Sei sulla pagina 1di 27

LICENZA DUSO

UNI riconosce al cliente di questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI (dora in avanti denominati solo prodotto) i diritti non esclusivi e non trasferibili di cui al dettaglio seguente, in conseguenza del pagamento degli importi dovuti. Il cliente ha accettato di essere vincolato ai termini fissati in questa licenza circa l'installazione e la realizzazione di copie o qualsiasi altro utilizzo del prodotto. La licenza d'uso non riconosce al cliente la propriet del prodotto, ma esclusivamente un diritto d'uso secondo i termini fissati in questa licenza. UNI pu modificare in qualsiasi momento le condizioni di licenza d'uso.

USER LICENSE
For this product downloaded online from the UNI webstore (hereafter referred to as "products") UNI grants the client with the non-exclusive and non-transferable rights as specified in detail below, subordinate to payment of the sums due. The client accepted the limits stated in this license regarding the installation or production of copies or any other use of the products. The user license does not confer to clients ownership of the product, but exclusively the right to use according to the conditions specified in this license. UNI may modify the conditions of the user license at any time without notice.

COPYRIGHT
Il cliente ha riconosciuto che: il prodotto di propriet di UNI in quanto titolare del copyright -cos come indicato all'interno del prodotto- e che tali diritti sono tutelati dalle leggi nazionali e dai trattati internazionali sulla tutela del copyright tutti i diritti, titoli e interessi nel e sul prodotto sono e saranno di UNI, compresi i diritti di propriet intellettuale.

COPYRIGHT
The client acknowledged that: The product is property of UNI, as copyright owner as specified in the product itsselves and the said rights are governed by national legislation and international agreements on copyright. All rights, deeds and interests in and on the product shall remain property of UNI, including those of intellectual property.

UTILIZZO DEL PRODOTTO


Il cliente pu installare ed utilizzare esclusivamente per fini interni del proprio personale dipendente una sola copia di questo prodotto, su postazione singola. I clienti interessati alla condivisione delle norme UNI da parte di pi postazioni possono rivolgersi all'innovativo servizio di consultazione online denominato UNICoNTO. Con UNICoNTO possibile consultare tramite un collegamento internet ad accesso protetto ed un reader di file in formato Adobe PDF 5.0 (Portable Document Format) - i testi integrali delle norme tecniche, continuamente aggiornate. Al cliente consentita la realizzazione di UNA SOLA COPIA del file del prodotto, ai fini di backup. Il testo del prodotto non pu essere modificato, tradotto, adattato e ridotto. L'unica versione del testo che fa fede quella conservata negli archivi UNI. autorizzata la riproduzione NON INTEGRALE- del prodotto solo su documenti ad esclusivo uso interno del cliente. vietato dare il prodotto in licenza o in affitto, rivenderlo, distribuirlo o cederlo a qualunque titolo in alcuna sua parte, n in originale n in copia.

PRODUCT USE
The client may install and use a single copy of the product on one workstation exclusively for internal use by employed personnel. Those clients who are interested in sharing UNI standards on more workstations can apply to the innovatory online consultation service called UNICoNTO. By UNICoNTO the complete texts of technical standards, continuously updated, may be consulted, just by using an internet connection, provided with a protected access and a file reader in Adobe PDF 5.0 (Portable Document Format) format. The client is permitted to make ONE COPY ONLY for backup purposes. The text of the product may not be modified, translated, adapted or reduced. The only version of the authentic text is that conserved in the UNI archives. NONINTEGRAL reproduction of the product is authorised only on documents used exclusively internally by the client. Granting of the product license, hire, resale, distribution or transfer of any part of the product, in its original version or copy is strictly prohibited.

AGGIORNAMENTO DEL PRODOTTO


Questo prodotto scaricato on-line dal webstore UNI la versione in vigore al momento della vendita. Il prodotto revisionato, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. UNI non si impegna ad avvisare il cliente della pubblicazione di varianti, errata corrige o nuove edizioni che modificano, aggiornano o superano completamente il prodotto; importante quindi che il cliente si accerti di essere in possesso dell'ultima edizione e degli eventuali aggiornamenti.

PRODUCT UPDATES
This product downloaded online from the UNI webstore is the current version of the UNI standard valid at the time of sale. Products are revised, when necessary, with the publication of new editions or updates. UNI does not undertake to notify clients of publication of the said variants, errata corrige or new editions which modify, update or completely replace products; it is therefore important that the clients ensure possession of the latest edition and updates where relevant.

RESPONSABILITA UNI
N UNI n un suo dirigente, dipendente o distributore pu essere considerato responsabile per ogni eventuale danno che possa derivare, nascere o essere in qualche modo correlato con il possesso o l'uso del prodotto da parte del cliente. Tali responsabilit sono a carico del cliente.

UNI LIABILITY
Neither UNI nor relative manager, employee or distributor may be held liable for any damage deriving/arising from or correlated to the use of any products by clients. Liability lies exclusively with the clients.

TUTELA LEGALE
Il cliente assicura a UNI la fornitura di tutte le informazioni necessarie affinch sia garantito il pieno rispetto dei termini di questo accordo da parte di terzi. Nel caso in cui l'azione di terzi possa mettere in discussione il rispetto dei termini di questo accordo, il cliente si impegna a collaborare con UNI al fine di garantirne l'osservanza. UNI si riserva di intraprendere qualsiasi azione legale nei confronti del cliente a salvaguardia dei propri diritti in qualsiasi giurisdizione presso la quale vi sia stata una violazione del presente accordo. L'accordo regolato dalla normativa vigente in Italia e il tribunale competente per qualsiasi controversia quello di Milano.

