Sei sulla pagina 1di 213

LF 2018

Questo Manuale si basa su una libera traduzione di un appassionato.

Tutti i marchi sono dei relativi proprietari.

Kemper non è assolutamente responsabile nella traduzione e produzione di questo Manuale.

La traduzione fa riferimento al Manuale “KEMPER PROFILER Main Manual v5.5”

Vieni a trovarci sul gruppo facebook Kemper Amp Italia

Versione 1.0

Si ringraziano Alberto Stazi e Leo Alberti per la gentile collaborazione.

LF 2018
Sommario
Manuale Principale……………………………………………………………. 1
Rig e Percorso del Segnale………………………………………………... 2
Controlli sul pannello Frontale…………………………………………… 6
Panoramica del Pannello Posteriore………………………………….. 17
Impostazioni di Base………………………………………………………….. 22
Impostazioni Rig………………………………………………………………… 25
Lavorare sui profili Amp e Cabinet…………………………………….. 33
Sezione Output/Master……………………………………………………… 44
Ingresso Strumento e Reamping……………………………………….. 55
Pedali di espressione e pedaliere………………………………………. 61
Stack…………………………………………………………………………………. 75
Effetti………………………………………………………………………………… 81
Impostazioni di sistema…………………………………………………….. 152
Bassisti: Caratteristiche e Suggerimenti…………………………….. 156
Modalità Performance………………………………………………………. 158
Profiler Remote…………………………………………………………………. 160
Midi…………………………………………………………………………………… 171
Organizzazione………………………………………………………………….. 179
Aggiornamenti, Backup e Condivisione……………………………… 182
Profilare un Amplificatore…………………………………………………. 186
Risoluzione dei Problemi…………………………………………………… 202
LF 2018
Manuale Principale
Manuale Principale
Benvenuti nel manuale principale del Kemper Profiler. La lettura di questo manuale presuppone che tu
abbia già letto il Profiler ed il Remote Quick Starts. Questo manuale inizia con una descrizione dei Rigs e
della relativa catena del segnale sul pannello frontale oltre che le connessioni sul pannello posteriore.
Buona parte di questo manuale è dedicata alla descrizione di tutti i

parametri dedicati agli effetti; tuttavia, forniremo anche ulteriori dettagli su alcuni aspetti del Kemper
profiler provando a darti una più profonda comprensione di come funzionano le cose.

Per ultimo ma non meno importante, troverai un capitolo dedicato a come profilare un amplificatore.

LF 2018 1
Rig e Percorso del Segnale

Un Rig e il Percorso del Segnale

Una catena segnali completa che includa amplificatore, cabinet per chitarra e potenzialmente più effetti
è chiamata "Rig". La catena segnale di qualsiasi rig inizia dall'ingresso della chitarra, passa per i quattro
moduli degli effetti, per la sezione dello stack, seguita poi da altri quattro moduli di effetti. Da lì, il
segnale viene inviato alle uscite. L'ordine dei moduli e delle sezioni da sinistra a destra rappresenta il
flusso del segnale all'interno del Profiler ed è corrisposto dagli elementi di controllo nella parte
superiore del pannello frontale del Profiler.

Ciascuno dei pulsanti nella catena del segnale ti offre un modo unico ed intuitivo per gestire il tuo
suono. Premendo il pulsante corrispondente, si attiva ogni modulo o sezione. Tenendolo premuto un po
'più a lungo si attiveranno le impostazioni del modulo mostrando quindi i suoi parametri sul display. La
riga inferiore del display stesso mostra fino a quattro parametri che possono essere controllati dalle
manopole sottostanti (le 4 manopole sotto il display). Ruota le manopole per modificare il suono. Se il
modulo offre più di quattro parametri, puoi spostarti tra le pagine utilizzando i pulsanti Page. Per
tornare alla schermata iniziale, premere Exit.

Se hai modificato l'impostazione di un parametro, ma vuoi tornare al valore precedente, puoi utilizzare il
pulsante Undo sulla sinistra a lato del display. Questo ripristinerà cronologicamente l'azione precedente.
Il pulsante Redo invece ripeterà l'azione cancellata dal pulsante Undo.

2
Rig e Percorso del Segnale
In modalità Browser, puoi selezionare il Rig desiderato usando i pulsanti di navigazione a Croce posti sul
lato destro del pannello frontale. I pulsanti Sinistra e Destra della Croce avanzeranno in singoli passaggi
da rig a rig successivo o precedente, mentre i pulsanti Su e giù cambieranno Rig permettendo
avanzamenti maggiori in entrambi i sensi della lista. Puoi anche usare la manopola Browse sul lato
destro del display per vedere otto Rigs contemporaneamente, oltre a poter scorrere l'elenco di tutti i Rig
disponibili. E' possibile cambiare la sequenza dei Rig utilizzando il pulsante denominato "Sorted by ..."
potrai così ordinarli per data o autore, e quindi caricare il Rig selezionato con il pulsante "Load".

Una volta trovato un Rig che ti piace, puoi accedere direttamente al suo Gain, che mostra il valore
corrente sui LED intorno alla manopola stessa. Puoi anche usare le manopole sotto il display per
cambiare il tono dell' amplificatore nel Rig.

Moduli Effetti
Ogni Rig offre otto moduli dedicati agli effetti. I quattro moduli di effetto contrassegnati con A, B, C e D
sono mono e posizionati prima che il segnale raggiunga la Sezione Stack. Queste sono i moduli preferiti
per distorsioni o effetti tipo Wah. È possibile aggiungere più effetti stereo al segnale nei moduli X, MOD,
DLY e REV, dopo che questo è passato attraverso l'amplificatore ed il cabinet virtuale.

L'elenco dei tipi di effetto disponibili nei moduli A, B, C, D, X, MOD, DLY è identico. Il modulo REV è
diverso in quanto ha tipi di effetti e preset dedicati.

I moduli DLY e REV hanno una posizione fissa. Le manopole sotto i moduli della catena del segnale
danno un controllo ed un accesso diretto a Delay e Reverb Mix, nonché a Feedback delay e Reverb Time.
(Manopole presenti solo sulla versione Head e PowerHead, gli stessi parametri sono comunque
impostabili nei menù dedicati su tutte le versioni Head, PowerHead - Rack).

Se intendi utilizzare un effetto di modulazione nel tuo Rig, ti consigliamo di inserirlo nel modulo MOD,
l'Head ed il PowerHead ti danno accesso diretto ai parametri Modulation Rate e Modulation Intensity
con le manopole dedicate.

LF 2018 3
Rig e Percorso del Segnale
Categorie Effetti, Tipi e Preset
Noterai che i LED degli effetti non sono semplicemente accesi o spenti, ma hanno molti colori diversi.
Questo perché usano il colore per indicare quale categoria e tipo di effetto è in uso. Una descrizione
dettagliata di tutti i tipi di effetti ed i loro colori corrispondenti è disponibile nel capitolo Effetti.

Se è selezionato un modulo, è possibile ruotare la manopola Type sopra il lato sinistro del display per
scegliere uno tra gli effetti elencati. Esempio: Lead Booster.

Quando passi tra di effetti simili, noterai che i parametri comuni a questi stomp manterranno i loro
valori; questo per rendere più facile la scelta degli algoritmi. Ad esempio, puoi creare un'impostazione
per un effetto Wah, quindi passa attraverso i vari tipi di Wah e vedrai che l'effetto generale cambierà,
ma le impostazioni per i vari parametri, incluso il controllo del pedale Wah, rimarranno le stesse. Puoi
anche cambiare il Tipo tra Phaser e Flanger, per verificare il diverso impatto di questi due algoritmi, ma
lo schema di modulazione rimarrà invariato.

La manopola Browse, sopra il lato destro del display, può essere utilizzata per selezionare un effetto
dall'elenco "Effect Presets" nel menu sulla colonna destra dello schermo. I preset degli effetti
contengono oltre al tipo di effetto le impostazioni personalizzate per tutti i suoi parametri, e sono
considerati come dati personali dell'utente nello stesso modo come può esserlo un Rig. Sei libero di
creare dei Preset personalizzati, eliminare quelli non più necessari oppure puoi anche importarli dalla
chiavetta USB. Mentre un Rig include sempre l'intera catena del segnale dall'Input al modulo REV, un
Preset consiste in un solo modulo o una sezione. Ogni unità Profiler viene fornita con un set di Preset di
fabbrica preinstallate a scopo dimostrativo. Questi possono essere ottimi punti di partenza quando hai
intenzione di configurare una specifica impostazione dell'effetto - basta trovare un Preset che si avvicini
e quindi mettere a punto i suoi parametri in base alle tue esigenze.

I Preset ti consentono di memorizzare i blocchi predefiniti di Rig preferiti con un nome a tua scelta,
quindi riutilizzarli in altri Rig a tuo piacimento. Quindi, questo potrebbe essere il tuo Wah Wah, booster,
delay preferito, ecc...ecc.

Ci sono due modi per caricare i Preset tramite i 4 pulsanti sopra il display: usando l'opzione "Load" o
"Autoload". In quest'ultimo caso, i preset vengono caricati automaticamente un paio di secondi dopo
averli selezionati

Riassumiamo i due metodi di selezione di uno stomp:

• Selezionando un effetto diverso cambia solo il tipo mentre vengono mantenute tutte le impostazioni
dei parametri.
• Selezionando un Preset di fabbrica o uno dei tuoi, caricandolo manualmente o tramite Autoload
verrà caricato insieme a tutte le sue impostazioni dei parametri come memorizzate sul Preset
stesso.

4
Rig e Percorso del Segnale
Sezione Stack
Nel mezzo della catena del segnale, troverai la sezione "Stack" con i pulsanti Amplifier, EQ
(equalizzatore) e Cabinet. La Sezione Stack rappresenta l'amplificatore per chitarra virtuale ed il cabinet,
come definito dal Profilo.

Tutte le potenti possibilità di perfezionare ulteriormente i profili sono spiegate in un capitolo dedicato
alla sezione Stack

Nella sezione Stack puoi combinare liberamente amplificatori e cabinet. Tieni premuti i rispettivi
pulsanti per selezionarli. Quindi usa la manopola Browse per:

• selezionare il pulsante 1, etichettato come "Presets", per scorrere l'elenco dei presets degli
amplificatori o Cabinet memorizzati sul proprio Profiler.
• seleziona il pulsante 2, etichettato "From Rigs", per caricare un amplificatore o un cabinet da un
altro Rig del Profiler.

Mentre è selezionata la Sezione Stack, hai la possibilità di selezionare dei Preset Stack o caricarli da altri
Rigs.

Analogamente ai Preset degli effetti, i Preset nelle sezioni Amplifier, Cabinet e Stack sono anch'essi dati
utente che è possibile salvare con nome, o eliminare. Il Profiler viene fornito con diversi esempi. Se hai
un rig con un Amplificatore preferito e con le impostazioni che ti piacciono e che desideri riutilizzare in
seguito, memorizzarlo come Preset potrebbe rivelarsi molto utile.

LF 2018 5
Controlli sul panello Frontale
Controlli sul Pannello Frontale

Profiler Head

Profiler Rack

6 LF 2018
Controlli sul Pannello Frontale
Manopola Accensione (1)
Usa la manopola di accensione per accendere e spegnere il Profiler. È possibile selezionare una delle
seguenti modalità:

Modalità Accordatore Attiva l’accordatore per accordare lo strumento. Per ulteriori dettagli consulta il
capitolo “Uso dell’accordatore”
Modalità Browser Qui puoi sfogliare l’elenco dei tuoi Rig memorizzati nel Profiler.
Modalità Performance Qui puoi organizzare i tuoi suoni per spettacoli dal vivo.Consulta il capitolo
Modalità Performance per ulteriori dettagli.
Modalità Profiler Qui puoi creare i tuoi profili. Consulta il capitolo Profilare un Amplificatore per
ulteriori dettagli

Pulsante Input (2)


Premere questo pulsante per accedere alla sezione input. Qui puoi impostare la sensibilità di ingresso e
selezionare l'ingresso fisico per il segnale della tua chitarra. In modalità Browser, la sezione di input è
bloccata per impostazione predefinita. Ciò significa che le impostazioni saranno applicate a ogni Rig, a
meno che tu non decida di sbloccarlo. Se si sblocca questa sezione, le impostazioni di input verranno
richiamate singolarmente per ogni Rig. In modalità Performance, la sezione Input non è bloccata di
default, perché la maggior parte degli utenti prepara e memorizza le sue Performance con impostazioni
specifiche della Sezione Input per particolari canzoni e chitarre. Anche il Noise Gate, con la sua
manopola dedicata, appartiene alla sezione Input.

LF 2018 7
Controlli sul panello Frontale
 Clean Sens
Diversi tipi di chitarre producono livelli di uscita diversi a seconda dei pickup e dalla sezione delle corde
utilizzate: ad esempio, i pickup humbucker generano tensioni più elevate rispetto ai single coil e i
pickup attivi generano livelli di segnale ancora più alti. Se ritieni che i suoni puliti siano molto forti o
suonino molto piano rispetto ai suoni distorti, puoi regolare Clean Sens a un livello in cui i suoni puliti
hanno lo stesso volume percepito dei suoni distorti. Clean Sens determina il volume dei suoni puliti, ma
non il modo in cui vengono pilotati l'amplificatore o gli effetti (Gain). Una chitarra con basso livello di
uscita rimane più pulita; una chitarra con livelli di uscita elevati distorcerà più facilmente.

Chitarre con output estremamente elevati possono generare distorsioni indesiderate, indicate dal LED
di ingresso che lampeggia in rosso. Ciò è rilevante solo per i suoni puliti, tuttavia - una distorsione
spinta dell'amplificatore maschererà completamente una debole distorsione dell'input.

 Distortion Sens
Distortion Sens dovrebbe normalmente rimanere a zero (posizione centrale). Ogni rig reagirà come se
avessi collegato la tua chitarra all'amplificatore originale.

Se senti che la tua chitarra tende a saturare la distorsione troppo (o troppo poco) per la maggior parte
dei tuoi Rig, calibrare la chitarra regolando il Distortion Sens di conseguenza.


Clean Sens non è un semplice guadagno in ingresso; noterai che non influisce sul guadagno di un suono
distorto. Distortion Sense non è un semplice booster, in quanto non influisce sul guadagno di suoni
puliti. Nessuno di questi parametri modifica il suono.


Un video tutorial sulla sezione di input e su come regolare Clean e Distortion Sens può essere trovato su:

https://www.kemper-amps.com/video

8 LF 2018
Controlli sul Pannello Frontale
LED Input (2)
Il LED indica il livello del segnale di ingresso. Il suo colore di base cambia da verde a blu settando
l'opzione LED di segnalazione blu nelle Impostazioni di sistema.

Moduli e Sezione Pulsanti (3)


Questi pulsanti sono associati ai Moduli e alla sezione della catena del segnale del Profiler, come
descritto in precedenza nel capitolo Rigs e Catena del segnale. Una breve pressione attiva e disattiva il
modulo o la sezione associata. Premendo più a lungo si aprono i menu associati. All'interno dei menu
utilizzare i pulsanti Pagina (Pages) per cercare tra le pagine dei parametri.

Pulsante Output/Master (4)


Questo pulsante visualizza le impostazioni della sezione di uscita. Queste sono:

• impostazioni del volume per diverse uscite


• Pulsanti "Volume Link" per collegare e scollegare i singoli volumi alla manopola del master volume
• Sorgenti di uscita per inviare alle uscite segnali diversi
• Separazione dell'equalizzatore principale e dell'equalizzatore del monitor
• "Monitor Cab Off ", Un interruttore globale per bypassare il cabinet virtuale solo per l'uscita Monitor
e, di conseguenza, per l'amplificatore di potenza incorporato dei modelli PowerHead e PowerRack

Attivando "Monitor Cab Off" è possibile collegare il Profiler direttamente ad un amplificatore di potenza
pilotando un cabinet per chitarra sul palco, mentre le uscite principali inviano il segnale completo,
inclusa la simulazione di cabinet, che sarà collegato al banco di missaggio.

Tutte le impostazioni nella sezione Output sono globali (o "bloccate") e di conseguenza non salvate con
il Rig. Tuttavia, come con tutti gli altri moduli, è possibile salvare le impostazioni per la sezione di uscita
come preimpostazioni. Ciò consente di creare preimpostazioni di output con regolazioni su misura per
specifici luoghi, studi o sale prove.


Maggiori informazioni sulle impostazioni nella sezione Output e applicazioni speciali nel capitolo Sezione
Output; ci sono anche video tutorial specifici per la sezione Output e le impostazioni di registrazione,
che possono essere visualizzati su:

https://www.kemper-amps.com/video

LF 2018 9
Controlli sul panello Frontale
Led Output (4)
Il Profiler esegue il clipping ed è molto tollerante in termini di ampiezza ampiezza, quindi non c'è
bisogno di farsi prendere dal panico se il LED di uscita lampeggia di rosso occasionalmente. Questo
potrebbe succedere, in genere, con suoni clean. In questi casi è possibile diminuire il Volume Rig o un
altro Volume nel Rig ad esempio il Volume dell'amplificatore, o forse prendere in considerazione di
migliorare il tuo Rig clean con un effetto di Compressione.

Manopola Noise Gate (5)


Questa manopola controlla il Noise Gate, che elimina il rumore e il ronzio della tua chitarra in un modo
molto intelligente. Ruota la manopola Noise Gate verso destra, fino a quando il rumore e il ronzio sono
scomparsi; non girarlo oltre quel punto, in quanto ciò potrebbe alterare il suono della tua chitarra.
Quando si imposta la posizione appropriata, si noterà che il rumore e il ronzio vengono eliminati, anche
quando le corde stanno ancora suonando. Non è necessario un controllo di rilascio aggiuntivo come
quello che si trova nei classici noise gate. Le impostazioni di Noise Gate possono essere memorizzate
come parte di un Rig.

Come "Clean Sens", l'impostazione Noise Gate fa parte della sezione Input e viene memorizzata con il
Rig. Viene anche memorizzato come parte di qualsiasi Input Preset. Quando la sezione di ingresso è
bloccata, anche il Noise Gate è bloccato.

Per i suoni metal, raccomandiamo inoltre di usare gli speciali stomp noise gate, che sono spiegati nel
capitolo Effetti Noise Gate.

Con la manopola di accenszione impostata su Profiler Mode, il Noise Gate funzionerà anche con
l'amplificatore collegato, ma senza influenzare il profilo risultante.


Un video tutorial su Input Noise Gate può essere trovato su:

https://www.kemper-amps.com/video

10 LF 2018
Controlli sul Pannello Frontale

Manopole per il controllo diretto (6)


Le manopole per il controllo diretto forniscono accesso immediato a specifici parametri degli effetti.
Sono disponibili sei manopole su Profiler Head e PowerHead e quattro sui modelli Rack e PowerRack:

• Modulation Rate e Modulation Intensity nel modulo MOD (solo Head / PowerHead),
• Feedback delay e mix di delay nel modulo DLY,
• Tempo di riverbero e Riverbero Mix nel modulo REV.

Gli stessi parametri sono disponibili anche nei menu degli effetti.

Manopola Master Volume (7)


Master Volume regola tutti i volumi di output ed è sempre un parametro globale. Non è memorizzato
come parte di un Rig. La modifica del volume non influisce sulla sonorità.

I volumi di tutte le uscite analogiche, inclusa l'uscita cuffie, sono collegati al Master Volume per
impostazione predefinita. Questi collegamenti possono essere attivati e disattivati con i pulsanti nella
sezione Output (ad esempio "Headphone Link").

Master Volume mantiene le impostazioni relative al volume di tutte le uscite ad esso collegate. Ad
esempio, se Monitor Output Volume è impostato relativamente basso e Main Output Volume
relativamente alto, ed entrambi sono collegati a Master Volume, potrebbe essere necessario aumentare
il Master Volume un pò prima che l'Uscita Monitor invii un segnale. In casi estremi, un'uscita potrebbe
non inviare segnali anche con il volume principale al massimo. Utilizzare i singoli controlli del volume
nella sezione Output per bilanciare i livelli in base alle proprie esigenze. Di norma, è meglio evitare
differenze di volume estreme tra le uscite collegate al volume principale.

Poiché i volumi di uscita collegati possono variare, Master Volume non segue una scala dB, ma una
semplice scala 0-10.

Pulsante Tap (8)


Questo pulsante attiva il Tap Tempo. Il Remote offre un altro pulsante Tap per il controllo a pedale.
Tienilo premuto per attivare Beat Scanner.

Pulsante System (9)


Questo pulsante apre le Impostazioni di sistema che contengono più pagine relative a parametri globali.
Le impostazioni globali non vengono memorizzate nel Rig, quindi rimangono invariate quando si
caricano diversi Rig o Performance.

LF 2018 11
Controlli sul panello Frontale
Pulsante Rig (10)
Il pulsante Rig apre le impostazioni Rig contenenti più pagine di impostazioni che vengono memorizzate
e richiamate con ogni Rig.

Pulsante Quick (11)


Questo pulsante può essere configurato per assumere diverse funzioni, in base alle proprie preferenze.
Per impostazione predefinita, il pulsante rapido (Quick) torna alla pagina di modifica della sezione o del
modulo più recente. Per maggiori dettagli sulle funzioni rapide disponibili consulta la sezione
Impostazioni di Sistema.

Manopola Type (12)


Quando un effetto o uno stomp sono selezionati, la manopola Type scorrerà diversi tipi di algoritmi
effetto. Ad esempio, nella modifica Effetto questa manopola selezionerà le distorsioni, il compressore e
le modulazioni, tra gli altri.

Nella schermata principale in modalità Browser è possibile selezionare diverse modalità di


visualizzazione tramite la manopola Type o il pulsante 1. Per maggiori informazioni relative alle viste
consulta il capitolo Organizzazione.

Manopola Browse (13)


In modalità Browser, questa manopola può essere utilizzata per sfogliare rapidamente l'elenco dei Rig
all'interno della vista corrente. È quindi possibile selezionare uno dei Rig elencati, caricarlo con il
pulsante 4 o eliminarlo con il pulsante etichettato "Elimina". In modalità Performance, può essere
utilizzato per sfogliare rapidamente l'elenco delle performance disponibili. Ruota la manopola Browse
per visualizzare un elenco di elementi disponibili; ruotala ulteriormente per selezionarne uno.

Quando sono selezionati un modulo o una sezione, questa manopola scorre tra i preset corrispondenti.


Ricorda la differenza tra l’utilizzo delle manopole Type e Browse. Usando la manopola Type cambierà
solo il tipo di effetto mentre tutte le impostazioni dei parametri rimarranno invariate. Ciò semplifica il
confronto di diversi tipi di effetti mantenendo inalterati tutti i parametri degli effetti; sfogliando Preset
di effetti con la manopola Browse verranno caricati altri set di parametri, oltre al rispettivo tipo di
effetto.

12 LF 2018
Controlli sul Pannello Frontale
Pulsanti e Manopole (14)
Ci sono quattro Pulsanti sopra il display e quattro Manopole sotto. Assumono diverse funzioni a seconda
del menu e della pagina attualmente visualizzata. Nelle schermate iniziali della modalità Browser e della
modalità Performance, le manopole modificano la sezione toni dell'amplificatore (EQ).

Sul Head e Power Head, le manopole hanno una cintura di LED che ne evidenzia il valore. Su Rack e
PowerRack, i valori vengono visualizzati come numeri sullo schermo.

Pulsante On/Off (15)


Questo pulsante attiva e disattiva il modulo o la sezione attualmente evidenziata. La luce di un modulo o
di un pulsante di sezione indica se un modulo è acceso o spento. È inoltre possibile attivare e disattivare
un modulo premendo il pulsante Module stesso.

Pulsante Lock (16)


Usa la funzione Lock per impedire che una sezione o un modulo vengano modificati quando cambi Rigs.
Per bloccare o sbloccare singoli moduli, premere i rispettivi pulsanti tenendo premuto il pulsante di
blocco. In sostanza, puoi pensare a un modulo bloccato come "globale".

Per ottenere una panoramica dello stato di blocco di tutti i moduli, premere e tenere premuto il tasto
Blocca: tutti i moduli bloccati si accenderanno, mentre tutti i moduli non bloccati rimarranno spenti.


La funzione di blocco funziona in modo indipendente tra la modalità Performance e la modalità Browser.
Pertanto, ad esempio, è possibile bloccare la sezione di input in modalità Browser mantenendola
sbloccata in modalità Performance, che è l'impostazione predefinita.

LF 2018 13
Controlli sul panello Frontale
Pulsanti Copia & Incolla (17)
Usa i pulsanti Copia e Incolla (Copy & Paste) per selezionare un modulo e copiare i suoi dati in un'altra
posizione simile. Ad esempio, è possibile copiare e incollare le impostazioni di un effetto su un altro,
all'interno dello stesso Rig oppure di Rig totalmente diverso. Per fare ciò, selezionare un modulo e
premere Copia. Quindi, selezionare un modulo di destinazione e premere Incolla. Fatto!


Dopo aver eseguito l'incolla, il LED del pulsante Incolla si spegne, tuttavia i contenuti più recenti degli
Appunti vengono conservati fino allo spegnimento dell'unità, quindi sei libero di continuare a incollarli
tutte le volte che vuoi.

In generale, è possibile utilizzare il buon senso per determinare se il Profiler consente di copiare le
impostazioni da un modulo a un altro. Ad esempio, non è possibile copiare le impostazioni del riverbero
sul modulo Amp. Tuttavia, è possibile copiare / incollare il contenuto tra i moduli di effetto A, B, C, D, X,
MOD e DLY. Effettua delle prove – il Profiler ti avvisesrà se ciò che stai tentando non è possibile.

Pulsante Store (18)


Usa il pulsante Store, sul lato sinistro del display, per salvare le modifiche apportate a un modulo, Rig,
Slot o Performance. Store consente di salvare le modifiche nella memoria permanente.

Premendo Store in modalità Browser ti offriremo tre diverse opzioni tramite i Pulsanti: "Replace"
sovrascriverà il Rig attualmente selezionato con la nuova versione mantenendo il nome originale, "Store
as" salverà il Rig con un nuovo nome e lasciando intatto il Rig originale. "Rename" ti permetterà di
cambiare il nome dell'attuale Rig.

Se si preme il pulsante Store mentr sono selezionati un modulo o una sezione, viene offerta
l'opportunità di salvare un preset delle impostazioni di quel solo modulo o sezione o di salvare l'intero
rig. Scegli il pulsante 1 per creare un nuovo Preset e dargli un nome adatto.

Il Preset può essere cercato e ricaricato in seguito ruotando la manopola Browse, mentre un Modulo o
una Sezione sono evidenziati.

14 LF 2018
Controlli sul Pannello Frontale
Pulsanti Undo & Redo (19)
Con i pulsanti Annulla e Ripristina puoi rivedere, o fare un passo avanti e indietro tra le modifiche
apportate alle impostazioni all'interno del Rig corrente.

Pulsante Exit (20)


Premi questo pulsante per tornare alla schermata principale.

Pulsanti Page (21)


Se c'è più di una pagina all'interno di un particolare Modulo, puoi usare questi pulsanti per passare da
una all'altra.

Pulsanti a Croce (22)


Usali per navigare attraverso i Rig. I pulsanti sinistro e destro cambiaranno rig in sequenza, mentre i
pulsanti Su e Giù cambieranno Rig spostandosi di pagina. Un Rig appena selezionato viene richiamato
all'istante.

Uscita Cuffia (23)


Collega una cuffia stereo.

Manopola Gain (24)


La manopola Gain controlla la quantità di distorsione e spazia tra una gamma estremamente ampia da
ultra clean a totalmente distorto. Il controllo Gain consente la stessa gamma ampia su tutti i Profili,
anche se l'amplificatore originale ha un range di guadagno più limitato.

Il parametro "Gain" compensa sempre la perdita di livello, indipendentemente da quanto lo riduci. È


possibile portare il valore del guadagno a zero per ogni profilo di ampli, e il risultato sarà un suono
totalmente non distorto e non compresso che ha lo stesso volume percepito della versione
completamente distorta.

LF 2018 15
Controlli sul panello Frontale
Manopola Volume Rig (25)
La manopola del volume sul lato inferiore destro del pannello anteriore è il volume individuale del Rig in
uso. Nota che questo parametro non pilota alcuna distorsione dell'amplificatore di potenza, quindi
cambierà solo il volume del suono, non la sonorità. L'impostazione è memorizzata con il Rig. Se si
desidera modificare il volume generale del Profiler, utilizzare invece il volume principale.

Il Profiler è progettato in modo che ogni profilo, distorsione o compressione produca all'incirca lo stesso
volume, evitando così qualsiasi calo o picchi di volume estremo durante la navigazione attraverso i Rigs.
Tutti i Factory Rigs sono dotati di Rig Volume impostato sulla posizione centrale, che è l'unità o il volume
predefinito.

Se senti che i Rig puliti suonano più piano o più forte dei Rigs distorti, ti preghiamo di non provare a
sistemarli regolando il volume dei singoli Rig! Invece, dovresti regolare nuovamente il parametro Clean
Sens nella sezione Input per far corrispondere la chitarra al Profiler.

Usa la manopola del volume per regolare il livello di ciascun rig in modo che si adatti ad una canzone in
una lista di preset, invece di bilanciare i livelli tra tutti i rig.

Se senti che qualcuno dei Rig suona particolarmente forte o piano, controlla se c'è un effetto attivo che
causa il problema. Controllare le impostazioni del volume individuale degli effetti attivi, nel caso in cui
stiano amplificando o attenuando il suono.

Se non riesci a collegarlo a un effetto, allora potrebbe essere il Profilo stesso a differire dal guadagno
unitario. In questo caso, regola il parametro "Volume", che si trova nel Modulo Amplificatore, fino a
quando il Rig non suona al livello corretto. Assicurati di memorizzare il Rig in seguito, se vuoi che il
cambio del volume sia permanente per quel Rig specifico.


Nessuno dei controlli del volume qui menzionati cambierà la tipologia del suono. Se senti che una
sonorità è influenzata da un controllo del volume, tieni presente che l'orecchio umano tende a percepire
un semplice cambiamento di volume come un cambiamento di sonorità.

Ingresso Frontale (26)


Questo è l’ingresso principale per il tuo strumento.

USB (27)
Utilizzare la porta USB di tipo A per collegare le chiavette USB per backup e aggiornamenti del sistema
operativo. Si prega di consultare il capitolo Aggiornamenti, backup e condivisione dei suoni per i
dettagli. Gli utenti Head e PowerHead trovano questa porta sul retro.

16 LF 2018
Panoramica del Pannello Posteriore

Profiler Head

Profiler Rack

LF 2018 17
Panoramica del Pannello Posteriore
Uscite Principali (1)
Queste sono le uscite principali stereo. Usa queste uscite per collegarti a un mixer in uno studio di
registrazione o al mixer in una situazione live. Queste uscite forniscono l'intero Rig: Amp, Cabinet e tutti
gli effetti. È possibile scegliere tra jack TSR (bilanciati) o TS da 1/4 di pollice (non bilanciati). Le uscite XLR
sono protette dall’invio dei 48V utilizzati nelle alimentazioni phantom del mixer. Tuttavia, si dovrebbe
evitare di inviare l'alimentazione phantom nel Profiler se si desidera la migliore qualità audio. Come tutti
gli ingressi e le uscite, è dotato di un Ground Lift per evitare ronzii dovuti a loop di massa.

Uscita Monitor (2)


Usa questa uscita mono per collegare il Profiler ad un monitor da palco con i suoi controlli di livello.
Questa uscita ha anche il proprio Ground Lift.

È inoltre possibile collegare questa uscita a un amplificatore di potenza e un cabinet per chitarra. In
questo caso, è necessario disattivare la simulazione del cabinet, utilizzando il pulsante "Monitor Cab
Off" nella sezione Output, per evitare sonorità indesiderate create dall’emulazione del cabinet per
chitarra.

Bypassare il modulo Cabinet può anche essere fatto semplicemente premendo il pulsante Cabinet.
Tuttavia, ci sono due differenze rispetto all'abilitazione di "Monitor Cab Off":

• Bypassare il modulo cabinet nella sezione stack non è un'impostazione globale, ma è individuale
per rig, a condizione che non si blocchi il modulo cabinet in stato "off".
• Bypasserà il modulo cabinet per tutte le uscite, mentre "Monitor Cab Off" influenzerà
esclusivamente l'uscita monitor.


Se si seleziona l'opzione "Monitor Stereo", l'uscita monitor e l'uscita diretta diventano una coppia logica
di uscite stereo. Funziona come la Sorgente di uscita del monitor, il volume di uscita del monitor, il
pedale del volume del monitor, il collegamento dell'uscita del monitor, il monitor Cab Off, Monitor
Output EQ e Aux In> Monitor vengono applicati automaticamente a entrambe le uscite.

18 LF 2018
Panoramica del Pannello Posteriore
Direct Output/Send (3)
Questo trasporta il segnale di uscita diretta in mono. Lo scopo principale di questa uscita è di inviare i
segnali nell'amplificatore di riferimento durante la profilazione. Tuttavia, questo non è il suo unico
scopo: puoi anche utilizzare Direct Output/Send in combinazione con il Return Input per creare un loop
effetti. In questo caso, Direct Output/Send invia un segnale mono. Se non stai usando questa uscita
come parte di un loop effetti, normalmente porterà il segnale originale della chitarra. Quindi, se si
desidera registrare la chitarra dry, collegare l'uscita diretta al dispositivo di registrazione o all'ingresso
dell'interfaccia audio.


Le funzioni descritte nel paragrafo precedente sono solo le impostazioni standard. È possibile modificare
singolarmente le sorgenti di segnale per ciascuna uscita nella sezione di uscita; per esempio. è possibile
impostare le uscite principali per fornire solo il segnale di ritardo e riverbero Wet, mentre l'uscita diretta
trasporta il suono dell'amplificatore puro senza effetti. C'è anche un video tutorial specifico su Output e
setup per la registrazione disponibile su:

https://www.kemper-amps.com/video

Return and Alternative Input (4)


Alternative Input può essere utilizzato come ingresso posteriore per chitarra, che è particolarmente utile
per i modelli Rack e PowerRack. Il parametro "Input Source" deve essere impostato di conseguenza nella
sezione Input.

Il Return Input è disponibile come ingresso bilanciato TRS o XLR. Mentre svolge un ruolo chiave durante
la creazione di profili, come spiegato nel capitolo Catturare un profilo, può anche essere utilizzato in
combinazione con Direct Output/Send in loop per collegare apparecchiature esterne. In combinazione,
Return e Alternative In possono funzionare come una coppia di prese Return stereo. Per maggiori
dettagli consulta il capitolo Effetti Loop.

Sia il Return che l'Alternative In possono anche essere usati come ingressi ausiliari. Ad esempio, potresti
utilizzare questa funzione per mixare musica dal tuo lettore mp3 e suonare insieme. I controlli di mix
corrispondenti si trovano nella sezione Output.


Si noti che l'ingresso XLR del Profiler non fornisce alimentazione phantom.

LF 2018 19
Panoramica del Pannello Posteriore
Power (5)
Collegarlo alla presa a muro utilizzando il cavo di alimentazione in dotazione. L'alimentatore universale
interno accetta 100 V - 240 V CA tramite la normale presa IEC.

USB (6)
Utilizzare la porta USB di tipo A per collegare chiavette USB per backup e aggiornamenti del sistema
operativo. Gli utenti Rack e PowerRack possono trovare questa porta sul pannello frontale. Vedi il
capitolo Aggiornamenti, backup e condivisione dei suoni per i dettagli.

La porta di tipo B viene utilizzata per connettersi all'applicazione Rig Manager sul tuo PC o Mac.

Network (7)
Qui puoi collegare la pedaliera Remote

Pulsanti e Pedali di Espressione (8)


È possibile collegare pedali di espressione e pulsanti per controllare diverse funzioni. Dettagli su
condizioni tecniche, cablaggio e impostazione di pedali e pulsanti sono disponibili nel capitolo dedicato
Pedali di espressione e pedaliere e nei video tutorial su:

https://www.kemper-amps.com/video

MIDI (9)
Utilizzare queste porte per collegare il Profiler alle apparecchiature MIDI. È possibile inviare MIDI
Program Change all'ingresso MIDI per cambiare Rig, e MIDI Control Change per cambiare e controllare
gli effetti. Se si invia il MIDI Clock al Profiler, sincronizzerà istantaneamente il suo tempo, in modo che
qualsiasi effetto dipendente dal tempo, come il delay o il tremolo, adatterà il proprio timing di
conseguenza. Per ulteriori dettagli consultare il capitolo dedicato MIDI.

20 LF 2018
Panoramica del Pannello Posteriore
S/PDIF Digital Input e Output (10)
Si tratta di un input e output digitale che può essere utilizzato per collegare il Profiler ad altri dispositivi
compatibili S/PDIF, come computer e interfacce audio. I dettagli relativi alla connessione e alla
configurazione sono disponibili nel capitolo Ingresso strumento e Reamping.

Uscita Speaker (11)


Solo per Profiler PowerRack / PowerHead. Consulta il capitolo l’amplificatore di Potenza incorporato.

Connettore Kensington ™ Lock (11)


Qui puoi collegare un lucchetto Kensington ™ per proteggere il tuo profiler dal furto.

LF 2018 21
Impostazioni di base
Impostazioni di base
Innanzitutto, vediamo un paio di scenari di base in cui il Profiler può essere utilizzato. Ulteriori
configurazioni specializzate saranno trattate più avanti, nel contesto delle caratteristiche specifiche
richieste.

La tipica configurazione domestica include un lettore MP3 e ascolto tramite cuffie o impianto stereo.

22 LF 2018
Impostazioni di Base

Installazione in studio, il Profiler è collegato a una DAW con monitor audio per l’ascolto.

Volume del Rig


La manopola VOLUME sul lato inferiore destro del pannello anteriore è il volume individuale del Rig
attualmente selezionato. Nota che questo parametro non ha nessun effetto ai fini della saturazione
dell'amplificatore di potenza, quindi non cambierà il carattere del suono, ma solo il volume.
L'impostazione è memorizzata con il Rig. Se vuoi modificare il volume generale del tuo Profiler, usa
invece il MASTER VOLUME.

LF 2018 23
Impostazioni di base
Il Profiler è progettato in modo che ogni profilo, distorsione o compressione produca all'incirca lo stesso
volume, evitando così qualsiasi calo o picchi estremi di volume durante la navigazione attraverso i Rig.
Tutti i Rig di fabbrica sono impostati con VOLUME sulla posizione centrale, che è il volume predefinito.

Se senti che i Rig puliti suonano più piano o più forte dei Rig distorti, non provare a sistemarli regolando
il volume dei singoli Rig! Prova invece a regolare nuovamente il parametro "Clean Sens" nella sezione
Input. La procedura è descritta in dettaglio nel Manuale di base.

Usa la manopola VOLUME per regolare il livello di ciascun Rig in modo che si adatti ad una particolare
canzone, piuttosto che bilanciare i livelli tra tutti i Rigs.

Se senti che qualcuno dei Rig suona particolarmente forte o piano, controlla se è attivo un effetto che
causa il problema. In particolare, controlla le impostazioni del volume individuale degli effetti attivi, nel
caso in cui stiano amplificando o attenuando il suono.

