Sei sulla pagina 1di 19

INTEGRALI INDEFINITI e DEFINITI

Esercizi risolti

1. E’ data la funzione p
f (x) = 4 − x2 .
x
√ x
2
(a) Provare che la funzione F (x) = 2 4 − x + 2 arcsin 2 è una primitiva di f (x) sull’intervallo (−2, 2).

(b) Provare che la funzione G(x) = x2 4 − x2 + 2 arcsin x2 − π3 è la primitiva di f (x) sull’intervallo (−2, 2) che

passa per P= (1, 23 ).

2. Provare che le funzioni F (x) = sin2 x + 7 e G(x) = − 21 cos(2x) − 11 sono due primitive di una stessa funzione f (x)
su IR; trovare f (x) e dire di quale costante differiscono F (x) e G(x).
3. Usando le tabelle degli integrali elementari, calcolare i seguenti integrali indefiniti:
√ 3ex
Z Z Z Z
x − 5
a) 2x + 5 dx b) p dx c) x3 8 + x4 3 dx d) 2x
dx
Z Z (x2 + 5)3 Z Z 1+e
1 1 2
e) p
2
dx f) 2/3
dx g) xex dx h) tan x dx
Z x 1 − log x x(log x)
1
Z Z √ Z
x
i) dx j) 7x cos(3x2 − 5) dx k) cos x sin x dx l) dx .
sin 2x cos2 (3x2 + 5)

4. Calcolare per parti i seguenti integrali:


Z Z Z
(a) x sin x dx (b) 2xe−x dx (c) log(1 + x) dx
Z Z Z
(d) 2x log(x − 5) dx (e) x log2 (5x) dx (f) (x + 1)2 cos x dx
Z Z Z p
(g) 2x arctan x dx (h) ex sin x dx (i) 1 − x2 dx .

5. Calcolare i seguenti integrali di funzioni razionali:


2x2 − 3x + 7 3x − 4
Z Z Z
3x
(a) dx (b) 2 − 6x + 8
dx (c) 3−1
dx
x − 5 Z 5x x
x − 3x4 + x + 3
Z 5
x −x+1
Z
9x + 8
(d) 3 2
dx (e) dx (f ) dx .
x + 2x + x + 2 x2 − 1 x4 + x2

6. Calcolare i seguenti integrali, usando le opportune sostituzioni:



ex x+ x−1
Z Z Z
sinh x
(a) 2x − 3ex + 2
dx (b) dx (c) dx
Z e Z p x+1
cosh Z px−5 Z p
1
(d) √ √
3
dx (e) 1 − x2 dx (f ) 1 + x2 dx (g) x2 − 1 dx
2x( 2x + 1)
cos x − 3
Z Z Z
2 1
(h) dx (i) sin x dx (j) dx .
(1 + tan x)2 sin2 x − cos3 x + 1 4 sin x + 3 cos x

7. Calcolare i seguenti integrali definiti:


Z 1 Z 2 16
√ √
3
x−1 t−3
Z Z
log(2x + 1)
(a) 2−4
dx (b) dx (c) √ dt (d) 4|x − 1| arctan x dx .
0 x 0 (2x + 1)2 9 t−3 t+2 0
8. Calcolare le seguenti aree:

(a) area delimitata dal grafico della funzione


1 1 1
f (x) = √ + + 2
x x x

e dall’asse della x, per x ∈ [1, 4];


(b) area della regione piana R compresa tra il grafico della funzione

 x2 + x
f (x) = se 0 ≤ x < π
 sin 6x se π ≤ x ≤ 2π

e l’asse delle x;
(c) area della regione R del piano xy compresa tra la curva di equazione y = −ex e la retta per A= (1, −e) e
B= (0, −1);
(d) area della parte di piano compresa tra il grafico della funzione

f (x) = (x − 1) log(x2 + 4)

e l’asse delle x, per x ∈ [0, 1];


(e) area della parte di piano compresa tra il grafico della funzione

ex − e2x
f (x) =
1 + e2x
h √ i
e l’asse delle x, per x ∈ log √1 , log 3 .
3

9. Sia 
|x| se −1 ≤ x < 1
f (x) =
16 − x2 se 1 ≤ x ≤ 3.

a) Calcolare la media integrale µ di f sull’intervallo [−1, 3].

b) Dire se esiste un punto c ∈ [−1, 3] per cui f (c) = µ.

10. Data la funzione


h(x) = x log(x2 + 1)
(a) trovare tutte le primitive di h;
(b) trovare la primitiva di h(x) che passa per P= (1, log 2).
π
11. Trovare la primitiva della funzione f (x) = x sin x + cos2 x che si annulla per x = 2.

12. Sia p
 |x| se x < 1
f (x) = 1
se x ≥ 1.
4 + x2

Determinare la primitiva generalizzata di f che si annulla per x = 0.


13. Calcolare i seguenti integrali indefiniti:
Z √
e2x − 1 4e2x + 3ex
Z Z Z
x x
(a) dx (b) x3 log2 x dx (c) dx (d) dx .
x−5 ex − 2 e2x + 2ex + 2
14. Calcolare i seguenti integrali definiti:
Z 3 Z 1 Z π/2 Z π
1
(a) log(9 + x2 ) dx (b) log(25 − x2 ) dx (c) dx (d) ecos x sin3 x dx .
0 0 0 sin x + cos x + 1 0
15. Dimostrare che la funzione Z x
1
f (x) = sin dt
0 t
0
Rx
è derivabile in x = 0 con f (0) = 0. (Suggerimento: si consideri la funzione g(x) = 0
t cos 1t dt. Integrando per
parti ...)

16. Data la parabola y = x2 nell’intervallo [0, 1], calcolare l’area S del segmento parabolico di base OB dove O = (0, 0)
e B = (1, 1) (cioè l’area della regione del piano compresa tra il segmento OB e l’arco di parabola tra O e B).
Determinare il punto C dell’arco di parabola che si trova alla massima distanza dalla retta y = x, e dimostrare che

4 4
S= area OCB.
3
SOLUZIONE
√ √
x
1. (a) Per provare che F (x) = 2 4 − x2 + 2 arcsin x2 è una primitiva di f (x) = 4 − x2 sull’intervallo (−2, 2) è
sufficiente provare che F 0 (x) = f (x), per ogni x ∈ (−2, 2).

1p x −2x 1/2 1p −x2 2


F 0 (x) = 4 − x2 + √ +2p = 4 − x2 + √ +√
2 2 2 4 − x2 2
1 − x /4 2 2 4−x 2 4 − x2

1p −x2 + 4 1p 1p
= 4 − x2 + √ = 4 − x2 + 4 − x2 = f (x).
2 2 4 − x2 2 2
(b) Sicuramente G(x) è una primitiva di f (x), in quanto differisce da F (x) solo per la costante − π3 .

3
Controlliamo che G(1) = 2 .

1
√ √ √
G(1) = 2 4 − 1 + 2 arcsin 12 − π
3 = 2
3
+ 2 π6 − π
3 = 3
2 .

