Sei sulla pagina 1di 41

Lezione

PONTIEGRANDISTRUTTURE
Prof. Pier Paolo Rossi
Universit degli Studi di Catania

Azionivariabilidatraffico

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Icarichivariabilidatrafficosonodefiniti
daschemidicaricosucorsieconvenzionali.
Imodellidevono:

esseresemplicidausare
riprodurrecorrettamenteiprincipalieffettideicarichireali
essereglistessiperleverificheglobalielocali
consideraretuttelepossibilisituazioniditraffico
corrispondereailivellidiaffidabilitprestabiliti
includereglieffettidinamici

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Glieffettidicarichisusitidicostruzionedistrade(ades.ruspeo
camioncarichiditerra)odicarichiperprovenonsonoriprodottidai
modellidicaricodinormativa.
Similmente,imodellidicaricodinormativanonconsideranoveicoli
ilcuipesoeccedaledisposizioninazionaliintemadicarichimilitari.

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Iltrafficodeiveicolipudifferiretraipontiper:

composizione(ades.percentualedicamion)
densit(ades.numeromediodiveicoliperanno)
pesomassimodeipesideiveicoli
caricoperasse
presenzadisegnalistradalidilimitazionedelpesodiveicoli

Questedifferenzedevonoessereconsideratedaimodellidicarico
5

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Sullabasedeicarichimobiliammessialtransito,
ipontistradalisisuddividonointrecategorie:

1 categoria

2 categoria

3 categoria (passerellepedonali)

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Leazionivariabilidatrafficosiapplicanoallimpalcatodelponte.
Atalriguardo,sidefiniscecarreggiataladistanzatraicordoli
otrailimitiinternidisistemidiritenutaveicolari.

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Selasuperficiedellimpalcatodivisaindueparti
daunospartitrafficocentrale:

Selepartisonoseparatedaunabarrieradisicurezzafissa
lasuperficiedelpontesuddivisainduecarreggiateognunadellequali
siestendetrailimitiinternideisistemidiritenutaveicolari

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Selasuperficiedellimpalcatodivisaindueparti
daunospartitrafficocentrale:

Selepartisonoseparatedabarrieredisicurezzamobili
lacarreggiatasiestende
trailimitiinternideisistemidiritenutaesternidellastrada

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Lalarghezzadellasingolacarreggiatadivisain
corsieconvenzionalieareerimanenti
Larghezzadi
carreggiata
(w)

Numerodicorsie
convenzionali
(ne)

Larghezzacorsia
convenzionale

Larghezza zona rimanente

w<5.40m

3m

w 3.00m

5.4 w 6.0m

w/2

6.0 w

int(w/3)

3m

w (3.00ne)

10

Azionisugliimpalcati
Azionivariabilidatraffico

Lanormativaitalianadefinisce

6schemidicarichivariabilidatraffico
daconsiderarsiperverificheditipoglobaleelocale.

11

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico1 Ecostituitodacarichiconcentratisudueassi
intandemedacarichiuniformementedistribuiti.
Ilcaricotandemunicopercorsiaevaconsideratoperintero.
Qik

Qik

0.5
2.0
0.5

Evalidoperverifiche
siaglobalisialocali.

qik

1.20

Corsian.1
2.00

0.5
2.0
0.5

Corsian.2

0.5
2.0
0.5

Corsian.3

0.50 sewl 2.90

Arearimanente

2.00

0.40
0.40

singolo
pneumatico
12

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico1 pontidi1a categoria.


Posizione

CaricoasseQk[kN]

qk[kN/m2]

Corsian1

300

9.00

Corsian2

200

2.50

Corsian3

100

2.50

Altrecorsie

2.50

Schemadicarico1 pontidi2a categoria.


Posizione

CaricoasseQk[kN]

qk[kN/m2]

Corsian1

240

7.20

Corsian2

200

2.50

Corsian3

100

2.50

Altrecorsie

2.50
13

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico2 Ecostituitodaunsingoloasseapplicatosu
improntedipneumaticodiformarettangolare(0.60mx0.35m).
Evalidoperverifichelocalievaconsideratoautonomamente
conasselongitudinalenellaposizionepigravosa.
Qualorasiapigravoso,siconsiderailpeso
diunasingolaruotadi200kN.
200kN

200kN

Direzionedellasse
0.60

2.00

200kN

longitudinaledelponte
200kN
2.00
0.60

Caricoasse=
400kN

0.60

0.35

0.35

14

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico2 LEurocodice1stabilisce,inoltre,cheinprossimit
digiuntididilatazionedebbaessereconsideratouncoefficientedi
amplificazionedinamicaaggiuntivoparia:

D
1.30 (1 ) 1
26
dove
D ladistanzainmdellasezione
trasversaleinesamedalgiunto
didilatazione

1.30

1.00

6.00m

15

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico3 Ecostituitodauncaricoisolatodi150kN
conimprontaquadratadilato0.40m.

