
2
) = f(v
1
) + f(v
2
), f(v
1
v
2
) = f(v
1
) f(v
2
) e f(av) = af(v) ( o
rispettivamente f(va) = f(v)a) per ogni v, v
1
, v
2
V e per ogni a A.
Si provano facilmente le Proposizioni che seguono.
Proposizione 3.1.1. Siano (V ; +) e (V ; +) due A-moduli sinistri; sia f : V V un
A-omomorsmo.
1) Se W `e un A-sottomodulo di (V ; +), f(W) `e un A-sottomodulo di (V ; +).
2) Se W `e un A-sottomodulo di (V ; +), f
1
(W) `e un A-sottomodulo di (V ; +).
Denizione. LA-sottomodulo f
1
(0
V
)) viene detto nucleo dellA-omomorsmo f e
viene indicato con Ker f.
Proposizione 3.1.2. Siano (V ; +) e (V ; +) due A-moduli sinistri; ogni A-omomorsmo
f : V V determina un A-monomorsmo di A-moduli

f
: V/Ker f V
denito ponendo per ogni v V

f
(v+Ker f) = f(v).
Proposizione 3.1.3. Se W `e un A-sottomodulo di un A-modulo sinistro (V ; +), lapplica-
zione : V V/W, denita ponendo (v) = v + W per ogni v V , `e un A-omomorsmo
suriettivo, detto omomorsmo naturale.
Pertanto le immagini omomorfe di un A-modulo sinistro (V ; +) sono, a meno di A-
isomorsmi, tutti e soli gli A-moduli quoziente di (V ; +) rispetto ai suoi A-sottomoduli.
Esercizio 1. Sia (V ; +) uno spazio vettoriale sinistro su un corpo K. Sia n un intero pressato e sia
f : V V lapplicazione denita da f(v) = nv per ogni v V . Si provi che f `e un K-endomorsmo dello
spazio vettoriale V ; inoltre, se f non `e lendomorsmo nullo di V , f `e un automorsmo di V .
Esercizio 2. Siano (V ; +) un A-modulo sinistro e un A-endomorsmo di V .
Si pongano S = s V [ (s) = s, T = v (v) [ v V e si provi che S e T sono A-sottomoduli di V
tali che lA-modulo quoziente V/S `e A-isomorfo a T.
LA-modulo quoziente V/T puo essere A-isomorfo ad S? pu`o non esserlo?
Esercizio 3. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; si consideri lapplicazione f : A A
denita da f(a) = a
3
per ogni a A.
1) Si provi che f `e un endomorsmo del gruppo additivo (A; +) se e solo se `e 3a
2
= 3a per ogni a A.
2) Si provi che f `e un A-endomorsmo dellA-modulo sinistro (A; +) (cfr.IV, 6.1 Esempio 3) se e solo
se `e a
3
= a per ogni a A.
3) Si considerino le condizioni seguenti:
i) f `e un endomorsmo del gruppo additivo (A; +);
ii) f `e un A-endomorsmo dellA-modulo sinistro (A; +);
iii) f `e un endomorsmo dellanello (A; +, ).
Si mostri che ii) i), ii) iii), iii) i).
Si chiede: i) ii)? iii) ii)? i) iii)?
Esercizio 4. Si stabiliscano per le A-algebre proposizioni analoghe alle 3.1.2 e 3.1.3.
116
TEMI VII.
1. Sia (K; +, ) un campo nito di ordine p
r
( p primo). Si considerino le applicazioni e da K a K
denite rispettivamente da
(x) = x
p
x
(x) = x +x
p
+. . . +x
p
r1
per ogni x K. Dopo aver osservato che e sono endomorsmi del gruppo additivo (K; +), si dimostri
che Ker e (K) coincidono e hanno ordine p.
Sugg. V Proposizione 3.2.3.
V, 3.3 Ker = K
0
(sottocorpo minimo), (K) Ker .
2. Siano (A; ) e (B; ) due gruppi e sia : A B un omomorsmo suriettivo da A a B. Si mostri
quanto segue:
I] se K `e un sottogruppo normale di B, allora i gruppi
A

1
(K)
e
B
K
sono isomor;
II] se H `e un sottogruppo normale di A, i gruppi
A
H
e
B
(H)
possono non essere isomor;
III] se A `e nito, i gruppi
A
H
e
B
(H)
sono isomor se e solo se Ker `e contenuto in H.
Sugg. I] : A
B
K
con (a) = (a)K; Ker =
1
(K). Proposizione 1.1.2.
II] H = 1
A
).
III] 1.1 Esercizio 6; se
A
H

B
(H)

A

1
((H))
, allora [H[ = [
1
((H))[.
3. Sia (K; +, ) un campo; sia (G; ) il gruppo costituito dalle matrici
=
_
a 0
b 1
_
con a, b K, a ,= 0
rispetto al prodotto righe per colonne. Sia Y = G[ det = 1 . Si verichi quanto segue.
I] Y `e un sottogruppo normale di G, isomorfo al gruppo additivo (K; +) e il gruppo quoziente (G/Y ; )
`e isomorfo al gruppo moltiplicativo (K0; );
II] ogni sottogruppo di G, che contiene Y , `e normale in G;
III] nessun sottogruppo proprio, contenuto propriamente in Y , `e normale in G;
IV] ogni sottogruppo proprio, normale in G, contiene Y .
Sugg. I] f : G K0 con f() = a; Ker f = Y .
II] 1.1 Esercizio 6 con f(H) (K0; ); Proposizione 1.1.1.
III] se H G, allora
1
H per ogni G.
IV] VI, 2.3 Esercizio 8.
4. Siano (; ) il gruppo costituito dalle similitudini sulla retta reale
a,b
: x
t
= ax+b (con a, b R, a ,= 0)
rispetto al prodotto di applicazioni, T il sottogruppo delle traslazioni
1,k
(con k R), H il sottogruppo
generato dallinsieme delle involuzioni
1,k
(con k R).
I] Si verichi che T e H sono normali in .
II] Si provi che sono tra loro isomor il gruppo quoziente /H, il gruppo moltiplicativo (R
+
; ) dei
numeri reali positivi, il gruppo additivo (R; +) dei numeri reali, il gruppo T.
III] Si mostri che il gruppo quoziente /T non `e isomorfo al gruppo H.
Sugg. H = x
t
= x +k [ k R .
II] f : R
+
con f(
a,b
) = a
2
.
5. Sia
G =
_
_
[1]
6
a
[0]
6
[1]
6
_
,
_
[1]
6
a
[0]
6
[1]
6
_
: a Z
6
_
Sapendo che il prodotto (righe per colonne) di matrici `e associativo, si verichi che, rispetto a tale prodotto,
G `e un gruppo di ordine 12.
I] Si determini il centro di G e si mostri che esso `e lunico sottogruppo normale di G di ordine 2.
II] Si mostri che G possiede un solo sottogruppo di ordine 3 ed esattamente tre sottogruppi di ordine
4. (Si noti che ogni sottogruppo di ordine 4 contiene il centro di G.)
117
III] Si mostri che le immagini omomorfe proprie di G sono, a meno di isomorsmi, il gruppo ciclico di
ordine 2, il gruppo trirettangolo e il gruppo simmetrico S
3
.
Sugg. II] VI Corollario 2.2.3. Se H G, HZ(G) `e sottogruppo di G; V Proposizione 2.3.3. Il gruppo
quoziente G/Z(G) possiede esattamente tre sottogruppi di ordine 2.
III] Se N G con N ,= 1
G
) e N ,= G, allora [N[ 2, 3, 6.
6. Sia (X; ) un gruppo e sia G = X X (prodotto diretto esterno); sia un endomorsmo del gruppo
X e sia H = (x, (x))[x X.
I] Si mostri che H `e un sottogruppo di G.
II] Si provi che H `e normale in G se e solo se (X) `e contenuto nel centro di X e che in tal caso il
gruppo G/H `e isomorfo al gruppo X.
Sugg. II] f : G X con f((x
1
, x
2
)) = x
2
(x
1
1
); Ker = H.
7. Sia (V ; +) un gruppo abeliano additivo; sia EndV linsieme degli endomorsmi di (V ; +).
Si deniscano in EndV le operazioni + e ponendo per ogni , EndV e per ogni v V
+ : v (v) +(v)
: v [(v)]
I] Si verichi che (EndV ; +, ) `e un anello dotato di unit`a.
II] Si mostri che (V ; +) pu`o essere visto come EndV -modulo destro rispetto al prodotto esterno
denito da v = (v) per ogni EndV e per ogni v V .
III] Se (V ; +) `e A-modulo destro su qualche anello A, si provi che ogni EndV -sottomodulo di V `e
anche A-sottomodulo; si mostri con qualche esempio che un A-sottomodulo di V pu`o non essere
EndV -sottomodulo di V .
Sugg. III] Per ogni a A resta denito f
a
End V con f
a
(v) = va per ogni v V .
(V ; +) =(Z
2
; +)(Z
2
; +) `e Z-modulo destro rispetto al prodotto esterno (a, b)n = (na, nb) per ogni
n Z e per ogni (a, b) V ; H = ([0]
2
, [0]
2
)), ([1]
2
, [0]
2
) `e Z-sottomodulo, non End V -sottomodulo.
8. Sia (G; ) un gruppo abeliano; sia (EndG; +, ) lanello degli endomorsmi di G (cfr. Tema 7).
I] Si osservi che, se G `e nito, gli elementi di EndG che ammettono inverso destro sono tutti e soli
quelli che ammettono inverso sinistro e coincidono con gli automorsmi di G.
II] Si mostri che se G `e innito, un elemento di EndG pu`o avere inverso destro senza avere inverso
sinistro, considerando il gruppo G =Dr
N
A

con A

=(Z
2
; +) per ogni e lapplicazione : G G
denita ponendo (a

N
) = b

N
con b
1
= [0]
2
e b

= a
1
per ogni 1.
Sugg. I] Se = I
G
(automorsmo identico), `e iniettivo.
9. Sia (Z
n
)
Z
linsieme delle applicazioni da Z a Z
n
(con n > 1). Si consideri in (Z
n
)
Z
la legge di
composizione denita ponendo
( )(r) = (r) +(r)
per ogni , (Z
n
)
Z
e per ogni r Z. Si provi quanto segue.
I] ((Z
n
)
Z
; ) `e un gruppo e linsieme H degli omomorsmi dal gruppo (Z;+) al gruppo (Z
n
;+) `e un
sottogruppo proprio di ((Z
n
)
Z
; );
II] Linsieme K degli omomorsmi dallanello (Z; +, ) allanello (Z
n
; +, ) `e un sottoinsieme di H,
a cui appartiene lelemento neutro e anche qualche elemento di H diverso dallelemento neutro.
III] Sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) n = 2;
ii) H e K coincidono;
iii) K `e un sottogruppo di ((Z
n
)
Z
; ).
Sugg. I] Sia f(r) = 1
H
per ogni r Z; f , H.
II] Sia (r) = [r]
n
per ogni r Z; K.
III] se n = 2, `e [H[ = 2.
Per come in II], ( )(1) = [2]
n
; se K si ha [2]
n
= ( )(1
2
) = [4]
n
.
118
10. Sia G = (q, ) [ q Q0, +1, 1 ; si denisca in G un prodotto ponendo
(q
1
,
1
)(q
2
,
2
) = (q
1
q

1
2
,
1

2
)
Si provi che (G; ) `e un gruppo non abeliano.
Si consideri nel gruppo (G; ) il sottoinsieme H = (q, 1) G[ q > 0.
I] Si mostri che H `e un sottogruppo normale di (G; ) e il gruppo quoziente (G/H; ) `e abeliano di
ordine 4.
II] Si provi che ogni sottogruppo S di G, che contiene H, `e normale in G e il gruppo quoziente (G/S; )
`e abeliano.
III] Si determinino i sottogruppi distinti di G che contengono H e si osservi che essi costituiscono
un sottoreticolo L del reticolo (L[G]; ), costituito dai sottogruppi di (G; ) rispetto allinclusione
insiemistica.
(L; ) `e un reticolo distributivo? `e un reticolo complementato?
Sugg. 1.1 Esercizi 6 e 8.
11. Sia (G; +) il gruppo abeliano costituito dalle coppie ordinate (a, b) ZZ rispetto alla somma
componente per componente.
I] Fissati r, s Z0 e posto N = (r, s)), si mostri che il gruppo quoziente G/N `e innito.
II] Si provi quindi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) G/N `e ciclico;
ii) ogni elemento di G/N, diverso dallelemento neutro, ha periodo innito;
iii) r e s sono primi tra loro.
Sugg. I] I laterali (a, 0) +N con a N sono tutti distinti.
II] i) ii) Proposizione 2.2.1.
ii) iii) se r = dr
t
, s = ds
t
allora d[(r
t
, s
t
) +N] = N.
iii) i) lapplicazione : (G; +) (Z;+) denita da : (a, b) = sa rb `e un omomorsmo di
gruppi con Ker = N.
12. Sia (K; +, ) un campo; nel gruppo generale lineare GL(2, K) si considerino i sottogruppi
G =
_
_
a b
0 c
_
[ a, b, c K, ac ,= 0
_
S =
_
_
a b
0 1
_
[ a, b K, a ,= 0
_
T =
_
_
a b
0 a
1
_
[ a, b K, a ,= 0
_
Si mostri quanto segue.
I] S e T sono normali in G e G = ST.
II] I gruppi quoziente (G/S; ) e (G/T; ) sono isomor al gruppo (K0; ) e quindi sono isomor tra
loro.
III] Se K `e un campo nito di caratteristica 2, lapplicazione : T S denita da
:
_
a b
0 a
1
_

_
a
2
ab
0 1
_
`e un isomorsmo.
IV] Se car K ,= 2, i gruppi T ed S non sono isomor.
Sugg. I]
_
a b
0 c
_
=
_
ac bc
0 1
_
=
_
c
1
0
0 c
_
.
II] , : G K0, ove per =
_
a b
0 c
_
si ponga () = c e () = ac; `e S =Ker e T =Ker .
Proposizione 1.1.2.
IV] Pu`o essere utile considerare gli elementi di periodo 2 di S e quelli di T.
13. Sia (G; ) un gruppo abeliano nito; per ogni intero positivo r che divide lordine di G sia
H
r
= x G[ x
r
= 1
G
.
Si mostri che
I] H
r
`e un sottogruppo del gruppo (G; ) con [H
r
[ r;
119
II] pu`o essere [H
r
[ > r (esempio !);
III] se per ogni divisore r dellordine di G `e [H
r
[ = r, allora il gruppo (G; ) `e ciclico.
Sugg. I] Proposizione 1.1.6.
II] (Z
p
; +)(Z
p
; +).
III] V, 2.1 Esercizio 5.
14. Siano m, n interi, maggiori di 1; si considerino i gruppi (Z
m
; +) e (Z
n
; +).
Fissato k Z, si consideri la relazione f che ad ogni [x]
n
Z
n
associa [kx]
m
Z
m
.
Si provi che
I] f `e un omomorsmo dal gruppo (Z
n
; +) al gruppo (Z
m
; +) se e solo se m divide kn;
II] f `e un monomorsmo se e solo se `e m = nM.C.D.(k, m);
III] f `e un epimorsmo se e solo se m divide n e M.C.D.(k, m) = 1.
Sugg. II] Per m = m
t
M.C.D.(k, m) `e [m
t
]
n
Ker f.
III] Se lapplicazione f `e suriettiva, esiste [x]
n
Z
n
tale che [1]
m
= [kx]
m
.
15. Sia p un numero primo; si consideri il gruppo (G; ) costituito dalle coppie ordinate
([a], [b]) Z
p
2Z
p
2 rispetto al prodotto denito da
([a
1
].[b
1
]) ([a
2
], [b
2
]) = ([a
1
+a
2
], [b
1
(1 +a
2
p) +b
2
])
Si verichi che per ogni intero n 2 `e
([a], [b])
n
= ([na], [b(n +
_
n
2
_
ap)])
Si provi quanto segue.
I) Linsieme H = ([0], [b]) [ [b] Z
p
2 `e un sottogruppo ciclico e normale in (G; ), isomorfo al gruppo
quoziente (G/H; ).
II) Linsieme K = ([a], [b]) G[ ([a], [b])
p
= 1
G
`e un sottogruppo non ciclico e normale in (G; ),
isomorfo al gruppo quoziente (G/K; ).
III) Il gruppo (G; ) possiede qualche sottogruppo normale S non isomorfo al gruppo quoziente (G/S; ).
16. Si consideri lanello commutativo (A; +, ) costituito dalle coppie ordinate (a, b) con a, b R rispetto
alla somma e al prodotto deniti come segue
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ac bd, ad +bc + 2bd)
Detto I lideale principale di A generato dallelemento (1, 1) A, si mostri che lanello quoziente A/I `e
un campo isomorfo ad R.
Sugg. I = (a, a) [ a R.
Per : A R con ((a, b)) = a +b `e Ker = I.
17. Siano (A; +, ) e (B; +, ) due anelli e sia : A B un omomorsmo di anelli. Sia (V ; +) un
B-modulo sinistro rispetto ad un prodotto esterno indicato con . Si verichi che
I] (V ; +) `e anche A-modulo sinistro rispetto al prodotto esterno denito daa v = (a) v per ogni
a A e per ogni v V ;
II] se W `e un B-sottomodulo di V , W `e anche A-sottomodulo di V ;
III] se W `e A-sottomodulo di V e `e suriettivo, allora W `e anche B-sottomodulo di V .
Si mostri con qualche esempio che se non `e suriettivo, un A-sottomodulo di V pu`o non essere
B-sottomodulo di V .
Sugg. III] (V ; +) =(Q;+) modulo su (Q;+,); : Z Q con (n) = n per ogni n Z. Z `e Z-sottomodulo
di (Q;+), ma non `e Q-sottomodulo.
18. Nel campo complesso C si consideri il sottoanello A = a +ib

11 C [a, b Z .
Fissato un primo p, si ponga H
p
= a +ib

11 A[a b (mod p).


I] Si determinino i valori di p per i quali H
p
`e un ideale di A.
II] Si mostri che gli ideali H
p
, corrispondenti a tali valori di p, sono massimali in A.
Sugg. I] p = 2, 3.
120
II] : A Z
p
con (a +ib

11) = [a b]
p
; Ker = H
p
, Proposizione 2.2.3.
19. Si consideri lanello Z
4
[x] dei polinomi a coecienti nellanello Z
4
delle classi di resti mod 4. Sia I
lideale di Z
4
[x] generato dal polinomio x 1 Z
4
[x]. Si provi che
I] I = f(x) Z
4
[x][ f(1) = 0 (con 1, 0 Z
4
);
II] I non `e massimale ed esiste uno ed un solo ideale proprio J di Z
4
[x] che contiene propriamente I;
III] J `e nitamente generato, ma non `e principale.
Sugg. II] (Z
4
[x]/I; +, ) (Z
4
; +, ); Lemma 2.2.2
III] J = x 1, 2 ).
20. Sia (K; +, ) un campo; sia f(x) un polinomio di K[x]. Si consideri lanello quoziente A =
K[x]
f(x))
,
dove f(x)) indica lideale principale di K[x] generato da f(x). Si provi quanto segue.
I] Gli ideali propri dellanello A sono tanti quanti gli ideali propri di K[x] che contengono propria-
mente lideale f(x)).
II] Se f(x) ha grado 2, lanello A possiede tanti ideali propri quante sono le radici distinte di f(x) in
K.
III] Se f(x) ha grado 3 e f(x) ha radici in K, il numero degli ideali di A `e maggiore del numero delle
radici di f(x) in K.
Sugg. I] Lemma 2.2.2.
II] Se f(x)) J[x], allora J[x] = x a) e f(a) = 0.
21. Sia (K; +, ) un campo; sia A lanello costituito dalle coppie ordinate (a, b) K K rispetto alla
somma componente per componente e al prodotto denito da
(a, b)(c, d) = (a(c +d), b(c +d))
I] Si verichi che lapplicazione : A K denita da ((a, b)) = a +b `e un omomorsmo suriettivo
di anelli.
II] Si mostri che non esiste alcun ideale destro J di A tale che sia 0) J Ker o Ker J A.
III] Si mostri che esiste qualche ideale destro proprio I diverso da Ker .
Sugg. II] (A/Ker ; +, ) `e un campo; IV Corollario 6.3.2, Lemma 2.2.2.
III] I = (a, 0) [ a K.
22. Nellanello di polinomi (Z
3
[x]; +, ) si consideri lideale I generato dal polinomio x
3
+2. Si consideri
lanello quoziente (Z
3
[x]/I; +, ) e si provi quanto segue:
I] i suoi divisori dello zero sono tutti e soli i laterali I +k(x) ,= I con k(1) = 0;
II] i suoi elementi non nulli e non unitari sono tutti e soli i divisori dello zero;
III] lanello quoziente (Z
3
[x]/I; +, ) possiede due soli ideali propri.
23. Nellanello Mat
2
(R) delle matrici quadrate di ordine 2 ad elementi nel campo reale R si consideri il
sottoinsieme
A
k
=
_

a,b
=
_
a b
kb a
_
[ a, b R
_
.
dove k `e un numero reale ssato.
I] Si mostri che A
k
`e un sottoanello di Mat
2
(R) e che esistono valori di k per i quali A
k
non `e campo.
II] Si provi che A
k
possiede al pi` u due ideali propri e che ogni ideale proprio di A
k
`e massimale.
Sugg. I] A
k
non `e campo per ogni k 0.
II] Se A
k
non `e campo, `e k = c
2
con c R. IV Proposizione 6.3.1:
a,b
non `e unitario se e solo se
a = cb.
24. Sia (A; +, ) un dominio dintegrit`a, dotato di unit`a.
Fissato c A, si denisca unapplicazione
c
: A[x] A[x] ponendo

c
: a
n
x
n
+ +a
1
x +a
0
a
n
(cx)
n
+ +a
1
(cx) +a
0
.
121
I] Si verichi che
c
`e un endomorsmo dellanello A[x] e se ne determini il nucleo.
II] Si provi che
c
`e un automorsmo di A[x] se e solo se c `e un elemento unitario di A.
Sugg. I] Se c ,= 0, Ker = 0); Ker
0
= x).
II] Se
c
`e automorsmo, esiste (x) A[x] tale che
c
((x)) = x.
25. Si considerino il sottoanello del campo complesso A = a+ib

7 [ a, b Z e lapplicazione : A Z
8
denita da (a +ib

7) = [a b]
8
.
I] Si verichi che `e un omomorsmo suriettivo di anelli e se ne determini il nucleo.
II] Si osservi che lanello Z
8
possiede due soli ideali propri e se ne deduca che in A esistono due soli ideali
propri I e J che contengono propriamente Ker . Si mostri che Ker `e principale, mentre I e J sono
nitamente generati, ma non principali.
Sugg. Ker = 1 +i

7); Lemma 2.2.2.


