Sei sulla pagina 1di 48
APPUNTI DIISTOLOGIA FIRENZE Definizione Istologia: studio dei tessuti. si possono definite come complesse associazioni di cellule o di cellule e sostanza tra di esse. Sostanza che viene chiamata inercellulare anche detta matrice extracellulare 1 tessuti si organizzano tra di loro ¢ i risultati sono strutture anatomiche rivelabli come tali definite organi, che hanno una specifica funzione, Per es. prendiamo un epitelio di rivestimento mettiamoci sotto un connettivo poi una parte muscolare poi ancora del ‘conssitiva,integrati possono dare un organo come lo stomaco che ha come funzione spocifien quella digestiva, ‘Ma organo # ben pitt del complesso dei singoli tessuti cosi come pi organi vanno a costituire un'uniti complessa, integrata da un punto ci viste funzionale, che & l'apparato. Per esempio l'apparato digerente costituto da pit organi che tutti insieme collaborano a quella che Is digestione c l'assimilazione. L'insieme degli apparati danno Porganismo. L’organismo é un insieme mai una somma, L'insiome in biologia @ sempre pit di una somma tra loro di vari epparati ciascun apparato di vari organi, gli organi di vari tessuti, i ‘essuti di cellule Alora Ie cellula é i punto di partenza per capire i vari livelli organizzativi del mostro organismo e come tale la prenderemo in considerszione, partendo dalla definizione di cellula: la pit piccola porzione costituita di materiale vivente capace di vita autonoma, (Questo significa che la materia vivente si organizza a formare delle unit funzionali e morfotogiche che vengono chiamate cellule. Definiamo le materia vivente partendo dalle sue caratteristiche che sono: = Le variabilita La capacita di adattamento riproduzione materia vivente non Si presenta sempre uguale, ha insito nelle proprie strutture, nel proprio significato, appunto la variabilita, che noi tocchiame ¢ vediamo livello cellulare nella grande variabilith che esiste tra una cellula e [’altra sebbene tutte costtuite su uno sesso schems. Ma Ia cellula del fegato é uguale a un neurone, non é identica. E” sempre una cellul, & sempre quel!'elemento ma non & uguale, Saliamo, il tessuto epiteliale dello stomaco riveste lo stomaco come riveste I'epidermide di un compo ‘a non sono uguali identici, sono diversi. Saliamo la scala, per cui un organismo ¢ simile al suo vicino ma non identico a meno che rnon esistano due gemelli monovulari. Ecco la grande variabilita che parte dalla materia vivente come substrato su cui si ‘costituiscono i vari livelli organizzativi. Ed é importante che esista questa variabilith a tut livelli perché la comparsa periodica di \variszioni_ sotto forma di mutazioni ha reso possibile quella che Darwin ha deseritto come evoluzione. In atto tut’ora, sempre come la selezione di caratteri pit adattiall'ambient. Copacita di adattamento all’ambiente: La materia vivente non @ inerte, non é semplice ageregato di materiale biologico, risponde atiraverso T'ivitabilita. Se jo sollecito in qualche maniera la materia vivente questa risponde per diventare adatts a quello stimoto, Pensate alla cellula nervose in cui liritabilitaé espressa al massimo grado, tale a trasmettere stimoli che corrono sulla sua membrana, sono sutie quelle informazioni che ci rendono atti a vivere insieme agli stimoli del sistema endocrino. Ma anche la cellula & in grado di rispondere nel suo piccolo in maniera adatta allo stimolo che gli viene applicato, tutte le cellule oj questa capacita di adattamento si esprime attraverso la capaciti di assorbimento. Noi non siamo in grado di fabbricarci materiale organico, non. sigmo piante verdi, quindi a livello cellulare e di organismo assimiliamo e assorbiamo sostanze che poi claboriamo attraverso meccanismi metabolici, ¢ questo ci rende in gradi di acerescerei. Oltr ad accrescerci perché sintetizziamo, siamo anche in grado di motilita inteso come movimento, contrazione, cellulare (ameboide), ma anche come spostamento di organuli allistero di una cellule. Quindi a tut livelli& sempre valida questa affermazione. Inolwe la riproduzione. La materia vivente si crea da cid che rea gi Ia materia vivente, niente nasce dal nulla la cellula nasce dalla isla madre, un individuo nasce dalla fecondazione dei gameti della madre e del padre. nite si organizza in livelli strutturali diversi, organizzazione in cellule procariotiche ed eucaristiche (livello pitt Le cellule eucaristiche oltre ad avere un organizzazione strutturale molto pit elevata di quelle procariotiche (tipice dei batter), & anche fm grado di una specializeazione (nella pluricellularita le cellule si indirizzano verso direzioni diverse per portare avanti funzioni diverse che darznno vite all'organismo si specializzano acquisendo caratteristiche morfologiche biochimiche particolari. Poi si aggregano formano i tessuti fino ad arrivare all’organismo pluricellulare. Se noi guardiamo una cellula eucaristica, quando si agerega ad un'alra, fa colonia, dove ciascuno continua a portare avant le proprie funzioni. E’ raro che ci sia un'integrazione del tipo di cui parliamo noi, anche semplice. D’ora in poi noi parleremo delle caraticrstiche della cellula eucaristica 1 materia vivente prende il nome di protoplasma che ¢ costtuto da component! inorganici e organici ‘component! inorganiei sono di due tipi: V'acqua e i Sali mineral. L’acqua & essenziale per la vita (si dice che dove non cé acqua non c'é vita, ed & vero), L'individuo maschile ne ha il 70%, Vindividuo femminile un po” di meno perché ha pit grasso. Alcuni tessuti imelzaro questa percentuale, e quindi la dobbizmo pensare come un elemento essenziale per la vita, L’acqua é un solvente e le molecole possono avere due tipi di eomportamento: interagire (polar, idrofile) o non avere questo tipo di capacit (non polar, idrofobe). Pot noi in istologis ce ne dimentichiamo perché studiamo la strutura, ¢ I'acqua non si vede, anzi l'istologo spesso la porta via per potere osservare i tessut, Me voi non ve ne potete scordare anche perché é nell'acqua che avvengono tutte quelle reazioni che hanno a che fare con il metabotismo celtulare, tessutale e poi dell’organismo. Sali mineral sono un'altra componente importante in organics della materia vivente, I componenti organici sono tutte © quattro le categorie dei composti che voi conoscete: carboidrati ~ prottine (insieme di amminoacidi caraterizzate da uns struttura primaria che identificano ta proteina, che pub dare uns sequenza smminoeidica secondaria, torziaria,quaternari eee.) ~ Acidi nucleici (sapere una loro descrizione generalizzata vedi: proteine) peso eee ere & Prot LA CELLULA EUCARIOTICA E? costituita dalla membrana plasmatica che la avvolge, la separa ¢ la connette con l'ambiente, ¢ un altro sistema membranoso che chiama involucro nucleare che separa il contenuto della cellula in due disteti. Uno estemo (il citoplasma) uno intemo (il nu Dobbiamo conoscere tutte queste parti livello strutturale e funzionale Apriamo una parentesi: Poechio umano ha una risoluzione di circa 0.1/0.2 millimetri, questo significa che unaccito riesce adi due punti a 0.1 mm per un occhio d'aquila, Sotto questo limite non si focelizza non si distinguono. Poiché le dimension’ medi « colorazioni ripetitive e per il mieroscopio eletronico a trasmissione spolvero dei metal pesanti che interagendo con gli eletvoni possiamo vedere monosemie etc. Anche durante la gestazione & possibile avere un cariotipo dell’embrione atraverso il liquide mniotico prelevando i villi delta placenta Porte avanti le sue funzioni e ad un certo momento duplica il proprio DNA, dappio DNA significa doversi divider. cellulare 6 un giro tondo che si pud schematizzare con una circonferenza: n periodo intervallol(GAP in inglese ) GL che segue la divisione in cui la cellula porta avanti le sue funzioni, suecessivamente in nalt duplica il proprio DNA, questo viene nominate periodo S di sintesi, in cu Ie cellula duplica il proprio patimoni iulare pud anche essere descrtto come I'interfase, periodo S, periodo G2, mitosi pviodo Gt pub essere molto variable da clus cll, per alcane pub dar ta la vit il peiodo Si sintesi G2 emis i@ uguale per tute ‘ulare pud essere deseritto in base a quanto dura il periodi G1, ci sono cellule che continuano a ciclare per tutta la vita dando pl gonerazioni cellular sono dal giro rondo dando origine ad un periodo G0 che pud durare tutta la vita in manicra irreversible, cio® quelle cellule non possono pit dividersi i periodo di reversibilitt, perché se tutto va bene quelle cellule non tomano a ciclare altrimenti posseggono ancora la proprietd fare la divisione. ‘Bizzozero” un ricercatore dette questa classificazione in base al tipo di ciclo cellulare che esse presentavano, dividendole in LABILI, quelle che ciclano continuamente ‘TABILI, quelle che escono da questo ciclo in maniera reversbile. PERENNT, quelle che ormai non ciclano pit, ional, Noi siamo i rstliato deo svituppo di una cellula wovo fecondata ula uovo che ei proviene da nostra madre viene fecondata dagli spermatozoi provenienti dal padre, uno di questi spermatozoi raverso gli enzimi dell’acrosoma scinde la membrana della cellula uovo e vi entra dentro. Una volts che lo spermatozoo é entrato dentro la cellula, questa da origine ad una reazione corticale che impedisce ad altri spermatozoi to Lo spermatozoo perde tutte le porzioni che non gli servono pid ed unisce il proprio nucleo a quello della celluls wove RNA e mitocondri porta avant il proprio metabolismo, ques pane a tue usted Ma origins alle ZIGOTE la prima calla delorganismo, ‘Noi deriviamo in tutta la nostra variabilita cellulare e tissutale dallo zigote, Poi segue lo sviluppo, la fecondazione avviene nelle tube, lo zigote scende nella caviti uterina dove trove "endo: ‘ormonale ben sviluppato vi si annidare portando avanti la gestazione. Dentro questo annidamento lo zigote porta avanti il suo sviluppo, non si chiamera pid zigote ma blastocisti_perché nel fats diviso e da I cellula se ne sono originate 2, questi blastomeri daranno origine a 4 poi a 8 celfule ete. fino al momento in costituita da tanti blastomeri non avra raggiunto la morfologia di una mora dalla quale prenderail nome di morals. Dopo aver proiferato e continuato a prolferare queste cele come seguendo tun destino scritto dentro il proprio DNA, che esprimne attraverso situazioni di localizzazione, si vengono a trovare spinte da migrazioni, dovuta alla pressione cellulare esercivara