2. F (x) e G(x) sono entrambe derivabili su IR. Sono entrambe primitive di una stessa funzione f (x) se si ha F 0 (x) =
G0 (x) = f (x), per ogni x ∈ IR. Calcoliamo le derivate:
F 0 (x) = 2 sin x cos x = sin(2x) , G0 (x) = − 12 (−2) sin(2x) = sin(2x).
Dunque F 0 (x) = G0 (x) = f (x) = sin(2x).

Essendo due primitive della stessa funzione sullo stesso intervallo, la loro differenza deve essere costante.
Calcoliamone la differenza:
F (x) − G(x) = sin2 x + 7 + 21 cos(2x) + 11 = sin2 x + 21 (1 − 2 sin2 x) + 18 = 18 + 12 = 37 2 .

√ 1 (2x + 5)3/2
Z Z
1 1p
3. (a) 2x + 5 dx = 2(2x + 5)1/2 dx = +c= (2x + 5)3 + c
2 2 3/2 3
1 (x2 + 5)−1/2
Z Z
x 1 1
(b) p dx = 2x · (x2 + 5)−3/2 dx = +c=−√ +c
(x2 + 5)3 2 2 −1/2 x2 + 5
2
1 (8 + x4 )− 3
Z Z
5 1 5 3 1
(c) x3 (8 + x4 )− 3 dx = 4x3 (8 + x4 )− 3 dx = +c=− p +c
4 4 − 23 8 3 (8 + x4 )2
3ex ex
Z Z
(d) dx = 3 dx = 3 arctan(ex ) + c
1 + e2x 1 + (ex )2
Z Z
1 1/x
(e) p
2
dx = p dx = arcsin(log x) + c
x 1 − log x 1 − (log x)2
(log x)1/3
Z Z
1 1 −2/3
p
(f) 2/3
dx = (log x) dx = + c = 3 3 log x + c
x(log x) x 1/3
Z Z
2 1 2 1 2
(g) xex dx = 2xex dx = ex + c
2 2
− sin x
Z Z Z
sin x
(h) tan x dx = dx = − dx = − log | cos x| + c
cos x cos x
Z Z Z Z
1 1 1 cos x 1 1 1 1
(i) dx = dx = dx = dx = log | tan x| + c
sin 2x 2 sin x cos x 2 sin x cos2 x 2 cos2 x tan x 2
Z Z
7 7
(j) 7x cos(3x2 − 5) dx = 6x cos(3x2 − 5) dx = sin(3x2 − 5) + c
6 6
Z √ Z
2 2p 3
(k) cos x sin x dx = cos x(sin x)1/2 dx = (sin x)3/2 + c = sin x + c
3 3
Z Z
x 1 6x 1
(l) 2 2
dx = 2 2
dx = tan(3x2 + 5) + c
cos (3x + 5) 6 cos (3x + 5) 6
4. Ricordiamo la regola di integrazione per parti:
Z Z
0
f (x) · g(x) dx = f (x) · g(x) − f (x) · g 0 (x) dx

f 0 (x) = sin x
Z  
f (x) = − cos x
(a) Per ricavare x sin x dx scegliamo =⇒
g(x) = x g 0 (x) = 1
Otteniamo:
Z Z
x sin x dx = −x cos x − (− cos x) dx = −x cos x + sin x + c
 0
f (x) = e−x f (x) = −e−x
Z Z 
−x −x
(b) Per ricavare 2xe dx = 2 xe dx , conviene scegliere =⇒
g(x) = x g 0 (x) = 1
Dunque:
Z  Z 
−x
2 xe dx = 2 −x · e − (−e ) dx = 2(−x · e−x − e−x ) + c = −2e−x (x + 1) + c.
−x −x

(c) In questo caso conviene vedere la funzione integranda log(1 + x) come prodotto della funzione costante 1 per
(
 0
f (x) = 1 f (x) = x
la funzione log(1 + x) e scegliere =⇒ 1 .
g(x) = log(1 + x) g 0 (x) =
1+x
Z Z
x
Pertanto log(1 + x) dx = x log(1 + x) − dx .
1+x
Per calcolare l’ultimo integrale, conviene prima eseguire un “trucco” algebrico, e poi sfruttare la linearità
dell’integrale; nel prossimo esercizio vedremo un procedimento più completo che tratta dell’integrazione delle
funzioni razionali. Per ora, scriviamo:
x x+1−1 1+x 1 1
= = − =1− ;
1+x 1+x 1+x 1+x 1+x
dunque
Z Z Z
x 1
dx = dx − dx = x − log |1 + x| + c.
1+x 1+x
Tornando all’integrale di partenza, si ha:
Z
log(1 + x) dx = x log(1 + x) − x + log (1 + x) + c.

L’ultima uguaglianza è giustificata dal fatto che la funzione integranda è definita solo per x > −1.
x2
Z Z
(d) 2x log(x − 5) dx = x2 log(x − 5) − dx
x−5
Anche in questo caso, manipoliamo l’ultima funzione razionale, nel seguente modo:
x2 x2 − 25 + 25 x2 − 25 25 (x − 5)(x + 5) 25 25
= = + = + =x+5+ .
x−5 x−5 x−5 x−5 x−5 x−5 x−5
Pertanto
x2
Z Z  
25
2x log(x − 5) dx = x2 log(x − 5) − x+5+ dx = x2 log(x − 5) − − 5x − 25 log |x − 5| + c
x−5 2

La funzione integranda è definita solo per x > 5; pertanto si avrà |x − 5| = x − 5. Dunque


x2
Z
2x log(x − 5) dx = x2 log(x − 5) − − 5x − 25 log(x − 5) + c.
2
x2
Z 2
x2
Z Z
x 5
(e) x log2 (5x) dx = log2 (5x) − 2 log(5x) dx = log2 (5x) − x log(5x)
2 2 5x 2
Riapplicando nuovamente la formula di integrazione per parti all’ultimo integrale, ricaviamo
x2
 2
x2 x2 x2
Z Z 
x 1
x log2 (5x) dx = log2 (5x) − log(5x) − x dx = log2 (5x) − log(5x) + +c
2 2 2 2 2 4
Z Z  Z 
(f) (x + 1)2 cos x dx = (x + 1)2 sin x − 2(x + 1) sin x dx = (x + 1)2 sin x + 2 (x + 1) cos x − cos x dx

= (x + 1)2 sin x + 2(x + 1) cos x − 2 sin x + c.


Z 2
x +1 −1
Z Z
1
(g) 2x arctan x dx = x2 arctan x − x2 2 dx = x2 arctan x − dx
x +1 x2 + 1
Z  
1
= x2 arctan x − 1− dx = x2 arctan x − x + arctan x + c
1 + x2
Z Z  Z 
x x x x x x
(h) e sin x dx = e sin x − e cos x dx = e sin x − e cos x + e sin x dx .

