Sei sulla pagina 1di 23

IMPIANTI

INDUSTRIALI

a.a. 2014-15

Prof. Antonio Calabrese


Dipar@mento di Ingegneria Ges@onale

antonio.calabrese@polimi.it
tel. 022399.4062
IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 1

Programma

- L'impianto industriale. Principio economico.
Principio del traco.
- Lo studio di fa<bilit in vista di nuove
realizzazioni. Studio di Mercato. Ubicazione. Scelta
del ciclo produRvo. Layout. Denizione dei cos@ di
realizzazione e produzione. Piano economico e
nanziario. Valutazione dell'inizia@va. Criteri di
scelta degli inves@men@. Analisi di sensi@vit e di
rischio.
IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 2

- Cenni di analisi economica. ObieRvi dell'impresa.


Il fenomeno delle economie di scale. La struXura dei
cos@ e dei ricavi dell'impresa. La funzione di
produzione. L'impiego oRmale dei faXori produRvi.
L'u@lizzo dei modelli lineari come espressione della
''funzione di produzione'' di un'azienda. U@lizzo dei
da@ di un modello lineare per assumere decisioni di
ristruXurazione di impian@.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 3

- Strategia di impresa e strategia produ<va.


ObieRvi compe@@vi di un sistema di produzione:
economicit, qualit, essibilit, servizio.
Collegamento tra il sistema produRvo e il ciclo di
vita dei prodoR.
- Scelta dellubicazione, metodologie generali e
riferimen@ alla situazione italiana e alle poli@che di
incen@vazione per l'insediamento di nuove inizia@ve
industriali.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 4

- Lo studio del layout di un impianto di


produzione. Analisi dei prodoR. Analisi delle
relazioni e dei ussi di materiali. Costruzione di
schemi di un layout di riferimento e valutazione
dei vari faXori di modica. Formulazione delle
alterna@ve di layout e criteri di scelta.
Determinazione automa@ca della sistemazione
rela@va dei repar@. Sviluppo dell'impianto nel
tempo. Elas@cit. Ampliamento. Pianicazione del
layout. Bilanciamento delle linee di produzione.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 5

- Riessi sulla progeXazione impian@s@ca delle


nuove forme di organizzazione del lavoro. Nuove
impostazioni del layout. La progeXazione delle linee
di assemblaggio.
- Principi generali di progeLazione dei servizi di
impianto. Schema generale. I faXori di scelta.
Ecienza del servizio. Dimensionamento della
centrale.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 6

- TrasporM interni e logisMca industriale. Criteri


generali di scelta dei mezzi di trasporto interni degli
stabilimen@. Tipi di mezzi di trasporto e criteri di
scelta. Unit di carico. Stoccaggio dei materiali. Tipi di
magazzini e criteri di scelta. L'organizzazione sica
dei vari @pi di magazzini. L'organizzazione della rete
di distribuzione. Il controllo del usso dei materiali.
- Project management. Organizzazione dei progeR di
impianto.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 7

- Metodi quanMtaMvi per le decisioni impianMsMche


(cenni). Applicazioni di Ricerca Opera@va ai
problemi industriali. Programmazione matema@ca.
Teoria delle le di aXesa. Modelli combinatori.
Simulazione: criteri di impostazione dei modelli,
impiego di sobware specializza@, valutazione
dell'adamento dei risulta@. La simulazione come
strumento di progeXazione impian@s@ca.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 8

- Servizi dimpianto. Lapprofondimento sui servizi


dimpianto mirato alla comprensione degli
elemen@ e delle logiche necessari al loro
dimensionamento di massima per poterne s@mare
limpaXo, in termini di prestazioni e di costo, sugli
impian@ a cui sono asservi@.
In par@colare saranno presi in considerazione alcuni
degli impian@ di pi frequente u@lizzo, quali gli
impian@ di riscaldamento e di condizionamento. Il
dimensionamento sar arontato in termini
quan@ta@vi aXraverso vari esercizi.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 9

Esercitazioni
Nellambito delle esercitazioni, oltre allo
svolgimento di esercizi su alcuni degli argomen@
del corso, verr impostato, per gli studen@ che lo
scelgono, il progeXo di laurea con contenu@
impian@s@ci. Gli altri allievi che non svolgono un
progeXo di laurea con adegua@ contenu@
impian@s@ci possono svolgere, sempre su base
volontaria, un sinte@co elaborato aRnente gli
aspeR progeXuali di un sistema di produzione.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 10

Nel corso delle esercitazioni viene anche tenuto


un ciclo di seminari che prevedono la discussione
di casi aziendali aRnen@ le problema@che di
Strategia della produzione.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 11