LEGAL PROTECTION
The client shall guarantee to UNI the supply of all information required to ensure the full observance of the terms of this agreement by third parties. Should the action of third parties compromise observance of the said terms of agreement, the client undertakes to collaborate with UNI to guarantee compliance. The agreement is governed by current standards in Italy, and in the event of dispute the competent court shall be that of Milan. UNI reserves to undertake legal action with respect to the client to safeguard specific rights in all aspects of jurisdiction in which the present agreement has been breached.

Ente Nazionale Italiano di Unificazione Membro Italiano ISO e CEN www.uni.com Sede di Milano Via Sannio, 2 20137 Milano Tel +39 02700241, Fax +39 0270024375 uni@uni.com Ufficio di Roma Via del Collegio Capranica, 4 00186 Roma Tel +39 0669923074, Fax +39 06 6991604 uni.roma@uni.com

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

Mobili
NORMA ITALIANA

Sedute su barra
Metodi di prova e requisiti per la resistenza e la durata

UNI EN 12727

FEBBRAIO 2002 Furniture


Corretta il 26 settembre 2002

Ranked seating
Test methods and requirements for strength and durability

SOMMARIO

La norma specica i metodi di prova e i requisiti che determinano la resistenza e la durata strutturale di tutti i tipi di seduta su barra, (per esempio seduta per stadio e auditorio) che sono ssate al pavimento e/o a pareti in modo permanente, sia sotto forma di panchine che di sedie singole. incluso un prospetto di valori di prova con quattro scelte di carichi e cicli. La norma si applica a sedute ssate permanentemente in le ma non si applica a sedie concatenate non ssate al pavimento e/o a pareti.

RELAZIONI NAZIONALI

La presente norma, unitamente alla UNI EN 1728:2002, sostituisce le UNI 8583:1984, UNI 8584:1984, UNI 8585:1984, UNI 8586:1984, UNI 8587:1984, UNI 8589:1984, UNI 8590:1984, UNI 9088:1987, UNI 9089:1987, UNI 9243:1987, UNI 9430:1989. = EN 12727:2000 La presente norma la versione ufciale in lingua italiana della norma europea EN 12727 (edizione settembre 2000).

RELAZIONI INTERNAZIONALI

ORGANO COMPETENTE RATIFICA

Commissione "Mobili" Presidente dell'UNI, delibera del 30 luglio 2001

UNI Ente Nazionale Italiano di Unicazione Via Battistotti Sassi, 11B 20133 Milano, Italia Gr. 7

UNI - Milano Riproduzione vietata. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte del presente documento pu essere riprodotta o diffusa con un mezzo qualsiasi, fotocopie, microlm o altro, senza il consenso scritto dellUNI.

UNI EN 12727:2002

NORMA EUROPEA
Pagina I

CLASSIFICAZIONE ICS

97.140

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

PREMESSA NAZIONALE
La presente norma costituisce il recepimento, in lingua italiana, della norma europea EN 12727 (edizione settembre 2000), che assume cos lo status di norma nazionale italiana. La traduzione stata curata dallUNI. La Commissione "Mobili" dellUNI segue i lavori europei sullargomento per delega della Commissione Centrale Tecnica. Le norme UNI sono revisionate, quando necessario, con la pubblicazione di nuove edizioni o di aggiornamenti. importante pertanto che gli utilizzatori delle stesse si accertino di essere in possesso dellultima edizione e degli eventuali aggiornamenti. Si invitano inoltre gli utilizzatori a vericare lesistenza di norme UNI corrispondenti alle norme EN o ISO ove citate nei riferimenti normativi.

Le norme UNI sono elaborate cercando di tenere conto dei punti di vista di tutte le parti interessate e di conciliare ogni aspetto conittuale, per rappresentare il reale stato dellarte della materia ed il necessario grado di consenso. Chiunque ritenesse, a seguito dellapplicazione di questa norma, di poter fornire suggerimenti per un suo miglioramento o per un suo adeguamento ad uno stato dellarte in evoluzione pregato di inviare i propri contributi allUNI, Ente Nazionale Italiano di Unicazione, che li terr in considerazione, per leventuale revisione della norma stessa.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina II

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

INDICE
1 2 3 4
figura 1

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTI NORMATIVI TERMINI E DEFINIZIONI CONDIZIONI GENERALI DELLA PROVA

1 1 1

2 Posizione della sagoma del punto di carico ........................................................................................ 3 ATTREZZATURA E APPARECCHIATURA PER LE PROVE 3

5
figura figura figura figura figura figura figura 2 3 4 5 6 7 8

Curve della superficie di carico per la sagoma del punto di carico relativo al sedile e allo schienale .............................................................................................................................................. 4 Sagoma del punto di carico....................................................................................................................... 5 Tampone di carico sul sedile - Dimensioni di ingombro .................................................................. 6 Tampone piccolo di carico sul sedile ..................................................................................................... 6 Tampone di carico sullo schienale.......................................................................................................... 7 Dispositivo per la prova durto .................................................................................................................. 8 Pendolo ............................................................................................................................................................ 9

6
figura figura figura figura figura figura prospetto 9 10 11 12 13 14 1

PROCEDIMENTI DI PROVA

Prova di carico statico sul sedile e sullo schienale ........................................................................ 10 Prova di carico statico orizzontale dei braccioli ............................................................................... 11 Prova di carico statico verticale sul bracciolo verso il basso ...................................................... 12 Prova durto sul sedile .............................................................................................................................. 13 Prova durto sullo schienale ................................................................................................................... 14 Prova durto sul bracciolo........................................................................................................................ 15 Sommario delle prove, cicli e carichi ................................................................................................... 16