26. Sia (K; +, ) un campo di ordine p
n
(p primo).
I] Si provi che il polinomio x
p
x K[x] ammette p radici distinte, che costituiscono il sottocorpo
minimo K
0
di K.
II] Sia
f(x) = x
p
n1
+x
p
n2
+ +x
p
+x K[x];
siano
S = f(k) [ k K
R = a K[ f(a) = 0.
Si mostri che [S[ [R[ = p
n
e S K
0
; se ne deduca che `e S = K
0
e che f(x) si decompone in
prodotto di fattori lineari distinti di K[x].
Sugg. I] V, 3.3 e IV Teorema 5.5.12.
II] V Proposizione 3.2.3 : : (K; +) (K; +) con (k) = f(k) `e un omomorsmo di gruppi.
27. Sia (A; +, ) un anello gaussiano; sia (A
t
; +, ) unimmagine omomorfa propria di A.
I] Si mostri con degli esempi che
i) A
t
pu`o avere divisori dello zero;
ii) A
t
pu`o essere privo di divisori dello zero, senza essere campo;
iii) A
t
pu`o essere campo.
II] Si provi che, qualora gli ideali di A siano tutti principali, se A
t
`e privo di divisori dello zero, allora
A
t
`e campo.
Sugg. I] i)+iii) A =Z, A
t
=Z
n
. ii) A =Z[x], A
t
=Z[x]/x).
II] (A
t
; +, ) (A/I; +, ) con I ideale primo di (A; +, ). 2.2 Esercizio 6.
28. Sia (K; +, ) un campo.
I] Si provi che il campo K `e immagine omomorfa dellanello di polinomi K[x] e che K non `e isomorfo
allanello K[x].
II] Si mostri che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni::
i) il campo K `e nito;
ii) se un anello innito `e immagine omomorfa dellanello K[x], esso `e isomorfo allanello K[x].
Sugg. I] (K; +, ) (K[x]/x); +, ); Proposizione 1.1.5.
II] VI Proposizione 3.2.2, VI, 3.2 Osservazione 2.
29. Sia (K; +, ) un campo; si consideri in Mat
2
(K) il sottoanello
A =
__
a b
b a
_
[ a, b K
_
Si provi che (A; +, ) `e un campo se e solo se il polinomio x
2
+ 1 K[x] `e irriducibile in K[x].
Si provi che se lanello (A; +, ) non `e un campo, allora
I] se car K ,= 2, lanello (A; +, ) possiede esattamente due ideali propri;
122
II] se car K = 2, lanello (A; +, ) possiede uno ed un solo ideale proprio;
III] ogni immagine omomorfa propria dellanello (A; +, ) `e isomorfa al campo (K; +, ).
Sugg. Se 1
K
= k
2
, gli ideali propri sono I =
_
_
kb b
b kb
_
[ b K
_
e J =
_
_
kb b
b kb
_
[ b K
_
.
30. Sia (K; +, ) un campo; siano k
1
, k
2
K (ssi). Si consideri la somma diretta esterna (K K; +, )
e lapplicazione
: K[x] K K
denita da
(f(x)) = (f(k
1
), f(k
2
))
per ogni f(x) K[x].
Si mostri che `e un omomorsmo di anelli.
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) `e suriettivo;
ii) `e k
1
,= k
2
;
iii) esistono due ideali propri I e J dellanello (K[x]; +, ) tali che I +J = K[x] e I J =Ker .
31. Sia (A; +, ) un anello commutativo; sia c A, c ,= 0
A
. Si denisca in A un prodotto ponendo
a b = a b c per ogni a, b A; si osservi che (A; +, ) `e un anello. Si provi che
I] I = i A[ ic = 0
A
`e un ideale dellanello (A; +, );
J = ac [ a A `e un ideale dellanello (A; +, );
II] lanello quoziente (A/I; +, ) `e isomorfo allanello (J; +, );
III] se lanello (A; +, ) possiede unit`a, lanello quoziente (A/J; +, ) `e isomorfo allanello (I; +, ) se e
solo se c `e un elemento unitario dellanello (A; +, ).
II] f : (A; +) (J; +, ) con f(a) = ac; Ker f = I.
III] (I; +, ) `e zero anello.
32. Sia (K; +, ) un campo; sia (K
K
; +, ) lanello costituito dalle applicazioni di K in se stesso rispetto
alle operazioni di somma e prodotto denite ponendo per , K
K
+ : k (k) +(k)
: k (k)(k).
Sia : K[x] K
K
lapplicazione che associa ad ogni polinomio f(x) K[x] la funzione polinomiale
denita da f(x). Si provi che
I] `e un omomorsmo di anelli;
II] `e iniettivo se e solo se K `e innito;
III] se K `e nito di ordine q, si determini un generatore di Ker ; se ne deduca che (K[x]) e K
K
hanno
lo stesso ordine e che pertanto `e suriettivo.
II] Se [K[ = q < , x
q
x Ker .
III] Proposizione 2.1.4.
123
VIII. PRODOTTO DIRETTO, SOMMA DIRETTA.
1
1.1. Prodotto diretto di sottogruppi.
Denizione. Sia (H

; )

una famiglia di sottogruppi di un gruppo (G; ); si dice che


il gruppo G `e prodotto diretto dei sottogruppi della famiglia se sono soddisfatte le
seguenti condizioni:
i) G = H

[ );
ii) ogni sottogruppo H

`e normale in G;
iii) H

[ ) = 1
G
) per ogni .
In tal caso si scrive G = X

. Questa notazione (analoga a quella gi`a introdotta in


IV, 9.1) `e giusticata dalle Proposizioni 1.1.1 e 1.1.2 che seguono.
Osservazioni.
1. Le condizioni i), ii), iii) sono equivalenti alle seguenti:
iv) per ogni g G, g ,= 1
G
, esistono e sono univocamente determinati un sottoinsieme
nito
1
, . . . ,
n
di e n elementi h
1
, . . . , h
n
con 1
G
,= h
i
H

i
tali che g = h
1
h
n
;
v) per ogni , con ,= e per ogni h

, h

si ha h

= h

.
i)+ii)+iii) iv)+v)
h
1

h
1

= (h
1

h
1

)h

= h
1

(h
1

).
Essendo H

G e H

G segue h
1

h
1

= 1
G
). Ci`o prova la v).
Sia g = h
1
h
2
h
n
= h
t
1
h
t
2
h
t
s
con h
i
H

i
e h
t
j
H

j
.
Siano
1
,
2
, . . . ,
t
gli elementi distinti dellinsieme
1
. . . . ,
n
,
1
, . . . ,
s
; potremo scrivere
g = a
1
a
2
a
t
= b
1
b
2
b
t
con a
j
, b
j
H

j
per j = 1, 2, . . . , t e precisamente:
se
j
=
l
per qualche l, allora a
j
= h
l
, altrimenti a
j
= 1
G
se
j
=
r
per qualche r, allora b
j
= h
t
r
, altrimenti b
j
= 1
G
.
Per induzione su t proviamo a
i
= b
i
per i = 1, 2, . . . , t.
Ci`o `e ovvio per t = 1.
Per t > 1 si deduce b
1
1
a
1
= (b
2
b
t
)(a
2
a
t
)
1
H

1
H

[
1
) = 1
G
)
e quindi b
1
= a
1
. Allora a
2
a
t
= b
2
b
t
;per lipotesi dinduzione segue a
i
= b
i
per ogni i.
`
E cos` provata la iv).
iv)+v) i)+ii)+iii)
Direttamente da iv) seguono i) e iii).
Siano a H

e g G; per iv) sar`a g = h


1
h
2
h
n
con h
i
H

i
.
Se ,=
i
per ogni i = 1, 2, . . . , n, per v) `e ah
i
= h
i
a e quindi ag = ga ovvero g
1
ag = a H

.
Se =
j
per qualche j, per la v) si deduce g
1
ag = h
1

j
ah

j
H

. Ci`o prova la ii).


2. Se G = X

, il gruppo G `e abeliano se e solo se `e abeliano ogni sottogruppo H

.
Segue immediatamente dalle iv) e v).
Proposizione 1.1.1. Sia (G

; )

una famiglia di gruppi e sia G =Dr

(cfr. IV,
Proposizione 9.1.1); per ogni si ponga H

= g

G[ g

= 1
G
per ,= . Ogni
H

`e un sottogruppo di G, isomorfo a G

, e G = X

.
Si verica che sono soddisfatte le condizioni iv) e v) dellOsservazione.
124
Proposizione 1.1.2. Sia (H

; )

una famiglia di sottogruppi di un gruppo (G; ) tale


che G = X

; il gruppo G `e isomorfo al prodotto diretto discreto dei gruppi (H

; ).
Per la condizione iv) data sopra ogni elemento di G si scriver`a (in modo unico!) g =
h
1
h
2
h
n
; lapplicazione f : G Dr

, denita da f(g) = h

con h

i
= h
i
per i = 1, 2, . . . , n e h

= 1
G
per ,
1
,
2
, . . . ,
n
, `e un isomorsmo.
Esempi.
1. Sia G = 1, a, b, c un gruppo trirettangolo (cfr. V, 2.2 Esercizio 10); si ha
G = a) b) = b) c) = c) a).
2. (R0; )=(R
+
; )1) (dove R
+
indica linsieme dei numeri reali positivi).
3. (Z; +) e (Z
p
n; +) non sono prodotto diretto di loro sottogruppi propri.
Un notevole esempio di prodotto diretto `e oerto dai gruppi abeliani niti.
Proposizione 1.1.3. Sia (G; ) un gruppo abeliano nito di ordine p

1
1
p

s
s
con p
1
, . . . , p
s
primi distinti. Per ogni i = 1, . . . , s linsieme P
i
= x G[ [x[ `e potenza di p
i
`e un sot-
togruppo di G di ordine p

i
i
ed `e G = X
s
i=1
P
i
.
I sottogruppi P
i
vengono detti componenti primarie di G e si usa pertanto dire che
un gruppo abeliano nito `e il prodotto diretto delle sue componenti primarie.
Per VII, Proposizione 1.1.6 per ogni i = 1, . . . , s linsieme P
i
= x G[ [x[ `e potenza di p
i

`e un sottogruppo di G di ordine p

i
i
.
Essendo (G; ) abeliano, per provare che G = X
s
i=1
P
i
, baster`a provare che `e soddisfatta la
condizione iv) dellOsservazione che precede.
Sia g G con [g[ = r = p

1
1
p

s
s
con 0
i

i
. Per m
i
= r/p

i
i
`e M.C.D.(m
1
, . . . , m
s
) =
1; esistono pertanto x
1
, . . . , x
s
Z tali che x
1
m
1
+ +x
s
m
s
= 1. Allora `e g = g
x
1
m
1
g
x
s
m
s
con (g
x
i
m
i
)
p

i
i
= g
x
i
r
= 1
G
e quindi g
x
i
m
i
P
i
.
Da g = a
1
a
2
a
s
= b
1
b
2
b
s
con a
i
, b
i
P
i
, si deduce a
1
b
1
1
= a
1
2
b
2
a
1
s
b
s
e quindi,
ragionando sui periodi, a
1
b
1
1
= 1
G
da cui a
1
= b
1
; allo stesso modo si prova a
i
= b
i
per ogni
i.
Esercizio 1. Sia G il sottogruppo del gruppo moltiplicativo del campo complesso, costituito dalle radici
complesse dellunit`a; per ogni primo p sia
H
p
= x G[ x
p
n
= 1 per qualche n N .
H
p
`e un sottogruppo di G e G = X
pP
H
p
, dove P indica linsieme dei numeri primi.
Esercizio 2. Un gruppo G sia il prodotto diretto di una famiglia H

di suoi sottogruppi; per ogni


sottoinsieme di si ha G =(X

) (X
\
H

).
Esercizio 3. Siano (G; ) un gruppo e A, B suoi sottogruppi con A B; si mostri che se B `e fattore
diretto di G e A `e fattore diretto di B, allora A `e fattore diretto di G.
Esercizio 4. Sia (G; ) un gruppo di ordine p
2
(p primo); si provi che se G non `e ciclico, G `e prodotto
diretto di due suoi sottogruppi di ordine p. Se ne deduca che qualunque gruppo di ordine p
2
`e abeliano
(cfr.VI,2.3 Esercizio 3).
Esercizio 5. Sia (G; ) un gruppo in cui ogni sottogruppo `e fattore diretto. Si mostri che
I] ogni sottogruppo di G gode della stessa propriet`a;
II] G `e abeliano;
III] G non possiede elementi di periodo innito o quadrato di primo e quindi ogni elemento di G, diverso
dallunit`a, ha periodo primo o prodotto di primi distinti;
IV] per ogni primo p linsieme H
p
= x G[x
p
= 1
G
`e un sottogruppo di G e G = X
p1
H
p
(dove T
indica linsieme dei numeri primi).
Esercizio 6. Un gruppo G sia prodotto diretto di due suoi sottogruppi A e B; il gruppo quoziente G/A
`e isomorfo a B.
1.2. Somma diretta di ideali.
Denizione. Se H

`e una famiglia di ideali destri (sinistri, bilateri) di un anello


(A; +, ), si dice che A `e somma diretta degli ideali H

se il gruppo additivo (A; +) `e


125
prodotto diretto (come denito in 1.1) dei sottogruppi (H

; +).
In tal caso si scrive A =

. Questa notazione `e giusticata dalle Proposizioni che


seguono e che si vericano facilmente.
Proposizione 1.2.1. Sia (A

; +, )

una famiglia di anelli; sia A =Dr

(cfr. IV,
Proposizione 9.1.2). Per ogni sia H

=
_
a

A[ a

= 0 per ,=
_
; ogni H

`e un
ideale bilatero dellanello A, isomorfo allanello A

, e A =

.
Proposizione 1.2.2. Sia H

una famiglia di ideali bilateri di un anello (A; +, )


tali che sia A =

; lanello A `e isomorfo alla somma diretta discreta degli anelli


(H

; +, ).
Esempio. Nellanello Mat
n
(A) delle matrici quadrate di ordine n ad elementi in un
anello A, per ogni r = 1, 2, . . . , n si considerino lideale sinistro
H
r
=
_
(a
ij
) [ a
ij
= 0 per ogni j ,= r
_
e lideale destro
K
r
=
_
(a
ij
) [ a
ij
= 0 per ogni i ,= r
_
;
`e Mat
n
(A) =

n
r=1
H
r
=

n
r=1
K
r
.
Osservazione.
Non vale per gli ideali destri o sinistri un enunciato analogo a quello della Proposizione
1.2.2. Come detto nellEsempio, lanello Mat
2
(Z) `e somma diretta degli ideali sinistri H
1
e H
2
. La somma diretta degli anelli (H
1
; +, ) e (H
2
; +, ) ammette come unit`a destra ogni
elemento del tipo
_
_
1 0
x 0
_
,
_
0 y
0 1
_
_
e non `e quindi isomorfa allanello Mat
2
(Z), che ammette una e una sola unit`a (bilatera).
Esercizio 1. Si consideri lanello A (commutativo e dotato di unit`a) costituito dalle coppie ordinate (a, b)
con a, b Z
7
, composte con la somma componente per componente e con un prodotto denito da
(a, b)(c, d) = (ad +bc, bd + 2ac).
Si provi che lanello A `e somma diretta di due suoi ideali propri.
Esercizio 2. Sia k Q; sia (A; +, ) lanello costituito dalle coppie ordinate (x, y) QQ rispetto alla
somma componente per componente e al prodotto denito da
(x
1
, y
1
)(x
2
, y
2
) = (x
1
y
2
+x
2
y
1
, y
1
y
2
+kx
1
x
2
)
Si mostri quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede unit`a.
II] (A; +, ) non `e un campo se e solo se esiste h Q tale che k = h
2
.
III] Se lanello (A; +, ) non `e un campo, esso `e isomorfo allanello (Q;+,)(Q;+,) (somma diretta di
anelli)
1.3. Somma diretta di A-sottomoduli e di ideali di unalgebra.
Denizione. Se W

`e una famiglia di A-sottomoduli di un A-modulo (V ; +), si dice


che V `e somma diretta dei sottomoduli W

se il gruppo (V ; +) `e prodotto diretto


dei sottogruppi della famiglia (W

; +)

.
In tal caso si scrive V =

; la notazione `e giusticata dalle Proposizioni che


seguono.
Proposizione 1.3.1. Sia (V

; +)

una famiglia di A-moduli; sia V =Dr

(cfr.
IV, Proposizione 9.1.3). Per ogni sia W

=
_
v

V [ v

= 0 per ,=
_
; ogni W

`e un A-sottomodulo di V , A-isomorfo a V

, e V =

.
Proposizione 1.3.2. Sia W

una famiglia di sottomoduli di un A-modulo (V ; +) tali


che sia V =

; lA-modulo V `e isomorfo alla somma diretta discreta degli A-moduli


(W

; +).
126
Denizione. Se W

`e una famiglia di ideali sinistri (destri, bilateri) di una A-


algebra (V ; +, ), si dice che V `e somma diretta degli ideali W

se lanello (V ; +, ) `e
somma diretta degli ideali della famiglia (W

; +)

.
Esercizio 1. Si stabiliscano per le A-algebre Proposizioni analoghe alle 1.3.1 e 1.3.2.
TEMI VIII.
1. Un gruppo G = A B sia il prodotto diretto di due suoi sottogruppi ciclici A = a) e B = b) con
[A[ = 6 e [B[ = 15.
I] Si mostri che il gruppo G non `e ciclico.
II] Posto H = a
2
b
5
), si mostri che il gruppo quoziente G/H `e ciclico e se ne determini un generatore.
Sugg. I] [G[ = 90 e per ogni g G `e g
30
= 1
G
.
2. Sia (G; ) un gruppo e sia unapplicazione di G in G. Si considerino il prodotto diretto ( = GG e
in esso il sottoinsieme H = (g, (g)) [ g G.
Si mostri che H `e un sottogruppo di ( se e solo se `e un endomorsmo di G. In tal caso si consideri in
( il sottogruppo L = (g, 1
G
) [ g G e si provi che
I] `e H L = (1
G
, 1
G
)) se e solo se `e iniettiva;
II] `e HL = ( se e solo se `e suriettiva;
III] `e ( = HL se e solo se G `e abeliano e `e un automorsmo di G.
Sugg. H L =(g, 1
G
) [ g Ker .
HL =(g
1
, (g
2
) [ g
1
, g
2
G.
3. Siano (G; ) un gruppo, H un suo sottogruppo normale, : G
G
H
lomomorsmo naturale.
I] Si provi che condizione necessaria anche H sia fattore diretto di G (ovvero esista in G un sottogruppo
K tale che G = H K) `e che esista un omomorsmo :
G
H
G tale che = I G
H
.
II] Si mostri che la condizione non `e suciente considerando, ad esempio, il gruppo simmetrico S
3
.
Sugg. I] Se g = hk con h H, k K, si ponga (Hg) = k.
4. Sia f un endomorsmo di un gruppo (G; ) e sia N =Ker f.
I] Si mostri che f subordina un endomorsmo del gruppo G/N denito ponendo (gN) = f(g)N
per ogni g G.
II] Si provi che
a) `e suriettivo se e solo se `e G = f(G)N;
b) `e iniettivo se e solo se `e 1
G
) = f(G) N.
III] Si osservi che se G = f(G) N, allora `e un automorsmo di G/N; si mostri che pu`o essere un
automorsmo di G/N senza che G sia il prodotto diretto di f(G) e N.
Sugg. III] G = S
3
.
5. Nellanello delle matrici quadrate di ordine 2 ad elementi in Z
20
si consideri il sottoinsieme
A =
_

a,b
=
_
a b
0 5a
_
: a, b Z
20
_
Si verichi quanto segue.
I] A `e un anello nito rispetto alla somma e al prodotto di matrici (righe per colonne) e lelemento

