Sei sulla pagina 1di 2

_________________________________________________________________________________________

Domenica 20 maggio 2012 Escursione alla Cima Vallon Scuro m. 1286 (Prealpi Bellunesi)
Programma: Ore 7.00 - Partenza in auto da Castions (Piazza M.-Toscano) per Vittorio Veneto, Cison di Valmarino, Peraz m.499. Parcheggio auto. Km 68. 8.45 - Inizio escursione. 12.00 - Arrivo alla Cima Vallon Scuro m.1286, passando per il Bivacco dei Loff m.1100. 16.30 - Ritorno alle macchine. Breve visita al Bosco delle Penne Mozze presso il Piazzale degli Alpini. 19.30 - Rientro a Castions.

L'escursione si svolge su sentiero segnato e tracce di sentiero (su qualche tratto necessario prestare attenzione). Dislivello da superare: 787 m.; tempo di marcia in salita 3 ore circa, complessivamente 5.30. Per informazioni e adesioni: Renato Bertoia tel. 0434 899394 / Renato Nonis tel. 0434 574314

Rammentiamo l'importanza di un abbigliamento adatto alla montagna e un comportamento corretto nel rispetto dell'ambiente. La commissione organizzativa pur adottando ogni precauzione per tutelare lincolumit dei partecipanti, non potr assumersi alcun tipo di responsabilit per eventuali infortuni che dovessero verificarsi durante lo svolgimento della escursione proposta. I partecipanti con il solo fatto di iscriversi alla gita, esonerano gli organizzatori ed il Capogita da tali responsabilit. In caso di maltempo alla partenza, la gita sar sospesa.

DESCRIZIONE - Anello del sentiero del Pissol e sentiero della Scaletta. Sulla strada che da Vittorio Veneto conduce a Valdobiadene e Conegliano si trova il paese di Cison di Valmarino, si passa per il centro storico e si risale tutta la valle del torrente Ruio fino al termine della strada in localit Peraz m 499 (parcheggio). Alla destra del piazzale inizia un sentiero con indicazione rifugio Loff, subito si biforca, noi risaliamo il ramo di sinistra (ovest), si arriva al Pissol, cascatella di acqua perenne che da il nome alla valle e al sentiero. Si prosegue sul fondo dellimpluvio e si risale tutta limpervia e selvaggia Valbrutta, ogni tanto il sentiero presenta dei facili scalini di roccia in cui bisogna aiutarsi con le mani per superarli. Si costeggia una paretina di roccia attrezzata per larrampicata, dopo aver oltrepassato una grotta, il sentiero si sdoppia e noi teniamo il ramo sinistro, da questo punto si devono attraversare delle ripide cenge erbose, il sentiero si restringe per cui bisogna fare attenzione. Si raggiunge un grande arco di roccia naturale e sempre per cenge erbose si giunge ad una aerea ma facile cresta; percorsa la cresta il sentiero si sdoppia e noi seguiremo il ramo destro che ci condurr al Bivacco dei Loff m 1100. Ore 2,30. Si prosegue per il sentiero che attraversa una folta pecceta e si giunge alla forcella di quota 1124. Alla forcella subito a sinistra, e nei pressi di una lama, ancora a sinistra per una ripida traccia che ci porter tra il Crodon de Gevero, m 1254, e la cima di Vallon Scuro, m 1286. Ore 3,00. Dalla cima si scende a ovest fino alla forcella del Foran, m 1160, si prende decisamente il sentiero di destra (nord) che in breve ci porta alla bella casera Vallon Scuro, da li tenendo sempre la destra si costeggiano le due cime appena scalate e si ritorna alla forcella di quota 1124 m. Dalla forcella dipartono tre sentieri, quello di destra ci riporterebbe al bivacco, quello di sinistra ci porterebbe al passo di S. Boldo, mentre quello al centro il nostro che ci porta verso il passo della Scaletta, m 901, dal passo seguendo il sentiero a destra che prende il nome dal passo si scende a Peraz. Ore 2,30 dalla cima. Il sentiero della Scaletta ridiscende un canalone abbastanza ripido con qualche passaggio in cui bisogna prestare un po di attenzione. A qualche centinaio di metri dal parcheggio si trova il cosiddetto piazzale degli Alpini con lattiguo Bosco delle Penne Mozze, dove vari cippi e monumenti ricordano i caduti di tutte le Truppe Alpine.