Sei sulla pagina 1di 3

Modello per la stesura della relazione di laboratorio - biennio

RELAZIONE DI LABORATORIO

Cognome Pallante Nome ErcoleLorenzo classe 2 C data 12/04/2019

ESPERIENZA:Variazione dell’energia meccanica di un carrello in un moto senza attrito

OBIETTIVO:utilizzare le conoscenze apprese in classe e utilizzarle in un contesto reale, utilizzare


strumenti di misura, lavorare in squadra

CONSIDERAZIONI TEORICHE PRELIMINARI / PROGETTAZIONE


Prima di incominciare l’esperimento il gruppo formato da: Alessandro Biondi, Gaetano Forte,
Lorenzo Marzilli, Armando Massaro, Ercole Lorenzo Pallante, , Luca Sammartino, Pierferdinando
Sassi adempie alla selezione dei ruoli di ogni membro nell’esperienza, alla misurazione la massa del
carrello (0.19 kg), la prima altezza,, la lunghezza del percorso e alla distanza tra la seconda e la
terza fotocellula (5 cm).

MATERIALE UTILIZZATO:
guidovia;
fotocellule;
cronometro elettronico;
carrello;
righello da 25cm e da 65cm;
elettrocalamita, spessori (libri);
bilancia digitale;
quaderno;
matita;
tracker (elaborazione digitale);
word (elaborazione digitale).

n. DENOMINAZIONE STRUMENTI SENSIBILITÀ PORTATA


1 Cronometro elettronico 0.001 indefinita
2 bilancia 0.001 indefinita
3 righello 1 0.1 65cm
4 righello 2 0.1 25cm

DESCRIZIONE ED ESECUZIONE DELL'ESPERIENZA:(scandire i passaggi essenziali)

Il giorno 10/04/2019 la docente Berardi ha illustrato alla classe le finalità della


sperimentazione ed esposto i plurimi passaggi per una corretta esecuzione dell’attività.
Anteriormente l’esecuzione di ogni misurazione gli alunni Armando Massaro ed Ercole Lorenzo
Pallante provvedono a mantenere invariata la distanza tra le due fotocellule, sorrette da Luca
Sammartino, perché le misurazioni possano risultare invariate. Gli alunni Pierferdinando Sassi e
Biondi Alessandro forniscono informazioni in merito all’altezza impiegata nel rilevamento, mentre
Gaetano Forte posiziona il carrello sull’origine del piano. A seguito di tali attestazioni l’allievo
Lorenzo Marzilli aziona il macchinario , mettendo in moto il carrello mediante il flusso di aria che
elimina l’attrito.

DATI RACCOLTI:
(Tutte le misure sono state approssimate per eccesso)

m=0.19 kg

ALTEZZA PRIMO TERZO SECONDO TEMPO MEDIO VELOCITA’


(m) TEMPO TEMPO TEMPO (s) MEDIA
(s) (s) (s) (m/s)

0.05 0.06 0.07 0.06 0.06 0.8


0.11 0.04 0.04 0.05 0.04 1.17

ALTEZZA ENERGIA POTENZIALE ENERGIA U1+K1


(m) GRATIVAZIONALE CINETICA
INIZIALE INIZIALE
(J) (J)

0.05 0.01 0.06 0.07


0.011 0.2 0.13 0.33

Individuazione di alcune fonti di errore durante l’esecuzione dell’esperienza


Durante l’esecuzione dell’esperienza ho potuto attestare la presenza di svariate fonti di errore, che
avrebbero potuto influenzare i modo, più o meno determinante, le misurazioni. Queste si riconoscono nella
erronea visuale prospettica nella misurazione dell’altezza e della distanza tra le fotocellule dovuta
all’occhio umano e nella disposizione non perpendicolare rispetto all’asse x dei sensori.

0.83 0.71

1.25

CALCOLO DEGLI ERRORI E LORO PROPAGAZIONE

PRIMA ALTEZZA:

incertezza incertezza Incertezza Incertezza


tempi delle Tempo medio velocità media
velocità
0.001 0.03 0.02 0.3

SECONDA ALTEZZA:

incertezza incertezza Incertezza Incertezza


tempi velocità Tempo medio velocità media
0.001 0.05 0.02 0.4

EVENTUALE GRAFICO su carta millimetrata.

RISULTATO FINALE DELL'ESPERIENZA:


___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________

CONSIDERAZIONI e ANALISI FINALE - EVENTUALI ULTERIORI SVILUPPI/


ANALOGIE
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________________
___________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________
__________________________________________________________________________________