Sei sulla pagina 1di 3

Il suono in maschera e il suono nasale

Con questo post rispondo a Luca, tenore di Pavia, che mi ha scritto chiedendomi un suggerimento: "...non riesco a produrre un
suono correttamente immascherato, la mia voce sia parlata che cantata è sempre troppo nasale, Le chiedo se mi può dare un
suggerimento, un consiglio, un aiuto o qualche immagine che possa aiutarmi a trovare un bilanciamento vocale togliendo la
fastidiosa nasalità eccessiva...".
Accolgo questa richiesta e rispondo pubblicamente proponendo qualche riflessione e come chiesto un suggerimento, nei limiti
delle mie competenze,  mi sono state fatte pervenire delle registrazioni vocali.
Rispondo a questa richiesta attraverso le sagge parole di Garcia, tratte dalla Memoria allegata al  ‘Trattato completo dell’arte del
canto’:  “ La colonna sonora, per la direzione inclinata impressale dalla laringe, è avviata verso la parte ossea anteriore del
palato e la voce, senza andare a colpire le fosse nasali, quasi spinta dal velo palatino, uscirà squillante e pura.”
Se la risonanza è eccessivamente nasale, come sappiamo il cantante non canta in maschera correttamente, ma sbilancia il suono
facendo prevalere le cavità nasali, un suono correttamente immascherato coinvolge tutti i risuonatori e non soltanto una parte, è
frutto di un delicato bilanciamento tra punta del suono, apertura della gola  e ampiezza dei risuonatori. Non è possibile
raggiungere questo scopo tramite un semplice post o una risposta alla mail, è indispensabile essere seguiti dal vivo da un
insegnante preparato con cui intraprendere il percorso di educazione vocale. Propongo questo suggerimento venendo incontro
alla specifica richiesta di Luca, offrendo uno spunto.
Partiamo da una premessa: generalmente pensiamo al suono prodotto dalla corde vocali che sale,  lasciando il palato piatto e
facendo compiere al suono una direzione orizzontale per uscire dalla bocca. A questo movimento si associa la laringe che sale
verso l'alto insieme al suono con tutte le conseguenze che conosciamo. Tale atteggiamento non aiuta affatto il cantante.
Riprendendo le parole di Garcia è possibile concepire e allenare correttamente la propria voce pensando a due "gesti" che si
attuano contemporaneamente:
1. il fiato durante l'espirazione e la fonazione  dalle corde vocali risale in alto verticalmente  compiendo un giro ad arco
sotto tutto il palato, pensato alto e ampio, come una cupola, il suono ridiscende e si va poi a concentrare nella zona tra incisivi,
palato duro anteriore e radice del naso;
2. contemporaneamente all'inizio del suono la laringe si rilassa e scende leggermente. In sintesi si tratta di fare compiere
due gesti opposti: laringe che si rilassa e scende lievemente e suono che sale in alto con un movimento ad arco sotto e lungo tutto
il palato.
Questa immagine sintetizza un possibile percorso da seguire per poter allenare la voce senza correre il rischio di eccessiva
nasalizzazione, nel caso specifico di Luca risulta infatti importante fare scendere un po' il focus della voce dalla zona nasale alta a
quella media del volto.
Ho preparato alcune immagini che spero possano essere di aiuto:

 Nell'immagine sopra la nomenclatura.


Nell'immagine sopra ho  rappresentato un suono che esce dalla bocca con palato piatto, compiendo un gesto orizzontale e con
laringe che sale.

 Nell'immagine sopra ho rappresentato un suono che sale in alto e con movimento ad arco girando sotto e lungo tuttoil palato
per poi concentrarsi nella zona compresa tra incisivi, palato anteriore  e radice del naso, la alringe contemporamenamente si
rilassa e ammorbidisce, non viene tirata su, i muscoli del collo restano rilassati. Consiglio di inziare a vocalizzare pronunciando
la consonante M a bocca chiusa e immaginando di fare compiere al suono i percorso descritto, se eseguito nella maniera corretta
si percepirà un suono con una risonanza equilibrata, dotata anche di risonanze alte ma non eccessivamente nasali. All' esercizio
della M a bocca chiusa si può poi passare alla M a bocca aperta e poi al vocalizzo sulla sillabe MI, ME, MA, curando sempre il
gesto. 
Spero questo post possa essere di aiuto! Consiglio ai lettori di apporofndire  la meravigliosa opera di Garcia ‘Trattato completo
dell’arte del canto’. Ricordo che il termine maschera o suono immascherato, sono termini utilizzati nella didattica per esprimere
delle sensazioni positive che un buon cantante percepisce quando il suono è prodotto con equilibrio, sfruttando tutte le cavità di
risonanza, raggiungendo armonia tra punta del suono e profondità.