Sei sulla pagina 1di 1

l'Adige

Sport
Il passista veloce della Liquigas prepara il nuovo mondiale istituito dallUci Poi sar Bmc
TRENTO - Ci sono annate in cui tutto corre liscio e altre in cui ad ogni passo si incontra un ostacolo. Lo sa bene Daniel Oss, classe 1987, che non ha trovato fortuna nelle classiche del nord e al Tour de France; ora, a poche settimane dal mondiale, il trentino della Liquigas Cannondale guarda al finale di stagione con occhio disincantato: Non posso dire di essere andato male ma mi aspettavo di ottenere di pi racconta con la voglia di chi vorrebbe chiudere al pi presto il 2012 per poter iniziare a lavorare fin da subito al 2013. Per il ragazzone di Pergine, in vista c un nuovo contratto e una nuova maglia da indossare, quella della BMC, non prima di aver lottato per un ultimo obiettivo: Con la Liquigas stiamo preparando la cronometro a squadre iridata: si tratta di un nuovo traguardo posto dallUci che ci stimola particolarmente anche perch in questi mesi nelle prove contro il tempo abbiamo ben figurato confida Daniel Oss. In questo senso il Padania cade a pennello: la cronometro a squadre di Crevalcore ci permetter di perfezionare gli ultimi meccanismi, anche perch la squadra sar molto simile a quella che sar impegnata in Olanda a met settembre. Ma i compiti del passista con il fisico da granatiere e i tatuaggi di una rockstar non si esauriranno una volta tagliato il traguardo di Crevalcore: Nelle tappe di pianura sar di ap-

domenica 2 settembre 2012

49

Oss al Padania: obiettivo iride cronosquadre


poggio per le volate di Sabatini come avevo fatto lanno scorso proprio al Padania con Viviani mentre gli ultimi due giorni il mio ruolo sar un p quello del Tour de France, per scortare Nibali sino allimbocco delle salite decisive. Gregario ma non solo, Daniel Oss una freccia capace di cogliere loccasione al volo e di conquistare anche successi importanti: Se ci sar loccasione, anche al Padania non tirer certo i freni.

CICLISMO

No agli indagati in Nazionale, e il borghigiano torna probabile azzurro

Moser e Trentin, tandem trentino per i Mondiali


Il Ct Bettini oltre a Moreno, allerta pure Matteo
PIETRO GOTTARDI TRENTO - Due professionisti trentini al Mondiale di Valkenburg? Si pu fare, si pu fare... Ad annunciarlo, nelledizione in edicola ieri, la Gazzetta dello Sport, sempre molto bene informata quando si tratta di anticipare il pensiero del commissario tecnico Paolo Bettini alla vigilia di Olimpiadi o Mondiali. Se per uno - Moreno Moser - la convocazione non mai stata in dubbio dopo la sua discussa e discutibile esclusione dalla rappresentativa azzurra alle Olimpiadi di Londra, per laltro - Matteo Trentin - si tratta di una vera e propria sorpresa. Attenzione: non per il valore del talento di Borgo Valsugana, convocato non a caso da Bettini alle Olimpiadi seppur nel ruolo di riserva. Proprio la sua chiamata in azzurro per la prova olimpica era stata per considerata nellottica del doppio impegno internazionale previsto in questo 2012, con lobiettivo a medio-lungo termine di fargli respirare laria del grande evento nella gara dal tracciato sulla carta a lui pi favorevole, per consentire ad altri di vivere poi la stessa esperienza al mondiale. Evidentemente al Ct azzurro Londra, oltre al grosso rammarico di non aver avuto il coraggio di far posto a Moser, gli ha lasciato anche quello di non aver buttato nella mischia Trentin. Loccasione per seppellire entrambi i rimpianti, gli stata data dal presidente della Fci Renato di Rocco, con la decisione forte di vietare al Ct di convocare corridori coinvolti in inchieste giudiziarie in corso. Un provvedimento destinato a far discutere, che ha chiuso in faccia le porte della nazionale a quattro atleti per i quali la convocazione ai Mondiali olandesi era data praticamente per certa: Damiano Cunego, Alessandro Ballan, Enrico Gasparotto e Giovanni Visconti. A beneficiare di questo ostracismo pi che Moreno Moser, a cui Bettini aveva gi promesso la convocazione dopo il terzo posto agli italiani e a maggior ragione dopo i trionfi in Polonia,

Matteo Trentin e Moreno Moser in un precedente ritiro voluto dal ct Bettini in Valsugana poco prima dei campionati tricolori disputati in Trentino

potrebbe essere davvero Matteo Trentin, che per cade dalle nuvole: Sto correndo in Belgio e questa notizia mi coglie di sorpresa replica genuino il talentuoso ragazzo della Omega Quick Step. Non ne so nulla, Bettini non mi ha detto nien-

te, ma alla Gazzetta sanno tutto prima dei diretti interessati, quindi chiss che non sia vero... Predissero con una settimana di anticipo che sarei stato riserva a Londra e ci presero in pieno quando io non ne sapevo nulla di nulla finch Bet-

tini non sciolse le riserve alla vigilia. Lattenzione del Ct, ovviamente, non dispiace a Trentin: E ci mancherebbe! Se dovessi rientrare nei piani per il Mondiale, per, stavolta mi piacerebbe correrlo e non fare la riserva.

