Sei sulla pagina 1di 47

Andrea

 Revelant  
Sviluppo  economico  e  disuguaglianza    
 
Introduzione  
 
Il   prelievo   fiscale   è   uno   strumento   di   politica   economica   e   sociale   che   incide   sulle   attività  
produttive   e   sui   consumi   quotidiani.   Analizzare   i   processi   decisionali   che   conducono   alla  
definizione  delle  imposte  e  degli  altri  tributi  è  quindi  un  modo  per  esaminare  le  relazioni  tra  gruppi  
sociali  diversi  e  l’influenza  che  tali  gruppi  esercitano  sui  legislatori  in  un  certo  periodo  storico.  Al  
tempo   della   prima   guerra   mondiale,   Goldscheid   e   Schumpeter   posero   le   basi   della   sociologia  
fiscale  (=  tutte  le  ricerche  che  guardano  al  fisco  come  al  prodotto  di  una  complessa  interazione  tra  
fattori  economici,  politici,  istituzionali  e  sociali).  
Due  sono  i  punti  di  svolta  nell’organizzazione  della  finanza  pubblica  in  Giappone:  1873  e  1940.  Nel  
1873   si   posero   le   basi   finanziarie   dello   Stato   moderno,   il   1940   è   invece   il   fondamento   del   fisco  
contemporaneo.  I  due  termini  comprendono  quasi  tutta  la  cosiddetta  età  moderna  (kindai),  dalla  
restaurazione  Meiji  del  1868  alla  disfatta  bellica  del  1945  (punti  fondamentali:  genesi  dello  Stato  
nazionale   accentrato,   passaggio   da   oligarchia   a   governo   policentrico,   rappresentanza   popolare,  
suffragio  universale  maschile  nel  1925,  sindacati).  
In  ambito  economico  e  finanziario  vi  furono  la  rivoluzione  industriale  e  l’integrazione  del  Giappone  
nel  sistema  degli  scambi  internazionali.  L’agricoltura  era  il  primo  settore  in  termini  occupazionali  
ma   il   reddito   nazionale   veniva   soprattutto   dal   settore   secondario   e   terziario.   Aumentò   la  
concentrazione   della   ricchezza   e   il   divario   tra   città   e   campagne.   La   Prima   guerra   mondiale   indusse  
un  boom  economico  ma  negli  anni  Venti  vi  fu  instabilità  finanziaria  e  la  Grande  Depressione,  che  
colpì   soprattutto   le   aree   rurali.   Negli   anni   Trenta   gli   interventi   statali   stimolarono   la   ripresa.   Vi  
furono:  il  riarmo,  l’occupazione  della  Manciuria  (1931),  l’uscita  dalla  Società  delle  Nazioni  (1933),  
la  guerra  con  la  Cina  (1937)  e  l’allargarsi  del  conflitto  all’Asia-­‐Pacifico  (1941)  che  causò  il  tracollo  
economico  e  finanziario  del  Paese.  
 
Le  analisi  della  storia  fiscale  del  Paese  iniziarono  nel  periodo  Meiji.  Per  lungo  tempo  in  Giappone  lo  
studio   del   sistema   fiscale   si   è   sviluppato   nel   solco   del   pensiero   marxista,   che   afferma   che   nel  
periodo  Meiji  si  passò  da  un  regime  feudale  ad  un  regime  capitalista  con  tratti  autoritari  che  portò  
alla   fase   monopolistica   e   imperialista.   L’imposizione   fiscale   era   concepita   dal   governo   come  
trasferimento  coattivo  della  ricchezza  dal  settore  primario  a  quello  industriale:  il  surplus  agricolo  
finanziava   la   modernizzazione   del   Paese.   Si   concedevano   privilegi   alle   grandi   imprese,   causando  
sperequazione  (=  chi  ha  maggiori  profitti  viene  tassato  meno  per  proteggere  il  grande  capitale  e  
sono  le  classi  medie  a  subire  l’incremento  della  pressione  fiscale).  Dopo  la  Prima  guerra  mondiale,  
le  tensioni  sociali  e  i  movimenti  radicali  preoccupavano  e  i  “borghesi”  si  posero  come  mediatori.  Le  
prime   correzioni   furono   superficiali   e   solo   dopo   l’inizio   della   guerra   con   la   Cina   vi   fu   una   vera  
riforma,  con  un  aumento  per  tutti  del  prelievo  fiscale,  accettato  perché  riduceva  le  differenze  tra  
città   e   villaggio,   tra   classi   diverse   e   tra   imprese   di   dimensioni   diverse.   Però   la   guerra   causò   un  
inasprimento  della  pressione  fiscale.  
L’aspetto   positivo   dell’approccio   marxista   è   trattare   tutto   in   modo   unitario,   ordinando   i   diversi  
fattori   a   partire   dalla   sfera   economica.   Il   suo   limite   è   il   determinismo   che   causa   una   rigida  
schematizzazione.   Molti   elementi     non   sono   spiegati   e   per   questo   l’approccio   fu   criticato   a   partire  
dagli  anni  Settanta  del  XX  secolo.  
   
Capitolo  1  Il  sistema  fiscale  Meiji:  evoluzione  e  problemi  strutturali  
 
Nel  1868  l’ultimo  shogun  della  dinastia  Tokugawa  fu  sconfitto  da  una  coalizione  di  domini  ribelli,  
sostenuta  dalla  corte  imperiale  di  Kyoto.    Assunse  la  leadership  un  gruppo  di  ex  samurai  del  sud-­‐
ovest   del   Giappone.   Volevano   forgiare   uno   Stato   unitario   su   modello   straniero.   Il   pilastro   fu   la  
riforma   dell’imposta   fondiaria,   che   fu   riorganizzata   assieme   al   sistema   della   proprietà   terriera.  
Inizialmente  le  entrate  fiscali  provenivano  perlopiù  dai  terreni  agricoli  confiscati  ai  Tokugawa.  Nel  
1871   vennero   aboliti   i   domini   feudali   (han)   e   create   le   province   (ken)   e   così   il   governo   venne   a  
disporre   della   tassazione   sulle   terre   di   tutto   il   paese.   Mancavano   però   criteri   uniformi   di  
imposizione  e  non  c’era  il  catasto:  ogni  dominio    aveva  gestito  autonomamente  le  proprie  risorse.  I  
villaggi  avevano  la  responsabilità  collettiva  di  versare  come  tasse  una  quantità  prestabilita  di  riso  
(negu)  che  poteva  variare  secondo  il  raccolto  e  la  comunità  decideva  quanto  dovessero  contribuire  
le  singole  famiglie.    In  teoria,  inoltre,  i  diritti  di  usufrutto  delle  terre  concessi  dal  signore  feudale  
erano   inalienabili   ma   di   fatto   erano   stati   oggetto   di   transazione   e   questo   aveva   causato   una  
maggiore  stratificazione  sociale.  Non  c’era  però  un  riconoscimento  ufficiale  della  proprietà.  
Nel  1873  fu  avviata  in  tutto  il  paese  un’indagine  catastale  per  identificare  i  proprietari  delle  terre  e  
verificare   la   redditività   dei   terreni.   Prima   vennero   esaminati   gli   appezzamenti   agricoli   e   le   aree  
fabbricate  poi  le  foreste  e  le  aree  incolte.    Nel  caso  delle  risaie,  si  calcolava  il  valore  legale  (chika)    
come  multiplo  della  rendita  agricola  al  netto  dei  costi  di  produzione.  L’imposta  fondiaria  (chiso),  in  
denaro,    era  il  3%  di  questo  valore.  L’amministrazione  locale  faceva  un  ulteriore  prelievo  dell’1%.  
In  totale  la  somma  dovuta  erano  quattro  decimi  del  reddito  annuo  stimato.  
 I   titoli   di   proprietà   furono   attribuiti   a   chi   risultava   responsabile   del   versamento   di   una   quota   di  
imposta  nel  vecchio  sistema  sulla  base  dei  registri  dei  villaggi.  Nel  1872  fu  garantito  anche  il  diritto  
di  libera  compravendita.  
La   base   imponibile   fissa   era   il   presupposto   per   la   pianificazione   della   spesa   statale   con   un   bilancio  
annuo.  Ora  i  funzionari  non  dovevano  più  cambiare  il  riso  in  moneta  e  quindi  non  c’erano  più  costi  
di   intermediazione   e   incertezze   sul   ricavo.     D’altra   parte   i   coltivatori   dovevano   mettere   sul  
mercato   tanto   prodotto   per   poter   pagare   le   imposte   e   i   piccoli   agricoltori   erano   a   volte   costretti   a  
vendere   anche   in   condizioni   svantaggiose   perché   non   avevano   liquidità.   L’imposta   era   fissa   e  
quindi,   in   caso   di   raccolto   scarso,   c’era   chi   non   riusciva   a   pagarla   e   doveva   cedere   la   terra   al  
creditore.  Secondo  gli  economisti  marxisti  il  prelievo  fiscale  accelera  la  polarizzazione  della  società  
rurale  tra  fittavoli  e  possidenti.  Altri  autori  hanno  obiettato  che,  al  contrario,  la  pressione  fiscale  
era   calata   a   causa   della   diffusa   sottovalutazione   della   produttività   in   occasione   dell’indagine  
catastale.   Prevale   oggi   un   giudizio   positivo   della   riforma   perché   diede   la   certezza   della   proprietà   e  
incentivò  gli  investimenti  nelle  culture  più  commerciali  facendo  crescere  l’economia  rurale.  È  però  
anche   vero   che   il   gettito   dell’imposta   progressivamente   calò:   il   governo   fu   perciò   danneggiato  
dalla   rigidità   della   nuova   imposta.   Si   sarebbero   dovuti   aggiornare   periodicamente   i   valori   catastali  
ma  ci  furono  ostacoli  tecnici  e  politici.  Inizialmente  l’imposta  fu  contestata  dai  contadini  assieme  
alla   leva   all’istruzione   obbligatoria   e,   per   non   irritarli   ulteriormente,   il   nuovo   regime   compilò   il  
catasto   sulla   base   dei   dati   forniti   dai   proprietari   stessi.   Quando   cerco   di   fare   controlli   ci   furono  
proteste  violente;  alla  fine  venne  abbassata  l’aliquota.  
 
Nel   1877   ci   fu   una   ribellione   a   Satsuma     da   parte   di   ex   e   samurai   (guerra   del   sudovest   seinan  
sensoo).  Il  regime  disponeva  di  un  nuovo  esercito  di  coscritti  molti  dei  quali  contadini.  Nel  1881  il  
calo   delle   entrate   fu   bloccato   temporaneamente   dalla   misura   deflazionistica   del   nuovo   ministro  
delle   finanze   Matsukata   Masayoshi.   La   stretta   finanziaria   colpì   gli   agricoltori   perché   indusse   una  
recessione   e   portò   il   prelievo   reale   ad   un   livello   superiore.   Riprese   poi   l’inflazione   e   questo  
significava   un   calo   effettivo   del   gettito   fiscale   per   il   governo   che   di   conseguenza   sviluppò   altre  

  2  
forme   di   tassazione.   Del   1890   nella   Dieta   imperiale   (teikoku   gikai)   si   fece   opposizione  
all’adeguamento   dell’imposta   fondiaria.   La   Dieta   era   stata   prevista   dalla   costituzione   del   1899,  
ispirata  al  modello  dell’impero  tedesco,  che  attribuiva  la  sovranità  solo  all’imperatore  con  poteri  
esecutivi   e   legislativi.   I   poteri   erano   però   effettivamente   esercitati   da   organi   competenti,   su   sua  
delega.     Ne   risultava   un   sistema   policentrico   in   cui   ogni   organo   era   autonomo   sotto   la   formale  
supervisione   imperiale.   In   questo   sistema   gli   oligarchi   chiamati   ”statisti   anziani”   (genroo)     erano  
consiglieri  privilegiati  del  sovrano  e  attribuivano  a  se  stessi  o  i  propri  collaboratori  le  cariche  più  
importanti.   L’unico   organo   statale   eletto   su   base   popolare,   ossia   la   Camera   dei   Rappresentanti  
(shuugin)  insidiò  questa  egemonia.  Essa  formava  la  Dieta  assieme  alla  Camera  dei  Pari  (kizokuin)  
formata   da   esponenti   della   nobiltà   che   vi   sedevano   per   diritto,   da   membri   di   nomina   imperiale  
(alti   funzionari),   da   pochi   rappresentanti   dei   maggiori   contribuenti.   Ogni   norma   doveva   essere  
approvata   da   tutte   due   le   Camere.   In   questo   modo   la   Camera   dei   Pari   avrebbe   potuto   fermare  
iniziative   radicali   dell’altra   Camera.   Accedevano   al   voto   pochi   elettori:   solo   chi   avesse   versato  
all’erario  nell’anno  precedente  alle  elezioni  almeno  15  yen    in  imposte  statali  dirette.    La  maggiore  
tra  queste  imposte  era  l’imposta  fondiaria  e  di  conseguenza  i  proprietari  agricoli  di  fascia  medio-­‐
alta   dominavano   l’elettorato.   La   Camera   bassa   però   non   si   dimostrò   docile:   i   partiti  
dell’opposizione  conquistarono  fin  dalle  prime  elezioni  la  maggioranza.  L’opposizione  era  formata  
da  ex  samurai  dissidenti  e  notabili  rurali  critici  dell’oligarchia.  Inoltre  in  aula  erano  rappresentati  
più  di  tutto  gli  interessi  agrari  e  questo  ostacolò  i  tentativi  del  governo  di  tassare  di  più  le  terre.    
Nel   1898   il   premier   Yamagata   Aritomo   riuscì   a   far   approvare   dalla   Camera   bassa   un   aumento  
dell’imposta   fondiaria   per   cinque   anni.   Scoppiò   poi   la   guerra   contro   la   Russia   nel   1904   e   questo  
giustificò   un   aumento   della   tassazione   straordinaria.   Finita   la   guerra,   queste   imposte   furono  
confermate   perché   il   debito   statale   era   altissimo   sia   a   causa   della   guerra   che   per   l’aumento  
strutturale   della   spesa   per   la   difesa   dei   territori   acquisiti   in   Asia   con   il   trattato   di   pace   e   per   le  
iniziative   nel   paese   tra   cui   la   nazionalizzazione   delle   ferrovie   nel   1906.     All’inizio   del   Novecento  
aumentarono  le  tasse  sui  terreni  innalzando  le  aliquote  (nel  1905  si  raggiunse  il  picco  del  5%  del  
valore   reale)   e   non   aggiornando   il   catasto   (che   avrebbe   comportato   un’indagine   molto  
dispendiosa).  Nel  1910  fu  svolta  un’indagine  solo  sui  terreni  residenziali,  senza  comunque  allineare  
il  catasto  ai  valori  di  mercato.  Alla  fine  del  periodo  Meiji,  l’imposta  fondiaria  presentava  un  forte  
squilibrio  sia  tra  tipi  differenti  di  terreno  sia  all’interno  delle  stesse  categorie.    
Nei  primi  anni  della  restaurazione,  l’agricoltura  rappresentava  il  settore  produttivo  più  importante  
ed   era   logico   puntare   sulla   terra   come   fonte   delle   entrate   fiscali,   anche   perché   era   semplice  
riscuotere  queste  tasse.  Con  lo  sviluppo  industriale  e  della  burocrazia  si  diversificarono  le  entrate  
perché   l’imposta   fondiaria   non   era   in   grado   da   sola   di   sostenere   la   spesa   statale.   All’inizio   del  
Novecento  alcune  condizioni  politiche  contribuirono  a  far  accettare  alla  Camera  bassa  gli  aggravi  
di  imposta:  1.  senso  di  responsabilità  2.    riduzione  dell’elettorato  rurale  in  seguito  a  riforme  che  
avevano  abbassato  il  requisito  censitario  per  il  voto  e  riconfigurato  i  collegi  elettorali,  dando  più  
spazio  all’elettorato  urbano  e  3.    la  comparsa  di  un  partito  favorevole  all’espansione  del  bilancio.  
Questo   partito   era   la   Società     costituzionale   dell’amicizia   politica   (Rikken   seiyuukai)     fondata   nel  
1900   dall’oligarca   Itoo   Hirobumi     per   risolvere   l’antagonismo   tra   governo   e   Camera   bassa.   Itoo  
lasciò  nel  1903  al  marchese  Sajonii  Kinmochi    la  presidenza  del  partito  perché  deluso  dal  progetto.  
Il   partito   si   propose   come   grande   partito   moderato,   che   promuoveva   investimenti   pubblici   nelle  
infrastrutture   e   nei   servizi   al   territorio.   La   sua   forza   era   la   politica   attiva   (sekkyoku   seisaku).   Aveva  
un   atteggiamento   accomodante   in   materia   fiscale   giustificando   gli   aggravi   come   necessari   per  
sostenere  i  progetti  per  il  benessere  della  popolazione  locale.  
 
 
 

  3  
I  tributi  statali    
Secondo   il   modello   generale   di   Hinrichs,     si   passa   da   una   struttura   tradizionale   incentrata   sulla  
tassazione   dei   terreni   a   una   fase   intermedia     caratterizzata   dalla   crescita   delle   imposte   indirette  
infine   al   sistema   moderno   in   cui   prevalgono   le   imposte   sul   reddito.   Il   Giappone   sarebbe   una  
conferma   empirica   di   tale   modello   in   ambito   fiscale.   Il   passaggio   dalla   prima   alla   seconda   fase  
avvenne  alla  fine  dell’Ottocento.  Nei  decenni  precedenti  si  erano  estese  le  tasse  sui  beni  di  largo  
consumo   innanzitutto   gli   alcolici   e   poi   il   tabacco   (monopolio   statale   nel   1882)   e   lo   zucchero   nel  
1901.     Nuovi   tributi   vennero   introdotti   per   la   guerra   contro   la   Russia   (imposta   sui   tessuti   e  
monopolio   del   sale).   I   dazi   sui   prodotti   di   importazione   aumentarono   dopo   il   1894,   quando  
vennero   stipulati   nuovi   accordi   commerciali   che   sostituirono   i   trattati   ineguali   (fubyoodoo  
jooyaku).   Nel   1910   ci   fu   un   altro   incremento,   quando   venne   ripristinata   completamente  
l’autonomia  doganale.  Le  imposte  sui  beni  di  consumo  erano  formalmente  a  carico  dei  produttori  
ma  ricadevano  sugli  acquirenti  finali  perché  integrate  nel  costo  dei  prodotti.  
Ciò   accadeva   soprattutto   per   i   prodotti   con   domanda   anelastica,   cioè   quelli   necessari   alla   vita  
quotidiana,   che   di   conseguenza   colpivano   di   più   i   redditi   bassi.     La   tassazione   dei   consumi   non  
incontrò   la   stessa   resistenza   dell’imposta   fondiaria   perché   era   riscossa   in   modo   diverso,   era  
distribuita  e  anche  perché  i  soggetti  interessati  erano  deboli.  Infatti  il  suffragio  universale  maschile  
fu  concesso  solo  nel  1925.  Comunque,  dopo  gli  aggravi  del  1904-­‐1905,  si  costituì  un’opposizione  
parlamentare  alle  imposte  indirette  ritenute  più  inique  come  quelle  sul  cotone.  Ciò  era  sostenuto  
dalle  associazioni  di  imprese  che  volevano  mantenere  la  propria  competitività  e  anche  dai  partiti  
politici   concentrati   nelle   città,   che   puntavano   sui   ceti   medi   urbani   come   elettorato.   Dopo   la   prima  
guerra   mondiale   il   dibattito   pubblico   si   concentrò   sul   rientro   dall’inflazione   bellica   e   questo  
significò  richiedere  tagli  alle  imposte  indirette.  
L’evoluzione  verso  la  tassazione  diretta  dei  redditi  incontrò  molti  ostacoli  a  livello  politico.  
Il   primo   passo   fu   l’introduzione   di   un   prelievo   progressivo   sul   reddito   delle   persone   fisiche  
(shotokuzei)   nel   1887.     Lo   decise   il   governo   sotto   Matsukata   e   in   particolare   il   ministero   delle  
Finanze,   perché   non   esisteva   ancora   la   Dieta;   confrontarono   il   sistema   britannico   e   quello  
prussiano   e   scelsero   il   secondo   perché   meno   complesso   e   introducibile   più   rapidamente.   Si   era  
fatta  questa  scelta  perché  in  tempo  di  recessione  la  tassazione  sui  consumi  non  sarebbe  bastata,  
inoltre  si  riteneva  troppo  gravosa  l’imposta  fondiaria  ed  era  necessario  ridurre  il  carico  sui  terreni.  
 In   questo   sistema,   ogni   capofamiglia   doveva   versare   all’erario   dall’uno   al   3%   del   reddito  
complessivo  del  nucleo  familiare.  Si  applicava  una  sola  aliquota  sul  totale.  Il  minimo  imponibile  era  
di   ¥   300   e   quindi   superiore   al   reddito   medio   dell’epoca.   Di   conseguenza,   i   contribuenti   erano   la  
fascia   più   alta   di   reddito   e   in   numero   esiguo;   questo   perché   il   governo   aveva   voluto   muoversi   con  
cautela.  Anche  a  causa  dell’alta  evasione,  i  risultati  furono  inferiori  alle  attese  anche  se  il  gettito  
crebbe   progressivamente.     Nel   1898   equivaleva   al   6%   dell’imposta   fondiaria   e   al   7%   dell’accisa  
sugli  alcolici.    Mancava  ancora  l’imposta  sulle  persone  giuridiche.  I  profitti  societari  erano  tassati  
indirettamente,  tramite  l’inclusione  dei  dividendi  azionari  nel  calcolo  del  reddito  individuale.  
La  tassazione  dei  redditi  individuali  fu  graduale  ma  importante  perché  introdusse  meccanismi  che  
accrebbero  efficienza  ed  equità  del  fisco.  L’efficienza  derivava  dalla  grande  flessibilità  dell’imposta  
sul   reddito,   che   seguiva   l’andamento   dell’economia   e   quindi   non   aumentava   il   carico   reale   sul  
contribuente  in  tempi  di  crisi,  né  richiedeva  di  rivedere  i  criteri  di  calcolo  per  aumentare  le  entrate  
fiscali  quando  cresceva  la  ricchezza  prodotta  in  periodi  di  sviluppo.  Inoltre  implicava  una  minore  
dipendenza   dal   settore   agricolo.   L’equità   derivava   dal   principio   di   progressività.   Vi   furono  
successivamente   delle   revisioni   per   ridurre   la   disparità   di   trattamento   tra   redditi   di   capitale   e   di  
lavoro  (anche  se  c’era  contemporaneamente  la  volontà  di  incentivare  gli  investimenti  nelle  attività  
produttive   e   finanziarie   e   quindi   di   proteggere   il   capitale,   nell’ottica   dell’analisi   storiografica  
marxista).  

  4  
La   Dieta   propose   modifiche   nel   1899:   classificò   la   base   imponibile   in   tre   categorie   che   erano   i  
redditi   delle   persone   giuridiche,   gli   interessi   sul   capitale   e   i   redditi   delle   persone   fisiche.   I   primi,  
cioè  i  redditi  societari,  erano  tassati  al  2,5%  fisso.  Gli  interessi  sui  titoli  pubblici  (emessi  dallo  Stato  
dalle  amministrazioni  locali)  e  sui  titoli  privati  erano  soggetti  alla  tassa  del  2%  fisso.  Il  terzo  tipo  
comprendeva   tutti   redditi   individuali   a   parte   gli   interessi   sui   titoli     e,   per   evitare   la   doppia  
tassazione,   i     dividendi   societari   erano   deducibili   dai   redditi   individuali.   La   pressione   era   molto  
lieve,  andando  dall’1%  su  ¥  300  al  5,5%  su  100.000.    
In  occasione  della  guerra  russo  giapponese  vi  fu  un  drastico  aggravio:  un  prelievo  aggiuntivo  del  
150%   sull’imposta   dovuta   dalle   imprese   e   tra   il   100   e   il   270   %   per   gli   individui.   Sempre   per  
finanziare  la  guerra  si  decretò  l’esenzione  completa  per  gli  interessi  sui  titoli  di  Stato  emessi  dal  
1904  a  sostegno  della  spesa  militare;  nel  1909  questo  fu  esteso  a  tutti  i  bond  statali.  Tutto  ciò  fece  
aumentare  molto  il  gettito.    La  tassazione  straordinaria  dei  redditi  continuò  fino  al  1913,  quando  
furono   adottate   nuove   aliquote   e   furono   introdotte   deduzioni   per   i   redditi   di   lavoro,   Inoltre   si  
innalzò   la   soglia   di   esenzione   ¥   400   perché   a   causa   dell’inflazione   I   prezzi   erano   più   che  
raddoppiati   rispetto   al   1887.   Calò   il   numero   dei   contribuenti   ma   il   gettito   calò   poco.   Nel   1913  
l’imposta  sul  reddito  ammontava  alla  metà  dell’imposta  fondiaria  e  al  38%  delle  accise  sugli  alcolici.  
Durante   il   boom   economico   introdotto   dalla   grande   guerra,   l’imposta   sul   reddito   sorpassò   per  
sempre   quella   fondiaria   mentre   il   prelievo   diretto   rimase   al   di   sotto   di   quello   costituito   dalle  
imposte  sui  consumi  fino  al  1940,  quando  fu  adottata  una  riforma  generale  del  fisco.  L’imposta  sul  
reddito   era   cresciuta   rapidamente   fino   agli   anni   20   quando   vi   furono:   la   recessione   del   1920,   il  
terremoto  del  Kantoo  nel  1923,  la  grande  depressione  dopo  il  1929.  
L’imposta   sulle   imprese   (eigyoozei)   era   in   origine   un   gruppo   eterogeneo   di   imposte   locali   su  
diverse  attività  economiche,  di  produzione  e  vendita  di  beni  ed  erogazione  di  servizi.      Nel  1896  
queste  imposte  furono  trasferite  al  livello  statale    inserito  in  un’unica  legge.  Per  ciascuna  delle  24  
attività  previste  era  stabilito  un  metodo  di  calcolo  che  si  basava  su  elementi  indicativi  del  volume  
d’affari.  Esempi  di  valori  erano  le  vendite,  l’affitto,  i  lavoratori.  La  soglia  di  esenzione  era  diversa  
per   ogni   categoria.   Il   calcolo   era   più   semplice   che   per   l’imposta   sul   reddito   e   quindi   c’era   un  
risparmio   di   costi   amministrativi.   Non   era   tuttavia   equa.   Infatti   anche   in   caso   di   bilancio   passivo  
l’esercente   era   tenuto   al   pagamento.     Le   associazioni   di   categoria   di   conseguenza   chiesero  
modifiche  e  nel  1913  chiesero  l’abolizione  delle  imposte.  Erano  colpiti  soprattutto  i  piccoli  e  medi  
imprenditori.   L’imposta   si   applicava   indifferentemente   alle   imprese   individuali   e   alle   società.    
Inizialmente   la   base   sociale   coinvolta   era   più   estesa   di   quella   dell’imposta   sul   reddito   ma   nel   1900  
l’imposta  sul  reddito  la  superò.  Negli  anni  della  prima  guerra  mondiale  diminuì  la  sua  importanza  e  
questo  facilitò  la  sua  riforma  radicale  nel  1926;  da  quell’anno  fu  ribattezzata  “imposta  sui  profitti  
d’impresa”  (eigyoo  shueekizei)  e  venne  calcolata  sugli  utili  effettivi.  
 
