Sei sulla pagina 1di 12

RELAZIONE

TRA
STRUTTURA CHIMICA E COLORE
OSSERVARE , VEDERE …”SENTIRE”
Vedo
verd
e
Gli elementi che partecipano al colore

La Luce

L’occhio

La sostanza colorata
Rappresentazione di un’onda
elettromagnetica nello spazio
I caratteri di un’onda elettromagnetica

λ = lunghezza d’onda ٧ = frequenza

C = λ .٧ C= 2,98.108 m/sec

E = h .٧ h = 6,626 .10-34 J.sec

E = m.c2 m = h .٧ / c2
Il campo delle onde elettromagnetiche
Campo reale del visibile : intervallo di λ tra 380 e 780 nm

Unità di misura di λ : 1 nm = 10-9 m = 1mμ = 10 A°

Radiazioni radiazioni γ e x UV IR onde radio


Cosmiche
10 - 4 1 10 4 10 8 10 12
Lunghezza d’onda λ

Radiazioni ottiche

viola blu verde giallo arancio rosso


400 450 500 550 600 650 700 nm
LE TEORIE DEL COLORE

1° teoria di Graebe e Lieberman (1868) , che misero in


relazione la comparsa del colore alla presenza di
gruppi insaturi nella molecola colorata.

2° teoria di WITT (1878) fondò “ La teoria classica del colore” ,


Egli attribuì la comparsa del colore alla presenza di particolari
gruppi che chiamò “cromofori” .
Strutture chimiche contenenti questi cromofori furono chiamate
“cromogeni”.
Altri aggruppamenti capaci di dare colore a cromofori poco colorati
furono chiamati “auxocromi “.
I cromofori più importanti

-N=N- azoico
an t rac h in o n i co

=C=N- azometinico
O
C =O carbonile
ch i n o n ico
-N=O nitroso
O
N n it ri co
O C=C etilenico
Il cromoforo stilbenico

2H N CH CH N H2

Il cromoforo benzidinico

-N=N N=N-
La forza degli auxocromi
Gli auxocromi

O- >> - N(CH3)2 > - NH(CH3) > - NH2 > -OH > -OR
Contributo all’apporto del colore

Altre teorie si sono succedute nel tempo e solo un punto le accomuna :

Tutti i composti colorati organici contengono sempre

sistemi coniugati
Il cromoforo polimetinico

(C H C H)n CH CH
N+ N+

H
H