Sei sulla pagina 1di 19

2018

Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Comune di MURO LECCESE

Settore II "Tecnico"

Ing. Luca BOTRUGNO

[MODALITÀ DI CALCOLO DEL


CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE EX
ARTT. 16 E 19 DEL D.P.R. N. 380/2001.
ANNO 2018]
DOCUMENTO DI SINTESI RELATIVO AL CALCOLO DEL
CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE PER GLI INTERVENTI EDILIZI
DA REALIZZARE NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MURO
LECCESE (annualità 2018) in base a quanto stabilito dalle
vigenti disposizioni nazionali, regionali e comunali
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO ................................................................................................................. 3
1. CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE ......................................................................... 4
1.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione.......................................................................... 4
1.2. Contributo afferente al Costo di Costruzione .................................................................................. 5
1.3. Riduzione o esonero del contributo di costruzione......................................................................... 9
2. IMPIANTI DESTINATI AD ATTIVITÀ INDUSTRIALI O ARTIGIANALI DIRETTE ALLA TRASFORMAZIONE DI
BENI ED ALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI ......................................................................................................... 10
2.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione........................................................................ 10
2.2. Edificazione in zona PIP .................................................................................................................. 10
2.3. Contributo straordinario ................................................................................................................ 10
3. IMPIANTI DESTINATI AD ATTIVITÀ TURISTICHE, COMMERCIALI E DIREZIONALI O ALLO SVOLGIMENTO
DI SERVIZI ........................................................................................................................................................ 12
3.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione........................................................................ 12
3.1.1. Edificazione in zona PIP ........................................................................................................... 13
3.1.2. Contributo straordinario.......................................................................................................... 13
3.2. Contributo afferente al Costo di Costruzione ................................................................................ 13
4. MODIFICA DELLA DESTINAZIONE D'USO................................................................................................ 15
5. PIANO CASA (L.R. N. 14/2009 e ss.mm.ii.) ............................................................................................. 16
5.1. Monetizzazione delle aree a standard ........................................................................................... 16
5.2. Monetizzazione parcheggi .............................................................................................................. 16
6. PISCINE PERTINENZIALI........................................................................................................................... 17
7. PARCHEGGI PERTINENZIALI .................................................................................................................... 18

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 2 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
0. NORMATIVA DI RIFERIMENTO
Disposizioni Statali
D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii., recante "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia
edilizia", ed in particolare:
art. 16 - Contributo per il rilascio del permesso di costruire
art. 17 - Riduzione o esonero dal contributo di costruzione
art. 19 - Contributo di costruzione per opere o impianti non destinati alla residenza
D.M. LL.PP. n. 801/1977, recante "Determinazione del costo di costruzione di nuovi edifici"
Disposizioni Regionali
L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii., recante "Adempimenti regionali per l'attuazione della Legge Statale n. 10/1977"
D.G.R. n. 449/2006, ad oggetto "Aggiornamento limiti massimi di costo per gli Interventi di Edilizia Residenziale
Sovvenzionata e di Edilizia Residenziale Agevolata"
L.R. n. 1/2007, recante "Legge regionale 28.12.2006, n. 39 (Norme relative all'esercizio provvisorio del bilancio di
previsione per l'anno finanziario 2007) - Modifiche e integrazioni"
D.G.R. n. 2268/2008, ad oggetto "Aggiornamento dei limiti massimi di costo per gli interventi di Edilizia
Residenziale ed Agevolata"
D.G.R. n. 2081/2009, ad oggetto "Ridefinizione dei limiti di costo per gli interventi di edilizia residenziale pubblica
sovvenzionata ed agevolata"
D.G.R. n. 766/2010, ad oggetto "Ridefinizione dei limiti di costo per gli interventi di edilizia residenziale pubblica
sovvenzionata ed agevolata. Rettifica alla deliberazione di Giunta regionale n. 2081 del 3 novembre 2009,
pubblicata sul Burp n. 183 del 17 novembre 2009"
Disposizione Comunali
D.C.C. n. 3/2010, ad oggetto "L.R. n. 14 del 30/07/2009 - Misure straordinarie e urgenti a sostegno dell`attività
edilizia e per il miglioramento della qualità del patrimonio edilizio residenziale. (PIANO CASA). APPROVAZIONE
REGOLAMENTO"
D.C.C. n. 22/2010, ad oggetto "Adeguamento del contributo del costo di costruzione alla deliberazione di G.R.
n°449 del 04/04/2006 ed aggiornamento del contributo per oneri di urbanizzazione alla variazione indice Istat"
D.C.C. n. 32/2010, ad oggetto "Rettifica tabella ALL. A della deliberazione C.C. n.22 del 24/08/2010 ad oggetto:
Adeguamento del contributo del costo di costruzione ed aggiornamento contributo per oneri di urbanizzazione
alla variazione indice ISTAT"
D.C.C. n. 33/2012, ad oggetto "Adeaguamento ISTAT del costo di costruzione ai sensi dell`art. 16, comma 9, del
D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm. e ii."
D.C.C. n. 25/2015, ad oggetto "Aggiornamento del contributo per Oneri di Urbanizzazione ai sensi dell`art. 16 del
D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii."
D.C.C. n. 27/2016, ad oggetto "Regolamentazione relativa alla realizzazione di piscine pertinenziali.
Determinazioni"
D.C.C. n. 28/2017, ad oggetto "Determinazione del contributo di costruzione relativo al costo di costruzione per
opere e impianti destinati ad attività produttive"
Det. n. 1/R.G./2018, ad oggetto "Aggiornamento del costo di costruzione di cui all'art. 16, c. 9, del D.P.R. n.
380/2001 e ss.mm.ii."