1,0
`e unit`a sinistra, ma non destra di A.
II] Non esiste in A alcun ideale destro proprio a cui appartiene
1,0
, mentre esiste in A uno ed un solo
ideale sinistro proprio I a cui appartiene
1,0
.
Si verichi che I ha ordine 2
4
5.
III] Esistono in A pi` u ideali sinistri propri S tale che sia A = I S (somma diretta di ideali).
IV] Esiste in A uno ed un solo ideale destro proprio D tale che il gruppo additivo (A; +) sia somma
diretta dei sottogruppi (I; +) e (D; +).
127
Sugg. II] I =
_
_
a 5b
0 5a
_
[ a, b Z
20
_
III] [A[ = 20
2
, [S[ = 5 S =
_
4x 4y
0 0
_
) con x, y Z
20
e 4y ,= [0]
20
IV] D =
_
_
0 4y
0 0
_
[ y Z
20
_
.
6. Sia (G; ) `e il gruppo moltiplicativo dei numeri reali non nulli; sia (A; +, ) lanello costituito dalle
coppie (g, n) con g G e n Z rispetto alle operazioni di somma e prodotto denite come segue:
(g
1
, n
1
) + (g
2
, n
2
) = (g
1
g
2
, n
1
+n
2
)
(g
1
, n
1
) (g
2
, n
2
) = (g
n
2
1
g
n
1
2
, n
1
n
2
).
Si provi quanto segue.
I] Linsieme I, costituito dallo zero e dai divisori dello zero dellanello A, `e un ideale di A; lideale I `e
massimale e lanello quoziente A/I `e un campo. Si determini lordine del campo A/I.
II] Esiste qualche ideale proprio J di A tale che I + J = A, ma non esiste alcun ideale proprio J di A
tale che I J = A.
Sugg. I] I = (g, 2k) [ g G, k Z ; [A/I[ = 2.
II] A = I +(1, 1)). Per ogni (g, n) A `e (g, n)(1, 2) I (g, n)).
7. Si consideri lanello A (commutativo e dotato di unit`a) costituito dalle coppie ordinate (a, b) con
a, b Z
7
, composte con la somma componente per componente e con un prodotto denito da
(a, b)(c, d) = (ad +bc, bd + 2ac).
Si provi che lanello A `e isomorfo alla somma diretta esterna Z
7
Z
7
.
Sugg. Proposizione 1.2.1 e Proposizione 1.2.2. (A; +, ) Z
7
Z
7
se e solo se A = I J con I e J ideali
di A isomor a Z
7
; +, ).
8. Sia p un numero primo. Si consideri lanello (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Zp
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b)(c, d) = (ad +bc, bd ac)
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lanello (A; +, ) `e somma diretta di due suoi ideali propri;
ii) `e p 1 (mod4);
iii) il polinomio x
2
+ 1 Z
p
[x] `e riducibile e p ,= 2.
9. Si consideri lanello di polinomi (R[x]; +, ) e in esso lideale principale I[x] = x
2
2).
I] Si mostri che un elemento I[x] + f(x) dellanello quoziente (R[x]/I[x]; +, ) `e unitario se e solo se `e
M.C.D.(f(x), x
2
2) = 1.
II] Si provi che lanello quoziente (R[x]/I[x]; +, ) `e somma diretta di due suoi ideali propri, entrambi
isomor al campo (R; +, ), ed `e quindi isomorfo alla somma diretta esterna (R R; + , ).
10. Sia (K; +, ) un campo; sia (A; +, ) lanello costituito da
A = (x, y) [ x, y K
rispetto alle operazioni + e denite da
(x
1
, y
1
) + (x
2
, y
2
) = (x
1
+x
2
, y
1
+y
2
)
(x
1
, y
1
) (x
2
, y
2
) = (x
1
(x
2
+y
2
), y
1
(x
2
+y
2
))
I] Posto I = (k, k) [ k K, si mostri che I `e un ideale bilatero dellanello (A; +, ) e che lanello
quoziente (A/I; +, ) `e isomorfo al campo (K; +, ).
II] Si consideri un elemento (x, y) A con (x, y) , I.
Detto D lideale destro di (A; +, ) generato da (x, y), si provi che lanello (A; +, ) `e la
somma diretta degli ideali destri I e D.
Si mostri che lideale sinistro di (A; +, ) generato da (x, y) coincide con A.
128
IX. ELEMENTI DI TEORIA DEI CAMPI.
1
1.1. Estensioni di campi. Chiusura algebrica di un campo.
Denizione. Se K `e un sottocampo di un campo F, si dice che F `e una estensione
o ampliamento di K. Pi` u in generale si dice che un campo F `e unestensione di un
campo K se F contiene un sottocampo K isomorfo a K; in tal caso si identicano K e K.
Lestensione F di K (meglio, il gruppo additivo (F; +))pu`o essere vista come spazio vet-
toriale su K; la dimensione di F su K viene detta grado dellestensione e indicata con
[F : K] o con dim
K
F.
Se [F : K] `e nito, si dice che F `e unestensione di K di grado nito o, pi u brevemente,
che F `e unestensione nita di K.
Ad esempio [C :R ]=2, [R :Q ]=.
Il concetto di base di uno spazio vettoriale permette di dedurre le proposizioni che
seguono.
Proposizione 1.1.1. Ogni campo nito K `e unestensione nita del suo sottocorpo
minimo K
0
; se [K : K
0
] = n allora [K[ = p
n
, dove p =car K.(cfr. VI, Proposizione 2.3.6)
Lordine di K `e uguale al numero delle n-ple ordinate di elementi di K
0
e [K
0
[ =car K = p
(cfr. V,3.3).
Proposizione 1.1.2. Siano F unestensione nita di un campo K e K unestensione
nita di un campo H; allora F `e unestensione nita di H e [F : H] = [F : K][K : H].
Siano [F : K] = r e [K : H] = s; siano v
1
, . . . , v
r
una base di F su K e w
1
, . . . , w
s
una
base di K su H. Per ogni f F esistono k
1
, . . . , k
r
K tali che f = k
1
v
1
+ +k
r
v
r
e per
ogni k
i
esistono h
i1
, . . . , h
is
H tali che k
i
= h
i1
w
1
+ +h
is
w
s
; ne segue
f =

r
i=1

s
j=1
h
ij
(w
j
v
i
).
Linsieme w
j
v
i
[ i = 1, . . . , r; j = 1, . . . , s `e quindi un sistema di generatori per lo spazio
vettoriale (F; +) sul campo H; si verica facilmente che `e una base e si ottiene la tesi.
Denizione. Sia F unestensione di un campo K. Un elemento a F `e algebrico
su K se esiste f(x) K[x]0 tale che f(a) = 0; altrimenti si dice che lelemento a `e
trascendente rispetto a K.
Ad esempio

2 R `e algebrico su Q, , e R (e molti altri!) sono trascendenti rispetto a
Q (Lindemann 1882, Hermite 1873). Si osservi che, poiche Q `e numerabile, `e numerabile
anche Q[x]; ne segue che linsieme dei numeri reali algebrici su Q `e numerabile e quindi
linsieme dei numeri reali trascendenti rispetto a Q ha la potenza del continuo.
Denizione. Si dice che F `e unestensione algebrica di un campo K se ogni elemento
di F `e algebrico su K; altrimenti si dice che F `e unestensione trascendente di K.
Esempio. Il campo complesso C `e estensione algebrica del campo reale R.
Proposizione 1.1.3. Ogni estensione nita `e algebrica.
Sia F unestensione nita di un campo K; sia [F : K] = n.
Per ogni a F gli elementi 1, a, a
2
, . . . , a
n
sono linearmente dipendenti su K (poiche sono
in numero maggiore di n =dim
K
F); esistono pertanto k
0
, k
1
, . . . , k
n
K non tutti nulli,
129
tali che k
0
+ k
1
a + + k
n
a
n
= 0. Lelemento a `e quindi radice del polinomio non nullo
k
0
+k
1
x + +k
n
x
n
K[x].
Caso particolare. Sia K un campo.
1) il campo dei quozienti K(x) di K[x] (cfr. VI, 1.3 Esempio 1) `e unestensione trascen-
dente di K;
2) se f(x) `e un polinomio irriducibile di K[x] di grado n, il campo F = K[x]/f(x)) (cfr.VI,
3.2) `e unestensione di K di grado n (e quindi algebrica).
1) K `e isomorfo al sottoanello di K[x] (e quindi di K(x)) costituito dallo zero e dai polinomi
di grado zero.
2) K `e isomorfo al sottoanello di F costituito dai laterali f(x)) +k con k K.
I laterali f(x)) + 1, f(x)) +x, . . . , f(x)) +x
n1
costituiscono una base per (F; +) su K.
Ricordiamo che un campo F viene detto algebricamente chiuso se ogni polinomio
f(x) F[x], avente grado maggiore di zero, si spezza in F[x] in prodotto di fattori lineari,
ovvero se la somma delle molteplicit`a delle radici di f(x) `e uguale al grado di f(x).
(Il Teorema 5.5.15 in IV ci dice che C `e un campo algebricamente chiuso.)
Esercizio 2. Un campo nito non `e algebricamente chiuso.
Denizione. Sia K un campo; si chiama chiusura algebrica di K unestensione F di
K che sia algebrica e algebricamente chiusa.
Sussiste il seguente Teorema, di cui omettiamo la dimostrazione.
Teorema 1.1.4. Per ogni campo K esiste una e (a meno di isomorsmi) una sola
chiusura algebrica.
1.2. Estensione semplice.
Denizione. Sia K un sottocampo di un campo F; sia a F. Si chiama estensione
semplice di K mediante lelemento a - e la si indica con K(a) - il minimo sottocampo di
F che contiene K e a.
Linsieme
K[a] = f(a) [ f(x) K[x]
`e il minimo sottoanello di F che contiene K e a; pertanto (cfr. 6.3) K(a) `e il campo dei
quozienti di K[a] in F, ovvero
K(a) = f(a)g(a)
1
[ f(x), g(x) K[x], g(a) ,= 0.
Proposizione 1.2.1. Sia K un sottocampo di un campo F; sia a F.
1] Se a `e trascendente rispetto a K, lanello K[a] `e isomorfo allanello K[x] e quindi il
campo K(a) `e isomorfo al campo K(x) (campo dei quozienti di K[x]).
2] Se a `e algebrico su K, allora
i) i polinomi di K[x], che ammettono a come radice, costituiscono un ideale I[x] di
K[x], generato da un polinomio m(x) irriducibile in K[x] (e ovviamente di grado
minimo in I[x]; il polinomio monico associato a m(x) viene detto polinomio
minimo di a su K);
ii) `e K(a) = K[a];
iii) il campo K(a) `e isomorfo al campo K[x]/m(x)) ed `e quindi unestensione di K di
grado n =degm(x).
Lapplicazione : K[x] K[a], denita ponendo (f(x)) = f(a) per ogni f(x) K[x], `e un
omomorsmo e Ker = f(x) K[x] [ f(a) = 0.
Lanello K[a] `e isomorfo allanello quoziente K[x]/Ker per VII, Proposizione 2.1.4.
1] Se a `e trascendente rispetto a K, `e Ker = 0) e lanello K[a] `e isomorfo al dominio
dintegrit`a K[x]; pertanto K(a) `e isomorfo al campo K(x) delle funzioni razionali in x su K.
(cfr. V, Proposizione 3.3.2)
130
2] Se a `e algebrico su K, `e Ker = m(x)) con 0 ,= m(x) K[x] di grado minimo in
Ker .(cfr. V Proposizione 4.2.1).
Il polinomio m(x) `e irriducibile in K[x]. Infatti se m(x) fosse riducibile, sarebbe m(x) =
r(x)s(x) con deg r(x) <deg m(x) e deg s(x) <deg m(x); allora r(x) , I[x] e s(x) , I[x] e
quindi r(a) ,= 0, s(a) ,= 0, ma ci`o `e assurdo poiche r(a)s(a) = m(a) = 0.
Per la Proposizione 3.2.3 in VI lanello K[a] `e un campo e quindi K[a] = K(a).
Corollario 1.2.2. Ogni campo nito K `e unestensione semplice del suo sottocorpo
minimo (ovvero di Z
p
) ed `e quindi isomorfo ad un campo di Galois (cfr. VI, Corollario
3.2.4).
Il gruppo moltiplicativo (K0; ) `e ciclico (cfr. V, 2.2 Esercizio 8); detto k un suo gene-
ratore, K `e lestensione (nita) del suo sottocorpo minimo 1
K
) mediante k.
Lelemento k `e algebrico per la Proposizione 1.1.3 e la tesi deriva dalla Proposizione 1.2.1,
2], iii)).
Esercizio 1. Si consideri il campo (F; +, ), dove
F = (a, b) [ a, b Q
e le operazioni di somma e prodotto sono denite come segue:
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b)(c, d) = (ac 4bd, bc +ad + 2bd)
I] Si verichi che K = (a, 0) [ a Q `e un sottocampo di (F; +, ) e (F; +, ) `e unestensione nita e
semplice di (K; +, ).
II] Scelto F tale che F sia lestensione di K mediante , si determini il polinomio minimo di .
Proposizione 1.2.3. Siano K
1
e K
2
due campi e : K
1
K
2
un isomorsmo; siano
F
1
e F
2
estensioni rispettivamente di K
1
e K
2
. Lapplicazione : K
1
[x] K
2
[x] denita
ponendo (k
n
x
n
+ + k
1
x + k
0
) = (k
n
)x
n
+ + (k
1
)x + (k
0
) `e isomorsmo; se g
1
(x) `e un
polinomio irriducibile di K
1
[x], g
2
(x) = (g
1
(x)) `e un polinomio irriducibile di K
2
[x].
Dette a
1
una radice di g
1
(x) in unestensione F
1
di K
1
e a
2
una radice di g
2
(x) in unestensio-
ne F
2
di K
2
, le estensioni K
1
(a
1
) e K
2
(a
2
) sono isomorfe.
Detto lomomorsmo naturale di K
2
[x] su K
2
[x]/g
2
(x)) (cfr. VII, Proposizione 2.1.5), il
prodotto `e un omomorsmo suriettivo da K
1
[x] a K
2
[x]/g
2
(x)) e Ker () =
= g
1
(x)).
Ne segue K
1
(a
1
) = K
1
[a
1
] K
1
[x]/g
1
(x)) K
2
[x]/g
2
(x)) K
2
[a
2
] = K
2
(a
2
).
Sia K F e siano a
1
, . . . , a
r
F; il minimo sottocampo di F, che contiene K e gli ele-
menti a
1
, . . . , a
r
viene detto estensione di K mediante a
1
, . . . , a
r
e viene indicato con
K(a
1
, . . . , a
r
).
Posto K
0
= K, K
i
= K
i1
(a
i
) per i = 1, . . . , r, `e K
r
= K(a
1
, . . . , a
r
); pertanto lestensione
K(a
1
, . . . , a
r
) pu`o essere ottenuta attraverso successive estensioni semplici.
Dalle Proposizioni 1.1.2 e 1.2.1 si deduce che, se gli elementi a
1
, . . . , a
r
sono algebrici su
K, allora K(a
1
, . . . , a
r
) `e unestensione nita (e quindi algebrica) di K.
Proposizione 1.2.4. Sia K un sottocampo di un campo F; gli elementi di F, algebrici
su K, costituiscono un sottocampo di F, che contiene K.
Se a, b F sono algebrici su K, K(a, b) `e unestensione algebrica di K a cui appartengono
a b e ab; pertanto a b e ab sono algebrici su K.
Se a ,= 0 e k
n
a
n
+k
n1
a
n1
+ +k
1
a +k
0
= 0, allora k
n
+k
n1
a
1
+ +k
1
(a
1
)
n1
+
k
0
(a
1
)
n
= 0 e a
1
`e algebrico su K.
Esercizio 1. Si verichi che coincidono le estensioni Q(

2,

3) e Q(

2 +

3); si determini il polinomio


minimo di a =

2 +

3 sul campo Q.
131
2
2.1. Campo di spezzamento di un polinomio.
Denizione. Sia K un campo e sia f(x) K[x]; si chiama campo di spezzamento o
campo di scomposizione di f(x) rispetto a K un campo F tale che
i) F sia unestensione di K;
ii) f(x) si spezzi in F[x] in prodotto di fattori lineari;
iii) F sia lestensione di K in F mediante le radici in F di f(x).
Un campo di spezzamento di f(x) rispetto a K `e dunque minimale nella famiglia delle
estensioni di K, in cui f(x) si spezza in prodotto di fattori lineari.
Proposizione 2.1.1. Sia (K; +, ) un campo.
1] Ogni polinomio g(x) = a
n
x
n
+a
n1
x
n1
+ +a
1
x+a
0
K[x], irriducibile in K[x], ammette
radici nel campo F = K[x]/g(x)).
2] Ogni polinomio f(x) K[x] (non nullo e avente grado maggiore di zero) ammette
campo di spezzamento rispetto a K.
3] Il campo di spezzamento di f(x) rispetto a K `e unico, a meno di isomorsmi.
1] Identicato F con il campo H = k
0
+ k
1
t + + k
n1
t
n1
[ k
i
K introdotto in VI,
3.2 Osservazione 3, `e K H e quindi K[x] H[x]; lelemento t H `e radice del polinomio
g(x) H[x].
2] Proviamo anzitutto, facendo induzione sul grado, che esiste unestensione F

di K tale
che f(x) si spezza in prodotto di fattori lineari in F

[x].
Sia g(x) un fattore irriducibile di f(x); f(x) ha una radice F = K[x]/g(x))
( come detto sopra, = g(x)) + x). Pertanto si potr`a scrivere f(x) = (x )f
1
(x) con
f
1
(x) F[x] e deg f
1
(x) <deg f(x); per lipotesi di induzione esiste unestensione F

di F (e
quindi anche di K) tale che f
1
(x) (e quindi anche f(x)) si decompone in prodotto di fattori
lineari in F

[x].
Posto allora f(x) = k(x
1
)(x
2
) (x
n
) con
1
,
2
, . . . ,
n
F

, lestensione
E = K(
1
,
2
, . . . ,
n
) `e un campo di spezzamento di f(x) rispetto a K.
3] Siano E ed E campi di spezzamento di f(x) rispetto a K; supponiamo K E e :
K K E con isomorsmo. Sia lisomorsmo di K[x] su K[x] tale che (x) = x e
(k) = (k) per ogni k K.
Proviamo che E `e isomorfo ad E facendo induzione su [E : K].
Se [E : K] = 1, allora E = K ed E = K.
Sia g(x) un fattore irriducibile di f(x) avente grado > 1; siano g(x) = (g(x)) e f(x) =
(f(x)). Se a E `e una radice di g(x) e a E `e una radice di g(x), allora le estensioni
K(a) e K(a) sono isomorfe per la Proposizione 1.2.3 e [K(a) : K] =deg g(x) > 1.
Per la Proposizione 1.1.2 `e [E : K(a)] < [E : K]; E ed E sono campi di spezzamento di f(x)
rispetto a K(a) e per lipotesi di induzione sono pertanto isomor.
Esempio. Si consideri il polinomio f(x) = x
2
+ 1 K[x] (dove 1 indica lunit`a di K); sia
E il campo di spezzamento di f(x) rispetto a K:
per K=Z
5
`e E=Z
5
,
per K=Z
3
`e E = GF(3
2
),
per K=Q `e E = a +ib[a, b Q ,
per K=R `e E=C.
Esercizio 1. Se f(x) R[x] `e un polinomio irriducibile di grado 2, il campo di spezzamento di f(x)
rispetto ad R `e isomorfo al campo complesso C.
Esercizio 2. Si considerino in K[x] i polinomi f(x) = x
4
1, g(x) = x
5
1, h(x) = x
4
x
2
2.
Nei casi K =Q, Z
3
, Z
5
si determini per ciascuno dei tre polinomi il campo di spezzamento F rispetto a
K e si determini [F : K].
Si mostri che, se K ,= F, esiste a F tale che F `e lestensione semplice di K mediante lelemento a; si
determini il polinomio minimo di a rispetto a K.
132
2.2. Campi niti.
Abbiamo ricordato allinizio di questo paragrafo che lordine di un campo nito K `e
potenza di un numero primo p (p =car K); inoltre, se [K[ = p
n
, K `e campo di spezzamento
del polinomio x
p
n
x K
0
rispetto al sottocorpo minimo K
0
di K. (cfr. V, 2.2 Esercizio
8.)
La Proposizione 2.1.1 permette di provare quanto segue.
Proposizione 2.2.1. Per ogni primo p e per ogni intero positivo n esiste uno ed un solo
(a meno di isomorsmi) campo di ordine p
n
.
Proviamo lesistenza di un campo di ordine p
n
.
Consideriamo f(x) = x
p
n
x Z
p
[x]; siano E un campo di spezzamento di f(x) rispetto a
Z
p
e R = a E [f(a) = 0. Tenendo presente la Proposizione 3.2.3 in V si prova che R
`e un sottocampo di E; per il Teorema 5.5.12 in IV `e [R[ p
n
. Essendo f
t
(x) = 1, ogni
radice di f(x) ha molteplicit`a 1 (cfr.IV, Proposizione 5.5.8) e quindi [R[ = p
n
.
Lunicit`a segue dallunicit`a del campo di spezzamento del polinomio f(x) = x
p
n
x rispetto
al campo Z
p
.
La Proposizione 2.2.1 giustica il fatto che con il termine campo di Galois di ordine
p
n
si indichi un qualunque campo di ordine p
n
.
Diamo ora alcune propriet`a dei campi niti.
Anzitutto ricordiamo che se (K; +, ) `e un campo nito, il gruppo moltiplicativo (K0
K
; )
`e ciclico (cfr. V, 2.2 Esercizio 8).
Proposizione 2.2.2. Sia (K; +, ) un campo di ordine p
n
(p primo).
1) Se H `e un sottocampo di K, allora [H[ = p
r
, dove r `e un divisore di n.
2) Per ogni divisore r di n, maggiore di 1, esiste in K uno ed un solo sottocampo H di
ordine p
r
; precisamente `e H = h K[ h
p
r
= h.
1) Il campo K `e estensione nita di H e H `e estensione nita del campo Z
p
; essendo
[K :Z
p
] = n e [H :Z
p
] = r, posto [K : H] = s, per la Proposizione 1.1.2 si ha n = rs.
2) Posto H = h K[ h
p
r
= h, si verica che H `e un sottocampo di K (ci si valga di
V, Proposizione 3.2.3); poche ogni elemento di H `e radice del polinomio x
p
r
x K[x], `e
[H[ p
r
.
Posto n = rs, `e
p
n
1 = (p
r
1)(1 +p
r
+p
2r
+ +p
r(s1)
);
allora nel gruppo (K0
K
; ) esiste un sottogruppo S di ordine p
r
1 (cfr. VII, Proposizione
1.1.6). Per ogni s S sar`a s
p
r
1
= 1
K
e quindi s
p
r
= s; pertanto S H e quindi [H[ = p
r
.
Se H `e un sottocampo di K di ordine p
r
, per ogni h H `e h
p
r
= h e pertanto H = H.
Esercizio 1. Si provi che se (K; +, ) `e un campo nito, per ogni intero positivo r esiste in K[x] un
polinomio f(x) irriducibile di grado r.
In V,3.2 Esercizio 2 abbiamo mostrato che un campo K di ordine p
n
possiede almeno
n automorsmi distinti f
1
, f
2
, . . . f
n
= I, che costituiscono un gruppo ciclico di ordine n
generato dallautomorsmo (detto di Frobenius) f
1
denito da f
1
(k) = k
p
per ogni k K.
Possiamo ora provare che questi sono i soli automorsmi del campo K.
Proposizione 2.2.3. Un campo (K; +, ) di ordine p
n
(p primo) possiede esattamente n
automorsmi.
Osserviamo anzitutto che il campo (Z
p
; +, ) possiede solo lautomorsmo identico, Infatti se
`e un automorsmo di (Z
p
; +, ), `e ([1]
p
) = [1]
p
poiche [1]
p
`e lunit`a del campo; ne segue
([s]
p
) = (s[1]
p
) = s([1]
p
) = [s]
p
per ogni s Z.
Il sottocorpo minimo K
0
di K `e lunico sottocorpo di K di ordine p; pertanto per ogni
automorsmo di K sar`a (K
0
) = K
0
e quindi, per quanto detto sopra, (k) = k per ogni
k K
0
.
Il gruppo (K0
K
; ) `e ciclico; detto a un suo generatore, lautomorsmo `e completamente
determinato da (a).
Il campo K `e estensione nita (e quindi algebrica) di K
0
mediante lelemento a; poiche
[K : K
0
] = n, lelemento a sar`a radice di un polinomio (x) K
0
[x] irriducibile, di grado n.
133
Se (x) = k
n
x
n
+ +k
1
x +k
0
K
0
[x], da
0
K
= k
n
a
n
+ +k
1
a +k
0
segue
0
K
= (k
n
a
n
+ +k
1
x +k
0
) = k
n
(a)
n
+ +k
1
(a) +k
0
e pertanto (a) `e radice di (x).
Poiche (x) possiede al pi` u n radici distinte, il campo K possiede al pi` u n automorsmi.
Segue la tesi.
TEMI IX.
1. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
+ax + 1 Z
3
[x].
Per ogni a Z
3
si determini lordine del campo di scomposizione di f(x) rispetto a Z
3
.
Sugg. f(x) = x
3
x + 1 `e irriducibile in Z
3
[x]. Sia H = at
2
+bt +c [ a, b, c Z
3
come in VI, 3.2
Osservazione 3; f(x) = (x t)(x t 1)(x t + 1) H[x].
2. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
+x
2
+a Z
7
[x].
Si provi che
I] per a ,= [3]
7
, [6]
7
il campo di scomposizione di f(x) rispetto a Z
7
ha ordine 7
2
;
II] per a = [3]
7
o per a = [6]
7
il campo di scomposizione di f(x) rispetto a Z
7
ha ordine 7
4
.
(Pu`o essere utile osservare che il polinomio g(x) = x
14
+x
2
+ 1 `e divisibile per f(x).)
Sugg. II] Per a=3, f(x) `e irriducibile in Z
7
[x]. Posto H = at
3
+bt
2
+ct +d [ a, b, c, d Z
7
(cfr. VI,
3.2 Osservazione 3) si ha f(x) = (x t)(x +t)(x
2
+t
2
+ 1) e x
2
+t
2
+ 1 H[x] ammette come
radice t
7
= 2t
3
+t H.
3. Si provi che un campo (K; +, ) di ordine p
4
(p primo) possiede uno ed un solo sottocampo H
1
di
ordine p e uno ed un solo sottocampo H
2
di ordine p
2
, mentre non possiede alcun sottocampo di ordine
p
3
.
Per p = 3 si scelga un campo (K; +, ) e in esso si determinino gli elementi dei sottocampi H
1
e H
2
.
4. Si consideri lestensione Q(