MODALIT DI AMMISSIONE E DI EFFETTUAZIONE


DELLESAME DI IMPIANTI INDUSTRIALI

1. ELABORATO PROGETTUALE
Lelaborato potr assumere una delle tre forme seguen@:

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 12

a) progeXo di laurea (tesi con/senza controrelatore)


a prevalente contenuto di progeXazione
impian@s@ca. Lassegnazione di tuR ques@
progeR che hanno come relatore il docente
dell'insegnamento di Impian@ Industriali, ha luogo
di norma entro dicembre/gennaio.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 13

b) progeXo di laurea (tesi con o senza


controrelatore) non a prevalente contenuto di
progeXazione impian@s@ca, ma che contenga
almeno una sezione di progeXazione
impian@s@ca. In questo caso la valutazione
riguarder unicamente questa parte del progeXo.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 14

c) elaborato di progeXazione impian@s@ca svolto


autonomamente dagli studen@ il cui oggeXo
deve per essere obbligatoriamente e
preven@vamente concertato con il docente
entro il periodo di svolgimento delle lezioni (I
semestre)

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 15

Per quanto aRene gli studen@ che svolgono un


progeXo (punto a) essi sono tenu@ a presentare,
con frequenze concertate, relazioni sullo stato di
avanzamento del lavoro in modo da consen@re al
docente tempes@vi interven@ di guida e/o di
modica.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 16

Gli studen@ che svolgono elabora@ secondo i pun@


b e c sono tenu@ a presentare al docente entro i
termini stabili@ per ogni anno accademico, e
comunque entro la ne del ciclo di lezioni, una
sintesi dei contenuM dellelaborato che intendono
svolgere. Si ribadisce per evitare ogni equivoco che
non verranno acceLaM elaboraM presentaM
direLamente in occasione dell'esame senza che i
loro contenuM siano staM presentaM e poi
approvaM e validaM dal docente entro la data della
ne delle lezioni.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 17

Qualora gli studen@, nel corso dello sviluppo del


lavoro, ritengano necessario modicare alcuni dei
contenu@ a suo tempo comunica@ e approva@
dovranno nuovamente presentare al docente una
richiesta precisando i mo@vi della modica.
Lelaborato progeXuale dovr essere consegnato
almeno 7 giorni prima della data dellappello di
esame.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 18

Lelaborato preferibilmente svolto da piccoli


gruppi di studen@ (di norma due o tre) sia per
aumentare le risorse in termini di tempo-uomo e
quindi la potenzialit di lavoro, che per abituare ad
un lavoro di gruppo, metodologia assolutamente
normale e opportuna nel seXore della progeXazione
impian@s@ca.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 19

2. CORSO AGGREGATO DI STRATEGIA DELLA


PRODUZIONE
Nellambito del corso di Impian@ Industriali viene
anche tenuto un ciclo di seminari e discussioni di
casi sul tema della Strategia della produzione. Al
termine di questo ciclo viene tenuta una prova di
valutazione che comunque facolta@va. Per il
giudizio dellesame di Impian@ Industriali si terr
ovviamente conto del risultato di tale prova nale di
valutazione, eventualmente sostenuta. Gli studen@
che abbiano sostenuto posi@vamente questa prova
saranno esonera@ dalla presentazione in sede
desame dei contenu@ di Strategia della produzione.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 20

3. ESAME
Agli studen@ verr richiesto nel corso dellesame di
svolgere esercizi di progeXazione impian@s@ca e/o
di rispondere in forma scriXa a domande aRnen@ i
contenu@ del corso svol@ durante le lezioni nonch
quelli dellelaborato progeXuale consegnato.
Il voto desame terr anche conto della valutazione
dellelaborato impian@s@co facolta@vo presentato
(progeXo e/o elaborato) e del risultato della prova
facolta@va di Strategia della Produzione (SdP), come
da tabella successiva.

IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 21

Prova scriLa

Strategia della
Produzione

X
X

X
IMPIANTI INDUSTRIALI

-
X

Elaborato Mpo
a (tesi)

Elaborato Mpo
b o c

100% voto prova scriXa


(con domanda SdP)

75% voto prova scriXa


(senza domanda SdP)
25% voto SdP

60% voto prova scriXa


(con domanda SdP)
40% voto elaborato

75% voto prova scriXa


(con domanda SdP)
25% voto elaborato

45% voto prova scriXa


(senza domanda SdP)
15% voto SdP
40% voto elaborato

55% voto prova scriXa


(senza domanda SdP)
20% voto SdP
25% voto elaborato

Voto nale

PRESENTAZIONE CORSO PG. 22

4. BIBLIOGRAFIA
- F. Caron, R. Wegner, Studio di faRbilit, layout,
simulazione, CUSL
- F. Caron, G. Marchet, R. Wegner, Impian@ di
movimentazione e stoccaggio dei materiali, Hoepli
- Strategia della Produzione, Volume I - LeXure,
Volume II - Casi - CUSL
- A. Calabrese, Ges@one degli Impian@ Industriali,
Volumi 1 e 2, CUSL
- TuXo il materiale di supporto didaRco
disponibile sul sito del corso
IMPIANTI INDUSTRIALI

PRESENTAZIONE CORSO PG. 23