Sistema  dei  tributi  locali  
La   restaurazione   imperiale   fu   un’operazione   di   accentramento   del   potere   per   creare   uno   Stato  
moderno   e   anche   la   riorganizzazione   del   sistema   tributario   seguiva   la   stessa   logica.   Tuttavia,   il  
trasferimento  di  risorse  fiscali  dalla  periferia  verso  il  centro  non  fu  tale  da  porre  l’amministrazione  
territoriale  locale  in  una  situazione  di  dipendenza  da  Tokio.  Il  sistema  di  amministrazione  Meiji    era  
ispirato   al   modello   prussiano,   che   prevedeva   il   primato   del   governo   centrale   nell’accesso   alle  
risorse  fiscali.    Le  imposte  locali  comunque  rappresentavano  una  fetta  significativa  del  totale.  
Le   province   (ken   o   fu   nel   caso   di   Tokyo,   Kyoto   e   Osaka,   Hokkaido   era   a   sé)   avevano   il   potere   di  
imporre   tributi   in   sede   locale.   Così   anche   i   comuni   (shi   =   città   e   chooson   =   cittadine/villaggi).   Ogni  
unità   territoriale   aveva   una   sua   assemblea   legislativa,   eletta   a   suffragio   ristretto   col   compito  
principale   di   approvare   il   bilancio   annuale.   Il   voto   era   concesso   solo   agli   uomini,   a   fronte   del  
versamento  di  un  dato  importo  in  imposte  dirette  statali  o  locali.  Le  soglie  minime  erano  più  basse  

  5  
di  quelle  della  Camera  bassa  e  questo  risultò  in  una  maggiore  partecipazione  politica.  Le  funzioni  
principali  dei  consigli  erano  deliberare  la  tassazione  locale  entro  i  limiti  stabiliti  dalle  leggi  nazionali,  
distinguendo   tra   imposte   addizionali   (fukazei)     e   tributi   locali   propri   (chihoo   dokuritsuzei).   Le  
prime  erano  un  prelievo  aggiuntivo  sulle  imposte  statali  e  provinciali  fino  a  un  tetto  massimo,  le  
seconde   erano   decise   in   autonomia   dalle   amministrazioni   territoriali.   Nel   1878   un   decreto  
governativo   mise   ordine   nella   materia,   stabilendo   che   le   province   potevano   esigere   come  
addizionale   fino   ad   un   quinto   dell’imposta   fondiaria   e   che   i   tributi   propri   erano   l’imposta  
sull’impresa,  il  kosuwai  (household  tax  o  household  rate,  “quota  per  numero  di  nuclei  familiari”)  e  
forme  di  imposizione  minuta  (zasshuzei).  Si  coprivano  così  le  spese  di  polizia,  le  spese  per  i  lavori  
pubblici,   per   le   scuole   elementari   comunali   e   secondarie   provinciali   e   altro.   In   seguito   furono  
apportate   altre   modifiche,   inclusa   l’addizionale   all’imposta   sul   reddito   e   la   cessione   dell’imposta  
sulle   imprese,   che   prevedeva   sia   un’addizionale   che   il   diritto   di   continuare   a   tassare   piccole  
imprese  che  altrimenti  sarebbero  state  esenti  secondo  i  canoni  statali.  Il  kosuuwari  a  lungo  non  fu  
definito   precisamente.   Si   procedeva   al   contrario:   ogni   provincia   stabiliva   l’obiettivo   di   bilancio   e  
quindi  quanto  riscuotere  sul  territorio;  in  base  a  questo  ogni  comune  si  faceva  carico  di  procurarne  
una   quota.   Queste   quote   comunali   erano   ripartite   in   modo   diseguale   e   i   criteri   variavano.   Ogni  
Comune   poi   decideva   come   suddividere   il   carico   per   i   propri   residenti.   Nelle   comunità   rurali   la  
capacità   contributiva   era   definita   in   modo   arbitrario   (mitatewai)   e   quindi   c’erano   carenze   di  
efficienza  e  di  equità.  Il  kosuuwari    fu  sostituito  da  un’imposta  sulla  casa  (kaokuzeki),  negli  anni  20  
venne   trasformato   in   imposta   basata   sul   reddito   e   fu   abolito   nel   1940.     L’intenzione   era   che  
rimanesse  un’imposta  di  importo  modesto  ma  non  fu  così  e,  dopo  la  guerra  con  la  Russia,  superò  
addirittura  l’imposta  fondiaria.    Era  cresciuto  perché  le  imposte  locali  non  erano  sufficienti  e  nel  
periodo   della   guerra   contro   la   Russia   lo   Stato   ridusse   le   addizionali   per   bilanciare   le   proprie  
imposte  straordinarie  per  finanziare  la  guerra.  Anche  dopo  la  guerra  lo  Stato  si  riservava  la  forma  
di  tassazione  più  elastica  e  cioè  quella  sul  reddito,  mancavano  piani  di  contenimento  della  spesa  
locale,   i   trasferimenti   erariali   al   territorio   erano   inadeguati.   Per   queste   ragioni   le   province   e   i  
comuni   continuarono   ad   aumentare   il   kosuuwari   e   anche   le   addizionali   in   deroga   ai   limiti   di   legge.  
Fu  così  che  la  tassazione  locale  crebbe  più  di  quella  statale.  Nel  1905  i  tributi  locali  equivalevano  al  
35%  di  quelli  statali,  nel  1915  al  57%,  nel  1920  all’80%.  
La  spesa  pubblica  aumentò  a  livello  statale  per  le  spese  di  guerra,  gli  armamenti  e  le  infrastrutture  
in  Giappone  e  sul  continente  asiatico,  a  livello  comunale  per  finanziare  i  compiti  delegati  (inin  jimu)    
dal   governo   centrale   che   le   amministrazioni   territoriali   dovevano   finanziare   ma   non   potevano  
pianificare.  Questo  riguardava  in  primis  l’istruzione  scolastica  elementare  a  carico  dei  comuni.  Lo  
Stato   fissava   degli   standard   nazionali   e   quindi   queste   spese   ricadevano   maggiormente   sulle  
comunità  meno  abbienti  e  cioè  i  villaggi  agricoli.  
Gli   enti   locali   si   finanziavano   aumentando   le   imposte   ma   anche   emettendo   debito.   Questo  
rappresentava   comunque   un   complemento   e   non   un’alternativa   agli   sgravi   fiscali,   soprattutto  
nelle  aree  rurali.  L’emissione  di  titoli  era  soggetta  ad  autorizzazione  da  parte  del  Ministero  delle  
Finanze,  che  aveva  un  approccio  restrittivo  per  evitare  un  eccessivo  indebitamento  degli  enti  locali  
e  anche  per  evitare  la  concorrenza  con  i  titoli  di  Stato.  I  bond  statali  erano  esentati  dall’imposta  sul  
reddito   e   per   questo   le   amministrazioni   locali   dovevano   versare   interessi   più   alti   per   attirare  
finanziatori.    
 La  pressione  fiscale,  ovvero  il  rapporto  tra  reddito  e  rilievo,  non  aumentò  come  le  imposte,  anzi  
diminuì,   con   poche   eccezioni   (come   per   la   guerra   con   la   Russia   e   la   recessione   economica   degli  
anni   20).   Il   divario   tra   tassazione   locale   e   statale   diminuì   notevolmente   nel   corso   del   tempo.   Il  
problema   era   la   diversa   distribuzione   della   pressione   fiscale   tra   i   ceti   sociali,   a   svantaggio   dei  
proprietari   agricoli   e   a   favore   degli   imprenditori   urbani.   A   metà   degli   anni   30   questo   si   attenuò  
grazie   alla   ripresa   economica   nel   settore   agricolo.   La   pressione   fiscale   era   minore   per   i   colletti  

  6  
bianchi  rispetto  agli  imprenditori,  a  causa  della  tassazione  della  proprietà  immobiliare.  Applicando  
il  modello  di  Hinrichs    alla  tassazione  locale  si  notano  differenze  rispetto  all’evoluzione  del  sistema  
statale:  non  c’è  passaggio  dallo  stadio  tradizionale  a  quello  intermedio  perché  mancano  le  imposte  
indirette.   Il   sistema   locale   rimase   più   tradizionale   rispetto   al   sistema   statale   tributario   che   diventò  
più   moderno   e   per   questo   dopo   la   prima   guerra   mondiale   ci   si   concentrò   sulla   riforma   della  
tassazione  locale  (i  cui  difetti  andavano  corretti).  
 
Conclusione  
Nell’epoca   di   trasformazione   Meiji,   la   riforma   del   fisco   e   in   particolare   dell’imposta   fondiaria,   fu  
essenziale  nel  processo  di  modernizzazione.  I  tributi  fornivano  allo  Stato  le  risorse  necessarie  per  
le   politiche   interne   ed   estere   e   incisero   sullo   sviluppo   socioeconomico   del   paese,   favorendo   la  
commercializzazione   dell’agricoltura,   lo   sviluppo   industriale   e   dei   mercati   finanziari.   L’obiettivo  
fondamentale   era   la   crescita   economica   e   assicurare   l’apparato   militare   e   questo   pose   in   secondo  
piano   l’equa   distribuzione   del   carico   fiscale.   L’aumento   della   spesa   pubblica   rese   però   evidenti  
questi   difetti   strutturali   del   sistema   tributario.   A   livello   statale,   i   vantaggi   accordati   alle   grandi  
imprese   e   alle   attività   finanziarie   frenarono   il   gettito   fiscale   e   questo   continuò   fino   agli   anni   30.   Le  
varie   guerre   stimolarono   la   razionalizzazione   del   fisco   ma   gonfiarono   anche   il   bilancio,  
accentuando   la   dipendenza   del   debito.   A   livello   di   equità   c’erano   squilibri   in   senso   orizzontale   e  
cioè   tra   l’agricoltura   e   gli   altri   settori   e   anche   in   senso   verticale,   cioè   tra   le   varie   fasce   di   reddito.   I  
problemi   erano   ancora   maggiori   al   livello   locale,   che   puntava   sui   tributi   propri   sul   patrimonio  
immobiliare,  in  particolare  i  fondi  agricoli.  I  due  sistemi  quindi  si  svilupparono  in  modo  divergente:  
il  sistema  statale  si  sviluppò    verso  un  assetto  maturo  e  moderno  mentre  il  livello  locale  aveva  uno  
schema  tipico  dello  stadio  preindustriale.  
 
 
   

  7  
Capitolo  2.  I  primi  progetti  di  riforma,  1906-­‐1914  
 
Sinossi:  v  libro  pp  48-­‐49  
 
Ipotesi  di  riforma  dopo  la  guerra  russo  giapponese  
Nel   settembre   1905   venne   siglato   nel   New   Hampshire   il   trattato   di   pace   tra   Russia   e   Giappone,    
che   aveva   annientato   le   forze   navali   russe,   ma   aveva   subito   forti   perdite   sul   fronte   di   terra.   Per  
uscire  dalla  guerra  ci  volle  la  mediazione  statunitense:    la  Russia  rinunciò  alle  pretese    sulla  Corea  e  
sulla  Manciuria  meridionale  e  cedette  metà  dell’isola  di  Sachalin,  in  cambio  il  Giappone  non  ebbe  
alcuna  riparazione  di  guerra.    Lo  Stato  era  in  grave  dissesto  finanziario:  per  sostenere  la  guerra  il  
Tesoro  aveva  emesso  titoli,  collocati  per  metà  all’estero  e  c’era  il  problema  del  pagamento  degli  
interessi  e  di  rifinanziare  i  titoli  in  scadenza.    Il  Paese  aveva  comunque  continuato  ad  aumentare  la  
spesa  statale  per  i  progetti  nel  continente  asiatico,  per  il  rafforzamento  militare  e  per  i  progetti  nel  
Paese.  Questa  era  una  priorità  della  corrente  che  faceva  riferimento  al  genroo  Yamagata  Aritomo,    
principale  avversario  di  Itoo.  Nella  Camera  bassa  il  partito  di  maggioranza  era  il  Seiyuukai  e  dava  la  
priorità   alla   modernizzazione.   Nella   gestione   post   bellica   (sengo   keikei)     si   ebbe   una   sorta   di  
pendolo  oscillante  tra  il  polo  oligarchico  e  quello  parlamentare.  
Alla   fine   della   guerra   l’esecutivo   era   guidato   dal   generale   Katsura   Taroo,   dal   1901,   scelto   da  
Yamagata.    Katsura,  per  avere  l’appoggio  del  Seiyuukai,    fece  un  accordo  privato  per  un’alternanza  
al  premierato  con  Saionji.    L’equilibrio  si  spostò  a  favore  del  Seiyuukai,  grazie  soprattutto  ad  Hara  
Takashi,   scelto   da   Itoo   come   segretario   del   partito   e   direttore   di   un   giornale   nazionale.     Si  
interruppe  poi  il  dialogo  con  Katsura,    che  venne  ricollocato  a  capo  del  governo  quando  il  governo  
Saionjii     cadde.     Ci   fu   un   movimento   di   protesta   e   Katsura   fu   costretto   a   dimettersi   dopo   aver  
provocato   una   scissione   all’interno   della   gruppo   del   partito   costituzionale   popolare   (Rikken  
Kokumintoo)   e   la   fondazione   del   Rikken   dooshikai   (Società   costituzionale   degli   spiriti   affini).     La  
crisi  politica  mise  in  evidenza  il  peso  della  Camera  bassa  e  dell’opinione  pubblica.  Il  successore  era  
una  persona  moderata:  Yamamoto  Gonnohyooe  ma  la  sua  amministrazione  fu  travolta  nel  1914  
da  uno  scandalo  di  tangenti  della  Siemens  per  commesse  navali.  Questo  portò  all’affermazione  del  
Dooshikai,  principale  avversario  del  Seiyuukai.  
 A   livello   fiscale   in   questo   periodo   ci   si   concentrò   sul   risanamento   dei   conti   pubblici,   rendendo   più  
elastico  il  sistema  tributario  e  riducendo  l’emissione  di  titoli.  I  risultati  sul  fronte  del  debito  furono  
modesti,   l’aumento   del   gettito   fu   inferiore   all’aumento   del   reddito   nazionale   e   quindi   scese   la  
pressione  fiscale  statale,  la  copertura  della  spesa  in  conto  generale  da  parte  dei  tributi  diminuì.  Il  
problema  principale  era  la  distribuzione  diseguale  del  prelievo.  
Il  governo  formato  da  Saionji    mantenne  la  tassazione  straordinaria  di  guerra  e  questo,  in  base  alla  
legge,  richiedeva  l’approvazione  della  Dieta.    Le  Camere  si  opposero  e  si  giunse  ad  un  accordo:  in  
cambio  della  proroga,  il  governo  si  impegnò  a  sottoporre  alle  Camere  entro  due  anni  un  piano  di  
riforma   strutturale.   Nel   1906   il   governo   formò   una   commissione   d’indagine   per   la   legislazione  
tributaria  (zeihoo  shinsa  iinkai)  formata  da  funzionari  del  ministero  delle  finanze  che  presentò  un  
piano   il   24   dicembre   1906.   Fu   poi   istituita   una   seconda   commissione   nel   1907   (Zeihoo   seirian  
shinsakai)   che   questa   volta   prevedeva   anche   rappresentanti   delle   Camere   e   delle   associazioni   di  
categoria.    
La  commissione  ministeriale  del  1906    esaminò  tre  alternative  di  riforme:  
1.    revisione  delle  imposte  vigenti      
2.    introduzione  di  nuove  imposte  (sulla  casa,  sugli  uomini  abili  al  servizio  militare  ma  non  arruolati,  
sull’aceto   e   sul   petrolio   come   combustibile   per     l’illuminazione)   e   parziale   abolizione   dei   tributi  
statali   più   criticati   dall’opinione   pubblica   (imposta   provinciale   e   kosuuwari,   tassa   sui   trasporti   +  

  8  
riduzione   del   prezzo   del   sale).     Il   progetto   fu   abbandonato   perché   l’imposta   sulla   casa   avrebbe  
richiesto  troppo  tempo.  
3.    radicale  riorganizzazione  del  sistema  e  creazione  di  un’imposta  sugli  immobili.  L’introduzione  di  
un’imposta   sugli   immobili   (fudoosanzei)   come   percentuale   fissa   sul   valore   d’affitto   di   terreni   e  
fabbricati,   da   aggiornarsi   ogni   cinque   anni.   Questo   avrebbe   compensato   le   perdite   derivanti  
dall’abolizione     del   monopolio   del   sale,   della   tassa   sui   trasporti   e   dell’imposta   sui   tessuti.   Si  
sarebbe   anche   ridotta   l’imposta   fondiaria   sulle   imprese   e   sul   reddito.   Il   piano   aveva   numerosi  
difetti,  si  ritenevano  inopportuni  i  tagli  nonché  iniquo  il  trasferimento  sui  proprietari  di  immobili  di  
gran  parte  del  carico  fiscale.    Non  fu  scelta  questa  opzione.  
 
Per  esclusione  si  scelse  di  intervenire  sul  sistema  fiscale  in  modo  meno  incisivo:  si  confermarono  
gli   aggravi   di   imposta   della   guerra   e   si   corressero   i   criteri   di   calcolo   per   l’imposta   fondiaria  
(revisione   catastale   basata   sul   valore   d’affitto   corrente   per   i   terreni   residenziali),   sul   reddito  
(  proposta  di  graduare  il  prelievo  in  base  alla  combinazione  di  capitale  e  lavoro)  e  sulle  imprese  (si  
manteneva   la   distinzione   in   due   classi,   si   alzava   l’aliquota   per   le   imprese   con   più   di   20   soci   e   per   il  
resto   c’era   una   scala   di   aliquote.   La   tassazione   degli   interessi   sul   capitale   rimaneva   del   2%   per   i  
titoli  di  Stato  e  saliva  al  cinque  negli  altri  casi).  
Non   si   riducevano   la   tassa   sui   trasporti   ma   veniva   rimodulata,   non   si   variava   il   prezzo   del   sale.  
Questa   proposta   recepiva   le   richieste   della   federazione   nazionale   delle   Camere   di   commercio,  
infatti   era   previsto   un   rafforzamento   dell’imposta   sul   reddito   e   si   accoglieva   in   parte   quanto  
richiesto  per  l’imposta  sulle  imprese.  Non  erano  incluse  invece  l’abolizione  del  monopolio  del  sale,  
della  tassa  sui  trasporti  e  delle  imposte  sui  tessuti.  Il  testo  non  parlava  dell’imposta  fondiaria  che  
nei  terreni    urbani  era  sottovalutata.  
 
 La   commissione   allargata   del   1907   scelse   l’opzione   che   non   comportava   la   creazione   di   nuove  
imposte,  ritenendola    la  più  prudente,  ma  introdusse  alcune  modifiche  alla  proposta  iniziale  che  
consistevano   nell’aumento   dell’aliquota   sui   redditi   societari   dal   6,5   al   7,5%,   nella   riduzione  
dell’aliquota  marginale  massima  sui  redditi  individuali,  nell’innalzamento  della  soglia  di  esenzione  
a   yen   400,   nel   rendere   tutti   titoli   di   Stato   esenti   da   tassazione,   nell’innalzamento   della   aliquota  
sugli   interessi   degli   altri   titoli   dal   2   al   5%.   Questo   significava   trasferire   maggiormente   parte   del  
carico   fiscale   verso   le   grandi   imprese   a   beneficio   dei   contribuenti   individuali   soprattutto   grazie  
all’esenzione,   si   rafforzava   la   difesa   dei   titoli   di   Stato.   Questa   fu   una   risposta   alla   recessione  
economica  iniziata  nel  1907,  proteggendo  le  famiglie  le  piccole  imprese  che  erano  più  vulnerabili  e  
difendendo   i   buoni   del   Tesoro.   Tra   le   tasse   indirette   si   decise   di   ridurre   il   prezzo   del   sale  
migliorando   l’efficienza   della   sua   produzione   e   distribuzione.   Si   posero   limiti   alle   addizionali   alle  
imposte  statali.  Si  era  quindi  optato  per  una  approccio  cauto  e  conservatore.  
 
Parziali  interventi  1908,  1914  
Nel  gennaio  del  1908  il  governo  Saionji    presentò  alla  Dieta  un  piano  di  riforma  fiscale  sulla  base  
del  lavoro  delle  due  commissioni  e  anche  6  disegni  di  legge  per  accrescere  il  gettito  totale.  Questo  
riguardava   le   accise   sugli   alcolici,   lo   zucchero,   il   petrolio   e   i   dazi   doganali.     A   parte,   il   governo  
aumentava   del   30   %   il   prezzo   del   tabacco   per   ottenere   subito   più   entrate   prevedendo   un   forte  
deficit   (per   questo   non   era   necessario   il   consenso   della   Dieta).   I   genroo     avevano   intimato   al  
governo  di  non  aumentare  il  debito.  Grazie  alla  mediazione  di  Katsura,  il  governo  ottenne  risorse  
aggiuntive  con  un  parziale  rinvio  dei  programmi  di  armamento.  La  popolazione  era  delusa  perché  
in  sostanza  non  si  modificava  la  distribuzione  del  carico  fiscale  e  si  trasferivano  delle  imposte  che  
non   avrebbero   rilanciato   l’economia,   in   recessione   dall’anno   precedente.   La   federazione   delle  
Camere   di   commercio   accusò   il   governo   di   gestione   irresponsabile   delle   finanze   e   insistette  

  9  
sull’abolizione   del   monopolio   del   sale,   della   tassa   sui   trasporti   e   dell’imposta   sui   tessuti.   A  
copertura   delle   spese   si   sarebbe   dovuta   fare   economia.   Si   criticava   inoltre   la   spesa   per   gli  
armamenti   a   scapito   dei   progetti   di   modernizzazione   del   paese.   Questo   movimento   per  
l’abolizione   delle   cattive   tasse   (akuzei)   era   una   reazione   della   piccola   e   media   borghesia   al  
militarismo   dell’epoca   sostenuto   dai   grandi   gruppi   industriali   e   dai   maggiori   partiti   politici.   Ogni  
governo  doveva  evitare  infatti  la  rottura  con  le  forze  armate  perché  nel  Consiglio  dei  Ministri  due  
posti  erano  riservati  ad  ufficiali  dell’esercito  e  della  marina.  Il  premier    era  un  primus  inter  pares    e  
le  decisioni  erano  prese  in  modo  collegiale.  Il  potere  dei  vertici  militari  fu  ridotto  nel  1913  quando  
si  facilitò  la  nomina  di  figure  moderate  consentendo  di  accedere  al  posto  di  ministro  agli  ufficiali  
della   riserva.   Il   governo   fu   indotto   dal   dibattito   alla   Camera   bassa   a   sospendere   il   piano   di  
revisione  ma  il  Seiyuukai    approvò  l’aumento  delle  imposte  indirette  e  l’allentamento  dei  limiti  alle    
addizionali  locali  per  evitare  buchi  di  bilancio.    La  Camera  dei  Pari  confermò  questo  risultato.  
L’aggravarsi   della   crisi   economica   e   dei   contrasti   con   i   genroo     costrinsero   alle   dimissioni   Saionji    
che   propose   come   successore   Katsura.   Questi   doveva   appoggiarsi   alla   Camera   bassa   sulla  
Seiyuukai.     I   compiti   più   urgenti   erano   frenare   la   spesa   pubblica   e   ridare   fiducia   ai   mercati.   Si  
decise   di   contenere   le   spese   e   di   non   emettere   nuovo   debito.   Per   lo   sviluppo   della   rete   ferroviaria  
si   fece   un   conto   speciale   coprendo   le   spese   con   il   fondo   per   gli   investimenti   (yokinbu)   del  
Ministero   delle   Finanze.     La   politica   di   rigore   ebbe   gli   effetti   sperati   sui   mercati   finanziari   e  
contribuì  alla  ripresa  economica  l’anno  successivo.    
Nel  1910  il  governo  presentò  alla  Camera  bassa  un  nuovo  pacchetto  legislativo  in  cui  riproponeva  
delle  misure:  aumento  degli  sgravi  delle  imposte  sui  redditi  e  sulle  imprese,  taglio  delle  imposte  
sullo   zucchero   e   sui   trasporti.   L’intento   era   compensare   queste   perdite   di   gettito   con   tagli  
strutturali   alla   spesa.   Tuttavia   la   revisione   dell’imposta   sul   reddito   era   un   regresso   perché  
attenuava  gli  sgravi  sulle  fasce  basse  e  i  redditi  di  lavoro  a  favore  dei  redditi  di  capitale  soprattutto  
negli  scaglioni  più  alti.  Non  era  previsto  alcun  taglio  dell’imposta  fondiaria  perché  si  voleva  coprire  
con  tali  entrate  un  generale  aumento  degli  stipendi  dei  funzionari  civili  e  militari.  La  Camera  bassa  
protestò   e   denunciò   il   trattamento   preferenziale   per   gli   imprenditori   urbani   a   scapito   degli  
agricoltori.   La   base   elettorale   era   ancora   prevalentemente   rurale   e   quindi   i   partiti   desideravano  
mantenere  il  favore  degli  agricoltori.  Si  giunse  ad  un  accordo  per  cui  l’imposta  fondiaria  sui  terreni  
agricoli   venne   ridotta,   il   governo   ridusse   l’aumento   degli   stipendi   dei   funzionari   e   rinviò   la  
revisione  dell’imposta  sul  reddito  e  della  tassa  sui  trasporti.  La  Camera  alta  approvò.  Restava  da  
rivedere  a  questo  punto  l’imposta  sul  reddito  e  questo  fu  il  compito  del  secondo  governo  Saionji    
che  succedette  a  Katsura  che  diede  le  dimissioni  nel  1911.    Katsura    aveva  ottenuto  buoni  risultati:  
frenare   il   debito   e   stringere   nuovi   trattati   di   amicizia   e   commercio   con   le   potenze   occidentali,  
rinnovando   l’alleanza   con   il   Regno   Unito,   superando   così   la   condizione   subordinata   imposta   dal  
Giappone  a  metà  Ottocento.    Tuttavia  la  ripresa  stentava  e  per  questo  Katsura  preferì  dimettersi.    
Era  però  difficile  fare  progetti  di  investimento  in  un  contesto  di  contenimento  della  spesa  e  c’era  
una   competizione   con   le   forze   armate   per   l’assegnazione   delle   quote   di   bilancio.     Nel   1912   questo  
portò  alla  crisi  di  governo.    
 Per  consolidare  la  finanza  statale,  nel  dicembre  1911    il  governo  istituì  un  ufficio  provvisorio  per  il  
riassetto  strutturale  che  formò  una  commissione  di  funzionari  di  gabinetto  e  del  Ministero  delle  
Finanze  col  compito  di  formulare  un  piano  di  revisione  fiscale.  Gli  obiettivi  erano    i  consueti  ma  si  
aggiungeva   la   proposta   di   studiare   quali   oggetti   della   tassazione   statale   fossero   adatti   al  
trasferimento   come   risorse   per   la   tassazione   locale.   Era   la   prima   volta   che   si   accennava   ad   un  
possibile  decentramento.  
Nel   dicembre   1912   la   commissione   presentò   il   suo   parere   al   Consiglio   dei   Ministri.   Era   una  
semplice   revisione   che   prevedeva   un   calo   del   prelievo   senza   nuove   imposte.   Non   veniva   toccato   il    
sistema   locale.   Le   misure   proposte   per   la   tassazione   diretta   erano   incentrate   su   due   imposte:  

  10  
quella  sul  reddito  e  quella  sulle  imprese.  Per  i  redditi  societari  la  distinzione  in  base  al  numero  di  
azionisti   o   soci   veniva   sostituita   da   due   categorie:   le   società   in   nome   collettivo   e   le   società   per  
azioni.  Al  primo  gruppo  si  applicavano  aliquote  progressive  attenuando  il  prelievo  sulle  fasce  basse,  
per  le  altre  società  era  prevista  un’aliquota  unica  del  6%    Con  due  eccezioni:  se  gli  azionisti  non  
erano   più   di   20   o   metà   del   capitale   apparteneva   ad   una   sola   famiglia.   La   logica   era   quella   di  
distinguere   in   modo   più   razionale   tra   piccole   e   medie   imprese   da   una   parte   e   grandi   aziende  
dall’altra,   introducendo   un   meccanismo   che   scoraggiava   l’elusione   fiscale   da   parte   di   chi   era   a  
capo   di   aziende   familiari   (doozoku   gaisha).     L’innovazione   più   significativa   riguardava   i   dividendi  
azionari  per  i  quali  si  proponeva  un  prelievo  progressivo.  Per  i  redditi  individuali    si  proponevano  
scale   di   aliquote   marginali.   Le   modifiche   erano   molto   simili   a   quelle   presentate   nel   1910.   La  
revisione   dell’imposta   sulle   imprese   era   concepita   come   uno   sgravio   generalizzato   con  
l’innalzamento   delle   soglie   di   esenzione   per   tutte   le   attività   e   con   una   correzione   dei   criteri   di  
calcolo.  Le  modifiche  ai  tributi  diretti  miravano  ad  attenuare  le  critiche  alle  tre  cattive  tasse  (san  
akuzei):    il  monopolio  del  sale,  la  tassa  dei  trasporti  e  l’imposta  sui  tessuti.  
Nel  suo  insieme,  il  piano  del  1912  era  molto  cauto  e  voleva  perfezionare  l’imposta  sul  reddito  sulla  
scia   degli   emendamenti   discussi   nelle   sessioni   parlamentari   precedenti   che   avevano   smussato   i  
tratti  più  radicali  delle  proposte  delle  commissioni  del  1906  e  1907.  Aveva  sollevato  alcuni  punti  
ma  non  li  aveva  risolti  e  tra  questi  anche  il  decentramento  fiscale.  Alla  fine  del  1912  scoppiò  la  crisi  
politica   Taishoo:   il   terzo   governo   Katsura   si   dimise,   la   Camera   bassa   si   rafforzò   come   baricentro  
politico   e   ritornò   al   potere   il   Seiyuukai,   con   un     salto   di   qualità   nella   partitizzazione     della  
burocrazia.   Hara     riprese   a   cooptare     i     funzionari   emergenti   del   Ministero   dell’interno   e  
dell’amministrazione  delle  province,  accelerando  il  declino  dell’influenza  di  Yamagata.    La  caduta  
di   Katsura   era   avvenuta   a   sessione   della   Dieta   aperta   e   il   governo   usò   il   tempo   residuo   per  
sottoporre   alle   Camere   solo   la   parte   principale   del   piano   di   revisione   del   fisco,   ovvero   quella  
relativa  all’imposta  sul  reddito  e  sulle  imprese.  L’approccio  fu  conservatore.  La  Camera  approvò  i  
progetti  del  governo  con  alcuni  emendamenti  che  riducevano  ulteriormente  entrambe  le  imposte.  
Dopo   la   conferma   da   parte   della   Camera   alta,   la   revisione   divenne   legge   nell’aprile   del   1913.   Il  
testo   sulle   imposte   alle   imprese   venne   invece   ripresentato   alla   Dieta   successiva   che   era   la   31ª  
perché   la   sessione   parlamentare   era   scaduta.   Questa   31ª   Dieta   segnò   il   picco   del   movimento   di  
protesta   contro   le   cattive   tasse.   Il   Kokumintoo,   avversario   del   Seiyuukai,     presentò   richieste   di  
cancellazione  delle  imposte  su  imprese,  tessuti,  trasporti,  petrolio  e  monopolio  del  sale  e  chiese  
un  taglio  dell’imposta  sui  fondi  agricoli.  Il  Dooshikai  aveva  una  posizione  meno  radicale  e  chiese  
l’abolizione   dell’imposta   sulle   imprese   e   della   tassa   sui   trasporti   nonché   una   riduzione   delle  
imposte  sui  tessuti.  Fu  riorganizzato  nel  1916  come  Kenseikai  (Società  del  governo  costituzionale)    
con   un   orientamento   liberale.   Il   Kokumintoo     fu   riorganizzato   come   Kakushin   kurabu   (Club  
riformista)     alla   fine   del   1922     per   poi   confluire   nel   1925   nel   Seiyuukai.   Quest’   ultimo,   partito   di  
maggioranza,  fu  come  sempre  pragmatico  e  diede  segnali  di  apertura  nei  confronti  del  movimento  
di  protesta  fiscale,  riducendo  l’imposta  sulle  imprese  e  promuovendo  tagli  alle  tasse  sui  tessuti  e  
sui   trasporti.   La   sua   immagine   di   partito   di   soli   proprietari   agricoli   era   quindi   uno   stereotipo.   Le  
campagne   erano   la   base   elettorale   di   tutti   i   grandi   partiti   ma   l’influenza   degli   agricoltori   sulle  
decisioni   legislative   era   contrastata   degli   interessi   imprenditoriali,   che   comunque   erano   presenti  
anche   nelle   campagne.     I   dirigenti   del   partito   provenivano   soprattutto   dal   mondo   degli   affari   e  
delle   professioni   liberali   e   anche   sempre   più   dalla   burocrazia   statale.   Il   partito   fu   capace   di  
mantenere  il  proprio  sostegno  nei  collegi  rurali  grazie  ai  programmi  di  investimento  sul  territorio  
(strade,   ferrovie,   opere   idrauliche,   scuole).   Nel   marzo   1914,   a   causa   dell’incidente   Siemens,   il  
governo  Yamamoto  fu  costretto  a  dimettersi.  La  questione  della  riforma  del  sistema  fiscale  passò  
al  nuovo  esecutivo  presieduto  dall’anziano  statista  Ookuma  Shigenobu  che  aveva  fondato  il  partito  
da  cui  derivò  nel    1910  il  Kokumintoo.  Il  suo  governo  aveva  in  programma  di  procedere  sulla  via  

  11  
degli  sgravi  fiscali  soprattutto  per  i  proprietari  agricoli  e  le  imprese  ma  nell’estate  del  1914  scoppiò  
in   Europa   la   grande   guerra   e   questo   stravolse   la   politica   di   bilancio.   Il   23   agosto   il   Giappone  
dichiarò   guerra   alla   Germania   sfruttando   l’alleanza   con   il   Regno   Unito,   per   perseguire   acquisti  
territoriali  nel  Pacifico  e  rafforzare  la  propria  sfera  d’influenza  in  Cina.  La  spesa  per  gli  armamenti  
divenne  prioritaria  e  oscurò  l’obiettivo  di  riduzione  della  pressione.  
 
