Sei sulla pagina 1di 9

LA PECORA NERA

Christian Leone - contact@intothegalaxy.net La classica figura della persona onesta, padre di famiglia, che rispetta le regole:

La classica figura della persona fessa... Fai l'onesto! Fai il bravo cittadino! Rispetta le leggi! Intanto io faccio i miei interessi, io posso fare tutto ci che voglio, alla faccia tua, chi sono? Io sono chi ti comanda, io faccio le regole, e tu le devi rispettare, altrimenti sarai arrestato, tu mi hai eletto, tu mi hai votato, tu mi dai il potere, sai perch? Perch sei un fesso, perch sei un bambinone, e hai bisogno che qualcuno decida per te, hai paura di prenderti delle responsabilit, hai paura di chi pi forte o pi bravo di te, perch in realt hai paura dei tuoi limiti, e se conosci i tuoi limiti forse puoi crescere, ma crescere vuol dire anche assumersi delle responsabilit, e tu hai paura di crescere perch sei un debole, quindi hai anche bisogno di qualcuno che ti protegga, con le leggi; cosi tu sei contento perch sai che al mondo ci sono le regole, e i cattivi che non le rispettano saranno condannati, sei contento perch tu sei buono, in quanto sei sempre stato onesto, e se qualcuno ti far del male tu sarai difeso dalla legge; sei solo un povero ingenuo, e non hai capito niente della vita, hai sempre fatto casa-lavoro-chiesa, ti sei sposato, hai mandato i tuoi figli al catechismo, hai sempre pagato le tasse, perch tu sei buono.

Invece sei un fesso, e i tuoi figli sono degli sfigati, come lo sei stato tu all'epoca, anzi peggio, perch i tuoi figli ora si dovranno sbattere di pi, per avere un tetto e un piatto, e tu non potrai insegnargli niente di utile; ma non ti preoccupare, tu continua a fare l'onesto, io decido cosa meglio per te e i tuoi figli, se tu non fossi cosi fesso, io non starei qui a comandarti; ad ogni modo, anche se ora sai queste belle cose, per te non cambia niente, perch resti un incapace e io continuer a comandarti. Infondo, ti fa anche comodo, tanto tu non hai alcuna voglia di crescere, ti godi la tua brava partita da due euro al digitale-terrestre, il panino da McDonald il Sabato sera, i cerchi in lega, il cinema la Domenica, e stai benissimo cosi; con le tue sicurezze, il lavoro fisso, le tue finte responsabilit come la famiglia o il lavoro; gi, perch oltre ad essere onesto, sei anche un gran lavoratore, io ti dico invece che sei un grande schiavo, e anche cornuto, perch tua moglie ha capito che sei solo un bambinone, e si fa sbattere da me che sono un uomo vero e ti comando. L'importante per, che tu creda di essere il migliore, e se rispetti le regole sarai considerato il migliore, infatti nel tuo lavoro sei appunto il migliore; ma la vita un altra cosa, e siccome al di fuori del tuo lavoro vali meno che niente, devi lasciar fare a chi ne sa di pi, non sei d'accordo? Infondo, nel tuo lavoro, tu comandi chi ti sta sotto, perch sai una virgola di pi; bene, nella vita uguale, io so di pi e tu ubbidisci! Mi hai eletto per questo, no? Grazie alle mie regole, tu puoi dormire tranquillo e avere le tue sicurezze, ci sono le leggi che ti proteggono dai cattivi e dai pi forti, ancora pi cattivi, io ho fatto le regole perch tu mi hai eletto per farle; questo mondo il prodotto del tuo comportamento. Intanto per, mentre tu guardi la televisione, e sogni la velina che non potrai mai scoparti, io vivo la vita vera, e faccio esperienze che mi permettono di esserti superiore; sai, nell'universo non ci sono regole, non esistono i buoni e i cattivi, e io sono libero di fare tutto ci che voglio, senza chiedere il permesso a nessuno. Le regole servono per quelli come te, che non sanno vivere, e hanno ancora bisogno della mamma che gli dica cosa fare; tu che hai sempre fatto casa-lavoro-chiesa per una vita; non hai mai visto mondo; l'unica figa che hai potuto vedere in vita tua, stata quella di tua moglie, che si fatta ingravidare perch hai il lavoro fisso; hai fatto i figli perch te l'ha detto tua suocera; stai sull'attenti davanti al tuo capo ufficio; non ti permetteresti mai neanche di passare col rosso, o di contraddire tuo padre; ma cosa ne vuoi sapere tu della vita! La vita vera, tu l'avrai vista solo nei film; ma nei film, il cattivo, anche se pi ganzo, alla fine muore sempre, e tu non vorresti morire cosi presto, vero? Vorresti campare cent'anni; e allora non ti interessare di quello che faccio io, tu fai l'onesto, fai quello che ti si dice e tutto andr bene, la tua vita sar perfetta, il mitico sogno americano, filer tutto liscio come l'olio: il lavoro prestigioso, la station-vagon, le vacanze a Ferragosto, il conto in banca, cosa vuoi di pi? Non forse questo, ci che hai sempre desiderato? Bene, io te lo garantisco! Tu mi hai eletto per questo; allora perch adesso vuoi fare il ribelle? Queste cose lasciale fare ai ragazzini, che va di moda, ora sei grande, hai i figli, il mutuo, vuoi altre preoccupazioni?