7 8 APPENDICE (normativa)
figura figura

VALUTAZIONE DEI RISULTATI RESOCONTO DI PROVA A


A.1 A.2

16 17 18

DATI SUL TAMPONE DI CARICO SUL SEDILE

Sagoma del tampone di carico sul sedile - Realizzazione in legno di latifoglie ................... 18 Sagoma del tampone di carico sul sedile - Realizzazione in resina e fibre di vetro; formata in stampo ...................................................................................................................................... 19

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina III

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina IV

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

Mobili
NORMA EUROPEA

Sedute su barra
Metodi di prova e requisiti per la resistenza e la durata

EN 12727

SETTEMBRE 2000 Furniture


EUROPEAN STANDARD

Ranked seating
Test methods and requirements for strength and durability Meubles

NORME EUROPENNE

Siges en ranges
Mthodes dessai et exigences pour la rsistance et la durabilit Mbel

EUROPISCHE NORM

Festmontiertes Reihengesthl
Prfverfahren und Anforderungen an die Festigkeit und Dauerhaltbarkeit

DESCRITTORI

ICS

97.140

La presente norma europea stata approvata dal CEN il 10 agosto 2000. I membri del CEN devono attenersi alle Regole Comuni del CEN/CENELEC che deniscono le modalit secondo le quali deve essere attribuito lo status di norma nazionale alla norma europea, senza apportarvi modiche. Gli elenchi aggiornati ed i riferimenti bibliograci relativi alle norme nazionali corrispondenti possono essere ottenuti tramite richiesta alla Segreteria Centrale oppure ai membri del CEN. La presente norma europea esiste in tre versioni ufciali (inglese, francese e tedesca). Una traduzione nella lingua nazionale, fatta sotto la propria responsabilit da un membro del CEN e noticata alla Segreteria Centrale, ha il medesimo status delle versioni ufciali. I membri del CEN sono gli Organismi nazionali di normazione di Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

CEN COMITATO EUROPEO DI NORMAZIONE


European Committee for Standardization Comit Europen de Normalisation Europisches Komitee fr Normung
Segreteria Centrale: rue de Stassart, 36 - B-1050 Bruxelles

2000 CEN Tutti i diritti di riproduzione, in ogni forma, con ogni mezzo e in tutti i Paesi, sono riservati ai Membri nazionali del CEN.
UNI EN 12727:2002 UNI Pagina V

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

PREMESSA
La presente norma europea stata elaborata dal Comitato Tecnico CEN/TC 207 "Mobili" la cui segreteria afdata all'IBN. Alla presente norma europea deve essere attribuito lo status di norma nazionale, o mediante la pubblicazione di un testo identico o mediante notica di adozione, entro marzo 2001, e le norme nazionali in contrasto devono essere ritirate entro marzo 2001. L'appendice A normativa. In conformit alle Regole Comuni CEN/CENELEC, gli enti nazionali di normazione dei seguenti Paesi sono tenuti a recepire la presente norma europea: Austria, Belgio, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Norvegia, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Svezia e Svizzera.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina VI

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE


La presente norma europea specica i metodi di prova e i requisiti che determinano la resistenza e la durata strutturale di tutti i tipi di seduta su barra, (per esempio seduta per stadio e auditorio) che sono ssate al pavimento e/o a pareti in modo permanente, sia sotto forma di panchine che di sedie singole. incluso un prospetto di valori di prova con quattro scelte di carichi e cicli. La presente norma si applica a sedute ssate permanentemente in le ma non si applica a sedie concatenate non ssate al pavimento e/o a pareti. La valutazione dell'invecchiamento e delleffetto della temperatura ambientale non sono inclusi. Per questi ultimi, si dovrebbe fare riferimento alla norma specica (per esempio in preparazione una norma dal titolo "Attrezzature per lo spettatore, caratteristiche produttive dei sedili"). Queste prove non hanno lo scopo di valutare la durata dei materiali di imbottitura, quali i materiali di riempimento e i loro rivestimenti. Le prove intendono valutare la resistenza e la durata strutturale delle sedute su barra classicate indipendentemente dai materiali, dal progetto/esecuzione o dai processi di lavorazione.

RIFERIMENTI NORMATIVI
La presente norma europea rimanda, mediante riferimenti datati e non, a disposizioni contenute in altre pubblicazioni. Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e vengono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente norma europea come aggiornamento o revisione. Per i riferimenti non datati vale l'ultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento (compresi gli aggiornamenti). ISO 2439:1997 Flexible cellular polymeric materials - Determination of hardness (indentation technique)

3 3.1

TERMINI E DEFINIZIONI
Ai ni della presente norma europea, si applicano i termini e le denizioni seguenti.

prove statiche: Prove che consistono nellapplicare carichi pesanti per poche volte in modo da assicurare che il mobile abbia una resistenza sufciente quando sottoposto ai pi alti livelli di carico che possano ragionevolmente vericarsi.

