Sei sulla pagina 1di 1

Che cos’è la fotosintesi clorofilliana?

È un processo chimico tipico degli organismi autotrofi, cioè di tutte le piante verdi.
Necessita di luce solare e quindi avviene solo di giorno.

In che cosa consiste esattamente la fotosintesi clorofilliana?

Nelle cellule delle foglie sono presenti degli organuli chiamati cloroplasti. Nei
cloroplasti è contenuta la clorofilla (una sostanza di colore verde, da cui deriva il
nome del processo di fotosintesi). La clorofilla cattura l’energia luminosa del Sole.

Intanto gli stomi (piccole aperture sull’epidermide delle foglie) assorbono l’anidride
carbonica, mentre l’acqua e i sali minerali (linfa grezza) assorbiti dal terreno dalle
radici, sono trasportati alle foglie.

L’acqua e i sali minerali assorbiti dal terreno e l’anidride carbonica assorbita dall’aria
attraverso gli stomi, reagiscono combinandosi tra loro e formando una sostanza
complessa e ricca di energia, il glucosio (linfa elaborata), un particolare zucchero
trasportato a tutta la pianta per il suo nutrimento.

Durante tale reazione viene liberato nell’aria, sempre attraverso gli stomi,
l’ossigeno, elemento indispensabile per la respirazione di quasi tutti gli esseri