Dunque
Z
2 ex sin x dx = ex sin x − ex cos x + c

da cui Z
1 x
ex sin x dx = (e sin x − ex cos x) + c.
2
−2x −x2 + 1 − 1
Z p p Z p Z
(i) 1 − x2 dx = x 1 − x2 − x √ dx = x 1 − x2 − √ dx =
Z p Z 2 1 − x2 1 − x2
p 1
= x 1 − x2 − 1 − x2 dx + √ dx
1 − x2
Dunque
Z p p
2 1 − x2 dx = x 1 − x2 + arcsin x + c

da cui Z p
1 p 1
1 − x2 dx = x 1 − x2 + arcsin x + c.
2 2

Lo stesso integrale può essere risolto per sostituzione (si veda l’esercizio n. 6).

5. (a) Per risolvere gli integrali di funzioni razionali, occorre anzitutto che il grado del numeratore sia strettamente
inferiore al grado del denominatore. Se non lo è, bisogna procedere con la divisione dei polinomi.
Procediamo dunque alla divisione del polinomio a numeratore per il polinomio a denominatore e troviamo
2x2 − 3x + 7 42
= 2x + 7 + .
x−5 x−5
Dunque

2x2 − 3x + 7
Z Z   Z Z
42 42
dx = 2x + 7 + dx = (2x + 7) dx + dx = x2 + 7x + 42 log |x − 5| + c.
x−5 x−5 x−5

3x − 4 3x − 4
Z Z
(b) dx = dx .
x2 − 6x + 8 (x − 4)(x − 2)
Con il metodo di decomposizione in fratti semplici si ottiene:

3x − 4 A B A(x − 2) + B(x − 4) (A + B)x − 2A − 4B


= + = = .
(x − 4)(x − 2) x−4 x−2 (x − 4)(x − 2) (x − 4)(x − 2)

Uguagliando i coefficienti dei polinomi a numeratore, si ottiene il sistema:


 
A+B =3 A=4
=⇒
−2A − 4B = −4 B = −1.
Quindi:
3x − 4 4 1
= − .
(x − 4)(x − 2) x−4 x−2
Dunque: Z  
3x − 4
Z
4 1
2
dx = − dx = 4 log |x − 4| − log |x − 2| + c.
x − 6x + 8 x−4 x−2
Z
3x
(c) Per calcolare dx possiamo usare direttamente il metodo di decomposizione in fratti semplici, in
−1 x3
quanto il grado del numeratore è strettamente inferiore al grado del denominatore; dobbiamo scomporre il
denominatore come prodotto di fattori irriducibili. Ricordando che x3 − 1 = (x − 1)(x2 + x + 1) e usando il
metodo di decomposizione in fratti semplici, possiamo scomporre la frazione da integrare:

3x 3x A Bx + C (A + B)x2 + (A − B + C)x + A − C
= = + = .
x3 − 1 (x − 1)(x2 + x + 1) x − 1 x2 + x + 1 (x − 1)(x2 + x + 1)

Uguagliando i numeratori della frazione iniziale e finale, si trova il sistema:


 
 A+B = 0  A = 1
A−B+C = 3 =⇒ B = −1
A−C = 0 C = 1.
 

Quindi:
x−1
Z Z Z Z Z
3x 1 1 2x + 1 3 1
3
dx = dx − 2
dx = log |x − 1| − 2
dx + 2
dx
x −1 x−1 x +x+1 2 x +x+1 2 x +x+1
Z
1 3 1
= log |x − 1| − log(x2 + x + 1) + dx .
2 2 x2 + x + 1
Per risolvere l’ultimo integrale, usiamo il metodo di “completamento dei quadrati”, allo scopo di ottenere il
denominatore nella forma k[1 + (ax + b)2 ] (dove k, a, b sono costanti opportune da trovare).
h  2 
2 1 2
 3 3 4
 i 3
1 2

2x+1
x +x+1= x+ 2 + 4 = 4 1+ 3 x+ 2 = 4 1+ √
3
.

Pertanto
√ Z √2
3
Z
1 3
Z
1 3 3
√ 2x + 1
dx =  2  dx = 2 2 2 dx = 3 arctan √ + c.
2 x2 + x + 1 2

3

3 2x+1 2x+1
4 1+
√ 1+ √
3
3

Infine Z
3x 1 √ 2x + 1
dx = log |x − 1| − log(x2 + x + 1) + 3 arctan √ + c.
x3−1 2 3
(d) Il polinomio x3 + 2x2 + x + 2 ammette la radice x = −2; dunque è divisibile per x + 2. Effettuando i calcoli si
trova x3 + 2x2 + x + 2 = (x + 2)(x2 + 1).
Dunque
Z Z
9x + 8 9x + 8
dx = dx .
x3 + 2x2 + x + 2 (x + 2)(x2 + 1)
Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici:

9x + 8 A Bx + C A(x2 + 1) + (Bx + C)(x + 2) (A + B)x2 + (2B + C)x + A + 2C


2
= + 2 = 2
= .
(x + 2)(x + 1) x+2 x +1 (x + 2)(x + 1) (x + 2)(x2 + 1)

Uguagliando i polinomi a numeratore della prima e dell’ultima frazione, si ottiene il sistema:


 
 A+B = 0  A = −2
2B + C = 9 =⇒ B = 2
A + 2C = 8 C = 5.
 
Pertanto:
Z  
−2 −2
Z Z Z Z
9x + 8 2x + 5 2x 5
dx = + dx = dx + dx + dx
x3 + 2x2 + x + 2 x + 2 x2 + 1 x+2 x2 + 1 x2 + 1
x2 + 1
= −2 log |x + 2| + log(x2 + 1) + 5 arctan x + c = log + 5 arctan x + c.
(x + 2)2
(e) Poiché il grado del polinomio al numeratore è superiore a quello del denominatore, occorre preliminarmente
procedere alla divisione dei due polinomi. Si ottiene
x5 − 3x4 + x + 3 2x
= x3 − 3x2 + x − 3 + 2 .
x2 − 1 x −1
Pertanto
Z 5
x − 3x4 + x + 3 x4 x2
Z Z
3 2 2x 3
− 3x + log |x2 − 1| + c.

dx = x − 3x + x − 3 dx + dx = − x +
x2 − 1 x2 − 1 4 2
(f) Effettuando la necessaria divisione tra il polinomio a numeratore e quello a denominatore, si ottiene
x5 − x + 1 x3 + x − 1
4 2
=x− .
x +x x4 + x2
Dunque
Z 5
x3 + x − 1
Z   Z 3
x −x+1 x +x−1
Z
4 2
dx = x − 4 2
dx = x dx − dx .
x +x x +x x2 (x2 + 1)
Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici:
x3 + x − 1 Ax + B Cx + D
= + 2 .
x2 (x2 + 1) x2 x +1

Procedendo come sopra, si ottiene 



 A = 1
B = −1


 C = 0
D = 1.

