Sei sulla pagina 1di 1

Sophia nei codici di Nag Hammadi [modifica]

Nei codici di Nag Hammadi, Sophia la sizigia di Ges Cristo (essendo stata coemanata con lui, forma un'unit con Cristo), ed identificata nello Spirito Santo della Trinit. Nel testo "Sull'Origine del Mondo", Sophia dipinta come Colei che gener senza la sua controparte maschile. In questo modo venne originato il Demiurgo (Satana), ovvero il Dio ebraico Yahweh (anche noto come Yaldabaoth, Samael), creatore di tutto l'universo materiale e dio-minore malvagio, poich appunto Sophia lo gener senza la sua sizigia Ges Cristo, tentando di aprire una breccia nella barriera tra lei e l'inconoscibile Bythos. Nella creazione del mondo materiale ad opera Demiurgo per, Sophia riusc ad infondere la sua Scintilla Divina (pneuma) nella materia, impermeando dunque il creato della sua Divinit (Divinit dunque presente nel cosmo e quindi in tutte le forme di vita sotto forma di anima), e rovinando i piani del Demiurgo. Riaccendendo la scintilla divina che in lui infatti, l'uomo si risveglia dagli inganni del Demiurgo e del mondo materiale, e accede alla Verit oltre la realt. Cristo giunse sulla terra proprio al fine di risvegliare negli uomini la loro divinit (la Sophia che in loro).

Inoltre Sophia dipinta anche come Colei che distrugger Satana/Yaldabaoth/Yahweh e questo universo di materia con tutti i suoi Cieli. In seguito in "Sull'Origine del Mondo", si dice: "Ella [Sophia] li getter gi nell'abisso. Loro (gli arconti) saranno perduti a causa della loro cattiveria. Diverranno come vulcani e si consumeranno l'un l'altro finch non periranno per mano del primo genitore. Quando questi li avr distrutti, si rivolger contro se stesso e si distrugger finch non cesser di esistere. Ed i loro cieli precipiteranno uno sull'altro e le loro schiere saranno consumate dal fuoco. Anche i loro reami eterni saranno rovesciati. Ed il suo cielo precipiter e si spezzer in due. [...] essi precipiteranno nell'abisso, e l'abisso sar rovesciato.

La luce vincer sull'oscurit e sar come qualcosa che mai fu prima."

http://it.wikipedia.org/wiki/Sophia_(filosofia)