Conclusioni:     questo   periodo   fu   una   transizione   dalla   fase   formativa   del   sistema   Meiji     alla   sua  
revisione  dopo  la  prima  guerra  mondiale.  I  funzionari  del  Ministero  delle  Finanze  pianificarono  una  
riforma   fiscale   con   due   obiettivi   prioritari:   reperire   risorse   per   sostenere   la   spesa   statale     in  
espansione  e  ridurre  il  ricorso  al  debito,  evitare  un  aggravarsi  della  pressione  fiscale  che  avrebbe  
frenato  la  crescita  economica.  La  strategia  di  lungo  periodo  era  aumentare  il  prelievo  sui  comparti  
e   sulle   fasce   con   maggiore   capacità   contributiva   puntando   sulla   crescita   naturale   del   gettito.   A  
livello  normativo  questo  significava  puntare  sulla  tassazione  dei  redditi  e  perfezionare  differenze  
di   trattamento   tra   imprese   e   individui,   capitale   e   lavoro,   fasce   sociali   più   o   meno   abbienti.   Per  
questo  non  vennero  introdotte  imposte  complementari  legate  al  patrimonio  immobiliare.  A  livello  
legislativo   il   partito   Seiyuukai   condivise   questo   approccio.   Era   il   principale   interlocutore   della  
burocrazia  ministeriale  nella  Camera  bassa  ma  anche  una  forza  politica  di  governo.  Al  contempo  
aveva  l’esigenza  di  mantenere  il  favore  della  fase  elettorale  rurale.  Dopo  i  primi  aggravi  approvati  
dalla   Dieta   nel   1908,   nella   revisione   dei   tributi   prevalse   l’impegno   a   soddisfare   le   richieste   della  
base  elettorale,  questo  contribuì  alla  congiuntura  economica  prevalentemente  negativa  tra  il  1907  
e   il   1914.   Comunque,   malgrado   il   rallentamento   dell’economia,   si   registrò   già   nel   1908   un   calo  
della  pressione  fiscale  complessiva.    
 
 
   

  12  
Capitolo  3.  Le  conseguenze  della  Prima  Guerra  Mondiale  
 
Sinossi  
La  prima  guerra  mondiale  impresse  una  forte  accelerazione  allo  sviluppo  economico  del  Giappone  
ma  anche  alle  disuguaglianze  nella  distribuzione  della  ricchezza.  Grazie  alla  congiuntura  positiva,  il  
governo   espanse   la   spesa   soprattutto   in   ambito   militare,   contando   sulla   crescita   delle   entrate  
fiscali.  
Nel   1918   il   governo   del   generale   Terauchi   ottenne   dalla   Dieta   l’approvazione   all’aggravio   delle  
accise  sugli  alcolici  e  dell’imposta  sul  reddito,  nel  1920  fece  una  cosa  analoga  il  primo  governo  di  
partito   guidato   da   Hara,   presidente   del   Seiyuukai.     L’obiettivo   era   incrementare   il   gettito   per  
coprire   la   crescita   della   spesa.   I   criteri   di   tassazione   sui   redditi   furono   resi   più   equi   accentuando   la  
progressività  delle  aliquote  e  si  ridussero  le  agevolazioni  per  i  redditi  di  capitale  rispetto  a  quelli  di  
lavoro.   Nel   1918   vi   furono   i   cosiddetti   moti   del   riso.   Nel   1920   un’apposita   commissione   fu  
incaricata  di  studiare  un  piano  di  riforma  che  venne  presentato  due  anni  dopo.    
 
La  revisione  del  1918  e  il  piano  Shooda  
L’impatto   iniziale   della   guerra   europea   sull’economia   giapponese,   in   recessione   già   nel   1913,   fu  
negativo.   Vennero   interrotti   i   rifornimenti   dall’Europa   e   questo   danneggiò   l’industria   e   il  
commercio.  Dal  1915  si  manifestarono  però  i  vantaggi  del  forzato  ritiro  della  concorrenza  europea  
dall’Asia   orientale   e   le   industrie   giapponesi   aumentano   la   produzione   a   ritmo   elevato.   La   guerra  
coinvolse   il   Giappone   solo   marginalmente   sul   piano   militare   e   fu   un’opportunità   di   crescita  
economica,  soprattutto  per  i  settori  che  prima  erano  in  ritardo,  come  quello  chimico  e  siderurgico.  
Il  boom  produsse  un  incremento  delle  entrate  fiscali,  grazie  soprattutto  all’elasticità    dell’imposta  
sul  reddito.  Le  spese  aumentarono  per  espandere  le  forze  armate,  ancora  di  più  quando  andò  al  
governo,   dopo   OOkuma,   il   generale   Terauchi   Masatake   (1916).   Ookuma     aveva   appoggiato   la  
politica  estera  di  Katoo,    con  richieste  aggressive  al  governo  cinese  e    questo  aveva  compromesso  i  
rapporti   tra   Giappone   e   Gran   Bretagna.   Il   Dooshikai     vinse   le   elezioni   della   Camera   bassa   nel   1915  
ma   vi   fu   uno   scandalo   di   brogli   compiuti   dal   Ministero   dell’interno   che   indebolì   ulteriormente   il  
governo.   Il   colpo   finale   venne   dalla   Camera   alta   che     si   scontrò   con   Ookuma     sul   finanziamento  
dell’esercito.  Il  premier  dimissionario  propose  come  successore  all’imperatore  Katoo  ma  i  genroo    
si   opposero   e   sostennero   la   nomina   di   Terauchi,   del   gruppo   di   Yamagata   che   dal   1910   era  
governatore   generale   della   Corea.   Si   formò   un   esecutivo   tecnico   appoggiato   dal   Seiyuukai   e   dal  
Kokumintoo.     Nel   1917   Terauchi   indisse   elezioni   che   videro   il   partito   di   Hara     conquistare   la  
maggioranza   relativa.   Il   governo   lanciò   un   ambizioso   programma   di   armamento   e   per   far   fronte   al  
deficit  previsto  presentò  alla  Dieta  un  piano  di  riforma  fiscale  incentrato  sull’imposta  sul  reddito  
delle  accise  sugli  alcolici  e  con  modifica  della  tassazione  indiretta.  
Si  aumentava  il  prelievo  sui  redditi  societari  e  anche  sui  redditi  individuali  per  le  fasce  medie  e  alte.  
Si  alzava  la  soglia  di  esenzione    e  si  aumentavano  le  deduzioni  sui  redditi  più  bassi.  Si  aumentava  
l’aliquota   sugli   interessi   sui   titoli   obbligazionari.   Si   aumentava   il   prelievo   sugli   alcolici,   si  
differenziava   l’aliquota   per   i   tessuti   in   base   al   materiale   impiegato,   si   introduceva   l’accisa   sugli  
alcolici,   venivano   abolite   la   tassa   sui   trasporti   e   l’imposta   sul   petrolio   (a   favore   dei   ceti   popolari  
che  compivano  brevi  distanze  e  consumavano  petrolio  nei  luoghi  non  ancora  raggiunti  da  gas  ed  
elettricità).   A   parte,   il   governo   aveva   aumentato   il   prezzo   del   tabacco   e   le   tariffe   postali.   Chiedeva  
alla  Dieta  di  approvare  temporaneamente  un’imposta  sui  profitti  in  tempo  di  guerra  che  colpiva  i  
redditi   societari   che   eccedevano   di   due   decimi   le   somme   guadagnate   prima   dello   scoppio   del  
conflitto.  
La   manovra   non   era   coerente   con   l’obiettivo   di   redistribuire     il   carico   fiscale   in   modo   più   equo,  
inoltre,   a   causa   dell’inflazione   bellica,   la   nuova   soglia   del   minimo   imponibile   non   produsse   una  
  13  
contrazione   del   numero   di   contribuenti.   Il   fine   redistributivo   era   secondario   rispetto   a   quello   di  
ottenere  maggiori  entrate.  
Il  Seiyuukai  approvò  i  disegni  di  legge  sulle  imposte  sul  reddito,  alcolici  e  profitti  di  guerra  ma  si  
oppose   all’aumento   delle   tariffe   postali   e   chiese   di   rinviare   il   resto   dopo   la   conclusione   della  
guerra  mondiale.  Il  Kenseikai    fu  più  critico  ed  approvò  solo  le  imposte  sui  profitti  straordinari.  Il  
Kokumintoo,  per  coerenza  con  le  proprie  rivendicazioni  sociali,  appoggiò  anche  l’abolizione  della  
tassa   sui   trasporti   e   l’imposta   sul   petrolio.   Prevalse   il   partito   più   forte   in   aula   con   conferma   da  
parte  della  Camera  alta.  
 
Nel   1917   venne   condotta   un’indagine   a   campione   che   rivelava   una   forte   sperequazione   tra  
proprietari  agricoli  e  imprenditori  urbani.  I  motivi  erano  principalmente  le  addizionali  all’imposta  
fondiaria   e   il   kosuuwari,   di   carattere   regressivo   e   quindi   inique.   Lo   stesso   problema   era  
riconoscibile   anche   tra   gli   imprenditori:   l’imposta   sulle   imprese   e   le   sue   addizionali   gravavano  
infatti  di  più  sulle  fasce  inferiori  di  reddito.  I  dipendenti  statali  e  chi  percepiva  rendite  finanziarie  
erano  soggetti  ad  una  pressione  fiscale  molto  minore.  Il  fatto  che  le  proprietà  fondiaria  e  le  attività  
imprenditoriali   fossero   scarse   o   assenti   come   fonti   di   reddito   riduceva   per   loro   notevolmente   il  
prelievo   fiscale   sia   statale   che   locale.   Gli   investitori   finanziari   beneficiavano   dell’esenzione   per   i  
dividendi  azionari  e  i  titoli  di  Stato  e  delle  basse  aliquote  sugli  altri  capitali.  Questo  neutralizzava  la  
progressività  dell’imposta  sul  reddito  personale.  
 
L’ufficio   ministeriale,   sulla   base   di   questi   risultati,     riassunse   in   sette   punti   i   difetti   del   sistema  
vigente:  
1.  il  carico  delle  imposte  sui  profitti  e  specialmente  dell’imposta  fondiaria  non  è  lieve  
2.    il  carico  sui  ceti  bassi  è  quindi  eccessivamente  gravoso  
3.    manca  la  tassazione  tramite  imposte  sui  profitti  sui  capitali  mobili  al  di  fuori  dell’impresa  
4.    l’imposta  sul  reddito  non  è  al  centro  dell’imposizione  diretta  ma  è  complementare  alle  imposte  
sui  profitti  
5.    i  limiti  della  tassazione  locale  non  sono  corretti  
6.    la  tassazione  locale  sui  terreni  è  eccessiva  
7.    i  criteri  delle  imposte  locali  speciali  non  sono  appropriati.  
 
Non  venivano  esplicitate  contromisure  ma  era  chiaro  che  si  chiedeva  una  riforma  che  rafforzasse  
l’imposta  sul  reddito  e  aumentasse  il  prelievo  sulle  rendite  finanziarie,  con  sgravi  per  le  piccole  e  
medie  imprese  e  per  i  proprietari  agricoli  e  un  generale  contenimento  della  tassazione  locale.  
 
Nelle   ultime   settimane   del   governo   Terauchi     venne   elaborato   un   piano   di   riforma   del   Ministro  
delle   finanze   Shooda   (1918)     che   chiedeva   una   riforma   radicale   del   sistema.   Si   intendeva  
intervenire   sull’imposta   sul   reddito   come   premessa   per   il   riassetto   della   tassazione   locale.   Si  
prevedeva   di   ridurre   l’imposta   sulle   imprese   in   proporzione   all’incremento   di   quella   sul   reddito.  
Successivamente   l’imposta   sulle   imprese   sarebbe   stata   trasferita   al   sistema   locale,   ripartendo   il  
gettito   tra   province   e   comuni   ed   evitando   un   onere   eccessivo   derivante   dalla   somma   di   questa  
imposta   e   quella   sul   reddito.   Si   proponeva   di   abolire   le   addizionali   alle   imposte   statali   per  
sostituirne  con  i  trasferimenti  (koofukin)  di  quote  dell’imposta  fondiaria  e  dell’imposta  sul  reddito.  
Questa   ripartizione   delle   quote   sul   territorio   è   l’elemento   d’interesse   del   progetto   di   riforma   e  
verrà  ripreso  nel  1940.    Nelle  aree  urbane  si  voleva  introdurre  un’imposta  sull’apprezzamento  dei  
terreni.     Si   intendeva   ridefinire   la   tassazione   indiretta   estendendo   il   monopolio   statale   agli   alcolici  
e  allo  zucchero,  applicando  la  vendita  al  prezzo  di  costo  del  sale,  abolendo  le  imposte  su  cotone.  

  14  
Inoltre  andavano  abolite  le  imposte  sul  petrolio  e  sulla  salsa  di  soia  nonché  la  tassa  sui  trasporti.  
Per  contro  si  volevano  introdurre  tassi  sui  cosmetici  sulle  aziende  cosmetiche.  
Lo   sforzo   era   quello   di   conciliare   le   esigenze   di   una   maggiore   equità   sociale   con   l’approccio   alla  
finanza   pubblica   della   restaurazione   Meiji,   che   intendeva   sostenere   la   modernizzazione   e   il  
rafforzamento  militare.  La  redistribuzione  del  carico  fiscale  non  era  fine  a  se  stessa  ma  un  mezzo  
per  conseguire  una  maggiore  efficienza  del  sistema.  Anche  il  conflitto  mondiale  era  invocato  come  
monito  a  intervenire  per  assicurare  al  governo  la  capacità  di  mobilitare  risorse  nazionali.  Questo  
spirito  dirigista  era  riconoscibile  anche  nelle  misure  sui  consumi  privati.  L’introduzione  del  registro  
delle  spese  familiari  non  aveva  solo  lo  scopo  di  combattere  l’evasione  ma  anche  di  scoraggiare  i  
consumi  voluttuari.    Lo  stesso  valeva  per  la  tassazione  di  alcolici,  seta  e  prodotti  cosmetici  e  per  la  
riforma  del  sistema  di  distribuzione  e  vendita  al  dettaglio.  I  mercati  comunali  erano  visti  come  il  
modo  per  garantire  un  tenore  di  vita  soddisfacente  offrendo  a  prezzi  bassi  i  beni  necessari:  questo  
avrebbe  consentito  di  ridurre  i  salari  e  quindi  i  costi  di  produzione,  aumentando  la  competitività.    
Si   volevano   scoraggiare   gli   acquisti   superflui   presso   i   grandi   magazzini   nelle   città,   visti   come  
emblema  del  consumismo  in  cui  si  dava  ampio  spazio  ai  beni  di  importazione.  
In  sintesi,  il  piano  del  1918  seguiva  nel  solco  delle  campagne  governative  di  razionalizzazione  dei  
consumi   e   promozione   delle   attività   produttive   a   partire   dall’inizio   del   Novecento,   conservando  
una  forte  struttura  di  controllo  accentrato.  
 Nel   luglio   del   1918   vi   furono   moti   di   protesta   popolare   (moti   del   riso,   kome   soodoo)     a   causa  
dell’aumento   dei   prezzi   provocato   dalla   guerra.   Il   governo,   temendo   una   rivoluzione   come   in  
Russia,   represse   duramente   questi   moti   e   questo   causò   la   rottura   tra   il   governo   e   le   forze  
parlamentari    e  fece  perdere  a  Terauchi    l’appoggio  dei  genroo.  Yamagata  a  quel  punto  acconsentii  
alla  nomina  di  Hara.  
 
Il  governo  Hara  e  la  revisione  del  1920-­‐21  
Il  governo  di  Hara  Takashi  (sett  1918  nov  1921)    è  ricordato  come  il  primo  governo  di  partito  in  
senso  pieno  del  paese.  L’amministrazione  aveva  una  solida  base  alla  Camera  bassa,  dove  sedeva  
per   la   prima   volta   il   primo   ministro,   i   posti   chiave   del   gabinetto   erano   occupati   da   dirigenti   del  
Seiyuukai,   ad   eccezione   di   due   dicasteri   militari   e   del   ministero   degli   esteri   guidati   da   alti  
funzionari.   La   giustizia   andò   a   un   esponente   del   gruppo   di   maggioranza   nella   Camera   alta   per  
avere   un’alleanza   trasversale   tra   i   due   rami   della   Dieta.   Takahshi   andò   alle   finanze   mentre  
Yamamoto  Tatsuo  fu  nominato  ministro  dell’agricoltura  e  del  commercio.  
 
Il  governo    seguì  due  direttrici  nella  riforma  fiscale:  modificò  singole  imposte  rilassando  i  limiti  alle  
addizionali   locali   e   riorganizzò   il   sistema   tributario   in   generale.   La   prima   serie   di   misure   furono  
prese   nel   1920-­‐1921   dall'esecutivo   mentre   si   affidò   ad   un   organo   consultivo   l'elaborazione   della  
riforma  e  il  governo  ricevette  il  risultato  nel  1922.  
Nel  1919  la  41ª  Dieta  esaminò  La  proposta  del  governo  che  interessava  soltanto  le  imposte  locali  e  
si  decise  di  alzare  limiti  di  legge  delle  addizionali  a  titolo  provvisorio  e  poi  definitivo.  Le  addizionali  
all'imposta  sul  reddito  erano  però  un'eccezione.  Ciò  confermava  la  politica  di  accentramento  della  
tassazione  diretta  sui  redditi;  aumentò  l'imposta  sulle  imprese  e  anche  quella  fondiaria  e  gli  enti  
locali  potevano  applicare  aliquote  superiori  in  deroga  ai  limiti,  previa  autorizzazione  del  governo.    
In   particolare   i   comuni   rurali   dipendevano   dalla   tassazione   sui   fondi   agricoli.   La   legge   non  
consentiva  di  aumentare  il  prelievo  sui  redditi.  Con  l'aggiustamento  delle  addizionali  si  tamponava  
semplicemente  una  situazione  critica.  Invece  nel  1921  il  governo  riformò  il  kusuwaari  unificando  i  
criteri   di   imposizione   in   ambito   comunale.   Per   calcolare   la   capacità   (shiryoku)   delle   famiglie   si  
usava   come   primo   parametro   il   reddito,   includendo   la   superficie   dell'abitazione   e   il   patrimonio  
come   criteri   complementari.   Così   si   voleva   ridurre   il   mitatewari   passando   ad   un   sistema   più  

  15  
razionale.  Tuttavia  il  kosuuwari  rimase  molto  diverso  dalla  tassa  sul  reddito  perché  continuavano  a  
essere   i   livelli   provinciali   a   stabilire   quanto   dovessero   versare   i   comuni,   non   c'erano   aliquote  
progressive  né  una  soglia  minima  di  reddito.  L'esenzione  era  lasciata  alla  discrezione  dell'autorità  e  
la   stima   del   reddito   non   comprendeva   rendite   finanziarie.   Questo   causò   molte   proteste   e   il  
governo   decise   di   ridurre   la   crescita   di   questa   imposta   stabilendo   il   limite   del   30%   sulle   entrate  
provinciali,  del  50  sulle  città  e  dell’80  %  per  i  comuni  rurali.  
Il  governo  limitò  l'azione,  nell'ambito  delle  imposte  statali,  all'imposta  sul  reddito  e  alle  accise  sugli  
alcolici,  con  disegni  di  legge  nel  1920.  Questo  faceva  parte  di  una  politica  di  bilancio  espansiva  .  Il  
boom  bellico  era  stato  un’occasione  imperdibile  ma  nel  1919  ci  fu  un  primo  shock  negativo  e  nel  
1920  crollò  la  borsa.  Seguirono  10  anni  di  instabilità  economica  e  finanziaria  e  il  governo  dovette  
cambiare  rotta.  Il  gabinetto  Hara  adottò  una  linea  accomodante  con  le  forze  armate  approvando  
piani  di  armamento  piuttosto  onerosi  a  fronte  dell’appoggio  alle  iniziative  di  governo.  Tra  di  esse  
la   riforma   dell'amministrazione   coloniale,   che   avrebbe   dato   maggior   peso   ai   funzionari   civili.   C'era  
il   problema   del   finanziamento   della   spesa   alla   missione   nella   Siberia   orientale   lanciata   nel   1918  
per   sostenere   le   fonti   antibolsceviche.   Hara   era   contrario   a   questa   operazione   ma   lo   Stato  
maggiore   riuscì   a   rallentare   il   ritiro   del   corpo   di   spedizione   fino   al   1922   e   l'occupazione   della   metà  
a  nord  di  Sachalin  durò  fino  al  1925.  
Alla  42ª  Dieta  Takahashi  illustrò  una  manovra  fiscale  mirata  ad  incrementare  il  gettito  nel  medio  
periodo   tra   l’imposta   sul   reddito   e   le   accise   sugli   alcolici.   Il   Kenseikai   chiese   il   rinvio   della  
discussione   ma   Seiyuukai   e   Kokumintoo   trovarono   un'intesa   e   approvarono   le   proposte   del  
governo   dopo   averle   emendate.   Gli   emendamenti   principali   erano:   una   riduzione   del   20%   sui  
dividendi   societari   per   non   ostacolare   lo   sviluppo   industriale,   l'eliminazione   degli   aumenti   di  
imposta   sugli   scaglioni   del   ceto   medio,   la   riduzione   dell'aliquota   marginale   massima   al   40%,  
l'aumento   delle   aliquote   sulle   riserve   e   i   profitti   societari   sopra   un   dato   limite   a   compensazione  
delle  misure  precedenti.  Si  decise  anche  di  ridurre  lievemente  l'aggravio  delle  accise  sugli  alcolici.  I  
disegni   di   legge   passarono   alla   Camera   alta   ma   tutto   fu   interrotto   dall'indizione   delle   elezioni  
anticipate.   Hara   aveva   già   preparato   questa   mossa   l'anno   precedente,   adottando   un   sistema  
elettorale   maggioritario   a   collegi   uninominali   che   avrebbe   avvantaggiato   il   partito   più   forte.   Il  
premier   ottenne   il   sostegno   dell'elettorato   conservatore   e   moderato   con   lo   spauracchio   della  
destabilizzazione   e   capitalizzò   i   consensi   ottenuti   con   la   politica   di   sostegno   allo   sviluppo   prima  
della  crisi.  Favorì  il  Seiyuukai  anche  il  controllo  da  parte  di  questo  partito  del  Ministero  dell'interno.  
Il   Seiyuukai   ottenne   così   la   maggioranza   assoluta   dei   seggi.   Successivamente   il   governo   ripresentò  
il   disegno   di   legge   sull'imposta   sul   reddito   così   come   era   uscito   dalla   Camera   bassa.   Anche   se  
Kenseikai   e   Kokumintoo   chiedevano   di   rimandare,   il   Seiyuukai   decise   di   procedere   ugualmente  
perché  era  urgente  trovare  risorse  per  il  piano  di  difesa  nazionale.  Il  partito  di  Hara  però  smussò  le  
innovazioni  contenute  nella  legge  e  il  calo  del  gettito  venne  compensato  aumentando  le  aliquote  
sui  redditi  societari  in  eccesso  rispetto  allo  standard  stabilito  e  definendo  il  4%  come  tassazione  
fissa  alla  fonte  per  i  dividendi.  La  Camera  dei  Pari  fece  degli  emendamenti.  
A  causa  della  congiuntura  negativa,  la  riforma  non  produsse  un  forte  incremento  delle  entrate  e  
dopo   una   crescita   iniziale   il   prelievo   sulle   società   scese.   Questo   fu   compensato   in   parte   dal  
notevole   aumento   dell'imposta   sugli   interessi   sul   capitale.   I   redditi   individuali   calarono   come  
gettito   nel   primo   anno   per   poi   risalire.   Il   numero   delle   famiglie   soggette   a   imposte   scese   e   poi  
aumentò;   quindi,   dal   punto   di   vista   della   base   sociale   della   nuova   soglia   di   esenzione,   non   vi  
furono  cambiamenti  di  rilievo.  
Nonostante   i   suoi   limiti,   l'imposta   sul   reddito   riformata   rappresentava   un   compromesso  
pragmatico  tra  obiettivi  ideali  e  interessi  immediati,  definiti  dal  contesto  politico  ed  economico.  Vi  
fu   un   tentativo   da   parte   della   classe   dirigente   di   attenuare   le   disuguaglianze   prodotte   dal  

  16  
capitalismo   sviluppando   dei   meccanismi   distributivi.   Le   modifiche   emerse   dall'iter   parlamentare  
andavano  nella  direzione  tracciata  nel  precedente  decennio  con  un  modo  di  procedere  prudente.  
 
Conclusioni  
La  grande  guerra  aumentò  in  Giappone  la  tendenza  alla  crescita  della  spesa  pubblica  e  anche  alla  
disuguaglianza   nella   distribuzione   del   reddito   sul   territorio   e   tra   le   classi   sociali.   Questo   pose   in  
evidenza   i   limiti   degli   interventi   di   riforma   attuati   nel   tardo   periodo   Meiji   e   quindi   si   tentarono  
delle  riforme  nel  1918  e  1920  da  parte  del  governo.  Gli  aggravi  si  concentrarono  su  due  ambiti:  il  
consumo   degli   alcolici   nella   tassazione   indiretta   e   l'imposta   sui   redditi,   che   ora   superava   l'imposta  
fondiaria.   L'obiettivo   era   anche   potenziare   la   funzione   redistributiva,   ma   in   entrambi   i   casi   ci   fu  
una  grande  moderazione.  La  revisione  non  era  sufficiente  a  risolvere  i  difetti  strutturali  del  sistema  
tributario.   Nel   caso   del   gabinetto   Terauchi,   esso   nel   1918   avviò   nel   Ministero   delle   Finanze  
l'elaborazione  di  un  piano  per  emendare  la  tassazione  sui  redditi  e  riorganizzare  la  finanza  locale.  
L'iniziativa  fu  interrotta  dai  moti  del  riso.  La  nuova  amministrazione  di  Hara  due  anni  dopo  istituì  
una   commissione   mista.   Secondo   Mukai,   la   paternità   del   piano   del   1918   e   anche   dello   schema   del  
1920   doveva   essere   attribuita   ai   funzionari   del   ministero   delle   finanze.   Tuttavia   la   tesi  
dell'iniziativa   burocratica   non   spiega   le   grandi   differenze   tra   i   due   progetti.   I   due   testi   hanno   in  
comune  l'inclusione  dei  dividendi  societari  nei  redditi  individuali,  soggetti  a  prelievo  progressivo,  e  
l'innalzamento  del  minimo  imponibile  a  600  yen.  Entrambi  introducono  deduzioni  familiari  ma  con  
criteri  diversi,  nel  secondo  scompare  lo  spesometro  e  la  progressività  verso  le  fasce  di  reddito  alte  
è   molto   più   forte   nel   1920.   Le   differenze   sono   ancora   maggiori   in   relazione   ai   redditi   societari  
quando   si   passa   da   un   approccio   conservatore   ad   una   completa   riclassificazione.   Le   differenze  
c'erano  anche  nella  riforma  dell'imposta  sul  reddito.  Nel  primo  caso  l'incremento  del  prelievo  sui  
redditi   era   la   condizione   per   trasferire   al   territorio   una   parte   delle   entrate   statali;   nel   nuovo  
sistema  locale,  al  posto  delle  addizionali  erano  previsti  dei  trasferimenti  erariali  e  un'imposta  sulle  
imprese  minore  rispetto  a  quella  complessiva.  Questa  formula  avrebbe  dato  al  governo  centrale  
un  maggior  controllo  sulle  entrate  locali  aumentando  la  sua  capacità  di  monitorare  la  spesa  a  quel  
livello.  Invece  la  commissione  del  1920  voleva  devolvere  al  territorio  l'imposta  fondiaria  e  quella  
sulle  imprese,  mantenendo  un  prelievo  pari  alla  somma  di  questi  tributi  e  delle  relative  addizionali.  
Il  calo  delle  entrate  erariali  sarebbe  stato  compensato  da  un'imposta  patrimoniale  su  beni  mobili  e  
immobili.   In   questo   modo   gli   enti   locali   avrebbero   avuto   più   autonomia.   Le   differenze   nei   due  
progetti   inducono   a   pensare   che   i   cambiamenti   dipendessero   dalle   sostituzioni   al   vertice   del  
Ministero,   avvenute   col   passaggio   al   gabinetto   Hara.   Takahashi   era   un   sostenitore   del  
decentramento  fiscale.  Bisogna  quindi  distinguere  tra  la  leadership  politica  del  ministro  e  il  ruolo  
di  supporto  tecnico  dei  funzionari.  Emerge  comunque  la  capacità  dei  funzionari  di  intervenire  nel  
processo  di  decisione  politica  influenzandone  l'esito  in  modo  favorevole,  se  possibile,  agli  interessi  
della  propria  organizzazione.  Questo  significava  mantenere  il  controllo  sull'allocazione  delle  risorse  
fiscali  e  sulla  dimensione  complessiva  della  spesa,  sia  a  livello  centrale  sia  a  livello  locale.  
 