da accanto,in posizioni diverse. Aleune daranno origine al rivestimento esterno e daranno origine agli annessi embrionali es, quelle strutture embrionali e poi fetali che assicurano lo sviluppo e quello che poi sara del nuovo individuo, Altre invece s: ranniceh ‘edanno origine al vero e proprio corpo del futuro individuo. Queste cellule dellindividuo futuro ad un certo momento daranno origine ai cosi deti 3 foglieti embrionali: ecioderma — mesoderma ‘endoderma ‘Ad opera di questi 3 foglitti embrionali poi se ne formert un altro che non é un foglictio ma un tessuto di cellule ¢ liquide che s ‘MESENCHIMA. Da questi 3 primitivi agglomerati di cellule si formano tutte le strutture del nuovo organismo, Siamo prodotti peril differenziamente ds {oglietti embrionali che si aggregano. 1 fenomeno del differenziamento, che & attive durante lo sviluppo emibrionale ¢ fetale, & un processo attivo prenatale © Porta una celtula, apartire da quella primitiva cio’ lo zigote, alla molteplicith delle cellule del nostro organismo diverse 7 ‘costruite perd tutte su uno stesso schema esprimono morfologie diverse per funzioni diverse. Le cellule possono morire attraverso due meccanismi divers Necrosi = detta anche morte accidentale, é un evento nan previsto nella vita cellulare. Nel morire da origine ad una lisi ‘membrana e questo risveglia una reazione da parte dell’organismo che riconosce questa situazione come non propria, da origine ad wn infiammazione localizzata che risveglia le cellule dell"immunita, - La apoptosi ¢ una morte programmata nella vita della cellula che sa quando é venuta l'ora, E una morte silenzios@ Is co a regredire perché non trascrive e quindi non sintetizza proteine, comincia a perdere gli organuli perché il suo nucleo diventa sempre pi piccolo impallidisce e poi scompare. La cellula senza dare origine a nessuna reazione si toglie di mezzo per morte progra Popolazione cellulare = un insieme di cellule contraddistinte dalla composizione chimica , dall'aspetto macroscopico specifica, Ecco quindi che si possono raggruppare le cellule in popolazioni in base alla loro derivazione embriologica, alla | chimica, all’aspetto macroscopico, alle differenze diverse ¢ quindi alla diversa funzione. Sostituiamo cosi popalazici termine cellula che della popolazione ne & componente. Le cellule ora le vediamo come un insieme integrato di strutture che tutte collaborano alla funzione di quella popolazione celtulare dove ‘ognuno ha il proprio compito Le popolazioni cellulari possono essere divise a seconda della dinamica in: Popolazioni soggette a rinnovo = fisiologicamenteriescono rimpiazzare le perdite Popolazioni non soggette a rinnovo = quando la cellula & perduta (neuroni) non vi & nulla da fare A livello delle popotazioni cellulari soggette a rinnovo potremmo distinguere ance dal punto di vista morfologico oltre tuna parte di cellule che si mantengono tai da poter ciclare e sosttuie le perdi. CCompartimento germinativo, sono le cellule che ciclando e danno origine a cellule che ripristinano le perdite. 11 compartimento maturativo & invece P'insieme delle cellule che porta avanti Ia funzione, Le cellule staminali, una componente del tessuto germinativo cioé la porzione pit resistente a qualsiasi tipo di aggressfone este agent ionizzanti di regola si dividono poco ma intervengono nei momenti critici delle perdite. Le cellule staminali a cui si affda il nostro organismo per le riprese massive, sono capaci di dividersi per ttta Ia loro vi generare sotto stimolo appropriato tutti tipi di popolazioni cellulari ( PLURIPOTENTI, oppure mantengono la possibiliti bloceu il movimento ciliare con ristagno di muco e schifezze e quindi iperseerezione e pericolo di infezioni) in questo sistema si 1uce in wn soveacearico e quindi in una non completa pulizia del’ariae in una sovraespressione di un sistema fisiotogico normale che si manifesta con TOSSE e RAFFREDDORE, dost N.8. 1! fume non solo inibisee il movimento ciliae, eeando noxe (corpiestrane) di muco e partielle normalmente presenti nelParia, sa sovraccarica di partcelleinorganiche estrance (carta e carbone) aria inspirata, con stimolo dei macrofagi (cell deputae ala difesa cont estan!) alla captazione e riduzione della capacita di questi ultim ad espletareulteriore azione fagocitarla verso altri agenti csv, Si tata di particelle inorganiche che i lisososmi dei macrofagi non riescono a distruggere, cosi ne rimangono “intssicai” do is foro potenzialita 0 fe ispessire la memb basale con riduzione degli scambi,inoltre in soggeti particolarmente predisposti i process infiammatori no possono portare a fenomeni di degenerazione cellulare con 'insorgenza Gi neoplasie dell’apparato respiratorio, GLI EPITELE COMPOSTI Epitelio pavimentoso composto che si pud presentare in due forme diverse con ¢ senza strato comeo a ia loeelizzazione i ambiente secco ('EPIDERMIDE) o in ambiente umido. Sono epitei formati da pid starti di cell # Gi eui solo il primo prende contatto con la memb basale assicurando l'ancoraggio dell’epitelio al connettivo, questo strato & I cubiche che costituiscono anche il compartimento germinativo di tutto quanto Pepitelio. Al di sopra troviamo pitt strat di mente poliedriche