Sei sulla pagina 1di 7

DOSAGGIO ANTICORPI ANTI-SARS-COV-2 POST VACCINAZIONE

Raffaele Elia, Direttore Sanitario Aziendale, ASP n. 7 – Ragusa


Francesco Bennardello, Direttore f.f. UOC Patologia Clinica e Microbiologia, ASP n. 7 – Ragusa
Vincenzo Bramanti, Referente Laboratorio Analisi Ospedale “Maggiore”, ASP n. 7 – Ragusa
Giuseppe Smecca, Responsabile Servizio di Prevenzione e Protezione, ASP n. 7 – Ragusa

Premessa
La vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 rappresenta uno dei più importanti presidi che possono
contribuire alla protezione di individui e comunità, al fine di ridurre l'impatto della pandemia da
COVID-19 (1).
I virus SARS-CoV-2 infettano l’organismo utilizzando una proteina di superficie, denominata “Spike”,
presente sulla superficie del capside virale, che permette l’accesso del virus all’interno delle cellule
dell’ospite. In particolare, un piccolo dominio peptidico di legame, denominato RBD (Receptor-
Binding Domain), presente nella proteina Spike, si lega al recettore della cellula ospite ACE2
(Angiotensin-Converting Enzyme 2) (2-3).
I vaccini anti-SARS-Cov2 stimolano una risposta immunitaria specifica e rapida, che favorisce la
produzione di anticorpi neutralizzanti in modo che il soggetto vaccinato possa essere in grado di
fronteggiare una eventuale futura infezione da SARS-COV-2.
Al momento in Italia sono stati autorizzati due vaccini, entrambi a base di mRNA, il vaccino
Comirnaty, sviluppato da BioNTech e Pfizer (4-5), autorizzato da AIFA il 22 dicembre 2020 e il vaccino
Moderna autorizzato il 7 gennaio 2021 (6-7). Essi contengono molecole di RNA messaggero (mRNA)
con le istruzioni per produrre una proteina presente sul SARSCoV-2. l due vaccini vengono
somministrati in due dosi a distanza di almeno 21 giorni l’una dall’altra per il vaccino Comirnaty e a
distanza di 28 giorni per il vaccino Moderna.
A breve sarà autorizzato in Italia anche un terzo vaccino prodotto da AstraZeneca. Rispetto ai vaccini
a base di mRNA, quello di AstraZeneca sfrutta un approccio diverso per indurre la risposta
immunitaria dell’organismo verso la proteina spike. In particolare, si tratta di un vaccino che utilizza
una versione modificata dell’adenovirus dello scimpanzé, non più in grado di replicarsi, come
vettore per fornire le istruzioni per sintetizzare la proteina spike di SARS-CoV-2. Una volta prodotta,
la proteina può stimolare una risposta immunitaria specifica, sia anticorpale che cellulare.
Il legame ACE2-RBD

