Sei sulla pagina 1di 76

Lezione 3 ( Capitolo 6 di DeLong)

Elementi costitutivi del modello a prezzi flessibili

celi

Il piano della lezione

• Il lato dell’offerta: (in particolare si parte dalla produzione potenziale, flessibilità dei salari ed equilibrio nel mercato del lavoro)

• Si introduce poi il lato della domanda: le componenti della spesa interna e le loro determinanti

• Infine per rendere il modello completo si introduce il commercio internazionale

Macroeconomia neoclassica (precedente al modello keynesiano)

Ipotesi:

• l’offerta determina la domanda

• vige un sistema di concorrenza perfetta sui mercati

• i prezzi sono flessibili

• conta solo il sistema reale dell’economia perfettamente : la moneta è solo un lubrificante degli scambi

implicazioni del modello

le implicazioni che ne derivano sono quelle definite classiche:

• piena flessibilità di prezzi e salari

• mercato del lavoro sempre in equilibrio

• produzione effettiva sempre uguale a quella potenziale

• eventuali shock da domanda cambiano la composizione del Pil ma non il suo livello

Dicotomia monetaria e reale

• La descrizione dell’economia reale nel modello macroeconomico neoclassico si fonda sulla legge di Say secondo la quale: l’offerta crea la propria domanda. • La descrizione dell’economia monetaria si fonda invece sull’equazione degli scambi di Fisher

Legge di Say

• La produzione di beni e servizi nell’economia dipende dalla produttività dei fattori e dall’offerta dei fattori di produzione (lavoro, capitale).

• Il tasso di interesse (è un fenomeno reale) si aggiusta in modo da mantenere in equilibrio il mercato dei fondi prestabili.

• il salario reale si aggiusta in modo da garantire la piena occupazione.

• Il livello di produzione, (l’offerta aggregata) pertanto, troverà sempre una domanda equivalente. Qualsiasi squilibrio (eccesso di domanda o di offerta)su qualsiasi mercato è sanato dai meccanismi di mercato (prezzi, salari, tasso di interesse).

Dicotomia neoclassica

• Suddivisione delle variabili economiche in due classi

• I settori monetario e reale sono separati

• L’equilibrio nel settore reale (mercato del lavoro e mercato delle merci) determina il livello del reddito reale

• il settore monetario (domanda e offerta di moneta) determina soltanto il livello generale dei prezzi e il tasso di inflazione

Differenze tra analisi classica ed analisi keynesiana

Differenze tra analisi classica ed analisi keynesiana

Produzione potenziale, salari reali ed equilibrio del mercato del lavoro

• Nel modello macroeconomico a prezzi flessibili i due ingredienti fondamentali per spiegare come si determina la produzione potenziale e il livello dei salari reali sono:

• la funzione di produzione

• Il meccanismo di market clearing che opera nel mercato del lavoro

La funzione di produzione

• Nella forma Cobb-Douglas della funzione di produzione, come si è visto, l’output potenziale Y* è dato dalla dotazione di lavoro L, dallo stock di capitale K dell’economia, dall’efficienza del lavoro E e dal parametro α che indica l’elasticità del prodotto rispetto al capitale e la rapidità con cui operano i rendimenti decrescenti del capitale. La funzione di produzione assume cioè la forma:

Y* = K α (LE) 1- α

La funzione di produzione

La funzione di produzione • Se la forza lavoro e l’e ! cienza del lavoro sono

Se la forza lavoro e l’e ! cienza del lavoro sono mantenute costanti, il PIL reale aumenta all’aumentare dello stock di capitale. Poiché ogni successivo aumento dello stock di capitale produce un minore aumento del livello di produzione, la funzione di produzione è rappresentata da una curva non rettilinea. Più alto è il livello di α, maggiore è la curvatura e maggiore è la rapidità con cui diminuiscono i rendimenti dell’investimento.

Produzione potenziale, salari reali ed equilibrio del mercato del lavoro

• Quando il sistema economico opera in condizioni di pieno impiego, la produzione effettiva è uguale a quella potenziale (ossia vi è il pieno utilizzo della capacità produttiva dell’economia).

• Il meccanismo di market clearing che opera nel mercato del lavoro, basato sull’ipotesi classica di flessibilità di prezzi e salari, garantisce l’equilibrio tra domanda e offerta nel mercato del lavoro e la piena occupazione.