Dunque:
Z 5
x2 x2
Z  
x −x+1 1 1 1 1
dx = − − + dx = − log |x| − − arctan x + c.
x4 + x2 2 x x2 x2 + 1 2 x

ex
Z
6. (a) L’integrale dx può essere trasformato nell’integrale di una funzione razionale effettuando
e2x − 3ex + 2
la sostituzione e = t, da cui x = log t e dx = 1t dt :
x

ex
Z Z Z Z
t 1 1 1
dx = dt = dt = dt .
e2x − 3ex + 2 t2 − 3t + 2 t t2 − 3t + 2 (t − 1)(t − 2)
Si tratta dell’integrale di una funzione razionale il cui denominatore è decomposto in fattori irriducibili. Usiamo
il metodo di decomposizione in fratti semplici:

1 A B A(t − 1) + B(t − 2) (A + B)t − A − 2B


= + = = .
(t − 2)(t − 1) t−2 t−1 (t − 1)(t − 2) (t − 1)(t − 2)
Uguagliando i coefficienti dei polinomi a numeratore, si ottiene il sistema:
 
A+B = 0 A = 1
=⇒
−A − 2B = 1 B = −1.
Pertanto
ex
Z Z  
1 1
dx = − dt = log |t − 2| − log |t − 1| + c = log |ex − 2| − log |ex − 1| + c.
e − 3ex + 2
2x t−2 t−1
(b) Effettuando la sostituzione cosh x = t si ha sinh x dx = dt, e si ottiene
Z Z
sinh x 1
dx = dt = log |t + 1| + c = log(cosh x + 1) + c.
cosh x + 1 t+1
Un altro metodo (considerevolmente più lungo) consiste nel sostituire le espressioni di sinh x e cosh x in funzione
di ex , e poi porre ex = t, da cui x = log t e dx = 1t dt , ottenendo

ex −e−x
ex − e−x t − 1t
Z Z Z Z
sinh x 2 1
dx = ex +e−x
dx = dx = dt
cosh x + 1 2 1 + e + e−x + 2
x t + 1t + 2 t
2
t −1 1 (t − 1)(t + 1) 1 t−1
Z Z Z
= 2
dt = 2
dt = dt .
t + 1 + 2t t (t + 1) t t(t + 1)

Scomponendo in fratti semplici si ha:

t−1 A B A(t + 1) + Bt (A + B)t + A


= + = = ,
t(t + 1) t t+1 t(t + 1) t(t + 1)

 
A+B =1 A = −1
=⇒
A = −1 B = 2,
da cui
Z  
−1
Z
sinh x 2
dx = + dt = − log |t| + 2 log |t + 1| + c = − log(ex ) + 2 log(ex + 1) + c0
cosh x + 1 t t+1
 x
(e + 1)2

= log + c0 .
ex
Si verifica facilmente che questo risultato coincide con quello ottenuto sopra.

x+ x−1
Z
(c) L’integrale dx può essere ricondotto ad un integrale di funzione razionale operando la
√ x−5
sostituzione x − 1 = t, da cui x = 1 + t2 e dx = 2t dt :
√ Z 2 Z 3
x+ x−1 t + t2 + t
Z
t +t+1
dx = 2
· 2t dt = 2 dt .
x−5 t −4 t2 − 4
t3 + t2 + t 5t + 4
Eseguendo la divisione tra polinomi si ottiene =t+1+ 2 , da cui
t2 − 4 t −4
√ Z  
x+ x−1
Z
5t + 4
dx = 2 t+1+ dt .
x−5 (t − 2)(t + 2)
Decomponendo l’ultima frazione in fratti semplici, si ha:

5t + 4 A B A(t + 2) + B(t − 2) (A + B)t + (2A − 2B)


= + = 2
= ,
(t − 2)(t + 2) t−2 t+2 t −4 t2 − 4

da cui
 
A+B = 5 A = 7/2
=⇒
2A − 2B = 4 B = 3/2.
Dunque :
√ Z  
x+ x−1
Z Z
7 1 3 1
dx = 2 (t + 1) dt + 2 + dt = t2 + 2t + 7 log |t − 2| + 3 log |t + 2| + c
x−5 2 t−2 2 t+2
√ √ √
= x − 1 + 2 x − 1 + 7 log | x − 1 − 2| + 3 log | x − 1 + 2| + c.
Z
1
(d) Per risolvere l’integrale √ √
3
dx , allo scopo di “eliminare i radicali ” si può effettuare la
2x( 2x + 1) √ √
sostituzione 2x = t6 , da cui dx = 3t5 dt ; in tal modo si ha 2x = t3 e 3 2x = t2 . Dunque:
3t5 t2
Z Z Z Z  
1 1
√ √ dx = dt = 3 dt = 3 1 − dt = 3t − 3 arctan t + c
2x( 3 2x + 1) t3 (t2 + 1) t2 + 1 t2 + 1
√ √
= 3 6 2x − 3 arctan 6 2x + c.
Z p
(e) L’integrale 1 − x2 dx è già stato risolto precedentemente per parti; si può anche effettuare la sostituzione
x = sin t, da cui dx = cos t dt . La funzione x = sin t non è iniettiva. Supponendo − π2 < t < π
possiamo
√ 2
invertirla, ottenendo t = arcsin x, e inoltre 1 − x2 = cos t . Dunque
Z p Z Z
2 2 1 + cos(2t) 1 1 1 1
1 − x dx = cos t dt = dt = t + sin(2t) + c = t + sin t cos t + c =
2 2 4 2 2
1 1 p 2
= arcsin x + x 1 − x + c.
2 2
Z p
(f) Per risolvere l’integrale 1 + x2 dx conviene effettuare la sostituzione x = sinh t, da cui si ricava dx =

cosh t dt , e inoltre 1 + x2 = cosh t (tenendo conto che i due membri dell’ultima uguaglianza
√ sono funzioni
sempre positive). La funzione x = sinh t è iniettiva e si ricava t = settsinh x = log(x + x2 + 1). Ricordando
inoltre l’identità iperbolica: cosh2 t = cosh(2t)+1
2 otteniamo

Z p Z Z
cosh(2t) + 1 1 1
1 + x2 dx = cosh2 t dt = dt = sinh(2t) + t + c
2 4 2
1 1 1 p 1 p
= sinh t cosh t + t + c = x 1 + x2 + log(x + x2 + 1) + c.
2 2 2 2

Z p
(g) Per risolvere l’integrale x2 − 1 dx conviene effettuare la sostituzione x = cosh t, da cui si ricava
dx = sinh
√ t dt . Supponendo √ t > 0 possiamo invertire la funzione x = cosh t, ottenendo t = settcoshx =
log(x + x − 1). Inoltre si ha x2 − 1 = sinh t per t > 0. Ricordando infine l’identità: sinh2 t = cosh(2t)−1
2
2
otteniamo

cosh(2t) − 1
Z p Z Z
2 1 1
x2 − 1 dx = sinh t dt = dt = sinh(2t) − t + c
2 4 2
1 1 1 p 2 1 p
= sinh t cosh t − t + c = x x − 1 − log(x + x2 − 1) + c.
2 2 2 2

Z
2
(h) Per trasformare l’integrale dx in un integrale di funzione razionale, usiamo la sostituzione
(1 + tan x)2
1
tan x = t, da cui, supponendo −π/2 < x < π/2, si ha x = arctan t e dx = 1+t 2 dt . Quindi:

Z Z
2 2 1
2
dx = dt .
(1 + tan x) (1 + t) 1 + t2
2

Ricorriamo alla decomposizione in fratti semplici nella forma:


2 A B Ct + D
= + + .
(1 + t)2 (1 + t2 ) 1 + t (1 + t)2 1 + t2
Si ottiene facilmente


 A = 1
B = 1


 C = −1
D = 0.

