Sei sulla pagina 1di 75

Il giapponese in venti unit Vol 1

Ayaya superf.

Il giapponese in venti unit


Grammatica giapponese

Vol 1
First Edition

Ayaya superf.
con la collaborazione di Lilly-chan

III

Sommario
UNIT 1 Introduzione alla lingua ........................................................................................................................ 1 Il sistema di scrittura giapponese ................................................................................................. 1 Nozioni di fonetica e trascrizione ................................................................................................. 4 La struttura grammaticale della frase ........................................................................................... 4 UNIT 2 Le particelle agglutinanti ...................................................................................................................... 5 Il tema e il soggetto....................................................................................................................... 5 Le particelle di caso ....................................................................................................................... 6 Le particelle di congiunzione ........................................................................................................ 7 Le particelle enfatiche ................................................................................................................... 8 Le particelle finali .......................................................................................................................... 8 UNIT 3 I sostantivi ........................................................................................................................................... 10 Sostantivizzazione dei verbi ........................................................................................................ 11 Sostantivizzazione degli aggettivi ............................................................................................... 11 UNIT 4 Gli aggettivi ......................................................................................................................................... 13 La funzione attributiva ................................................................................................................ 14 La funzione di predicato aggettivale ........................................................................................... 14 Avverbializzazione degli aggettivi ............................................................................................... 16 Congiunzione degli aggettivi ....................................................................................................... 17 UNIT 5 I pronomi ............................................................................................................................................ 18 I pronomi personali ..................................................................................................................... 18 I deittici spaziali ........................................................................................................................... 19 Gli interrogativi ........................................................................................................................... 19 Gli indefiniti ................................................................................................................................. 20 UNIT 6 I numeri............................................................................................................................................... 22 I classificatori numerali ............................................................................................................... 24 UNIT 7 I verbi .................................................................................................................................................. 26 Le basi verbali ............................................................................................................................. 26 Il Non-passato ............................................................................................................................. 27 Il Passato ..................................................................................................................................... 28 Il verbo essere ............................................................................................................................. 30 UNIT 8 Classificazione dei verbi ...................................................................................................................... 31 Verbi dazione ............................................................................................................................. 31 Verbi di stato ............................................................................................................................... 31 Verbi transitivi ............................................................................................................................. 32 Verbi intransitivi .......................................................................................................................... 32 UNIT 9 La forma in -te..................................................................................................................................... 34 UNIT 10 Il passivo ........................................................................................................................................... 36 La forma passiva dei verbi........................................................................................................... 36 Costruzione passiva..................................................................................................................... 37 UNIT 11 Il causativo ........................................................................................................................................ 39 La forma causativa dei verbi ....................................................................................................... 39 Costruzione causativa ................................................................................................................. 40

IV UNIT 12 Il potenziale ...................................................................................................................................... 42 La forma potenziale dei verbi ..................................................................................................... 42 Costruzione potenziale ............................................................................................................... 43 UNIT 13 La forma volitiva dei verbi ................................................................................................................ 45 UNIT 14 Frasi che esprimono esistenza .......................................................................................................... 46 UNIT 15 Frasi che esprimono possesso .......................................................................................................... 48 UNIT 16 Espressioni di trasferimento ............................................................................................................. 50 UNIT 17 Espressioni di cambiamento ............................................................................................................. 52 UNIT 18 Espressioni di movimento................................................................................................................. 54 UNIT 19 Comparazione ................................................................................................................................... 56 Comparazione tra due elementi ................................................................................................. 56 Comparazione tra pi elementi .................................................................................................. 58 UNIT 20 Linguaggio relazionale ...................................................................................................................... 60 Stile Piano ................................................................................................................................... 61 Linguaggio di Rispetto ................................................................................................................. 61

UNIT 1

Pagina |1

UNIT 1

Introduzione alla lingua

Il sistema di scrittura giapponese


Lunit base della lingua giapponese la sillaba, costituita nella maggior parte dei casi da una consonante seguita da una vocale; il giapponese utilizza contemporaneamente tre sistemi di scrittura: gli alfabeti sillabici (kana) chiamati hiragana e katakana ed il sistema dei kanji. Oggi ampiamente diffuso anche in Giappone lutilizzo dellalfabeto latino.

KANJI
I kanji traggono le loro origini dai caratteri cinesi dellepoca Han (206 a.C. 220 d.C.). Nel corso dei secoli essi sono stati adattati alla fonetica giapponese e semplificati per renderli pi facili da leggere e scrivere. Durante la pi recente conferenza nazionale sui kanji (conferenza di Ty) stato stabilito che il numero minimo di kanji necessari per una corretta comprensione della lingua scritta di 1945. A differenza del cinese, il giapponese utilizza i kanji solamente per le parole di senso compiuto e per le radici di aggettivi e verbi. Ogni kanji associato ad un radicale, un segno cio che compone il kanji stesso e che permette di riconoscerlo e spesso di comprenderne anche il significato. Attualmente esistono 214 radicali che possono coincidere con il carattere stesso o derivare dalla semplificazione di un carattere; i radicali sono suddivisi in sette classi, asseconda della posizione che essi assumono allinterno del kanji: 1. Hen: radicali che stanno nella porzione sinistra del kanji. 2. Tsukuri: radicali che stanno nella porzione destra del kanji. 3. Kammuri/kashira: radicali che stanno nella porzione superiore del kanji. 4. Ashi: radicali che stanno nella porzione inferiore del kanji. 5. Tare: radicali che costituiscono langolo superiore sinistro del kanji. 6. Ny: radicali che costituiscono langolo inferiore sinistro del kanji. 7. Kamae: radicali che contengono al loro interno un carattere. Per ogni kanji possiamo distinguere due ordini di lettura: la lettura on ( on-yomi) e la lettura kun ( kun-yomi). Il primo ordine deriva direttamente dalla lettura cinese del carattere e viene utilizzato quando il carattere in combinazione con altri per formare un lemma; il secondo rappresenta la lettura propriamente giapponese e si usa quando il carattere viene utilizzato come unit di significato singola. Per ogni kanji possono esistere pi letture on e kun.

UNIT 1

Pagina |2

HIRAGANA
Gli hiragana derivano dalla semplificazione grafica di alcuni kanji; il sillabario composto da una serie di quarantotto sillabe e viene utilizzato per scrivere le desinenze degli aggettivi e dei verbi (okurigana), per trascrivere la lettura dei kanji (furigana), per i kanji complessi da scrivere, per le parole propriamente di origine giapponese e per alcune locuzioni grammaticali. Il sillabario hiragana, cos come quello katakana, suddiviso in quattro sottocategorie, in base alla natura dei suoni in esso presente; vi sono i suoni puri ( seion), i suoni impuri ( dakuon), i suoni semipuri ( handakuon) e infine i suoni contratti ( yon).

a ka sa ta na ha ma ya ra wa n i u ki ku shi su chi tsu ni nu hi fu mi mu yu ri ru e ke se te ne he me


re

o ko so to no ho mo yo ro wo
pa

pi

pu

pe

po


kya sha cha nya hya mya gya ja bya pya

ga gi za ji da ji ba bi
gu zu zu bu

kyu shu chu nyu hyu myu gyu ju byu pyu

kyo sho cho nyo hyo myo gyo jo byo pyo

ge ze de be

go zo do bo

UNIT 1

Pagina |3

KATAKANA
Il katakana deriva, anchesso, dalla stilizzazione di alcuni radicali dei kanji e viene usato per la traslitterazione delle parole straniere, per porre pi enfasi su una parola allinterno della frase, per scrivere i nomi scientifici di piante e animali e nel linguaggio tecnico-scientifico.

a ka sa ta na ha ma ya ra wa n i u ki ku shi su chi tsu ni nu hi fu mi mu yu ri ru e ke se te ne he me


re

o ko so to no ho mo yo ro wo
pa

pi

pu

pe

po


kya sha cha nya hya mya gya ja bya pya

ga gi za ji da ji ba bi
gu zu zu bu

kyu shu chu nyu hyu myu gyu ju byu pyu

kyo sho cho nyo hyo myo gyo jo byo pyo

ge ze de be

go zo do bo

Trascrizione dei suoni di origine straniera


kwa kwi gwa gwi kwe kwo gwe gwo she je tu tyu du dyu
tse che fe we ve


tsa fa va

ti di tsi fi wi vi

tso fo wo vo

fu vu

UNIT 1

Pagina |4

Nozioni di fonetica e trascrizione


Il giapponese una lingua polisillabica ad accento tonale; questo significa che in ogni parola non troveremo un unico accento cos come avviene nelle lingue neolatine e neogermaniche ma ogni sillaba che costituisce il lemma avr un proprio accento. Allinterno di ogni parola, oltre alla divisione sillabica, possibile effettuare la divisione in more, gli elementi fondamentali che determinano il ritmo della lingua orale; il conteggio delle more segue due precise regole: 1. Tutti gli hiragana e i katakana corrispondono ad una mora ciascuno. 2. La geminazione consonantica segnalata da uno / scritto pi piccolo prima della consonante da geminare ( sokuon) corrisponde ad una mora. Anche se generalmente il giapponese una lingua che possiede una trasparenza fonemica molto bassa (in altre parole, si legge per come si scrive), ci sono degli accorgimenti necessari da adottare affinch si acquisisca una corretta pronuncia; le vocali sono distinte in vocali brevi (come quelle in italiano) e vocali lunghe, di durata maggiore rispetto alle prime. La i semimuta a fine di parola se preceduta da e, come nella parola sensei pronunciata sens. La u semimuta a fine di parola, come nei verbi desu e masu pronunciati des e mas. La u e la i sono semimute se si trovano fra sue consonanti sorde (k, s, sh, t, ch, h, f, p) e dopo le fricative h, s , z. Per esempio gakusei si pronuncia gaksee e deshita si pronuncia deshta. La h seguita da i corrisponde al fonema IPA [], cio una h molto aspirata. La r corrisponde ad un sono intermedio tra la r e la l italiana. Essa viene pronunciata asseconda delle parole e dei parlanti come i fonemi IPA [] e []; in entrambi i casi si tratta di un fonema alveolare, ottenuto cio facendo sbattere la punta della lingua contro gli alveoli. Per trascrivere una parola straniera in giapponese, come gi detto, si utilizza il katakana e la trascrizione effettuata riportando unicamente la pronuncia di tale parola, prestando particolare attenzione alle vocali lunghe e adattando le sillabe non esistenti in giapponese, con le loro corrispondenti pi vicine in katakana. Le vocali lunghe in hiragana vengono rese scrivendo due volte la corrispondente vocale corta, mentre in katakana si usa far seguire il simbolo ( chon) alla vocale. La trascrizione in caratteri latini ( rmaji) del giapponese viene invece effettuata grazie allausilio dei sistemi di traslitterazione. I pi conosciuti e utilizzati sono il sistema Nihonshiki e il sistema Hepburn. Questultimo viene utilizzato pi frequentemente, in quanto rispecchia maggiormente la pronuncia fonetica del giapponese ed quello utilizzato in questo libro. Le vocali lunghe di solito vengono trascritte con un macron soprascritto (, , , , ). In particolare, il simbolo viene utilizzato sia per rappresentare il dittongo che il pi frequente ; il simbolo viene invece usato solo per la trascrizione del katakana mentre per quella dellhiragana viene usata la scrittura ii.