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 3 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
1. CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE EDILIZIA RESIDENZIALE
C.C. = o.uu. + c.c.
dove:
C.C.  contributo di costruzione
o.uu.  contributo afferente agli oneri di urbanizzazione
c.c.  contributo afferente al costo di costruzione
1.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione
o.uu. = St*u
dove:
1
St  Somma della superficie utile abituale (Sua) e del 50% della superficie destinata alle pertinenze (Sp)
(St=Sua+50%Sp)
Per Sua e Sp si faccia riferimento rispettivamente alle definizioni di Superficie Utile (SU) e Superficie
Accessoria (SA) di cui all'Allegato A allo schema vigente di Regolamento edilizio tipo:

u  Incidenza unitaria relativa agli oneri di urbanizzazione dedotta dalle tabelle approvate con D.C.C. n. 25
del 30.07.2015
Zona A: i.f.f. 5 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 5,91 € 5,91 € 2,96
Urb.Sec. € 15,32 € 15,32 € 7,66
Urb. Tot. € 21,24 € 21,24 € 10,62
Zona B1: i.f.f. pari a 5 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 5,32 € 4,73 € 3,55
Urb.Sec. € 13,79 € 12,26 € 9,19
Urb. Tot. € 19,11 € 16,99 € 12,74
Zona B2: i.f.f. pari a 3 mc./mq
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 7,83 € 6,96 € 5,22
Urb.Sec. € 13,79 € 12,26 € 9,19
Urb. Tot. € 21,62 € 19,22 € 14,41
Zona C: i.f.f. di 3,00 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 6,96 € 6,09 € 5,22
Urb.Sec. € 12,26 € 10,73 € 9,19
Urb. Tot. € 19,22 € 16,82 € 14,41

1
Ai sensi dell'art. 33, comma 1, della L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. […] Il contributo di urbanizzazione di cui all'art. 29 della
presente legge è determinato in relazione alla superficie totale (St), somma della superficie utile abituale (Sua) e del
50% della superficie destinata alle pertinenze (Sp) […]
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 4 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Zona E: i.f.f. di 0,03 mc./mq.
OO.UU. N.C.
Urb.Pri. € 31,85
Urb.Sec. € 14,78
Urb. Tot. € 46,62
N.C. Nuova Costruzione
D.R. Demolizione e ricostruzione
R.R. Ristrutturazione e Restauro
1.2. Contributo afferente al Costo di Costruzione
2
c.c. = Sc*c*0,05*M
dove:
3
Sc  Somma della superficie utile abitabile e dal 60% del totale delle superfici non residenziali destinate a
servizi ed accessori (Snr) (Sc=Su+60%Snr)
Per Su e Snr si faccia riferimento rispettivamente alle definizioni di Superficie Utile (SU) e Superficie
Accessoria (SA) di cui all'Allegato A allo schema vigente di Regolamento edilizio tipo:

c  costo unitario di costruzione per l'edilizia agevolata. Per la determinazione vedasi tabelle comunali
approvate con Determinazione del Settore II "Tecnico" n. 1/Registro_Generale del 05.01.2018
COSTO DI COSTRUZIONE AL MQ PER TIPOLOGIA EDIFICIO
TIPOLIGIA (Edilizia agevolata)
UBICAZIONE
INTERVENTO Edificio
Edificio unifamiliare Edificio plurifamiliare
bifamiliare/schiera
Nuova
€/mq 347,18 €/mq 277,74 €/mq 243,03
Interno al edificazione
centro abitato Recupero
4 €/mq 208,08 €/mq 166,46 €/mq 145,65
Primario

2
Ai sensi dell'art. 36, comma 1, della L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. […] Il contributo afferente il costo di costruzione, di cui
all'art. 6 della legge 28 gennaio 1977, n. 10 (la L. n. 10/1977 è stato abrogata dall'art. 136 del D.P.R. n. 380/2001; ora il
riferimento è l'art. 16 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. - n.d.r.) nei Comuni della Puglia viene fissato nella misura del
5% del costo di costruzione determinato nei modi fissati dal citato art. 6 (oggi art. 16 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii.
- n.d.r.) […].
3
Ai sensi dell'Allegato A della L.R. n. 1/2007 […] La superficie complessiva, alla quale, ai fini della determinazione del
costo di costruzione dell'edificio, si applica il costo unitario a metro quadrato, è costituita dalla somma della superficie
utile abitabile … e dal 60% del totale delle superfici non residenziali destinate a servizi ed accessori (Snr), misurate al
netto di murature, pilastri, tramezzi, sguinci e vani di porte e finestre (Sc = Su + 60% Snr) […]
4
Recupero primario: s'intende il recupero della funzionalità e sicurezza anche sismica dell'edificio. Tale recupero
riguarda le parti comuni e comprende il consolidamento delle strutture portanti comprese le fondazioni, il
risanamento delle murature, delle scale, delle coperture e delle parti comuni degli impianti compresi gli allacciamenti
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 5 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Recupero
5 €/mq 121,57 €/mq 97,26 €/mq 85,10
secondario
Manutenzione
6 €/mq 139,11 €/mq 111,28 €/mq 97,37
straordinaria
Nuova
€/mq 595,17 €/mq 436,45 €/mq 347,18
edificazione
Recupero
€/mq 356,71 €/mq 261,58 €/mq 208,08
Esterno al Primario
centro abitato Recupero
€/mq 208,40 €/mq 152,83 €/mq 121,57
secondario
Manutenzione
€/mq 238,47 €/mq 174,88 €/mq 139,11
straordinaria
COSTO DI COSTRUZIONE AL MQ PER TIPOLOGIA EDIFICIO - EDIFICI CHE
ASSICURANO IL 50% DEI CONSUMI DI ACQUA CALDA SANITARIA DA
TIPOLIGIA
UBICAZIONE IMPIANTO SOLARE TERMICO (Edilizia agevolata)
INTERVENTO
Edificio
Edificio unifamiliare Edificio plurifamiliare
bifamiliare/schiera
Nuova
€/mq 243,03 €/mq 194,42 €/mq 170,12
edificazione
Recupero
€/mq 145,65 €/mq 116,52 €/mq 101,96
Interno al Primario
centro abitato Recupero
€/mq 85,10 €/mq 68,08 €/mq 59,57
secondario
Manutenzione
€/mq 97,37 €/mq 77,90 €/mq 68,16
straordinaria
Nuova
€/mq 535,65 €/mq 392,81 €/mq 312,46
edificazione
Recupero
€/mq 321,04 €/mq 235,43 €/mq 187,27
Esterno al Primario
centro abitato Recupero
€/mq 187,56 €/mq 137,55 €/mq 109,41
secondario
Manutenzione
€/mq 214,62 €/mq 157,39 €/mq 125,20
straordinaria
M  fattore di maggiorazione che tiene conto delle caratteristiche tipologiche superiori a quelle considerate
nelle vigenti disposizioni di legge per l'edilizia agevolata.
Nel caso di interventi che non siano riconducibili alla fattispecie di nuova costruzione, detto fattore è posto
7
pari a 1; in tutti gli altri casi si applica il procedimento descritto nel D.M. 801/1977 di seguito riporato.
art. 4. Edifici con caratteristiche tipologiche superiori.
Ai fini della identificazione degli edifici con caratteristiche tipologiche superiori a quelle considerate dalla legge n. 1179
del 1° novembre 1965, per le quali vanno determinate maggiorazioni del costo unitario di costruzione non superiori al 50
per cento, si fa riferimento agli incrementi percentuali di detto costo stabiliti nei successivi articoli 5, 6 e 7 per ciascuno
dei seguenti elementi:
a) superficie utile abitabile (Su);
b) superficie netta non residenziale di servizi e accessori (Snr);
c) caratteristiche specifiche.
art. 5. Incremento relativo alla superficie utile abitabile (i1).

