Sei sulla pagina 1di 6

Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla

Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio


Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto

1. Valori limite di emissione per impianti industriali.


Al fine di rendere logicamente valide le operazioni di bonifica nelle aree di
elevata crisi ambientale già accertate e perimetrate, nonché avviare un piano
di riduzione del carico inquinante complessivo rilasciato nell’ambiente, gli
impianti o le parti di impianti di cui all’allegato n°1 punti 1,2,3,4,5 e 6, di
concerto con gli Organi di Controllo individuati alla lettera E dell’art.4, dovranno
predisporre “piani vincolanti degli obbiettivi di qualità” per il raggiungimento
progressivo, entro il 31 dicembre 2010, dei valori limite di cui alle seguenti
tabelle A (A1, A2, A3) e B (B1, B2):

Tabella A1 : Limiti di emissioni industriali in atmosfera per gli impianti


di cui all’allegato n°1 punti 1,2,3,4,5 e 6.

Fatto salvo quanto stabilito dalla Legge Regionale n° 44 del 19.12.2008 e


successive modifiche e/o integrazioni riguardante i limiti di emissione in
atmosfera per PCDD/PCDF, entro il 31 dicembre 2010, i valori limite di
emissione degli inquinanti, di cui al D.L.152/2006 parte quinta, allegati I,II,III,IV
e V, dovranno intendersi ridotti in una percentuale non inferiore al 20%.
I valori ottenuti dalla riduzione del 20% dovranno comprendere anche le
emissioni sotto forma di polveri, gas e vapori dei metalli presenti nei relativi
composti.
Il tenore di ossigeno di riferimento per la determinazione degli inquinanti nei
fumi al camino non dovrà essere superiore al valore del 15% (V/V), salvo se
diversamente disposto da Arpa Puglia nel Piano di Campionamento.

Allegati I,II,III,IV e V alla Parte Quinta del D.L.152/2006

Allegato I Valori di emissione


Allegato II Grandi Impianti di combustione
Allegato III Emissioni di composti Organici Volatili
Allegato IV Impianti e attività in deroga
Pagina1

Allegato V Polveri e sostanze organiche liquide


Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla
Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio
Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto

Tabella A2 – Idrocarburi Policiclici Aromatici (I.P.A.)

Prescrizioni sulla qualità dell’aria ambiente.

L’Agenzia per la ricerca sul cancro (I.A.R.C.) ha classificato fino ad oggi 48 IPA.
Di questi, quelli che più frequentemente si ritrovano nell’aria e le rispettive
classi di pericolosità sono riportati nella seguente tabella A2.1

Tabella A2.1 - IPA e Classi di


pericolosità
IPA CLASSE IARC
Benzo(a)Antracene 2A
Benzo(k)Fluorantene 2B
Benzo(b)Fluorantene 2B
Benzo(j)Fluoantene 2B
Benzo(a)Pirene 2A
Dibenzo(ah)Antracene 2A
Indeno[1,2,3-cd]Pirene 2B

L’approccio utilizzato nella stima del rischio per la salute umana derivante
dall’esposizione ad IPA si basa sulla potenza, cancerogenicità e effetti mutageni
dei vari congeneri relativamente a quella del benzo(a)pirene e si esprime in
BaPeq. Pertanto la pericolosità derivante dall’esposizione alla totalità degli IPA
può essere espressa come somma dei Bapeq dei singoli congeneri, che si
ottengono moltiplicando il valore di concentrazione del singolo congenere per il
relativo TEF (fattore di tossicità equivalente). La Tab. C2 esplica tali
considerazioni dettando un “obbiettivo di qualità dell’aria” espresso in BaPeq.