La struttura grammaticale della frase


Il giapponese una lingua cosiddetta SOV, cio che nella costruzione della frase segue lo schema Soggetto-Oggetto-Verbo. Tutti gli altri complementi possono essere posti indifferentemente allinterno della frase, ricordando per, che pi un elemento sintattico vicino al verbo, pi importanza assumer nel contesto; il verbo impersonale e si trova sempre alla fine della frase. Ogni complemento (compresi il soggetto ed il tema della frase) sempre seguito da una particella agglutinante che ne determina la funzione grammaticale.

UNIT 2

Pagina |5

UNIT 2

Le particelle agglutinanti

Il ruolo delle particelle agglutinanti ( jshi) quello di seguire una parola per determinarne il significato logico allinterno della frase (soggetto, tema, complementi ). In giapponese necessario il loro utilizzo in quanto in questa lingua non sono presenti n la flessione nominale n lutilizzo delle preposizioni. Si distinguono in particelle: di complemento o caso, di congiunzione, enfatiche e finali.

Il tema e il soggetto
In giapponese esistono due particelle che accompagnano linformazione principale della frase; esse sono e , che rispettivamente indicano il tema ed il soggetto della frase. A un parlante di origine italiana risulta difficile individuare se ci di cui si sta parlando il soggetto o il tema della frase; a questo proposito ci sono delle linee guida che aiutano lo studente ad utilizzare correttamente le due particelle.

Segue il tema della frase. Quello un ristorante giapponese (lett. di cucina giapponese). (Are wa nihon ryri no resutoran desu) Viene utilizzato per marcare un contrasto: una cosa X, mentre unaltra non X. I gatti mi piacciono, ma i cani no. (Neko wa sukidesu ga, inu wa suki dewa arimasen) Un altro uso fondamentale di quello di indicare, allinterno di una frase, uninformazione che si conosce gi o di cui si parlato nella frase precedente. Aya sta giocando in giardino con il cane. (Aya-chan wa niwa de inu to asonde imasu) (linformazione nuova costituita da ci che sta facendo Aya, non da Aya stessa).

UNIT 2

Pagina |6

Indica il soggetto della frase. Dalla finestra si vede una montagna. (Mado kara yama ga miemasu) Nelle frasi descrittive accompagna loggetto/la persona/levento che si sta descrivendo. I fiori di ciliegio erano belli. (Sakura ga kirei deshita) Infine, indica linformazione nuova in una frase, linformazione sconosciuta allinterlocutore e che apprender nel momento dellenunciazione della stessa. Nel giardino, Aya sta giocando con il cane. (Niwa de Aya-chan ga inu to asonde imasu) (linterlocutore non sa chi c in giardino, n cosa stia facendo Aya)

Le particelle di caso

Per i suoi usi vedi la lezione dedicata; in presenza delle particelle , e non viene utilizzata.

Indica il complemento oggetto; in presenza delle particelle , e non viene utilizzata.

Indica il complemento di stato in luogo, il complemento dagente, il complemento di moto a luogo, il tempo in cui si svolge unazione o un cambiamento e il complemento di termine; pu essere seguito da altre particelle.

Indica il complemento di moto a luogo (in alternativa a ); pu essere seguito da altre particelle.

Indica il complemento di compagnia e il termine di paragone/riferimento; pu essere seguito da altre particelle.

UNIT 2

Pagina |7

Indica il punto di partenza, di inizio e di origine di una causa, il complemento di materia e il complemento di agente nella forma passiva; pu essere seguito da altre particelle.

Indica il secondo termine di paragone; pu essere seguito da altre particelle.

Indica il punto darrivo e di termine; pu essere seguito da altre particelle.

Indica il luogo dove di svolge unazione, il complemento di mezzo e strumento, di causa, di tempo, di stima, di prezzo e di argomento; pu essere seguito da altre particelle.

Le particelle di congiunzione

Congiunge i sostantivi in un elenco esauriente (non viene utilizzato per fare esempi). Aya e Miki sono le GAM. GAM(Ayaya to Mikitty wa GAM desu)

Congiunge i sostantivi fornendo un elenco non esaustivo (viene utilizzato per fare esempi). In questa borsa ci sono delle chiavi, un cellulare e un portafoglio. (Kono kaban dewa keitai denwa ya kagi ya saifu ga arimasu)

Congiunge due sostantivi, formandone il complemento di specificazione . La regola prevede, a differenza dellitaliano, che il possessore venga anteposto alloggetto posseduto, inframmezzato dalla particella. Quella la penna del professore (Sore wa sensei no pen desu)

UNIT 2 Questa la mia macchina. (Kore wa watashi no kuruma desu)

Pagina |8

Congiunge due sostantivi ponendo unalternativa: o o. Mi contatti tramite mail o tramite fax. (Mru ka fakkusu de renraku shite kudasai)

Le particelle enfatiche

Equivale ad anche, persino; luso di questa particella esclude lutilizzo delle particelle , e . Anche un bambino saprebbe leggere questo kanji. (Kodomo mo kono kanji o iu hodo kantan desu)

Equivale a solo, soltanto nelle frasi il cui verbo nella forma affermativa; luso di questa particella esclude lutilizzo delle particelle , e . Al solo guardare c da preoccuparsi. (Miru dake de shinpai ni narimasu)

Equivale a solo, soltanto (richiede il verbo al negativo); luso di questa particella esclude lutilizzo delle particelle , e .

Per i suoi usi vedi la lezione dedicata; in presenza delle particelle , e non viene utilizzata.

Le particelle finali

Viene posposta al verbo per rendere interrogativa la frase. In giapponese luso del punto interrogativo limitato alla trascrizione del discorso diretto informale anche se possibile trovare tale simbolo anche in

UNIT 2

Pagina |9

testi letterari o giornalistici; in qualunque caso, luso del punto di domanda sostituisce luso della particella . Lei la signora Suzuki? S, sono io. (Anata wa Suzuki-san desu ka. Hai, watashi desu)

Viene posposta al verbo per rendere esclamativa la frase; anche qui, luso del punto esclamativo sostituisce luso della particella. Guarda che ormai tardi! (M osoi desu yo)

Viene posposta al verbo per chiedere conferma allinterlocutore su ci che si detto; equivale a , no!?, , vero!? . Telefonami ancora, ok!? (Mata denwa shite ne)

UNIT 3

P a g i n a | 10

UNIT 3

I sostantivi

Per i sostantivi giapponesi ( meishi) non esiste distinzione n di genere n di numero; i sostantivi non sono accompagnati da articoli, siano essi determinativi o indeterminativi. Soltanto una ristrettissima categoria di nomi supporta una particolare forma che potrebbe essere assimilabile al plurale italiano; per tale forma esistono quattro suffissi: 1. : segue sostantivi e nomi propri, rendendo lidea di una collettivit. Se segue un nome proprio, sintende un gruppo di persone che fa capo alla persona nominata. 2. : riservato ai sostantivi nei confronti dei quali si sottolinea la deferenza. Luso quasi esclusivamente limitato alla parola professori ( senseigata). 3. : viene usato solo per i sostantivi riferiti alla prima persona in contesti in cui bisogna adottare un linguaggio umile. 4. : informale, se ne consiglia luso solo per i pronomi personali. Un altro modo per formare il plurale di un nome di ripeterlo due volte. Esso verr scritto ripetendo due volte lo stesso kanji () oppure facendo seguire al primo kanji il kanji (); in ogni caso, la seconda ripetizione del nome assume la forma del dakuon relativo alla sillaba iniziale, ammesso che esista. I seguenti sostantivi sono gli unici che reggono questa forma: (ieie) case (hitobito) persone (katagata) persone (yamayama) montagne (kigi) alberi (kamigami) divinit (shimajima) isole (tokorodokoro) luoghi (tokidoki) talvolta (hanabana) fiori (hibi/nichinichi) giorni (kumigumi) nazioni (muramura) villaggi.

UNIT 3

P a g i n a | 11

Sostantivizzazione dei verbi


Il sostantivo derivato da un verbo rappresentato dalla B.ind per i verbi ichidan e dalla B-masu per quelli godan. (Vedi UNIT 7)

V.diz
(kangaeru) pensare (owaru) finire

Base
(kangae) (owari)

Sostantivo
(kangae) il pensiero (owari) la fine

Sostantivizzazione degli aggettivi


Per estrarre il sostantivo da un aggettivo esistono tre modalit. La prima, pi usata, quella di aggiungere alla radice dellAgg-i [Agg-i-R] e a quella dellAgg-na [Agg-na-R]. (Vedi UNIT 4)

F. base
(omoi) pesante (benri na) comodo

Radice
(omo) (benri)

Sostantivo
(omo-sa) peso (benri-sa) comodit

La seconda, meno frequente e non applicabile a tutti gli aggettivi, quella di aggiungere alle radici degli aggettivi.

F. base
(amai) dolce (kanashii) triste

Radice
(ama) (kanashi)

Sostantivo
(ama-mi) dolcezza (kanashi-mi) tristezza

UNIT 3

P a g i n a | 12

La terza ed ultima forma quella che riguarda gli aggettivi che esprimono i colori. In questo caso il sostantivo derivato corrisponde alla radice dellaggettivo.

F. base
(kuroi) nero (aoi) blu (kiiroi) giallo

Radice
(kuro) (ao) (kiiro)

Sostantivo
(kuro) il nero (ao) il blu (kiiro) il giallo

UNIT 4

P a g i n a | 13

UNIT 4

Gli aggettivi

Gli aggettivi, cos come i verbi, sono impersonali e possiedono una propria declinazione piana e formale, nonch quella temporale. Come in italiano, anche laggettivo giapponese pu svolgere funzione attributiva (precede il nome cui si riferisce) o di predicato aggettivale (viene seguito dal verbo). Gli aggettivi si distinguono in due categorie: aggettivi in -i [Agg-i] e aggettivi in -na [Agg-na].

AGGETTIVI IN -I
Gli aggettivi in -i ( i keiyshi) sono, come dice il loro stesso nome, tutti gli aggettivi che terminano con la sillaba . Anche qui laggettivo composto da una parte invariabile (radice) scritta solitamente in kanji e da una parte variabile scritta in hiragana. La radice degli aggettivi in -i [Agg-i-R] quindi si forma sottraendo la sillaba finale allaggettivo nella forma base. (tsuyoi) forte (hiroi) ampio (hayai) veloce (atarashii) nuovo (subarashii) fantastico, straordinario

AGGETTIVI IN -NA
Gli aggettivi in -na ( na keiyshi) sono detti falsi aggettivi perch sono invariabili nelle forme e derivano da sostantivi. Tutti gli aggettivi presi in prestito da lingue straniere (in particolare dallinglese) vengono classificati in questa categoria e, pertanto, vengono utilizzati seguendo le regole grammaticali di tale classe aggettivale. Va, comunque, detto che in tutti i dizionari, questi aggettivi vengono riportati senza la sillaba [Agg-na-R], in quanto, questa sillaba svolge il suo ruolo esclusivamente nella funzione attributiva dellaggettivo e mai in quella di predicato aggettivale. (shinsetsu na) gentile (shizuka na) calmo, silenzioso (kantan na) facile (ymei na) famoso (benri na) comodo (happ na) happy = felice

UNIT 4

P a g i n a | 14

La funzione attributiva
AGGETTIVI IN -I ()
Precede il nome a cui si riferisce, mantenendo invariato laggettivo. Una nuova borsa. (Atarashii kaban) Un treno veloce. (Hayai densha)

AGGETTIVI IN -NA ()
Precede il nome a cui si riferisce, mantenendo la particella . Un parco tranquillo. (Shizuka na koen) Un bel ragazzo. (Hansamu na otoko no ko)

La funzione di predicato aggettivale


Aggettivi in -i ()
Svolgendo la funzione del predicato, viene posto alla fine della frase. Anche nellaggettivo esistono le due forme cortese e piana.