[= lettere "c)-interventi di restauro e risanamento conservativo" e "d)-interventi di ristrutturazione edilizia" dell'art. 3


del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii.).
5
Recupero secondario: s'intende il recupero dell'agibilità e funzionalità dei singoli alloggi. Tale recupero riguarda un
insieme sistematico di opere che comprendono la riorganizzazione funzionale, l'inserimento di elementi accessori, la
dotazione e l'adeguamento degli impianti nonché il ripristino delle parti interessati dal recupero primario.
6
Manutenzione straordinaria  cfr. art. 3, comma 1, lett. b) del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii..
7
Si fa presente che detto procedimento è in linea con quanto stabilito nell'Allegato A alla L.R. n. 1/2007 in base al
quale […] Ai fini dell’identificazione degli edifici con caratteristiche tipologiche superiori a quelle considerate nelle
vigenti disposizioni di legge per l’edilizia agevolata, per le quali vanno determinate maggiorazioni del costo unitario di
costruzione non superiori al 50%, si da facoltà ai Comuni di adottare la definitiva aliquota in riferimento ai seguenti
elementi: a) superficie utile abitabile (Su); b) superficie netta non residenziale di servizi e accessori (Snr); c)
caratteristiche specifiche […]

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 6 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
L'incremento percentuale in funzione della superficie è stabilito in rapporto alle seguenti classi di superficie utile
abitabile:
1) oltre 95 metri quadrati e fino a 110 metri quadrati inclusi: 5 per cento;
2) oltre 110 metri quadrati e fino a 130 metri quadrati inclusi: 15 per cento;
3) oltre 130 metri quadrati e fino a 160 metri quadrati inclusi: 30 per cento;
4) oltre 160 metri quadrati: 50 per cento.
Per ciascun fabbricato l'incremento percentuale relativo alla superficie utile abitabile, è dato dalla somma dei valori
ottenuti moltiplicando gli incrementi percentuali di cui al precedente comma per i rapporti tra la superficie utile abitabile
degli alloggi compresi nelle rispettive classi e la superficie utile abitabile dell'intero edificio.
art. 6. Incremento relativo alla superficie non residenziale (i2).
L'incremento percentuale in funzione della superficie per servizi ed accessori relativi all'intero edificio, è stabilito come
appresso con riferimento alla percentuale di incidenza della superficie netta totale di servizi e accessori (Snr) rispetto alla
superficie utile abitabile per edificio (Su):
oltre il 50 e fino al 75 per cento compreso: 10 per cento;
tra il 75 e il 100 per cento compreso: 20 per cento;
oltre il 100 per cento: 30 per cento.
art. 7. Incremento relativo a caratteristiche particolari (i3).
Per ciascuna delle caratteristiche appresso riportate l'incremento è pari al 10 per cento;
1) più di un ascensore per ogni scala se questa serve meno di sei piani sopraelevati;
2) scala di servizio non prescritta da leggi o regolamenti o imposta da necessità di prevenzione di infortuni o di incendi;
3) altezza libera netta di piano superiore a m 3,00 o a quella minima prescritta da norme regolamentari. Per ambienti
con altezze diverse si fa riferimento all'altezza media ponderale;
4) piscina coperta o scoperta quando sia a servizio di uno o più edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari:
5) alloggi di custodia a servizio di uno o più edifici comprendenti meno di 15 unità immobiliari.
art. 8. Classi di edifici e relative maggiorazioni.
Gli incrementi afferenti a ciascuno degli elementi considerati negli articoli 5, 6 e 7 si sommano ai fini della
determinazione delle classi di edifici.
Le classi di edifici e le relative maggiorazioni di costo di cui al secondo comma dell'art. 6 della legge 28 gennaio 1977, n.
10, sono così individuate:
classe I: percentuale di incremento fino a 5 inclusa: nessuna maggiorazione;
classe II: percentuale di incremento da 5 a 10 inclusa: maggiorazione del 5 per cento;
classe III: percentuale di incremento da 10 a 15 inclusa: maggiorazione del 10 per cento;
classe IV: percentuale di incremento da 15 a 20 inclusa: maggiorazione del 15 per cento;
classe V: percentuale di incremento da 20 a 25 inclusa: maggiorazione del 20 per cento;
classe VI: percentuale di incremento da 25 a 30 inclusa: maggiorazione del 25 per cento;
classe VII: percentuale di incremento da 30 a 35 inclusa: maggiorazione del 30 per cento;
classe VIII: percentuale di incremento da 35 a 40 inclusa: maggiorazione del 35 per cento;
classe IX: percentuale di incremento da 40 a 45 inclusa: maggiorazione del 40 per cento;
classe X: percentuale di incremento da 45 a 50 inclusa: maggiorazione del 45 per cento;
classe XI: oltre il 50 per cento inclusa: maggiorazione del 50 per cento.
art. 9. Superficie per attività turistiche, commerciali e direzionali (St).
Alle parti di edifici residenziali nelle quali siano previsti ambienti per attività turistiche, commerciali e direzionali si
applica il costo di costruzione maggiorato ai sensi del precedente art. 8, qualora la superficie netta (Sn) di detti ambienti
e dei relativi accessori (Sa), valutati questi ultimi al 60 per cento non sia superiore al 25 per cento della superficie utile
abitabile.