3.2 3.3 3.4 3.5

prove durto: Prove per valutare la resistenza dellarticolo quando sottoposto a un carico
durto che possa ragionevolmente vericarsi.

prove di durata: Prove che simulano lapplicazione ripetuta di carichi o il movimento dei
componenti che avvengono con lutilizzo a lungo termine.

struttura: Parti di supporto del carico del mobile come telaio, supporti per il sedile, schienale e braccioli e sospensioni.

supercie di scrittura accessoria: Piccola supercie ssata alla struttura della sedia che
pu essere temporaneamente aperta per attivit di scrittura o similari.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 1

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

4 4.1

CONDIZIONI GENERALI DELLA PROVA Preparazione preliminare


Prima di iniziare le prove, larticolo deve essere sottoposto ad un invecchiamento tale da garantire di avere sviluppato la sua completa resistenza. Nel caso di giunzioni incollate, di legno e simili tra la fabbricazione e la prova devono essere trascorse almeno quattro settimane in normali condizioni interne. Le prove devono essere eseguite in condizioni ambientali d'interno, ma se durante una prova la temperatura atmosferica al di fuori dell'intervallo che va da 15 C a 25 C la temperatura massima e/o minima deve essere riportata nel resoconto di prova. Immediatamente prima dellinizio delle prove, ispezionare a fondo ciascun articolo. Rilevare ogni difetto negli elementi, giunti o attacchi cosicch essi non vengano attribuiti agli effetti delle prove quando queste sono state ultimate. Eseguire un controllo sulle dimensioni dellarticolo in tutti quei casi in cui pu essere prevista una deformazione come risultato delle prove. Le prove prevedono lapplicazione ad un campione di seduta che sia completamente assemblato e montato in modo da rappresentare le condizioni di utilizzo.

4.2

Campione di prova
I campioni di seduta sottoposti a prova devono essere montati secondo le istruzioni di fabbricazione su una struttura che rappresenti linstallazione di utilizzo nale. La struttura deve essere sufcientemente resistente e rigida in modo da eliminare la possibilit di inuenzare i risultati delle prove. I campioni di sedute continue di sedili singoli con elementi comuni strutturati devono consistere in almeno due posizioni di sedute adiacenti, inclusa unestremit di unit disposte in la.

4.3

Applicazione delle forze


Le forze di prova nelle prove di resistenza devono essere applicate in modo sufcientemente lento per garantire che le forze dinamiche siano trascurabili. Le forze nelle prove di durata devono essere applicate in modo sufcientemente lento in modo da evitare che si verichi riscaldamento. Se non altrimenti stabilito, ciascun carico statico deve essere mantenuto per un minimo di (10 2) s, e i carichi di durata devono essere mantenuti per non meno di 1 s.

4.4
4.4.1

Determinazione dei punti di carico sul sedile e sullo schienale - Metodo


Sedili singoli e multipli con schienali
Posizionare la sagoma (5.1) con il suo carico applicato al punto di carico del sedile sulla mezzeria del sedile quanto pi possibile verso il retro. Regolare la sua posizione spingendo la porzione di carico nello schienale, facendo leva sulla porzione del sedile portandola in avanti, nch la forma della sagoma corrisponde a quella del sedile (vedere gura 1). Nei casi in cui la sagoma pu essere collocata in pi di una posizione, deve essere utilizzata la posizione avente langolo minore tra le porzioni del sedile e dello schienale della sagoma. In nessun caso langolo deve essere minore di 90. Contrassegnare le posizioni di carico richieste dalla sagoma. Ripetere i procedimenti sull/sugli altro/i sedile/i.

4.4.2

Sgabelli e panchine
Regolare la sagoma (5.1) a 90 con laiuto del segno (C) come illustrato nella gura 3. Porla su ciascuna posizione di seduta come illustrato nella gura 1. Segnare il punto di carico denito dalla sagoma.

4.4.3

Punti di carico sul sedile


Se il numero di sedili nellarticolo non evidente, dividere la lunghezza totale del sedile (in millimetri) per 600 mm e arrotondare al numero intero pi vicino per determinare il numero di sedili. Dividere la lunghezza totale del sedile in sedili di uguale lunghezza. Tracciare la posizione di ciascuno dei sedili.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 2

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

4.5

Apparecchiatura di prova
Le prove possono essere eseguite mediante qualsiasi dispositivo idoneo in quanto i risultati dipendono esclusivamente dai carichi correttamente applicati e non dallapparecchiatura, fatta eccezione per le prove durto in cui deve essere utilizzata lapparecchiatura descritta in 5.9 e 5.10. Lapparecchiatura di carico del sedile deve essere tale da non impedire il ribaltamento allindietro del sedile ne da impedire il movimento orizzontale della sedia quando viene applicato il carico posteriore. Tutti i tamponi di carico devono essere in grado di ruotare rispetto alla direzione della forza applicata e i punti di rotazione devono essere il pi vicino possibile alla supercie di carico.

4.6

Tolleranze
Per le tolleranze se non indicato altrimenti, vale quanto segue: - tutte le forze devono avere un'accuratezza di 5% rispetto alla forza nominale; - tutte le masse un'accuratezza di 0,5% rispetto alla massa nominale; - tutte le dimensioni un'accuratezza di 1,0 mm della dimensione nominale; - tutti gli angoli un'accuratezza di 2. La tolleranza per la posizione dei tamponi di carico deve essere di 5 mm.
gura 1

Posizione della sagoma del punto di carico

5 5.1

ATTREZZATURA E APPARECCHIATURA PER LE PROVE Sagoma del punto di carico, (vedere gure 2 e 3) consistente in due elementi sagomati
ssati insieme da un perno ad unestremit. I contorni delle superci sagomate sono concepiti in modo da affondare nell'imbottitura. A tale proposito la sezione relativa al sedile deve avere una massa totale di 20 kg, applicata nel punto di carico del sedile. Lapparecchiatura deve essere segnata come illustrato nella gura 3. Afnch la sagoma sia posizionata facilmente con i due elementi a 90 tra loro, deve essere tracciata un linea sulla porzione dello schienale. I punti di carico A e B corrispondono a quei punti su una sedia che sono rispettivamente 175 mm in avanti dal punto di intersezione del sedile e dello schienale sul sedile, e 300 mm al di sopra dal punto di intersezione del sedile e dello schienale sullo schienale. Il punto di carico C corrisponde al punto su uno sgabello che si trova a 175 mm da un bordo.