FORMA PIANA ()
Presente Affermativo: viene utilizzato laggettivo nella forma base [F. base]. Negativo: si fa seguire Agg-i-R con . Passato Affermativo: si fa seguire Agg-i-R con . Negativo: si fa seguire Agg-i-R con .

Affermativo
Presente Passato (nagai)

Negativo
(naga-kunai)

(naga-katta) (naga-kunakatta)

UNIT 4

P a g i n a | 15

STILE CORTESE ()
Si aggiunge allaggettivo coniugato nella Forma Piana. La cosa pi importante che finale non venga mai coniugato.

Affermativo

Negativo

Presente (nagaidesu) (naga-kunaidesu) Passato (naga-kattadesu) (naga-kunakattadesu)

Aggettivi in -na ()
Si forma aggiungendo il verbo essere, opportunamente coniugato, allaggettivo privo di .

FORMA PIANA ()
Affermativo Negativo

Presente (shinsetsu da) (shinsetsu dewa nai) Passato (shinsetsu datta) (shinsetsu dewa nakatta)

STILE CORTESE ()
Affermativo
Presente Passato (shinsetsu desu)

Negativo
(shinsetsu dewa arimasen)

(shinsetsu deshita) (shinsetsu dewa arimasendeshita)

UNIT 4

P a g i n a | 16

Avverbializzazione degli aggettivi


Sia gli Agg-i che gli Agg-na possono diventare avverbi mediante la variazione della propria desinenza.

AGGETTIVI IN -I ()
Si sostituisce la finale della forma base con .

F. base
(katai) duro (hayai) veloce

Avverbio
(kata-ku) duramente (haya-ku) velocemente

AGGETTIVI IN -NA ()
Si aggiunge alla radice dellaggettivo.

Agg-na (shizuka na) silenzioso


(majime na) serio

Agg-na-R
(shizuka) (majime)

Avverbio
(shizuka ni) silenziosamente (majime ni) seriamente

UNIT 4

P a g i n a | 17

Congiunzione degli aggettivi


Sia gli Agg -i sia gli Agg-na possono essere congiunti tra di loro, quando in una frase sono elencate pi di una caratteristica che si riferiscono al medesimo sostantivo. Gli Agg-i vengono collegati tra loro utilizzando la forma avverbializzata degli stessi seguita dalla sillaba , ad eccezione dellultimo aggettivo che rimane nella forma di semplice predicato aggettivale. Gli Agg-na, invece, sostituiscono la sillaba finale con , escluso lultimo aggettivo che resta in forma di predicato aggettivale. Infine, la congiunzione mista di Agg-i e Agg-na segue le regole precedentemente esplicate.

Combinazione
Agg-i + Agg-i

Esempio
(nagai + hosoi) lungo + sottile (kantan na + hitsuy na) facile + utile (utsukushii + ymei na) bello + famoso

Frase
(nagakute hosoidesu) lungo e sottile (kantan de hitsuy desu) facile ed utile (utsukushiku ymei desu) bello e famoso

Agg-na + Agg-na

Agg-i + Agg-na

Agg-na + Agg-i

(shinsetsu na + omoshiroi) (shinsetsu de omoshiroidesu) gentile + interessante gentile ed interessante

UNIT 5

P a g i n a | 18

UNIT 5

I pronomi

I pronomi ( daimeishi), a differenza dei sostantivi, sono soggetti alla distinzione di genere nel caso della terza persona singolare e plurale; non si riscontrano, invece, differenze tra i pronomi personali soggetto ed i pronomi personali complemento. Lunico pronome riflessivo (jibun) che invariabile nel genere, ma che al plurale diventa (jibuntachi). Si ricorda inoltre che comune lellissi dei pronomi personali sia nello scritto che nel parlato. I pronomi si dividono in due categorie: interrogativi, indefiniti. Secondo la grammatica italiana, gli interrogativi vengono distinti in aggettivi interrogativi, pronomi interrogativi e pronomi interrogativi; secondo la grammatica giapponese, si pu dire, che questa distinzione non rilevante. La stessa regola vale per gli indefiniti. Fanno parte della categoria dei pronomi anche i pronomi personali e i deittici spaziali.

I pronomi personali
Singolare Prima persona Seconda persona (watashi) (kare) egli (kanojo) ella Plurale *

Terza persona

* raramente utilizzato e usualmente sostituito dal corrispondente pronome maschile.

UNIT 5

P a g i n a | 19

I deittici spaziali
Vicino al parlante Vicino allascoltatore Lontano dagli interlocutori
Persone e oggetti (Pronomi) Persone e oggetti (Aggettivi) Direzione Luogo Qualit Grado Modo questo questo da questa parte qui, qua questo tipo questo grado questo modo codesto codesto da codesta parte l, l (cost) codesto tipo codesto grado codesto modo quello quello da quella parte l, l quel tipo quel grado quel modo

Gli interrogativi
Precedono il verbo/sintagma verbale. Solitamente vengono posti subito prima del verbo, ma non mancano le eccezioni. (dare)/: chi? (il secondo pi formale) (nani/nan): cosa? (pu essere seguito da sostantivi, classificatori, suffissi ) Quello cos? (Are wa nan desu ka) Che ore sono? (Nanji desu ka) Che/quale numero ? (Nanban desu ka) /: come?, in che modo? (il secondo pi formale) : quale? (fra pi oggetti) : dove? : quale direzione?, quale? (fra due). + sostantivo: che tipo? (viene sempre seguito dal sostantivo) + sostantivo: quale? (fra tre o pi; viene sempre seguito dal sostantivo) : quale grado?, quale livello? : quanto allincirca?

UNIT 5

P a g i n a | 20

: quando? /: perch? (viene messo, come in italiano, allinizio della frase; il secondo pi formale) : quanto? (soprattutto usato per il denaro) : quanti? (usato anche per chiedere let)

Gli indefiniti
In base al contesto, essi possono assumere il ruolo di tema, soggetto o complemento, e quindi essere seguiti dalle opportune particelle, oppure mantenere un ruolo indicativo.

PARTITIVI
Per indefiniti partitivi si intendono quei pronomi, aggettivi e avverbi indefiniti che rendono lidea di una parzialit. Si formano aggiungendo agli interrogativi corrispondenti. : qualcuno : qualcosa : qualche parte, qualche luogo : prima o poi, un giorno : chiss perche, per qualche motivo : uno, qualcuno (fra molti oggetti) : uno, qualcuno (fra due oggetti) : un po, qualche : alcuni

ESCLUSIVI
Si formano aggiungendo agli interrogativi corrispondenti. : nessuno (verbo negativo); chiunque (verbo affermativo) : niente, nulla (verbo negativo) : in nessun luogo (verbo negativo); ovunque (verbo affermativo) : sempre (verbo affermativo) : nessuno (verbo negativo); entrambi (verbo affermativo) : nessuno (verbo negativo); tutti (verbo affermativo) : molti, tanti : molti + sostantivo + : nessun (verbo negativo); qualunque, qualsiasi + sostantivo +: nessun tipo di (verbo negativo); qualsiasi tipo di

UNIT 5

P a g i n a | 21

SOMMATIVI
Per indefiniti sommativi si intendono quei pronomi, aggettivi e avverbi indefiniti che rendono lidea di una totalit. Si formano aggiungendo agli interrogativi corrispondenti. : chiunque : qualsiasi cosa : ovunque : sempre, in qualsiasi momento : qualsiasi qualit : uno qualunque (tra molti oggetti) : entrambi (oggetti)

UNIT 6

P a g i n a | 22

UNIT 6

I numeri

Anche in giapponese i numeri ( sji) si distinguono in numeri cardinali e numeri ordinali. Luso di tali parti della frase viene quasi sempre regolato da particolari regole, nonch dallaggiunta di determinati suffissi in casi definiti.

NUMERI CARDINALI
/ rei ichi ni san yon/shi go roku nana /shichi hachi ky/ku j hyaku sen zero uno due tre quattro cinque sei sette otto nove dieci cento mille

I numeri successivi al dieci sono, come in italiano, la combinazione di due o pi simboli, che devono il loro valore asseconda della posizione in cui si trovano. Si avr allora che undici sar scritto (jichi), il dodici sar (jni), e cos via Per formare i numeri multipli di dieci, invece, basta far precedere il numero che diventer multiplo di dieci al dieci stesso; quindi venti sar = 210 (nij), trenta = 310 (sanj) Allo stesso modo si prosegue per formare le cifre con le centinaia e le migliaia. Da diecimila in poi il sistema cambia, in quanto non si usa pi un sistema deci-centesimale, cio non si conta pi nellordine delle tre cifre, ma nellordine delle quattro cifre, utilizzando il sistema decimillesimale; si comincia con (man) preceduto dallunit per formare i multipli di diecimila, fino ad una cifra con un massimo sette zeri (10.000.000 diecimilioni). Le unit successive sono (oku), che esprime numeri da otto a undici zeri, e (ch) che esprime cifre da dodici a quindici zeri; tutte e tre possono essere preceduti da dieci, cento e mille. Il valore di tale numero

UNIT 6

P a g i n a | 23

sar quindi pari al prodotto tra le unit in base dieci (10, 100, 1000) e il valore della cifra successiva (, , ). 673 1.289 9.000 10.000 90.000 100.000 1.000.000 10.000.000 100.000.000 1.000.000.000 100.000.000.000 1.000.000.000.000 (rokuhyakushichijsan) (sennihyakuhachijky) (kysen) (ichiman) (kyman) (jman) (hyakuman) (senman) (ichioku) (hyakuoku) (issenoku) (icch)

1010.000 10010.000 100010.000 100100.000.000 1000100.000.000

NUMERI ORDINALI
I numeri ordinali possono essere composti in quattro modi: Facendo seguire il suffisso (ban) al numero. Di solito viene tradotto con lespressione numero Numero uno, numero due, numero tre (ichiban, niban, sanban) Facendo seguire il suffisso (me) al numero provvisto di classificatore. La prima persona, il settimo giorno (hitorime, nanokame) Facendo seguire il suffisso (banme) al numero. Primo, secondo, terzo (ichibanme, nibanme, sanbanme) Facendo precedere il suffisso (dai) al numero provvisto o meno di classificatore. Primo, secondo, terzo (daiichi, daini, daisan)