3, i) del campo razionale Q nel campo complesso C e se ne determini il


grado rispetto a Q.
Si mostri che Q(

3, i) coincide con lestensione semplice Q(1 +i +

3 +i

3) e si determini un polinomio
irriducibile f(x) Q[x] di cui (1 +i +

3 +i

3) `e radice.
5. Si consideri il campo (F; +, ), dove
F = (a, b) [ a, b Q
e le operazioni di somma e prodotto sono denite come segue:
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b)(c, d) = (ac 4bd, bc +ad + 2bd)
I] Si verichi che K = (a, 0) [ a Q `e un sottocampo di (F; +, ) e (F; +, ) `e unestensione nita e
semplice di (K; +, ).
II] Scelto F tale che F sia lestensione di K mediante , si determini il polinomio minimo di .
6. Sia K = (a, b) [ a, b Q; si consideri il campo (K; +, ) dove
(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) = (a
1
a
2
6b
1
b
2
, a
1
b
2
+b
1
a
2
+ 4b
1
b
2
)
I] Si determini il sottocorpo minimo K
0
di (K; +, ).
II] Si mostri che il campo (K; +, ) `e unestensione nita e semplice di (K
0
; +, ).
III] Scelto K tale che sia K = K
0
() (estensione di K
0
mediante ), si determini il polinomio minimo
di rispetto a K
0
.
134
INDICE ANALITICO
algebra 48, 54,55
. . . . . . con divisione 48
. . . . . . gruppo 49
. . . . . . , Teorema fondamentale dell 40
algebricamente chiuso, campo 129
algebrico, elemento 128
algoritmo euclideo 6, 37
ampliamento 128
anello 30
applicazione 16
. . . . . . biiettiva 16
. . . . . . identica 16
. . . . . . iniettiva 16
. . . . . . inversa 17
. . . . . . suriettiva 16
associati, elementi 41
. . . . . . , polinomi 38
automorsmo 56
Bezout, identit`a di 6
Boole, algebra di 54
. . . . . . , anello di 54
. . . . . . , reticolo di 54
campo 31
. . . . . . algebricamente chiuso 129
. . . . . . dei quozienti 79, 91
. . . . . . di Galois 99
. . . . . . di scomposizione 131
. . . . . . di spezzamento 131
. . . . . . nito 34, 132
caratteristica di un elemento 76
. . . . . . di un anello 77
cancellazione, legge di 32
cartesiano, prodotto 59
catena 11
. . . . . . , condizione della 42
Cayleyano 58
centralizzante 29
centro 29
chiusura algebrica 129
ciclico, gruppo 72
. . . . . . , sottogruppo 71
cinese, teorema 10, 47
classi di resti 10, 34
complemento 53
completo, prodotto diretto 59
componente primaria 124
congruenza 90
. . . . . . modn 10
controimmagine 16
coprimi 6, 37
corpo 31
Dedekind, reticolo di 54
derivata 39
direttivo, coeciente 35
discreto, prodotto diretto 59
divisioni successive, algoritmo delle 6, 37
divisore dello zero 32
dominio ad ideali principali 82
. . . . . . a fattorizzazione unica 42
. . . . . . dintegrit`a 33
. . . . . . euclideo 82
Eisenstein, criterio di 46
endomorsmo 108
epimorsmo 108
equivalenza 9
estensione 128
. . . . . . algebrica 128
. . . . . . nita 128
. . . . . . semplice 129
trascendente 128
estremo inferiore 12
. . . . . . superiore 12
Eulero, funzione di 10
. . . . . . , teorema di 10
Fermat, teorema di 10
Frobenius, automorsmo di 132
funzione polinomiale 36
Galois, campo di 100
Gauss, interi di 42
gaussiano, anello 42
135
generato, sottoanello 76
. . . . . . , sottocorpo 79
. . . . . . , sottogruppo 71
. . . . . . , sottomodulo 80
. . . . . ., sottosemigruppo 70
grado di unestensione 128
. . . . . . di un polinomio 35
gruppo 26
. . . . . . abeliano 26
. . . . . . alterno 28
. . . . . . dei quaternioni 96
. . . . . . di trasformazioni 29
. . . . . . generale lineare 31
. . . . . . proiettivo generale lineare 110
. . . . . . proiettivo speciale lineare 110
. . . . . . semplice 95
. . . . . . simmetrico 26
. . . . . . speciale lineare 109
Hamilton, quaternioni di 32, 57
ideale 50
. . . . . . bilatero 50
. . . . . . massimale 113
. . . . . . primo 114
. . . . . . principale 81
identit`a di Bezout 6
. . . . . . , principio di 40
immagine 16
. . . . . . omomorfa 110, 113, 115
immersione 91
indice di un sottogruppo 93
induzione, principio di 5
interi di Gauss 42
interpolazione di Lagrange 47
inverso, elemento 25
invertibile, elemento 31
irriducibile, elemento 41
. . . . . . , polinomio 38
isomorsmo 56
Lagrange, polinomi interpolatori di 47
. . . . . . , teorema di 93
laterale 92
legge di cancellazione 32
. . . . . . di composizione 21
. . . . . . di semplicazione 28
libero, gruppo abeliano 59
. . . . . . , modulo 60
maggiorante 11
massimale, elemento 11
massimale, ideale 113
massimo 11
. . . . . . comun divisore 6, 37, 41
. . . . . . minorante 12
matrice 31
minimale 11
minimo 11
. . . . . . maggiorante 12
modulare, reticolo 54
modulo 48
molteplicit`a 38, 40
monico, polinomio 38
monoide 24
monomorsmo 108
neutro, elemento 24
normale, sottogruppo 94
normalizzante 95
nucleo 109, 112, 115
numeri interi 5, 90
. . . . . . naturali 5
. . . . . . primi 7
numeri razionali 91
omomorfa, immagine 110, 113, 115
omomorsmo
. . . . . . di anelli 112
. . . . . . di gruppi 108
. . . . . . di moduli 115
. . . . . . naturale 110, 113, 115
. . . . . . nullo 108, 112
opposto, elemento 36
ordinato, insieme 11
ordine di un elemento 71
. . . . . . di un gruppo 26
partizione 9
periodo 71
permutabili, sottogruppi 74
PID 82
polinomio 35
. . . . . . interpolatore 47
. . . . . . irriducibile 38
. . . . . . minimo 129
. . . . . . primitivo 44
primo, elemento 41
136
primo, numero 7
principio del minimo 6
. . . . . . di identit`a dei polinomi 40
. . . . . . di induzione 5
prodotto cartesiano 59
. . . . . . di applicazioni 17
. . . . . . diretto di gruppi 59
. . . . . . diretto di sottogruppi 123
. . . . . . di sottogruppi 74
propriet`a antisimmetrica 8
. . . . . . associativa 22
. . . . . . commutativa 21
. . . . . . distributiva 30
. . . . . . riessiva 8
. . . . . . simmetrica 8
. . . . . . transitiva 8
quaternioni, corpo dei 32, 57
. . . . . . , gruppo dei 95
quoziente
. . . . . . e resto 6
. . . . . . , anello 98
. . . . . . , gruppo 96
. . . . . . , modulo 101
. . . . . . , insieme 9
. . . . . . , struttura 90
radice di un polinomio 39
relazione 8
. . . . . . di equivalenza 9
. . . . . . di ordine 11
reticolo 12
. . . . . . di Boole 54
. . . . . . distributivo 53
. . . . . . duale 53
. . . . . . modulare 54
retroimmagine 16
Runi, teorema di 39
semigruppo 22
semplice, estensione 129
. . . . . . , gruppo 95
semplicazione, legge di 28
somma diretta
. . . . . . di anelli 60
. . . . . . di ideali 124
. . . . . . di moduli 60
. . . . . . di sottomoduli 125
sottoanello 33
. . . . . . fondamentale 76
sottocorpo 33
. . . . . . minimo 34
sottogruppo 28
. . . . . . ciclico 71
. . . . . . normale 94
sottomodulo 49
sottoreticolo 55
sottosemigruppo 23
spazio vettoriale 48
spezzamento, campo di 131
struttura algebrica 21
tavola di composizione 21
totale,ordinamento 11
trirettangolo, gruppo 73
UFD 42
unione gruppale 73
unit`a 26, 31
unitario, elemento 31
Wedderburn, teorema di 32
zero-anello 33
Zorn, lemma di 11
137
138
TEMI DESAME
139
gennaio 2003
ALGEBRA I
1. Sia k Z sso. Nellinsieme S = (a, b) [ a, b Z si consideri la relazione denita ponendo
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) se e solo se `e b
2
b
1
= k(a
2
a
1
)
I] Si verichi che `e una relazione di equivalenza in S.
Si rappresentino gracamente in un piano cartesiano le classi di equivalenza.
Si mostri che ogni classe di equivalenza di `e innita e che linsieme quoziente S/ `e innito.
II] Si denisca in S una relazione ponendo
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
)
se e solo se `e soddisfatta una delle seguenti condizioni:
i) (a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) e a
1
a
2
,
ii) (a
1
, b
1
) , (a
2
, b
2
) e b
1
b
2
,
dove indica lusuale ordinamento in Z.
Si verichi che la relazione `e
riessiva per ogni valore del parametro k,
antisimmetrica se e solo se `e k = 0,
transitiva se e solo se `e k 0.
2. Sia
A =
_
_
[a]
n
[b]
n
[0]
n
[c]
n
_
: [a]
n
, [b]
n
, [c]
n
Z
n
_
I] Si verichi che A `e un sottoanello non commutativo, dotato di unit`a, dellanello (Mat
2
(Z
n
); +, ).
II] Detto V linsieme degli elementi unitari dellanello (A; +, ), si provi che (V ; ) `e un gruppo abeliano
se e solo se `e n = 2.
III] Si mostri che gli elementi non nulli e non unitari dellanello (A; +, ) sono divisori dello zero.
3. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
+ 5 Z
p
[x] (p primo).
Si determinino i valori di p per i quali f(x) `e divisibile per x 3 e quelli per i quali f(x) `e divisibile per
x
2
3.
Per tali valori di p si dia una decomposizione di f(x) in prodotto di polinomi irriducibili in Z
p
[x].
ALGEBRA II
1. Si consideri il gruppo (G; ) dove
G = (a, b) [ a, b R, a ,= 0
e
(a, b) (c, d) = (ac, ad +
b
c
)
Sia N = (1, b) [ b R.
Si provi quanto segue.
I] N `e un sottogruppo normale di (G; ) e il gruppo quoziente (G/N; ) `e abeliano.
II] Se H `e un sottogruppo proprio di (G; ), contenuto propriamente in N, H non `e normale in (G; ).
III] Se K `e un sottogruppo di (G; ) che contiene N, K `e normale in (G; ).
IV] Se S `e un sottogruppo normale proprio di (G; ) che non contiene N, allora `e S N = 1
G
) e sn = ns
per ogni s S e per ogni n N.
Se ne deduca S = (1, 0)) = Z(G).
2. Sia (A; +, ) un anello di caratteristica n > 0.
I] Si provi che, se n = rs con r > 1, s > 1 e M.C.D.(r, s) = 1, gli insiemi H = h A[ rh = 0
A
e
K = k A[ sk = 0
A
sono ideali bilateri propri dellanello (A; +, ) tali che A = H K.
II] Si mostri con esempi che, se n = p
m
(p primo), lanello (A; +, ) pu`o essere somma diretta di due suoi
ideali bilateri propri, ma pu`o anche non esserlo.
140
3. Sia (K; +, ) un campo; sia f(x) K[x] con deg f(x) = 3; sia (F; +, ) il campo di spezzamento del
polinomio f(x) rispetto al campo (K; +, ).
Si provi che [F : K] `e un divisore di 6.
Per (K; +, ) = (Z
3
; +, ) si scelga un polinomio irriducibile f(x) Z
3
[x] con deg f(x) = 3 e si calcoli
[F : Z
3
].
febbraio 2003
ALGEBRA I
1. Si considerino le applicazioni f, g : R R denite da
f(x) =

x
2
+ 1 per ogni x R
g(x) =
_
x
2
x, se x 0 o x 1;
log x, se 0 < x < 1.
Si stabilisca se f, g sono iniettive e/o suriettive.
Se ne deduca che le applicazioni prodotto fg e gf non sono ne iniettive ne suriettive.
2. Sia (K; +) un campo. Sia
G = (a, b) [ a, b K, a ,= 0
K

I] Si verichi che G `e un gruppo rispetto al prodotto denito da


(a, b) (c, d) = (ac, ad +
b
c
)
II] Si verichi che gli insiemi
A = = (a, 0
K
) [ a K, a ,= 0
K

B = = (1
K
, b) [ b K
sono sottogruppi abeliani di (G; ), tali che ogni elemento di G pu`o essere scritto come prodotto di
un elemento di A per un elemento di B.
III] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (G; ) `e abeliano;
ii) per ogni A e per ogni B `e = ;
iii) `e [K[ 3.
3. Sia p un numero primo. Fissato k Z
p
si consideri linsieme
A
k
=
_
_
a b
kb a +b
_
: a, b Z
p
_
I] Si verichi che A
k
`e un sottoanello commutativo dellanello (Mat
2
(Z
p
); +, ).
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lanello (A
k
; +, ) `e un campo;
ii) lanello (A
k
; +, ) `e privo di divisori dello zero;
iii) il polinomio f(x) = x
2
+x k Z
p
[x] `e irriducibile.
III] Si mostri che per ogni primo p esiste qualche valore di k Z
p
per il quale lanello (A
k
; +, ) `e un
campo.
(Pu`o essere utile considerare lapplicazione : Z
p
Z
p
denita ponendo (a) = a
2
+a per ogni
a Z
p
e osservare che non `e iniettiva.)
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo abeliano nito, non ridotto allunit`a. Siano
H = h G : [h[ = 2
n
per qualche n 0 (n dipendente da h)
K = g
2
: g G
T = t G : M.C.D.([t[, 2) = 1
Si verichi che H, K, T sono sottogruppi di (G; ) con T K.
Si mostri che
H = 1
G
) K = G T = G M.C.D.([G[, 2) = 1
141
K = 1
G
) = H = G T = 1
G
) [G[ = 2
r
con r N
Si provi che
I] `e G = H T;
II] `e G = H K se e solo se il gruppo (G; ) non possiede elementi di periodo 4.
2. Sia (A; +, ) un anello commutativo di caratteristica n > 0; sia r N un divisore proprio di n e sia
I = x A[ rx = 0
A
Si mostri che
I] I `e un ideale proprio di (A; +, );
II] lanello quoziente (A/I; +, ) ha caratteristica n/r;
III] se I `e un ideale massimale di (A; +, ), allora n/r `e primo;
IV] se n/r `e primo, lideale I pu`o non essere massimale.
3. Sia (K; +, ) un campo; si consideri in Mat
2
(K) il sottoanello
A =
_
_
a b
b a 2b
_
: a, b K
_
Si provi che lunica (a meno di isomorsmi) immagine omomorfa propria dellanello (A; +, ) `e il campo
(K; +, ).
aprile 2003
ALGEBRA I
1. Per a Z sia (a) 0, 1, 2, 3, 4 tale che a (a) 0 (mod5). Si denisca in Z una relazione
ponendo
a b se e solo se a = b oppure (a) < (b)
dove < indica lusuale ordinamento in Z.
I] Si verichi che `e una relazione dordine, non totale, in Z.
II] Si mostri che (Z, ) possiede inniti elementi massimali e inniti elementi minimali, ma non possiede
ne massimo ne minimo.
III] Si provi che ogni sottoinsieme di Z, totalmente ordinato rispetto alla , `e nito e pertanto ammette
massimo.
IV] (Z, ) `e un reticolo?
2. Sia (S; ) un semigruppo in cui valgono le leggi di cancellazione.
I] Si provi che, se S `e nito, (S; ) `e un gruppo.
II] Si mostri con qualche esempio che, se S non `e nito, (S; ) pu`o non essere un gruppo.
3. Si consideri lanello (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Z
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, ac +bd)
Si mostri che lanello (A; +, ) `e commutativo e dotato di unit`a.
Se ne determinino i divisori dello zero e gli elementi unitari.
Si verichi che gli elementi unitari di (A; +, ) sono tutte e sole le radici in A del polinomio x
2
1
A
A[x].
ALGEBRA II
1. Si consideri il gruppo additivo (Q; + ); sia H un suo sottogruppo proprio. Si provi quanto segue.
I] H `e innito e HZ ,= 0.
H pu`o essere nitamente generato, ma anche non esserlo.
II] Il gruppo quoziente (Q/H; +) `e innito, periodico (i.e. ogni suo elemento ha periodo nito), non
nitamente generato.
2. Si consideri lanello (A; +, ) =(Z;+, )(Z;+, ) (somma diretta esterna di anelli).
142
I] Si mostri che ogni ideale I di (A; +, ) `e principale.
II] Si provi che, se I = (r, s)), lanello quoziente (A/I; +, ) `e isomorfo alla somma diretta esterna
(Z
r
; +, ) (Z
s
; +, ) purche si intenda Z
0
=Z e Z
1
= 0).
III] Si determinino gli ideali massimali dellanello (A; +, ).
3. Sia (K; +, ) un campo tale che il gruppo moltiplicativo (K0; ) `e ciclico. Si provi che
I] `e car K ,= 0;
II] se `e (K0; ) = a), allora il campo K `e estensione del sottocorpo minimo K
0
di K mediante
lelemento a e a `e algebrico su K
0
; di conseguenza K `e nito.
giugno 2003
ALGEBRA I
1. Nellinsieme N dei numeri naturali non nulli si denisca una relazione ponendo
a b se e solo se esiste n N tale che b = a
n
I] Si mostri che (N, ) `e un insieme ordinato, non totalmente ordinato.
II] Si mostri che (N, ) non possiede ne minimo ne massimo.
III] Si mostri che i numeri primi sono elementi minimali in (N, ). Esistono elementi minimali del tipo
m = p
r
1
1
p
r
l
l
con p
1
, . . . , p
l
primi distinti e l 2?
IV] (N, ) possiede elementi massimali?
V] (N, ) `e un reticolo?
2. Nellanello (Z
n
; +, ) delle classi di resti mod n si consideri il sottoinsieme
S = [2
t
]
n
[ t N
0

I] Si verichi che (S; ) `e un monoide.