Se la causa non è un effetto, allora potrebbe essere necessario regolare il volume del Profilo. In questo
caso, regolare il parametro "Volume" disponibile nel Modulo Amplificatore fino a quando il Rig suona al
livello corretto. Assicurati di memorizzare il Rig in seguito, se vuoi che il cambio del volume sia
permanente per quel Rig specifico.


Nessuno dei controlli del volume menzionati qui altera il suono. Se senti che un suono è alterato da un
controllo del volume, tieni presente che l'orecchio umano tende a percepire un semplice cambiamento
di volume come un cambiamento di sonorità.

24 LF 2018
Impostazioni Rig
Impostazioni Rig
Il pulsante RIG viene utilizzato per accedere a tutti i parametri relativi al Rig non modificabili dalle
manopole sul pannello frontale.

Etichette (tag)
"Rig Tags" inserisce un elenco di etichette. Poiché possono essere memorizzati e organizzati centinaia di
Rig in modalità Browser, è fondamentale etichettare i Rig con informazioni significative. Alcuni tag sono
collegati al Rig, ad es. "Rig author". Altri sono collegati all'amplificatore e al Cabinet, ad es. "Amp
Manufacturer" e "Cab Model". I pulsanti "Amp Tag" e "Cabinet Tag" sono disponibili nei Moduli
Amplificatore e Cabinet.

Ecco una lista di tutti i tag disponibili:

Rig Rig Name, Rig Author, Instrument (Chitarra / Basso), Rig Comment
Amplifier Amp Name, Amp Author, Amp Location, Amp Manufacturer, Amp Model, Amp Year of
Production, Amp Channel, Pickup Type, Amp Comment
Cabinet Cab Name, Cab Author, Cab Location, Cab Manufacturer, Cab Model, Cab Comment,
Speaker Manufacturer, Speaker Model, Speaker Configuration, Mic Model, Mic Position

Molti tag sono già precompilati, ma vale la pena dedicare del tempo per inserire informazioni accurate,
questo rende molto più semplice la gestione dei Rig, successivamente. I Rig di fabbrica includono già
alcuni eccellenti esempi di tagging.

Utilizzare il pulsante "Rig Tags" nelle Impostazioni Rig, o "Tag Amp" e "Tag Cabinet" nei Moduli
Amplificatore e Cabinet, per accedere all'elenco dei tag associati. Con la manopola "Scroll" è possibile
selezionare un tag che si desidera riempire o modificare. Il pulsante "Edit" apre la schermata Modifica
tag con i seguenti controlli:

ABC Utilizzare la manopola "ABC" per alternare tra maiuscole e minuscole.


<PAGE> I pulsanti PAGE controllano la posizione del cursore.
Character Usa la manopola "Character" per selezionare una lettera.
Utilizzare il pulsante "Insert" per inserire uno spazio prima della posizione corrente del
Insert
cursore.
Clear Il tasto funzione "Clear" cancella il carattere nella posizione corrente. Se lo tieni premuto
per circa un secondo, l'intero tag viene cancellato.
COPY Il pulsante COPY memorizza fino a dieci tag negli Appunti.
PASTE Il pulsante PASTE recupera i tag dagli Appunti a partire dall’ultimo copiato.
Done o EXIT Al termine della modifica, premere il tasto funzione "Done" o il pulsante EXIT per
completare l'operazione.

LF 2018 25
Impostazioni Rig
In alternativa, è possibile utilizzare l'applicazione Rig Manager su PC e Mac per modificare i tag in modo
molto comodo.

Preferiti
Impostando questo flag il Rig attualmente caricato diventa uno dei tuoi preferiti. Maggiori informazioni
su Views e Rigs preferiti, in particolare nel capitolo Organizzazione.

Rig Spillover Off


Se questa opzione è attivata, gli effetti posizionati nei moduli Delay (DLY) e Reverb (REV) non generano
spillover, nel caso in cui si passi a un altro Rig o Slot. Ciò significa che le ripetizioni del delay e riverbero
saranno tagliate immediatamente al cambio Rig, piuttosto che sfumare.


Gli effetti in qualsiasi modulo diverso da Delay (DLY) e Reverb (REV) non genereranno mai spillover,
indipendentemente da questa impostazione.

Istantanee
Le istantanee (Snapshots) sono copie di interi Rig, che è possibile salvare semplicemente premendo il
pulsante "Store Snapshot" in modalità Browser mentre si modifica il suono. Le istantanee non vengono
memorizzate in modalità Browser ma si trovano in un’area separata denominata Snapshots.

Nella pagina "Details" nelle Impostazioni Rig, il pulsante "Browse Snapshots" consente di aprire un
elenco di tutte le istantanee. Qui puoi facilmente confrontare i suoni. Utilizzare la manopola BROWSE
per selezionare un'istantanea dall'elenco, che è possibile caricare, eliminare o memorizzare come Rig in
modalità Browser.

Panorama
Questo parametro permette di spostare il segnale nei canali stereo. Il parametro "Panorama" influisce
su HEADPHONE OUTPUT e su tutte le uscite "Master ..." di MAIN OUT e S/PDIF OUT.

26 LF 2018
Impostazioni Rig
Transpose
Questo è lo stesso effetto che è disponibile come stomp . Usarlo qui nelle Impostazioni Rig significa che
non devi utilizzare un Modulo Effetto.

Volume Rig
Questo è lo stesso parametro controllato tramite la manopola Volume Rig. Nel caso in cui si desideri
utilizzare il Morph del Volume Rig e hai un Profiler a Rack, è possibile regolare ili suono di Base e quello
Morphed in modo più comodo utilizzando la vista di questa pagina.

Tempo
Il pulsante "Tempo Enable" abilita o disabilita il tempo per un Rig. Quando il tempo è disabilitato, tutti i
valori relativi al tempo nel Profiler tornano a un tempo predefinito di 120 bpm e i valori vengono
visualizzati in millisecondi e Hertz. In modalità Performance è disponibile un pulsante aggiuntivo "Use
Perf. Tempo ", che ti consente di impostare un tempo unico per la Performance corrente. Con il
pulsante "Lock Tempo" puoi anche bloccare il tempo a livello globale. La manopola 1 imposta il tempo in
battiti al minuto (BPM).

Un certo numero di parametri temporali consente di determinare il loro timing in base al tempo della
canzone che si suona. Questi includono il timing dei ritardi e il parametro "Rate" del Phaser, Flanger,
Tremolo e altri effetti di modulazione. Esistono quattro modi in cui il tempo può essere controllato,
memorizzato e recuperato:

• Ruota la manopola "Tempo" all'interno delle impostazioni RIG per impostare i battiti al minuto
desiderati (bpm).
• Premere il tempo desiderato sul pulsante TAP.
• Utilizzare il Beat scanner tenendo premuto il tasto TAP.
• Il profiler riceve il MIDI clock da un altro dispositivo.

Leggi ulteriori informazioni su TAP, Beat Scanner e MIDI Clock di seguito.

Tutti i Rig di fabbrica hanno "Tempo" disabilitato di default; questo perché non possiamo sapere in
anticipo di quale tempo avete bisogno. Mentre "Tempo" è disabilitato, i parametri "Rate" dei rispettivi
effetti di modulazione mostreranno i valori assoluti del tempo in Hertz o secondi. Ogni volta che vuoi
sincronizzare gli effetti con un tempo specifico, attiva "Tempo" toccando il pulsante TAP o uno dei
metodi sopra descritti.

LF 2018 27
Impostazioni Rig
Una volta attivato, il pulsante TAP inizia a lampeggiare e il pulsante "Tempo Enable" nelle impostazioni
Rig è evidenziato. Ora che il "Tempo" è attivato, i rispettivi parametri "Rate" degli effetti di modulazione
(Phaser, Flanger e Tremolo) mostreranno i valori in note musicali invece dei valori assoluti del tempo.

Il controllo "Rate" è stato programmato con uno speciale algoritmo. Permette di controllare
continuamente la velocità della modulazione, anche quando è collegata al tempo corrente. Il controllo
"Rate" si estende su un ampio intervallo, da 32 bar a circa 1/64 di nota per effetti Phaser e Flanger e da
da ½ nota a circa 1/64 di nota per il tremolo. In quel range la velocità raddoppia un paio di volte. Per il
raddoppio della velocità è possibile selezionare dodici velocità suddivise in intervalli uguali. La distanza
tra un valore e il successivo è circa del 6%, che è abbastanza piccola da ottenere qualsiasi velocità
desiderata. All'interno di ogni dodici valori troverai il valore per la divisione binaria, vale a dire le note
da un quarto, ottavi, ecc. Inoltre puoi scegliere tra puntato e terzine. Tutti gli altri valori sono
contrassegnati con un semplice "_" a causa di motivi di spazio. Tuttavia, anche quei valori hanno una
certa divisione temporale. Questa distribuzione viene ripetuta ad ogni raddoppio della frequenza di
modulazione.

Se si desidera disabilitare "Tempo", premere il pulsante funzione "Tempo Enable" nelle Impostazioni Rig.
Il pulsante TAP smetterà di lampeggiare e, i parametri "Modulation Rate" mostreranno di nuovo i valori
assoluti.

Il tempo selezionato e lo stato di "Tempo Enable" sono memorizzati con il Rig corrente. In modalità
Performance, troverai il pulsante "Use Performance Tempo" nella pagina "Tempo" all'interno delle
impostazioni Rig. Quando evidenziato, il tempo corrente viene applicato a ciascuno dei cinque slot, per
garantire un tempo uguale per tutta la canzone. Le impostazioni di tempo dei singoli Rig vengono
ignorate. "Performance Tempo" è memorizzato con la Performance.

Fai attenzione ad abilitare "Tempo" per tutti gli Slot della Performance per cui il tempo è rilevante - ad
es. per un ritardo - premendo una volta il tasto TAP quando il rispettivo Slot è selezionato. L'attivazione
di "Performance Tempo" annullerà le impostazioni del tempo di Rig, ma non lo stato di "Tempo Enable".

Il pulsante "Lock Tempo" impedirà le modifiche al Rig o le variazioni delle Performance che influiscono
sul tempo corrente. Questo tempo rimarrà lo stesso, finché non lo cambi impostando un nuovo tempo
o usando uno degli altri metodi di cambio del tempo descritti sopra.

28 LF 2018
Impostazioni Rig
Tap Tempo
Premere il pulsante TAP ritmicamente in quartine (semiminime) per creare il tempo desiderato. Il tempo
viene impostato alla seconda pressione del pulsante, ma più ripete la pressione del pulsante, più preciso
sarà il tempo. Per ottenere davvero il massimo dal TAP tempo, puoi assegnare un interruttore a pedale
a questo parametro e semplicemente battere il ritmo con il piede mentre suoni. Puoi anche assegnare
un pulsante di un controller MIDI alla funzione TAP. Il Remote offre un pulsante TAP dedicato. Per
ulteriori informazioni, leggere il capitolo Remote e MIDI. Il TAP tempo non influenza solo il valore
temporale del ritardo, ma anche qualsiasi altro effetto relativo al tempo nel Rig attuale. Per ottenere i
battiti al minuto desiderati (bpm), è essenziale premere ritmicamente il pulsante TAP in quartine
(semiminime). "To Tempo" deve essere selezionato per sincronizzare il delay al tempo. Lo schema
ritmico del ritardo è determinato dai rispettivi valori musicali per ciascuna linea di delay.

Beat Scanner
Beat Scanner è una simpatica alternativa al TAP tempo; invece di premere ritmicamente, tieni premuto
il pulsante TAP o l'interruttore a pedale premuto per attivarlo. Ora continua a suonare la chitarra.
L'algoritmo Beat Scanner ascolta il ritmo della tua esecuzione e rileverà il bpm in pochi secondi. Non è
necessario suonare un ritmo speciale - qualsiasi riff dovrebbe essere sufficiente, a patto che venga
suonato con una certa precisione. Evitare di suonare triplette o note puntate, in quanto ciò potrebbe
indurre il Beat Scanner ad un tempo sbagliato. Quando il tempo impostato ti soddisfa, basta rilasciare il
pulsante o l'interruttore TAP e il tempo rimarrà costante. Puoi creare qualsiasi tempo tra 80 e 160 bpm.

Beat Scanner non è in grado di rilevare se un tempo è, ad esempio, 70 bpm o doppio - 140 bpm. In
questa situazione, sceglierà 140 bpm.

Midi Clock
MIDI clock è un segnale di tempo generato continuamente da tutte le workstation audio digitali e altri
dispositivi e trasmesso via cavo MIDI quando desiderato. Puoi utilizzare il MIDI clock da qualsiasi
dispositivo per sincronizzare automaticamente alla musica i tuoi effetti di delay e di modulazione, anche
sul palco. Il Profiler si sincronizzerà automaticamente con un segnale di clock MIDI ricevuto dal suo MIDI
INPUT.

Il Profiler può inviare il MIDI clock tramite il suo MIDI OUT per sincronizzare altri dispositivi. Questa
funzione deve essere attivata nelle Impostazioni di sistema. Se MIDI THRU viene utilizzato come uscita
MIDI ausiliaria, il MIDI clock viene anche inviato anche su MIDI THRU.

LF 2018 29
Impostazioni Rig
Volume Pedal
La funzione Volume Pedal non è un tipo di effetto, in quanto ciò occuperebbe un Modulo. Invece
troverai due parametri per il pedale del volume nelle Impostazioni Rig. Fare riferimento al capitolo
Pedali di espressione e pedaliere per i dettagli.

Parallel Path
Questa funzione è stata progettata in particolare per i bassisti. Tuttavia, può essere utilizzata con
qualsiasi strumento. Il Profiler offre una vasta gamma di profili per bassisti, oltre a numerosi effetti e
distorsioni che possono essere utilizzati in combinazione con un basso. Soprattutto quando suonato
attraverso un amplificatore distorto o un pedale di distorsione, il basso può perdere alcune delle
frequenze fondamentali e anche la gamma dinamica. Per compensare ciò, il segnale non distorto viene
solitamente miscelato al segnale distorto o elaborato in altro modo.

In basso Il normale flusso dei segnali :

Normale flusso dei segnali

Le impostazioni Rig consentono un percorso segnale parallelo al segnale, che passa direttamente alla
sezione di uscita, bypassando sia la sezione di stack che tutti gli effetti. Quando "Parallel Path" è
attivato, i moduli A e B diventano esclusivi per il percorso parallelo, consentendo ad esempio di
aggiungere compressione ed EQ. I moduli C e D rimangono all'interno del normale percorso del segnale,
insieme alle sezioni Stack ed Effects. Questo routing è visualizzato dalla catena del segnale in modalità
Browser.

30 LF 2018
Impostazioni Rig

Flusso dei segnali attivando Parallel Path

Il pulsante 1 "Parallel Path" abilita e disabilita questa funzione. Quando abilitato, il parametro "Parallel
Path Mix" determina il bilanciamento tra il percorso parallelo (più a sinistra) e il percorso del segnale
regolare (più a destra).

Se si utilizzano effetti come distorsione o compressione in uno dei due percorsi, è possibile che i livelli di
ciascuno differiscano in modo significativo. Questo perché il livello del segnale dipende in genere dal
livello dello strumento in generale, ma spesso è indipendente, quando è coinvolta la distorsione o la
compressione. È possibile evitare tali variazioni di livello regolando il parametro "Clean Sens" nel menu
Input. "Clean Sens" bilancia i suoni puliti e distorti (o compressi) a livelli uguali. Questo influenza anche il
Parallel Path.


Per ulteriori informazioni sul parametro "Clean Sens", fare riferimento al rispettivo paragrafo nel
Manuale di base o all'esercitazione sulla sezione di input disponibile su:

https://www.kemper-amps.com/


Un video tutorial dedicato all’utilizzo di Parallel Path è disponibile su:

https://www.kemper-amps.com/

LF 2018 31
Impostazioni Rig
Morph
Le funzioni di questa pagina verranno spiegate successivamente nel capitolo Morphing.

32 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Lavorare con i profili dell'amplificatore, i profili Cabinet, i finali
di potenza e i Cabinet reali
È possibile saltare questo capitolo, se non si intende suonare attraverso Cabinet reali, creare profili
personali, scambiare cabinet profilati o importare impulse response.

Separazione di amplificatori e cabinet: CabDriver


I profili di Studio vengono creati utilizzando un amplificatore e un cabinet per chitarra, microfonati con
uno o più microfoni. Il profilo Studio risultante è diviso in due parti: Amplificatore e Profilo del cabinet,
con il suono del microfono che diventa parte integrante di quest’ultimo. Poiché il profilo Studio
realizzato tutto insieme, è completo e perfetto così com'è. Sebbene non ci siano informazioni esatte sul
suono separato dell'amplificatore o del cabinet, il Profiler utilizza un algoritmo intelligente per creare la
migliore approssimazione dii separazione tra l'Amplificatore e i Profili Cabinet. Questo algoritmo è
chiamato CabDriver. CabDriver rende possibile separare i profili dell'amplificatore e del cabinet di un
profilo di Studio e combinarli con quelli scelti da un altro Rig o Preset. Permette inoltre di disattivare la
simulazione del cabinet ("Monitor Cab Off") per pilotare un vero cabinet per chitarra. Le interazioni
tipiche tra l'amplificatore di potenza a valvole originale e il cabinet, vengono catturate all'interno del
profilo dell'amplificatore. Il risultato è quindi altamente autentico e pronto per essere amplificato da un
amplificatore a stato solido o dall'amplificatore di potenza incorporato in classe D opzionale di Profiler
PowerHead e PowerRack.


Risultati autentici possono essere ottenuti creando o utilizzando i cosiddetti profili Direct Amp. Questo
metodo è descritto nei paragrafi successivi.

LF 2018 33
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Scegliere tra Amplificatori o Cabinet
Ci sono due fonti da cui selezionare Amplificatori, Cabinet o lo Stack completo. Mentre hai selezionato la
rispettiva sezione, ruota la manopola BROWSE di un clic: i pulsanti 1 e 2 ti permetteranno ora di
scegliere tra "Local Presets" o "From Rigs". Il metodo "From Rigs" inserirà l'elemento selezionato, ad es.
Cabinet, dagli altri Rig presenti in modalità Browser, in base alla vista che hai selezionato nella pagina di
selezione. Questo metodo può essere applicato all'amplificatore e al modulo cabinet nonché alla
sezione stack nel suo insieme.

Il modulo e le preimpostazioni di sezione contengono moduli o sezioni della catena del segnale, ad es.
Amplificatore, Cabinet o Stack, che gli utenti possono memorizzare. Se non hai ancora creato alcun
preset, potresti trovare solo la selezione che abbiamo preparato e incluso nel Contenuto di fabbrica a
scopo dimostrativo.

Esistono altri due metodi per inserire moduli da altri rig:

• Copia e incolla qualsiasi Modulo o Sezione da un altro Rig usando i pulsanti COPY e PASTE.
• Blocca tutti i moduli e/o le sezioni mentre navighi attraverso le Rigs in modalità Browser.

34 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Profili Direct
Oltre ai normali profili Studio, che includono l'amplificatore, l'altoparlante e il microfono, abbiamo
anche profili direct. Ecco alcuni esempi:

• Un profilo di amplificazione direct, preleva il segnale sull'uscita dell'altoparlante di potenza,


utilizzando una DI box. Un profilo come questo rappresenta l'intero amplificatore, escludendo
l'altoparlante e il microfono. Questo può quindi essere riprodotto attraverso un cabinet per
chitarra utilizzando un amplificatore di potenza a stato solido, come l'amplificatore opzionale di
PowerHead e PowerRack. Il profilo di amplificazione direct è il più importante tipo di profilo
diretto, che sarà discusso in dettaglio nel capitolo Profilo Amplificatore direct più avanti.

Creazione di un Profilo Direct

LF 2018 35
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
• Il profilo di un amplificatore per chitarra acustica o un simulatore di amplificatore per acustica.
Questo ti permette di suonare una chitarra acustica con pickup piezo, come se il suono passasse
attraverso un microfono.
• Un profilo creato prelevando il segnale sull'uscita diretta di un amplificatore per basso.
• Un profilo di un amplificatore per chitarra, collegato al jack SEND del loop di effetti, che
rappresenta la sezione di preamplificazione di questo amplificatore. Questo profilo direct può
quindi rientrare attraverso il jack RETURN dell'effetto loop dell'amplificatore per chitarra, e
ulteriormente attraverso la sua sezione di amplificatore di potenza e un cabinet per chitarra. A
scopo informativo, il seguente grafico illustra questa configurazione, sebbene non
raccomandiamo concettualmente questa configurazione.

Utilizzo di un amplificatore per chitarra e un cabinet per l’ascolto dei profili di preamplificazione direct

I profili diretti implicano che il suono non è filtrato né da un cabinet o da un microfono. Non hanno il
caratteristico taglio delle alte frequenze che normalmente avviene in un cabinet per chitarra, quindi
ascoltanto attraverso diffusori full range e alzando il gain, o aggiungendo un distorsore, si otterrebbe un
suono “zanzaroso”. I profili direct sono pensati per essere riprodotti attraverso un diffusore reale o non
sono destinati a essere distorti.

36 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
La seconda differenza, rispetto ai Profili Studio, è che il modulo cabinet è disattivato, perché non è incluso
un cabinet virtuale. In altre parole: i profili diretti sono contenuti interamente all'interno del modulo
amplificatore. Sei libero di scegliere un cabinet ruotando la manopola Browse o caricare un Preset Cabinet,
nel caso in cui il tuo profilo diretto richieda un cabinet.

Un profilo diretto verrà preso alimentando l'uscita del dispositivo di riferimento direttamente o tramite la
DI box nel Return Input del Profiler, piuttosto che catturare il suono tramite il microfono. Non è necessaria
alcuna ulteriore preparazione. Durante il processo, il Profiler rileverà automaticamente la sonorità di un
profilo diretto e disabiliterà di conseguenza il modulo Cab. Non tutti i DI box sono adatti per questo lavoro.
Poiché la DI box deve essere posizionata tra l'amplificatore di potenza e il cabinet, deve essere in grado di
gestire tali livelli di segnale. Alcune DI box sono adatte solo per segnali a livello linea. Quelle non possono
essere usate. Se la DI box incorpora le opzioni di simulazione o l'attenuazione di cassa, queste funzioni
devono essere disabilitate. Alcune DI box non consentono la disattivazione completa di questi parametri.

Profili Direct Amp


I profili di amplificazione direct sono costituiti dal preamplificatore e dall'amplificatore di potenza
dell'amplificatore di riferimento e hanno il chiaro vantaggio di far suonare un amplificatore di potenza a
stato solido come un amplificatore a valvole. Anche le importanti interazioni di impedenza tra
l'amplificatore di potenza e il cabinet dell'altoparlante vengono catturate, nonostante il cabinet stesso
non sia incluso.

Un profilo di amplificazione direct può pilotare un cabinet fisico con la massima autenticità possibile,
amplificato da un amplificatore a stato solido o l'amplificatore di potenza in classe D incorporato di
PowerHead e PowerRack. Non è richiesto un amplificatore di potenza a valvole, perché le interazioni di
amplificatore di potenza sono già state acquisite nel Direct Amp Profile e riprodotte perfettamente,
tramite un amplificatore di potenza lineare. La riproduzione di un profilo di amplificazione diretta
tramite un amplificatore a valvole, invece, non porterebbe ad un suono autentico, così come si
otterrebbe con due amplificatori valvolari in serie: uno virtuale e uno fisico.

Poiché il modulo cabinet di qualsiasi profilo direct è vuoto, potrebbe anche essere occupato da un
profilo cabinet da un altro rig o da un preset del cabinet. Per fare ciò, selezionare il modulo Cabinet e
ruotare la manopola BROWSE per localizzare una cabinet adeguato dai propri Preset o da qualsiasi altro
Rig.

LF 2018 37
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Cabinet Impulse Response
I Preset cabinet sono anche venduti da società terze sotto forma di cosiddetti impulse response (IR).
Questi possono essere convertiti in un formato proprietario utilizzando il software Kemper Cab Maker,
disponibile per Mac e PC. I file risultanti possono quindi essere importati nel Profiler usando una
memoria USB. Per trovare i Preset Cabinet importati, prima premere CABINET, quindi utilizzare la
manopola BROWSE.

Una impulse response è la compagna perfetta di qualsiasi profilo di amplificazione diretta. Mentre
quest'ultimo è una perfetta riproduzione dell'amplificatore per chitarra, l’IR Cab è la perfetta
riproduzione di un cabinet per altoparlanti. Combinati, sono autentici come un profilo Studio.

Ti consigliamo vivamente di selezionare gli IR del cabinet che sono stati acquisiti utilizzando un
amplificatore a stato solido, piuttosto che un amplificatore a valvole. Poiché gli effetti di interazione di
amplificatore e cabinet sono riprodotti dal profilo Amp, è una buona idea non averli riprodotti nel
profilo Cab una seconda volta.

Unione di profili studio e profili di amplificazione direct


Nel caso in cui ti stia chiedendo se i Profili di Amplificazione Direct possono essere integrati con i Profili
Cabinet Studio in un singolo Profilo contenente il suono di entrambi la risposta e Si. Per fare ciò, creare
un profilo di amplificatore direct (senza cabinet) e un profilo studio (con cabinet e microfono) dello
stesso amplificatore di riferimento e salvarli separatamente. È buona norma mantenere tutte le
impostazioni dell'amplificatore di riferimento esattamente identiche per entrambi i profili, per ottenere
il risultato più autentico possibile. Entrambi i profili possono quindi essere uniti copiando il Cabinet del
profilo Studio nel profilo Direct Amp e premendo il tasto funzione "Merge Cabinet". Ecco la procedura in
dettaglio:

• Seleziona il profilo Studio in modalità Browser.


• Tenere premuto il tasto CABINET per almeno un secondo finché non è selezionato.
• Premere il pulsante COPY sul pannello anteriore.
• Premere EXIT e selezionare il rispettivo profilo Direct Amp.
• Premere nuovamente CABINET finché non è selezionato.
• Premere il pulsante PASTE.
• • "Merge Cabinet" apparirà sotto il tasto funzione 2. Premerlo!
• È possibile annullare/ripristinare l’unione premendo nuovamente "Merge Cabinet" e
confrontare i risultati.
• Premere EXIT e memorizzare il nuovo profilo.
• Dopo averlo memorizzato non è più possibile annullare l’unione!

38 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Il tuo profilo unito ora presenta l'autentico suono "amp con cabinet" del profilo Studio, ogni volta che il
modulo cabinet è attivo. Se si disattiva il modulo Cabinet, si otterrà l'autentico suono "solo
amplificatore" del profilo Direct Amp da inserire in un cabinet per chitarra fisica. I profili Direct Amp e
Studio originali sono ora completamente contenuti nel profilo unito, quindi è possibile cancellarli ora, se
lo si desidera.

Un effetto collaterale positivo è che il Cabinet del profilo unito è diventato un cabinet "autentico",
paragonabile a uno basato su una impulse response importata. Se si copia un profilo Cabinet "unito"
come questo in un altro profilo di Studio in seguito, esso non subirà la normale approssimazione
dell'algoritmo CabDriver. La "autenticità" del cabinet sopravvivrà alla copia, tuttavia l'amplificatore del
profilo Studio ricevente non può ottenere "autenticità" in questo modo. Se copi un cabinet "autentico"
in un profilo unito, sia l'amplificatore che il cabinet saranno "autentici".


Il pulsante "Merge cabinet" viene sempre visualizzato se il cabinet di un profilo Studio viene copiato in
un profilo di amplificazione direct. Non apparirà in altre condizioni.


Quando hai creato sia Direct Amp sia Profili Studio dello stesso amplificatore con impostazioni invariate,
potresti comunque notare che i valori di "Amp Gain" e "Amp Definition" sono diversi. Non preoccuparti,
questo non ha alcun impatto sul suono.

Pilotare un cabinet per chitarra con un amplificatore di


potenza, "Monitor Cab Off"
Per la perfetta configurazione sul palco, il Profiler consente di far funzionare simultaneamente un
cabinet per chitarra tramite un amplificatore di potenza e, allo stesso tempo, inviare un suono di studio
completo (amplificatore più cabinet e microfono) dalle MAIN OUTPUTS al mixer. Dal momento che il tuo
cabinet per chitarra non ha più bisogno di essere microfonato, diventa il tuo monitor personale sul
palco. MONITOR OUTPUT ha un controllo di volume indipendente così come un equalizzatore uscita
monitor dedicato, nelle impostazioni di uscita. Questi ti permettono di adattare il suono al tuo cabinet,
mentre il suono sulle altre uscite rimane inalterato.

Per questa configurazione, è necessario bypassare il profilo cabinet per MONITOR OUTPUT, in modo da
evitare l'esecuzione della simulazione cabinet tramite un cabinet fisico. Il pulsante "Monitor Cab Off"
nelle Impostazioni di uscita escluderà il profilo del Cabinet per MONITOR OUTPUT e l'amplificatore di
potenza incorporato di PowerHead e PowerRack, mentre il profilo del cabinet rimane attivo per le altre
uscite, incluse le USCITE MAIN. Questa è una impostazione globale, e quindi applicata a tutti i Rig.
Tuttavia, il segnale proveniente da MONITOR OUTPUT viene elaborato in base al tipo di profilo incluso
nel Rig: per i profili Studio regolari, l'algoritmo CabDriver viene attivato, mentre i profili uniti alimentano
il suono dell'amplificatore diretto all'uscita MONITOR e all'amplificatore di potenza incorporato .

LF 2018 39
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
Utilizzare l'amplificatore di potenza incorporato in classe D opzionale di PowerHead / PowerRack o un
amplificatore di potenza a stato solido separato per pilotare il cabinet. Se il profilo su cui si suona è un
profilo amplificatore diretto, i risultati sonori sono identici all'amplificatore valvolare di riferimento! Non
è necessario, e sarebbe un pò contraddittorio, usare un amplificatore a valvole, perché si avrebbe
l'effetto di un amplificatore a valvole due volte. Ciò potrebbe aggiungere alcune piacevoli frequenze
basse e alte al suono, ma non suonerà in maniera fedele all’originale.

PowerHead con Cabinet fisico

Per essere più chiari, c'è una differenza sostanziale tra gli amplificatori a valvole e gli amplificatori a stato
solido: mentre gli amplificatori a stato solido cercano di ottenere una risposta in frequenza lineare, gli
amplificatori a valvole spesso creano una risposta di frequenza "artistica", non lineare. Gli amplificatori a
stato solido offrono una bassa impedenza di uscita che attenua le risonanze dell'altoparlante. Gli
amplificatori a valvole non le attenuano e lasciano che l'altoparlante produca risonanza, creando così una
ulteriore risposta di frequenza, oltre alla risposta dell'amplificatore a valvole. Questo è chiamato
"interazione tra l'amplificatore e l'altoparlante". Su Profili ampli direct o Profili Merged, questa interazione
è già acquisita nel profilo. Sui profili di Studio invece viene simulata l'interazione. Solo un amplificatore a
stato solido può riprodurre il tuo profilo in modo autentico e imprimere il comportamento di impedenza
originale all'altoparlante, senza aggiungere interazioni e variazioni di suono imprevedibili di un altro
amplificatore a valvole.

40 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
L'amplificatore di potenza incorporato
L'amplificatore di potenza integrato opzionale ti consente di collegare il tuo Profiler a cabinet per
chitarra a 4, 8 e 16-ohm, oltre a cabinet passivi full range. È internamente collegato al MONITOR
OUTPUT, quindi tutte le funzioni dell'uscita MONITOR sono applicate anche all'amplificatore interno.
Fare riferimento al capitolo Uscita monitor di questo manuale per informazioni più dettagliate.

I controlli per l'amplificatore di potenza sono disponibili nella pagina dedicata del menu Output/ Master:

 Pulsante Power Amp


Attiva o disattiva l'amplificatore di potenza integrato. Non è necessario spegnerlo quando non in uso; a
differenza di un amplificatore a valvole, l'amplificatore di classe D incorporato non si danneggia se non
si ha un altoparlante collegato. Tuttavia, potrebbe essere necessario disattivarlo per ridurre il consumo
di energia.

 Power Amp Booster


Come accennato, l'amplificatore di potenza è collegato internamente all'uscita MONITOR.
L’amplificatore fornisce abbastanza gamma dinamica per supportare anche gli attacchi forti e i
transienti delle chitarre pulite. Tuttavia, l’ampia gamma dinamica abbasserà naturalmente il volume del
segnale per l'amplificatore di potenza, in modo da non ottenere il volume desiderato. Alzando il "Power
Amp Boost" si aumenterà il volume fino a 12 dB, oltre agli altri controlli di volume nel flusso del segnale,
come "Volume monitor" o "Volume Rig". Il "Power Amp Boost" non ha più alcun impatto sul suono o
sulla dinamica dell'amplificatore di potenza. Quando l'amplificatore di potenza è spento, "Power Amp
Boost" è disattivato, restituendo così la dinamica dell'intero segnale all'uscita MONITOR.

• L'amplificatore di potenza interno eroga 600 watt a 8 ohm; il wattaggio verrà abbassato a 300
watt quando utilizzato a 16 ohm. L'amplificatore di potenza offre dinamica sufficiente per
evitare il clipping, anche con suoni dinamici e puliti. Segnali e transienti molto rumorosi
verranno quindi compressi da un piacevole circuito di soft-clipping dal suono organico. Tuttavia,
dovresti usare questi 600 watt di potenza con cautela - se stai lavorando a volumi elevati e noti
qualsiasi segnale di “stress” dell'altoparlante, abbassa "Volume monitor" o "Amplificatore di
potenza".

A 4 ohm il wattaggio è limitato elettronicamente a 600 watt. Se questi 600 watt vengono superati,
l'amplificatore viene disattivato per un breve periodo, causando un breve interruzione. Le interruzioni si
verificano solo a volumi esagerati. Tuttavia, se si collega un cabinet da 4 ohm, è necessario testarlo
attentamente per assicurarsi che i segnali più forti rimangano al di sotto di tale livello critico.

LF 2018 41
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
 Attenzione!
Non collegare mai un dispositivo attivo all'uscita dell'amplificatore di potenza! Qualsiasi dispositivo
attivo che ha un circuito con messa a terra danneggerà l'amplificatore di potenza creando un
cortocircuito.

Solo i sistemi di altoparlanti passivi devono essere collegati a SPEAKER OUTPUT.

MAI collegare dispositivi con impedenze inferiori a 4 ohm, in quanto l'amplificatore di potenza
potrebbe essere danneggiato.

Assicurare sempre un'adeguata ventilazione; soprattutto se si monta il Profiler in un rack. In caso


contrario, l'amplificatore potrebbe spegnersi per evitare il surriscaldamento.

L'amplificatore di potenza offre dinamica sufficiente per evitare il clipping, anche con suoni dinamici e
puliti. Tuttavia, dovresti usare questi 600 watt di potenza con cautela - se stai lavorando a volumi
elevati e noti qualsiasi segnale di “stress” dell'altoparlante, abbassa "Volume monitor" o "Amplificatore
di potenza".

Cabinet per Chitarra VS Altoparlanti Microfonati


Questo capitolo è dedicato ai chitarristi che di solito ascoltano i loro amplificatori attraverso un
altoparlante per chitarra e non hanno familiarità con il suono in studio di un altoparlante microfonato.

L'altoparlante per chitarra è diverso dalla maggior parte degli altri tipi di altoparlanti, in quanto è in
grado di trasmettere solo una risposta in frequenza limitata. Ecco perché ascoltare la musica utilizzando
un Cab per chitarra non è affatto una buona idea. Per suonare la chitarra, tuttavia, sono assolutamente
essenziali, specialmente per i suoni distorti, poiché attenuano le alte frequenze della distorsione. Il
drastico filtraggio delle basse frequenze caratterizza il tono di una chitarra elettrica.

Per registrare il suono della chitarra attraverso un cabinet per chitarra, o per amplificarlo ulteriormente
per un concerto dal vivo, non hai altra scelta che posizionare uno o più microfoni davanti
all'altoparlante per catturare il suono completo del rig. La scelta dei microfoni, e anche il loro
posizionamento, modificherà ulteriormente il suono; questa è certamente un'arte di per sé, ma
fortunatamente è anche facile da imparare.

I profili Studio in modalità Browser vengono salvati allo stesso modo. Per avere un suono autentico è
facile collegare le MAIN OUTPUT al mixer, sia che si trovi in uno studio, sia in un luogo dal vivo. Questo
è uno dei principali vantaggi degli amplificatori per chitarra digitali: riproducono l'intero suono del
cabinet e del microfono del diffusore nel loro cuore digitale. Non c'è più bisogno di trasportare pesanti
cabinet o di impazzire per cercare di riprodurre una determinata posizione del microfono.

42 LF 2018
Lavorare sui profili Amp e Cabinet
C'è un altro svantaggio che può essere evitato sul palco o in sala prove: gli altoparlanti dei cabinet per
chitarra hanno un suono direzionale, il che significa che le alte frequenze sono più forti quando si
ascolta in asse con gli altoparlanti. Al contrario, sono attenuati quando ascoltate fuori asse. Ogni
altoparlante soffre di questo effetto in una certa misura, ma i cabinet per chitarra sono particolarmente
soggetti al fenomeno. Quanto più ti avvicini al cabinet, tanto più fuori asse e fuori fuoco sarà il suono,
perché le orecchie sono posizionate molto più in alto rispetto all'asse degli altoparlanti. Ciò significa che
se vuoi ascoltarti bene nel mix sul palco, tenderai ad avere un volume abbastanza alto.
Sfortunatamente, in tutto questo i tuoi colleghi musicisti e il tuo pubblico in un piccolo locale ne
soffriranno, perché ascoltano un suono più diretto. Ricorda: non sentono ciò che senti. Questo
potrebbe essere il motivo per cui i chitarristi sono spesso accusati di suonare troppo forte – si tratta di
percezione.

Il problema è che molti chitarristi che non suonano regolarmente in studio o nei live, tendono anon
essere soddisfatti con questo suono quando ascoltano i Profili Studio del Profiler attraverso i monitor
da studio o le cuffie. Alcuni dicono che il suono originale del cabinet della chitarra è il vero suono
dell'amplificatore, mentre l'altoparlante microfonato gli conferisce un suono artificiale. Ascoltare un
amplificatore microfonato attraverso i diffusori full range è un'esperienza diversa rispetto all'ascolto del
cabinet che si trova nella stanza, e la differenza è particolarmente evidente quando si ascolta
l'amplificatore da solo, senza essere accompagnato da un batterista e un bassista .

Ora, quanto sopra potrebbe essere vero, ma il suono microfonato è anche il vero suono, in un certo
senso! È il suono che senti in ogni disco e in ogni grande sala da concerto. Questo è il suono che
presenterai al tuo pubblico. Non c'è modo di ottenere il suono del tuo amplificatore su una
registrazione, o attraverso un grande PA, se non usando microfoni, posizionati vicino all'altoparlante
per catturare il suono. È così che è stato fatto dall'avvento degli amplificatori per chitarra. Hai mai
avuto la possibilità di ascoltare il puro suono amplificato dei tuoi eroi chitarristici? È probabile che tu
non l'abbia fatto, perché per farlo, avresti avuto bisogno di un invito a casa loro o in sala prove. Quello
che hai sentito, invece, è il loro grande suono attraverso un'impostazione microfonica perfetta - l'unico
modo in cui possono presentarti la loro arte.

