Sei sulla pagina 1di 9

Anziano muore in casa di cura Aperta inchiesta

a pagina sei www.libertasicilia.com

fondato nel 1987 da Giuseppe Bianca

CRONACA

Il militare al Gip Chiesi solo il denaro indietro


a pagina sette e mail redazione@libertasicilia.com

CRONACA

marted 11 febbraio 2013 anno n. n. direzione amministrazione e redazione: via via Mosco tel. 0931 46.21.11 - faX 0931 / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 - - Fax 0931/ 60.006 0,50 sabato 17 marzo 2012 anno XXVXXVi 64 34 direzione amministrazione e redazione: Mosco 51 51 tel. 0931 46.21.11 - faX 0931 / 60.006 - puBBlicit: Poligrafica S.r.l. via Mosco 51 Tel. 0931 46.21.11 Fax 0931 / 60.006 0,50

Quotidiano dELLa provincia di SiracuSa

antiracket nel mirino


Incendiata la villa del coordinatore
A
ttentato incendiario la scorsa notte alla villa di propriet di Mauro Magnano, il coordinatore regionale della Federazione Antiracket Italiana. Le fiamme hanno attecchito in un caseggiato rurale, che si trova alla periferia di Sortino, in contrada Pizzo Paletto, e sono stati i vigili del fuoco ad intervenire dopo alcune chiamate di emergenza al centralino del comando provinciale di Siracusa. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Augusta che protendono per la matrice dolosa. Non sono chiare le ragioni di quest'avvertimento.
alle pagine quattro e cinque

vaticano

fitta e convinta solidariet nei confronti di Mauro Magnano

arrestato dopo un inseguimento


Il

CRONACA

Maresciallo Santo Parisi, Comandante della Stazione di Priolo Gargallo, lo ha rincorso a piedi per i vicoli del centro cittadino per circa dieci minuti, fino a che, vincendolo in resistenza, lo ha raggiunto, preso per il bavero e ,a piedi, lo ha condotto in Caserma. successo ieri, proprio nel centro di Priolo Gargallo, ove i militari dellArma da qualche giorno stavano cercando Francesco, Benvenuto cdi 41 anni, evaso pochi giorni prima da una comunit di Messina. Il giovane era rientrato a Priolo ed i militari dellArma lo avevano intuito, avviando indagini su di lui in merito anche ad alcuni furti.
segue a pagina sette

Floridia precipita dallalbero ricoverato


a pagina sei

Le dimissioni del papa


L

a decisione di Papa Benedetto XVI non mi meraviglia. La chiarezza, la lucidit mentale ed il senso di servizio alla Chiesa sono caratteristiche del nostro Pontefice. E una scelta indubbiamente coraggiosa. Lo ha dichiarato larcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, dopo aver appreso la notizia delle dimissioni del Papa Benedetto XVI che lascer il pontificato dal prossimo 28 febbraio.
A pagina tre

12 feBBraio 2013, Marted

di Arturo Messina E a tutti noto come il primo elemento cartaceo ella comunicazione sia stato il papiro, la pianta acquatica che cresceva sulle rive del Nilo. Furono gli antichi Egizi, circa quattro millenni addietro, a usare le larghe e sottili pellicole del fusto sotto la corteccia, per farle poi essiccare. Incollate una accanto all'alra formavano lunghe strisce, su cui scrivevano servendosi di una cannuccia di legno temperata e aperta in punta da una fenditura (che i Latini chiamavano calamus) oppure dipingevano. Il papiro ancora oggi viene usato per fare pergamene o quadri caratteristici anche a Siracusa, giacch esso cresce ancora sulle rive del fiume Ciane. C una leggenda che spiega perch il ciuffo del papiro venga chiamato la chioma di Ciane. Alla ninfa che si oppose a Plutone che stava per rapire Proserpina il dio degli Inferi strapp i capelli ( che divennero il ciuffo del papiro) e la trasform in fiume, il fiume che si spos poi con il fiume Anapo ed entrambi sboccano nel porto di Siracusa. La leggenda aggiunge che anche Giara, la compagna di Ciane, voleva impedire il ratto di Proserpina al Dio, ma da lui ricevette un gran pugno sulla testa. E per questo la cipolla di Giarratana schiacciata. Siracusa ha anche un importante museo del papiro (fondato e diretto dallinsigne papirologo Basile) ed ha avuto anche nel passato illustri papirologi, come Landolina e Nino Angelino (che nel foyer del teatro comunale nel 1968, presentato dal giudice Italo Troja, organizz anche la Mostra delle 3 P: Papiro, Paesaggio, Pittura e realizz il papiro pi grande del mondo) nonch ben noti papiristi come le sorelle Naro,, Ciccio Cacciatore e diversi altri. Unoriginale nota papirista doggi Maria Teresa Gulino che assieme a Paolo Greco ( altrettanto noto artista, come musicista) e Giuseppe Ramacca (esperto nel mobile del Settecento della Sicilia orientale e della consulenza delle opere darte) stato lautore delle installazioni dellinteressante mostra che si conclusa in questi giorni alla Galleria Civica nellex chiesa di Santa Maria di Montevergine. La mostra, intitolata, Note policrome stata un doppio connubio tra arte-musica e passato-presente. Originale il connubio tra larte del mu-

e-mail redazione@libertasicilia.com Cronaca di Siracusa online nel mondo

SIRACUSA

12 feBBraio 2013, Marted

Le dimissioni del papa una scelta coraggiosa


Alla galleria civica della Madonna di Montevergine si conclusa linteressante mostra
a decisione di Papa Benedetto XVI non mi meraviglia. La chiarezza, la lucidit mentale ed il senso di servizio alla Chiesa sono caratteristiche del nostro Pontefice. E una scelta indubbiamente coraggiosa. Lo ha dichiarato larcivescovo di Siracusa, mons. Salvatore Pappalardo, dopo aver appreso la notizia delle dimissioni del Papa Benedetto XVI che lascer il pontificato dal prossimo 28 febbraio. Un annuncio dato dallo stesso Pontefice, in latino, durante il concistoro per la canonizzazione dei martiri di Otranto. Il pastore della Chiesa siracusana si trovava in Visita Pastorale a Lentini. Mi trovavo in Visita in ospedale - ha detto il presule siracusano quando mi hanno comunicato la notizia. Come servitore della Chiesa, Benedetto XVI ha capito che in questo momento non poteva servirla al meglio delle sue forze. E una decisione lineare nel suo modo di concepire il servizio alla Chiesa in umilt. Una decisione propria di Benedetto XVI, del suo modo di pensare e servire la Chiesa con la lucidit che lo ha sempre contraddistinto. La notizia delle dimissioni del Papa ha fatto subito il giro del mondo. una notizia che emoziona: ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel commentando le dimissioni di papa

Questo il commento a caldo da parte dellarcivescovo di Siracusa monsignor Salvatore Pappalardo

La giunta provin-

Offerta didattica in provincia

connubio tra papiro e musica


Un originale uso dellantica carta egiziana, il papiro, proposto da Maria Teresa Gulino
sicista Paolo Greco e quella della papirista Maria Teresa Gulino. Paolo Greco ha suonato dal vivo della musica molto adatta a creare latmosfera dellambiente, basandosi soprattutto sulla percussione, in accordo al connubio arte musicale-arte figurativa. Maria Teresa Gulino ha creato con il materiale papiraceo diverse monumentali arpi, di cui si diffondono mediaticamente le astrali melodie preistoriche degli strumenti moderni manovrati dal vivo. Lamalgama opera dellinstallazionista Giuseppe Ramacca, che ha armonizzato il tutto nel modo pi suggestivo perch si realizzasse quello che potremmo anche definire concerto visivo del tempo che scorre Infatti ha ideato linstallazione in modo da fare immaginare lo scorrere del tempo a partire dal passato, disponendo anche prospetticamente le creazioni di Maria Teresa Gulino, dallingresso della chiesa al fondo, nel cui altare maggiore musicale ha collocato sopra delle immagini di antichi strumenti e sotto gli strumenti doggi, da cui provengono i suoni. I suoi che il visitatore, seduto ad unartistica vetusta poltrona, si bea ammirando la suggestiva scena e limmaginario concreto concerto che improvvisa lottimo musicista compositore. Ho voluto incontrare loriginale papirista per sapere qualcosa sul nuovo modo di sfruttare lantica e mitica chioma di Ciane non cromaticamente secondo la tradizione, bens nel colore che tutti gli altri contiene: il bianco. Il Papiro che lei vede- ha cominciato a dirmi- fatto come si faceva anticamente e come gli altri fanno ancora oggi, soltanto che io, lavorandolo giornalmente, ho capito che potevo ottenerlo pure in modo diverso da quello tradizionale. Ho cominciato a trattarlo come se giocassi con strisce di carta. Ho fatto delle tessiture un po ortogonali, un po casuali, un po cercando delle linee, delle forme dove un po poi ho seguito ho seguito le foglie della parte che viene chiamata bracchea , cio la parte del bocciolo che sta in acqua, che contiene lo stelo e il ciuffo, che poi si apre ed esce lo stelo, che ha delle fogliette piccole di colore marrone chiaro o un po scuro. Poi queste foglie si aprono ed esce fuori lo stelo. A sua volta, quando ha raggiunto una certa altezza, anche pi di quattro metri, si riapre laltro bocciolo ed esce fuori lo stelo. Quindi io ho recuperato tutte queste foglie che, nellarco dei millenni, non sono state mai adoperate per fare la carta me per fare tante altre cose, persino le barche, per cui venivano essiccati gli steli e quindi intrecciati. Io utilizzo le strisce del papiro insieme alle foglie; poi le incollo. -Come vengono incollate? Non c nessuna colla! Il papiro si incolla da solo: allinterno contiene delle sostanze collagene, per cui contiene tutto. Per la gradazione del colore c il variare del tempo della macerazione e quello della raccolta dei gambi. Io non faccio souvenir. Qui vede delle opere singole che vengono messe in un contesto per farne unopera unica, per fare questo concerto di colore e di musica meditativa, il cui il visitatore si immerge e ne trae un sollievo. Ne usciamo convinti che ne scaturito un linguaggio di tre persone che son riuscite pregevolmente ad amalgamare una triade artistica per ottenere un linguaggio visivo e musicale di ragguardevole tessitura attraverso un mezzo quadrimillenario ma della pi originale attualit: unaraba fenicie che rinasce al soffio dellestro degli artisti!

