Sei sulla pagina 1di 14

I TRIANGOLI

DEFINIZIONE
Un triangolo è un insieme di punti del piano costituito da una poligonale chiusa di
tre lati e dai suoi punti interni.

I punti estremi dei tre lati si chiamano vertici del triangolo.

Un vertice viene detto opposto a un lato se non appartiene al lato stesso.

Gli angoli convessi individuati da ciascuna delle coppie dei lati del triangolo
vengono detti angoli interni del triangolo.

Un angolo interno è compreso fra due lati quando i lati dell’angolo contengono i
due lati del triangolo.
Un angolo interno è adiacente a un lato quando uno dei due lati dell’angolo
contiene quel lato del triangolo. Per ogni lato di un triangolo ci sono due angoli
adiacenti.

Gli angoli esterni di un triangolo sono quelli adiacenti agli angoli interni. Per ogni
angolo interno di un triangolo ci sono due angoli esterni a esso corrispondenti.
BISETTRICE
In un triangolo ABC, la BISETTRICE di un angolo è il segmento, formato dai punti
della bisettrice dell’angolo che appartengono al triangolo, che ha come estremi un
vertice del triangolo e il punto di intersezione con il lato opposto.

MEDIANA
In un triangolo ABC, la MEDIANA relativa ad un lato è il segmento che ha per
estremi il punto medio del lato stesso e il vertice opposto a quel lato.

ALTEZZA
In un triangolo ABC, l’ALTEZZA relativa a un lato è il segmento che ha un estremo
nel vertice opposto al lato e l’altro estremo sul lato stesso (o sul suo
prolungamento) preso in modo da formare due angoli retti.
L’altezza può essere un segmento esterno al triangolo. Ciò non è mai vero per la
bisettrice e la mediana.

In un triangolo ci sono tre altezze, tre bisettrici e tre mediane.


CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AI LATI
TRIANGOLO EQUILATERO
Un triangolo è EQUILATERO se ha i tre lati congruenti

TRIANGOLO ISOSCELE
Un triangolo è ISOSCELE se ha due lati congruenti

TRIANGOLO SCALENO
Un triangolo è SCALENO se ha i tre lati fra loro non congruenti
IL PRIMO CRITERIO DI CONGRUENZA
Due triangoli sono congruenti se hanno ordinatamente congruenti due lati e
l’angolo compreso fra i due lati

IL SECONDO CRITERIO DI CONGRUENZA

Due triangoli sono congruenti se hanno ordinatamente congruenti un lato e gli


angoli adiacenti al lato

IL TERZO CRITERIO DI CONGRUENZA


Se due triangoli hanno ordinatamente congruenti i tre lati, allora sono congruenti.
LE PROPRIETA’ DEL TRIANGOLO ISOSCELE
Se un triangolo è isoscele, allora ha due angoli congruenti.

La dimostrazione mette in evidenza che nel triangolo isoscele gli angoli congruenti
sono gli angoli alla base.

L’INVERSO DEL TEOREMA DEL TRIANGOLO ISOSCELE

Se un triangolo ha due angoli congruenti, allora è isoscele.

CONDIZIONE NECESSARIA E SUFFICIENTE affinché un triangolo sia isoscele è che


abbia due angoli congruenti.
LA BISETTRICE NEL TRIANGOLO ISOSCELE
Se un triangolo è isoscele, allora la bisettrice dell’angolo al vertice è anche altezza
e mediana rispetto alla base.

LE PROPRIETA’ DEL TRIANGOLO EQUILATERO


CONDIZIONE NECESSARIA E SUFFICIENTE affinché un triangolo sia equilatero è che
abbia tutti gli angoli congruenti.

In un triangolo equilatero ogni bisettrice è anche mediana e altezza.


LE DISUGUAGLIANZE NEI TRIANGOLI
IL TEOREMA DELL’ANGOLO ESTERNO
In un triangolo, ogni angolo esterno è maggiore di ciascuno dei due angoli interni
non adiacenti ad esso.

COROLLARI:

❖ La somma di due angoli interni di un triangolo è minore di un angolo piatto


(180°).
❖ Un triangolo non può avere due (o più) angoli retti, nè due (o più) angoli
ottusi, nè un angolo retto e uno ottuso, cioè in un triangolo due angoli sono
sempre acuti.
❖ Gli angoli alla base di un triangolo isoscele sono acuti.
LA CLASSIFICAZIONE DEI TRIANGOLI RISPETTO AGLI ANGOLI

Un triangolo RETTANGOLO è un triangolo con un angolo retto.

Un triangolo OTTUSANGOLO è un triangolo che ha un angolo ottuso.

Un triangolo ACUTANGOLO è un triangolo con tutti gli angoli acuti.


LA RELAZIONE FRA LATO MAGGIORE E ANGOLO MAGGIORE

In ogni triangolo non equilatero, a lato maggiore è opposto angolo maggiore.

In ogni triangolo non equilatero, ad angolo maggiore si oppone lato maggiore.

LA RELAZIONE FRA I LATI DI UN TRIANGOLO

In ogni triangolo un lato è minore della somma degli altri due e maggiore della loro
differenza.