• In equilibrio, ogni persona che desideri lavorare al salario corrente (quello di market clearing) può farlo e ogni impresa che intenda assumere lavoratori al salario corrente (quello di market clearing) può farlo.

La domanda di lavoro

• Il primo passo per vedere come si stabilisce l’equilibrio nel mercato del lavoro è determinare la domanda di lavoro. Partiamo dalle seguenti ipotesi di concorrenza perfetta:

• nel sistema economico operano K imprese identiche, ognuna proprietaria di 1 unità di capitale;

• ciascuna di queste imprese assume L lavoratori a cui paga un salario W stabilito dal mercato;

• ciascuna impresa vende Y unità di prodotto al prezzo P stabilito dal mercato

La domanda di lavoro

• L’obiettivo dell’impresa è quello di massimizzare il suo profitto, ossia la differenza tra i suoi ricavi e i suoi costi (per ipotesi, gli unici costi sono rappresentati dai salari pagati ai lavoratori):

profitto = ricavi – costi = (P × Y) – (W × L)

• Per realizzare questo obiettivo, l’impresa aumenta la produzione assumendo lavoratori fino a quando il ricavo marginale generato dall’ultimo lavoratore assunto eguaglia il suo costo di assunzione rappresentato dal salario:

(P × PML) – W = 0

La domanda di lavoro

• Il prodotto marginale del lavoro PML è la differenza tra quanto l’impresa è in grado di produrre con la sua forza lavoro corrente L impresa e quanto produrrebbe se assumesse 1 lavoratore addizionale.

• In simboli, se la funzione di produzione dell’impresa rappresentativa è Y impresa = F(1, L impresa ), dove 1 rappresenta 1 unità di capitale, il prodotto marginale del lavoro è dato da:

PML = F(1, L impresa + 1) – F(1, L impresa )

La domanda di lavoro

Se la funzione di produzione dell’impresa rappresentativa è espressa nella forma di una Cobb-Douglas Y = 1 α (LE) 1- α (con K=1, per ipotesi) , il prodotto marginale del lavoro può essere calcolato derivando la funzione rispetto ad L e ottenendo:

calcolato derivando la funzione rispetto ad L e ottenendo: L’impresa assumerà lavoratori fino al punto in

L’impresa assumerà lavoratori fino al punto in cui il valore del prodotto marginale (PxPML) è uguale al salario:

L’impresa assumerà lavoratori fino al punto in cui il valore del prodotto marginale ( P x

La domanda di lavoro

•

L’impresa tipica sceglie di assumere il numero di lavoratori che rende il ricavo marginale – il prodotto marginale del lavoro moltiplicato per il prezzo del prodotto P – uguale al salario W. In questo punto, la curva del ricavo e la curva del costo sono parallele e il profitto è massimizzato.

La domanda di lavoro

• Dalla condizione di eguaglianza tra ricavo marginale (PxPML) e costo marginale (W)

tra ricavo marginale ( P x PML ) e costo marginale ( W ) possiamo derivare

possiamo derivare un’espressione per la domanda di lavoro di un’impresa tipica (L impresa) :

L impresa

=

derivare un’espressione per la domanda di lavoro di un’impresa tipica (L i m p r e

La domanda di lavoro

• La domanda di lavoro nell’intero sistema economico (K imprese) sarà uguale a K volte la domanda di lavoro dell’impresa tipica:

L d

= K

volte la domanda di lavoro dell’impresa tipica: L d = K • Come si nota, vi

• Come si nota, vi è una relazione inversa tra domanda di lavoro e salario reale.

L’equilibrio del mercato del lavoro

• L’equilibrio nel mercato del lavoro si realizza quando domanda e offerta di lavoro sono uguali. Abbiamo determinato la domanda di lavoro complessiva del sistema economico. Come si determina l’offerta di lavoro?

• L’offerta di lavoro è rappresentata semplicemente da chi desidera lavorare, ossia dalla forza lavoro.

• Sotto l’ipotesi di perfetta flessibilità di prezzi e salari, è possibile che ci sia un divario tra domanda di lavoro delle imprese e forza lavoro? La risposta è no. Vediamo perché.