Quindi, come puoi vedere, è una buona idea avere familiarità con, il suono microfonato del tuo rig,
perché questo è ciò che il tuo pubblico ascolterà. Otterrai risultati migliori quando ascolterai i Profili e i
Rig completi attraverso i monitor dal vivo, proprio come il cantante e il tastierista saranno abituati a
fare. In definitiva, otterrete un controllo molto migliore sul suono rispetto agli altri strumenti - in
effetti, la maggior parte dei musicisti professionisti lavora in questo modo, ascoltando il suono
dell'intero palco sia dai monitor da palco che dai feed in-ear.

LF 2018 43
Sezione Output/Master
Sezione Output/Master
Nella sezione Output / Master trovi tutte le impostazioni che controllano le uscite audio fisiche del
Profiler. È possibile impostare singoli volumi e indirizzare i diversi segnali singolarmente su più uscite. Le
impostazioni dell'intera sezione di output possono essere memorizzate come preimpostazione di
output, come già visto con gli stomp e gli effetti.

È tecnicamente possibile bloccare la sezione di Output come qualsiasi altro modulo o Sezione. Tuttavia,
poiché le impostazioni di output non vengono mai memorizzate come parte di un rig, il blocco della
sezione di uscita non ha alcuna utilità. La sezione di output è globale per progettazione e quindi
praticamente sempre bloccata.


Le impostazioni del livello del volume non sono memorizzate con le preimpostazioni di Output, in
quanto il cambio Preset potrebbe comportare variazione di volume pericolose.


Le impostazioni della sezione di output non vengono memorizzate sul Rig, sono impostazioni globali.
Nella terminologia del Profiler: sono bloccati e non possono essere sbloccati.

Volume di Uscita e Collegamenti


All'interno delle impostazioni di output si trovano i singoli volumi per diversi output fisici. Quando si
preme il tasto funzione "Link" corrispondente nella parte superiore della pagina "Output Volumes" o
"Output AddOns", è possibile collegare o scollegare il rispettivo volume alla manopola MASTER
VOLUME. Qualsiasi volume collegato sarà controllato dalla manopola MASTER VOLUME, senza dover
accedere nuovamente alle impostazioni di uscita. È possibile collegare più di un volume a MASTER
VOLUME. Se si ruota MASTER VOLUME, questi volumi sono regolati l'uno rispetto all'altro. Tutti i volumi
di uscita possono essere comunque controllati singolarmente mediante le manopole nelle Impostazioni
di uscita. Un'applicazione live ovvia è quella di scollegare l'OUTPUT MAIN che sta andando al banco di
missaggio principale. Ora è possibile modificare il volume del segnale del monitor o delle cuffie mentre il
segnale principale rimane invariato.


Il collegamento o lo scollegamento di un volume non causa mai salti di volume. Quindi è possibile
modificare le impostazioni del collegamento anche live sul palco.


Il volume di uscita e il collegamento al volume del volume di uscita sono disponibili anche per S / PDIF
OUT.

44
LF 2018
LF 2018
Sezione Output/Master
Sorgenti di Output
All'interno delle impostazioni di output è possibile modificare il routing alle uscite fisiche o, in altre
parole, selezionare le sorgenti di segnale da inviare alle uscite. Se pensi che ogni uscita fornisca il
segnale di cui hai bisogno, allora puoi saltare questo capitolo. Le impostazioni di fabbrica per le sorgenti
di segnale sono impostate per l’utilizzo nella stragrande maggioranza dei casi..

Ogni uscita può attraversare un numero di punti diversi nel flusso del segnale. Ecco una descrizione delle
sorgenti di segnale, che possono essere intercettate. Nota che solo un sottoinsieme di segnali è
disponibile per ogni singolo output.

Off L'uscita è disattivata.


Git Analog (Disponibile e predefinito solo per DIRECT OUTPUT) Il segnale dello strumento
pulito viene inviato a DIRECT OUTPUT da uno splitter analogico, non avviene
alcuna conversione AD / DA. Il livello del segnale analogico è lo stesso
dell'ingresso dello strumento. Utile per il reamping o per suonare un secondo
amplificatore in parallelo.
Git+Processing (Non disponibile per S/PDIF OUTPUT). Simile a "Git Analog" con conversione AD.
Nota: il controllo del volume delle rispettive uscite non avrà alcun impatto sulle
impostazioni del segnale "Git ...", perché progettate per riprodurre il volume
originale dello strumento.
Git Studio Simile a "Git + Processing", ma qui il segnale dello strumento viene amplificato a
livello “studio”, che è molto più forte del livello originale. Pertanto non è
necessario un DI box separato per registrare lo strumento puro per scopi di
reamping. Poiché il volume dello strumento è alto, è importante regolare "Clean
Sens" nella sezione Input.
Stack Il segnale viene prelevato direttamente dopo la sezione Stack e non include
alcun effetto Post Amp.
Mod Stereo (Non disponibile per DIRECT OUTPUT e MONITOR OUTPUT, in quanto queste
sono uscite mono) Il segnale stereo viene prelevato direttamente dopo l’effetto
MOD e contiene l'intero segnale, ma senza ritardo e riverbero.
Mod Mono Fornisce un segnale miscelato mono del segnale "Mod Stereo".
Mod Left (o Right per DIRECT OUTPUT) Fornisce solo un lato del segnale stereo di "Mod
Stereo". Simile a "Mod Mono" ma spesso meno definito, a seconda di quali
effetti stereo vengono utilizzati.
Master Stereo (Impostazione predefinita per MAIN OUTPUT e S/PDIF OUTPUT, non disponibile
per DIRECT OUTPUT e MONITOR OUTPUT, poiché sono uscite mono)
Rappresenta il segnale completo con tutti gli effetti in stereo.
Master Mono (Impostazione predefinita per MONITOR OUTPUT) invia un uscita mono del
segnale "Master Stereo".
Master Left (o Right for DIRECT OUTPUT). Fornisce solo un lato del segnale stereo di
"Master Stereo". Simile a "Master Mono" ma spesso meno definito, a seconda
di quali effetti stereo vengono utilizzati.
Delay/Reverb Wet (disponibile solo per MAIN OUTPUT e S/PDIF OUTPUT) Viene inviato all'uscita
solo il segnale Wet degli effetti stereo delay e riverbero. Se nessun delay o
riverbero sono attivi, l'uscita rimarrà silenziosa.

LF 2018 45
Sezione Output/Master
Le seguenti quattro impostazioni sono disponibili solo per S/PDIF OUTPUT. Queste consentono di
registrare, sulla workstation audio digitale, simultaneamente il segnale dello strumento non elaborato
per il reamping (come descritto in "Git Studio") e il segnale mono in uscita dall’amplificatore. Il segnale
dello strumento non elaborato sarà inviato al lato sinistro dell’uscita S/PDIF, il segnale dell'amplificatore
sulla destra.

Git / Stack Il segnale a sinistra è lo strumento non elaborato, con noise gate e pedale di
Volume (se Volume Pedal è impostato su "Pre Stomps"). Il lato destro del
segnale trasmetterà il segnale Stack e non include alcun effetto Post Amp.
Git / Mod Left Come sopra, ma con il segnale di destra inviato dal canale sinistro del modulo
MOD.
Git / Mod Mono Come sopra, ma con il segnale destro preso dal mix mono del modulo MOD.
Git / Master Left Come sopra, ma con il segnale destro preso dal canale sinistro della Sezione
Master.

A seguito di quanto descritto sopra, ecco alcune utili applicazioni e commenti per esempio:

• DIRECT OUTPUT funge da buffer analogico per l'ingresso dello strumento, quando impostato su
"Git Analog" - l'impostazione predefinita. E’ utile per il reamping in quanto consente di utilizzare
il pulsante ground lift, così come le altre uscite analogiche. Prova diverse combinazioni di ground
lift per migliorare la soppressione di ronzio e rumore. Almeno un pulsante di Ground Lift (Messa
a terra) deve essere disconnesso nella catena delle periferiche (cioè almeno una periferiche
deve essere collegato a terra). Spesso ottieni risultati ottimali se DIRECT OUTPUT è l’unica
connessione senza ground lift (cioè messa a terra).
• L'impostazione Output Source per DIRECT OUTPUT è attiva solo quando non si trova in modalità
Profiler e nessun loop di effetti analogici (ad esempio Loop Stereo) è attivo.
• Ecco un trucco da utilizzare, quando si profilano amplificatori: quando si imposta "Direct Output
Source" su "Off", è possibile silenziare l'amplificatore di riferimento passando semplicemente
dalla modalità Profiler alla modalità Browser. Torna alla modalità Profiler per riattivare il suono
del tuo amplificatore.
• L'amplificatore in profilazione può anche essere disattivato mentre si rimane in modalità
Profiler. Basta premere il pulsante ON / OFF mentre si ascolta il profilo (impostazione "Kemper
Amp") per silenziare l'amplificatore. In questo modo puoi ascoltare il profilo dagli altoparlanti
del tuo monitor senza far suonare il tuo amplificatore. Ma tieni presente che un confronto A / B
tra l'amplificatore originale e il profilo salvato sul kemper è possibile solo quando il tuo
amplificatore sta suonando anche quando ascolti il profilo, poiché l'esclusione dell'amplificatore
cambierà l'ambiente acustico. Utilizzare DIRECT OUTPUT o qualsiasi altra uscita all'impostazione
"Git ..." per collegare un accordatore di strumenti esterno.
• Se intendi miscelare DIRECT OUTPUT con MAIN OUTPUTS, seleziona "Git + Processing" o "Git
Studio" come sorgente per DIRECT OUTPUT nelle impostazioni di output per evitare latenze
diverse tra i segnali elaborati e non elaborati. In questo caso non utilizzare "Git Analog".
• MONITOR OUTPUT consente di ascoltare il suono dell'amplificatore senza cabinet virtuale,
mentre altre uscite lo includono. Attiva "Monitor Cab Off" per disattivare il cabinet. Qualsiasi
Output Source può essere applicata all'uscita MONITOR con "Monitor Cab Off". Ovviamente, le

46
LF 2018
LF 2018
Sezione Output/Master
impostazioni "Git ..." non vengono influenzate da "Monitor Cab Off". Maggiori informazioni sulle
funzioni del monitor consulta il capitolo Uscita monitor.
• Impostando "Delay / Reverb wet" MAIN OUTPUT fornirà il segnale dell'effetto stereo wet del
delay e del riverbero. Se si imposta DIRECT OUTPUT su "Stack" o "Mod", che è il segnale
complementare dry, è possibile inviare il segnale dell'amplificatore attraverso tre cavi al banco
di missaggio. Il mixer ha la possibilità di miscelare il segnale dell'effetto con il segnale dry in base
alla conformazione della stanza. Questo metodo è chiamato setup Wet / Dry / Wet. Il tuo fonico
ti amerà per questo! E comunque puoi usare MONITOR OUTPUT separatamente da tutto ciò che
riguarda il tuo suono sul palco!

Connessioni Wet-dry-wet con Kemper PowerHead or PowerRack

LF 2018 47
Sezione Output/Master

• Se non è necessario MONITOR OUTPUT sul palco, è possibile utilizzare un ulteriore canale da
aggiungere alla modalità Wet / Dry / Wet utilizzando quattro cavi Wet / Dry / Dry / Wet. Impostare
MONITOR OUTPUT su "Mod Left" e DIRECT OUTPUT su "Mod Right". Sia MONITOR che DIRECT
OUTPUT formano una panorama stereo, contenente tutto tranne delay e riverbero. Ora è possibile
inviare due segnali stereo al banco di missaggio, dove i segnali di delay e riverbero sono separati
dagli effetti non riverberanti (X e MOD).

Connessioni Wet-dry-dry-wet

Prestare attenzione affinchè il cabinet per MONITOR OUTPUT non sia disattivato ("Monitor Cab
Off" non inserita). Anche i volumi per MONITOR e DIRECT OUTPUT dovrebbero essere gli stessi.

Se si desidera controllare il volume di questa impostazione, collegare tutti i volumi interessati alla
manopola MASTER VOLUME tramite i pulsanti di collegamento descritti in precedenza
("Collegamento Output Volume").

48
LF 2018
LF 2018
Sezione Output/Master

• È inoltre possibile impostare un'uscita stereo controllabile separatamente da MAIN OUTPUT:


impostare Monitor Output su "Master Left" e Direct Output su "Master Right". Collega entrambi i
volumi di DIRECT e MONITOR OUTPUT alla manopola MASTER VOLUME e scollega il volume
principale. Ora disponi di un segnale monitor stereo, controllabile tramite la manopola MASTER
VOLUME, indipendente dall'uscita MAIN OUTPUT, che va al banco di missaggio.

Non è possibile disabilitare il cabinet virtuale per DIRECT OUTPUT, poiché questa funzione è
riservata solo all'uscita MONITOR OUTPUT.

Uno o due casse attive Full Range

LF 2018 49
Sezione Output/Master

Uno o due casse passive full range tramite un amplificatore di potenza esterno

50
LF 2018
LF 2018
Sezione Output/Master
Main Output
Utilizzare MAIN OUTPUT L e R per connettersi a un mixer in uno studio di registrazione o durante un
live. È possibile scegliere tra jack TSR (bilanciati) o TS da 1/4 di pollice (non bilanciati).

 Main Out -12dB


Se il dispositivo che viene collegato alle prese MAIN OUTPUT XLR o TS (ad es. Mixer o interfaccia audio)
indica un livello del segnale troppo alto proveniente dal Profiler, oppure è necessario impostare il
volume principale su un valore inferiore a -12 dB, attivare la funzione Main Output Pad per ridurre il
livello del segnale MAIN OUTPUT di 12 dB. Questo aumenta variazione del controllo del volume MAIN
OUTPUT e mantiene il rapporto segnale / rumore dell'uscita principale.

Monitor Output
MONITOR OUTPUT è specificamente progettato per fornire un segnale ai monitor del palco,
supponendo che non sia già stato utilizzato per altri scopi, come descritto nel capitolo Output Sources.

L’utilizzo comune dell'amplificatore di potenza incorporato in PowerHead e PowerRack è quello di


pilotare un cabinet per chitarra, pertanto è cablato internamente all'uscita MONITOR. Tuttavia, il jack
MONITOR OUTPUT presenta il segnale non di potenza in parallelo, quindi puoi ancora utilizzare
MONITOR OUTPUT come se l'amplificatore non fosse presente.

Anche con le varianti di Profiler che non dispongono dell'amplificatore integrato, è comunque possibile
collegare MONITOR OUTPUT a una cassa full range o un monitor da palco. Ricorda, se la cassa non ha un
proprio amplificatore di potenza, dovrai procurartene uno per poterla utilizzare.

MONITOR OUTPUT dispone di un controllo del volume indipendente e di un equalizzatore dedicato nelle
impostazioni di uscita. Questi ti permettono di adattare il suono al tuo cabinet, mentre le altre uscite
rimangono inalterate.

LF 2018 51
Sezione Output/Master
Equalizzatori di uscita
Entrambi, MAIN OUT e MONITOR OUT hanno equalizzatori a 4 bande dedicati. È possibile utilizzarli per
adattare il suono a diversi tipi di diffusori e ambienti, senza modificare il suono di un Rig. Gli
equalizzatori hanno effetto a prescindere dalle sorgenti di output selezionate, ad eccezione di "Git +
Processing" e "Git Studio".

Pure Cabinet
I cabinet Microfonati hanno spesso un suono sgradevole, tipo phaser applicato alle alte frequenze, che
non esiste quando si ascolta un cabinet direttamente, senza un microfono. "Pure Cabinet" modificherà
in modo non invasivo il suono del cabinet virtuale (microfonato) rendendolo quanto più simile al suono
del cabinet diretto. La sonorità caratteristica del suono verrà comunque mantenuto.

Tutti gli utilizzi che sfruttano il suono microfonico (cabinet virtuale) del Profiler possono beneficiare di
Pure Cabinet: registrazioni, eventi live, monitor full range, monitor in-ear o soltanto un miglioramento in
cuffia. Si adatta naturalmente al suono di ciascun cabinet: più sbilanciato è il cabinet originale, maggiore
sarà l'impatto che avrà pure cabinet. Con suoni totalmente puliti, "Pure Cabinet" è appena percettibile.

"Pure Cabinet" è disponibile come impostazione globale nella sezione Output e influisce su tutti i Rig.
Tuttavia, il suono originale di ogni Rig rimane invariato, e puoi attivare o disattivare Pure Cabinet
quando vuoi. Ci sono due parametri per Pure Cabinet nella sezione Output, nella pagina "Output
AddOns": usa il pulsante 3 per impostare la quantità desiderata, e i pulsanti per fare un rapido confronto
A / B rispetto al suono originale del cabinet. Per rimuovere completamente “Pure Cabinet” dalle
impostazioni globali, è necessario disattivare il pulsante, poiché ha ancora un effetto anche quando
impostato a zero.

Se preferisci avere impostazioni individuali di Pure Cabinet per Rig o Cabinet Preset, c'è un secondo
parametro nel modulo Cabinet. Non esiste alcun pulsante di disattivazione per il parametro locale: viene
disattivato impostandolo su zero. Entrambi i valori di Pure Cabinet interagiscono in modo tale che il più
grande dei due valori abbia sempre la priorità e verrà applicato come l'effettiva intensità dell'effetto
"Pure Cabinet".


Guarda i video tutorial, che spiegano e dimostrano Pure Cabinet su

https://www.kemper-amps.com/

52
LF 2018
LF 2018
Sezione Output/Master
Space
Il parametro "Spazio" aggiunge una piccola simulazione di stanza al segnale principale. Ciò rende
l'ascolto attraverso le cuffie molto più piacevole.

Una breve spiegazione: ogni volta che ascolti un suono proveniente dagli altoparlanti, senti anche i
riflessi provenienti dal pavimento, dalle pareti e dagli oggetti intorno a te. Anche quando ascolti un
segnale mono, queste riflessioni aggiuntive produrranno comunque un'immagine stereo una volta
raggiunte le orecchie. C'è solo una situazione comune in cui non si verificano riflessi naturali, e cioè
quando ascolti attraverso le cuffie; il cervello abituato ad ascoltare segnali stereofonici potrebbe
stancarsi ascoltando segnali monofonici dalle cuffie. Questo effetto è chiamato "in-the-head
localization" e diventa particolarmente evidente quando si ascolta un segnale mono.

Usando l'effetto Space, puoi aggiungere riflessi virtuali al segnale, per creare un senso di spazio. Un
segnale mono verrà convertito in un'immagine leggermente stereo, che dovrebbe essere molto più
piacevole per le tue orecchie. Anche se questo effetto è stato progettato per le cuffie, potresti anche
trovarlo appropriato per l'ascolto tramite altoparlanti o per la registrazione. Selezionando l'opzione
"Space > HeadphOnly", è possibile decidere se è applicarlo solo all'uscita HEADPHONE OUTPUT o alle
USCITE MAIN.

Puoi anche applicare l'effetto Spazio a singoli Rig, anziché attivarlo globalmente nella sezione Output. In
questo caso, usa semplicemente la manopola TYPE per selezionarlo nell'effetto X o MOD.

L'effetto Spazio è anche molto utile per migliorare il suono dei monitor in-ear sul palco.
Sfortunatamente, nella maggior parte delle situazioni, sia i monitor sul palco che il FOH dipendono dalle
USCITE MAIN: di conseguenza, l'effetto si attiverà anche sul PA. Finché si utilizza lo space con una
intensità sufficientemente bassa, non sarà udibile sul PA, ma creerà comunque un effetto apprezzabile
sui monitor in-ear. Inutile dire che il segnale dei monitor deve essere stereo affinché Space abbia
l'effetto desiderato.

LF 2018 53
Sezione Output/Master
Ingressi Ausiliari
La funzione di ingresso ausiliario ti consente di utilizzare un segnale stereo, ad esempio da un lettore
mp3, per miscelarlo al suono prodotto dalla tua chitarra e suonare su una base. Nel menu Output /
Master, la funzione Auxiliary Input è dotata di tre controlli: uno per portare il segnale aux alle uscite
principali e S/PDIF OUT, e altri due per portarlo all'uscita Monitor e Cuffie. Ciò consente, ad esempio, di
aggiungere un segnale monitor all'uscita cuffia, mentre l'uscita principale rimane inalterata. Il segnale
ausiliario non sarà influenzato da alcun effetto interno.

È necessario acquistare un cavo speciale che porta il segnale stereo tramite due prese TS separate.
Collega il jack sinistro al Return Input e il jack destro all’Alternative Imput. Usa la manopola "Aux In ..."
per regolare il volume.

Se è attivo un loop effetti nel Rig, o si è in modalità Profiler, non è possibile utilizzare l'ingresso
ausiliario, poiché gli input fisici servono ad uno scopo diverso.


Non dimenticare di abbassare il volume di Input Ausiliario quando non lo si utilizza, per evitare ronzii e
rumori indesiderati.

Latenza Costante
Di solito la latenza del segnale è ottimizzata dinamicamente per essere il più bassa possibile. Tuttavia, in
alcune configurazioni specifiche per es. suonando simultaneamente con più profiler e miscelando i loro
segnali di uscita, questa ottimizzazione dinamica potrebbe causare problemi di phasing. "Latenza
costante" evita tali problemi mantenendo la latenza a un determinato livello fisso.

54
LF 2018
LF 2018
Ingresso Strumento e Reamping
Ingresso Strumento e Reamping
Sorgente in ingresso
È possibile scegliere tra quattro diversi ingressi fisici: FRONT INPUT, ALTERNATIVE INPUT, RETURN INPUT
e S/PDIF INPUT. A differenza degli altri parametri della Sezione di ingresso, l'impostazione della Sorgente
di input è globale e non da Rig. Pertanto non verrà salvato in un preset di input.

Tutti e quattro gli input hanno diverse applicazioni, due sono dedicate agli scopi di reamping.

FRONT INPUT L'ingresso standard dello strumento con alta impedenza e basso rumore.
ALTERNATIVE INPUT L'ALTERNATIVE INPUT ad alta impedenza si trova sul pannello posteriore.
Potrebbe essere utile nelle configurazioni rack, sia per collegare lo strumento
direttamente, sia tramite un ricevitore wireless. È un po 'più rumoroso di
FRONT INPUT, ma questo è un problema solo per le chitarre con un livello di
uscita basso, applicato a distorsioni spinte. Quando Input Source è impostato
su "ALTERNATIVE INPUT", non funzionerà se è ancora collegato un cavo
all'INGRESSO FRONTALE. Puoi ancora usare Loop Mono quando usi l'
ALTERNATIVE INPUT, ma evita di utilizzare Loop Stereo perché utilizza l'
ALTERNATIVE INPUT come input di ritorno corretto per il loop e il Profiler non
gestisce automaticamente questo scenario.
RETURN INPUT (reamp) RETURN INPUT può essere scelto come ingresso analogico per segnali a livello
studio e utilizzato per il reamping. L'ingresso TRS o l'ingresso XLR simmetrico
sono disponibili come RETURN INPUT. Leggi attentamente il prossimo capitolo
per saperne di più sulle funzioni di reamping dedicate.
S/PDIF INPUT L'INPUT S/PDIF viene in genere utilizzato per il reamping da un'interfaccia
audio. I segnali S/PDIF sono stereo per definizione, tuttavia solo il lato sinistro
viene utilizzato per il reamping. Leggi il prossimo capitolo per saperne di più
sulle funzioni di reamping dedicate. Se non è collegato alcun cavo S/PDIF o
non viene rilevato alcun segnale di sincronizzazione S/PDIF, l'INPUT FRONT
rimane attivo.


Sia RETURN INPUT che S/PDIF INPUT non rispondono alle impostazioni di "Clean Sens" e "Distortion
Sens". Hanno il loro controllo dedicato "Reamp Sens", come descritto nel capitolo Reamping.


Un video tutorial che spiega l’ Input Source, oltre a come regolare Clean Sens e Distortion Sens in modo
appropriato, può essere trovato su:

https://www.kemper-amps.com/

LF 2018 55
Ingresso Strumento e Reamping
Reamping
Reamping implica la registrazione del segnale dello strumento non elaborato, spesso insieme alla
registrazione del segnale dell'amplificatore; l'idea è quella di elaborare nuovamente questo segnale, ma
con diverse impostazioni di amplificatore, oppure usando un amplificatore completamente diverso. Di
solito è necessario uno speciale D.I. Box per convertire il segnale della chitarra ad alta impedenza in un
segnale di livello studio per la registrazione. Anche il percorso opposto al "reamping", dalla
registrazione all'ampli valvolare richiede un'elaborazione appropriata.

Per il reamping con il Profiler, non è richiesto hardware aggiuntivo in quanto i circuiti interni sono
progettati per far comunicare il tuo strumento con l’ambiente di studio. Tuttavia, puoi comunque
utilizzare l'hardware classico di reamping e trattare il Profiler come un normale amplificatore a valvole. È
possibile utilizzare gli ingressi e le uscite analogici o le connessioni S/PDIF, sia per registrare il segnale
dello strumento puro che per il reamping.

Reamping con connessioni analogiche

56
LF 2018
LF 2018
Ingresso Strumento e Reamping
Per utilizzare S / PDIF per il reamping, è necessario considerare quanto segue:

• L'interfaccia audio deve essere impostata come clock slave su S/PDIF, poiché il Profiler stesso
non è in grado di fungere da clock slave sull’ingresso S/PDIF (Il profiler è sempre settato come
clock master).
• Il Profiler può generare segnali di clock a 44.1, 48, 88,2 o 96 kHz. La tua interfaccia audio e DAW
saranno quindi sincronizzati alla frequenza generata e la tua DAW dovrebbe anche essere
impostata sulla stessa frequenza di clock .
• Per la registrazione D.I., è richiesto un solo cavo dal Profiler S/PDIF OUT all'ingresso
dell'interfaccia audio (D.I. Box non serve).
• Per il reamping è richiesto un cavo aggiuntivo dall'uscita S/PDIF dell'interfaccia audio a S/PDIF IN
di Profiler (S/PDIF deve essere bidirezionale). La connessione da S/PDIF OUT di Profiler è ancora
necessaria per pilotare il clock S/PDIF dell’'interfaccia audio.

Reamping con S/PDIF


Le regolazioni del livello descritte di seguito sono eseguite allo stesso modo per le connessioni
analogiche e digitali. Sono necessari quattro passaggi per eseguire la registrazione e il reamping della
chitarra non elaborata:

LF 2018 57
Ingresso Strumento e Reamping
 Passo Uno: Connesioni D.I.
Per convertire il segnale dello strumento in un segnale studio: accedere al menu Output / Master e
selezionare la pagina Output Source. Scegli "Git Studio" per DIRECT OUTPUT o per qualsiasi altra uscita
che desideri utilizzare per la registrazione. L'uscita che hai scelto invierà ora il segnale dello strumento
non elaborato ma a livello studio, come quello che avresti utilizzando una D.I. Se si desidera registrare
tramite S/PDIF, selezionare "Git Studio" per S/PDIF OUTPUT.

Le successive scelte "Git / Stack", "Git / Mod ..." e "Git / Master …" per S/PDIF OUTPUT hanno la stessa
applicazione; inoltre, inviano il segnale amplificato sul canale S/PDIF destro, mentre il segnale S/PDIF
sinistro fornisce lo strumento diretto. Ciò consente di registrare il segnale diretto ed elaborato tramite
S/PDIF; tuttavia, è disponibile solo una versione mono del segnale elaborato.

Collega l'uscita al rispettivo ingresso del tuo dispositivo di registrazione e controlla lì i segnali in arrivo.


La scelta "Git + Processing" per le uscite analogiche offre anche un segnale DI, ma a livello di strumento
originale, che è inferiore al livello studio. Per maggiori informazioni sulla selezione Sorgenti di Output
consulta il capitolo Sorgenti di Output in questo manuale.

 Passo Due: Livello di uscita D.I.


Per regolare il livello di uscita D.I, accedere al menu Input e selezionare il parametro "Clean Sens".
Potresti aver già usato questo controllo, poiché è usato per adattare il livello individuale della tua
chitarra al livello generale del volume dei Rig e Profili come descritto sul Manuale di base. Regola il
parametro "Clean Sens" a un livello in cui i suoni puliti hanno lo stesso volume percepito dei suoni
distorti; in tal modo, hai perfettamente adattato la dinamica del tuo strumento alle capacità di gestire il
segnale digitale del Profiler. Allo stesso modo selezionando "Git Studio" l’audio è perfettamente
impostato a livello studio.

Mentre il bilanciamento dei segnali puliti e distorti dell'amplificatore è una funzione comoda,
l'impostazione del livello corretto quando si registra il segnale D.I è assolutamente fondamentale, in
quanto contribuisce a mantenere basso il rumore. Quando si esegue il reamp questo con
un'impostazione di guadagno elevato, il rumore della registrazione verrà notevolmente amplificato. Il
LED di ingresso fornisce un ulteriore suggerimento per un livellamento corretto: il LED dovrebbe
lampeggiare in giallo, quando si suonano le corde, ma occorre evitare il colore arancione intenso o
rosso.

Adesso registra la chitarra diretta. È ancora possibile monitorare il suono della chitarra elaborato
(amplificato) tramite MAIN OUTPUT, che non è influenzato da una possibile latenza del dispositivo di
registrazione (workstation audio digitale).

58
LF 2018
LF 2018
Ingresso Strumento e Reamping
 Passo Tre: Connessioni di ingresso per il Reamping
Collega l'uscita analogica o S/PDIF del tuo dispositivo di registrazione a RETURN INPUT o S/PDIF INPUT
del Profiler. Vai al menu Input e imposta "Input Source" su "Return Input Reamp" o "S/PDIF Input
Reamp". Se il segnale DI è già stato registrato, riprodurlo ora e inviarlo al Profiler.

Non è necessario scollegare la chitarra dal FRONT INPUT. Il segnale proveniente della chitarra sarà
ignorato dal Profiler, avendo settato la sezione Sorgente in Ingresso su "Reamp"; Il segnale diretto della
chitarra tuttavia, alimenta ancora l'uscita DI selezionata e quindi l'ingresso del dispositivo di
registrazione.

Non appena si attiva una traccia sul dispositivo di registrazione, si sentirà la chitarra diretta che viene
inviata al dispositivo e di nuovo nell'ingresso di reamp. Questo routing potrebbe introdurre una certa
latenza nel dispositivo di registrazione; per evitare ciò, impostare "Input Source" su "Front Input" per
tutto il tempo che si sta registrando.

Sono disponibili come ingresso analogico RETURN INPUT sia l'ingresso TRS bilanciato che l'ingresso XLR.

 Passo Quattro: Livello di ingresso Reamping


Per un rapporto segnale-rumore ottimale, settare in modo ottimale il livello di ingresso reamping è
fondamentale quanto farlo per l’uscita dello strumento diretto. Il bilanciamento viene eseguito
partendo dal livello di uscita del dispositivo di registrazione; non può essere regolato nel Profiler. In
particolare, il segnale S/PDIF può essere regolato solo nel dispositivo di invio, per definizione.

Suona la tua chitarra attraverso la traccia attivata o riproduci una traccia precedentemente registrata.
Guarda il LED di ingresso mentre regoli il volume di uscita sul dispositivo di registrazione. Il LED
dovrebbe diventare giallo mentre suoni il più forte possibile sulle corde, ma non di più. Questo è tutto
ciò che devi fare, a patto che il Rig che stai utilizzando per il reamping non abbia amplificatori distorti o
effetti nella catena del segnale.

Se si esegue il reamp di un Rig distorto, si potrebbe notare che la quantità di distorsione differisce
dall'originale, nonostante la procedura sopra riportata. Questa è una conseguenza naturale del corretto
bilanciamento di input e output: il bilanciamento è fatto per ottenere un rapporto segnale-rumore
ottimale, ma non preserva i livelli originali dello strumento. Per questo utilizzare il parametro "Reamp
Sens"; semplicemente regola la quantità di distorsione desiderata con "Reamp Sens".

LF 2018 59
Ingresso Strumento e Reamping
 Sommario
Per il corretto bilanciamento e la riproduzione di un Rig distorto con uno strumento reamped, è
necessario eseguire due impostazioni di livello: il livello assoluto di reamp sul dispositivo di registrazione
e la quantità di distorsione con "Reamp Sens". Per Rig dal suono pulito, è necessario solo il livello
assoluto di reamp.


Due video tutorial che spiegano la configurazione delle sorgenti di uscita per la registrazione e il
reamping sono disponibili su:

https://www.kemper-amps.com/

Procedura alternativa per il bilanciamento degli ingressi


Il bilanciamento del "Clean Sens" descritto nel passo due e il bilanciamento finale di "Reamp Sens" sono
in una relazione inversa, che può essere utilizzata per un bilanciamento più facile e più sicuro, in due
condizioni:

• Il Rig utilizzato è distorto.


• È stata memorizzata l'impostazione originale "Clean Sens" utilizzata per registrare lo strumento
diretto.

Innanzitutto, impostare "Reamp Sens" sul valore all’opposto del valore originale di "Clean Sens" (ad
esempio, 2,0 dB, quando "Clean Sens" era -2,0 dB). Ora, regola la quantità desiderata di distorsione
modificando il volume di uscita sul dispositivo di registrazione. Una volta fatto, avrai trovato il livello di
input corretto come impostazione predefinita. Non è necessario guardare il LED di ingresso con questa
procedura.

60
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
Pedali di espressione e interruttori a pedale
Profiler e Remote consentono di collegare più pedali di espressione indipendenti, pulsanti mono o doppi
per diversi scopi. A ciascuna presa dei pedali sul Profiler (due prese) e sul Remote (quattro prese) è
possibile collegare un pedale di espressione o un pulsante mono o un doppio pulsante. Quindi, in teoria,
è possibile collegare fino a sei pedali di espressione o sei pulsanti doppi con dodici funzioni di
commutazione o qualsiasi combinazione di questi.

In alternativa, i Continuous Controller (CC), così come le funzioni di commutazione possono essere
pilotati da una pedaliera o sequencer MIDI. Ulteriori informazioni su questo argomento sono disponibili
nel capitolo MIDI.

Pedali
Quattro importanti Continuous Controller (CC) possono essere pilotati da pedali di espressione collegati
direttamente, o da MIDI Control Changes. Ognuno di questi può essere controllato tramite pedali
dedicati o MIDI Control Changes, ma c'è anche la possibilità di combinare e condividere un pedale, o un
MIDI Control Change, per controllare più funzioni. Ma prima di descrivere il modo migliore per
organizzare i tuoi pedali, diamo un'occhiata ai quattro pedali più importanti:

 Pedale Morph (MIDI CC #11)


Questo pedale controlla il morphing (trasformazione) simultaneo di più parametri del tuo Rig.

L’assegnazione del parametro Morphing a un pedale di espressione è una funzione globale, che si trova
in System Settings, le serie di parametri e i valori da trasformare, sono invece configurati sul Rig. Quindi,
ad esempio, in un Rig il Pedale Morph può semplicemente controllare il Delay Mix, mentre in un altro
Rig controlla il Gain insieme a Treble, Volume, Amplifier Definition e molti altri parametri. Questo
pedale, quindi, può assumere molti ruoli diversi. Per una descrizione dettagliata fare riferimento al
paragrafo Morphing, in basso. Alcuni esempi possono essere scaricati dal Morphing Demo Rig Pack.

LF 2018 61
Pedali di espressione e Pedaliere
 Pedale Wah (MIDI CC #1)
Oltre al classico Wah Wah, il Profiler offre numerosi altri effetti come Wah Vowel Filter o Wah Pedal
Booster che possono essere comandati dal pedale Wah. Tutti questi effetti sono chiamati "Wah" e
mostrati in arancione.

Ancora una volta, l'assegnazione del controller Wah a un pedale di espressione è globale. E’ inoltre
necessario un Rig con uno di questi effetti, e le impostazioni di Pedal Mode e Pedal Range devono essere
settate per il controllo tramite pedale. Per iniziare, puoi scegliere un Preset dall'elenco dei Factory
Presets. Seleziona, ad esempio, lo stomp C, ruota la manopola BROWSE e scegli il Preset "WWAH Cry" -
il tuo pedale Wah dovrebbe simulare adesso un Cry Baby *.

Sei libero di usare quanti effetti Wah vuoi - risponderanno tutti simultaneamente. Per ulteriori
informazioni, consultare il capitolo Pedale Wah in questo manuale.

 Pedale Volume (MIDI CC #7)


Anche Il pedale del volume è assegnato globalmente. Tuttavia, la sua posizione nel flusso del segnale -
ad esempio "Pre Stomps" - e il conseguente impatto sul guadagno dell'amplificatore o sullo spillover del
delay, possono essere personalizzati nel Rig. È anche possibile limitare il volume minimo nel Rig, o
addirittura trasformarlo in un pedale di boost in specifici Rig. Per informazioni dettagliate, fare
riferimento al paragrafo Pedale volume di seguito.

 Pedale Pitch (MIDI CC #4)


Il Pedale Pitch è dedicato agli effetti pitch shifter, Pedal Pitch e Pedal Vinyl Stop, ideali per creare il
classico effetto Whammy *. Si prega di fare riferimento al capitolo corrispondente per i dettagli.

62
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
Consigli sui Pedali di espressione
Un pedale di espressione funziona come qualsiasi altro Wah analogico o pedale del volume, ma è fatto
per dispositivi digitali. Ha solo bisogno di un cavo con un jack stereo (jack TRS). In linea di principio, con il
Profiler possono essere utilizzati tutti i tipi e marche di pedali di espressione, tuttavia molti utenti
preferiscono i seguenti due modelli:

Dunlop DVP 3 * è un ibrido che include sia volume analogico che le funzionalità di espressione. A causa
della sua ampia escursione meccanica, è preferito da molti utenti per il controllo del volume o il
morphing.

Mission EP-1 e EP-1 KP * sono entrambi disponibili in verde e nero. L'EP-1 ha l'aspetto di un classico
pedale Wah. Ecco perché è la scelta preferita di molti utenti per le applicazioni Wah. L'EP-1 KP offre un
interruttore aggiuntivo, che può essere collegato al Profiler come qualsiasi altro interruttore esterno
tramite un cavo TS aggiuntivo. Questo interruttore può quindi essere utilizzato per attivare / disattivare
gli effetti Wah in modo simile a al funzionamento dei classici pedali Wah. Questo interruttore a pedale
può essere molto pratico, se il pedale viene utilizzato come pedale Wah dedicato, o Wah in
combinazione con il volume. Generalmente, non è necessario un interruttore poiché il Profiler offre
modi intelligenti per attivare gli effetti Wah, ad esempio semplicemente spostando il pedale.

Collegamento dei pedali al Remote


Il Remote dispone di quattro prese per la connessione diretta di pedali di espressione o pulsanti, che
possono essere configurati in System Settings nelle pagine "Pedal 3-6".

Le quattro prese Pedal del Profiler Remote sono già preassegnate alle seguenti funzioni:

• PEDAL 3 : Volume
• PEDAL 4 : Morph
• PEDAL 5 : Wah
• PEDAL 6 : Pitch

Su impostazioni "Pedal Type 1" è attivato di default, e si adatta a quasi tutti i pedali di espressione. Se
stai usando un pedale di espressione con polarità invertita (ad esempio Yamaha ™), seleziona "Pedal
Type 2". La polarità sbagliata potrebbe causare una curva di risposta non ottimale.

