Sei sulla pagina 1di 23

MAXIENDURO

È ora di Viaggiare Aprilia ETV Caponord ABS, Benelli Tre 1130 K, BMW R 1200 GS,
di Marco Marini con la collaborazione di Emilio Lunassi
foto Alessio Barbanti

Questa è una comparativa, ma anche un


viaggio, che racconta quanto è facile e bello
mollare tutto e partire, anche solo per due
giorni. 900 km a spasso con sei splendide
maxienduro sono il modo migliore per
riscoprire come mai amiamo tanto le moto

Pausa di...
riflessione
verso il Col
de Parpaillon
2645 metri
(Francia)

Comp MaxiEnduro.indd 2 25-06-2007 10:37:34


Honda Varadero, KTM 990 Adventure e Triumph Tiger 1050

IO MI
FERMO
QUI
Comp MaxiEnduro.indd 3 22-06-2007 16:19:56
MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

M
axienduro come
moto da viaggio
per eccellenza.
APRILIA E’ questa la ten-
denza che si sta
affermando negli ultimi anni.
Ma dove sono finite le tourer,
le grosse moto da turismo? In
La Caponord molti, ormai, hanno capito che le enduro-
ha una ne di oggi offrono tanta polivalenza in più
linea ormai
datata, ma e un comfort di alto livello, grazia anche
i volumi al manubrio alto. Sono moto ottime per
anteriori viaggiare, non si fermano davanti agli
proteggono
bene sterrati e sono abbastanza pratiche an-
dall’aria. che per l’uso quotidiano, dove le tourer
Costa
11.800 euro accusano pesi e dimensioni eccessivi.
in versione Per questi motivi le maxienduro possono
ABS. essere considerate le vere moto totali.

Tutto inizia in Africa


Dove e quando nasce l’enduro-
na? Le origini si ritrovano verso
la fine degli anni 80, quando è
BENELLI vivo il mito delle gare africane,
Parigi-Dakar in testa. Nasce
così la BMW GS (l’antesignana,
fin dal 1981), la Cagiva Elefant
750 (1987), l’Honda Africa Twin
650 (1988), la Moto Guzzi Quo-
ta 1000 (1989) e la Yamaha
La Tre-K
1130 è la Supertenerè 750 (1989). Quando il
più sportiva richiamo delle distese africane perde
del gruppo. forza, dopo la metà degli anni 90, molti
La qualità
è modesta costruttori abbandonano il segmento,
come si mentre altri decidono di reinterpretarle
vede dagli
specchietti in chiave maggiormente stradale, consci
e dalle del fatto che in pochi le utilizzano real-
fusioni della mente in fuoristrada.
maniglie
passeggero. È la volta delle nuove BMW R 1100 GS
Costa (1993) e della Honda Varadero. Le ruote
11.900 euro da 21” (anteriore) e 18” (posteriore)
e no ABS.
lasciano il posto alle meno specialisti-
che 19”-17” e, negli ultimi anni, alle
BMW E’ la più
atipica per 17”-17”, seguendo la moda del fenome-
ciclistica e no supermotard. Questa evoluzione ha
motore, ma portato ad avere oggi una scelta ampia
la R 1200
GS resta la e variegata di maxienduro, ben rappre-
più venduta. sentata dai modelli che abbiamo riunito
Ben rifinita
e ricca di per questo viaggio-prova. Si va dalla fuo-
accessori, è ristradistica KTM 990 Adventure (ruota
anche la più da 21” davanti), alle enduro stradali con
cara: 13.850
euro, ABS cerchio da 19”, come Aprilia Caponord,
compreso, BMW R 1200 GS e Honda Varadero,
il resto si fino alle sportive Benelli Tre-K e Triumph
paga a parte,
salato. Tiger. I motori sono generalmente bicilin-
drici di circa 1.000 cc, con l’eccezione
del Boxer maggiorato bavarese
e delle tre cilindri di 1.130 e
1.050 cc rispettivamente per la
Benelli e la Triumph.
Carattere del motore, doti
dinamiche e comfort sono
generalmente di alto livello, ma
Benelli sportiva, BMW il riferimento le differenze da moto a moto,
Aprilia datata, ma confortevole come vedremo, sono sensibili.
000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 4 22-06-2007 16:20:02


Il viaggio
Per staccare da una
settimana di lavoro basta
davvero poco: in due giorni HONDA
si possono tranquillamente
raggiungere posti da favola,
divertendosi su ogni tipo di
percorso. Partendo da Mila- Lieve lifting
per la nuova
no, in 900 km ne abbiamo selezionati Varadero.
di spettacolari: dalla montagna più alta Migliora
(Col della Bonette-Francia), al fuoristra- nel motore,
Euro 3, ma
da più suggestivo (Col de Parpaillon- continua a
Francia), passando per le strade più pa- pesare molto
(252,4 kg).
noramiche. Immancabile la puntatina in Appetitoso
una bella città di mare (Nizza-Francia) il prezzo:
e il rientro a casa sull’unica autostrada 11.000 euro,
1.000 in più
del Nord Italia che sa anche far diver- per quella
tire (Serravalle). In questi due giorni con ABS.
sono condensate tutte le situazioni
tipiche di un viaggio in moto, comprese
le strade bianche, facilmente percorribi-
li da queste enduro.
Le sei moto in prova vengono da ogni
parte del globo: c’è l’italia- KTM
na, l’italo-cinese, la tedesca,
l’austriaca, l’inglese e la
giapponese. A giudicare que-
sto G6 del mondo maxiendu-
ro è chiamato un manipolo
di motociclisti ben assortito:
dal tester abituato a moto
da strada e fuoristrada (l’au-
tore di questo servizio), allo
Più stradale
smanettone acerbo di guida off-road di prima per
(Christopher), dall’endurista puro e sospensioni
grande viaggiatore (Lollo), all’appassio- e motore a
iniezione, la
nato di moto e guida sportiva (Fabio). 990 resta
Per finire, il malato di supermotard la più “off”.
Bella e ben
(Marco) e il novizio di patente “libera” fatta, si
(Fede). Proprio un bel gruppo, fatto di fa pagare:
età (da 20 a 40 anni), esperienza ed 13.190 euro
con ABS.
estrazione motociclistica diversa che
garantiscono un giudizio completo e
oggettivo sulle sei moto in TRIUMPH
prova. Come vedremo, solo
due di loro sapranno mette-
re tutti d’accordo.