In foto, larcivescovo Pappalardo e il Papa Benedetto XVI.

Benedetto XVI, una scelta che, ha sottolineato, suscita il mio pi grande rispetto. e rimane uno dei

pi importanti teologi del nostro tempo, ha aggiunto la connazionale Merkel. Il mandato del ponte-

fice straordinariamente impegnativo da tenere sulle proprie spalle. Ha avuto un grande coraggio,

ha detto il presidente Napolitano, parlando con i giornalisti al Quirinale in merito alla decisione.

ciale ha accolto le proposte avanzate da alcuni Istituti di Istruzione superiore, riguardanti nuovi indirizzi didattici. Il Primo Istituto Superiore Leonardo da Vinci di Floridia ha avanzato la proposta di inserire nella sua offerta didatticoformativa il nuovissimo indirizzo a carattere Sportivo; il Secondo Istituto Superiore Carnilivari di Noto ha richiesto larticolazione grafica Design del gioiello e dei metalli, ed infine, il Primo Istituto Superiore Maiorana di Avola ha richiesto i Servizi di sala e vendita e lAccoglienza turistica, nellambito dellindirizzo Enogastronomico e dellospitalit alberghiera.

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

12 feBBraio 2013,Marted

12 feBBraio 2013,Marted

Il gravissimo atto criminoso di

Gianninoto occorre una forte mobilitazione

CRONACA

Cgil, Cisl e Uil solidali con Mauro Magnano


segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Paolo Zappulla, Paolo Sanzaro e Stefano Munaf, dopo l'incendio che ha danneggiato un casolare di propriet del Coordinatore regionale della Federazione Antiracket Italiana e che si trova alla periferia di Sortino, hanno espresso la massima solidariet nei confronti della vittima, Mauro Magnano. Lo hanno fatto con una nota congiunta con la quale esprimono anche il disagio dellintera popolazione provinciale per questescalation delle attivit intimidatorie da parte di persone senza scrupoli che mettono in atto la strategia del terrore con il danneggiamento in questo caso di abitazioni e di strutture alberghiere. Quanto accaduto hanno affermato in un documento congiunto i tre segretari provinciali sindacali si aggiunge all'altro episodio avvenuto, sempre a Sortino, nell'agriturismo La Carrubba. Siamo certi che gli investigatori, con il loro impegno, riusciranno a individuare gli autori tranquillizzando, cos, la cittadinanza. Sono episodi gravi che condanniamo fermamente perch bloccano lo sviluppo reale e legale di questa provincia. Fenomeni da non sottovalutare e combattere decisamente perch questa provincia si liberi da ogni forma di criminalit. Con riferimento al secondo e grave atto intimidatorio che nel giro di pochi giorni si verificato a Sortino, esprimo solidariet e preoccupazione per il significato che esso pu assumere nei confronti di chi si batte quoti-

In foto, vista panoramica su Sortino.

Zappulla, Sanzaro e Munaf hanno stilato un documento congiunto con il quale condannano lepisodio
dianamente per la sconfitta del fenomeno criminale in provincia di Siracusa". Cos il coordinatore provinciale del 'Megafono' Carmelo Spataro ha stigmatizzato l'intimidazione nei confronti del concittadino e coordinatore regionale dell'Associazione Antiracket, Mauro Magnano. Il presidente della Provincia Regionale di Siracusa sul grave atto intimidatorio: Esprimo solidariet a Magnano e, allo stesso tempo, forte preoccupazione per latto incendiario che ha danneggiato la propriet del Coordinatore regionale della Federazione Antiracket Italiana a Sortino. Nellaugurarmi che al pi presto le forze dellordine e la Magistratura facciano luce sullepisodio, voglio ribadire il deciso respingimento di qualsiasi intimidazione da parte della criminalit organizzata e mafiosa e ricordare che Magnano non solo, che accanto a lui ci sono le istituzioni e la parte sana della societ.

ieri sera realizzato nei confronti del prof. Mauro Magnano, coordinatore regionale delle associazioni Antiracket e le recenti azioni poste nei confronti di imprese di tutto il territorio provinciale rappresentano un segnale inequivocabile ed ignobile da parte di quella criminalit organizzata che, ancora oggi, si fa beffe dei sacrifici degli onesti pensando di rimanere impunito. Questo il senso del documento diffuso ieri dalla Cna Siracusa, nellesprimere un fortissimo sostegno al mondo delle associazioni Antiracket oggi colpite in uno dei suoi massimi rappresentanti vuole al contempo manifestare la pi convinta solidariet anche alluomo, allamico Mauro da decenni impegnato in una lotta quotidiana a sostegno della legalit. Eventi come questi commentano Pippo Gianninoto e Antonino Finocchiaro rispettivamente segretario e presidente di Cna Siracusa impongono prese di posizione ferme e una mobilitazione totale, per dimostrare, ora pi che mai, che la societ civile tutta non intende abbassare la guardia a garanzia dei diritti fondamentali di uomini e donne.e dare sicurezza ai Cittadini.

Chieder al prefetto di Siracusa di convocare il Comitato provinciale


un clima, in alcune zone della provincia, che avevamo dimenticato e che pensavamo di aver sconfitto. Ma agli ultimi fatti, agli attentati e alle intimidazioni bisogna reagire compattamente. Le forze dellordine lo fanno, deve farlo anche la societ civile. Per questo proporr una iniziativa sul territorio del tavolo del lavoro e dello sviluppo magari in coincidenza con una riunione del Comitato per lordine e la sicurezza. Queste le parole di Bruno Marziano, presidente della Commissione attivit produttive allAssemblea regionale siciliana. Gli attentati degli ultimi mesi, a Rosolini e Sortino, hanno una evidente matrice politica

Intervento del parlamengtare regionale Bruno Marziano


C

ma decidere di colpire anche il coordinatore antiracket Mauro Magnano un preciso segnale, un inaccettabile attacco alle istituzioni. A tutte le vittime degli attentati va la mia solidariet. Ai consiglieri comunali di Rosolini, Gerratana e Rizza, al proprietario dellagriturismo di Sortino, La Carrubba ha detto Marziano -, ma questo non basta. Le forze dellordine sono impegnate e lo dimostrano i risultati ottenuti a Noto dove stata fatta luce sugli ultimi episodi di microcriminalit, ma ci vuole un presa di coscienza anche da parte dei cittadini che devono collaborare. Chi sa deve parlare, deve collaborare perch non un problema che riguarda solo le

vittime, ma lintera comunit. Chieder al Prefetto di convocare una riunione del Comitato per lordine e la sicurezza - conclude il parlamentare regionale siracusano - , ma credo che anche la politica debba scendere in strada, al fianco dei cittadini, per dire no a questa inquietante recrudescenza criminale. So che proprio oggi il presidente Crocetta ha annunciato che sar a Rosolini nei prossimi giorni - afferma il parlamentare regionale del partito democratico - . Considero importante la visita del nostro presidente che ha una storia nella lotta alla criminalit organizzata e mafiosa. R.L.

