Sei sulla pagina 1di 2

Gabriel POMBO DA SILVA, nato a Vigo il 9.11.1967.

POMBO DA SILVA Gabriel, del 1967, originario di Vigo (Spagna),


pluripregiudicato e criminale comune, si è avvicinato all’ideologia anarchica nel
corso della detenzione scontata in penitenziari di più Stati. Con il trascorrere degli
anni si è attestato su posizioni radicali fino a divenire una vera e propria icona del
movimento insurrezionale.

Il curriculum criminale di POMBO evidenzia la pericolosità e l’inclinazione all’uso


della violenza dello stesso. Nel 2004, sottoposto in Spagna al regime F.I.E.S.,
evade dal carcere; viene nuovamente arrestato in Germania allorquando, insieme a
tre complici, per sottrarsi ad un posto di controllo della polizia, ingaggia un
conflitto a fuoco con degli agenti e prende in ostaggio civili per agevolare il proprio
tentativo di fuga.

Detenuto in Germania, manifesta con i suoi scritti la totale adesione al progetto


insurrezionale della F.A.I./F.R.I. - Federazione Anarchica Informale /
Fronte Rivoluzionario Internazionale, dalla stesso definita "l'unico fatto
serio e organizzato (in maniera autonoma e federativa) presente in
Europa (Italia) negli ultimi 10 - 20 anni”.

Nell’ambito del circuito carcerario consolida relazioni dirette con vari esponenti
insurrezionalisti internazionali, in particolare italiani e greci, proponendosi
attraverso una copiosa produzione documentale dal contenuto chiaramente
apologetico, diffusa sui principali siti d’area, come ideologo e ispiratore
“dell’azione diretta e distruttiva insurrezionale”.

In questo contesto si collocano gli attestati di vicinanza ad organizzazioni


terroristiche di matrice insurrezionale ed in particolare ai “fratelli delle
CCF/FAI/FRI in Grecia e nel mondo”; non mancano nei suoi comunicati le
manifestazioni di solidarietà con i “prigionieri” libertari, tra cui il noto eco-
terrorista svizzero CAMENISH Marco e i detenuti italiani COSPITO Alfredo e
GAI Nicola.

Per i suoi qualificati rapporti con i libertari italiani e la rilevanza della sua
produzione documentale, POMBO DA SILVA viene indagato nell’ambito
dell’operazione “Ardire” nel 2012– sviluppata dalla Procura della Repubblica di
Perugia - Il procedimento confluisce poi nell’inchiesta “Scripta Manent” – istruito
dalla Procura della Repubblica di Torino e conclusasi nel settembre 2016 - in
quanto accusato di aver contribuito alla costituzione in Italia di un’associazione con
finalità di terrorismo denominata “Federazione Anarchica Informale”.

I collegamenti con il movimento anarchico italiano si sono rafforzati anche in virtù


della relazione sentimentale intrapresa da POMBO DA SILVA con la libertaria DI
BERNARDO Elisa – bresciane del ‘76, dalla quale è nata una bambina, ancora in
tenera età. Il nucleo familiare, dopo aver abbandonato la Spagna, ha poi eletto
l’Italia come luogo ove trasferire il domicilio

Il 4 dicembre 2018 POMBO DA SILVA viene controllato in provincia di Massa


Carrara insieme ad un noto estremista di sinistra; nella provincia fissa la propria
dimora sino al gennaio 2019, allorchè si allontana con tutto il nucleo familiare per
destinazione ignota.

POMBO DA SILVA e DI BERNARDO Elisa si rendono quindi irreperibili e


manifestano la scelta di entrare in clandestinità in un documento dal titolo
“Elisa e Gabriel Liberx e pericolosx”, a firma de “Il clan nomade-
anarchico. Elisa-Gabriel-Iralutza e la quadrupede”.

Nello scritto, i due insurrezionalisti, menzionando le inchieste giudiziarie in cui


figurano imputati1, si definiscono “clan nomade che va di paese in paese alla
ricerca di complici”, condividendo “un anarchismo che ci sporchi le mani”.

Dichiarano, inoltre, la volontà di “vivere nell’ombra” - nonostante le difficoltà


dovute ai frequenti spostamenti - come conseguenza dell’asserita intenzione dello
Stato spagnolo di voler “imprigionare” POMBO DA SILVA per un “residuo di
pena”.

In effetti, POMBO DA SILVA é destinatario di un provvedimento di carcerazione


per cumulo pene ad oltre 16 anni di reclusione, esteso anche in ambito europeo,
emesso dalle Autorità iberiche il 9 agosto 2019 per vari reati, commessi anche con
violenza alle persone.

1
“…Ardire, Scripta Manent, Operation Buyo…”.