Sei sulla pagina 1di 5

Luomo onesto rimane bambino, spiega Shah Rukh Khan

Sabato, 21 dicembre 2013 Shah Rukh Khan

- Daboo Ratnani/DNA Sagittario: Il sagittario non altro che un centauro per met cavallo, per laltra umano. Luomo tende larco in alto, verso il cielo. Ci simboleggia la propensione del Sagittario a superare gli istinti animaleschi orientando i propri pensieri alle divine sfere celesti. I sagittario sono schietti, onesti, diretti e concisi, coraggiosi e generosi. Alcuni di questi forti tratti, tuttavia, nei nostri amici arcieri potrebbero a volte sconfinare nelleccentricit o nella mancanza di tatto. Per quanto sono sinceri, i sagittario sono orgogliosi di saper chiamare le cose col loro nome. Onesti e diretti. Due aggettivi che evocano immagini di integrit e candore. Ho colto al volo lopportunit di scrivere di questi tratti della personalit dato che mi ritengo una persona abbastanza diretta. In realt tutti lo pensano di se stessi. Anche perch lessere diretti uno di quei valori che almeno credo sia sopravvalutato. Quelli che si vantano di essere bruschi nei modi spesso lo sono solo per nascondere che il fatto che in realt sono

scorbutici e, come se non bastasse, la loro brutalit in genere selettiva. La usano come uno strumento per arrogarsi la prerogativa di giudizio, il che non altro che uno dei tanti modi per dire agli altri io sono migliore di te. Sfortunatamente, per chi vive con questo atteggiamento megalomane il futuro ha in serbo un duro colpo! Ho notato che le stesse persone che scelgono di essere brusche nei miei confronti, quando si trovano a dover fare i conti con la realt cambiano completamente faccia e diventano pi melensi alloccorrenza. Mi capita spesso di incontrare queste persone brusche alle feste e di sentirle dire, con una straordinaria presunzione: io non li guardo i film indiani. Non li trovo intellettualmente stimolanti, bla bla bla bla. Pi spesso di quanto non si creda sfoggiano il celebre taglio di capelli alla Amitabh Bachhan, le basette e tutto il resto e se mettono un abito stile Krrish sono sicuro che, se gli alzo la manica, sul braccio ci trovo tatuata la celebre scritta Mera baap chor hai. Ma di questa specie dicotomica c di pi in altri segni zodiacali. Laltra cosa che trovo molto divertente quando qualcuno mi parla in modo diretto di fronte a un gruppetto di spettatori solo per dimostrare di poterlo fare. Vivere una vita totalmente pubblica spesso fa s che le persone vengano da te sentendosi pienamente autorizzate a dire le cose pi disparate e assurde. Alcune volte la cosa ha del tenero, altre invece diventa proprio offensiva. Tenero: Ehi, mia nonna sar felicissima di sapere che ti ho visto. Mi dice sempre Guarda Shah Rukh Khan, pur con cos tanti limiti lavora sempre sodo ed ha sfondato. Carino. Incoraggiante. Sorrido e ringrazio. Porta i miei saluti a tua nonna, ha ragione. Offensivo: Ehi, mia nonna ti adora. Tu per sei cos basso e smilzo. Ma nei film ti effettano per farti sembrare pi bello?. Per nulla carino. Scoraggiante. Non sorrido e proseguo. Ma rieccola da dietro: Ehi, siamo noi che ti abbiamo creato. Vedi di fare un po il MODESTO. Scortese. Maleducata. O solo sbronza. Vorrei tanto girarmi e dirle Ehi, Miss Mostro, grazie al cielo non sei stata tu a crearmi. Ci hanno pensato mio padre e mia madre in una notte romantica, al chiaro di luna. E poi se io sembro smilzo solo perch tu sei una cicciona sciatta e trasandata e perch sei molto MOLESTA. Ma no, non lo faccio. Sono troppo perfido per risponderle per le rime. Piuttosto, continuo a camminare pregando che un piano le piova in testa e gliela mandi in mille pezzi insieme alla borsa in coccodrillo che tiene stretta. Non c niente di bello nellessere offensivi solo per mettere in risalto la propria franchezza. In effetti brutto. Brutto come Miss Mostro. Daltra parte, lonest una delle qualit di appannaggio dei sagittario e delle persone di un certo calibro e di cui devono andare fieri. Ultimamente guardo le notizie alla TV e vedo gente svendere la propria onest, facendone una vera e propria professione redditizia. Dal mio punto di vista non c niente di pi disonesto. Essere onesti significa avere unintegrit interiore. Il che non ha niente a che vedere col dire le cose in faccia alla gente. Si tratta invece dellessere consapevoli del nostro io interiore e attenerci ad esso con la giusta dose di modestia per capire appieno che i fallimenti, la confusione e limperfezione appartengono tanto a noi quanto a qualsiasi altra persona. Non c niente di esibizionista nellessere onesti; in effetti la bellezza di esserlo sta proprio nella sua quieta introversione.