L’equilibrio del mercato del lavoro

• Supponiamo che i lavoratori disposti a lavorare al salario e ai prezzi correnti siano in numero maggiore rispetto alla domanda di lavoro delle imprese. In questa situazione, la concorrenza tra lavoratori provocherà un abbassamento del salario W e quindi, per un dato livello dei prezzi, una riduzione del salario reale W/P inducendo le imprese ad assumere lavoratori.

• Se invece la richiesta di lavoratori da parte delle imprese eccede la forza lavoro, la concorrenza tra imprese per accaparrarsi lavoratori provocherà un innalzamento del salario reale W/P e quindi una riduzione della domanda di lavoro.

L’equilibrio del mercato del lavoro

• La flessibilità salariale è alla base del meccanismo di market clearing che porta in equilibrio il mercato del lavoro.

• Formalmente, il salario reale di equilibrio può essere derivato dall’eguaglianza tra domanda di lavoro L d e forza lavoro L :

può essere derivato dall’eguaglianza tra domanda di lavoro L d e forza lavoro L : •

• Risolvendo per W/P, si ha:

può essere derivato dall’eguaglianza tra domanda di lavoro L d e forza lavoro L : •

L’equilibrio del mercato del lavoro

•

Il livello di equilibrio dell’occupazione è uguale alla forza lavoro. Al livello di equilibrio del salario reale, non vi è eccesso di domanda né eccesso di o "erta di lavoro.

L’equilibrio del mercato del lavoro

• Fino a quando la flessibilità salariale consente il meccanismo

di

market clearing, il sistema economico opererà in condizioni

di

pieno impiego.

• importante notare che la situazione di piena occupazione

E’

non necessariamente garantisce un benessere sociale elevato. I redditi reali delle persone non proprietarie dei mezzi di produzione sono i loro salari reali: W/P = (1- α ) x (Y/L). Se α è molto elevato, i redditi dei salariati potrebbero essere molto bassi e così pure il benessere sociale.

Occupazione e produzione

• Quando il mercato del lavoro è in equilibrio, l’impresa rappresentativa produce un output pari a:

Y impresa = 1 α E 1- α (L/K) 1- α

(se K è il numero delle imprese esistenti, L/K è la quantità di lavoro impiegata da una singola impresa)

Occupazione e produzione

• Quando i mercati funzionano bene (equilibrio concorrenziale e flessibilità di prezzi e salari), la produzione totale effettiva sarà uguale a quella potenziale del sistema economico:

Y = K × Y impresa = K x 1 α E 1- α (L/K) 1- α = K α E 1- α L 1- α =

= K α (LE) 1- α = Y*

Occupazione e produzione

Occupazione e produzione • Quando il sistema economico è in condizioni di piena occupazione, il livello

Quando il sistema economico è in condizioni di piena occupazione, il livello di occupazione è uguale alla forza lavoro e il PIL reale è uguale alla produzione potenziale Y*

SEMPLIFICANDO IL LATO DELL’OFFERTA

• Funzione di produzione aggregata nel modello neoclassico Y=F(N)

• stabilisce il livello di produzione associato al pieno impiego della forza lavoro

• L’economia tramite il meccanismo dei prezzi e dei salari realizza la piena occupazione

• Se i prezzi e i salari nominali sono perfettamente flessibili anche i salari reali sono perfettamente flessibili. Secondo gli economisti classici questo significa che il mercato del lavoro è sempre in equilibrio.

• Assumiamo che ci sia un raddoppio dei prezzi dei beni finali e che non si sposti né la domanda né l’offerta di lavoro. A parità di salario nominale, il salario reale si dimezza e nel mercato del lavoro ci sarebbe un eccesso di domanda di lavoro.

• L’aumento della domanda di lavoro porterà a un aumento del salario nominale e quindi anche di quello reale

• Solo quando il salario nominale sarà raddoppiato (al pari dei prezzi) il salario reale sarà ritornato al livello precedente e il mercato sarà di nuovo in equilibrio. Il livello dei prezzi quindi non ha effetti sui salari reali e sull’occupazione

Offerta aggregata classica

• la funzione di offerta aggregata mostra la quantità di prodotto che le imprese desiderano offrire ai vari prezzi.