Dunque:
Z Z Z Z
2 1 1 t 1 1
dx = dt + dt − dt = log |1 + t| − − log(1 + t2 ) + c
(1 + tan x)2 1+t (1 + t)2 1 + t2 1+t 2
1 1
= log |1 + tan x| − − log(1 + tan2 x) + c.
1 + tan x 2
(i) Per risolvere l’integrale
cos x − 3
Z
sin x dx
sin2 x − cos3 x + 1
utilizziamo la sostituzione cos x = t, da cui − sin x dx = dt . Pertanto
cos x − 3 t−3 t−3
Z Z Z
2 sin x dx = − 2 − t3 + 1
dt = 3 + t2 − 2
dt .
3
sin x − cos x + 1 1 − t t
Il polinomio a denominatore ammette la radice t = 1 e si fattorizza in t3 + t2 − 2 = (t − 1)(t2 + 2t + 2) .
Ricorrendo alla decomposizione in fratti semplici, si trova
t−3 − 25 2
5t + 5
11
= + .
(t − 1)(t2 + 2t + 2) t − 1 t2 + 2t + 2
Dunque
Z    
t−3 −2
Z Z Z
1 2t + 11 1 2t + 2 9
dt = + dt = −2 log |t − 1| + dt + dt
t3 + t2 − 2 5 t − 1 t2 + 2t + 2 5 t2 + 2t + 2 1 + (t + 1)2
2 1 9
= − log |t − 1| + log(t2 + 2t + 2) + arctan(t + 1) + c.
5 5 5
Infine
cos x − 3
Z
2 1 9
2 3
sin x dx = − log | cos x − 1| + log(cos2 x + 2 cos x + 2) + arctan(cos x + 1) + c.
sin x − cos x + 1 5 5 5
Z
1
(j) L’integrale dx può essere ricondotto ad un integrale di funzione razionale mediante le
4 sin x + 3 cos x
x
formule di razionalizzazione delle funzioni trigonometriche, cioè operando la sostituzione tan = t, da cui
2
2 2t 1 − t2
x = 2 arctan t e dx = dt ; si ha inoltre sin x = e cos x = . Pertanto
1 + t2 1 + t2 1 + t2
Z Z Z Z
1 1 2 2 1
dx = 2t 1−t2 1 + t2
dt = 2
dt = −2 dt .
4 sin x + 3 cos x 4 1+t 2 + 3 1+t2
8t + 3 − 3t (3t + 1)(t − 3)

Decomponendo l’ultima frazione in fratti semplici, si ha:


1 A B A(t − 3) + B(3t + 1) (A + 3B)t + (−3A + B)
= + = = ,
(3t + 1)(t − 3) 3t + 1 t − 3 (3t + 1)(t − 3) (3t + 1)(t − 3)
da cui
3
 
A + 3B = 0 A = − 10
=⇒ 1
−3A + B = 1 B = 10 .
Dunque
Z Z  
1 3 1 1 1 1 1
dx = −2 − + dt = log |3t + 1| − log |t − 3| + c
4 sin x + 3 cos x 10 3t + 1 10 t − 3 5 5
3 tan x2 + 1

1
= log
+ c.
5 tan x2 − 3
1
x−1
Z
7. (a) Per la formula fondamentale del calcolo integrale, per calcolare l’integrale definito dx si deve
0 x2 − 4
x−1
prima trovare una primitiva F (x) della funzione f (x) = e poi calcolare F (1) − F (0).
x2 − 4
x−1
Z
Per calcolare dx , usiamo la decomposizione in fratti semplici:
x2 − 4
x−1 A B A(x + 2) + B(x − 2) (A + B)x + 2A − 2B
= + = = ,
(x − 2)(x + 2) x−2 x+2 (x + 2)(x − 2) (x + 2)(x − 2)
da cui  
A+B = 1 A = 1/4
=⇒
2A − 2B = −1 B = 3/4.
Dunque
Z 1 1 3   1
4 4 1 3 3 1 3 3
+ dx = log |x − 2| + log |x + 2| = log 3 − log 2 − log 2 = log 3 − log 2.
0 x−2 x+2 4 4 0 4 4 4 4
Z 2
log(2x + 1) 1
(b) Per calcolare l’integrale definito dx utilizziamo la sostituzione 2x+1 = u, da cui dx = 2 du .
0 (2x + 1)2
Trasformando anche gli estremi di integrazione otteniamo
Z 2
1 5 log u
Z
log(2x + 1)
dx = du .
0 (2x + 1)2 2 1 u2
Z
log u
Per calcolare du integriamo per parti prendendo 1/u2 come fattor differenziale:
u2
Z Z
log u 1 1 1 1
du = − log u + du = − log u − + c.
u2 u u2 u u
Otteniamo infine

2  5  
4 − log 5
Z
log(2x + 1) 1 1 + log u 1 1 + log 5
2
dx = − =− −1 = .
0 (2x + 1) 2 u 1 2 5 10
Z 16 √
t−3 √
(c) Per calcolare l’integrale definito √ dt poniamo t = y, da cui t = y 2 e dt = 2y dy .
9 t − 3 t + 2
Trasformando anche gli estremi di integrazione otteniamo
Z 16 √ Z 4 Z 4 Z 4
y 2 − 3y

t−3 y−3 2
√ dt = 2
2y dy = 2 2
dy = 2 1 − dy
9 2−3 t+t 3 2 − 3y + y 3 y − 3y + 2 3 y 2 − 3y + 2
Z 4
1
=2−4 dy .
3 (y − 1)(y − 2)
Z
1
Per calcolare dy usiamo la decomposizione in fratti semplici:
(y − 1)(y − 2)

1 A B A(y − 2) + B(y − 1) (A + B)y − 2A − B


= + = = ,
(y − 1)(y − 2) y−1 y−2 (y − 1)(y − 2) (y − 1)(y − 2)

da cui  
A+B = 0 A = −1
=⇒
−2A − B = 1 B = 1.
Dunque: Z  
−1
Z
1 1
dy = + dy = − log |y − 1| + log |y − 2| + c,
(y − 1)(y − 2) y−1 y−2
e infine
16
√  4  
t−3 |y − 2|
Z
2 1
√ dt = 2 − 4 log = 2 − 4 log − log = 2 + 4 log 3 − 8 log 2.
9 t−3 t+2 |y − 1| 3 3 2
Z √3
(d) Per risolvere l’integrale definito 4|x−1| arctan x dx , si deve anzitutto spezzare l’intervallo di integrazione
√ 0 √
[0, 3] nei due sottointervalli [0, 1] e [1, 3], in quanto la funzione |x − 1| assume in essi due espressioni
diverse; si ha dunque
Z √3 Z 1 Z √3
4|x − 1| arctan x dx = 4(1 − x) arctan x dx + 4(x − 1) arctan x dx .
0 0 1