II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (S; ) `e un gruppo;
ii) n `e dispari;
iii) esiste qualche intero positivo r tale che 2
r
1 (mod n)
3. Sia p un numero primo; sia g(x) Z
p
[x] irriducibile con deg g(x) < p.
Si provi che
I] `e M.C.D.(g(x), g
t
(x)) = 1 ;
II] se f(x) = g(x)
r
con r intero positivo minore di p, allora g(x)
r1
= M.C.D.(f(x), f
t
(x)).
Si mostri che il polinomio f(x) = x
6
x
5
+2x
3
2x 1 Z
7
[x] `e potenza di un polinomio irriducibile di
Z
7
[x].
ALGEBRA II
1. Si considerino lideale I = x
3
+x
2
) dellanello (Z
2
[x]; +, ) e lanello quoziente (A; +, ) =(Z
2
[x]/I; +, ).
I] Si mostri che lideale I non `e massimale. Si determinino gli ideali di (Z
2
[x]; +, ) che contengono
propriamente I.
II] Si mostri che gli ideali dellanello (A; +, ) sono tutti principali, ma che (A; +, ) non `e un dominio ad
ideali principali.
III] Si determinino gli ideali dellanello (A; +, ). Esistono sottogruppi del gruppo additivo (A; +) che non
sono ideali dellanello (A; +, )?
2. Si consideri il gruppo (G; ) con
G = (r, s) [ r, s Z
(r, s) (h, k) = (r +h, s + (1)
r
k).
Sia N = (0, 2)).
Si provi che
I] il sottogruppo N `e normale in (G; ) e il gruppo quoziente (G/N; ) `e abeliano, ma non ciclico;
143
II] se T `e un sottogruppo normale di (G; ) con (G/T; ) abeliano, allora `e N T.
3. Si considerino il gruppo (G; ) e il suo sottogruppo N presentati nellEsercizio 2.
Si mostri che il gruppo (G; ) non ammette fattori diretti propri provando che, se G = AB, allora
I] il sottogruppo H = (N A) (N B) `e normale in (G; ) con il gruppo quoziente (G/H; ) abeliano
e pertanto `e N = H = (N A) (N B);
II] uno dei due sottogruppi N A o N B `e ridotto allunit`a (si noti che il gruppo N `e ciclico innito);
supposto N A = 1
G
) (e di conseguenza N B), il sottogruppo A `e necessariamente abeliano e
quindi A Z(G) (1, 0));
III] il sottogruppo A `e fattore diretto del gruppo (1, 0)) e di conseguenza `e A = 1
G
).
luglio 2003
ALGEBRA I
1.I] Si consideri la relazione denita in N
0
ponendo a b se e solo se `e a = b oppure a e b sono
entrambi pari e non nulli.
Si verichi che `e una relazione di equivalenza.
II] Si consideri lapplicazione : N
0
N
0
denita ponendo
(1) = 0
(2n + 1) = 2n 1 per 1 n N
0
(2n) = 2n + 2 per n N
0
Si mostri che
i) lapplicazione `e biiettiva;
ii) per ogni a, b N
0
se `e a b, allora `e (a) (b);
iii) esistono x, y N
0
tali che `e x y ma
1
(x) ,
1
(y).
2. Sia X un insieme non vuoto; sia una relazione di equivalenza in X.
Sia (S
X
; ) il gruppo costituito dalle applicazioni biiettive di X su se stesso rispetto al prodotto di appli-
cazioni. Sia
H = S
X
[ per ogni x
1
, x
2
X con x
1
x
2
`e anche (x
1
) (x
2
)
Si verichi quanto segue.
I] H `e un monoide rispetto al prodotto di applicazioni.
II] Se linsieme X `e nito, il monoide (H; ) `e un gruppo.
III] Se linsieme X non `e nito, il monoide (H; ) pu`o non essere un gruppo.
3. Nellanello di matrici (Mat
3
(Q);+,) si consideri il sottoinsieme
A =
_
_
_
n 0 0
x n 0
y x n
_
_
; n Z, x, y Q
_
I] Si verichi che A `e un sottoanello dotato di unit`a dellanello (Mat
3
(Q);+,).
II] Si determinino gli elementi unitari e i divisori dello zero dellanello (A; +, ).
III] Si verichi che i divisori dello zero di (A; +, ), insieme allo zero, costituiscono un sottoanello H
dellanello (A; +, ).
Si mostri che esiste in (A; +, ) qualche sottoanello proprio che contiene propriamente linsieme H.
IV] Si mostri che l anello (A; +, ) non possiede sottoanelli che siano sottocorpi.
ALGEBRA II
1. Sia (X; ) un gruppo non ridotto allunit`a; si consideri il gruppo prodotto cartesiano (G; ), ovvero
G = X X = (x
1
, x
2
) [ x
1
, x
2
X
e il prodotto `e denito componente per componente
(x
1
, x
2
) (x
t
1
, x
t
2
) = (x
1
x
t
1
, x
2
x
t
2
)
Siano un endomorsmo del gruppo (X; ) e H = (x, (x) [ x X.
Si provi quanto segue.
144
I] H `e un sottogruppo del gruppo (G; ).
II] Il gruppo (G; ) `e abeliano se e solo se H `e abeliano.
H pu`o essere ciclico mentre il gruppo (G; ) non `e mai ciclico.
III] Il sottogruppo H `e normale in (G; ) se e solo se (X) `e contenuto nel centro del gruppo (X; ). In
tal caso i gruppi (H; ) e (G/H; ) sono isomor.
2. Sia k Q, k ,= 0.
Si consideri lanello commutativo (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Q
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, bd +kac)
Si scelga k in modo che lanello (A; +, ) non sia un campo e si provi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede due ideali propri I e J, entrambi isomor al campo razionale (Q; +, ), tali
che A = I J (somma diretta di ideali);
II] Lanello (A; +, ) `e isomorfo alla somma diretta di anelli (Q;+,) (Q;+,).
3. Si consideri lanello (A; +, ) denito nellesercizio 2. Si provi che se `e un campo, esso `e estensione
semplice nita (e quindi algebrica) del campo razionale (Q;+,).
settembre 2003
ALGEBRA I
1. Siano S un insieme non vuoto e (M; ) il monoide costituito dalle applicazioni di S in se stesso rispetto
al prodotto di applicazioni.
Si considerino linsieme delle parti T(S) e il monoide (T; ) costituito dalle applicazioni di T(S) in se
stesso rispetto al prodotto di applicazioni.
Si denisca unapplicazione : M T ponendo per ogni f M e per ogni X T(S).
(f) : T(S) T(S)
(f) : X f
1
(X) = y S [ f(y) X
Si mostri che
I] lapplicazione `e iniettiva, ma non `e suriettiva;
II] per ogni f, g M `e (fg) = (g)(f).
Se ne deduca che per ogni f, g M `e (fg) = (f)(g) se e solo se `e [S[ = 1.
2. Sia n un intero positivo ssato.
Si consideri lanello (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Z
n

(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)


(a, b) (c, d) = (ac bd, ad +bc)
Si mostri che, se lanello (A; +, ) `e un campo, allora n `e un numero primo.
Si provi che, se n `e primo, (A; +, ) `e un campo se e solo se il polinomio x
2
+ 1 Z
n
[x] `e irriducibile.
Si indichi un valore di n per il quale (A; +, ) `e un campo e un valore primo di n per il quale (A; +, ) non
`e un campo.
3. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a.
Sia (R; +, ) lanello costituito dalle successioni (a
0
, a
1
, a
2
, . . .) con a
i
A rispetto alle operazioni di somma
e prodotto denite come segue:
(a
0
, a
1
, a
2
, . . .) + (b
0
, b
1
, b
2
, . . .) = (c
0
, c
1
, c
2
, . . .)
con c
i
= a
i
+b
i
per ogni i = 0, 1, 2, . . .
(a
0
, a
1
, a
2
, . . .) (b
0
, b
1
, b
2
, . . .) = (d
0
, d
1
, d
2
, . . .)
con d
i
=

j+k=i
a
j
b
k
per ogni i = 0, 1, 2, . . .
Si mostri che
I] lanello di polinomi (A[x]; +, ) `e un sottoanello dellanello (R; +, );
145
II] gli anelli (A[x]; +, ) e (R; +, ) hanno la stessa unit`a e quindi, se un polinomio di A[x] `e unitario in
(A[x]; +, ), lo `e anche in (R; +, );
III] il polinomio 1 +x = (1, 1, 0, 0, . . .) A[x] `e unitario nellanello (R; +, ) ma non `e unitario nellanello
(A[x]; +, );
IV] un polinomio f(x) A[x] `e unitario nellanello (R; +, ) se e solo se f(0) A `e unitario nellanello
(A; +, ).
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo ciclico di ordine n > 1; sia G = a).
Si provi che
I] se H `e un sottogruppo di (G; ), esiste un divisore r di n tale che H = a
r
);
II] H `e un fattore diretto di (G; ) se e solo se `e M.C.D.(r,
n
r
) = 1.
Se ne deduca che
III] (G; ) possiede qualche fattore diretto proprio se e solo se n non `e potenza di un numero primo;
IV] ogni sottogruppo di (G; ) `e suo fattore diretto se e solo se n `e primo o prodotto di primi distinti.
2. Fissato un intero positivo n, si consideri nel campo complesso il sottoanello
A = a +ib

n[ a, b Z
Sia J = a +ib

n A[ a b (mod(n + 1)).
Si provi che J `e un ideale principale dellanello (A; +, ) e che lanello quoziente (A/J; +, ) `e isomorfo
allanello di classi di resti (Z
n+1
; +, ).
3. Nellanello di polinomi (R[x]; +, ) (dove (R; +, ) indica il campo reale) si consideri lideale I[x] =
= x
2
+ 2). Si provi che lanello quoziente (R[x]/I[x]; +, ) `e un campo isomorfo al campo complesso; si
indichi un isomorsmo fra (C; +, ) e (R[x]/I[x]; +, ).
gennaio 2004
ALGEBRA I
1. Sia X un insieme non vuoto; sia X
X
linsieme delle applicazioni da X a X.
Posto
S = (, r) [ X
X
, r N
0
,
si denisca in S una legge di composizione ponendo
(, r) (, s) = (
s

r
, rs)
dove
s

r
`e calcolato rispetto al prodotto di applicazioni e rs `e calcolato rispetto allordinario prodotto
in N
0
.
I] Si mostri che (S; ) possiede elemento neutro.
II] Si determinino gli elementi di (S; ) che ammettono inverso destro, quelli che ammettono inverso
sinistro e quelli che ammettono inverso bilatero.
Si mostri che `e possibile scegliere linsieme X in modo che in (S; ) esistano elementi che ammettono
inverso destro ma non inverso sinistro ed elementi che ammettono inverso sinistro ma non inverso
destro.
III] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) la legge di composizione `e associativa in S;
ii) `e [X[ = 1;
iii) la legge di composizione `e commutativa in S.
2. Si consideri lanello (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Z
p
con p primo
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, ac +bd)
Si osservi che lanello (A; +, ) `e commutativo e dotato di unit`a.
I] Si provi che per ogni primo p lanello (A; +, ) possiede divisori dello zero. Si determinino i divisori
dello zero e gli elementi unitari di (A; +, ).
146
II] Si provi che `e p ,= 2 se e solo se ogni elemento di A o `e divisore dello zero o `e somma di due divisori
dello zero.
3. Si considerino in Z
p
[x] (p primo) i polinomi
a(x) = 3x
3
2x
2
3x + 3
b(x) = x
4
2x
3
+ 3x
2
+ 3x + 2
I] Per p = 2, 3 si dia una decomposizione dei due polinomi in prodotto di polinomi irriducibili e si
determini un loro massimo comun divisore in Z
p
[x].
II] Si provi che esiste qualche primo dispari per il quale i due polinomi a(x) e b(x) non sono coprimi.
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo di ordine 35 in cui esiste un sottogruppo di ordine 7. Si provi quanto segue.
a) Esiste un unico sottogruppo A di (G; ) avente ordine 7.
b) Esiste un omomorsmo suriettivo dal gruppo (G; ) al gruppo (Z
5
; +).
c) Esiste in (G; ) un sottogruppo B di ordine 5.
d)
`
E G = AB.
e) Il gruppo (G; ) `e abeliano.
(Sugg. Per ogni a A e ogni b B si ha b
1
ab = a
k
b
5
ab
5
= a
k
5
a = a
k
5
k 1 (mod7)
b
1
ab = a)
f) Il gruppo (G; ) `e ciclico.
2. Sia (R; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a, in cui per ogni elemento x R esiste un intero
n > 1 tale che x
n
= x.
Sia I un ideale di (R; +, ), diverso da R e tale che, se ab I (con a, b R), allora a I o b I.
Si provi che
I] lanello quoziente (R/I; +, ) `e privo di divisori dello zero;
II] lideale I `e massimale.
3. Si considerino gli anelli quoziente
(A; +, ) =Q[x]/x
2
2) , (C; +, ) =Q[x]/x
2
3)
e lanello
(B; +, ) = (a, b) [ a, b Q
con la somma denita componente per componente e il prodotto cos` denito:
(a, b) (c, d) = (bc +ad, bd + 2ac)
Si provi che
a) (A; +, ) `e un campo;
b) (B; +, ) `e un campo isomorfo a (A; +, );
c) (C; +, ) `e un campo non isomorfo a (A; +, ).
febbraio 2004
ALGEBRA I
1. Sia S = Q
Q
linsieme delle applicazioni da Q a Q; si denisca in S una legge di composizione ponendo
per f, g S e per x Q
(f g)(x) =
_
f(x), se x Z ;
g(x), se x Q Z.
I] Si verichi che (S; ) `e un semigruppo privo di elementi neutri a destra e privo di elementi neutri a
sinistra.
II] Si considerino le applicazioni biiettive f, g S denite da
f(x) = x e g(x) = 2x + 1
per ogni x Q.
Si mostri che
f g `e suriettiva, non iniettiva;
g f `e iniettiva, non suriettiva.
147
III] Scelti n 2 elementi distinti f
1
, f
2
, . . . , f
n
S, si considerino i seguenti sottoinsiemi di S:
H = h
i
= f
1
f
i
[ i 1, 2, . . . , n
K = k
i,j
= f
i
f
j
[ i, j 1, 2, . . . , n
Si verichi che H e K sono sottosemigruppi di (S; ).
Si mostri che ogni elemento di H `e neutro a sinistra in (H; ).
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (K; ) possiede qualche elemento neutro a destra;
ii) `e f
1
(q) = f
2
(q) = . . . = f
n
(q) per ogni q Q Z;
iii) ogni elemento di K `e neutro a destra in (K; );
iv) `e [H[ = 1.
Il semigruppo (K; ) pu`o avere qualche elemento neutro a sinistra?
2. Si consideri lanello (Z
24
; +, ) delle classi di resti mod24. Per ogni intero r con 1 r 23 sia
H
r
= [kr]
24
[ k Z .
Si provi quanto segue.
I] H
r
`e un sottoanello dellanello (Z
24
; +, ).
II] H
r
coincide con Z
24
se e solo se `e M.C.D.(r, 24) = 1.
III] Per ogni r, s si ha H
r
= H
s
se e solo se `e M.C.D.(r, 24) = M.C.D.(s, 24).
Si determinino i valori di r per i quali lanello (H
r
; +, ) possiede unit`a e quelli per i quali lanello (H
r
; +, )
`e un campo.
3. Si consideri il polinomio f(x) = x
4
2x
3
x
2
+ 4x + 1.
Si dia una decomposizione di f(x) in prodotto di polinomi irriducibili in Z
p
[x] per p = 2, 3, 5.
Se ne deduca che f(x) `e irriducibile in Z[x].
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo nito.
I] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lapplicazione : G G denita ponendo (g) = g
2
per ogni g G `e suriettiva;
ii) per ogni g G con g ,= 1
G
`e g ,= g
1
;
iii) [G[ `e dispari (e quindi ogni elemento di G ha periodo dispari).
Nel seguito sia [G[ dispari.
II] Si mostri che la relazione da GG a G denita ponendo per ogni a, b, c G
(a, b) c se e solo se `e a
2
b
2
= c
2
`e una applicazione e, denita una legge di composizione in G ponendo
a b = ((a, b)),
(G; ) `e un gruppo isomorfo a (G; ).
III] Si osservi che, se il gruppo (G; ) `e abeliano, allora loperazione coincide con il prodotto .
Si mostri che esiste qualche gruppo (G; ) per il quale loperazione non coincide con il
prodotto .
2. Sia n un intero maggiore di 1.
Si mostri che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) n non `e potenza di primo;
ii) esiste r Z tale che r , 0, 1 (mod n) e r
2
r (mod n).
Si provi che, se sono soddisfatte tali condizioni, posto d =M.C.D.(r, n) > 0 e detto I = [r]
n
) lideale
principale dellanello (Z
n
; +, ) generato da [r]
n
,
I] `e d ,= 1;
II] lanello (I; +, ) `e isomorfo allanello di classi di resti (Z
n
d
: +, );
III] lanello quoziente (Z
n
/I; +, ) `e isomorfo allanello di classi di resti (Z
d
; +, ).
3. Si provi che, se il gruppo additivo (K; +) di un corpo (K; +, ) `e ciclico, allora
I] `e car K ,= 0;
148
II] il corpo `e nito di ordine primo.
aprile 2004
ALGEBRA I
1. Sia S un insieme non vuoto; sia (G; ) un gruppo di trasformazioni (i.e. applicazioni biiettive) su S.
Si denisca in S una relazione ponendo per a, b S
a b se e solo se esiste G tale che (a) = b
Si provi quanto segue.
I] `e una relazione di equivalenza.
II] Per ogni s S linsieme H
s
= G[ (s) = s `e un sottogruppo di (G; ).
III] Per s, t S tali che s t, posto K
s,t
= G[ (s) = t,
i) linsieme K
s,t
`e un sottogruppo di (G; ) se e solo se `e s = t;
ii) esiste unapplicazione biiettiva da Hs a K
s,t
.
IV] Se (G; ) `e un gruppo nito, per ogni s S la classe di equivalenza s

`e nita e
[G[ = [H
s
[ [s

[
.
2. Sia (K; +, ) un campo; siano x, y K ssati. Si ponga
A =
_
_
a b
bx a +by
_
: a, b K
_
I] Si provi che A `e un sottoanello di (Mat
2
(K); +, ), commutativo e dotato di unit`a.
II] Si mostri che gli elementi unitari dellanello (A; +, ) sono tutti e soli gli elementi di A che sono
unitari nellanello (Mat
2
(K); +, ).
III] Si mostri che nel caso particolare (K; +, ) = (Z
p
; +, ) (con p primo) esistono x, y Z
p
tali che
(A; +, ) sia un campo. (Pu`o essere conveniente distinguere i casi p = 2 e p ,= 2).
3. Si considerino i polinomi
a(x) = 5x
2
+ 3x 2
b(x) = 10x
3
+ 51x
2
52x + 12
I] Si provi che per ogni primo p i polinomi a(x) e b(x) non sono primi fra loro in Z
p
[x].
II] Si determini un M.C.D.(a(x), b(x)) in Z[x].
giugno 2004
ALGEBRA I
1. Sia (K; +, ) un campo; sia a K0
K
ssato.
Nellinsieme
G = (n, k) [ n Z, k K
si denisca un prodotto ponendo
(n
1
, k
1
) (n
2
, k
2
) = (n
1
+n
2
, a
n
2
k
1
+k
2
).
I] Si verichi che (G; ) `e un gruppo e che H = (n, 0
K
) [ n Z `e un suo sottogruppo.
II] Si provi che (G; ) `e abeliano se e solo se `e a = 1
K
.
III] Si provi che, se (G; ) non `e abeliano, il centro Z(G) del gruppo (G; ) `e contenuto propriamente in
H.
Si mostri con esempi che Z(G) pu`o essere un sottogruppo proprio o anche il sottogruppo banale.
2. Sia s Q ssato.
Sia (A; +, ) lanello commutativo costituito da
A = (a, b) [ a.b Q
rispetto alle operazioni + e denite come segue
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, bd +sac).
I] Si determinino i valori di s per i quali (A; +, ) non `e campo.
149
II] Si determinino gli elementi idempotenti di (A; +, ) (i.e. x A tali che x
2
= x)
(Pu`o essere conveniente distinguere il caso in cui (A; +, ) `e un campo e quello in cui non lo `e.)
III] Se ne deduca che
i) se (A; +, ) `e un campo o se s = 0, esiste in (A; +, ) uno ed un solo sottocampo proprio F e lo si
determini;
ii) se (A; +, ) non `e campo e s ,= 0, oltre al sottocampo F determinato in i), esistono in (A; +, )
due sottocampi propri e li si determinino.
(Si ricordi che lunit`a di un campo `e un elemento idempotente.)
3. Sia X = (a, b) [ a, b N
0
; si denisca in X una relazione ponendo (a, b) (c, d) se e solo se `e
soddisfatta una delle due condizioni seguenti:
i) a divide c e a ,= c;
ii) a = c e b d, dove indica lusuale ordinamento in N
0
.
I] Si verichi che `e una relazione dordine in X.
II] (X; ) `e totalmente ordinato?, ammette minimo? ammette massimo?
III] Una generica coppia di elementi di X ammette massimo minorante? ammette minimo maggiorante?
ALGEBRA II
1. Nel campo complesso C si consideri il sottoanello Z[

5] = = a + ib

5 C[ a, b Z; posto
N() = a
2
+ 5b
2
, si considerino i seguenti sottoinsiemi:
A = Z[

5] [ N() 0 (mod2)
B = Z[

5] [ N() 0 (mod3)
C = Z[

5] [ N() 0 (mod5)
Si stabilisca quali dei tre sottoinsiemi A, B, C sono ideali dellanello (Z[

5]; +, ); per questi si mostri


che sono nitamente generati, precisando se sono principali.
2. Sia (G; ) un gruppo nito; sia [G[ = p
r
m con p primo, r N e M.C.D.(p, m) = 1.
Si supponga inoltre che per ogni a, b G sia (ab)
p
= a
p
b
p
.
Si provi quanto segue.
I] I sottoinsiemi di G
H = x G[ x
p
r
= 1
G

K = g
p
r
[ g G
sono sottogruppi normali di (G; ).
II] Ogni elemento g G si scrive in uno e un solo modo nella forma g = hk con h H e k K.
III] Per ogni h H e per ogni k K si ha hk = kh.
IV] Il gruppo quoziente (G/H; ) `e isomorfo al gruppo (K; ) e il gruppo quoziente (G/K; ) `e isomorfo
al gruppo (H; ).
3. Nellanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) (con p primo) si considerino un polinomio g(x) = (x )
2
(con
Z
p
) e lideale principale I = g(x) ).
Sia (A

; +, ) = (Z
p
[x]/I; +, ).
I] Si mostri che lanello (A

; +, ) non `e un campo.
Si determini lordine dellanello (A

; +, ).
II] Detto (V ; ) il gruppo moltiplicativo costituito dagli elementi unitari dellanello (A

; +, ), si provi
che (V ; ) `e un gruppo ciclico di ordine p(p 1).
III] Posto (A
0
; +, ) = (Z
p
[x]/ x
2
); +, ), si mostri che lanello (A