LF 2018 63
Pedali di espressione e Pedaliere
Collegamento a quattro pedali: Lusso

Quattro pedali dedicati collegati al Profiler Remote

Se ti attieni a queste assegnazioni predefinite, devi solo collegare il cavo TRS, premere "Calibrate" ed
eseguire un movimento completo sul pedale per calibrarlo. È possibile visualizzare il valore di variazione
del pedale sul display, direttamente sotto il soft button. Ripetere quindi questa procedura su ciascuna
delle quattro pagine PEDAL 3-6 (Remote) in System Settings.

In questo caso, tutti i pedali sono completamente indipendenti. Puoi lasciare Volume, Morph, Wah o
Pitch in qualsiasi posizione intermedia, mentre stai lavorando su un altro pedale.

64
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
Collegamento a tre pedali: Comodo

Due pedali dedicati per Volume e Morphing più un pedale condiviso per effetti Wah e pitch

Segui le istruzioni di “Collegamento a quattro pedali: Lusso” per connettere e calibrare i tuoi Pedali
Volume, Morph e Wah. L'unica differenza è che questa volta non c’è il pedale dedicato al Pitch.

Successivamente, vai alla pagina "Pedal Links" in System Settings e seleziona l'opzione "WahPedal>
Pitch". Ora il tuo pedale Wah è pronto per controllare Pedal Pitch o Pedal Vinyl Stop non appena uno di
questi effetti viene attivato. In pratica, il pedale controllerà tutti gli effetti attivi di Wah e di Pitch
simultaneamente. Dovresti quindi organizzare i tuoi Rig con combinazioni di effetti utilizzabili. È anche
possibile utilizzare i Pulsanti effetti I-IIII del Remote per attivare o disattivare singoli effetti o
combinazioni di effetti, in modo che l'azione del pedale generi suoni piacevoli.

Nella maggior parte dei casi, utilizzerai un effetto Wah o un Pitch nei tuoi Rig, raramente entrambi,
quindi condividere un pedale per controllare entrambi non è davvero una limitazione.

LF 2018 65
Pedali di espressione e Pedaliere
Collegamento a due pedali: Tradizionale

Un pedale dedicato per il Volume ed unoper il Morph, Wah e Pitch

Segui le istruzioni riportate in alto per connettere e calibrare i tuoi Pedali Volume e Morph. Non hai
pedali dedicati né al Wah né al Pitch.

Adesso vai alla pagina "Pedal Links" in System Settings, quindi seleziona le opzioni "MorphPedal> Wah"
e "MorphPedal> Pitch". Ora, il tuo pedale Morph controlla gli effetti di Morphing, Wah e Pitch, e li
controlla tutti simultaneamente. Il più delle volte, potresti voler controllare solo uno di questi effetti.
Quindi, se vuoi controllare solo il Morphing, assicurati che nessun effetto Wah o Pitch sia attivato. Per
controllare solo Wah, disattiva gli effetti Pitch ed assicurati che nessun parametro sia impostato per il
Morphing. Se vuoi usare solo Pedal Pitch, assicurati che nessun effetto Wah sia attivo, e il Rig corrente
non includa parametri morphed. Per evitare variazioni di Pitch accidentali, il pedale del Morph deve
essere lasciato in posizione aperta (tallone) durante l’utilizzo, in questo modo, inizia sempre a variare
l’intonazione dal pitch originale.

C'è un altro setup possibile con due pedali: potresti decidere di controllare il Morphing tramite i pulsanti
Rig del Remote 1-5 e bypassare completamente il controller del pedale Morph. In questo caso si
finirebbe con un pedale del volume dedicato, oltre a un pedale Wah utilizzato per effetti di Pitch . Il
pedale Wah dovrebbe essere impostato con "WahPedal> Pitch", come nell'esempio precedente
Collegamento a tre pedali: Comodo.

66
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
Collegamento a un pedale: Purista

Un pedale Wah da condividere per Volume e Pitch

Non c'è modo di combinare Morph e pedale del volume in quanto ciò implicherebbe conflitti logici.
Pertanto, in questa configurazione, il Morphing può essere attivato solo tramite i pulsanti del Remote -
Pulsanti Rig 1-5 o tramite la personalizzazione di uno dei pulsanti LOOPER, TUNER o TAP. In alternativa,
è possibile collegare un pulsante aggiuntivo esterno e assegnarvi la funzione Morph. Tratteremo
successivamente l'argomento dei Pulsanti esterni.

L'unico pedale deve quindi essere impostato come pedale Wah. Il connettore PEDAL 5 è già predisposto
per impostazione predefinita. Come collegare e calibrare il pedale è già stato spiegato nell'esempio
Collegamento a quattro pedali: Lusso. Quindi seleziona "WahPedal> Volume" e "WahPedal> Pitch" nella
pagina Pedal Links in System Settings.


Se è selezionato "WahPedal> Volume", queste due funzioni si escludono a vicenda. Non appena un
effetto Wah è attivo, il pedale Wah controlla l’effetto Wah, mentre il volume rimane aperto. Se non c'è
alcun effetto Wah nel Rig corrente, o l'effetto Wah è disattivato, il pedale Wah controlla il volume. Tutti
gli altri collegamenti a pedale ti consentono di controllare i loro effetti simultaneamente. Quindi, un
pedale di Morph può modificare e controllare Wah, così come gli effetti di Pitch allo stesso tempo, se
questi effetti sono selezionati. Un Pedale Wah può controllare insieme gli effetti di Wah e di Pitch se
"WahPedal> Pitch" è selezionato.


Un video tutorial che dimostra l'impostazione dei pedali di espressione è disponibile all'indirizzo:

https://www.kemper-amps.com/

67
Pulsanti a pedale aggiuntivi. Servono?
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
I pulsanti a pedale possono essere collegati a Profiler e Remote. Le funzioni di commutazione possono
essere assegnate globalmente. Tali funzioni sono Rig up / down, attivazione / disattivazione di stomp ed
effetti, attivazione dell’accordatore, Tap tempo o attivazione di Beat Scanner.

Il Remote ha un numero di pulsanti integrati: ciascuno dei quattro pulsanti Effect può assumere più
funzioni di commutazione e possono essere assegnate e memorizzate sul Rig. Inoltre, i pulsanti LOOPER,
TAP e TUNER possono essere dedicati ad altre funzioni di commutazione, a livello globale. Se si sente
ancora la necessità di ulteriori pulsanti, è possibile collegare pulsanti singoli o doppi a ciascuna delle
quattro prese PEDAL.

Connettere un pulsante al Profiler


Collegare il pulsante a pedale al Kemper Profiler utilizzando un cavo TRS a una delle prese PEDAL e
selezionare la modalità "Profiler Switch" sulla corrispondente pagina "Pedal 1-6" in System Settings.
Assegna le tue funzioni di commutazione preferite ai pulsanti A e B. Quindi tieni premuto "Calibrate" e
aziona una volta ogni pulsante. Rilasciare "Calibrate". E….Fatto!

Pulsanti singoli e doppi o di altre marche


Il Profiler richiede pulsanti (non interruttori). I pedali per il cambio canale degli amplificatori (valvolari)
non sono compatibili con il Profiler, poiché utilizzano invece un interruttore. I pulsanti singoli sono
collegati tramite un cavo TS (mono) mentre due interruttori tramite un cavo TRS (stereo).

Selezionare la modalità "Mono Switch" o "Dual Switch" sulla corrispondente pagina "PEDAL 1-6" in
System Settings e assegnare una funzione di commutazione con la manopola 4 "Switch Tip". Se viene
selezionato "Dual Switch", è possibile assegnare un'altra funzione di commutazione con la manopola 3
"Switch Ring". Impostare la polarità in base al tipo di pulsanti utilizzati: "Normal" per un pulsante chiuso
in stato di riposo e "Inverse" per un pulsante aperto in stato di riposo. Non dimenticare di tenere
premuto "Calibrate" e attivare ogni interruttore una volta.


È possibile trovare un video tutorial su tutti gli aspetti relativi alla connessione di pedali di espressione e
pulsante al Profiler o al Remote su:

https://www.kemper-amps.com/

Connettere Pedali e Pulsanti al Profiler

68
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere

Collegamenti diretti di pulsanti e pedali al Profiler

Il Profiler dispone di due jack per la connessione diretta di pulsanti o pedali di espressione, che possono
essere configurati in System Settings nelle pagine "Pedal 1-2"

Anche se, è possibile collegare due pedali di espressione come descritto nell'esempio precedente
Collegamento a due pedali: Tradizionale , l'approccio più pratico in questo caso è quello di collegare un
pedale di espressione per controllare gli effetti di Wah e Volume , più un doppio interruttore per
cambiare Rig.

Se vuoi fare in questo modo, collega il pedale d'espressione alla presa PEDAL 1 e assegna la funzione
Pedale Wah in System Settings nella pagina "Pedal 1". Quindi, premere e tenere premuto il pulsante
"Calibrate" mentre si muove il pedale completamente dalla posizione aperta (tallone) alla chiusa (punta)
la barra visualizzata sotto "Calibrate" dovrebbe muoversi. Ora puoi rilasciare "Calibrate".
Successivamente, vai alla pagina "Pedal Link" e attiva "WahPedal> Volume" e "WahPedal> Pitch". Ora, il
pedale Wah controllerà anche il volume e il pitch.

LF 2018 69
Pedali di espressione e Pedaliere
Se è selezionato "WahPedal> Volume", queste due funzioni si escludono a vicenda. Non appena un
effetto Wah è attivo, il pedale Wah controlla questo effetto, mentre il volume rimane aperto. Non
appena non c'è alcun effetto Wah nel Rig corrente, o l'effetto Wah è disattivato, il pedale Wah
controlla il volume.

Quindi, inserire il cavo TRS del doppio pulsante nella presa "PEDAL 2". Se si tratta di un pulsante per
Profiler Kemper, seguire le istruzioni in Connettere un pulsante al profiler. Se si sta utilizzando un
pulsante di qualsiasi altra marca, si prega di seguire le istruzioni del paragrafo pulsanti singoli e doppi o
di altre marche. Non dimenticare di tenere premuto "Calibrate" e attivare uno dei due pulsanti una
volta. Quindi, accedere alla pagina "Pedal Links" in System Settings e assegnare "Rig up" e "Rig down" ai
due pulsanti. In modalità Browser, è possibile scorrere i vari Rig in base all'opzione selezionata per
"View" e "Sorted By". In modalità Performance, è possibile scorrere tra slot e performance. Se uno slot
è disabilitato verrà saltato automaticamente. In modalità Profiler, si passa da "Kemper Amp" a
"Reference Amp" e viceversa.


Un video tutorial che mostra come impostare i pulsanti collegati al Profiler è disponibile all'indirizzo:

https://www.kemper-amps.com/

Funzioni del Pedale di Volume


A differenza delle funzioni Pedale Wah e Pitch, la funzione Pedale Volume non ha un proprio tipo di
effetto, poiché assegnerebbe un Stomp o un Effect Module ogni volta che si desidera utilizzare il pedale.
Invece, troverai due parametri per il pedale del volume nelle Impostazioni Rig Settings.

 Volume Pedal Location


Seleziona la posizione del pedale del volume nel flusso del segnale:

Off Il pedale del volume non funziona


Pre-Stomps Il pedale del volume è inserito nella catena prima dello stomp A
Post-Stomps Il pedale del volume è inserito nella catena subito dopo il modulo D. In questa posizione
controlli il Gain dell'amplificatore.
Pre-Effects Il pedale del volume è inserito nella catena subito prima del modulo X. In questa
posizione si controlla il volume generale del suono, ma le code di delay e riverbero
decadranno ancora naturalmente quando si aprirà il pedale (tallone).
Post-Effects Il pedale del volume è inserito nella catena subito dopo il riverbero. In questa posizione
si controlla il volume generale del suono, incluse le code di riverbero e delay che
saranno immediatamente attenuate.

70
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
 Volume Pedal Range
Questo è un doppio parametro . Nella posizione centrale, il pedale del volume non ha alcun effetto.
Quando si ruota a sinistra, si determina il volume minimo in posizione aperta (tallone), mentre il volume
massimo in posizione chiusa (punta) rimane quello del Rig. Partendo da posizione aperta, il pedale alza il
volume da zero, proprio come ci si aspetterebbe da un pedale di volume analogico. Quando si gira
"Volume Pedal Range" verso destra, il pedale di Volume, cambia comportamento passando da pedale di
Volume tradizionale a pedale di Boost. Ora, in posizione aperta (tallone) il volume resta quello
impostato sul rig, mentre spostando il pedale verso la punta aumenterà il volume. Il boost massimo,
impostabile con "Volume Pedal Range", è +24 dB.

Le impostazioni per il pedale del volume sono memorizzate nel Rig. Tuttavia, se si dispone di
un'impostazione preferita che si desidera utilizzare in generale, premere " Lock Volume Pedal " per
impedire successive modifiche.

Il pedale del volume può essere controllato da un pedale di espressione collegato a Profiler o Remote,
nonché da MIDI utilizzando il numero di control change #7.

Il pedale del Volume è un volume dedicato separato dal volume Rig, dal volume principale o da qualsiasi
altro volume di uscita. Tutti questi volumi lavorano in maniera indipendente .

Quando si gira il volume completamente a zero con il pedale del volume, la finestra dell’accordatore
apparirà sul display. Ciò significa che ora puoi accordare la chitarra sul palco, senza la necessità di un
pulsante o pedale dedicato dell’accordatore! Se dovessi scollegare accidentalmente il pedale quando il
volume è ancora a zero, la finestra accordatore mette a disposizione un pulsante per reimpostare il
volume al massimo.

Morphing
Il Morphing è uno strumento estremamente potente che consente di variare contemporaneamente
numerosi parametri all'interno di un Rig. Questo può essere usato per trasformare gradualmente un
suono in un suono molto diverso, controllato tramite pedale di espressione o attivato tramite un
pulsante. Ad esempio, è possibile trasformare un suono ritmico in un suono solista applicando un boost.
Il Morphing funziona sia in modalità Performance che in modalità Browser e può includere tutti i
parametri regolabili che fanno parte di un Rig.

Nonostante la potenza di questa funzione, la configurazione del Morphing è piuttosto semplice. Se


possiedi un Remote, il Morphing richiede solo un paio di passaggi. Se non possiedi un Remote, puoi
comunque attivare il Morphing tramite un pulsante o il pedale di espressione.

Per prima cosa, vediamo come configurare il Morphing sul Remote:

Se si carica un Rig non ancora preparato per il Morphing - in modalità Browser o Performance - il LED
inferiore del pulsante Rig sul Remote si accenderà come al solito. Questo stato rappresenta il "Suono
principale" del Rig. Se premi di nuovo questo pulsante Rig, vedrai che il LED superiore di questa

71
manopola si accende, mentre il LED inferiore si attenua. Inoltre, una piccola barra orizzontale sul display

LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere
si sposterà da sinistra a destra. Questo stato rappresenta il "Suono Morph" del Rig. Le successive
pressioni del pulsante Rig cambiano lo stato del LED e spostano la barra.

Proviamo a impostare un Morphing molto semplice: con il LED superiore attivato come descritto, girare
la manopola GAIN di una quantità significativa. Ora premi di nuovo il pulsante Rig. Dovresti scoprire che
Gain è tornato automaticamente al livello precedente. Ulteriori pressioni del pulsante Rig ora
alterneranno il Gain tra questi due livelli.

Finora, stai applicando il morphing ad un unico parametro. Puoi ripetere il processo precedente con tutti
i parametri che vuoi, e quindi alternare i loro valori, insieme al Gain, premendo il pulsante Rig. Mentre il
suono di base è attivo, qualsiasi modifica dei parametri variabili è associata al suono di base. Mentre il
Suono Morph è attivo, qualsiasi modifica dei parametri variabili influisce solo sul Suono Morph. Quando
si salva il Rig, entrambi gli scenari base e morph sono automaticamente memorizzati con il Rig. Questo è
il Morphing!

Potresti aver notato che il passaggio da Suono principale a Suono Morph (e viceversa) non è istantaneo
per impostazione predefinita, ma esegue una transizione uniforme. Questo tempo di transizione può
essere regolato da due parametri distinti per il tempo di attivazione e il tempo di disattivazione del
morphing nelle impostazioni del rig. Entrambi i valori di tempo possono essere impostati da zero (per
una commutazione di morph istantanea) a 64 secondi. Quando attivi il Tempo per questo Rig toccando il
pulsante TAP o scegliendo un tempo specifico, il tempo di Morphing verrà visualizzato in valori di nota
specifici e sincronizzato con il tempo corrente. Un'ottima applicazione potrebbe essere quella di
impostare il tempo di attivazione su, ad esempio, quattro quarti. Ora, attiva il pulsante Rig, quattro
quarti prima che inizi il tuo assolo e goditi una piacevole passeggiata sul palco, mentre il Profiler
trasforma lentamente il tuo suono ritmico in un suono solista Boostato. I due LED si illuminano e si
attenuano continuamente per evidenziare la velocità del cambiamento nel suono.

Se non si possiede il Remote, è possibile utilizzare un pulsante esterno collegato a una delle prese
SWITCH / PEDAL del Profiler e impostarlo come pulsante morph.

A prescindere dal possesso o meno di un Remote, un pedale di espressione configurato come controller
parallelo per Morphing è assolutamente necessario. Collegare il pedale di espressione a una delle prese
SWITCH / PEDAL del Profiler o del Remote. Assegna la funzione Pedale Morph. Ora puoi controllare il
Morphing con il pedale di espressione a qualsiasi velocità o lasciarlo anche a livelli intermedi. I parametri
Rise and Fall Time sono rilevanti solo per i pulsanti Rig del Remote o per gli interruttori esterni, non per
il Pedale Morph.

Morph Pedal può anche essere controllato via MIDI sul control change # 11. Non è nemmeno necessario
un pulsante per utilizzare Morphing: è possibile utilizzare esclusivamente un pedale di espressione.

Morph Button e Morph Pedal non sono solo strumenti di performance per Morphing: sono anche i
dispositivi che determinano se stai modificando il Suono Base o il Suono Morph. Per questo motivo, ti
preghiamo di ricordare i seguenti fatti per evitare confusione:

72
LF 2018
LF 2018
Pedali di espressione e Pedaliere

Se stai usando un pedale Morph mentre stai modificando i parametri, assicurati che il pedale sia
completamente nella posizione Aperta (tallone) o chiusa (punta). Se stai usando il pulsante Morph con
valori lunghi per Ramp Up o Ramp Down, attendi fino al termine della transizione prima di modificare i
parametri; il Profiler non consentirà modifiche ai parametri nelle posizioni intermedie, poiché non
sarebbe possibile determinare se la modifica è stata pensata per il Suono Base o Morph.


Quando modifichi i parametri senza l'intenzione di trasformarli, assicurati che il Suono Base sia
attualmente selezionato - in questo modo la nuova impostazione dei parametri non verrà modificata dal
Morphing.

NOTA BENE:

• Ogni singolo parametro variabile di un Rig può essere trasformato. Questo include tutti i
parametri variabili di stomp, amplificatore ed effetti.
• Generalmente, solo i parametri variabili possono essere modificati. Gli interruttori e le selezioni
non possono essere trasformati, in quanto causerebbero cambiamenti evidenti nel suono.
• Eccezione 1: i parametri del cabinet non possono essere modificati poiché ciò potrebbe causare
artefatti.
• Eccezione 2: i valori del tempo di Delay possono essere trasformati, anche se si tratta di una
selezione.
• Anche agli effetti di distorsione può essere applicato il Morphing tramite il parametro Mix.
• I parametri del cabinet non possono essere modificati poiché ciò potrebbe causare artefatti.
• Le impostazioni di Morph sono memorizzate individualmente sul Rig.
• Le impostazioni di Morph sono anche memorizzate individualmente per i preset di Module o
Section.
• Anche le impostazioni di Morph di qualsiasi modulo o sezione bloccati verranno bloccate.
• I parametri globali non possono essere modificati. Questo include i parametri nella sezione
Output.
• I valori di Morph dei parametri possono essere impostati al di sopra o al di sotto del loro valore
di base, per creare variazioni positive o negative.
• È possibile cancellare il Morphing di qualsiasi parametro, riportando il valore trasformato al
valore di base.
• Il modo più sicuro per cancellare un Morphing è attivare il suono di base e quindi riportare al
valore di base qualsiasi parametro utilizzato per il morph.
• Se nessun dispositivo è collegato al Profiler per attivare il Morphing, tutti i Rig verranno caricati
con il loro suono di base.
• Il pedale Morph può essere configurato per controllare anche il pedale Wah e / o il pedale Pitch.
Fare riferimento al capitolo Consigli sui Pedali di espressione.

LF 2018 73
Pedali di espressione e Pedaliere
L’utilizzo dei pulsanti Rig sul Remote (o di pulsanti esterni) e di un Pedale Morph sono approcci diversi,
ma non si escludono a vicenda. Se premi il pulsante (o l'interruttore esterno) mentre il pedale (o il
controller MIDI) è stato impostato su un valore intermedio, il Morphing partirà da quel valore. Quando
si muove, in seguito, il pedale di espressione, ovviamente il Morphing si avvierebbe da una posizione
errata. Per sincronizzare il livello di Morph con la posizione del pedale, il processo di Morph è accelerato
o decelerato per garantire che Morphing non dia mai risultati indesiderati. Sei sempre libero di scegliere
il pulsante / interruttore o il pedale di espressione per controllare il Morphing, in modo da poter
adattare il suo utilizzo alle tue esigenze specifiche.

Quando si usa il Remote in Performance Mode, i LED nella riga inferiore sopra i cinque pulsanti Rig
indicano la disponibilità di uno Slot con una luce attenuata. Allo stesso modo, i LED nella riga più in alto
indicano la disponibilità di un Suono Morph in questo slot specifico con una luce attenuata.

La funzionalità predefinita dei pulsanti Rig del Remote è di attivare il Morphing; tuttavia, si potrebbe
preferire utilizzarli per ricaricare il Rig / Slot corrente nel suo stato originale. Per selezionare questo
comportamento, disattiva l'opzione globale "Rig Button Morph", che si trova in System Settings . Questa
opzione riguarda anche i controller MIDI che inviano MIDI CC # 50-54 per caricare Rig o Slot, come
Uno4Kemper *, ad esempio. Invece di usare i pulsanti Rig, è possibile assegnare uno dei pulsanti
LOOPER, TAP o TUNER del Remote o anche un interruttore esterno per attivare il Morphing a fianco del
pedale Morph.

Una pagina "Morph" è stata aggiunta alle Impostazioni Rig. Puoi rivedere, testare e gestire il tuo
Morphing su questa pagina. La pagina include:

• una catena del segnale completa che riflette quale modulo è attualmente impostato per
Morphing
• una barra che indica lo stato corrente di Morphing
• la manopola 4 per simulare il pedale Morph
• il soft button 4 per simulare un pulsante che attiva il Morphing (questa funzione può anche
essere assegnata al Pulsante QUICK)
• i parametri "Rise Time" e "Fall Time", che vengono applicati se il Morphing viene attivato
tramite i pulsanti Rig o un altro pulsante
• Opzione "Momentary" per selezionare se i pulsanti Morph si comportano come interruttori
(predefinito) o pulsanti
• Soft button per cancellare il Morphing sull'intero Rig o in modo selettivo dal Modulo. Tieni
premuto "Clear Module" seguito dal pulsante Modulo, ad es. Stomp D, che vuoi cancellare

Pedale Monitor Volume (Midi CC #73)


"Monitor Volume" è uno speciale Pedale aggiuntivo per controllare il volume dell'uscita MONITOR e
l'amplificatore di potenza interno del PowerHead e PowerRack. Permette di generare un feedback
controllato attraverso il tuo Cabinet.

74
LF 2018
LF 2018
Stack
Sezione Stack
La Stack Section è il cuore di Profiler. Rappresenta l'amplificatore e il cabinet di chitarra virtuale grezzi
come definito dal profilo. Ogni profilo è rappresentato dai tre moduli che compongono la sezione dello
stack.

Amplifier
Il pulsante AMPLIFIER richiama un elenco di parametri che consentono di modificare il carattere
dell'amplificatore profilato in numerosi modi usando le manopole


Un video di tutorial dedicato che spiega il modulo dell'amplificatore nella sezione dello stack è
disponibile all'indirizzo:

https://www.kemper-amps.com/

 Definition
Il parametro "Definition" controlla l'impronta digitale caratteristica del preamplificatore. Il processo di
profilazione imposta automaticamente "Definizione" su un valore che rappresenta l'amplificatore di
riferimento. Ad esempio, è possibile utilizzarlo per modernizzare il profilo di un amplificatore vintage
senza dover utilizzare ulteriori stomp. In alternativa, inizia con un profilo di un ampli a valvole moderno
e usa "Definition" per dargli un suono più vintage quando spinto in distorsione. Puoi anche usare
"Definition" per allineare il suono della tua chitarra al suono del tuo amplificatore, se necessario. Non
aver paura di continuare a sperimentare finché non ottieni l'equilibrio che ti suona meglio.

Gli amplificatori vintage distorcono le armoniche più basse nel segnale della chitarra che dà loro il loro
suono blues. Questi amplificatori sono stati originariamente progettati per fornire un suono pulito,
quindi per ottenere una distorsione pastosa, questi amplificatori devono essere spinti da un tipico
dispositivo basato su transistor come un amplificatore di alte frequenze. I moderni ampli valvolari usano
un approccio diverso, in cui le frequenze prodotte delle corde acute della chitarra sono la forza
trainante del suono distorto. I costosi ampli boutique portano questo concetto un ulteriore passo avanti,
fornendo un livello estremo di frequenze di fascia alta e una vasta gamma dinamica. La distorsione ha
una qualità squillante e conserva ogni sfumatura delle corde e dei pickup. Insieme alle caratteristiche del
diffusore reale, il comportamento di distorsione individuale crea l'impronta digitale che identifica
l'amplificatore.

LF 2018 75
Stack
 Power Sagging
"Power Sagging" modella l'interazione tra il segnale della chitarra e lo stadio di distorsione. Aumentare
la quantità di "Power Sagging" per enfatizzare la velocità e l'energia dei suoni crunch. Il suono della
chitarra acquisisce ulteriore energia e presenza, senza aumentare il volume percepito del segnale
distorto. Quando si attiva "Power Sagging" oltre il 50%, si va oltre ciò che è possibile ottenere con un
amplificatore valvolare analogico, ma senza perdere nessuna delle caratteristiche naturali del suono.
Impostare "Power Sagging" al massimo può rendere il volume del suono clean più alto di quello del
suono distorto, quindi puoi utilizzarlo per espandere la gamma dinamica del suono originale. Con
"Power Sagging" impostato su 0%, viene mantenuta la gamma dinamica originale del profilo.

Il Power Sagging è un fenomeno che si verifica quando le valvole assorbono molta energia elettrica a
livelli elevati di distorsione, indebolendo così la tensione di alimentazione. Sotto tale carico, le valvole
cambieranno le loro caratteristiche di distorsione producendo una specie di “spegnimento”; poi, non
appena il carico diminuisce, le valvole riprendono il funzionamento normale. Ciò che a prima vista
potrebbe sembrare una limitazione tecnica del design di un amplificatore valvolare si è rivelato un vero
vantaggio per l'espressività musicale del chitarrista. Il Profiler controlla questo comportamento tecnico
senza degradare o modificare il carattere di base del modello di amplificatore.

• L'amplificatore interagisce con il chitarrista e reagisce al plettro e alle dita con la massima
sensibilità possibile.
• Il suono della chitarra acquisisce più energia e presenza, senza aumentare il volume percepito
del segnale distorto.
• Il palm muting offre risultati migliori del solito, poiché il suono del plettro non viene soppresso.
• I suoni puliti e distorti si avvicinano, facendo crescere la velocità e l'energia dei suoni crunch.
L'amplificatore non distorce semplicemente tutto in un colpo, ma tutte le sfumature dinamiche
sono rappresentate fedelmente. Il suono generale diventa molto più vivo. Sembra quasi che un
compressore sia stato spento, consentendo così alla chitarra di udirsi molto più facilmente tra gli
altri strumenti sul palco, come la batteria o il basso.

Poiché la gamma dinamica di un amplificatore a valvole analogico è limitata dalle leggi della fisica, il Power
Sagging può raggiungere solo un certo livello prima che la caduta di tensione di alimentazione distrugga la
bellezza delle caratteristiche di distorsione. Il Profiler consente una gamma dinamica molto più ampia,
preservando allo stesso tempo il carattere valvolare.

Abbassando la manopola del volume sulla chitarra si ottiene un suono molto naturale e pulito pienamente
dinamico e con tanta energia.

Il Power Sagging non può essere riprodotto utilizzando un compressore convenzionale, ma può essere
ulteriormente migliorato con il circuito del compressore dedicato. La variazione del comportamento delle
valvole diventa più evidente con suoni, semi-distorti o cosiddetti crunch suonando in modo dinamico. Con
suoni completamente distorti le valvole sono sempre a pieno carico, mentre i suoni puliti non le caricano
affatto. Con suoni come questi, "Power Sagging" ha solo un effetto secondario.

76 LF 2018
Stack
 Pick
Il parametro "Pick" consente di controllare il livello e la nitidezza dell'attacco della plettrata in modo
indipendente dalla porzione di suono sustained. Il risultato è indipendente dalla quantità di distorsione.
È possibile utilizzare questo parametro per rendere i suoni puliti ancora più percussivi senza dover
utilizzare un compressore. Con suoni completamente distorti, puoi dare definizione alla fase di attacco
di qualsiasi nota che viene compressa dalla distorsione. Se imposti "Pick" su un valore negativo,
ammorbidirà l'attacco, producendo un suono più fluido.

 Compressor
Questo parametro "Compressore" è diverso dal pedale compressore della sezione effetti, perché fa
parte del circuito di amplificazione simulato. In altre parole, consente suoni completamente diversi
rispetto ai compressori che sono stati inseriti prima (pre) o dopo (post) nel modulo Amp. I segnali
distorti non sono influenzati dalla compressione; quindi verranno potenziati solo i segnali puliti. Le
dinamiche del tuo modo di suonare sono mantenute completamente, quindi, in base alla forza del tuo
picking, puoi passare da un suono crunch a un suono pulito e compresso. La manopola del volume sulla
tua chitarra funziona esattamente come ti aspetteresti: ad esempio, riducendo il volume della tua
chitarra trasformerai un crunch dinamico in un suono pulito e compresso.

 Clarity
"Clarity" cambia il suono della distorsione in un modo nuovo e unico. Ruotando la manopola "Clarity"
verso destra, il carattere pulito del suono viene messo a fuoco senza ridurre la quantità di distorsione. La
distorsione stessa diventerà meno spinta nelle frequenze medie e il suono sarà molto più trasparente.

 Tube Shape
"Tube Shape" controlla le caratteristiche di distorsione delle valvole, da molto morbidi a molto duri.
Regolando il parametro si possono ottenere tutti i tipi di suoni crunch - dal blues caldo, al rock duro. A
seconda dell'impostazione di guadagno o del tuo stile di suonare, l'effetto risultante può essere
piuttosto debole; i suoni completamente distorti sono per lo più inalterati da questo parametro, così
come i suoni puliti. Impostare il valore su 3 per simulare il suono tipico delle valvole del
preamplificatore. Per ottenere le sonorità tipiche delle valvole dell'amplificatore di potenza, prova a
impostare "Tube Shape" a circa 9. Le valvole dell'amplificatore di potenza producono una distorsione
molto più dura, perché la retroazione negativa nel circuito dell'amplificatore di potenza linearizza
l'amplificazione valvolare, rendendo la curva di distorsione più spigolosa.

LF 2018 77
Stack
 Tube bias
"Tube Bias" influenza la struttura armonica della distorsione. Mentre l'effetto sul carattere del suono è
abbastanza leggero, dovresti sentire una differenza nella dinamica della distorsione: mentre aumenti la
quantità di "Tube Bias", la chitarra andrà in distorsione molto prima nella gamma dinamica, pur
mantenendo parecchia dinamica. Al valore massimo le caratteristiche di distorsione riproducono quelle
di un Tube Screamer.

 Direct Mix
Con "Direct Mix" è possibile aggiungere in parallelo alla distorsione dell'amplificatore il segnale pulito
della chitarra miscelando entrambi. Ciò aggiungerà alcune dinamiche e attacchi al suono, oltre ad
aggiungere parte del contenuto in frequenza della chitarra pulita. Risultati simili sono stati ottenuti
suonando la chitarra attraverso un amplificatore pulito e uno distorto in parallelo (doppia
amplificazione). Sul Profiler, viene fatto attraverso la rotazione di una manopola. "Direct Mix" controlla
il volume della porzione di suono pulita.

 Volume
Questo parametro può essere utilizzato per bilanciare il volume di uscita tra i diversi profili. Il Rig
"Crunch", che è di default in tutti gli Slot in Performance Mode, potrebbe essere usato come
riferimento di volume.

78 LF 2018
Stack
EQ
L'EQ (equalizzatore, spesso chiamato "tone stack") è parte integrante della Sezione Stack. Dispone di
quattro controlli per le diverse bande di frequenza: "Bass", "Middle", "Treble" e "Presence". Questi
controlli sono sempre presenti in modalità Browser e Performance. Tenendo premuto il pulsante EQ si
seleziona l'Equalizzatore.

Fondamentalmente, l'equalizzatore nel Profiler è la riproduzione di un circuito generico di controllo dei


toni passivo, ma è progettato per avere un impatto maggiore sulle bande di frequenza. Quando tutte le
manopole sono in posizione centrale, non cambia il suono, quindi quello che senti è il suono inalterato
del profilo.

Il soft button 1 consente di impostare la posizione dell'equalizzatore su "Post" (dopo) o "Pre" (prima)
sul Modulo Amp. L'equalizzatore ha un impatto diverso sul suono di un amplificatore saturato
(distorto), a seconda della sua posizione. Negli amplificatori valvolari, l'equalizzatore è posizionato tra il
preamplificatore e l'amplificatore di potenza. La maggior parte degli amplificatori per chitarra moderni
con un controllo del volume principale esegue la distorsione nel preamplificatore; quindi,
l'equalizzatore è posizionato dopo il circuito distorsivo. Gli amplificatori classici senza il controllo del
volume principale (come Vox AC-30 *) producono la distorsione nel loro amplificatore di potenza. In
questo caso, l'equalizzatore è posizionato prima del circuito di distorsione. Tuttavia, l'impostazione
della posizione in base all'amplificatore originale non è obbligatoria, poiché il suono autentico
dell'amplificatore di riferimento è già stato acquisito e include l'impostazione dell'equalizzatore
originale.


Un video tutorial dedicato che spiega l'EQ nella sezione Stack è disponibile all'indirizzo:

https://www.kemper-amps.com/

LF 2018 79
Stack
Cabinet
Il pulsante CABINET seleziona il modulo cabinet. Puoi liberamente combinare cabinet e amplificatori con
profili diversi per creare nuovi stack. Il cabinet ha tre parametri per modificare il suo carattere in modo
artificiale:

 High Shift, Low Shift


Entrambi i parametri influenzano le armoniche caratteristiche di un profilo cabinet, simulando così una
variazione di dimensione. "High Shift" renderà le armoniche più alte più evidenti, mentre "Low Shift"
farà lo stesso per le frequenze più basse.

 Character
Utilizzare questo parametro per modificare il carattere generale del cabinet. Ruotando la manopola a
destra si aumentano le variazioni nella curva di risposta in frequenza. Ciò enfatizzerà il carattere del
cabinet e potrebbe snaturarlo troppo a valori estremi. Girandolo a sinistra diminuiranno le variazioni
nella curva di risposta in frequenza e si appiattirà il carattere del cabinet. Verso la posizione più a
sinistra, il suono assomiglierà a quello delle simulazioni di cabinet analogici (che spesso hanno una
risposta in frequenza molto semplice e poco carattere).

 Pure Cabinet
Il parametro Pure Cabinet è disponibile nel modulo Cabinet e nella sezione Output. Si prega di fare
riferimento alla descrizione di Pure Cabinet nel capitolo Output / Sezione Master.

80 LF 2018
Effetti
Stomp & Effect
la sezione Stomp contiene quattro moduli chiamati A, B, C e D che sono posti nel flusso del segnale prima
dello Stack. Questi moduli rappresentano una sequenza di pedalini virtuali.

La sezione Stomp è mono perché l'amplificatore accetta solo un segnale mono. A differenza di ciò, i pedali X
e MOD nella sezione Effetti funzionano in stereo, se lo si desidera.

I moduli Stomp offrono tutti i tipi di effetti identificati da otto diversi colori che sono facili da memorizzare:

Delay/Reverb Verde

Pitch Shifter Delay Verde Chiaro

Wah Arancione

Distortion/Shaper/Booster Rosso

EQ Giallo

Compressor/Noise Gate Azzurro

Chorus Blu

Phaser/Flanger Fucsia

Pitch Shifter Bianco

Effect Loop Rosa

LF 2018 81
Effetti
Tieni premuto qualsiasi pulsante STOMP per selezionarlo. Se lo stomp è attivo, il display cambierà il suo
colore in modo che corrisponda all'effetto. Le manopole mostreranno i parametri disponibili per la
modifica.

Ci sono due modi per scegliere un nuovo effetto: ruotare la manopola BROWSE per selezionare un nuovo
effetto locale Preset, o girare TYPE, per cambiare l'algoritmo di base del modulo.

Molti parametri sono comuni a diversi tipi di effetti, ad esempio Mix, Volume e Rate solo per citarne alcuni.
Per cambiare il tipo di effetto utilizza la manopola TYPE, il valore di questi parametri rimarrà invariato. Ad
esempio puoi creare un effetto Flanger con i parametri Rate e Depth desiderati e successivamente
selezionare l’effetto Phaser girando la manopola TYPE lasciando immutati i parametri che questi due effetti
hanno in comune.

Di seguito alcuni parametri condivisi da molti effetti:

 Mix
Controlla la quantità di effetto nel segnale. Impostato al 100% si ottiene la massima intensità di effetto.
Con alcuni effetti tipo Wah o Compressor – l’effetto è udibile impostando Mix al 100%. Con altri effetti,
tipicamente modulazioni come Flanger o Phaser, il segnale Dry (all’ingresso dell’effetto) è miscelato con
il segnale Wet (all’uscita dell’effetto) per ottenere diverse intensità di effetto.

Quando Mix si trova a 0% non si ottiene nessun effetto. Il controllo Mix è adattato alla perfezione ad
ogni singolo effetto, in questo modo non ci sono perdite o incrementi (boost) di volume settando il
controllo al 50%. Alcuni effetti come l’Air Chorus, non implementano il controllo mix perché non ne
hanno bisogno.

 Volume
Il controllo Volume modifica il guadagno all’interno dell’effetto. Il volume di uscita dell’effetto può
essere incrementato o attenuato di +/- 24 dB, che è più del solito in questo tipo di apparecchiature.
Questo riduce la necessità di cambiare l’intero rig, ad esempio, quando si esegue un assolo. Basterà
selezionare l’effetto desiderato con le impostazioni del volume più alto.

