Sei sulla pagina 1di 9
Ass, R.G, 33/2010 eee REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE D’APPELLO DI GENOVA ss}oc)s ) ‘Sezione it Civile As3zu\is Composto dai Magistrat: Dott. VIRGINIA SANGIUOLO pu ci i Dott. ANGELA LATELLA ean ret. Dott. FRANCA MAGANZA Consigiiere. hha pronunciato la seguente oe ed” SENTENZA 2 sepals ete (ORB OPS, nella causa civile in grado d’appello promossa: Y PN. APPELLANTE ‘eontre BANCA MONEE BE RABIN BI SIENA S.p.A., con sede in Sieae, in persona del legale rappresentante Rosario D'Amato, elettivamente domiciliato in Genova Via Fiasella 10/5, foro di Firenze per mandato in atti, APPELLATA -Appellante incidentale CONCLUSION PectAnpeliante: “Vogiia ta Corte & Appelt: 1. In via principale riconoscere dichiarare la nullita del contratto di compravendita e/o collo~ camento delle obbligazioni per cui @ causa per violazione delle norme imperative di cui al TUF ¢ ih relazione alart. 1418 c.c. condennando, per effetto, la banca convenuta alla resti- tuzione integrale della somma di € 15.133,76, oltre interessi e rivalutazione monetaria. 2, In via subordinata, riconoscere ¢ dichiarare fannullamento del medesimo contratto ai sensi deli'articolo 1427 @ sequenti c.c., condannando, per Feffetto, ta Banca convenuta alla restitu- one integrate della somma di € 15.133,76, oltre intereasie rivaltazione monetaria, 3. In via ulteriore subordinata, riconoscere e dichiarare il grave inadempimento della Banca convenuta, per tut i comportamenti post in essere alfatte della colocazione delle obbliga- Zioni, @ risolvere il contratto de quo, nonché, per feffetto condannare la Banca convenuta alia | a » Fimo Det OLCESE MARIA ORISTINA Emesso Dx POSTECOM CA2 Sei 21 restituzione delfinvestimento ¢ comunque al risarcimento del danno pari ala somma investi- 1a, ore interessi e'rivalutazione monetaria. 4. In ogni caso, accertare e dichiarare che i comportamento della Banca ha integrato un ile- Cito civile e/o penale @, per Teffetto, condannare la convenute al risarcimento dei danni patri- ‘moniali consistenti nella restituzione della somma corrisposta per Bond, oltre interessi legi Tivalutezione monetaria, ed al risarcimento del danno morale e/o biolagico ed esistenziale, ‘che si indica, in via equitatva in € 10,000,00. {ogni caso con condanna dl spese, competenze ed onorari di entrambi i gradi dh giudizio* Par 'Appeltata, “Voglia "Ece.ma Corte c'Appelio di Genova, disattesa ogni contraria istanza, deduzione ed ‘eccezione cos! disporre: Nel _merito: respingere Vappelio proposto da Missi Giuseppe avwerso la sentenza n. 421/2008 poiché infondato in fatto ed in dirto, con conferma in ogni sua parte delle sentenza N. 4212008 emesda del Tribunale di Massa in composizione monocratica, pubblicata in data 227812008, non notiicata. {in ogni caso respingere le domande tutte formulate da Mima Giuseppe nei confronti dela Banca Whenbe-tet Pasel & Sines S.p A. poichs infondate in fato ed in dirt. In.via ingidentale concizionata: in ipotesi denegata in cui 'Ecc.ma Corte acita dovesse ritene- ‘e fondata una delle domande avversarie, condannare il sig. Misstaal Giuseppe alla resttu- Zione alla Banca Manis dei Beast et Siena S p.A. del titolo Citio Fin. 7.5% per nominali Euro 18.133,76=, oltre le cedole incassate per Euro 984,88= nonché gi interesel legall dala data del versamento del saldo ed ogni altra somma eventualmente percepite in relazione al pos- 52580 dei titoli oggetto di causa, Con vittoria di spese, dint ed onorar." SVOLGIMENTO DEL PROCESSO Con sentenza n. 421 del 22/6/2008, i Tribunale i Massa, definendo i