Le nostre moto
Oltre 1.500 kg per 550 CV:
questi i numeri da tenere
a mente. Per una volta non
stiamo parlando della sporti-
va del momento, ma di moto Ha il motore
più gustoso
da tutti i giorni che a pieno carico, e una guida
con benzina e valigie, fanno schizzare quasi da
la lancetta della bilancia verso l’alto. naked. Ma
dietro si siede
Perché le Maxienduro pesano tanto? in alto e ha
Innanzitutto i motori sono tutti di gros- borse piccole.
sa cilindrata e la dotazione di accessori C’è il prezzo:
10.300 euro
è sempre piuttosto ricca, ma in fondo (11.200 con
il principale indiziato è il dimensiona- ABS).
mento generoso di tutti i componenti Honda piace ma è pesante, KTM è la più polivalente,
della ciclistica. Impossibile pensare
di fare una endurona, che nasce col Triumph bella da guidare, ma il passeggero è in alto
07I07 000
M

Comp MaxiEnduro.indd 5 22-06-2007 16:20:27


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare
BMW, il più
APRILIA BENELLI completo
Il cruscotto,
è come un
compagno di
viaggio: deve
essere leggibile,
completo e
preciso. Quello
dell’Aprilia ha un
design datato
ed è esposto
ai riflessi. Il
pulsante per
disattivare
l’ABS sa un po’
di posticcio.
Sportiva e
piacevole la
strumentazione
BMW HONDA Benelli, che
integra il
pulsante per
cambiare
mappatura:
con la taratura
tranquilla si
perdono circa
15 CV, ma il
motore è molto
più gestibile ed
è consigliata in
caso di scarsa
aderenza.
Impeccabile il
cruscotto BMW,
completo anche
dell’indicatore
di pressione
gomme. Il
KTM TRIUMPH navigatore
optional copre in
parte il display.
Leggibili i dati di
Honda, ma come
per la spartana
KTM manca,
incredibilmente,
il livello benzina.
Sportivo e
completo quello
Triumph, anche
se alcune
indicazioni nel
display hanno
un carattere fin
troppo piccolo.

Tagliandi
presupposto di macinare km su ogni
Con Honda si spende meno tipo di terreno, limando materiale qua
e là come si fa sulle moto sportive.
Qui servono, prima di tutto, robustez-
Tagliandi Aprilia Benelli BMW Honda KTM Triumph za e affidabilità e così il peso cresce
1.000 km 130 200 gratuito 90 150 160 inesorabile. Le migliori sono KTM e
2° tagliando 130 300 200 100 150 160 Triumph (circa 215 kg a secco e 247
3° tagliando 130 300 400 100 150 230 con benzina e valigie), le più opulente
Honda e Aprilia (con 250 kg a secco e
*Tutti prezzi in euro IVA inclusa, rappresentano la cifra minima per un tagliando. oltre 280 in assetto da viaggio). E’ il
*BMW, Benelli e Triumph effettuano il secondo tagliando a 10.000 km e il terzo a momento di rompere il ghiaccio e veni-
20.000 km. re alle presentazioni delle moto. Aprilia,
*KTM indica il secondo tagliando a 7.500 km e il terzo a 15.000 km. BMW e Honda sono accomunate dalla
*Aprilia e Honda necessitano il secondo tagliando a 6.000 km ed il terzo a 12.000 km. misura di cerchi (19”-17” ant-post) e
dal motore due cilindri: rispettivamen-
te V a 60° di 998 cc, Boxer di 1.169
cc e V a 90° di 996 cc. Più adatta al
000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 6 22-06-2007 17:02:17


APRILIA

fuoristrada la KTM, dotata di un motore con “solo” 150/150 mm e 120/150


anch’esso bicilindrico, ma a V di 75° e mm rispettivamente. Solo Aprilia, BMW
della ruota anteriore da 21”. e KTM hanno l’ABS di serie (e disinse-
Il propulsore dell’austriaca è il più ribile): optional sulla Triumph e sulla
leggero del lotto e non a caso è proprio Honda, non è disponibile per la Benelli. Doppio disco da 300 mm e pinze a 2 pistoncini:
buona potenza, ottima modulabilità.
la Adventure a stabilire il primato sulla La R 1200 GS è l’unica del lotto ad
bilancia con 215,2 kg. Appena 600 avere il controllo di trazione (nel pano- BENELLI
grammi più pesante la Triumph Tiger, la rama motociclistico solo BMW lo può
più stradale e per questo all’estremo vantare): si chiama ASR, è un optional,
opposto rispetto alla Kappa. L’inglese funziona molto bene ed è facilmente
adotta un potente motore tre cilindri di disinseribile premendo un pulsante
1.050 cc con 102 CV alla ruota, il più sul blocchetto elettrico sinistro. Altra
performante tra le 6 moto in viaggio. I chicca, sempre optional, riservata alla
pneumatici sono radiali tubeless con bavarese è il sistema di monitoraggio
cerchi a razze in lega da 17 pollici della pressione pneumatici che permet-
davanti e dietro: il pacchetto, insomma, te di visualizzarne in qualsiasi momento
Sportivo il doppio disco da 320 mm con pinze a 4
è tipicamente stradale. La Benelli Tre-K i bar di gonfiaggio e avverte in caso di pistoncini: è il riferimento per potenza.
ha la stessa impostazione ciclistica del- abbassamento improvviso.
la Tiger, con un propulsore sempre tre A livello di optional tutte le moto posso- BMW
cilindri, ma di ben 1.130 cc. A livello di no essere arricchite, ma nessuna Casa
telaio non mancano le differenze, con offre tanto quanto BMW. Il cavalletto
elementi in alluminio solo per Caponord centrale, molto comodo per operazioni
e Tiger, mentre le altre adottano una di manutenzione, nonché per montare
più tradizionale struttura in acciaio, con e smontare le valigie, è di serie solo su
schema a traliccio su BMW, Benelli e BMW e KTM, ma differisce per praticità
KTM. In tema di sospensioni ce n’è per di utilizzo: la tedesca richiede un mo-
tutti i gusti: si va dall’anticonformista desto sforzo, l’austriaca, invece, rende
tedesca che adotta il Telelever davanti quasi impossibile compiere l’operazio- I dischi da 305 mm offrono tanta potenza, ma
e il Paralever dietro (la sola, inoltre, ne senza l’aiuto di un amico. nelle frenate leggere l’azione è sempre brusca.

