Sei sulla pagina 1di 8

UNIVERSIT DEGLI STUDI DI GENOVA

FACOLT DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN TRADUZIONE E INTERPRETARIATO - LM 94 LINGUA E TRADUZIONE INGLESE II LINGUAGGI GIURIDICI

OPEN BOOK EXAM: LINGUAGGI GIURIDICI

STUDENTE: ELISA CRISPOLDI Rainey MATRICOLA: 2923637

PROFESSORE: PROF. J.

ANNO ACCADEMICO 2011/12

ITALIAN ENGLISH

DIFFERENCES BETWEEN SHIPS AGENT1 AND BROKER (Rigetti, G. Trattato di Diritto


Marittimo, section 1, volume 2, page 1870) Despite the common origins and the frequent coincidence of both activities, shipping agency2 and brokerage3 are two different institutions and cannot be considered as a single entity. Shipping agency consists in the fulfilment, under request of the shipowner or of the carrier, of a variety of tasks including material and legal activities, whether they are negotiation activities or non negotiation activities. Maritime brokerage consists of an independent and sometimes voluntary interposition between these parties it often occurs at the unilateral order recevied either by the carrier or by the shipper4, or on behalf of the freight forwarder. The broker is not bound by any relationship of collaboration, dependency or agency with these parties (Article 1754 of the Italian Civil Code 5), in order to facilitate the conclution of a deal, especially a charter party6. The ships agent always represents the shipowner or the carrier, and concludes conctracts on their behalf; the broker simply interrelates the conctracting parties and can represent one party only during the execution of the contract, but never during its formation (Article 1761 of the Italian Civil Code). The broker also deals with the brokerage of shipbuilding contracts and contracts of sale 7, which is in fact a matter of our concern.

COMMENTARY Il testo in questione un testo che pu essere definito tecnico in quanto riguarda gli istituti della Mediazione e della Raccomandazione marittima e contiene, quindi, una terminologia tipica di questo settore. In particolare, si tratta di un testo giuridico, tratto dal Trattato di Diritto Marittimo di G. Rigetti, che, riferendosi agli articoli del Codice Civile (Italiano), chiarisce le differenze tra i due istituti sopra citati, spesso fonte di fraintendimenti. Le maggiori difficolt che si incontrano nella traduzione di un testo di questo tipo riguardano certamente la traduzione dei termini tecnici, che molte volte non hanno termini corrispondenti nella lingua di arrivo, o sono poco usati perch appena entrati nelluso e appartenenti pi che altro alla cultura del testo di partenza. Inoltre, specie quando la traduzione avviene dallitaliano allinglese (ma non solo), si incontrano difficolt riguardo il registro; infatti, per quanto riguarda il linguaggio giuridico, la tendenza quella di produrre dei testi dalla sintassi complessa, usando un linguaggio molto tecnico, spesso poco comprensibile a chi non del settore. Si parla appunto di legalese per definire questo tipo di linguaggio e, nella traduzione verso linglese, si tende a semplificare molto il testo. Dunque, lobiettivo principale della mia traduzione stato quello di produrre un testo scorrevole, comprensibile, evitando ambiguit e, attraverso luso di esplicitazioni, chiarire ci che avrebbe potuto essere poco chiaro per il lettore della lingua di arrivo. Di seguito i principali problemi incontrati e le soluzioni adottate:
1

Dizionario giuridico-Law Dictionary, Francesco de Franchis, Giuffr editore, Milano, 1996 http://www.bankpedia.org/index.php/it/125-italian/r/21894-raccomandatario 2 http://ita.proz.com/kudoz/italian_to_english/ships_sailing_maritime/2252299-raccomandazione_marittima.html 3 http://www.sacomar.it/ita/brokerage/brokerage.html 4 http://www.b-serve.com/glossario_trasporti.html http://www.altalex.com/index.php?idnot=44976 5 http://eur-lex.europa.eu/Notice.do? mode=dbl&lang=en&lng1=en,it&lng2=bg,cs,da,de,el,en,es,et,fi,fr,hu,it,lt,lv,mt,nl,pl,pt,ro,sk,sl,sv,&val=452334:cs&pa ge=1&hwords=cod.+civ.~ 6 http://www.businessdictionary.com/definition/charterparty.html 7 http://www.businessdictionary.com/definition/contract-of-sale.html