giudizo, respingeva le domande proposte dalfattore Mme Giuseppe nei confronti della convenuta Banca ‘Wanaana S.p.A., compensando le spese processual. Awerso tale sentenza, MGRMIEID @HN8OBRE ha interposte sppello, con atto rituslmente otifcato @ mezzo posta alo LMMOMMONNE BEOAREM Bt EMA SpA. cid Banca Te ‘sense S.p.A., con il quale ha chiesto, per i motivi di cui infra, quanto in epigrate trascrito, Si costituta rituelmente BANCA MDE BM BueGeel Bt S¥BHHA S.p.A., con comparsa di ri ‘sposta, resistendo al appeto di cui ha chiesto i rigetto, formulando alires! appello incidentale ccondizionato al fine di ottenere, in caso di accogimento di una delle domande avversarie, le Festituzione dei ttoli ¢ dalle cedole, nonché git interessi legali dalla data del versamento al sido, Fenato Da OLGESE MARIA GRISTINA Emesso Gu POSTEGOW CA2 Seal 02 =” Precisate le conciusioni come in epigrafe all-ucienza del 22/1/2016, ta causa é stata tratienu- ta in decisione, alla scaderza dei termini per i deposito delle conclusionall © repliche. MOTIVI DELLA DECISIONE ‘Con un unico articolato motivo d'appello, tlestatit Giuseppe si duale del igetto della doman- da risarctoria eulfassunto dell adempimento da parte delia banca al dovere degil obblighi in- {formativi, Lamenta, in particolare, Ferronea valutazione della prova testimoniale, ta violazione ‘© omesea e/o erronea applicazione degli art. 21 23 comma 6 del TUF e degli art. 26, 28 ¢ 29 del Regolamento Consob 12.52/88, nonché omesso esame e valutazione del documento 1. 3 allegato ala 1" memoria ex articolo 183 depositata i 16/11/2004, motive nefa sua articolazione & fordato. | tribunale di Massa nel respingere anche la domanda volta all'acoertamento deifinadempi- mento contrattuale argomenta che “la veriica circa la realizzazione dei relativi obblighi in ca- po al prestatore del servizio finanziario sugli ordini di acquisto di cul trattasl non sembra nella specie evidenziare eventuali difeti di preventiva informazione del cliente circa la natura delfoperazione @ te caratteristiche del prodotto finanziario, quali alfepoca conosciute e cono- ‘scibit in capo alfiattuto di credito, con esclusione di qualsiasi ipotesi di basso profilo di rischio roollegabile @ al contratto-quadro e alla specifica operazione di cui trattasi secondo fe indica Zion contenute nei relativi document agi at..." Con.tale stringata e lacunosa argomentazione, i! primo giudice ha, innanzitutto, violato la norma di cui alferticolo 23 det TUF (pur nella formutazione al'epoca vigente) secondo cui Noi giucizi at risarcimento dei danni cagionati al cliente netio svoigimento det servizi di inve- stimento e di quelli accessor, spetta ai soggetti abiltatifonere delta prova di aver agito con la specifica diligencza richiesta.". Secondo tale discipfina non si tratta, dunque, di verificare gene- ricamente se emeryano violazioni, quanto piuttosto di verificare se Tintermediario abbia _adempiuto al proprio onere probatorio in punto specifica diigenza richiesta, Esaminando, a questo punto, quale sia il comportamento che rintermediario deve tenere per ‘poter ntenere rispetiali | propri obbiighi, va ricordato tarticolo 21 del TUF. che dispone (sem- ‘pre nel testo in vigore al momento dei operszione di cui sitratta):" Art. 21 (Crtteri generali) 1. Nella prestazione dei servizi di investimento @ accessor i soggett abiltat devono: '8) comporterei con diigenza, covettezza ¢ trasparenza, neifinteresse dei clenti © per Finte- rth dei mercati; b) acquitire fe informazioni necessarie dai cient! e operare in modo che essi siano sempre adeguatamente