HONDA

Ottima la frenata combinata CBS: frenando col


posteriore si aziona uno dei 3 pistoncini anteriori.

KTM

con trasmissione cardanica in luogo Piccolo giro di Francia


della catena), alle forcelle rovesciate di Casello della Milano-Genova, ore 6
Benelli, KTM e Triumph, fino alle tradi- del mattino, siamo in piedi da un’ora.
zionali di Aprilia e Honda. Al posteriore Un’ultima occhiata alla cartina, si
c’è meno fantasia: per tutte tranne chiudono le valigie, l’aria è fresca, il
BMW, un classico monoammortizzatore cielo minaccia pioggia, ma forse regge. Potente quanto basta, ma spugnosa alla leva. Ha
collegato al forcellone tramite cinemati- Almeno secondo le previsioni del nostro l’ABS Bosch disinseribile che funziona alla grande.
smi progressivi. L’attitudine verso l’on direttore, che ci aggiorna in tempo reale
o l’off-road è ben sintetizzata dall’escur- sul meteo, visitando un ultra-attendibile TRIUMPH
sione garantita dalle sospensioni. KTM sito dell’Aeronautica Militare. Siamo a
Adventure e BMW GS sono quelle che cavallo, oggi non pioverà, promette.
ne offrono di più con circa 200 mm di Giù la visiera, dentro la prima, ora sì
corsa utile sia davanti, sia dietro (anche che si parte. In autostrada le moto
se l’austriaca è disponibile in una ver- frullano a 4.500/4800 giri (130 km/h),
sione “S” con escursione maggiorata mentre le tre cilindri si distinguono per
a 265 mm), mentre Benelli e Triumph il diverso rapporto di trasmissione:
tradiscono la loro vocazione sportiva lunga la Benelli che rimane a 4.000
PROSEGUE A PAG 93 Le pinze radiali sono più scena che altro, ma la
frenata è molto potente e davvero modulabile.

Comp MaxiEnduro.indd 7 22-06-2007 17:02:41


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

S.te MARIE-
DE-VARS

Road-book COL DE VARS


fuoristrada CRÉVOUX (2.109)

Al centro, la piantina del giro che vi sugge-


riamo di fare: si arriva a Cuneo, poi il Colle
della Maddalena che porta in Francia, quin-
di di segue per S.te Anne e la splendida
sterrata che porta al Tunnel de Parpaillon.
Se il ghiaccio nella galleria non vi blocca
(come invece è successo a noi), potete COL DE PARPAILLON
scendere verso Crévoux con la magnifica (2.645)
vista sul lago Serre-Poncon, poi di nuovo
strada bianca per il Col de Vars. 1
1
2
S.te ANNE
(1.751)

1
3

2 1

Comp MaxiEnduro.indd 8 22-06-2007 17:03:10


4 3

Road-book strada
L’altra parte del viaggio imperdibile è il
Col de la Bonette, ottimamente asfaltato e
molto suggestivo. Da non sottovalutare la
bellezza (più di guida che paesaggistica)
dei 95 km da S.t Etienne a Nizza.

Francia

COLLE DELLA
MADDALENA (1.948)
Italia

1
4 VINADIO

COL DE LA
BONETTE (2.802) CUNEO (37 km)

S.t ETIENNE

NIZZA (95 km)

Comp MaxiEnduro.indd 9 22-06-2007 17:03:32


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

Sotto la montagna, sopra una lastra di ghiaccio: il tunnel emoziona e spaventa


E’ pieno giorno,
fuori c’è il sole
e un panorama
mozzafiato, ma
se vuoi scollinare
per Crévoux
occorre fare il
Tunnel, spesso
ghiacciato, a
volte praticabile.

Optional

Tutto e di più per viaggiare alla grande


Optional Aprilia Benelli BMW Honda KTM Triumph
Bauletto 350 --- 440 419,8 357 617
Valigie laterali rigide 532 480 750 809,53 800 793
Cavalletto centrale --- --- di serie 217,44 di serie ---
Antifurto --- 511 200 336,28 330 408
Manopole riscaldate 194 --- 210 300 80 196
Navigatore GPS --- 598 1500 --- --- ---
Plexiglas rialzato --- --- --- --- 120 151

*Prezzi in euro IVA inclusa.


