Sei sulla pagina 1di 3

GRR - News - Un'altra vittima della caccia <br>E’ la tredicesima dall’apertura

25/10/12 20.28

Un'altra vittima della caccia E’ la tredicesima dall’apertura

L’Associazione vittime caccia: fermare la strage

A Castana, nel pavese, Aldo Barbieri, 16 anni, si trovava con un amico 17enne in frazione Quarti. Il ragazzo, imbracciato il fucile calibro 12 dello zio, ha sparato un colpo cercando di colpire un animale. Per errore il proiettile ha raggiunto l'amico che è morto per emorragia. Il 17enne è stato denunciato per omicidio colposo e lo zio, proprietario del fucile da caccia, per omessa custodia di armi. Anche il padre del sedicenne è stato denunciato per lo stesso reato

GRR - News - Un'altra vittima della caccia <br>E’ la tredicesima dall’apertura 25/10/12 20.28 Un'altra vittima

MILANO -

Erano usciti con i fucili da caccia dei loro genitori per fare una passeggiata con i cani nelle campagne attorno a Castana (Pavia), comune dell'Oltrepo Pavese circondato dal verde e dai vigneti. Una passeggiata ed un ''gioco'' che si sono conclusi tragicamente. Aldo Barbieri, un ragazzo di 16 anni che abitava alla frazione Bosco Caselle di Pietra

Immagine d'archivio

de' Giorgi (Pavia), è stato ucciso da una fucilata esplosa per errore dal suo amico 17enne di Castana (Pavia). La tragedia si è consumata ieri pomeriggio, poco prima delle 16. I due amici si sono ritrovati a Castana (Pavia). Hanno chiesto ai loro familiari, appassionati di caccia, di poter andare nei campi fuori paese con i cani. I due ragazzi hanno portato con loro anche i fucili solitamente utilizzati dai genitori durante le battute di caccia. Aldo Barbieri si trovava di qualche metro più avanti rispetto all'amico. Forse il ragazzo di 17 anni ha avuto l'impressione di vedere una lepre o un altro animale muoversi dietro un cespuglio; o, forse, si è trattato soltanto di un tragico errore. Saranno le indagini condotte dai carabinieri di Stradella (Pavia) a dover far luce su questo particolare. Il dato certo, purtroppo, è che dal fucile del 17enne è partito un colpo. La rosa di

GRR - News - Un'altra vittima della caccia <br>E’ la tredicesima dall’apertura

25/10/12 20.28

pallini ha centrato Aldo Barbieri ad un fianco. Un colpo che, quasi certamente, ha gravemente lesionato il fegato e un rene.

È stato proprio l'amico, disperato, a lanciare l'allarme. I suoi familiari e quelli del ragazzo ferito hanno immediatamente avvisato il 118. Nel giro di pochissimi minuti un'équipe è arrivata sul posto. I medici hanno fatto tutto il possibile per rianimare Aldo Barbieri, ma non c'è stato nulla da fare. Il giovane, che aveva perso molto sangue, è morto pochi minuti dopo.

I carabinieri hanno subito avviato i primi accertamenti per far luce su un episodio che, dalla prima ricostruzione, è stato frutto di una tragica fatalità. Il loro rapporto verrà trasmesso alla Procura per i minorenni di Milano: il 17enne che ha sparato sarà denunciato per omicidio colposo.

Un dramma che ha gettato nel più profondo sconforto i familiari di Aldo Barbieri. Una disperazione condivisa anche dai genitori del 17enne dal cui fucile è partito, per errore, il colpo fatale. Il ragazzo questa sera era in stato di choc per quanto era successo. Una tragica notizia che ha scosso le comunità di Pietra de Giorgi e Castana.

In 35 giorni effettivi di caccia, dal 1° settembre al 20 ottobre, le armi dei cacciatori hanno ucciso 13 persone, tra cui un bambino, e ne hanno ferite 33, tra cacciatori e non. È quanto emerge dall'analisi dei dati dell'Associazione Vittime della caccia.

Senza contare, ancora, precisa l'Associazione in una nota, ''gli innumerevoli fatti che hanno avuto un epilogo fortunato: sono i casi di minacce, prepotenze, spari andati a vuoto, intimidazioni ecc. da parte di "legali detentori di armi ad uso caccia" contro altre persone''.

“La questione non è più su caccia-si/caccia-no, qui si tratta di fermare una vera strage. Le opinioni contano poco di fronte a questi fatti -precisa Daniela Casprini presidente dell'Associazione Vittime della caccia - Infatti c'è da aggiungere ben poco,

se la morte di persone innocenti, di bambini sacrificati alla caccia

passano

... nell'indifferenza! Cosa hanno da dire le associazioni venatorie, che sono falsi questi

dati? Non è forse un fenomeno allarmante questa escalation di vittime? "

''Il Governo deve fare qualcosa - continua Casprini -

Un normale cittadino non può

svolgere le proprie attività in campagna che rischia di essere massacrato

....

La caccia

GRR - News - Un'altra vittima della caccia <br>E’ la tredicesima dall’apertura

25/10/12 20.28

in Italia deve essere bandita''. Secondo l'Associazione i cacciatori in Italia sarebbero 720mila.

Ultima Modifica: 21 ottobre 2012, 13:23