Sei sulla pagina 1di 13

Archimede

Archimede
(LA) (IT)

Summis ingeniis dux et magister fuit Dei pi alti ingegni fu guida e maestro
(J.L. Heiberg, Archimedis opera omnia III, Prolegomena XCV)
Archimede in un dipinto di Domenico Fetti (1620)

Archimede di Siracusa (in greco ; Siracusa, circa 287 a.C. Siracusa, 212 a.C.) stato un matematico, astronomo, fisicoe inventore greco antico(siceliota). uno dei massimi scienziati della storia.

Biografia
Elementi storici
Berli con il matematico e astronomo Conone di Samo, come si evince dal rimpianto per la sua morte espresso in alcune opere.[1] Tornato a Siracusa, tenne corrispondenza con vari scienziati di Alessandria, tra i quali Dositeo ed Eratostene, al quale dedic il trattato Il metodo e rivolse il problema dei buoi del sole. Secondo Plutarco era imparentato col monarcone Gerone II,[2] tesi controversa che trova comunque riscontro nella stretta amicizia e stima che, anche secondo altri autori, li legava. La data di nascita non certa. Viene di solito accettata quella del 287 a.C., sulla base dell'informazione, riferita dall'erudito bizantino Giovanni Tzetzes, che fosse morto all'et di settantacinque anni.[3] Non si sa per se Tzetzes si basasse su fonti attendibili ora perdute o avesse solo tentato di quantificare il dato, riportato da vari autori, che Archimede fosse vecchio al momento delluccisione. Lipotesi che fosse figlio di un astronomo siracusano di nome Fidia (altrimenti sconosciuto) basata sulla ricostruzione del filologo Friedrich Blass di una frase di Archimede, contenuta nellArenario, che nei manoscritti era giunta corrotta e priva di senso.[4] Se questa ipotesi fosse corretta, si pu pensare che abbia ereditato dal padre lamore per le scienze esatte. Dalle opere conservate e dalle testimonianze si sa che si occup di tutte le branche delle scienze matematiche a lui contemporanee (aritmetica, geometria piana e solida, meccanica, ottica, idrostatica, astronomia ecc.) e di varie applicazioni tecnologiche. Polibio,[5] Tito Livio[6] e Plutarco[7] riferiscono che durante la seconda guerra punica, su richiesta di Gerone II, si dedic (a detta di Plutarco con minore entusiasmo ma secondo tutti gli autori con non minori successi) alla realizzazione di macchine belliche che potessero aiutare la sua citt a difendersi dallattacco di Roma. Plutarco racconta che, contro le legioni e la potente flotta di Roma, Siracusa non disponeva che di poche migliaia di uomini e del genio di un vecchio; le macchine di Archimede avrebbero scagliato massi ciclopici e una tempesta di ferro contro le sessanta imponenti quinquereme di Marco Claudio Marcello. Nel 212 a.C. fu ucciso durante il sacco della citt. Secondo la tradizione luccisore sarebbe stato un soldato romano che, non avendolo riconosciuto, avrebbe trasgredito lordine di catturarlo vivo.

Due celebri aneddoti


Nellimmaginario collettivo il ricordo di Archimede indissolubilmente legato a due aneddoti leggendari. Vitruvio racconta che avrebbe iniziato ad occuparsi di idrostatica perch il sovrano Gerone II gli aveva chiesto di determinare se una corona fosse stata realizzata con oro puro oppure utilizzando allinterno altri metalli.[8] Egli avrebbe scoperto come risolvere il problema mentre faceva un bagno, notando che immergendosi nell'acqua provocava un innalzamento del livello del liquido. Questa osservazione lavrebbe reso cos felice che sarebbe uscito nudo dallacqua esclamando "" (hureka!, ho trovato!). Se non fossimo a conoscenza del trattato Sui corpi galleggianti non si potrebbe dedurre il livello dell'idrostatica archimedea dal racconto vitruviano.

Archimede Vitruvio riferisce che il problema sarebbe stato risolto misurando i volumi della corona e di un eguale peso d'oro immergendoli in un recipiente colmo d'acque e misurando l'acqua traboccata. Si tratta per di un procedimento poco plausibile, sia perch comporta un errore troppo grande sia perch non ha alcuna relazione con l'idrostatica sviluppata da Archimede. Secondo una ricostruzione pi attendibile, anche perch attestata nella tarda antichit[9] , Archimede aveva suggerito di pesare la corona e un quantitativo di oro uguale in peso immersi entrambi in acqua. Se la corona fosse stata tutta d'oro la bilancia sarebbe stata in equilibrio. Poich invece la bilancia si abbass dalla parte dell'oro, se ne potette dedurre che, essendo pari i pesi, la corona doveva avere subito una maggiore spinta idrostatica verso l'alto e quindi doveva avere un maggiore volume, il che implicava che doveva essere stata fabbricata impiegando anche metalli con densit minore dell'oro (come l'argento). Secondo un altro aneddoto altrettanto famoso Archimede sarebbe riuscito a spostare da solo una nave (o lavrebbe fatta spostare dal solo Gerone) grazie a una macchina da lui inventata. Esaltato dalla sua capacit di costruire macchine con cui spostare grandi pesi con piccole forze, in questa o in unaltra occasione avrebbe esclamato: datemi un punto dappoggio e sollever la Terra. La frase riportata, con leggere varianti, da vari autori, tra i quali Pappo di Alessandria[10] e Simplicio,[11] .