*I bauletti sono comprensivi del telaietto di supporto.
*Le valigie laterali montate sulla Benelli sono della GIVI

000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 10 22-06-2007 17:03:48


A destra, immagini
del Col de Parpaillon:
il tunnel per chi
soffre di claustrofobia
è fortemente
sconsigliabile: si va
a passo d’uomo nel
buio, tra fango, acqua
e ghiaccio.

giri, più corta la Triumph con la lancet- (890 mm quando le altre vanno dai 770 prima meta è Cuneo da cui parte la
ta sui 5.000. Quest’ultima, grazie al della KTM agli 845 dell’Aprilia) lascia statale per il Colle della Maddalena,
parabrezza maggiorato optional ripara le braccia molto larghe producendo un che ci porterà in Francia. La voglia di
discretamente dall’aria, ma a causa certo effetto vela. Buona la protezione iniziare la danza delle curve è molta e il
delle valigie si creano fastidiosi vortici di KTM, che lascia solo le spalle un ritmo cresce. La presenza delle valigie
che si infilano sotto la giacca e tendono po’ esposte, e Tiger, mentre la Benelli, incide sul comportamento delle moto in
a sollevarla. Il gruppo (per ora) guida nonostante il cupolino regolabile, è un velocità. Ci sono quelle, come Triumph
compatto e rilassato: fino alla velocità gradino sotto le altre. Tra le più confor- e Benelli, che filano lisce come l’olio,
codice tutte le moto offrono un valido tevoli in autostrada c’è certamente la altre che innescano fastidiosi ondeg-
riparo dall’aria, mentre al crescere Honda, ma l’imbottitura troppo morbida giamenti di sterzo: tra le più sensibili
del ritmo saltano fuori le differenze. della sella, alla lunga, infossa la seduta ci sono KTM e Varadero. Un po’ meglio
Varadero, Caponord e R 1200 GS e non consente di effettuare i classici l’Aprilia, mentre la BMW è quasi a livel-
riparano alla grande il pilota, anche se spostamenti per sgranchirsi. Siamo lo delle tre cilindri. La spinta del vento
il larghissimo manubrio della tedesca quasi giunti ad Alessandria, la nostra sulle borse alleggerisce l’avantreno e
07I07 000
M

Comp MaxiEnduro.indd 11 22-06-2007 17:04:00


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

infatti la situazione migliora col pieno da qualsiasi regime -è anche il più par- salire, ma dove emerge la supremazia
di benzina e con una adeguata taratura co nei consumi- e l’ottima protezione ciclistica della KTM, nettamente la più
del “mono”. Ad esempio, aumentando dall’aria, la seconda per la stabilità e le divertente anche per la sua leggerezza.
di 4 giri il precarico sulla KTM, come prestazioni assolute. C’è un grande vantaggio rispetto alle
indicato sul libretto di manutenzione, la Siamo fuori dal casello, il passo sale moto con ruota anteriore da 19” e un
situazione è migliorata sensibilmente. in un bel misto che fa già capire che abisso rispetto alle tre cilindri con gom-
Poche le vibrazioni in assoluto, tanto esalta le doti dinamiche delle nostre ma da 17”. Giunti in cima, il tunnel, un
che le uniche annotazioni in tal senso maxienduro. Svolta a destra per S.te rettilineo di 2 km completamente buio
riguardano i serbatoi di Aprilia e KTM Anne e dopo pochi km il cartello che e.. ghiacciato. Arriviamo poco prima
oltre i 5.000 giri, ma siamo ben al di indica il Tunnel de Parpaillon. Si sale fi- della metà, quando un’enorme lastra
sotto della soglia di fastidio. no a quota 2.645 m, immersi in vallate ghiacciata ci impedisce di continuare.
Chi vince in autostrada? Diremmo ex- sconfinate (guardate la foto in apertura Da parete a parete solo ghiaccio verde:
equo tra BMW e Triumph, la prima per il di servizio...), seguendo una facile questa volta ci è andata male, non re-
motore più pronto di tutte a riprendere sterrata, dove nessuna moto fatica a sta che ammirare le stalattiti sulla volta

Sulla salita de la
Bonette, in testa
KTM, GS e Tiger.
Di buon passo
la Tre-K, afflitta
da irregolarità
di erogazione in
altitudine, poi
la Varadero
e la Caponord
subito dietro.

000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 12 22-06-2007 17:04:14


I passi più alti d’Europa

Bellissima, purissima,
quasi altissima
Ai piedi del Col della Bonette troviamo i cartelli con
la scritta “La strada più alta d’Europa”, ma sappiate
che si tratta di una “bufala”. Sotto, l’elenco dei pas-
si asfaltati più alti nel Vecchio Continente. Cugini
d’Oltralpe, desolé, ma la Bonette è “solo” quarta.
1. Picacho de Veleta, Spagna, Sierra Nevada, 3.392
2. Tiefenbachferner Gletscherstrasse, Austria, 2. 829
3. Pitztaler Joch, Austria, fine asfalto 2.803
4. Col de la Bonette, Francia, 2.802
5. Col de l’Iseran, Francia, 2.770
6. Passo Stelvio, Italia, 2.758
7. Kaunertal Gletscherstrasse, Austria, 2.750
8. Col dell’Agnello, Italia-Francia, 2.748
9. Col du Galibier, Francia, 2.642
10. Col des Laquets, Francia - Pirenei, 2.637