   

  17  
Capitolo  4  
Il  progetto  di  riforma  generale  del  1922  
 
Sinossi  
Alla   fine   della   prima   guerra   mondiale   riprese   in   Giappone   il   dibattito   pubblico   sulla   riforma   del  
fisco.  Per  elaborare  un  piano  organico  nel  luglio  del  1919  il  governo  Hara  istituì  una  commissione  
mista   di   funzionari,   parlamentari   e   rappresentanti   del   mondo   imprenditoriale,   formando   un  
gruppo  di  ricerca  per  ogni  tema.  Nel  caso  della  questione  tributaria,  i  lavori  iniziarono  nel  giugno  
1920  dopo  che  le  elezioni  diedero  al  partito  Seyiuukai  la  maggioranza  assoluta  alla  Camera  bassa  e  
quindi   il   premier   poté   comporre   la   commissione   in   modo   da   dare   ai   membri   filogovernativi   un  
peso  predominante.  La  discussione  del  progetto  durò  due  anni.  Il  governo  aveva  sottoposto  alla  
commissione   tre   ipotesi   di   riforma   strutturale   e   la   commissione   decise   di   sviluppare   quella   che  
prevedeva   la   cessione   alle   amministrazioni   territoriali   dell'imposta   fondiaria   dell'imposta   sulle  
imprese,  adottando  un'imposta  patrimoniale  a  livello  statale.  La  devoluzione  avrebbe  consentito  
agli  enti  locali  di  abolire  o  ridurre  le  forme  di  tassazione  più  contestate,  a  iniziare  dal  kosuuwari,,  
agevolando  al  tempo  stesso  la  correzione  delle  due  imposte  trasferite.  Il  fisco  locale  avrebbe  tratto  
un  doppio  beneficio  da  questa  operazione,  in  termini  di  accresciuta  autonomia  ed  equità.  In  sede  
centrale,   l'imposta   sul   patrimonio   non   solo   avrebbe   compensato   il   calo   del   gettito   ma   avrebbe  
anche   avuto   una   funzione   complementare   all'imposta   sul   reddito.   La   commissione   riteneva   che   la  
patrimoniale   andasse   introdotta   in   modo   graduale   e   per   questo   all'inizio   sarebbe   bastata   solo   per  
la  metà  del  trasferimento  delle  due  imposte  agli  enti  locali.  Si  suggeriva  per  questo  al  governo  di  
coprire   il   resto   tagliando   la   spesa,   approfittando   del   recente   accordo   internazionale   sulla  
limitazione   degli   armamenti   navali.   Il   progetto   era   ambizioso   ma   anche   pieno   di   incoerenze   che  
esprimevano  i  contrasti  di  opinione  tra  chi  aveva  partecipato  al  dibattito.  
 
4.1  Genesi  della  commissione  per  la  riforma  fiscale  
Alla   fine   della   prima   guerra   mondiale,   le   condizioni   economiche   sociali   erano   mature   per   la  
riforma   del   fisco.   Alla   41ª   Dieta   il   leader   del   Kokumintoo,   Inukai   Tsuyoshi,   presentò   alla   Camera  
bassa  una  mozione  affinché  fosse  istituito  un  organo  straordinario  di  ricerca  per  il  riassetto  della  
finanza   con   la   necessità   di   compiere   una   grande   riforma.   Il   governo   diede   seguito   alla   mozione  
approvata   dalla   maggioranza   della   Camera   istituendo   una   Commissione   straordinaria   per   la  
finanza  l'economia  (CSFE),  formata  da  non  più  di  30  persone  nominate  dal  governo  e  presieduta  
dal   primo   ministro.   Si   previde   la   nomina   di   membri   supplementari   per   la   discussione   dei   temi  
specifici.  I  partiti  di  minoranza  trovarono  poco  spazio  nella  commissione.  Alla  seduta  inaugurale  il  
18  luglio  1919  il  premier  spiegò  che  l'ammissione  dei  membri  era  condurre  "ricerche  fondamentali  
che  abbiano  valore  duraturo  per  lo  Stato,  non  misure  di  emergenza".  Non  si  posero  limiti  di  tempo  
ai   lavori.   Come   primo   compito   la   commissione   doveva   formulare   un   piano   per  
l'approvvigionamento   alimentare   del   Giappone   incentrato   sul   riso   e   altri   cereali.   Gli   altri   quesiti  
riguardavano   la   gestione   del   monopolio   statale   sul   sale,   la   strategia   di   sviluppo   dell'industria  
siderurgica  e  della  cantieristica  navale.  Acciaierie  e  cantieri  navali  avevano  beneficiato  della  guerra  
e   questo   era   correlato   alla   produzione   del   sale   che   in   campo   industriale   è   una   componente  
essenziale   dei   successi   siderurgici.   Con   il   ripristino   della   pace   internazionale   la   crescita  
dell'industria   pesante   appariva   insidiata   dal   ritorno   della   concorrenza   europea   sui   mercati   asiatici.  
Era  ancora  più  grave  il  problema  delle  risorse  alimentari  perché  la  produzione  agricola  non  era  più  
sufficiente  a  far  fronte  alla  crescita  della  popolazione.  Il  governo  doveva  affrontare  il  conflitto  di  
interessi  tra  coltivatori  e  consumatori  che  già  aveva  portato  ai  moti  del  riso.  Alla  Camera  bassa  una  
commissione   era   stata   incaricata   di   discutere   la   mozione   del   Kokumintoo   e   aveva   definito   otto  
ambiti   per   le   indagini   del   nuovo   organo:   sistema   tributario,   monopoli   statali,   debito   pubblico,  
  18  
imprese  statali,  conti  speciali  nel  bilancio  dello  Stato,  altre  forme  di  gestione  finanziaria  separata,  
finanza  delle  amministrazioni  locali  e  delle  colonie.  L'elenco  non  era  vincolante  ma  indicativo.  Hara  
indirizzò   la   commissione   verso   temi   che   non   erano   immediatamente   attinenti   alla   riforma   delle  
imposte  se  non  per  gli  aspetti  fiscali  della  politica  di  tutela  del  settore  siderurgico  cantieristico.  Per  
questo  il  21  gennaio  1920  il  Kokumintoo  espresse  in  una  risoluzione  forte  scontento.  
Il   1   giugno   1920   Hara     chiese   alla   CSFE     di   svolgere   un’indagine   sulla     “politica   fondamentale  
riguardo   al   riassetto   del   sistema   tributario”,   con   un   ritardo   di   un   anno   dall’inizio   dei   lavori,   il  
governo  si  prefiggeva  di  incrementare  le  entrate  e  quindi  in  linea  di  principio  non  c’era  conflitto  
col   progetto   più   ampio   di   cui   doveva   occuparsi   la   commissione   e   che   il   governo   stesso   teneva  
distinto.   Il   governo   aveva   aspettato   probabilmente   perché   non   aveva   pronto   un   piano   e   voleva  
assicurarsi   prima   la   maggioranza   assoluta   alla   Camera.   Grazie   al   trionfo   elettorale   il   governo  
nominò  i  nuovi  membri  della  commissione.  Hara    formò  la  quinta  commissione  speciale  (tokubetsu  
iinkai)    con  l’incarico  di  rispondere  al  quesito  sul  sistema  tributario  un  mese  dopo  le  elezioni.  
 
4.2  Tre  ipotesi  di  riforma  delle  imposte  statali  
Il   governo   riconosceva   che   il   sistema   tributario   era   incoerente.   Il   problema   fondamentale   era   la  
struttura   tripartita   delle   imposte   dirette   statali.   Non   si   poneva   in   dubbio   il   ruolo   cardine  
dell’imposta   sul   reddito   ma   l’imposta   fondiaria   e   quella   sulle   imprese   non   svolgevano   la   loro  
funzione   complementare   in   modo   soddisfacente.   Il   governo   chiese   perciò   alla   commissione   di  
lavorare  su  tre  ipotesi  alternative:  
1.   mantenere,   in   aggiunta   all’imposta   sul   reddito,   l’imposta   fondiaria   e   l’imposta   sulle   imprese,  
bilanciando  il  loro  carico  con  una  revisione.  
2.   Abolire   completamente   l’imposta   fondiaria   e   l’imposta   sulle   imprese   e   introdurre   un’imposta  
generale  sul  patrimonio  (ippan  zaisanzei).  
3.   Abolire   completamente   l’imposta   fondiaria   e   l’imposta   sulle   imprese   e   introdurre   delle   imposte  
particolari   sul   reddito   (tokubetsu   shotokuzei)   di   ciascun   tipo   come   terreni,   abitazioni,   titoli  
finanziari,   imprese,   adottando   inoltre   un’imposta   generale   sul   reddito   (ippan   shotokuzei)   sulla  
somma  totale  di  questi  redditi.  
 
Anche  le  imposte  indirette  dovevano  essere  riorganizzate,  finora  erano  state  più  volte  aumentate,  
per  il  momento  non  si  sarebbero  toccati  i  dazi  doganali.  
Il   terzo   ambito   era   quello   della   tassazione   locale,   cresciuta   in   modo   disordinato   sia   per   quanto  
riguardava  le  imposte  locali  proprie  che  le  addizionali  che  andavano  ridotte.    
Il  governo  pose  una  condizione  e  cioè  plasmare  un  sistema  fiscale  più  equo  ed  efficiente  ma  non  
calando  il  gettito  complessivo.  Questo  implicava  dei  compensi.  Su  questo  non  c’era  consenso.  
Dopo   due   anni,   la   quinta   commissione   presentò   la   relazione   conclusiva   alla   CSFE     che   la   sottopose  
al  governo  il  20  luglio  1922.  Il  rapporto  era  suddiviso  in  tre  parti:  imposte  statali  dirette,  imposte  
indirette   e   tassazione   locale.   Si   proponeva   che   le   imposte   indirette   prevedessero   l’abolizione   di  
alcuni  tributi  minori  sui  consumi  essenziali  gravosi  per  i  ceti  bassi,  ossia  l’imposta  sulla  salsa  di  soia,  
sul   petrolio   e   sui   medicinali.   La   perdita   per   l’erario   sarebbe   stata   compensata   da   aumenti   alle  
accise   sugli   alcolici.   Si   prevedeva   di   includere   nelle   imposte   vigenti   imposte   sui   tessuti   a   maglia,   in  
feltro,   sulle   caramelle,   sui   prodotti   cosmetici   e   aggravi   per   le   bevande   alcoliche.   Si   voleva  
riorganizzare   l’imposta   di   bollo.   A   parte,   era   prevista   l’abolizione   della   tassa   sui   trasporti,    
formalmente   classificata   come   imposta   diretta.   Nel   complesso   la   somma   di   tutti   tributi   indiretti  
sarebbe   rimasta   invariata.   La   commissione,   di   fronte   alla   richiesta   del   governo   di   mantenere  
inalterato   il   gettito,       aveva   quindi   proposto   queste   misure   ma   riteneva   fosse   meglio   agire   sul  
prezzo  del  tabacco  anche  per  avere  un  equilibrio  con  gli  aggravi  sugli  alcolici.  
La  commissione  riformulò  le  tre  ipotesi  enunciate  dal  governo:  

  19  
1.     mantenere   l’imposta   generale   sul   reddito   come   cardine   e   introdurre   in   aggiunta   un’imposta  
generale   sul   patrimonio   come   imposta   complementare,   cedendo   alla   tassazione   locale   le   attuali  
imposte  sui  terreni  e  sulle  imprese.  
2.  mantenere  l’imposta  generale  sul  reddito  come  cardine  e  introdurre  in  aggiunta  delle  imposte  
particolari   sul   reddito   dei   terreni,   imprese   e   altro   come   imposte   complementari,   cedendo   alla  
tassazione  locale  le  attuali  imposte  sui  terreni  e  sulle  imprese.  
3.     mantenere   l’imposta   generale   sul   reddito   come   cardine   e   lasciare   a   complemento,   con  
emendamenti,  le  attuali  imposte  sui  terreni  e  sulle  imprese,  introducendo  inoltre  un’imposta  sui  
fabbricati   (tatemonozei)   e   un’imposta   sugli   interessi   su   capitale   (shihon   rishizei)   in   considerazione  
dell’equilibrio  tra  imposta  sui  terreni  e  sulle  imprese.  
Le   prime   due   ipotesi   avevano   in   comune   la   cessione   agli   enti   locali   dell’imposta   fondiaria   e   di  
quella   sulle   imprese.   Nelle   intenzioni   queste   due   imposte   dovevano   essere   complementari  
all’imposta   sul   reddito   e   bilanciare   il   carico   fiscale   per   i   proprietari   agricoli   ed   imprenditori  
nell’industria   con   il   commercio.   Tuttavia   il   sistema   aveva   dei   difetti:   la   tassazione   sulle   imprese  
non   era   misurata   in   base   ai   profitti   dichiarati   e   spesso   non   rifletteva   l’effettiva   capacità  
contributiva.  L’imposta  fondiaria  era  calcolata  secondo  valori  catastali  non  aggiornati,  lontani  dal  
prezzo  di  mercato.  Inoltre  mancava  la  soglia  minima  di  esenzione  per  l’imposta  fondiaria.  Le  azioni  
da  intraprendere  erano  gravose:  una  revisione  generale  del  catasto.  La  commissione  riteneva  che  
le  amministrazioni  locali,  a  conoscenza  del  territorio  e  anche  delle  attività  produttive  ivi  presenti,  
avrebbero  potuto  svolgere  più  in  fretta  e  con  un  costo  minore  queste  azioni.  Per  questo  si  riteneva  
opportuno   affidare   la   gestione   delle   due   imposte   dirette   agli   enti   locali,   lasciando   al   governo  
centrale   il   ruolo   di   monitoraggio.   L’obiettivo   principale   era   migliorare   la   qualità   del   sistema  
tributario  e  non  aumentare  il  gettito.  
La   condizione   di     evitare   un   calo   netto   del   gettito   fiscale   implicava   che   la   cessione   delle   due  
imposte   (ryoozei   ijoo,   doppia   devoluzione)     fosse   accompagnata   dall’adozione   di   una   nuova  
imposta   statale,   che   avrebbe   compensato   e   fatto   da   complemento   all’imposta   sul   reddito   in  
termini  di  equità.  Si  giudica  opportuno  accentuare  la  distinzione  tra  reddito  di  lavoro  e  reddito  di  
capitale.  Quest’ultimo  avrebbe  dovuto  subire  un  prelievo  superiore.  
La  commissione  considerò  due  (in  realtà  TRE,  nota  bene)  ipotesi:  la  prima  consisteva  nell’istituire  
un’imposta  patrimoniale  ordinaria  sulla  base  di  quella  adottata  in  Prussia    nel  1893,  che  avevano  
studiato  il  ministero  degli  interni  e  la  Società  per  lo  studio  delle  politiche  sociali  (SGG),    fondata  nel  
1897   sull’esempio   prussiano.   L’imposta   patrimoniale   sarebbe   stata   calcolata   sul   valore  
complessivo   dei   beni   mobili   e   immobili   di   una   famiglia,   senza   considerare   eventuali   redditi  
derivanti  da  queste  proprietà  e  senza  includere  gli  oggetti  di  uso  quotidiano  in  ambito  domestico  e  
i   beni   dati   in   gestione   pubblica.   Erano   previste   riduzioni   per   i   debiti   contratti   in   relazione   a   queste  
proprietà   come   mutui     ed   ipoteche.   Il   calcolo   si   sarebbe   basato   sul   valore   dichiarato   dal  
contribuente,  che  doveva  riflettere  i  prezzi  di  mercato  correnti,  con  un  quarto  di  sconto  sui  beni  
immobili.   Le   persone   giuridiche   sarebbero   state   esenti   dalla   patrimoniale.   La   giustificazione   di  
questo   era   che   il   capitale   delle   imprese   sarebbe   stato   comunque   soggetto   a   prelievo   in   quanto  
patrimonio  degli  azionisti.  Era  prevista  una  soglia  di  esenzione;  si  stimava  che  il  patrimonio  della  
nazione  fosse  per  il  19%  in  mano  a  società.  Spiccava  per  il  suo  peso  una  proprietà  fondiaria  che  
apparteneva  per  il  95%  a  individui,  al  di  sopra  della  soglia    minima  imponibile  nel  55%  dei  casi.  Le  
azioni   societarie   erano   al   95%   di   proprietà   individuale   (63%   imponibile)   e   i   fabbricati  
appartenevano   nel   95%   dei   casi   a   famiglie,   di   cui   la   metà   esenti.   La   patrimoniale   prevedeva   13  
aliquote  marginali  e  la  progressione  calibrata  in  modo  da  generare  un  gettito  quasi  equivalente  a  
quello  delle  due  imposte  da  devolvere.  Il  carico  fiscale  sarebbe  aumentato  sulle  fasce  di  reddito  
superiori   e   si   giudicò   appropriato   tassare   doppiamente   queste   fasce,   con   l’imposta   patrimoniale   a  
livello  statale  e  le  due  imposte  cedute  agli  enti  locali,  sia  perché  si  voleva  trasferire  parte  del  carico  

  20  
sui   redditi   di   capitale   e   anche   perché   i   proprietari   di   immobili   erano   i   maggiori   beneficiari   dei  
servizi  forniti  dalle  amministrazioni  territoriali.  I  vantaggi  di  questa  ipotesi  erano:  1.    Applicare  la  
nuova   imposta   anche   a   beni   mobili   fino   ad   allora   non   tassati   adeguatamente   come   le   azioni   e   i  
titoli,  correggendo  lo  squilibrio  strutturale  del  carico  fiscale  di  agricoltori  e  imprenditori.  2.    Fare  
riferimento  ai  valori  di  mercato  e  quindi  aumentare  in  modo  semplice  e  coerente  il  gettito,  3.    La  
crescita   del   prelievo   era   commisurata   all’   “aumento   del   valore   senza   lavoro”   (furoo   kachi   zooka)   e  
questa   crescita   del   prelievo   avrebbe   quindi   incentivato   gli   investimenti   produttivi   stimolando  
l’economia.   I   difetti   consistevano   nel   fatto   che   l’imposta   contrastava   con   il   principio   della  
tassazione  del  reddito  non  della  proprietà  in  sé.  C’era  il  rischio  che  venisse  intaccato  il  capitale.  I  
titoli,   i   depositi   bancari   e   altri   beni   mobili   erano   per   loro   natura   elusivi   e   si   poteva   quindi  
prevedere   che   imprenditori   e   altri   che   percepivano     rendite   finanziarie   sarebbero   stati  
avvantaggiati  rispetto  gli  agricoltori  visto  che  la  proprietà  fondiaria  era  difficilmente  occultabile.  
La  seconda  ipotesi  era  quella  di  introdurre  delle  imposte  particolari  sul  reddito,  sull’esempio  del  
Regno   Unito,   della   Francia   e   dell’Italia.   L’idea   era   che   il   prelievo   rispecchiasse   il   rapporto   tra   i  
fattori   del   reddito   ovvero   capitale   e   lavoro,   gravando   maggiormente   sul   capitale.   Il   semplice  
reddito   di   lavoro   sarebbe   stato   quindi   esente   da   questa   nuova   imposta   e   al   puro   reddito   di  
capitale   si   sarebbe   applicata   un’aliquota   più   alta   di   quella   sul   reddito   d’impresa   perché  
quest’ultimo   derivava   dalla   combinazione   di   capitale   lavoro.   Era   prevista   un’aliquota   fissa   senza  
distinzione   tra   persone   fisiche   e   giuridiche.   Percepire   un   reddito   individuale   inferiore   a   quello  
tassabile  con  l’imposta  generale  non  sarebbe  stato  motivo  di  esenzione  dalle  imposte  particolari.  I  
redditi   di   solo   capitale   furono   ulteriormente   distinti   tra   imposta   sull’affitto   di   beni   immobili  
(fudoosan  shotokukuzei)  e  imposta  sugli  interessi  sui  titoli  depositi  (shihon  rishizei).    Il  primo  caso  
comprendeva   terreni   e   fabbricati   e   si   sarebbe   riscosso   il   5%   dell’affitto   al   netto   dei   costi   di  
gestione   della   proprietà,   con   una   soglia   di   esenzione.   Si   stimava   che   i   terreni   a   uso   residenziale  
dati   in   affitto   fosse   l’80%   delle   aree   urbane   il   45%   delle   aree   rurali.   Si   proponeva   di   fissare   al   5%   il  
prelievo   sugli   interessi   sul   capitale,   con   l’esenzione   per   i   titoli   di   Stato.   L’esenzione   era   stabilita  
come   per   i   redditi   immobiliari.   Non   si   sarebbero   tassati   i   dividendi   azionari   perché   già   soggetti  
all’imposta   generale   sul   reddito,   e   gli   interessi   percepiti   dalle   banche,   classificati   come   reddito  
d’impresa.  La  nuova  imposta  sul  reddito  d’impresa  (eigyoo  shotokuzei)  abbracciava  molte  attività  
e   l’aggiunta   più   significativa   era   l’intero   settore   primario   (agricoltura,   pesca   e   allevamento).   Le  
libere   professioni   continuavano   a   non   essere   considerate   unità   imprenditoriali   ai   fini   fiscali.   Nel  
settore  industriale  era  esente  la  produzione  di  beni  strategici  come  l’acciaio.  L’aliquota  era  il  3%  
del  reddito  d’impresa  con  una  soglia  di  esenzione.  
Si   cercava   quindi   di   diversificare   il   prelievo   in   base   al   peso   relativo   del   capitale   tra   le   fonti   di  
reddito   e   questo   non   solo   in   relazione   alle   aliquote   ma   anche   alle   somme   minime   imponibili.   Il  
punto  di  forza  dell’ipotesi  era  una  migliore  distribuzione  della  pressione  fiscale  in  base  al  principio  
di   equità.   Tuttavia   mancavano,   rispetto   all’imposta   patrimoniale,   gli   incentivi   per   la   messa   in  
valore   della   proprietà.   Inoltre   questa   di   protesi   d’imposta   assomigliava   all’imposta   generale   sul  
reddito  e  questo  avrebbe  potuto  portare  ad  errori  di  calcolo  che  l’effetto  psicologico  negativo  di  
una  doppia  tassazione  sul  reddito.    
La   terza   ipotesi   considerata   dalla   commissione   era   meno   innovativa   e   non   prevedeva   il  
trasferimento   di   imposte   agli   enti   locali   e   quindi   neanche   la   creazione   di   un’imposta   sostitutiva.  
Voleva   invece   perfezionare   la   tassazione   sui   terreni   sulle   imprese   senza   grosse   modifiche   al  
sistema.   Le   due   imposte   erano   semplici   da   applicare.   Poiché   i   valori   registrati   nei   catasti   erano  
obsoleti  ma  le  indagini  di  aggiornamento  catastale  sarebbero  state  onerose  e  sarebbero  state  da  
rifare  ogni  5/6  anni,  non  risultava  pratico  mantenere  il  valore  catastale  come  criterio  di  imposta.  Si  
potevano   risparmiare   tempo   e   denaro   calcolando   il   prelievo   in   base   al   valore   d’affitto   (chintai  
kakaku)   delle   proprietà,   come   stimato   sul   mercato.   La   nuova   imposta   sarebbe   stata   una  

  21  
percentuale   dell’affitto   percepito   dal   proprietario   nell’anno   precedente,   al   netto   delle   spese.   Per   i  
terreni   non   affittati   si   sarebbe   fatto   riferimento   ai   prezzi   correnti   nella   stessa   località.   Questo  
avrebbe  permesso  di  eliminare  la  differenziazione  delle  aliquote  per  tipo  di  terreno,  riducendole  a  
una   sola   aliquota,   del   4%.   Tuttavia   al   di   fuori   delle   zone   agricole   mancava   un   adeguato   mercato   di  
riferimento   che   questo   avrebbe   reso   difficile   valutare   le   proprietà   si   dovevano   poi   rivedere   i  
termini  dell’imposta  sulle  imprese  per  evitare  un  prelievo  eccessivo  rispetto  ai  profitti  reali  e  per  
fare  una  semplificazione.  La  soluzione  sarebbe  stata  prendere  come  unico  parametro  i  ricavi  netti  
delle  aziende  ma  questo  non  era  possibile  perché  avrebbe  trasformato  l’imposta  in  un’appendice  
di   quella   sul   reddito   facendole   perdere   il   suo   valore   complementare.   Si   optava   perciò     per   una  
revisione   meno   radicale,   eliminando   i   parametri   che   non   erano   direttamente   legati   al   volume  
d’affari,   come   valore   d’affitto   della   sede   di   esercizio   e   riclassificando   le   attività   commerciali.   Era  
prevista  l’esenzione  per  le  imprese  non  in  attivo.  A  complemento  si  sarebbe  adottata  un’imposta  
sui   fabbricati   del   3,5%   del   valore   d’affitto   e   un’imposta   sugli   interessi   sul   capitale,   con   aliquota  
fissa   al   4,5%.   Questo   progetto   avrebbe   ridistribuito   il   carico   fiscale   in   modo   notevole,  
trasferendolo  dai  terreni  dalle  imprese  verso  i  fabbricati  e  le  rendite  finanziarie.  Sul  piano  sociale  
questo   significava   ridurre   la   quota   di   imposte   sostenuto   dalla   popolazione   rurale,   con   un  
corrispettivo  aumento  di  quella  dei  residenti  nelle  città  e  in  particolare  dei  ceti  medio  alti.  D’altra  
parte  questo  piano  non  forniva  la  possibilità  di  riorganizzare  le  imposte  locali.  
 
4.3  Il  progetto  definitivo  
La   commissione   riteneva   che   il   terzo   piano   non   fosse   soddisfacente   rispetto   all’obiettivo   di   una  
riorganizzazione  generale  del  sistema  tributario.  
Consigliava  di  adottare  la  prima  proposta  con  queste  valutazioni:  
La   terza   proposta   era   quello   di   emendare   le   imposte   sui   terreni   sulle   imprese,   istituendo  
un’imposta   sui   fabbricati   un’imposta   sugli   interessi   sul   capitale.   La   proposta   aveva   il   difetto   di  
complicare   ulteriormente   il   sistema.   Inoltre,   le   imposte   sui   terreni   e   sulle   imprese   dovevano  
essere  cedute  a  livello  locale.  La  seconda  proposta  era  quella  di  devolvere  le  imposte  sui  terreni  
sulle   imprese   alla   tassazione   locale,   istituendo   delle   imposte   particolari   sul   reddito   in   aggiunta  
all’imposta  generale  sul  reddito.  Però  il  criterio  di  imposizione  era  lo  stesso  delle  entrate  nette  e  
non   consentiva   di   correggere   il   difetto   dell’imposta   generale   sul   reddito   che   consisteva   nello  
squilibrio  del  carico  fiscale  a  causa  della  difficoltà  di  accertare  le  entrate  nette.  Questa  soluzione  
avrebbe   quindi   peggiorato   la   disuguaglianza   del   prelievo.   Inoltre,   non   essendo   possibile   tassare  
l’incremento  naturale  del  valore  di  patrimonio  e  beni  lasciati  improduttivi,  le  imposte  particolari  
sul  reddito  non  rappresentavano  una  tassazione  complementare  adeguata.  
 La   prima   proposta   era   devolvere   le   imposte   sui   terreni   e   sulle   imprese   alla   tassazione   locale,  
adattando  il  prelievo  alle  condizioni  locali  e  rinsaldando  la  finanza  locale.  Nella  tassazione  statale  si  
doveva   introdurre   un’imposta   generale   sul   patrimonio   come   complemento   all’imposta   generale  
sul   reddito.   L’imposta   generale   sul   patrimonio   prende   il   valore   dei   beni   quale   criterio   di  
imposizione  e  così  si  corregge  il  difetto  dell’imposta  generale  sul  reddito.  L’imposta  patrimoniale  
accentua   il   prelievo   sui   resti   derivanti   dal   patrimonio,   si   applica   alla   capacità   di   sostenere   le  
imposte  secondo  il  naturale  incremento  del  valore  dei  terreni  o  di  altri  beni  e  si  applica  anche  ai  
beni   improduttivi   che   fa   diventare   produttivi.   È   più   idonea   come   complemento   dell’imposta  
generale   sul   reddito.   I   difetti   sono   la   tendenza   a   gravare   sui   beni   immobiliari   e   la   difficoltà   di  
accertamento,  che  consiste  nella  difficoltà  di  verificare  il  valore  dei  beni  o  dei  debiti.  
 