ho ritenuto necessario, in alcuni casi, modificare la sintassi per rendere il testo pi comprensibile e leggero, come nel caso di questa frase: La mediazione nel campo marittimo consiste nellautonoma, talvolta spontanea (ma spesso [] agevolare la conclusione di un affare, nella specie la conclusione di un contratto di utilizzazione della nave. Si tratta di una frase molto lunga e, persino in italiano, crea problemi di comprensione, anche a causa della parentesi molto lunga che, appunto, divide una frase gi di per s molto lunga. Ho quindi deciso di dividere la frase in due frasi distinte e la parentesi stata eliminata per lasciare spazio alla lineetta (dash, in inglese) tipica della punteggiatura inglese, che serve appunto a dividere due frasi troppo lunghe per essere separate solo da una virgola; per quanto riguarda il registro, come ho gi accennato, ho cercato di riprodurlo nella lingua di arrivo seppur semplificandolo. Alcuni esempi: investito della rappresentanza tradotto represents; si limita a porre in relazione tradotto simply interrelates; materia tuttaffatto estranea alla nostra raccomandazione tradotto which is in fact a matter of our concern. Ogni esempio mostra quanto sia pi concisa la lingua inglese, seppure mantenendo lo stesso registro; un altro problema culturale riguarda la traduzione dei riferimenti agli articoli del Codice Civile Italiano: infatti, qualsiasi italiano sa che per art. 1754 Cod. civ si intende larticolo 1754 del Codice Civile Italiano, chiamato semplicemente Codice Civile; tuttavia, essendo un dato appartenente in questo caso alla cultura italiana, ho ritenuto opportuno precisare nella traduzione che si tratta, appunto, del Codice Civile Italiano (Italian Civil Code). Ho trovato, inoltre, un riscontro negli articoli bilingue sul sito di EUR-Lex, in cui, nella maggioranza dei casi, vi sempre la precisazione di quale sia il Codice Civile di riferimento, anche quando non esiste nel testo di partenza; per quanto riguarda la traduzione della terminologia, dopo aver trovato la possibile traduzione di un termine, ho sempre cercato conferma in testi paralleli nella lingua di arrivo, o guardando la corrispondenza delle definizioni del termine in questione nelle due lingue. Ecco alcuni esempi: raccomandatario tradotto ships agent: traduzione trovata sia sul dizionario giuridico bilingue De Franchis che sul Dizionario Enciclopedico Economico e Commerciale bilingue; altre possibili traduzioni del termine, trovate in seguito a varie ricerche in internet, sono shipping agent e ship agent, molto simili alla prima, ma ho preferito fidarmi della traduzione fornita dal dizionario De Franchis; spedizioniere tradotto freight forwarder: questo termine ha diverse traduzioni possibili, tra cui quella che ho scelto e forwarding agent (o anche semplicemente forwarder); ho scelto quella con maggiori occorrenze nel web; contratto di utilizzazione della nave tradotto charter party: questo termine complesso mi ha creato inizialmente qualche difficolt, infatti non pu essere tradotto alla lettera perch non avrebbe alcun significato in inglese. chiaro che esiste un termine apposito per indicare la stesa cosa in lingua inglese e ho iniziato la mia ricerca con il termine charter, precedentemente utilizzato in una traduzione che ho fatto qualche mese fa, in cui si parlava dei contratti di noleggio. In seguito a varie ricerche, ho trovato diverse traduzioni possibili, tutte sinonimi, ovvero, charter party, charter agreement, charter contract e, avendo trovato molte occorrenze per il termine charter party ho scelto in definitiva questa traduzione; contratto di compravendita tradotto contract of sale: ho avuto qualche difficolt a trovare la traduzione pi adatta perch il termine compravendita appartiene alla cultura italiana e non esiste in quella inglese. Ho quindi consultato il sito www.legislation.gov.uk che tratta del Sale of Goods Act del 1979 in cui si parla di contract of sale e la cui definizione mi sembrava appropriata al concetto di compravendita; ho trovato lo stesso riscontro anche nellarticolo Towards a Civil Code: The Italian Experience (reperibile al sito

http://www.teoriaestoriadeldirittoprivato.com/index.php?

com=statics&option=index&cID=132) e anche nella definizione di contract of sale sul


sito www.businessdictionary.com.