• Stabilito l’equilibrio nel mercato del lavoro e il livello massimo di output che è possibile ottenere da quella quantità di lavoro, la quantità di prodotto offerto è sempre pari al prodotto di piena occupazione ed è indipendente dal livello dei prezzi

• nel modello neoclassico, quindi, la curva di offerta aggregata sarà rappresentata da una retta perpendicolare all’asse delle ascisse

Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi

Offerta aggregata e prodotto reale

Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non

P

P

P

Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non

P

1

P 1 AS
P 1 AS

AS

P 1 AS
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non
Offerta aggregata e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non

2

2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il livello dell’output Y* ! Y
2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il livello dell’output Y* ! Y

Una diminuzione dei prezzi non modifica il livello dell’output

2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il livello dell’output Y* ! Y

Y*

!

Y

2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il livello dell’output Y* ! Y
e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il
e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il
e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il
e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il
e prodotto reale P P P 1 AS 2 Una diminuzione dei prezzi non modifica il

Il lato della domanda (la spesa totale)

• Come sappiamo, in un’economia aperta, la spesa totale è divisa in quattro componenti: consumi (C) investimenti (I), spesa pubblica (G) ed esportazioni nette (NX)

• La somma di queste quattro componenti costituisce il reddito nazionale che, secondo il principio del flusso circolare, è uguale alla domanda aggregata (E) e al PIL reale (Y) :

C + I + G + NX = E = Y

• Ricordiamo quali sono le determinanti di ogni singola componente della spesa totale

La spesa in consumi

• Le famiglie prendono decisioni su consumo e risparmio dopo aver versato una parte del loro reddito alla pubblica amministrazione sotto forma di imposte nette (imposte meno trasferimenti). Assumiamo che le imposte nette siano ottenute moltiplicando l’aliquota media costante t per il reddito nazionale:

T = t × Y

• Assumere t come costante è una semplificazione del mondo reale perché nella maggior parte dei paesi industrializzati il sistema di imposizione fiscale è progressivo

La spesa in consumi

• Il reddito che resta alle famiglia dopo aver pagato le imposte è il reddito disponibile Y D :

Y D = Y T = (1 – t)Y

• Al fine di accrescere il loro patrimonio e la spesa nel futuro, le famiglie detengono una parte del loro reddito disponibile sotto forma di risparmio S H . La quota del reddito delle famiglie destinata all’acquisto di beni di consumo sarà, allora, pari a:

C = Y D – S H = Y- T – S H

• Nei principali paesi avanzati i consumi sono pari ai 2/3 del PIL

La spesa in consumi

• Assumiamo che la spesa in consumi venga suddivisa in una parte che non dipende dal reddito e che denotiamo con C 0 (livello di consumi di base) e in una parte che è funzione positiva del reddito disponibile C y x Y D (il parametro C y è la propensione marginale al consumo). Possiamo allora esprimere la spesa in consumi come una funzione lineare del reddito:

C = C 0 + C y × Y D = C 0 + C y × (1 – t)Y

• Questa funzione del consumo è una semplificazione del mondo reale. Le determinanti del consumo non si esauriscono nel solo reddito disponibile.

Altre determinanti della spesa in consumi

Altre determinanti della spesa in consumi

La funzione del consumo

• La funzione del consumo è espressa in forma lineare. Il parametro C 0 (intercetta) è il livello del consumo quando il

reddito disponibile è zero

(può essere interpretato come l’ammontare

del patrimonio a cui le famiglie devono rinunciare al fine di restare in vita in assenza di reddito)

La propensione marginale al consumo (PMC), denotata dal parametro C y (inclinazione) , indica di quanto variano i consumi se il reddito disponibile varia di 1 euro.

C y > 0: se il reddito aumenta, le famiglie accrescono il

C y < 1: quando il reddito aumenta, le famiglie aumentano anche il risparmio

consumo.

Funzione del consumo

La funzione del consumo può essere rappresentata in forma lineare come:

del consumo può essere rappresentata in forma lineare come: Dove c y = Δ C/ Δ

Dove c y =ΔC/ ΔY è la propensione marginale al consumo e c 0 rappresenta il consumo autonomo

lineare come: Dove c y = Δ C/ Δ Y è la propensione marginale al consumo

La funzione del consumo

• Il valore della PMC dipenderà anche dalle aspettative delle famiglie circa le variazioni del loro reddito. Se la variazione del reddito è percepita come permanente, allora è tanto più probabile che la PMC sia relativamente elevata. Se invece la variazione del reddito è percepita come transitoria , è probabile che la PMC assuma un valore più contenuto.

