Sei sulla pagina 1di 2

Il

primo
La catena della sopravvivenza
Una persona che resta vittima di un malessere, una malattia o un incidente, riceve
soccorso da più persone; nel complesso, ciò costituisce la cosiddetta "catena della
soccor
sopravvivenza"
La catena della sopravvivenza prende il via con la chiamata di emergenza. Chi trova una

so
persona priva di coscienza, ferita o in pericolo, deve innanzitutto valutare attentamente
quale possa essere la causa, per evitare di mettere ulteriormente in pericolo l'incolumità
dell'infortunato e la propria. Nessuna azione deve essere intrapresa prima di aver valutato
la situazione; i pericoli relativi a gas, esalazioni tossiche e nocive, elettricità possono
anche essere non immediatamente evidenti. La chiamata di emergenza va effettuata
appena possibile, compatibilmente con le possibilità, dopo aver compiuto un esame
primario.

Obiettivi
Gli obiettivi del primo soccorso possono essere racchiusi in tre semplici punti ]:

 mantenere in vita l'infortunato; in realtà, questo è lo scopo di ogni tipo di cura


medica;
 prevenire ulteriori danni a carico del malcapitato; questo significa sia proteggerlo da
fattori esterni (ad esempio allontanandolo da fonti di pericolo), sia applicare
determinate tecniche di soccorso che limitano la possibilità che le sue stesse
condizioni peggiorino (ad esempio, premere su una ferita per rallentare il
sanguinamento);
 favorire la riabilitazione, la quale comincia già mentre si sta attuando il soccorso.
L'addestramento al primo soccorso comprende anche l'insegnamento delle regole che
permettono di prevenire le situazioni di pericolo fin dall'inizio e insegna le diverse fasi del
soccorso.
In campo medico esistono molti protocolli e tecniche di primo soccorso. Uno dei protocolli
di primo soccorso più diffusi al mondo è il Basic Life Support (BLS), cioè una sequenza di
azioni atte a impedire o a limitare i danni in caso di arresto cardiaco [7].
Anche in campo psicologico esistono protocolli di primo soccorso. Il Basic Psychological
Support (BPS), ad esempio, è un protocollo di intervento per soccorritori occasionali
finalizzato alla gestione precoce dell'ansia acuta e dell'attacco di panico, nell'attesa degli
interventi specialistici e dei professionisti del soccorso eventualmente allertati [8][9].

Simboli internazionali
Il simbolo internazionale associato al primo soccorso è costituito da una croce bianca su
sfondo verde, assegnato dalla International Organization for Standardization (ISO).
Questo simbolo si trova sulle cassette di pronto soccorso. [5]
Il simbolo che identifica i mezzi e il personale di soccorso, invece, è chiamato Stella della
vita ed è formato da una croce azzurra a sei braccia, all'interno della quale è raffigurato il
cosiddetto bastone di Asclepio: un bastone attorno al quale è attorcigliato un serpente.
Questo simbolo si trova su tutti i mezzi di soccorso: ad esempio, è il simbolo visibile
sulle ambulanze.
A volte si fa uso del simbolo costituito da una croce rossa su sfondo bianco; tuttavia l'uso
di questo e di simboli analoghi è riservato alle società che compongono la Croce Rossa e
Mezzaluna Rossa Internazionale e all'uso in situazioni di guerra, come simbolo per
identificare il personale e i servizi medici (ai quali il simbolo garantisce protezione, in base
alle Convenzioni di Ginevra e ad altri trattati internazionali), e quindi ogni altro utilizzo è
improprio ed è punibile per legge.
Tra gli altri simboli utilizzati c'è la Croce di Malta.

Storia
Durante il medioevo ci furono ordini religiosi di cavalieri, che fornivano aiuto ai pellegrini e
ai cavalieri e insegnavano ad altri cavalieri a trattare le più comuni ferite da guerra. Tra gli
altri, vi furono i Cavalieri Ospitalieri, costituitisi nell'XI secolo.
La pratica di attuare tecniche di primo soccorso cadde in disuso nei secoli successivi
rimanendo confinata per lo più a livello locale ove ancora esistevano ordini di ispirazione
religiosa che ne mantenevano viva la tradizione.
È il caso della Confraternita di Misericordia la cui sede fiorentina opera ininterrottamente
sin dal 1244 ed è considerata il primo reale servizio di primo soccorso e protezione civile
al mondo.
Nuovo vigore internazionale in questo campo si ottenne nel 1859, quando Henry Dunant,
da poco arrivato a Solferino, organizzò la popolazione locale per aiutare i soldati reduci
della battaglia che si svolse nei pressi, organizzando anche l'acquisto del materiale
necessario e la costruzione di strutture improvvisate in cui curare i feriti. ] Quattro anni
dopo, nel 1863, nasceva la Croce Rossa, con il chiaro obiettivo di aiutare i soldati malati e
quelli feriti sul campo]. Seguì la formazione della St. John Ambulance, fondata sugli stessi
principi dell'Ordine dei Cavalieri Ospitalieri: insegnare le tecniche di soccorso.
Molti passi avanti nel campo del primo soccorso e delle pratiche mediche hanno avuto
come stimolo le guerre che si sono verificate nel tempo; un esempio è la Guerra civile
americana, che spinse Clara Barton ad organizzare la fondazione della Croce Rossa
Americana.