In definitiva, anche se hai capito che io ti sottometto, tu hai bisogno di me, perch io ti do sicurezza, e senza quella non sai vivere, hai paura di cambiare perch potresti perdere tutto quello che hai, chi te la fa fare? Altre persone, prima di te, ci hanno provato e sono finite male, alcuni sono diventati eroi, ma poi sono crepati, e non hanno potuto godersi la vita come avrebbero voluto, cio come faccio io, e sono crepati, a te chi te la fa fare? Anche se la tua vita non "come quella nei film", come canta Vasco Rossi, hai sempre la possibilit di vincere al super-enalotto; vedi, per vivere la vita vera servono tanti soldi, ma nel mondo che ho realizzato, ci sono tante possibilit di fare soldi, ad esempio, ora che sei diventato pi furbo, invece di manifestare appresso agli sfigati, pensa che potresti avere un tuo ruolo di comando nella societ, potresti intraprendere cosi la tua scalata sociale e riscattarti; capisci bene che chi superiore comanda! Questa l'unica legge dell'universo! Bene, detto a grandi linee, credo che questa sia l'idea che il tuo padrone ha di te, e purtroppo devo riconoscere che non ha tutti i torti, considerando che dal suo punto di vista, parla per dati di fatto; infatti questo scenario descrive la vita di tutti i giorni dell'italiano medio, o per meglio dire, della persona media; visto che tutto sommato non siamo peggio degli altri, anche se facciamo da sciacquini agli americani (cosi come succedeva all'epoca con i tedeschi); comunque penso che la definizione pi appropriata sia: ignorante medio, o ignorante moderno. Sai, oggi c' la nuova povert, e c' l'ignoranza moderna; anche chi ha due lauree un ignorante moderno, perch siamo tutti figli della televisione, e avere una laurea significa solo essere specializzato in una settore lavorativo, ovvero essere uno schiavo specializzato piuttosto che un operaio non qualificato, ma soprattutto, avere i paraocchi e la mentalit quadrata predisposta alla ricezione degli ordini; infatti il laureato tipico dice: un benzinaio ne sa pi di me, nel suo lavoro, perch esperto nell'infilare la pompa nel serbatoio; io non l'ho mai fatto, quindi non sono capace, per io sono il pi bravo nel mio ruolo di laureato, infatti me lo riconosce la societ, quindi sono migliore del benzinaio, perch per fare il benzinaio non ci vuole una laurea. In altre parole, questo vuol dire che, quel laureato non sar mai capace, nella sua vita, neanche di scoprirsi il glande, prima di scrollare per bene il suo pene, dopo aver orinato, e avr i topi morti nelle mutande, perch non c' una laurea per questa operazione. Nella mia vita, molte persone stupide che ho conosciuto sono anche laureate; chi non un ignorante medio, si pu dire che sia un vero scienziato, cio una persona che oltre a ragionare con la sua testa, abbia vissuto la sua esistenza, studiando con l'intenzione di capire le cose, e crescendo in quest'ottica; invece chi si appena risvegliato dal sonno profondo dell'ignoranza media, suo malgrado, rester sempre un ignorante medio, perch non avr il tempo materiale per ricominciare tutto da capo, ci vorrebbe un'altra vita, come canta Franco Battiato. Tuttavia, meglio l'ignoranza che la stupidit; perch pur essendo ignoranti, c' sempre la possibilit che, guardando un fenomeno, ci si chieda perch accade, e si facciano delle considerazioni personali, basate su esperienze vissute piuttosto che su ricerche scientifiche, che comunque porterebbero a un'evoluzione intellettuale, e a un ampliamento della propria cultura. Un titolo di studio ti da l'istruzione, ma per essere colti, occorre l'intelligenza di chiedersi il perch delle cose, e infatti l'universit ti insegna proprio a non chiederti mai il perch delle cose.