Leggende sulla morte


(GRC) (IT)

'
, . ' (Plutarco, Vita di Marcello, 19, 9)

Ad un tratto entr nella stanza un soldato e gli ordin di


andare con lui da Marcello. Archimede rispose che sarebbe andato dopo aver risolto il problema e messa in ordine la dimostrazione. Il soldato si adir, sguain la spada e lo uccise.

La leggenda ha tramandato ai posteri anche le ultime parole di Archimede, rivolte al soldato romano che stava per ucciderlo: noli, obsecro, istum disturbare (non rovinare, ti prego, questo disegno).[12] Plutarco, dal canto suo, narra[13] tre differenti versioni della morte di Archimede. Nella prima afferma che un soldato romano avrebbe intimato ad Archimede di seguirlo da Marcello; al suo rifiuto di farlo prima di aver risolto il problema cui si stava applicando, il soldato lo avrebbe ucciso. Nella seconda un soldato romano si sarebbe presentato per uccidere Archimede e quest'ultimo lo avrebbe pregato invano di lasciargli terminare la dimostrazione nella quale era impegnato. Nella terza, dei soldati avrebbero incontrato Archimede mentre portava a Marcello alcuni strumenti scientifici, meridiane, sfere e squadre, in una cassetta; i soldati, pensando che la cassetta contenesse oro, lo avrebbero ucciso per impadronirsene. Secondo Tito Livio[14] e Plutarco,[15] Marcello, che avrebbe conosciuto e apprezzato l'immenso valore del genio di Archimede e forse avrebbe voluto utilizzarlo al servizio della Repubblica, sarebbe stato profondamente addolorato per la sua morte. Questi autori raccontano che fece dare onorevole sepoltura allo scienziato. Ci non per riferito da Polibio, che considerato fonte pi autorevole sull'assedio e il saccheggio di Siracusa. Cicerone racconta di avere scoperto egli stesso la tomba di Archimede grazie ad una sfera inscritta in un cilindro, che vi sarebbe stata scolpita in ottemperanza alla volont dello scienziato.[16]

Archimede

(LA)

(IT)

Archimedis ego quaestor ignoratum ab Syracusanis,


cum esse omnino negarent, saeptum undique et vestitum vepribus et dumetis indagavi sepulcrum. Tenebam enim quosdam senariolos, quos in eius monumento esse inscriptos acceperam, qui declarabat in summo sepulcro sphaeram esse positam cum cylindro. Ego autem cum omnia collustrarem oculis est enim ad portas Agragantinas magna frequentia sepulcrorum - animum adverti columellam non multum e dumis eminentem, in qua inerat sphaerae figura er cylindri. Atque ego statim Syracusanis - erant autem principes mecum - dixi me illud ipsum arbitrari esse, quod quaererem. Immissi cum falcibus multi purgarunt et aperuerunt locum. Quo cum patefactus esset aditus, ad adversam basim accessimus. Apparebat epigramma exesis posterioribus partibus versiculovis unius acutissimi monumentum ignorasset nisi ab homine Arpinate didicisset.

Io questore scoprii la tomba di Archimede, sconosciuta ai


Siracusani, cinta con una siepe da ogni lato e vestita da rovi e spineti, sebbene negassero completamente che esistesse. Tenevo, infatti, alcuni piccoli senari, che avevo sentito essere scritti nel suo sepolcro, i quali dichiaravano che alla sommit del sepolcro era posta una sfera con un cilindro. Io, poi, osservando con gl'occhi tutte le cose - c', infatti, alle porte Agrigentine una grande abbondanza di sepolcri - volsi l'attenzione ad una colonnetta non molto sporgente in fuori da dei cespugli, sulla quale c'era sopra la figura di una sfera e di un cilindro. E allora dissi subito ai Siracusani - c'erano ora dei principi con me - che io ero testimone di quella stessa cosa che stavo cercando. Mandati dentro con falci, molti ripulirono e aprirono il luogo. Per il quale, dopo che era stato aperto l'accesso, arrivammo alla base posta di fronte. Appariva un epigramma sulle parti posteriori corrose , di brevi righe, quasi dimezzato. Cos la nobilissima cittadinanza della Grecia, una volta veramente molto dotta, avrebbe ignorato il monumento del suo unico cittadino acutissimo, se non lo fosse venuto a sapere da un uomo di Arpino. (Cicerone)

Archimede ingegnere e inventore


La fama di Archimede nell'antichit fu affidata pi ancora che alle sue opere, che pochi erano in grado di leggere, al ricordo dei suoi straordinari ritrovati tecnologici.

Ordigni bellici
Archimede deve una parte notevole della sua popolarit al suo contributo alla difesa di Siracusa contro l'assedio romano durante la seconda guerra punica. Polibio, Tito Livio e Plutarco descrivono macchine belliche di sua invenzione, tra i quali era la manus ferrea, un artiglio meccanico in grado di ribaltare le imbarcazioni nemiche, e armi da getto da lui perfezionate.[5] [6] [7] Secondo una tradizione che ha avuto grande fortuna, ma che attestata solo in autori tardi (il primo a parlarne Galeno[17] ), avrebbe usato anche gli specchi ustori, ovvero lamiere metalliche concave che riflettevano la luce solare concentrandola sui nemici, incendiandone le imbarcazioni.

