Sei sulla pagina 1di 2

AL SIGNOR PRESIDENTE DEL CONSIGLIO REGIONALE

INTERPELLANZA

L’Aquila, 6.5.2015

Oggetto:

PESCARA"

SITUAZIONE ATTUALE GESTIONE COMPLESSO SPORTIVO "LE NAIADI -

Il sottoscritto consigliere regionale

Premesso che:

- In riferimento all'interrogazione R.O. n. 17 a firma del sottoscritto del 22/10/2014 recante:

bando di gara per la gestione del Complesso sportivo "Le Naiadi" - Pescara, ed al conseguente rapporto informativo predisposto congiuntamente dal Servizio Sviluppo del Turismo e dal servizio Gestione Patrimonio Immobiliare a firma della Dott.ssa Eliana Marcantonio Prot. RA 312331DD, dove espressamente a pag. 4/4 tra le altre affermazioni si riportava:

- Alla luce del suddetto quadro, per asserire con certezza che lo svolgimento delle attività

da parte delle associazioni integri subappalto, cessione di godimento o di servizi in violazione dell'art. 15, occorre accertare le specifiche modalità di svolgimento e la ricorrenza di specifici elementi e condizioni , quali lo spostamento sulle associazioni delle funzioni e compiti propri del concessionario secondo le disposizioni contrattuali. Alla luce di quanto sopra, ed in considerazione della gravità delle conseguenze connesse all'accertamento delle violazioni prospettate, la risposta alla presente interrogazione richiede necessariamente approfondimenti istruttori, con interessamento del Commissario Liquidatore dell'AST per il periodo di competenza e, per l'attuale periodo di competenza regionale, anche in contraddittorio con il Concessionario e con le Associazioni che operano nella struttura". Ciò per verificare e valutare:

Se, in effetti, la modalità di utilizzo del complesso e di svolgimento delle attività da parte delle associazioni si stata o sia tale da configurare le fattispecie di cui all'art. 15 e conseguentemente da sanzionare con la decadenza dalla concessione, ovvero siano svolte nell'ambito delle previsioni dell'utilizzo del complesso da parte delle associazioni, così come previsto dall'art. 7; se le predette associazioni abbiano svolto e/o svolgano attività di scuola nuoto, attività di esclusiva competenza del concessionario, ovvero anche attività di scuola per le altre discipline natatorie quali pallanuoto e nuoto sincronizzato, ed in tal caso chiarire se anche tali attività debbano inquadrarsi nella generica accezione di scuola nuoto e, quindi, rientrare nell'esclusiva competenza del concessionario. I predetti accertamenti, sono affidati alle Direzioni generali competenti che sono state già incaricate della verifica dell'esatto adempimento degli obblighi posti in capo al concessionario. All'esito dei predetti approfondimenti ed accertamenti, si riferirà sulle relative risultanze e, se del caso, sulle determinazioni in ordine alla decadenza della concessione.”

"

- Si consideri inoltre che (sempre per l'oggetto di cui sopra), a seguito dell'incontro fatto in data 4 febbraio scorso, dal sottoscritto, dagli ex dipendenti del concessionario del complesso

Le Naiadi, dai rappresentanti dei genitori degli atleti della pallanuoto, e dal Presidente della società sportiva Bustino, con il Presidente Dott. Luciano D'Alfonso, con il Resp. del Gabinetto di Presidenza Dott. Ernesto Grippo, con l'Ass. Dott. Donato Di Matteo, oltre che con altri incaricati/dirigenti della Regione; ed al successivo incontro fatto in data 12 febbraio dagli ex dipendenti del concessionario del complesso Le Naiadi, dai rappresentanti dei genitori degli atleti della pallanuoto, e dal Presidente della società sportiva Bustino, con i soli incaricati/rappresentanti della Regione Dott. Giancarlo Misantoni e Dott.ssa Manuela De Marzo; ad oggi non si è avuta alcuna concreta chiarificazione in merito a quanto richiesto sull'andamento della verifica degli obblighi del concessionario (si precisa che in merito è stato anche consegnato del materiale sull'oggetto in questione).

- In tal senso, sono state disattese anche le continue sollecitazioni telefoniche e non fatte dagli ex dipendenti e dai rappresentanti dei genitori della pallanuoto i quali da più di un mese richiedono un appuntamento con la presidenza (raccomandata inviata il 31 marzo all'attenzione del Presidente Dott. Luciano D'Alfonso e del suo Resp. di Gabinetto Dott. Ernesto Grippo, e raccomandata inviata il 02 aprile);

- In riferimento dunque a tale rapporto informativo della Regione Abruzzo (come da Prot. sopra indicato), effettuato in data 25 novembre 2014, essendo trascorsi oltre 5 mesi e non avendo ricevuto alcuna notizia in merito, ed in riferimento agli incontri e ai solleciti sopra riportati che al momento non hanno prodotto alcun risultato,

Interpella il Presidente della Giunta e l’assessore competente

1) per sapere sull'esito degli accertamenti richiesti alle direzioni generali competenti incaricate

per le verifiche del caso così come

disposto dal Prot. RA 312331DD;

2) per sapere con certezza se si ritiene di commissariare la gestione del complesso Le Naiadi al fine di ripristinare condizioni di legalità salvaguardando soprattutto i dipendenti che hanno subito il licenziamento;

3) per sapere con certezza se si ritiene o non si ritiene di invocare l'art 16 del capitolato d'oneri per dichiarare decaduta la concessione "per inosservanza del divieto di cessione di cui all'art.

15";

4) per verificare la congruità delle tariffe applicate per la pallanuoto ed in generale per le altre attività sportive;

Il Consigliere Regionale M5S

Domenico Pettinari