L'universit ti insegna innanzitutto, che dovrai comprare il testo del professore che ti far l'esame; poi dovrai imparare a memoria quel testo, senza discutere, perch chi l'ha scritto ha la supremazia su quella materia, altrimenti l'esame non lo passi; se farai cosi, passerai tutti gli esami a pieni voti; guai a riflettere! Faresti la figura del secchione, del soggetto, dello sfigato; ubbidisci e non discutere! Se vuoi avere il tuo bravo titolo, ti devi adeguare a queste regole! Quindi fondamentalmente l'universit, intesa come istituzione, insegna a diventare stupidi; mi ricordo una frase del maestro alle elementari: ragazzi, voi non siete delle bottiglie da riempire! La migliore universit, ognuno se la pu fare in casa, basta avere la volont di capire le cose, confrontandosi e condividendo la conoscenza senza competizione; se non ci sono queste basi, si destinati a rimanere ignoranti medi, pi o meno stupidi! Io credo che un uomo non nasca stupido, ma che lo si faccia diventare a forza di catechismo e televisione; tutto il sistema in cui viviamo, incentrato a soffocare l'evoluzione dell'intelletto, per mantenere l'uomo ad un livello di stupidit medio, tale da poter essere gestito e controllato facilmente, con strumenti di controllo di massa, come la televisione e le religioni; le pecore nere poi, cio quei pochi intelligenti che si distinguono dal gruppo, potranno essere cosi, individuati e neutralizzati. Il laureato tipico sar super-specializzato nel suo settore, ben addestrato alla ricezione degli ordini (un robot perfetto), questo gli sar riconosciuto con un titolo prestigioso che lo far sentire il migliore, saranno contenti i suoi genitori dalla campagna, ma rester sempre uno stupido, ignorante medio, lavoratore schiavo, come tutti gli altri; se avr qualche sorta di potere, sar solo un potere verso gli altri schiavi pi deboli, e sempre nell'ambito lavorativo. Alla figura del laureato tipico, si pu sovrapporre quella del militare di classe ufficiali; sono solo marionette pilotate da chi comanda sul serio. Chi comanda sul serio, non ha bisogno di alcun titolo ne di alcun riconoscimento; chi comanda, lo fa da migliaia di anni perch discende dalle antiche dinastie monarchiche, che in origine avevano acquisito il potere datogli direttamente da dio (o dagli dei, a seconda delle culture o religioni); questi personaggi, che stanno dietro le quinte e non compaiono mai in televisione, hanno nelle loro mani, la totalit delle ricchezze materiali del pianeta Terra; gestiscono le sorti dell'intera umanit, dietro le loro tavole rotonde, dove programmano manovre economiche che determinano guerre, crisi dei governi, sviluppo tecnologico dei popoli; tutto questo, esclusivamente in funzione dei loro interessi, interessi che vanno ben oltre la mera ricchezza e il potere; questi signori, che un tempo potevano personificare faraoni e imperatori, oggi li identificheremmo come grandi industriali e banchieri internazionali, partecipi di un governo ombra pi comunemente conosciuto come nuovo ordine mondiale. Tornando alla vita di tutti i giorni, basta guardate che, per fare il politico ed essere eletto, non per comandare, ma per far finta di comandare (con tutti i privilegi che ne derivano), non serve una laurea, e non occorre essere esperti in qualcosa. Principalmente bisogna avere uno sponsor che paghi la campagna elettorale (ovvero i suddetti industriali e banchieri), per il quale, in corso di legislatura, saranno approvate delle apposite leggi, studiate su misura per incrementare il suo profitto e il suo potere (ai danni del governo stesso e della popolazione). Gli sponsor finanzieranno entrambe le parti concorrenti alla campagna elettorale, con l'obiettivo di avere la vittoria certa;