Archimede

La Siracusia
Moschione, in un'opera di cui Ateneo riporta ampi stralci, descrive una nave immensa voluta dal re Gerone II e costruita da Archia di Corinto[18] con la supervisione di Archimede.[19] L'imbarcazione, che era la pi imponente dell'antichit, fu chiamata Siracusia. Il nome fu poi cambiato in quello di Alessandria quando fu inviata in regalo al re Tolomeo III d'Egitto assieme ad un carico di grano.

L'orologio ad acqua
Un manoscritto arabo contiene la descrizione di un orologio ad acqua particolarmente ingegnoso progettato da Archimede.[20] Nell'orologio il flusso dell'acqua uscente era reso costante grazie all'introduzione di una valvola galleggiante. L'orologio era costituito da due vasche, una sopraelevata rispetto all'altra. La pi alta era dotata di un rubinetto, che erogava un flusso costante di acqua nella vasca inferiore. Sopra la vasca inferiore era posta un'asse girevole alla quale era arrotolato un filo, alle cui estremit erano a loro volta legate una piccola pietra e un galleggiante. All'inizio della giornata la vasca inferiore doveva essere vuota e il filo veniva tirato gi affinch il galleggiante toccasse il fondo e la pietra salisse in cima. Aprendo il rubinetto la vasca inferiore cominciava a riempirsi sollevando il galleggiante e facendo di conseguenza abbassare la pietra. La lunghezza del filo e il flusso dell'acqua erano calibrati in modo che quando il galleggiante si trovava alla stessa altezza della pietra erano le 12 e quando la pietra arrivava al fondo erano le sei del pomeriggio. Archimede dovette inoltre ovviare al problema di mantenere costande il flusso del rubinetto in quanto, svuotandosi la vasca superiore, si riduceva la pressione dell'acqua, facendo cos diminuire il flusso. Per questo motivo fu aggiunta una terza vasca posta ancora pi in alto che, tramite un galleggiante riempiva la seconda per mantenerne costante il livello e dunque la pressione con cui l'acqua fuoriusciva dal rubinetto. Un merito che oggi viene riconosciuto ad Archimede anche quello di essere stato il primo ad interpretare il tempo come una grandezza fisica analizzabile con gli stessi strumenti matematici usati per le grandezze geometriche (ad esempio nel trattato Sulle spirali rappresenta intervalli di tempo con segmenti e applica loro la teoria delle proporzioni di Euclide.

Invenzioni meccaniche
Ateneo,[21] Plutarco[22] e Proclo[23] raccontano che Archimede aveva progettato una macchina con la quale un solo uomo poteva far muovere una nave completa di equipaggio e carico. In Ateneo l'episodio riferito al varo della Siracusia, mentre Plutarco ne parla come di un esperimento dimostrativo, eseguito per mostrare al sovrano le possibilit offerte dalla meccanica. Questi racconti contengono indubbiamente dell'esagerazione, ma il fatto che Archimede avesse realmente sviluppato la teoria meccanica che permetteva la costruzione di macchine con elevato vantaggio meccanico assicura che fossero nati da una base reale. Secondo le testimonianze di Ateneo[24] e Diodoro Siculo[25] egli aveva anche inventato quel meccanismo per il pompaggio dell'acqua, impiegato per l'irrigazione dei campi coltivati, ancora noto come vite di Archimede.

Non mi pare che in questo luogo sia da passar con silenzio l'invenzione di Archimede d'alzar l'acqua con la vite: la quale non solo maravigliosa, ma miracolosa; poich troveremo, che l'acqua ascende nella vite discendendo continuamente
(Galileo Galilei, Mecaniche)

Lo storico della tecnologia Andre W. Sleeswyk ha attribuito ad Archimede anche l'odometro descritto da Vitruvio.[26]

Archimede

Il planetario
Una delle realizzazioni tecniche di Archimede pi ammirata nell'antichit fu il suo planetario. Le migliori informazioni su quest'oggetto sono fornite da Cicerone, il quale scrive che nell'anno 212 a.C., quando Siracusa fu saccheggiata dalle truppe romane, il console Marco Claudio Marcello port a Roma un apparecchio costruito da Archimede che riproduceva la volta del cielo su una sfera e un altro che prediceva il moto apparente del sole, della luna e dei pianeti, equivalente quindi a un moderno planetario.[27] Cicerone, riferendo le impressioni di Gaio Sulpicio Gallo che aveva potuto osservare lo straordinario oggetto, sottolinea come il genio di Archimede fosse riuscito a generare i moti dei pianeti, tra loro tanto diversi, a partire da un'unica rotazione. noto grazie a Puppa che Archimede aveva descritto la costruzione del planetario nell'opera perduta Sulla Costruzione delle Sfere.[28] La scoperta della macchina di Anticitera, un dispositivo a ingranaggi che secondo alcune ricerche risale alla seconda met del II secolo a.C., dimostrando quanto fossero elaborati gli antichi meccanismi costruiti per rappresentare il moto degli astri, ha riacceso l'interesse sul planetario di Archimede. Un ingranaggio probabilmente identificabile come appartenuto al planetario di Archimede stato rinvenuto nel luglio del 2006 a Olbia; gli studi sul reperto sono stati presentati al pubblico nel dicembre del 2008. Secondo una ricostruzione il planetario, che sarebbe stato tramandato ai discendenti del conquistatore di Siracusa, potrebbe essere andato perso nel sottosuolo cittadino di Olbia (probabile scalo del viaggio) prima del naufragio della nave che trasportava Marco Claudio Marcello (console 166 a.C.) in Numidia.[29]
(LA) motus in sphaeram inligavit, effecit idem quod ille, qui in Timaeo mundum aedificavit, Platonis deus, ut tarditate et celeritate dissimillimos motus una regeret conversio. quod si in hoc mundo fieri sine deo non potest, ne in sphaera quidem eosdem motus Archimedes sine divino ingenio potuisset imitari. (Cicerone, Tusculanae disputationes I, 63) (IT) della luna, del sole e dei cinque pianeti, fece lo stesso che colui che nel Timeo edific l'universo, il dio di Platone, e cio che un' unica rivoluzione regolasse movimenti molto diversi per lentezza e velocit. E se questo non pu avvenire nel nostro universo senza la divinit, neanche nella sfera Archimede avrebbe potuto imitare i medesimi movimenti senza un'intelligenza divina.