 Stereo
Il parametro Stereo è disponibile solo per i moduli X e MOD nella sezione Effetti e controlla l’intensità
dell’effetto stereo. Con gli effetti di modulazione questo è ottenuto ruotando la fase dell’oscillatore a
bassa frequenza (LFO) a sinistra e a destra. Per altri effetti , come i filtri, le frequenze sono spostate in
direzione opposta a sinistra e destra. In questo modo alche il Wah Wah può creare un effetto stereo
quando selezionato in posizione X o MOD. Per la maggior parte degli effetti si raccomanda una
impostazione del 50% che corrisponde ad uno sfasamento di 90°, che di solito produce il più bell’effetto
stereofonico. Impostato a 0 in posizione centrale il segnale sarà monofonico. Con valori negativi si
otterrà lo stesso effetto stereo utilizzato con valori positivi ma con i canali destro e sinistro invertiti.
Utilizzando valori estremi l’effetto stereo sarà esagerato.

82 LF 2018
Effetti
 Ducking
Il controllo Ducking consente di intensificare o sopprimere (duck) un effetto utilizzando la dinamica del
suono da te prodotto. In molti processori di effetto si trovano “Ducking delay” o “Dynamic delay” che
riproducono questo comportamento. Nel profiler, ducking è disponibile in molti effetti sia
individualmente che simultaneamente.

Il parametro Ducking agisce in entrambe le direzioni della manopola settando la soglia del segnale in
ingresso per il controllo della dinamica. Con il controllo in posizione centrale (0) Ducking è disattivato.

Ruotando in senso orario il Ducking l’effetto verrà attenuato mentre si suona “forte”. Selezionando
attentamente il livello di Ducking si potrà controllare l’intensità dell’effetto alla dinamica del suonato,
più piano suonerai più effetto si otterrà.

Ruotando in senso antiorario il Ducking invertirà il modo di agire attenuando l’effetto mentre si suona
piano ed incrementandolo mentre si suona “forte”.

Utilizzando il Ducking su diversi effetti impostando il controllo su positivo nel primo effetto e su
negativo nel secondo si otterrà ina dissolvenza incrociata degli effetti in base alla dinamica del segnale.

Naturalmente la soglia (threshold) del controllo Ducking è correlata al livello di uscita della tua chitarra.
Questo livello è influenzato anche dal controllo Clean Sens che si trova nella sezione Input.

LF 2018 83
Effetti
Delay (Verde)
Senza dubbio, i tipi di effetti Delay sono alcune delle raccolte di effetti più avanzate e complete nel
Profiler. Tuttavia l’approccio che abbiamo utilizzato piò essere leggermente differente da quanto visto
fino adesso su altri processori di effetti. Non troverai effetti dedicati come Reverse Delay, Tape Delay o
Ducking Delay/Dynamic Delay, perché non avrebbe avuto senso dividere tali caratteristiche in differenti
tipi di Delay. Al contrario ogni tipo di Delay può funzionare con la maggior parte di queste
caratteristiche. Perché non avere un Dual Reverse Delay? O un Serial Delay con caratteristiche dei delay
a nastro analogici (Analog Tape Delay)? Oppure un Melody Delay sensibile al tocco? Tutti questi tipi di
Delay sono possibili nel profiler a partire dal Sistema Operativo versione 5.0 (OS 5.0).

La caratteristica del delay a nastro (Tape Delay) può essere controllata da due parametri fondamentali:
Low Cut e High Cut. Oltre a questi, due controlli per la regolazione di wow e flutter sono disponibili in
ogni tipo di delay. Molti Delay implementano anche il controllo Grit per aggiungere la caratteristica
saturazione e distorsione dei delay a nastro. Con diminuendo il valore di questi controlli, i delay
passeranno dalle caratteristiche dei vecchi Delay a nastro analogici ai moderni Delay digitali. Il Delay al
contrario (reverse) è sempre disponibile in aggiunta al segnale ritardato in uscita e può essere
miscelato a tuo piacimento.

Un certo numero di tipi di Delay sono caratterizzati dai parametri Swell, Smear e Cross Feedback.
Ognuno di questi parametri renderà il suono più morbido e può trasformare un Delay ritmico in un
effetto più ambient o riverbero. Insieme, funzionano ancora meglio!

Il risultato di tutto ciò è che ogni tipo di delay presenta molti parametri; ma non preoccuparti - sono
molto facili da gestire: tranne che per wow e flutter, sono tutti composti da un unico controllo
ciascuno. Se si porta il controllo a zero, la funzione sarà disattivata.

Se non vuoi immergerti nei dettagli subito, scegli una bella configurazione dalle nostre decine preset
Delay girando la manopola BROWSE, avendo posizionato il delay nel modulo Effetti.

Come per tutti gli altri effetti, è possibile modificare il tipo di Delay ruotando la manopola TYPE. Al
contrario della manopola BROWSE, questo cambierà solo l'algoritmo dell'effetto mantenendo tutti i
parametri invariati. In questo modo è possibile controllare diversi tipi di effetti mantenendo le
impostazioni, come il tempo di ritardo, che vengono applicate automaticamente al nuovo tipo di delay.

I ritardi possono essere inseriti nel modulo DLY sul lato destro del pannello o in uno qualsiasi dei moduli
Stomp ed Effect. Ciò consente a più effetti di ritardo di coesistere o di essere commutati all'interno
dello stesso rig.

Nonostante tutta la flessibilità dei nuovi Delay, ci sono buone ragioni per scegliere il modulo DLY per
l'effetto Delay:

• Il suono del delay (così come il riverbero) non verrà interrotto quando cambi Rig ("spillover")
• il suono di delay (così come il riverbero) sarà diretto a uscite separate se la sorgente di output è
impostato su "Del / Rev Wet" nella sezione Output
• FEEDBACK DELAY e le manopole MIX sono esclusivamente collegate al modulo DLY

Prima di descrivere i tipi di ritardo in dettaglio, ecco i parametri che la maggior parte dei tipi di Delay
hanno in comune:

84 LF 2018
Effetti
 Delay Mix
Controlla il livello del segnale di ritardo (Wet). Nella posizione centrale, il segnale Wet e Dry
saranno a pari livello; oltre questo punto inizierà ad attenuare il segnale Dry. Con Mix ruotato
completamente verso destra, sentirai solo il segnale Wet.


Il Delay Mix è accessibile tramite la fila di manopole nella metà superiore del pannello, a
condizione che l'effetto sia inserito nel modulo DLY.

 Mix Location Pre/Post


Determina se il controllo Mix è posizionato sull'ingresso (Pre) o sull'uscita (Post) del Delay. Questa
opzione non cambia immediatamente il segnale, ma è rilevante quando il controllo Mix viene
modificato da un interruttore o pedale (ad esempio utilizzando il Morphing).

Nella posizione "Post", variando il controllo Mix cambia il livello di uscita del delay, e quindi avrà un
impatto immediato sulla coda (ripetizioni) del delay quando modificato. Nella posizione "Pre", la coda
del delay non sarà influenzata dalle modifiche al parametro Mix, che controllerà solo il livello di input
delay.


Mix Location è rilevante anche se si utilizza il parametro Grit o Infinity Feedback, come vedremo più
avanti.

 Low Cut & High Cut


Questi due controlli determinano le modifiche alla risposta in frequenza delle ripetizioni del Delay.
Quando Low Cut è impostato su minimo e High Cut su massimo, il ritardo non subirà alcuna
degradazione del suono.

Riducendo High Cut dalla sua posizione massima, le alte frequenze si attenueranno con ogni ripetizione
del Delay, creando un suono caldo e opaco.

Man mano che si aumenta il Low Cut dalla sua posizione minima, le basse frequenze si attenuano con
ogni ripetizione del Delay, producendo un suono sottile e tagliente. Nel quarto inferiore del suo
intervallo, il Low Cut controlla il carattere di risonanza dell’ High Cut.

Entrambi i controlli possono essere combinati per simulare il degrado del suono di un Delay a nastro o
di un Delay analogico:

Impostare High Cut su un valore desiderato, ad es. 2000 Hz. Ora, aumentare gradualmente il Low Cut
dalla sua posizione minima. Si noteranno delle sfumature tipiche di un Delay a nastro, anche a bassi
valori di Low Cut. Più vicino si imposta Low Cut al valore dell’High Cut, più il suono cambierà (Low Fi)
come attraverso un filtro passa-banda. La frequenza Low Cut non supererà mai la frequenza High Cut.

LF 2018 85
Effetti
 Cut More
Potresti scoprire che il degrado del suono di Low Cut e High Cut non è abbastanza significativo, o che la
variazione è troppo lenta a lunghi tempi di Delay. In questo caso, premere il pulsante Cut More per
raddoppiare l’effetto di Low Cut e High Cut.

 To Tempo
I tempi di Delay possono essere impostati come valori assoluti (millisecondi) o come valori di nota, dove
i tempi assoluti dipendono dal tempo corrente. Usa il tasto funzione "To Tempo" per passare da una
modalità all’altra. Il tempo va impostato nella sezione Rig.

 Delay Time & Delay Ratio


Se To Tempo non è attivo, il Delay Time controlla il tempo di ritardo assoluto in millisecondi. Il tempo di
ritardo massimo è 2000 ms. Ruotando la manopola Delay time, si noterà una variazione di intonazione,
tipico delle variazioni della velocità del nastro in un Delay a nastro.

In diversi tipi di Delay, troverai anche un'impostazione per controllare il rapporto di ritardo (Delay
Ratio). Questa manopola imposta il tempo (in percentuale) delle rispettive ripetizioni rispetto al tempo
di Delay unico tipico di questo tipo di Delay. Pertanto, quando il Delay Time viene cambiato, tutte le
ripetizioni dipendenti cambieranno anche i loro tempi, secondo questo rapporto. Ciò significa che se si
modifica la lunghezza del pattern utilizzando l'unico parametro Delay Time, il pattern ritmico creato
dalle molteplici ripetizioni viene sempre mantenuto.

 Note Value
Se attivi l'opzione To Tempo, i controlli Delay Time o Delay Ratio si modificano su Valore nota. Ora, i
tempi di ritardo sono impostati in valori di nota, e quindi dipenderanno dal tempo reale.

Il tempo può essere scandito con il pulsante TAP o determinato automaticamente utilizzando il Beat
scanner, quando si preme e si tiene premuto il pulsante TAP. Per maggiori dettagli consultare il capitolo
Tempo.

Quando si modificano i valori di nota, la transizione ai nuovi valori avverrà senza intoppi, senza
cambiamenti di intonazione o altri effetti collaterali.

86 LF 2018
Effetti
 Feedback
Il parametro Feedback determina la quantità di segnale ritardato che viene rinviata all'input del delay,
risultante in un "eco dell'eco". Quando il Feedback è a zero, ci sarà solo una ripetizione udibile.
Aumentando il Feedback, il numero di ripetizioni aumenta fino a quando, al "100%" (posizione
centrale), il segnale ritardato continuerà a ripetersi indefinitamente.


Il feedback del Delay può essere controllato con la manopola dedicata nella metà superiore del
pannello, a condizione che l'effetto sia inserito nel modulo DLY.

Sopra la manopola Feedback troverai il pulsante Hold e, su diversi tipi di delay, un pulsante Infinity.
Entrambi i pulsanti sono le cosiddette funzioni "Azione e Mantenimento". Questi possono essere
assegnati ai Pulsanti degli effetti del Profiler Remote in modalità performance. Per assegnarli, tieni
premuto il tasto Effect desiderato sul Remote con il tuo piede, mentre premi il rispettivo tasto sopra il
display sul tuo Profiler. Per annullare l'assegnazione, ripetere la stessa azione.

 Hold
Hold è una funzione, che trasforma il delay in un loop infinito. La traccia del delay verrà ripetuta senza
perdita o aumento di volume e senza degrado del suono. L'input del delay viene tagliato, quindi nessun
ulteriore segnale viene aggiunto al ritardo, permettendoti di suonare insieme al loop.

 Infinity
Quando attivi Infinity, il Feedback passerà dal valore normale (tra 0 e 100%) al valore di feedback
infinito che va dal 100% al 200% ed è controllabile separatamente. Questo feedback consente di
aumentare il volume del segnale Wet invece di diminuirlo, facendolo saturare come in un Delay a
nastro, dove si ripeteranno all'infinito, così come il suono continuerà a degradarsi nel tempo. Per
garantire un risultato piacevole e opaco, è necessario regolare il suono della saturazione del nastro con
i parametri High Cut e Low Cut. Impostare Mix Location su "Post" se si desidera controllare il livello del
segnale del Delay dal controllo Mix.

In contrasto con la funzione Hold, Infinity Feedback consente comunque di aggiungere più segnale al
delay, creando intermodulazione con il segnale ripetuto.

I pulsanti Hold e Infinity possono essere assegnati a uno dei pulsanti Effects del Profiler Remote.
Mantieni premuto il pulsante Effetti desiderato (da I a IIII) mentre premi il pulsante "Hold" o il pulsante
"Infinity".

Entrambi i pulsanti Hold e Infinity possono anche essere assegnati a un interruttore a pedale che si
inserisce in uno degli ingressi pedali del Profiler o del Remote.

LF 2018 87
Effetti
 Cross Feedback
Un piccolo numero di tipi di Delay, ovvero il Dual Delay e il Quad Delays, sono dotati di un controllo
"Cross Feedback". Aumentando il valore oltre lo zero, ciascun ritardo non solo alimenta il suo segnale di
uscita al proprio ingresso, ma anche alle altre linee di ritardo partecipanti. Questo crea un pattern
ritmico più diffuso, aggiungendo un carattere di riverbero al delay. Per garantire che il feedback
complessivo percepito rimanga invariato, Cross Feedback ridurrà automaticamente il feedback
regolare. Per questo motivo, Cross Feedback funziona solo quando il Feedback regolare è impostato su
un importo ragionevole. Per ottenere la diffusione più fluida, impostare i tempi di ritardo su rapporti
dispari. Al contrario, i rapporti 1: 1 o 2: 1 avranno solo un effetto mediocre sul Cross Feedback.

 Reverse Mix
Se impostato completamente a destra, il ritardo viene trasformato in un ritardo all'indietro (Reverse).
Con valori intermedi, otterrai un misto di ritardo in avanti e indietro, che è piuttosto unico.

 Swell
Il parametro Swell attiva un effetto auto-swell all'ingresso del delay che fa alzare lentamente il volume
ad ogni nuovo colpo delle corde. A valori bassi, solo l'attacco della plettrata viene smorzato, creando un
segnale di ritardo più uniforme. Con valori maggiori, l'inizio delle note è sfocato, creando un ritardo
simile a un pad. Un esempio caratteristico dell’impiego del parametro Swell si può ascoltare nel brano
Cathedral di Van Halen.

 Smear
Il parametro Smear aggiunge una piccola quantità di riverbero al delay, la cui intensità si rafforza ad
ogni ripetizione di feedback. La plettrata diventa sempre più diffusa o confusa, conferendo al delay una
qualità simile al riverbero. In combinazione, Swell e Smear sono una ricetta perfetta per ritardi
ambientali ed eterei.

88 LF 2018
Effetti
 Stereo
Questo è simile al parametro Stereo incluso in molti effetti del Profiler. Nei Delay, questo parametro
controlla la diffusione stereo di tutte le ripetizioni.

Tuttavia, introduce un nuovo effetto "super-stereo" che consente alle ripetizioni del delay di apparire
ben al di fuori dell'immagine stereo normale. Questo effetto funziona meglio se sei posizionato
correttamente al centro del triangolo stereo dei diffusori. Per ottenere l'effetto più evidente, impostare
le ripetizioni del Delay su diversi tempi di ritardo. L'effetto super stereo non funziona con le cuffie.

• Al 100% i ritardi del Delay sono completamente spostati a sinistra e a destra.


• A 0% tutti i ritardi del Delay vengono spostati nella posizione centrale, dando come risultato un
segnale mono.
• A -100% i ritardi sono completamente panoramici, ma i lati vengono invertiti.
• Quando si sposta la manopola Stereo oltre l'impostazione +/- 100%, l'effetto super-stereo si
posiziona, raggiungendo il suo massimo impatto a +/- 200%.

Come con tutti gli altri effetti, il parametro Stereo non è disponibile quando l'effetto è posizionato nella
sezione Stomp, perché la sezione Stomp è rigorosamente mono.

 Grit
Il parametro Grit aggiunge una distorsione tipica dei Delay a nastro al segnale. A valori inferiori, il bias
del nastro viene ridotto, creando un suono poco compresso. A valori più alti, il segnale diventa
notevolmente compresso a causa del limitato headroom del nastro. Aumentando il controllo Grit, il
livello di input viene potenziato una distorsione più spinta. È possibile rifinire ulteriormente il suono
della distorsione usando i parametri High Cut e Low Cut. Usa l'interruttore "Cut More" per tagliare
ulteriormente le frequenze.

Come per ogni distorsione, la quantità di Grit nel Delay dipende dal livello di input. Di conseguenza, Grit
è sensibile al parametro "Mix Location". Quando Mix Location è impostato su "Pre", la distorsione viene
abbassata abbassando il controllo Mix Delay. Per questo motivo, potresti preferire impostarlo su
"Post", in quanto ciò non cambierà la quantità di Grit quando cambi il mix di delay.

 Stereo Modulation
Induce una modulazione nel segnale Wet per creare un suono simile al Chorus. I ritardi sono modulati
in diverse fasi per produrre un'immagine stereo ampia simile all'Air Chorus, anche quando i tempi di
delay sono impostati su valori uguali.


Se si desidera creare una modulazione del segnale Wet, senza creare un effetto stereo, utilizzare invece
i parametri Flutter.

LF 2018 89
Effetti
 Flutter Intensity & Flutter Shape
Questi parametri controllano l’effetto wow & flutter tipico di un Delay a nastro. La velocità con la quale
il nastro passa dalla testina di registrazione alla testina di riproduzione di un Delay a nastro varia in
modo casuale a causa di diversi motivi meccanici, ad esempio l'usura del nastro. Ciò si traduce in
deviazioni lente e veloci del segnale ritardato. Flutter Rate varia la velocità complessiva di queste
deviazioni casuali. Valori più bassi producono più "wow", mentre valori più alti producono il "flutter".
Usa Flutter Intensity per regolare l’intensità delle variazioni a tuo piacimento.

90 LF 2018
Effetti
Single Delay
Il Single Delay consiste di una linea di ritardo, con una sola impostazione del tempo di ritardo. Ciò rende
il Single Delay idealmente adatto alla sezione Stomp mono prima dell'amplificatore. Tuttavia, puoi
ancora posizionarlo dopo l'amplificatore e ottenere un effetto stereo decente aumentando il
parametro Stereo. Questo effetto stereo è creato da sfasamenti, ma è completamente mono
compatibile. Ciò significa che l'effetto scompare naturalmente, senza effetti collaterali, quando il
segnale viene mixato in modalità mono alla riproduzione.

Single Delay

LF 2018 91
Effetti
Dual Delay
Il Dual Delay presenta due ritardi completamente indipendenti - uno per ogni canale stereo - con
controlli di feedback indipendenti. Entrambi i feedback possono essere sincronizzati con il pulsante
Feedback Sync, in modo che entrambi siano controllati solo dal controllo Feedback 1. I feedback
sincronizzati non hanno solo lo stesso livello di feedback, ma vengono regolati automaticamente in
base ai rispettivi tempi di ritardo, in modo tale che entrambi i delay decadano allo stesso tempo, per
preservare l'immagine stereo. Utilizzare il parametro Cross Feedback per aumentare la densità dei
riflessi del ritardo.

Dual Delay

92 LF 2018
Effetti
Two Tap Delay
Il Two Tap Delay si basa sul Single Delay, ma con due ritardi di segnale per i lati sinistro e destro. Ciò
consente, per esempio, modelli di delay ping-pong dedicati, che sono abbastanza diversi da quelli del
Dual Delay.

Quando il pulsante "To Tempo" è attivato, è possibile impostare il tempo di ritardo sinistro e destro
singolarmente, in valori musicali. L'impostazione di entrambi i ritardi sullo stesso valore produrrà un
ritardo mono, mentre valori diversi creeranno un effetto ping-pong. Solo il ritardo sinistro alimenterà il
segnale all'entrata del ritardo, il che significa che la lunghezza del ritardo sinistro definirà la lunghezza
complessiva dei ritardi. Ad esempio, impostando la lunghezza del ritardo destro su metà della sinistra,
creerai un classico ritardo del ping-pong. Tuttavia, lo scambio dei valori non si tradurrà solo in uno
scambio dei lati stereo, ma anche in un diverso pattern di delay. Puoi scegliere i valori delle note da
multipli arbitrari di 16 note, fino a una barra (nota intera). Questo include anche valori dispari come
5/16 o 7/16, che vale sicuramente la pena provare. Per creare schemi ritmici più complessi e
interessanti, prova a utilizzare un mix di valori pari e dispari.

Quando To Tempo non è attivato, il tempo di ritardo sinistro viene impostato in millisecondi, mentre il
tempo di ritardo destro (Rapporto) viene impostato come percentuale del tempo di ritardo sinistro.

Two Tap Delay

LF 2018 93
Effetti
Serial Two Tap Delay
Il Serial Two Tap Delay si basa su un Two Tap Delay al quale è stato aggiunto un Delay in uscita. Questo
ritardo aggiuntivo include controlli "Mix Serial" e "Feedback Serial" separati, oltre a una terza
impostazione del tempo di ritardo. Il tempo di ritardo appare come "Note Val. Serial", quando To
Tempo è attivato, o come" Delay Ratio Serial "(come percentuale del Delay 1 Time), quando To Tempo
è disattivato.


In alternativa al Serial Two Tap Delay, è possibile inserire due distinti Delay in due moduli di effetto
adiacenti.

Serial Two Tap Delay

94 LF 2018
Effetti
Rhythm Delay
The Rhythm Delay è molto potente. Ti permette di organizzare fino a quattro linee di ritardo per creare
una sequenza ritmica. Ogni linea può essere impostata individualmente in base a tempo, volume e
posizione panoramica. La degradazione del suono dai filtri passa-alto e passa-basso aumenta ad ogni
ripetizione, dando al delay un naturale effetto delay, anche all'interno di un pattern.

Rhythm Delay

Quando si imposta il Feedback maggiore di zero, viene ripetuto l'intero ciclo di ritardo. Il tempo di
ripetizione (e quindi la lunghezza del pattern) è definito dal tempo della quarta linea di Delay (Delay 4).
Per questo motivo la quarta linea è sempre la prima della successiva ripetizione.

Quando è attivato To Tempo, il tempo di ciascuna linea viene regolato in modo indipendente in multipli
di 16 note. Quando To Tempo non è abilitato, Delay 4 Time viene impostato in millisecondi assoluti,
definendo di nuovo la lunghezza del pattern o il tempo di ripetizione. I ritardi 1, 2 e 3 hanno le
impostazioni Ratio come percentuale dei millisecondi di Delay 4 Time. Pertanto, se si modifica
l'impostazione di Delay 4 Time, allora tutti e quattro i tempi di ritardo vengono modificati di
conseguenza, pur mantenendo il loro rapporto. In questo modo, il pattern ritmico rimane intatto, ma
cambia tempo.

LF 2018 95
Effetti
Quad Delay
Il Quad Delay ha quattro linee di ritardo in parallelo. Il set di parametri è simile al Rhythm Delay, ma la
struttura è completamente diversa. I quattro delay condividono un controllo Feedback comune, oltre a
un Cross Feedback comune. Quando Cross Feedback è impostato su zero, tutti e quattro i ritardi
risponderanno individualmente. Quando Cross Feedback è impostato su 100%, ciascun ritardo invierà il
suo segnale a tutti e quattro i ritardi allo stesso tempo, creando un effetto diffuso e riverberante.

Quad Delay

96 LF 2018
Effetti
Legacy Delay
Il Legacy Delay si basa sul primo algoritmo di delay realizzato per il Profiler. Lo scopo principale è quello
di mantenere la piena compatibilità con le versioni precedenti delle piattaforme che sono state create
prima dell'avvento del sistema operativo 5.0 di Profiler. L'architettura del Legacy Delay è simile a quella
del Two Tap Delay. Tuttavia, è dotato di un filtro passabanda con i parametri Center Frequency e
Bandwidth (Larghezza di banda), diversamente da tutti gli altri delay che utilizzano il filtro più intuitivo
per Low Cut e High Cut. Se hai intenzione di apportare modifiche più profonde a un Legacy Delay già
esistente, ti consigliamo di cambiare il tipo in Two Tap, o qualsiasi altro tipo, usando la manopola TYPE.
In questo modo, trarrai vantaggio dal loro set di parametri migliorato.

Se hai intenzione di costruire un nuovo ritardo da zero, dovresti evitare il Legacy Delay per gli stessi
motivi.

LF 2018 97
Effetti
Reverb
Il riverbero offre algoritmi di qualità da studio e lavora a stretto contatto con l'effetto delay. Viene
fornito con cinque diversi tipi che consentono di determinare le dimensioni della stanza, che vanno da
Matchbox a Hall. Questi cinque tipi di riverbero sono disponibili esclusivamente nel modulo REV.

 Mix
Reverb "Mix" funziona esattamente come il parametro delay "Mix" e può essere controllato con la
manopola dedicata nella metà superiore del pannello.

 Time
Determina il tempo di decadimento del riverbero, da molto breve a infinito. Mentre le diverse
dimensioni della stanza dei tipi di riverbero determinano la densità delle riflessioni del riverbero, il
controllo "Time" è una sorta di parametro di feedback. A differenza di altri riverberi digitali, questo
tempo di riverbero non cambia con le dimensioni della stanza. Ciò semplifica la scelta della dimensione
della stanza appropriata in base al carattere.

 Predelay
In un riverbero naturale c'è un periodo di silenzio tra il segnale dry e il primo riverbero. Puoi regolare la
lunghezza di quel periodo usando il parametro "Predelay". In generale, è consigliabile utilizzare una
breve predelay per piccole stanze e uno più lungo per le grandi stanze. Aumentare la predelay su
riverberi corti può dare l'impressione di una stanza più grande. Inoltre, una lunga attesa separerà il
segnale Dry dal segnale Wet, rendendolo così più diretto, ma senza perdere il carattere della stanza.

Il Profiler offre un predelay insolitamente lungo. Puoi anche provare ad abbinarlo a un tempo
musicale, come una nota 1/8. Se ti piace questa idea, dovresti effettivamente riportare "Predelay" a
zero e usare l'effetto delay a tale scopo. Il modo in cui funziona è descritto nel paragrafo precedente
del parametro Delay + Reverb Balance.

 Damping
La coda del riverbero di una stanza naturale diventa più cupa nel tempo perché le alte frequenze
decadono più velocemente rispetto alle frequenze più basse. Quando le onde sonore viaggiano
attraverso l'aria, l'oscillazione dell'aria causa attriti che attenuano il suono mentre viaggia; poiché le
alte frequenze oscillano più velocemente, causano più attrito, con conseguente attenuazione più
rapida. Questo effetto è simulato dal parametro "Damping". Con lo smorzamento zero, il riverbero
suona in qualche modo artificiale, quindi dovresti considerare questo parametro tanto importante
quanto "Reverb Time".

98 LF 2018
Effetti
 Bandwidth & Frequency
Potresti averlo già visto prima: è perché è lo stesso, filtro passa banda come nel Delay. In questo caso,
tuttavia, il filtro non cambierà il colore del suono nel tempo (questo è il lavoro del parametro
"Damping"), ma invece crea una colorazione costante per il riverbero. Usa " Bandwidth" per restringere
la risposta in frequenza del riverbero da morbido a artificiale. La regolazione della "Frequenza"
cambierà il centro della colorazione dalle basse alle alte frequenze. Di nuovo, puoi impostare la
frequenza su una nota musicale specifica. Il riverbero risuonerà attorno a questa nota quando si
imposta "Larghezza di banda" su valori più alti.

LF 2018 99
Effetti
Aggiornamento Riverberi (Kaos 5.7/6.0)
Spring Reverb
Lo Spring Reverb si ispira al più ricercato riverbero a molla per chitarristi: il Fender® Reverb Tank del
1963. Sono due le caratteristiche importanti che definiscono questo leggendario riverbero: una è la
mancanza di basse frequenze, a causa di un ripido filtro lowcut utilizzato nel design originale.
Questo filtro è stato utilizzato per evitare il feedback acustico tra il diffusore e l’effetto riverbero,
entrambi alloggiati nello stesso amplificatore combo. L'altra è la qualità del suono che ricorda
l'acqua che gocciola in una grotta. Abbiamo fatto di tutto per ricreare fedelmente questo effetto,
per questo abbiamo sviluppato un parametro di intensità dedicato chiamato "Dripstone".

Gli amplificatori combo vintage non presentano una distorsione del preamplificatore, il che significa
che l'amplificatore di potenza deve essere saturato per ottenere un suono distorto. A causa del
posizionamento del riverbero prima dell'amplificatore di potenza, la sua uscita sarà distorta
insieme al suono della chitarra dry. Per ricreare in maniera autentica questo effetto nel PROFILER, è
necessario posizionare il Reverb Spring prima dell'amplificatore. Tuttavia, se si posiziona il Reverb
Spring dopo l'amplificatore, è possibile utilizzarlo in stereo.

 Mix
Il controllo Reverb "Mix" funziona esattamente come il parametro delay "Mix" e può essere variato
con la manopola dedicata nella metà superiore del pannello.

 Decay Time
Determina la velocità di decadimento del riverbero.

 Dripstone
Controlla l'intensità del suono "Dripstone".

 Distortion (Dwell)
Il riverbero Fender®, così come gli amplificatori combo, utilizzano uno stadio amplificatore a valvole
per pilotare un trasduttore nell’effetto a molla. Questo stadio valvolare è facilmente saturabile in
quanto deve creare un livello di segnale molto alto e crea una distorsione che aggiunge un pò di
grinta al riverbero. Questa distorsione può essere controllata indipendentemente dal parametro
"Distortion". Nell'originale Fender® Reverb Tank, questo controllo è denominato "Dwell".

 Spring Size
Varia la dimensione delle molle e, di conseguenza, la densità dell’effetto "Dripstone".

100 LF 2018
Effetti
 Low Damp
Controlla il degrado delle basse frequenze nel tempo. Girando la manopola verso destra, le basse
frequenze si attenuano con il decay del riverbero.

 High Damp
Controlla il degrado delle alte frequenze nel tempo. Girando la manopola verso sinistra, le alte
frequenze si attenuano con il decay del riverbero.

 High Cut
High Cut è un filtro statico, girando la manopola a sinistra si attenuano gradualmente le alte
frequenze del riverbero. Anche se non è stato implementato negli amplificatori combo, questo
controllo era disponibile come controllo "Tone" sul Fender® Reverb Tank originale.

 Spectral Balance
Lo Spring Reverb è originariamente elaborato da un forte filtro lowcut. Ruotando il controllo
Spectral Balance a sinistra o a destra rispetto alla posizione centrale (predefinita), è possibile
bilanciare il segnale Wet del riverbero verso le basse o alte frequenze.

LF 2018 101
Effetti
Natural Reverb
Il natural reverb è basato sulla più recente scienza e tecnologia di riverbero digitale. Ci ha permesso
di creare riflessioni iniziali come parte organica di un modello di stanza. Abbiamo quindi deciso di
abbandonare l'approccio accademico di generare le prime riflessioni come una serie di riflessioni
separatamente controllabili, oltre a un generatore di riverbero tardivo. Ci è piaciuta anche la facilità
di controllo offerta da questo approccio.

A causa della natura generica del natural reverb e dell'ampiezza dei suoi parametri, è in grado di
creare tutti i tipi di stanze - da ambienti troppo piccoli per essere notati, a spazi enormi. Questo
include anche le simulazioni di plate reverb e persino riverberi artificiali utilizzati nei sintetizzatori
come il pad reverb - il tutto facilmente regolabile con due o tre manopole.

 Decay Time
Determina la velocità di decadimento del riverbero. In un certo senso, il tempo di decadimento
imposta la dimensione della stanza, poiché in stanze più piccole il segnale decade velocemente e in
stanze più grandi lentamente. Ma non confonderlo con il parametro Room Size che è descritto più
avanti.

Il tempo di decadimento è analogo al parametro Feedback di un delay. Viene misurato in secondi


(s) e riflette il tempo in cui il riverbero si attenua di 60 dB, che è ben al di sotto della soglia uditiva.

 Freeze
"Freeze" è una funzione che blocca all’infinito il segnale, trasformando il riverbero in un pad infinito
e aumentando istantaneamente la dimensione della stanza all'infinito. Il segnale proveniente dalla
chitarra bypassa l'ingresso del riverbero, quindi nessun ulteriore segnale viene aggiunto al delay,
permettendoti di suonare insieme al pad.

La funzione "Freeze" può essere assegnata a uno dei pulsanti Effects del PROFILER Remote. Tieni
premuto il pulsante Effetti desiderato (da I a IIII) mentre premi il pulsante software "Freeze".

102 LF 2018
Effetti
 Room Size
La dimensione della stanza ha poco effetto sul riverbero all'inizio. Noterai un riverbero dal suono
più corposo sulle basse frequenze, caratteristica tipica di stanze piccole. Quando si imposta la
dimensione della stanza su valori più alti, la densità dell’effetto diminuisce insieme con il valore di
attack, come succede con stanze di grandi dimensioni (large room) o saloni (hall). In genere, è
opportuno utilizare impostazioni di stanze piccole (small room) per tempi di decay brevi e
viceversa. Un'eccezione a questa regola è la simulazione dei plate reverb, in le dimensioni della
stanza possono essere impostate indipendentemente dal tempo di decay.

È sconsigliato assegnare il Morph al parametro room in quanto vengono generati effetti di pitch
indesiderati.


Regola prima il parametro decay, quindi imposta la dimensione della stanza a tuo piacimento. Per
ulteriori utilizzi Room Size agire sul parametro Diffusion.

 Predelay
Imposta la quantità di tempo prima dell'attivazione del riverbero. Nelle stanze grandi, ci vogliono
alcuni millisecondi prima che le prime riflessioni della stanza possano essere udite. Quindi, il
predelay suggerisce una certa dimensione della stanza al tuo cervello. Questo aspetto viene
utilizzato nella produzione musicale moderna per creare un'illusione di spazio: provare ad
abbreviare il tempo di decay del riverbero e aumentare invece il Predelay. Ciò consentirà alla stanza
di sembrare più grande di quanto non sia, mentre la coda del riverbero si separa dallo strumento
dry come un normale ritardo per creare un effetto arioso. Per una credibile simulazione della
stanza, impostare il Predelay tra zero e pochi ms per ambienti e stanze di piccole dimensioni e 60
ms o più per stanze di grandi dimensioni.

 To Tempo
Abilitando "To Tempo", il Predelay cambia le sue unità da millisecondi a valori di nota, proprio
come negli effetti di delay. Ora, il Predelay è collegato a Tempo, e l'inizio della coda di riverbero
può essere organizzato in valori musicali - per lo più multipli di 1/8 di note.

Con "To Tempo" si può ottenere un predelay di oltre due secondi.

Il tempo può essere selezionato con uno dei pulsanti TAP del PROFILER o PROFILER Remote, oppure
determinato automaticamente utilizzando il Beat scanner tenendo premuto uno dei pulsanti TAP.
Per maggiori informazioni sulle funzionalità del tempo consulta il capitolo Tempo.

LF 2018 103
Effetti
 Early Diffusion
Con Early Diffusion ruotato tutto a destra, l'inizio del riverbero avrà la massima diffusione, proprio
come succede in una stanza con parecchi di muri e aree di diffrazione. Meno diffusione iniziale
significa meno superfici riflettenti. Con bassi valori di Early Diffusion, si sentiranno meno riflessi
iniziali, come quelli creati da una stanza più grande o sala. In spazi come questo, la densità del
riverbero aumenterà gradualmente.

È qui che il parametro Room Size ha la sua seconda applicazione: Con valori bassi di Early Diffusion,
la distanza tra i riflessi iniziali e la densità aumentano. Impostando al massimo il valore di early
diffusion, tuttavia, la dimensione della stanza influenzerà la velocità di attacco iniziale.


I parametri Early Diffusion e Room Size si acoltano al meglio impostando temporaneamente un
lungo predelay, questo aiuta a separare il segnale dello strumento (dry) dal riverbero (wet).

 High Cut
High Cut è un filtro statico ad uno stadio che attenua gradualmente il contenuto ad alta frequenza
del riverbero, Girando la manopola a sinistra l’effetto aumenta.

 High Decay
Simula il degrado ad alta frequenza nel tempo in stanze e sale. Ruotando il controllo verso sinistra, i
contenuti ad alta frequenza vengono attenuati nel tempo più velocemente. Mentre l'impatto di
High Decay aumenta con il tempo per i riflessi lunghi nel riverbero, high cut influisce su tutte le fasi
del riverbero, incluso l'inizio. Usa sia High Decay che High Cut per modellare il contenuto ad alta
frequenza del riverbero nel tempo.

 Low Decay
Mentre High Decay accelera il decadimento delle alte frequenze nel riverbero girando la manopola
verso sinistra, Low Decay fa lo stesso con le basse frequenze quando si gira più a destra. Low Decay
a zero lascerà decadere le basse frequenze lentamente, creando una risposta naturale al riverbero.
Questo è utile per le esibizioni su un singolo strumento come la chitarra acustica o un mix di
un'orchestra classica.

Tuttavia, in un mix contemporaneo con batteria e basso, si consiglia di aumentare il Low Decay del
riverbero per ottenere un buon ascolto nel mix. Per supportare questo aspetto, viene
automaticamente creato un filtro low-cut invisibile con valori più alti del Low Decay, che smorzano
dolcemente le basse frequenze dell'inizio del riverbero.

104 LF 2018
Effetti
 Low Decay & High Decay combination
Entrambi i parametri decay consentono un grado di controllo che va ben oltre ciò che è necessario
per un’autentica simulazione di stanza. Ruotando Low Decay fino ad un quarto a destra e High
Decay all’opposto, si otterrà un rapido decadimento delle basse e alte frequenze, in questo modo
resterà solo una stretta frequenza di risonanza. Alzando il controllo del tempo di decay è possibile
aumentare il decay di risonanza a tempi altissimi.

 Mid Frequency
Sposta le frequenze del filtro Low Decay, High Decay e High Cut. Di conseguenza, controlla anche il
tono dela frequenza di risonanza creata da ampie impostazioni di Low Decay e High Decay.

 Low Boost
Attivando l'interruttore Low Boost, il controllo Low Damp cambierà il suo nome in "Low Multiplier",
e invertirà il suo comportamento, in modo che, invece di smorzare le basse frequenze nel tempo,
manterrà le basse frequenze più lungo nella coda del riverbero. Questa è una proprietà delle stanze
naturali, in particolare stanze ampie (large room) e sale da concerto (concert hall). Il valore Low
Multiplier determina la quantità di sustain.

Low Boost e Multiplier creano code di riverbero coinvolgenti per strumenti solisti come la chitarra
acustica. Tuttavia, per i mix affollati di strumenti, consigliamo di attenuare le basse frequenze
piuttosto che aumentarle - questo manterrà il mix trasparente, oltre ad aiutare il riverbero a
“uscire” dal mix più facilmente.

 Modulation
Ogni riverbero digitale è costituito da più ritardi che vengono miscelati. I ritardi possono essere
modulati casualmente aumentando il parametro modulation, creando una coda di riverbero più
ricca (e più artificiale). Imposta il parametro modulation a zero per un riverbero naturale, anche se
viene mantenuta una leggera modulazione, in modo da simulare la naturale fluttuazione dell’aria.