07I07 000
M

Comp MaxiEnduro.indd 13 22-06-2007 17:04:21


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

Comp MaxiEnduro.indd 14 22-06-2007 17:04:33


Nizza mon amour!
Il porticciolo con le del tunnel, girare le moto e tornare Fede e Christopher, che hanno in box
sue belle case sullo indietro. Lo stupendo giro che avevamo una Kawasaki ZX-6R e non hanno mai
sfondo ci attendono in programma, però, ve lo mostriamo lo guidato delle Enduro in vita loro, hanno
dopo una indigestione
di curve. In un viaggio stesso sulla cartina. Ora ci attende il apprezzato da subito la ciclistica molto
che si rispetti, non mitico Col de la Bonette, lassù in alto, comunicativa della Kappona. Il motore
possono mancare un
po’ di sole e relax... quota 2.802 metri. spinge regolare e dà gusto, nonostante
il nostro banco prova dica che l’LC8
Aria sottile: la sfida in quota KTM è il propulsore meno corposo di
Non appena iniziamo a inerpicarci lungo tutti. Sullo stesso piano dell’indice di
lo splendido nastro d’asfalto che porta gradimento è la R 1200 GS, capace di
al passo, la Adventure fa capire che far sparire letteralmente la sua massa
è in grado di battagliare per lo scettro quando la si guida, grazie a una distri-
di moto migliore del viaggio. Anche buzione dei pesi che fa la differenza.
Spieghiamo. Honda e Aprilia hanno doti
dinamiche simili tra loro: la loro distribu-
zione del peso grava molto di più dietro
che non davanti (111,8-138 kg ant-post
per l’italiana), comportando una guida

Comp MaxiEnduro.indd 15 22-06-2007 17:04:42


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

estremamente rilassata, dove tuttavia ant-post per la Tiger). Ecco il segreto del Siamo in cima, la scalata è quasi termi-
le reazioni della ruota davanti sono perché KTM e BMW danno maggior sod- nata e tutti i propulsori perdono CV per
lontane da ciò che possiamo percepire disfazione di guida e un miglior controllo la carenza di ossigeno, ma mantengono
alla guida. BMW e KTM, invece, hanno in condizioni limite (anche il fuoristrada) una erogazione fluida. Unica eccezione,
una ripartizione quasi al 50-50% che rispetto a Caponord e Varadero. Detto la Tre-K che accusa irregolarità sotto i
determina una guida molto più attiva e questo, la Honda è piaciuta molto a tutti 5.500 giri. Scendendo di quota, invece,
divertente. La bavarese, inoltre, ha nel per la grande corposità del suo V di 90° mostra una gran “schiena” e la sua
basso baricentro del suo motore Boxer e l’estrema regolarità di funzionamento ciclistica più maneggevole del lotto. Ri-
un’arma in più per divertire nel misto fin dai bassi. L’endurona di Noale si mane solo Triumph, ci salto in sella per
stretto. Stesso discorso per le due sogna di avere bassi regimi altrettanto gustarmi quei 95 km che da S.t Etienne
stradali, che grazie anche alla piccola fluidi e dei medi così corposi, ma si ri- portano a Nizza: un parco giochi di curve
ruota anteriore da 17” sono leggermen- prende nelle zone alte del contagiri con strette e larghe in una successione da
te sbilanciate in avanti (109,4-106,4 kg un vigoroso allungo. labirintite. Inutile dire che l’inglesina ha
000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 16 22-06-2007 17:04:47


Un’autostrada è difficile che
possa far divertire, ma la
Serravalle anche ad andatura
turistica ci riporta a casa
senza annoiare, anzi. Le valigie
laterali portano a qualche
ondeggiamento di sterzo in
velocità: tra le più sensibili a
questo problema, la Varadero
e la KTM. Fino ai 150 km/h,
però, tutte quante filano dritte
e sicure come proiettili. Sopra,
una sosta per il rifornimento:
la più sobria nel percorso
di montagna, con un passo
“allegro”, è stata la BMW GS
che con un litro ha fatto 14
km; seguono Triumph (13,5),
Honda (12,9), Benelli (12,6),
KTM (12,5) e Aprilia (11,9).

fatto faville, grazie alla notevole maneg- Ricambi


gevolezza e alla grande coppia ai medi
regimi. Sul veloce, invece, il suo “mono” Se mi cade,quanto spendo?
risulta un po’ sfrenato e lascia il poste-
riore un po’ troppo libero di ondeggiare. Ricambi Aprilia Benelli BMW Honda KTM Triumph
In discesa occorrono freni potenti per Leva freno 84 108 49 36 54 56
rallentare tutti i kg di queste moto e Leva frizione 82 52 49 35 42 34
nessuna ha deluso: in testa per poten- Serbatoio carburante 1.659 1.266 785 760 1.071 (dx) - 1.024(sx) 696
za mettiamo Triumph – unica con pinza Parafango anteriore 127 150 309 140 175 160
radiali -, ma anche Benelli e BMW, che
però è poco modulabile. Un gradino *I prezzi si intendono comprensivi di IVA
sotto, Honda, che ha la frenata com- *La leva frizione Benelli è completa di aggancio al manubrio
binata, Aprilia e KTM, quest’ultima un
07I07 000
M

Comp MaxiEnduro.indd 17 25-06-2007 10:34:01


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare
Borse e valigie

Quando la fidanzata non rinuncia alle scarpe...


Tutte quante hanno in optional un set di borse rigide. Solo la Varadero della nostra prova monta-
va due valide Kappa 40 non originali Honda, in quanto le originali non erano ancora disponibili.
Posizione e volume dello scarico influenzano la forma delle borse: ne è un esempio la Tiger,
la cui borsa destra è molto meno capiente della sinistra. BMW ha lo stesso problema, ma è
anche l’unica ad avere un sistema di soffietto per aumentarne il volume. Quelle di Aprilia sono
robuste, anche se non troppo capienti e si smontano con facilità. Benelli sfrutta le GIVI da 45
litri, visivamente sproporzionate rispetto al codino, ma molto capienti e pratiche nelle operazio-
ni di sgancio/aggancio. Le BMW sono impermeabili solo adottando le borse morbide interne,
vendute a parte. La Varadero con le Kappa 40 diventa la più larga del lotto e in velocità mostra
di accusare l’effetto vela. Però hanno una buona capacità e sono pratiche da smontare. KTM
non convince del tutto: sono molto belle e in tema con la moto, ma sono larghe, poco capienti e
hanno l’accesso dall’alto, comodo per prendere due cose al volo, altrimenti vanno svuotate ogni
volta per trovare quello che si sta cercando. Molto pratico il sistema di fissaggio. Triumph ha
borse molto piccole e un sistema di sgancio non così immediato: sull’esemplare in prova il fis-
saggio ha preso gioco rendendo lo smontaggio della valigia molto difficoltoso. Comoda, invece,
Sotto, le larghezze delle moto con le valigie.
la chiave unica per blocchetto di avviamento e borse/bauletto (come per la BMW GS). Per valutare lo spazio interno di queste
valigie abbiamo utilizzato delle palle da
tennis del volume di 143,79 cc. ciascuna. Il
Aprilia Benelli BMW Honda KTM Triumph numero delle palline contenuto in ogni borsa
Peso borse laterali (kg) 4,6 4,2 5,8 3,6 5,6 5,2(sx)–5,0(dx) è stato poi tradotto in litri.