Se ci guardiamo intorno, che siano i politici che chiedono voti, i media che ci chiedono di credere alle loro menzogne, i dibattiti in TV che giudicano gli altri appellandosi unicamente alla propria integrit o anche le pubblicit di alcuni prodotti o le superstar che vendono sogni le persone sono costantemente bombardate dalla richiesta di investire nellonest. Il paradosso sta nel fatto che lintera struttura in cui queste idee ci vengono presentate in effetti intrinsecamente disonesta e a noi aliena. Tutti sanno che, per lo pi, i politici cambieranno le regole del gioco quando ne avranno la possibilit, esattamente come tutti sanno che i media vivono principalmente dei profitti delle pubblicit, che le pubblicit mirano ad aumentare le vendite e che le vite delle superstar non sono cos da sogno. Eppure, tutto questo vende in nome dellonest. quasi come se lintero mondo avesse tacitamente acconsentito a vivere nella menzogna pi gigantesca per paura di accettare le cose come stanno. Discorso molto ampio, estremamente angosciante e generalizzato, questo. Ma stiamo parlando di onest, giusto? Apprezzo le persone oneste perch non rifuggono dalla verit della loro ordinariet e fallibilit. Tra tutte, questa la cosa pi bella che li contraddistingue. In verit, la cosa pi bella dellintero mondo in cui viviamo: che imperfetto e che le imperfezioni danno vita a creativit e bellezza. proprio attraverso limperfezione che la vita si rinnova e si arricchisce costantemente. Anche la scienza ha dimostrato che, se non fosse stato per limperfezione, la vita non sarebbe mai stata costretta ad adattarsi e rigenerarsi, le specie non sarebbero fiorite e il mondo avrebbe anche potuto non evolversi come invece ha fatto nel corso dei millenni. Saremmo tutti onesti e diretti. Amebe, se ci va bene. Essendo una persona, s creativa, ma la cui professione mi costringe a stare in pubblico, mi trovo costantemente in bilico tra perfezione e imperfezione in un modo che oserei definire surreale. Questa cosa la affronto nei sogni, dato che sono la quintessenza della perfezione, ma lo faccio nella plateale fioritura delle mie imperfezioni momento per momento. Nei film: La notte giovane. Lo sempre. Nei film siamo ossessionati dalla giovinezza. Le stelle brillano sempre. Nei film siamo ossessionati anche dalle stelle. Protendo la mano, guardo la donna che ama un altro e dico Guardami. Dritto negli occhi ora avvicinati pi vicino pi vicino pi vicino. Questo quanto. Con la giusta colonna sonora che si avverte in sottofondo la pi bella delle dame si getta tra le mie braccia e veniamo magicamente teletrasportati in Svizzera per una canzone. Nella vita reale: Fa caldo e c afa. Ora di pranzo. Parcheggio coperto in un edificio che urla a gran voce il bisogno di una ritinteggiatura soffocato da permessi di appalto ancora pendenti. Protendo la mano e guardo la donna che ama il ragazzo di unaltra e dico: Guardami. Dritto negli occhi ora avvicinati. Pi vicino pi vicino pi vicino. Probabilmente mi prender a schiaffi. E anche se non lo facesse, la ragazza mi dir francamente: Per quanto vorrei guardarti, dritto negli occhi, il problema quel tuo grosso naso aquilino cos sensuale che viene verso di me. E questo sarebbe quanto. Attraverserei il parcheggio, spiegando alla guardia di turno che stavo solo chiedendo indicazioni per il sesto piano alla signora. Questo ci che rende bello vendere sogni nei film. Tutti, incluse le mie eroine, sanno come guardare oltre i nasi prominenti, soprattutto oltre il mio. A volte immagino un mondo in cui tutti accettino la propria fallibilit. Immaginatevi un politico che ammette di essere un disonesto. O, almeno, che vi assicura che cos onesto che, una volta che si sar venduto, rimarr tale.