che costituiscone lo strato intermedi che pub essere da zona a zona piii o meno spesso, come ultimo strato roviemo celisle pavimentose che danno il nome all'epiteli. Eccezione fa V'epidermide nella quale troviamo al di sopra dello strato entaso un ulteriore strato di cellule morte dette squame cornee. L'ESOFAGO ¢ Ia CAVITA’VAGINALE sono organi in cui la funzione di rivestimento ¢ protezione dalle lesioni meccaniche viene cspletata da questo tipo di epitelio, estremamente spesso € resistente. Qui essendo Vepitelio situato in ambiente umido, non presenta sguame comee al di sopea dello strato pavimentaso ¢ le cel di gest'ultimo sono perfettamente funzionanti. In caviti vaginale le cellule ‘9 pavimentoso presentano la caratteristica di distaccarsi e vengono espulse con i fluidi vaginali, secondo un tum over ico. Questa caratteristica & sfruttata per Peffettuazione det pap test che serve per la diagnosi precoce del tumore della cervice. OGIA LEZIONE § GLI EPITELI PAVIMENTOSI COMPOST! Epitelio pavimentoso composto che si pud presentare in due forme diverse con ¢ senza sno a seconda della localizeazione in ambiente secco (l'EPIDERMIDE) o in ambiente umido. Sono epiteli formati da pit stati soxrapposti di eu solo il primo prende contatto con la memb basale assicurando l’ancoraggio dell’epitelio al connettivo, questo fatto Gi cell eubiehe che costituiscono anche il compartimento germinativo di tutto quanto lepitelio. Al di sopra troviamo pitt i cell regolarmente poliedriche che costituiscono lo strato intermedio che pud essere da zona a zona pitt o meno spesso, come iim strato roviamo cellule pavimentose che danno il nome all’epitelio, Eccezione fa l'epidermide nella quale troviamo al di sopra snp pavimmentose tn ulteriore strate di eallale morte deste sepnrme L'ESOFAGO ¢ la CAVITA’VAGINALE sono organi in cui la funzione di rivestimento e protezione dalle lesion! me. espletata da questo tipo di epitelio, estremamente spesso ¢ resistente, Qui essendo lepitelio situato in ambiente umide. non presents spsome womee ot supe dette ate pavimnions © le sat Gi gust ulime sone perfewamente fanzionant, in cavité vaginale (e cellule dello strato pavimentoso presentano Ia caratteristica di distaccarsi e vengono espulse con i fluidi vaginalt, secondo un sir 0% fisiologico. Questa carateristica é sfruttata per Peffettuazione del pap test che serve per la diagnosi precoce del tumare cel co La cute (strato comeo?), epidermide e il derma possono essere pit spessi in alcune zone del corpo, in quelle zone e stimolo meccanico e la porzione ispessita oltre che allo strato epidermico é rferita anche allo strato comeo, Considerando fe varie funzioni dell’epidermide, ripetiamo come tra derma e tessuto connettivo sottostante, ove gli sono pit fort, le giunzioni si presentino come papille(?) La composizione cellulare dell’epidermide & varia: 1. CHERATOCTTI 2. MELANOCITI 3. CELLULE DILANGHERANS 4 CELLULE DI MERKEL ‘Sono 4 popolazioni cellular’ che collaborano a portare a termine le funzioni dell’epidermide, I cheratociti sono le cellule vere e proprie dell’epidermide, che dalla formazione nel compartimento germinativo risalgono i spostandosi dallo strato basale al pavimentoso portando avanti la cosiddeta CITOMORFOSI CORNEA, differenzizncos! vitali in squame comee cadendo poi sotto la spinta delle nuve cellule che si formano e risalgono gli stati CITOMORFOSI CORNA: STRATO BASALE CUBICO SPINTE DALLE CELLULE CHE VIA VIA SI DIFFERENZIANO MUTANO DI RIEMPIONO DI CHERATINA, PERDONO LE CARATTERISTICHE TIPICHE CELLULARI, SI STACCANO DALLE GIUNZION’ (CHERATOCINICHE?) E COME SQUAME CORNEE RIMANGONO ADESE UN PO" ALL’EPIDERMIDE E POI CADONO. tempo di spostamento dallo strato a quello comeo & di circa 20/30 gg, questo é il rinnovo fisiologico dell'epidermide. Lo strato basale, cellule tute poggianti sulla memb basale, cellule tipiche da cui partono le divisioni in cui una cellula resi Vraltraperde il contatto con la memb basale rompenda le giunzioni (2) ¢ comincia ad essere spinta negli strat sovrastanti comin 10 percorso per diventare squama comea, Quali sono le manifestazioni di questo differenziamento? Gia nelto strato basale le cellule destinate a spostarsi e cominciare la differenziazione perdono i connotati di cellule accumulano nel proprio citoplasma i TONOFILAMENTI (sono filamenti intermedi delle cellule epiteliali costruiti com uns proteins che si pud presentare sotto forme diverse, che é la cheratina, Qui troviamo i cheratociti cubici basali che cominciano ad claborare questa proteina sottoforma di tonotilamenti © « ccumularla nel citoplasma, Perdono I'attacco alla memb basale € questo vuol dire salire perché altre cellule I spingono ‘passono cosi nello STRATO SPINOSO, un insieme di strati sovrapposti dove V'epidermide é pit spessa, gli strati sono pitt numerosi Nello strato spinoso i cheratociti diventano poliedrici e non hanno pitt la superficie liscia, ma con tante protuberanze ch contatto con lembi simili di citoplasma tramite desmosomi. | cheratocit, cambiano forma assumendo queste spine quindi sono le cell ad essere spinose, si crea cosi tra questo cellule connesse con desmosomi, che sono le giunzioni tipiche meccaniche di ancoraggio verso cui