; +, ) `e isomorfo allanello (A
0
; +, ).
150
luglio 2004
ALGEBRA I
1. In Mat
2
(Z
p
) (p primo) si consideri il sottoinsieme
C =
_
=
_
a [0]
p
b a
_
: a, b Z
p
, a ,= [0]
p
_
e si verichi che C `e un gruppo rispetto al prodotto righe per colonne.
I] Si determinino in C gli elementi dei sottoinsiemi
D = C [
p
= I
2

E = C [
p1
= I
2

dove I
2
indica la matrice unit`a di ordine 2.
II] Si mostri che D ed E sono sottogruppi del gruppo (C; ) rispettivamente isomor ai gruppi (Z
p
; +) e
(Z
p
[0]
p
; ).
III] Si mostri che per ogni C esistono e sono univocamente determinati D ed E tali che
= e se ne deduca che il gruppo (C; ) `e isomorfo al prodotto cartesiano
(G; )=(Z
p
; +) (Z
p
[0]
p
; ),
dove
G =
_
_
[x]
p
, [y]
p
_
: [x]
p
, [y]
p
Z
p
, [y]
p
,= [0]
p
_
e il prodotto in G `e denito da
_
[x]
p
, [y]
p
_

_
[z]
p
, [t]
p
_
=
_
[x +z]
p
, [yt]
p
_
2. Fissati n, k N, in Z
n
si denisca una legge di composizione ponendo per ogni [a]
n
, [b]
n
Z
n
[a]
n
[b]
n
= [kab]
n
.
Si verichi che (Z
n
; +, ) `e un anello commutativo.
Si provi quindi quanto segue.
I] Lanello (Z
n
; +, ) `e dotato di unit`a se e solo se `e M.C.D.(k, n) = 1; in tal caso
i) i divisori dello zero nellanello (Z
n
; +, ) sono tutti e soli i divisori dello zero nellanello (Z
n
; +, );
ii) gli elementi unitari dellanello (Z
n
; +, ) sono tutti e soli gli elementi unitari dellanello (Z
n
; +, ).
II] Se M.C.D.(k, n) ,= 1, ogni elemento di Z
n
`e divisore dello zero nellanello (Z
n
; +, ).
3. Nel campo complesso C si consideri il sottoanello
A = a +ib

5 C[ a, b Z.
Si provi che
I] gli elementi 3 e 2 +i

5 sono irriducibili in (A; +, );


II] in (A; +, ) esiste M.C.D.(3, 2 +i

5);
III] in (A; +, ) non esiste M.C.D.(9, 6 + 3i

5).
Esiste M.C.D.(6, 4 + 2i

5) in (A; +, )?
ALGEBRA II
1. Nal gruppo (G; ) = (GL(2,Z
p
); ) (p primo) si considerino lelemento
=
_
1 0
1 1
_
e il sottogruppo ciclico A = ).
I] Si verichi che il sottogruppo A non `e normale in (G; ).
II] Si determinino i sottoinsiemi
B = G[
1
A = A
C = G[ = .
151
Si mostri che B e C sono sottogruppi di (G; ) con A C B e con A e C normali in (B; ).
II] Si mostri che il gruppo quoziente (B/C; ) `e ciclico di ordine p1 mentre per p ,= 2 il gruppo quoziente
(B/A; ) non `e ciclico
2. Sia p un numero primo. Sia f(x) Z
p
[x] un polinomio monico con deg f(x) > 0; sia I = f(x)) lideale
dellanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) generato da f(x).
Si consideri lanello quoziente (A; +, )=(Z
p
[x]/I; +, ) e lapplicazione : A A denita ponendo () =

p
per ogni A.
Si provi quanto segue.
I] `e un endomorsmo dellanello (A; +, ).
II] `e un automorsmo dellanello (A; +, ) se e solo se il polinomio f(x) `e irriducibile o `e prodotto di
polinomi monici irriducibili distinti.
3. I] Si provi che ogni ideale proprio e ogni anello quoziente proprio dellanello (Z
n
; +, )
hanno caratteristica strettamente minore della caratteristica dellanello (Z
n
; +, ).
II] Si consideri lanello (A; +, ) =(Z
n
; +, ) (Z
n
; +, ) (somma diretta esterna di anelli) e si mostri
che esso possiede qualche ideale proprio I tale che gli anelli (I; +, ) e (A/I; +, ) hanno la stessa
caratteristica di (A; +, ).
settembre 2004
ALGEBRA I
1. Siano r ed s due interi maggiori di 1.
I] Si consideri la relazione da Z
r
a Z
s
denita ponendo [n]
r
[n]
s
per ogni n Z. Si mostri che `e
una applicazione da Z
r
a Z
s
se e solo se s divide r. In tal caso `e suriettiva? `e iniettiva?
II] Fissato k Z, si consideri la relazione
k
da Z
r
a Z
s
denita ponendo [n]
r

k
[kn]
s
per ogni n Z. Si
mostri che
k
`e una applicazione da Z
r
a Z
s
se e solo se s divide kr e che in tal caso
k
`e suriettiva
se e solo se `e M.C.D.(k, s) = 1.
Se lapplicazione
k
`e iniettiva, allora r divide s; vale il viceversa?
2. Sia n un intero maggiore di 1. Nellanello di matrici Mat
2
(Z
n
) si consideri il sottoinsieme
H =
_
_
[2r]
n
[4r]
n
[0]
n
[0]
n
_
: r Z
_
I] Si verichi che H `e un sottoanello dellanello Mat
2
(Z
n
) e se ne determini lordine (distinguendo i casi
n dispari e n pari).
II] Si provi che lanello (H; +, ) possiede unit`a se e solo se `e n = 2
s
d con d intero positivo dispari e s = 0
o s = 1.
III] Si mostri che, se lanello (H; +, ) possiede unit`a, esso `e isomorfo ad un anello di classi di resti.
3. Sia p un numero primo. Per ogni a, b Z
p
si consideri il polinomio
f
a,b
(x) = x
2
+ax +b Z
p
[x]
.
I] Si provi che, se `e p ,= 2, per ogni a Z
p
esiste uno ed un solo b Z
p
tale che f
a,b
(x) abbia una radice
doppia in Z
p
.
II] Si mostri che per p = 2 non vale lasserto provato in I] nel caso p ,= 2
ALGEBRA II
1. Nellanello Mat
2
(Z
8
) (costituito dalle matrici di ordine 2 ad elementi nellanello (Z
8
; +, ) rispetto alla
somma elemento per elemento e al prodotto righe per colonne) si considerino gli elementi
=
_
1 1
0 1
_
, =
_
3 0
0 1
_
, =
_
1 0
0 1
_
Si verichi che , , sono elementi unitari.
152
Nel gruppo moltiplicativo (V ; ), costituito dagli elementi unitari dellanello Mat
2
(Z
8
), si considerino i
sottogruppi G = , , ), A = ), H = , ).
Si mostri che per ogni r Z `e
1

r
A e
1

r
A e se ne deduca che A `e normale in (G; ).
Si mostri che `e G = AH e si determinino gli ordini di A, H, G.
2. Sia p un numero primo. Si consideri lanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) e il suo ideale principale I = x
2
).
Si determinino lordine e la caratteristica dellanello quoziente
_
Z
p
[x]/I; +, ); si mostri inoltre che tale
anello possiede uno ed un solo ideale proprio.
3. Sia (A; +, ) un anello commutativo di ordine p
2
(con p primo) e di caratteristica p, dotato di unit`a
1
A
; si supponga che in (A; +, ) esista uno ed un solo ideale proprio I.
I] Si provi che gli elementi unitari dellanello (A; +, ) sono tutti e soli gli elementi di A I = x
A[ x , I e costituiscono (rispetto al prodotto denito in (A; +, )) un gruppo ciclico di ordine
p
2
p = p(p 1).
II] Posto X = x A[ xi = 0 per ogni i I, si verichi che X `e un ideale proprio dellanello (A; +, );
se ne deduca I = X e quindi che (I; +, ) `e uno zero-anello.
III] Fissato comunque un elemento y I0, `e A = r1
A
+ sy [ r, s Z . Se ne deduca che lanello
(A; +, ) `e isomorfo allanello quoziente
_
Z]
p
[x]/x
2
); +,
_
.
novembre 2004
ALGEBRA II
1. Nellanello di polinomi (Z
5
[x]; +, ) si considerino f(x) = x
2
+ 1 e lideale principale I = f(x)); si
consideri quindi lanello quoziente (Z
5
[x]/I : +, ).
I] Si determinino gli elementi unitari dellanello (Z
5
[x]/I : +, ) e si verichi che essi costituiscono
rispetto al prodotto un gruppo abeliano (V ; ) di ordine 2
4
.
II] Posto B = V [
2
= 1 e C =
2
[ V , si provi che B e C sono sottogruppi di (V ; ) tali
che il gruppo quoziente (V/B; ) `e isomorfo al gruppo (C; ).
Se ne deduca B = C e si indichino gli elementi distinti di B.
III] Si determini il massimo dei periodi degli elementi di (V ; ).
Si mostri che nel gruppo (V ; ) esistono due sottogruppi propri H e K tali che V = HK e 1) = HK.
2. Sia (A; +, ) un anello. Si provi quanto segue.
I] Linsieme degli elementi di (A; +, ), che hanno caratteristica diversa da zero, `e un ideale bilatero di
(A; +, ).
Se linsieme costituito dallo zero e dagli (eventuali) elementi di caratteristica zero di (A; +, ) `e un
ideale di (A; +, ), esso `e improprio.
II] Se lanello (A; +, ) `e privo di ideali bilateri propri, tutti gli elementi non nulli di A hanno la stessa
caratteristica e questa `e zero o un numero primo.
3. Si considerino un campo (K; +, ), lanello di polinomi (K[x]; +, ) e in esso un ideale I = f(x))
generato da un polinomio f(x) K[x].
I] Si provi che, se un anello (A; +, ) `e unimmagine omomorfa dellanello quoziente (K[x]/I; +, ), esiste
un ideale J di (K[x]; +, ) che contiene I e tale che lanello (A; +, ) `e isomorfo allanello quoziente
(K[x]/J; +, ).
II] Nellanello di polinomi Z
5
[x]; +, ) si considerino f(x) = x
2
+ 1 e lideale principale I = f(x)).
Si provi che lanello quoziente (Z
5
[x]/I : +, ) possiede una ed una sola (a meno di isomorsmi)
immagine omomorfa propria.
153
gennaio 2005
ALGEBRA I
1. Sia k R sso. Nellanello (Mat
2
(R); +, ) si considerino i sottoinsiemi
A =
_
_
x 3y
y x +ky
_
: x, y R
_
B =
_
_
a 3b
b a +kb
_
: a, b Q
_
I] Si verichi che A `e un sottoanello di (Mat
2
(R); +, ).
II] Si determinino i valori di k per i quali lanello (A; +, ) `e privo di divisori dello zero e si provi che essi
sono tutti e soli quelli per i quali lanello (A; +, ) `e un campo.
III] Si determinino i valori di k per i quali B `e sottoanello dellanello (A; +, ).
IV] Sia B un sottoanello di (A; +, ). Si mostri che, se (A; +, ) `e un campo, allora anche (B; +, ) `e un
campo, mentre se (A; +, ) non `e un campo, lanello (B; +, ) pu`o essere un campo, ma pu`o anche non
esserlo.
2. Sia G = (a, ) [ a Z
6
, +1, 1 ; si denisca in G una legge di composizione prodotto ponendo
(a
1
,
1
) (a
2
,
2
) = (a
1
+
1
a
2
,
1

2
).
Si provi quanto segue.
I] (G; ) `e un gruppo non abeliano.
II] Gli insiemi A = (a, +1) [ a Z
6
e B = ([0]
6
, +1), ([0]
6
, 1) sono sottogruppi propri del gruppo
(G; ).
III] Detto (X; ) linsieme dei sottogruppi propri di (G; ), ordinato rispetto allinclusione insiemistica,
i) A `e elemento massimale, ma non massimo, di (X; ); A non `e ne elemento minimale ne minimo
di (X; );
ii) B `e elemento minimale, ma non minimo, di (X; ); B non `e ne elemento massimale ne massimo
di (X; ).
3. Sia p un numero primo. Nellanello di polinomi (Z
p
[x]; +, ) si considerino
a(x) = x
4
+x
3
+ 5x + 8 , b(x) = x
2
1
Al variare di p si determinino un M.C.D.((a(x), b(x)) e due polinomi f(x), g(x) Z
p
[x] tali che sia
M.C.D.(a(x), b(x))=f(x)a(x) +g(x)b(x).
ALGEBRA II
1. Nel gruppo simmetrico S
5
si consideri il sottogruppo H = (1, 2, 3, 4, 5), (1, 2, 3)(4, 5) ).
Si mostri che H possiede elementi di periodo 2,3,4,5,6 e se ne deduca che H coincide con il gruppo S
5
.
2. Sia p un numero primo e sia f(x) Z
p
[x] con deg f(x) = 2; si consideri lanello quoziente (A; +, ) =
=Z
p
[x]/f(x)).
Si determini lordine di A e si provi quindi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede un sottoanello proprio che `e sottocampo.
II] Se lanello (A; +, ) `e un campo, allora esso possiede un solo sottoanello proprio.
III] Se lanello (A; +, ) non `e un campo, allora esistono a(x), b(x) Z
p
[x] tali che
deg a(x) =deg b(x) = 1 e f(x) = a(x)b(x).
In tal caso lanello (A; +, ) possiede qualche sottoanello proprio che non `e sottocampo, se e solo se i
polinomi a(x) e b(x) sono associati.
3. Sia (K; +, ) un campo. Nel gruppo GL(3, K) si consideri il sottogruppo
G =
_
_
_
1 a b
0 1 c
0 0 1
_
_
: a, b, c K
_
.
Si determini il centro Z(G) di (G; ) e si verichi quanto segue.
154
I] Linsieme
X =
_
_
_
1 x 0
0 1 y
0 0 1
_
_
[ x, y K
_
`e un sistema di rappresentanti per i laterali di Z(G) in G;
II] Il gruppo quoziente (G/Z(G); ) `e abeliano, ma non ciclico.
febbraio 2005
ALGEBRA I
1. Sia G = R0.
I] Si provi che G `e un gruppo , non abeliano, rispetto alla legge di composizione denita ponendo
a b = a b
a
|a|
per ogni a, b G (dove il prodotto al secondo membro indica lordinario prodotto in R).
II] Si denisca in G una relazione ponendo per x, y G
x y se e solo se esiste g G tale che g
1
x g = y.
Si verichi che `e una relazione di equivalenza in G e se ne determinino le classi di equivalenza
distinte.
2. Si provi che esiste k Z tale che sia
k
2
k (mod 15), k , 0, 1 (mod 15).
In relazione a una tale scelta di k
I] si consideri lanello (A; +, ) cos denito
A = (a, b) [ a, b Z
15

(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) = (a
1
a
2
, a
1
b
2
+ka
2
b
1
)
(dove a
1
+a
2
e a
1
a
2
sono calcolati in (Z
15
: +, ) e si mostri che lanello (A; +, ) non `e commutativo,
`e privo di unit`a, ma possiede unit`a a sinistra;
II] posto H = (a, b) A[ k(a, b) = (a, b) , si verichi che H `e un sottoanello dellanello (A; +, ),
commutativo e dotato di unit`a;
III] si determinino i divisori dello zero nellanello (A; +, ) e si mostri che ogni elemento non nullo di H `e
divisore dello zero in (A; +, ), ma pu`o non essere divisore dello zero nellanello (H; +, ).
3. Sia p un numero primo; si consideri il polinomio f(x) = x
3
1 Z
p
[x]. Si provi che sono tra loro
equivalenti le seguenti condizioni:
i) `e p = 3;
ii) f(x) possiede in Z
p
una radice che ha molteplicit`a 2;
iii) f(x) possiede in Z
p
una radice che ha molteplicit`a 3.
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) il gruppo costituito da
G = (n, d) [ n Z, d +1, 1
rispetto al prodotto denito da
(n
1
, d
1
) (n
2
.d
2
) = (n
1
+d
1
n
2
, d
1
d
2
).
Si consideri il sottogruppo ciclico T = (1, 1) ) e si verichi quanto segue.
I] Il sottogruppo T non `e normale in (G; ).
II] Linsieme S = (n, (1)
n
) [ n Z `e il minimo (rispetto allinclusione insiemistica) sottogruppo
normale di (G; ) che contiene T.
III] Il sottogruppo S non `e ciclico, ma `e nitamente generato.
2. Si consideri lanello
155
(A; +, ) = (Q; +.) (Z; +, )
(somma diretta esterna di anelli).
Si provi quanto segue.
I] Ogni sottoanello non banale dellanello (A; +, ) ha caratteristica zero.
II] Per ogni intero positivo n esiste nellanello (A; +, ) uno ed un solo ideale I
n
tale che lanello quoziente
(A/I
n
; +, ) ha caratteristica n.
III] Esiste in (A; +, ) qualche ideale proprioJ tale che lanello quoziente (A/J; +, ) ha caratteristica zero.
3. Sia (V ; +) uno spazio vettoriale sinistro su un corpo K. Sia n un intero pressato e sia f : V V
lapplicazione denita da f(v) = nv per ogni v V . Si provi che f `e un K-endomorsmo dello spazio
vettoriale V ; inoltre, se f non `e lendomorsmo nullo di V , f `e un automorsmo di V .
aprile 2005
ALGEBRA I
1. Siano f : X Y , g : Y T, h : T V tre applicazioni.
Si provi che, se le applicazioni fg e gh sono biiettive, allora anche le tre applicazioni f, g.h sono biiettive.
Se le applicazioni fg e gh sono suriettive, lo sono anche le tre applicazioni f, g, h?
2. Si consideri lanello (A; +, ) dove
A = (a, b) [ a, b C
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ac, ad +bc)
dove c indica il complesso coniugato dellelemento c C.
I] Si determinino i divisori dello zero in (A; +, ).
II] Si mostri che (A; +, ) possiede dei sottocampi propri e che linsieme dei sottocampi propri di (A; +, )
ammette minimo (rispetto allinclusione insiemistica).
3. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; sia D linsieme costituito dallo zero e dai divisori
dello zero di (A; +, ).
I] Si consideri un polinomio ax +b A[x].
Si mostri che, se ax +b `e un divisore dello zero nellanello (A[x]; +, ), allora a, b D.
Si provi che, se per ogni a, b D con a ,= 0 il polinomio ax +b `e divisore dello zero in (A[x], +, ),
allora D `e un sottoanello dellanello (A; +, ).
II] Nel caso particolare (A : +, )=(Z
n
; +, ) si provi che, se D `e sottoanello proprio di (Z
n
; +, ), allora
i) `e n = p
r
con p primo e r 2;
ii) ogni polinomio ax +b con a, b D, a ,= 0 `e divisore dello zero in (Z
n
[x]; +, ).
giugno 2005
ALGEBRA I
1. Sia (S; ) un insieme ordinato.
Per s
1
, s
2
S si scriva s
1
< s
2
per indicare che s
1
s
2
con s
1
,= s
2
.
Sia T = S S = (a, b) [ a, b S; si denisca in T una relazione ponendo per (a, b), (c, d) T
(a, b) (c, d) se e solo se `e a < c oppure a = c e b d.
Si verichi quanto segue.
I] `e una relazione dordine in T.
II] (T; ) `e totalmente ordinato se e solo se (S; ) `e totalmente ordinato.
III] Sia (S; ) non totalmente ordinato; (T; ) `e reticolo se e solo se (S; ) `e reticolo dotato di massimo
e di minimo.
In tal caso (T; ) ha minimo? ha massimo?
156
2. Sia k Q0 ssato. Sia A = (a, b) [ a, b Q; A `e un anello ripetto alla somma e al prodotto
deniti come segue:
(a, b) + (c, d) = (a +c, b +d)
(a, b) (c, d) = (ad +bc, bd +kac)
Si mostri quanto segue.
I] Esistono valori di k per i quali lanello (A; +, ) `e un campo ed altri per i quali non lo `e.
II] Sia k tale che lanello (A; +, ) non `e campo. Allora
i) per ogni r Q linsieme H
r
= (a, ra) [ a Q `e un sottogruppo del gruppo additivo (A; +) ed
esiste qualche r Q per il quale H
r
non `e sottoanello dellanello (A; +, );
ii) nellanello (A; +, ) esiste qualche sottoanello privo di unit`a;
iii) nellanello (A; +, ) esiste qualche sottoanello proprio che contiene lunit`a di (A; +, );
iv) nellanello (A; +, ) esiste qualche sottoanello proprio che possiede una unit`a diversa dallunit`a di
(A; +, ).
3. Sia (D; +, ) un dominio a fattorizzazione unica; siano a, b
1
, b
2
, . . . , b
n
elementi non nulli di D. Si provi
che a `e primo con lelemento c = b
1
b
2
b
n
se e solo se a `e primo con b
i
per ogni i = 1, 2, . . . , n.
ALGEBRA II
1. Sia (K; +, ) un campo.
Si provi che, se car K = 0, (K; +, ) possiede un sottocampo isomorfo al campo razionale (Q;+, ).
Se ne deduca che, se il gruppo additivo (K; +) `e ciclico, allora il campo (K; +, ) `e isomorfo al campo
(Z
p
; +, ).
2. Nel gruppo GL(2,Z
p
) si considerino lelemento
=
_
1 0
1 1
_
e il sottogruppo ciclico A = ).
I] Si verichi che il sottogruppo A non `e normale nel gruppo GL(2,Z
p
).
II] Si mostri che i sottoinsiemi
B = GL(2,Z
p
) [
1
A = A
C = GL(2,Z
p
) [ =
sono sottogruppi di GL(2,Z
p
) con A C B, A B, C B.
III] Si provi che il gruppo quoziente (B/C; ) `e ciclico e che il gruppo quoziente (B/A; ) `e abeliano.
Il gruppo quoziente (B/A; ) pu`o essere ciclico?.
3. Sia (A; +, ) un anello; sia k un intero sso, maggiore di 1.
Si provi quanto segue.
I] I sottoinsiemi di A
I = x A[ car x divide k e J = y A[ ky = y
sono ideali bilateri dellanello (A; +, ) tali che I J = 0
A
).
II]
`
E I, J ) = A se e solo se `e car A = n > 0 e k
2
k (modn).
luglio 2005
ALGEBRA I
1. Sia f : X Y una applicazione da un insieme X ad un insieme Y . Si provi che f `e suriettiva se
e solo se per ogni insieme Z e per ogni coppia di applicazioni g, h : Y Z tali che sia fg = fh si ha
g = h.
2. Nel gruppo GL(2,Z
p
) (p primo) si consideri il sottoinsieme
G =
_
_
a 0
b a
_
[ a, b Z
p
, a ,= 0
_
157
e si mostri che esso `e un sottogruppo di GL(2,Z
p
).
Si considerino quindi in G i sottoinsiemi
A = G[
p
= I
B = G[
p1
= I
Si mostri che
I] A e B sono sottogruppi del gruppo (G; ) tali che A B = I;
II] per ogni G esistono e sono univocamente determinati A e B tali che = e se ne
deduca che `e
p(p1)
= I
3. Sia (A; +, ) un anello e sia
Z(A) = c A[ ca = ac per ogni a A
Si provi quanto segue.
I] Z(A) `e un sottoanello di (A; +, ).
II] Se per ogni x A `e x
2
x Z(A), allora
i) per ogni x, y A `e xy +yx Z(A);
ii) per ogni x A `e x
2
Z(A);
iii) lanello A `e commutativo.
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo nito di ordine n = rs con M.C.D.(r, s) = 1; sia H un sottogruppo di (G; ) di
ordine r.
Si provi che il sottogruppo H `e normale in (G; ) se e solo se `e H = x G[ x
r
= 1
G
.
2. Sia (K; +, ) un campo. Si consideri lanello di polinomi (K[x]; +, ).
I] Si provi che ogni ideale proprio I dellanello (K[x]; +, ) `e contenuto in un numero nito di ideali
massimali J
1
, . . . , J
r
di (K[x]; +, ).
II] Si mostri con esempi che pu`o essere I = J
1
J
r
ma anche I ,= J
1
J
r
.
III] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lideale I `e intersezione degli ideali massimali che lo contengono;
ii) posto I = f(x) ), f(x) `e irriducibile o prodotto di polinomi irriducibili a due a due non associati.
3. Sia (V ; +) uno spazio vettoriale sinistro su un campo (K; +, ). Si provi quanto segue.
I] Per due qualsiansi vettori v
1
, v
2
V 0
V
si ha
v
1
)
K
= v
2
)
K
oppure v
1
)
K
v
2
)
K
= 0
V
.
II] Se f `e un K-endomorsmo dello spazio vettoriale (V ; +), sono tra loro equivalenti le seguenti con-
dizioni:
i) `e f(W) W per ogni K-sottospazio W dello spazio vettoriale (V ; +);
ii) `e f(v) v )
K
per ogni v V ;
iii) esiste k K tale che per ogni v V `e f(v) = kv.
settembre 2005
ALGEBRA I
1. Si consideri linsieme T(Z) delle parti dellinsieme Z degli interi relativi. Si denisca in T(Z) una
relazione ponendo per A, B T(Z)
A B se e solo se `e A B e BA `e nito.
I] Si verichi che `e una relazione dordine in T(Z).
(T(Z), ) `e un insieme totalmente ordinato? Ammette minimo? ammette massimo?
II] Si provi che per X, Y T(Z) linsieme X, Y ammette minoranti in (T(Z), ) se e solo se ammette
maggioranti.
(T(Z), ) `e un reticolo?
2. Sia (K; +, ) un campo; sia
158
G = (x, y) [ x, y K, y ,= 0
K
.
I] Si verichi che (G; ) `e un gruppo dove il prodotto `e denito da
(x
1
, y
1
) (x
2
, y
2
) = (x
1
+y
1
x
2
, y
1
y
2
)
II] Si mostri che il gruppo (G; ) `e abeliano se e solo se `e [K[ = 2.
III] Fissato a K, si consideri linsieme
S = (x, x a) [ x K, x ,= a
e si provi che S `e un sottogruppo di (G; ) se e solo se `e a = 1
K
.
3. Nel campo complesso C si consideri il sottoanello
A = a +ib