Evalidoperverifichelocaliin
marciapiedinonprotettidasicurvia.

150kN

0.40

0.40

16

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico4 Ecostituitodauncaricoisolatodi10kN
conimprontaquadratadilato0.10m.

10kN

0.10

Evalidoperverifichelocaliin
marciapiediprotettidasicurvia
esullepasserellepedonali.

0.10

17

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico5 Ecostituitodallafollacompattaagentecon
intensitnominale,comprensivadeglieffettidinamici,di5.0kN/m2.
lvaloredicombinazionedi2.5kN/m2.
Ilcaricofolladeveessereapplicatosututtelezonesignificativedellasuperficie
dinfluenza,inclusalariadellospartitrafficocentrale,overilevante.

q=5.00kN/m

1.00

1.00

18

Azionivariabilidatraffico
Schemidicarico

Schemadicarico6 Inassenzadistudispecificiedinalternativaal
modellodicarico1,generalmentecautelativo,peroperediluce
maggioredi300m,aifinidellastaticacomplessivadelponte,sipufar
riferimentoaicarichi:

qL,a =128.95(1/L)0.25
qL,b =88.71(1/L)0.25
qL,c =77.21(1/L)0.25

essendo L
qL,a
qL,b
qL,c

[kN/m]
[kN/m]
[kN/m]

lalunghezzadellazonacaricata.
ilcaricosullacorsian.1
ilcaricosullacorsian.2
ilcaricosullacorsian.3

Sullarearimanentesiconsiderauncaricodistribuitodiintensit2.5kN/m2.
IcarichiqL,a ,qL,b eqL,c sidispongonoinasseallerispettivecorsieconvenzionali.
19

Azionivariabilidatraffico
Verifichelocali(solette,marciapiedi,ecc)

Icarichiconcentratidaconsiderarsiaifinidelleverifichelocalied
associatiaglischemi1,2,3e4siassumonouniformementedistribuiti
sullasuperficiedellarispettivaimpronta.

Ladiffusioneattraversolapavimentazioneelospessoredellasolettasi
consideraavvengasecondounangolodi45,finoalpianomediodella
strutturadellasolettasottostante.Nelcasodipiastraortotropa ladiffusione
vaconsideratafinoalpianomediodellalamierasuperioredellimpalcato.

20

Azionivariabilidatraffico
Azionelongitudinaledifrenamentoodiaccelerazione

Laforzadifrenamentoodiaccelerazionefunzionedelcarico
verticaletotaleagentesullacorsiaconvenzionalen.1
Pontidi1a categoria

180 kN 0.6 (2 Q1K ) 0.10 q1KW1 L 900 kN


Pontidi2a categoria

144 kN 0.6 (2 Q1K ) 0.10 q1KW1 L 900 kN


Laforza,applicataalivellodellapavimentazione,edagentelungolassedellacorsia,
assuntauniformementedistribuitasullalunghezzacaricata.

21

Azionivariabilidatraffico
Azionecentrifuga

Neiponticonassecurvolazionecentrifugacorrispondenteadognicolonna
dicaricosivalutaconvenzionalmenteinfunzionediQv=2Q1K,
ovverodelcaricototaledovutoagliassitandemdelloschemadicaricon.1.
Ilcaricoapplicatoalivellodellapavimentazioneadagisceindirezione
normaleallassedelponte.Laforzaconcentratainunaqualunquesezione
trasversaledellimpalcato.
Raggiodi
curvaturaR(m)

Q4 (kN)

R>200

0.2Qv

200R1500

40Qv/R

R1500

Qv= 2QiK =caricototaledegliassitandem


delloschemadicarico1

22

Azionivariabilidatraffico
Combinazionidicarico

Aifinidelladeterminazionedeivaloricaratteristicidelleazionidovute
altraffico,sidovrannoconsiderarealcunecombinazioni.