i tonofilamenti si dirigoso ¢ quisdi & un sistema sinergico ed elastico che ammortizza i vari uri meccanici che vengono prodotti sulla superficie dell'epidermide. Si crea un labirinto tra le cell che permette una migliore permeabilité dello strato, visto che la sorgente di ossigeno © il metab. stanno nel connettivo. Questo & uno strato a volte molto spesso che facilitano il fluire dei Aluidi biologici che porano ossig metabolici per un migliore tofismo epidermico. ‘Mentre risalgono lo strato spinoso, aumenta il tono dei tonofilamenti che si appiccicano tra di loro wamite una proveine 2 strutture piil grosse di diametro dette TONOFIBRILLE. La cheratina, continua ad accumularsi in queste cellule © le prot ‘membrana vengono prodotte e appiccicate sul versante citoplasmatico della membrana a riforzarlo e @ limitarle la capacita di scambio inoltte dei granuli, contenenti lipidi, vengono fabbricati dall'apparato di Golgi ¢ hanno grande ruolo nell'impermeabilszzez one dell’epidermide. Cosi si sale di strato in strato e continua il differenziamento finché la cellula tende a diventare piatta assumendo, Ia caratteristcs forms apavimentsa, siamo arrivati al cosiddetto STRATO GRANULOSO, i cheratocit, richi ormai di tonofibille, verniciano queste strutture amo" di filamenti grossi e spessi co uurvaltra proteina che hanno fabbricato (testino cina?), che & un ulteriore appoggio alla cheratina e rende Ja squama molto resis ‘morbida, E’ tipico questo strato all’epidermide, mentre nelle unghie sara cheratina dura perché gli manea apport di guest J granuli lamellai,ricchi di lipidi, vengono esogitat nello spazio tra le cellule che tende a chiudersi, non ci sono pit: spin, ie cell so mattonelline espanse in superticie soutilie robusti che chiudono gli spazi tra di loro con giunzioni occludenti, quindi si limsta qual tipo di passaggio di sostanza e si depista tutto con i lipid. L’epidermide a questo punto é impermeabile, Scambia fa liquidi, ommai si catena una serie di eventi che fanno decidere alla cellula di andare in apoptasi, perdono il nnucleo gli orgemu innova piu niente quale comea che perdura nello strato comeo con elemento sinergico con alti,verniciato dai lipidi negli sit ‘ma poi libero da ogni legame(anche i desmosomi o le giunzioni si sono perse perche non piu rinnovate)-Tende a cadere con strofirament 0 varie forze che si hanno in superficie Dallo strato basale-> le cellule cubiche “Psi passa adese alla membrana, sono le cellule d compartimento germinativo che garantiscono I'adesione al resto dell’organismo.Alcune cellule cominciano a differenziarsi ¢ v accumnulano i tonofilamenti,salgono,diventano spinose,i tonofilamenti si ispessiscono in tonofibrille,i granuli lamellar, Sisle mcr laa allo Seto ranloo in ul tool vengao vermin con echt? che rene asa 1e vengono & ccclent e si va in apaposi nuclei sparisconoliorganl se ne van, oma questa da cllla¢ civentataSquoma comes, anche per il fatto che come una corazza ad opera di proteine specifiche si sono depositate lungo tutte le superfici delle momorane lasmetica, irobustendole.La squama comea fa tutto uno con altro costituente del proprio strato, poi mano a mano si isola e cadere ormai priva dei connotaticellulari-( desquamazione). jone istologiea mostra come lo strato basale ha una carateristica in pi rispetto a quelle fin ora descritte:cioé cellule dello strato basale contengone granuli di melanina, un pigmento, quindi ha le carateristiche di incluso che non viene introdotto dai cheratinociti ma ds collule diverse, : melanociti che concedono questi granuli alle cellule vicine, i cheratinociti, conferendo all'epidermide la capaciti di pedire il passaggio dei raggi U.V. che sono mutageni ¢ quindi potenzialmente capaci di dar vita @ mutazioni non opportune all'organismo come:neoplasie. uranuli di melenina sono alla base di un meccanismo di difesa dei raggi U.V.Difesa naturale che si enfatizza com I'esposizione al sole. OCITE: callule localizzate nello strato basale che si inseriscono tra un granulocita e altro, vicini.Non sono uniti da giunzioni con slociti vicini, hanna solo rapporto di contatto. nitd melanica é insieme di un melanocita e di un cheratinocita a cui cede granuli di melanina che via via sintetizza.E” il melanocita cche sintetizaa { granuli.Man mano che il granulocita viene ad avere i granauli dal melanocita vicino, esso se ne serve per difesa come Schemo ai raggt solariMaggiore esposizione di maggior produzione.Man mano che il cheratocita sale,i lisosomi demoliscono la colanina perché & importante che questa difesa sia negli strati pid bassi che difendono il connetivo sottostante e le cellule det comperimenta germinativo, che é quello che deve rimanere integro, 128i sale, queste cellule demoliscono granuli di melanina,la squama comea non ne ha quasi pit, ma caratteristche razziali si che oi Siano individui che possono mantenere negli strati pill superficiali, granuli di melanina, quindi la pelle & pitt Ricordarsi quindi che questi granuli vengono prodotti dai melanociti, cellule diverse dai cheratinociti,dai melanociti vengono passate ai ‘eratinoeiti che man mano che si differenziano demoliscono i granuli di melanina, ANGERANS: La nostra epidermide possiede