ttentato incendiario la scorsa notte alla villa di propriet di Mauro Magnano, il coordinatore regionale della Federazione Antiracket Italiana. Le fiamme hanno attecchito in un caseggiato rurale, che si trova alla periferia di Sortino, in contrada Pizzo Paletto, e sono stati i vigili del fuoco ad intervenire dopo alcune chiamate di emergenza al centralino del comando provinciale di Siracusa. Le indagini sono condotte dai carabinieri della Compagnia di Augusta che protendono per la matrice dolosa. Non sono chiare le ragioni di quest'avvertimento ma gli inquirenti non escludono che possa essere ricondotto all'attivit antiracket del coordinatore regionale del Fai. "Sono stato avvertito da uno dei componenti del direttivo dell'associazione di Sortino che era stato a sua volta avvisato da un ragazzo che, recandosi nella sua abitazione di campagna non distante dalla mia, aveva visto del fumo uscire dall'abitazione - ha commentato la vittima dellattentato - Quando sono arrivato il fuoco aveva preso vigore e assieme ai carabinieri, che intanto erano giunti, ed a diversi amici abbiamo iniziato a spegnere le fiamme formando una catena passandoci dei secchi con l'acqua, in attesa dell'arrivo dei Vigili del fuoco. Ho avuto modo di constatare che per entrare in casa hanno Foto Mauro Magnano, coordinatore della federazione regionale antiracket. mandato in frantumi una finestra Nella campagna di Magnano sono un mezzo antincendio di piccole arredi e in una libreria; spente le e da l si sono diretti in camera intervenute due squadre dei Vigili dimensioni per poter percorrere la fiamme, i soccorritori hanno poi da letto dove hanno appiccato il del Fuoco delle sede centrale e stretta stradina che collega la via raffreddato le travi in legno che fuoco. Questa era una casa che del distaccamento di Augusta, principale al piccolo fabbricato. sostengono la copertura. Sono i avevamo riaperto con i miei fami- poco dopo le 22: per spegnere Il rogo, localizzato in due vani, carabinieri adesso ad eseguire le liari soltanto la scorsa estate, dopo lincendio sono stati utilizzati ha trovato facile percorso negli indagini. averla tenuta chiusa per alcuni anni. Era un punto di riferimento preciso nelle mie giornate: mi ci recavo sistematicamente anche un paio di volte al giorno. E lo avevo fatto anche ieri mattina". "Ovviamente sappiamo bene che con la nostra azione di denuncia e di affermazione dell'indiscutibile primato della legalit ci esponiamo ortino balzata nuovamente agli altari della Il titolare dellesercizio ricettivo stato sential rischio di pesanti ritorsioni - ha cronaca per un nuovo danneggiamento con il to dai militari ma avrebbe detto di non aver riaggiunto Mauro Magnano - ma non fuoco. Prima dellincendio alla villa del coor- cevuto richieste di estorsioni. Sebbene la pista sar certo questo a farci fermare dinatore antiracket, del racket e' presa in o arretrare. Diciamo che siamo la notte fra il 3 ed considerazione dagli in un momento in cui ci sono, da il 4 febbraio scorinquirenti, non e', per una parte, un paio di topi di fogna so si verificato il momento, quella in circolazione che sarebbe bene un altro fatto di privilegiata. Sembra ricacciare da dove sono venuti, rilevante allarme che i piromani siano e dall'altra ho la sensazione che criminale. Come entrati dalla parte qualcuno abbia un p allentato la si ricorder, ignoti posteriore e abbiano presa". attentatori hanno divelto recinzioni e "Non certamente il caso dei cadato alle fiamme il sfondato i vetri blinrabinieri - ha specificato Magnano centro agrituristico dati a protezione del- che hanno svolto e continuano a "La carrubba" non la struttura. Il fuoco svolgere un lavoro eccezionale. A lontano dal centro sembra sia stato apparte il danno materiale arrecato urbano di Sortipiccato nelle cucine alla mia casa di campagna, che ha no .Per domare le e abbia distrutto l'inper dato il via ad una commovente fiamme nel locale, tero corpo centrale. gara di solidariet, colpisce molto in contrada MasseSulla vicenda indal'inquietante segnale che si voluto ria Carrubba, alla gano i carabinieri di lanciare. E poi quel che mi addolora periferia del CoSortino, gli stessi che adesso stanno indagando che il fuoco ha irrimediabilmente mune ibleo, i vigili del fuoco hanno dovuto per venire a capo della situazione rispetto allindivorato la collezione completa de lavorare per oltre quattro ore, fino all'alba del cendio della villa del coordinatore regionale del'I Sicilian di Pippo Fava, che era 4 febbraio quando poi ritornata la normalit. la federazione antiracket della Sicilia. un mio vanto ed orgoglio".

attentato incendiario alla villa del coordinatore antiracket

Ignoti piromani hanno appiccato il fuoco allimmobile di contrada Pizzo Paletto a Sortino, di propriet di Mauro Magnano

La notte fra il 3 e 4 febbraio lincendio allagriturismo

Secondo avvertimento con il fuoco nel giro di una settimana a Sortino

Litiga con lamante della moglie poi precipita dallalbero


Finisce in ospedale un 29enne floridiano che ieri mattina si arrampicato su un albero per la disperazione del rapporto troncato
il chiarimento con lamante della moglie. In seguito, la minaccia del marito tradito di farla finita gettandosi dal terrazzo di casa. Quindi la caduta delluomo accidentale dallalbero su cui si era arrampicato e quindi la corsa in ospedale a causa delle lesioni per fortuna giudicate non gravi dai sanitari che lo hanno visitato. Il dramma sentimentale si consumato ieri mattina a Floridia ed ha visto vittima G.M. di 29 anni, il quale stato ricoverato allospedale Umberto primo di Siracusa a causa delle ferite riportate in maniera autonoma. La vicenda ha il suo prologo da circa un mese, da quando cio, una donna di 25 anni ha deciso di lasciare il marito per seguire un coetaneo floridiano, che abita a pochi passi dal tetto coniugale nella zona popolare di contrada Santuzzo. Dopo circa una settimana, la donna ha lasciato lamante per tornare a vivere con il marito. Il tira e molla sarebbe durato ancora per qualche altro tempo con al centro lindecisione della donna su quale rapporto sentimentale poggiare le basi future. Nel mezzo, i due pretendenti il cui umore cambiava al mutare della decisione della loro donna di stare con luno o con laltro. Ieri mattina i due uomini si sono dati appuntamento alla villa comunale di Floridia per un chiarimento alla presenza della moglie ed amante. Fra i due sarebbero volate parole grosse ma si sarebbero limitati alle minacce e nulla pi. Poi la donna si allontanata dal luogo del chiarimento insieme allamante. Sembrava che tutto fosse finito l. Invece, il marito, in preda alla disperazione, ha tentato un gesto estremo. Si portato sul terrazzo della palazzina in cui abita, minacciando di lanciarsi nel vuoto. Ora la faccio finita avrebbe detto a pi riprese facendo intendere che avrebbe voluto che la moglie tornasse a casa. Poi luomo sceso dal terrazzo e si arrampicato su un albero antistante il palazzo in cui abita. Ma il ramo in cui si appollaiato ha ceduto ed il malcapitato precipitato rovinosamente al suolo. Sul posto intervenuta una pattuglia dei carabinieri della locale

12 feBBraio 2013,Marted

priolo 41enne preso in corsa dai cc


E

Prima

In foto, la tenenza dei carabinieri di Floridia. Sotto, la villa Aurora. Tenenza che, notando la gravit sanitari intervenuti prima, luodella situazione, ha fatto inter- mo ha ripreso conoscenza anche venire lelisoccorso. per fortuna, perch le lesioni riportate nella per, ad una verifica da parte dei caduta non erano cos gravi da

prevedere il trasporto in un ospedale specializzato della Sicilia, quanto al locale nosocomio per essere curato.