5.2

Tampone di carico del sedile, tampone con forma anatomica (vedere gura 4) con una
supercie levigata e dura. Due esempi sono illustrati nellappendice A.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 3

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

Curve della supercie di carico per la sagoma del punto di carico relativo al sedile e allo schienale
Legenda 1 Parte posteriore 2 Carico sul sedile 3 Parte relativa al sedile 4 Parte anteriore 5 6 7 8 Parte superiore Parte relativa allo schienale Carico sullo schienale Parte inferiore

Scala: ogni quadrato: 20 mm 20 mm.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 4

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

Sagoma del punto di carico


Legenda 1 Sezione tipica 2 Bordo diritto per la determinazione dellinclinazione del sedile o dello schienale 3 Segno per ssare i 90 A Carico sul sedile (sedie) B Carico sullo schienale (sedie) C Carico sul sedile (sgabelli) Dimensioni in mm

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 5

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

Tampone di carico sul sedile - Dimensioni di ingombro


Legenda 1 Punto di applicazione del carico Dimensioni in mm

5.3

Tampone piccolo di carico sul sedile, oggetto di forma circolare del diametro di 200 mm,
la cui faccia presenta una curvatura sferica convessa del raggio di 300 mm con raggio del bordo frontale di 12 mm (vedere gura 5).
gura 5

Tampone piccolo di carico sul sedile


Dimensioni in mm

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 6

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

5.4

Tampone di carico sullo schienale, oggetto rigido di forma rettangolare, di altezza 200 mm
e di larghezza 250 mm, la cui faccia presenta una curvatura cilindrica convessa nel senso della larghezza del tampone di raggio 450 mm e arrotondata su tutti i bordi anteriori con raggio di 12 mm (vedere gura 6).
gura 6

Tampone di carico sullo schienale


Dimensioni in mm

5.5

Tampone di carico locale (per esempio per prove di carico su braccioli e sulle gambe), oggetto rigido di forma cilindrica, di diametro 100 mm, con una faccia piana e raggio di 12 mm sul bordo.

5.6

Espanso usato con tamponi di carico, strato spesso di espanso di polietere con un indice di durezza conforme alla ISO 2439:1997, metodo A, di (1 100 100) N. Per luso dellespanso nella prova durto del sedile, vedere 6.11.

5.7

Dispositivo doppio di carico sul sedile, due tamponi di carico come specicato in 5.2 o
5.3. La distanza fra i tamponi deve essere regolabile in modo che i centri possano trovarsi al di sopra dei punti di carico del sedile su due posti adiacenti di qualsiasi misura di sedute multiple.

5.8

Dispositivo doppio di carico sullo schienale, due tamponi di carico come specicato in
5.4. La distanza fra i tamponi deve essere regolabile in modo che i centri possano trovarsi al di sopra delle posizioni di carico dello schienale su due sedili adiacenti di qualsiasi misura di sedute multiple.

5.9
5.9.1

Dispositivo per la prova di urto del sedile (vedere gura 7)


Corpo di forma circolare, con 200 mm di diametro che tenuto separato dal piano durto per mezzo molle di compressione ad elica e libero di muoversi rispetto ad esso su una linea perpendicolare al piano dellarea centrale del piano durto. Il corpo e le parti associate meno le molle, devono avere una massa di (17 0,1) kg e lintera apparecchiatura, inclusa la massa, le molle e la supercie di battuta, devono avere una massa di (25 0,1) kg.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 7

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

5.9.2

Le molle, devono essere tali da costituire un sistema di sospensione con essibilit nominale della molla di (6,9 1) N/mm e la resistenza totale di attrito delle parti mobili sia tra 0,25 N e 0,45 N. Il sistema di molle deve essere compresso ad un carico iniziale di (1 040 5) N (misurato staticamente) e la distanza complessiva del movimento di compressione disponibile della molla dal punto iniziale di compressione al punto in cui le molle diventano totalmente chiuse, non deve essere minore di 60 mm. La supercie durto, deve essere un oggetto circolare rigido, con 200 mm di diametro, la cui faccia ha una curvatura sferica convessa avente un raggio di 300 mm con un raggio di bordo anteriore di 12 mm (vedere 5.3).
gura 7

5.9.3

Dispositivo per la prova durto


Legenda 1 Giunto del dispositivo di sollevamento che non impedisce la caduta libera

5.10

Pendolo, oggetto cilindrico avente una massa di 6,5 kg, sostenuto da un perno per mezzo
di un tubo di acciaio di 38 mm di diametro e con uno spessore di parete di 2,0 mm. La distanza tra il perno e il centro di gravit del pendolo deve essere di 1 m. Il braccio del pendolo deve essere incernierato su un cuscinetto a basso attrito (vedere gura 8).

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 8

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

Pendolo
Legenda 1 Testa del pendolo, massa di acciaio 6,4 kg 2 Legno di latifoglia 3 Gomma 50 IRHD 4 Braccio del pendolo, tubo di acciaio ad alta resistenza alla trazione, diametro 38 mm 2 mm, massa 2 kg 0,2 kg 5 Regolazione dellaltezza Dimensioni in mm

Massa dellassemblaggio 1 + 2 + 3 = 6,5 0,07 kg.