Nam cum Archimedes lunae solis quinque errantium In realt, quando Archimede racchiuse in una sfera i movimenti

Misura del diametro della pupilla


Nell'intento di misurare la dimensione apparente del sole, utilizz un regolo graduato. Ma accortosi della misura poco precisa, prov a misurare il diametro della pupilla dell'occhio umano. Sempre con l'utilizzo del regolo ottenne il diametro medio, ottenendo una stima del diametro del sole migliore[30] .

Archimede scienziato
I risultati scientifici di Archimede possono essere esposti descrivendo prima il contenuto delle opere conservate[31] e poi le testimonianze sui lavori perduti.

Opere conservate
La misura del cerchio Nel breve lavoro La misura del cerchio viene dimostrato anzitutto che un cerchio equivalente a un triangolo con base eguale alla circonferenza e altezza eguale al raggio. Tale risultato ottenuto approssimando arbitrariamente il cerchio, dall'interno e dall'esterno, con poligoni regolari inscritti e circoscritti. Con lo stesso procedimento Archimede espone un metodo con il quale pu approssimare arbitrariamente il rapporto tra circonferenza e diametro di un cerchio dato, rapporto che oggi si indica con . Le stime esplicitamente ottenute limitano questo valore fra 22/7 (circa 3.1429) e 223/71 (circa 3.1408).[32]

Archimede Quadratura della parabola Nell'opera Quadratura della parabola calcolata l'area di un segmento di parabola, ossia la figura delimitata da una parabola e una linea secante, non necessariamente ortogonale all'asse della parabola, trovando che vale i 4/3 dell'area del massimo triangolo in esso inscritto. Si dimostra che il massimo triangolo inscritto pu essere ottenuto mediante un determinato procedimento. Il segmento della secante compreso tra i due punti di intersezione detto base del segmento di parabola. Si considerano le rette parallele all'asse della parabola passanti per gli estremi della base. Viene poi tracciata una terza retta parallela alle prime due e da loro equidistante. L'intersezione di quest'ultima retta con la parabola determina il terzo vertice del triangolo. Sottraendo al segmento di parabola il massimo triangolo inscritto si ottengono due nuovi segmenti di parabola, nei quali si possono inscrivere due nuovi triangoli. Iterando il procedimento si riempie il segmento di parabola con infiniti triangoli. L'area richiesta ottenuta calcolando l'area di tutti i triangoli e sommando gli infiniti termini ottenuti. Il passo finale si riduce alla somma della serie geometrica di ragione 1/4:

questo il primo esempio conosciuto di somma di una serie. All'inizio dell'opera introdotto quello che ancora oggi chiamato assioma di Archimede. Sull'equilibrio dei piani ovvero: sui centri di gravit dei piani Sull'equilibrio dei piani ovvero: sui centri di gravit dei piani, opera in due volumi, il primo trattato di statica a noi pervenuto. Archimede vi enuncia un insieme di postulati su cui basa la nuova scienza e dimostra la legge della leva. I postulati definiscono anche, implicitamente, il concetto di baricentro, la cui posizione viene determinata nel caso di diverse figure geometriche piane. Sulle spirali Ne Sulle spirali, che tra le sue opere principali, Archimede definisce con un metodo cinematico ci che oggi chiamata spirale di Archimede ed ottiene due risultati di grande importanza. In primo luogo calcola l'area del primo giro della spirale, con un metodo che anticipa l'integrazione di Riemann. Riesce poi a calcolare in ogni punto della curva la direzione della tangente, anticipando metodi che saranno impiegati nella geometria differenziale. Della sfera e del cilindro I principali risultati de Della sfera e del cilindro, opera in due libri, sono la dimostrazione che la superficie della sfera quadrupla del suo cerchio massimo e che il suo volume i due terzi di quello del cilindro circoscritto. Secondo una tradizione trasmessa da Plutarco e Cicerone Archimede era cos fiero di quest'ultimo risultato che volle che fosse riprodotto come epitaffio sulla sua tomba. Sui conoidi e sferoidi Con Sui conoidi e sferoidi Archimede definisce ellissoidi, paraboloidi e iperboloidi di rotazione, ne considera segmenti ottenuti tagliando tali figure con piani e ne calcola i volumi. Sui corpi galleggianti Sui corpi galleggianti una delle principali opere di Archimede, nella quale viene fondata la scienza dell'idrostatica. Nel primo dei due volumi dell'opera si enuncia un postulato dal quale viene dedotto come teorema quello che oggi impropriamente chiamato il principio di Archimede. Oltre a calcolare le posizioni di equilibrio statico dei galleggianti, si dimostra che l'acqua degli oceani, in condizioni di equilibrio, assume una forma sferica. Sin dall'epoca di Parmenide gli astronomi greci sapevano che la Terra fosse sferica, ma qui, per la prima volta, questa forma viene dedotta da principi fisici.

