Sei sulla pagina 1di 1

Domenica 11 Ottobre Primo incontro sui Comandamenti tenuto da Padre Luigi.

Dopo un introduzione di padre luigi per presentarsi ai fedeli, dove sottolinea il suo travaglio giovanile e quindi la conclusione di questo travaglio nella chiamata al sacerdozio, viene letto il Vangelo di Giovanni, sulla pesca miracolosa. Ho ascoltato attentamente la spiegazione di padre luigi che stata molto profonda e a tratti dura: se non avete sofferto abbastanza non sapete come vivere. Se state bene e non vi manca nulla o siete soddisfatti della vostra vita non serve che veniate. Solo se siete nel travaglio allora dovete gettare la rete e raccogliere ci che Dio vi manda per la pace della vostra anima. Questa ed altre affermazioni, se vere in parte mi hanno lasciato un po perplesso perch in quelle parole non sentivo il mio Signore, Egli lamore di un padre elevato a potenza che accoglie sia il figlio turbato che il sereno, anche se apparente, dando molto pi respiro al figlio bisognoso. Non serve avere batoste dalla vita per seguire Ges o sentire un insegnamento della Chiesa. Le opere del Signore si manifestano nella disgrazia come nella serenit: tutto serve a dare vita allopera di Dio (bambin nato cieco Vangelo di Giovanni). Dobbiamo gettare la rete ognuno per prendere il pesce che gli stato assegnato secondo le proprie capacit (vedi Paolo). Quello che ritengo giusto che dobbiamo imparare che per avvicinarsi a Ges dobbiamo gettare comunque la rete che si abbia o no un travaglio quotidiano o familiare. La spiegazione del vangelo stata che dopo la morte di Ges gli Apostoli si erano gi divisi ed erano tornati ai loro lavori di prima. Erano solo sette e avevano gi dimenticato il Sugnore, come facciamo noi quotidianamente considerando la religione una cosa da bambini che dimentichiamo in et adulta. Problema delleta adulta ma seme della religione sempre in noi. Altro modo di vedere questo brano del vangelo (gli Apostoli non si erano dimenticati di Ges ma dovevano lavorare per vivere come facciamo noi). Ges subito riconosciuto da Giovanni e Pietro allora scende in acqua.