6 6.1

PROCEDIMENTI DI PROVA Generalit


Se non altrimenti specicato uno strato di espanso (5.6) deve essere posto tra i tamponi di carico (5.3) e le superci caricate. Nel caso di modelli non previsti nei procedimenti di prova, la prova dovrebbe essere eseguita, per quanto possibile, come descritto, e gli eventuali scostamenti dal procedimento di prova devono essere riportati nel resoconto di prova.

6.2

Sequenza delle prove


Tutte le prove applicabili devono essere eseguite nel seguente ordine: 6.3, 6.4, 6.5, 6.61), 6.71), 6.11, 6.12, 6.131), 6.141), 6.8, 6.9, 6.10, 6.3, 6.151), 6.161).

6.3

Prova di carico statico sul sedile e sullo schienale (vedere gura 9)


Posizionare il tampone di carico del sedile (5.2) o il dispositivo doppio di carico sul sedile (5.7) in modo da conformarsi al piano del sedile, sul punto di carico del sedile determinato dalla sagoma del punto di carico (5.1). Usando il tampone di carico del sedile o il tampone doppio di carico e/o le masse, eseguire la prova su una posizione o contemporaneamente su due posizioni come specicato in a), b) e c) di cui sotto: a) su di una posizione per campioni con sedili singoli e senza elementi strutturali comuni;

1)

Dove appropriato.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 9

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

b) su di una posizione nale e sulla posizione adiacente per campioni di sedute continue o sedili singoli con elementi strutturali comuni; c) su due posizioni centrali adiacenti per campioni di sedute continue con quattro o pi posizioni di seduta. Durante la prova, caricare l/gli altro/i sedile/i che non /sono stato/i sottoposto/i a prova con una forza di 950 N o una massa di 96,8 kg applicata nel punto di carico del sedile. Se una struttura di prova a due sedili utilizzata per rappresentare un sistema continuo di sedute allora una forza di 475 N o una massa di 48,4 kg deve essere applicata ai punti di montaggio del sedile vuoto. Se l' articolo provvisto di uno schienale, posizionare i centri del dispositivo singolo (5.4) o doppio (5.8) di carico dello schienale, o sulla posizione di carico dello schienale, come determinato dalla sagoma di posizione di carico, o a 100 mm al di sotto della sommit dello schienale, qualunque sia la pi bassa. Applicare ai sedili [vedere a), b), c), d) di cui sopra] la forza verso il basso, su ogni tampone, come specicato nel prospetto 1 nei punti di carico del sedile. Mentre la forza viene mantenuta, applicare una forza sullo schienale come specicato nel prospetto 1, su ogni tampone, perpendicolarmente allo schienale quando sotto carico. Rimuovere entrambi i carichi. Questo costituisce un ciclo. Ripetere per 10 cicli.
gura 9

Prova di carico statico sul sedile e sullo schienale


Legenda 1 Carico di bilanciamento sul sedile a) Sedia b) Sgabello

a)

b)

Quando questa prova applicata ad uno sgabello senza schienale di appoggio, o con uno schienale molto basso, applicare la forza allindietro orizzontalmente sul bordo anteriore del sedile. Ripetere il procedimento di carico del sedile su un punto, 80 mm indietro dal bordo anteriore della struttura. Applicare il carico nella posizione pi sfavorevole o sulla mezzeria del sedile o il pi vicino possibile ad un lato del sedile, ma a non meno di 80 mm da tale bordo.
Nota

Se non possibile applicare il carico dello schienale nella posizione di carico dello schienale a causa della sua struttura, per esempio se lo schienale costituito da traverse poste sopra e/o sotto la posizione di carico dello schienale, pu essere utilizzato un idoneo pannello per distribuire il carico sulle traverse dello schienale purch questa supercie non si sovrapponga agli elementi verticali laterali.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 10

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

6.4

Carico statico orizzontale sullo schienale verso avanti


Un carico statico orizzontale verso avanti deve essere applicato utilizzando il tampone di carico pi piccolo (5.3), ad un punto 50 mm sotto il centro della sommit dello schienale, agendo verso avanti. La forza appropriata specicata nel prospetto 1 deve essere applicata 10 volte.

6.5

Prova di carico statico verticale sullo schienale


Applicare la forza specicata nel prospetto 1 verso il basso per un totale di 10 volte alla sommit dello schienale mediante il tampone di carico del sedile (5.2). Se non possibile utilizzare il tampone di carico del sedile, applicare la forza con il tampone di carico pi piccolo (5.3).

6.6

Prova di carico statico orizzontale sul bracciolo (vedere gura 10)


Applicare una coppia di forze verso lesterno, come specicato nel prospetto 1, nei punti considerati pi predisposti a rottura sulla lunghezza dei braccioli, ma a non meno di 100 mm da ciascuna estremit della struttura del bracciolo. Applicare le forze 10 volte, utilizzando il tampone di carico locale (5.5).
gura 10

Prova di carico statico orizzontale dei braccioli

6.7

Prova di carico statico verticale del bracciolo


Applicare la forza verticale, specicata nel prospetto 1, 10 volte, nel punto considerato pi predisposto a rottura sulla lunghezza dei braccioli (vedere gura 11), ma a non meno di 100 mm da ciascuna estremit della struttura del bracciolo. Applicare il carico mediante il tampone di carico del sedile pi piccolo (5.3).

