Sei sulla pagina 1di 2

Numero 02 - Anno 2012 – Semestre II – La newsletter del Private Insurance

Il presente numero della newsletter di FARAD International S.A. vuole illustrare in maniera sintetica ma completa le ultime modifiche introdotte in materia fiscale in relazione ai redditi di capitale di natura assicurativa derivanti da contratti stipulati con compagnie assicurative estere operanti in Italia in LPS.

Novità in materia di applicazione dell’imposta sostitutiva: l’art. 68 della Legge 7 agosto 2012 n. 134

La Legge 7 agosto 2012

n.

134,

legge di

conversione del decreto crescita (D.L. 22 giugno 2012 n. 83), ha apportato modifiche in relazione

ai soggetti chiamati ad applicare l’imposta

sostitutiva

sui

redditi

di

capitale

di

natura

assicurativa di fonte estera.

 

L’art.

68

della

Legge 7

agosto

2012

n.

134

(Assicurazioni

estere)

modifica

l’art.

26-ter

comma 3 del DPR 29 settembre 1973 n. 600 1 aggiungendo dopo il secondo periodo, il seguente: “nel caso in cui l’imposta sostitutiva non sia applicata direttamente dalle imprese di assicurazione estere operanti nel territorio dello Stato in regime di libertà di prestazione di servizi ovvero da un rappresentante fiscale, l’imposta

sostitutiva

è applicata dai soggetti di cui

all’articolo 23 attraverso i quali sono riscossi i redditi derivanti da tali contratti”.

Tale articolo sostituisce la precedente versione

dell’art. 68 DL 22 giugno 2012 n. 83 che citava:

l’imposta sostitutiva può essere applicata anche dai soggetti di cui all’art. 23 attraverso il cui

intervento sono

stati

stipulati

i

contratti

di

assicurazione, qualora i flussi finanziari e i redditi

1 Art. 26-ter del DPR 29 settembre 1973 n. 600: « Sui redditi di capitale, tra cui i redditi di capitale corrisposti in dipendenza di contratti di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione, dovuti da soggetti non residenti e percepiti da soggetti residenti nel territorio dello Stato è dovuta un’impopsta sostitutiva dell’imposta sui redditi con aliquota del 12,50% (oggi 20%). L’imposta sostitutiva può essere applicata direttamente dalle imprese di assicurazioni estere operanti nel territorio dello Stato in regime di libertà di prestazione di servizi ovvero da un rappresentante fiscale, scelto tra i soggetti indicati all’art. 23, che risponde in solido con l’impresa estera per gli obblighi di determinazione e versamento dell’imposta e provvede alla dichiarazione annuale delle somme.

FARAD INTERNATIONAL

S.A. .

Société Anonyme

derivanti da tali attività e contratti siano riscossi attraverso l’intervento dei soggetti stessi”.

I

soggetti

tenuti

ad

applicare

l’imposta

sostitutiva

 

La legge 7 agosto 2012 n. 134 individua dunque coloro che sono tenuti ad applicare l’imposta sostitutiva sui redditi di capitale di natura

assicurativa di fonte estera nei

soggetti

attraverso i quali vengono riscossi i redditi, non facendo più riferimento a coloro attraverso il cui intervento sono stati stipulati i contratti di assicurazione 2 .

Nel caso in cui la compagnia assicurativa estera svolga il ruolo di sostituto d’imposta, l’obbligo di determinazione e versamento dell’imposta sostitutiva è in capo a quest’ultima (o al suo rappresentante fiscale) mentre, in caso contrario, sono i soggetti residenti attraverso il cui intervento sono stati riscossi i redditi relativi ai contratti a dover intervenire per l’assolvimento dell’imposta sostitutiva.

L’imposta dello 0,35%

La Legge 7 agosto 2012 n. 134 ha inoltre introdotto l’applicazione dell’imposta dello 0,35% ai contratti assicurativi esteri. A partire dal periodo d’imposta 2011, i contraenti di polizze emesse da compagnie assicurative estere non sostituti d’imposta dovranno versare, entro il 16 novembre 2012, il predetto tributo.