Archimede Il secondo libro studia la stabilit dell'equilibrio di segmenti di paraboloide galleggianti. Il problema era stato certamente scelto per l'interesse delle sue applicazioni alla tecnologia navale, ma la sua soluzione ha anche un grande interesse matematico. Archimede studia la stabilit al variare di due parametri, un parametro di forma e la densit, e determina valori di soglia di entrambi i parametri che separano le configurazioni stabili da quelli instabili. Per E.J. Dijksterhuis si tratta di risultati "decisamente al di l del confine della matematica classica". Arenario

Alcuni pensano, o re Gelone, che il numero dei granelli di sabbia sia infinito in quantit: non intendo soltanto la sabbia
che si trova nei dintorni di Siracusa e del resto della Sicilia, ma anche quella che si trova in ogni altra regione, abitata o deserta. Altri ritengono che questo numero non sia infinito, ma che non possa esistere un numero esprimibile e che superi questa quantit di sabbia. (Incipit de L'Arenario)

In Arenario, dedicato a Gelone II, Archimede si propone di quantificare il numero di granelli di sabbia che potrebbero riempire la sfera delle stelle fisse. Il problema nasceva dal sistema greco di numerazione, che non permetteva di esprimere numeri cos grandi. L'opera, pur essendo la pi semplice dal punto di vista delle tecniche matematiche tra quelle di Archimede, ha vari motivi di interesse. Innanzitutto vi si introduce un nuovo sistema numerico, che virtualmente permette di quantificare numeri comunque grandi. Il pi grande numero nominato esplicitamente quello che oggi si scrive 1081016. Il contesto astronomico giustifica poi due importanti digressioni. La prima riferisce la teoria eliocentrica di Aristarco ed la principale fonte sull'argomento. La seconda descrive un'accurata misura della grandezza apparente del Sole, fornendo una rara illustrazione dell'antico metodo sperimentale. Il metodo Nel lavoro Il metodo, perduto almeno dal Medioevo, fu letto per la prima volta nel famoso palinsesto trovato da Heiberg nel 1906, poi perduto e ritrovato nel 1998. Esso consente di penetrare nei procedimenti usati da Archimede nelle sue ricerche. Rivolgendosi ad Eratostene, spiega di usare due diversi metodi nel suo lavoro. Una volta individuato il risultato voluto, per dimostrarlo formalmente usava quello che poi fu chiamato metodo di esaustione, del quale si hanno molti esempi in altre sue opere. Tale metodo non forniva per una chiave per individuare i risultati. A tale scopo Archimede si serviva di un "metodo meccanico", basato sulla sua statica e sull'idea di dividere le figure in un numero infinito di parti infinitesime. Archimede considerava questo secondo metodo non rigoroso ma, a vantaggio degli altri matematici, fornisce esempi del suo valore euristico nel trovare aree e volumi; ad esempio, il metodo meccanico usato per individuare l'area di un segmento di parabola.

Frammenti e testimonianze su opere perdute


Stomachion Lo Stomachion un puzzle greco simile al Tangram, a cui Archimede dedic un'opera perduta di cui restano due frammenti, uno in traduzione araba e l'altro contenuto nel palinsesto di Archimede. Recenti analisi hanno permesso di leggerne nuove porzioni, che chiariscono che Archimede si proponeva di determinare in quanti modi le figure componenti potevano essere assemblate nella forma di un quadrato.[33] un difficile problema nel quale gli aspetti combinatori si intrecciano con quelli geometrici.

Archimede Il problema dei buoi Il problema dei buoi costituito da due manoscritti che presentano un epigramma nel quale Archimede sfida i matematici alessandrini a calcolare il numero di buoi e vacche degli Armenti del Sole risolvendo un sistema di otto equazioni lineari con due condizioni quadratiche. Si tratta di un problema diofanteo espresso in termini semplici, ma la sua soluzione pi piccola costituita da numeri con 206.545 cifre.[34] La questione stata affrontata sotto un diverso punto di vista nel 1975 da Keith G. Calkins [35] , ripreso successivamente nel 2004 da Umberto Bartocci e Maria Cristina Vipera, due matematici dell'Universit di Perugia[36] . Si fa l'ipotesi che un "piccolo" errore di tradizione del testo del problema (non "traduzione"!) abbia reso "impossibile" (quasi una beffa, e c' anzi chi ha concluso che proprio tale era l'intenzione di Archimede![37] ) un quesito che, formulato in maniera leggermente diversa, sarebbe stato invece affrontabile con i metodi della matematica del tempo. Secondo Calogero Savarino, non di un errore di tradizione del testo si tratterebbe, bens di una sua cattiva interpretazione, o forse di una combinazione delle due possibilit. Vedi per esempio: "Una nuova interpretazione del problema dei buoi di Archimede conduce ad una soluzione finalmente ragionevole", Forum di Episteme, 2010 [38]. Libro dei lemmi Il Libro dei lemmi pervenuto solo attraverso un testo arabo certamente corrotto. Esso contiene una serie di lemmi geometrici il cui interesse menomato dall'ignoranza odierna del contesto in cui erano usati.[39] Catottrica Archimede aveva scritto una Catottrica, ovvero un trattato sulla riflessione della luce, sulla quale si hanno solo informazioni indirette. Apuleio sostiene che si trattava di un'opera voluminosa che trattava, tra l'altro, dell'ingrandimento ottenuto con specchi curvi, di specchi ustori e del fenomeno dell'arcobaleno.[40] Secondo Olimpiodoro il Giovane vi era studiato anche il fenomeno della rifrazione.[41] Uno scolio alla Catottrica pseudo-euclidea attribuisce ad Archimede la deduzione delle leggi della riflessione dal principio di reversibilit del cammino ottico; logico pensare che anche questo risultato fosse in quest'opera. Poliedri semiregolari In un'opera perduta sulla quale fornisce informazioni Pappo,[42] Archimede aveva descritto la costruzione di tredici poliedri semiregolari che ancora sono detti poliedri archimedei (nella terminologia moderna i poliedri archimedei sono quindici poich vi si includono anche due poliedri che Archimede non aveva considerato, quelli chiamati impropriamente prisma archimedeo e antiprisma archimedeo). Formula di Erone La formula di Erone, che esprime l'area di un triangolo in funzione dei lati, cos chiamata perch contenuta nei Metrica di Erone di Alessandria, ma secondo la testimonianza di al-Biruni il suo vero autore sarebbe Archimede, che l'avrebbe esposta in un'altra opera perduta.[43] La dimostrazione trasmessa da Erone particolarmente interessante perch un quadrato vi viene elevato al quadrato, un procedimento almeno strano nella matematica greca, in quanto l'ente ottenuto non rappresentabile nello spazio tridimensionale.