1
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
Utilità del dosaggio degli Anticorpi Neutralizzanti
Diversi studi hanno evidenziato che gli anticorpi prodotti nel siero e nel plasma dopo l’infezione da
virus SARS-Cov-2 o dopo la vaccinazione sono tipicamente diretti contro le proteine strutturali (RBD,
S e N) del virus e compaiono nei soggetti infetti da pochi giorni ad alcune settimane dopo
l'insorgenza dei sintomi e spesso dopo che l'acido ribonucleico (RNA) virale non è più rilevabile (8-
12) o appare ridotto (9-11,13-16).
Tra gli anticorpi prodotti, un ruolo fondamentale è svolto dagli anticorpi neutralizzanti anti-SARS-
CoV-2, un particolare tipo di anticorpi IgG capaci di inattivare il virus rendendolo inefficace e non
più in grado di infettare le cellule bersaglio. Gli anticorpi neutralizzanti vanno ad interferire con i
meccanismi che il virus utilizza per aggredire le cellule bersaglio, bloccandone il funzionamento. Nel
caso del SARS-CoV-2 gli anticorpi neutralizzanti interferiscono principalmente con le proteine spike
presenti sulla membrana virale in due modi (17-20):
1) Impediscono il legame della subunità S1 con il recettore ACE2 presente sulle cellule
bersaglio.
2) Bloccano il cambio di conformazione della subunità S2 e quindi impediscono al virus di
entrare nella cellula bersaglio.
Questo tipo di anticorpi viene prodotto dai linfociti B in seguito ad infezione o dopo la vaccinazione.
Per quantificare il titolo degli anticorpi neutralizzanti per un virus vengono utilizzati i test di
neutralizzazione con riduzione delle placche (PRNT). Tuttavia, la valutazione diretta dell'attività di
neutralizzazione virale degli anticorpi richiede infrastrutture e attrezzature specifiche e personale
addestrato non sempre disponibili presso la maggior parte dei laboratori diagnostici. Motivo per cui,
vengono utilizzati in laboratorio dosaggi immunologici in vitro con cui valutare la reattività
anticorpale alle proteine strutturali virali (RBD, S e N) la cui quantificazione è stata messa in
correlazione con la presenza degli anticorpi neutralizzanti (10, 21-22). Risposte anticorpali con titoli
più elevati sono state osservate in pazienti con forme più gravi della malattia rispetto ai soggetti
paucisintomatici o asintomatici (23).
La persistenza degli anticorpi IgG consente di identificare i soggetti che hanno contratto l'infezione
in passato e sono guariti dalla malattia (24) ed e utile nelle indagini sierologiche per valutare la
prevalenza dell'infezione di SARS-CoV-2 in gruppi selezionati o in popolazioni più ampie (25). Sono
in corso ricerche per stabilire la misura in cui gli anticorpi IgG anti-SARS-CoV-2, e in particolare gli
anticorpi neutralizzanti, conferiscono immunità all'infezione.
La capacità di quantificare gli anticorpi associati alla neutralizzazione del virus e di rilevare nel tempo
con prelievi seriati l’andamento di questi anticorpi diventerà sempre più importante con la
diffusione dei vaccini e delle terapie (26-28).
In base al D.Lgs. 81/08 (29), il rischio biologico da SARS-Cov-2, per gli operatori sanitari, è un rischio
specifico e pertanto deve essere valutato dal Datore di Lavoro e gestito al fine di proteggere i
lavoratori da questo rischio (30). Nella nostra Azienda Sanitaria la Valutazione dei Rischi per il rischio
da SARS-Cov-2 ha assegnato, agli operatori sanitari, un rischio biologico medio-alto in funzione
dell’attività svolta nelle singole Unità Operative ospedaliere o territoriali. I vaccini Anti-Covid 19
rappresentano una misura di protezione per gli operatori sanitari che il Datore di Lavoro deve
mettere a loro disposizione, anche se, come è noto, non forniscono una protezione dall’infezione
del 100%. Motivo per cui diventa un obbligo per il Datore di Lavoro individuare i lavoratori non
responder in modo da poterli proteggere con altre misure. Questo studio ci permetterà di
individuare i soggetti non responders a cui destinare le misure di protezione alternative.

2
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
Disegno dello Studio
Si tratta di uno studio prospettico longitudinale che si propone di individuare negli operatori sanitari
dell’Azienda Sanitaria Provinciale n. 7 di Ragusa (circa 2.550) che si sono sottoposti alla vaccinazione
con uno dei vaccini attualmente disponibili lo sviluppo di anticorpi di classe IgG e il loro livello
quantitativo nel tempo.
Obiettivi dello studio:
1. Individuazione degli anticorpi a seguito della vaccinazione anti SARS-CoV-2;
2. Monitoraggio dei livelli anticorpali anti-Spike SARS-CoV-2 indotti dalla vaccinazione;
3. Monitoraggio della persistenza dei livelli anticorpali anti-Spike SARS-CoV-2 indotti dalla
vaccinazione;
4. Correlazione tra livelli anticorpali e tipo di vaccino utilizzato;
5. Correlazione tra livelli anticorpali ed eventuale insorgenza dell’infezione;
6. Individuazione di eventuali soggetti non responders alla vaccinazione.