CRONACA

Anziano morto in una casa di cura La Procura ha aperto uninchiesta


E stata avviata unindagine da parte della Procura della Repubblica di Siracusa, per fare luce sulle cause della morte di un anziano deceduto la scorsa notte presso Villa Aurora, una casa di cura di Citt Giardino a Melilli, che ospita disabili mentali. La vittima Francesco Mirmina, 65 anni, trovato senza vita dal personale della struttura. La magistratura siracusana ha aperto un'inchiesta sul caso dellanziano dopo aver scoperto che il pensionato, qualche ora prima del decesso, avrebbe avuto un litigio con annesso scontro fisico con uno degli ospiti della casa di

cura. Nella colluttazione, poi sedata dal personale di servizio al centro, la vittima avrebbe riportato alcune ferite alla testa. Questo sarebbe emerso da una prima ispezione cadaverica, effettuata sul luogo del decesso dal medico legale. Una volta scattato lallarme, sul posto si sono recati gli agenti della Squadra mobile della Questura di Siracusa che hanno interrogato i presenti e quanti abbiano assistito dal litigio. Il pubblico ministero Giancarlo Longo ha disposto l'autopsia sul cadavere dellanziano per accertare le cause della morte.

successo ieri, proprio nel centro di Priolo Gargallo, ove i militari dellArma da qualche giorno stavano cercando Francesco, Benvenuto cdi 41 anni, evaso pochi giorni prima da una comunit di Messina. Il giovane era rientrato a Priolo ed i militari dellArma lo avevano intuito, avviando indagini su di lui in merito anche ad alcuni furti occorsi nella zona nei giorni precedenti e soprattutto per un evento che aveva visto coinvolta una pattuglia delle forze dellordine un paio di sere prima, allorquando un soggetto in fuga su unauto rubata aveva tentato di speronare gli uomini in divisa per guadagnarsi limpunit. Anche per tutti questi eventi i Carabinieri stavano ricercando il Benvenuto, fino a che, il Comandante di Stazione ha riconosciuto la sagoma del giovane nei pressi di un supermercato. Alla vista del mezzo dei militari il Benvenuto si dato ad una fuga, attraverso vicoli stretti in cui la macchina dei Carabinieri faticava a passare. stato allora che il maresciallo si posto allinseguimento delluomo, di fronte agli sguardi attoniti di tanti cittadini che facevano la spesa. Dopo qualche centinaio di metri il fuggitivo stato raggiunto dal maresciallo che, superatolo in velocit, lo ha infine condotto in Caserma. L sono state formalizzate le accuse: la prima per evasione, e poi, le altre, per le quali luomo ha inteso fornire una piena confessione. Da qui e laccusa di furto aggravato di unauto e di alcuni capretti.

Hanno

reso ampie dichiarazioni sostenendo le proprie ragioni dinanzi al Gip del tribunale di Siracusa, Alessandra Gigli, il capo di prima classe della Marina Militare ed il sorvegliato speciale catanese, arrestati la scorsa settimana perch accusati del reato di estorsione ai danni dei titolari di una pizzeria di Floridia. Il sottufficiale Umberto Lombardo di 34 anni, difeso dallavvocato Antonio Zizzi, e Salvatore Mollica, 40 anni, catanese, residente a Floridia, assistito dallavvocato Giorgio DAngelo, si sono protestati innocenti, raccontando la propria versione dei fatti. Il sorvegliato speciale ha detto di avere accompagnato lamico militare

Si sono protestati innocenti dinanzi al Gip del tribunale il sottocapo della Marina Militare e il sorvegliato speciale

chiesi la restituzione del denaro che prestai


denze della presunta vittima. Lindagato ha, quindi, detto al Gip di avere solamente prospettato al titolare della pizzeria che sarebbe stato costretto a rivolgersi allispettorato del lavoro per denunciare le presunte mancanze. Secondo quanto appurato dal sostituto procuratore Delia Boschetto, che ha coordinato le indagini, avviate nello scorso ottobre, il sottufficiale della Marina Militare, Lombardo in varie occasioni avrebbe minacciato i gestori del locale per convincerli a versargli somme di denaro. In una circostanza, il Mollica avrebbe spalleggiato il militare, facendo leva sulla sua presunta caratura criminale e quindi per essere pi convincente nelle richieste di denaro.

12 feBBraio 2013, Marted

Il palazzo di Giustizia di Siracusa. presso la pizzeria merito della questioin questione per ri- ne. tirare unordinazio- Lombardo ha, invene di pizzette per il ce, riferito di avere compleanno della prestato al titolare figlia. Ha poi rife- dellesercizio comrito di avere sentito merciale (che ani due discutere ani- che suo collega in matamente, ma non Marina Militare) sarebbe entrato nel dei soldi per lac-

quisto di attrezzature necessarie per lattivit senza per mai ricevere nulla in cambio. Non solo, avrebbe anche dovuto dare dei soldi alla moglie ed al fratello che avevano lavorato alle dipen-

autosport

s.r.l. c.da targia 18 siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it

rianimazione pediatrica Si ritorna alla carica


Liniziativa
di Gianni Briante di rilanciare con forza la richiesta di istituire presso lospedale Umberto primo una struttura di rianimazione pediatrica, stata sposata questa mattina da un consistente numero di esponenti politici tutti uniti per sensibilizzare Asp e Regione siciliana. Allappello di Gianni Briante hanno risposto Enzo Vinciullo, Pippo Gianni, Titti Bufardeci, i consiglieri provinciali Liddo Schiavo, Gino Gionfriddo, Gino Saitta, Massimo Prado, Giuseppe La Rocca, Paolino Amato, Francesco Saggio gli assessori Giorgia Giallongo, vice presidente e Giuseppe Abbate. Pervenuto anche un messaggio di solidariet alliniziativa da parte di Stefania Prestigiacomo. Tutti insieme per convincere lassessore regionale alla sanit a dotare la provincia di Siracusa di una struttura indispensabile. Siamo qui ha esordito Gianni Briante nel presentare liniziativa ai giornalisti innanzitutto come genitori per andare avanti in questa battaglia che oramai conduciamo da tre anni. Serve questa struttura per salvare i nostri figli. Una provincia di oltre quattrocentomila abitanti deve avere notizie certe, non pu pi attendere. Tutti insieme vogliamo lanciare questo appello allass. Borsellino. Vogliamo sapere se almeno c gi un progetto o quanto meno se hanno pensato di dotare il reparto di pediatria di un medico H24. Abbiamo assistito ha detto Liddo Schiavo al dramma della famiglia che qualche giorno fa ha perso un bambino di 5 anni. Oggi per la politica siracusana un momento di unit. Chiederemo un incontro allass. Borsellino perch vogliamo che lospedale di Siracusa possa essere in grado di prestare, ai bambini, il cosiddetto primo soccorso. Se arriva al pronto soccorso un bambino di quattro, cinque anni, il bimbo dovr essere stabilizzato. Una delegazione dellEnte Provincia deve incontrare lassessore regionale alla sanit. Tutti noi ha sottolineato il consigliere provinciale Paolino Amato siamo a fianco di Gianni Briante per questa battaglia di civilt. Abbiamo rac-

10 feBBraio 2013, doMenica

vita di Quartiere

12 feBBraio 2013, Marted

Iniziando dalle zone maggiormente popolari di Ortigia quali i rioni della Giudecca e della Graziella con le loro cifre storiche

Dopo il decesso del bimbo di 5 anni allospedale Umberto primo Tutti daccordo a sostenere la battaglia sociale
regionale alla Sanit e lAsp di Siracusa Nello stesso periodo avrebbero potuto istituire almeno un pronto soccorso pediatrico. Invece nulla di tutto questo. Poche parole da parte del consigliere provinciale Francesco Saggio. Speriamo ha detto rivolgendosi a Gianni Briante che la tua iniziativa vada in porto. Per vincere questa battaglia occorre che tutta la politica siracusana sia compatta. Mi preoccupano ha sottolineato il consigliere provinciale Gino Saitta le barriere architettoniche mentali. Dobbiamo capire la disponibilit degli operatori presenti anche perch il personale medico sottodimensionato. Senza dimenticare che sfugge a molti il fatto che oggi il concetto di responsabilit oggettiva di tipo contrattuale e quindi di fronte a una inadempienza pu essere chiesto un risarcimento di natura economica.

In foto, un momento dellincontro di ieri.

colto cinquantamila firme, la Regione deve dare ascolto alla nostra richiesta. Mi auguro che la politica non sottovaluti questo importante problema. La mia adesione alla batta-

glia ha detto Enzo Vinciullo totale. Dobbiamo chiedere unaudizione alla commissione sanit. In questo periodo abbiamo assistito a un balletto di responsabilit tra lassessorato

SANITA

Sciopero dei punti nascita: assicurate tutte le prestazioni indispensabili


Questa
mattina, in occasione dello sciopero generale nazionale dei medici che operano nei punti nascita, nei consultori familiari e negli ambulatori ostetrici del territorio, lAsp di Siracusa ha attivato tutte le procedure necessarie ad assicurare lerogazione delle prestazioni indispensabili individuate dalla normativa vigente. Giro di vite per i punti nascita siciliani. Sono 28 le strutture che non potranno pi operare secondo quanto previsto nel Decreto Riordino e razionalizzazione della rete dei punti nascita pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana del 5 gennaio. Il decreto cancella il provvedimento varato a settembre 2011 ampliando il numero delle strutture da chiudere. I direttori generali delle aziende sanitarie e le strutture private accreditate, avranno tempo fino al 30 giugno 2012 per presentare un apposito piano di riconversione, dintesa con il Comitato percorso nascita regionale (CPNr) e il Comitato percorso nascita aziendale/locale (CPNa), delle strutture interessate per laccorpamento o la disattivazione dei punti nascita e di procedere entro il 30 settembre 2012 allaccorpamento o alla disattivazione degli stessi Il decreto introduce inoltre abbattimenti tariffari per le strutture che superano il limite del 20 per cento di parti cesarei. In base alla nuova riorganizzazione la rete regionale dei punti nascita siciliani cos costituita da 42 strutture, salvo ulteriori eventuali riduzioni o accorpamenti che dovessero intervenire in seguito allapplicazione di piani attuativi che saranno presentati dai Dg e dalle strutture private accreditate, sempre nel limite dei 500 parti lanno. I presidi nei quali sono stati rimodulati i punti nascita potranno comunque continuare a garantire lattivit ginecologica e di assistenza per il percorso nascita a livello ambulatoriale e di Dh.