Possiamo ora utilizzare la formula di integrazione per parti per calcolare l’integrale indefinito:
 2  Z  2   2  Z 2
x − 2x
Z
x x 1 x 1
(x−1) arctan x dx = − x arctan x− −x dx = − x arctan x− dx .
2 2 1 + x2 2 2 x2 + 1
Poiché il polinomio a denominatore nell’ultimo integrale non ha grado superiore a quello del numeratore,
procediamo con la divisione del numeratore per il denominatore:

x2 − 2x
Z Z   Z Z Z
2x + 1 2x 1
dx = 1− dx = dx − dx − dx = x−log(x2 +1)−arctan x+c.
x2 + 1 x2 + 1 x2 + 1 x2 + 1
Dunque:
x2
Z  
1
x − log(1 + x2 ) − arctan x + c.

(x − 1) arctan x dx = − x arctan x −
2 2
Calcolando ora l’integrale definito, si ricava:
Z √3
 1
 2  
x 1 2
4|x − 1| arctan x dx = −4 − x arctan x − x − log(1 + x ) − arctan x
0 2 2 0
√3
√ √ π
 2 
x 1
x − log(1 + x2 ) − arctan x

+4 − x arctan x − = 4 − 2 3 + (17 − 4 3) .
2 2 1 3

8. (a) Per x ∈ [1, 4], f (x) è senz’altro positiva (perché somma di quantità positive). Dunque l’area A richiesta risulta
essere:
Z 4 Z 4 Z 4 " 1 #4
x−1
 
1 1 1 − 21 1 −2 x2
A= f (x) dx = √ + + 2 dx = x + +x dx = 1 + log |x| +
1 1 x x x 1 x 2
−1
1
4


1 1 11
= 2 x + log |x| − = 4 + log 4 − − 2 − log 1 + 1 = + log 4.
x 1 4 4
(b) Tenendo conto che nell’intervallo (0, π) la funzione f (x) è positiva, mentre, tra π e 2π, f (x) è negativa, l’area
A della regione R è data da:
Z π 2 Z 2π π
1 x3 x2 1 π3 π2 π3 π2
  
x +x 2π
A= dx − sin x dx = + − [− cos x]π = + + [1 + 1] = + + 2.
0 6 π 6 3 2 0 6 3 2 18 12

(c) Si osservi che i punti A e B appartengono alla curva di equazione y = −ex . Dunque sono i punti di intersezione
tra la curva e la retta passante per A e B. La retta r passante per i punti A= (1, −e) e B= (0, −1) ha equazione
y = (1 − e)x − 1.
Notiamo inoltre che la funzione −ex è sempre negativa, e dunque la regione R è situata al di sotto dell’asse
delle x; osserviamo infine che la corda AB sta al di sotto del grafico della funzione −ex .
Pertanto l’area S richiesta è data da:
Z 1  1
1−e 2 3−e
S= {−ex − [(1 − e)x − 1]} dx = − ex + ·x −x = .
0 2 0 2
(d) Prima di pensare al calcolo dell’area, dobbiamo studiare il segno di f in (0, 1):
• il fattore (x − 1) è negativo
• il fattore log(x2 + 4) è positivo, perché x2 + 4 > 1, ∀x ∈ IR.
Dunque nell’intervallo (0, 1) la funzione f (x) è negativa.
Pertanto l’area richiesta è data da:
Z 1 Z 1
A=− f (x) dx = − (x − 1) log(x2 + 4) dx .
0 0

Risolviamo l’integrale indefinito, utilizzando il metodo di integrazione per parti:

(x − 1)2 (x − 1)2 2x (x − 1)2


Z 3
x − 2x2 + x
Z Z
2 2 2
(x−1) log(x +4) dx = log(x +4)− dx = log(x +4)− dx .
2 2 x2 + 4 2 x2 + 4

Per risolvere il rimanente integrale, dividiamo il polinomio al numeratore per il denominatore, ottenendo:
Z 3
x − 2x2 + x x2
Z  
−3x + 8
Z Z
3 2x 1
2
dx = (x − 2) + 2 dx = − 2x − 2
dx + 8 2
dx
x +4 x +4 2 2 x +4 x +4

x2 3 x
= − 2x − log(x2 + 4) + 4 arctan + c.
2 2 2
Quindi:
1
(x − 1)2 x2

3 x
A=− log(x2 + 4) − + 2x + log(x2 + 4) − 4 arctan
2 2 2 2 0
 
1 3 1 1 3 3 1 3
= − − + 2 + log 5 − 4 arctan − log 4 − log 4 = 2 log 4 − log 5 + 4 arctan − .
2 2 2 2 2 2 2 2
(e) Studiamo prima il segno di f .
Poiché il denominatore è una quantità sempre positiva, basta studiare il segno del numeratore.

f (x) > 0 ⇐⇒ ex − e2x > 0 ⇐⇒ ex (1 − ex ) > 0 ⇐⇒ 1 − ex > 0 ⇐⇒ ex < 1 ⇐⇒ x < 0.

Dunque: f (x) > 0 per x < 0 ; f (x) < 0 per x > 0.


 √  √ √ 
Consideriamo ora l’intervallo log √13 , log 3 = − log 3, log 3 .
√ 
Per x ∈ − log 3, 0 la funzione è positiva. Dunque l’area compresa tra il grafico di f e l’asse delle x è data
da: Z 0
A1 = √ f (x) dx
− log 3
√ 
Invece, per x ∈ 0, log 3 , la funzione è negativa, e l’area sarà data da:

Z log 3
A2 = − f (x) dx .
0

Pertanto l’area richiesta sarà la somma delle due aree:



Z 0 Z log 3
A = A1 + A2 = √ f (x) dx − f (x) dx .
− log 3 0

Calcoliamo l’integrale indefinito:


Z x
e − e2x ex 2e2x
Z Z Z
1 1
dx = arctan(ex ) − log 1 + e2x + c.

f (x) dx = 2x
dx = x 2
dx − 2x
1+e 1 + (e ) 2 1+e 2
Calcoliamo ora gli integrali definiti:
1 √ 1  √ 
A1 = arctan(1) − log(1 + 1) − arctan e− log 3 + log 1 + e−2 log 3
2 2
 
