Sei sulla pagina 1di 2

Terna, AD Flavio Cattaneo: palma d’oro della generosità.

Il rendimento ha toccato punte del 6,3% .

Piazza Affari spera che non sia un altro anno da cani. Nel 2010 i titoli selezionati secondo la teoria
statunitense dei Dog, che scommette sulle azioni ad alto rendimento, hanno chiuso l`anno in rosso
facendo peggio anche dell`indice delle blue chips.

La muta di Piazza Affari ha lasciato sul terreno il 15,6% rispetto al 13,2% del mercato.
I cani non hanno invece deluso sul piano della distribuzione del dividendo: in media il
rendimento è stato superiore al 5%, rispetto al 4% registrato dall`indice nello stesso
periodo, con punte del 6,3% se si prende il caso di Terna a cui spetta la palma d`oro
della generosità. Valori di tutto rispetto anche
in assoluto considerato che i tassi di mercato sono stati, e restano, su livelli molto bassi anche
considerando i Btp a 10 anni che stazionano sotto il 4%. Entrando nei dettagli si scopre che a
frenare la corsa dei titoli ad alto rendimentosono sfate quattro storie: Fondiaria Sai, Lottomatica,
A2A e Mediaset. Il caso di Fondiaria Sai è quello più deludente: la società ha perso il 44% in 12 mesi
penalizzata anche dall`avvio di un pesante piano di ristrutturazione che oltre alla cessione di attività
immobiliari prevede un consistente aumento di capitale. Operazione che quasi mai piace al mercato,
soprattutto in un momento di scarsa liquidità come quello attuale. Soddisfazioni invece sono arrivate
da Snam Rete Gas, Terna e Parmalat che oltre a una cedola particolarmente generosa hanno chiuso
l`anno in territorio positivo. Nonostante la delusione la teoria dei cani spinge a confermare quasi al
100% la muta del 2011.
L`unica novità è rappresentata dall`ingresso di Telecom Italia che prende il posto di Geox. Ma
attenzione quest`ultima esce dalla lista dei titoli con il pedigree unicamente per l`esclusione
dall`indice delle blue chip avvenuta lo scorso 17 dicembre.
Diversamente avrebbe fatto parte anche quest`anno della lista in virtù del rendimento 2010, pari al
5,8%. Ricordiamo infatti che la selezione avviene all`interno del paniere delle blue chip (Ftse Mib)
scegliendo i titoli con il valore più elevato nel rapporto tra l`ultimo dividendo e il prezzo di chiusura
dell`anno borsistico.
I titoli acquistati devono avere tutti lo stesso peso in portafoglio e vanno conservati per 12 mesi.
Molto spesso la scelta di questa strategia ha dato soddisfazioni agli investitori, soprattutto negli anni
in cui le quotazioni non hanno brillato in modo particolare. Negli Usa le statistiche dei Dog arrivano
fino al 1973, testimoniando un ritorno medio annuo del 17,7% mentre nello stesso periodo il Dow
Jones ha reso 1`11,9%.
I cani della razza statunitense nel 2010 si sono presi la rivincita sull`indice Dow Jones dopo la
sconfitta patita nel 2009. La muta a stelle e strisce ha registrato un rialzo del 15,5% rispetto all`11%
del più noto mercato azionario statunitense. Si è trattato della prima vittoria dei Dog dal 2006
quando i segugi offrirono un 30,3% contro il 19,1% del Dow Jones.
Il maggiore successo è stato quello di DuPont (+48%). Balzo a due cifre anche per McDonald`s,
Home Depot, Boeing, Chevron e Kraft. Hanno deluso invece le farmaceutiche ovvero Pfizer e Merck
che hanno perso rispettivamente il 3,7% e 1`1,4%. E per il 2011? A fare da capofila troviamo AT&T,
che si presenta alla partenza con uno yield del 5.9% mentre nei primi 5 posti ritroviamo Verizon,
Pfizer, Merck e Kraft.
Mentre Intel e Johnson &Johnson sostituiscono Home Depot e Boeing.

(Fonte:CorrierEconomia)

Social Media Communication


Phinet
Roma Italia
Alessandra Camera
a.camera@phinet.it