Archimede Il Libro di Archimede Thbit ibn Qurra presenta come Libro di Archimede un testo in lingua araba che stato tradotto da J. Tropfke.[44] Tra i teoremi contenuti in quest'opera appare la costruzione di un ettagono regolare, un problema non risolubile con riga e compasso. Altre opere Un passo di Ipparco trasmesso da Tolomeo in cui si citano determinazioni dei solstizi compiute da Archimede fa pensare che egli avesse scritto anche opere di astronomia.[45] Pappo, Erone e Simplicio gli attribuiscono vari trattati di meccanica e diversi titoli di opere di geometria sono trasmessi da autori arabi.

Il ruolo di Archimede nella storia della scienza


L'opera di Archimede rappresenta certamente il culmine della scienza antica. In essa, la capacit di individuare insiemi di postulati utili a fondare nuove teorie si coniuga con la potenza e originalit degli strumenti matematici introdotti, l'interesse per questioni che oggi si definirebbero "fondazionali" con attenzione agli aspetti applicativi. Archimede, pi che essere matematico, fisico e ingegnere, stato il massimo esponente di una scienza che ignorava le divisioni che l'odierna terminologia spinge a considerare inevitabili. Archimede, almeno a giudicare dalle opere rimaste, non ebbe nell'antichit eredi a lui confrontabili. La crisi che colp la scienza rese poco comprensibili le sue opere che, non a caso, anche quando si sono conservate sono state trasmesse da una tradizione manoscritta estremamente esile. Per quello che riguarda la matematica e l'assoluto disinteresse che ha mostrato la cultura romana per tale disciplina, il Boyer afferma in modo pi che pungente che la scoperta della tomba di Archimede da parte di Cicerone stato il maggior contributo dato dal mondo romano alla matematica, e forse l'unico.[46] Lo studio delle opere di Archimede, che impegn a lungo gli studiosi della prima et moderna (ad esempio Francesco Maurolico, Simone Stevino, Galileo Galilei) costitu un importante stimolo alla rinascita scientifica moderna. L'influenza di Archimede negli ultimi secoli (ad esempio sullo sviluppo di un'analisi matematica rigorosa) oggetto di valutazioni discordi da parte degli studiosi.

In onore di Archimede
Il 14 marzo si festeggia in tutto il mondo il pi greco day, in quanto nei paesi anglosassoni corrisponde al 3/14. In quel giorno vengono organizzati concorsi di matematica e ricordati anche i contributi di Archimede, che di pi greco dette la prima stima accurata. In onore di Archimede sono stati nominati sia il cratere lunare Archimede che l'asteroide 3600 Archimede. in fase di realizzazione il Progetto Archimede, una centrale solare presso Priolo Gargallo che utilizza una serie di specchi per produrre energia elettrica. "Archimedes" fu uno dei primi personal computer con processore RISC immessi sul mercato dalla Acorn alla fine degli anni ottanta. Il motto dello stato della California Eureka!, con chiaro riferimento allo scienziato. Nella Medaglia Fields, massima onorificenza per matematici, vi nel verso della medaglia il ritratto di Archimede. Nella citt di Siracusa, nei pressi del parco archeologico della Neapolis, stato allestito permanentemente un parco tecnologico denominato "Tecnoparco Archimede". In una superficie espositiva di 1700 mq, sono ospitate repliche (a grandezza naturale o in scala) di macchine da guerra utilizzate nel III secolo a.C. ed autentici strumenti tecnologici ideati dal genio di Archimede quali gru, argani, ruote dentate, baliste, viti di Archimede, orologi ad acqua, specchi ustori, corobate ed altro ancora.

Archimede

10

Archimede nella finzione


Nel film L'assedio di Siracusa del 1960 si narra l'improbabile amore di Archimede per una ballerina, nonch la sua ascesa al trono dopo la morte di Gerone. Nel film sono visibili le invenzioni di Archimede come gli specchi ustori. Nel colossal Cabiria del 1914, Archimede rappresentato nell'atto di organizzare la difesa di Siracusa e di far applicare le armi contro le truppe romane.