Immaginatevi un anchorman al notiziario in TV che vi dice con aria triste che non minimamente interessato a cambiare le cose al mondo, ma che il dibattito che segue importante per questioni di sharing. solo il suo lavoro. Una azienda che produce cola che finalmente accetta che la versione light non fa della loro bevanda un prodotto salutare. Ma bevetela lo stesso perch lo dice quella star del cinema anche se lui in realt beve solo nimbu paani. Oppure una star di Bollywood che, invece di promuovere la campagna contro il fumo prima della proiezione, vi dice, mettendolo nero su bianco, a mo di pubblicit progresso prima dellinizio del film: Questo film lho fatto per fare ancora pi soldi di quelli che gi ho, non perch io viva in ristrettezze, ma perch sono assetato di sangue e il mio talento limitato. Buona visione. Se solo fossimo meno insistenti con gli altri nel dire la verit di quanto lo siamo nel comprendere le nostre verit e cercare di viverle serenamente! Infatti, se fossimo capaci di vedere le azioni degli altri unicamente attraverso il prisma delle verit altrui, non trarremmo conclusioni affrettate che sanno di condanna e giudizio come invece facciamo con estrema facilit. Forse causeremmo anche molte meno sofferenze. come il paradosso che si vive nel cercare di insegnare ai nostri figli a essere onesti quando, di fatto, loro sono gi molto pi onesti di noi in virt della loro innocenza. Per vivere quellinnocenza e quellonest basta guardarli negli occhi. Sono felici solo perch sono vivi. Poi crescono e iniziano a capire le dinamiche della menzogna, ed qui che noi iniziamo a classificare le bugie per loro. Dire che non sono a casa a qualcuno al telefono va bene, ma dire che non ho rubato la caramella, quando invece lho fatto, non va bene. Oppure: Se a scuola litighi con qualcuno, prima di fare qualcosa vieni a dirlo a noi. Non mentirci a riguardo. Ma se vedi la mamma e il pap che litigano a casa, quelle sono cose di famiglia. Non devi dirlo a nessuno. Perch il pap e la mamma non litigano mai. Loro crescono ancora e si rendono conto che molte delle cose in cui gli stato insegnato a credere durante linfanzia non erano del tutto vere. E, presto, la verit diventa delusione se si tratta di ci che rende loro liberi e le loro vite belle. Forse dovremmo lasciarli essere ci che sono. Senza provare a insegnargli tutto ogni santa volta. Un bambino, dopo tutto, la verit pi rappresentativa della naturale capacit che luomo ha di essere puro. I bambini vengono al mondo privi di uno schema con cui giudicare gli altri. Siamo noi che costruiamo quello schema per loro e, pi spesso, lo facciamo nellombra di uno schema simile che le nostre esperienze hanno creato nella nostra mente. Sfortunatamente, nel continuo tentativo di proteggerli e istruirli, li priviamo della loro intrinseca onest. Mi sarebbe piaciuto donare ai miei figli degli sguardi onesti che potessero completare lonest dei loro cuori. Almeno finch non fossero cresciuti abbastanza da ritenersi capaci di vedere il mondo con gli occhi delle loro esperienze. Mi sarebbe piaciuto lasciarli liberi di guardare il mondo con lo sguardo con cui sono venuti al mondo, senza alcuna contaminazione dellet adulta. (Non ho ancora svelato ai miei figli che Babbo Natale non esiste, quindi vedete di tenervelo per voi). Detto ci, una volta raggiunta let adulta, diventa sempre pi difficile vivere le nostre verit. Quanti di voi hanno provato a rispondere il pi onestamente possibile a vostra moglie, quando vi chiede: Tesoro, secondo te questo vestito mi ingrassa?.

Quanti di voi alla fine di un primo appuntamento romantico hanno offerto alla ragazza di salire a casa per una innocente tazza di caff invece che invitarla a una focosa e bollente riunione tte--tte in macchina? Quante volte avete chiesto Come va? quando, francamente, cari miei, non ve ne pu fregare di meno di quella persona? Io so di averlo fatto molte volte. Ho trasformato il mio tono di voce in un roco sussurro parlando con una ragazza al telefono. Metterei pure una foto di Brad Pitt sul mio profilo Facebook, se sono non fossi cos famoso. Maledizione! E quanti di voi hanno segretamente apprezzato in privato la rivendicazione di maschilismo di Mike Tyson pur prendendone le parti in pubblico? Quella volta in cui ha dichiarato in tutta onest: Vogli strapparli il cuore e darlo in pasto a Lennox Lewis. Voglio uccidere la gente. Voglio strappargli le budella... La verit che tutti noi abbiamo dei momenti in cui lonest la miglior bandiera solo una delle possibili citazioni. Abbiamo bisogno di essere onesti abbastanza da accettarlo senza per forza dover giudicare. Suvvia, in fondo quando giudichiamo gli altri non definiamo loro, ma noi stessi (Earl Nightingale). Io mi sforzo sul serio, di tanto in tanto, a essere onesto. Finisco col prendere a schiaffi qualcuno che mi d sui nervi o che se la prende con me allo stadio dalla poltrona vicino perch star buono e zitto per pubblica decenza non fa proprio al caso mio! Ogni tanto sono perfino cos onesto da affidare la mia vita e la mia reputazione a un sogno, come ho fatto con Ra.One o Paheli. Il paradosso che in quei momenti di totale onest mi ritrovo distante e distaccato dal resto del mondo. Devo far finta di rimpiangerli, quei momenti, se voglio redimermi, ma dato che finora abbiamo discusso onestamente dellonest, fatemi confessare. Non mi dispiace affatto di essere la persona che sono. La ricerca della perfezione, sia che si tratti della pi stupida delle cose, dellonest o persino delle menzogne, un concetto intrinsecamente imperfetto. Al massimo siamo fatti per oscillare tra i due estremi. Io sono imperfetto. Voglio essere onesto e dirlo, dopo tutto, che io sia dannato se non faccio un sequel di Ra.One prima o poi. O forse no onestamente, non lo so. Sagittari famosi di Bollywood Rajnikant Arjun Rampal John Abraham Dharmendra Dilip Kumar Dino Morea Diya Mirza Govinda Shatrughan Sinha Shekhar Kapur