REFERENCES Dizionario giuridico-Law Dictionary, Francesco de Franchis, Giuffr editore, Milano, 1996 Il Ragazzini Sharp. Dizionario elettronico inglese-italiano, italiano-inglese di Giuseppe Ragazzini Zanichelli 2010
http://www.br.camcom.gov.it/public/media/documenti/economia_locale/legge_135_1977.pdf http://www.differencebetween.com/difference-between-agent-and-vs-broker/ http://ita.proz.com/kudoz/italian_to_english/ships_sailing_maritime/2252299-raccomandazione_marittima.html http://www.bankpedia.org/index.php/it/125-italian/r http://ita.proz.com/kudoz/italian_to_english/ships_sailing_maritime/2252299-raccomandazione_marittima.html http://www.sacomar.it/ita/brokerage/brokerage.html http://www.b-serve.com/glossario_trasporti.html http://www.altalex.com/index.php?idnot=44976 http://eur-lex.europa.eu/Notice.do? mode=dbl&lang=en&lng1=en,it&lng2=bg,cs,da,de,el,en,es,et,fi,fr,hu,it,lt,lv,mt,nl,pl,pt,ro,sk,sl,sv,&val=452334:cs&pa ge=1&hwords=cod.+civ.~ http://www.businessdictionary.com/definition/charterparty.html http://www.businessdictionary.com/definition/contract-of-sale.html

ENGLISH ITALIAN

DOCUMENTAZIONE E PRUDENZA DEL TRUSTEE Brian Clarke, Amministratore Delegato della Key Financial Reporting Limited (KFR), sottolinea limportanza per i trustee professionali di conservare una documentazione del loro operato in vista del regime di investimento previsto dal Trustee Act 2000 del Regno Unito. Quando Georgina Nestle cit in giudizio per cattiva gestione il trustee incaricato dellamministrazione del suo fondo fiduciario, questultimo pot dimostrare di non aver agito in maniera irragionevole in ogni fase del suo operato, nonostante il fondo avesse subito delle perdite considerevoli nei 38 anni della sua gestione se paragonate ad un noto indice azionario. Malgrado la banca del trustee, la National Westminster, avesse vinto la causa, la Court of Appeal (Corte dappello del Regno Unito) alludendo in maniera velata alla sua incompetenza, ha ritenuto che un trustee non da ritenere responsabile del deprezzamento del valore di un fondo fiduciario, salvo nei casi di inadempienza comprovata; stato stabilito che non esistono procedure standard da applicare che possano garantire un esito finanziario specifico. Ha prevalso infine l'importanza di salvaguardare il fondo fiduciario piuttosto che l'accrescimento del suo valore (Nestle v National Westminster Bank plc, 1992). Documentazione e prudenza del trustee Oggi i trustee professionali potrebbero sentirsi pi a rischio a causa del regime del Trustee Act 2000, di cui le corti si stanno servendo per prendere decisioni nelle cause contro i trustee, non solo in Inghilterra e Galles, ma anche in altre giurisdizioni. Verrebbe da chiedersi: se si tenesse oggi la causa Nestle v National Westminster Bank plc, la decisione sarebbe la stessa di quella presa nel 1993, tenendo conto del Trustee Act 2000? La documentazione fornita dalla banca, con la quale ha potuto vincere la causa, risulterebbe sufficiente di fronte al nuovo Trustee Act? Di questi tempi, i beneficiari dei trust e le fondazioni sono sempre pi inclini a intentare cause contro i trustee a causa dello scarso rendimento degli investimenti, anche quando linvestimento stato affidato ad un consulente finanziario indipendente. Quando si verifica una perdita negli investimenti, lazione mossa contro il trustee mette in dubbio la sua corretta gestione del patrimonio. Il trustee ha avuto per lungo tempo un obbligo di diligenza8 maggiore ("...prendere tutte le precauzioni che un normale prudente uomo d'affari dovrebbe adottare se avesse intenzione di fare un investimento a beneficio di altri ai quali si sente moralmente vincolato9, Corte dAppello del Regno Unito, in riferimento a Whiteley 1886, Lindley LJ). Oggi il Trustee Act 2000 ha stabilito dei criteri pi rigorosi a cui i beneficiari possono fare riferimento come il minimo che si possa esigere da un trustee professionale. Inoltre, ha sostituito le restrizioni sugli investimenti previste dal Trustee Investment Act del 1961 con pi ampi poteri di investimento. Oltre a indicare i poteri di investimento o esclusione10 nel trust stesso, il Trustee Act 2000 consente ai trustee di realizzare qualunque tipo di investimento, dalle azioni ordinarie alle obbligazioni, fino alle azioni privilegiate, come se fossero loro stessi i proprietari esclusivi dei fondi. Il Trustee Act 2000 richiede Nonostante i trustee abbiano una libert piuttosto ampia di investimento, ci non significa che, legalmente, il loro potere di investimento possa essere esercitato senza alcuna restrizione. La Sezione 1 richiede che il
8 9