 La   commissione   consigliava   una   adozione   graduale,   introducendo   l’imposta   patrimoniale   con  
l’aliquota   più   bassa   possibile   e   alzandola   successivamente.   Nella   fase   di   transizione,   le   due  
imposte  preesistenti  sarebbero  state  cedute  parzialmente  agli  enti  locali  in  forma  di  aumento  delle  

  22  
addizionali,  mentre  la  quota  residua  sarebbe  rimasta  di  competenza  dello  Stato.  La  commissione  
proponeva  modifiche  alla  versione  iniziale  dell’imposta  patrimoniale:  
1.  un’unica  aliquota  dell’1,5  /1000    al  posto  di  aliquote  progressive  
2.     soglia   di   esenzione   abbassata   da   10.000   a   2000   yen   perché   solo   così,   allargando   la   base  
imponibile,  si  sarebbe  potuto  ottenere  un  gettito  sufficiente;  il  limite  di  2000  era  il  riferimento  per  
il   suffragio   per   la   Camera   bassa   e   anche   la   soglia   di   esenzione   dell’imposta   di   successione.  
L’allargamento  della  base  avrebbe  comportato  un  aumento  dei  costi  amministrativi  di  discussione,  
tuttavia,   questo   sarebbe   stato   in   gran   parte   compensato   dal   trasferimento   agli   enti   locali   degli  
oneri  di  riscossione  delle  due  imposte  devolute.  
3.   Rilievo   su   tutti   gli   individui   soggetti   all’imposta   sul   reddito,   anche   al   di   sotto   della   soglia   di  
¥   2000.   La   giustificazione   era   che   si   stimava   che   al   reddito   minimo   imponibile   di   ¥   800  
corrispondesse   un   patrimonio   di   circa   ¥   10.000.   Così   si   sarebbero   tassati   anche   i   beni   sfuggiti  
all’accertamento  
4.   proprietà   immobiliare   tassata   in   base   al   suo   pieno   valore,   invece   di   dedurne   un   quarto.   Si  
riteneva   che   altrimenti   i   proprietari   di   beni   mobili   (non   in   parte   deducibili)   avrebbero   dichiarato  
valori   inferiori   al   vero.   La   commissione   però   mantenne   ambiguità   su   questo   indicando   che   “si  
sarebbero  fatti  degli  sconti  adeguati”.  
5.   Trattenuta   alla   fonte   su   tutti   gli   interessi   sui   titoli   e   depositi,   senza   distinzione   tra   persone  
fisiche  e  giuridiche.  Si  tentava  così  di  dissipare  i  dubbi  sul  rischio  di  evasione  posto  dalle  rendite  
finanziarie.  
6.  Veniva  cancellata  l’esenzione  per  i  titoli  di  Stato,  coerentemente  con  l’obiettivo  di  rafforzare  la  
tassazione  sul  capitale  finanziario.  
 
La   versione   finale   del   piano   comprendeva   anche   una   leggera   revisione   al   rialzo   del   valore  
patrimoniale   totale,   dovuta   all’apprezzamento   dei   terreni   edificati.     A   causa   però   del   passaggio   ad  
una   aliquota   unica,   la   copertura   data   dalla   nuova   imposta   patrimoniale   al   piano   di   devoluzione  
nella   prima   fase   si   riduceva   e   corrispondeva   al   4,5%   della   somma   dell’imposta   fondiaria   e   sulle  
imprese.    
L’imposta   fondiaria   sarebbe   rimasta   inalterata   perché   la   revisione   generale   del   catasto   era   troppo  
gravosa.     L’imposta   sulle   imprese   avrebbe   invece   richiesto   un   semplice   intervento   legislativo,  
senza   oneri   paragonabili   alla   revisione   del   catasto.   La   giustificazione   era   tecnica   ma   non   poteva  
soddisfare   sul   piano   politico   perché   discriminava   i   proprietari   agricoli   a   vantaggio   degli  
imprenditori  e  dei  proprietari  di  immobili  nelle  città.    L’ultimo  aspetto  era  la  revisione  dell’imposta  
generale  sul  reddito.  Si  è  osservato  che    molti  creavano  delle  società  familiari  (zaisan  hozen  gaisha)    
allo   scopo   di   evitare   la   tassazione   progressiva   sui   redditi   individuali.   Inoltre   i   depositi   bancari  
ordinari   sfuggivano   perché   non   dichiarati.   Inoltre,   la   bassa   aliquota   sugli   interessi   sui   titoli  
incoraggiava  le  società  a  emettere  obbligazioni  invece  di  accrescere  il  proprio  capitale.  Malgrado  
questi  problemi,  la  commissione  riteneva  che  si  sarebbe  dovuta  osservare  la  situazione  per  uno  o  
due   anni   prima   di   intervenire,   ad   eccezione   delle   società   familiari   (per   le   quali   si   decise   di   passare  
da   subito   come   redditi   individuali   le   somme   tenute   in   riserva   che   eccedessero   un   determinato  
importo)  e  dei  depositi  (assoggettati  ad  un  prelievo  alla  fonte  con  aliquota  fissa).  
 
4.4  La  riforma  della  tassazione  locale  
La   terza   parte   della   relazione   descriveva   la   manovra   da   una   prospettiva   locale.   Il   governo   locale  
doveva   avere   risorse   che   garantissero   una   minor   dipendenza   dallo   Stato   e   una   maggiore   equità.   A  
livello  provinciale  si  disegnava  un  sistema  incentrato  sull’imposta  fondiaria,  sulle  imprese  e  sulla  
casa,   riprodotto   a   livello   comunale   con   le   relative   addizionali.   La   rivoluzione   doveva   essere  

  23  
graduale,  in  due  fasi.  Nella  fase  transitoria  gli  enti  locali  avrebbero  ricevuto  circa  metà  delle  due  
imposte  designate  e  si  sarebbe  riorganizzato  il  sistema.  
 
A.  Province  
1.   Abolizione   del   kosuuwari   e   dell’imposta   sulla   casa   e   loro   sostituzione   con   una   nuova   imposta  
sulla  casa,  calcolata  in  percentuale  sul  valore  d’affitto  dell’abitazione.  Il  kosuuwari  sarebbe  stato  
ceduto  ai  comuni.  Così  si  eliminava  il  difetto  consistente  nella  ripartizione  del  carico  tra  le  famiglie  
a   partire   da   una   somma   stabilita   per   ciascun   Comune   e   dalla   provincia.   Era   difficile   accertare   a  
livello   provinciale   la   situazione   economica   delle   singole   famiglie   invece,   affidando   la   procedura  
interamente   alle   autorità   comunali,   si   poteva   determinare   adeguatamente   il   prelievo.  
L’introduzione   di   una   nuova   imposta   sulla   casa   in   tutto   il   territorio   nazionale   si   prefiggeva   di  
integrare   l’imposta   fondiaria   e   sulle   imprese   in   modo   trasversale   a   differenti   categorie  
occupazionali.  
2.   L’acquisizione   (in   esclusiva)   dell’addizionale   comunale   all’imposta   sul   reddito.     Allo   scopo   di  
contrastare  lo  squilibrio  tra  imposte  personali  (jinzei)    e  reali  (butzuzei).  
3.    riassetto  dell’imposta  provinciale  sulle  imprese  e  delle  imposte  miscellanee.  Si  volevano  abolire  
i   tributi   che   gravavano   sui   mestieri   più   umili   e   sulle   attività   quotidiane.   La   tassazione   su  
determinate   professioni   andava   incorporata   nell’imposta   sulle   imprese,     allo   scopo   di   semplificare  
il  sistema  
4.   sostituzione   dell’addizionale   all’imposta   sul   industria   mineraria   e   a   quella   sui   terreni   minerali  
con   un   prelievo   equivalente   nell’ambito   dell’imposta   provinciale   sulle   imprese.   La   tassazione   di  
questo   settore   industriale   comprendeva   due   aspetti,   ovvero   la   concessione   del   territorio   da  
sfruttare   da   parte   dello   Stato   e   l’attività   effettivamente   svolta.   Era   quindi   opportuno   trasferire  
metà  del  gettito  fiscale  di  pertinenza  del  governo  centrale  ai  comuni.  
 
Nel  nuovo  sistema  quindi  venivano  devolute  imposte  statali  ai  comuni  che  a  loro  volta  avrebbero  
ceduto  alle  province  la  loro  quota  di  tassazione  sul  reddito.  
 
B.  Comuni  
1.   L’aumento   delle   addizionali   all’imposta   fondiaria   e   sulle   imprese   e   introduzione   dell’addizionale  
alla  nuova  imposta  sulla  casa.    
2.    aumento  dell’addizionale  all’imposta  provinciale  sulle  imprese  nella  parte  relativa  alle  attività  
minerarie.  
3.    introduzione  dell’addizionale  alla  nuova  imposta  sulla  casa  come  alternativa  al  kosuuwari.  
4.   Adozione   di   un   nuovo   kosuuwari     di   esclusiva   competenza   comunale   in   sostituzione   dell’attuale  
addizionale.  Veniva  ridotto  il  prelievo  e  questo  sgravio  si  basava  sul  calcolo  delle  risorse  ottenute  
grazie  al  trasferimento  dell’imposta  fondiaria  e  sulle  imprese.  
 
 Le   modifiche   al   sistema   comunale   non   comportavano   variazioni   significative   del   gettito   totale.  
Una   volta   compiuta,   la   riforma   comportava   che   l’imposta   fondiaria   e   sulle   imprese   sarebbero  
passate  alle  province    mentre  i  comuni  avrebbero  riscosso  le  rispettive  addizionali.  Grazie  a  queste  
i  comuni  avrebbero  effettuato  un’ulteriore  riduzione  del  kosuuwari.      
 Si  specificò  che  l’aumento  delle  addizionali  comunali  conseguente  alla  devoluzione  non  avrebbe  
dovuto  superare  la  somma  cedute  dallo  Stato.  Ciò  significava  che    si  concedevano  nuove  risorse  
agli   enti   locali   a   patto   che   questi   le   impiegassero   solo   per   ridurre   le   imposte   di   cui   disponevano   in  
partenza.   Il   governo   centrale   avrebbe   vegliato   sul   rispetto   delle   regole   per   prevenire   eccessive  
disparità   tra   le   varie   regioni   del   paese.   Andava   stabilito   per   legge   che   il   valore   d’affitto   sarebbe  
stato   l’unico   criterio   di   calcolo   dell’imposta   fondiaria,   mentre   l’imposta   sulle   imprese   avrebbe  

  24  
mantenuto   le   caratteristiche   precedenti.   Si   sarebbe   fissato   un   tetto   per   entrambe   le   aliquote,  
ammettendo   che   “in   caso   di   necessità”   le   province   potessero   essere   autorizzate   dal   governo   ad  
aumentare  l’imposta  fondiaria  e  sulle  imprese  sopra  il  limite  legale.  
 
4.5  Conclusioni  
Il   rapporto   della   quinta   commissione   dava   scarse   indicazioni   su   come   procedere   riguardo   a   due  
questioni   fondamentali   e   cioè   i   tempi   e   le   modalità   del   passaggio   dalla   “mezza   rivoluzione”   alla  
piena  attuazione  del  piano.  Si  faceva  riferimento  al  trattato  concluso  a  Washington  nel  1921  che  
fissare  un  tetto  massimo  al  tonnellaggio  delle  navi  da  guerra  e  questo  implicava  per  il  Giappone  la  
sospensione  di  un  ambizioso  programma  di  rafforzamento  della  sua  marina  militare.  Mancavano  
inoltre  i  parametri  per  valutare  in  quali  circostanze  fosse  opportuno  concedere  agli  enti  locali  di  
aumentare   il   prelievo   fiscale.   La   commissione   conosceva   i   difetti   dell’imposta   patrimoniale,   uno  
degli  elementi  portanti  del  nuovo  sistema,  e  in  particolare  riconosceva  che  le  modifiche  apportate  
al   progetto   iniziale   riguardo   alle   aliquote   e   alla   soglia   di   esenzione   contraddicevano   sia   obiettivi   di  
fondo   della   riforma,   sia   la   redistribuzione   del   carico   fiscale   nel   senso   di   una   maggiore   equità.   In  
effetti  all’interno  della  commissione  stessa  proprio  per  questo  c’era  stato  un  intenso  dibattito.  
 
   

  25  
((Da  qui  appunti  molto  sintetici))  
Capitolo  5:  L’elaborazione  del  piano  di  riforma  
 
La   quinta   commissione   speciale   della   CSFE   formata   nel   giugno   1920   concedeva   poco   spazio   alla  
minoranza   della   Camera   bassa,   rappresentata   da   unico   membro   del   Kenseikai,   Hamaguchi   Osachi.  
Emerse   un   forte   dissenso   sulla   patrimoniale   che   secondo   l'opposizione   gravava   troppo   sui   ceti  
medi   sui   proprietari   agricoli.   Hamaguchi   propose   una   patrimoniale   leggera   ma   fu   respinto.   Lui  
puntava  sulle  imposte  statali  mentre  il  deputato  del  Seiyuukai  dava  la  priorità  alla  riorganizzazione  
del   sistema   locale.   L'assemblea   decise   di   archiviare   il   piano,   che   successivamente   fu   ripreso  
dall'esecutivo  in  alcune  sue  parti.  Il  progetto  arenò  a  causa  dello  scenario  economico  negativo  e  
delle  divisioni  interne  al  Seiyuukai.  
 
5.  1  il  significato  del  progetto  
Miyamoto  esprime  un  giudizio  negativo  sulle  tre  opzioni  di  riforma,  tutte  sbilanciate  a  favore  del  
grande   capitale   industriale   e   finanziario.   L'analisi   però   è   solo   marxista   –   successivamente  
Kanazawa  ha  condotto  un'analisi  più  equilibrata  e  ha  visto  nel  progetto  della  quinta  commissione  
lo  sforzo  delle  classi  dominanti  di  rispondere  alle  attese  dell'opinione  pubblica  di  maggiore  equità  
dopo   la   prima   guerra   mondiale.   Secondo   questo   autore   il   progetto   fallì   perché   non   si   riuscì   a  
mediare   tra   i   diversi   interessi   in   modo   concreto.   Secondo   lui   l'iniziativa   fu   prevalentemente  
burocratica.   Ikeda   e   Mukai   condividono   quest'ultima   posizione.   Satoo   mise   in   rilievo   il   ruolo  
positivo  svolto  da  Kanbe  che  prevedeva  la  tassazione  del  patrimonio  come  strumento  di  politica  
sociale.  
 
((Capitolo  5.1  esami  e  analisi  dei  diversi  autori:  lo  ho  praticamente  saltato))  
 
5.2  Composizione  della  commissione  e  agenda  dei  lavori  
Parteciparono   al   dibattito:   parlamentari,   funzionari   di   carriera,   imprenditori   e   accademici   con  
sovrapposizioni  tra  i  diversi  gruppi.      
La  maggioranza  dei  membri  della  Camera  bassa  apparteneva  al  partito  Seyiuukai  che  aveva  vinto  
le   elezioni.   La   fondazione   del   Seiyuukai   da   parte   di   Itoo   a   inizio   Novecento   aveva   avviato   il  
fenomeno  di  partitizzazione  della  burocrazia.    
Il   secondo   partito,   il   Kenseikai,   era   presente   con   un   solo   rappresentante   e   quindi   sotto  
rappresentato   perché   deteneva   il   23%   dei   seggi   alla   Camera.   Il   terzo   partito,   il   Kokumintoo,   fu  
escluso   del   tutto   dalle   nomine.   Già   i   membri   della   CSFE   erano   stati   scelti   in   modo   da   dare   una  
posizione   dominante   al   Seiyuukai   e   questo   valeva   ancora   di   più   per   la   commissione.   Hamaguchi  
era  il  rappresentante  dell'opposizione,  un  ex  funzionario  del  Ministero  delle  Finanze  che  sarebbe  
poi   diventato   primo   ministro   nel   1929   e   un   caso   illustre   di   reclutamento   di   alti   funzionari   nei  
grandi  partiti  all'inizio  del  periodo  Taishoo.  
I   membri   della   commissione   provenienti   dalla   Camera   dei   Pari   erano   prevalentemente  
filogovernativi.   Alla   Camera   dei   Pari   il   gruppo   di   maggioranza   relativa   era   il   Kenkyuukai,   era  
formato   da   visconti   ed   ex   funzionari   ed   aveva   raggiunto   un   accordo   di   cooperazione   con   Hara   con  
cui  condivideva  il  contrasto  alla  diffusione  di  ideologie  radicali  e  il  contrasto  al  suffragio  universale  
immediato.  C'era  poi  il  Kooseikai    che  era  meno  orientato  politicamente  rispetto  ai  partiti.  
I   funzionari   che   potevano   essere   associati   al   Seiyuukai   erano   Soeda   Keichiroo   e   Kanno  
Katsunosuke,  nominato  Pari  su  indicazione  del  governo  Takahashi.  Baba  Eiichi  era  più  distaccato  
dalla  politica.  
I   rappresentanti   dell'industria   e   della   finanza   erano   più   difficili   da   collocare   politicamente   ma  
avevano  interesse  a  mantenere  buoni  rapporti  con  il  governo.  La  Mitsui  per  esempio  finanziava  il  
  26  
partito   Seiyuukai.     Dal   4   giugno   1920   al   15   giugno   1922   la   commissione   si   è   riunita   in   seduta  
plenaria  30  volte  e  ci  furono  36  ulteriori  incontri  ristretti.  Una  sottocommissione  aveva  l'incarico  di  
redigere   l'agenda   dei   lavori,   comprendeva   i   viceministri   Kanno   e   Kobashi,   l’ex   viceministro  
Mizumachi,  il  prof  Kanbe  e  l’industriale  Yamamoto  Teijiroo.  Si  doveva  discutere  per  prima  cosa  la  
riforma  delle  imposte  dirette  statali.  La  prima  fase  fu  un'analisi  del  sistema  attuale  poi  un  gruppo  
ristretto   (Baba,   Goo,   Kanbe   e   Mitsuchi)   aveva   il   compito   di   redigere   le   proposte   di   riforma.   La  
sottocommissione  produsse  tre  piani  alternativi  che  presentò  il  13  gennaio  1921,  elaborando  le  tre  
ipotesi   formulate   dal   governo.   Il   terzo   passo   fu   la   formazione   di   una   terza   sottocommissione  
incaricata  di  scegliere  una  delle  tre  opzioni  e  svilupparla  per  ricavarne  un  piano  operativo  e  preferì  
la   traccia   incentrata   sull'imposta   patrimoniale   che   fu   ridefinita   con   l'aiuto   dei   funzionari  
ministeriali.   A   questo   venne   aggiunto   il   compito   di   collegare   la   riforma   delle   imprese   statali   con  
una   riorganizzazione   del   sistema   tributario   locale.   I   primi   anni   di   lavoro   furono   i   lavori   svolti   da   un  
gruppo  ristretto  di  cui  facevano  parte  integrante  dei  funzionari  ministeriali.  Alla  fine  il  piano  della  
commissione  ristretta  passò  con  un  voto  di  maggioranza.  
 
5.3   e   5.4   e   5.5   Sostenitori   della   devoluzione   con   imposta   patrimoniale   e   opinioni   contrarie   al  
progetto  di  riforma,  alternativa  di  Hamaguchi  
Nel  dibattito  si  delinearono  quattro  gruppi  di  pensiero  diverso:    
1.   membri   favorevoli   al     primo   piano   di   riforma   (doppia   devoluzione   e   imposta   patrimoniale)   -­‐  
erano  i  membri  delle  sottocommissioni  sulle  imposte  dirette,  in  particolare  Kanbe  Masao.  Con  la  
doppia  devoluzione  si  riservavano  allo  Stato  le  imposte  personali  legate  alla  capacità  contributiva  
e   si   attribuivano   a   livello   locale   le   imposte   reali   e   la   patrimoniale   che   avevano   una   funzione  
redistributiva.   I   difetti   erano   la   complessità   dei   calcoli   per   la   stima   del   valore   patrimoniale   e,   a  
causa  dell'evasione,  non  ci  si  poteva  attendere  in  tempi  brevi  un  gettito  sufficiente.  Si  evitò  quindi  
l'aliquota  progressiva  che  avrebbe  incoraggiato  l'evasione  e  si  optò  per  un'aliquota  bassa  e  unica.  
2.   Sostenitori   della   devoluzione   che   contestavano   la   patrimoniale   preferendo   il   secondo   piano  
(adozione   di   imposte   particolari   sul   reddito)   o   altre   misure   compensative.   Si   diceva   che   la  
patrimoniale   avrebbe   gravato   troppo   sul   ceto   medio,   che   mancava   in   realtà   di   una   definizione  
precisa.  Si  affermava  che  questa  imposta  fosse  iniqua  perché,  data  la  difficoltà  di  accertamento  dei  
beni   immobili,   avrebbe   fatto   gravare   la   tassa   soprattutto   sulla   proprietà   fondiaria.   Appartenevano  
a  questo  gruppo  Mizumachi  e  Inoue.    
3.   Gruppo   ostile   alla   devoluzione   ma   non   all'imposta   patrimoniale.   Proponeva   un'alternativa  
Hamaguchi   che   non   escludeva   l'imposta   patrimoniale   ma   non   approvava   la   doppia   devoluzione.  
Proponeva  di  utilizzare  la  nuova  imposta  a  copertura  di  tagli  alla  tassazione  indiretta.  La  proposta  
era  relativamente  vicina  alla  terza  opzione  proposta  dal  governo  ma  non  vi  corrispondeva.  Era  a  
favore  di  un'imposta  patrimoniale  progressiva  
4.  Oppositori  sia  della  devoluzione  dell'imposta  patrimoniale  
 
Il   piano   per   la   "mezza   devoluzione"   emerse   come   conseguenza   di   un'imposta   patrimoniale  
depotenziata,  alla  quale  non  si  era  riusciti  a  trovare  un  valido  complemento.  Rimase  sullo  sfondo  
l'intenzione  di  portare  a  compimento  la  riforma  quando  fossero  maturate  le  condizioni  per  farlo.  
 
5.6    Tra  pressioni  esterne  e  divisioni  interne  
Il   piano   di   riforma   emerso   da   un   biennio   di   discussioni   fu   approvato   a   maggioranza   ma   lasciava  
insoddisfatti   numerosi   membri   della   commissione.   Erano   contrari:   Fujiyama,   Hamaguchu   Osachi,  
Hatano,   Hoshino,   Inoue,   Kuwata,  Mizumachi,  Takahashi,  Tanaka  e  Yokoi.  Erano  favorevoli:  Baba,  
Hayashi,   Goo,   kanbe,   Kega,   Kobashi,   Mitsuchi,   Soeda,   Suenobu   e   Wada.   Era   incerta   la   posizione   di  

  27  
Hamaguchi   Kichibei,   Kanno,   Koganei,   Maeda,   Okudaira,   Sekita,   Yamamoto   e   Yoneyama.   Tacito  
assenso  del  vice  ministro  delle  finanze  Kanno.  
La   mancanza   di   linee   comuni   anche   all'interno   di   esponenti   del   Seiyuukai   contribuì   alla   mancata  
attuazione  della  riforma;  furono  in  particolare  due  problemi  a  causare  il  fallimento:  
1.     Il   progetto   della   commissione   per   la   forma   fiscale   prevedeva   il   trasferimento   integrale  
dell'imposta  sul  imprese  dallo  Stato  agli  enti  locali,  insieme  a  una  revisione  dei  criteri  di  calcolo  che  
avrebbe   dovuto   garantire   una   maggiore   equità   del   prelievo.   Questo   era   però   al   di   sotto   delle  
aspettative   dei   contribuenti.   Le   Camere   di   commercio   chiedevano   addirittura   l'abolizione  
dell'imposta  sulle  imprese.  Quindi  l'imprenditoria  giapponese  dimostrava  di  avere  diversi  approcci:  
mentre   le   piccole   e   medie   imprese   volevano   un   vantaggio   immediato   e   chiedevano   l'abolizione  
dell'imposta  sulle  imprese,  le  grandi  industrie  e  la  finanza  presenti  nella  commissione  cercavano  
una   soluzione   strutturale   ai   problemi   del   fisco.   In   particolare   ci   fu   una   divisione   sulla   questione  
della  nuova  imposta  patrimoniale  e  mancò  una  strategia  condivisa.    
2.  Il  secondo  fattore  che  determinò  il  fallimento  del  tentativo  di  riforma  fu  la  mancanza  di  unità  
nel  partito  di  governo,  il  Seiyuukai.  Questo  è  da  ricondurre  a  diverse  correnti  interne  e  apprensioni  
che   si   aggravarono   fino   a   esplodere   dopo   la   morte   di   Hara   nel   1921.   Gli   succedette   Takahashi   che  
era  ministro  delle  finanze  e  dopo  due  anni  di  instabilità  un  gruppo  si  staccò  dal  partito  e  fondò  il  
nuovo  partito  Seiyuu  hontoo  (partito  originario  dell'amicizia  politica).  Hara  era  tenuto  lontano  dal  
dibattito.  Il  governo  di  Takahashi  dovette  dimettersi  nel  giugno  1922  e  spettò  al  governo  tecnico  
gestire  la  fase  finale  della  discussione.  
 
5.7  Conclusioni  
Il   primo   ministro   Hara   lavorò   su   due   livelli:   1.   incaricò   il   Ministero   delle   Finanze   di   trovare   le  
entrate  aggiuntive  per  sostenere  la  politica  attiva  del  Seiyuukai  come  richiesto  dai  vertici  militari,  
con   aggravi   alla   tassazione   sugli   alcolici   e   il   potenziamento   dell'imposta   sul   reddito   che   furono  
sottoposti   per   l'approvazione   alla   42ª   Dieta.   Vi   furono   forti   resistenze   da   parte   delle   grandi  
imprese   e   del   partito   di   governo   che   si   opponevano   alla   tassazione   progressiva   dei   dividendi  
azionari;  nel  1919  come  misura  d'emergenza  il  governo  propose  alla  Dieta  di  allentare  i  limiti  alle  
addizionali  per  la  finanza  locale.  Inoltre  rese  più  equo  il  kosuuwari.  2.  Parallelamente  Hara  preparò  
una  riforma  più  ampia  del  fisco  e,  in  risposta  ad  una  mozione  del  Kokumintoo,  istituì  la  CSFE  come  
organo  consultivo  che  avrebbe  dovuto  costruire  il  consenso  del  mondo  politico  e  degli  affari.  Hara  
attese   il   risultato   delle   elezioni   generali   per   avere   all'interno   della   commissione   un   sostegno.  
Contemporaneamente,   seguendo   le   direttive   di   Takahashi,   i   funzionari   del   Ministero   delle   Finanze  
formularono  un  progetto  per  la  devoluzione  fiscale  compensata  da  una  nuova  imposta  statale.  La  
devoluzione  aveva  l'obiettivo  di  dare  più  fondi  a  livello  locale.  
Nella  discussione  i  rappresentanti  della  Ministero  delle  Finanze  dal  punto  di  vista  amministrativo  
(MAtsumoto)     e   politico   (Mitsuchi)   incanalavano   il   dibattito   verso   l'opzione   di   riforma   che  
comprendeva   l'imposta   patrimoniale.   Questo   andava   contro   quanto   scartato   dal   primo   governo  
Sajonii.  Ciò  avvenne  perché  erano  cambiati  i  funzionari  ed  era  cambiato  contesto  socioeconomico.  
Il  problema  delle  disuguaglianza  si  era  aggravato  ed  era  inevitabile  ricorrere  a  una  nuova  imposta  
per  mantenere  il  gettito  uguale  nel  quadro  della  devoluzione.  Si  sarebbe  potuta  adottare  una  tassa  
complementare  ma  venne  preferita  l'imposta  sul  patrimonio  perché  aveva  il  vantaggio  di  risolvere  
i   punti   deboli   dell'imposta   sul   reddito   in   fatto   di   evasione   fiscale.   La   patrimoniale   discussa   nella  
CSFE  avrebbe  colpito  anche  i  beni  mobili  mentre  la  proposta  del  1906  era  limitata  agli  immobili.  
Nella   prima   versione   dell'imposta   presentata   nel   1920     c'era   una   maggiore   considerazione   per   il  
principio  di  equità  sociale.  Ciò  nonostante  nel  1921  Matsumoto  mise  da  parte  questa  caratteristica  
per   far   passare   il   progetto.   L'attuazione   graduale   della   riforma   avrebbe   consentito   al   Ministero  
delle   Finanze   di   mantenere   costante   il   livello   delle   entrate   statali   e   le   amministrazioni   locali  

  28  
avrebbero   ottenuto   la   gestione   autonoma   dell'imposta   fondiaria   e   sulle   imprese   solo   al   termine  
del   processo   di   trasferimento   qualora   la   patrimoniale   avesse   raggiunto   un   peso   equivalente.   La  
riforma   non   convinse   sufficientemente   i   rappresentanti   degli   interessi   imprenditoriali   agricoli,   che  
comprendevano   esponenti   dello   stesso   partito   Seiyuukai.   Il   progetto   perciò   superò   solo   il   primo  
esame   e   fu   bloccato   quando   la   discussione   fu   estesa   a   tutti   i   membri   della   CSFE,   poco   dopo   le  
dimissioni  del  governo  Takahashi.  
 