• Sulla base delle ipotesi semplificatrici adottate, i due parametri C 0 e C y sono allora sufficienti per calcolare il livello della spesa totale in beni di consumo C in corrispondenza di ogni possibile livello del reddito disponibile Y D

La funzione del consumo

La funzione del consumo

C= 250 + 0,7 Yd

• Algebricamente la funzione del consumo sopra descritta ci dice che il consumo autonomo (intercetta con l’asse delle ordinate) è 250, mentre la PMC = 0,7 (inclinazione della funzione). Il suo significato è che se il reddito aumenta di 1 euro, 0,70 euro vengono spesi per beni di consumo e 0,30 vengono risparmiati.

• Poiché tutto il reddito può essere consumato o risparmiato dalla funzione del consumo si deriva quella del risparmio

Un Esempio Numerico

Un Esempio Numerico

Qual è la PMC e la PMS?

Dall’esempio precedente:

PMC= ΔC/ ΔYD= 1800-900/1000= 0,9 La variazione del consumo per ogni data variazione di reddito è 0,9 (costante) PMS= ΔS/ ΔYD= 200-100/1000= 0,1 La variazione del risparmio per ogni data variazione di reddito = 0,1= costante Infatti, ricordando che Y= C+S, dovrà essere:

ΔY= ΔC+ ΔS e dividendo per Δ Y:

ΔY/ Δ Y= ΔC/ Δ Y+ ΔS/ ΔY 1= c y + s s+ c y = 0,9+ 0,1 =1

Inclinazione e spostamenti della FC

Se c y aumenta la FC diventa più inclinata. Questo significa che per ogni variazione di reddito disponibile si genera una maggiore variazione del consumo

Se c 0 aumenta, perché per esempio aumenta la fiducia dei consumatori, la funzione si sposta verso l’alto (cambia l’intercetta)

Se Y d aumenta o diminuisce il cambiamento nel consumo si misura lungo la curva

Il consumo in Italia

Il consumo in Italia

Risparmio= reddito residuale

• S= Y-C

S= Y- (c 0 + c y Y)

• che si può anche scrivere riaggiustando i termini:

S= - c 0 + (1- c y ) Y (funzione del risparmio)

NB: - c 0 è l’intercetta della funzione del risparmio

(1- c y )=s è l’inclinazione della F. del risparmio

Funzione del risparmio

risparmio Inclinazione = PMS S= -c 0 +(1-c y )Y d S=0 ΔS ΔY d
risparmio
Inclinazione
=
PMS
S= -c 0 +(1-c y )Y d
S=0
ΔS
ΔY d
0
reddito

-c 0

Caratteristiche della funzione del risparmio

• La funzione del risparmio mostra il risparmio programmato per ogni livello di reddito.

• L’intercetta è pari al consumo autonomo ma con segno negativo. Infatti se il reddito disponibile è pari a zero, gli individui potranno consumare solo attingendo al risparmio il quale diminuirà proprio dell’ammontare c 0 . Ne risulta che S= -c 0 .

• La propensione marginale al risparmio è invece una misura della variazione del risparmio per una data variazione del reddito disponibile

La spesa in investimenti

• La spesa in investimenti è la componente più variabile e volatile del PIL

• Per dare un’idea dell’ordine di grandezza, nel caso degli USA essa ammonta attualmente a circa il 17% del PIL

• Le cause delle fluttuazione della spesa in beni di investimento sono principalmente due: il tasso di interesse e gli animal spirits degli imprenditori

• Tasso di interesse. Più alto (basso) è il tasso di interesse reale, più bassa (alta) è la spesa in investimenti perché diventa più costoso (meno costoso) per le imprese intraprendere progetti di investimento

• Animal spirits. Più alta (bassa) è la fiducia degli imprenditori, più elevata (bassa) sarà la spesa in investimenti

Investimento reale in Italia (% del PIL)

Investimento reale in Italia (% del PIL)

Ancora su investimenti e tasso di interesse

• Le imprese investono quando il rendimento dell’investimento, ossia il flusso dei profitti futuri attualizzati, è maggiore del costo dell’investimento stesso. Quanto maggiore è il tasso di

interesse, e quindi il costo dell’investimento, tanto minore sarà

il numero di progetti di investimento potenzialmente redditizi.

