Sei sulla pagina 1di 2

PAESE :Italia AUTORE :N.D.

PAGINE :22
SUPERFICIE :28 %

8 maggio 2020 - Edizione Pesaro

In questi giorni l’anniversario della fondazione dell’Osservatorio

E’ sempre più caldo del solito:


170 anni fa c’erano fiocchi di neve
in carcere preventivo senza tut-
L’Osservatorio “Alessandro
Serpieri“, il nostro, celebra in tavia invidiare le persone a pie-
questi giorni il 170° anno dalla de libero, obbligate a rischiare
sua fondazione. Sarebbe stato la vita per la sopravvivenza di
bello poterlo festeggiare pubbli- noi carcerati e dei malati negli
camente ma, piccolo effetto col- Ospedali e alle quali vanno i no-
laterale del Covid, ci possiamo stri sentimenti di gratitudine.
La prima decade di aprile è sta-
considerare soddisfatti di ricor-
darlo insieme ai lettori de il Re- ta serena ma freddissima, con
sto del Carlino. Da quel 1° mag- temperature minime nelle valli
gio 1850 sono state eseguite
per più giorni al di sotto dello ze-
con straordinaria assiduità un
ro, 8 su 10, con una minima as-
numero enorme di misurazioni,
soluta di -4,9°C a Fermignano, a
tradotte su registri in numeri e
Urbino 0 su 10; la temperatura
accompagnate da note. Così,
ancora oggi, possiamo sapere media in Urbino è stata di
9,33°C, inferiore di 1,47°C a
che nel giorno dell’inaugurazio-
quella del periodo, mentre a fon-
ne si ebbe in Urbino nebbia se-
do valle è risultata di 7,52°C.
guita da pioggia.
La prima nota descrittiva, relati- Con cielo sereno si ha spesso il
fenomeno dell’inversione termi-
va al giorno 3 maggio, recitava:
ca, l’aria fredda più pesante du-
«Mista all’acqua cadevano dei
rante la notte si deposita nei fon-
fiocchetti di neve. Il termome-
dovalle, portando una differen-
tro esterno segnava 2,7. Piove-
za di temperature con le colline
va ancora. Sui monti a Maestro
circostanti anche di 10°C. Ma
e Mezzogiorno è fatta neve, e
l’insolazione diurna determina il
ne sono bianchi». La temperatu-
ra era ancora espressa in gradi fenomeno inverso, in queste
condizioni le stazioni di fondo-
Reaumur, corrispondenti ai no-
valle hanno quindi escursioni
stri 3,4°C; i monti bianchi erano
termiche molto marcate, fino a
il Carpegna a maestro e Catria e
20°C nell’arco di 12 ore.
Nerone a Mezzogiorno. La nota,
La seconda decade è stata inve-
scritta come si vede senza trop-
ce molto calda (+3,56°C rispet-
pa enfasi, è chiaramente indica-
tiva dei cambiamenti climatici to alla media), la terza è tornata
su valori prossimi alla normalità
intervenuti in meno di due seco-
del periodo (+0,44°C). La tem-
li, che riportati nella scala dei
peratura media complessiva del
tempi geologici sono pur il batti-
mese è risultata di 0,87°C supe-
to d’ali di una farfalla. Crediamo
riore alla media, ma le fredde
che questo semplice esempio
mattinate di inizio mese hanno
testimoni con grande efficacia
impedito adeguate fioriture di
l’importanza del certosino lavo-
alcune piante da frutto, in spe-
ro svolto ogni giorno dagli Os-
cie quella dei precoci albicoc-
servatòri negli Osservatóri. Tor- chi. Poche le precipitazioni, il
nando al «lavoro usato» vi ren-
59% della media, ossia 48,5
diamo conto dello scorso apri-
mm, quasi tutti dovuti alla per-
le, secondo mese della primave-
turbazione a cavallo del giorno
ra 2020, quello da tutti passato

Tutti i diritti riservati


PAESE :Italia AUTORE :N.D.
PAGINE :22
SUPERFICIE :28 %

8 maggio 2020 - Edizione Pesaro

21, con pioggia finalmente giun-


ta a ristorare terreni ormai sec-
chi e a dare impulso alle colture
in atto. E’ grazie a questa piog-
gia che viviamo circondati da
tanto bel verde.
Nel complesso i primi quattro
mesi dell’anno sono stati avari
di precipitazioni, 157 sui 290
mm di media; maggio non sem-
bra almeno nella sua prima par-
te fornire le compensazioni che
diede lo scorso anno, quando la-
sciò al suolo 221 mm di acqua e
quando insistettero una seque-
la di fredde e cattive giornate
che annoiarono tutti. Ogni gior-
no, in questo caso ogni anno,
ha la sua pena; ma quella del
2020 è grande assai.
© RIPRODUZIONERISERVATA

ILBAROMETRO
DELSERPIERI
Note a cura di
Piero Paolucci ,
Silvio Cecchini
e Cesarino Balsamini

Osservatorio Meteorologico
«Serpieri» , Università di Urbino,
Dipartimento Scienze Biomolecolari

Tutti i diritti riservati