 Input Swell
Il parametro Input Swell attiva un effetto auto-swell all'ingresso del riverbero, di conseguenza il
volume del tuo lo strumento si alza lentamente ad ogni nuova plettrata. A valori bassi, solo l'attacco
(pick) viene smorzato, creando un segnale di riverbero più fluido. A valori più alti, l’attacco(pick)
delle note è smorzato, creando un riverbero simile a un pad.

LF 2018 105
Effetti
Easy Reverb
L'Easy Reverb è basato sul Natural Reverb. A differenza di quest'ultimo, il numero di parametri è
ridotto al minimo, per rendere il flusso di lavoro facile e diretto.

 Decay Time
In Easy Reverb, il Decay Time controlla anche i parametri nascosti Room Size e Predelay time.
Questo è fatto in modo intelligente, creando automaticamente un suono naturale della stanza per
abbinare il tempo di decadimento scelto. Questa semplificazione riduce in un certo modo la le
possibilità di impostazione, ma controllando tutti e tre i parametri con una sola manopola risulta
più semplice ottenere un effetto bilanciato.

Echo Reverb
Echo Reverb è un delay combinato con un riverbero. In altre parole: un natural reverb con un controllo
di feedback aggiunto al predelay per creare ripetizioni ritmiche della coda del riverbero. Quindi al posto
di usare un delay, è possibile utilizzare Echo Reverb per combinare effetti di eco e riverbero.

Ci sono solo tre differenze che separano Echo Reverb dal Natural Reverb:

• Viene aggiunto il parametro "Feedback predelay". Più alto è il valore, più ripetizionisi avranno.
• L'intervallo per il Predelay viene aumentato a 2000 millisecondi, simile agli effetti di ritardo.
Tuttavia, per dei delay ritmici meglio premere il pulsante "To Tempo" e usare Note Values e
Tap Tempo per impostare il tempo di ripetizione desiderato.
• Il parametro Room Size non è disponibile - è impostato al minimo internamente perché si
presume che saranno utilizzate piccole stanze per l’effetto.

Esistono due modi alternativi per creare un riverbero echo nel PROFILER:

• Molti tipi di delay presentano un parametro "Smear" che aggiunge un po’ di riverbero alle
ripetizioni del delay. Il riverbero è molto più corto al confronto dell’Echo Reverb e si somma ad
ogni ripetizione.
• Impostare un delay nel modulo DLY e un riverbero nel modulo REV, controllato dal parametro
“DLY + REV Routing", ti dà lo stesso approccio, ma consente l’ampia modifica della
propagazione del delay e altro ancora. Consulta il capitolo sugli effetti DLY e REV.

106 LF 2018
Effetti
Cirrus Reverb
Il Cirrus Reverb inizia dove termina il Natural Reverbe. La sua specialità sono le code di riverbero lunghe
ed eteree con attacchi eccezionalmente lenti. Per questo motivo, il Cirrus Reverb non presenta un
predelay. Anche lo schema di modulazione è diverso dal natural reverb: non si somma nel tempo ma
rimane costante. Tutti i parametri dovrebbero esserti familiari tranne:

 Attack Time
Controlla la velocità di inizio del riverbero, fino a un massimo di quattro secondi.


Si noti che, per motivi fisici, il tempo di decay dipende dal tempo di attack. Mentre è possibile
impostare tempi di decay più brevi rispetto ai tempi di attack, noterai che il tempo di decay sarà
sempre maggiore di quelli dell’attack.

Formant Reverb
Questo aggiunge filtri formant al Cirrus Reverb per dare al riverbero più colore e un suono molto
particolare, simile ad un coro. Lo scopo principale di Formant Reverb, tuttavia, non è quello di
creare un coro realistico, ma di dargli un certo carattere, facendolo sembrare più un sintetizzatore
o un Mellotron. Le formanti aiutano anche il riverbero a bucare il mix, anche a livelli di volume
moderati.

 Formant Mix
Utilizzalo per bilanciare il suono del riverbero non filtrato con il suono filtrato. A zero, il Formant
Reverb suona identico al Cirrus Reverb. Ruota Formant Mix verso valori più alti per ascoltare i filtri
formant.

 Formant Vowel
Usa questo parametro per cambiare il suono tra le vocali U, O, A, E e I.

LF 2018 107
Effetti
 Formant Offset
Usalo per applicare una variazione di frequenza costante ai filtri del formant. La "voce" diventerà
più femminile o infantile ruotando la manopola a destra, e più maschile a sinistra.

 Formant Peak
Controlla la risonanza, o fattore q, dei due filtri passabanda formante e quindi l'intensità o
"nitidezza" dei filtri.

Ionosphere Reverb
Ionosphere Reverb si basa su Cirrus Reverb e Formant Reverb. Con i riverberi più potenti e brillanti,
parte dal concetto base e si sviluppa in un territorio completamente nuovo. Due Crystal Pitch
Shifter sono incorporati nel riverbero, consentendo di creare effetti più simili a violini orchestrali e
suoni sintetizzati.

In contrasto con i normali riverberi shimmer, il riverbero Ionosphere comprende una struttura di
segnale avanzata che consente impostazioni di pitch-up indipendenti dall'impostazione del tempo
di riverbero. Ciò consente di creare feedback delicati, o persino cambiamenti di intonazione
costanti, con lunghi tempi di riverbero che non si accumulano.

 Pitch Mix
Miscela il segnale d'ingresso originale con i due segnali pitch. A zero, i pitch shifter non avranno
alcun effetto - il riverbero suonerà identico a Cirrus Reverb o Formant Reverb. Con Pitch Mix
ruotato completamente a destra, il segnale dry è totalmente escluso, lasciando solo i segnali
elaborati dal pitch.

108 LF 2018
Effetti
 Pitch 1&2
Imposta il singolo offset dei pitch dei due crystal pitch shifter, in semitoni. 12 semitoni
corrispondono ad un'ottava. Se non si desidera eseguire due offset separati, impostare entrambi i
parametri sullo stesso valore.

 Pitch buildup
"Buildup" è un controllo di feedback nel riverbero che retroaziona l'uscita del segnale dei due
crystal pitch shifter al loro ingresso. Questo è abbastanza simile al controllo di feedback nei Crystal
Delays. A zero, ascolterai solo i pitch determinati dal Pitch 1 & 2. Con valori crescenti, i pitch
varieranno verso l'alto o verso il basso, o entrambi, se si sceglie sia un offset di tono positivo che
uno negativo.

La velocità del build è influenzata dal controllo Attack Time, che controlla anche la velocità di inizio
del riverbero, come descritto sopra per il Cirrus Reverb.

 Brass
Oltre all'effetto simile agli archi dei crystal pitch shifter, il parametro "Brass" consente di portare
alcune non linearità alla struttura del riverbero, dandogli un suono più simile a quello di una
sezione fiati.


Esempio di setup: per un riverbero che suona esclusivamente un'ottava più alta del segnale in
ingresso senza aumentare, imposta Pitch Mix tutto a destra, entrambi i pitch a +12 e Pitch Buildup a
zero.

Slot DLY e REV


Se inseriti negli ultimi slot effetti, i moduli DLY e REV hanno proprietà speciali. Entrambi possono
contenere qualsiasi tipo di effetto, ma quando lo slot DLY contiene un effetto delay e lo slot REV un
effetto riverbero, queste proprietà speciali diventano evidenti:

Innanzitutto, è possibile utilizzare le manopole di controllo dedicate per le impostazioni Mix e Feedback
/ Decay Time, disponibili su PROFILER Head and Rack. Inoltre:

• Entrambi i moduli offrono uno spillover per code di delay e riverbero. Ciò significa che le code
dell'effetto non vengono tagliate quando cambi Rig.
• Le code di delay e riverbero possono essere indirizzate separatamente in un'uscita analogica o
digitale dedicata, per creare una cosiddetta configurazione wet-dry-wet.

Consulta il capitolo Output/Master per maggiori informazioni.

LF 2018 109
Effetti
 DLY+REV Routing (in Rig Settings)
"DLY + REV Routing" è un'altra caratteristica esclusiva dei moduli DLY e REV. È un parametro unico,
disponibile in Impostazioni Rig, che consente il controllo del routing degli effetti situati nei moduli
DLY e REV. Supponiamo di aver inserito un delay nel modulo DLY e un riverbero nel modulo REV.

In posizione centrale, il delay e il riverbero sono impostati serie; questo significa che il riverbero
arriva dopo il ritardo, e sia i segnali dry che wet delay giungono all’ingresso del riverbero in quantità
uguali.

Diagramma di flusso in Serie

110 LF 2018
Effetti
Ruotando "DLY + REV Routing" a sinistra, il segnale wet del delay non arriva al riverbero - nella
posizione completamente a sinistra, solo il segnale dry del delay viene riverberato. Ora, il delay e il
riverbero funzionano in una configurazione parallela. Si sentiranno riflessi di ritardo e una coda di
riverbero, ma il segnale di ritardo non alimenta il riverbero.

Diagramma di flusso in Parallelo

LF 2018 111
Effetti
Ruotando "DLY + REV Routing" verso destra, accade il contrario: i riflessi del delay mantengono la coda
del riverbero, ma il segnale dry perde il riverbero. Questo metterà in risalto il tuo strumento, poiché il
riverbero non apparirà se non dopo il primo delay.

Solo il segnale Wet del Delay viene elaborato da Riverbero


Nota: poiché il riverbero offre un parametro predelay, è una buona idea impostarlo su zero, in questa
configurazione quindi, non compenserà il tempo delle code di riverbero.

Infine, vediamo cosa succede se l'effetto che si trova nel modulo DLY non offre un segnale Wet.
Supponiamo che un effetto di distorsione sia selezionato nel modulo DLY. Con Del + Rev Balance in
posizione centrale, si verifica semplicemente il normale comportamento seriale: distorsione nel
riverbero.

Quando girate Del + Rev Balance a sinistra, il segnale distorto svanirà dal riverbero; alla posizione
completamente a sinistra solo il segnale di pre-distorsione viene riverberato.

Ruotando Del + Rev Balance più a destra, l'impatto della distorsione si sposta sempre di più sul segnale
riverberato; ruotando completamente a destra si finisce con un segnale Dry non distorto più un
riverbero distorto.

112 LF 2018
Effetti
Space
L'effetto Spazio è identico alla versione globale di Spazio nella sezione Output. Produce i riflessi di una
piccola stanza dal suono neutro. Il risultato più ovvio di queste riflessioni è che un segnale mono viene
convertito in stereo; per smorzare i transienti, viene applicata anche una piccola diffusione. Puoi ancora
combinare l'effetto Spazio con delay o riverberi più lunghi, senza creare troppo riverbero.

L'algoritmo è progettato per simulare una stanza più piccola possibile e quindi non ha molti parametri.
Usa il parametro Intensity per controllare la forza dell'effetto.

Legacy Reverb
Legacy Reverb è basato sul primo algoritmo di riverbero creato per PROFILER. Lo scopo principale di
questo tipo di riverbero è di mantenere la piena compatibilità con i Rig che sono stati creati prima
dell'avvento del sistema operativo PROFILER 6.0.

Se vuoi creare un nuovo riverbero da zero, dovresti selezionare uno dei nuovi tipi di riverbero.

LF 2018 113
Effetti
Pedale Wah (Arancione)
Gli effetti wah sono una collezione versatile di effetti diversi che possono essere controllati da un
pedale wah. In alternativa, puoi passare all'opzione Pedal mode (Modalità pedale) "Touch" e
controllare l'effetto attraverso la dinamica della chitarra.

Wah Wah
•Questo è il classico effetto Wah Pedal. Modificando il parametro "Peak" è possibile
ottenere diverse caratteristiche Wah. Girando la manopola BROWSE mentre è attivo il
modulo Stomp, puoi trovare i Preset Wah Wah, incluse le impostazioni di alcuni importanti
pedali Wah.

Wah Low Pass


•Un effetto Wah alternativo derivato dal sintetizzatore di Access Virus. È un filtro passa-
basso a 4 stadi, con il parametro "Peak" che enfatizza la risonanza del filtro.

Wah High Pass


•Simile al Wah Low Pass, ma taglierà le bassa frequenze del suono della chitarra quando
alzerai il pedale

Wah Vowel
•Un filtro vocale che simula un effetto talk box. Le vocali sono estese ad una gamma più
ampia rispetto ai filtri vocali esistenti, in quanto include anche alcune vocali europee. La
gamma è: U O Â A Ä E I IÜ Ü Ö OE O U - Scegli la gamma desiderata usando i parametri
"Manual" e "Interval".

Wah Phaser
•Un enorme effetto phaser che puoi controllare usando il Wah Pedal. Il Wah Phaser è
derivato dal normale effetto phaser che è descritto in dettaglio più avanti. Oltre ai
parametri comuni ha ereditato due parametri aggiuntivi dal normale phaser: "Stages" e
"Spread".

Wah Flanger
•Wah Flanger è una versione speciale del flanger, basata su un delay con feedback, che crea
una risonanza o un effetto di risonanza. Utilizzare il parametro "Manual", o il pedale wah,
per controllare il tempo di ritardo o il pitch. Usa il parametro "Peak" per controllare
l'intensità della risonanza.

Wah Rate Reducer


•Questo effetto riduce la frequenza di campionamento del segnale audio che lo attraversa.
La frequenza di campionamento è controllata con il parametro "Manual". Abbassando la
frequenza di campionamento si ottiene una qualità roca, graffiante e aliasing. Utilizzare il
parametro "Peak" per controllare continuamente la qualità dell'interpolazione della
frequenza di campionamento, che modificherà drasticamente il contenuto armonico.

114 LF 2018
Effetti
Wah Ring Modulator
•Il segnale è modulato da un oscillatore sinusoidale. Il pitch dell'oscillatore è controllato con
il parametro "Manual" - nota che il parametro "Manual" agisce in due diversi modi, quindi
un'impostazione di "0" non avrà alcun effetto. Le impostazioni inferiori producono un
effetto simile al tremolo, mentre le impostazioni più alte cambiano totalmente la struttura
armonica dello strumento trasformandolo in una campana, spostando ogni componente di
frequenza verso l'alto (frequenza somma) o verso il basso (frequenza differenza).

Il parametro "Stereo" divide le frequenze di somma e differenza nel canale sinistro e


destro. Il parametro "Manual" può ora essere utilizzata per invertire il panorama stereo.
Come al solito, il parametro "Mix" aggiunge il segnale diretto. Con "Mix" nella posizione
centrale, la modulazione ad anello diventa modulazione di ampiezza.

Wah Frequency Shifter


•Il Frequency Shifter è un effetto raramente visto e può essere pensato come un
modulatore ad anello "deluxe". Ancora oggi, solo una manciata di Frequency Shifter
esistono nel dominio digitale. È utile nella creazione di deviazioni armoniche belle così
come nel produrre un rumore acuto . Come il modulatore ad anello, usa un'onda
sinusoidale per modulare il segnale, ma in modo tale da produrre solo le frequenze
"somma" o "differenza" dei due segnali. Diversamente da un pitch shifter, che preserva le
dipendenze delle armoniche, il frequency shifter modifica queste dipendenze, facendo
somigliare il suono a quello di una campana. Non è diverso da una radio ad onde corte che
non è stata sintonizzata correttamente.

Usa il parametro "Manual" per determinare la frequenza dell'onda sinusoidale. Questo


parametro agisce in due modi. In posizione centrale (0) non provocherà nessuno
spostamento di frequenza udibile.

Ruotando "Manual" in senso orario si ottiene uno spostamento di frequenza lineare verso
l'alto, mentre ruotandolo in senso antiorario si ottiene uno spostamento verso il basso.
Nota come il segnale spostato perde la sua struttura armonica.

Quando "Manual" viene ruotato totalmente in senso antiorario, noterai che il pitch inizia a
salire di nuovo. Questo è il risultato del fatto che le frequenze vengono spostate oltre lo
zero Hz, il che fa sì che vengano traslate verso l'alto.

Il parametro "Stereo" consente la regolazione continua della fase dei canali sinistro e
destro, creando in tal modo un sottile o più evidente, effetto stereo.

Wah Formant Shifter


•Il Wah Formant Shifter sposta il contenuto armonico del suono. Tuttavia, a differenza del
Wah Frequency Shifter, conserva le dipendenze delle armoniche, così come la frequenza
fondamentale. Di conseguenza, puoi suonare note singole in modo regolare, perchè
l'effetto influenza il carattere del tuo strumento. Quando "Manual" è posizionato al centro,
non viene applicato alcun effetto. Sposta "Manual" su o giù per spostare il suono
dall'originale. Ricorda che il Wah Formant Shifter funziona solo con note singole. Gli accordi
suoneranno strani nella maggior parte dei casi.

Poiché Wah Formant Shifter si basa su un algoritmo pitch shifter, troverai anche il
parametro "Pitch Shift". Questo ti dà la possibilità di spostare la frequenza fondamentale
su o giù in semitoni. Al tono più basso o al ritardo più lungo, risuonerà su un accordo di MI
maggiore.

LF 2018 115
Effetti
Parametri Wah
 Manual
Questo è il valore base dell'effetto Wah. Determina la posizione zero o tallone (heel) del pedale.
Quando "Pedal Mode" è impostato su "Off", "Manual" controlla la posizione del pedale statico.

 Peak
Questo parametro controlla l'intensità dell'effetto. La scelta effettiva del parametro fisico dipende dal
tipo di effetto: per Wah Wah e altri effetti filtro, il controllo "Peak" varia il fattore Q o la risonanza dei
filtri. Su altri effetti controlla il feedback dell'effetto, che è abbastanza simile al fattore Q o alla
risonanza.

 Pedal Range
Questo parametro determina l'effetto massimo del pedale, in concomitanza al valore selezionato per il
parametro "Manual", determina il minimo ed il massimo intervallo che l’effetto può riprodurre . Valori
negativi di "Pedal Range" invertiranno la direzione del movimento del pedale o dell'effetto touch, in
modo che l'effetto diminuisca quando si preme il pedale in avanti.

 Peak Range
Determina in che misura la posizione del pedale influenza l'intensità massima dell’effetto. Molti pedali
Wah originali hanno una dipendenza tra la posizione del pedale e il fattore Q del filtro Wah. Questo può
essere controllato da "Peak Range".

 Pedal Mode
Seleziona in che modo l'effetto Wah risponde al pedale Wah o al tocco delle corde (dinamica).

Off Il pedale non ha alcun effetto. L'effetto sarà statico e può ancora essere controllato
dalla manopola "Manual".
Touch Usa la dinamica dello strumento per controllare l'effetto, come descritto di seguito.
On Wah Pedal è attivo. Controlla l’escursione del pedale tramite il parametro "Range".
Bypass @ Stop Wah Pedal è attivo. Quando inizi a muovere il pedale, l'effetto si dissolve dolcemente
e si dissolve dolcemente quando smetti di spostarlo.
Bypass @ Heel Wah Pedal è attivo. L'effetto scomparirà gradualmente quando si parcheggia il pedale
nella posizione di tallone (Heel)
Bypass @ Toe Wah Pedal è attivo. L'effetto scompare gradualmente quando si parcheggia il pedale
in Posizione di punta (Toe)

116 LF 2018
Effetti
 Touch
Questa modalità assomiglia al classico comportamento del Touch Wah, in cui la profondità della
modulazione è controllata dalla dinamica del suono ed è disponibile per tutti gli effetti Wah. Come con
il normale pedale Wah, il parametro "Range" controlla l'intensità dell'effetto Touch.

Quando è attivo "Touch", all'effetto vengono aggiunti altri tre parametri, a cui è possibile accedere
premendo il pulsante PAGE destro:

Touck Attack Controlla la velocità di reazione del touch in fase di attacco.


Touch Release Determina la velocità con cui l'effetto ritorna alla sua posizione di riposo.
Touch Boost Usalo per estendere la scala del parametro "Peak Range". Noterai anche che quando
"Peak Range" è basso, ma "Touch Boost" è alto, puoi spingere l'intensità fino al
massimo, che può essere utile per determinati effetti.

LF 2018 117
Effetti
Compressor (Azzurro)
Un compressore per chitarra è usato principalmente per suoni puliti, poiché il volume del suono della
chitarra si abbassa abbastanza velocemente. Sui suoni distorti, la distorsione stessa aggiunge
compressione come effetto collaterale; questo significa che il compressore potrebbe anche essere di
intralcio, poiché la compressione aggiuntiva ucciderà la dinamica e la sensibilità al tocco della
distorsione. Tuttavia, c'è sempre il trucco di comprimere la chitarra al massimo, quindi farla passare
attraverso la distorsione dell'amplificatore, in modo che ogni nota della chitarra ottenga la stessa
quantità decente di distorsione.

I suoni puliti traggono vantaggio dalla compressione, poiché aiuta ad allungare il sustain delle corde.
Un'altra tipica applicazione è quella di enfatizzare l'attacco delle corde suonate con il parametro Time
Attack. Nel Profiler dovresti usare il parametro Pick nel Modulo Amplificatore per ottenere questo
effetto. È stato ottimizzato per controllare la forza della tua plettrata e fa questo lavoro molto meglio di
un normale compressore.

Il compressore è una riproduzione fedele di un pedale compressore vintage. Abbiamo anche aggiunto
un nuovo parametro, chiamato "Squash", per rendere questo compressore ancora più versatile.

Non vi è alcuna necessità immediata di regolare il volume del compressore su suoni puliti, poiché il suo
volume viene automaticamente regolato sul volume del Rig.

 Intensity
Controlla la quantità di compressione applicata al tuo strumento. Alla posizione zero non c'è
compressione. Nella prima metà della gamma Intensity l'effetto sarà abbastanza debole, in quanto il
compressore taglierà solo i volumi alti del tuo strumento. Quindi, man mano che aumenti "Intensity" a
metà strada, inizierai a sentire che anche le note a volume basso che vengono amplificate.

 Attack
Regola il tempo di reazione del compressore. Maggiore è il valore di "Attack", maggiore è il tempo
necessario al compressore per agire. Ciò consentirà al primo picco del segnale di passare inalterato
quando si suona una corda, aumentando così la percussività del plettro.

118 LF 2018
Effetti
 Squash
Questo ti dà il controllo sul comportamento dinamico della compressione. Nella posizione centrale il
compressore funzionerà come previsto. Quando si gira "Squash" verso zero, il compressore enfatizzerà
la prima fase del decadimento del suono, risultando in una minore quantità di compressione. Quando
lo giri più a destra, la prima fase del decadimento del suono viene schiacciata e il volume si abbassa.
Noterai che il compressore si riprende dallo schiacciamento quando lasci che il volume del suono si
abbassi ulteriormente, anche aumentando leggermente il suono, rispetto a quando colpisci le corde.
Ora, il compressore diventa davvero evidente!

"Squash" non cambia il rapporto di compressione. Il rapporto di compressione è sempre infinito sui
pedali compressori vintage.

Noise Gate (Azzurro)


Oltre al noise gate nella sezione di input, ci sono due noise gate aggiuntivi disponibili come effetti a
pedale, sviluppati appositamente pensando al chitarista hi-gain.

Mentre il noise gate nella sezione Input è progettato per preservare esattamente la dinamica della
chitarra, i pedali noise gate si comportano come classici expander verso il basso. Gli expander verso il
basso attenuano un segnale una volta che è sceso al di sotto di una certa soglia e sono spesso usati per
sopprimere il rumore in complessi riff metal. I due pedali noise gate presentano diversi rapporti di
espansione ritenuti i più musicali.

Noise Gate 2:1


Questo noise gate è un leggero Expander, con un rapporto di espansione di 2: 1. Se il livello del segnale
di ingresso si trova al di sotto della soglia, verrà attenuato con un rapporto di due. In altre parole, ogni
dB al di sotto della soglia porta ad un'attenuazione di 2 dB del segnale.

Noise Gate 4:1


Questo noise gate è un expander più aggressivo, con un rapporto di espansione di 4: 1. Se il livello del
segnale di ingresso si trova al di sotto della soglia, verrà attenuato con un rapporto di quattro. In altre
parole, ogni dB al di sotto della soglia porta a un'attenuazione di 4 dB del segnale.

Così come il precedente noise gate, non ci sono controlli di attacco o rilascio, in quanto abbiamo
selezionato il minor tempo possibile senza introdurre alcun degrado del segnale. Il tempo di attacco è
di 0,05 ms (ovvero 50 microsecondi o un ventimillesimo di secondo), mentre il tempo di decadimento è
di 50 ms. È possibile utilizzare i pedali noise gate in combinazione con il noise gate nella sezione Input
per beneficiare dei diversi caratteri del noise gate.

LF 2018 119
Effetti
Distortion (Rosso)
Il Profiler offre una varietà di distorsioni che sono state modellate su pedali di distorsione vintage.
Ognuno di questi classici pedali è famoso per il suo carattere distintivo ed è stato sfruttato da alcuni dei
più grandi eroi chitarristici di tutti i tempi. Abbiamo accuratamente modellato le curve di distorsione e
le caratteristiche tonali di questi effetti leggendari, inclusi i controlli di tono originali.

 Drive
Utilizzalo per aumentare il guadagno del segnale mentre entra nello stadio di distorsione: più alto è il
guadagno, più distorto il suono.

120 LF 2018
Effetti
 Tone
Alcuni dei pedali di distorsione originali che hanno ispirato questa collezione sono dotati di controlli di
tono.

Nome Descrizione Controlli Riferimento Storico


Green Scream Il suono prodotto dall’effetto si Usa il controllo "Tone" Ibanez® Tube Screamer
ispira ad una un tipo di overdrive per regolare il suono con TS-808,
valvolare davvero speciale che si un filtro passa-basso. Overdrive OD-808*
traduce in un tono caldo. Buono
per ottenere un leggero effetto di
distorsione , pur conservando il
margine per la dinamica.
Plus DS Una distorsione più marcata Come l’originale non ha MXR® Distortion+*
controlli di tono
One DS Quello "arancione". Una Il controllo "Tone" Boss® DS-1*
distorsione molto dura, popolare consente una grande
con il movimento grunge. versatilità combinando
sia un filtro passa-basso
che un filtro passa-alto -
abbassalo per un tono
caldo e cupo, e verso
l'alto per un suono
chiaro e tagliente.
Muffin Un grande effetto di distorsione Questo effetto utilizza Electro Harmonix®
famoso per il suo carattere “Fuzz”. un doppio sequenza di BigMuff*
filtri, simile a One DS.
Usa valori più bassi per
ammorbidire il suono
con un filtro passa-basso
e valori più alti per un
suono più chiaro e più
tagliente.
Mouse DS Una distorsione chiara e potente Usa il controllo "Tone" ProCo® Rat*
che è perfetta per creare lead che per ammorbidire il
bucano il mix. suono con un filtro
passa-basso.
Fuzz DS Il classico overdrive Fuzz Nessun controllo Dunlop® Fuzz Face*
Metal DS Una distorsione nitida, ad alto Utilizzare l'EQ a 3 bande Boss® Metal Zone*
guadagno, ottimizzata per la per modellare il tono.
musica metal.

LF 2018 121
Effetti
Pedale Booster (Rosso)
Treble Booster Un classico pedale, che non presenta una distorsione integrata. Invece, il Treble
Booster è fatto per modellare le alte frequenze della tua chitarra in modo da
migliorare la distorsione e renderla più chiara, specialmente quando viene usata con
vecchi modelli di amplificatori che non erano originariamente progettati per la
distorsione. Usa il controllo "Tone" per modellare il tuo suono.

Prima di raggiungere il Treble Booster, prova a modificare il parametro Definition nel


modulo Amplifier. Ciò modificherà anche il risultato della distorsione, ma
direttamente nel profilo e con meno modifiche alla risposta in frequenza.
Lead Booster Questo effetto enfatizza dellle frequenze specifiche della tua chitarra. Impostare il
suono desiderato usando il controllo "Tone". Il Lead Booster può neutralizzare il
Treble Booster, quando vengono utilizzati insieme nella sezione Stomps.
Pure Booster Pure Booster ha un controllo "Volume" come tutti gli altri effetti, ma solo quello. Il
controllo "Volume" aumenterà o attenuerà il segnale senza colorare il suono.
Quando lo metti prima all'amplificatore o a una stomp di distorsione, il Booster puro
ha lo stesso effetto del controllo del guadagno (Drive); posto dopo la Sezione Stack, il
Booster puro diventa un semplice controllo del volume, senza ulteriore colorazione
del segnale.
Wah Pedal Booster Con il Wah Pedal Booster, è possibile utilizzare il pedale Wah per controllare il
volume, invece di dover utilizzare un pedale volume dedicato. I parametri sono
identici ai parametri "Volume Pedal".

122 LF 2018
Effetti
Pedale Shaper (Rosso)
Tipo Diagramma

Linear

Recti Shaper
Questa è la curva
caratteristica del Recti Shaper

Regular Distortion
Questa è la curva
caratteristica della Regular
Distortion

Soft Shaper
Questa è la curva
caratteristica del Soft Shaper

Hard Shaper
Questa è la curva
caratteristica dell’Hard
Shaper

Wave Shaper
Questa è la curva
caratteristica del Wave
Shaper

LF 2018 123
Effetti
Bit Shaper
Bit Shaper riduce continuamente la profondità di bit di un segnale, con impostazioni di "Drive" più
elevate il numero di bit diminuisce. L'effetto può essere descritto come l'introduzione di una
distorsione fizzy, con un degrado del segnale ad alti valori di Drive. Il segnale può anche interrompersi
completamente alle impostazioni più estreme.

"Peak" controlla la forma dei passaggi digitali, che influisce sul contenuto high-end del segnale.

Recti Shaper
Il Recti Shaper si basa su un circuito raddrizzatore elettrico. Distorce il segnale di ingresso forzando tutti
i segmenti negativi della forma d'onda in un segnale positivo. Questo effetto non è affatto nuovo - è
ben noto dal famoso pedale distorsione Octavia * usato da Jimi Hendrix in molte canzoni, in particolare
su "Purple Haze". Se applicato a un segnale di chitarra, il raddrizzatore renderà gli accordi molto diversi
e stranamente distorti. Le note singole suonano trasparenti, ma con una leggera enfasi sull'ottava
superiore.

L'originale Octavia * analogico è costituito da un circuito raddrizzatore e una distorsione aggiuntiva. Il


Recti Shaper fornisce solo il circuito rettificatore, senza alcuna colorazione di tono aggiuntiva. Se
utilizzato nella sezione Stomps, puoi goderti il famoso effetto, mantenendo al contempo il suono
originale dello Stack selezionato, o aggiungendo un pedale di distorsione. La tecnica tradizionale
utilizzata con questo effetto è quella di suonare sopra il settimo tasto, con il pickup al manico gli acuti
completamente chiusi.

124 LF 2018
Effetti
Chorus (Blu)
Vintage Chorus
The Vintage Chorus è un'emulazione della tecnologia chorus degli anni '70 basato su filtri a pettine, che
può essere considerata un predecessore della tecnologia di campionamento digitale odierna. Il Vintage
Chorus non ricalca solo l'esatto suono del famoso Chorus Ensemble * ma anche molti altri modelli di
quell'epoca che erano basati sullo stesso circuito di base.

Potresti notare il suono un po’ cupo dell'effetto; ciò è dovuto alla frequenza di campionamento limitata
del filtro a pettine. Quando questo segnale viene mixato al suono diretto, si otterrà un suono molto
caldo di chorus, perché il segnale generale ottiene un aumento di frequenza bassa e media. Quando
posizionate il chorus vintage nella sezione Stomps prima dell'amplificatore, otterrete il ben noto effetto
di modulazione mono. Quando posizionato nella sezione Effetti, il chorus vintage suonerà più cupo e
con meno modulazione, poiché funziona in stereo. Questo perché ci sono Chorus separati per il canale
sinistro e destro, che modulano in opposizione. Se si preferisce il suono mono originale, impostare il
parametro "Stereo" sulla posizione centrale.


Se ti capita di possedere un'unità di chorus originale dell'era analogica, potresti notare che i Chorus non
presentano un aumento di volume quando li accendi. Questo perché la nostra filosofia è di mantenere
sempre lo stesso livello di volume, indipendentemente dal fatto che gli effetti vengano utilizzati o
meno. Questo ti rende più facile scegliere l'effetto migliore semplicemente per il suo carattere, e non
per favorire un effetto su un altro semplicemente perché suona più forte. Naturalmente, se vuoi ancora
aumentare il volume, puoi sempre usare il parametro "Volume".

 Rate
Usa il parametro "Rate" per regolare la velocità della modulazione del chorus.

 Depth
Usa il parametro "Depth" per regolare l'intensità della modulazione del chorus.


Suggerimento: per ottenere il suono originale del Chorus Ensemble * lascia il parametro "Depth" alla
posizione centrale esatta e usa il parametro "Rate" per creare il tuo suono preferito - i dispositivi
originali non avevano un controllo di profondità.

 Depth
Ciascuno degli algoritmi chorus presenta il parametro "Crossover". Aumentando il valore di "Crossover"
è possibile rimuovere gradatamente la modulazione dalle basse frequenze, conferendo così al suono un
gruppo di basse frequenze inalterate. Questa caratteristica è stata ispirata dai pedali di chorus per
basso; abbiamo scoperto, tuttavia, che questo tipo di controllo incrociato non è semplicemente un
vantaggio per i suoni dei bassi: è adatto per dare forma a qualsiasi suono.

LF 2018 125
Effetti
Hyper Chorus
L'Hyper Chorus è probabilmente uno dei più complessi Chorus mai realizzati; è un chorus a sei voci con
un massimo di tre linee di delay per entrambi i canali sinistro e destro. Nonostante ciò, è
incredibilmente semplice da usare, poiché è sufficiente regolare il parametro "Depth" per ottenere un
suono grosso e caldo.

 Depth
Regolando "Depth", si modifica la quantità di detune e ingrossamento che il chorus aggiunge al segnale
- tutto il resto è perfettamente regolato per darti il suono di chorus più chiaro senza la necessità di
ulteriori ritocchi. Puoi anche scegliere quantità molto piccole di detune senza l'effetto tipico del filtro a
pettine di un normale chorus. Quando portate "Depth" a zero, l'effetto chorus scompare
completamente, anche con il parametro "Mix" in al massimo.

 Amount
Se il suono diventa troppo complesso, hai la possibilità di ridurre continuamente la quantità di linee di
ritardo. È possibile eliminare gradualmente il numero dei ritardi da uno a tre su ciascun canale stereo.
Quindi sono possibili anche 1.5 cori: questo significa semplicemente che un chorus è a pieno volume,
l'altro è a metà.

 Crossover
Aumentare il valore del parametro "Crossover" per impedire all'effetto chorus di modulare le
frequenze più basse del segnale di ingresso.

126 LF 2018
Effetti
Air Chorus
L'Air Chorus è un tipo di chorus delicato, in quanto non mescola il suono diretto con il segnale
elaborato; al contrario, modula l’altezza della frequenza dei canali sinistro e destro del segnale
indipendentemente l'uno dall'altro. Il suono di chorus risultante avviene nello spazio tra gli altoparlanti,
dove entrambi i segnali sono sommati tra loro - da qui il nome. Questo è in realtà il modo in cui
funziona il famoso amplificatore Jazz Chorus *.

 Depth
Nella maggior parte dei casi, come con l'Hyper Chorus, il controllo "Depth" sarà l'unico controllo di cui
hai bisogno per ottenere il suono che desideri. Valori più alti ti daranno un coro evidente ma delicato,
mentre valori più bassi creeranno un sottile ampliamento del fronte stereofonico, ma senza il tipico
effetto di pulsazione che spesso ottieni con un chorus.

 Crossover
Il parametro "Crossover" consente di escludere la modulazione sulle frequenze basse e medie del
segnale producendo un output monofonico solo per queste frequenze, mentre le alte oscillano ancora.

LF 2018 127
Effetti
Micro Pitch
Micro Pitch è un effetto detune, basato sulla tecnologia pitch shifter. Il risultato sembra più stabile di
un chorus classico, perché evita l'effetto di modulazione ciclica di un oscillatore a bassa frequenza
(LFO).

 Detune
Usalo per controllare la variazione di pitch tra i canali sinistro e destro.

 Mix
Usare questo controllo per miscelare il segnale diretto con i segnali detuned. Impostalo in posizione
centrale per un suono più ampio. Con "Mix" ruotato completamente verso sinistra, sentirai solo i
segnali scomposti a sinistra ea destra; questo crea un chorus "speciale", simile nel suono all'Air Chorus.

Vibrato
L'effetto Vibrato varia l'intonazione del suono usando una modulazione sinusoidale.

 Rate
Usa il parametro "Rate" per regolare la velocità della modulazione.

 Depth
Usa il parametro "Depth" per regolare l'intensità della modulazione.

 Crossover
Usa il parametro "Crossover" per sfumare l'effetto vibrato per le frequenze più basse del segnale. Ciò si
tradurrà in un effetto di modulazione “vecchia scuola”, del tutto simile al vibrato di un organo
Hammond ™.

128 LF 2018
Effetti
Rotary Speaker
Il tipo di chorus Rotary Speaker è una riproduzione fedele del suono prodotto dal leggendario diffusore
Leslie® *, noto soprattutto per l'effetto classico che ha sul suono dell'organo Hammond® *.
L'altoparlante Leslie® * modula il suono ruotando sia l’altoparlante dei bassi che la tromba del tweeter
all'interno di un cabinet, ma, soprattutto, vengono ruotati a velocità diverse l'uno dall'altro. Il risultato
è un complesso esempio dell'effetto Doppler, e il modo in cui influenza il suono è magico - qualcosa di
simile al vibrato, al tremolo e al coro combinati.

L'effetto Rotary Speaker non colora il suono; invece, la colorazione verrà dal profilo. Aggiungendo
Rotary Speaker su un amplificatore e un cabinet che ti piacciono, puoi trasformare il tuo cabinet in un
cabinet rotante, mantenendo la sonorità del tuo amplificatore.

È interessante notare che puoi effettivamente profilare il tuo Cabinet rotante. Se hai la possibilità di
avere un vero “Rotary speaker” nel tuo studio, puoi creare un profilo. Si prega di fare riferimento alla
Guida al profiling per ulteriori istruzioni. Naturalmente, il Profiler è già dotato di un "Rotary Speaker CK"
Rig che include un profilo di un Leslie® 147 * catturato con Shure® SM 57 *.

 Speed
Utilizzare il tasto "Rotary Speed" per passare dalla rotazione lenta a quella rapida. Noterai che il cambio
nella velocità di rotazione non è immediato, ricreando così l'accelerazione e la decelerazione dei
diffusori rotanti nell'originale.

 Stereo
Usa il parametro "Stereo" per regolare l'angolo dei due microfoni virtuali relativi agli altoparlanti. Se
vuoi che l'effetto sia mono, imposta l'angolo su "0 °" (posizione centrale). Valori negativi invertiranno la
direzione di rotazione. Solo il rotore alto viene elaborato da due microfoni, il rotore basso è mono con
un microfono - una pratica standard di registrare un altoparlante rotante, sia dal vivo che in studio.

 Low-High Balance
Usa il parametro "• Low-High Balance" per regolare il bilanciamento tra le uscite del rotore dei bassi e
la tromba del tweeter. Valori più bassi producono un suono più scuro e più cupo, mentre valori più alti
producono un suono più chiaro. Per una fedele emulazione del classico suono Leslie® *, lasciare il
parametro impostato nella posizione centrale.

