Sei sulla pagina 1di 2

Berners Lee T.

"Il web è più che un'innovazione tecnica. L'ho progettato perchè avesse una ricaduta sociale,
perchè aiutasse le persone a collaborare, e non come giocattolo tecnologico. Il fine ultimo del
web è migliorare la nostra esistenza reticolare nel mondo".

Il WEB come modello di interazione


TIM BERNERS LEE è il creatore del World Wide Web.
Egli da la possibilità alle persone di collaborare, di mostrare se stessi al mondo intero
dato che alla rete ci si accede da qualsiasi computer e da ogni parte del mondo.
Sul Web si può trovare qualsiasi tipo di documento permettendo anche di crearne uno
nuovo, interagendo così con chiunque e dando la possibilità di fare insieme nuove
cose, senza dover stare seduti passivamente.
Oggi con la diffusione dei nuovi programmi tra i quali Facebook, l’unità di misura di
internet sta diventando sempre di meno la sola pagina web con le informazioni che
essa contiene, ma sempre di più la persona con la sua rete di relazioni.
A cavallo del duemila è emersa una forma di conversazione basata sull’uso del blog
la quale è asincrona e richiede tempo, mentre con i nuovi strumenti tipo Facebook, la
conversazione pur rimanendo asincrona è molto più semplice da eseguire e sempre
alla portata di tutti.
Il web dà anche nuove opportunità di comunicazione a coloro, purtroppo, affetti da
gravi patologie e portatori di alcuni vari tipi di disfunzioni, e che nella maggior parte
dei casi, non posseggono le capacità per relazionarsi con il mondo che li circonda, ma
che con l’avvento e l’ausilio del web, possono finalmente porre in essere le proprie
capacità e confrontarsi l’un l’altro.
Quindi il web diviene un mezzo per favorire la collaborazione tra i popoli e non solo
un giocattolo tecnologico.
Allo spazio dell’informazione, tutti hanno accesso immediato e intuitivo, infatti la
comunicazione attraverso il sapere audio-visivo potrà rendere possibile a qualsiasi
soggetto, di interagire elettronicamente con la stessa facilità come se lo stesse
facendo di persona.
Quando le macchine avranno le capacità di analizzare i contenuti, i dati sul web e le
transizioni tra computer e persona, la collaborazione si potrà allargare ai computer.
Quando avremo una “rete semantica” che renda ciò possibile, vita e burocrazia non
saranno più gestite dall’uomo, poiché egli fornirà solo l’intuito e l’ispirazione, bensì
da macchine che parleranno tra loro, così finalmente si materializzeranno quegli
agenti intelligenti sognati per decenni.

MADONNA DIANA