http://www.proz.com/kudoz/english_to_italian/law_patents/420692-duty_of_care.html http://www.il-trust-in-italia.it/Formazione/Congressi/Congresso%202005/LaTorreSarro.pdf 10 http://books.google.it/books? id=hyr9XAifWegC&pg=PA223&lpg=PA223&dq=trustee's+power+of+investment&source=bl&ots=G3xfzhS1vA&sig =fK1Pk7O50QCKcf1CU6mTbUZBSvs&hl=it&sa=X&ei=9uywT7mHJumG4gTprIjaCQ&ved=0CFgQ6AEwAQ#v=on epage&q=trustee's%20power%20of%20investment&f=false

trustee debba esercitare le proprie capacit e diligenza in misura ragionevole secondo le circostanze, facendo riferimento a: (a) ogni specifica conoscenza o esperienza che abbia o che dichiari di avere; (b) ogni specifica conoscenza o esperienza che sia ragionevole aspettarsi da chi svolga tale ufficio professionalmente. La Sezione 4 richiede che il trustee, nel momento in cui esercita il potere di investimento, debba far riferimento ai criteri tipici di investimento e, tenuto conto di questi ultimi, riesaminare di volta in volta gli investimenti. I criteri sono: (a) ladeguatezza di particolari tipi di investimento per il trust; (b) la necessit di diversificazione degli investimenti. La moderna teoria degli investimenti suggerisce di confrontare tra loro i rischi di diversi tipi investimento e, difatti, la politica di investimento scelta da un trustee deve tenere conto dei diritti beneficiari acquisiti in conformit al trust specifico. Pertanto, il moderno investitore che agisce con prudenza non deve essere giudicato sulla base dei singoli metodi di investimento scelti, quanto piuttosto sullintero portafoglio. La Sezione 5 richiede, inoltre, che il trustee, prima di esercitare qualunque potere di investimento, debba rivolgersi a una persona ritenuta in grado di fornirgli un parere adeguato, in virt delle sue capacit ed esperienza in materia. Di conseguenza, per dimostrare che sia stata adottata la diligenza 11 necessaria, il trustee che agisce con prudenza, ovvero il prudent trustee, deve:

designare un consulente finanziario adatto a ogni tipologia di investimento12; concordare per iscritto un Investment Policy Statement, ovvero un documento scritto sulla politica di investimento adottata; disporre di metodi per garantire che il consulente finanziario si attenga alle linee guida; verificare e monitorare landamento degli investimenti alla luce della Teoria di portafoglio13.

COMMENTARY Anche in questo caso, il testo in questione un testo tecnico di natura giuridica, tuttavia, molto pi discorsivo rispetto al primo, anche se i problemi e i dubbi non sono mancati. Per la traduzione di questo testo ho utilizzato come testo di riferimento il documento Il trust in Italia, reperibile allindirizzo http://www.il-

trust-in-italia.it/Formazione/Congressi/Congresso%202005/LaTorreSarro.pdf, redatto da due avvocati e nel quale ho trovato molte corrispondenze.


11

http://www.proz.com/kudoz/italian_to_english/law%3A_contracts/229011diligenza_di_un_buon_commerciante.html 12 http://ita.proz.com/kudoz/english_to_italian/finance_general/670958-asset_classes.html 13 http://www.performancetrading.it/Mercati/Uomini/SF_I_principi_base.htm http://ita.proz.com/?sp=gloss/term&id=32965

