Sei sulla pagina 1di 2

So chi sei, ma mi manca il tuo nome - n

sempre le parole arrivano agli occhi. Ma


non dare importanza: ci sono altre cose che non
dimenticher mai - le mie braccia ancorate al tuo
corpo, una cecit, e il mondo improvvisamente tanto
piccolo - e queste, tu non lo sai, mi mancano
anche. Il tuo volto, dammelo per un secondo, La
tua bocca, chiaro. Sono tanti gli anni senza te nelle pieghe
della mia gonna, tanta vita custodita per un giorno
cos. Adesso ritorna, dunque. Lascia cadere quel sorriso
delle tue labbra, - nelle mie deve distendersi come
il sole, allimbrunire, quando di nuovo sopra di loro
respirerai con il profumo salato delle maree. Ma
non dire niente del mio corpo stanco - una camicia
destate dimenticata sulla spiaggia, e labito sempre
il meno, tanto fa. Non vedi chi sono? Il tempo
non pu aver castigato solo il mio sguardo. Vieni
pi vicino e spia adagio: sono tanti gli anni
senza le tue braccia nelle maniche del mio vestito,
tanto sangue custodito nelle vene per una notte
cos. E tu gi te ne vai?
Maria do Rosrio Pedreira
SHUNTARO TANIKAWA
IL BACIO
Non appena si chiudono gli occhi, scompare il mondo,
solo il peso della tenerezza mi assicura linfinito.
Il silenzio si tramuta in una notte calma
ci avvolge come una promessa,
e non c niente di strano,
se non la dolce lontananza che ci circonda
e che per caso ci lascia soli.
Cerchiamo assieme
un modo pi sicuro che guardare o parlare
e lo scopriamo
quando perdiamo noi stessi.
Mi domando che cosa tenti di rassicurare
la tenerezza che torna da un lungo viaggio.
Parole perdute in un silenzio espiato,
ora respiri appena.

In realt, gi eri la stessa mia vita...


E tuttavia anche queste parole sono punibili
in questo momento in cui la tenerezza riempie il mondo
e io mi prostro per poter vivere in esso.
Voglio che tu venga da me senza passato... le frasi che hai imparato dimenticale!
Dimentica di aver frequentato altri luoghi, altre stanze da letto, vieni da me come se
fosse la prima volta... non dire ti amo fino al giorno in cui non me lo dimostri".
Jeanette Winterson
dal libro "Scritto sul corpo" di Jeanette Winterson