queste cellule che sono localizzate un po’ pit in alto rispetto al basale,nello strato spinoso.Sono cellule © si insinuano tra i cherstinociti vicini e hanno il significato di cellule di difesa.Attraverso la superficie corporea possono entrare Sostanze strane quindt queste cellule fanno una prima difesa.Fanno parte del sistema dei macrofagi (Qual é Is loro funzione? Qualsiasi sostanza entra nell'epidermide, loro la riconoscono come estranea, ma se la lasciassero passare molto ribimente il nostro sistema di difesa non la riconoscerebbe,allora le captano,la portano dentro nel proprio citoplasma,te complessano so come antigeni di istocompatiblit,ta dispongono come recettore sulla propria membrana ¢ cosi la presentano,migrando ‘verso le Zone guste ilinfociti, facendole riconascere e quindi per questo fanno parte, all’interno dei macrofagi, delle cosiddette “cellule oresentant all satigene” jntendendasi per antigeni una sostenza estranea e per cellula presentante la cellula che liriconosce;larielabora © spingono sulla membrana poiché il linfocita se ne accorga.Quindi & un meccanismo di difese.Le cellule di langerans come prima MERKEL: Sono celfule immerse nello stato basale ai cheratinociti, ai melanociti, etc. anno [a caraiteristica di essere uniti con desmosomi alle cellule vicine,cioé ai cheratinaciti, poi vengono in streto contatto con una crminazione nervosa cle @ md di coppa supera la membrana basale e va, cosisotto la cellula di Merkel.La cella di Merkel,quingi.che & «2 ai cheratinoeit.subisee delle deformazioni uguali a quelle doi cheratinociti che vengono sollecitati in superficie. Questa sollecitazione meceanica porta questa cellula a produrre delle sostanze che riescono ad eccitare la fibra nervosa producendo una corrente cletrica, ma depolarizzando Ia membrana, che corre fino ai centri e ci informa del tutto-Eeco perché queste cellule sono pitt numerose in zone come i polpastrelli,contorno delle labbra. Cellule Merkel come recettori tattili:stanello strato basale ¢ st unita alle giunzioni desmosomiche dei cheratinociti vicni,¢ in stetto contatto per vieinanza di membrana, con una terminazione nervosa che proviene dai centri, supera la mamb basale e a mo” di coppa si -ga 0 sostiene da vieino le cell di merkel. Recepisce Ia deformazione meccanica, la fibra nervosa porta una corrente elettrica che & una cell di merkel percepisce lo stimolo /deformazione dellepidermide ¢ produce una sostanza che stimola la fiba nervosa che porta, UARIGIONE DI UNA FERITA i ingende un danno che viene portato solo all’epidermide a memb basale intata. Quando si ha questo tpo di feria, le cell si ‘orin9 ni margini dell epidermide laddove si &rotta la continuitie si dispongono a ripristinare lo strato basale che & quello importante; I! Ie division! ricostruiscono tutto To spessore dell’epidermide. IT! RANSIZIONE Coinposio de due stati sovrapposi uno di cll basali dove oltre alle cell eubiche del compart. Germinat. Ce ne sono alre pit alte a clava, : sopra oi si lacelizzano le cel ad ombrello, perché viste isolate mostrano un margine a cupola sono bi o tetranucleate per plasmodio, Sono eel! granci che possono ricaprite parecchie cellule sotostanti,e questesottostanti a clava hanno una parte pit slargata, che prende relazione con ie stecchettaure delle cellule ad ombrello, quindi immaginiamo un epitelio di superficie che ha cell cubiche con mpartinento germinativo, cell a calava pagiant lla memb basal e cell ad ombrello Questo epitelio & deto di transizione perché riesee a passare da questa forma rlassta della parctea cu fa da rivestimento ad una forma Siraia¢ci6 8 dovuto alla necessita dellepidermide che riveste intermamente Porg cavo(p.e. la vescic) a seguire Ie distensione © quste he erano alte si abbassano e diventao cubiche le cell ad ombrello si appattiscono e ricoprono mole cell di sotto eVepitetio soassato progressivamente seguendo quest transizione della derivati da precursor loca Quali sono le cellule derivate da precursor lacali?I ibroblasti e Rbroci fibroblast e gli adfpociti. La cellula steminale che rimane come compartimento _germinativo e' fa cellula mesenchimale che resta anche nelladulto attoro ai vasi sanguigni >drivati da precursori ematogeni Le cellule derivate da precursori ematogeni sono i macrofagl, i mastoeitl le plasmacellule. Inolte in questi connettivi troviamo anche leueociti riconoscibili come tali cioé cellule provenienti dai vasi sanguigni che mantengono la strutura che avevano in cireolo e non subiscono modificazioni,differenziamenti a livello del connettive, FIBROBLASTI-FIBROCITI questo termine indica lo stesso tipo cellulare derivante dal mesenchima in moment! funzionali diversi I fibroblasta produce attivamente tutte le componenti della sostanaa intercellulare, produce le fibre, produce le component (tropoglicani, gag e le glicoproteine della sostanza fondamentale anista) € ne regola il joro turn- over anche se & molto lungo nel tempo perché sono elementi molto stabil, tut’al piit vengono rimanegeiati. IL fibeoblasto ricorda molto la celfula mesenchimale formando un citoreticolo anch’essa, ma nelle maglie c'e' una sostanza intercellulare da esse fabbricate ¢ regolate. E" ricco di organuli proprio