UNIT 6

P a g i n a | 24

I classificatori numerali
Per contare oggetti, animali, persone, giorni ecc. non basta esprimere solo la quantit numerica, ma bisogna aggiungere uno suffisso specifico per ogni categoria che si intende enumerare. I classificatori numerali ( josshi) hanno quindi un ruolo semantico, indicando lappartenenza delelemento contato ad una categoria con caratteristiche specifiche. Il fenomeno nella lingua italiana che si avvicina maggiormente alluso dei classificatori della lingua giapponese quello riguardante lesprimere quantit di liquidi: se si pu dire comprare due macchine non si pu, al contrario, dire comprare due acque. Per aver senso, la frase precedente, deve contenere un cosiddetto classificatore numerale che ne indicher correttamente la quantit: si pu quindi dire comprare due bottiglie dacqua; la parola bottiglia assume un ruolo molto importante nel significato della frase. In giapponese questo tipo di ragionamento viene sempre fatto, comportando cos il necessario utilizzo di un classificatore per esprimere una data quantit. I classificatori numerali hanno di per s una pronuncia che segue sempre la pronuncia del numero che si vuole esprimere; ci sono tuttavia alcune variazioni fonetiche nella pronuncia del classificatore che segue il numero uno, il numero otto e in qualche caso altri numeri. Va infine precisato che per i classificatori il numero quattro viene sempre pronunciato yon e il numero sette nana. chaku dai do hai haku hiki hon generico chilogrammi, chilometri pagine vestiti automobili, computer, elettrodomestici volte, gradi bicchieri pernottamenti animali piccoli oggetti cilindrici: penne, tubi, bottiglie mai nin sai sara satsu soku t ts wa kai ken ko piani edifici oggetti piccoli oggetti piatti: magliette, fogli, piatti persone et piatti libri, volumi paia di scarpe o calze animali grandi lettere, mail uccelli, conigli

kagetsu mesi (come durata) kai volte

UNIT 6

P a g i n a | 25

Esistono inoltre dei classificatori che si riferiscono ad unit di tempo, i quali possono essere seguiti da un ulteriore classificatore (kan) che ne modifica il significato, indicando in questo caso la durata di tempo. by fun ji ka/nichi sh getsu nen secondi minuti ore giorni settimane mesi anni

ORDINE DEI CLASSIFICATORI NUMERALI NELLA FRASE


Per costruire una frase dove si vuole esprimere una quantit, esistono due forme:

Sostantivo + particella agglutinante + quantit + classificatore numerale + verbo. Quantit + classificatore numerale + + sostantivo + particella agglutinante + verbo.

La prima pu essere usata solo in presenza di verbi preceduti da , e e in presenza dei verbi e ; la seconda in tutti gli altri casi. Ho comprato 6 piatti. (Sara o rokumai kaimashita) Davanti alla villa ci sono quattro pini. (Bess no mae ni ki ga yonhon arimasu) Ci sono quattro sedie. (Isu ga yottsu arimasu) Dietro di lei si vedono due gatti. (Sono oku ni nihiki no neko ga miete imasu) Sulla scrivania ci sono otto penne. (Tsukue no ue ni hachihon no pen ga arimasu)

UNIT 7

P a g i n a | 26

UNIT 7

I verbi

Il verbo ( dshi), in giapponese, ha le propriet della modalit, della voce, del tempo e dellaspetto, ma non della persona e del numero; come gi detto, il verbo in giapponese viene posto sempre alla fine della frase. I tempi verbali si distinguono in due categorie: Non-passato (pi frequentemente chiamato Presente) e il Passato; il primo corrisponde ai tempi verbali italiani del Presente e del Futuro Indicativo, mentre il secondo corrisponde a tutti i tempi passati italiani dellIndicativo (Imperfetto, P. Remoto, Trapassati ). Inoltre esistono due forme di ogni declinazione verbale: la Stile Cortese ( teineitai) che viene usata in contesti formali e la Forma Piana ( futskei), usata in contesti familiari e verso le persone di grado inferiore. I verbi si suddividono in tre categorie: ungrada ( ichidan dshi), pentgrada ( godan dshi) e verbi irregolari ( fukisoku dshi). Inoltre ci sono altri verbi, quali il verbo essere e andare, che si comportano in maniera particolare, pur non essendo considerati irregolari. Il verbo sempre composto da una radice (parte invariabile), che indica il valore semantico e che viene scritta in kanji, e dalla desinenza (variabile) che stabilisce, tra le altre cose, il tempo verbale. Per poter coniugare correttamente un verbo bisogna sempre aggiungere le adeguate desinenze alle cosiddette basi verbali.

Le basi verbali
I verbi ichidan sono quelli che terminano in e in , anche se va ricordato che esistono verbi godan che possiedono la stessa terminazione. Tali verbi possiedono ununica base indefinita [B.ind] che si trova togliendo finale al verbo nella forma del dizionario [V.diz].

V.diz

B.ind

(taberu) (tabe) (miru) (mi)

UNIT 7

P a g i n a | 27

I verbi godan sono tutti i rimanenti verbi, che possono terminare in tutte le altre sillabe che finiscono per u (u, ku, su, tsu ). La base di questi verbi cambia in base al suffisso che segue e per la sua formazione viene sostituita lultima vocale asseconda della base che si vuol formare.

Vocale
Base in -nai [B-nai] Base in -masu [B-masu] Voce del dizionario [V.diz] Base del condizionale [B-condizionale] Base del volitivo [B-volitivo] a i u e o

V.diz

Base
(yoma) (yomi)

(yomu) (yomu) (yome) (yomo)

Per i verbi che terminano in u, la B-nai viene formata sostituendo la u finale con la sillaba wa.

V.diz
(mau) (kau) (may)

Sillaba

B-nai
(mawa)

wa

(kawa) (mayowa)

I verbi irregolari sono soltanto due: (suru) fare e (kuru) venire. La loro irregolarit riguarda dei cambiamenti morfologici che si verificano in alcuni tempi verbali e non possiedono una forma base valida per tutte le desinenze.

Il Non-passato
FORMA PIANA ()
Affermativo: viene utilizzato il verbo alla V.diz. Negativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-nai dei verbi godan.

V.diz

Affermativo

Negativo
(tabe-nai) (yoma-nai)

(taberu) (tabe-ru) (yomu) (yom-u)

UNIT 7

P a g i n a | 28

STILE CORTESE ()
Affermativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-masu dei verbi godan. Negativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-masu dei verbi godan.

V.diz
(taberu) (yomu)

Affermativo
(tabe-masu)

Negativo
(tabe-masen)

(yomi-masu) (yomi-masen)

Verbi irregolari
NON PASSATO ()
V.diz
(kuru)

Affermativo
(kuru)

Negativo
(konai)

NON PASSATO ()
V.diz

Affermativo

Negativo

(kuru) (kimasu) (kimasen)

Il Passato
FORMA PIANA ()
Affermativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-masu dei verbi godan. Questa costruzione presenta, per, delle varianti, asseconda della terminazione della V.diz:

Terminazione Desinenza

V.diz
(arau) (yomu) (kaku) (oyogu)

Passato
(ara-tta) (yo-nda) (ka-ita) (oyo-ida)

(hanasu) (hana-shita)

UNIT 7 Negativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-nai dei verbi godan.

P a g i n a | 29

V.diz
(deru) (kiku)

Affermativo
(de-ta)

Negativo
(de-nakatta)

(ki-ita) (kika-nakatta)

STILE CORTESE ()
Affermativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-masu dei verbi godan. Negativo: si pospone alla base dei verbi ichidan o alla B-masu dei verbi godan.

V.diz
(deru) (kiku)

Affermativo
(de-mashita)

Negativo
(de-masendeshita)

(kiki-mashita) (kiki-masendeshita)

Verbi irregolari
PASSATO ()
V.diz
(kuru)

Affermativo
(kita)

Negativo
(konakatta)

PASSATO ()
V.diz

Affermativo

Negativo

(kuru) (kimashita) (kimasendeshita)

UNIT 7

P a g i n a | 30

Il verbo essere
Il verbo essere non viene considerato un verbo irregolare, ci nonostante presenta delle particolarit nella sua coniugazione.

NON-PASSATO
V.diz Affermativo
Forma Piana Stile Cortese

Negativo
(dewa nai) (dewa arimasen)

PASSATO
V.diz Affermativo
Forma Piana Stile Cortese

Negativo
(dewa nakatta) (dewa arimasendeshita)

UNIT 8

P a g i n a | 31

UNIT 8

Classificazione dei verbi

Verbi dazione
Si chiamano verbi dazione ( dsa dshi) tutti quei verbi che esprimono unazione o un cambiamento. La maggior parte dei verbi in giapponese rientra in questa classificazione.

VERBI DAZIONE VOLONTARIA


Il gruppo dei verbi dazione volontaria ( ishi dshi) composto da quei verbi che esprimono azioni intenzionali dellagente. (hataraku) lavorare (kuru) venire (kiku) ascoltare (aruku) camminare (odoru) ballare

VERBI DAZIONE NON-VOLONTARIA


La categoria dei verbi dazione non-volontaria ( muishi dshi) raggruppa tutti i verbi che esprimono eventi o situazione che il soggetto non pu controllare volontariamente. Con questi verbi non possiamo costruire forme grammaticali quali limperativo, il volitivo, il potenziale, il passivo (saku) fiorire (furu) cadere (kowareru) rompersi (umareru) nascere

Verbi di stato
Si definiscono verbi di stato ( jtai dshi) tutti quei verbi che descrivono una condizione dessere. I verbi di stato sono essenzialmente verbi dazione non volontaria e, pertanto, le costruzioni possibili sono le stesse di tali verbi.

UNIT 8

P a g i n a | 32

Esistono pochi verbi di stato, i pi comuni e importanti da ricordare possiamo dividerli in classi di appartenenza in base al loro valore semantico e sono: - Esistenza o possesso: esserci/avere - esserci/avere

Capacit o possibilit: riuscire/potere - capire Necessit: (iru) servire - occorrere Relazione: (chigau) essere diverso - (kotonaru) essere differente

Verbi transitivi
I verbi transitivi ( tadshi) sono quei verbi che tendono a focalizzare lattenzione sullagente e che possono essere seguiti da un complemento oggetto; importante ricordare che se un verbo transitivo o intransitivo in italiano, non lo necessariamente in giapponese, e viceversa.. Mangio gli spaghetti. (Supagetti o tabemasu) Sono sbocciati dei fiori rari. (Mezurashii hana ga sakimashita)

Verbi intransitivi
I verbi intransitivi ( jidshi) tendono, invece, a centrare lattenzione sul soggetto della frase e che non necessitano di un complemento oggetto; spesse volte, luso del verbo intransitivo giapponese, vicino a quello dei verbi riflessivi o impersonali dellitaliano. Molto spesso, uno stesso verbo possiede entrambe le varianti transitiva e intransitiva; in tal caso, il verbo sar soggetto ad una modificazione morfologica che render distinguibili le due forme; tale variazione morfologica interessa, per, soltanto la parte del suffisso, lasciando inalterata la radice, depositaria del significato logico del verbo. Di seguito sono riportati alcuni esempi di verbi che ammettono sia la forma transitiva che quella intransitiva:

Radice del verbo


(a) (ta) (ya) (ita) (tsu)

Forma transitiva
(aku) aprirsi, essere aperto (tatsu) essere costruito (yakeru) essere bruciato (itameru) ferirsi (tsumaru) riempirsi

Forma intransitiva
(akeru) aprire (tateru) costruire (yaku) bruciare (itamu) ferire (tsumeru) riempire

UNIT 8 Prima di uscire di casa sveglio mio figlio. (F. transitiva) (Ie o deru tame ni musuko okosu) Mi sveglio ogni giorno alle 7.00. (F. intransitiva) (Mainichi shichiji ni okiru) Ho terminato la lezione. (F. transitiva) (Jugy o oemashita) La lezione terminata. (F. intransitiva) (Jugy wa owarimashita)

P a g i n a | 33

UNIT 9

P a g i n a | 34

UNIT 9

La forma in -te

La forma in -te una speciale forma grammaticale che, pur non avendo un significato logico, fondamentale nella grammatica giapponese poich costituisce la base di numerose perifrastiche (costruzioni verbali derivate). Va precisato che in questa costruzione non esiste la distinzione delle forme piana e cortese. Per il momento ci concentreremo soltanto nella forma positiva, tralasciando quella negativa che usata in ambito delle proposizioni. Per gli Agg-na e per i sostantivi, in realt, non si dovrebbe parlare di forma in -te bens di forma in -de, ma per comodit viene chiamata per tutti allo stesso modo.