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 7 di 19
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico

Pag. 8 di 19
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
1.3. Riduzione o esonero del contributo di costruzione
Ai sensi dell'art. 17 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii.:
[…]
comma 3. Il contributo di costruzione non è dovuto:
a) per gli interventi da realizzare nelle zone agricole, ivi comprese le residenze, in funzione della conduzione
del fondo e delle esigenze dell’imprenditore agricolo a titolo principale, ai sensi dell’articolo 12 della legge 9
maggio 1975, n. 153; (l'art. 12 della legge n. 153 del 1975 è stato abrogato dall'art. 1, comma 5, d.lgs. n. 99
del 2004; si vedano ora l'art. 1, comma 1 del d.lgs. n. 99 del 2004 e l'articolo 2135 del codice civile)
b) per gli interventi di ristrutturazione e di ampliamento, in misura non superiore al 20%, di edifici
unifamiliari;
c) per gli impianti, le attrezzature, le opere pubbliche o di interesse generale realizzate dagli enti
istituzionalmente competenti nonché per le opere di urbanizzazione, eseguite anche da privati, in attuazione
di strumenti urbanistici;
d) per gli interventi da realizzare in attuazione di norme o di provvedimenti emanati a seguito di pubbliche
calamità;
e) per i nuovi impianti, lavori, opere, modifiche, installazioni, relativi alle fonti rinnovabili di energia, alla
conservazione, al risparmio e all'uso razionale dell'energia, nel rispetto delle norme urbanistiche, di tutela
dell’assetto idrogeologico, artistico-storica e ambientale.
comma 4. Per gli interventi da realizzare su immobili di proprietà dello Stato, nonché per gli interventi di
manutenzione straordinaria di cui all'articolo 6, comma 2, lettera a) (il comma 2 dell'art. 6 è stato abrogato
dall'art. 17, comma 1, legge n. 164 del 2014; ora il riferimento corretto dovrebbe essere all'art. 3, comma 1,
lettera b) e all'art. 6-bis - n.d.r.), qualora comportanti aumento del carico urbanistico, il contributo di
costruzione è commisurato alla incidenza delle sole opere di urbanizzazione, purché ne derivi un aumento
della superficie calpestabile.
[…]
Alle disposizioni di cui all'art. 17, comma 3, lettera a) del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. si sovrappongono le
disposizioni di cui alla L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. in base alle quali:
Art. 9 - Interventi consentiti nelle zone agricole e al di fuori del P.P.A.
comma 4. La condizione di imprenditore agricolo a titolo principale, singolo o associato di cui alla lett. a)
dell'art. 9 della legge 28 gennaio 1977, n. 10 (la L. n. 10/1977 è stato abrogata dall'art. 136 del D.P.R. n.
380/2001; ora il riferimento è l'art. 17 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. - n.d.r.) o di coltivatore diretto o di
bracciante agricolo, è attestata a mezzo di certificazione rilasciata dall'Ispettorato provinciale
dell'Agricoltura, ovvero a mezzo di atto di notorietà redatto in conformità delle vigenti disposizioni di legge.
comma 5. Gli interventi relativi agli annessi rustici ed ai complessi produttivi agricoli sono considerati
funzionali alla conduzione del fondo o alla produttività agricola se necessari alla realizzazione di piani di
sviluppo aziendali o di cooperative conformi ai piani zonali, o, in assenza, a seguito di certificazione
dell'Ispettorato provinciale dell'Agricoltura attestante la loro idoneità tecnica e produttiva.
comma 6. La vendita degli immobili realizzati con concessione gratuita a soggetti privi dei requisiti di cui
all'art. 12 della legge 9 maggio 1975, n. 153 (ora il riferimento corretto dovrebbe essere all'art. 3, comma 1,
lettera b) e all'art. 6-bis - n.d.r.), ovvero effettuata - indipendentemente dalla vendita del fondo - nei dieci
anni successivi alla ultimazione dei lavori, costituisce nuova destinazione d'uso.