mentre i concorrenti faranno il gioco della competizione, per dare all'elettorato l'idea della scelta e della democrazia. Il gioco sar presentato nel teatrino televisivo, dove i vari personaggi reciteranno la propria parte da due soldi. La televisione stessa, ti dar l'idea della scelta, attraverso le varie emittenti televisive, che campano proprio per mezzo dei suddetti sponsor, i quali, stabiliscono anche l'informazione che deve passare. Essi sono gli stessi industriali che ti vendono i prodotti al supermercato (sempre con lo stesso sistema della finta scelta), puoi comprare il succo di frutta di una marca o di un altra, ma quel prodotto esce sempre dalla stessa fabbrica. Quegli stessi industriali sono anche i tuoi datori di lavoro, e il tuo stipendio ritorna nelle loro casse quando fai la spesa al supermercato (il tuo lavoro serve solo a renderti schiavo). Gli stessi industriali finanziano le universit e i progetti di ricerca; tutta la scienza e il genio delle menti, saranno finalizzati a implementare questo stesso sistema di controllo. Questi industriali e banchieri sono i tuoi padroni, e decidono cosa devi sapere, cosa devi mangiare, come ti devi vestire (la tua divisa da schiavo alla moda); questi padroni decidono cosa devi fare, come lo devi fare, e quando lo devi fare; questi padroni dettano legge nelle quattro mura della tua casa, e negli aspetti pi intimi della tua vita; loro decidono tutto di te, perch tu sei solo un burattino, e questi aspetti della vita, non potrai mai comprenderli finch crederai nelle istituzioni! In definitiva, voi potete buttare il sangue all'universit quanto volete, ma resterete sempre ignoranti medi, pi o meno stupidi, e sarete comandati da questa gentaglia; che godr di tutte le ricchezze e le bellezze del pianeta, alla faccia vostra e dei vostri genitori schiavi, pi stupidi e ignoranti di voi; che buttano il sangue per mantenervi, nella speranza di esorcizzare i loro fallimenti, inculcandovi la concezione dell'arrivismo (tipica dell'ambiente universitario). Per cui, dietro istruzione dei vostri genitori, voterete i suddetti personaggi, indubbiamente meritevoli, per l'interpretazione del ruolo di prendere per il culo i coglioni come voi. Non c' che dire, un sistema geniale, funziona come un orologio, devo riconoscere che chi comanda veramente, deve essere intelligente e colto, dato che, stato in grado di manipolare, per migliaia di anni, un'intera umanit con questi sistemi. Alieni o no, chi addotto, ha un problema da risolvere, ma chi non addotto, ha ugualmente un grosso problema: non credere che la televisione sia meno invasiva di un parassita. Ci sono psicologi, esperti in PNL, esperti in tecniche di comunicazione di massa, sociologi, e quant'altro; che fanno gli straordinari, per realizzare pubblicit sempre pi efficaci; le quali agiscono a livello subconscioinconscio, parlando in linguaggio macchina (archetipico) al tuo cervello; attraverso simbologie arcaiche, suoni, colori; il tutto combinato come un Mantra, per indurti a determinati comportamenti, e inculcarti un programma mentale finalizzato al tuo controllo. La pubblicit ha il potere di programmarti, esattamente come si programma un computer in linguaggio macchina (01010101); il nostro linguaggio macchina fatto di emozioni (le emozioni sono la manifestazione degli archetipi nella virtualit), le emozioni sono elaborate dal cervello sotto forma di suoni, colori, simboli, e cosi via, gli ingredienti delle pubblicit appunto; in pratica la pubblicit, attraverso una opportuna alchimia di questi ingredienti (la pozione magica), produce delle emozioni finte! (come nei film) Le quali agiscono nello stesso modo in cui agisce un ordine post-ipnotico;