   

  29  
Capitolo  6:  Partiti  a  confronto,  1919-­‐1923  
 
Sinossi  
Tra   la   fine   della   prima   guerra   mondiale   e   il   1923,   i   due   principali   partiti   si   assestarono   su   posizioni  
opposte   in   materia   di   riforma   fiscale   a   causa   di   una   più   ampia   divergenza   nell'approccio   alla  
gestione   della   finanza   pubblica,   riconducibile   a   differenze   nella   base   sociale   di   riferimento,   nel  
gruppo   dirigente   e   nell'esperienza   di   governo.   Il   terzo   partito   maggiore   era   caratterizzato   da   un  
orientamento  più  progressista.  Al  tempo  del  governo  Takahashi,  la  recessione  economica  impose  
una   battuta   d'arresto   alla   politica   attiva   del   Seiyuukai   e   suscitò   un   ampio   fronte   a   sostegno   di   una  
riduzione  netta  del  prelievo  fiscale,  mettendo  in  crisi  lo  schema  di  riforma  elaborato  dalla  quinta  
commissione   della   CSFE.   Nel   luglio   1922   il   progetto   della   CSFE   fu   respinto   e   il   nuovo   esecutivo  
tecnico,  guidato  dall’ammiraglio  Katoo,  si  concentrò  sul  risanamento  dei  conti  pubblici,  con  tagli  
alla  spesa.  Le  forze  armate  protestarono  per  il  ridimensionamento  del  loro  bilancio  e  il  Seiyuukai  
faceva   pressione   per   portare   avanti   le   opere   pubbliche,   di   conseguenza   gli   sgravi   fiscali   vennero  
ridotti   notevolmente.   Gli   agricoltori   erano   insoddisfatti   e   per   questo   i   grandi   partiti   lanciarono  
proposte   di   tagli   alla   tassazione   diretta:   per   primo   il   Kenseikai   che   chiese   anche   la   riduzione  
dell'imposta   fondiaria.   Il   Seiyuukai   rispose   recuperando   l'idea   di   devoluzione   della   medesima  
imposta.  
 
6.1  Il  dibattito  nella  45ª  Dieta  (1922)  
Takahashi   era   di   orientamento   più   liberale   e   la   programmazione   finanziaria   cambiò   in   seguito   a  
due   fattori   contingenti:   la   fine   del   boom   economico   indotto   dalla   grande   guerra   e   gli   accordi   di  
Washington  per  la  limitazione  degli  armamenti  navali.  
La   crescita   economica   iniziata   nel   1915   si   era   arrestata   nel   1920,   con   lo   scoppio   di   una   bolla  
finanziaria   e   l'avvio   della   recessione   come   conseguenza   del   ritorno   dei   mercati   a   normali  
condizioni   di   concorrenza   internazionale   e   anche   degli   eccessivi   investimenti   compiuti   da   molte  
imprese.   L'azione   del   governo   accrebbe   la   recessione   perché   le   politiche   espansive   di   Takahashi  
incentivarono  la  produzione  degli  investimenti  in  un  momento  in  cui  sarebbe  stato  opportuno  non  
farlo.  Questo  aumentò  i  fenomeni  speculativi.  Va  citata  anche  la  volontà  del  Seiyuukai  di  sfruttare  i  
lavori  pubblici  a  fini  elettorali  in  vista  delle  elezioni  provinciali  del  1921.  A  causa  della  crisi  non  fu  
più  possibile  rinviare  la  stretta  finanziaria  e  in  questo  clima  l'accordo  tra  le  maggiori  potenze  navali  
fu  accolto  con  favore  dall'opinione  pubblica.  Il  governo  cercò  di  concentrare  i  tagli  nel  settore  della  
difesa   e   salvaguardare   i   progetti   per   infrastrutture   sul   territorio.   Ridusse   anche   i   costi  
dell'amministrazione  riorganizzando  gli  uffici.  
La   scuola   dell'obbligo   era   la   principale   voce   di   spesa   delle   amministrazioni   comunali.   Il   governo  
Hara   aveva   preferito   non   aumentare   i   finanziamenti   agli   enti   locali   e   rafforzare   il   sistema  
d'istruzione   superiore   a   cui   attribuiva   un'importanza   strategica   per   la   formazione   tecnica   e  
specialistica  dei  giovani,  motore  di  crescita  del  paese.  Gli  enti  locali  di  conseguenza  fecero  fronte  
alla  spesa  con  i  propri  mezzi,  con  aggravi  di  imposte.  Se  la  devoluzione  fiscale  era  una  questione  
tecnicamente  complessa,  l'aumento  dei  finanziamenti  alle  scuole  elementari  era  facile  da  attuare  
con  una  revisione  della  legge  esistente,  senza  il  rischio  di  suscitare  polemiche.  Alla  45ª  Dieta  infatti  
ci  si  accordò  per  un  aumento  dei  sussidi  scolastici.  
In  ambito  fiscale,  il  governo  Takahashi  fu  cauto  a  causa  di  divisioni  interne  al  Seiyuukai  e  anche  a  
causa  delle  critiche  mosse  al  piano  della  commissione  speciale,  oltre  che  all'incertezza  sui  risultati  
finanziari  del  trattato  navale.  Il  partito  di  opposizione  principale,  Kenseikai,  non  aveva  nel  proprio  
programma   la   patrimoniale   e   in   generale   mirava   ad   alleviare   il   carico   della   nazione   e   non   a  
riequilibrarlo   come   invece   voleva   il   governo   Takahashi.   Chiedeva   quindi   dei   tagli   d'imposta.   Il  
partito   Kenseikai   individuava   come   azioni   prioritarie   il   taglio   delle   imposte   indirette   e   l'aumento  

  30  
dei   finanziamenti   statali   alle   scuole   comunali   (due   misure   di   cui   avrebbero   beneficiato  
principalmente   i   ceti   medi   e   bassi).   C'era   poi   la   proposta   di   istituire   un'assicurazione   sanitaria  
nazionale.   La   copertura   si   sarebbe   dovuta   trovare   nella   riduzione   della   spesa   a   livello  
dell'amministrazione   centrale.   In   secondo   luogo   si   puntava   a   sgravi   sulle   imprese   sulla   proprietà  
fondiaria   nella   misura   permessa   dal   calo   della   spesa   navale,   a   principale   vantaggio   dei   ceti   medi   e  
alti.   Il   Kenseikai   era   solidale   con  il   movimento   che   protestava   contro   l'imposta   sulle   imprese   ma  
portava   avanti   anche   un   programma   per   avere   il   consenso   della   base   sociale   più   bassa.   Il   piano  
fiscale  era  conservatore  della  finanza  pubblica  -­‐  in  ambito  monetario  il  Kenseikai  voleva  ancorare  
lo  yen  all’oro.  
Il   sistema   monetario   aureo,   gold   standard,   era   stato   adottato   dal   Giappone   nel   1897   grazie   alle  
riparazioni  di  guerra  versate  dalla  Cina.  La  convertibilità  dello  yen  in  oro  era  garantita  dalle  riserve  
della  Banca  centrale  e  consentì  al  Giappone  di  inserirsi  nel  sistema  internazionale  di  cambi  fissi  tra  
le  valute  più  prestigiose.  Questo  favorì  le  importazioni  di  beni  capitali,  necessari  per  sostenere  la  
crescita  economica  del  paese.  Il  governo  poteva  inoltre  così  finanziarsi  all'estero  emettendo  titoli  
più   bassi   di   quanto   gli   investitori   avrebbero   preteso   in   assenza   della   garanzia   data   dal   sistema  
monetario   aureo.   Durante   la   guerra,   il   sistema   fu   sospeso   e   a   conflitto   concluso   le   principali  
potenze  pianificarono  il  ritorno  alla  convertibilità  in  oro  delle  loro  valute  nazionali.  Nel  frattempo  
però  la  guerra  aveva  provocato  una  forte  inflazione  che  ostacolava  il  ripristino  dei  vecchi  tassi  di  
cambio   con   l’oro.   In   Giappone   i   prezzi   al   consumo   dal   1916   al   1920   crebbero   del   148%   e   poi  
calarono   di   20   punti   con   la   recessione.   Per   apprezzare   lo   yen,   bisognava   ridimensionare   spesa   e  
debito,   invertendo   la   rotta   rispetto   alla   politica   del   governo   del   Seiyuukai.   Per   far   calare   i   prezzi   si  
pensava   così   di   ridurre   o   abolire   le   imposte   sui   beni   di   largo   consumo.   Anche   l'opposizione   del  
Kenseikai   al   decentramento   fiscale   era   legata   alla   questione   del   gold   standard.   Con   il  
trasferimento   di   imposte   agli   enti   locali   si   sarebbe   indebolita   la   capacità   del   governo   centrale   di  
controllare   la   spesa   pubblica   perché   era   prevedibile   che   le   amministrazioni   comunali  
espandessero   i   bilanci;   era   invece   preferibile   potenziare   il   sistema   dei   trasferimenti   statali.  
Governo   e   opposizione   erano   in   disaccordo   sugli   obiettivi   prioritari   dell’intervento   dello   Stato  
nell'economia.   Il   Seiyuukai   faticava   ad   abbandonare   la   politica   attiva   precedente.   Una   soluzione  
poteva   essere   la   doppia   devoluzione,   compensata   da   una   nuova   imposta   statale   che   non   gravasse  
sui  ceti  popolari.  Il  punto  debole  era  la  difficoltà  di  trovare  un'imposta  equa  e  accettabile  alle  classi  
proletarie.  Il  Seiyuukai  non  sentiva  l'urgenza  di  ripristinare  il  sistema  aureo.  
Il   Kenseikai   nel   1927   assunse   il   nome   di   Rikken   minseitoo,   Partito   costituzionale   del   governo  
popolare  e  si  opponeva  alla  politica  attiva  del  Seiyuukai,  promuovendo  l'austerità  fiscale.  Entrambi  
i   partiti   avevano   un'ampia   base   elettorale   nelle   campagne   anche   se   il   Kenseikai   era   forte   anche  
nelle   città.   La   popolazione   era   ancora   ampiamente   dedita   all'agricoltura   e   il   regime   di   voto  
ristretto   favoriva   i   proprietari   terrieri.   Nel   1925   venne   concesso   il   suffragio   universale   e   questo  
attenuò   il   primato   dell'elemento   rurale   dell'elettorato.   Nelle   città   il   Kenseikai   si   proponeva   più  
liberale  e  interessato  ai  lavoratori  e  ai  piccoli  proprietari.  Questo  si  accentuò  nel  1927  quando  si  
fuse  con  il  Seiyuu  hontoo  per  dar  vita  al  minseitoo.  Cercava  comunque  un  appoggio  trasversale  sia  
nelle  campagne  che  nelle  città.  
Spesso  si  trascura  il  fattore  tempo  quando  si  spiega  la  genesi  delle  piattaforme  politiche  tipiche  dei  
due   maggiori   partiti.   Il   Seiyuukai   fu   fondato   nel   1900,   16   anni   prima   del   Kenseikai,   nato   dalla  
riorganizzazione  del  dooshikai,  nato  tre  anni  prima.  Il  Seiyuukai  ebbe  quindi  da  subito  la  possibilità  
di   partecipare   all'amministrazione   del   paese   mentre   il   dooshikai   ebbe   una   breve   esperienza   di  
governo  nel  1914-­‐15.  Nel  1917  il  Kenseikai  fu  sconfitto  alle  elezioni  e  restò  all'opposizione  fino  al  
1924  quando  conquistò  la  maggioranza  relativa  grazie  alla  scissione  del  partito  rivale.  Quindi  per  
vent'anni,   dal   1900,   il   Seiyuukai   fu   il   partito   dominante.   Era   logico   che   il   partito   rivale   scegliesse   la  
linea   di   rigore   finanziario   in   alternativa   a   quella   del   partito   Seiyuukai   che   portava   avanti   una  

  31  
politica  attiva.  La  causa  fondamentale  delle  differenze  programmatiche  tra  i  due  grandi  partiti  fu  
quindi   la   discrepanza   nei   tempi   della   loro   fondazione   e   l’affermazione   al   governo.   Il   Seiyuukai  
adottò  una  politica  di  intervento  dello  Stato  nell'economia  funzionale  alle  esigenze  di  un  paese  in  
via  di  sviluppo,  come  era  il  Giappone  all'inizio  del  1900.  Il  Kenseikai  criticò  questo  approccio,  i  cui  
limiti  divennero  evidenti  dopo  la  prima  guerra  mondiale.  I  due  partiti  mantennero  l'orientamento  
di  fondo  pur  con  una  certa  flessibilità.  
 
6.2  La  discussione  finale  del  piano  di  riforma  nella  CSFE  
Il   6   giugno   1922   Takahashi   diede   le   dimissioni   da   primo   ministro   e   i   consiglieri   imperiali   e   in  
particolare   Sajonii   Kinmochi   ebbero   il   compito   di   scegliere   il   successore.   Sajonii   optò   per   una  
formazione   tecnica   presieduta   dall'ammiraglio   Katoo   Tomosaburoo,   esponente   moderato   della  
marina   imperiale   e   capo   della   delegazione   giapponese   alla   conferenza   di   Washington.   Dopo   gli  
avvicendamenti   ai   vertici   istituzionali,   la   formazione   originaria   della   CSFE   era   molto   alterata   e   le  
opinioni  erano  divergenti  anche  sulla  questione  della  devoluzione.  Quando  poi  il  piano  passò  dalla  
commissione   speciale   alla   seduta   plenaria,   il   dissenso   fu   ancora   maggiore   perché   il   contesto  
economico   era   cambiato   e   non   era   più   favorevole   all'adozione   di   un   piano   costruito   sulla  
premessa  di  non  ridurre  la  spesa  pubblica  e  quindi  neppure  il  gettito  fiscale  complessivo.  Il  gruppo  
ristretto  alla  guida  della  commissione  subì  una  sconfitta.  La  questione  fiscale  era  rinviata  alla  Dieta  
seguente.  
 
6.3  i  partiti  prendono  posizione:  la  46ª  Dieta  (1923)  
Il   governo   Katoo   nel   1922   dovette   affrontare   le   questioni   finanziarie   lasciate   in   sospeso  
dall'amministrazione  precedente.  
Il  terzo  partito  era  il  Kakushin  kurabu,  fondato  nel  novembre  1922,  dalla  fusione  del  Kokumintoo  
con   due   gruppi   parlamentari   minori.   Era   il   più   liberale   tra   i   partiti   della   Camera   bassa.   Chiedeva  
riforme   come   l'introduzione   immediata   del   suffragio   universale   maschile,   l'elezione   dei  
governatori   provinciali   con   voto   popolare   e   la   nomina   di   civili   alla   direzione   dei   due   dicasteri  
militari.   Trovava   più   spazio   per   la   crescita   nelle   città   perché   il   suffragio   universale   avrebbe  
ridimensionato  il  peso  dell'elettorato  rurale.  Il  Seiyuukai  nel  1920  aveva  ottenuto  il  7,4%  dei  voti  
nelle  città,  il  Kenseikai  il  12,2%,  il  Kokumintoo  il  28,8%.  Lo  stesso  accadde  nel  1924.  Il  Kakushin  non  
arrivò   al   suffragio   universale.   La   sua   linea   programmatica   seguiva   due   tendenze:   misure   di  
immediato  interesse  per  i  ceti  popolari  come  la  riduzione  delle  imposte  indirette  e  l'introduzione  
di   un   sistema   di   previdenza   sociale   ma   anche   la   difesa   degli   interessi   del   ceto   imprenditoriale  
urbano.   Le   sue   proposte   erano   più   innovative   rispetto   al   Kenseikai   e   al   Seiyuukai   nella  
compilazione  del  bilancio  per  il  1923.  
 
6.4  La  svolta  del  Seiyuukai  
Nel  gennaio  del  1923  il  partito  cambiò  posizione  sulla  questione  della  riforma  fiscale  e  chiese  una  
riorganizzazione   del   sistema   amministrativo   per   renderlo   più   efficiente   e   consentire   il  
trasferimento   di   risorse   agli   enti   locali,   in   particolare   l'imposta   fondiaria.   Questo   era   causato   da  
pressioni  esercitate  dalla  base  rurale  del  partito.  Una  svolta  fondamentale  perché  fino  ad  allora  il  
Seiyuukai   aveva   sacrificato   gli   interessi   degli   elettori   rurali   a   una   politica   di   modernizzazione  
basata  sullo  sviluppo  industriale  anche  se  va  ricordato  che  lo  sviluppo  delle  infrastrutture  (ferrovie,  
argini  fluviali)  sicuramente  beneficiava  anche  le  zone  rurali.  
Il  governo  Kato  aveva  dovuto  cancellare  gran  parte  degli  sgravi  fiscali  previsti  per  dare  spazio  alla  
politica   di   investimenti   pubblici   promossa   dal   Seiyuukai.   Rimanevano   in   bilancio   la   riduzione  
dell'imposta  sulle  imprese  e  l'aumento  dei  finanziamenti  alle  scuole  municipali.  Il  mancato  taglio  
dell'imposta  fondiaria  fu  recepito  come  iniquo  anche  da  membri  del  partito  stesso.  

  32  
 
6.5  Conclusioni  
Nei  primi  anni  20  le  proposte  di  riforma  fiscale  avanzate  dai  partiti  si  inserivano  in  una  strategia  
più   ampia   di   adattamento   alle   trasformazioni   del   contesto   sociale   ed   economico   dopo   il   primo  
conflitto  mondiale.  La  fine  del  boom  economico  innescato  dalla  guerra  e  la  questione  del  rientro  
dello  yen  nel  gold  standard  spostarono  l'interesse  in  materia  fiscale  verso  l'obiettivo  di  risollevare  
l'economia.  Fino  ad  allora  il  Seiyuukai  aveva  puntato  sulla  redistribuzione  del  carico  nel  quadro  di  
una  crescita  complessiva  delle  entrate  e  a  questo  approccio  subentrò  la  ricerca  di  una  riduzione  
netta  del  prelievo.  La  crisi  economica  stessa  attirò  l'attenzione  sul  problema  della  disuguaglianza  
sociale.  Il  Kenseikai  puntò  dopo  la  sconfitta  alla  Camera  bassa  del  1917  ad  allargare  il  consenso  tra  
l'elettorato   urbano   e   lo   stesso   avvenne   ancora   di   più   per   il   Kokumintoo.   Questa   ricerca   di  
consenso   si   tradusse   in   proposte   che   arrivavano   dai   tagli   alla   tassazione   sui   consumi   di   massa  
all'incremento  dei  trasferimenti  erariali  per  le  spese  scolastiche.  Il  Seiyuukai  si  associò  in  parte  a  
queste  iniziative  come  nel  caso  dei  finanziamenti  alle  scuole  comunali.  
Malgrado   si   cercasse   di   reperire   risorse   a   copertura   degli   sgravi   di   imposte,   gli   appelli   alla  
riduzione  della  spesa  in  armamenti  rimasero  inascoltati,  malgrado  il  clima  internazionale  propizio  
dopo   gli   accordi   di   Washington.   Questo   era   dovuto   all'ampia   autonomia   istituzionale   delle   forze  
armate   ma   anche   alla   scarsa   determinazione   dei   partiti   stessi,   cominciare   dal   Seiyuukai.   I   partiti  
faticavano   a   conciliare   gli   interessi   dell'elettorato   consolidato   con   quelli   della   base   sociale   più  
ampia  nella  ricerca  di  un  fisco  più  equo.  
 
 
   

  33  
Capitolo  7  “Democrazia  imperiale”  e  decentramento  fiscale,  1920-­‐1923  
 
Sinossi  
Gli  anni  ‘20  del  Novecento  videro  la  transizione  dal  regime  oligarchico  del  primo  periodo  Meiji  a  un  
assetto  politico  definito  da  Gordon  “democrazia  imperiale”.    Con  questa  espressione  si  indica  sia  il  
fatto   che   la   sovranità   popolare   non   fosse   riconosciuta   nella   Costituzione   (e   che   quindi   c’era   un  
limite   alla   democratizzazione   dello   Stato),   sia   che   c’erano   spinte   autoritarie   che   sarebbero   poi  
prevalse   nel   decennio   seguente.   In   campo   fiscale   i   due   partiti   principali   si   contrapposero   con  
diverse  iniziative  di  riforma.  Su  richiesta  del  Seiyuukai,  nel  1923  la  burocrazia  ministeriale  discusse  
un  piano  di  decentramento  ma  questo  fu  interrotto  dal  terremoto  di  Tokio.  Il  regime  di  suffragio  
era  su  base  censitaria  e  si  tenne  conto  di  come  la  cessione  di  imposte  statali  avrebbe  influenzato  la  
composizione  dell’elettorato.  
 
7.1    La  questione  elettorale  
Il   Seiyuukai   si   espresse   a   favore   del   decentramento   fiscale   e   la   minoranza   parlamentare   evidenziò  
la  contraddizione  tra  questa  decisione  e  l’opposizione  del  Seiyuukai  al  suffragio  universale.  
Nel   1919   il   governo   Hara   aveva   mantenuto   il   requisito   minimo   di   imposta   per   il   voto,  
abbassandolo  da  10  a  3  yen,  ma  molti  di  quelli  che  avevano  ottenuto  così  il  suffragio  lo  persero  
per  l’innalzamento  della  soglia  di  esenzione  dell’imposta  sul  reddito.  
Il  Seiyuukai  era  fortemente  radicato  nelle  campagne,  più  degli  altri  partiti.  L’elettorato  rurale  era  
fondamentale  per  tutti.  Kawato  ha  analizzato  il  periodo  1902-­‐24,  in  cui  vigeva  una  separazione  tra  
collegi  rurali  e  urbani.  Aveva  voluto  questa  separazione  l’oligarchia  di  inizio  secolo  per  attenuare  
l’enorme   peso   elettorale   dei   proprietari   agricoli.   Nel   1920   abitavano   nei   distretti   amministrativi  
rurali  46  milioni  di  persone  su  56,  l’82%  della  popolazione.  Nel  1930  il  76%.  L’agricoltura  occupava  
il  52%  della  popolazione  nel  1920  e  il  48  nel  1930.  L’industria  il  19-­‐20,  pari  al  13-­‐16%  degli  occupati.  
Nelle   aree   rurali   la   quota   di   popolazione   che   aveva   diritto   al   voto   era   più   alta   che   nelle   città   a  
causa  del  requisito  del  versamento  di  imposte.  L’86  percento  degli  elettori  nel  1922  risiedeva  nei  
distretti  rurali  e  6  su  10  avevano  ottenuto  il  suffragio  grazie  all’imposta  fondiaria.  
La  prima  legge  elettorale  per  la  Camera  bassa,  del  1889,  stabiliva  che  il  suffragio  fosse  subordinato  
al  pagamento  di  almeno  ¥  15  in  imposte  statali  dirette  l’anno  precedente.  La  soglia  passò  a  10  yen  
nel  1900  e  3  yen  nel  1919,  passando  da  453.000  persone  qualificate  per  votare  nel  1890  a  983.000  
nel   1902   e   3   milioni   nel   1920,   pari   all’1,   2   e   5%   della   popolazione.   Dopo   la   concessione   del  
suffragio  universale  nel  1925  l’elettorato  passò  al  20%  dei  sudditi  residenti  in  Giappone.  
 
 Fino   alla   riforma   del   suffragio   universale,   le   principali   imposte   qualificanti   per   il   voto   furono   la  
fondiaria,   quella   sulle   imprese   e   l’imposta   sul   reddito   personale.   La   fondiaria   si   distingueva   per  
l’assenza   di   una   soglia   minima   di   esenzione   e   rappresentava   quindi   uno   svantaggio   economico   ma  
una   facilitazione   all’accesso   al   voto.   Fin   dalle   prime   elezioni   del   1890,   l’imposta   fondiaria   consentì  
di  votare  a  persone  con  un  reddito  non  tassato  direttamente.  Dava  accesso  al  voto  quindi  molto  
più   facilmente   dell’imposta   sul   reddito,   mentre   l’imposta   sulle   imprese   si   collocava   in   posizione  
intermedia.  Chiaramente  abbassare  il  requisito  di  imposta  senza  introdurre  esenzioni  dal  prelievo  
sui   terreni   significava   allargare   l’elettorato   principalmente   tra   gli   agricoltori.   La   riforma   del   1919  
era  quindi  vantaggiosa  per  il  Seiyuukai,  maggiormente  radicato  nel  territorio  rurale.  Logicamente  
gli  altri  partiti  chiedevano  invece  l’abolizione  del  criterio  di  censo,  che  era  svantaggioso  per  le  aree  
urbane.  
La   rivoluzione   proposta   dal   Seiyuukai   rappresentava   un   conflitto   con   l’interesse   del   partito   a  
mantenere  lo  status  quo  nella  composizione  dell’elettorato.  Il  primo  ministro  Hara  aveva  avuto  la  
seguente  posizione  riguardo  la  questione  elettorale:  aveva  abbassato  la  soglia  del  requisito  di  voto  

  34  
a  tre  yen  nel  1919  e  nel  1920  aveva  sciolto  la  Camera  bassa  di  fronte  alle  richieste  dell’opposizione  
di  introdurre  il  suffragio  universale.  Aveva  lanciato  una  campagna  contro  il  suffragio  universale  che  
veniva   dipinto   come   una   minaccia   all’ordine   istituzionale.   In   questo   modo   si   faceva   leva   sulle  
paure  dei  ceti  sociali  che  già  votavano  e  che  quindi  potevano  dare  al  Seiyuukai  la  vittoria,  come  
infatti   accadde.   Il   partito   voleva   gestire   così   la   transizione   al   nuovo   sistema   elettorale,   evitando   la  
formazione  di  movimenti  radicali.  
In   materia   di   politiche   sociali   e   del   lavoro,   il   governo   prese   una   serie   di   iniziative   finalizzate   a  
preparare   il   terreno   all’allargamento   del   corpo   elettorale,   prevedendo   però   critiche   all’ordine  
costituito.   Per   questo   aveva   creato   una   serie   di   organizzazioni   di   tipo   paternalistico:   Il  
Dipartimento  per  gli  affari  sociali  presso  il  Ministero  degli  interni,  la  Società  per  la  cooperazione  
che   doveva   mediare   tra   lavoratori   e   imprese   (i   sindacati   operai   non   erano   riconosciuti  
giuridicamente)  e  nel  1918  la  Campagna  per  coltivare  le  energie  nazionali  che  doveva  promuovere  
cooperazione  e  armonia  tra  le  classi  sociali  nell’interesse  nazionale.  C’era  anche  un  lato  repressivo,  
come  testimoniato  dalla  Legge  di  polizia  per  l’ordine  pubblico  del  1900  contro  scioperi  e  proteste.  
L’amministrazione   Hara   promosse   però   l’allargamento   del   suffragio   anche   a   livello   locale.   Per   i  
consigli  comunali  il  requisito  relativo  alle  imposte  statali  fu  sostituito  dal  pagamento  di  una  somma  
qualsiasi  in  imposte  locali,  come  il  kosuuwari  o  l’imposta  sulla  casa    nei  due  anni  precedenti  il  voto.  
Si   abolì   la   suddivisione   degli   elettori   in   classi   di   censo   nei   villaggi   e   nelle   città   minori   e   le   classi  
vennero   ridotte   a   due   nei   grandi   centri   urbani,   riducendo   il   peso   dei   ceti   alti   perché   ogni   classe  
aveva   lo   stesso   numero   di   rappresentanti.   La   condizione   per   il   voto   ai   consigli   provinciali   restava   il  
versamento  di  imposte  statali  ma  anche  in  questo  caso  non  c’era  una  somma  minima.  Le  variazioni  
entrarono  in  vigore  nel  1921  nei  comuni  e  nel  1922  nelle  province.  L’allargamento  del  voto  nelle  
aree  urbane  superò  molto  quello  sul  territorio  comunale.  
Hara  lavorava  quindi  su  più  fronti  ma  scomparse  nel  1921  e  seguì  una  spaccatura  all’interno  del  
partito.   Sajonii   decise   infatti   di   affidare   la   formazione   del   nuovo   esecutivo   a   Kiyoura   Keigo,   ex  
funzionario   e   presidente   del   consiglio   privato   dell’imperatore,   affinché   guidasse   un   governo  
tecnico   per   una   gestione   imparziale   delle   elezioni.   I   membri   del   Consiglio   dei   Ministri   vennero  
scelti  tra  i  Pari  e  questo  fu  fortemente  criticato  non  solo    dall’opposizione  ma  anche  da  correnti  
interne  al  Seiyuukai.  Vi  fu  una  secessione  e  nacque  il  seyuu  hontoo,    che  in  parte  poi  ritornò  nel  
partito   di   origine   e   in   parte   si   unì   al   Kenseikai   nel   1927   per   formare   il   minseitoo.   Grazie   alla  
scissione   del   Seiyuukai,   il   Kenseikai   ottenne   la   maggioranza   relativa   alla   Camera   e   formò   un  
governo  di  coalizione  con  Seiyuukai  e  Kakushin  kurabu.  L’alleanza  fu  fragile  ma  portò  alla  legge  per  
il   suffragio   universale.   Alla   luce   di   questi   sviluppi   si   capisce   che   la   devoluzione   dell’imposta  
fondiaria   non   era   in   realtà   incompatibile   con   un   progressivo   e   graduale   avvicinamento   al   suffragio  
universale  da  parte  del  Seiyuukai.  
 Il   piano   elaborato   dalla   CSFE   sostituiva   l’imposta   fondiaria   con   una   patrimoniale.     La   relazione  
finale  della  quinta  commissione  specificava  che  nel  definire  una  nuova  soglia  di  esenzione  si  era  
tenuto   conto   non   solo   degli   obiettivi   di   gettito   ma   anche   del   requisito   di   tre   yen   per   le   elezioni  
della  Camera  bassa.  C’era  comunque  il  problema  della  possibile  perdita  del  suffragio  da  parte  dei  
piccoli  proprietari  esenti  dall’imposta.  
Alla  46ª  Dieta  si  portò  all’attenzione  del  pubblico  il  nesso  tra  riforma  fiscale  e  suffragio.  Alle  accuse  
di   incoerenza,   Mitsuchi   rispose   che   il   partito   intendeva   risolvere   il   problema   con   una   riforma  
elettorale   consona   al   “carattere   nazionale”   del   Giappone.   Quali   requisiti   servivano   in   caso   di  
devoluzione   fiscale   per   garantire   il   suffragio   dopo   la   sostituzione   della   fondiaria   con   la  
patrimoniale?   Nel   1923   il   governo   Katoo   istituì   in   tempi   successivi   due   commissioni   di   indagine  
composte   di   sole   funzionari.   La   prima   doveva   studiare   la   possibilità   della   riforma   elettorale   e   la  
seconda  ipotesi  di  cessione  dell’imposta  fondiaria  e  di  riorganizzazione  del  fisco.  