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 9 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
2. IMPIANTI DESTINATI AD ATTIVITÀ INDUSTRIALI O ARTIGIANALI DIRETTE ALLA TRASFORMAZIONE DI BENI ED
ALLA PRESTAZIONE DI SERVIZI
C.C. = o.uu.
dove:
o.uu.  contributo afferente agli oneri di urbanizzazione
2.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione
o.uu. = St*u
dove:
8
St  Somma della superficie utile abituale (Sua) e del 50% della superficie destinata alle pertinenze (Sp)
(St=Sua+50%Sp)
Per Su e Snr si faccia riferimento rispettivamente alle definizioni di Superficie Utile (SU) e Superficie
Accessoria (SA) di cui all'Allegato A allo schema vigente di Regolamento edilizio tipo:

o.uu.  Incidenza relativa agli oneri di urbanizzazione dedotta dalle tabelle approvate con D.C.C. n. 25 del
30.07.2015

Industrie per la trasformazione di prodotti agricoli, zootecnia ed artigianato

numero addetti
Tipo di
da 201 a
attività da 1 a 10 da 11 a 50 da 51 a 200 oltre 1000
1000
ampliam. € 2,57 € 2,86 € 3,11 € 3,30 € 3,60
n. costr. € 3,85 € 4,29 € 4,66 € 4,95 € 5,39
Industrie diverse
numero addetti
Tipo di
da 201 a
attività da 1 a 10 da 11 a 50 da 51 a 200 oltre 1000
1000
ampliam. € 7,71 € 8,59 € 9,32 € 9,91 € 10,79
n. costr. € 11,56 € 12,88 € 13,98 € 14,86 € 16,18
2.2. Edificazione in zona PIP
Contributo non dovuto in quanto ricompreso nel prezzo di cessione dei lotti.
2.3. Contributo straordinario

8
Ai sensi dell'art. 33, comma 1, della L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. […] Il contributo di urbanizzazione di cui all'art. 29 della
presente legge è determinato in relazione alla superficie totale (St), somma della superficie utile abituale (Sua) e del
50% della superficie destinata alle pertinenze (Sp) […]
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 10 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Nei casi interessati da varianti urbanistiche, deroghe o cambi di destinazione d'uso comportanti maggior
valore rispetto alla destinazione originaria  CONTRIBUTO STRAORDINARIO AI SENSI ART.16 COMMA 4
LETT.D-TER D.P.R. 380/2001
La norma in argomento, ai fini del calcolo dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione, introduce il parametro
relativo alla valutazione del maggior valore generato da interventi su aree o immobili in variante urbanistica,
in deroga o con cambio di destinazione d'uso.
Potranno essere ricondotti alla fattispecie in esame tutti i casi di deroga o variante, previsti dalle normative
vigenti.
Il suddetto maggior valore, posto a carico del proponente l'intervento per una quota pari al 50%, è calcolato
per ipotesi di intervento in zona impropria/agricola, quale differenza tra:
 il valore di mercato del fabbricato da realizzare tramite il progetto in deroga o variante ricavato dalla
Banca dati delle quotazioni immobiliari sul sito internet dell' Agenzia delle entrate (OMI – Osservatorio
del mercato immobiliare) e
 il costo complessivo dell'opera determinato dal costo della costruzione finita desunto mediante
computo metrico estimativo a firma di tecnico abilitato, sommato al contributo di costruzione composto
da oneri primari e secondari, costo di costruzione e sistemazione ambientale, più le spese tecniche.
Per il caso artigianale/industriale sarà utilizzato il valore OMI massimo in quanto destinazione più invasiva in
zona agricola.
Si precisa, infine, che il maggior valore in argomento è erogato al comune sotto forma di contributo
straordinario e vincolato a specifico centro di costo per la realizzazione di opere pubbliche e servizi da
realizzare nel contesto in cui ricade l'intervento, cessione di aree o immobili da destinare a servizi di pubblica
utilità, edilizia residenziale sociale od opere pubbliche.

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 11 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
3. IMPIANTI DESTINATI AD ATTIVITÀ TURISTICHE, COMMERCIALI E DIREZIONALI O ALLO SVOLGIMENTO DI SERVIZI
C.C. = o.uu. + c.c.
dove:
C.C.  contributo di costruzione
o.uu.  contributo afferente agli oneri di urbanizzazione
c.c.  contributo afferente al costo di costruzione
3.1. Contributo afferente agli Oneri di Urbanizzazione
o.uu. = St*u
dove:
9
St  Superficie lorda complessiva di pavimento, compresi i piani seminterrati la cui destinazione d'uso
comporti una permanenza anche non temporanea
10
u  Incidenza unitaria relativa agli oneri di urbanizzazione dedotta dalle tabelle approvate con D.C.C. n. 25
del 30.07.2015
Zona A: i.f.f. 5 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 5,91 € 5,91 € 2,96
Urb.Sec. € 15,32 € 15,32 € 7,66
Urb. Tot. € 21,24 € 21,24 € 10,62
Zona B1: i.f.f. pari a 5 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 5,32 € 4,73 € 3,55
Urb.Sec. € 13,79 € 12,26 € 9,19
Urb. Tot. € 19,11 € 16,99 € 12,74
Zona B2: i.f.f. pari a 3 mc./mq
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 7,83 € 6,96 € 5,22
Urb.Sec. € 13,79 € 12,26 € 9,19
Urb. Tot. € 21,62 € 19,22 € 14,41
Zona C: i.f.f. di 3,00 mc./mq.
OO.UU. N.C. D.R. R.R.
Urb.Pri. € 6,96 € 6,09 € 5,22
Urb.Sec. € 12,26 € 10,73 € 9,19
Urb. Tot. € 19,22 € 16,82 € 14,41
Zona E: i.f.f. di 0,03 mc./mq.
OO.UU. N.C.
Urb.Pri. € 31,85
Urb.Sec. € 14,78
Urb. Tot. € 46,62
N.C. Nuova Costruzione
D.R. Demolizione e ricostruzione
R.R. Ristrutturazione e Restauro