23

Azionivariabilidatraffico
Combinazionidicarico
Carichisullacarreggiata
Carichiverticali
Gruppo
diazioni
1
2a
2b

Modello
principale(sch.
1,2,3,4,6)

Veicoli
speciali

Folla(schema
dicarico5)

Valore
caratteristico
Valore
frequente
Valore
frequente

Valore
caratter.
Valore
caratter.

3[*]
Schema5con
valorecaratt.
5.0kN/m2

4[**]
5[***]

Carichiorizzontali
Forza
Frenature
centrifuga
q3
q

dadefinirsi
perprogetto

Carichisui
marciapiedie
pisteciclabili
Carichiverticali
Carico
uniformemente
distribuito
Schema5con
valoredicomb.
2.5kN/m2

Schema5con
valorecaratter.
5.0kN/m2
Schema5con
valorecaratter.
5.0kN/m2

Valore
caratter.

[*]
pontidi3a categoria
[**] daconsideraresoloserichiestodalparticolareprogetto(ades.pontiinzonaurbana)
[***] daconsideraresolosesiconsideranoveicolispeciali
24

Azionisurilevatieterrapieni

Azionivariabilidatraffico
Rilevatieterrapieniadiacentialponte

Aifinidellepartidelponteacontattoconilterreno,nelrilevatoosul
terrapieno,sipuconsiderareapplicatoloschemadicaricon.1incui,
persemplicit,icarichitandempossonoesseresostituitidacarichi
uniformementedistribuitiequivalenti,applicatisuunasuperficie
larga3.0melunga2.20m.
Inunrilevatocorrettamenteconsolidato
sipuassumereunadiffusionedelcaricodi30.

26

Azionivariabilidatraffico
Rilevatieterrapieniadiacentialponte

Perimuriparaghiaia sideveconsiderareunazionelongitudinaledi
frenamento,applicataallatestadelmuroparaghiaia divalore
caratteristicoparial60%delcaricoasseQ.
Pertanto:

inpontidi1 categoriailcaricoorizzontaledi180kN
concomitanteconuncaricoverticaledi300kN,
inpontidi2 categoriailcaricoorizzontaledi144kN
concomitanteconuncaricoverticaledi240kN.
neglialtricasi(spalle,muridala,etc.)nonsiconsideranoazioni
orizzontalidatrafficosuirilevatiosuiterrapieni.

27

Azionisuparapettiesicurvia

Azionivariabilidatraffico
Azionesuiparapetti

Laltezzadeiparapettinonpotressereinferiorea1.10m.
Iparapettidevonoessereverificatisullabase
diunazioneorizzontaledi1.5kN/mapplicataalcorrimano.

29

Azionivariabilidatraffico
Azionesuisicurvia

Isicurvia eglielementiaiqualisonocollegati
devonoesseredimensionatiinfunzionedellaclassedicontenimento
richiestaperlimpiego.
Laforzadeveesseredistribuitasu0.50medapplicataadunaquota
dalpianoviariopariallaminoretrah1 eh2
dove

h1=altezzadellabarriera 0.10m
h2=1.00m.

Nelprogettodellimpalcatodeveessereconsiderataunacondizione
dicaricoeccezionalenellaqualeallaforzaorizzontaledurtosu
sicurviasiassociauncaricoverticaleisolatosullasedestradale
costituitodalloschemadicaricon.2posizionatoinadiacenzaal
sicurviaedispostonellaposizionepigravosa.
30

Azionidaurto

Azionivariabili
Altreazioni(azioniidrauliche,urtidiveicoli,ecc)

Azionidovutea:

Collisionidaveicoli

Collisionidaimbarcazioni

Cadutadirocceofrane(nonpreseinesamenellanormativa)

32

Azionidaurto
Classificazione

Leazionidaurtosonoclassificate,sullabasedeglieffettichepossono
produrresullecostruzioni,intrecategorie:

Effettitrascurabilisullestrutture

Effettilocalizzatisupartedellestrutture

Effettigeneralizzatisullestrutture

Leazionidevonoessereapplicate
selerelativeconseguenzeappartengonoallecategorie2o3.