Le pubblicit infatti, vengono ripetute a cadenza costante, ti inducono in ipnosi leggera, e ficcano nel tuo cervello delle istruzioni, degli ordini che dovrai eseguire! Inoltre, c' da considerare che, i suddetti esperti pubblicitari possono essere anche animici! Questo vuol dire che ci metteranno anche tutta la loro creativit, e questo render il loro operato ancora pi efficace. Non credere che gli animici non possano essere stupidi! Al punto da non rendersi conto, di danneggiare anche i propri figli che stanno nella stessa barca; questi signori, nonostante tutto, continuano ad usare le loro capacit, per creare armi psicologiche contro l'intelletto umano, inducendo intere generazioni alla stupidit. Animici o non animici, qui bisogna curare la mente, perch la famosa "onda" (tsunami) dei sogni (catastrofistici) gia in atto. Molte persone, reduci di un brusco risveglio; in quel momento si sentono persi, senza nessun punto di riferimento, gli crolla tutto addosso, non sanno pi chi sono, perch esistono, cosa fare della propria vita; in quel momento, ci sono squali e lupi pronti a divorali, e inevitabilmente, questi risvegliati finiranno per buttarsi in qualche religione, cadendo dalla padella nella brace; cosi il loro risveglio sar stato vano. A queste persone bisogna parlare a tu per tu, bisogna responsabilizzarli; altrimenti diventeranno degli invasati di qualche religione, pronti a ubbidire a comando, e scagliarsi contro chi si opporr, anche uccidendo, perch saranno convinti di essere nel giusto. Ho visto con i miei occhi, persone cambiare personalit in una settimana, e diventare dei perfetti robot, ai comandi di qualche santone; parlo di persone animiche, persone pronte a morire per il loro nuovo credo, che gli aveva aperto la via della luce. La mente infatti, la componente pi vulnerabile, nel senso che, facilmente manipolabile, in quanto, il suo livello di comprensione della realt che la circonda, determinato dalle esperienze e dalle conoscenze acquisite durante il suo ciclo di vita, il quale corrisponde al ciclo di vita della persona stessa (se una persona muore a 80 anni, la sua mente avr acquisito un bagaglio esperienziale e culturale per un tempo di 80 anni); limitatamente all'influenza prodotta dall'ambiente in cui quella persona cresciuta; ovvero, entro i limiti di comprensione indotti, dal condizionamento che quella persona ha subito dall'ambiente esterno (ad esempio: se nasci in un villaggio di stupidi, dove tu sei l'unico intelligente; gli altri, che sono tutti conformi, crederanno che tu sia l'unico sbagliato, perch diverso da loro; se tu non avessi modo di confrontarti con una persona del tuo livello, finiresti per convincerti di essere realmente sbagliato, o finiresti per impazzire, o per suicidarti, oppure, in un raptus di rabbia, faresti una strage). Un anima o uno spirito, invece, hanno un ciclo di vita eguale alla durata dell'universo, e un bagaglio esperienziale che corrisponde a tutte le vite vissute (passate e future, ovvero i contenitori). Questo significa che, quando un anima evoluta cerca di parlare alla mente, con tutti gli sforzi e la buona volont di farsi capire, la mente ha i suoi limiti; questi limiti sicuramente possono essere superati, ma se un anima forza questi limiti, oltre i tempi di apprendimento di una mente, rischia di comprometterne la stabilit, cio di far impazzire la persona. Pertanto, la mente, con la sua volont, dovr fare da sola, lo sforzo di superare i propri limiti, se desidera evolversi; il limite pi duro da abbattere appunto la stupidit. Vorrei ricordare che, la stupidit fatta di pregiudizi, credenze limitanti, convinzioni incrollabili, certezze, risposte per tutto, regole e schemi mentali che provengono dalla famiglia di origine, spesso tramandati per generazioni. Ma quando si toccano i propri limiti, scatta la paura, la paura istintiva; chi ti comanda, utilizza la tua stessa paura come strumento deterrente; chi ti comanda, ti conosce intimamente pi di te stesso (tu sai guidare la tua auto, ma il tuo meccanico la conosce a fondo). Tu per, hai la facolt di trascendere la paura che ti rende schiavo del tuo padrone; questo ti permetterebbe di avere il controllo di te stesso e della tua vita; solo in quel momento, inizieresti la vera battaglia contro chi ti comanda, ma fino a quel momento, resta una sfida con te stesso, nella tua mente, e la tua anima non potr salvarti (ti danneggerebbe).