π 1 1 1 1 π 1 2
= − log 2 − arctan √ + log 1 + = + log ,
4 2 3 2 3 12 2 3
√ √ 
 
log 3 1 
2 log 3 1
A2 = − arctan e − log 1 + e − arctan 1 + log 2
2 2
√ 1 π 1 π 1
= − arctan 3 + log(1 + 3) + − log 2 = − + log 2.
2 4 2 12 2
Dunque l’area richiesta è:  
1 2 1 4
A= log 2 + log = log .
2 3 2 3

9. a) Per definizione di media integrale


3 1 3 1 3 !
x3
Z Z Z  Z 
1 1 2 1 19
µ= f (x) dx = |x| dx + (16 − x ) dx = 2 x dx + 16x − = .
3 − (−1) −1 4 −1 1 4 0 3 1 3

b) Poiché f (x) non è continua sull’intervallo [−1, 3], non si può utilizzare il teorema della media integrale per
affermare l’esistenza di un punto c con le caratteristiche richieste.
Controlliamo pertanto direttamente se µ appartiene all’immagine di f .
Si verifica facilmente che im(f ) = [0, 1] ∪ [7, 15]. Dunque µ ∈ / im(f ) e non esiste c ∈ [−1, 3] tale che f (c) = µ.
10. (a) Le primitive di h(x) = x log(x2 + 1) si trovano risolvendo l’integrale indefinito h(x) dx .
R

Per risolvere questo integrale, si può applicare la formula di integrazione per parti:
Z Z
f 0 (x) · g(x) dx = f (x) · g(x) − f (x)g 0 (x) dx .

Nel nostro caso scegliamo g(x) = log(x2 + 1) e f 0 (x) = x, ottenendo

x2
Z 2
x2 x3
Z Z
2 2 x 2x 2
x log(x + 1) dx = log(x + 1) − dx = log(x + 1) − dx
2 2 x2 + 1 2 x2 + 1
x2 x2 x2
Z  
x 1
= log(x2 + 1) − x− 2 dx = log(x2 + 1) − + log(x2 + 1) + c.
2 x +1 2 2 2
Dunque le primitive di h sono le funzioni:

x2 x2 1
Fc (x) = log(x2 + 1) − + log(x2 + 1) + c, c ∈ IR.
2 2 2

Possiamo anche fare la sostituzione x2 + 1 = t, da cui 2x dx = dt, e


Z Z
1 1
x log(x2 + 1) dx = log t dt = (t log t − t) + c0 ,
2 2
come sopra.
(b) Tra tutte le funzioni Fc (x) si deve trovare quella per cui Fc (1) = log 2.

1 1 1 1
Fc (1) = log 2 − + log 2 + c = log 2 − + c.
2 2 2 2
Dunque Fc (1) = log 2 se e solo se c = 21 . Pertanto la primitiva cercata è la funzione

x2 x2 1 1
F (x) = log(x2 + 1) − + log(x2 + 1) + .
2 2 2 2
11. Possiamo procedere come sopra, trovando tutte le primitive di f (x) e poi quella che passa per P= ( π2 , 0).
Oppure possiamo sfruttare il teorema fondamentale del calcolo integrale; la primitiva cercata è la funzione integrale
Z x
F (x) = f (t) dt .
π
2

Scegliamo la seconda strada. Risolviamo prima l’integrale indefinito


Z Z
t sin t + cos2 t

f (t) dt = dt .

Separiamo l’integrale nella somma di due integrali, ed eseguiamo il primo integrale per parti, prendendo sin t come
fattore differenziale:
Z Z Z
t sin t dt = t · (− cos t) − (− cos t) · 1 dt = −t cos t + cos t dt = −t cos t + sin t + c.

Per calcolare il secondo integrale usiamo l’identità trigonometrica cos2 t = 1+cos


2
2t
:
Z Z   Z Z
1 1 1 1 1 1
2
cos t dt = + cos 2t dt = dt + cos 2t dt = t + sin 2t + c0 .
2 2 2 2 2 4

Quindi:

Z x  x
2
 1 1
t sin t + cos t dt = −t cos t + sin t + t + sin 2t
π
2
2 4 π
2

1 1 π
= −x cos x + sin x + x + sin 2x − 1 − .
2 4 4

12. Data la presenza del valore assoluto, distinguiamo le due funzioni che formano la prima componente di f (x) sui due
intervalli (−∞, 0) e [0, 1) : √
 √−x
 se x < 0
f (x) = x se 0 ≤ x < 1
 1

se x ≥ 1.
4 + x2
Iniziamo a trovare tutte le primitive di ciascuna delle tre funzioni che compongono f (x).

√ (−x)3/2
Z Z
2p
F1 (x) = −x dx = (−x)1/2 dx = − + c1 = − (−x)3 + c1 , se x < 0.
3/2 3

√ (x)3/2 2√ 3
Z Z
F2 (x) = x dx = (x)1/2 dx = + c1 = x + c2 , se x ∈ [0, 1).
3/2 3
Z Z Z
1 1 1 1 1/2 1 x
F3 (x) = dx = 2 dx = dx = arctan + c3 , se x ≥ 1.
4 + x2 4 1 + x4 2 1 + (x/2)2 2 2

Le primitive generalizzate devono essere funzioni continue. Dunque deve essere

lim F1 (x) = lim+ F2 (x) = F (0) e lim F2 (x) = lim+ F3 (x) = F (1).
x→0− x→0 x→1− x→1

Pertanto
2 1
c1 = c2 e 3 + c2 = 2 arctan 12 + c3 , da cui c1 = c2 = c e c3 = c + 2
3 − 1
2 arctan 12 .

Dunque le primitive generalizzate di f (x) sono le funzioni


2p 3


 − −x + c se x < 0

 √
 3
2
Fc (x) = x3 + c se 0 ≤ x < 1
 3
1 x 2 1 1


 arctan + c + − arctan se x ≥ 1.
2 2 3 2 2
Imponendo Fc (0) = 0 si ottiene c = 0. Pertanto la primitiva cercata è la funzione

2p 3


 − −x se x < 0

 √
 3
2
F (x) = x3 se 0 ≤ x < 1
 3
 1 arctan x + 2 − 1 arctan 1


se x ≥ 1.

2 2 3 2 2

√ R 4
13. (a) Posto x = t, da cui x = t2 , dx = 2t dt, ci riconduciamo all’integrale razionale 2 t2t−5 dt. Dividiamo il
polinomio t4 per il polinomio t2 − 5, e applichiamo la decomposizione in fratti semplici, ottenendo
Z √
t4
Z Z  
x x 2 25
dx = 2 dt = 2 t +5+ 2 dt
x−5 t2 − 5 t −5
Z √ √ !
2 3 5 5 5 5
= t + 10t + √ − √ dt
3 t− 5 t+ 5
t − √5

2 3 √
= t + 10t + 5 5 log √ +c

3 t + 5
x − √5

2 3/2 √ √
= x + 10 x + 5 5 log √ √ + c.