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 11

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

11

Prova di carico statico verticale sul bracciolo verso il basso

6.8

Prova di durata combinata per sedile e schienale


Eseguire la prova su una posizione o, consecutivamente, su due posizioni come sotto specicato in a), b) oppure c). a) Su un sedile e schienale per campioni con sedili singoli e nessun elemento strutturale in comune; b) su un sedile e schienale ad unestremit e sul sedile e schienale adiacente per campioni di sedute continue o sedili singoli con elementi strutturali comuni; c) sulla coppia centrale di sedili e schienali per campioni di sedute continue con 4 o pi posizioni di seduta. Durante la prova, caricare l/gli altro/i sedile/i che non viene/vengono sottoposto/i a prova con una forza di 950 N o una massa di 96,8 kg applicata al punto di carico del sedile. Se una struttura di prova a due sedili utilizzata per rappresentare un sistema continuo di sedute allora una forza di 475 N o una massa di 48,4 kg deve essere applicata ai punti di montaggio del sedile vuoto. Posizionare il tampone di carico del sedile (5.2) al un punto di carico del sedile determinato dalla sagoma del punto di carico (4.4). Posizionare il centro del tampone di carico dello schienale (5.4), o sulla posizione di carico dello schienale, come determinato dalla sagoma del punto di carico, o a 100 mm al di sotto della sommit dello schienale, qualunque sia il pi basso. Applicare la forza verticale al tampone di carico del sedile [vedere a), b), e c) sopra] come specicato nel prospetto 1. Mentre questa forza viene mantenuta, applicare una forza sullo schienale come specicato nel prospetto 1, perpendicolarmente allo schienale quando completamente sotto carico (vedere 6.3, nota). Rimuovere entrambi i carichi, prima lo schienale e poi il sedile. Questo costituisce un ciclo. Applicare i carichi per il numero di cicli specicato nel prospetto 1 su ciascuna posizione. Quando questa prova applicata ad una panchina, o ad una panchina con uno schienale molto basso, applicare la forza verso il retro, orizzontalmente al bordo anteriore della panchina.
Nota

Per una semplice prova "ad hoc" un risultato approssimativo pu essere ottenuto eseguendo le prove di durata del sedile seguite dalle prove di durata dello schienale con un carico statico sul sedile.

6.9

Prova di durata del bordo anteriore del sedile


Applicare il carico verticale sul sedile verticale specicato nel prospetto 1 utilizzando il tampone piccolo di carico del sedile (5.3) alternativamente su due punti ciascuno ad 80 mm dal bordo anteriore della struttura del sedile e il pi vicino possibile a ciascun lato del sedile, ma a non meno di 80 mm dai bordi.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 12

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

Per gli articoli con pi di una posizione di seduta, la prova deve essere eseguita, come sopra, su un sedile nale mentre il sedile adiacente deve essere caricato con il medesimo carico della durata del bordo anteriore applicati alla mezzeria del sedile. Applicare le forze per il numero di cicli specicato nel prospetto 1.

6.10

Prova di durata orizzontale dello schienale verso avanti


La forza orizzontale, come specicato nel prospetto 1, deve essere applicata agendo verso avanti utilizzando il tampone piccolo di carico del sedile (5.3) 50 mm al di sotto del centro della sommit dello schienale di un solo sedile nale. La forza deve essere applicata per il numero di cicli specicato nel prospetto 1.

6.11

Prova durto del sedile (vedere gura 12)


Determinare laltezza di caduta dalla posizione del dispositivo d'urto quando esso appoggia su uno degli strati di espanso (5.6) che sono posti tra la supercie durto e il sedile della sedia sottoposta a prova. Porre un secondo strato di espanso (5.6) sul sedile. Permettere al dispositivo d'urto del sedile (vedere 5.9 e gura 7) di cadere liberamente dallaltezza specicata nel prospetto 1 sul punto di carico del sedile come specicato dalla sagoma di posizione di carico (4.4). Eseguire la prova per un totale di 10 volte. Ripetere sulle altre posizioni considerate pi predisposte a rottura. Per gli articoli con pi di una posizione di seduta applicare la prova su di un solo sedile nale.
gura 12

Prova durto sul sedile


Legenda 1 Altezza di caduta 2 Secondo la sagoma a) Sedia b) Sgabello

a)

b)

6.12

Prova durto sullo schienale (vedere gura 13)


Colpire la struttura al centro della sommit sul lato esterno dello schienale con il pendolo (5.10) per un totale di 10 volte. Lasciar cadere il pendolo dall'altezza (o angolo) previsti nel prospetto 1. Ripetere sulle altre posizioni del lato esterno dello schienale considerate pi predisposte a rottura. Quando larticolo non dotato di schienale, colpire il centro del bordo posteriore del sedile. Per articoli con pi di una posizione di seduta, applicare la prova su un solo sedile nale.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 13

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

13

Prova durto sullo schienale


Legenda 1 Colpo durto 2 Altezza di caduta a) Sedia b) Sgabello

a)

b)

6.13

Prova durto sul bracciolo (vedere gura 14)


Eseguire la prova allo stesso modo della prova durto schienale (6.12) eccetto per il fatto che lurto deve essere applicato in direzione interna alla faccia esterna di unestremit dei braccioli in la sulla posizione considerata pi predisposta a rottura. Lasciar cadere il pendolo dallaltezza o angolo specicato nel prospetto 1 per un totale di 10 volte.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 14

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

14

Prova durto sul bracciolo


Legenda 1 Colpo durto 2 Altezza di caduta

6.14

Prova funzionamento sedile ribaltabile


Se linstallazione dotata di sedili ribaltabili, un sedile della struttura di prova deve essere in grado di essere completamente chiuso e poi completamente aperto per il numero di volte specicato nel prospetto 1 ad una velocit massima di 10 cicli al min. Durante ciascun ciclo, il sedile deve essere in grado di aprirsi o chiudersi liberamente sotto gravit se questo il suo modo corretto di funzionamento.

