Sei sulla pagina 1di 1

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE

I primi a muoversi in tale direzione furono I Portoghesi: Bartolomeo Diaz, nel 1488, raggiunse il
Capo di Buona Speranza (all’estremità meridionale dell’Africa), navigando lungo le coste del
continente africano; Vasco de Gama, invece, seguendo la stessa ROTTA, riuscì ad arrivare in India
(1497).
Nel frattempo alcuni geografi, come Paolo dal Pozzo Toscanelli, sostenevano che la Terra fosse
rotonda. Secondo loro, la via più rapida per raggiungere l’Oriente era quella di navigare verso ovest
e non verso est.
Un navigatore genovese, Cristoforo Colombo, si convinse della validità di questa teoria. Chiese
quindi ad alcuni sovrani europei di finanziare una spedizione per raggiungere l’India, navigando
verso occidente: accettarono la proposta i reali di Spagna, Ferdinando d’Aragona e Isabella di
Castiglia. Il 3 agosto 1492 Colombo salpò da Palos, in Spagna. Guidava una flotta composta da tre
navi (la Niña, la Pinta e la Santa Maria) e da 90 uomini. Il 12 ottobre 1492 Colombo sbarcò a San
Salvador (un’isola delle attuali Bahamas): pensava di essere arrivato in India, in realtà aveva
scoperto un nuovo continente, di cui nessuno, fino ad allora, aveva immaginato l’esistenza.

INIZIA UNA NUOVA EPOCA

Il primo a rendersi conto che Colombo non era approdato in India, ma in terre sconosciute, fu
l’esploratore fiorentino Amerigo Vespucci; in suo onore il nuovo continente venne chiamato
America.
La scoperta dell’America cambierà la storia dell’Europa e dell’intero mondo: il 1492, quindi,
secondo diversi storici, segna la fine del Medioevo e l’inizio di una nuova epoca, l’Età Moderna.
Negli anni successivi, altri esploratori raggiungeranno le coste americane: furono così scoperte
nuove terre. In particolare va ricordato il viaggio del portoghese Ferdinando Magellano: la sua flotta
fu la prima, tra il 1519 e il 1522, a CIRCUMNAVIGARE il mondo.

GLOSSARIO
Rotta: il percorso di navigazione di una nave.
Circumnavigare: navigare intorno.