Non ti resta che vivere, facendo nuove esperienze e fregandotene delle regole; ma infrangere le regole, non si riduce all'aspetto giuridico, sarebbe troppo facile, fai una rivoluzione e cambi le regole, ma poi avresti altre regole; invece, l'obbiettivo vero : senza regole; ma questo, porta il discorso ad un aspetto della questione pi ampio, che il concetto di bene e male, o giusto/sbagliato. Un essere umano, appena nasce, non ha ancora un idea di giusto/sbagliato; finch non gli viene inculcata dai genitori, dalla scuola, dalla societ; un bambino che non ha ancora subito l'educazione, pi sensibile al dialogo con la propria coscienza (cio con "dio", che dentro di noi), e si basa su di essa per valutare le proprie scelte; l'educazione poi, bloccher la sua crescita "spirituale", cio la consapevolezza di se, e determiner i limiti della sua evoluzione intellettuale, cio la sua prigione mentale. Per ricominciare a crescere, bisognerebbe cancellare dalla propria mente, qualsiasi concezione di giusto/sbagliato, e osservare il mondo con gli occhi di un bambino; in altre parole, ci significa: rifiutare qualsiasi istituzione o credo, e infrangere le regole in senso etico e morale. Infatti nella societ, tutto ci che pu portare ad una vera evoluzione intellettuale e spirituale, guarda caso, sempre considerato immorale o sbagliato; la societ strutturata in questo modo, proprio perch, i tuoi padroni non vogliono che tu cresca, perch se capisci troppo... poi ti ribelli. L'arma pi potente, di chi ti comanda, la separazione fra gli esseri umani (divide et impera); mettendoli in conflitto attraverso politica e religione; o in competizione, nel lavoro e nella societ, attraverso titoli e classi sociali; ma anche, separazione dell'uomo con se stesso, attraverso falsi miti e stereotipi, o modelli, che l'uomo deve seguire; mortificando l'unico modello vero e utile, che la sua individualit, ovvero se stesso, unico e alternativo, parte di una specie che, per sua natura, si evolve attraverso la cooperazione e l'interazione a livello emotivo degli individui, cio i rapporti umani; i quali oggi sono stati letteralmente regolarizzati, attraverso gli stereotipi appunto, e i modelli mentali; che poi non sono altro che, delle regole non scritte, regole che se non le rispetti... non vai in galera, per sei considerato uno sfigato, un perdente; attraverso questo meccanismo l'uomo si separa da se e da gli altri. Prendiamo un esempio pratico dalla vita di tutti i giorni: ancora oggi, nel 2011, per una scopata! Ti devi studiare la parte del figo, devi andare in discoteca a recitare la parte, mentre la tua potenziale partner reciter la sua; poi, dopo un mese di fidanzamento, se avrai dimostrato di essere all'altezza del ruolo, forse avrai la tua brava scopata; la quale, tuo malgrado, non sarai in grado di gestire, perch non sei abituato! Questo comporter che lei rester incinta, cosi poi verr il matrimonio, i figli, e tu sarai perfettamente integrato nella societ, con tutte le leggi vere e proprie, che regolamenteranno la tua esistenza; farai casalavoro-chiesa fino a 80 anni, butterai il sangue sul lavoro, per pagare il mutuo, le rate della macchina, le vacanze al mare; passerai le tue ore libere della giornata davanti alla televisione, e non avrai mai modo di fare altre esperienze umane al di fuori delle regole; esperienze che ti permetterebbero di crescere ed evolverti come uomo, parlo al maschile ma il discorso identico al femminile. Tu eri partito esclusivamente con il desiderio di una scopata, poi hai creduto di vivere il tuo film, perch ti eri immedesimato troppo nella parte; dopo, quando ti sei stancato di recitare, hai cominciato ad assaporare l'amarezza della frustrazione; troppo tardi! Ora ci sono i figli, gli obblighi giuridici del matrimonio, ormai sei incastrato! In altre parole: tutto il resto noia (Franco Califano). Dietro questo scenario, purtroppo, si verificano le peggiori bassezze a cui l'uomo possa arrivare, dagli abusi sessuali verso i figli ai maltrattamenti;