APRILIA BENELLI BMW

24,45 l
940 mm ,68 l
5-15
24,45 l 10,6
8 l 0 mm
, 6 95
5-15 850/
10,6
l
15,38

mm
l 1.050
15,38

l
8,90
l
20,56 l 13,95
mm
0l 970
mm 11,5
20,56
l 1.080 mm 1 3,95 l 1.060

HONDA KTM TRIUMPH

Comp MaxiEnduro.indd 18 25-06-2007 10:30:24


po’ spugnosa alla leva, ma impreziosita di auto. Una notte di meritato riposo,
dal miglior ABS in circolazione. Cambi domani ci attende la Grand Corniche,
e trasmissioni passano l’esame a pieni la splendida strada panoramica sopra
voti, ma occorre segnalare gli innesti un Montecarlo e il rientro a casa di nuovo
po’ duri del V giapponese e del tre cilindri sulla A7, passando però per Genova e
di Pesaro, mentre la KTM ha una corsa la tortuosa e divertente Serravalle, la
del pedale leggermente lunga e accom- meno autostrada del nord Italia.
pagnato da un sonoro clock quando si Casello della Genova-Milano, ore 17,30,
innesta la prima marcia. l’aria è calda, afosa, minaccia pioggia e
Siamo arrivati a Nizza, sono le 20 e forse pioverà davvero. O magari siamo
il traffico del lungomare non lascia solo noi un po’ tristi perché è già tutto
scampo con le moto cariche, ma Tiger finito. Si alza una visiera, Lollo dice
e BMW sembrano riuscire a infilarsi qualcosa. Non sento, spengo il motore:
comunque meglio nella lunga colonna “Programmi per il prossimo week-end?”.

Comp MaxiEnduro.indd 19 22-06-2007 17:06:12


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare Il verdetto
Sapete chi ha vinto? Se volete un nome,
BMW e KTM regine eccone due: KTM e BMW. La prima per-
Tutte le moto hanno ché è davvero completa, grazie alle otti-
consentito di tenere me doti off-road e al grande divertimento
un ritmo molto
rapido sulle strade di che regala su strada. È anche quella
montagna. che trasmette più di altre la sensazione
Nella pagina accanto, di moto solida, professionale. Ma se
in grande, la KTM,
vincitrice di questa il fuoristrada non vi interessa granché,
comparativa insieme potete puntare sulla BMW, che ha più
alla BMW (sotto).
La tedesca si motore, protezione dall’aria e dotazione
conferma la moto più di accessori (ma il prezzo va alle stelle).
modaiola, ma che ne Triumph è forse la miglior stradale del
dite di presentarvi
all’aperitivo in centro gruppo, ma rinnega gli sterrati e mostra
con giacca elegante e qualche limite nel turismo in coppia (ca-
Adventure infangata? pacità di carico e passeggero troppo in
alto). Molto bene la Varadero che è pia-
ciuta davvero a tutti, anche se è pesante
nelle manovre. Bene la Caponord, che
non mostra veri limiti, ma meriterebbe
una rinfrescata. Infine, Benelli, una moto
che per qualità e attitudine al turismo è
dietro le altre, ma che piace per il gran
motore e la ciclistica reattiva.

000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 20 22-06-2007 17:06:22


Passeggero
Un trono per la regina
Il comfort del passeggero è imprescindibile per una moto
da turismo. Conta la sezione della sella a disposizione (la
migliore è Honda, la peggiore Benelli), l’altezza da terra della
seduta, ma più ancora la differenza di altezza tra pilota e
passeggero. Quelle che hanno la maggiore differenza sono
la Triumph e la Benelli, ma anche la BMW che con la sella
ribassata optional avverte il problema. Le maniglie di appog-
gio ci sono su tutte le moto, ma su alcune diventano roventi
per la vicinanza con lo scarico: le più calde su Benelli e KTM,
ma anche Honda non scherza. Non surriscaldato, ma meno
comodo delle due maniglie, il maniglione singolo posteriore
della Triumph. La bavarese è l’unica ad avere la sella divisa in
due pezzi: asportando la porzione del passeggero si ottiene
una base piatta di carico, molto comoda se si viaggia da soli.
APRILIA