Proponenti dello studio


Lo studio nasce su proposta della Direzione Sanitaria Aziendale, del Servizio di Patologia Clinica e
Microbiologia e del Servizio di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori, nell’ambito del programma
di sorveglianza attiva del personale sanitario aziendale. Si avvale della collaborazione delle Direzioni
Sanitarie di Presidio e dei Distretti Sanitari.

Materiali e Metodi
Per il dosaggio degli anticorpi IgG anti SARS-Cov-2 verrà utilizzato il test SARS-CoV-2 IgG II Quant
della ditta ABBOTT. Si tratta di un dosaggio immunologico chemiluminescente a cattura di
microparticelle (CMIA) utilizzato per la determinazione qualitativa e quantitativa degli anticorpi IgG
anti-SARS-CoV-2 in campioni di siero e plasma umano sul sistema Architect della ditta ABBOTT.
Il dosaggio SARS-CoV-2 IgG II Quant, oltre ad essere utilizzato come ausilio diagnostico nell’infezione
da SARS-CoV-2, è utilizzato quale ausilio per la valutazione dello stato immunitario degli individui,
in quanto rileva e quantifica gli anticorpi appartenenti alle immunoglobuline di classe G (IgG),
compresi gli anticorpi neutralizzanti, diretti contro il dominio legante il recettore (receptor-binding
domain, RBD) della subunità S1 della proteina spike del SARS-CoV-2 nel siero e plasma di soggetti
sospettati di aver contratto l'infezione da SARS-CoV-2 o nei soggetti che si sottopongono a
vaccinazione.
Visto l’elevato numero di lavoratori da esaminare (circa 2.550), al fine di evitare intralci alla normale
attività di routine dei laboratori di Patologia Clinica e degli altri Sevizi aziendali, i prelievi seguiranno
la seguente procedura:
1) Le Direzioni Mediche di Presidio, Territoriali, di Dipartimento, forniscono ai Medici Competenti
di riferimento l’elenco degli operatori sanitari vaccinati suddivisi per U.O. di appartenenza;
2) Il Medico Competente di riferimento provvede alla redazione della richiesta dell’esame al
Laboratorio tramite Modulab;
3) Copia della richiesta viene inviata alla U.O. a cui appartiene l’operatore sanitario;
4) Il Direttore della U.O. provvede a fare eseguire i prelievi agli operatori di competenza e fare
pervenire i campioni al Laboratorio;
5) Il Laboratorio invierà i risultati al Medico Competente di Riferimento;
3
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
6) Il Medico Competente di Riferimento comunica il risultato al lavoratore e qualora vi fossero dei
casi di non responders provvede ad esaminare i casi con il RSPP, Datore di Lavoro/Dirigente al
fine di individuare misure di protezione alternative.

Interpretazione dei risultati

Interpretazione < 50.0 AU/mL (Negativi)


Interpretazione ≥ 50.0 AU/mL (Positivi)
I range entro i quali possono essere riportati i risultati secondo le definizioni dell'EP34 del CLSI, 1a
Ed. (31) è compreso tra 6.8 - 80 000.0 AU/mL.

Confronto con i titoli degli anticorpi neutralizzanti

Il test SARS-CoV-2 IgG II Quant è stato utilizzato per condurre uno studio di concordanza con il test
di neutralizzazione. Analizzando un campione di 86 campioni risultati positivi a un test di
neutralizzazione Il test SARS-CoV-2 IgG II Quant ha dimostrato di avere una concordanza
percentuale positiva pari al 100% (≥ 1:20) .
Concordanza % positiva = 100.0% (86/86); IC 95% = 95.72, 100.00
Utilizzando gli 86 campioni di cui sopra, sono state eseguite analisi di regressione logistica per
stimare la concentrazione di IgG SARS-CoV-2 corrispondente a una probabilità del 95% di essere pari
o superiore alle diluizioni dei test di neutralizzazione con riduzione delle placche (PRNT).