Servire per valorizzare insieme i quartieri siracusani


Lions rispondono ai bisogni delle comunit locali nel mondo. Gli oltre 1 milione, 350 mila soci di tale organizzazione di volontariato organizzata in 46 mila club distribuiti in 207 Paesi e aree geografiche sono diversi sotto molti aspetti ma condividono una convinzione fondamentale che, in sintesi, : " siamo noi a costruire la comunit " . Ogni qual volta i Lions Club agiscono insieme i problemi diventano pi piccoli e le comunit migliorano. Questo perch portiamo il nostro aiuto con impareggiabile integrit ed energia ovunque sia

necessario, nelle nostre comunit e in tutto il mondo. Fondata nel 1917, tale Associazione conosciuta per il " servizio " prestato alle comunit locali in molteplici settori : dalla lotta alla cecit al sostegno ai bambini affetti da malattie killer; dalla lotta alla fame e alla sete nei paesi pi poveri ai primi soccorsi in caso di calamit naturali; dal sostegno ai giovani mediante la formazione o borse di studio alla fornitura di attrezzature a ospedali e cliniche; dalla sensibilizzazione nelle scuole e nella societ alla lotta contro le dipendenze al restauro e con-

servazione dei beni culturali e molto altro ancora sempre e soltanto per " servire " la comunit infatti il nostro motto " We Serve " Per questo anno sociale il Dr. Antonio Pogliese Governatore del Distretto 108 Yb, che territorialmente corrisponde alla Sicilia, ha coinvolto gli oltre 4 mila, 500 Soci distribuiti in 108 Club, ad affrontare il tema: " dall'associazionismo alla societ civile, dalle analisi alle proposte ". volendo con questo stimolare tutto il Distretto ad attivarsi per essere di impulso per le Amministrazioni locali mediante la attenzio-

ne verso i problemi sentiti dalle rispettive comunit e, soprattutto, per proporre soluzioni. Per questo la Circoscrizione siciliana, che geograficamente ricomprende tutti i 12 Club della provincia di Siracusa, ha pensato di far elaborare a ciascun Club un progetto che avesse le seguenti caratteristiche: rispecchiare le esigenze della propria comunit - essere realizzabile senza un gravoso impegno di spesa da parte delle Pubbliche Amministrazioni, ben consapevoli delle ristrettezze economiche del momento - avere la prerogativa della precisione e del-

la accuratezza senza voler sfociare nel tecnicismo affidando alla amministrazione, per il mezzo dei propri tecnici, l'iter per giungere alla cantierabilit del progetto medesimo. In conclusione nella originalit e nelle concretezza presentare progetti che siano sicuramente realizzabili e finalizzati ad apportare un beneficio e una possibilit di essere usufruiti dalla comunit. I Club della VI Circoscrizione hanno aderito alla iniziativa e tramite i propri Soci, tra i quali si annoverano professionalit eccellenti, hanno elaborato questi progetti.

progetti elaborati dietro iniziativa del Lions Club per la valorizzazione dei quartieri siracusani e del territorio sono stati consegnati in questi giorni ai rispettivi Sindaci alla presenza del Governatore del Distretto 108 Yb Dr. Antonio Pogliese e del Presidente della Provincia Regionale di Siracusa On. Nicola Bono nella sede della Provincia Regionale di Siracusa, Sala degli Stemmi, Via Roma ( Ortigia ). Di seguito lelenco dei Componenti il Comitato Organizzatore dellevento: Antonella Bona - Segretario di Circoscrizione. Salvatore Sardo- Cerimoniere di Circoscrizione. Diego Bivona - Presidente Zona 17; Salvatore Maddalena Presidente della Zona 18 e Michele Mur Presidente della Zona 19 del Lions Club Sicilia. Giuseppe Vaccaro Coordinatore per il Tema di Studio Distrettuale dello stesso Lions Club. L'associazione del Lions Clubs International fu promossa da Melvin Jones, un giovane dirigente di Chicago che lavorava presso una compagnia di assicurazione e nel 1913 ne fond una propria. Massone, socio di un'associazione professionale rivolta alla crescita del benessere economico dei propri soci (il Club of business men of Chicago) di cui era segretario. Jones riteneva invece che fosse necessario adoperarsi per migliorare le proprie comunit ed anche il mondo nella sua globalit.

La misura citt mia per rendere migliori le aree urbane del territorio

10

12 feBBraio 2013, Marted

Speciale per la Giornata di Mobilitazione della confesercenti


impresa presenta il conto! Perch? La crisi che ormai da alcuni anni sta sconvolgendo la nostra economia ed il nostro lavoro ha colpito pi di altri, alcuni comparti, caratterizzati dalla presenza di migliaia di micro e piccole imprese. Imprese queste ultime che hanno dato fondo a tutte le proprie risorse disponibili ed ora sono allo stremo delle proprie forze. Le imprese di commercio e turismo presentano il proprio conto perch vogliono tornare a garantire sviluppo, occupazione e ricchezza. Le imprese di commercio e turismo da sempre lavorano con le proprie gambe, fra mille difficolt e sacrifici. Sono quelle che hanno subito gli unici processi di liberalizzazione, sono quelle che pi di altre hanno pagato la crisi del mondo bancario, pagando tassi pi elevati pur avendo le minori percentuali di insolvenza.

Le 13 priorit per il 2013 per evitare la catastrofe del comparto del piccolo commercio L

Un protagonista del Risorgimento


12 feBBraio 2013, Marted

11

E oggi presentano il conto. Un conto come ovvio fatto di cifre e di numeri. Un conto che la fotografia del mondo che rappresentano. Un conto, un totale a cui non si pu applicare alcuno sconto. Un conto che addiziona i sacrifici di migliaia di imprenditori e che auspichiamo, possa essere quanto prima saldato. Un conto che viene presentato ai candidati parlamentari ai quali si richiede un primo anticipo: un impegno per salvare le nostre imprese. La spese delle famiglie per consumi. La spesa delle famiglie nel 2011 stata pari a 853.561 milioni di euro. Dallinizio della crisi (2007) al 2011 la spesa per consumi si riduce dell1,1%, ossia di 9,5 miliardi di euro. Il 2012 stato un anno molto particolare e ben peggiore del 2011, infatti i consumi delle famiglie nei primi tre trimestri dellanno si sono ridotti del 4%, con un

In foto, il presidente di Confesercenti nazionale, Marco Venturi. calo della spesa di del 2012 subisce una quasi 26 miliardi di contrazione dell1,4% euro in soli nove mesi. (pari a circa 4,8 miI consumi delle fami- liardi di euro). glie si riducono Se il calo della spesa Beni durevoli del 12% delle famiglie che si ossia 7,2 miliardi in verificato nel 2012 meno; beni non du- si ripetesse anche nel revoli del 4% per 7,6 2013 allora in due miliardi in meno; beni anni si assisterebbe a semidurevoli del 9,8% una contrazione della ossia per 7 miliardi in spesa per consumi meno; e infine la spe- interni che sfiorerebbe sa per i servizi sempre i 70 miliardi di euro. nei primi nove mesi 2012/2013: 3.000 euro in meno spesi da ogni famiglia. La crisi del commercio e del turismo Nel 2012 hanno cessato la loro attivit 64.126 imprese del Commercio al dettaglio (di cui 52.432 pari all82% sono imprese individuali) e 27.691 imprese attive nellAlloggio e Ristorazione. Ben 283 imprese al giorno hanno cessato la loro attivit solo in questi due comparti. Nel 2012 si sono registrati 34 fallimenti al giorno. Redditi e ricavi delle imprese del commercio e del turismo Crollano i ricavi ed il reddito delle imprese in regola con gli studi di settore. E la crisi solo allinizio Tra il 2007 e il 2010 i redditi medi dichiarati nel Commercio si riducono dell11%. Credito e Banche Tra il 2012 e il 2010 il credito alle imprese del Commercio, Turismo e Noleggio, Agenzie di Viaggi e Altri Servizi si ri-