CICLISMO

I giovanissimi a Borgo aprono una settimana di festa e sfide

In 1.000 per la Coppetta dOro


MASSIMO DALLEDONNE BORGO - La Coppa dOro non una corsa, non una competizione. E una grande festa popolare. Cos, lo scorso anno, laveva definita il commissario tecnico della nazionale Paolo Bettini. Una festa popolare a cui questanno partecipano ben 2.168 atleti provenienti da tutta Italia e suddivisi nelle varie categorie: oltre ai 1000 giovanissimi in gara ieri tutto il giorno per la 16 Coppetta dOro da ricordare le 160 allieve impegnate sabato 8 nella 13 Coppa Rosa e gli oltre 400 esordienti che nello stesso giorno daranno vita alla 6 Coppa di Sera. Con il pezzo forte della manifestazione riservato agli allievi: le iscrizioni continuano ad arrivare con la 45 edizione che dovrebbe vedere al via domenica 9 circa 500 ciclisti. La passione per questo sport, unito alla cultura, al folclore ed ad una tradizione che ha legato i destini dei partecipanti al Trentino - ricorda il presidente del comitato organizzatore Ugo Segnana - fanno della Coppa dOro e delle gare che ad essa si sono legate una vetrina unica. Ieri mattina la presentazione ufficiale nella sala conferenze del nuovo ostello della giovent al centro sportivo di Borgo. Con il sindaco di Borgo Fabio Dalledonne, il presidente della Federazione Ciclistica Trentina Bepi Zoccante e Stefano Casagranda del Veloce Club Borgo anche lassessore provinciale Tiziano Mellarini che ha ricordato limportanza di questa manifestazione che, come tante altre promosse in Trentino, sono un traino per un binomio sportturismo che in questa estate ha visto la presenza di oltre 2,2 milioni di persone sulle diverse piste ciclabili della provincia. Ospite donore di questa edizione Alessandro Bertolini, il 41enne ciclista di Mori gi vincitore della Coppa dOro nel 1987, che ha deciso di appendere la bici al chiodo con una grande festa domenica 7 ottobre. Il programma prevede per sabato 8 alle 13.30 la partenza della 13 Coppa Rosa con arrivo, dopo 50 chilometri sulle strade della Bassa Valsugana, in via Spagolla alle 15: mezzora pi tardi saranno in gara gli esordienti maschili e femminili su un percorso di 6,6 chilometri ricavato tra Borgo e Roncegno. Domenica mattina spazio alla Coppa dOro: dopo la presentazione delle squadre alle 8.30, dalle 9 la sfilata con la partenza alle 10.30 da via Temanza: in tutto 81 chilometri di gara, un percorso ondulato che attraversa Borgo, Levico e Pergine con i due gran premi di Tenna e Telve. Alle 12.30 larrivo in via Spagolla ed alle 13.30 la premiazione ufficiale in piazza Degasperi. Come da tradizione non mancher in piazza il mercatino dei prodotti della Valsugana, la Dragon Flash del sabato pomeriggio ed il grande spettacolo pirotecnico del sabato sera. E stata una edizione martoriata dalla pioggia quella della Coppetta dOro, svoltasi ieri per tutto il giorno su un circuito di 1.500 metri presso il centro sportivo comunale. Erano 1022 gli atleti iscritti provenienti da tutta Italia ed in rappresentanza di 86 squadre. A seconda dellet, dai 6 ai 12 anni, i mini ciclisti dovevano ripetere lanello di gara da 1 (la categoria G1) fino a 6 volte (categoria G6). In mattinata si sono svolte le prime due prove dei G1 e G2 con la pioggia che ha costretto gli organizzatori a sospendere la gara per alcune ore. Poi dalle 14 il via ai G3 per chiudere la manifestazione nel tardo pomeriggio.

Il baby borghigiano vincente Capra e un passaggio artistico dei Giovanissimi in gara ieri nei click di Remo Big Mosna

