Sei sulla pagina 1di 3

Psicologia lezione 18 11 2020

Il processo di influenza si basa sul processo di inferenze che l’influenzando fa da un elemento contestuale,
ma non c’è un intenzionalità per esempio da parte del vigile.

Influenza sociale

Influenza: non intenzionalità, basata su atteggiamenti di un dato contesto sociale che mi inducono ad avere
un determinato atteggiamento.

https://www.youtube.com/watch?v=qwsfXw9lwJI

Milgram ha fatto esperimenti sull’obbedienza all’autorità: ha preso un gruppo di persone e dei complici e
diede alle persone la possibilità di dare una scossa ai complici qualora avessero dato la risposta sbagliata a
delle domande. Milgram ci ha dimostrato fino a che punto siamo influenzati dall’autorità.

Gli esperimenti sono stati fatti


con condizioni sperimentali che
di volta in volta cambiavano:

- Lo sperimentatore è o
vicino o lontano al
partecipante
- La vittima a volte era in
una stanza lontana,
oppure vicino al soggetto
- Lo sperimentatore
indossava il camice
oppure no

Cambiando le condizioni, il livello di obbedienza cambiava.

Di tutti i partecipanti coinvolti, le condizioni sperimentali non hanno molto influenzato il grado di
obbedienza. Cambiando le condizioni peggioravano le situazioni: la percentuale più alta di obbedienza si
aveva quando la vittima era lontana.
Più l’autorità era vicina, maggiore era l’obbedienza.
Il fatto di obbedire in maniera acritica si chiama ACQUIESCIENZA. Essa diminuisce tanto più la vittima
diventa saliente al soggetto ignaro. Tanto più il soggetto si sente responsabile delle sue azioni e ne vede le
conseguenze, tanto decresce l’acquiescenza.

Il partecipante cerca di collegare la sua responsabilità, allo sperimentatore, tanto più si distaccava dalle sue
azioni, tanto più era alta l’obbedienza. Distacca l’azione dalla responsabilità delle conseguenze.