dotto di circa 3 miliardi di euro (il -2% in termini percentuali). Le sofferenze per gli stessi comparti sono quasi raddoppiate con una crescita del 74% pari a 8 miliardi di euro. Fisco oppressivo e consumi in crisi mettono in ginocchio le imprese Negli anni 2011 e 2012 le manovre fiscali hanno previsto maggiori imposte per famiglie ed imprese per 40 miliardi, cio di 656 per ciascun abitante. Questo importo raggiunto grazie allImu, allo sblocco delladdizionale comunale allIrpef, alladeguamento delladdizionale regionale allIrpef, allaumento dellaliquota Iva dal 20 al 21%, agli aumenti superiori al tasso dinflazione delle altre tariffe dei servizi pubblici locali e da altre entrate previste dalle leggi di stabilit. Inoltre, e questo riguarda pi da vicino il commercio al dettaglio, il preventivato ulteriore aumento dellaliquota ordinaria dellIva dal 21 al 22% costringerebbe le famiglie che vorranno mantenere lo stesso volume di acquisti di beni o servizi a sborsare altri 4 miliardi. Ma se non lo faranno, in tutto o in parte, diminuir il fatturato degli esercizi commerciali. Tutto considerato, se le cose resteranno come indicato, ciascun italiano spender nel 2013, in imposte e tasse, 560 euro in pi rispetto al 2012. Nel 2013 famiglie ed imprese pagheranno altri 35 miliardi in imposte e tariffe. In tre anni - dal 2011 al 2013 quasi 75 miliardi in pi, 1.250 euro pro capite. Tutto questo avr forti conseguenze negative: ancora pi tasse e meno consumi delle famiglie, incideranno pesantemente sul tessuto produttivo Stimiamo che questanno chiuderanno 450.000 imprese in totale, di cui 80.000 nel commercio al dettaglio: fisco oppressi-

vo e consumi in crisi contribuiranno a farne chiudere 70.000, di cui almeno 10.000 nel commercio. Previsioni 2013: si rischi la catastrofe se.... ...nel 2013 verr confermata lImu cos com, con lintroduzione della Tares, con laumento delle altre tariffe locali, con lulteriore adeguamento delle addizionali regionali Irpef, le imprese (incluse quelle a gestione familiare) dovranno pagare ulteriori 14 miliardi di tasse e imposte, quasi 3.000 euro ad azienda. ...le famiglie dovranno pagare, per gli stessi motivi, altri 20 miliardi di imposte aggiuntive, 800 euro a famiglia. ...i consumi delle famiglie dovrebbero ridursi di ulteriori 9 miliardi di euro. Le 13 priorit per il 2013 per evitare la catastrofe 1. Ridurre le aliquote IRPEF per i redditi medio bassi e ridurre lIRAP per le PMI. 2. Scongiurare aumento IVA dal 21% al 22%. 3. Escludere IMU da immobili strumentali e prima casa. 4. Rivedere riscossione coattiva per debiti tributari e favorire rateazione. 5. Rivedere i criteri di applicazione della Tares. 6. Favorire attivit Confidi per il credito alle imprese. 7. Meno costi sul lavoro e meno burocrazia. 8. Ridurre i costi a carico delle imprese per lutilizzo della moneta elettronica. 9. Pi negozi di vicinato per citt pi sicure. 10. Aperture domenicali solo quando serve e competenze alle Regioni. 11. Sostegno allo start up delle imprese con formazione e innovazione tecnologica. 12. Rivedere la norma di pagamenti e contratti per i prodotti agricoli e alimentari. 13. Pi infrastrutture per favorire la crescita del turismo.

Un

protagonista del Risorgimento siciliano. Emanuele Francica barone di Pancali (17831868), questo il titolo della nuova opera libraria di Salvatore Santuccio (in foto), dottore di ricerca in Storia politica, e rappresentanza degli interessi nella societ italiana e internazionale F. Mazzonis, attualmente insegna Storia moderna e contemporanea presso la Facolt di Reggio Calabria. I festeggiamenti del 150esimo anniversario dellUnit dItalia sono stati, anche se in maniera controversa, loccasione per riproporre e approfondire molte parti della storia di quei moti, quei personaggi e quei pensieri che hanno dato vita alla nostra Nazione. Proporre, come in questo caso, la storia di Emanuele Francica barone di Pancali vuol dire ripercorrere concretamente le incognite, le paure, i momenti di sconforto ma di grande slancio e coraggio che caratterizzarono il Risorgimento italiano. Emanuele Francica, ba-

Loccasione controversa per riflettere sui moti di quel periodo storico tormentato
nel Siracusano durante l'epopea del Risorgimento. Una grossa carpetta specialmente sulla quale Paolo Rio aveva Ietto l'indicazione documenti del Barone Pancali avevo acuito lamia curiosit: pensavo che la voluminosissima corrispondenza di Emanuele Francica, barone di Pancali, che parte cos cospicua aveva avuto nel movimento di liberazione, avrebbe riserbato chi sa quali ghiotte sorprese alle mie ricerche. Dopo la lunga fatica Paolo Rio propendeva a confessarsi disilluso, almeno per ci che riguarda le numerosissime lettere (oltre un migliaio) al Pancali pervenute, prima e dopo l'esilio, da ogni parte: gli accenni all'attivit cospiratrice non mancano, ma sono rari e quasi sempre di lieve importanza. In compenso Paolo Rio aveva trovato e rapidamente esaminato alcuni manoscritti dello stesso Pancali, del poeta e patriota Emanuele Giarac e di altri che sono di grande rilievo, specialmente

A suo perenne ricordo la piazza del popolo di una volta assunse il nome del nobile di Pancali

rone di Pancali. Nasce nel 1782 a Siracusa. Comincia da giovane a prendere parte alle cospirazioni contro il governo borbonico e agli avvenimenti che si svolgono tra il 1810 e il 1813. A Siracusa, nel 1837, capeggia il movimento di ribellione e si tiene in contatto con gli altri centri dell'isola. Contro di lui viene poi ordinato il domicilio coatto per dieci anni. Nel 1848 lo ritroviamo a Palermo come presidente del Comitato; ma nell'anno successivo, avendo avuto il sopravvento la reazione, viene promulga-

ta un'amnistia generale dalla quale sono esclusi 43 siciliani (tra cui il Pancali), accusati di incitamento alla ribellione. Egli riesce a salvarsi riparando a Malta, dove soffrir gravi privazioni che non cesseranno nemmeno dopo il 1860. Muore a Malta nel 1868. Il poeta Paolo Rio aveva da tempo desiderato di esaminare i manoscritti conservati nella Biblioteca Comunale di Siracusa ed il mio desiderio era sostenuto da una viva aspettazione: quella di trovare documenti di un certo rilievo intorno alle vicende verificatesi

quelli che si riferiscono ai fatti del 1837 e alle vicende del 1848. Su tali manoscritti Paolo Rio con pi riposato esame e col proposito di studiare e pubblicare gli scritti del Giarac e del Pancali sui fatti del 1837 che, come si sa, furono oggetto di polemica e di pubblicazioni da parte del patriota ed esule Salvatore Chindemi e dell'abate Emilio Bufardeci, il quale ultimo fu deputato al Parlamento Siciliano. Il manoscritto del Pancali, di assai difficile lettura, ha numerosi spunti fortemente polemici. Paolo Rio si limitava a dare notizia sommaria della ricognizione eseguita nella relazione, esprimendo il voto che la Biblioteca Comunale di Siracusa, mentre fervevano i lavori di riordinamento, liberi i manoscritti pancaliani, che hanno un reale valore, dal ciarpame delle innumerevoli lettere di ignoti, che, pur essendo indirizzate al barone Pancali, trattano esclusivamente di affari privati e principalmente di vicende giudiziarie.

E possibile contattarla per qualunque emergenza legata a problematiche negli specchi dacqua marini

a Capitaneria di Porto rende noto che per qualunque informazione attinente le attivit della stessa Capitaneria di Siracusa, gli utenti possono visitare il sito http://www.guardiacostierasiracusa.it . Il Corpo delle capitanerie di porto - Guardia costiera uno dei corpi tecnici della Marina Militare - Ministero della difesa. Sul territorio la capitaneria di porto l'edificio sede del comandante del porto, istituito presso il Compartimento marittimo, ufficio periferico dell'amministrazione del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti nella provincia marittima. Alla capitanerie affidata la gestione amministrativa, la sicurezza della navigazione, la salvaguardia della vita umana in mare ed in genere tutte le attivit marittime connes-

Compamare Siracusa c sempre nel bisogno


nistrazione e la cura dei porti ed stato istituito nella sede di palazzo Pitti, nell'allora capitale del Regno d'Italia, Firenze, con la firma del regio decreto n. 2438 del 20 luglio 1865 da parte di Vittorio Emanuele II. Con il passare degli anni, l'odierno Corpo, dopo aver dismesso la toga della magistratura speciale marittima, opera nell'interesse collettivo, per regolare l'utilizzazione dei porti e delle spiagge, ma anche a tutela dei commerci e vigilare su tutte le attivit che si svolgono in mare e sulle pertinenze del mare. Ha funzioni di polizia giudiziaria, per le violazioni previste dal Codice della navigazione e delle altre leggi speciali (pesca, demanio marittimo, diporto nautico, ambiente etc.) ed attraverso l'articolazione operativa di Guardia costiera, dispiega la sua

se alla fruizione del mare nella pi ampia accezione del termine. Il Corpo, storicamente l'erede delle antiche magistrature del mare, alle quali era stata affidata l'Ammi-

azione in mare, nei porti e sulle pertinenze marittime, principalmente per la salvaguardia della vita umana in mare. Il Corpo ha poi funzione di pronto intervento nei casi di soccorso marittimo o di crimini commessi in mare. Per le ultime operazioni, le indagini spettano in collaborazione coi Carabinieri. Per il soccorso marittimo hanno mezzi dotati per intervenire in situazioni di mare estremamente agitato. Sono dotati persino di alcune idroambulanze. I servizi d'istituto sono effettuati con dipendenza da diversi organi dello Stato, dei quali il Comando generale del Corpo delle Capitanerie di Porto l'interfaccia naturale. Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il principale organo istituzionale che si avvale dell'operato delle Corpo delle Capitanerie di Porto.