Popolazione interessata allo studio

Sarà arruolato nello studio il personale sanitario dell’ASP 7 di Ragusa, sia ospedaliero che del
territorio, che si è sottoposto alla vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 con uno dei vaccini a
disposizione. A ciascuno dei partecipanti allo studio verranno eseguiti quattro prelievi di sangue
finalizzati al dosaggio quantitativo degli Anticorpi di classe IgG secondo la seguente tempistica:

Prelievo Giorni dopo l’esecuzione della


II dose di vaccino
1 30
2 90
3 180
4 360

Richiesta e registrazione dosaggio

La richiesta di dosaggio quantitativo degli Anticorpi di classe IgG anti SARS-Cov-2 dovrà essere
inserita sul Sistema Gestionale Informatico (SGI) in uso presso il Laboratorio (Modulab) da parte del
Servizio di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori con il tramite del Medico Competente sulla base
di un elenco e di un calendario fornito dalla Direzione Sanitaria di Presidio.
Durante l’inserimento della richiesta del primo dosaggio (30 giorni dopo la II dose del vaccino) dovrà
essere registrato sul SGI il tipo di vaccino utilizzato e la data di esecuzione della I e della II dose.

4
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
Il prelievo dei campioni sarà eseguito a cura della U.O. di pertinenza secondo il calendario fornito
dal Servizio di Prevenzione e Protezione dei Lavoratori per il tramite del Medico Competente di
Riferimento.

Tipi di campione

Per il dosaggio quantitativo degli Anticorpi di classe IgG sarà utilizzato un campione di siero
prelevato tramite prelievo venoso utilizzando una provetta da siero con gel separatore. Le provette
dovranno essere identificate con l’etichetta generata dal SGI Modulab.

Per garantire risultati accurati i campioni di siero non devono essere emolizzati e non devono
contenere fibrina, globuli rossi o altre sostanze particolate. Le provette devono essere centrifugate
ad alta velocità per almeno 10 minuti. Dopo la centrifugazione, i campioni di siero possono essere
conservati a temperatura ambiente (da 15 a 30°C) per un tempo massimo di 2 giorni o a temperatura
compresa tra 8° C fino a -20°C fino a 7 giorni.

Esecuzione dosaggio
Il dosaggio quantitativo degli Anticorpi di classe IgG sarà eseguito presso i Laboratori Analisi del
Presidio Ospedaliero Giovanni Paolo II di Ragusa, “Maggiore” di Modica e “R. Guzzardi” di Vittoria.

Stima risorse richieste


Numero dosaggi previsti 10.200
Costo singolo dosaggio: Euro 4,00
Costo complessivo reagenti: 40.800 euro