certo questi sembrano casi estremi, di cui oggi si sente parlare, ma in realt ci sono sempre stati, soprattutto in passato, quando c'era pi ignoranza/omert, meno informazione, e certe cose restavano nell'ombra; si pensi al medioevo, quando era lecito uccidere i propri figli, o la propria moglie; atti che potevano essere indennizzati (allo stato pontificio) attraverso il pagamento di una esigua multa (documentato nella bibbia); a parte i casi estremi, il minimo che accade che, i genitori trasmettono ai figli le proprie frustrazioni, le proprie paure, i propri complessi, derivanti appunto, dal dramma di non aver potuto vivere liberamente le possibili esperienze che la vita pu offrire. In questo scenario, il sesso rappresenta un fattore determinante, si pensi al contrasto che si evince, osservando come in televisione, trionfo del perbenismo, praticamente si vedono culi e cosce ovunque, dalla mattina alla sera, anche in circostanze che non c'entrano niente, come il balletto delle veline di fronte a una notizia grave; c' un bombardamento mediatico continuo da una parte, e una proibizione dall'altra (vedere ma non toccare); nella vita di tutti i giorni, infatti, il sesso un tab, ed considerato un peccato. Da una prostituta ci vai! Dopo il balletto delle veline, ma non ti sposeresti mai con una prostituta; possibilmente, tua moglie dovrebbe essere vergine; ancora oggi, la verginit considerata un valore dalle femmine stesse (la vergine Maria il modello assoluto). Chi libero dal matrimonio (ulteriore sistema di controllo dei rapporti uomo-donna), comunque soggetto alle regole etiche/morali, ancora pi efficaci di quelle scritte; qual' lo scopo di queste regole? Guarda caso, quando si parla di sesso, c' sempre qualche intermediazione, o qualche sistema di controllo; chi non sposato, ad esempio, conosce bene le attrattive del sesso commerciale, ma purtroppo, questa l'unica possibilit che ha per sfogarsi, a meno che, non voglia aspettare un mese (con tutti i rischi suddetti); per le femmine il discorso non cambia, ci sono i club priv; in ogni caso devi sempre pagare! Infatti, il mercato del sesso commerciale, uno dei pi grossi business al mondo, dopo la droga e le armi; non mi riferisco alle prostitute (poverine), bens alla cinematografia hard, i club priv, gli spettacoli di lap-dance, i sexy-shop, i social-network per incontri, e quant'altro, un mondo parallelo che coinvolge milioni di persone, milioni di clienti; ma attenzione, questo rappresenta solo la ciliegina sulla torta, ovvero l'ottimizzazione del progetto; quale progetto? Facciamo un esempio banale: tu stai camminando distrattamente per strada, preso dalle tue preoccupazioni/paure; quando misteriosamente, vieni attratto dall'immagine di una femmina nuda, in un cartellone pubblicitario, e per poco non ti fai investire; Gi, il sesso ti manca, ti senti solo, normale che tu sia attirato da qualcosa di cui senti il bisogno, ma non semplicemente il corpo nudo, che ti eccita; bens, l'atteggiamento del corpo, l'espressione del viso, il panorama, i colori, ecc; questi elementi, sono combinati scientificamente, per aprirti determinati canali recettivi, appunto attraverso lo stimolo emotivo; attraverso questi canali, che agiscono a livello subconscio-inconscio, passeranno anche altre informazioni, cio le specifiche del prodotto pubblicizzato (tipo e marca); e queste informazioni saranno ancorate alle sensazioni emotive, che tu stai provando in quel momento; per cui, quando andrai al supermercato, trovandoti di fronte a uno scaffale con birra di marche diverse, automaticamente, come per magia, sarai sicuro della tua scelta; semplicemente perch, senza rendertene conto, il marchio di quel prodotto ha richiamato quelle stesse sensazioni emotive, indotte dalla pubblicit, e memorizzate nel tuo cervello.