Entro il 31 dicembre 2010 le concentrazioni massime di IPA presenti nell’aria


ambiente non dovranno essere superiori ai valori indicati nella Tabella A2.2 :

Tabella A2.2 Obbiettivo qualità dell’aria


ambiente
IPA TEF
Benzo(a)Antracene 0.10
Benzo(k)Fluorantene 0.10
Pagina1

Benzo(b)Fluorantene 0.10
Benzo(j)Fluoantene 0.10
Benzo(a)Pirene 1.0
Benzo(ghi)Perilene 0.01
Dibenzo(ah)Antracene 0.10
Indeno[1,2,3-cd]Pirene 1.0
Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla
Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio
Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto

Tabella A3 : Limiti di contaminazione del suolo, sottosuolo e delle


acque sotterranee.

Fatti salvi limiti più restrittivi eventualmente vigenti sul territorio per particolari
attività antropiche, entro il 31 dicembre 2010, i valori limite di contaminazione
del suolo, sottosuolo e delle acque sotterranee, in relazione alla specifica
destinazione d’uso dei siti, di cui al D.L.152/2006 allegato5 Tabelle 1e 2
dovranno intendersi ridotti in una percentuale non inferiore al 20%.
Per le sostanze non esplicitamente indicate nelle tabelle 1 e 2 Titolo V di cui
all’allegato 5 del D.L. 152/2006, i valori limite di concentrazione accettabili sono
ricavati adottando quelli indicati per la sostanza tossicologicamente più affine.

Tabelle 1 e 2 Titolo V di cui all’allegato 5 del D.L. 152/2006

Concentrazione soglia di contaminazione


Tabella 1
nel suolo e nel sottosuolo
Concentrazione soglia di contaminazione
Allegato 2
nelle acque sotterranee

Pagina1
Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla
Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio
Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto

Pagina1
Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla
Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio
Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto
Tabella B - Limiti allo scarico in mare e nei corpi idrici del bacino regionale
Valori limite da raggiungere entro il 31.12.2010

Per gli impianti di cui all’allegato n°1


Obbiettivi di qualità (dati espressi in µg/l)
Limite massimo
Sostanza Tabella A
31.12..2010
Alluminio 500
Antimonio 50
Argento 5
Berillio 30
Cobalto 100
Cromo totale 500 200
Ferro 500
Manganese 100
Nichel 100 50
Rame 50
Selenio 10
Vanadio 50
Zinco 250
Tensioattivi anionici 500 200
Tensioattivi non
500 200
ionici
Fenoli totali 50
Diclorofenoli 50 20
Pentaclorofenolo 50 20
∑ Solventi organici
400 300
alogenati
Pentaclorobenzene 20 10
∑ Solventi organici
100 50
aromatici
Benzene 100 50
Toluene 100 50
Xilene 100 50
∑ Pesticidi
10
organofosforici
∑ erbicidi e
10
assimilabili
Pagina1
Allegato n ° 2 Copia originale della proposta di Legge Regionale presentata alla
Regione Puglia in data 31 marzo 2009 Prot.Segreteria Presidente del Consiglio
Regionale n° 2009000003365
redatta da : Marcello Caracciolo – Resp.Provinciale Ambiente Sinistra Democratica
Taranto
∑ Solventi organici
400 300
alogenati
Pentaclorobenzene 20 10
∑ Solventi organici
100 50
aromatici
Benzene 100 50
Toluene 100 50
Xilene 100 50
∑ Pesticidi
10
organofosforici
∑ erbicidi e
10
assimilabili

Tabella B1 - Limiti di concentrazione (*) allo scarico in mare e nei corpi idrici
del bacino regionale per gli impianti di cui all’allegato n ° 1
Obbiettivi di qualità (dati espressi in µg/l – Diossine pg/l -TE)

Limite entro
Inquinante Limite
2010
IPA (nota 1) 1 µg/l
DIOSSINE 0,5 pg/l /TE) 0.2
CIANURI 5 µg/l
ARSENICO 1 µg/l
PIOMBO 10 µg/l 5
CADMIO 1 µg/l
MERCURIO 0,5 µg/l 0,2
POLICLOROBIFENILI assenti
PESTICIDI
assenti
ORGANOCLORURATI
TRIBUTILSTAGNO assenti
Pagina1