12

questa domenica di febbraio ha riscosso grande successo il Carnevale di Palazzolo con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi in maschera che hanno animato il centro storico tra balli, musica e allegria. I carri sono stati esposti lungo corso Vittorio Emanuele anche sabato sera e domenica mattina, mentre la presentazione ufficiale avvenuta ieri pomeriggio con larrivo dei carri in piazza del Popolo per lavvio della sfilata. I carri in gara sono Oro Nero, Il mondo che vorrei non questo, Ma cosa bolle in pentola, N Monti n mari ni runinu a manciari, Gira vota e furria e sempri a stissa cammurria , Gli incubi di Super Mario, Avanti il prossimo !?, Mangiamacco e Palazzolo balla, con titoli molto significativi e allegorici sulla situazione politica italiana e locale e sui temi dellattualit. Nonostante il freddo afferma lassessore comunale al Turismo Paolo Sandalo questa giornata di Carnevale ha avuto un grande successo. Tanti i visitatori che hanno partecipato alla festa. Un ringraziamento va sempre ai palazzolesi e ai carristi che credono in questa manifestazione e che realizzano dei carri molto belli. Il Carnevale terminer domani con la giornata del marted grasso. Ci sar ancora spazio per gli stand per la degustazione di prodotti tipici della gastronomia di Palazzolo, dalla salsiccia ai cavatieddi con il sugo di maiale,

Nonostante il freddo di

Tanti i visitatori che hanno partecipato alla festa e intanto nel capoluogo tutto si assopisce
per abitudine i politici e gli amministratori; ma a Siracusa pare che non esista pi, se si eccettua qualche ballo in maschera dove per non si pu entrare- ed a pagamento, si capisce- se non si mascherati, come se la propria maschera per se stessa non bastasse, come scrisse Luigi Pirandello nella raccolta delle sue opere: Maschere nude... Ci pensano, in qualche modo, le scuole a tenerlo in vita, per quanto non sia pi vegeto e brillante come un tempo. Un tempo infatti, quando gli anziani di oggi, e ancor prima, erano appena bambini, il carnevale di Siracusa si svolgeva veramente alla grande: Don Severino (non lo ricordiamo il soprannome, non per difetto di memoria, ma per rispetto al personaggio, che di cognome vero faceva Di Mauro, era un grande dominatore della scena, con i suoi veglioni con il gioco del sutta 90 dove si poteva vincere anche un jaddhuzzu o anche qualcosa di poco di pi, ma si tentava la fortuna lo stesso con le salette di ballo, dove ancora le ragazze erano rare le protagoniste, come oggi, lallegria che vi faceva suscitare a poco prezzo. Il personaggio pi caratteristico era U dutturi Pampineddha, che per le vie di Ortigia faceva sbellicare dalle risate con le sue trovate. Cera anche il concorso per i migliori costumi da carnevale e soprattutto per i carri allegorici. cera persino il

carnevale di palazzolo grande successo per la prima giornata

12 feBBraio 2013, Marted

I carri sono stati esposti lungo corso Vittorio Emanuele anche sabato sera e domenica mattina, mentre la presentazione ufficiale avvenuta ieri pomeriggio con larrivo dei carri in piazza del Popolo per lavvio della sfilata
concorso per la migliore canzone. Ai tempi del m Salvatore Grillo, animatore esimio, oltre che insegnante delle scuole elementari e uno dei fondatori della Societ di Storia Patria, come pure del Coro di Val dANAPO. Una volta si riusc a fare il concorso di poesia carnascialesca e dellinno a Mister Carnevale: lo organizz con grande successo Ciccio Bartolo della Provincia Regionale: quello per la migliore canzone lo vinse il sottoscritto, eseguito da un gruppo di baldi suonatori come Tramontana al sax, DAmbrogio e Mirone alle trombe ed io alla pianoforte: non esistevano ancora le tastiere. Questo il testo della canzone, che fa parte dei Cento acquerelli poetico musicali del territorio di Siracusa, pubblicati dallINCAS nel 1996: Carnevale siracusano. I pazzi sono saggi in questi giorni/ ma Siracusa un manicomio gi./ lo sai il motivo? E Carnevale,/ da piazza Duomo a Mazzarrona un baccanal,/ per tutti torna in questi d la bella et!/// Siracusani, questo il dottorisssimo dottor,/ e chi ricorre a lui pi di centanni camper:/ chi soffre pur di bile o malumor una semplice iniezion/ dallegria e buonumor/ sapr ridare a tutti la felicit!// Abbasso il malumor,/ Pace e bene, felicit!....// Siracusani, allegri:/ oggi carneval!/// Che maledico dottore carneval,/ che ridendo prende in giro la citt! Gente seria, benpensante/ fate largo a Carneval/// Siracusane belle, / bionde o brune o in parruccon,/ che vi affannate in cerca/ dun marito da spolpar,/ se tutto lanno invano / stato il vostro ricercar,/ questa loccasion/ che voffre Carneval / tra balli e baccanal,/ sappiate approfittar! Abbasso il malumor! Pace e Bene, Felicit! Siracusani allegri: oggi Carneval!!/// Corso Gelone e Corso Matteotti/ impazzan di bambini e giovent;/ anche tu, anziano, dcci una mano: / ti sentirai ringiovanito il cuor! / Semel in anno insan pur Ciceron! Il carnevale di questanno passato ancor pi in sordina degli altri anni: forse perch si aggravata la crisi economica? No! Si aggravato il tran tran della vita che ci rende ormai indifferenti a tutto, anche al Carnevale; si aggravata lindifferenza, si aggravata lapatia, la cosiddetta atarassia, come la defin Seneca, che non affatto il miglior rimedio per vivere sereni, ma la peggiore malattia delluomo doggi che non sa nemmeno divertirsi e sorridere, almeno una volta lanno! A.M.

12 feBBraio 2013, Marted

13

al crostino, ai dolci. La sfilata dei carri e dei gruppi partir stavolta dalle 16 da viale Dante Alighieri. Musica in piazza Umberto e degustazioni con la tradizionale Sagra dei Cavati a cura del Circolo San Paolo, e ballo in piazza Pretura con Le avven-

ture di Choco Clown e animazione a cura della ElleG Magic Party, e dellAntica Pasticceria Corsino. In piazza del Popolo ci sar ancora musica e ballo con lorchestra la Luna Rossa e dj set. Inoltre nella sala dellex Biblioteca

comunale nel palazzo del Municipio si potr assistere alla mostra concorso dei carri in miniatura che partecipano al Premio Caldarella. A Siracusa il Carnevale in agonia. Forse perch il carnevale da parecchi anni lo fanno

Quali rapporti tra fondazione Inda e Rotary Club di Palazzolo nellorganizzazione e gestione della nuova edizione del teatro classico dei giovani?