Note
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] Cfr. l'incipit delle opere Sulla sfera e il cilindro e Sulle spirali Vita di Marcello, 14, 7 Chiliades, II, Hist. 35, 105 Astr. Nachr. 104 (1883), n. 2488, p. 255 Historiae, VIII, 5 e segg. Ab Urbe condita libri, XXIV, 34 Vita di Marcello, 15-18 De Architectura, IX, 3 Nell'opera anonima Carmen de ponderibus et mensuris, scritto intorno al 400 d.C.

[10] Collectio, VIII, 1060, 10: , ' [11] In Aristotelis Physicorum Libros Commentaria, ed. H. Diels, Berlin 1895, p. 1110: " " ". [12] Il primo autore che riporta una frase pronunciata da Archimede prima di morire Valerio Massimo (Factorum et dictorum memorabilium libri IX, VIII, 7, 7) [13] nella Vita di Marcello, 19 [14] Ab Urbe condita libri, XXV, 31 [15] Vita di Marcello, XIX [16] Tusculanae disputationes, V, 64-66: Non ego iam cum huius vita, qua taetrius miserius detestabilius excogitare nihil possum, Platonis aut Archytae vitam comparabo, doctorum hominum et plane sapientium: ex eadem urbe humilem homunculum a pulvere et radio excitabo, qui multis annis post fuit, Archimedem. cuius ego quaestor ignoratum ab Syracusanis, cum esse omnino negarent, saeptum undique et vestitum vepribus et dumetis indagavi sepulcrum. tenebam enim quosdam senariolos, quos in eius monumento esse inscriptos acceperam, qui declarabant in summo sepulcro sphaeram esse positam cum cylindro. ego autem cum omnia conlustrarem oculis - est enim ad portas Agragantinas magna frequentia sepulcrorum -, animum adverti columellam non multum e dumis eminentem, in qua inerat sphaerae figura et cylindri. atque ego statim Syracusanis- erant autem principes mecum-dixi me illud ipsum arbitrari esse, quod quaererem. inmissi cum falcibus multi purgarunt et aperuerunt locum. quo cum patefactus esset aditus, ad adversam basim accessimus. Apparebat epigramma exesis posterioribus partibus versiculorum dimidiatum fere. ita nobilissima Graeciae civitas, quondam vero etiam doctissima, sui civis unius acutissimi monumentum ignorasset, nisi ab homine Arpinate didicisset. [17] De temperamentis, III, 2: [18] La rivoluzione dimenticata di Lucio Russo da Google Books (http:/ / books. google. it/ books?id=ddzSELFsHD0C& pg=PA144& lpg=PA144& dq=archia+ archimede& source=web& ots=r1o5me6yEf& sig=pbt7-yHg0Q1yaaLZbc67-PUpuao& hl=it& sa=X& oi=book_result& resnum=7& ct=result) [19] Deipnosophistae, V, 206d-209b [20] D. R. Hill, On the Construction of Water Clocks: Kitab Arshimidas fi`amal al-binkamat, Londra, Turner & Devereux, 1976. [21] Deipnosophistae, V, 207c [22] Vita di Marcello, XIV, 7 [23] In primum Euclidis Elementorum Librum commentarii, ed.G.Friedlin, Leipzig 1873, p.63 [24] Deipnosophistae, V, 208f [25] Biblioteca Historica, I, 34 [26] Sleeswyk, Andre W. (1989). Vitruvius' Waywiser 29: 11-22. [27] De re publica, I, 14; Tusculanae Disputationes, I, 25; De Natura Deorum, II,34. [28] Collectio, VIII, 1026. [29] L'Unione Sarda 20 marzo 2009, pag. 45, Giovanni Pastore, A Olbia il genio di Archimede. www.giovannipastore.it [30] Domenico Scin, Discorso intorno Archimede [31] L'esposizione, oltre che sulle opere originali, basata sull'opera citata di Dijksterhuis, che descrive in dettaglio il contenuto di tutti gli scritti di Archimede [32] Un'esposizione della dimostrazione di Archimede in Dijksterhuis, op. cit., pp.180-185. Per una dimostrazione moderna della prima disuguaglianza vedi la voce Dimostrazione che 22/7 maggiore di (http:/ / it. wikibooks. org/ wiki/ Dimostrazione_che_22/

Archimede
7__maggiore_di_) [33] Netz, Reviel; Acerbi, Fabio; Wilson, Nigel, Towards a reconstruction of Archimedes' Stomachion. SCIAMVS 5, 67-99 (2004). [34] Cfr. Dijksterhuis, op.cit., pp.321-323 [35] "Archimedes' Problema Bovinum" (http:/ / www. andrews. edu/ ~calkins/ profess/ cattle. htm) [36] "Variazioni sul problema dei buoi di Archimede, ovvero, alla ricerca di soluzioni 'possibili'..." (http:/ / www. cartesio-episteme. net/ mat/ archim. htm) [37] Paul Hoffman, Archimede's Revenge: The Joys and Perils of Mathematics, Fawcett Crest, New York, 1988 [38] http:/ / www. cartesio-episteme. net/ ep8/ archimede-savarino. htm [39] Cfr. Dijksterhuis, op.cit., pp. 323-326 [40] Apologia, XVI [41] In Aristotelis Meteorologica, II, 94 [42] Collectio, V,34 e segg., 352 e segg. [43] H. Suter, "Bibl. Math.", 3 ser., XI, 1910-1911, p. 39 [44] J. Tropfke, ''Die Siebenckabhandlung des Archimedes - Osiris, , 1936. 636-651 [45] Almagesto, III, 1. [46] Carl B. Boyer - Storia della Matematica, ISEDI, Milano, 1976