Fra le societ si impongono i bergamaschi del Villongo


G1F:1. Anna Zanin (Lievore); 2. Sara Capoferri (Villongo); 3. Teresa Cazzola (Lievore); 4. Greta Grifeo (Volano); 5. Sara Piffer (Montecorona) G1M - 1 batteria: 1. Edoardo Camatta (Industrial Forniture); 2. Matteo Le Brum (Team Isonzo); 3. Federico Zanandrea (Mosole); 4. Pietro Valsecchi (Costamasnaga); 5. Michele Colosio (Villongo). 2 batteria1. Thomas Capra (Borgo); 2. Thomas Del Frate (Carubb); 3. Alessandro Cecchin (Lupi); 4. Martino Da Ruos (Vidor Edilsoligo); 5. Mattia Bertossi (Isonzo G2F: 1. Serena Semoli (Olimpia Valdarnese); 2. Valentina Merler (Val di Cembra); 3. Elena Tomio (Borgo); 4. Jessica SImeoni (Uc Lupi); 5. Carlotta Trentin (Borgo). G2M - 1 batteria:1. Matteo Frosio (Nuvolento); 2. Federico Tampelin (Scaligero); 3. Lorenzo Cazzaniga (Gardolo); 4. Mirko Fontana (Costamasnaga); 5. Andrea Dallago (Alto Adige). 2 batteria: 1. Cesare Chesini (Ausonia); 2. Daniele De Laurentis (Villongo); 3. Matteo Scalco (Carraro Sandrigosport); 4. Simone Masiero (S. Andrea); 5. Massimo Bridi (Vs Mezzocorona). G3F: 1. Nicoletta Cadei (Villongo); 2. Costanza Scatton (Flaibanese); 3. Angelica Vigani (Villongo); 4. Giulia Ruggeri (idem); 5. Nadia Chinelli (Villongo). G3M - 1 batteria:1. Maurizio Cetto (Borgo); 2. Alessandro Belussi (Villongo); 3. Andrea Scalcon (Marostica); 4. Matteo Castellano (Flaibanese); 5. Daniele Anselmi (Caluschese).2 batteria: 1. Matteo Menegaldo (Bannia); 2. Filippo Vanoni (Prealpino); 3. Davide De Paoli (Costamasnaga); 4. Filippo Vismara (Alzate Brianza); 5. Samuele Dal To (Vidor Edilsoligo).3 batteria :1. Bryan Olivo (Bannia); 2. Lorenzo Pioselli (Costamasnaga); 3. Luca Gregori (Scaligero); 4. Mattia Falconi (Villongo); 5. Matteo Deromedis (Aurora). G4F:1. Lara Crestanello (Piovene); 2. Michela Giacometti (Lupi); 3. Lara Scarselli (S.Miniato); 4. Federica Braito (Borgo); 5. Marta Serlonghi (Monteclarense). G4M - 1 batteria:1. Lorenzo Peschi (Stradella); 2. Marco Cao (Bosco di Orsago); 3. Cristofer Pellegrini (Montecorona); 4. Mattia Monti (Alzate Brianza); 5. Davide Antoniazzi (Edil Soligo).2 batteria: 1. Andrea Vaninetti (Villongo); 2. Manlio Moro (Pasiano); 3. Giovanni Reghin (Montebelluna); 4. Giacomo Villa (Costamasnaga); 5. Alessandro Fruzzetti (Stradella).3 batteria: 1. Danilo Pase (Pasiano); 2. Davide De Pretto (Piovene); 3. Steven Simeoni (Lupi); 4. Nidal Ouachi (Fiemme); 5. Lorenzo Gobbo (Alzate Brianza). G5F:1. Gaia Masetti (Bikedynamics); 2. Sara Angerer (Mendelspeck); 3. Eleonora Capovilla (Val di Cembra); 4. Stephany Giacomello (Lupi); 5. Martina Di Pilato (Bordighera). G5M - 1 batteria: 1. Riccardo Sartorato (Mosole); 2. Simone Frare (Vidor Edilsoligo); 3. Simone Lo Bartolo (Costamasnaga); 4. Paolo Duca (Flaibanese); 5. Marco Codemo (Termopiave).2 batteria: 1. Matteo Vettor (Paisano); 2. Giovanni Raveglia (Costamasnaga); 3. Michele Monti (Alzate Brianza); 4. Daniele Iseppe (Dro); 5. Davide Simoni (Vidor Edilsoligo).3 batteria:1. Nicola Plebani (Villongo); 2. Davide Persico (Gazzanighese); 3. Edoardo Zambanini (Dro); 4. Matteo Volpi (Stradella); 5. Marco Vettorel (Bosco di Orsago). G6F:1. Barbara Malcotti (Storo); 2. Ilaria Chinelli (Villongo); 3. Carlotta Zanin (Lievore); 4. Sara Ruggeri (Villongo); 5. Camilla Pellegrini (Montecorona). G6M - 1 batteria:1. Gabriele Zadra (Mendelspeck); 2. Gianmarco Cervato (Ronca); 3. Gabriele Tesi (Carube); 4. Michele Buonauro (Dro); 5. Mattia Fedel (Val di Cembra). 2 batteria: 1. Federico Bernardi (Vidor Edilsoligo); 2. Samuele Carpene (Val dIllasi); 3. Samuel Nova (Arcorese); 4. Andrea Lissoni (Costamasnaga); 5. Davide Basso (Pasiano). 3 batteria: 1. Marco Vergani (Costamasnaga); 2. Simone Deromedis (Aurora); 3. Christian Proserpio (Costamasnaga); 4. Nicol Lunardon (Marostica); 5. Martin Nessler (Forti e Veloci). Classifica societ 1. Villongo (Bergamo); 2. Costamasnaga (Lecco); 3. Sprint Vidor (Treviso); 4. Veloce Club Borgo; 5. Uc Lupi (Padova).