Al livello aggregato, vi è quindi una relazione inversa tra tasso di interesse e spesa in investimenti.

• Ma qual è il tasso di interesse rilevante? E’ il tasso di interesse reale rischioso a lungo termine.

• A lungo termine, perché i progetti di investimento influenzano costi e profitti dell’impresa in un lungo arco di tempo

• Reale, ossia corretto per l’inflazione, perché l’investimento intrapreso dall’impresa è rappresentato da un’attività materiale

e non da un titolo finanziario

• Rischioso, perché i progetti di investimento sono “rischiosi” in quanto sono basati su aspettative che riguardano il futuro

La funzione di investimento

• Assumiamo che anche la funzione di investimento sia espressa in forma lineare:

I = I 0 – I r × r

dove I 0 sono gli investimenti di base (intercetta) e I r × r

è la

parte degli investimenti che dipendono inversamente dal tasso

di interesse reale r (I r è la sensibilità degli investimenti al tasso di interesse, ossia la pendenza della funzione di investimento)

La funzione di investimento

La funzione di investimento

Altre determinanti degli investimenti

Come nel caso della funzione del consumo, anche nel caso della funzione degli investimenti abbiamo adottato una grande semplificazione della realtà.

Nel mondo reale le decisioni di investimento dipendono non solo dal tasso

di

interesse reale ma anche dalle risorse finanziarie delle imprese e dai

profitti totali. Inoltre, alcune componenti degli investimenti (costruzioni) sono molto sensibili alle variazioni di r , altre invece sono poco sensibili (investimenti in scorte delle piccole imprese)

Il

livello di spesa in investimenti può anche essere espressa come funzione

del livello del mercato azionario in quanto gli stessi fattori che determinano il valore del mercato azionario determinano anche il livello della spesa in investimenti. Infatti, quando r è basso, gli investitori preferiscono le azioni alle obbligazioni e questo fa salire il mercato azionario al pari degli investimenti delle imprese.

Analogamente, se gli utili futuri attesi sono elevati, il valore del mercato azionario salirà e così pure gli investimenti delle imprese

Acquisti pubblici

• Gli acquisti pubblici di beni e servizi nelle principali economie industrializzate costituiscono circa il 25% del PIL, includendo gli acquisti delle pubbliche amministrazioni locali, statali e federali

La spesa pubblica è maggiore degli acquisti pubblici in quanto include i trasferimenti che, nella contabilità nazionale, vengono considerati come imposte negative

• Nel nostro modello, gli acquisti pubblici sono indicati dalla variabile G che è assunta come esogenamente determinata. Al pari della contabilità nazionale, assumiamo i trasferimenti come imposte negative (come si è visto, abbiamo definito le imposte come imposte nette).

Acquisti pubblici, trasferimenti e imposte

Acquisti pubblici, trasferimenti e imposte

Spesa pubblica/PIL

Spesa pubblica/PIL

Commercio internazionale

• L’ultima componente del PIL da considerare sono le esportazioni nette (NX), ossia la differenza tra esportazioni lorde (GX) e importazioni (IM)

• Sommando le esportazioni nette NX

a C+I+G, teniamo

conto delle produzioni nazionali vendute agli stranieri e che non compaiono in C+I+G ; inoltre, correggiamo la spesa dei residenti per escludere i beni di produzione estera che non attivano il PIL nazionale

• La funzione di comportamento delle esportazioni nette è ovviamente il risultato combinato delle due funzioni di comportamento riferite rispettivamente alle esportazioni lorde e alle importazioni

Grado di apertura= Export + import/PIL

Grado di apertura= Export + import/PIL

Esportazioni lorde

• Il volume delle esportazioni lorde (GX) di un paese dipende positivamente da due variabili: il reddito estero (Y f ) e il tasso di cambio reale ( ε ):

GX = (X f × Y f ) + (X ε × ε)

dove:

X f è la sensibilità delle esportazioni nazionali al reddito estero ( ΔGX/ ΔY f) ;

X ε è la sensibilità delle esportazioni nazionali al tasso di cambio reale ( ΔGX/ Δε);