33

Azionidaurto
Urtidatrafficoveicolare(sottoponte)

Leazionihannodirezioneparallelaaquelladelmotodelveicoloal
momentodellimpatto.Nelleverifichesipossonoconsiderare,
agentinonsimultaneamente,dueazioninelledirezioniparallela(Fd,x)
eortogonale(Fd,y=0.50Fd,x)alladirezionedimarcianormale.
Inassenzadideterminazionipiaccurate,
sipossonoadottareleseguentiforzestaticheequivalenti
Tipodistrada

Tipodiveicolo

ForzaFd,x [kN]

autostrade,extraurbane

1000

locali

750

urbane

500

Automobili

50

Veicolidestinatialtrasportodimerci,
aventimassamassimasuperiorea3.5t

150

Areediparcheggioe
autorimesse

34

Azionidaurto
Urtidatrafficoveicolare(sottoponte)

Perurtidiautomobilisustruttureverticali,
laforzadicollisionedeveessereapplicata0.50maldisopradella
superficiedimarcia.
Lareadiapplicazioneparia0.25m(altezza)
perilminimotra1.50elalarghezzadellamembratura(larghezza).

Perurtisumembratureverticali,
laforzadicollisionedeveessereapplicataa1.25maldisopradella
superficiedimarcia.
Lareadiapplicazione0.50m(altezza)
perilminimotra1.50elalarghezzadellamembratura(larghezza)

35

Azionidaurto
Urtidatrafficoveicolare(sottoponte)

Nelcasodistruttureorizzontalialdisopradellastrada,
laforzadicollisioneapplicatasullesuperficiverticali
eddiintensitpariarFd,x
dove r

= 1peraltezzadelsottoviafinoa5m,
decrescelinearmenteda1.0a0peraltezzetra5e6m.

Sullintradossosidevonoconsiderareglistessicarichimacon
uninclinazionedi10 versolalto.
Lareadiapplicazionedi0.25mx0.25m.

36

Azionidaurto
Urtidatrafficoveicolare(sopraiponti)

Inassenzadispecificheprescrizioni,
nelprogettodeipontisiputenercontodelleforzecausateda
collisioniaccidentaliattraversounaforzaorizzontaleequivalentedi
collisionedi100kN distribuitasuunalunghezzadi0.50m.
Essadeveessereconsiderataagentetrasversalmenteedorizzontalmente,
applicatadalpianoviarioallaminoredellealtezzeh1 edh2
dove

h1=altezzadellabarriera 0.10m
h2=1.00m.

37

Azionidaurto
Urtidiimbarcazioni

Sipossonoconsiderare,agentinonsimultaneamente,
dueazioninelledirezioniparallela(Fd,x )eortogonale(Fd,y =0.50Fd,x )
alladirezionedelmotodellimbarcazione.
Lazionetangenzialedovutaallattritoagentesimultaneamente
allazioneFd,y valeFr =0.40Fd,y
Inassenzadideterminazionipiaccurate,leforzestaticheequivalentiper
imbarcazionimarittimesonodateintabella
Classeimbarcazione

Lunghezza[m]

Massaapienocarico[t]

ForzaFd,x [kN]

Piccola

50

3000

30000

Media

100

10000

80000

Grande

200

40000

240000

Moltogrande

300

100000

460000
38

Azionidaurto
Urtidiimbarcazioni

Neiportileforzedicollisionepossonoessereridottedel50%.
SeLlalunghezzadellimbarcazione,ilpuntodiimpattopi
sfavorevolepuesserepresonellintervallocompresotra0.05Lsotto
e0.05Lsopraillivellodellacquainsedediprogetto.
Lareadiimpattodi0.05Linverticalee0.1Linorizzontale..
Perimbarcazioninavigantiinacquainterneleforzestaticheequivalenti
possonoesserericavatesullabasedistudidicomprovatavalidit.

39

Principaliriferimenti

Norme Tecniche per le Costruzioni. D.M. 14 gennaio 2008 pubblicato


sulla Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008 - Suppl. Ordinario n. 30

Istruzioni per lapplicazione delle Norme Tecniche per le Costruzioni.


Circolare 2 febbraio 2009 pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio
2009 - Suppl. Ordinario n. 27

Calgaro J.A., M. Tschumi, Gulvanessian H.


Designers Guide to Eurocode 1: Actions on bridges.
EN 1991-2, EN 1991-1-1,-1-3 to -1-7 and EN 1990 Annex A2
2010 Editore Thomas Telford
ISBN: 978-0-7277-3158-6

40

FINE

41