5
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
Bibliografia e sitografia
1. Ministero della Salute. AIFA. Vaccinazione anti-SARS-CoV-2/COVID-19 PIANO STRATEGICO Elementi di preparazione e
di implementazione della strategia vaccinale Aggiornamento del 12 dicembre 2020. Disponibile su
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_2986_allegato.pdf. Aggiornato al 24/01/2021
2. Salzberger B, Buder F, Lampl B, et al. Epidemiology of SARS-CoV-2. Infection Accepted manuscript. Published online 08
October 2020. doi:10.1007/s15010-020-01531-3
3. Adhikari SP, Meng S, Wu Y-J, et al. Epidemiology, causes, clinical manifestation and diagnosis, prevention and control
of coronavirus disease (COVID-19) during the early outbreak period: a scoping review. Infect Dis Poverty 2020;9(1):29.
doi:10.1186/s40249-020- 00646-x
4. AIFA. Comunicato n. 620 del 22 dicembre 2020 COVID-19: Autorizzato il vaccino BioNTech/Pfizer.. Disponibile su
https://www.aifa.gov.it/documents/20142/0/Comunicato+AIFA+n.+620+-
+Autorizzato+il+vaccino+BioNTech+Pfizer.+Sul+sito+AIFA+risposte+alle+domande+pi%C3%B9+frequenti%281%29.pdf/f
f306831-d006-e81b-1df3-31f2c3a09335 Aggiornato al 24/01/2021
5. Riassunto delle caratteristiche del prodotto Comirnaty concentrato per dispersione iniettabile Vaccino a mRNA contro
COVID-19 (modificato a livello dei nucleosidi). Disponibile su https://www.irccsme.it/neurolesi/wp-
content/uploads/2020/12/2020.12.24_RCP-vaccino-Pfizer.pdf Aggiornato al 24/01/2021
6. AIFA. Comunicato n. 623 del 7 gennaio 2021 COVID-19: AIFA autorizza vaccino Moderna. Disponibile su
https://www.aifa.gov.it/documents/20142/1289678/Comunicato_AIFA_623.pdf/694313d4-1534-5628-0240-
df77c14f71ef Aggiornato al 24/01/2021
7. Riassunto delle caratteristiche del Prodotto COVID-19 Vaccine Moderna dispersione per preparazione iniettabile
Vaccino a mRNA anti-COVID-19 (modificato a livello dei nucleosidi). Disponibile su
http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pagineAree_5452_0_file.pdf Aggiornato al 24/01/2021
8. Zhao J, Yuan Q, Wang H, et al. Antibody responses to SARS-CoV-2 in patients of novel coronavirus disease 2019. Clin
Inf Dis Accepted manuscript. Published online 28 March 2020. doi:10.1093/cid/ciaa344
9. Xiao AT, Gao C, Zhang S. Profile of specific antibodies to SARSCoV- 2: the first report. J Infect 2020.
doi:10.1016/j.jinf.2020.03.012
10. Ng DL, Goldgof GM, Shy BR, et al. SARS-CoV-2 seroprevalence and neutralizing activity in donor and patient blood.
Nat Commun 2020;11(1):4698. doi:10.1038/s41467-020-18468-8
11. Bryan A, Pepper G, Wener MH, et al. Performance characteristics of the Abbott Architect SARS-CoV-2 IgG assay and
seroprevalence in Boise, Idaho. J Clin Microbiol 2020;58(8):e00941-20. doi:10.1128/JCM.00941-20
12. Seow J, Graham C, Merrick B, et al. Longitudinal observation and decline of neutralizing antibody responses in the
three months following SARS-CoV-2 infection in humans. Nat Microbiol. Accepted manuscript. Published online October
26, 2020. doi:10.1038/s41564-020-00813-8
13. Charlton CL, Kanji JN, Johal K, et al. Evaluation of six commercial mid- to high-volume antibody and six point-of-care
lateral flow assays for detection of SARS-CoV-2 antibodies. J Clin Microbiol 2020;58(10):e01361-20.
doi:10.1128/JCM.01361-20
14. To KK-W, Tsang OT-Y, Leung W-S, et al. Temporal profiles of viral load in posterior oropharyngeal saliva samples and
serum antibody responses during infection by SARS-CoV-2: an observational cohort study. Lancet Infect Dis
2020;20(5):565-574. doi:10.1016/S1473- 3099(20)30196-1
15. Okba NMA, Muller MA, Li W, et al. Severe acute respiratory syndrome coronavirus 2-specific antibody responses in
coronavirus disease patients. Emerg Infect Dis 2020;26(7):1467-1488. doi:10.3201/eid2607.200841
16. Jaaskelainen AJ, Kuivanen S, Kekalainen E, et al. Performance of six SARS-CoV-2 immunoassays in comparison with
microneutralisation. J Clin Virol 2020;129:104512. doi:10.1016/j.jcv.2020.10451
17 Amanat F, Stadlbauer D, Strohmeier S, et al. A serological assay to detect SARS-CoV-2 seroconversion in humans. Nat
Med 2020;26(7):1033-1036. doi:10.1038/s41591-020-0913-5
18. Krammer, F. SARS-CoV-2 vaccines in development. Nature 2020;586(7380):516-527. doi:10.1038/s41586-020-2798-
3