LF 2018 129
Effetti
 Distance
Utilizzare il parametro "Distance" per regolare la distanza dei microfoni dal cabinet da 4 cm a 50 cm. Più
i microfoni sono vicini, più intensa sarà la modulazione di ampiezza (tremolo). Alla massima
impostazione non c'è una modulazione di ampiezza apprezzabile.

 Mix
Utilizzare il parametro "Mix" per regolare il bilanciamento tra il segnale di ingresso e l'uscita dell'effetto
Rotary Speaker. Per un suono autentico, è meglio lasciarlo a "100%", ma può essere molto utile se vuoi
ottenere suoni meno convenzionali.

Tremolo / Auto Panner


Il tremolo modula il livello del segnale in modo periodico.

 Rate
Utilizzare la manopola "Rate" per regolare la velocità della modulazione del tremolo; questo parametro
è quasi continuamente variabile, ma rimane sincronizzato con il tempo reale del Rig. Il tempo può
essere selezionato manualmente o impostato sul pulsante TAP. Quando è attivo "Tempo", la velocità
verrà visualizzata in valori musicali. Fare riferimento al capitolo Tempo per ulteriori informazioni sulle
fonti e le impostazioni del tempo.

 Depth
Usa il parametro "Depth" per regolare l'intensità della modulazione.

 Crossover
Usa il parametro "Crossover" per sfumare l'effetto tremolo per le frequenze più basse del segnale.

Quando si posiziona il tremolo nella sezione Effetti, dove è possibile creare segnali stereo, diventa un
effetto panorama stereo ("Auto Panner"). L'intensità e il carattere dell'effetto stereo possono essere
controllati dal parametro "Stereo"; questo determina la variazione di fase delle modulazioni di livello
indipendenti per i canali sinistro e destro. Quando si imposta "Stereo" nella posizione centrale (valore
zero), entrambi i lati saranno in fase, creando così un effetto mono tremolo.

130 LF 2018
Effetti
Phaser & Flanger (Fucsia)
Phaser
Il Phaser è una lunga catena di filtri che implementa fino a 12 stadi per ogni canale stereo.


Un phaser simile si trova nel gruppo di effetti wah e può essere controllato dal pedale Wah.

 Rate
Utilizzare la manopola "Rate" per regolare la velocità della modulazione Phaser; questo parametro è
quasi continuamente variabile, ma rimane sincronizzato con il tempo reale del Rig. Il tempo può essere
selezionato manualmente o impostato sul pulsante TAP. Quando è attivo "Tempo", la velocità verrà
visualizzata in valori musicali. Fare riferimento al capitolo Tempo per ulteriori informazioni sulle fonti e
le impostazioni del tempo.

 Depth
Determina la profondità di modulazione del Phaser in relazione al valore "Manual".

 Manual
Questo parametro definisce la frequenza centrale per la modulazione - in altre parole, è attorno a
questa frequenza che il Phaser eseguirà lo sweep. Con "Depth" impostato su zero, puoi usare "Manual"
per creare un suono phaser costante o statico.

 Feedback
Intensifica l'effetto Phaser in relazione alle variazioni di frequenza.

 Peak Spread
Non troverai questo parametro in nessun phaser vintage, perché sarebbe stato troppo costoso da
realizzare nel dominio analogico. Con "Peak Spread" puoi controllare la diffusione e la larghezza delle
variazioni di ampiezza del phaser nel dominio della frequenza su un ampio intervallo. Con
un'impostazione bassa (più a sinistra), è possibile sentire l’effetto del phaser focalizzati su un campo
ristretto. Ad una valore maggiore il phaser sembra non sincronizzato e domina l'intero spettro sonoro.

 Stages

LF 2018 131
Effetti
È possibile selezionare il numero di stadi del phaser da "2" a "12", a intervalli di due. Più stadi
selezionerai, più diventa complesso e diffuso il suono del phaser.

 Stereo
Modifica la modulazione del phaser nei canali sinistro e destro. Con le impostazioni tutto a sinistra o
destra, la modulazione andrà in modi opposti. Nella posizione centrale (zero), il phaser sarà mono. Usa
piccole variazioni del controllo a sinistra o a destra dello zero per ottenere un leggero effetto stereo.

Vibe Phaser
Il Vibe Phaser è ispirato al famoso effetto Univibe *. L'Univibe * è fondamentalmente un phaser, ma
con una curva di modulazione asimmetrica che rimane alta per un po', poi oscilla molto rapidamente; a
parte questo, è identico al normale phaser. Per i risultati più autentici, impostare il numero di fasi
phaser su "4".

Flanger
L'effetto Flanger condivide la stessa eredità del Phaser e il suono risultante è in qualche modo
correlato. Questo è il motivo per cui mettiamo entrambi nella stessa famiglia di effetti con il colore
fucsia. Tuttavia, il Flanger non si basa sulla tecnologia dei filtri analogici, ma su ritardi molto corti.

Il set di parametri per il Flanger è quasi lo stesso del Phaser; solo i parametri "Peak Spread" e "Stages"
non sono disponibili. Grazie al set di parametri sovrapposti, è possibile passare avanti e indietro tra
Phaser e Flanger senza alterare i valori dei parametri di base utilizzando la manopola TYPE.


Puoi trovare un flanger simile, chiamato Wah Flanger, nel gruppo di effetti wah che possono essere
controllati dal pedale Wah.

Phaser Oneway & Flanger Oneway


Mentre i normali phaser e flanger modulano sempre su e giù, le loro controparti "oneway" vanno su o
giù in una spirale infinita. Questo comportamento richiede un controllo "Rate" che implementi due
comportamenti distinti: giralo alla metà destra per aumentare la spirale e verso la metà sinistra per
abbassarla. Nella posizione centrale il movimento si fermerà.

132 LF 2018
Effetti
Equalizer (Giallo)
Questo gruppo di effetti offre una buona selezione di equalizzatori di alta qualità. Possono essere
posizionati prima o dopo la sezione Stack, poiché ogni configurazione ha un impatto diverso sul suono.

Il parametro "Mix" è comune a tutti gli equalizzatori e controlla l’effetto di tutte le bande EQ
combinate. Graphic Equalizer, Studio Equalizer e Metal Equalizer offrono "Low Cut" e "High Cut" oltre
agli altri controlli.

Graphic Equalizer
Un equalizzatore a 8 bande/ottava, con bande di frequenza fisse che vanno da 80 Hz a 10 KHz. Molto
spesso, questo si rivelerà il modo più semplice per controllare lo spettro di frequenza del suono.

Studio Equalizer
Lo Studio Equalizer è un equalizzatore parametrico completo a 4 bande, simile a quelli che si trovano
nei mixer professionali o nelle workstation digitali. Offre un taglio basso, uno alto e due bande di
equalizzazione di picco. Tutte e quattro le bande hanno una frequenza regolabile e le due bande EQ di
picco sono dotate di larghezza di banda regolabile o fattore Q.

Metal Equalizer
Questo può essere pensato come il fratello minore dello Studio Equalizer. È un equalizzatore a 3 bande
e mezzo parametrico, ispirato all'equalizzatore del Boss® Metal-Zone * (puoi trovare un modello di
questo pedale tra le distorsioni).

Metal Equalizer è perfetto per creare il mid-scoop che caratterizza il tipico suono metal, ma poiché è
anche un normale equalizzatore, è adatto anche per molti altri suoni e generi.

Stereo Widener
Non è un equalizzatore nel senso tradizionale, ma usa l'equalizzazione per far funzionare la sua magia.
Enfatizzando alcune frequenze su un canale e attenuandole sull'altro, crea un ampio effetto stereo. Ciò
avviene simmetricamente, in modo che quando il segnale viene riprodotto in mono, l'effetto viene
completamente annullato senza colorazione del suono.

Usa "Intensity" per controllare l'impatto sul suono. A valori più alti di "Intensity" puoi sfasare il suono;
questo non è un problema, tuttavia, poiché il suono rimane ancora mono compatibile.

Con "Tune", puoi modificare l'effetto a tuo gusto spostando l’effetto su frequenze più basse o più alte.

LF 2018 133
Effetti
Effect Loop (Rosa)
Per collegare dispositivi esterni, il Profiler offre un loop di effetti hardware, rappresentato da DIRECT
OUT / SEND e RETURN INPUT sul retro dell'amplificatore. Queste sono in realtà le stesse prese che usi
per il profiling. È possibile applicare l’effetto loop hardware in uno qualsiasi dei moduli Stomp o in X o
MOD nella sezione Effetti. Come avrai intuito, non puoi usare il loop degli effetti hardware in più di una
posizione nel flusso del segnale allo stesso tempo. Quindi, se provi ad inserire il loop in più di una
posizione all'interno di un Rig, il primo loop nel flusso del segnale rimarrà attivo disattivando gli altri.

Sebbene Loop Mono funzioni bene sia nella sezione Stomp che in Effects, puoi stabilire un ritorno
stereo per i tuoi effetti esterni posizionando Loop Stereo nei Moduli X o MOD della Sezione Effetti. In
questo caso, l'ingresso RETURN funzionerà come input sinistro e ALTERNATIVE IN come ingresso destro.
Se Loop Stereo viene usato nella sezione Stomp mono, i segnali di ritorno sinistro e destro verranno
mixati insieme.

L'opzione "Mix: Pre / Post" è disponibile in entrambe le modalità Loop Mono e Loop Stereo e
determina se il controllo Mix influisce sul segnale SEND ("Pre") o RETURN e ALTERNATIVE IN ("Post").
Poiché questo non fa alcuna differenza nella maggior parte delle situazioni, si consiglia di lasciare il
pulsante nella posizione "Post", per garantire il livello minimo di rumore.

Tuttavia, puoi utilizzare la posizione "Pre" per creare un effetto di spillover per gli effetti esterni
mentre cambi Rig sul Profiler:

Carica il Rig in cui l'effetto esterno deve essere disattivato (ma vuoi ancora lo spillover quando è
caricato)> Attiva Loop Mono o Loop Stereo> imposta "Mix:" su "Pre"> gira il controllo Mix a zero> Salva
questo rig.

Ora ogni volta che passi a questo Rig, nessun segnale viene inviato ai tuoi effetti esterni, ma il loro
delay o coda di riverbero verrà comunque ricevuto dagli input di ritorno.

Assicurati che il controllo "Mix" del Loop effetti sia impostato su 100%, per evitare di modificare il
suono all’esterno con il segnale dry miscelato. Tuttavia, se si preferisce avere il segnale dry
direttamente dal Profiler, utilizzare il controllo "Mix" per bilanciare il segnale esterno e il segnale dry
interno. Per fare ciò, è necessario verificare che il segnale dry non stia passando al dispositivo esterno.
Questo di solito viene fatto impostando il controllo del mix del dispositivo esterno al massimo o usando
una funzione "kill dry" per silenziare il segnale dry in modo globale.

La distorsione ad anello (Loop Distortion) è realizzata per collegare i pedali di distorsione al profiler ed è
solo in mono. La caratteristica unica di questo loop, è che qualsiasi aumento di volume di un effetto
precedente verrà applicato al jack DIRECT OUT / SEND, quindi pilotando il pedale di distorsione esterno.
Questo è in realtà ciò che ti aspetteresti, comunque. I normali Loop Mono e Loop Stereo lo fanno in
modo diverso: qui, l'aumento del volume di un effetto precedente verrà applicato dopo il RETURN del
loop. Il livello di invio non subirà modifiche, pertanto l'effetto collegato non verrà sovrascritto. I normali
Loop Mono e Loop Stereo sono adatti a tutti gli effetti non distorcenti.


Se vuoi mantenere il tuo effetto esterno inserito per tutti i Rigs, blocca il loop degli effetti premendo
LOCK.

134 LF 2018
Effetti
I seguenti due grafici illustrano le varie possibilità di effettuare il looping di dispositivi esterni:

Loop con pedale d’effetti

Loop con processore di effetti


un video tutorial che spiega i loop di effetti può essere visualizzato su:

https://www.kemper-amps.com/

LF 2018 135
Effetti
Pitch Shifter (Bianco)
Un pitch shifter è una serie di ritardi alternati che dapprima divide il segnale a pezzi e poi li riproduce a
una velocità diversa. Qualsiasi pitch shifter introdurrà sempre una piccola latenza al segnale,
semplicemente dovuto al fatto che usa ritardi. Questa latenza diventerà più evidente quando suonate
gli accordi, dal momento che sono necessarie lunghe pezzi per rendere gli accordi naturali.

 Smooth Chords
Diversi tipi di pitch shifter hanno l'opzione "Smooth Chords" sul soft button #1. Quando attivato,
troverai molti accordi più morbidi, a seconda del tuo modo di suonare. Noterai anche un aumento della
latenza, rendendo "Smooth Chords" meno appropriato per la riproduzione di accordi ritmici. Le singole
note, tuttavia, non sono influenzate da questa impostazione; anche le piccole correzioni fino a +/- 3 (un
terzo) non subiscono latenza.

 Formant Shift
Alcuni degli effetti pitch shifter descritti qui hanno l'opzione per trattare le armoniche del segnale in un
modo speciale. Inoltre, troverai un Wah Formant Shifter dedicato nella lista degli effetti Wah.

Lo slittamento di armoniche e la correzione delle stesse sono spesso visti nelle DAW e in alcuni
processori vocali. Tuttavia, non sono ancora stati utilizzati nel mondo della chitarra.

Quando modifichi l’intonazione dello strumento su o giù con un pitch shifter, cambierai le armoniche
caratteristiche del tuo strumento della stessa quantità, proprio come faresti se avessi accelerato una
registrazione, o rallentato. Il noto effetto “Topino” si applica anche alla tua chitarra, trasformandola in
un suono di basso quando viene abbassata di un'ottava (effetto spesso ricercato) o in un suono di
mandolino quando spostato verso l'alto (meno desiderabile). Il transitorio iniziale, o plettrata, è
modificato di più dal pitch shifting.

La modifica delle armoniche e la correzione delle stesse possono impedire l'effetto “Topino” sui suoni
pitch-shifted. In alternativa, può essere usato per cambiare il carattere dello strumento mentre il tono
è mantenuto lo stesso.

Il rovescio della medaglia è che funziona solo con note singole. Gli accordi suoneranno strani nella
maggior parte dei casi.


Guarda la demo video Tutorial di Formant Shift disponibile su:

https://www.kemper-amps.com/

136 LF 2018
Effetti
 Pure Tuning
Quando si preme "Pure Tuning", gli intervalli prodotti dal pitch shifter saranno leggermente scordati
dalla scala temperata per creare una cosiddetta accordatura "naturale" o "pura". Ciò eviterà le
distorsioni armoniche, soprattutto se il segnale pilota un successivo distorsoreo. Maggiori informazioni
alla fine di questo capitolo su Background of Pure Tuning.

 Detune
Usalo per controllare la variazione di pitch tra i canali sinistro e destro.

 Mix
Usare questo controllo per miscelare il segnale diretto con i segnali detuned. Impostalo in posizione
centrale per il suono più chiaro. Con Mix girato completamente a destra, sentirai solo i segnali detuned
a sinistra ea destra; questo crea un chorus spaziale, simile nel suono all'Air Chorus.

Se hai bisogno di un suono più grosso, senza una modulazione LFO apprezzabile, ti consigliamo di
utilizzare l'Hyper Chorus, con "Amount" impostato su un valore più alto.

Transpose
Pensa a questo effetto come a un "capotasto digitale" per il tuo strumento. Basta impostare Trasponi
come desiderato per suonare in una tonalità diversa. Impostalo su -1 o -2 per Drop Tuning. Trasporre di
-12 trasformerà la tua chitarra in un basso.

LF 2018 137
Effetti
Pedal Pitch
Con l'effetto Pedal Pitch, puoi usare un pedale di espressione per emulare il famoso effetto Whammy *,
utilizzando la tecnologia avanzata di pitch shifting di Kemper. Imposta "Heel Pitch" e "Toe Pitch" come
inizio e fine del movimento del pedale. Potresti voler mantenere "Heel Pitch" sull'impostazione zero
per garantire che lo strumento sia nella chiave originale quando il pedale è nella posizione zero.

Puoi anche usare il Pedal Pitch per creare armonie per assoli avanzati. Prova a impostare il pitch per
passare da un intervallo di terza a uno di quinta in modo continuo, quindi usa il controllo "Mix" per
bilanciare il segnale originale con la voce “shiftata”.

Il pitch shifter in Pedal Pitch non aggiungerà latenza, quando non viene applicato alcun pitch shift.
Quindi non è necessario spegnere il Pedal Pitch in posizione zero. Inoltre, non si otterrà alcun effetto di
Phasing quando si miscela il segnale diretto con il segnale sfasato in posizione zero.

The Pedal Pitch funziona con un pedale di espressione dedicato. Il numero di #CC Midi è 4. Tuttavia,
può essere collegato al Pedale Wah. Fare riferimento al capitolo Pedali di espressione e interruttori a
pedale in questo manuale per ulteriori dettagli.

Premi il pulsante soft "Freeze Formant" per attivare la variazione delle armoniche, che taglia l'effetto
“topino” e mantiene le armoniche originali indipendenti dal tono. Indipendentemente da dove si
imposta "Heel Pitch" in quale posizione sia il pedale, le armoniche caratteristiche del tuo strumento
saranno preservate. Noterai che l'effetto Whammy * perde intensità e suoni più delicatamente. Questo
perché il carattere del tuo strumento rimane lo stesso e cambia solo l'intonazione.

La manopola "Formant Shift" diventa disponibile quando "Freeze Formants" è attivo. Sposta le
armoniche in alto o in basso rispetto al livello originale, cambiando così il carattere del tuo strumento,
quando viene spostato dalla posizione centrale. Funziona anche quando non usi il pedale, rendendo
"Formant Shift" un potente strumento per creare nuove caratteristiche per il tuo strumento. Nella
posizione centrale di "Formant Shift" ascolterai le armoniche alla loro frequenza originale.

Tieni presente che quando "Freeze Formants" è attivo, l'effetto funziona solo con note singole. Gli
accordi suoneranno strani nella maggior parte dei casi.

Pedal Vinyl Stop


Pedal Vinyl Stop è una variazione dell'effetto Pedal Pitch. Mentre Pedal Pitch può creare un effetto
"dive bomb" fino a tre ottave, Pedal Vinyl Stop modificherà il pitch del tuo strumento
instantaneamente a zero, muovendo il pedale Pitch; come se tu fermassi un disco in vinile con la tua
mano. Non si sentirà alcun suono finché non si preme di nuovo il Pedale Pitch, facendo suonare lo
strumento come se il motore si fosse riacceso. Nessuna modifica del tono è disponibile o necessario
con questo effetto: basta spostare il pedale Pitch.

Chromatic Pitch
Questo è un pitch shifter a due voci.

138 LF 2018
Effetti
 Voice ½ Pitch
Usalo per determinare la variazione del tono individuale di ciascuna voce in semitoni. Usa valori di
"+12" o "-12" per ottenere un effetto ottava.

 Voice Balance
Usalo per bilanciare i volumi delle due voci del pitch shifter. Giralo alle estremità per isolare una voce
particolare.

 Mix
Usalo per determinare il bilanciamento tra le voci detuned e il segnale diretto.

 Detune
Simile al "Detune" nell'effetto Micro Pitch, questo parametro crea una variazione di tono tra le voci e il
segnale diretto. Funzionerà meglio se almeno due dei tre segnali funzionano alla stessa altezza. Ad
esempio: per prima cosa, imposta entrambe le voci su "+12" per creare un effetto di chitarra a 12
corde, quindi disattiva le voci per ottenere un suono più chiaro. In alternativa, prova a impostare una
voce su "-12" e l'altra su "+12", per creare un effetto organo.

 Stereo
Il parametro "Stereo" controlla la diffusione stereo del segnale originale e le due voci del pitch shifter in
modo intelligente.

Se si usa solo una voce del pitch shifter e l'altra voce viene disattivata ruotando il "Voice Balance" tutto
a sinistra o a destra, la voce del pitch shifter viene spostata su un canale stereo, mentre il segnale
originale viene spostato sul canale opposto . Tuttavia, se vengono attivate entrambe le voci del pitch
shifter impostando "Voice Balance" nella posizione centrale, le voci del pitch shifter vengono spostate
sui canali opposti, mentre il segnale originale rimane nel mezzo del panorama stereo. In altre parole: il
parametro "Stereo" esegue il pan della posizione delle voci del pitch shifter in direzioni opposte e
bilancia la posizione del segnale originale, a seconda dell'impostazione del controllo "Voice Balance". È
probabile che i risultati siano quelli che avresti scelto se ci fossero controlli di panorama separati per
tutti e tre i segnali.

Con "Stereo" impostato tutto a sinistra o a destra si ottiene una diffusione panoramica completa dei
segnali. Tuttavia, in posizione centrale i segnali non sono diffusi, quindi l'uscita degli effetti è mono.
Tieni presente che, in generale, il parametro "Stereo" non è disponibile nella sezione Stomps, poiché
ogni effetto Stomp è considerato mono

LF 2018 139
Effetti
 Formant Shift
Premere il soft button "Formant Shift" per attivare l'elaborazione delle armoniche. La manopola
"Formant Shift" diventerà disponibile per darti un controllo profondo sulle armoniche di entrambe le
voci del pitch shifter. Nella posizione di mezzo le armoniche non sono elaborate o compensate. Tutto
suona come un normale pitch shifter con "Formant Shift" disabilitato. Mentre girate la manopola più a
sinistra, le armoniche si muovono verso il livello originale; quindi, le armoniche si muovono verso il
basso per le voci più acute, e su per le voci più acute. All'estrema sinistra, le armoniche sono
completamente compensate e il timbro delle voci sfalsate sarà come il tono originale. Suonerà come se
stessi colpendo la stessa corda sugli stessi strumenti, solo su un altro tasto.

Quando spostate la manopola "Formant Shift" dalla posizione centrale più a destra, le armoniche
saranno spostate verso l'alto, per dare alle voci sfasate un timbro pronunciato e un carattere a vostra
scelta.

Tieni presente che, quando "Formant Shift" è attivo, l'effetto funziona solo con note singole. Gli accordi
suoneranno strani nella maggior parte dei casi.

Harmonic Pitch
Questo effetto è un pitch shifter a due voci che può essere utilizzato per creare fino a due voci di
armonie intelligenti. Rileva l'intonazione della nota suonata e crea una voce armonica in base al tasto e
alla scala selezionati. Per sua natura, funziona solo quando suoni singole note.

 Voice ½ Interval
Utilizzare questo per determinare l'intervallo di distanza tra le due voci. La tonalità degli intervalli
(maggiore / minore) verrà determinata al volo, in base ai toni riprodotti e alla tonalità selezionata. Se
ritieni di aver bisogno di una scala più specializzata rispetto alle modalità normali, seleziona "Scala
utente" 1 o 2 nell'ottava desiderata. Queste impostazioni si trovano quando si gira "Voice 1/2 Interval"
tutto a destra. È quindi possibile definire le scale nelle prossime pagine di visualizzazione.

 Key
Usalo per selezionare la tonica, o chiave, della scala. le toniche principali e relativi minori sono entrambi
visualizzati. Tuttavia, puoi anche impostare altri modi, come dorian o mixolydian, ruotando il controllo
sulla rispettiva chiave. La chiave principale rappresenta anche la tonica per le scale dell'utente.

 Voice Balance
Usalo per bilanciare le due voci di armonia. Gira la manopola alle estremità per isolare una voce
particolare.

140 LF 2018
Effetti
 Mix
Usalo per determinare il bilanciamento tra le voci detuned e il segnale diretto.

 Stereo
Il parametro "Stereo" controlla la diffusione stereo del segnale originale e le due voci del pitch shifter in
modo intelligente.

Se si usa solo una voce del pitch shifter e l'altra voce viene disattivata ruotando il "Voice Balance" tutto
a sinistra o a destra, la voce del pitch shifter viene spostata su un canale stereo, mentre il segnale
originale viene spostato sul canale opposto. Tuttavia, se vengono attivate entrambe le voci del pitch
shifter impostando "Voice Balance" nella posizione centrale, le voci del pitch shifter vengono spostate
sui canali opposti, mentre il segnale originale rimane nel mezzo del panorama stereo.

In altre parole: il parametro "Stereo" esegue il pan della posizione delle voci del pitch shifter in direzioni
opposte e bilancia la posizione del segnale originale, a seconda dell'impostazione del controllo "Voice
Balance". È probabile che i risultati siano quelli che avresti scelto se ci fossero controlli di panorama
separati per tutti e tre i segnali.

Con "Stereo" ruotato tutto a sinistra o a destra si ottiene una diffusione panoramica completa dei
segnali. Tuttavia, in posizione centrale i segnali non sono diffusi, quindi l'uscita degli effetti è mono. Si
noti che, in generale, il parametro "Stereo" non è disponibile nella sezione Stomps, poiché ogni effetto
Stomp è considerato mono.

 Formant Shift
Premere il soft button "Formant Shift" per attivare l'elaborazione delle armoniche. La manopola
"Formant Shift" diventerà disponibile per darti un controllo profondo sulle armoniche di entrambe le
voci del pitch shifter. Nella posizione di mezzo le armoniche non sono elaborate o compensate. Tutto
suona come un normale pitch shifter con "Formant Shift" disabilitato. Mentre girate la manopola più a
sinistra, le armoniche si muovono verso il livello originale; quindi, le armoniche si muovono verso il
basso per le voci più acute, e su per le voci più acute. All'estrema sinistra, le armoniche sono
completamente compensate e il timbro delle voci sfalsate sarà come il tono originale. Suonerà come se
stessi colpendo la stessa corda sugli stessi strumenti, solo su un altro tasto.

Quando spostate la manopola "Formant Shift" dalla posizione centrale più a destra, le armoniche
saranno spostate verso l'alto, per dare alle voci sfasate un timbro pronunciato e un carattere a vostra
scelta.

Tieni presente che, quando "Formant Shift" è attivo, l'effetto funziona solo con note singole. Gli accordi
suoneranno strani nella maggior parte dei casi.

LF 2018 141
Effetti
 User Scales
L'effetto Harmonic Pitch può anche essere configurato per eseguire una o due scale utente
personalizzate. Questo ti permette di creare armonie personalizzate per adattarsi a qualunque stile
musicale tu richieda. Dalle scale armoniche minori, al blues, alle scale ungheresi Gypsy: tutto è possibile
programmando le scale utente. Non appena si seleziona "User Scale 1/2" come intervallo per una delle
due voci con la manopola Soft 1 o 2, sarà possibile accedere alle proprie pagine di configurazione
tramite il soft button 1 o 2. Sulle tre pagine visualizzate, si può selezionare l’intervallo per ognuno dei
dodici passaggi cromatici di entrambe le scale utente. Ricorda di impostare la "Chiave" come
desiderato, ogni volta che li usi; la chiave rappresenta la tonica, o il primo grado della scala. Le scale
utente vengono salvate all'interno del Rig, quindi hai la possibilità di utilizzare diverse scale utilizzando
diversi Rigs. Non fanno parte di nessun Preset Harmony Pitch, ma sono memorizzati come preset
utente indipendenti - per fare ciò, basta premere il pulsante STORE mentre si modifica uno di essi. Le
scale utente predefinite sono scale di blues, una maggiore e l'altra minore. Questi possono essere usati
per armonizzare istantaneamente una scala blues o rock con una o due voci. Dal momento che il blues
viene suonato spesso tra maggiore e minore, prova entrambe le impostazioni "Chiave" per trovare il
miglior adattamento per la melodia e anche il tuo stile.

Scale Utente custom di default:

Step 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11
Voce 1 -5 -6 -5 -5 -4 -5 -4 -5 -5 -5 -5 -5
Voce 2 4 3 3 3 3 4 3 4 3 3 4 3

 Teoria della scala temperata


Gli strumenti con fret o tasti sono accordati su una scala "temperata" che è stata usata nella musica
occidentale negli ultimi secoli. Il vantaggio dell'accordatura temperata è che ti permette di suonare in
qualsiasi tonalità ti piaccia; tuttavia, il risultato è un compromesso, dal momento che gli intervalli
suonano meglio quando accordati secondo la scala armonica naturale. Strumenti fretless come i violini -
o anche la voce umana - possono produrre toni arbitrari. I musicisti con strumenti fretless suoneranno
istintivamente le note per adattarsi meglio al contesto musicale.

Il Pitch Shifter del Profiler ha la stessa abilità, dal momento che ha il pieno controllo sull’intonazione
relativa che crea. A parte le ottave, ogni intervallo sarà leggermente scordato per adattarsi alle
armoniche della nota suonata; questo sarà il più percepibile su terze e settime, che sono accordate per
difetto di diversi centesimi.

Per rendere udibile "Pure Tuning", prova quanto segue:

• Scegli il tuo rig distorto preferito


• Ruota il gain per ottenere un suono pulito (clean)
• Seleziona Chromatic Pitch in uno dei moduli Stomp
• Ruota Mix completamente in senso orario e Voice Balance al centro in modo da sentire entrambe
le voci del Pitch Shifter
• Scegli +16 e +19 alla voce “Voice 1 / 2 Interval” per suonare la terza e la quinta sopra l’ottava

Suona strano vero? Se adesso alzi il Gain per ottenere un suono distorto sentirai ancora di più questo
effetto indesiderato.

142 LF 2018
Effetti
Ora premi "Pure Tuning" e otterrai un suono perfettamente armonizzato. Anche gli accordi potrebbero
funzionare. Suona ancora come fosse la tua chitarra, ma diverso. Non sembra più nemmeno un pitch
shifter. Puoi ottenere diverse colorazioni del suono scegliendo, ad esempio, intervalli diversi per un
suono da solista. Assicurati di sperimentare con diverse impostazioni di intervalli! Cos'è successo?
Potresti essere consapevole del fatto che la terza e la quinta sopra l'ottava sono armonici naturali
(overtones) della nota che suoni. Entrambi si fondono con la frequenza fondamentale, specialmente
quando suonati in distorsione. Tuttavia, gli intervalli accordati su una scala temperata non riflettono
esattamente gli armonici, in quanto sono leggermente scordati (detuned) per adattarsi alle scale
musicali. Ciò si traduce in una forte dissonanza quando si suona con distorsione. "Pure Tuning" risolve
immediatamente questo problema, consentendo al pitch shifter di creare panorami sonori piuttosto
che voci aggiuntive.


Guarda la demo video Tutorial di Pure Tuning disponibile su:

https://www.kemper-amps.com/

Analog Octaver
Originariamente destinato ai bassisti, l'Analog Octaver è un effetto classico che può suonare benissimo
con qualsiasi strumento. Funziona creando due segnali aggiuntivi: uno ad un'ottava sotto la tonalità di
input e un altro a due ottave sotto. Invece di utilizzare la tecnologia pitch shifter, utilizza un circuito di
rilevamento analogico per manipolare e filtrare il segnale di ingresso. Analog Octaver funziona solo con
note singole; intervalli o accordi possono dare risultati instabili.

Mentre l’analog Octaver originale soffre di problemi di rilevazione, abbiamo apportato miglioramenti
significativi alla rilevazione nella versione del profiler. Con l'aggiunta di un semplice parametro "Low
Cut", abbiamo ampliato notevolmente l'intervallo di utilizzo rispetto all'effetto originale.

La maggior parte dei parametri funziona allo stesso modo dei tipi di pitch shifter:

 Voice Balance
Ruotando tutto a sinistra "Voice Balance" si sente solo il segnale di -1 ottava. Ruotando tutto a destra si
sente solo il segnale -2 di ottava. Le posizioni intermedie generano un mix di entrambi i segnali.

 Mix
Determina il bilanciamento tra "Voice Balance" e il segnale non elaborato (Dry).

LF 2018 143
Effetti
 Low Cut
Mentre l'octaver può essere molto piacevole con note più alte, può presto diventare fastidioso a
frequenze più basse. Questo perché può produrre frequenze ben al di sotto di 20 Hz. "Low Cut" è un
parametro aggiuntivo che non si trova nell'effetto originale; aiuta a bilanciare l'intensità del segnale
dell'ottava rispetto all'intonazione suonata.

Alla posizione zero (completamente a sinistra), "Low Cut" non ha alcun effetto. Mentre lo si alza, il
segnale dell'ottava viene attenuato sulle note più basse, mentre viene mantenuto su note più alte. Ciò
ti consente di suonare l'intera gamma del tuo strumento con l'octaver attivato, anche fino a frequenze
più basse.

144 LF 2018
Effetti
Pitch Shifter Delay (Verde Chiaro)
I delay Pitch Shifter sono potenti combinazioni dei tipi di delay con uno dei quattro diversi tipi di Pitch
Shifter:

Chromatic Type
Il pitch shifter cromatico è posizionato all'ingresso del delay e può essere suonato polifonicamente
(accordi). Il pitch è impostato in semitoni. Per saperne di più consulta il capitolo Chromatic Pitch.

Harmonic Type
Il pitch shifter armonico è posizionato all'ingresso del delay e va utilizzato solo con note singole. Il pitch
è impostato su intervalli musicali e seguirà la chiave (tonica) impostata. Per saperne di più consulta il
capitolo Harmonic Pitch.


Entrambi i tipi cromatico e armonico presentano l'opzione Formant Shift, per suoni molto naturali.
Tuttavia, quando si usa Formant Shift, solo le singole note danno risultati piacevoli.

Loop Pitch Type


Anche il pitch shifter è cromatico, ma posizionato nel loop di feedback del delay, causando una
variazione di intonazione ad ogni ripetizione.

LF 2018 145
Effetti
Crystal Type
Crystal è un delay inverso, in cui il pitch viene modificato riproducendo il segnale ritardato più
velocemente o più lentamente. L’effetto Crystal viene posto nel circuito di feedback del delay,
causando variazione di intonazione ad ogni ripetizione. Impostando il pitch su un'ottava (+12) o una
quinta (+7) otterrai i risultati più interessanti. In combinazione con altre funzionalità di delay come
Smear, Swell e Flutter, puoi creare effetti di delay o riverbero molto eterei.

Crystal Delay
Crystal Delay si basa sul Two Tap Delay, con un Crystal nel loop di feedback.

Crystal Delay

146 LF 2018
Effetti
Loop Pitch Delay
Il Loop Pitch Delay si basa anch’esso sul Two Tap Delay, con un chromatic Pitch shifter nel loop di
feedback.

Loop Pitch Delay

Frequency Shifter Delay


Il Frequency Shifter Delay utilizza un effetto Frequency Shifter nel loop di feedback, al posto di un
normale pitch shifter. Questo crea una variazione di intonazione disarmonica ad ogni ripetizione. Un
vero effetto lo-fi.

Frequency Shifter Delay

LF 2018 147
Effetti
Dual Chromatic & Dual Harmonic Delay
I Dual Chromatic e Harmonic si basano sul Dual Delay con due pitch shifter all'ingresso di ciascun lato
del delay. Ciò consente di creare due voci sfasate che possono essere ritardate e il feedback può essere
modificato a tuo piacimento. Se vuoi ottenere un unico ritardo, imposta i parametri Pitch su valori
identici.

Dual Chromatic & Dual Harmonic Delay

Dual Crystal Delay


Il Dual Crystal Delay si basa sul Dual Delay, con due Crystal posizionati nel loop di feedback di ciascun
delay. Ciò consente di impostare due intonazioni (pitch) diverse, mentre ciascuno dei loro segnali può
essere alimentato in modo incrociato dal controllo Cross Feedback.

Dual Crystal Delay

148 LF 2018
Effetti
Dual Loop Pitch Delay
Il Dual Loop Pitch Delay funziona come il Dual Crystal Delay, ma con due Chromatic Pitch Shifters nei
loop di feedback. I risultati sono paragonabili al Crystal, ma più evidenti.

Dual Loop Pitch Delay

LF 2018 149
Effetti
Melody Delay
Il Melody Delay è un Rithm Delay combinato con quattro pitch shifter che trasformano il ritmo in una
melodia. Ogni nota suonata creerà un arpeggio fino a quattro note ritardate e con pitch diverso.
Otterrai i risultati migliori suonando solo note singole e lasciando che il Melody Delay suoni il resto.

L'opzione Formant Shift nei pitch shifter consente arpeggi Melody Delay dal suono molto naturale.

Melody Chromatic & Melody Harmonic Delay

150 LF 2018
Effetti
Quad Chromatic & Quad Harmonic Delay
I Quad Chromatic/harmonic Delay possono essere considerati come una doppia versione dei Dual
Chromatic/Harmonic Delay. Questi dispongono di quattro pitch shifters, uno per ciascun input dei
quattro delay. Ciò consente suoni con variazioni di Pitch e riverbero.

Quad Chromatic & Quad Harmonic Delay

Space (verde)
L'effetto Space è identico alla versione globale di Spae nelle Impostazioni di Output. Produce i riflessi
naturali di una piccola stanza dal suono neutro. Il risultato più ovvio di queste riflessioni è che un
segnale mono viene convertito in stereo; per ammorbidire i transienti, viene applicata anche una
piccola diffusione. Puoi ancora combinare l'effetto Spazio con riverberi più lunghi o più lunghi, senza
creare troppo riverbero.

L'algoritmo è progettato per essere l’effetto di una stanza il più piccola possibile; quindi, non ha
parametri profondi. Usa il parametro Intensity per controllare l’intensità dell'effetto.

LF 2018 151
Impostazioni di sistema
System Settings
Premere il pulsante SYSTEM per accedere alle pagine delle impostazioni globali. Le impostazioni globali
non cambiano quando cambi Rig.

LCD / Setup Hardware / Luminosità / Interfaccia Utente


Nella pagina di configurazione LCD / HW è possibile controllare le impostazioni del display e regolare il
parametro "Line Frequency".

Il pulsante etichettato "Factory Rigs" consentirà di ricaricare tutti i profili di fabbrica e Preset che sono
stati installati insieme al sistema operativo. Si noti che questa funzione non sovrascrive nessun Rig o
Preset in modalità Browser.

Premere il tasto funzione "Startup Dialog" per accedere al menu in cui è possibile immettere il proprio
nome e impostare la data e ora correnti. Il nome del proprietario verrà inserito nel tag “Rig Author” per
impostazione predefinita ogni volta che crei i tuoi profili. La finestra "Startup Dialog" viene visualizzata
automaticamente, quando il Profiler viene avviato per la prima volta.

Utilizzando il pulsante "Edit Owner" è possibile modificare il Nome del proprietario e assegnare un
Nome dispositivo al Profiler. Assegnare nomi dispositivo univoci è utile, se si intende collegare e gestire
più profiler con l'applicazione Rig Manager.