6.15

Carico statico verticale su supercie di scrittura accessoria


Applicare la forza verticale verso il basso specicata nel prospetto 1, 10 volte sul punto distante 80 mm da due lati adiacenti sullangolo pi lontano da qualsiasi supporto, utilizzando il tampone di carico locale (5.5).

6.16

Prova di durata della supercie di scrittura accessoria


Applicare una forza verticale verso il basso di 150 N sulla stessa posizione come specicato in 6.15 utilizzando il tampone di carico locale (5.5) per il numero di volte specicato nel prospetto 1.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 15

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

prospetto

Sommario delle prove, cicli e carichi


Carichi 1 Leggero Chiese Tribunali 2 Moderato 3 Generale 4 Severo Sale di lettura di universit Stadi, Cinema Aeroporti 2 000 760 760 900 1 000 1 000 200 000

Prova Tipo duso Esempi di applicazione Questi sono solo esempi per aiutare nella scelta1) 6.3 Carico statico sedile-schienale

Stadi Teatri, sale da concerto, Palazetti dello sport Teatri, Cinema sale di lettura Sale da concerto 1 600 760 600 600 900 100 000 2 000 760 760 900 900 1 000 150 000

Sedile forza, N Schienale forza, N 10 volte Forza, N 10 volte Forza, N 10 volte Forza, N 10 volte Forza, N 10 volte Cicli Carico sedile 950 N Carico schienale 330 N Cicli Carico sedile 950 N

1 300 560 400 800 50 000

6.4 6.5 6.6 6.7 6.8

Carico statico orizzontale sullo schienale verso avanti Carico statico verticale sullo schienale Carico statico orizzontale sui braccioli Carico statico verticale sui braccioli Fatica combinata sedile-schienale Fatica del bordo anteriore del sedile

6.9

50 000 180 210 38 210 38 25 000 150 10 000

100 000 20 000 240 330 48 330 48 25 000 200 10 000

150 000 50 000 300 620 68 620 68 50 000 300 25 000

200 0000 100 000 300 620 68 620 68 100 000 300 25 000

6.10 Prova di durata orizzontale dello Cicli schienale verso avanti Carico schienale 330 N 6.11 Prova di urto sedile 6.12 Prova di urto schienale Altezza di caduta, mm 10 volte Altezza, mm Angolo, gradi 10 volte Altezza, mm Angolo, gradi 10 volte Cicli Forza, N 10 volte Cicli 150 N

6.13 Prova di urto bracciolo

6.14 Prova di funzionamento sedile ribaltabile 6.15 Prova statica verticale su supercie di scrittura acessoria 6.16 Prova di durata supercie di scrittura accessoria

1) Si dovrebbe enfatizzare che ci sono applicazioni dove luso moderato pu essere combinato con unalta frequenza duso e viceversa. Si dovrebbe pertanto considerare attentamente la natura precisa delluso previsto di una seduta su barra prima di scegliere i carichi e i cicli appropriati dal prospetto 1.

VALUTAZIONE DEI RISULTATI


Subito dopo il completamento delle prove, il campione di prova deve essere sottoposto a verica e devono essere soddisfatti i seguenti requisiti: - non ci devono essere fratture di alcun elemento, giunto o componente; - nessun giunto rigido deve risultare allentato; - nessun elemento strutturale deve essere deformato in una misura tale da inuenzare laspetto o il funzionamento del sedile, e tutte le parti devono funzionare normalmente.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 16

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

RESOCONTO DI PROVA
Il resoconto di prova deve includere almeno le informazioni seguenti: a) il riferimento alla presente norma europea; b) il mobile sottoposto a prova (dati rilevanti) e i dettagli di qualunque difetto precedente la prova; c) i risultati della prova; d) i dettagli di qualsiasi scostamento dalla presente norma europea; e) il nome e lindirizzo del laboratorio di prova; f) la data della prova; g) qualsiasi variazione dall'intervallo di temperatura specicata.

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 17

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

APPENDICE (normativa)

A DATI SUL TAMPONE DI CARICO SUL SEDILE


Il tampone di carico sul sedile specicato in 4.4 della presente norma europea esiste attualmente in due versioni: 1) realizzato in legno di latifoglie lavorato da macchine utensili, come illustrato nella gura A.1; 2) in resina e bre di vetro, formato in stampo, come mostrato nella gura A.2.

gura

A.1

Sagoma del tampone di carico sul sedile - Realizzazione in legno di latifoglie


Legenda 1 Parte centrale della sezione 2 Asse del cono 3 R105 sezione A-A (vedere vista in pianta) 4 R183 sezione B-B (vedere vista in pianta)

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 18

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

gura

A.2

Sagoma del tampone di carico sul sedile - Realizzazione in resina e bre di vetro; formata in stampo
Legenda 1 Parte centrale della sezione

UNI EN 12727:2002

UNI

Pagina 19

TECNOSISTEM SPA - 2010 - 678274 - eco

UNI Ente Nazionale Italiano di Unicazione Via Battistotti Sassi, 11B 20133 Milano, Italia

La pubblicazione della presente norma avviene con la partecipazione volontaria dei Soci, dellIndustria e dei Ministeri. Riproduzione vietata - Legge 22 aprile 1941 N 633 e successivi aggiornamenti.