6
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021
19. Keech C, Albert G, Cho I, et al. Phase 1–2 trial of a SARSCoV-2 recombinant spike protein nanoparticle vaccine. N Engl
J Med Accepted manuscript. Published online September 2, 2020. doi:10.1056/NEJMoa2026920
20. Poh CM, Carissimo G, Wang B, et al. Two linear epitopes on the SARS-CoV-2 spike protein that elicit neutralising
antibodies in COVID-19 patients. Nat Commun 2020;11(1):2806. doi:10.1038/ s41467-020-16638-2
21. Grzelak L, Temmam S, Planchais C, et al. A comparison of four serological assays for detecting anti-SARS-CoV-2
antibodies in human serum samples from different populations. Sci Transl Med 2020:12(559).
doi:10.1126/scitranslmed.abc3103
22. Luchsinger LL, Ransegnola B, Jin D, et al. Serological assays estimate highly variable SARS-CoV-2 neutralizing antibody
activity in recovered COVID19 patients. J Clin Microbiol 2020 Sep. doi:10.1128/ JCM.02005-20
23. Okba NMA, Muller MA, Li W, et al. Severe acute respiratory syndrome coronavirus 2-specific antibody responses in
coronavirus disease patients. Emerg Infect Dis 2020;26(7):1467-1488. doi:10.3201/eid2607.200841
24. Cheng MP, Yansouni CP, Basta NE, et al. Serodiagnostics for severe acute respiratory syndrome–related coronavirus-
2: a narrative review. Ann Int Med 2020;173(6):450-460. doi:10.7326/M20-2854
22. Jaaskelainen AJ, Kuivanen S, Kekalainen E, et al. Performance of six SARS-CoV-2 immunoassays in comparison with
microneutralisation. J Clin Virol 2020;129:104512. doi:10.1016/j.jcv.2020.10451
25. Pollan M, Perez-Gomez B, Pastor-Barriuso R, et al. Prevalence of SARS-CoV-2 in Spain (ENE-COVID): a nationwide,
population based seroepidemiological study. Lancet 2020;396(10250):535-544. doi:10.1016/S0140-6736(20)31483-5
26. Rogers TF, Zhao F, Huang D, et al. Isolation of potent SARS-CoV-2 neutralizing antibodies and protection from disease
in a small animal model. Science 2020;369(6506):956-963. doi:10.1126/science. abc7520
27. Roy S, Jaiswar A, Sarkar R. Dynamic asymmetry exposes 2019-nCoV prefusion spike. J Phys Chem Lett
2020;11(17):7021-7027.doi:10.1021/acs.jpclett.0c01431
28. Wajnberg A, Amanat F, Firpo A, et al. Robust neutralizing antibodies to SARS-CoV-2 infection persist for months.
Science Accepted manuscript. Published online 28 October 2020. doi:10.1126/science. abd7728.
29. D.Lgs. 81/08 – attuazione dell’art. 1 delle Legge 3 agosto 2007, n° 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza
nei luoghi di lavoro
30. Dossier Ambiente – Medicina del Lavoro in Azienda n° 64 anno XVI IV trimestre 2003
31. Clinical and Laboratory Standards Institute (CLSI). Establishing and Verifying an Extended Measuring Interval Through
Specimen Dilution and Spiking. 1st ed. CLSI Guideline EP34. Wayne, PA: CLSI; 2018.

7
Studio Dosaggio Anticorpi anti SARS-COV-2 REV 03.02.2021 def.-2 DEL 22/02/2021