  35  
Il   suffragio   sarebbe   rimasto   prerogativa   degli   uomini   di   almeno   25   anni   e   si   proponevano   due  
possibili   riforme:   1.   Estensione   del   voto   a   chiunque   fosse   economicamente   indipendente   e   lo  
avesse  dimostrato  versando  una  somma  qualsiasi  in  imposte  dirette  statali  o  locali;  2.    Estensione  
a   tutti   quelli   che   erano   indipendenti   economicamente   (visto   che   la   tassazione   locale   era   molto  
disomogenea,  si  sarebbero  creati  altrimenti  forti  squilibri  territoriali).  In  entrambi  i  casi  si  limitava  
il   voto   ai   capifamiglia   ma   si   proponeva   anche   di   estendere   il   voto   a   chi   aveva   un   determinato  
livello  di  istruzione,  indipendentemente  dal  requisito  economico.    
 
7.2    Il  governo  Katoo  e  la  questione  del  decentramento  fiscale  
Alla  46ª  Dieta  il  governo  si  astenne  dal  proporre  una  riforma  strutturale  del  fisco.  Con  il  consenso  
delle  Camere,  si  limitò  a  ridurre  l’imposta  sulle  imprese,  ad  aumentare  i  finanziamenti  alle  scuole  
per  prevenire  indirettamente  aggravi  locali  e  a  modificare  l’imposta  di  bollo  ed  abolire  l’imposta  
sul  petrolio.  Per  coprire  gli  sgravi,  venne  rivista  l’imposta  sul  reddito.  Tutto  questo  era  in  linea  con  
le   raccomandazioni   della   CSFE.   Vennero   prese   misure   per   contrastare   l’elusione   ed   evasione  
fiscale,  concernenti  le  “Società  familiari”  e  i  depositi  bancari  ordinari.  Il  Kenseikai  fu  deluso  dalla  
scarsa   portata   delle   misure   fiscali   del   governo   ma   comunque   la   Camera   bassa   approvò   i   disegni   di  
legge.  
Nel   giugno   1923   il   governo   assegnò   l’incarico   di   una   commissione   interna   di   elaborare   un   piano   di  
riassetto   dei   tributi.   Era   presieduta   dal   vice   ministro   delle   finanze   Nishino   Gen   e   formata   da  
funzionari.   Il   premier   morì   di   malattia   e   ci   fu   il   grande   terremoto   del   Kantoo   e   questo   arrestò   i  
progetti  di  riforma  fiscale.  Si  lavorò  all’emergenza,  per  finanziare  la  ripresa  e  la  ricostruzione.  
 Venne   scelto   come   successore   di   Katoo   l’ammiraglio   Yamamoto   perché   formasse   un   esecutivo  
tecnico.   Il   governo   si   dimise   poco   dopo,   ufficialmente   per   non   aver   saputo   prevenire   un   attentato  
al  principe  reggente.  Il  gabinetto  successivo,  di  Kyoura,  si  dedicò  alle  elezioni  politiche  e  si  sciolse  
nel   giugno   1924   perché   la   maggioranza   era   andata   ai   partiti   di   opposizione.   Il   dibattito   sulla  
riforma  fiscale  riprese  con  la  nuova  amministrazione,  guidata  da  Kenseikai.  
La  Camera  bassa  era  divisa  tra  favorevoli  e  contrari  alla  devoluzione  mentre  la  Camera  dei  pari  era  
prevalentemente   contraria.   Il   Kakushin   kurabu   era   favorevole   al   trasferimento   agli   enti   locali   delle  
imposte   sui   terreni   e   sulle   imprese,   sostenendo   che   una   politica   di   bilancio   rigorosa   avrebbe  
potuto  coprire  le  spese.  La  stampa  nazionale  era  molto  perplessa  nei  confronti  della  devoluzione.  
All’interno   della   burocrazia   ministeriale,   gli   sforzi   compiuti   dal   Ministero   delle   Finanze   a   favore  
della  devoluzione  all’epoca  della  CSFE  erano  un  riflesso  della  volontà  di  Takahashi,  sotto  il  governo  
Kato  invece  era  emersa  l’ostilità  dei  funzionari  verso  una  riforma  che  avrebbe  sottratto  loro  potere  
a  vantaggio  degli  enti  locali  e  del  ministero  degli  interni.  
 
7.3  Punti  di  vista  nella  burocrazia  
ipersintesi:    il  ministero  delle  finanze  e  il  ministero  dell’interno  avevano  interesse  in  parte  diversi  
da   difendere   in   relazione   alla   riforma   fiscale.   Il   primo   dettava   l’agenda   dei   lavori,   il   secondo   aveva  
l’iniziativa  nel  progettare  la  riforma  del  Sistema  tributario  locale.  
Il   piano   aveva   molte   caratteristiche   comuni   con   quello   preparato   in   precedenza   per   la   CSFE.   Il  
ministero   degli   interni   cercava   quindi   di   rilanciare   un’iniziativa   già   delineata   sotto   il   governo   Hara.  
Con   la   devoluzione   dell’imposta   fondiaria   e   sulle   imprese,   gli   enti   locali   avrebbero   ricevuto   risorse  
sufficienti  a  condurre  una  riforma  incisiva  della  tassazione;  grazie  all’inclusione  dell’imposta  sulle  
imprese   nella   manovra,   le   entrate   fiscali   avrebbero   avuto   un   buon   potenziale   di   crescita   nel   lungo  
periodo.   Per   il   problema   della   sperequazione   fiscale,   il   progetto   prevedeva   un   bilanciamento   delle  
imposte  per  ciascuna  provincia.  Si  decise  di  attribuire  alle  province  e  non  ai  comuni  la  giurisdizione  
sui  criteri  impositivi  delle  imposte  cedute  dallo  Stato.  
 

  36  
 Conclusioni  
 È   stato   dimostrato   che   la   devoluzione   dell’imposta   fondiaria   non   implicava   necessariamente   la  
concessione   immediata   del   suffragio   universale   e   quindi   la   riforma   non   era   in   contrasto   con   la  
linea   di   graduale   estensione   del   diritto   di   voto   perseguita   dal   Seiyuukai   sotto   i   governi   Hara   e  
Takahashi  che  rividero  il  Sistema  elettorale  locale  e  che  avrebbero  poi  rivisto  il  sistema  elettorale  
della  camera  bassa.  Nel  1923  il  governo  Katoo  incaricò  un  gruppo  di  funzionari  di  predisporre  la  
riforma  fiscale.  I  lavori  della  commissione  furono  un  negoziato  interministeriale:  il  ministero  degli  
interni  sosteneva  esplicitamente  la  devoluzione  mentre  il  ministero  delle  finanze  era  più  cauto.  Il  
Seiyuukai   propendeva   per   limitare   il   decentramento   alla   sola   imposta   fondiaria   perché   la   sua  
priorità  era  ottenere  rapidamente  una  misura  a  favore  dell’elettorato  rurale,  i  rappresentanti  della  
burocrazia  invece  volevano  creare  una  struttura  coerente  che  durasse  nel  tempo  e  concordavano  
sulla   necessità   di   non   limitarsi   alla   sola   imposta   fondiaria.   Il   Dipartimento   del   territorio  
presupponeva  che  lo  Stato  avrebbe  ceduto  non  solo  le  entrate  ma  anche  la  titolarità  delle  imposte  
dovute  mentre  il  Ministero  delle  Finanze  voleva  che  si  mantenesse  la  giurisdizione  statale,  sia  per  
difendere   il   suo   ruolo   di   supervisore   della   finanza   locale   che   per   trovare   risorse   adeguate   a  
copertura   della   devoluzione.   Il   Dipartimento   tributi   era   orientato   a   compensare   la   perdita  
dell’imposta   fondiaria   e   sulle   imprese   potenziando   quella   sul   reddito.   Il   decentramento   poteva  
essere   l’occasione   quindi   per   consolidare   la   funzione   della   tassazione   diretta   statale   verso   un  
sistema   moderno   di   tassazione.   Pare   si   fosse   raggiunto   un   accordo   in   tal   senso   ma   non   ci   sono  
documenti  che  lo  confermino.  
 
   

  37  
Capitolo  8.  L'azione  dei  governi  di  partito,  1925-­‐1931  
 
Sinossi  
Tra  il  1924  il  1932  si  raggiunse  l'apice  dell'evoluzione  di  una  prassi  di  governo  di  tipo  parlamentare.  
I   due   maggiori   partiti   della   Camera   bassa   si   alternarono   al   governo,   dal   1928   (da   controllare   -­‐   ?)   la  
Camera   bassa   era   eletta   a   suffragio   universale   maschile.   Il   Seiyuukai   portò   avanti   il   progetto   di  
evoluzione   delle   imposte   statali,   in   particolare   dell'imposta   fondiaria,   per   alleviare   la   pressione  
fiscale   sulle   comunità   rurali.   Nel   1926,   quando   era   all'opposizione,   presentò   alla   Dieta   un   piano   di  
tal   senso.   Tre   anni   dopo,   il   governo   presentò   un   piano   per   rivedere   l'imposta   sul   reddito   ma   fu  
bloccato  dalla  Camera  dei  pari.  
Il   Kenseikai-­‐Minseitoo   fu   più   efficace.   Nel   1926-­‐27,   quando   era   al   governo,   riformò   i   tributi   per  
redistribuire  il  carico  senza  ridurre  il  prelievo  complessivo  e  senza  cedere  competenze  al  territorio,  
ma  solo  incrementando  i  trasferimenti  erariali  per  le  scuole  elementari.  Nel  1931  intervenne  per  
rivedere   l'imposta   fondiaria   e   tagliare   la   tassazione   sui   consumi.   Non   vennero   risolti   i   problemi  
strutturali  del  fisco  che  dovettero  essere  affrontati  negli  anni  30  dai  governi  in  cui  i  ruoli  dei  partiti  
erano  molto  meno  accentuati.  
 
8.1  L'iniziativa  del  Seyiuukai,  1925-­‐26  
Nel   1924   venne   formata   dopo   l'elezione   una   coalizione   di   governo   in   cui   ci   si   dedicò   non   alla  
riforma   fiscale   ma   alla   riforma   elettorale   della   Camera   bassa,   che   segnò   il   passaggio   al   suffragio  
universale   maschile   in   forma   imperfetta   (erano   esclusi   gli   indigenti   che   percepivano   sussidi  
pubblici  o  privati).  Gli  aventi  diritto  al  voto  salirono  da  3  a  12  milioni  (il  20%  della  popolazione)  e  
con   l'abolizione   del   criterio   censitario   ebbero   accesso   al   voto   i   ceti   popolari   e   venne   meno   il  
vantaggio   dei   proprietari   agricoli   di   cui   godevano   grazie   all'imposta   fondiaria.   Lo   statuto   della  
Camera   dei   pari   fu   emendato   in   modo   da   ridurre   la   quota   di   membri   espressi   dalla   nobiltà.   In  
campo  finanziario  prevalse  la  linea  di  rigore  del  Kenseikai  
Alla  51ª  Dieta  (26  dicembre  1925-­‐25  marzo  1926)  il  governo  sottopose  alle  Camere  un  pacchetto  
legislativo   per   la   revisione   generale   dei   tributi.   Esso   riprendeva   l'opzione   più   conservatrice   del  
rapporto  della  CSFE,  ossia  si  evitava  la  cessione  dei  tributi  statali.  Il  governo  si  confrontò  su  questo  
con  il  Seyiuukai  che  uscì  sconfitto  a  causa  dell'alleanza  tra  Kenseikai  e  Seiyuu  hontoo.  Il  partito  di  
Tanaka  rilanciò  il  proprio  progetto  di  riforma  fiscale  dopo  essere  tornato  al  governo.  
 
8.  2  Il  progetto  del  governo  Tanaka,  1927-­‐29  
Mitsubichi,  ministro  delle  finanze,    diede  ad  una  commissione  interna  il  compito  di  presentare  un  
piano   organico   incentrato   sulla   devoluzione   dell’imposta   fondiaria.   I   vertici   di   governo   intanto  
discutevano   su   come   riorganizzare   il   sistema   amministrativo   centrale.   Prima   del   dibattito   però   il  
governo  sciolse  la  Camera  bassa  a  causa  della  fusione  tra  Kenseikai  e  Seiyu  hontoo,  che  avevano  
formato  insieme  il  partito  Minseitoo  il  1  giugno  del  1927.  Lo  slogan  era  sangyoo  rikkoku  (fondare  il  
paese  sulle  attività  produttive)  e  i  partiti  fecero  un  grande  uso  di  mezzi  di  comunicazione  di  massa  
in  vista  delle  elezioni  dopo  l’introduzione  del  suffragio  universale.  Nella  sua  propaganda  elettorale,  
il   Seiyuukai   insistette   molto   sulla   devoluzione   fiscale.   In   un   poster   da   un   lato   l’immagine   di   un  
atleta  in  corsa  era  accompagnata  dalla  scritta  “Seiyuukai  /  decentramento”  e  dall’altra  quella  di  un  
uomo  rachitico  con  grucce  era  accompagnato  dalla  scritta  “Minseitoo/  accentramento”.  
 Il   punto   debole   della   devoluzione   era   la   distribuzione   disomogenea   delle   risorse   sul   territorio.  
L’imposta  fondiaria  era  teoricamente  idonea  al  trasferimento  al  livello  locale  perché  riguardava  un  
tipo   di   proprietà   diffuso   in   tutto   il   paese   ma   il   problema   era   che   c’era   un   forte   divario  
nell’apprezzamento  dei  terreni  fra  aree  urbane  e  rurali  e  anche  tra  aree  agricole  in  regioni  più  o  

  38  
meno  sviluppate.  Sarebbe  quindi  rimasta  la  differenza  tra  comuni  più  ricchi  e  comuni  più  poveri.  Il  
problema  fondamentale  restava  inoltre  quello  di  reperire  le  risorse  necessarie  a  livello  centrale.  
Il   Seiyuukai   non   ottenne   una   solida   maggioranza   dalle   elezioni   e   dovette   allearsi   con   un   piccolo  
partito   fondato   nel   1923,   il   Jitsugyoo   dooshikai   (sodalizio   degli   operosi)   che   si   rivolgeva   in  
particolare  ai  ceti  medi  urbani.  Era  presieduto  da  Mutoo  Sanjii,  industriale  del  cotone,  che  aveva  
lavorato   per   il   gruppo   Mitsui.   Mutoo   era   favorevole   al   decentramento   ma   era   particolarmente  
interessato  all’abolizione  dell’imposta  sulle  imprese.  Una  delle  condizioni  per  l’alleanza  fu  quindi  
che  fosse  inclusa  anche  la  devoluzione  dell’imposta  sulle  imprese.  Fino  alla  46ª  Dieta  il  Seiyuukai  
era  stato  favorevole  alla  doppia  devoluzione  ma  il  problema  era  compensare  le  perdite  dell’erario.    
Il  Seiyuukai  per  questo  aveva  dato  precedenza  al  trasferimento  dell’imposta  fondiaria  che  avrebbe  
inciso  di  più  sulle  finanze  dei  comuni  rurali.  In  base  al  nuovo  progetto,  l’imposta  fondiaria  veniva  
calcolata  sul  valore  d’affitto  dei  terreni  e  passava  ai  comuni,  mentre  quella  sulle  imprese  veniva    
assegnata   alle   province.   L’imposta   provinciale   sulla   casa   era   trasferita   ai   comuni.   A   livello   centrale  
si  pianificava  di  compensare  parzialmente  la  doppia  devoluzione  con  una  revisione  dell’imposta  sul  
reddito   che   ne   avrebbe   incrementato   il   gettito.   In   questo   modo   si   incorporava   nella   legge   una  
nuova  imposta  speciale  sui  redditi.  Rispetto  alla  proposta  avanzata  dal  Seiyuukai  nel  1926,  il  nuovo  
progetto   accentuava   gli   sgravi   diretti   per   imprenditori   proprietari   di   terre,   mettendo   in   secondo  
piano   i   tagli   a   kosuuwari   e   imposta   sulla   casa.   Si   sarebbe   anche   dovuto   adottare   un   approccio  
creativo   alla   compilazione   del   bilancio,   ricorrendo   a   vari   trasferimenti   da   e   verso   conti   speciali.   Gli  
storici   hanno   prevalentemente   giudicato   negativamente   il   piano   di   devoluzione   del   governo  
Tanaka.  Grazie  all’alleanza,  alla  Camera  bassa  il  governo  ottenne  l’approvazione  dei  suoi  disegni  di  
legge  ma  mancò  l’appoggio  alla  Camera  dei  pari  da  parte  del  gruppo  di  maggioranza,  il  Kenkyuukai.  
I   Pari   decisero   quindi   di   sospendere   i   lavori   in   commissione   fino   alla   scadenza   della   sessione  
parlamentare,  decretando  in  pratica  il  fallimento  del  piano.  Nei  mesi  seguenti  le  condizioni  furono  
sfavorevoli   alla   ripresa   dell’iniziativa   di   riforma   fiscale   perché   l’economia   giapponese   stentava   a  
riprendersi   ed   era   più   urgente   la   questione   del   rifinanziamento   del   debito   estero   e   quindi   del  
rientro   dello   yen   nel   gold   standard,   che   implicava   il   risanamento   dei   conti   statali.   Il   gabinetto  
Tanaka  cadde  nel  luglio  del  1929  per  una  questione  di  mancato  controllo  delle  forze  armate  e  fu  
scelto   come   successore   il   presidente   del   Minseitoo   Hamaguchi   Osachi   che   diede   alla   politica  
fiscale   una   svolta   netta   verso   l’austerità.   Dopo   due   anni   il   Seiyuukai   ritornò   al   governo   ma   non  
cercò  più  di  far  approvare  il  progetto  di  devoluzione.  
Nel   contesto   della   Grande   depressione   i   partiti   politici   conversero   verso   una   politica   a   sostegno   di  
una  redistribuzione  delle  risorse  fiscali  gestita  dal  governo  centrale.  
 
8.  3  L’iniziativa  del  Kenseikai,  1925-­‐1927  
Nel  1924  Katoo  formò  il  primo  gabinetto  in  coalizione  con  il  Seyiuukai,  in  condizioni  di  difficoltà  del  
paese   dal   punto   di   vista   economico.   L’indebitamento   del   governo   si   era   aggravato   causa   del  
terremoto   del   Kantoo   e   nel   gennaio   del   1925   il   ministro   delle   finanze   Hamaguchi   annunciò   alla  
Dieta   l’intenzione   di   contenere   la   spesa   per   limitare   l’emissione   di   altro   debito   e   per   evitare  
aggravi  di  imposte.  Non  c’erano  comunque  margini  di  bilancio  per  ridurre  le  tasse.  Fu  presentato  
un  progetto  di  riforma  in  due  parti,  la  prima  relativa  alle  imposte  statali  della  seconda  relativa  alle  
imposte  locali.  L’opposizione  del  Seiyuukai  causò  la  rottura  della  coalizione.  Il  piano  prevedeva  di  
lasciare  praticamente  identiche  le  imposte  statali  dirette  ma  veniva  creata  una  nuova  tassa  sugli  
interessi   sui   capitali,   distinta   da   quella   sul   reddito,   consistente   in   un   prelievo   aggiuntivo   del   2%,  
esteso   ai   titoli   di   Stato.   Si   emendavano   l’imposta   fondiaria   e   quella   sulle   imprese.   La   prima   veniva  
calcolata   sul   valore   d’affitto   annuo   e   non   sulla   base   del   valore   catastale,   allo   scopo   di   ridurre   il  
carico  sui  terreni  agricoli,  trasferendolo  in  parte  alle  aree  urbane.  Si  ammetteva  l’esenzione  per  i  
piccoli  proprietari  agricoli  e  la  soglia  del  minimo  imponibile  era  ¥  200  in  valore  catastale.  L’imposta  

  39  
sulle   imprese   era   semplificata   in   un’unica   aliquota   sui   profitti   d’esercizio   con   soglia   di   esenzione   a  
¥   400.   Per   gli   individui   il   prelievo   era   del   2,8%,   per   le   Società   del   3,6%.   Si   aboliva   la   distinzione   tra  
redditi   accantonati   e   dividendi   con   un’aliquota   fissa   per   entrambi   del   5%.   Si   inaspriva   il   prelievo  
sulle   riserve   delle   Società   familiari.   Si   abbassò   la   soglia   di   esenzione   a   ¥   1200   per   il   reddito  
individuale,  tra  il  1925  al  1926  diminuì  il  numero  di  contribuenti  a  causa  dell’esenzione  di  molte  
famiglie   dal   reddito   più   basso.   La   revisione   accrebbe   quindi   il   carattere   elitario   dell’imposta,   in  
quanto  il  prelievo  era  limitato  ai  benestanti.  A  causa  della  crisi  economica  diminuì  ulteriormente  il  
numero  dei  contribuenti.  
Successivamente   però   la   base   dei   contribuenti   aumentò,   anche   a   causa   dell’inflazione,   fino   alla  
riforma  del  1940  quando  il  numero  di  famiglie  soggette  all’imposta  aumentò  da  1,9  al  4,1  milioni,  
per  arrivare  a  12,4  milioni  dopo  la  guerra.  
Se   si   considera   l’insieme   di   tutti   i   livelli   amministrativi,   l’impianto   generale   del   progetto   di   riforma  
risulta  molto  simile  a  quello  delineato  precedentemente  dalla  CSFE  come  terza  ipotesi,  giudicata  la  
meno   soddisfacente   dalla   commissione.   La   principale   differenza   fu   la   scelta   di   non   introdurre  
un’imposta  sui  fabbricati  nel  sistema  statale,  aumentando  invece  l’ambito  dell’imposta  provinciale  
sulla   casa.   Spiccano   la   mancanza   della   devoluzione   dell’imposta   fondiaria   e   della   riduzione   del  
kosuuwari.   A   parte   questo,   le   proposte   per   i   tributi   locali   coincidono   con   quanto   proposto   nel  
1923.  Alla  51ª  Dieta  gran  parte  del  dibattito  si  focalizzò  sulla  questione  della  devoluzione  fiscale.  
Grazie  all’appoggio  della  Seiyuu  hontoo,  il  piano  emendato  del  governo  fu  approvato  dalla  Camera  
bassa   e   i   Pari   confermarono   questo   risultato.   La   storiografia   ha   evidenziato   i   limiti   strutturali   della  
riforma  del  1926-­‐27  che  lasciò  irrisolta  la  questione  fondamentale  del  rapporto  tra  fisco  statale  e  
locale.   Le   finalità   sociali   furono   oscurate   da   due   obiettivi:   rinsaldare   le   basi   della   finanza   statale  
per   sostenere   adeguatamente   la   spesa   e   stimolare   la   ripresa   economica,   venendo   incontro   alle  
aspettative  delle  associazioni  di  imprese.  
 
8.4  Il  Minseitoo  e  la  riforma  dell’imposta  fondiaria,  1931  
Dopo  la  caduta  del  gabinetto  Tanaka,  il  Minseitoo  riprese  l’iniziativa  di  riforma  del  fisco  perché  fu  
affidato   al   suo   presidente   Hamaguchi   l’incarico   di   formare   il   nuovo   governo,   secondo   la   logica  
dell’alternanza  tra  grandi  partiti  che  Sajonii  aveva  adottato.  Si  affrontò  la  questione  dell’imposta  
fondiaria,   con   un   nuovo   criterio   per   stabilire   il   valore   imponibile   dei   terreni,   prendendo   a  
riferimento   il   valore   d’affitto   e   non   il   valore   catastale.   L’accertamento   sarebbe   stato   condotto  
dalle   autorità   centrali   assieme   a   commissioni   elette   a   livello   locale.   Nel   1930   si   svolsero   le   elezioni  
anticipate   della   Camera   bassa   e   il   Minseitoo   ottenne   la   maggioranza   assoluta   dei   seggi.   Nell’aprile  
dello   stesso   anno   le   cinque   maggiori   potenze   navali   conclusero   a   Londra   un   trattato   per   la  
limitazione   degli   armamenti,   ad   integrazione   dell’accordo   di   Washington.   Così   il   governo   poté  
modificare  il  piano  iniziale  ammettendo  una  riduzione  del  prelievo  complessivo.  Ciò  era  opportuno  
a  causa  della  grande  depressione  e  delle  politiche  deflattive  del  governo  (nel  1929  Hamaguchi  si  
era   impegnato   a   riportare   lo   yen   nel   gold   standard,   operando   una   stretta   fiscale   monetaria   di  
concerto   con   la   Banca   del   Giappone).   Quanto   guadagnato   grazie   al   calo   della   spesa   militare   fu  
riassegnato   in   larga   misura   alla   marina   e   solo   un   quinto   circa   andò   a   copertura   di   sgravi   fiscali,   tra  
cui  l’imposta  fondiaria,  quella  sulle  imprese,  sullo  zucchero  e  sui  tessuti.  Alla  59ª  Dieta  si  discusse  il  
progetto   (1931)   ed   espressero   il   proprio   dissenso   sia   i   partiti   proletari,   che   contestavano   l’esiguità  
degli  sgravi  sulla  tassazione  indiretta,  sia  il  Seiyuukai,  che  giudicava  il  piano  inadeguato  dal  punto  
di  vista  della  finanza  locale.  Il  Seiyuukai  criticava  anche  il  governo  in  materia  di  sicurezza  nazionale.  
I   disegni   di   legge   passarono   e   questa   manovra   fiscale   viene   giudicata   positivamente   dagli   storici.   Il  
pregio   maggiore   consiste   nella   ridefinizione   dell’imposta   fondiaria   secondo   criteri   più   equi.   I  
benefici  immediati  dell’intera  operazione  furono  diretti  in  gran  parte  verso  i  proprietari  agricoli  e,  
in  misura  minore,  verso  le  imprese.  

  40  
Alla  59ª  Dieta,  il  ministro  delle  finanze  Inoue  si  impegnò  a  preparare  un  progetto  di  riforma  fiscale  
(il   piano   fu   preparato   ma   l’incidente   mancese   -­‐   Manshuu   jihen-­‐     del   settembre   1931   causò   le  
dimissioni   del   governo   che   era   stato   incapace   di   frenare   l’iniziativa   dell’esercito).   A   causa   della  
Grande   depressione   e   delle   tensioni   internazionali,   la   fragile   democrazia   imperiale   cedeva   il   passo  
alla  riorganizzazione  autoritaria  dello  Stato.  Sajonii  affidò  per  l’ultima  volta  l’incarico  di  formare  il  
governo  ad  un  leader  di  partito,  il  presidente  del  Seiyuukai  Inukai,  che  però  rimase  vittima  di  un  
tentativo  di  colpo  di  Stato  da  parte  di  ufficiali  della  marina  nel  1932.  Il  consigliere  imperiale  quindi  
decise   di   adottare   la   formula   del   “governo   di   unità   nazionale”   e   scelse   come   nuovo   premier  
l’anziano  ammiraglio  Saitoo  Makoto.    Negli  anni  successivi  il  ruolo  istituzionale  dei  partiti  si  ridusse  
via  via  fino  al  loro  scioglimento  nell’estate  del  1940.  
 