A questo punto, considera che, il suddetto meccanismo pu essere applicato in varie forme, e a vari livelli di persuasione; non solo per venderti la birra, ma per indurti a pensare in un certo modo, comportarti in un certo modo, agire in un certo modo; dietro quel cartellone, c' un equipe di specialisti, che si adoperano solo per te! Hanno studiato una vita (universit, master, ecc), e hanno lavorato per settimane, solo per realizzare quel cartellone, e dedicarlo a te! Ma perch il sesso cos importante? Il sesso un veicolo di energia vitale (spesso sfruttato anche da parassiti alieni), e pu essere utilizzato sotto vari aspetti; il sesso libero (uomo+donna, uomo+uomo, donna+donna, donna+uomini, uomo+donne, gruppi-misti) una forma di espressione creativa d'avanguardia, che l'essere umano (ignorante medio) dell'epoca odierna non in grado di concepire; questa involuzione (sembra che i greci non avessero di questi problemi) stata provocata dai tuoi padroni, per lo stesso motivo di base: tu devi restare stupido! I tuoi padroni sanno molto bene che, l'uomo un essere spirituale che fa l'esperienza della fisicit, e nel fare questo, sperimenta e condivide con gli altri esseri umani le emozioni, le bellezze del suo corpo e del suo pianeta d'origine; il sesso libero un mezzo che pu elevare l'uomo ai massimi livelli, ed proprio per questo, che non deve essere libero, ma deve essere strettamente controllato, perch pericoloso per chi ti comanda; la castit infatti la regola principale delle "migliori" religioni. Ancora una volta, ci troviamo di fronte a un geniale sistema di controllo, finalizzato alla repressione spirituale ed emotiva degli individui. Il meccanismo generale si potrebbe riassumere cosi: 1) si provoca una separazione (divide et impera), poi si fornisce una scelta (finta democrazia); 2) si proibisce qualcosa (sesso libero), poi lo si regolamenta (regole morali); 3) si schiavizza l'individuo (lavoro), poi lo si premia (titoli); banalmente, questi strumenti sono ampiamente adottati dagli ufficiali militari per gestire le truppe; in altre parole, la realt velata in cui viviamo (definita matrix, dal film omonimo), ti viene cucita addosso, per mezzo di eccellenti strumenti che castrano la tua mente; La verit che sei nato schiavo, ma credi di essere un VIP. Non solo, anche se pensi di poter fare l'eroe, dovrai scontrarti con la vita di tutti i giorni, che ti toglie il tempo, ti stanca fisicamente e mentalmente... lavori dieci ore, prendi il tram, vai al supermercato, fai le pulizie, poi vai a dormire... e il giorno dopo si ricomincia; tutto questo, fa sempre parte del geniale meccanismo, e costituisce un audace sistema di protezione per il meccanismo stesso. In conclusione, se la gente si rendesse conto di questa triste realt, scoppierebbe la rivoluzione domani mattina, se condividi questo pensiero, allora fallo sapere agli altri; anche quando ti ridono in faccia, ti prendono per disperato o frustrato, perch fallito o sfigato; di fronte ai colleghi di lavoro, che poi ti emargineranno; di fronte ai familiari, che poi diranno: poverino l'avr lasciato la ragazza; o anche con il rischio del divorzio; perch tutti questi effetti indesiderati, sono stati studiati da chi ti comanda, per scoraggiarti e spezzarti le gambe emotivamente, prima che tu raggiunga un risultato, per trasformarti cosi, in uno zombi che poi si emarginer da solo, e si andr a buttare nella mondezza, perch ridotto ad essere uno sbandato. Se vuoi cambiare le cose, nessuno potr dirti cosa fare (ti condizionerebbe); puoi fare del tuo meglio con le tue capacit e le tue qualit personali; la tua libert anche legata alla libert degli altri (siamo tutti nella stessa barca); per crescere, oltre l'esperienza occorre la conoscenza, altrimenti saremo sempre l'uno contro l'altro, e chi ci comanda, avr vinto ancora una volta...