2 Art. 68 DL 22 giugno 2012 n. 83 – « Misure urgenti per la crescita del Paese »

La ratio della norma è quella di equiparare il trattamento fiscale tra polizze emesse da compagnie italiane (che già sopportavano tale onere 3 ) e compagnie estere. Infatti, nel caso di polizze emesse da compagnie assicurative estere, queste ultime, prima della legge 7 agosto 2012 n. 134, si avvalevano di un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate 4 secondo cui “l’imposta dello 0,20% (oggi dello 0,35%) non è dovuta dalle imprese di assicurazione estere che, pur operando nel territorio dello Stato, non intendono provvedere agli adempimenti di sostituzione tributaria”.

La nuova normativa prevede che i sostituti d’imposta ricevano dal contraente residente la provvista necessaria al versamento dell’imposta dello 0,35% con obbligo per questi ultimi di segnalare all’Amministrazione finanziaria i contraenti che non provvedono a mettere a disposizione quanto previsto per l’adempimento dell’onere. L’aliquota sarà applicata sulla base del

valore del contratto in essere al 31 dicembre

2011.

Possibili scenari

La previsione di un’imposta pari allo 0,35% sul valore del contratto assicurativo lascia aperti differenti scenari per le compagnie assicurative estere.

L’imposta sembrerebbe rappresentare un’anticipazione della tassazione sostitutiva sui futuri redditi di capitale relativi a contratti esteri. Le compagnie sono tuttavia in attesa di chiarimenti da parte dell’Agenzia delle Entrate sulle modalità di scomputo di tale imposta dal carico fiscale applicato sui rendimenti della polizza assicurativa. Inoltre, l’Agenzia dovrà definire se il versamento dello 0,35%, effettuato attraverso gli intermediari, per i contratti attivi alla data del 31 dicembre 2011, è dovuto nel caso in cui i contratti stessi siano stati riscattati prima dell’entrata in vigore del decreto. Dal lato delle compagnie assicurative estere, chi opera già in forma di sostituto non sarà operativamente coinvolto dalla nuova normativa, mentre coloro che in passato non hanno optato

  • 3 DL n. 209/2002, art. 1, comma 2

  • 4 CM 62/E del 31.12.2003

FARAD INTERNATIONAL

S.A. .

Société Anonyme

per tale scelta, dovranno scegliere se diventare o meno sostituti d’imposta. FARAD International S.A., nell’ambito della sua

attività di broker specializzato, monitoria costantemente il mercato Private Insurance e Vi terrà costantemente aggiornati sull’evoluzione della normativa.

Convegno a cui FARAD International S.A. parteciperà come relatore:

26-27 settembre 2012, ore 8:00

Salle chambre de commerce – rue Alcide de Gasperi 7, Luxembourg

Intermédiation

Management

en

assurance

http://www.abbl.lu/de/news

et

Risk

publications/agenda/interm%C3%A9diation-

assurance-risk-management

2-4 Rue Beck - L-1222 Luxembourg - Tel.+352 26202281 Fax +352 26738923 ■ info@farad.lu - www.farad.lu
2-4 Rue Beck - L-1222 Luxembourg - Tel.+352 26202281 Fax +352 26738923 ■ info@farad.lu - www.farad.lu

2-4 Rue Beck - L-1222 Luxembourg - Tel.+352 26202281 Fax +352 26738923 info@farad.lu - www.farad.lu

DISCLAIMER

Le informazioni contenute nella presente newsletter non rappresentano un parere fiscale e sono di carattere generale con finalità meramente informative. Consigliamo pertanto di rivolgersi sempre ad un commercialista o fiscalista di fiducia. FARAD International S.A. è un broker assicurativo lussemburghese che ha redatto il presente materiale utilizzando fonti di dominio pubblico e non offre garanzia di nessun tipo,sia espressa che sottointesa, riguardante l'accuratezza e la completezza delle informazioni fornite, negando espressamente ogni responsabilità nei confronti di chiunque possa subire perdite o danni in relazione a quanto contenuto nella presente Newsletter.