BENELLI

BMW

HONDA

KTM

TRIUMPH

07I07 000
M

Comp MaxiEnduro.indd 21 22-06-2007 17:06:52


s
MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare
Quant olio consumano
per 900 km?
Le misure
APRILIA ETV 1000 Caponord
APRILIA Caponord
330
635 Motore
350
600 Numero cilindri 2 a V di 60°
560 970 Alesaggio x corsa mm 97x67,5
850
1.130 Cilindrata totale cc 997,6
850
Rapporto di compressione 10,4:1
Aprilia: partita con 5.731 km sul Tipo distribuzione bialbero a catena
tachimetro, consumo olio 400 g. 1.544
N. valvole 8
2.290
Benelli Tre 1130 K Alimentazione iniezione elettronica
310 Accensione elettronica digitale
490
305
500
Diametro corpi farfallati (mm) 57
525
Potenza max CV-giri 98 CV (72 kW) - 8.250
880 985 Coppia max kgm-giri 9,88 kgm (97 Nm) - 6.500
1.050
835 Trasmissione primaria (rapporto) ingranaggi (1,935 - 60/31)
Trassmissione finale (rapporto) catena (2,647 - 45/17)
1.514 Frizione multidisco a bagno d’olio
Benelli: tachimetro 5.785 km,
BMW R 1200 GS
Cambio a 6 marce
consumo olio 400 g.
295
Ciclistica
Telaio doppio trave perimetrale
500
440 in lega di alluminio
550
520
Avancorsa mm 129
1.170
940 1.120 Inclinazione cannotto di sterzo 27°9’
870 Forcella teleidraulica Marzocchi
Diametro steli mm 50
1.519 Regolazione nessuna
2.210
Honda Varadero
BMW: tachimetro 1.130 km, Escursione mm 175
295
consumo olio 200 g. 530 Sospensione posteriore monoammortizzatore
510
610 con leveraggi progressivi
560 Regolazione comp. ed est. idrauliche,
920 960
1.120 e precarico molla
850
Escursione ruota mm 175
Freno ant doppio disco da 300 mm
1.560
2.300
pinze flottantii a 2 pistoncini
KTM 990 Adventure Freno post disco da 270 mm
280 pinza a 2 pistoncini
420
Honda: tachimetro 707 km, 590 Pneumatici 110/80-R19 anteriore
510
consumo olio 0 g. 150/70-R17 posteriore
540
900 950 Dimensioni (in mm)
1.160
880 Interasse 1.544
Lunghezza 2.290
1.570 Larghezza 876
2.370
Altezza 1.436
Triumph Tiger 1050 Altezza sella 820
280 Peso a vuoto n.d.
630
575 I dati rilevati dal nostro Centro Prove
530
KTM: tachimetro 2.307 km, 495
Accelerazione 0-400 m (sec.) 11,930
consumo olio 0 g. 905
1.005 Ripresa da 50 km/h (sec.) 15,624
1.115
830 Velocità massima (km/h) 224,1 a 8.200 giri
Peso senza carburante (kg) 249,8 kg (113,8 ant, 136 post)
1.510 Peso con valigie e pieno carburante (kg) 281,4 kg (122 ant, 159,4 post)
2.110 Capacità serbatoio effettiva - dichiarata (l) 22,5 - 25
Potenza max alla ruota - giri 89,15 CV (65,52 kW)-8.250
Coppia max alla ruota - giri 8,38 kgm (82,21 Nm)-6.500
Triumph: tachimetro 5.594 km,
consumo olio 0 g.

Comp MaxiEnduro.indd 22 25-06-2007 9:07:38


I RISULTATI DEL NOSTRO CENTRO PROVE

BENELLI Tre 1130 K BMW R 1200 GS HONDA Varadero KTM 990 Adventure TRIUMPH Tiger 1050

3 in linea 2 boxer 2 a V di 90° 2 a V di 75° 3 in linea


88x62 101x73 98x66 101x62,4 79x71,4
1.130 1.170 996 999 1.050
11,5:1 11,0:1 9,8:1 11,5:1 12,0:1
bialbero a catena monoalbero ad aste e bilanceri bialbero a catena bialbero a catena bialbero a catena
12 8 8 8 12
iniezione elettronica iniezione elettronica iniezione elettronica iniezione elettronica iniezione elettronica
elettronica digitale elettronica digitale elettronica digitale elettronica digitale elettronica digitale
n.d. n.d. 42 48 47
125 CV (92 kW) - 9.000 100 CV (74 kW) - 7.000 93,88 CV (69 kW) - 7.500 97,96 CV (72 kW) - 8.500 114 CV (83,8 kW) - 9.400
11,93 kgm (117 Nm) - 6.750 11,72 kgm (115 Nm) - 5.500 9,99 kgm (98 Nm) - 6.000 9,68 kgm (95 Nm) - 6.500 10,2 kgm (100 Nm) - 6.250
ingranaggi (1,795) ingranaggi (1,823) ingranaggi (1,682 - 74/44) ingranaggi (1,914 - 67/35) ingranaggi (1,750 - 105/60)
catena (n.d.) cardano (2,285) catena (2,938 - 47/16) catena (2,470 - 42/17) catena (2,444 - 44/18)
multidisco a bagno d’olio monodisco a secco multidisco a bagno d’olio multidisco a bagno d’olio multidisco a bagno d’olio
6 marce a 6 marce a 6 marce a 6 marce a 6 marce

tubolare perimetrale a traliccio traliccio di tubi romboidale con tubi traliccio di tubi perimetrale
in acciaio e piastre in alluminio in acciaio in acciaio in acciaio al Cromo-Molibdeno in alluminio
110 110 110 119 87,7
25° 27º1’ 27º30’ 26º6’ 23º2’
rovesciata Marzocchi Telelever forcella telescopica rovesciata WP rovesciata
50 41 43 48 43
nessuna precarico molla nessuna comp. e est. idrauliche, comp. e est. idrauliche,
precarico molla precarico molla
120 210 155 210 150
monoammortizzatore Paralever monoammortizzatore monoammortizzatore WP monoammortizzatore
con leveraggi progressivi con monobraccio con leveraggi progressivi con leveraggi progressivi con leveraggi progressivi
precarico molla comp. e freno idraulico est. idrauliche comp. ed est. idrauliche precarico e ritorno
in estensione e precarico molla e precarico molla
150 200 145 210 150
doppio disco da 320 mm doppio disco da 305 mm doppio disco da 296 mm doppio disco da 300 mm doppio disco da 320 mm
pinze a 4 pistoncini pinze a 4 pistoncini pinze a 3 pistoncini pinze Brembo a 2 pistoncini pinze radiali a 4 pistoncini
disco da 240 mm disco da 265 mm disco da 256 mm disco da 240 mm disco da 255 mm
pinza a 2 pistoncini pinza a 1 pistoncino pinza a 3 pistoncini pinza Brembo a 2 pistoncini pinza a 2 pistoncini
120/70-ZR17 anteriore 110/80-R19 anteriore 110/80-R19 anteriore 90/90-R21 anteriore 120/70-ZR17 anteriore
180/55-ZR17 posteriore 150/70-R17 posteriore 150/70-R17 posteriore 150/70-R18 posteriore 180/55-ZR17 posteriore