9
Ai sensi dell'art. 33, comma 4, della L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. […] Per le costruzioni commerciali e direzionali e per gli
impianti turistici gli oneri sono calcolati a metro quadro (mq) di superficie lorda complessiva di pavimento, compresi i
piani seminterrati la cui destinazione d'uso comporti una permanenza anche temporanea […]
10
In linea generale si deve fare riferimento all'incidenza unitaria relativa agli oneri di urbanizzazione per le costruzioni
residenziali ad eccezione, giusto quanto previsto dalla Tabella B/2 allegata alla L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii., dei seguenti
casi: […] A) Alberghi o pensioni  le concessioni relative a costruzioni destinate ad alberghi o pensioni sono soggette a
contributi pari a quelli relativi ad edifici residenziali. B) Villaggi turistici  le concessioni relative a costruzioni destinate
a
a villaggi turistici sono soggette a contributi pari a quelli relativi ad edifici residenziali riferiti alla 5 classe dei Comuni
ed all'indice di fabbricabilità territoriale di 0,25. C) Attrezzature di soggiorno temporaneo  per le attrezzature di
soggiorno temporaneo, quali campeggi e simili, le opere di urbanizzazione necessarie, compreso l'impianto di
depurazione, devono essere realizzate a cura e spese del concessionario all'intero dell'area relativa; oltre a tali oneri è
a carico del concessionario un contributo pari al costo degli allacciamenti che il comune determina in relazione alla
situazione di fatto ed in proporzione alle previsioni di insediamento della intera zona. [...]
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 12 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
3.1.1. Edificazione in zona PIP
Contributo non dovuto in quanto ricompreso nel prezzo di cessione dei lotti.
3.1.2. Contributo straordinario
Nei casi interessati da varianti urbanistiche, deroghe o cambi di destinazione d'uso comportanti
maggior valore rispetto alla destinazione originaria  CONTRIBUTO STRAORDINARIO AI SENSI ART.16
COMMA 4 LETT.D-TER D.P.R. 380/2001
La norma in argomento, ai fini del calcolo dell'incidenza degli oneri di urbanizzazione, introduce il
parametro relativo alla valutazione del maggior valore generato da interventi su aree o immobili in
variante urbanistica, in deroga o con cambio di destinazione d'uso.
Potranno essere ricondotti alla fattispecie in esame tutti i casi di deroga o variante, previsti dalle
normative vigenti.
Il suddetto maggior valore, posto a carico del proponente l'intervento per una quota pari al 50%, è
calcolato per ipotesi di intervento in zona impropria/agricola, quale differenza tra:
o il valore di mercato del fabbricato da realizzare tramite il progetto in deroga o variante ricavato
dalla Banca dati delle quotazioni immobiliari sul sito internet dell' Agenzia delle entrate (OMI –
Osservatorio del mercato immobiliare) e
o il costo complessivo dell'opera determinato dal costo della costruzione finita desunto mediante
computo metrico estimativo a firma di tecnico abilitato, sommato al contributo di costruzione
composto da oneri primari e secondari, costo di costruzione e sistemazione ambientale, più le
spese tecniche.
Per il caso commerciale verrà utilizzato il valore OMI intermedio tra il massimo valore artigianale e il
minimo valore commerciale, posto che solitamente, in zona agricola,trattasi di strutture con finiture
molto diverse da quelle commerciali centrali.
Si precisa, infine, che il maggior valore in argomento è erogato al comune sotto forma di contributo
straordinario e vincolato a specifico centro di costo per la realizzazione di opere pubbliche e servizi da
realizzare nel contesto in cui ricade l'intervento, cessione di aree o immobili da destinare a servizi di
pubblica utilità, edilizia residenziale sociale od opere pubbliche.
3.2. Contributo afferente al Costo di Costruzione
11
c.c. = max (C*0,05; Sc*c*0,05)
dove:
C  costo di costruzione degli edifici e/o impianti destinati ad attività turistiche, commerciali e direzionali,
determinato mediante redazione di computo metrico estimativo delle opere da realizzare, redatto sulla base
del prezzario della Regione Puglia vigente al momento del rilascio del permesso di costruire e con una
riduzione del 50% sulle voci ivi presenti (al netto delle spese generali, utili d’impresa e ribassi), precisando
che per le voci di prezzo non presenti ci si dovrà attenere alle voci prezzo del mercato locale. L’importo del
costo di costruzione, risultante dal computo metrico, non potrà essere inferiore al costo determinato dalla
Regione Puglia per gli interventi di edilizia agevolata secondo le riduzioni di cui all'Allegato A della D.C.C. n.
28 del 17.07.2017.
12
Sc  Somma della superficie utile e dal 60% del totale delle superfici destinate a servizi ed accessori (Snr)
(Sc=Su+60%Snr)
Per Su e Snr si faccia riferimento rispettivamente alle definizioni di Superficie Utile (SU) e Superficie
Accessoria (SA) di cui all'Allegato A allo schema vigente di Regolamento edilizio tipo:

11
Ai sensi dell'art. 36, comma 1, della L.R. n. 6/1979 e ss.mm.ii. […] Il contributo afferente il costo di costruzione, di cui
all'art. 6 della legge 28 gennaio 1977, n. 10 (la L. n. 10/1977 è stato abrogata dall'art. 136 del D.P.R. n. 380/2001; ora il
riferimento è l'art. 16 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. - n.d.r.) nei Comuni della Puglia viene fissato nella misura del
5% del costo di costruzione determinato nei modi fissati dal citato art. 6 (oggi art. 16 del D.P.R. n. 380/2001 e
ss.mm.ii.) […].
12
Ai sensi dell'Allegato A della L.R. n. 1/2007 […] La superficie complessiva, alla quale, ai fini della determinazione del
costo di costruzione dell'edificio, si applica il costo unitario a metro quadrato, è costituita dalla somma della superficie
utile abitabile … e dal 60% del totale delle superfici non residenziali destinate a servizi ed accessori (Snr), misurate al
netto di murature, pilastri, tramezzi, sguinci e vani di porte e finestre (Sc = Su + 60% Snr) […]
COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)
Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 13 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
c  costo unitario di costruzione determinato con D.C.C. n. 28 del 17.07.2017
COSTO DI COSTRUZIONE AL MQ PER
TIPOLOGIA EDIFICIO
Edifici che non Edifici che
TIPOLIGIA assicurano il 50% dei assicurano il 50% dei
UBICAZIONE
INTERVENTO consumi di acqua consumi di acqua
calda sanitaria da calda sanitaria da
impianto solare impianto solare
termico termico
Nuova edificazione €/mq 347,18 €/mq 243,03
Recupero primario €/mq 208,08 €/mq 145,65
Zona strumento
Recupero secondario €/mq 121,57 €/mq 85,10
urbanistico: B1-B2-C
Manutenzione
€/mq 139,11 €/mq 97,37
straordinaria
Nuova edificazione €/mq 277,74 €/mq 194,42
Recupero primario €/mq 166,46 €/mq 116,52
Zona strumento
urbanistico: A1-A2 Recupero secondario €/mq 97,26 €/mq 68,08
Manutenzione
€/mq 111,28 €/mq 77,90
straordinaria
Nuova edificazione €/mq 243,03 €/mq 170,12
Recupero primario €/mq 145,65 €/mq 101,96
Zone strumento
urbanistico: PIP Recupero secondario €/mq 85,10 €/mq 59,57
Manutenzione
€/mq 97,37 €/mq 68,16
straordinaria
Zona agricola (in Nuova edificazione €/mq 708,53
tutti di casi di Recupero primario €/mq 424,65
deroghe e varianti Recupero secondario €/mq 248,10
previste dalle norme Manutenzione
vigenti) €/mq 283,89
straordinaria

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 14 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
4. MODIFICA DELLA DESTINAZIONE D'USO
Ai sensi dell'art. 32 della L. n. 6/1979 e ss.mm.ii.:
comma 1. Qualora la destinazione d'uso delle opere o impianti non destinati alla residenza di cui all'art. 10 della
legge 28 gennaio 1977, n. 10 (la L. n. 10/1977 è stato abrogata dall'art. 136 del D.P.R. n. 380/2001; ora il
riferimento è l'art. 19 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. - n.d.r.), nonché di quelle zone agricole previste nell'art. 9
della medesima legge (ora il riferimento è all'art. 17 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii. - n.d.r.), così come
precisato nell'art. 9 della presente legge venga comunque modificata nei dieci anni successivi all'ultimazione dei
lavori, il contributo per la concessione è dovuto nella misura massima corrispondente alla nuova destinazione,
determinato con riferimento al momento della intervenuta variazione.
comma 2. In tutti gli altri casi nei quali venga modificata la destinazione d'uso, che non siano quelli previsti nel
comma precedente, il contributo per la concessione è pari alla differenza tra le misure corrispondenti alla nuova
destinazione e alla vecchia, calcolate distintamente per le opere di urbanizzazione primaria e secondaria.
comma 3. Tra le due specie non è ammessa compensazione.

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 15 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
5. PIANO CASA (L.R. N. 14/2009 e ss.mm.ii.)
Ai sensi dell'art. 5, comma 3, della L.R. n. 14/2009 e ss.mm.ii. (Piano Casa Puglia), gli interventi realizzabili nel
rispetto delle condizioni contenute nella medesima Legge, comportano:
 la corresponsione del contributo di costruzione di cui all'art. 16 del D.P.R. n. 380/2001 e ss.mm.ii.;
 la cessione delle aree a standard in misura corrispondente all'aumento volumetrico previsto;
 il reperimento di spazi per parcheggi pertinenziali nella misura minima di 1 metro quadrato (mq) ogni 10 mc
della volumetria realizzata, nel caso degli interventi di cui all'articolo 3 (ampliamento fino al 20%) della
volumetria realizzata con l'ampliamento e, nel caso degli interventi di cui all'articolo 4 (demolizione e
ricostruzione con incremento volumetrico fino al 35%), della volumetria complessiva, volume preesistente e
aumento volumetrico, realizzata con la ricostruzione.
5.1. Monetizzazione delle aree a standard
Qualora sia impossibile reperire in tutto o in parte dette aree, in alternativa alla cessione (totale o parziale),
si può provvedere alla monetizzazione degli standard mediante pagamento di una somma commisurata al
costo di acquisizione di altre aree.
In particolare, in base a quanto stabilito con D.C.C. n. 3 del 19.01.2010, il valore della monetizzazione relativa
alla cessione delle aree a standard è fissato in 44,00 €/mq.
Per quanto sopra, nel caso di edilizia residenziale, il valore da versare al comune dovrà essere calcolato nel
seguente modo:
Ms=(V/v)*a*ms
dove:
Ms  monetizzazione area a standard
V  aumento volumetrico da realizzare con il Piano Casa [mc]
v  volume (vuoto per pieno) corrispondente ad ogni abitante insediato o da insediare = 80 mc/ab
a  dotazione minima, inderogabile, per ogni abitante insediato o da insediare = 12 mq/ab
ms  44,00 €/mq
5.2. Monetizzazione parcheggi
Qualora sia impossibile reperire in tutto o in parte dette aree, si può provvedere alla monetizzazione dei
parcheggi mediante pagamento di una somma pari a 75,00 €/mq, così come stabilito con D.C.C. n. 3 del
19.01.2010.
Mp=Spxmp
dove:
Mp  monetizzazione parcheggi pertinenziali [mq]
Sp  area relativa ai parcheggi pertinenziali [mq]
mp  75,00 €/mq