(Nota bene il tipo di notazione utilizzata per i parametri: la lettera

maiuscola indica la variabile della quale vogliamo misurare la reattività mentre il pedice fa riferimento alla variabile rispetto alla quale vogliamo misurare tale reattività ( variabile esplicativa contenuta nel secondo membro)

Importazioni

• La domanda di importazioni (IM) dipende positivamente dal PIL reale interno (Y). Dipende (negativamente) anche dal tasso di cambio reale, nel senso che un deprezzamento (apprezzamento), rendendo le merci straniere più (meno) costose, provoca una riduzione (aumento) dei beni importati. Tuttavia, per semplicità, nel nostro modello assumiamo che le importazioni IM siano espresse come una quota costante del Pil reale Y:

IM = IM y x Y

(dove IM y è la propensione marginale ad importare; 0< IM y <1)

Rappresentazione grafica

Al livello di reddito Y 0 il saldo della BC=0

Rappresentazione grafica Al livello di reddito Y 0 il saldo della BC=0 deficit surplus esportazioni import
deficit surplus
deficit
surplus

esportazioni

import

Y 0

Y

Rappresentazione grafica Al livello di reddito Y 0 il saldo della BC=0 deficit surplus esportazioni import

La funzione delle esportazioni nette NX

Surplus o

deficit

0

surplus deficit NX=GX- IM
surplus
deficit
NX=GX-
IM

Y 0

NX

NX Funzione delle NX Date le esportazioni, un aumento del reddito interno aumenta le importazioni e

Funzione delle NX

Date le esportazioni, un aumento del reddito interno aumenta le importazioni e riduce le esportazioni nette (GX-IM)

Date le esportazioni, un aumento del reddito interno aumenta le importazioni e riduce le esportazioni nette

Y

NX=0

Esportazioni nette

• Definiamo le esportazioni nette (NX) come la differenza tra le esportazioni lorde (GX) e le importazioni (IM):

NX = GX – IM = (X f × Y f ) + (X ε × ε) (IM y × Y)

• Quindi le esportazioni nette NX dipendono positivamente (pensare a un tasso di cambio /$) dal reddito estero Y f e dal tasso di cambio reale ε, e negativamente dal reddito interno Y

Esportazioni nette e curva J

• Come nel caso delle altre determinanti della domanda aggregata, anche nel caso delle esportazioni nette abbiamo semplificato notevolmente la funzione di comportamento.

Le NX dipendono anche da altri fattori (pensiamo, per esempio, al ruolo della politica commerciale).

• Inoltre, l’impatto del tasso di cambio reale sulle esportazioni nette opera con una serie di ritardi: una variazione di ε nell’anno corrente avrà uno scarso effetto sulle NX nell’anno in corso; gli effetti saranno visibili solo dopo qualche anno. Anzi, nell’anno corrente, un eventuale deprezzamento del cambio reale può determinare un peggioramento del valore delle esportazioni nette, anziché un miglioramento.

• La ragione di questo risultato è che nel breve periodo il deprezzamento provoca un immediato aumento dei prezzi dei beni importati senza una sostanziale variazione dei volumi (quantità) dei beni importati ed esportati.

• Questo effetto perverso delle variazioni del tasso di cambio sulle esportazioni nette può essere rappresentato con una curva a forma di J: al momento del deprezzamento le NX peggiorano repentinamente per poi migliorare progressivamente con il passare del tempo

Saldo

BC

Gli effetti sul saldo della BC

0

Saldo della BC prima peggiora e poi migliora

della BC 0 Saldo della BC prima peggiora e poi migliora Tempo, t La curva J

Tempo, t

La curva J è la rappresentazione grafica dell’aggiustamento dinamico della BC in seguito a un deprezzamento reale

L’effetto J è dovuto ai seguenti fattori

• Valuta di fatturazione (i beni esteri sono fatturati in valuta estera e rende immediatamente più care le importazioni e non modifica il valore delle esportazioni che sono fatturate in valuta nazionale

• durata dei contratti . Alcuni contratti stipulati anteriormente alla svalutazione devono essere eseguiti in date future e le quantità prefissate con mesi di anticipo non possono essere modificate.