14

12 feBBraio 2013, Marted

Un moto di stizza fra i sassi dellAcre antica


senza un moto di stizza, come osserva peraltro Paolo Puglisi, presidente del Rotary club di Palazzolo Acreide Valle dellAnapo tocca assistere, circa la nomina del nuovo sovrintendente Inda di Siracusa, ad una rovente polemica che, in crescendo di toni e comparse, ha finito fatalmente per coinvolgere coristi della vecchia e della nuova politica. Come mai il Rotary vuole invischiarsi in un affaire che ha assunto ormai chiare connotazioni politiche? Proprio per questo! La storia del Rotary, nelle finalit perseguite e nei fatti compiuti, si sempre caratterizzata per lassenza di ideologia o visioni di parte n pu accadere che per provincialismo di un piccolo club di paese o del suo stesso presidente venga tradito il suo nobile, storico patrimonio etico. La piece, in atmosfera pirandelliana, origina con lentrata in scena di personaggi delle istituzioni la cui flebile voce, per, viene presto sovrastata da quella tanto pi fragoro-

Non

sa dei politici. Cosa dicono costoro?Balestra in questi anni ha fatto un ottimo lavoro discutibile figura al centro di pettegolezzi di varia natura, i conti non tornano... Siracusa aspetta la sua manna annuale occorre dare una nuova linea culturale alla Fondazione Siracusanit! incomprensibile disquisizione sul rinnovamento artistico, chi ha fatto bene deve essere riconfermato preoccupazione per le prossime rappresentazioni classiche al teatro greco. il ministro tracci la linea da adottarsi.. il ministro non vuole fare solo il notaio. Forse a tutti sfuggito che lIstituto Nazionale del Dramma Antico (ma sto pensando al grande Giusto Monaco) il padre nobile del Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani di Palazzolo Acreide. Si detto sfuggito per non dire del provato, atavico, tignoso disinteresse nei riguardi della Perla degli Iblei - Akrai - da parte del capoluogo e, per esso, degli

uomini delle sue istituzioni. Nessuna voce si levata a prospettare la iattura che il Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani cui Fernando Balestra, al pari di Giusto

Monaco, si sempre dedicato con competenza e amore potesse correre qualche pericolo o addirittura nel frangente defungere. Ecco perch io Rotary... afferma ancora Paolo Puglisi, il presidente del Rotary club di Palazzolo Acreide noi Rotary ci infiliamo in questo bailamme a patrocinio del profilo culturale e della passione del nostro personaggio. infatti il solo che ha sempre trovato tempo e cuore per apprestare al meglio lo spettacolo che tre - quattromila ragazzi e accompagnatori di ottanta scuole dItalia, dEuropa ed anche dAfrica, nellarco di un intero mese, sono soliti offrirci annualmente nel teatro di Akrai o sciamando a frotte per le strade o soggiornando qui in citt e in provincia. Tutto questo, sotto il profilo culturale, economico, delle relazioni ci coinvolge - eccome ! -, ci appartiene e lo rivendichiamo da cittadini e da rotariani anche perch questo lo stile del Rotary, questo fra le sue finalit, visione delle realt locali inclusa. Un timore, tuttavia, osserva ancora Paolo Puglisi, presidente del Rotary club di Palazzolo Acreide in conclusione assale .. che luomo venuto da lontano - il ministro Ornaghi per non fare nomi -, infastidito da tanto vociare e sbigottito dai tanti curricula, possa spedire un suo plenipotenziario ad acta magari scelto fra ex manager dei Calzaturifici Associati o delle Latterie Riunite.

manuele Giarac ragguagli dello sgmbramento delle truppe borboniche da Siracusa (quinterno di quattro fogli protocollo, sette facciate di scrittura minuta e regolare, edito), con relazione dello sgmbramento di Siracusa; 3 facciate sullo stesso argomento. All'eroica Messina, per la sua liberazione e nel tergo al generale Ci aldini , unico foglio: in un angolo un sonetto Qual forte arbusto , non patriottico. Foglietto, ancora al Cialdini? Nel retro pagina di bozza di un giornaletto, del quale ai elencano gli eventuali titoli. Dichiarazione intorno allo memorie storiche di Emilio Bufardeci (7 paginette in difesa d Salvatore Chindemi). Su Siracusa ritornata centro amministrativo

Fra letterato e poeta insigne

Emanuele Giarac divenne preside del liceo Gargallo nel 1877

Muovendo dal quartiere Tiche alle propaggini degli Iblei

12 feBBraio 2013, Marted

15

l moVimento 5 stelle di Lentini e Carlentini esprime grande soddisfazione per la partecipazione dei cittadini al "Programma Day" tenuto in piazza A.Diaz a Carlentini Domenica 10 Febbraio. Con il gazebo informativo gli attivisti del movimento 5 stelle hanno chiesto ai cittadini di scrivere loro stessi il programma per la citt in cui vivono. "Notiamo una grande voglia da parte dei cittadini di partecipare alla costruzione della futura Carlentini" dichiara Enza Castiglia, una degli attivisti nonch portavoce del movimento. Tutte le idee sviluppate nel corso

Partecipazione di pubblico a Carlentini per il Programma Day


del primo gazebo informativo denominato "Programma day" saranno messe on line a disposizione di altri cittadini che vogliano contribuire in prima persona a determinare gli obiettivi primari che gli attivisti del movimento dovranno portare avanti nei prossimi anni facendosi veri "portavoce" delle esigenze espresse dalla popolazione carlentinese. "La trasparenza e la partecipazione dal basso quello che contraddistingue il movimento 5 stelle da tutti gli altri partiti, i quali, dicono di fare gli interessi della cittadinanza, senza per ascoltare o prendere in considerazione le esigenze espres-

In foto, la lapide che ricorda Giarac. conclusasi della provincia (3 1860, pagine). L'Italia e il l'epoca delle cospiConcilio Ecumeni- razioni, il Giarac co; 3 pagine; nella fu nominato proquarta, una colonna fessore nel ginnasu Notzie politiche sio siracusano e, (attentato repub- convinto che anche blicano n Pavia) nella nuova Italia ed altra colonna su le lettere potessero L'Italia e il Conci- essere un mezzo di promozione civile lio. Una pagina dal tito- e politica, rese vive lo: notizie di gran- con l'insegnamento di siracusani. Nel le figure di Dante,

se dalla stessa" cos Alfio Vacanti , altro portavoce del movimento, sottolinea la profonda diversit ideologica di un movimento formato dai cittadini per i cittadini e aggiunge "anche i nostri candidati alle amministrative saranno scelti nella completa trasparenza e partecipazione e presto le modalit verranno rese pubbliche sul nostro sito web, possiamo accennare che alcuni tra i requisiti basilari che dovranno possedere gli aspiranti candidati ci saranno, il non avere carichi pendenti, il non essere iscritto a partiti, il non aver partecipato alle ultime 2 tornate elettorali.

Foscolo e Leopardi. Dopo qualche tempo ottenne la cattedra di letteratura italiana nel liceo Gargallo, di cui divenne preside nel 1877. Il timore di censure e ritorsioni aveva interrotto l'attivit di pubblicista del G., condannandolo a una "quiete sepolcrale" che aveva lasciato spazio soltanto alla scrittura, alla vita interiore e agli affetti di famiglia. Fu perci solo nel 1861 che, giovandosi del nuovo clima politico, il Giarac pot dare alle stampe, a Siracusa, il volume Poesie, in cui la tensione patriottica, unita alla forza evocatrice della parola, si stempera nel lirismo. I versi, lodati per la nota civile ed educativa, furono diffusi da Giuseppe Aurelio Costanzo, che nutr sempre stima per il suo antico maestro. Ristampate a Napoli, nel 1862, con prefazione del Tari e l'aggiunta di alcuni canti inediti, le poesie ebbero una nuova edizione, accresciuta e intitolata Pochi versi, sempre a Napoli, nel 1874. Nella prefazione di Imbriani, mentre esprimeva opinioni e sentimenti distanti dal poeta siracusano, riportava pure i giudizi di Niccol Tommaseo, che aveva definito i versi del Giarac "commendevoli per facilit non languida e per temperanza di sentimenti civili", e di Luigi Settembrini, che vi aveva trovato "argomenti nobili, poesia dell'anima, dire schietto, sentimenti generosi".

ell'agenda di Natura Sicula Siracusa (info 328.8857092) in programma una escursione al Bosco Farina, perla naturalistica e archeologica sortinese sconosciuta anche alle genti del luogo. Con raduno alle ore 9 dal viale Scala Greca di Siracusa, l'escursione si terr domenica prossima e verr guidata dal noto naturalista siracusano Fabio Morreale. Il bosco una pineta impiantata dalla forestale una trentina di anni fa, recentemente interessata da graduali lavori di conversione in lecceta. Il percorso escursionistico ad anello e si estende per quasi 10 km, attraversando, oltre al bosco, valli, vallecole, altipiani, necropoli bizantine, abituri trogloditici, punti panoramici ed estese formazioni a gariga (timo) e a macchia. Passando dalla contrada Favara, una copiosa sorgente crea un limpido corso d'acqua. E' la sorgente S. Giovanni, ovvero l'inizio del fiume Carrubba, conosciuto in altri tratti col nome di Fiumara Grande. Il fiume si sviluppa per circa 26 km e sfocia nel porto di Augusta col nome di Fiume Marcellino. A Sortino, comune siracusano con la maggior superficie di demani forestali, lAzienda forestale gestisce 3232 ettari, tra cui la celeberrima Pantalica e la meno nota Farina, ambedue luoghi assai importanti per la numerosa presenza di siti archeologici. Anche in questo demanio limpegno dell'Azienda forestale volto a creare e diffondere una cultura che contempli i valori naturalistici, storici e culturali propri del territorio, obiettivo indispensabile per formare una coscienza collettiva tesa a realizzare uno sviluppo sostenibile che promuova il mantenimento di zone rurali vive e dinamiche, sviluppandone leconomia e valorizzandone le specifiche risorse.

16

12 feBBraio 2013, Marted

autosport s.r.l. c.da targia 18

siracusa tel.0931 759918

autosport.toyota.it