VERBI ()
Segue le medesime regole della formazione del passato affermativo nella Forma Piana (osservando anche le eccezioni sillabiche), con la differenza che al posto della sillaba viene aggiunta la sillaba .

V.diz
(miru) (odoru)

Passato
(mi-ta) (odo-tta)

Forma in -te
(mi-te) (odo-tte)

(hanasu) (hana-shita) (hana-shite)

AGGETTIVI IN -I ()
Sia aggiunge alla radice [Agg-i-R].

F. base

Agg-i-R

Forma in -te

(tsuyoi) (tsuyo) (tsuyo-kute) (atsui) (atsu) (atsu-kute)

UNIT 9

P a g i n a | 35

AGGETTIVI IN -NA ()
Sia aggiunge alla radice [Agg-na-R].

F. base
(kirei na)

Agg-na-R
(kirei)

Forma in -te
(kireide)

(shizuka na) (shizuka) (shizukade)

SOSTANTIVI ()
Sia aggiunge al sostantivo.

Sostantivo

Forma in -te

(gakusei) (gakusei de) (sekai) (sekai de)

UNIT 10

P a g i n a | 36

UNIT 10

Il passivo

La forma passiva dei verbi


La forma passiva giapponese, come quella italiana, utilizzata per indicare unazione che viene subita da qualcuno o per focalizzare lattenzione sugli effetti derivanti dallazione compiuta.

VERBI ICHIDAN ()
Si pospone alla base indefinita del verbo. Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz

B.ind

Forma passiva

(homeru) (home) (home-rareru) (kiru) (ki) (ki-rareru)

VERBI GODAN ()
Si pospone alla B-nai del verbo. Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz

B-nai

Forma passiva

(sawagu) (sawaga) (sawaga-reru) (yomu) (yoma) (yoma-reru)

UNIT 10

P a g i n a | 37

VERBI IRREGOLARI ()
V.diz
(kuru)

Forma Piana
(korareru)

Stile Cortese
(koraremasu)

Costruzione passiva
Per costruzione passiva ( ukemi hygen), in giapponese, si intende quel patrimonio di regole grammaticali che bisogna adoperare per costruire una frase che presenta il verbo nella sua forma passiva.

COSTRUZIONE PASSIVA DI BASE


Esaminiamo la seguente frase: (Tori wa mushi o tabemasu) gli uccelli mangiano gli insetti; dal punto di vista grammaticale il tema della frase gli uccelli, mentre gli insetti rappresenta il complemento oggetto. La frase d maggiore risalto a chi/che cosa mangia gli insetti. Se noi volessimo porre lattenzione su colui/che cosa subisce lazione espressa del verbo, ci ritroveremmo di fronte ad una frase passiva, che in tal caso sarebbe: gli insetti vengono mangiati dagli uccelli. In questa frase, gli insetti assumono il ruolo di tema grammaticale, mentre gli uccelli assumono quello di complemento dagente, il tutto accompagnato da un cambiamento diatetico del verbo dalla forma attiva magiare a quella passiva essere mangiato. La frase in giapponese risulter, allora, essere: (Mushi wa tori ni taberaremasu). Il cane ha morso Rika. (Inu ga Rika-chan ni kamitsukimashita) Rika stata morsa dal cane. (Rika-chan wa inu ni kamitsukaremashita) Il presidente ha chiesto al sig. Suzuki (di fare) delle fotocopie. (Shach wa Suzuki-san ni kop o tanomimashita) Al sig. Suzuki stato chiesto dal presidente (di fare) delle fotocopie. (Suzuki-san wa shach ni kop o tanomaremashita)

IL COMPLEMENTO DAGENTE
Il complemento dagente colui che compie lazione. Nelle frasi passive, questo complemento pu essere seguito da tre diverse particelle di caso: , e . La particella la pi largamente utilizzata e pu essere utilizzata quasi in qualunque caso. La particella usata in presenza di verbi che presuppongono un destinatario espresso da un complemento con nella forma attiva e con i verbi che esprimono sentimenti.

UNIT 10

P a g i n a | 38

Ad esempio (okuru) regalare, (watasu) consegnare, (ataeru) dare, (ai suru) amare La particella viene utilizzata con verbi che esprimono concetti di produzione, creazione o distruzione.

COSTRUZIONE PASSIVA CHE ESPRIME DANNO


Questa costruzione va usata quando parliamo di una persona che, pur non avendo subito direttamente lazione, subisce un disagio o un danno dagli effetti scaturiti dallazione stessa. La sua costruzione rispecchia la costruzione passiva di base. Ieri piovuto e mio fratello si bagnato. (riceve un danno dal fatto che sia piovuto) (Otto wa kin ame ni furaremashita) Il mese scorso gli morto il suo adorato cane. (riceve un danno dal fatto che gli sia morto il cane) (Kare wa aiken ni sengetsu shinaremashita)

COSTRUZIONE PASSIVA CHE ESPRIME SPONTANEIT


Questa particolare funzione della frase passiva utilizzata per esprimere il fatto che sentimenti, emozioni e pensieri avvengano spontanei e senza possibilit di controllo da parte delluomo. Mi preoccupo per le condizioni di salute di mia nonna. (Sobo no karada no guai ga shinpai saremasu) Quando vengo in questa casa, mi viene in mente il sorriso del nonno. (Kono uchi ni kuru to, sofu no egao ga omoidasaremasu)

UNIT 11

P a g i n a | 39

UNIT 11

Il causativo

La forma causativa dei verbi


Il causativo di un verbo utilizzato per indicare unazione che viene fatta fare a qualcuno su indicazione o ordine di qualcun altro; questa forma verbale, spesso, sottintende una differenza di livello sociale tra colui che d lordine e colui che lo riceve.

VERBI ICHIDAN ()
Si pospone alla base indefinita del verbo. Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz

B.ind

Forma causativa

(taberu) (tabe) (tabe-saseru) (deru) (de) (de-saseru)

VERBI GODAN ()
Si pospone alla B-nai del verbo. Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz
(noru)

B-nai
(nora)

Forma causativa
(nora-seru)

(yomu) (yoma) (yoma-seru)

UNIT 11

P a g i n a | 40

VERBI IRREGOLARI ()
V.diz
(kuru)

Forma Piana
(kosaseru)

Stile Cortese
(kosasemasu)

Costruzione causativa
Nella lingua giapponese la costruzione causativa ( shieki hygen) serve ad esprimere sia il fatto che il soggetto obbliga lagente a fare qualcosa, sia che qualcuno (soggetto) permette allagente di fare unazione.

COSTRUZIONE CAUSATIVA DI BASE


Per costruire una frase causativa, viene normalmente rispettato lordine: soggetto, agente, eventuale oggetto e verbo al causativo. La madre ha fatto prendere una medicina molto amara al figlio. (Hahaoya wa kodomo ni totemo nigai kusuri o nomasemashita) Il professore fa scrivere molte lettere allalunno. (Sensei wa gakusei ni tegami o kakasemasu) Lascio mio figlio giocare liberamente nel parco. (Musuko o ken de jiy ni asobaremasu) Eleonora fa correre il cane in giardino. (Ereonora-san wa niwa de inu o hashirasemasu)

IL COMPLEMENTO DAGENTE
Il complemento dagente delle frasi con verbo al causativo pu essere seguito da due particelle di caso: e . Si usa in presenza di verbi intransitivi che prevedono lesistenza di un complemento di moto per luogo (che viene, per lappunto, seguito da , escludendone unulteriore utilizzo) e con i verbi chiacchierare, rispondere e simili. Si usa in presenza di verbi che esprimono sentimenti ed emozioni, quando lagente un oggetto e quando gi presente nella frase un complemento seguito da . In tutti gli altri casi, le particelle sono intercambiabili tra loro. Tuttavia sussiste una lieve differenza tra le due particelle: quando si usa , il soggetto della frase non considera le intenzioni dellagente, si usa , invece, quando il soggetto lascia allagente una certa libert di decisione.

UNIT 11 Faccio camminare mio figlio sul marciapiede. (Kodomo ni hod o arukaseru) Mio fratello ha fatto ridere tutti. (Otto wa minna o warawasemashita) Ho rialzato la bottiglia caduta. (Taoreta bin o tataseta)

P a g i n a | 41

La professoressa ha fatto correre gli alunni nella gara di maratona. A1: (Sensei wa marasontaikai de seito o harasemashita) A2: (Sensei wa marasontaikai de seito ni harasemashita)

UNIT 12

P a g i n a | 42

UNIT 12

Il potenziale

La forma potenziale dei verbi


La forma potenziale dei verbi viene usata sia per esprimere la possibilit di realizzare o meno una certa azione, sia per descrive delle capacit.

VERBI ICHIDAN ()
Si pospone alla base del verbo. Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz
(taberu)

B.ind
(tabe)

Forma potenziale
(tabe-rareru)

(oboeru) (oboe) (oboe-rareru)

VERBI GODAN ()
Si utilizza la Base del condizionale [B-condizionale] seguita dal suffisso . Il verbo cos ottenuto si coniuga come un normale verbo ichidan.

