Sei sulla pagina 1di 4

Addormentarsi

addormentare⇒ vtr (far dormire)

.Lo fece addormentare con una storia


addormentarevtr figurato (intorpidire, ottundere)

.Il dentista mi addormentò la gengiva con un'iniezione dolorosa


addormentarsivi (prendere sonno)

.Si addormentò in pochi minut


addormentarsivi figurato (parte del corpo:
intorpidirsi)

A forza di stare seduto mi si sono addormentate


le gambe.

addormentarsivi figurato (fare [qc] svogliatamente)

!Non addormentartici su quel lavoro

Pappagall

Scappare
scappare⇒ vi (fuggire)

.I prigionieri sono scappati durante la notte


scappare vi (andare via di fretta)

.Scappo in palestra che è già tardissimo


scappare vi figurato (sfuggire senza intenzione)

.Mi è scappata una parola di troppo


scappare vi (sbucare fuori)

.La testa del criceto scappava fuori dalla fessura


scappare vi informale (bisogno fisico impellente)

.Mamma, mi scappa la pipì

Disperare
disperare⇒ vtr (non avere più la speranza)

.Dispero di rivederlo, ormai


disperare vi (abbandonarsi allo sconforto)

.Carlo si dispera ancora per la perdita della moglie


far disperareloc figurato (condurre alla disperazione)

.Quel bambino mi fa disperare quando si comporta così


disperato agg (che ha perso ogni speranza, che è in preda alla disperazione)

.E' disperato per aver perso il lavoro


disperato agg (che non lascia alcuna speranza)

.Quello studente è un caso disperato


disperato agg (che è causato dalla disperazione)

.Il bambino scoppiò in un pianto disperato


disperato nm (che è pronto a tutto, che vive di espedienti, miserabile)

.Mio padre dice sempre che a notte fonda per strada girano solo i disperat
disperato agg figurato (sforzo, impegno: eccezionale)

.Solo lo sforzo disperato dei volontari evitò una tragedia

Razza
razza nf (gruppo etnico)

.La discriminazione sulla base della razza di una persona è fra le cose più sbagliate
razza nf figurato (stirpe)

.Maria è davvero una donna di razza e un sacco di uomini non hanno saputo resisterle
razza nf (pesce marino)

.Durante l'escursione subacquea abbiamo avvistato una razza


razza nf (elemento radiale)

.Mi piacciono molto i cerchi a cinque razze della tua automobile


cane di razza purebred dog, pedigree n
Mia zia sceglie solo cani di razza.
Cavallo di thoroughbred n
razza
una faccia una one face one race expr
razza

sostenére v. tr. [lat. sustĭnēre, comp. di sus-, variante


di sub- «sotto», e tenere «tenere»] (coniug. come tenere).
– 1. Tenere sollevata una cosa o una persona sopportandone
il peso dal di sotto: le travi sostengono il soffitto; il balcone
del palazzo è sostenuto da quattro cariatidi; il cavallo
sostiene il cavaliere; un alto leggìo sosteneva il messale;
con compl. ogg. espresso da sost. astratto: s. il peso, il
carico, la pressione. Sorreggere, tenere sollevato o
sospeso: s. un bambino in braccio; la mensola era sostenuta
da due staffe metalliche; una lunga sagola sosteneva lo
scandaglio; la raffigurazione di Atlante nell’atto di s. la
sfera celeste; sorreggere una cosa o una persona perché
non cada: il muro è molto debole e deve essere sostenuto
con opportuni puntelli; è ancora molto debole, e quando si
alza dal letto ci vuole qualcuno che lo sostenga. 2. Con varî
usi fig.: a. Mantenere alto, elevato qualcosa, facendo in
modo che non scenda, non diminuisca o si attenui: s. il
decoro, l’onore della famiglia; s. la voce, non calarla di tono
(cantando, recitando o declamando); s. una nota,
mantenerla per un tempo prolungato; s. il corso di
azioni, obbligazioni, titoli di stato, valute, acquistandoli
oppure svolgendo campagne di persuasione e
incoraggiando in altro modo gli acquirenti, o (con
riferimento ai soli titoli e a decisioni delle autorità preposte
alla politica economica) offrendo sul mercato una maggiore
quantità di moneta e sostituendo così al risparmio
l’inflazione come fonte di nuovi acquisti. b. Dare vigore o
resistenza, sorreggere, rinfrancare: alimenti che
sostengono il corpo (o le forze), che lo mantengono sano e
vigoroso; iniezioni che servono a s. il cuore; parole di fede
che sostengono lo spirito. Aiutare, soccorrere: s. un amico
nel bisogno, nelle avversità; difendere, proteggere,
patrocinare: è sostenuto dal direttore, da amici potenti; s.
una candidatura, una legge; appoggiare: s. un
partito, un’associazione. Affermare, asserire una cosa di cui
si è convinti: s. una tesi, una teoria; l’avvocato sostenne la
piena innocenza dell’accusato; con compl. ogg. espresso da
un pronome: l’ho detto e lo sostengo; potresti sostenerlo in
faccia al mondo; o da una prop. oggettiva: sostiene di avere
poteri paranormali; sostengo che non è vero; Platone
sosteneva che l’anima umana è immortale; e lei mi vorrà s.
che non ha niente? (Manzoni). c. Nel linguaggio medico,
riferito ad agente patogeno, causare un’infezione con
azione specifica: il paratifo è sostenuto da due
microrganismi del genere salmonella. d. Avere su di sé, in
frasi quali: s. il carico della famiglia; s. le spese; s. le
responsabilità di un ufficio, di un incarico. e. Prendere su di
sé, assumere, e quindi esercitare: s. un ufficio, una
carica; s. le veci di qualcuno, esercitarne le funzioni; nel
teatro, s. una parte, interpretarla. f. Sopportare, resistere
senza essere vinto o sopraffatto: s. l’urto, l’impeto, l’assalto
del nemico; sostenne senza battere ciglio i miei
rimproveri; s. il mare, di bastimento che affronta mare
grosso e vento forte senza subire avarie, o di persona che
non soffre il mare; s. il vino, poterne bere forti quantità
senza ubriacarsi; ant., s. il male (fisico), s. una malattia; o,
anche, soffrire: messer Riccardo, udendo queste
parole, sosteneva dolore incomportabile (Boccaccio). g. ant.
Osare, ardire: l’altro che là sen va, sostenne ... Falsificare in
sé Buoso Donati (Dante). 3. rifl. o intr. pron. Restare
sospeso, tenersi dritto, sorreggersi: la mensola si sostiene
senza bisogno d’altri appoggi; un vecchio che si sosteneva
col bastone. Fig., mantenersi in forze, in stato di
vitalità: devo sostenermi con cibi nutrienti; durante le notti
di veglia prendo diversi caffè per sostenermi; mantenersi
nelle proprie funzioni o attività: l’associazione si sostiene
con i contributi degli iscritti. Di idee, opinioni, ecc., avere
forza di convinzione, essere plausibile, sostenibile: è una
teoria, un’ipotesi che non si sostiene. 4. ant. o letter.
Trattenere: e oltre a questo, già ricevuti i denari, più giorni
appresso di sé il sostenne (Boccaccio); rifl., fa che la tua
lingua si sostenga(Dante). Ant., prorogare il termine di
pagamento, soprattutto in materia tributaria. ◆ Part.
pres. sostenènte, in funzione verbale e, in araldica, anche
come agg. attributo delle pezze nel bordo superiore delle
quali posa un animale o una figura qualsiasi. ◆ Part.
pass. sostenuto, anche come agg., con sign. e usi partic.
.(v. sostenuto)