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 16 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
6. PISCINE PERTINENZIALI
In base a quanto disposto con D.C.C. n. 27 del 30.05.2016, il contributo di costruzione di cui all'art. 16 del D.P.R. n.
380/2001 e ss.mm.ii. dovuto per la realizzazione di piscine pertinenziali è pari a 25,00 € per ogni metro quadro di
superficie di specchio d'acqua.
CC=Sp*cc
dove:
CC  contributo di costruzione relativo alla realizzazione di piscine pertinenziali
Sp  superficie dello specchio d'acqua [mq]
cc  25 €/mq

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 17 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
7. PARCHEGGI PERTINENZIALI
Si riportano di seguito le disposizioni relative ai parcheggi pertinenziali, e all'eventuale monetizzazione, di cui al
Regolamento Edilizio Comunale aggiornato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 del 06.06.2017.

comma 2
Ogni edificio deve essere provvisto di spazi per il parcheggio in misura non inferiore ad un metro quadrato per ogni
dieci metri cubi di costruzione. Tale quantità è comprensiva degli spazi necessari tanto per la sosta quanto per le
manovre e l’accesso dei veicoli. I parcheggi possono essere ricavati nella stessa costruzione ovvero in aree esterne.

comma 2bis
Gli spazi per parcheggi realizzati in forza del secondo comma non sono gravati da vincoli pertinenziali di sorta né
da diritti d'uso a favore dei proprietari di altre unità immobiliari e sono trasferibili autonomamente da esse.

comma 3
La cubatura, in rapporto alla quale va determinata la superficie di parcheggio, è costituita dalla sola cubatura
destinata ad abitazioni, uffici, negozi, laboratori, locali commerciali, ecc. con esclusione delle altre parti
dell’edificio quali scantinati, servizi tecnologici e volumi tecnici.

comma 4
Per l'insediamento delle medie e grandi strutture di vendita di cui alla L.R. n. 24/2015 e ss.mm.ii. (Codice del
Commercio), valgono le disposizioni di cui agli artt. 4 e 5 del R.R. n. 7/2009. Con particolare riferimento alle
deroghe previste dall'art. 5 del medesimo Regolamento, il corrispettivo della monetizzazione è determinato
nella misura di €/mq 75 da aggiornare con cadenza triennale sulla base delle variazioni degli Indici ISTAT dei
prezzi di consumo per le Famiglie di Operai ed Impiegati (indice FOI). I proventi della monetizzazione introitati
dall'Amministrazione Comunale saranno utilizzati per migliorare la dotazione dei parcheggi dell'area, la sua
accessibilità, la sua riqualificazione nonché per la realizzazione di opere di arredo urbano.

comma 5
Nel caso in cui gli interventi da realizzare soddisfano tutte le seguenti condizioni:
i. non interessano strutture di cui al comma 4;
ii. consistono in:
 sopraelevazioni;
 mutamenti di destinazione d'uso con o senza opere;
 ampliamento di edifici esistenti;
 frazionamenti di unità immobiliari;
iii. ricadono in aree classificate dal vigente strumento urbanistico come:
 ZONA A1 "di interesse storico";
 ZONA A2 "di interesse ambientale";
 ZONA B1 "residenziali di completamento" [maglie totalmente edificate o con edificazione che
in pratica ha già definito il tessuto viario ed urbano];
 ZONA B2 "residenziali di completamento" [maglie con edificazione che non ha portato alla
definizione del tessuto viario ed urbano];
 ZONA E2 "Verde agricolo";
iv. non interessano edifici a carattere condominiale con più di quattro unità immobiliari;
i parcheggi pertinenziali, quando necessari ai fini del rispetto del rapporto di cui al comma 1, potranno anche:
o essere reperiti in aree che non formino oggetto del lotto d'intervento, ubicate entro il raggio di 500 m dal
lotto medesimo. In questo caso si richiede che le aree siano asservite all'edificio con vincolo permanente di
destinazione a parcheggio a mezzo di atto da trascriversi a cura del proprietario.
e/o
o essere monetizzati nella misura di €/mq 75. I proventi della monetizzazione introitati
dall'Amministrazione Comunale saranno destinati alla realizzazione e/o manutenzione dei parcheggi
pubblici e delle pubbliche piazze.
Il corrispettivo di monetizzazione sarà aggiornato con cadenza triennale sulla base delle variazioni degli
Indici ISTAT dei prezzi di consumo per le Famiglie di Operai ed Impiegati (indice FOI).
comma 6

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 18 di 19
Si attesta, ai sensi dell’art. 23 del Decreto Legislativo 7 marzo 2005, n. 82, che la presente copia analogica è conforme in tutte le sue componenti al documento informatico
Firmato digitalmente da: BOTRUGNO LUCA il 05/01/2018 13:51:34
Oggetto: Calcolo contributo di costruzione anno 2018
Comune di Muro Leccese - Protocollo n. 138/2018 del 05/01/2018
Nel caso di interventi diversi di quelli di cui ai commi 4 e 5, i parcheggi pertinenziali, quando necessari ai fini del
rispetto del rapporto di cui al comma 1, potranno essere realizzati anche in aree che non formino oggetto del lotto
d'intervento, ubicate nel raggio limite di 150 m dal lotto medesimo. In questo caso si richiede che le aree siano
asservite all'edificio con vincolo permanente di destinazione a parcheggio a mezzo di atto da trascriversi a cura del
proprietario.

COMUNE DI MURO LECCESE – VIA INDIPENDENZA N. 85 - 73036 MURO LECCESE (LE)


Settore II "Assetto del Territorio, Lavori Pubblici, Urbanistica, Edilizia”
Pag. 19 di 19