V.diz
(kaku)

B-condizionale
(kake)

Forma potenziale
(kake-ru)

(hanasu) (hanase) (hanase-ru)

UNIT 12

P a g i n a | 43

VERBI IRREGOLARI ()
V.diz
(kuru)

Forma Piana
(korareru)

Stile Cortese
(koraremasu)

Costruzione potenziale
La costruzione potenziale giapponese ( kan hygen), come quella italiana, viene utilizzata per esprime la possibilit di realizzare unazione e per descrivere delle capacit fisiche o mentali. Il verbo esprime, come gi detto, sia la possibile realizzazione di unazione, sia che il soggetto in grado di fare quanto espresso dal verbo. Se dekiru segue un sostantivo, la struttura da utilizzare : S mentre se esso segue un verbo, il costrutto il seguente: V. diz Qui si possono fare delle fotocopie? (Koko de kop ga dekimasu ka) Aya sa sciare. (Aya-san wa suk ga dekiru) Non si pu fumare allinterno dellaereo. (Hikki no naka de tabako o suu koto ga dekimasen) Il sig. Smith riesce a leggere anche i quotidiani giapponesi. (Sumisu-san wa nihongo no shinbun o yomu koto ga dekimasu) Al posto dellultima costruzione, possibile usare la forma potenziale dei verbi, senza che la frase subisca notevoli cambiamenti di significato. Si ricorda per che la forma potenziale esiste solo per i verbi di azione volontaria e che solitamente la particella viene sostituita con per indicare il complemento oggetto indiretto della forma potenziale; inoltre il verbo in forma potenziale pu essere usato per descrivere qualcosa in base alle sue qualit o alle sue prestazioni. Non si pu fumare allinterno dellaereo. (Hikki no naka de tabako o suemasen) Il sig. Smith riesce a leggere anche i quotidiani giapponesi. (Sumisu-san wa nihongo no shinbun ga yomemasu)

UNIT 12 Questa penna scrive bene. (Kono pen wa yoku kakemasu)

P a g i n a | 44

e
(mieru) essere visibile e (kikoeru) essere udibile non sono le forme potenziali di (miru) e (kiku), ma ci nonostante vengono usati per esprire il fatto che qualcosa si vede o si sente, indipendentemente dalla volont dellagente. Questi verbi si usano inoltre per descrivere capacit naturali di esseri umani e animali. Dalla finestra si vede il Monte Fuji. (Mado kara Fujisan ga miemasu) Si sentiva della musica proveniente dalla casa qui accanto. (Tonari no ie kara ongaku ga kikoemashita) La nonna non ci vede molto bene. (Soba wa me ga yoku miemasen) I cani riescono a sentire anche i rumori pi piccoli. (Inu wa chsa na oto mo kikoeru) La forma potenziale del verbo vedere ( mirareru) e sentire ( kikeru), invece vengono usati quando il soggetto vede o sente di propria volont qualcosa. In classe non si pu ascoltare la radio. (Kurasu no naka de rajio ga kikemasen) Su internet si possono guardare le lezioni di coreano. (Intnetto de kankokugo no ressun ga miraremasu)

UNIT 13

P a g i n a | 45

UNIT 13

La forma volitiva dei verbi

VERBI ICHIDAN ()
Si pospone alla base indefinita del verbo.

V.diz
(kiru)

B.ind
(ki)

Forma volitiva
(ki-y) (ne-y)

(neru) (ne)

VERBI GODAN ()
Si utilizza la Base del volitivo [B-volitivo] seguita dal suffisso .

V.diz

B-volitivo

Forma volitiva

(kawasu) (kawaso) (kawas) (aruku) (aruko) (aruk)

VERBI IRREGOLARI ()
V.diz
(kuru)

Forma volitiva
(koy)

UNIT 14

P a g i n a | 46

UNIT 14

Frasi che esprimono esistenza

Le frasi che esprimono esistenza ( sonzaibun) corrispondono in italiano a quelle frasi che presentano il costrutto c/ci sono. Mentre in italiano non c differenza tra le cose inanimate e gli esseri animati di cui dobbiamo esprimere lesistenza, in giapponese questa distinzione viene sempre fatta.

COSE INANIMATE
luogo cose inanimate

Questa costruzione si usa quando la cosa inanimata il soggetto della frase o comunque una informazione nuova (infatti viene seguito da ). Se al sintagma nominale indicante il luogo si fa seguire la particella , allora esso rappresenta il tema della frase o linformazione conosciuta. Se, al contrario, la cosa inanimata il tema della frase (e quindi uninformazione gi conosciuta), allora la costruzione da seguire : cose inanimate luogo Nel parco c un laghetto. (Ken ni ike ga arimasu) In questo campus non c la mensa. (campus il tema della frase/info conosciuta) (Kono kyanpasu ni wa shokud ga arimasen) Sopra la sedia c un cappello. (cappello linfo nuova) (Isu no ue ni bshi ga arimasu) Il cappello sulla sedia. (cappello linfo conosciuta) (Bshi wa isu no ue ni arimasu)

UNIT 14

P a g i n a | 47

ESSERI ANIMATI
luogo esseri animati

Analogo discorso viene fatto per le frasi esprimenti lesistenza di esseri animati. Se lessere animato il tema della frase la costruzione precedente diventa: esseri animati luogo Davanti al cancello cera qualcuno. (Mon no mae ni dareka imashita) In quel laghetto ci sono dei pesci. (laghetto il tema della frase/info conosciuta) (Ano ike ni wa sakana ga imasu) C una signora davanti allufficio postale. (signora linfo nuova) (Ybinkyoku no mae ni onna no hito ga imasu) La signora davanti allufficio postale. (signora linfo conosciuta) (Onna no hito wa ybinkyoku ni imasu)

UNIT 15

P a g i n a | 48

UNIT 15

Frasi che esprimono possesso

In giapponese non esiste un verbo che potrebbe essere paragonato al nostro verbo avere, bens esistono delle perifrastiche e delle forme verbali che vengono utilizzate in tali casi e che prendono complessivamente il nome di frasi che esprimono possesso ( shoybun). Come succede spesso in questa lingua, le costruzioni verbali cambiano asseconda delloggetto cui ci si riferisce e, in questo caso, delloggetto posseduto.

ESSERI ANIMATI
possessore esseri animati

Oltre agli oggetti, con questa costruzione, possiamo esprimere il possesso di concetti astratti quali capacit, talento, passione etc. Ho un fratello maggiore. (Watashi wa ani ga imasu) Natsumi ha un gatto. (Natsumi wa neko ga imasu)

COSE INANIMATE
possessore cose inanimate

Il presidente ha molti soldi. (Shach wa okane ga takusan arimasu) Adesso mia figlia ha la febbre a 38. (Musume wa ima, nestu ga sanjhachido arimasu)

UNIT 15

P a g i n a | 49

OGGETTI CONCRETI
possessore oggetti concreti

Questa costruzione esprime solamente il possesso di oggetti concreti; pu essere utilizzata in alternativa alla precedente. Hai una penna? (Pen o motte imasu?) Non ho un dizionario di giapponese. (Nihon no jisho o motte imasen)

PARTI DEL CORPO


possessore aggettivo parte del corpo

Questa costruzione si utilizza per esprimere possesso di parti del corpo; il sostantivo (parte del corpo) deve essere sempre preceduto da un aggettivo qualificativo. In alternativa alla precedente costruzione pu essere utilizzata la seguente: possessore parte del corpo predicato aggettivale Hanako ha i capelli lunghi. (Hanako-chan wa nagai kami o shite imasu) (Hanako-chan wa kami ga nagaidesu) Natsuo ha la bocca grande. (Natsuo-san wa kii kuchi o shite imasu) (Natsuo-san wa kuchi ga kiidesu)

UNIT 16

P a g i n a | 50

UNIT 16

Espressioni di trasferimento

Per espressioni di trasferimento ( juju hygen) si intendono tutte quelle frasi che hanno come caratteristica comune quella di descrivere il passaggio o lo scambio di oggetti tra due o pi persone. Il concetto di dare e ricevere, comunque, nella lingua giapponese abbastanza ambiguo se confrontato con il corrispettivo italiano; la scelta del verbo da utilizzare per indicare uno scambio dipende da quale punto di vista il parlante descrive questo passaggio. A questo proposito, il parlante fa una distinzione tra le persone interessate allo scambio e le suddivide in due diversi gruppi: (uchi) e (soto). Del gruppo interno fanno parte tutte le persone ritenute vicine dal parlante come i familiari e a volte amici e colleghi. Del gruppo esterno, invece, fanno parte tutte le persone considerate lontane ed estranee al parlante. Va comunque precisato che i gruppi sono mobili, cio di ogni gruppo non fanno parte sempre le stesse persone, ma lappartenenza ad uno o allaltro gruppo viene stabilita secondo le circostanze. Se ad esempio lo scambio avviene tra un mio amico e sua madre, considerer il mio amico appartenente al gruppo (in quanto pi vicino a me rispetto a sua madre), mentre sua madre a quello . Se invece lo scambio avviene tra la madre del mio amico ed una persona estranea, allora la madre dellamico verr considerata , mentre lo sconosciuto sar .

colui che d colui che riceve oggetto Si usa quando loggetto va dal gruppo soto verso il gruppo uchi; in altre parole, esso viene usato quando il ricevente il parlante o qualcuno del gruppo uchi e nella maggior parte dei casi quando il ricevente il nostro interlocutore (in quanto considerato uchi). La signora Tanaka mi ha dato unagenda. (Tanaka-san wa watashini tech o kureta) Quella persona ti dar il depliant. (Ano hito ga panfuretto o kuremasu yo) Il signor Inagaki ti ha dato i soldi? (Inagaki-san wa okane o kureru?)

UNIT 16

P a g i n a | 51

colui che d colui che riceve oggetto Il verbo assume il significato di dare/regalare e viene usato in tutti casi tranne quando loggetto va da soto verso uchi. Ho regalato a Chiara un profumo. (Watashi wa Kiara-san ni ksui o ageru) Il sig. Suzuki d dei cioccolatini a mia sorella. (Suzuki-san wa imto ni chokorto o agemasu) Pap ha regalato alla mamma un foulard. (Chichi wa haha ni sukfu o agemashita)

colui che riceve colui che d oggetto Il verbo corrisponde allitaliano ricevere; viene usato in tutti i casi eccetto quando colui che d loggetto il parlante o qualcuno che fa parte del gruppo uchi (in quel caso consigliabile usare ). Ho ricevuto una camicia dalla mia fidanzata. (Watashi wa kanojo ni shatsu o moratta) Chi ti ha regalato quei fiori? (Dare ni sono hana o moraimashita ka) Mio fratello ha ricevuto un CD da Misaki. CD (Otto wa Misaki-san ni CD o moraimashita)

UNIT 17

P a g i n a | 52

UNIT 17

Espressioni di cambiamento

Le espressioni di cambiamento sono una particolare eccezione del giapponese; mentre in italiano utilizziamo indifferentemente le forme verbali pi adeguate ad esprimere questo concetto, in giapponese tali frasi vengono standardizzate, utilizzando verbi diversi asseconda della natura del cambiamento.