La difficolt maggiore per la traduzione di questo testo riguarda sicuramente il fatto che si tratta di un testo il cui argomento, il trustee, appartiene alla cultura inglese e ci sono molti termini che necessitano di una esplicitazione poich il loro significato potrebbe risultare poco comprensibile per un lettore italiano. La terminologia dunque il problema principale in un testo di questo tipo ed proprio su questo che concentrer questa analisi. Preciso, inoltre, che anche in questo caso, ho ritenuto opportuno effettuare, in certi casi, cambiamenti sintattici per rendere il testo pi scorrevole e piacevole alla lettura. I principali problemi e le soluzioni adottate sono state: Trustee act 2000: scritto tra virgolette e non in corsivo, facendo riferimento al documento Il trust in Italia precedentemente citato e ai documenti bilingue consultati sul sito EUR-lex;
Court of Appeal tradotto Corte dappello del Regno Unito: ho precisato del Regno Unito per non confonderla con la Corte dappello italiana, trattandosi di un testo italiano tradotto dallinglese, ed evitare quindi fraintendimenti; Nestle v National Westminster Bank plc: ho deciso di lasciare il nome del caso esattamente come nella versione originale, trattandosi in inglese del nome ufficiale di una causa del diritto anglosassone che si basa per lappunto sui precedenti giudiziari e non sui codici; prudent trustee tradotto prudenza del trustee o trustee che agisce con prudenza: non stato semplice decidere per quale soluzione optare, visto che, in italiano, non esiste (ancora) questo concetto del prudent trustee e, traducendo alla lettera, il rischio sarebbe stato quello di perdere il significato che ha in inglese; ho quindi preferito evitare questo problema attraverso un cambio di sintassi nei titoli e una parafrasi nel testo, mantenendo, per, subito dopo la versione inglese, per lasciare intendere che si tratta di un concetto appartenente al diritto anglosassone; In these litigious days tradotto semplicemente con di questi tempi: lespressione inglese si riferisce al fatto che di questi tempi si intentano cause con grande facilit; il termine litigious esprime con ununica parola questo concetto, ma in italiano non esiste un equivalente di una sola parola. Ho ritenuto che una parafrasi non sarebbe stata adatta, data la necessit di una espressione breve, e ho quindi omesso la traduzione di litigious, considerando che subito dopo vi una compensazione data dalla frase sono sempre pi inclini a intentare cause che esprime lo stesso concetto di litigious, evitando cos una perdita di significato espresso nel testo di partenza; the act requires tradotto Il Trustee Act 2000 richiede: in questo titolo cos come in vari punti del testo in cui, nella versione originale, si trova il termine act riferito al Trustee Act 2000, ho deciso di tradurre esplicitandolo ogni volta perch ritengo che in italiano si sarebbero potute creare delle incomprensioni; duty of care tradotto obbligo di diligenza: come spiega la nota nella mia traduzione, ho trovato una traduzione iniziale sul sito www.proz.com, ma in seguito ho controllato nel documento Il trust in Italia che mi ha fornita la conferma nel punto 3); standard investment criteria tradotto criteri tipici di investimento: anche in questo caso, ho trovato un riscontro nel documento Il trust in Italia; Investment policy statement: ho deciso di lasciare questo termine in lingua originale poich non esiste un equivalente in italiano, essendo un documento appartenente alla cultura inglese; ho poi aggiunto una breve descrizione per spiegare di cosa si tratta e rendere quindi pi comprensibile la lettura per un lettore italiano.

Questi sono i problemi principali che ho incontrato nel corso della mia traduzione. Ad ogni modo, ho sempre cercato di giustificare le mie scelte inserendo delle note nel testo, laddove ho ritenuto fosse necessario.

REFERENCES Dizionario giuridico-Law Dictionary, Francesco de Franchis, Giuffr editore, Milano, 1996

Il Ragazzini Sharp. Dizionario elettronico inglese-italiano, italiano-inglese di Giuseppe Ragazzini Zanichelli 2010
http://www.proz.com/kudoz/english_to_italian/law_patents/420692-duty_of_care.html http://www.il-trust-in-italia.it/Formazione/Congressi/Congresso%202005/LaTorreSarro.pdf http://books.google.it/books? id=hyr9XAifWegC&pg=PA223&lpg=PA223&dq=trustee's+power+of+investment&source=bl&ots=G3xfzhS1vA&sig =fK1Pk7O50QCKcf1CU6mTbUZBSvs&hl=it&sa=X&ei=9uywT7mHJumG4gTprIjaCQ&ved=0CFgQ6AEwAQ#v=on epage&q=trustee's%20power%20of%20investment&f=false http://www.il-trust-in-italia.it/Formazione/Congressi/Congresso%202005/LaTorreSarro.pdf http://books.google.it/books? id=IDZpqcCckFcC&printsec=frontcover&dq=il+trust+come+organizzazione+complessa&hl=it&sa=X&ei=QkCtT_W OBofDswaUi4XkAw&ved=0CDkQ6AEwAA#v=onepage&q=il%20trust%20come%20organizzazione %20complessa&f=false

http://www.proz.com/kudoz/italian_to_english/law%3A_contracts/229011-diligenza_di_un_buon_commerciante.html http://ita.proz.com/kudoz/english_to_italian/finance_general/670958-asset_classes.html http://www.performancetrading.it/Mercati/Uomini/SF_I_principi_base.htm http://ita.proz.com/?sp=gloss/term&id=32965