7 [ a, b Z .
Si provi che
I] esiste M.C.D.(3 +i

7, 4);
II] non esiste M.C.D.(12 + 4i

7, 16);
III] esiste M.C.D.(9 + 3i

7, 12).
ALGEBRA II
1. Nel gruppo additivo (Q; +) si consideri il sottogruppo Z. Si provi quanto segue.
I] Lindice [Q : Z] `e innito.
II] Per ogni intero positivo n esiste in (Q; +) un sottogruppo T che contiene Z e tale che [T : Z] = n.
III] Ogni sottogruppo proprio di (Q; +) `e innito e ha indice innito in (Q; +).
2. Sia X un insieme non vuoto; si consideri lanello di Boole (T(X); +, ) associato al reticolo di Boole
(T(X); , ).
Sia T = Y T(X) [ [Y [ `e pari (linsieme vuoto appartiene a T )
Si mostri che
I] T `e sottoanello dellanello (T(X); +, ) se e solo se `e [X[ 2;
II] se X possiede almeno tre elementi distinti, il sottoanello di (T(X); +, ) generato da T `e costituito
da tutti e soli i sottoinsiemi niti di X.
3. Siano (G; ) e (G
t
; ) due gruppi niti. Si provi che se M.C.D.([G[, [G
t
[) = 1, allora lunico omomorsmo
: G G
t
`e lomomorsmo banale (i.e. (g) = 1
G
per ogni g G).
Vale il viceversa?
novembre 2005
ALGEBRA II
1. Sia p un numero primo; sia f(x) = x
2
x + 1 Z
p
[x]. Si consideri lideale I = f(x) ) dellanello di
polinomi (Z
p
[x]; +, ) e il relativo anello quoziente (A; +, ) = (Z
p
[x]/I; +, ).
I] Si provi che lanello (A; +, ) possiede divisori dello zero se e solo se `e p = 3 oppure p 1 (mod6).
II] Si determinino i valori di p per i quali lanello (A; +, ) possiede elementi nilpotenti non nulli.
2. Sia (K; +, ) un campo. Nel gruppo GL(2, K) si considerino gli elementi
=
_
1 0
1 1
_
e =
_
1 0
2 1
_
dove 1 = 1
K
e 2 = 2 1
K
.
Siano A = ), B = ) e H = A, B). Si provi che
I] `e H = AB se e solo se `e car K = 2;
II] H `e nito se e solo se `e car K = p (p primo). Si determini in tal caso lordine di H.
3. Si consideri in (Mat
2
(Z
7
); +, ) il sottoanello A denito da
A =
_
_
x y
y x y
_
: x, y Z
7
_
.
159
Si verichi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede esattamente due ideali propri I e J; si ha I J = 0
A
e A = I, J ) = I +J.
II] Gli anelli (I; +, ) e (J; +, ) sono entrambi isomor allanello (Z
7
; +, ).
III] Lanello (A; +, ) `e isomorfo alla somma diretta esterna (Z
7
; +, ) (Z
7
; +, ).
gennaio 2006
ALGEBRA I
1. Sia (K; +, ) un campo; sia
G = (k, n) [ k K, n Z
Fissato a K0
K
, si denisca in G un prodotto ponendo
(k
1
, n
1
)(k
2
, n
2
) = (k
1
+a
n
1
k
2
, n
1
+n
2
).
Si provi quanto segue.
I] (G; ) `e un gruppo.
II] Linsieme S = (k, 0) [ k K `e un sottogruppo del gruppo (G; ) che contiene ogni sottogruppo
nito di (G; ).
III] Il gruppo (G; ) possiede sottogruppi propri inniti.
Nel caso particolare (K; +, ) =(Q;+, ) ogni sottogruppo proprio di (G; ) `e innito.
2. Fissato k Z
12
, nellanello di matrici (Mat
2
(Z
12
); +, ) si consideri il sottoinsieme
A
k
=
_
_
a b
0 ka
_
: a, b Z
12
_
.
I] Si determinino i valori di k Z
12
per i quali A
k
`e sottoanello di (Mat
2
(bZ
12
); +, ).
II] Si provi che (A
k
; +, ) `e un anello commutativo se e solo se `e k = [1]
12
.
III] Si mostri che, se (A
k
; +, ) `e un anello non commutativo, allora
i) (A
k
: +, ) possiede pi` u unit`a a sinistra, ma non possiede unit`a;
ii) ogni elemento non nullo di (A
k
; +, ) `e divisore dello zero.
3. Si consideri il polinomio f(x) = x
3
+ax +1 Z
11
[x]; si determinino i valori di a Z
11
per i quali f(x)
ammette una radice con molteplicit`a 2.
Esistono valori di a Z
11
per i quali f(x) non ammette radici?
Esistono valori di a Z
11
per i quali f(x) `e irriducibile in Z
11
[x]?
ALGEBRA II
1. Sia (A; +, ) un anello.
I] Sia H un sottoanello proprio di (A; +, ).
i) Si provi che, se car A = n > 0, allora `e car H = m, dove m `e un divisore di n.
ii) Si mostri con esempi che, se car A = 0, pu`o essere car H = 0 o car H = m > 0.
II] i) Si provi che condizione necessaria anche (A; +, ) sia privo di divisori dello zero `e che per ogni
suo sottoanello proprio H si abbia car H =car A.
ii) Si mostri con esempi che la condizione non `e suciente ne se car A = 0 ne se car A = n > 0.
2. Sia p numero primo; nel gruppo GL(3,Z
p
) si consideri il sottogruppo
G =
_
_
_
1 0 0
a 1 0
b c 1
_
_
[ a, b, c Z
p
_
I] Si determini il centro Z(G) del gruppo (G; ).
II] Si provi che un sottogruppo non banale H di (G; ) `e normale in (G; ) se e solo se esso contiene Z(G).
III] Si mostri che il gruppo (G; ) possiede qualche sottogruppo non normale.
3. Sia (K; +, ) un campo; sia f(X) un polinomio di K[x] di grado 2 che ammette in K due radici distinte.
Detto I = f(x) ) lideale di (K[x]; +, ) generato da f(x), si provi che lanello quoziente (K[x]/I; +, ) `e
isomorfo alla somma diretta esterna (K K; +, ).
160
febbraio 2006
ALGEBRA I
1. Sia (G; ) un gruppo; si consideri linsieme
T = = (g, n) [ g G, n Z
e si denisca in T una legge di composizione ponendo
(g
1
, n
1
) (g
2
, n
2
) = (g
1
g
(1)
n
1
2
, n
1
+n
2
).
I] Posto S = = (g, 0) [ g G, si mostri che (S; ) `e un gruppo.
II] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) il gruppo (G; ) `e abeliano;
ii) la legge di composizione `e associativa in T;
iii) (T; ) `e un gruppo.
III] Si denisca nellinsieme T una relazione ponendo per
1
,
2
T

1

2
se e solo se esiste S tale che
1
=
2

e si mostri che `e riessiva e simmetrica.
Si provi poi che `e transitiva se e solo se per ogni a, b, c G esiste x G tale che
abcba = xcx
Si mostri che `e una relazione di equivalenza in T se il gruppo (G; ) `e abeliano.
2. Sia (A; +, ) un anello. Per ogni k A0
A
si consideri lapplicazione
k
: A A denita ponendo

k
(a) = ka per ogni a A.
Si provi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) `e privo di divisori dello zero se e solo se per ogni k A0
A
lapplicazione

k
: A A `e iniettiva.
II] Lanello (A; +, ) `e un corpo se e solo se per ogni k A0
A
lapplicazione
k
: A A `e biiettiva.
3. Sia p un numero primo. In Z
p
[x] si considerino i polinomi
a(x) = x
3
2x
2
+x + 10
b(x) = x
3
+x
c(x) = x
2
5
I] Si determinino i valori di p per i quali M.C.D.(a(x), b(x)) e M.C.D.(c(x), b(x)) sono associati.
II] Si determinino i valori di p per i quali i polinomi (a(x) e b(x) sono coprimi.
ALGEBRA II
1. Sia p un numero primo. Si consideri il gruppo abeliano (G; +) = (Z; +) (Z
p
; +) dove
G = (n, a) [ n Z, a Z
p

(n
1
, a
1
) + (n
2
, a
2
) = (n
1
+n
2
, a
1
+a
2
)
Si provi quanto segue.
I] Linsieme S = (0, a) [ a Z
p
`e lunico sottogruppo proprio nito del gruppo (G; +).
Il sottogruppo S `e ciclico e il gruppo quoziente (G/S; +) `e ciclico innito.
II] Se H `e un sottogruppo del gruppo (G; +) che contiene propriamente S, il gruppo quoziente (G/H; +)
`e ciclico nito.
2. Nellanello di matrici (Mat
2
(Z
13
; +, ) si consideri il sottoanello
A =
_
_
a b
b a
_
: a, b Z
13
_
.
Si mostri che lanello (A; +, ) non `e un campo e che lunica (a meno di isomorsmi) sua immagine
omomorfa propria `e il campo (Z
13
; +, ).
3. Sia (A; +, ) un dominio ad ideali principali; sia I = a ) un ideale proprio di (A; +, ).
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lelemento a A `e irriducibile;
ii) lanello quoziente (A/I; +, ) `e un campo;
iii) lanello quoziente (A/I; +, ) `e privo di divisori dello zero.
161
aprile 2006
ALGEBRA I
1. Sia (S; ) un semigruppo in cui si ha sts = t per ogni s, t S.
Si provi che
I] `e s
2
= t
2
per ogni s, t S;
II] (S; ) `e un gruppo abeliano tale che s
2
= 1
S
per ogni s S.
2. Si consideri lanello A = (q
1
, q
2
) [ q
1
, q
2
Q in cui la somma e il prodotto sono deniti componente
per componente.
Si determinino gli elementi idempotenti e quindi i sottocorpi di (A; +, ).
3. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a; siano a, b D elementi tali che M.C.D.(a, b) = 1.
I] Si provi che se p D `e un elemento primo, allora p `e M.C.D.(pa, pb).
II] Si mostri che, se p D `e un elemento irriducibile, non primo, p pu`o non essere M.C.D.(pa, pb).
giugno 2006
ALGEBRA I
1. Sia (G; ) un gruppo. Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (G; ) `e abeliano;
ii) per ogni a, b G `e (ab)
2
= a
2
b
2
;
iii) esistono tre interi consecutivi r, r+1, r+2 tali che per ogni a, b G e per ogni i r, r+1, r+2
si ha (ab)
i
= a
i
b
i
.
2. Si consideri lanello (Z
n
; +, ) delle classi di resti mod n: si provi quanto segue.
I] Sia H un sottoanello dellanello (Z
n
; +, ): se esiste [r]
n
H con M.C.D.(r, n) = 1, allora H =Z
n
.
II] Lanello (Z
n
; +, ) possiede qualche sottoanello proprio dotato di unit`a se e solo se n non `e potenza
di un numero primo.
3. Si considerino in R[x] i polinomi
(x) = x
4
+x
3
+x
2
+ 3x 6 e (x) = x
2
+k
Si stabilisca per quali valori di k R
I] (x) divide (x);
II] (x) e (x) sono coprimi.
Per i restanti valori di k R si determinino il polinomio monico d(x) =M.C.D.((x), (x)) e i polinomi
f(x), g(x) R[x] tali che d(x) = (x)f(x) +(x)g(x).
ALGEBRA II
1. Si considerino il gruppo additivo (Q; +), il suo sottogruppo normale Z e il gruppo quoziente
(G; +)=(Q/Z; +).
Si provi quanto segue.
I] Il gruppo (G; +) `e innito, ma ogni suo elemento ha periodo nito.
II] Per ogni intero positivo n esiste in (G; +) qualche elemento di periodo n.
III] Per ogni intero positivo n esiste in (G; +) uno ed un solo sottogruppo H
n
di ordine n; il sottogruppo
H
n
`e ciclico.
IV] (G; +) non `e ciclico e possiede sottogruppi propri non ciclici.
2. Sia n N1. Si provi che lanello di classi di resti (Z
n
; +, ) possiede qualche sottocampo se e solo
se `e n = ps con p primo e M.C.D.(p, s) = 1.
3. Nellanello di polinomi (Z
2
[x]; +, ) si consideri lideale I = f(x)) generato dal polinomio f(x) =
x
4
+x
2
+ 1.
Si mostri che
I] lanello quoziente (Z
2
[x]/I; +, ) non `e un campo;
162
II] lanello quoziente (Z
2
[x]/I; +, ) possiede una ed una sola (a meno di isomorsmi) immagine omomorfa
propria.
luglio 2006
ALGEBRA I
1. Sia Q
+
linsieme dei numeri razionali positivi; per
r
s
,
m
n
Q
+
con r, s, m, n N, sn ,= 0 e M.C.D.(r, s)
=M.C.D.(m, n) = 1 si ponga
r
s

m
n
se e solo se `e r < m oppure r = m e s divide n
(dove < indica lordinamento naturale in N).
Si verichi che `e relazione dordine in Q
+
e che (Q
+
; ) `e un reticolo, non catena.
N `e sottoreticolo del reticolo (Q
+
; )?
2. Sia (S
n
; ) il gruppo simmetrico su n lettere; sia A = 1, 2, . . . , r con r n.
Siano
H = S
n
[ (A) = A
C = S
n
[ (a) = a per ogni a A
I] Si provi che H e C sono sottogruppi del gruppo (S
n
; ) e che per ogni H e per ogni C si ha

1
C.
II] La relazione denita in C ponendo per
1
,
2
C

1

2
se e solo se esiste H tale che
2
=
1

`e una relazione di equivalenza.


III] Per r = 3 si calcoli lordine dei sottogruppi H e C.
Si determinino le classi distinte di equivalenza della relazione nei casi n = 4, n = 5,
n = 6 (sempre per r = 3).
3. Sia (A; +, ) lanello denito da
A = (a, b) [ a, b Z
in cui le operazioni + e sono denite componente per componente. Si provi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede unit`a e divisori dello zero.
II] Esistono in (A; +, )
i) sottoanelli non banali, dotati di unit`a e privi di divisori dello zero;
ii) sottoanelli privi di unit`a e privi di divisori dello zero;
iii) sottoanelli privi di unit`a e dotati di divisori dello zero.
III] Se H `e un sottoanello di (A; +, ) dotato di unit`a e di divisori dello zero, allora
i) `e 1
H
= (1, 1) e quindi (n, n) H per ogni n N;
ii) esiste qualche r N tale che (r, 0) H e detto quindi m il minimo intero positivo tale che
(m, 0) H, `e
H = (h, k) A[ h k (modm)
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) il gruppo denito da
G = (n, [r]
2
) [ n, r Z
rispetto al prodotto
(n, [r]
2
)(m, [s]
2
) = (n + (1)
r
m, [r +s]
2
)
Si consideri il sottogruppo N = (2, [0]
2
) ). Si mostri che
I] N `e normale in (G; );
II] il gruppo quoziente (G/N; ) `e un gruppo trirettangolo;
III] se K `e un sottogruppo di (G; ), sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) K contiene N;
ii) K `e normale in (G; ) e il gruppo quoziente (G/K; ) `e abeliano.
163
2. Sia p un numero primo; si consideri lanello di classi di resti (Z
p
r ; +, ) con r N. Si provi che
I] ogni omomorsmo f : Z Z
p
r dallanello (Z;+, ) allanello (Z
p
r ; +, ), diverso dallomomorsmo
nullo, `e suriettivo;
II] esiste uno ed un solo omomorsmo non nullo dallanello (Z;+, ) allanello (Z
p
r ; +, ).
3. Si consideri il polinomio f(x) = x
2
+ 2x + 2 Z[x].
I] Detto I lideale di Q[x] generato da f(x), si mostri che lanello quoziente (Q[x]/I; +, ) `e un campo.
II] Detto J lideale principale di Z[x] generato da f(x), si provi che lanello quoziente (Z[x]/J; +, ) `e
privo di divisori dello zero, ma non `e un campo.
Si mostri che esiste in (Z[x]; +, ) qualche ideale proprio che contiene propriamente J; si indichi un
ideale cosiatto.
settembre 2006
ALGEBRA I
1. Sia (S; ) un monoide e sia s S. Si provi che lelemento s `e invertibile se e solo se esistono x, y S
tali che gli elementi xsy e ysx sono invertibili.
2. Sia k Z sso. Nellinsieme Z
n
delle classi di resti modn si denisca una legge di composizione
ponendo
[a]
n
[b]
n
= [a +kb]
n
I] Si osservi che (Z
n
; ) `e un semigruppo se [k]
n
= [0]
n
ed `e un gruppo se [k]
n
= [1]
n
.
II] Si mostri che, se `e n > 2, esiste k Z tale che (Z
n
; ) non `e semigruppo.
III] Si provi che, se `e n = rs con 1 < r < n e M.C.D.(r, s) = 1, esiste [k]
n
, [0]
n
, [1]
n
tale che (Z
n
; ) `e
semigruppo.
Per qualcuno di tali valori (Z
n
; ) pu`o essere gruppo?
3. Nel campo complesso si consideri il sottoanello
Z[

3] = a +ib

3 [ a, b Z
Sia p un numero naturale primo.
I] Si provi che condizione necessaria e suciente anche il polinomio x
2
+ 3 Z
p
[x] sia irriducibile in
Z
p
[x] `e che p sia elemento primo dellanello Z[

3].
II] La condizione che p sia elemento irriducibile dellanello Z[

3] `e necessaria e/o suciente anche il


polinomio x
2
+ 3 sia irriducibile in Z
p
[x]?
ALGEBRA II
1. Sia (G; ) un gruppo non banale; si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) ogni sottogruppo non banale di (G; ) `e isomorfo al gruppo (G; );
ii) il gruppo (G; ) `e ciclico e lordine di G `e innito o un numero primo.
2. Si consideri lanello (A; +, ) =(Q;+, )(Z; +, ) (somma diretta esterna). Si provi che
I] ogni sottoanello non banale di (A; +, ) ha caratteristica zero;
II] lanello (A; +, ) possiede immagini omomorfe proprie di caratteristica zero e immagini omomorfe
proprie di caratteristica n per ogni intero n 2.
3. Sia (K; +, ) un campo; nellanello di matrici (Mat
3
(K); +, ) si consideri il sottoanello
A =
_
=
_
_
0 0 0
a 0 0
b c 0
_
_
[ a, b, c K
_
I] Per A, ,= 0 si determinino gli elementi dell
i) ideale destro )
d
di (A; +, ) generato da ;
i) ideale sinistro )
s
di (A; +, ) generato da ;
iii) ideale bilatero I

di (A; +, ) generato da .
II] Si verichi che i tre ideali )
d
, )
s
, I

sono propri.
164
III] Si provi che
i) se )
d
= )
s
allora I

= )
d
;
ii) pu`o essere I

= )
d
con )
d
,= )
s
.
novembre 2006
ALGEBRA II
1. Si considerino il gruppo (Z;+) e il suo sottosemigruppo (N;+). Si verichi quanto segue.
I] Se H `e un sottogruppo non banale di (Z;+), HN `e un sottosemigruppo di (N; +).
II] Per ogni a N, detto a )
N
il sottosemigruppo di (N:+) generato da a, esiste un sottogruppo H del
gruppo (Z;+) tale che
a )
N
= HN
III] Per a, b N, detto a, b )
N
il sottosemigruppo di (N; +) generato da a, b, esiste un sottogruppo H
di (Z;+) tale che a, b )
N
= HN se e solo se a divide b o b divide a.
IV] Si determinino gli elementi del sottosemigruppo 3, 5 )
N
.
2. Si provi che gli anelli quoziente
_
Q[x]
x
2
2)
; +,
_
e
_
Q[x]
x
2
+6x+1)
; +,
_
sono isomor, determinando un loro
isomorsmo.
3. Nel campo complesso si consideri il sottoanello
A = a +ib

3 [ a, b Z
Fissato r N, si consideri nellanello (A; +, ) lideale I = r, 1 +i

3 ).
I] Si provi che I `e ideale proprio di (A; +, ) se e solo se r `e pari.
II] Si mostri che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) I `e ideale massimale di (A; +, );
ii) `e I = 2, 1 +i

3 );
iii) `e I = x +iy

3 [ x y (mod2);
iv) `e r = 2t con t N dispari.
gennaio 2007
ALGEBRA I
1. Sia S linsieme delle successioni = (a
1
, a
2
, . . .) di numeri reali positivi; si considerino in S le relazioni

1
,
2
,
3
denite ponendo per = (a
1
, a
2
, . . .) e = (b
1
, b
2
, . . .)