perché c’é un intesa sintesi di proteine © slicoproteine come componenti della matrice. Quando Tattivta del fibroblasto termina si riduce a ftbrociza ciot una cellula che riduce motto il suo corredo di organulie si limita al lento turn-over delle component git fabbricate e come vita molto lunga. Quando i tessuti connettivi propriamente detti sono ricchi di fibroblasti?durante lo sviluppo (perché va bricato, Tacerescimento (perché il tessuto va cresciuta),poi nell’ adulto la maggior parte sono fibrociti pronti a ridiventare fibroblast cios ceil ative, qualora il tessuto venga leso. Per esempio, durante il trauma o una malattia, il sistema fa le eicatrici connettivai o a sostitu tessuti, ecco che ci sono richiami a ridifferenziarsiin fibroblast, e quando questo non basta dal mesenchima, dalle cellule mesenchim ‘icino ai vasi capillai, si differenziano di nuovi. Ecco qui, da parte dei fibroblast la produzione di tutte le component della sostanza intercellulare. Durante la guarigione di una ferita ce’ un momento in cui dal fibroblast si differenziano in, cosi det, mioiTbroblast cioe cellule con requisiti del fibroblasto, ma pongono un epparato contrattile sviluppato per cui queste cellule funzionano un po’ come celle ‘musealarilisce ADIPOCITI: sono il terzo tipo di cellule differenziate dalle cellule mesenchimali, si possono ritrovare in 2 morfologie diverse a seconda che Vimmagazzinamento dei grass, trigliceridi, sia tutto in wn accumula o in pit accumuli. Poiché questi accuruli di grasso Vistologo spesso li slubilizza, si vede Timmagine negativa, da cui il nome adipocita multivaculato o multivaculare © adipocita ‘monovaculato © mononucleare, Perché questi nomi che indicano spazio vuoti? perché gli accumu i grasso nellimmagine al microscopio sono spesso solubilizzate quindi appaiano immagini bianche,vuote, da qui i nomi, Cellule derivate da precursori ematogeni, significa che la cellula mesenchimale ha formato il midolfo, il midollo ha dato origine agli elementi del sangue, questi attraversano lendotelio, vanno nel comnettivo e si ‘acrofagi, mastocitio in plasmacellul. siinnalzeno quando uno he la mononucleosi. Questi monocitiatraversano la parete endotelale vanno nel iva e iano in macrofagi, cellule dela difesa, ed esplicano la funzione della difesa go cilschine cio’ sostanze che richiamano altre cellule della difesafattori di crescita per la stanza intercelulare e azione antibatterica, ma soprattuto attuano la fagocitosi la digestione con gli imi lisosomiali. 11 macrofago pud essere fisso, ancorato alle fibre del connettive, ma pud essere Fichiamato, come Pollicino che lasciava le bricioline, da dei mediatori chimici nelle zone dove si deve le funzione di difesa attraverso la fagocitosi. Ecco quindi che si stacca e segue, con movimento ameboide, questo percorso (si MOTASSD e arrva laddove esplichera la propria funzione. I macrofazi sono cellule molto eterogenee perché, a seconda delfambiente in cui il macrofago e localizzato, faranno la digestione di sostanze diverse. Il mactofago & una cellula con tante protwberanze (lamellopodi(?)) che gli servono per aderire a substrati molto diversi e ricca di lisosomi che attaccheranno_le sostanze cercheranno di distruggerle. Nel caso di corp lipidici ci pud essere una problematica, quella di rimanere all'intemo come ‘nici. Altro esempio: nell’alveolo polmonare: i macrofago scorre, mutando forma attraverso il movimento, nello strato conciizione, nel conneltivo sottostante e inglobando il materiale di scarto. Esempio: nella milza il macrofago digerisce globuli rossi 1 ma la digestione porta il corpo tesiduo con il ferro perché i lisosomi non lo digeriscono, e si accumula nel citoplasma. In questo ci sari un meccanisme di recupero di questa sostanza, ccosi ahbiamo visto il macrofago come cellula adibita alla difesa, Di fatto i macrofegi sono pit si parla di SISTEMA DEI MACROFAGTI che intende una superfamiglia di cellule allorigine dal monocita del saneue (> ) dalla difesa attraverso il rilascio di queste a 1 ingoctosila digestions lsosomiale inema o estema o la capacta di mesentare Tantigene j che questo sistema si ariechisoe oltre dei macrofgi ci rt itessut i tat gi organi, porta cites verso sostanze diverse, delle cellule presentants fantigene di cui abbismo visto I'esempio cllule del tessuto osseo,della microglia essere cellule del tessuto nervoso. Tutte cellule la funzione e€ da quelforigine anche se si diversificano nella modalita con cui ‘9 cho sono alla base di processi di difesa soprattutto nelle sindrome allergiche, sono infati Ic cellule fanogranuli (MEDIATORD contenenti ¢parina ed istamina che sono sostanze anticoagulanti, sie, ¢ vasodilatatrici che portano il nostro organismo, insieme a molecole di tipo citochine generate durante la risposta.a riconoscere come estranee determinate sostanze, li allergeni, che possono essere Givers! da un individuo all'altro,uno pud essere allergico a niente, chi al polline, alle graminacee, profumi perché lorganismo di queste persone riconosce queste sostanze come estranee, avverte il sistema difensivo che una ‘enirata nellorganismo, i mastocitiliberano istamina ed eparina i quali danno origine a una serie di eventi come iporprocuzione