8.5  Conclusioni  
Nel   periodo   dei   governi   di   partito,   la   contrapposizione   tra   Seiyuukai   e   Kenseikai   Minseitoo   si  
manifestò   nelle   rispettive   proposte   di   riforma   fiscale.   Il   Seiyuukai   puntava   alla   devoluzione  
dell’imposta   fondiaria,   poi   estesa   all’imposta   sulle   imprese   a   causa   dell’accordo   con   un   partito  
minore  che  aveva  una  forte  base  urbana.  Diversamente  dal  progetto  della  CFSE  in  cui  la  cessione  
di  risorse  statali  serviva  a  coprire  interamente  la  riorganizzazione  della  tassazione  locale,  i  piani  del  
Seiyuukai  sacrificavano  in  parte  questo  obiettivo  per  consentire  una  riduzione  netta  del  carico  sui  
proprietari   agricoli   e   imprenditori.   Questa   scelta   rispecchiava   l’interesse   a   sostenere   il   vecchio  
elettorato,  malgrado  il  suffragio  universale  e  anche  le  aspettative  del  popolo  nei  confronti  di  sgravi  
fiscali  dopo  la  fine  della  crescita  economica  dopo  la  prima  guerra  mondiale.  La  stagnazione  fu  un  
ostacolo  al  decentramento  fiscale  perché  arrestò  lo  sviluppo  dell’imposta  sul  reddito,  sulla  quale  
avrebbe  dovuto  reggersi  il  sistema  statale  dei  tributi  diretti,  una  volta  compiuta  la  devoluzione.  Il  
Seiyuukai  non  era  disposto  a  forzare  un  incremento  massiccio  del  prelievo  sui  redditi  societari  e  
sulle   rendite   finanziarie   e   quindi   l’unica   soluzione   fu   quella   di   mettere   insieme   varie   misure  
eterogenee   per   coprire   il   piano,   compreso   il   ricorso   al   debito.   Questa   debolezza   strutturale  
determinò   il   fallimento   dell’iniziativa.   Al   tempo   del   governo   Takahashi,   quando   il   progetto   di  
devoluzione  della  CSFE  incontrava  forti  resistenze,  il  Seiyuukai  si  espresse  a  favore  di  aumentare  i  
finanziamenti  alle  scuole.  Dalla  fine  del  1922  (da  controllare  -­‐  ?)  il  partito  cambiò  strategia  e  puntò  
sulla  devoluzione  dell’imposta  fondiaria,  a  favore  della  comunità  rurali.  
Il  Kenseikai  portò  avanti  in  modo  ideologico  l’opposizione  al  decentramento  fiscale,  optando  per  il    
rigore   finanziario   che   culminò   sotto   il   governo   del   Minseitoo   con   la   reintroduzione   del   gold  
standard.   In   questo   caso   non   c’era   spazio   per   assegnare   risorse   autonome   al   territorio.   La  
riorganizzazione   del   Sistema   tributario   locale   fu   affrontata   perciò   tentando   di   rendere   più  
elastiche   ed   eque   le   principali   imposte   già   esistenti:   il   kosuuwari   e   l’imposta   sulla   casa.   Il   partito   si  
espresse  anche  a  favore  dell’incremento  della  quota  di  spese  scolastiche  a  carico  dello  Stato  ma  
questo  non  avvenne  a  causa  dei  margini  di  bilancio  molto  ridotti.  
Per   tutto   il   periodo   alla   spesa   militare   continuò   ad   assorbire   una   parte   notevole   del   gettito   fiscale  
malgrado  gli  accordi  di  limitazione  degli  armamenti  di  Washington  e  Londra.  È  vero  che  fino  alla  
vigilia  dell’incidente  mancese  la  spesa  per  l’esercito  e  la  marina  fu  notevolmente  ridimensionata  
rispetto   al   totale   scendendo   dal   37%   nel   1920   al   21%   nel   1924.   Tuttavia   rimase   superiore   a   quella  
di  qualsiasi  anno  precedente  il  1915,  con  l’eccezione  del  1904-­‐06.  
Tra   i   due   partiti   maggiori   al   governo   c’erano   notevoli   differenze   nella   politica   estera   e   di   sicurezza  
nazionale   ma   il   presupposto   comune   era   mantenere   l’impero   coloniale   ed   un’adeguata   capacità  
difensiva   nei   confronti   delle   grandi   potenze.   Il   Giappone   era   però   un   Paese   povero   e   questo  
significò   che   gli   sforzi   di   contenimento   della   spesa   per   le   forze   armate   non   furono   mai   grandi  
abbastanza  da  permettere  una  forte  riduzione  del  prelievo  fiscale.  
 

  41  
9.    Dalla  Grande  Depressione  al  regime  di  guerra,  1931-­‐1940  
 
Sinossi  
Negli   anni   ‘30   il   dibattito   sulla   riforma   del   fisco   verteva   ancora   su   tre   questioni   fondamentali:  
sostegno  alla  crescita  economica,  equità  nella  distribuzione  del  carico  e  copertura  adeguata  della  
spesa   pubblica.   Quest’ultima   divenne   preponderante   a   causa   della   forte   espansione   del   bilancio  
statale  che  dipese  dalla  politica  di  stimolo  fiscale  attuata  dal  ministro  delle  finanze  Takahashi  per  
far   uscire   il   Giappone   dalla   depressione.   Un   aumento   della   spesa   però   divenne   sempre   più  
sbilanciato  verso  le  forze  armate  a  causa  delle  guerre  in  Cina  dopo  l’occupazione  della  Manciuria  
nel  1931  e  al  deteriorarsi  dei  rapporti  con  le  altre  potenze.  Dal  1937,  con  lo  scoppio  della  guerra  su  
vasta   scala   contro   le   forze   cinesi,   il   bilancio   militare   crebbe   enormemente.   Il   governo   ricorse   al  
debito   ma   decise   anche   di   inasprire   e   ridistribuire   il   prelievo   fiscale   con   varie   manovre   che  
portarono  nel  1940  a  una  riforma  generale.  La  burocrazia  cercava  di  trovare  un  compromesso  tra  
l’esigenza  di  incrementare  le  entrate  erariali  e  quella  di  non  ostacolare  lo  sviluppo  economico,  con  
un  approccio  scettico  nei  confronti  della  possibilità  di  fare  una  riforma  strutturale  in  tempi  brevi.  
 
9.1    La  linea  moderata,  1931-­‐35  
Gli  studiosi   sono   discordi  sul  ruolo   del   Ministero   delle   Finanze   nel   processo   di   revisione   legislativa  
che   condusse   alla   riforma   generale   del   1940.   Ci   sono   due   tesi   contrastanti   sulla   genesi   della  
riforma   del   1940:   1.   Jinno   la   interpreta   come   il   risultato   di   un   cambio   di   rotta   imposto   ad   una  
burocrazia   tendenzialmente   conservatrice   dalla   guerra   e   dall’ascesa   politica   dei   militari;   2.   Ide   e  
Mukai  e  Oomae  sottolineano  la  continuità  tra  i  primi  anni  30  e  il  periodo  bellico  e  osservano  che  
l’iniziativa   per   la   trasformazione   profonda   era   partita   dagli   stessi   funzionari   del   Ministero   delle  
Finanze.  
Yoneyama   ritiene   che   i   burocrati   svolgessero   un   ruolo   propositivo   nella   prima   fase   e   si   limitassero  
a  rincorrere  gli  eventi  nella  seconda  e  quindi  ha  una  posizione  intermedia.  
 
Seiri  =  modifiche  strutturali  
Zoozei  =  aggravi  d’imposte  
 
Quando   il   Seiyuukai   tornò   al   potere   divenne   ministro   delle   finanze   per   la   quarta   volta   l’anziano  
Takahashi,   che   fu   richiamato   dal   primo   ministro   Inukai   in   considerazione   della   gravità   della  
situazione   economica   e   per   dare   fiducia   ai   mercati.   Takahashi   sospese   il   gold   standard   e   questo  
causò   il   deprezzamento   dello   yen,   a   beneficio   immediato   delle   esportazioni.   Aumentò   la   spesa  
pubblica   per   stimolare   la   ripresa,   finanziando   la   manovra   con   l’emissione   di   debito   che   fu    
assorbito  dalla  Banca  centrale.  Tutto  ciò  ebbe  successo  e  Takahashi  fu  confermato  nell’incarico  al  
passaggio  di  governo  causato  dall’assassinio  di  Inukai  nel  tentato  golpe  del  maggio  1932.  Il  primo  
ministro   divenne   l’ammiraglio   Saitoo,   già   governatore   di   Taiwan   e   in   buoni   rapporti   con   il  
Seyiuukai.   Dopo   due   anni   fu   sostituito   dall’ammiraglio   moderato   Okada   Keisuke.     La   prima  
amministrazione  fu  sostenuta  dai  due  principali  partiti,  la  seconda  solo  dal  Minseitoo.    Takahashi  
restò  ministro  per  tutto  il  periodo  e  concordò  la  propria  sostituzione  con  il  viceministro  Fuji,    che  
però   si   ritirò   per   malattia.   Takahashi   tornò   e   contrastò   le   pretese   dei   vertici   militari.   La   sua  
intransigenza  gli  fu  fatale:  fu  inserito  nella  lista  dei  traditori  da  eliminare  degli  ufficiali  responsabili  
del   tentato   golpe   del   26   febbraio   1936.   Il   golpe   fallì   ma   causò   un   rafforzamento   dei   gruppi   che  
sostenevano   la   riorganizzazione   autoritaria   dello   Stato.   In   ambito   fiscale   questo   portò   al   piano  
Baba.  
 

  42  
Sia   il   Ministero   degli   interni   che   quello   delle   finanze   presentavano   nei   loro   piani   un   rafforzamento  
dell’imposta  sul  reddito.  
 
Nel   1934   Fuji   divenne   ministro   con   l’incarico   di   ricondurre   a   un   regime   di   normalità   la   finanza  
statale.   Takahashi   aveva   infatti   programmato   una   graduale   riduzione   della   spesa   una   volta  
superata   la   crisi.   Sotto   Fuji   i   funzionari   ripresero   a   lavorare   sul   piano   della   riforma   fiscale,  
concentrandosi  sulla  revisione  delle  principali  imposte  vigenti.  
A  causa  di  pressioni  esterne,  tra  cui  la  caduta  dei  titoli  azionari  nel  settembre  1934,  si  rinunciò  a  
presentare  una  proposta  di  riforma  più  articolata.  
 
Per   il   Dipartimento   tributi   la   questione   da   risolvere   era   sempre   riportare   in   equilibrio   il   bilancio  
senza   ostacolare   la   crescita   economica.   Il   suo   approccio   alla   riforma   fiscale   prevedeva   quanto  
segue:   1.   l’incremento   della   pressione   era   giudicato   indesiderabile   sul   piano   della   competitività  
internazionale   e   su   quello   della   stabilità   sociale.   L’innalzamento   dell’imposta   era   una   scelta   di  
ripiego,   causata   dalla   situazione   “semi   bellica”.   2.   Si   riconosceva   che   gli   aggravi   sarebbero   ricaduti  
soprattutto   sui     ceti   medi   produttivi   che   già   sopportano   il   carico   maggiore.   Non   sembrava   ci  
fossero  margini  per  una  redistribuzione  verso  altre  fasce  sociali  e  non  si  considerava  la  possibilità  
di   aumentare   la   pressione   sui   redditi   societari   e   le   rendite   finanziarie.   3.   In   una   prospettiva  
internazionale   si   valutava   la   tendenza   generale   all’inasprimento   delle   imposte   come   una  
conseguenza   straordinaria   del   conflitto   mondiale   e   non   come   l’esito   di   una   trasformazione  
strutturale  della  finanza  pubblica.  
Il  Dipartimento  tributi  addusse  svariati  motivi  e  non  intraprese  alcun’azione.  
 
9.2    La  svolta  radicale  e  la  resistenza  dei  conservatori  
Con  l’incidente  del  26  febbraio  1936  si  crearono  le  condizioni  politiche  per  la  definitiva  ascesa  dei  
militari  e  dei  funzionari  riformatori  (kakushin  kanryoo)  a  scapito  delle  forze  moderate.  Un  segno  fu  
la  nomina  di  Baba  Eichii  ministro  delle  finanze  nel  gabinetto  Hirota  Kooki,  formato  dopo  l’incidente.  
Di   regola   in   un   governo   non   di   partito   il   posto   sarebbe   stato   assegnato   ad   un   alto   funzionario   con  
lunga   esperienza   nel   settore.   Baba   all’inizio   della   carriera   aveva   avuto   incarichi   con   compiti  
finanziari,   dal   1907   aveva   lavorato   presso   l’ufficio   legislativo   del   governo   che   diresse   nel   1922.  
Sotto  i  governi  Hara  e  Takahashi  prese  parte  all’elaborazione  del  piano  di  riforma  fiscale  nella  CSFE.  
Venne   nominato   Pari   dal   dimissionario   Takahashi   e   aderì   al     Kenkyuukai,   maggioritario   nella  
Camera   alta.   Nel   1927   il   governo   Tanaka   gli   affidò   la   presidenza   della   Hypothec   Bank   of   Japan,    
fino   al   1936.   Formalmente   restò   sempre   distante   dalla   politica   di   partito.   Trovandosi   a   capo   del  
principale  istituto  di  credito  attivo  in  ambito  rurale,  promosse  però  vari  interventi  a  sostegno  delle  
famiglie  agricole  colpite  dalla  Grande  depressione.  Fu  membro  di  un  nuovo  consiglio  consultivo  del  
governo   nel   maggio   del   1935,   un   organo   istituito   per   rafforzare   i   poteri   di   controllo   e  
coordinamento  del  gabinetto  su  diversi  ministeri.  I  15  membri  furono  selezionati  tra  alti  funzionari  
rappresentanti   di   entrambe   le   Camere,   +   1   dirigente   di   ciascuno   dei   più   importanti   gruppi   di  
interesse  (Mitsui  e  Mitsubishi).  Nel  giugno  1935  furono  incaricati  di  studiare  la  politica  di  riforma  
della  finanza.  L’indagine  fu  interrotta  dal  golpe  del  26  febbraio  e  dallo  scioglimento  del  Consiglio.  
Avevano  comunque  consegnato  una  relazione.  
Dopo   il   26   febbraio   il   Ministero   delle   Finanze   adottò   una   linea   di   intervento   incisiva.   In   accordo  
con   l’attenzione   posta   dal   governo   Hirota   sulla   difesa   nazionale   e   la   tutela   del   benessere   dei  
cittadini,  Baba  si  impegnò  a  sostenere  l’espansione  del  bilancio  attraverso  una  riforma  radicale  del  
Sistema   tributario,   aumentando   le   entrate   e   distribuendo   più   equamente   il   carico   fiscale.   Rinnovò  
completamente  anche  il  personale  al  vertice  e  venne  creata  una  commissione  interministeriale  per  
stilare  il  piano  che  fu  approvato  dal  Consiglio  dei  Ministri  il  22  settembre  1936.  La  discussione  si  

  43  
era   concentrata   sulla   necessità   di   una   riforma   strutturale   su   cui   tutti   erano   d’accordo.   Nessuno  
metteva  in  dubbio  che  l’aumento  della  spesa  rendesse  inevitabile  degli  aggravi  di  imposte  perché  
era   da   escludere   il   ricorso   esclusivo   al   debito.   Tali   aggravi   sarebbero   stati   accettabili   nel   quadro   di  
una  redistribuzione  del  carico  fiscale.  Si  osservò  che  i  provvedimenti  a  beneficio  degli  agricoltori  
avrebbero  prevenuto  ulteriori  tentativi  di  rovesciare  il  governo  in  modo  violento.  Gli  attentati  degli  
ultimi  anni  erano  però  visti  come  causa  dell’indebolimento  del  partito  favorevole  allo  status  quo  in  
materia   finanziaria.   In   generale   la   riforma   fu   accolta   positivamente   ma   ci   furono   anche   gravi  
critiche,   affermando   che   il   rafforzamento   del   prelievo   indiretto   e   la   riduzione   delle   famiglie   esenti  
contraddicevano   l’obiettivo   di   politica   sociale.   Il   motivo   ovviamente   era   stato   introdurre   una  
tassazione  di  massa  per  aumentare  rapidamente  le  entrate.  Il  Seiyuukai  avanzò  forti  riserve.  Poco  
prima   della   discussione   in   aula   cadde   il   governo   a   causa   di   divisioni   interne.   Il   nuovo   primo  
ministro   era   Hayashi   Senjuroo   che   fece   ritirare   il   piano   Baba   sostenendo   che   non   c’era   stato   il  
tempo  di  esaminarlo.  Venne  nominato  ministro  delle  finanze  Yuuki  Toyotaroo,    ex  presidente  della  
Banca  Yasuda  è  già  alto  funzionario  della  Banca  del  Giappone.  Il  nuovo  ministro  fece  preparare  un  
pacchetto   di   misure   urgenti   che   presero   il   nome   di   legge   per   l’incremento   straordinario   delle  
imposte.   La   manovra   comprendeva   aumenti   alle   imposte   vigenti   soprattutto   sul   reddito,   gli  
interessi  sul  capitale,  su  profitti  straordinari  e  alcolici.  Introduceva  quattro  imposte  del  piano  Baba  
sul   capitale   societario,   i   titoli   in   valuta   straniera,   le   transazioni   finanziarie   e   il   consumo   di   benzina.  
Non   interveniva   sulla   patrimoniale,   sull’imposta   generale   sui   consumi   e   sulla   soglia   di   esenzione  
dell’imposta  sul  reddito.  La  Dieta  approvò  il  piano  con  emendamenti  ed  una  lista  di  desiderata  in  
tema  di  equità.    Il  gabinetto  Hayashi    tuttavia  venne  meno  a  causa  dello  scioglimento  della  Camera  
bassa   da   parte   del   primo   ministro   il   31   marzo   1937.   Poi   il   voto   popolare   confermò   i   rapporti   di  
forze  già  esistenti.  All’inizio  di  giugno  divenne  primo  ministro  il  principe  Konoe  Fumimaro  che  era  
presidente  della  Camera  dei  pari.  Doveva  essere  il  garante  dell’equilibrio  di  un  triangolo  di  ferro  
composto   da   vertici   militari,   grandi   imprese   e   partiti   politici.   Kaya   divenne   ministro   e   Baba   fu  
vicepremier  e  ministro  dell’interno.  
 
9.3  Il  regime  bellico  
Il  16  luglio  1937  Konoe  nominò  una  commissione  perché  desse  un  parere  sulla  riforma  fiscale  da  
compiersi.  Ne  facevano  parte  esponenti  del  governo,  membri  delle  Camere  e  delle  associazioni  di  
categoria,   economisti.   Il   7   luglio   erano   ripresi   gli   scontri   in   Cina   e   questo   causò   un   incremento  
graduale  del  prelievo  per  due  anni,  soprattutto  facendo  leva  sull’imposta  sul  reddito,  sui  dividendi  
societari   e   sulle   vendite   di   alcuni   prodotti   voluttuari.   Le   misure   facevano   parte   di   una     “legge   sulle  
imposte  speciali  per  l’incidente  nella  Cina  del  Nord”  e  questo  alimentò  un  conto  separato  per  Le  
spese   militari   straordinarie,   creato   in   settembre.   La   Dieta   approvò   gli   aggravi   nell’ambito   di   una  
“legge  per  le  imposte  speciali  dell’incidente  cinese”  del  marzo  1938.  
Nel   1939   cambiò   il   governo,   divenne   ministro   Ishiwata,     ex   direttore   del   Dipartimento   tributi   e  
nelle  ultime  amministrazioni  viceministro  di  Kaya  e  Ikeda.  
Le   distorsioni   prodotte   dalla   guerra   sulle   finanze   e   sull’economia   erano   macroscopiche.   Nel   marzo  
del   1940   venne   approvata   una   riforma   del   fisco   che   riprendeva   molti   elementi   del   piano   Baba.  
Venne   però   abbandonato   il   progetto   di   imposta   patrimoniale   e   al   posto   di   un’imposta   sulle  
vendite  si  stabilì  un  prelievo  per  alcuni  tipi  di  prodotti.  Questo  pose  le  basi  per  una  serie  di  aggravi  
negli   anni   seguenti   quando   si   allargò   il   conflitto   in   Asia   e   nel   Pacifico.   L’obiettivo   dell’equità  
redistributiva   passò   in   secondo   piano   e   ciò   fu   particolarmente   evidente   nel   declino   dei  
trasferimenti  erariali  verso  il  territorio.  Tra  il  1937  del  1940  vi  fu  una  sovrapposizione  di  leggi  in  
materia  fiscale.  Alle  imposte  ordinarie  che  rimasero  in  vigore  con  poche  modifiche  si  aggiunsero  
sotto   il   ministro   Yuuki   un   primo   incremento   straordinario   del   prelievo   con   nuove   imposte   e   poi  
altri  tre  aumenti  per  finanziare  la  guerra  con  la  Cina.  Si  riteneva  impossibile  redistribuire  il  carico  

  44  
fiscale  nella  situazione  bellica.  Tuttavia,  un  aspetto  positivo  delle  manovre  compiute  fino  al  1935  
fu   un   calo   della   sperequazione   fiscale   tra   categorie   produttive   e   ambito   rurale   e   urbano.   La  
tassazione   straordinaria   per   l’incidente   cinese   aveva   infatti   colpito   prevalentemente   il   settore  
urbano   e   la   revisione   dei   valori   ufficiali   d’affitto   dei   terreni   del   1937   aveva   fatto   aumentare  
l’imposta  fondiaria  nelle  città  e  l’aveva  ridotta  nelle  campagne.  Al  tempo  stesso  il  rialzo  dei  prezzi  
agricoli   aveva   contribuito   a   ridurre   l’incidenza   delle   imposte   sul   reddito   dei   produttori.   La  
raccomandazione  era  quella  di  lasciare  indisturbata  da  aggravi  la    popolazione  rurale.  
 
Conclusioni  
Negli  anni  30  l’approccio  del  Ministero  delle  Finanze  alla  riforma  fiscale  fu  legato  all’obiettivo  di  
favorire   la   crescita   economica   sul   lungo   periodo.   I   piani   di   riassetto   delle   imposte   volevano  
sostenere   l’incremento   naturale   delle   spese   statali   ma   questo   rimase   distinto   dalle   manovre   di  
bilancio   straordinarie   per   finanziare   La   guerra.   Il   conflitto   sino-­‐giapponese   non   fu   visto   come  
l’occasione  per  promuovere  una  riforma  radicale  ma  fu  visto  come  una  temporanea  deviazione  dal  
normale  percorso  della  finanza  economia  nazionale  e  questo  a  livello  pratico  significò  cercare  di  
arginare   l’uso   delle   risorse   fiscali   da   parte   delle   forze   armate   trattando   come   leggi   speciali   gli  
aggravi  o  i  costi  per  finanziare  le  operazioni  militari.  Il  Ministero  delle  finanze  si  allontanò  dalla  sua  
politica  di  aggiustamenti  graduali  in  occasioni  di  due  iniziative:  il  piano  Baba  del  1936  e  la  riforma  
generale   del   1940.   Il   piano   Baba   fu   contrastato   dal   mondo   politico   e   degli   affari   perché   troppo  
radicale  e  fu  quindi  ridimensionato.  Il  cambio  di  rotta  del  1940  fu  invece  il  risultato  di  un  enorme  
pressione   esercitata   dalla   guerra   sulle   finanze   statali   che   rendeva   ormai   inevitabile   la   loro  
riorganizzazione.   Il   Ministero   delle   Finanze   così   come   la   classe   dirigente   ancora   negli   anni   30  
avevano  comunque  mantenuto  un  approccio  conservatore.    
 
   

  45  
Conclusioni  
 
Il  Sistema  fiscale  moderno  fu  creato  in  epoca  Meiji  e  da  allora  e  fino  alla  riorganizzazione  bellica  
del  1940  vi  furono  due  fasi  principali:  
1.    prima  fase:  inizia  con  la  riforma  fondiaria  Meiji  che  pose  le  basi  della  moderna  finanza  pubblica  
e  si  conclude  al  termine  della  guerra  russo-­‐giapponese  nel  1905.  Venne  creato  il  Sistema  tributario  
e   si   diversificarono   gli   oggetti   e   le   forme   di   prelievo.   A   livello   statale   inizialmente   si   dipese   dal  
settore  agricolo,  poi  subentrò  un  regime  incentrato  sul  consumo  di  massa  di  prodotti  industriali.  Si  
accolse   anche   il   principio   della   progressivitàa,   adottando   l’imposta   sui   redditi   personali   come  
complementare  dei  tributi  indiretti.  A  livello  locale  la  tassazione  rimase  in  larga  parte  associata  alla  
proprietà   immobiliare,   soprattutto   nelle   aree   rurali.   Le   imposte   locali   non   erano   quindi   elastiche   e  
per  questo  la  classe  politica  diede  più  importanza  al  fisco  centrale  come  collettore  di  risorse  per  la  
difesa  nazionale  e  per  altri  investimenti.  La  redistribuzione  verso  il  settore  industriale  e  finanziario  
fu   lenta   rispetto   alle   trasformazioni   economiche   a   causa   della   politica   di   incentivi  
all’accumulazione  di  capitale  dell’inizio  del  periodo  Meiji.  
2.     Seconda   fase:   va   dalla   fine   della   guerra   con  la   Russia   al   1940   ed   è   caratterizzata   da   una   serie   di  
interventi   per   migliorare   l’efficienza   e   l’equità   del   Sistema.   Il   dibattito   iniziò   nel   1906   e   si  
intensificò   con   prima   guerra   mondiale   e   nel   contesto   della   “democrazia   imperiale“   fu   uno   dei  
principali  terreni  di  scontro  tra  i  partiti.  Tra  le  misure  principali  del  periodo  vi  furono  le  revisioni  
dell’imposta   sul   reddito,   cardine   della   tassazione   diretta,   attraverso   deduzioni   familiari   e   la  
revisione   delle   aliquote.   Malgrado   le   modifiche,   l’imposta   avvantaggiava   le   grandi   imprese   le  
rendite  finanziarie,  a  causa  dei  legami  tra  i  partiti  e  il  mondo  degli  affari  e  anche  perché  i  legislatori  
erano  preoccupati  per  il  rallentamento  della  crescita  economica  negli  anni  20.  
Il   fisco   locale   vide   un   incremento   dei   trasferimenti   statali   per   l’istruzione   scolastica   e   la   variazione  
dei   criteri   di   calcolo   delle   imposte   autonome,   a   cominciare   dal   kusuuwari.     Il   Seiyuukai   portò  
avanti  la  devoluzione  delle  imposte  statali,  adattando  il  piano  del  governo  Hara,  per  avere  sgravi  
per   i   terreni   e   le   imprese.   L’iniziativa   fallì   per   la   mancanza   di   copertura   finanziaria   centrale.   La  
difficoltà   di   cedere   risorse   al   territorio   dipese   dalla   stagnazione   economica   che   frenò   la   crescita  
delle  entrate  erariali  e  giustificò  la  decisione  di  non  intervenire  sulla  tassazione  dei  capitali.  
Negli   anni   ‘30   il   paese   uscì   abbastanza   presto   dalla   grande   depressione   ma   l’incertezza   sulla  
solidità   della   ripresa   frenò   i   tentativi   di   riassetto   fiscale.   Nella   seconda   metà   del   decennio,   a   causa  
della   mobilitazione   bellica,   aumentò   fortemente   la   spesa   statale   e   per   questo   si   arrivò   ad   una  
radicale   riforma,   con   un   aumento   del   carico   sul   settore   finanziario   ed   industriale.   Al   tempo   stesso  
però   si   colpirono   i   consumi   e   si   allargò   la   base   della   tassazione   diretta.   La   questione   dei   difetti   del  
fisco   locale   fu   risolta   con   un   approccio   accentratore   e   stabilendo   un   sistema   di   trasferimenti  
perequativi  con  livello  centrale.  
Quale   fu   l’eredità   della   riforma   del   1940   in   epoca   contemporanea?   Durante   l’occupazione  
americana  si  ostacolarono  i  tentativi  di  ulteriore  rinnovamento.  Nel  1949  la  Missione  Shoup,  una  
delegazione  di  economisti  statunitensi  inviata  affinché  studiasse  il  Sistema  tributario  giapponese  e  
formulasse  un  progetto  di  riforma,  fece  delle  raccomandazioni  che  però  furono  disattese  o  attuate  
per  breve  tempo.  La  missione  voleva  rendere  il  fisco  giapponese  più  semplice  e  più  equo  e  quindi  
più   democratico.   Già   erano   stati   compiuti   dei   passi   in   tal   senso.   Nel   1947   si   era   unificata   la  
tassazione  dei  redditi  individuali  con  un’unica  imposta  progressiva.  C’era  però  un  trattamento  di  
favore   per   i   depositi   bancari   e   postali.   Gli   sforzi   compiuti   per   la   rimozione   delle   disparità   non  
ebbero  successo  nel  1953  si  tornò  alla  tassazione  separata  degli  interessi  su  capitali  con  aliquota  
fissa  al  10%.  
Nel  campo  della  finanza  locale  la  missione  si  adoperò  per  dare  alle  amministrazioni  territoriali  più  
risorse  autonome  con  imposte  sulle  vendite  e  sul  patrimonio,  per  porre  termine  alla  subalternità  
  46  
degli   enti   locali   nei   confronti   del   governo   centrale.   Anche   questo   non   ebbe   successo   e   passi  
significativi   sarebbero   stati   compiuti   solo   negli   anni   90.   La   missione   aveva   anche   suggerito  
l’imposta   sul   valore   aggiunto   che   però   fu   introdotta   nel   1989   con   la   creazione   dell’imposta  
generale   sui   consumi   dopo   un   lungo   confronto   politico.   L’imposta   sui   consumi   fu   accettata   e  
potenziata   per   far   fronte   al   dissesto   dei   conti   pubblici,   in   un   quadro   di   bassa   crescita   economica   e  
di   aumento   della   spesa   sociale   per   l’invecchiamento   della   popolazione.   La   finanza   pubblica  
giapponese,   rispetto   agli   altri   paesi   industrializzati,   è   caratterizzata   da   una   bassa   pressione   fiscale.  
Nella  classifica  OCSE  il  rapporto  tra  prelievo  fiscale  e  prodotto  interno  lordo  per  il  Giappone    nel  
1965  era  del  18%,    gli  Usa  erano  al  26%  la  Germania  ovest  al  32%,  la  Francia  e  la  Svezia  al  35-­‐36%.  
Nel  2013  il  Giappone  è  al  30%,  l’Europa  continentale  va  dal  37%  della  Germania  45%  della  Francia,  
gli  Stati  Uniti  non  hanno  mai  superato  la  soglia  del  30%.  Nel  caso  del  Giappone  le  caratteristiche  
del  sistema  fiscale  contemporaneo  si  rifanno  alla  tradizione  di  incentivare  l’utilizzo  del  risparmio  
degli  investimenti  produttivi,  stimolando  la  competitività  internazionale  dell’industria  e  gestendo  
le  risorse  pubbliche  in  modo  accentrato.  In  questo  senso  la  riforma  del  1940  non  fu  una  rottura  
con  il  passato  ma  l’esito  di  un  processo  iniziato  nel  periodo  Meiji.  Nell’evoluzione  strutturale  del  
fisco  tra  Otto  e  Novecento  si  riconoscono  anche  i  mutamenti  tipici  del  passaggio  da  un’economia  
prevalentemente  agricola  ad  una  industriale  e  la  formazione  di  una  società  e  di  un  sistema  politico  
di  massa.  

  47