informa; ©) organizzersi in modo tale da ridurre ai minimo it rischio di confit! dl interesse e, In situazio- 1 di confito, agire in modo da assicurare comunque ai cient! trasparenza ed equo tratia- mento; rao Da: OLCESE MARIA CRISTINA Emaeso Os: POSTECOM CA? Sea: 2221 » 4) diaporre di risorse e procedura, anche di controllo interno, idonee ad assicurare lefficiente ‘svolgimento dei servizi”. ‘Andande ancor pit nel dettaglo i Regolamento Conaob prevede allarticolo 26 (Regole gene- ‘al di comportamento) fra Faltro che gi intermediari autorizzati, nelfinteresse degli investtori € delintegrta de! mercato mobiiare: “a) operano in modo indipendente © coerente con i prin- pie le regole generali del Testo Unico;” ed ancora che “e) acquisiscono una conoscenza degli strumenti finanziar, dei servizi nonché dei prodotti diversi dat servizi di investimento, Proprio di terz, da essi stessi offerti, adegusta ai tipo di prestazione da fori”, {W successive articolo 28, inoltre, dispone: “Art, 28 (Informazioni tra git intermediari e gil inve- stitor) 1. Prima della stipulazione del contratto oi gestion e di consulenza in materia di inve- stimenti ¢ delfnizio della prestazione del servis al investimento e dei serviei aocessori a qua- sti collegat, gl intermedian\ autorizzati devono: a) chiedere alinvestitore notizie circa fa su esperienza in materia di investiment in srumenti finenzian, la sua situezione finanziaria, | suoi obietti di investimento, nonché circa ta sua ropensione al rischio, eventual rifuto di fomire le notizie richieste deve risutare dal contratto di cui al successive articolo 30, owero da apposita dichiarazione sottoscrita dalrinvestitore; ©) consegnare agli investitr it documento sui rischi general degli investimenti in strumertif- nanziar di cui aifAllegato n. 3 2. Git Intermediari autorzzati non possono effettuare o consigliare opérazioni o prestare il ‘servizio di gestione se non dopo aver forito aifinvestitore informazioni adeguate suila natura, ‘ui rishi e sulle implicazioni della specifies operazione o del servizio, a cui conoscenza sia ecessaria per effettuare consapevol scete di investimento o disinvestimento*. Infine, per ricordare le norme che Fappellante assume lese nella foro interpretazione, norme cche regolano il rapporto contrattuale esistito fra le odiome parti terticole 29 del Regolamento Prevede: “Art, 29 (Operazioni non adeguate) 1. Gil intermediar! autorizzati si astengono dalfeffettuare con o per conto deg investitori ope- razioni non ‘adequate per tipologia, oggetio, frequenza o dimensione. 2. Aifini di cui al comma 1, gt intermediari sutorizzatitengono conto delle informazioni di cui ‘it aricolo 28 © di ogni attra informazione disponibile in relazione ai servizi prestati. 3. Gi imtermediari autorizzati, quando ricevano da un investitore disposizioni relative ad una ‘operazione non adeguata, fo informano di tale circostanza e delle ragioni per cui non & oppor- tuno procedere alla sua esecuzione. Qualora investitore intenda comurique dare corso alfo- PPerazione, gli intermediari autorzzafi possono eseguire Foperazione stessa solo sla base di Lun ordine impartito per iscritto owero, nel caso di ordini telefonici, registrato su nastro ma- 4 rma Os OLCESE MARIA CRISTINA Ernesto Da: POSTECOM CAZ Seri 40521 » {anetico 0 su altro supporte equivalents, in cul sia fatto esplicito riferimento alle awertenze ri- ceavute.” Di fronte 8 questo panorama normativo volto alla tutela delFinvestitore, Fesame del giudice avrebbe dovuto essere ben pit: puntuate ci quanto in realta awenuto, manifestando un vizio