3 x + 5

(b) Integriamo ripetutamente per parti prendendo x3 come fattor differenziale e le potenze del logaritmo come
fattor finito:
Z Z
1 4 1
x3 log2 x dx = x log2 x − x3 log x dx
4 2
Z
1 4 1 1
= x log2 x − x4 log x + x3 dx
4 8 8
1 4 1 1
= x log2 x − x4 log x + x4 + c.
4 8 32
R t2 −1
(c) Posto ex = t, da cui x = log t, dx = 1t dt, otteniamo l’integrale razionale t(t−2) dt. Dividiamo il polinomio
2 2
t − 1 per il polinomio t − 2t, e applichiamo la decomposizione in fratti semplici, ottenendo
Z 2x Z 2 Z  
e −1 t −1 2t − 1
dt = dt = 1+ dt
e2 − 2 t(t − 2) t(t − 2)
Z  
1/2 3/2 1 3
= t+ + dt = t + log |t| + log |t − 2| + c
t t−2 2 2
x 1 x 3 x
= e + log |e | + log |e − 2| + c
2 2
1 3
= e + x + log |ex − 2| + c.
x
2 2
R 4t+3
(d) Posto ex = t, da cui ex dx = dt, otteniamo l’integrale razionale t2 +2t+2 dt. Il trinomio a denominatore
ha il ∆ < 0. L’integrale si risolve allora completando il quadrato, cioè scrivendo t2 + 2t + 2 = (t + 1)2 + 1, e
ponendo t + 1 = s per ricondursi a integrali elementari:
4e2x + 3ex
Z Z Z
4t + 3 4t + 3
2 x
dx = 2
dt = dt
e x + 2e + 2 t + 2t + 2 (t + 1)2 + 1
4(s − 1) + 3
Z Z Z
s 1
= 2
ds = 4 2
ds − 2
ds
s +1 s +1 s +1
= 2 log(1 + s2 ) − arctan s + c
= 2 log 1 + (ex + 1)2 − arctan (ex + 1) + c.


log(9 + x2 )dx. Integriamo per parti prendendo 1 come fattor dif-


R
14. (a) Calcoliamo prima l’integrale indefinito
2
ferenziale e log(9 + x ) come fattor finito:
x2
Z Z
1 · log(9 + x2 ) dx = x log(9 + x2 ) − 2 dx
x2 + 9
Z 2
x +9−9
= x log(9 + x2 ) − 2 dx
x2 + 9
Z Z
1 x
= x log(9 + x2 ) − 2 1 dx + 6 2 d
1+ x 3

x 3
= x log(9 + x2 ) − 2x + 6 arctan + c.
3
Da questo otteniamo
Z 3 h  x i3
log(9 + x2 ) dx = x log(9 + x2 ) − 2x + 6 arctan
0 3 0
3
= 3 log 18 − 6 + 6 arctan 1 = 3 log 18 − 6 + π.
2
(b) Procedendo come nell’esercizio precedente si ha
x2
Z Z
2 2
log(25 − x ) dx = x log(25 − x ) − 2 dx
x2 − 25
Z 2
x − 25 + 25
= x log(25 − x2 ) − 2 dx
x2 − 25
Z Z
1
= x log(25 − x2 ) − 2 1 dx − 50 2
dx
x − 25
Z  
5 5
= x log(25 − x2 ) − 2x − − dx
x−5 x+5

x − 5
= x log(25 − x2 ) − 2x − 5 log + c,
x + 5
da cui
1 x − 5 1
Z  
2 2
log(25 − x ) dx = x log(25 − x ) − 2x − 5 log
= log 24 − 2 − 5 log(4/6).
0 x + 5 0
(c) Facciamo il cambio di variabile
x 2 2t 1 − t2
tan =t ⇒ x = 2 arctan t, dx = dt, sin x = , cos x = .
2 1 + t2 1 + t2 1 + t2
Trasformando anche gli estremi di integrazione: x = 0 ⇒ t = 0, x = π/2 ⇒ t = 1, otteniamo
Z π/2 Z 1
1 1 2
dx = 2t 1−t2 2
dt
0 sin x + cos x + 1 0 1+t2 + 1+t2 + 1 1 + t
Z 1
2
= 2 2
dt
0 2t + 1 − t + 1 + t
Z 1
1 1
= dt = [log |t + 1|]0 = log 2.
0 t + 1
(d) Poniamo cos x = t, da cui
− sin x dx = dt, sin3 x dx = (1 − cos2 x) sin x dx = −(1 − t2 )dt.
Trasformando gli estremi di integrazione otteniamo
Z π Z −1 Z 1 Z 1
cos x 3 t 2 t
e sin x dx = − e (1 − t ) dt = e dt − et t2 dt
0 1 −1 −1
 Z 1
= et − et t2 + 2 et t dt
−1
 Z 1
t t 2 t t
= e − e t + 2e t − 2 e dt
−1
1
= et (−t2 + 2t − 1) −1 = 0 − e−1 (−1 − 2 − 1) = 4/e.


15. Sia Z x
1
g(x) = t cos dt.
0 t
1
La funzione h(x) = x cos x1 si può prolungare per continuità in x = 0 essendo lim x cos = 0.
x→0 x
Per il teorema fondamentale del calcolo integrale abbiamo che
x cos x1 se x 6= 0

g 0 (x) =
0 se x = 0.

D’altra parte integrando per parti si ha:


x x
1 x
Z  Z
1 1 2 1 1
g(x) = t cos dt = t cos − sin dt
0 t 2 t 0 2 0 t
1 2 1 1
= x cos − f (x)
2 x 2
Rx
dove f (x) = 0
sin 1t dt. Ne segue che
1
f (x) = x2 cos − 2g(x).
x
Da questa si ottiene subito che f 0 (0) = 0.
16. Detto D = (1, 0), si ha innanzitutto
4 Z 1
1 1 1
S = area OBD − x2 dx = − = .
0 2 3 6
Vi sono molti modi per determinare C. Per esempio è abbastanza chiaro geometricamente che C è precisamente il
punto in cui la retta tangente alla parabola è parallela alla retta y = x, cioè C è il punto di Lagrange di f (x) = x2
nell’intervallo [0, 1]. Richiedendo che f 0 (x) = 2x = 1 si ottiene x = 21 , da cui C = ( 12 , 14 ).
Un altro modo per determinare C è di massimizzare la distanza P H tra un punto qualsiasi sulla parabola P = (a, a2 )
e la sua proiezione ortogonale H sulla retta y = x (cioé la distanza tra P e tale retta). Si trova facilmente che
2
a+a2
H = ( a+a
2 , 2 ) e per 0 ≤ a ≤ 1
1
P H = √ (a − a2 ).
2

Nell’intervallo [0, 1] la funzione g(x) = √1 (x − x2 ) ha un massimo assoluto nel punto x = 12 , il cui valore g( 12 ) = 2
2 8
è proprio la massima distanza CH tra la parabola e la bisettrice. (La proiezione ortogonale di C sulla bisettrice è
H = ( 38 , 83 ).)
4
Calcolando l’area del triangolo OCB otteniamo
4 OB · CH 1 4 1
A = area OCB = = =⇒ A = = S.
2 8 3 6