Significa letteralmente diventare e si usa per esprimere il fatto che una certa condizione cambia il suo stato di essere. Il sig. Shinichi diventato un famoso scienziato. (Shinichi-san wa ymei na kagakusha ni narimashita) Pap ha preso la medicina. Per questo adesso sta bene) (Chichi wa kusuri o nomimashita. Sorede genki ni narimashita) Michiko diventa ogni giorno pi bella, vero?! (Michiko-chan wa dondon utsukushiku narimasu ne)

Questo verbo viene utilizzato per descrivere il fatto che qualcuno cambia intenzionalmente lo stato di una cosa. Alza un po il volume della radio per favore. (Rajio no oto o m sukoshi kiku shite kudasai) La settimana scorsa ho tinto i capelli di nero. (Sensh watashi wa kami o kuroku shimashita) In banca ho cambiato degli Euro in Yen. (Gink de yro o en ni shimashita)

UNIT 17

P a g i n a | 53

Si tratta di un suffisso che segue sempre la V.diz. o al V.pot. del verbo e serve per descrivere il cambiamento di condizione, di abitudine o di capacit. La forma potenziale del verbo, in particolare, viene utilizzata quando si vuole esprimere lacquisizione di una facolt che prima non si aveva e che si sviluppata nel soggetto. Il costrutto non viene utilizzato in presenza di verbi che possiedono insitamente un senso di cambiamento. Mia sorella recentemente ha iniziato a mangiare il pesce. (Ane wa saikin sakana o taberuy ni narimashita) Joe ha imparato a leggere i kanji. (J-san wa kanji ga yomeruy ni narimashita) A quattro anni ho imparato ad usare le bacchette. (Yonsai no toki, ashi ga tsukaeruy ni narimashita)

Questo un costrutto viene posposto alla B-nai del verbo anche nella sua forma potenziale per esprimere il fatto che la situazione o labitudine che cerano un tempo non esistono pi. Anche in questo caso non vanno utilizzato verbi che esprimono cambiamento. Il mio gatto non mangia pi. (Watashi no neko wa gohan o tabenaku narimashita) Dal mese prossimo, non si potr pi passare da questa strada a causa di lavori. (Kono michi wa, kji no tame, raigetsu kara trenaku narimasu) Tar non viene pi alluniversit. (Tar-san wa daigaku ni konaku narimashita)

UNIT 18

P a g i n a | 54

UNIT 18

Espressioni di movimento

I verbi che per eccellenza esprimono il movimento in giapponese, cos come in italiano, sono andare ( iku) e venire ( kuru). esprime il movimento che, dal punto dove si trova il parlante, va verso lesterno, mentre il verbo , al conrario, esprime il movimento che dallesterno va verso il parlante. Mentre in italiano il movimento del parlante (o di una terza persona) verso il proprio interlocutore viene espresso dal verbo venire, in giapponese si deve utilizzare il verbo andare. Ieri sono andato a Sapporo. (il parlante gi tornato da Sapporo) (Kin Sapporo e ikimashita) Ieri sono venuto a Sapporo. (il parlante si trova ancora a Sapporo) (Kin Sapporo e kimashita) Hitomi, stasera vengo (lett. vado) a casa tua. (Hitomi-san, konban Hitomi-san no ie ni ikimasu)

V-te + e V-te +
Queste due costruzioni vengono utilizzate in numerosi modi; andiamo ad anarlizzarli singolarmente: 1. Se vengono usate insieme a verbi che indicano movimento, esse esprimono rispettivamente allontanamento e avvicinamento rispetto al parlante. 2. Lagente si ferma in un luogo per fare qualcosa e poi prosegue. 3. Lagente va in un posto a fare qualcosa e poi ritorna. 4. Esprimono il modo in cui si svolge lazione. 5. Se viene utilizzato al passato, la costruzione indica la continuit di unazione o di un cambiamento dal pasato fino al momento di enunciazione. 6. V-te + indica la continuit di unazione o di un cambiamento dal momento di enunciazione verso il futuro. 7. V-te + viene usato anche per esprime linizio di un cambiamento che avviene spontaneamente; spesso esprime sintomi fisiologici o psicologici. Esprime infine il fatto che qualcosa si avvicina al parlante o alla persona in questione.

UNIT 18 Luccellino scappato via. (Kotori ga nigete ikimashita)

P a g i n a | 55

I nostri bambini stanno correndo verso quasta parte. (Watashitachi no kodomo ga kochira e hashitte kuru) Dopodomani andr a casa della mia ragazza. Durante il tragitto le comprer un grazioso regalo. (Asatte watashi no grufurendo no ie e ikimasu. Toch de kirei na purezento o katte ikimasu) Vado un po fuori a fumare (e poi ritorno). (Chotto soto de tabako o sutte kimasu) Il cielo scuro. Portiamoci lombrello. (Sora ga kurai. Kasa o motte ik) Dalla cucina arriva un buon odore. (Daidokoro kara ii nioi ga shite kimashita) Improvvisamente si messo a nevicare. (Ky ni yuki ga futte kimashita) Non so perch ma mi venuto mal di testa. (Nandaka atama ga itakunatte kimashita) Gli anziani umentano ogni anno. (Rjin ga maitoshi fuete kimashita) I modelli di macchina continueranno a cambiare anche nel futuro. (Kuruma no yshiki wa korekara mo kawatte iku desh)

UNIT 19

P a g i n a | 56

UNIT 19

Comparazione

Ci che in italiano viene reso tramite il grado comparativo e superlativo degli aggettivi, in giapponese non trova un suo diretto corrispettivo; vengono, invece, adottate una serie di perifrastiche in grado di stabilire rapporti di superiorit, inferiorit o uguaglianza tra gli elementi messi a confronto.

Comparazione tra due elementi


COMPARATIVO DI MAGGIORANZA
Se si vogliono paragonare le caratteristiche o le qualit di due elementi la perifrastica da seguire : S S predicato affermativo

Allinterno di questa costruzione il primo sostantivo [S1] riveste il ruolo di tema della frase, mentre il secondo sostantivo [S2] il termine di paragone. Il predicato al termine della frase pu essere un predicato aggettivale oppure, in rari casi, nominale; questultimo caso possibile soltanto se il sostantivo possiede un senso qualificativo. Questa costruzione, infine, pu essere usata solo con un predicato affermativo. Oggi fa pi caldo di ieri. (Ky wa kin yori atsuidesu) Mia moglie pi bella di quella ragazza! (Tsuma wa ano onna no ko yori bijin desu yo) Sonop pi lento a correre di te. (Watashi wa anata yori osoku hashiru) Se invece n S1 n S2 rappresentano il tema della frase, allora esiste unaltra costruzione cos formata: S S predicato affermativo

In questo caso S1 e S2 possono anche essere verbi nella Forma Piana.

UNIT 19

P a g i n a | 57

Lordine dei sostantivi pu anche essere invertito, mantenendo per le unit sintattiche [S1] + e [S2] + che identificano il loro ruolo allinterno della frase. Nemmeno questa costruzione viene usata in presenza di verbi in forma negativa. La carne di maiale pi gustosa di quella di agnello. (Butaniku no h ga gyniku yori oishiidesu) Gli elefanti sono pi grandi delle zebre. (Shimauma yori z no hga kiidesu) Leggere un libro pi interessante che guardare un film. (Hon o yomu no h ga eiga o miru yori omoshiroidesu) Nel caso in cui S1 e S2 sono entrambi il tema della frase, la regola da seguire : S S S S

predicato affermativo

Come si nota, esistono quattro forme equivalenti per collegare tra loro i due sostantivi; inoltre possibile omettere allinterno di frasi che presentano questa costruzione. Solitamente questo costrutto viene utilizzato in frasi interrogative alle quali si risponde con: S predicato affermativo Omettendo la restante parte del costrutto relativa a S2. Qual migliore tra la torta e i pasticcini? (Kono kki to paigashi dewa sairy no mono desu ka) Penso sia meglio la torta. (Kki no h ga sairy no mono dar to omoimasu)

COMPARATIVO DI MINORANZA
In giapponese non esiste un vero e proprio comparativo di minoranza come inteso in italiano; piuttosto esiste una costruzione che ammette il predicato in forma negativa e che quindi la negazione di ci che sarebbe la comparazione di uguaglianza in senso affermativo. Essa : S S predicato negativo

La precedente pu comunque essere utilizzata solo nel caso in cui i due elementi abbiano qualit confrontabili tra loro. Toky una citt meno antica rispetto a Roma. (lett. Toky non una citt antica quanto Roma) (Tky wa Rma hodo furui machi dewa arimasen)

UNIT 19

P a g i n a | 58

Quella macchina fotografica meno costosa di questa. (lett. quella macchina fotografica non costosa quanto questa) (Ano kamera wa kono kamera hodo kka dewa nai)

COMPARATIVO DI UGUAGLIANZA
La frase che esprime unuguaglianza tra i due elementi o tra le loro caratteristiche viene costruita nel seguente modo: S S predicato affermativo

Come denota la presenza della particella il primo elemento il tema della frase. La tua macchina rossa come il mio motore. (Anata no kuruma wa watashi no tobai to onaji kurai akaidesu) Quella chitarra bella come la tua. (Sono git wa anata no git to onaji kurai subarashiidesu)

Comparazione tra pi elementi


La comparazione tra pi elementi corrisponde al grado superlativo dellaggettivo nella frase italiana. Il superlativo relativo stabilisce la superiorit di un elemento in rapporto ad un insieme di altri elementi che costituiscono i termini di paragone. Il superlativo assoluto, invece, indica lassoluta superiorit di un elemento senza porre restrizioni legati ai termini di paragone.

SUPERLATIVO RELATIVO
Il superlativo relativo reso in giapponese mediante la seguente struttura: S S predicato affermativo

(ichiban) e (motto mo) hanno il medesimo significato e sono intercambiabili tra loro; se S1 non esprime precisamente gli elementi posti in paragone, possibile sostituire con . Tra tutti i computer MAC questo il pi utile. (Makku no pasokon no naka de kore ga ichiban kanzen desu) Tra le mosche, le farfalle e le formiche, le farfalle solo quelle pi colorate. (Hae to ch to ari no naka de ch ga motto mo irozuita desu) il monte pi alto del Giappone il Monte Fuji. (Nihon de motto mo takai yama wa Fujisan desu)

UNIT 19

P a g i n a | 59

SUPERLATIVO ASSOLUTO
Il grado superlativo assoluto dellaggettivo italiano non trova esattamente un corrispondente giapponese, in quanto, mentre in italiano non esiste un secondo termine di paragone, in giapponese il pi delle volte esso necessario. Il secondo termine di paragone, quindi, rappresentato da un pronome interrogativo seguito dalle particelle . Mio fratello si alza prestissimo. (lett. prima di tutti noi) (Otto wa watashitachi no naka de dare yori mo hayaku okimasu) Il sak buonissimo. (lett. pi buono di qualsiasi cosa) (Sake wa nani yori mo oishiidesu)

UNIT 20

P a g i n a | 60

UNIT 20

Linguaggio relazionale

Per linguaggio relazionale sintende linsieme di registri della lingua che bisogna utilizzare secondo il contesto e dei nostri interlocutori. Anche in italiano esistono vari registri linguistici che utilizziamo in base alle situazioni in cui ci si trova; si pu affermare che in italiano essi sono il registro formale, il registro medio-formale e il registro informale. In italiano le differenze tra i registri non sono cos evidenti, e sostanzialmente differiscono tra loro nelluso di vocaboli pi o meno ricercati, in una maggiore articolazione delle frasi (principalmente registro formale) e nelluso del Lei (registro formale e medio-formale). In giapponese le differenze sono pi marcate, in accordo con una pi rigida concezione della societ e della diversificazione dei ruoli al suo interno. Di seguito riportato un semplice schema della suddivisione dei registri:

Linguaggio relazionale

(futstai) Stile Piano

(keigo) Linguaggio di Rispetto

(teineigo) Linguaggio Cortese

(sonkeigo) Linguaggio Onorifico

(kenjgo) Linguaggio Umile

UNIT 20

P a g i n a | 61

Stile Piano
Lo Stile Piano usato in situazioni alquanto informali, in famiglia, tra amici e coetanei. La forma utilizzata Ia Forma Piana ( futskei), quindi i verbi si trovano nella forma del dizionario [V.diz] mentre gli aggettivi nella forma base [F. base]. Yagami mi disse: Domani puoi venire a casa mia?. (Yagami-kun wa ashita boku no ie e korareru? to itta) Mio fratello ha fatto ridere tutti. (Otto wa minna o warawaseta) Il sushi mi piace! (Sushi ga suki yo)

Linguaggio di Rispetto
LINGUAGGIO CORTESE ()
Il Linguaggio Cortese viene adottato in situazioni in cui bisogna mantenere un minimo di formalit; esso usato per rivolgersi a persone pi grandi, ad estranei, nellambiente lavorativo e a scuola con i compagni pi grandi e quindi considerati degni di rispetto ( senpai). Lo stile da usare in questi contesti corrisponde a quello Cortese ( teineitai), cio la copula espressa con e i verbi terminanti in . Qui vicino c una farmacia. (Kono chikaku ni yakkyoku ga arimasu) La neve ha smesso di cadere. (Yuki ga furiyamimashita)

LINGUAGGIO ONORIFICO ()
Il Linguaggio Onorifico si usa per le azioni riferite alla seconda e alla terza persona, mentre un grave errore utilizzarlo per parlare della prima persona. Questo linguaggio prevede variazioni semantiche sia per quanto riguarda i verbi da usare sia per il lessico. Allinterno del sonkeigo coesistono la Forma Piana e lo Stile Cortese dei verbi. La prima viene preferita quando si parla con qualcuno di una terza persona degna di deferenza, mentre lo Stile Cortese si utilizza rivolgendosi direttamente ad una persona considerata meritevole di rispetto. Lessico La forma onorifica delle parole si forma aggiungendo il prefisso alle parole di origine giapponese e il prefisso a quelle di origine cinese. Questa regola, comunque, non sempre viene rispettata, come nella parola (o-denwa) che, seppur di origine sino-tibetana prende il suffisso .