• Rigidità della domanda di alcuni beni importati (macchinari, materie prime) a variazioni del tasso di cambio reale

Il tasso di cambio

• Abbiamo visto come il tasso di cambio sia un’importante variabile esplicativa delle esportazioni nette. Chiediamoci ora che cosa determina il tasso di cambio

• Coloro che operano sul mercato dei cambi scambiano titoli denominati in differenti valute per trarne un profitto. Due sono i moventi alla base dell’attività degli operatori: avidità e paura

• Avidità. Se, per esempio, vengono osservati interessi più elevati su titoli statunitensi piuttosto che su quelli europei, un operatore potrà ottenere un profitto vendendo titoli europei (“in posizione corta”) ed acquistando titoli statunitensi (“in posizione lunga”). Quanto maggiore sarà il differenziale tra tasso di interesse statunitense e tasso di interesse europeo, tanto maggiore sarà il guadagno dell’operatore.

Il tasso di cambio

• Paura. Sempre con riferimento all’esempio precedente, l’attività dell’operatore sarà condizionata anche dalla paura di un deprezzamento della valuta , evento che potrebbe cancellare i profitti derivanti dal differenziale di interesse perché la variazione del cambio comporterebbe una perdita in conto capitale.

• Il deprezzamento di una valuta sarà tanto più probabile quanto più il tasso di cambio corrente è apprezzato (più basso) rispetto al suo valore medio o di lungo periodo

• Equilibrio. L’equilibrio sul mercato dei cambi si determina quando avidità e paura si compensano: quanto maggiore è il fattore avidità derivante da un elevato differenziale dei tassi di interesse tanto maggiore dovrà essere la paura di un deprezzamento e quindi tanto più basso dovrà essere il valore corrente del tasso di cambio (cambio apprezzato rispetto al valore medio)

Il tasso di cambio

• L’equazione che segue esprime il tasso di cambio reale corrente in funzione del suo valore medio (di lungo periodo) ε 0 e del differenziale tra tasso di interesse interno r e tasso di interesse estero r f :

ε = ε 0 - ε r × (r – r f )

(Il parametro ε r è la sensibilità del tasso di cambio reale corrente al differenziale di interesse)

• L’equazione di determinazione del tasso di cambio reale corrente può essere illustrata dal seguente grafico

r>rf

r a = rf

r <rf

Il tasso di cambio Aspettativa di deprezzamento della valuta nazionale Aspettativa di apprezzamento della valuta
Il tasso di cambio
Aspettativa di deprezzamento della valuta nazionale
Aspettativa di apprezzamento della
valuta nazionale
ε
ε 0
ε

In sintesi

• Se r> r f gli investitori finanziari esteri vorranno acquistare titoli nazionali. La domanda di euro aumenta e quindi il tasso di cambio si apprezza (ossia diminuisce)

ε = ε 0 - ε r × (r – r f )

Se r= r f allora ε

= ε 0

Il contrario accade se r<r f ( ε aumenta e quindi il cambio reale si deprezza)

Tasso di cambio ed esportazioni nette

• Se prendiamo l’equazione delle esportazioni nette

NX = GX – IM = (X f × Y f ) + (X ε × ε) (IM y × Y)

Y f ) + ( X ε × ε ) – ( IM y × Y

possiamo sostituire in essa l‘espressione per ε = ε 0 - ε r × (r – r f )

derivata dall‘equazione di determinazione del tasso di cambio reale corrente vista in precedenza, ottenendo:

NX = (X f × Y f ) +(X ε × ε 0 ) – (X ε × ε r × r)+(X ε × ε r × r f ) – (IM y × Y)

Questa equazione segnala come il tasso di interesse interno e quello estero influenzino le esportazioni nette in via diretta, senza passare per il tasso di cambio

CONCLUSIONI

• Abbiamo rivisto il modello a prezzi flessibili

• Esiste equilibrio nel mercato del lavoro

• La funzione del consumo va rivista: se consideriamo variabili come la ricchezza, gli incrementi di reddito permanenti distinti da quelli temporanei ( risultato la PM e PMC nel lungo periodo sono più alte di quelle di breve periodo

• La funzione degli investimenti tiene conto delle aspettative (animal spirits)

• Le esportazioni nette sono funzione negativa del reddito interno

• Esiste equilibrio nel mercato dei beni pur dopo aver introdotto le complicazioni viste