di muco per esempio.o edema per passaggio di acqua nei tessuti, fino alla risposta pit acuta che e' lo shock, che se non si attivano rapidamente delle metodiche drastiche T'individuo muore. Le reazione allergiche si blocea prendendo un antistaminico. SMACELLULE:derivano per differenziamento dalle cellule del sangue che sono i linfociti Bj infociti B riconoscono antigeni specific, si dividono tante volte, vanno nel connettivo dove si 4ifferenziano in cellule effetrii (Ie plasmacellule) che su preciso disegno di recettori di membrana hanno riconosciuto Vantigene, fabbricano anticorpi specifici contro quellantigene. Sono quelle cellule datete ee ®) @ ®. fo, si possono ricordare: ie albumine, importanti perché una loro variazione porta sempre ad un jamo di aequa da un versante all'alto e, negativa da questo punto di vista, ¢ il «df arqua nei tessuti, con formazione di edemi; Te globuline, tra cui le gammaglobuline che sono gli anticorpi ed abbiamo sore prodotte da cellule differenziatesi nel connettivo, ma derivanti da ‘ori ematici. Gli anticorpi mediano I'immunité umorale; cieine della coagulazione e le proteine del complemento che sono ‘ome delle proteine che ei danno 'indicazione dei fenomeni di difesa, organiche quali Ie proteine ¢ i lipidi. Tra le proteine, in massima parte prodotte dal a = Plasma 55% elle 45 i lipid: 1 tassi ematici ei indicano lequilibrio che il nostro organismo sa tenere in relazione a queste sostanze. dato importante & che tra plasma ed element figuratiesiste un rapporto quantitativo che & indice di buona funzionalitd. Questo ‘valore ematocrito” e ci dice che il plasma corrisponde circa al 35%, mentre gli elementi figurati sono il 45%, di cui il 0 da globuli rossi ¢ dalle piastrine ¢, solo una minima parte, ¢ data dai globult bianchi. Qualunque variazione di questo ‘9, vuoi della firnzionalita del nostra midalta, vuoi di situaviont neriferiche e, ultimamente. & stato indice sebhene ‘molto generale, di rilevazione di processi di doping poiché qualunque sostanza (per esempio Weritropoietina che innalza la midollare per incrementare le potenzialitafisiche) viene rivelata da questa peroentuale. Prendiamo in considerazione gli elementi figurati che sono suddivisi in globuli rossi, globuli bianchi o leucociti e piastr | globuli bianchi sono a loro volta suddivisi in due categorie: i leucocitio globuli bianchi gramulosie i globuli Bianchi non gr Trai gramulosi abbiamo i granulociti divisi in tre categorie a seconda delle affinita tntoriali specifiche in noutrofili, aci¢o‘il Quelli non granulosi, anche se granuli ne hanno, non hanno granuli specifici,e sono i monociti edi linfoeiti. Infine le piastrine Bisogna sapere |e dimensioni degli clementi figurati del sangue, le concentrazioni per millimetto cubo perché ogni variazione in silo in atologia_o comungue di funzionalita non perfetia e le caratteristiche morfologiche che sono alla base della ‘comprensione della funzione. sangue ¢ una delle domande che all'orale avremo quasi tut 1 GLOBULI ROSSI Partiamo dai globuli rossi: il diametro @ ai circa 7,2 micrometsi, con concentrazione di circa 5 milioni per millimetro cubo nell’uomo ¢ 4,5 milioni per millimetro cubo nella donna, quindi vi & tuna diversta trai due sessi Le caratteristche sono le seguenti \ i globuli rossi sono degli clementi a differenziamento ultimo; sono privi di nucleo e di organuli quando sono pienamente maturi sono costiuiti da una membrana molto studiata perché, essendo delle strutare prive di corganuli e di nucieo, si prestano bene ad un certo tipo di indagine. (Lei preferisce chiamarl globuli rossi e non eritociti perché non sono cellule vere e propre). La membrana dei globuli rossi presenta proteine integrali (molto studite per il trasporto di ioni) e glicaproteine di membrana che soso alla base della costituzione genetica dei gruppi sanguigni A, B, 0 ed RH. I citoscheletro, in questa forma cosi diferenziats, mentiene le sue caratteristiche, conferendo ai globuli rossi, une forma particolare, elastcit e plasticita I globuli rossi possono rassere, pur essendo i 7,2 micrometri, anche in sezioni della rete capillare molto pit sottil, di 3-4 micrometti il che vuol dire che sono plastici. I! conte tipico di questo elemento particolare & emoglobina, una cromoprotsina che, in alcune patologie, pud presentare delle snomalie di 8 livello del miollo rosso si posso identifcare cellule dete proerizoblasti come progenitor pitt anziani dei globuli olanti. Quest cellule, ovvero i procrtroblati, attraverso division’ successive, qundi pid generazioni cellular, si ifferenziano. 1 proeritoblesco & una cellula con un nucleo e molt ribosomi, poi comincia a fabbricare tanta emoglobina riducendo i he intanto la febbricano; suecessivamente perde il nucleo , perde gli organuli e diventa globulo rosso, cioé un secchetto con nn membrana estremamente specializata e con il citoscheletro pieno di emoglobina e, a questo punto, ¢ss0 va in circol. E” sizeato da uns forma a fente biconcava. Esiste un periodo in cui i globuli rossi eitcolanti, appena immessi, possono mantenere dei sidui di rbosomi e mitoconéri o porzioni del nucieo © questi sono dei globuli rossi giovani chiamatireticolocti. I reticolociti souo