Sei sulla pagina 1di 4

ABC : Riassunto

La prima cosa da fare in caso di emergenza medica controllare lo stato di coscienza del paziente: se cosciente, infatti, scongiurato il rischio di un arresto respiratorio e cardiaco. Per verificare se la vittima cosciente o meno, sufficiente avvicinarsi, chiamare la persona e, in assenza di traumi, scuoterla leggermente oppure praticare uno stimolo doloroso alla vittima, tipicamente un pizzicotto. La vittima potrebbe reagire tentando di sottrarsi al dolore ma rimanendo in uno stato quasi addormentato, senza rispondere n aprire gli occhi: in questo caso la persona incosciente ma sono presenti sia l'attivit respiratoria che quella cardiaca. In assenza di qualsiasi reazione il corpo del paziente deve essere posizionato supino su un piano rigido, preferibilmente sul pavimento; la testa e gli arti devono essere allineati con il corpo. Per fare ci, spesso necessario spostare l'infortunato e fargli compiere vari movimenti muscolari che dovranno avvenire con cautela, e solo se di vitale necessit, in caso di trauma o sospetto trauma. Molta attenzione deve essere posta nel maneggiare il collo e la colonna vertebrale, esposti a gravissime complicazioni. Il torace deve essere scoperto ed eventuali cravatte devono essere rimosse poich possono ostruire le vie respiratorie.

A - Airways [modifica]

Vie aeree chiuse

Vie aeree aperte

Il maggior pericolo che corre una persona incosciente proprio l'ostruzione delle vie aeree: la stessa lingua pu cadere all'indietro e impedire la respirazione. La prima manovra da effettuare una modica estensione del capo: va posta una mano sulla fronte e due dita sotto il mento, portando la testa all'indietro sollevando il mento. La manovra di estensione porta il collo oltre la sua normale estensione: l'azione, pur non dovendo essere compiuta con violenza, deve essere efficace. Sempre per questa ragione, l'estensione dovr essere evitata (come ogni altro movimento del paziente) in caso di sospetto trauma cervicale: solo se dovesse

rendersi assolutamente necessaria (in caso ad esempio di un paziente in arresto respiratorio), la manovra dovr essere solo parziale.

Modica estensione del capo

Il cavo orale deve quindi essere ispezionato, se sono presenti oggetti che ostruiscono le vie respiratorie (come ad esempio dentiere) vanno rimossi con le mani oppure con pinze facendo attenzione a non spingere il corpo estraneo ancora pi in profondit. Se presente acqua o altro liquido, come in caso di annegamento vomito o sanguinamento, bisogner inclinare lateralmente la testa dell'infortunato per permettere al liquido di fuoriuscire. In caso di sospetto trauma deve essere ruotato tutto il corpo con l'ausilio di pi persone, in modo da mantenere la colonna in asse (decubito laterale).

B - Breathing [modifica]

La manovra GAS

Dopo la fase di Airways necessario controllare se l'infortunato respira. La posizione ideale per farlo accostare la guancia alla sua bocca (a circa 3-5 cm), osservando nel frattempo il torace, e poggiandovi eventualmente una mano.

Questa manovra detta "GAS" che sta per Guardo, Ascolto, Sento: 1. Guardare il movimento del torace 2. Ascoltare il respiro 3. Sentire il flusso d'aria sulla guancia Questa osservazione deve essere mantenuta per 10 secondi. Contare ad alta voce serve a chi interviene nel frattempo, e conosce i fondamenti del BLS, a capire senza interrompervi che pu essere necessario il suo aiuto. necessario fare attenzione a non confondere ansimi e gorgoglii emessi in caso di arresto cardiaco (gasping) con la respirazione normale: per questo consigliabile considerare il respiroassente se la vittima non respira normalmente. In caso di assenza di segni respiratori sar necessario praticare le insufflazioni dal naso o bocca-a-bocca con l'ausilio di un pallone autoespandibile (AMBU).

C - Circulation [modifica]
Mentre si effettua la manovra GAS e si sta osservando attentamente il paziente incosciente, opportuno prestare attenzione anche ad eventuali movimenti o colpi di tosse. La presenza dei segni di MO.TO.RE (MOvimenti, TOsse, REspiro) segnala infatti la presenza di attivit circolatoria, mentre l'assoluta immobilit della vittima e l'assenza di respiro sono invece segni di mancanza di battito. La ricerca di segni di circolo (MOTORE) non deve in nessun modo ritardare le operazioni di soccorso, per cui in caso di dubbio si assume che l'attivit cardiaca sia assente. In assenza di MOTORE indispensabile iniziare la rianimazione cardiopolmonare. Se si soli questo il momento i cui chiamare il 118; se i soccorsi sono gi stati allertati, importante informare che c' una persona in arresto cardiaco. Oltre a queste due operazioni, per il personale addestrato, possibile ricercare il polso, preferibilmente carotideo (premere con i polpastrelli di indice e medio sulla carotide, posta lateralmente alla gola), poich a differenza del polso radiale o femorale permette la percezione di battito cardiaco anche a pressioni molto basse (massima a 20-30 mmHg). Non essendo facile la ricerca del polso, i soccorritori non professionisti devono basarsi esclusivamente sulla assenza di MOTORE per determinare lo stato di eventuale arresto cardiaco della vittima. In alcune formule, la C ha assunto il significato di Compressione, in riferimento alla vitale necessit di praticare immediatamente il massaggio cardiaco (parte dellarianimazione cardiopolmonare) in caso di assenza di segni MOTORE. In caso di paziente traumatizzato, prima di valutare la presenza e la qualit del circolo necessario prestare attenzione ad eventuali importanti emorragie: un'abbondante perdita di sangue, infatti, pericolosa per il paziente e renderebbe inutile ogni tentativo di rianimazione.

Se il paziente cosciente, il polso da valutare sar preferibilmente quello radiale, dato che la ricerca del carotideo potrebbe far preoccupare ulteriormente la vittima. In questo caso, la valutazione del polso non servir ad accertarne la presenza (scontata, dato che il paziente cosciente) ma soprattutto valutarne la frequenza, la regolarit e la qualit ("pieno" o "debole").