UNIT 20

P a g i n a | 62

Non , altres, corretto usare questa forma nei seguenti casi: 1. Con vocaboli molto lunghi o composte da una sola sillaba; 2. Con vocaboli che hanno un significato negativo; 3. Con termini che esprimono gi deferenza; 4. Con parole che iniziano in o e in go; 5. Con le parole scritte in katakana; 6. Con i nomi di animali, materiali, forme, piante, colori, malattie e sintomi; 7. Con termini che si riferiscono a edifici. Le parole relative a rapporti familiari nel sonkeigo hanno un loro corrispettivo che devessere utilizzato quando ci si riferisce alla famiglia di seconde o terze persone. Prima persona Padre Madre Figlio Figlia Fratello maggiore Fratello minore Sorella maggiore Sorella minore Nonno Nonna Marito Moglie Genitori Figli Fratelli Sorelle Fratelli e sorelle Nonno e nonna Marito e moglie (chichi) (haha) (musuko) (musume) (ani) (otto) (ane) (imto) (sofu) (soba) (otto) (jujin) (tsuma) (kanai) (ryshin) (kodomotachi) (kydai) Seconda e terza persona (otsan) (oksan) (musuko-san) (bocchan) (musume-san) (ojsan) (onsan) (onsan) (otto-san) (imot-san) (go-jujin) (okusan) (go-ryshin) (okosantachi) (go-kydai)

(sofubo) (watashitachi ffu) (-san go-fusai)*

* si tratta di un suffisso onorifico che va posposto al cognome del marito e pu essere tradotto con i coniugi .

UNIT 20 Verbi

P a g i n a | 63

Alcuni dei verbi pi comuni possiedono una propria forma nel sonkeigo; di seguito riportata una tabella che mette a confronto la Forma Piana, lo Stile Cortese e i suddetti riferiti al sonkeigo.

Verbo

(iku)

(ikimasu)

()

()

Copula Esserci Andare

(o-mie ni narimasu) (meshiagarimasu) (go-ran ni narimasu) (go-zonji desu) (kudasaimasu)

Venire

(kuru)

(kimasu)

(o-mie ni naru) (meshiagaru) (go-ran ni naru) (go-zonji da) (kudasaru)

Fare Mangiare Bere

(taberu) (nomu) (miru) (iu) (shitte iru)

(tabemasu) (nomimasu) (mimasu) (iimasu) (shitte imasu)

Vedere Dire Parlare Sapere Conoscere Dare Regalare

Prof. Kobayashi, ieri ha visto Uta Doki POP CLASSIC in televisione? POP CLASSIC(Kobayashi-sensei, kin terebi de uta doki POP CLASSIC o goran ni narimashita ka) A che ora ci vediamo? (Nanji ni o-mie ni narimasu ka) Ho mangiato a casa del Sig. Akiyama! (Akiyama-san no o-ie ni meshiagatta yo)

UNIT 20

P a g i n a | 64

Nella maggior parte dei casi, invece, il verbo viene sostituito da una perifrastica cos costruita: B. masu Shakespeare scrisse molte opere teatrali. (Shkusupia wa i gikyoku o o-kaki ni narimashita) Ha comprato cinque quaderni. (Nto o go-hon o-kaki ni narimashita) Se il verbo un verbo composto da una parte invariabile [P.inv] pi la perifrastica da seguire : P. inv La Sig.ra Mariko si sposata. (Mariko-san wa o-kekkon ni nasaimashita) La Sig.ra Rika studia ogni sera. (Maiban Rika-san wa o-benky ni nasaru) Anche la forma passiva del verbo pu essere utilizzata nel sonkeigo denotando, per, un livello leggermente pi basso rispetto alle forme precedenti. Si ricorda che non possibile usare il passivo dei verbi mostrati in tabella. Come viene in azienda? (Kaisha e d koraremasu ka) Unaltra costruzione che pu rendere onorifica la costruzione V-te : B. masu Si prega di allacciare le cinture di sicurezza. (Shtoberuto o o-shime kudasai) E la forma corrispondente per i verbi composti di : P. inv Non si preoccupi. (Go-anshin kudasai) La forma continuativa dei verbi (V-te ) viene espressa come segue: B. masu Ha detto che sta tornando. (O-kaeri da to iimashita)

UNIT 20 Pronomi

P a g i n a | 65

Anche i pronomi personali, quando vengono usati allinterno del sonkeigo, sono soggetti a variazione; la prima persona (watashi) diventa e il pronome riflessivo (jibun) diventa (go-jibun). La parola (kata), inoltre , viene preferita a (hito). La conosco quella persona! (Ano kata o go-zonji da yo) Aggettivi Anche gli aggettivi vengono fatti precedere dai prefissi onorifici e , indistintamente che essi siano Agg-i o Agg-na. Soltanto agli aggettivi che hanno un significato positivo viene applicata questa regola. Gli Agg-i con funzione di predicato aggettivale vengono sempre coniugati nello Stile Cortese, mentre gli Agg-na con la medesima funzione sostituiscono la copula con lequivalente onorifico . Laggettivo fa eccezione divenendo . La figlia del presidente molto bella. (Kanch no ojsan wa taighe o-utsukushiidesu) Come sta sua nonna? (Obsan wa o-genki de irasshaimasu ka) Questa zuppa davvero buona. (Kono spu ga yoroshiidesu) Avverbi Gli avverbi solitamente vengono preceduti dal prefisso .

LINGUAGGIO UMILE ()
Mentre il sonkeigo si utilizza in contesti formali e deferenziali per esprimere azioni di persone appartenenti al gruppo (soto), nei medesimi contesti si deve usare il kenjgo per esprimere fatti relativi alla prima persona e in generale al gruppo (uchi). (Per la distinzione tra soto e uchi vedi UNIT 16) Anche in questo registro esistono variazioni nel vocabolario e per i verbi. Luso dei prefissi onorifici e indispensabile quando ci a cui ci si riferisce ha un legame o una relazione con il gruppo soto, mentre se esso legato solo ed esclusivamente al gruppo uchi bene evitare tali prefissi. Verbi Alcuni verbi sono soggetti a sostituzione quando si utilizza il kenjgo; per uno stesso verbo esiste la Forma Piana, utilizzata per i costrutti sintattici, e lo Stile Cortese, usato negli altri casi. Di seguito si riporta la tabella di suddetti verbi.

UNIT 20

P a g i n a | 66

Verbo
Esserci Venire Andare Fare Mangiare Bere Ricevere

(kuru) (iku) (taberu) (nomu)

(kimasu) (ikimasu) (tabemasu) (nomimasu)

()
(mairu)

()
(mairimasu)

Vedere

(miru) (kiku) (hmon suru) (iu)

(mimasu) (kikimasu) (hmon shimasu) (iimasu)

(haiken suru)

(haiken shimasu) (ukagaimasu)

Sentire Fare visita Dire Parlare Sapere Conoscere

(ukagau)

(msu) (zonjite iru) (zonjite oru) (sashiageru) (o-me ni kakaru)

(mshimasu) (zonjite imasu) (zonjite orimasu) (sashiagemasu) (o-me ni kakarimasu)

(shitte iru)

(shitte imasu)

Dare Incontrare

(au)

(aimasu)

A che ora vengo a prenderla alla stazione? (Nanji ni eki e o-mukae ni mairimash ka) Per tutti i rimanenti verbi non riportati in tabella, la forma da utilizzare la seguente: B. masu Vuole che le scriva il numero di telefono? (Denwa bang o-kaki shimash ka) Le porto subito un caff. (Sugu kh o o-mochi itashimasu)

UNIT 20

P a g i n a | 67

Per esprimere il fatto che lazione compiuta stata svolta per concessione di colui verso cui si ha deferenza la costruzione : Causativo Professore, ho avuto lonore di ascoltare la sua lezione. (Sensei no jugy o o-kikasete itadakimashita) Usando la forma causativa di , che corrisponde a, inserito in una frase interrogativa negativa esprime una richiesta di permesso o unofferta a fare qualcosa in modo molto gentile e rispettosa. Potrei gentilmente entrare nel suo giardino? (O-niwa ni hairasete itadakemasen ka) In conclusione, appare utile e chiarificatore confrontare lo Stile Piano e i singoli Linguaggi del keigo di uno stesso periodo. Il periodo preso in considerazione il seguente: Conosci il sig. Matsushima che lavora alla Microsoft Corporation? Domani dovrebbe andare in Cina; prima che parta ho intenzione di andare a trovarlo. Per ogni registro analizzato verr fornito il contesto in cui il pensiero viene esposto. Contesto: tra due amici; il sig. Matsushima un amico del parlante. (Futstai> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da) Contesto: tra due amici; il sig. Matsushima un superiore del parlante. (Futstai to teineigo> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da) Contesto: parlando con un collega di lavoro; il sig. Matsushima un amico del parlante. (Teineitai to futstai> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da) Contesto: parlando con un collega di lavoro; il sig. Matsushima un superiore del parlante. (Teineitai to sonkeigo> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da) Contesto: parlando con un superiore; il sig. Matsushima un amico del parlante. (Kenjgo to futstai> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da)

UNIT 20

P a g i n a | 68

Contesto: parlando con un superiore; il sig. Matsushima anchegli un superiore del parlante. (Kenjgo to sonkeigo> Maikurosofuto kabushikigaisha ni wa hataraku no Matsushima-san o shitte iru? Asu chgoku e ikus da yo. Sono mae ni hmon suru tsumori nan da)

Bibliografia
Matilde Mastrangelo, Naoko Ozawa, Mariko Saito 2006 Grammatica giapponese. Hoepli Naoya Fujita, Ph.D. 2002 The Complete Idiots Guide to Conversational Japanese. Alpha Stefan Kaiser, Yasuko Ichikawa, Noriko Kobayashi, Hilofumi Yamamoto 1998 Japanese: A Comprehensive Grammar. Routledge Press AJALT 1996 Japanese for Busy People. Kodansha International Joyce Yumi Mitamura, Yasuko Kosaka Mitamura 1997 Lets learn kanji. Kodansha International