1.514 1.519 1.560 1.570 1.510


n.d. 2.210 2.300 n.d. 2.110
n.d. 915 930 n.d. 840
n.d. 1.420 1.465 n.d. 1.320
810 840/860 838 860 835
205 225 238,2 199 198

11,144 12,207 12,703 11,842 11,235


13,025 13,850 13,570 13,652 12,256
230,1 a 9.000 giri 213,6 a 7.600 giri 201,9 a 8.400 giri 213,3 a 7.950 giri 224,3 a 8.400 giri
224,4 kg (50,62 ant, 49,38 post) 226 kg (111,6 ant, 114,4 post) 252,4 kg (114,6 ant, 137,8 post) 215,2 kg (106,6 ant, 108,6 post) 215,8 kg (109,4 ant, 106,4 post)
248,2 kg (118 ant, 130,2) 263,2 kg (119,6 ant, 143,6 post) 286,8 kg (123 ant, 163,8 post) 248,6 kg (117,8 ant, 130,8 post) 246,2 kg (119,4 ant, 126,8 post)
19 - 19,5 19,8 - 20 25,3 - 25 20 - 22 20,6 - 20
99,6 CV (73,20 kW)-8.750 88,26 CV (64,87 kW)-7.750 84,16 CV (61,88 kW)-8.000 86,62 CV (63,66 kW)-9.000 101,99 CV (74,96 kW)-9.250
9,28 kgm (91,04 Nm)-4.750 10,06 kgm (98,69 Nm)-5.500 9,10 kgm (89,28 Nm)-6.000 7,87 kgm (77,20 Nm)-7.000 8,69 kgm (85,24 Nm)-7.500

Comp MaxiEnduro.indd 23 25-06-2007 9:09:01


MAXI ENDURO
È ora di Viaggiare

Ducati 1098S
s I RISULTATI DEL NOSTRO CENTRO PROVE

Tra i bicilindrici 1000 il più vigoroso è quello di Honda, mentre l’LC8 Dai 3.500 ai 6.750 il Boxer resta sopra i 9 kgm, mostrando chiara-
KTM cede il passo lungo tutta la curva. Bene Tiger per linearità e forza mente di quale pasta, e cilindrata, è fatto. E’ ben evidente il vantaggio
(è la più potente con 101,99 CV), mentre Benelli, come si intuisce alla del V Honda su quello Aprilia e la minor coppia del motore austriaco.
guida, è più irregolare. Ma il mattatore, per prestazioni globali è il Boxer La sfida delle tre cilindri è vinta, numericamente dalla Benelli, anche
BMW, che sfodera una curva impressionante tra i 5 e i 7.000 giri. grazie alla maggior cilindrata, ma rimangono evidenti irregolarità.

Aprilia Honda
PREGI DIFETTI PREGI DIFETTI
● Riparo dall’aria ● Estetica datata ● Coppia motore ai medi ● Stabilità con valigie
● Allungo motore ● Poca spinta ai medi ● Facilità di guida ● Peso sopra la media
● Stabilità in velocità ● Consumi elevati ● Riparo dall’aria ● Assenza livello benzina
INCONVENIENTI REGISTRATI INCONVENIENTI REGISTRATI
● Nessuno ● Nessuno

Benelli KTM
PREGI DIFETTI PREGI DIFETTI
● Prestazioni assolute ● Erogazione ruvida ● Polivalenza d’uso ● Leva freno spugnosa
● Maneggevolezza ● Vibrazioni agli alti ● Solidità ciclistica ● Assenza livello benzina
● Potenza dei freni ● Qualità generale ● Guida intuitiva ● Calore alle maniglie post.
INCONVENIENTI REGISTRATI INCONVENIENTI REGISTRATI
● Nessuno ● Nessuno
BMW Triumph
PREGI DIFETTI PREGI DIFETTI
● Qualità generale ● Modulabilità frenata ● Erogazione ai medi ● Vortici d’aria con valigie
● Coppia motore ● Manubrio troppo largo ● Stabilità in velocità ● Sella passeggero alta
● Efficacia di guida ● Stampella laterale corta ● Frenata potente ● Capacità di carico
INCONVENIENTI REGISTRATI INCONVENIENTI REGISTRATI
● Nessuno ● Nessuno

Prove strumentali: Centro Prove e Servizi.


Collaudatori: Marco Marini, Marco Agosti, Vittorio Veggetti,
Fabio Meloni, Christopher Carlotti, Federico Torti,
Alessandro Perelli.
Abbigliamento utilizzato: caschi Arai, Caberg, Nitro, Nolan e
Shoei, giacche Alpinestars, Axo, Dainese, Ixs e Spidi, pantaloni
Dainese, Frank Thomas e Spidi, guanti Dainese, Spidi e Spyke,
stivali Alpinestars, Axo, Dainese, Spidi, Vendramini e XPD.

IN COLLABORAZIONE CON

000 07I07
M

Comp MaxiEnduro.indd 24 25-06-2007 10:49:20