1
se e solo se esiste n N tale che a
k
= b
k
per ogni k n;

2
se e solo se esiste n N tale che a
k
b
k
per ogni k n;

3
se e solo se = oppure esiste n N tale che a
n
< b
n
e a
k
b
k
per ogni k > n.
I] Per ognuna delle tre relazioni si stabilisca se `e relazione di equivalenza o relazione dordine in S.
II] Se
i
`e di equivalenza, si stabilisca se linsieme quoziente
S

i
`e nito o innito.
III] Se
i
`e relazione dordine, si stabilisca se (S;
i
) `e totalmente ordinato, se ha minimo o massimo.
2. Sia (A, +, ) un anello dotato di unit`a; sia V
A
linsieme degli elementi unitari di (A; +, ). Si consideri
linsieme
G = (a, v) [ a A, v V
A

e si denisca in G una legge di composizione prodotto ponendo


(a
1
, v
1
) (a
2
, v
2
) = (a
1
v
2
+a
2
, v
1
v
2
)
I] Si provi che (G; ) `e un gruppo.
II] Si mostri che il gruppo (G; ) `e abeliano se e solo se lunit`a 1
A
`e lunico elemento unitario dellanello
(A; +, ).
III] Si diano esempi in cui
i) (G; ) `e abeliano nito;
165
ii) (G; ) `e abeliano innito;
iii) (G; ) non `e abeliano.
3. Sia p un numero primo; si consideri il polinomio f
a
(x) = x
3
+ax + 1 Z
p
[x].
Si provi che esiste a Z
p
tale che f
a
[x] abbia una radice almeno doppia in Z
p
se e solo se `e p ,= 2 e il
polinomio g(x) = x
3
2 Z
p
[x] `e riducibile in Z
p
[x].
Si indichi un valore di p per cui g(x) `e riducibile in Z
p
[x] e un valore di p per cui g(x) `e irriducibile in
Z
p
[x].
ALGEBRA II
1. Sia (A, +, ) un anello dotato di unit`a; sia V
A
linsieme degli elementi unitari di (A; +, ). Si consideri
il gruppo (G; ) con
G = (a, v) [ a A, v V
A

(a
1
, v
1
) (a
2
, v
2
) = (a
1
v
2
+a
2
, v
1
v
2
)
I] Si mostri che condizione necessaria anche il gruppo (G; ) sia abeliano `e che lanello (A; +, ) abbia
caratteristica 2.
II] Si mostri che la condizione non `e suciente considerando il caso
(A; +, ) =
_
Z
2
[x]
x
2
+x+1)
; +,
_
.
Pi` u precisamente si verichi che in questo caso
i) nel gruppo (G; ) esistono due sottogruppi H e K rispettivamente isomor al gruppo trirettangolo
e al gruppo ciclico di ordine 3 tali che G = HK;
ii) il gruppo (G; ) `e isomorfo al gruppo alterno su quattro lettere A
4
.
2. Sia (K; +, ) un campo di ordine p
3
(p primo); sia K
0
il suo sottocorpo minimo.
I] Si mostri che K
0
= x K[ x
p
= x.
II] Sia : K K lapplicazione denita ponendo
(k) = k
p
2
+k
p
+k
per ogni k K: si mostri che `e un endomorsmo del gruppo additivo (K; +) tale che (K) = K
0
.
III] Si provi che, se p ,= 3, per ogni k K esistono e sono univocamente determinati x K
0
e y Ker
tali che k = x +y.
Si mostri che ci`o non vale per p = 3.
3. Siano (A; +, ) e (B; +, ) due anelli commutativi, non ridotti al solo zero; sia (R; +, ) = (A; +, )
(B; +, ) la loro somma diretta esterna.
I] Si mostri che
i) lanello (R; +, ) `e dotato di unit`a se e solo se gli anelli (A; +, ) e (B; +, ) sono dotati di unit`a;
ii) (R; +, ) `e uno zero anello se e solo se (A; +, ) e (B; +, ) sono zero-anelli.
II] Si considerino le condizioni seguenti:
() gli ideali di (R; +, ) sono tutti principali
() gli ideali di (A; +, ) e quelli di (B; +, ) sono tutti principali
Si mostri che
i) la condizione () implica la condizione ();
ii) se (R; +, ) possiede unit`a, la condizione () implica la condizione ();
iii) se (R; +, ) `e uno zero-anello, pu`o valere la () senza che valga la ().
166
febbraio 2007
ALGEBRA I
1. Sia S un insieme che possiede almeno due elementi distinti; siano T
1
, T
2
T(S) tali che T
1
T
2
= e
T
1
T
2
= S.
I] Si denisca nellinsieme T(S) delle parti di S unapplicazione ponendo per A T(S)
(A) = (A T
1
) ((SA) T
2
).
Lapplicazione : T(S) T(S) `e iniettiva? `e suriettiva?
II] Si denisca in T(S) una relazione ponendo per A, B T(S)
A B se e solo se `e (A) (B)
dove indica linclusione insiemistica.
Si provi che
i) `e relazione dordine in T(S);
ii) (T(S), ) ammette minimo e massimo;
iii) (T(S); ) non `e totalmente ordinato.
2. Si provi quanto segue.
I] (Q0 ; ) `e un gruppo (dove indica lordinario prodotto in Q).
II] Q
+
= r Q[ r > 0 `e un sottogruppo di (Q0 ; ), mentre non sono sottogruppi di (Q0 ; ) gli
insiemi A =
1
p
[ p N, p primo e B = r Q0 [ 1 r 1.
III] Lunico sottogruppo proprio di (Q0 ; ) che contiene propriamente A `e Q
+
mentre non esiste alcun
sottogruppo proprio di (Q0 ; ) che contiene propriamente B.
3. Sia k Z sso; si consideri lanello (A; +, ) con
A = (a, b) [ a, b Z
n

(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) = (a
1
b
2
+a
2
b
1
, b
1
b
2
+ka
1
a
2
)
I] Si verichi che lanello (A; +, ) `e commutativo e dotato di unit`a.
II] Si provi che condizione necessaria anche (A; +, ) sia un campo `e che n sia un numero primo che
non divide k.
III] Si mostri con esempi che la condizione non `e suciente.
ALGEBRA II
1. Si consideri il gruppo (G; ) dove
G =
_
(k
1
, k
2
, ) [ k
1
, k
2
Z, +1, 1
_
e il prodotto `e denito da
(k
1
, k
2
, 1) (h
1
, h
2
, ) = (k
1
+h
1
, k
2
+h
2
, )
(k
1
, k
2
, 1) (h
1
, h
2
, ) = (k
1
+h
2
, k
2
+h
1
, )
Siano A = (1, 0, 1)) e B = (1, 0, 1), (0, 1, 1)).
Si mostri che
I] il sottogruppo A `e normale in (B; ) ma non `e normale in (G; );
II] il sottogruppo B `e normale in (G; );
III] i gruppi quoziente (
B
A
; ) e (
G
B
; ) sono entrambi ciclici. Sono tra loro isomor?
IV] Nessun sottogruppo proprio di A `e normale in (G; ).
Esistono sottogruppi propri di B che sono normali in (G; ).
2. Sia (K; +, ) un campo di ordine p
2
(p primo); sia K
0
il suo sottocorpo minimo. Sia H = y
K[ y
p
+y = 0
K
.
Si provi che
I] H `e un sottogruppo proprio del gruppo additivo (K; +);
II] se p ,= 2, per ogni k K esistono e sono univocamente determinati y H e x K
0
tali che k = x+y.
III] se p = 2, allora H = K
0
.
3. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a.
167
I] Si provi che, se (A; +, ) possiede al pi` u un ideale proprio, allora linsieme dei suoi elementi non unitari
`e un ideale.
II] Si consideri (A; +, ) = (Z
n
; +, ) e si provi che linsieme degli elementi non unitari `e un ideale se e
solo se n `e potenza di primo.
Per quali valori di n questo anello possiede al pi` u un ideale proprio?
aprile 2007
ALGEBRA I
1.Sia (G; ) un gruppo. Fissato k G, si denisca in G una legge di composizione ponendo per a, b G
a b = abk
I] Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) (G; ) `e un semigruppo;
ii) (G; ) ha elemento neutro;
iii) (G; ) `e un gruppo.
II] Se (G; ) `e il gruppo simmetrico su 3 lettere, esiste qualche k G, diverso dalla sostituzione identica,
tale che (G; ) sia un gruppo ?
2. Sia (K; +, ) un campo; siano x, y, z K non tutti nulli. Sia
A =
_
=
_
a b
bx ay +bz
_
: a, b K
_
Si provi che A `e un sottoanello dellanello (Mat
2
(K); +, ) se e solo se `e y = 1
K
. In tal caso si mostri che
I] lanello (A; +, ) possiede unit`a;
II] A `e unitario nellanello (A; +, ) se e solo se `e unitario in (Mat
2
(K); +, );
III] per K =C lanello (A; +, ) non `e campo, mentre per K =R esistono x, z R per i quali lanello
(A; +, ) `e un campo.
3. Sia (D; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a (non campo). Si consideri in D la relazione di
equivalenza denita ponendo per a, b D
a b se e solo se a[b e b[a
Detto X =
D

linsieme quoziente di D rispetto alla relazione , si denisca in X una relazione ponendo


per r

, s

X
r

se e solo se esiste n N tale che r


n
s
Si provi quanto segue.
I] (X; ) `e un insieme ordinato, non totalmente ordinato.
II] (X; ) non ha ne massimo ne minimo.
III] 0
D

e 1
D

sono contemporaneamente elementi massimali e minimali in (X; ).


IV] (X; ) non possiede elementi massimali diversi da 0
D

e 1
D

.
V] Se nel dominio (D; +, ) vale il principio della catena, allora (X; ) possiede elementi minimali diversi
da 0
D

e 1
D

.
giugno 2007
ALGEBRA I
1. Si consideri il gruppo (Z; +) (dove + indica lordinaria somma).
I] Si mostri che (Z;+) possiede sottosemigruppi che non sono sottogruppi.
II] Si provi che, se un sottosemigruppo di (Z;+) contiene qualche intero positivo e qualche intero negativo,
esso `e un sottogruppo di (Z:+).
2. Sia (K; +, ) un campo. Nellanello di matrici (Mat
3
(K); +, ) si consideri il sottoinsieme
A
K
=
_
=
_
_
r1
K
a b
0
K
r1
K
a
0
K
0
K
r1
K
_
_
: r Z, a, b K
_
I] Si verichi che A
K
`e sottoanello dotato di unit`a di (Mat
3
(K); +, ).
II] Si mostri che A
K
`e unitario in (A
K
; +, ) se e solo se esiste s Z tale che (rs)1
K
= 1
K
.
III] Si determinino i divisori dello zero in (A
K
; +, ).
168
IV] Si diano un esempio (scegliendo opportunamente il campo (K; +, )) in cui i divisori dello zero di
(A
K
; +, ) sono tutti e soli gli elementi non nulli e non unitari e un esempio in cui esistono in (A
K
; +, )
elementi non nulli che non sono ne unitari ne divisori dello zero.
3. Nel campo complesso (C;+, ) si consideri il sottoanello A = a +ib

7 [ a, b Z
Sia p N primo.
I] Si provi che p `e elemento primo dellanello (A; +, ) se e solo se il polinomio x
2
+7 Z
p
[x] `e irriducibile.
II] Si mostri che p pu`o essere irriducibile senza essere primo.
III] Si mostri che p pu`o essere riducibile.
ALGEBRA II
1. Sia p un numero primo. Si consideri la somma diretta esterna (G; +) = (Z; +) (Z
p
; +). Sia S
linsieme degli elementi di (G; +) che hanno periodo nito. Si provi quanto segue.
I] S `e lunico sottogruppo proprio nito del gruppo (G; +).
Il sottogruppo S `e ciclico e il gruppo quoziente (G/S; +) `e ciclico innito.
II] Se H `e un sottogruppo di (G; +) diverso da S, sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) H `e ciclico;
ii) S non `e contenuto in H;
iii) `e H S = 0
G
).
2. Siano (A; +, ) un dominio dintegrit`a dotato di unit`a e I un suo ideale.
I] Per a A sia X
a
= x A[ ax I ; si verichi che X
a
`e un ideale di (A; +, ) che contiene I. Si
provi che
i) a I se e solo se `e X
a
= A;
ii) se a , I, il laterale a +I `e un divisore dello zero nellanello quoziente (
A
I
; +, ) se e solo se `e
X
a
,= I.
II] Per a A il laterale a +I
A
I
`e unitario in (
A
I
; +, ) se e solo se `e A = a ) +I
(dove a ) indica lideale di (A; +, ) generato da a).
III] Si mostri con esempi che lanello quoziente (
A
I
; +, ) pu`o essere
i) campo,
ii) dominio dintegrit`a, non campo,
iii) dotato di divisori dello zero.
IV] Si provi che, se (
A
I
; +, ) `e dominio dintegrit`a e (A; +, ) PID, allora (
A
I
; +, ) PID.
Si mostri che non vale il viceversa; di pi u, pu`o essere (
A
I
; +, ) PID con (A; +, ) , UFD.
3. Sia a Z
7
; sia I lideale di (Z
7
[x]; +, ) generato dal polinomio f(x) = x
2
x + a. Si determinino i
valori di a Z
7
per i quali lanello quoziente (Z
7
[x]/I; +, ) `e un campo; per uno di tali valori si determini
un generatore del gruppo moltiplicativo costituito dagli elementi non nulli del campo (Z
7
[x]/I; +, ).
luglio 2007
ALGEBRA I
1. Sia S =R[x]0 linsieme dei polinomi a coecienti in R diversi dal polinomio zero; si denisca in S
una relazione ponendo per (x), (x) S
(x) (x) se e solo se T
(x),(x)
= k R[ (k)(k) 0 `e un insieme vuoto o nito
I] Si verichi che `e una relazione di equivalenza in S.
II] Si stabilisca quante e quali fra le classi 1

, 2

,3

,x

,x
2

,x
3

,x 1

,x 2

sono
distinte.
III] Si mostri che linsieme quoziente
S

`e innito.
2. Si consideri il gruppo (G; ) dove
G =
_
(q, ) [ q Q0, 1, 1
_
(q
1
,
1
) (q
2
,
2
) = (q
1
q

1
2
,
1

2
).
Siano
H = (q, 1) [ q Q0
K = (q, ) G[ q > 0
169
L = (q, ) G[ q > 0, +1, 1
Si verichi che H, K, L sono sottogruppi propri di (G; ) e che G `e la loro unione insiemistica.
Esistono in (G; ) due sottogruppi propri S e T tali che G sia la loro unione insiemistica? (Giusticare la
risposta)
3. Siano p N primo e k Z
p
sso. Si consideri lanello (A; +, ) dove
A = (a, b) [ a, b Z
p

(a
1
, b
1
) + (a
2
, b
2
) = (a
1
+a
2
, b
1
+b
2
)
(a
1
, b
1
) (a
2
, b
2
) = (a
1
b
2
+a
2
b
1
, b
1
b
2
+ka
1
a
2
)
Si provi quanto segue.
I] Lanello (A; +, ) possiede divisori dello zero se e solo se il polinomio x
2
k Z
p
[x] `e riducibile.
II] Detto D linsieme costituito dallo zero e dai divisori dello zero di (A; +, ) e supposto D ,= 0
A
, sono
tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) p = 2 oppure p ,= 2 e k = [0]
p
;
ii) D `e sottoanello di (A; +, );
iii) gli elementi nilpotenti e non nulli di (A; +, ) sono tutti e soli i divisori dello zero.
ALGEBRA II
1. Siano (G; ) un gruppo e N suo sottogruppo normale. Siano A e B due sottogruppi di (G; ) tali che
A, N) = B, N) e A N = B N.
I] Si verichi che, se (G; ) `e ciclico, allora `e A = B. ( Pu`o essere utile considerare separatamente i casi
G innito e G nito)
II] Si provi che, se `e A B, allora `e A = B.
III] Si mostri con un esempio che pu`o essere A ,= B.
2. Nel campo complesso C si consideri il sottoanello A = a + ib

5 [ a, b Z. Sia p N un numero
primo e sia J = p ) lideale principale dellanello (A; +, ) generato da p.
Si provi che sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) lanello quoziente (
A
J
; +, ) `e un campo;
ii) lanello quoziente (
A
J
; +, ) `e privo di divisori dello zero;
iii) p `e elemento primo di (A; +, );
iv) il polinomio x
2
+ 5 Z
p
[x] `e irriducibile.
Se p `e elemento irriducibile dellanello (A; +, ), lanello quoziente (
A
J
; +, ) pu`o non essere campo?
3. Sia (A; +, ) un anello; per x, y A si considerino i sottoanelli X = x)
+,
e Y = y )
+,
generati
rispettivamente da x e da y.
I] Si provi che, se `e X = Y , allora `e car x =car y.
Si mostri con esempi che pu`o non valere il viceversa sia per A nito che per A innito.
II] Si provi che, se (A; +, ) `e nito e dotato di unit`a, sono tra loro equivalenti le seguenti condizioni:
i) per ogni x, y A tali che car x =car y si ha X = x)
+,
= Y = y )
+,
;
ii) il gruppo additivo (A; +) `e ciclico.
settembre 2007
ALGEBRA I
1. Sia (A; +, ) un anello commutativo, dotato di unit`a; sia (V ; ) il gruppo moltiplicativo costituito dagli
elementi unitari di (A; +, ). Si provi quanto segue.
I] Linsieme G = Mat
2
(A) [ det V `e un gruppo rispetto al prodotto righe per colonne.
II] Se W `e un sottogruppo del gruppo (V ; ), linsieme G[ det W `e un sottogruppo del gruppo
(G; ).
III] Se H `e un sottogruppo del gruppo (G; ), linsieme det [ H `e un sottogruppo del gruppo
(V ; ).
IV] Lapplicazione dallinsieme L(G) dei sottogruppi di (G; ) allinsieme L(V ) dei sottogruppi di (V ; )
denita ponendo per ogni H L(G)
(H) = det [ H
`e suriettiva, ma pu`o non essere iniettiva.
170
2. Siano p un numero primo e n N, n 2. Si consideri lanello delle classi di resti (Z
p
n; +, ) e si provi
quanto segue.
I] I divisori dello zero di (Z
p
n; +, ), insieme allo zero, costituiscono un sottoanello D, privo di unit`a, di
ordine p
n1
.
II] Ogni sottoanello proprio di (Z
p
n; +, ) `e contenuto in D.
III] Lanello (Z
p
n; +, ) possiede almeno n 1 sottoanelli propri distinti fra loro.
IV] Nessun sottoanello proprio di (Z
p
n; +, ) `e un corpo, mentre esiste qualche sottoanello proprio di
(Z
p
n; +, ) che `e uno zero-anello.
3. Nellanello di polinomi Z
5
[x] si considerino
f(x) = x
4
+x
3
+ 3x
2
2x e g(x) = x
2
+k
Si determinino i valori di k Z
5
per i quali i polinomi f(x) e g(x) sono coprimi.
ALGEBRA II
1. Nel gruppo simmetrico S
5
di grado 5 si considerino i sottogruppi A = (1, 2, 3), (4, 5) ),
B = (2, 1, 3, 4) ) e H = A, B).
Si determinino gli ordini di A e di B e si deduca anzitutto che `e [H[ 24 con [H[ ,= 30 e [H[ ,= 40.
Si provi quindi che `e H = S
5
.
2. Sia (K; +, ) un campo che possiede un sottocorpo proprio isomorfo al campo (Z
p
; +, ).
I] Si provi che il gruppo additivo (K; +) non `e ciclico.
II] Si mostri che il gruppo moltiplicativo (K0
K
; ) pu`o essere ciclico ma pu`o anche non esserlo.
3. Sia (K; +, ) un campo nito. Nellanello di matrici (Mat
2
(K); +, ) si consideri il sottoanello
A =
_
_
x y
y x y
_
: x, y K
_
I] Si provi che lanello (A; +, ) possiede ideali propri se e solo se esso possiede divisori dello zero.
II] Si mostri che, se (A; +, ) possiede ideali propri, lunica (a meno di isomorsmi) sua immagine omo-
morfa propria `e il campo (K; +, ).
171