11

Bibliografia
Edizioni e traduzioni moderne delle opere
Heiberg J.L.(a cura di). Archimedis opera omnia cum commentariis Eutocii, 3 volumi. Teubner, Leipzig, 1910-15. Ristampato a Stuttgart, 1972. (greco e latino) Mugler Charles (a cura di). Archimde, 4 volumi. Parigi, Les Belles Lettres, 1972. (greco e francese) Archimede.Opere. UTET, Torino, 1974. (solo traduzione italiana, senza il testo greco). Tropfke J., Die Siebenckabhandlung des Archimedes, "Osiris", I, 1936, 636-651. Hill, D. R. On the Construction of Water Clocks: Kitab Arshimidas fi`amal al-binkamat, London: Turner & Devereux, 1976.

Letteratura secondaria
Favaro Antonio Archimede. Roma, A. F. Formiggini Editore, 1923. Disponibile in formato digitale su www.liberliber.it (http://www.liberliber.it/biblioteca/f/favaro/index.htm). Dijksterhuis Eduard J. Archimede. Ponte alle Grazie, Firenze, 1989. Clagett M., Archimedes in the Middle Ages, I, University of Wisconsin Press, Madison 1964; II-III-IV, American Philosophical Society, Philadelphia 1976, 1978, 1980, 1984. Knorr W.R., Textual Studies in Ancient and Medieval Geometry, Birkhuser, Boston, 1989. Dollo Corrado (a cura di), Archimede. Mito, Tradizione, Scienza, 1992, Olschki, Firenze. Napolitani Pier Daniele, Archimede: alle radici della scienza moderna, Collana I grandi della scienza curata dalla rivista Le Scienze IV, n. 22, ottobre 2001. Geymonat Mario, Il grande Archimede, Teti editore, Roma, 2006. Vacca Giovanni, "Archimede" in AA.VV., Enciclopedia Biografica Universale, Roma, Ist. Enc. Ital., 2006, pp.664679. Pastore Giovanni, Il planetario di Archimede ritrovato, www.giovannipastore.it, Roma, 2010.

Archimede

12

Voci correlate
Matematica greco-ellenistica Metodo scientifico Assioma di Archimede Idraulica Poliedro archimedeo Solido archimedeo Trisezione dell'angolo con il metodo archimedeo Siracusa Palinsesto di Archimede Principio di Archimede Vite di Archimede

Altri progetti
Wikisource contiene opere originali di o su Archimede Wikimedia Commons contiene file multimediali su Archimede Wikinotizie contiene notizie di attualit su Archimede Wikiquote contiene citazioni di o su Archimede Wikizionario contiene la voce di dizionario Archimede

Collegamenti esterni
(EN) Quadratura della parabola (http://www.math.ubc.ca/~cass/archimedes/parabola.html) tradotta in inglese (e riscritta in notazioni moderne) da Thomas Heath (EN) La misura del cerchio (http://www.math.ubc.ca/~cass/archimedes/circle.html) tradotta in inglese (e riscritta in notazioni moderne) da Thomas Heath (EN) traduzione inglese del Problema dei buoi (http://www.mcs.drexel.edu/~crorres/Archimedes/Cattle/ Statement.html) (EN) Traduzione inglese de Il metodo (http://www.gutenberg.org/etext/7825)

Fonti e autori delle voci

13

Fonti e autori delle voci


Archimede Fonte:: http://it.wikipedia.org/w/index.php?oldid=38396122 Autori:: .mau., 1 ale 0, A7N8X, ACiD.HouSe, Aedo89, Airon90, Alberto da Calvairate, Alec, Amarcord, Angelosante, Antoninodgng, Archenzo, Ares, ArtAttack, Ary29, AttoRenato, Babn gr, Barbaking, Baruneju, Berto, Bultro, Calabash, Carlo.Ierna, Carnby, Cerquozzi2, Cesalpino, Cloj, CodaDiLupo, Codas, Codice1000, Cruccone, Csf0137, DarkAp, Davide, Dedda71, Dread83, Elcairo, Fale, Francesco 82, Francia8870, Frieda, Fstefani, Ft1, Gac, Gc, Giancarlo Rossi, Grazianoleni, Guidomac, Gwenaeth, Hashar, Heavymachinegun, Hellis, Homer, Ilario, Incola, Joana, Kalis, Klaudio, Laurentius, Lolo00, Lordemo, Luigi Mario97, Luisa, Lukius, M7, MM, MapiVanPelt, Mascarinho10, Michele-sama, Micione, Moroboshi, Mr buick, Nicoli, Nihon, Number 21, Olando, OrbiliusMagister, Osk, Panairjdde, Phantomas, Piero, Piero Montesacro, Pracchia-78, Psicom, Purodha, Remulazz, Retaggio, Rollopack, Rook, Senza nome.txt, Shaka, Silas Flannery, Simone, Sir marek, SirEbenezer, Sirabder87, Squattaturi, Starmaker, Stefy J, Suetonius, SuperSecret, Tecnoparco archimede, Ticket 2010081310004741, TierrayLibertad, Titian1962, Tooby, Trixt, Twice25, Vent 92, Vituzzu, Whatnwas, Wikipedia Express, Xander89, Ysogo, 201 Modifiche anonime

Licenza
Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported http:/ / creativecommons. org/ licenses/ by-sa/ 3. 0/

Interessi correlati