152 LF 2018
Impostazioni di sistema
Contrast La manopola "Contrast" consente di impostare il contrasto del display. Regola questa
impostazione se ritieni che il display sia difficile da leggere in determinate
circostanze.
Brightness La manopola "Brightness" regola la luminosità del display.
White Balance La manopola "White Balance" regola il bilanciamento del bianco del display.
Line Frequency La manopola "Line Frequency" consente di scegliere tra una frequenza di rete di 50 o
60 Hz. Il Noise Gate userà questa impostazione per eliminare il ronzio di terra la cui
frequenza si basa sulla posizione fisica in cui viene utilizzato il Profiler. "50 Hz (auto)"
e "60 Hz (auto)" rileveranno automaticamente la frequenza di rete.
Brightness Nella pagina successiva è possibile impostare la luminosità separatamente per i LED
colorati, i pulsanti, i LED intorno alle manopole e il pulsante TAP.
Quick Function In questa pagina puoi assegnare la funzione del pulsante QUICK usando la manopola
"Quick Function". Questa funzione ti consente di usare il pulsante QUICK come
scorciatoia per accedere direttamente a pagine di uso frequente come "MIDI
Settings" o "Browse Snapshots". Per impostazione predefinita, "Quick Edit Page" il
pulsante QUICK ritorna alla pagina di modifica Module o Section utilizzata più di
recente ed è possibile modificare le pagine semplicemente premendo i pulsanti
Module e Section. Questo è un metodo molto efficace per modificare un Rig. Puoi
salvare questa modalità di modifica avanzata tramite il pulsante EXIT.
Rig Autoload Nella stessa pagina è possibile utilizzare il pulsante "Rig Autoload" per attivare il
caricamento automatico di qualsiasi Rig selezionato nella schermata Browser. Il
pulsante "Load" nella schermata Browser scompare quando si attiva "Rig Autoload".
Performace Load Se "Performance Load" ("Perf. Load") è impostato su "Slot 1" o "Keep Slot", il
corrispondente slot di una Performance verrà caricato automaticamente non appena
si seleziona un'altra Performance tramite Remote o MIDI. Per impostazione
predefinita, "Performance Load" è impostato su "Pending". In questo modo puoi
continuare a suonare l’attuale Rig mentre navighi attraverso le Performance tramite
Remote o MIDI fino a quando non selezioni un particolare Slot.
Rig Button Morph Questa opzione determina se le pressioni ripetute dei pulsanti Rig del Remote
avviano il Morphing o ricaricano il Rig/Slot corrente nel suo stato memorizzato.
Questa opzione viene applicata anche se i comandi MIDI di controllo # 50-54
vengono ricevuti successivamente.
Signal LEDs Blue Questa opzione consente di cambiare il colore dei LED di ingresso e di uscita da
bianco a blu.
LCD Color Qui puoi selezionare il colore del display.
Auto Favorite Attivando questa opzione ogni volta che memorizzi un Rig questo diventerà
automaticamente uno dei tuoi Rig preferiti e quindi apparirà nella vista preferiti.

LF 2018 153
Impostazioni di sistema
Audio Setup
Questa pagina include i seguenti parametri:

 Rig Change Cross Fade Time (Rig X-Fade Time)


La maggior parte dei dispositivi audio digitali crea un fastidioso “buco” nel segnale audio, quando viene
modificato un preset. Il Profiler esegue invece una dissolvenza incrociata tra il rig precedente e quello
selezionato, producendo una transizione uniforme e fluida. Questo tempo di dissolvenza incrociata può
essere regolato in un ampio intervallo. Il parametro avrà effetto sia in modalità Browser che in modalità
Performance.

 FX Loop Level
"FX Loop Level" controlla il livello del segnale in uscita del loop degli effetti hardware per il corretto
bilanciamento del dispositivo esterno. Questo aiuta a prevenire il rumore o la distorsione. Questo è un
parametro globale e influenza Loop Mono e Loop Stereo. La "Loop Distortion" non è influenzata da "FX
Loop Level".


Gli aumenti del livello SEND sono compensati dalle corrispondenti diminuzioni del livello RETURN e
viceversa. Pertanto, il segnale di linea e il mix dell’effect loop restano inalterati.

Pedal Links
In questa pagina puoi collegare e simulare i pedali. Per una spiegazione dettagliata, consultare il capitolo
Pedali di espressione e pedaliere.

Pedal 1/6
Sulle prime due pagine è possibile configurare il tipo di pedali o pulsanti che si desidera collegare
direttamente al Profiler utilizzando gli ingressi Pedal 1 & 2 e assegnare le funzioni. È possibile collegare
qualsiasi combinazione di pedali di espressione, pulsanti mono e doppi pulsanti.

Se è collegato un Remote, verranno visualizzate ulteriori pagine "Pedal 3-6 (Remote)" per configurare
pedali e interruttori collegati al Remote in modo molto simile.

Troverai informazioni più dettagliate sui pedali nel capitolo Pedali di espressione e pedaliere.

154 LF 2018
Impostazioni di sistema
Remote Settings
In questa pagina trovi le impostazioni globali per il Remote. Se nessun Remote è collegato, questa
pagina è disattivata. Tutte queste impostazioni sono spiegate nel capitolo Remote.

MIDI Program Change Assegnazioni e Impostazioni


Nella prossima pagina System Settings puoi assegnare fino a 128 MIDI Program Change ai tuoi Rig in
modalità Browser. L'invio di questi comandi da qualsiasi controller MIDI caricherà i Rigs assegnati.

Per fare ciò, selezionare prima il Rig a cui si desidera assegnare un numero di Program Change e quindi
premere il tasto SYSTEM. Passare alla pagina "Browse Mode PrgChg" utilizzando il pulsante pagina a
destra, selezionare il Program Change desiderato utilizzando la manopola denominata "MIDI PrgChg #",
quindi premere il pulsante funzione "Assegna". Usa il pulsante con l'etichetta "Unassign" per annullare
l'assegnazione di un Rig.

Nella pagina seguente "MIDI settings" trovi l'impostazione globale per il canale MIDI di ricezione. Si
prega di fare riferimento al capitolo MIDI per maggiori dettagli.


Performance Mode offre potenti possibilità di organizzare logicamente Rig ad esempio per canzone,
caricandoli via Remote o MIDI e persino controllando simultaneamente dispositivi esterni via MIDI.

Date e Time
In questa pagina è possibile impostare la data e l'ora utilizzando i tasti funzione "Edit Date" e "Edit
Time". Assicurati di inserire la data e l'ora corrette in quanto ciò ti aiuterà a organizzare i tuoi Rig e
Profili.

 Clock > Remote


Questa opzione appare, se è collegato un Remote e attiva la visualizzazione dell'ora corrente sulla
pedaliera.

Device Information
Su questa pagina e sulla pagina "Details" viene visualizzata la versione del sistema operativo del Profiler.
"OS Build Date" è la data in cui questa versione è stata rilasciata e "DSP Date" è la data in cui è stata
rilasciata la versione DSP. Su "Details" trovi il numero seriale del tuo Profiler.

LF 2018 155
Bassisti: Caratteristiche e Suggerimenti
Bassisti: Caratteristiche e Suggerimenti
Il Profiler può essere usato molto efficacemente con il basso. La maggior parte delle sue caratteristiche
si applicano al basso allo stesso modo delle chitarre. Questo capitolo riassume le caratteristiche speciali
e i suggerimenti specifici per i bassisti.

Per visualizzare solo Rig per basso, selezionare la vista "Just Bass", sia usando la manopola TYPE, oppure
con il pulsante 1 in modalità Browser.

Troverai numerosi profili di bassi nei Factory Rig, inclusi gli eccellenti profili diretti presi dall'uscita DI
degli amplificatori dei bassi. Ti piaceranno anche i Profili leggermente distorti presi dagli dagli
amplificatori per basso a valvole microfonati. Inoltre, abbiamo rilasciato speciali pacchetti Rig contenenti
eccellenti Rig per bassi. Questi sono disponibili sulla pagina di download di Kemper:

https://www.kemper-amps.com/

Anche su Rig Exchange è possibile scaricare Rig creati da altri utenti, o condividere il proprio.
Nell'applicazione Rig Manager, è possibile identificare facilmente i Rig per basso presenti su Rig
Exchange facendo clic con il pulsante destro del mouse sulla prima riga, selezionando la colonna
"Strumento" e quindi ordinando in base a questa colonna.

Sei libero di utilizzare qualsiasi tipo di cabinet per i bassi per ascoltare il tuo Profiler sul palco o nella sala
prove. I moderni cabinet dei bassi hanno in genere un suono neutro come i cabinet PA, mentre i cabinet
dei bassi classici, ad es. il famoso cabinet Ampeg * 8 * 10 "tende a modificare il suono. Se ci si sta
ascoltando tramite un cabinet di basso che modifica il suono, è necessario impostare Monitor Cab Off in
Impostazioni di uscita, in modo da evitare una doppia modifica. È comunque possibile inviare la
simulazione completa, incluso il cabinet virtuale, al mixer, quindi non è necessario alcun microfono. Se si
utilizza un Cabinet lineare, è necessario utilizzare la simulazione di cassa nel segnale inviato.

L'amplificatore integrato da 600 watt di Profiler PowerHead e PowerRack dovrebbe fornire tutta la
potenza necessaria per suonare in gruppo, o dal vivo, con la batteria. Mentre l'amplificatore di potenza
è specifico per gli altoparlanti da 8 a 16 ohm, molti cabinet per basso hanno solo 4 ohm. Questo non è
una limitazione a meno che non suoni a volumi dolorosamente alti. L'amplificatore di potenza ha un
limitatore a 600 watt, che teoricamente potrebbe essere superato con altoparlanti da 4 ohm. Nel caso in
cui si raggiunga quel limite, l'amplificatore di potenza silenzia il segnale per un secondo. Per evitare
questo, è sufficiente suonare a volume più basso.

156 LF 2018
Bassisti: Caratteristiche e Suggerimenti
Il Profiler ha una uscita analogica incorporata. DIRECT OUTPUT trasmette il segnale del basso non
elaborato a un mixer o a un dispositivo di registrazione mentre le MAIN OUTPUTS trasmettono il segnale
processato in stereo. Se intendi miscelare DIRECT OUTPUT con MAIN OUTPUTS, seleziona "Git +
Processing" o "Git Studio" come Output Source per DIRECT OUTPUT nelle impostazioni di output. Per
evitare latenze diverse tra i segnali elaborati e non elaborati non utilizzare "Git Analog”.

Il Profiler ha molti effetti a pedale e studio che sono adatti per i bassi, e alcuni sono persino stati
personalizzati per i bassisti. Di seguito è riportata una breve descrizione delle funzionalità selezionate:
fare riferimento ai rispettivi capitoli per un dettaglio più approfondita.

Analog Octaver è un effetto classico originariamente destinato al basso. Funziona creando due segnali
aggiuntivi: uno un'ottava sotto il tono di input e un altro a due ottave sotto. Invece di utilizzare la
tecnologia pitch shifter, utilizza un circuito di rilevamento analogico per manipolare e filtrare il segnale
di ingresso. L'Octaver analogico funziona solo con note singole - intervalli o accordi possono produrre
risultati instabili.

Utilizza il Pitch Shifter per diversi intervalli e sonorità, che consentono la riproduzione polifonica,
inclusi gli accordi. Dovresti anche provare le possibilità di Formant Shift in alcuni effetti pitch shifter.
Sebbene sia limitato alla sola riproduzione monofonica, lo spostamento delle armoniche caratteristiche
del tuo basso darà al tuo strumento un carattere completamente nuovo, pur restando molto autentico.

Se l'equalizzatore passivo in Stack Section (EQ) non riesce a fornire sufficiente flessibilità per le tue
esigenze, controlla gli equalizzatori a pedale. In particolare, lo Studio Equalizer parametrico a 4 bande
è estremamente flessibile e adatto ai bassi.

Ognuno degli algoritmi di Chorus presenta il parametro Crossover, ispirato agli effetti di Chorus per
basso. Aumentando il valore di "Crossover" è possibile schermare le frequenze più basse dall'effetto
della modulazione del chorus, dando così al suono una base stabile.

Parallel Path è una funzionalità progettata appositamente per i bassisti. Quando un basso viene
riprodotto attraverso un amplificatore distorto o un pedale di distorsione, il basso può perdere alcune
delle frequenze fondamentali così come un certo intervallo dinamico. Per compensare ciò, è possibile
creare un segnale parallelo non distorto e miscelarlo con il segnale elaborato. Nel suo caso, i moduli A e
B vengono utilizzati nel segnale parallelo, ad es. per comprimere o equalizzare il segnale parallelo.

Abbiamo creato un thread specifico per i bassisti nel forum Kemper. Non esitate a porre le vostre
domande, condividere le “Best Practices” e discutere i suggerimenti lì. Ecco il link:

www.kemper-amps.com/forum

LF 2018 157
Modalita Performance
Modalità Performance
La modalità Performance è uno strumento potente che consente di organizzare Rig in "Performance"
indipendenti dalla modalità Browser. Sono disponibili 125 Performance, ognuna delle quali può
contenere fino a cinque Rig in posizioni logiche chiamate "Slot". Ad esempio, potresti utilizzare una
performance per archiviare i suoni dedicati all'introduzione, al verso, al ritornello, al bridge e all'assolo di
una canzone e passare da una all'altra utilizzando un controller a pedale.

Impostazioni Performance
Puoi navigare tra le 125 Performance usando i pulsanti su e giù della croce di navigazione Rig sul
pannello frontale. Utilizzare i pulsanti sinistro e destro per selezionare uno slot all'interno di una
performance. Di default, tutti gli Slot sono pre-caricati con un Rig predefinito, che è comunque basato
sul vecchio "CK 0". La Performance stessa ha un nome predefinito. Una volta selezionato lo Slot, scegli il
Rig che vuoi assegnargli tramite la manopola BROWSE. Il Rig verrà copiato e mostrato nello Slot
selezionato. Eventuali modifiche andranno perse se selezioni un'altra Performance senza memorizzarla
prima.

Se hai bisogno di meno di cinque diversi RIG in una Performance, puoi disabilitare gli Slots da 2 a 5 in
modo selettivo. In questo modo puoi bloccare gli slot e impedire il caricamento accidentale tramite il
controller a pedale. Solo lo slot 1 è obbligatorio.

I Rig contenuti in Slot di Performances sono memorizzati in un'area di memoria dedicata, in modo da
poterli modificare in maniera indipendente dai Rig principali della modalità Browser. La modifica dei Rig
in modalità Performance è molto simile a quella di Browser. I file Rig modificati in Performance Mode
possono essere archiviati in modalità Browser utilizzando il pulsante software "Export Rig to Pool" nella
pagina "Store Performance".

Il pulsante “Edit" apre un altro menu in cui è possibile riorganizzare o rinominare gli slot all'interno della
performance selezionata. Riorganizzare gli slot funziona in modo molto simile alla schermata di modifica
di Stomps. Puoi anche copiare e incollare gli Slot all'interno della stessa Performance e su altre. Sotto
"Performance Tags" è possibile modificare i tag delle Performace come Nome, Autore, Commento,
Chiave e Tonalità. Il pulsante "MIDI Settings" apre un'altra schermata, dove puoi selezionare i MIDI
Program Change, che vengono inviati a un massimo di due dispositivi esterni, ogni volta che viene
caricato uno slot. Troverai più informazioni relative a questa funzione nel capitolo MIDI.

Il pulsante "Arrange" apre una schermata in cui puoi facilmente modificare le Performance in base alla
scaletta del tuo prossimo concerto. In questa schermata, puoi anche copiare e incollare intere
performance.

158 LF 2018
Modalita Performance
È utile assegnare nomi esplicativi a performance e slot. A seconda di come si desidera organizzare i
suoni, Performance e Slot potrebbero ad esempio contenere nomi di canzoni e scene musicali o
amplificatori e canali di amplificazione. Tieni presente che, anche se il nome dello Slot e il nome del rig
sono identici, il nome slot verrà aggiornato automaticamente non appena un altro Rig viene caricato in
tale slot. Se invece hai inserito un nome di slot diverso dal nome del rig (ad esempio "Solo"), esso non
cambierà se caricherai un altro rig in quello slot. Tuttavia, esiste una funzione "Use Rig Name" nella
schermata Rinomina slot, che consente di ripristinare il nome dello slot su Nome Rig.


Mentre cambi manualmente gli Slot all'interno di una Performance usando i pulsanti di navigazione RIG
sinistro e destro, qualsiasi modifica ad es. caricare un altro Rig o aumentare il gain vengono interpretati
come modifiche e verranno mantenuti finché non si passa a un'altra Performance. Non dimenticare di
memorizzare prima di caricare un'altra Performance per rendere permanenti tali modifiche.


Non appena carichi un altro Slot dal tuo controller a pedale, qualsiasi modifica precedente all'interno di
quella Performance viene interpretata come una modifica temporanea durante una performance dal
vivo e viene immediatamente eliminata. Se per esempio hai attivato un booster nel modulo B o
aumentato il Delay Mix via pedale, tali modifiche vengono dimenticate, se cambi slot da remoto. In
questo modo puoi sempre essere sicuro che gli slot vengono caricati nel loro stato originale durante le
esibizioni dal vivo.

Caricamento Performance
Il parametro "Performance Load" in Impostazioni di sistema determina cosa succede, mentre passi o
scorri le tue Performance tramite Remote o MIDI. Il valore predefinito "Pending" significa che i Rig
correnti rimangono attivi e il Profiler attende alcuni secondi per la selezione dello Slot. "Slot 1" e "Keep
Slot" caricano automaticamente questi slot.

Controllo a Pedale
Ovviamente, il nostro Kemper Remote è progettato per ottenere i massimi benefici dalla modalità
Performance. Tuttavia, se si preferisce mantenere le cose molto semplici, un doppio interruttore può
essere collegato direttamente al Profiler e utilizzato per cambiare Slot in modo semplice e lineare.
Inoltre, ci sono diversi metodi disponibili per navigare via MIDI al fine di soddisfare le diverse esigenze e
capacità delle varie pedaliere. Per informazioni dettagliate consultare il capitolo MIDI.


Due video tutorial che spiegano la modalità Performance sono disponibili all'indirizzo:

https://www.kemper-amps.com/

LF 2018 159
Profiler Remote
Profiler Remote
Profiler Remote è la pedaliera perfetta per il tuo Profiler. Si può pensare ad essa come un pannello di
controllo complementare, completamente integrato con l'hardware e il software del Profiler. Questa
integrazione include l'alimentatore, un display che visualizza informazioni importanti sulla modalità
corrente e le eventuali modifiche apportate e la manutenzione automatica durante gli aggiornamenti
del sistema operativo.

Pulsanti Su/Giù (1)


In modalità Performance, usa questi pulsanti per navigare tra le tue Performance. Un breve tocco
passerà alla Performance successiva o precedente. Tenendo premuto si avvierà lo scorrimento. A
seconda dello stato del parametro "Performance Load" nelle Impostazioni di sistema, il Profiler
caricherà immediatamente lo Slot 1 o lo Slot corrente della Performance selezionata, oppure attenderà
("Pending") fino a quando non si preme uno dei cinque pulsanti Rig.

In modalità Browser, puoi passare al rig successivo /precedente o scorrere i Rig in base ai criteri di
visualizzazione e ordinamento selezionati. L'opzione "Group of 5/Single Rig" sulla pagina Impostazioni
remote in Impostazioni di sistema determina, se i pulsanti Su/Giù passano al Rig successivo/precedente
individualmente o per gruppi di cinque in Modalità Browser.

Pulsanti Rig 1-5 (2)


Questi sono i pulsanti per selezionare gli slot in modalità Performance e i Rig in modalità Browser. Premi
velocemente per attivare il Morphing.

160 LF 2018
Profiler Remote
Pulsante Tap (3)
Questo pulsante attiva il TAP tempo, proprio come il pulsante TAP sul pannello frontale del Profiler.
Tocca con cadenza 4/4 per regolare il tempo di delay, phaser, flanger e tremolo. Il LED lampeggerà per
indicare il tempo corrente. Tenendo premuto questo pulsante mentre suoni, si attiva il Beat Scanner,
che calcola il tempo in base al ritmo e al pattern del tuo modo di suonare. Per saperne di più consulta il
capitolo Tempo.

Pulsante Accordatore (4)


Utilizzalo per attivare la modalità Accordatore, invece di spostare un pedale del volume in posizione del
tallone. Se l'opzione "Mute Signal" è attivata, la tua chitarra non si sentirà mentre la accordi.

Pulsanti Effetti I-IIII (5)


Questi quattro pulsanti possono essere assegnati liberamente per commutare pedali ed effetti on/off.
Possono anche essere utilizzati per alternare le funzionalità in determinati effetti. I loro rispettivi compiti
sono memorizzati sul Rig. Ogni pulsante può essere assegnato a diversi pedali ed effetti, se lo si
desidera.

Il primo e il secondo compito sono indicati dai quattro LED attorno a ciascun pulsante di effetto. I LED
colorati nella riga superiore indicano la categoria di pedale/effetto, proprio come i LED colorati sul
pannello frontale del Profiler. Rimangono spenti se non è stato assegnato alcun effetto. I LED nella riga
inferiore indicano se il rispettivo effetto è attivato o disattivato, proprio come i corrispondenti pulsanti
Stomp ed Effect sul pannello del Profiler. Se tre o più effetti sono assegnati allo stesso pulsante Effect
all'interno di un Rig particolare, solo i primi due effetti vengono visualizzati da questi LED.

Assegnare le funzioni di commutazione ai pulsanti degli effetti è semplice: basta tenere premuto un
pulsante Effect e premere il pulsante Modulo desiderato, ad es. Un modulo, sul pannello frontale del
Profiler allo stesso tempo e… Fatto! Funziona anche nella direzione opposta: premi prima il pulsante
Module sul Profiler e poi il pulsante Effect desiderato sul Remote. Il LED in alto a sinistra del pulsante
Effetto dovrebbe ora illuminarsi con il colore della categoria dell'effetto che hai assegnato. Ora puoi
attivare o bypassare l'effetto selezionato premendo il pulsante sul tuo Remote. Per annullare un
compito in corso, è sufficiente eseguire nuovamente la stessa procedura di assegnazione. Per
aggiungere un secondo compito, basta ripetere il processo con un altro stomp o effetto sul pannello
frontale. Noterai che adesso il LED in alto a destra indica il colore del secondo tipo di effetto.
Assegnazioni multiple possono essere fatte in questo modo. Non dimenticare di memorizzare il Rig, una
volta che sei soddisfatto degli incarichi e degli attuali stati on / off. Ogni volta che carichi questo Rig, i
compiti e gli stati on/off vengono richiamati esattamente come erano quando li hai memorizzati. Un
elenco dei compiti attuali viene visualizzato sullo schermo in modo da essere sempre a portata di mano .
Su questa schermata puoi anche cancellare immediatamente i compiti senza dover ripetere l'intero
processo di assegnazione.

LF 2018 161
Profiler Remote
Ecco un esempio: immagina di avere una distorsione nel modulo B, un effetto di chorus in Effect
Modulation e vuoi assegnare entrambi al pulsante Effect I. Entrambi gli effetti sono attivi al momento.
Premere e tenere premuto il pulsante Effect I e premere il pulsante del modulo B sul pannello anteriore.
Il LED in alto a sinistra del pulsante Effect I diventa rosso per indicare l’effetto di distorsione e il LED in
basso a sinistra diventa bianco per indicare che l'effetto è attivo. Ora, tieni premuto di nuovo il pulsante
Effect I e premi il tasto MOD sul pannello frontale del Profiler. Il LED in alto a destra del pulsante Effect I
diventa blu, come il colore del chorus sul Profiler, e il LED in basso a destra diventa bianco per mostrare
che l'effetto è attivo. Ora, quando premi il pulsante Effect I, entrambi gli effetti si
accenderanno/spegneranno simultaneamente. Queste modifiche andranno perse, se non salvi il Rig
corrente prima di caricarne un altro.

Ora per un'altra funzione, basata sugli stessi compiti: premi il pulsante Module del pedale distorsione.
Cambierà il suo stato, mentre lo stato del chorus rimane invariato. Ora, quando si attiva il pulsante
Effect I, lo stato di entrambi gli effetti viene scambiato e i LED bianchi si accenderanno di conseguenza.


Impostando lo stato dei pulsanti del Modulo che sono stati assegnati a un pulsante Effetto sul Remote, è
possibile creare singole scene di effetti che sono memorizzati e richiamati con il Rig.

Nel caso in cui il tuo palco sia così grande che il tuo Profiler si trova a miglia di distanza dal Remote, non
sarai in grado di raggiungerlo contemporaneamente. In questo caso, accedi alla pagina di configurazione
nelle Impostazioni Rig, seleziona un modulo Stomp o Effect e usa i quattro pulsanti soft in quella pagina
per completare l'assegnazione.

Oltre a regolare lo stato di pedali ed effetti, ognuno dei pulsanti Effect può anche essere utilizzato per
attivare le cosiddette funzioni "Action & Hold" come "Rotary Speaker (lento / veloce)", "Delay Feedback
Infinity" o "Delay Hold".


La commutazione on/off non può essere combinata con "Action & Hold" per lo stesso pulsante.

Bloccare i pulsanti degli effetti


I pulsanti degli effetti vengono bloccati/sbloccati in concomitanza del blocco/sblocco di un pedale o
effetto. Questo si applica solo se non viene assegnato più di un pedale o effetto allo stesso Pulsante
Effetto. Due icone diverse sul display remoto indicano il blocco dell'effetto singolo o sincronizzato con il
pulsante effetto.

162 LF 2018
Profiler Remote
Looper (6)
Il Looper è un dispositivo per registrare fino a 60 secondi di audio stereo. Permette un numero illimitato
di sovraincisioni. Ciò significa che è possibile registrare la chitarra una sopra l'altra senza limitazioni. Le
funzioni di Looper sono perfettamente integrate nel Remote, poiché dipendono fortemente dai suoi
pulsanti e LED. Puoi usarlo:

• solo per divertimento, per suonare come se avessi diverse chitarre insiame,
• per controllare le tue abilità ascoltando la tua registrazione,
• per valutare e modificare il rig, mentre il Looper suona la chitarra per te,
• per permettere al Looper di suonare la chitarra mentre fai il confronto A/B dopo la profilazione
di un amplificatore.

Il Looper è un “effetto” totalmente indipendente dal resto del Profiler. In questo modo puoi cambiare Rig e
parametri a tuo piacimento, mentre il Looper continua la sua riproduzione. Il contenuto audio del Looper
non può essere memorizzato nella memoria permanente; sarà perso, quando spegnerai il Profiler. Se hai
familiarità con altri dispositivi looper, sarai immediatamente in grado di gestirlo. In aggiunta, ci sono alcune
potenti funzionalità disponibili che vanno oltre la funzionalità standard del looper.


Un video tutorial che spiega il Looper può essere visualizzato su:

https://www.kemper-amps.com/

Ecco una breve descrizione dei pulsanti Looper:

Attiva il Looper e commuta le funzioni dei seguenti sei pulsanti tra "normale" e
Looper
"Looper".
Registra/Riproduci/Sovrascrivi

Ferma/Cancella: Premi 3 volte per cancellare il loop in uso

Cancella o riattiva la sovraincisione più recente


Riavvio: Riattiva il Loop quando è in modalità di arresto, o riavvia il loop quando in
modalità di riproduzione
Al contrario: Suona il loop al contrario
Metà velocità: registra e riproduce il loop a metà velocità; raddoppia il tempo di
registrazione

Impostando nella pagina Impostazioni di sistema il parametro Location, è possibile scegliere dove
inserire il Looper nel flusso del segnale.

LF 2018 163
Profiler Remote
 Location “Pre”
Il Looper viene posizionato subito dopo l'input dello strumento. Registra il segnale puro della chitarra e
lo riproduce nella sezione Pedali. Quando cambi Rig durante la riproduzione del loop, cambia anche il
suono di conseguenza. Tuttavia, quando esegui le sovraincisioni, tutte le sovraincisioni verranno
eseguite attraverso lo stesso rig come se fossero suonate più chitarre nello stesso amplificatore
contemporaneamente.

 Location “Post”
Il Looper viene posizionato subito dopo l'ultimo effetto: il modulo REV. Registra il segnale stereo
completamente elaborato. Quando cambi Rig durante la riproduzione del loop, il suono della
riproduzione non cambierà! Questo ti permette di suonare, o anche di sovraincidere, con un numero
illimitato di Rigs diversi.


Di conseguenza, mentre Looper Location è impostato su "Post", la riproduzione viene inserita dopo il
Modulo REV e può essere ascoltata solo sulle uscite con la sorgente di uscita impostata su "Master …".

 Volume Looper
Volume Looper attenua il volume di riproduzione del Looper fino ad un massimo di 12 dB.

164 LF 2018
Profiler Remote
Flusso di Lavoro
Ecco un esempio di come si dovrebbe lavorare normalmente con Looper:

Pulsante Azione
Attivare la modalità Looper per i sei pulsanti Looper, premendo il pulsante LOOPER sul
Remote. Il LED Looper si accende. Quando premi nuovamente LOOPER, i sei pulsanti
Looper torneranno alla loro funzione principale per la selezione di Rig. L'attivazione della
modalità Looper non significa necessariamente l'attivazione del Looper stesso. Il Looper
può anche rimanere attivo mentre si usano i rispettivi pulsanti per selezionare i Rig.
Premendo questo pulsante si avvia la registrazione iniziale. Premendolo la seconda
volta, si imposta il fine loop e il Looper interrompe immediatamente la registrazione e
inizia a riprodurre il loop registrato dall'inizio e lo ripete all’infinito. Il timing di entrambe
le pressioni sul pulsante è cruciale per la sincronia del loop. Durante la riproduzione è
possibile suonare sul loop senza registrare nulla. Quando premi nuovamente il pulsante
in qualsiasi momento, la sovraincisione inizia senza interrompere la riproduzione. Tutto
ciò che suoni verrà aggiunto alla registrazione precedente. Premendo il pulsante
un'altra volta si interromperà la sovraincisione e si riprenderà la riproduzione pura.
Nota: la registrazione iniziale di un loop e l'impostazione del fine loop vengono eseguite
una sola volta. Il passaggio da riproduzione a sovraincisione, e ritorno alla riproduzione,
può essere fatto all'infinito. Nota: questa funzione può anche essere assegnata a
interruttori esterni o, ad esempio, al tasto TUNER del Remote, se per attivare la
modalità Accordatore si utilizza il pedale del volume e, pertanto, il pulsante TUNER non
è necessario per attivare l’accordatore .
Interrompe la riproduzione del loop. Per riavviare la riproduzione, premere
"Registra/Riproduci/Sovrascrivi". Per passare da stop a overdub, è necessario premere "
Registra/Riproduci/Sovrascrivi " una seconda volta. Per cancellare il loop corrente e
avviare una nuova registrazione, premere "Stop" tre volte. Quindi premere "Registra /
Riproduci/Sovrascrivi" per registrare.
Nota: questa funzione può anche essere assegnata a interruttori esterni o, ad esempio,
al tasto TUNER del Remote, se per attivare la modalità Accordatore si utilizza il pedale
del volume e, pertanto, il pulsante TUNER non è necessario per attivare l’accordatore.
Premere questo pulsante per annullare l'ultima sovraincisione. Per ripetere l'ultima
sovraincisione, premere nuovamente Annulla. L'annullamento e la ripetizione di un
overdub possono essere eseguiti anche durante la riproduzione. Tuttavia, se hai
cancellato una sovraincisione e dopo di ciò hai registrato una nuova sovraincisione, la
vecchia sovraincisione non può essere recuperata. Se hai accidentalmente cancellato un
ciclo premendo Stop tre volte, quindi Annulla lo recupererà.
Quando la riproduzione è ferma, puoi attivare il loop con questo pulsante. Quando
rilasci il pulsante l’esecuzione si fermerà. Durante la riproduzione, premendo Trigger si
riavvia il loop e si continua a suonare. Ciò consente di risincronizzare il loop in una
situazione live, per evitare che il loop non sia a tempo.

LF 2018 165
Profiler Remote
Cambia la direzione della riproduzione come un registratore a cassette inserito al
contrario. Premere di nuovo per suonare in avanti. Se impostato su Reverse, la presente
registrazione verrà comunque ripresa in direzione avanti ma riprodotta all'indietro, una
volta terminata la registrazione e impostata la fine del loop. Tuttavia, le sovraincisioni
successive possono essere eseguite in entrambe le direzioni, per creare paesaggi sonori
eterei. Puoi anche cambiare la direzione nel mezzo di una sovraincisione!
Quando una riproduzione ciclica è impostata su Half Speed, suonerà un'ottava sotto e
metà tempo, come se avessi rallentato un registratore. Premere di nuovo il pulsante
Half Speed per ritornare alla velocità normale.
Ma c'è di più: il tempo di registrazione disponibile normale del Looper è di 30 secondi.
Quando si imposta Half Speed prima di una registrazione iniziale, il tempo di
registrazione disponibile raddoppia a 60 secondi. Quando registri a metà velocità, non
noterai nulla di diverso durante la riproduzione. Tuttavia, quando premi nuovamente il
pulsante Half Speed, la riproduzione tornerà alla velocità normale, trasponendo la tua
registrazione di un'ottava più in alto e raddoppiando il tempo! Quindi, selezionando la
velocità prima della registrazione, è possibile scegliere in modo efficace se questo
funziona come un pulsante a mezza velocità o a doppia velocità.
Come con il pulsante Reverse, puoi modificare la velocità per le successive sovraincisioni
a tuo piacimento.
Il tempo di registrazione extra che ottieni con Half Speed sarà riprodotto con una
leggera perdita alle alte frequenze.

166 LF 2018
Profiler Remote
Funzioni Looper Avanzate
Il Looper offre una serie di funzionalità avanzate. Tutte queste funzioni sono accessibili tenendo
premuto il rispettivo pulsante Looper, invece che premerlo brevemente. Come prima, spiegheremo le
funzioni avanzate seguendo i pulsanti sul Remote:

Ci sono tre diversi senari in cui tenere premuto questo pulsante.

Come alternativa al metodo di registrazione standard, puoi tenere premuto questo


pulsante per determinare la durata della registrazione iniziale. Il looper continuerà a
registrare fino a quando non si rilascia il pulsante, a quel punto viene impostata la fine
del loop e inizia la riproduzione del loop registrato.

Tieni premuto Il pulsante Registra/Riproduci/Sovrascrivi ha un potenziale problema: quando si imposta


la fine del loop, si passa automaticamente alla modalità di riproduzione. Una
sovraincisione successiva, immediatamente dopo la registrazione iniziale, non può
essere eseguita semplicemente premendo il pulsante. Tuttavia, è possibile tenendolo
premuto: Avvia la registrazione iniziale premendo brevemente il pulsante. Per
terminare la riproduzione e la successiva sovraincisione, tenere premuto il pulsante. Il
loop si ripeterà all'istante e la tua esecuzione verrà sovraincisa finché tieni premuto il
pulsante. Per le sovraincisioni successive, piuttosto che premere
"Registra/Riproduci/Sovrascrivi " rapidamente per cambiare modalità, tenerlo premuto
per la sovraincisione e rilasciarlo per la riproduzione.
Tieni premuto Per cancellare il loop corrente, invece di premere il pulsante Stop tre volte, puoi tenerlo
premuto per due secondi. Questo è il modo in cui molti altri loopers gestiscono la
cancellazione del ciclo.
Tenendo premuto il pulsante Reverse per un secondo, il Looper entrerà in modalità
Tieni premuto
"avanti e indietro". Ciò significa che cambierà automaticamente la direzione all'inizio e
alla fine del ciclo. Tenendolo premuto per un secondo, tornerà alla modalità normale
inversa, o avanti.
Tieni premuto Tenendo premuto questo pulsante, l'Half Speed diventa un evento momentaneo, che
dura solo finché si tiene premuto il pulsante

LF 2018 167
Profiler Remote
Collegamento di pedali di espressione e pulsanti esterni
Il Remote offre quattro connettori TRS denominati "PEDAL 3-6" per collegare i pedali di espressione. Se
dovessi avere necessità di più pulsanti, puoi collegare pulsanti mono e stereo a queste prese. I requisiti
tecnici sono esattamente gli stessi richiesti dalle prese PEDAL 1 e 2 sul retro del Profiler. Le loro funzioni
possono essere assegnate nelle Impostazioni di sistema del Profiler nelle pagine "Pedal 3-6 (Remote)".

Impostazioni Remote
L manopola LCD CONTRAST si trova sul lato posteriore del Remote. Tutte le altre impostazioni LCD e LED
possono essere modificate nella pagina "Remote Settings" all'interno delle Impostazioni di sistema del
Profiler. La manopola LCD CONTRAST fisica è indipendente dalle impostazioni corrispondenti nel menù
Impostazioni di sistema durante l'avvio.

Il display visualizza le informazioni più rilevanti a seconda della modalità di funzionamento. In modalità
Performance è possibile scegliere tra due layout di visualizzazione nella pagina "Remote Settings" in
Impostazioni di sistema.

Il volume Looper è spiegato nel paragrafo Looper.

Tutte queste impostazioni vengono salvate nei backup di Profiler.

Cablaggio
Profiler e Remote comunicano tra loro tramite un cavo Ethernet. Il cavo incluso nella confezione del
Remote con il suo portacavi per cavo Neutrik® etherCON® è stato accuratamente selezionato e si adatta
perfettamente a questo scopo. Se decidi di utilizzare un cavo di terze parti, assicurati che soddisfi i nostri
standard di qualità.

168 LF 2018
Profiler Remote
Il diametro del filo è un fattore critico. Il cavo fornito con il remote soddisfa lo standard American Wire
Gauge 24 (AWG), che può supportare fino a 7,5 m (22 piedi) di lunghezza. I cavi AWG 26 hanno un
diametro più piccolo e possono supportare solo fino a 5 m (15 piedi). Cavi con AWG superiore e. g. AWG
28 non deve essere utilizzato con il remote.

Cavi superiori a 10 m (30 piedi) potrebbero richiedere un Iniettore Power over Ethernet (PoE Injector).

Cablaggio con PoE injector vicino al Profiler

In questo modo, è possibile superare le distanze superiori a 100 m (300 piedi). L’injector PoE può essere
posizionato vicino al profiler ad esempio nello stesso rack e collegato con un cavo ethernet corto.

LF 2018 169
Profiler Remote
Utilizzando uno switch PoE è possibile collegare anche più remote a un solo Profiler.

Cablaggio con PoE injector vicino al Profiler

Profiler e Remote dovrebbero essere connessi alle porte ethernet che forniscono le uscite PoE
alimentate. Sono Supportati gli standard IEEE 802.3af-2003 e la modalità 802.3at-2009 modo A.


Tieni presente che può essere utilizzata solo la modalità A; la modalità B non funnziona!

Ecco un elenco di apparecchiature che abbiamo testato con successo:

PoE injectors:

• TP-LINK® TL-POE 150S

PoE switches:

• TP-LINK® TL-SG1008P (8 port gigabit switch with 4 port PoE)


• Allnet® ALL8085 Switch (8 Port 10/100TX)
• Intellinet 8-Port Fast Ethernet POE+ Switch (disponibile in rack da 19’’)


Se si utilizza uno switch POE, collegare non solo il / i remote alle prese Ethernet PoE, ma anche il
Profiler.

170 LF 2018
MIDI
Midi
Il Profiler si collega facilmente a qualsiasi controller MIDI universale. Basta collegare il controller MIDI
alla presa MIDI IN del Profiler. Esistono diversi gruppi di messaggi MIDI che possono essere elaborati.

Connessioni mono e bidirezionali

Esistono diversi gruppi di messaggi MIDI che possono essere elaborati, che sono descritti nelle seguenti
sezioni. Le istruzioni MIDI Program Change ricevute sono indicate da una piccola icona "#" e controllano
i cambiamenti mediante una piccola icona a forma di pomello sulle pagine di riproduzione in modalità
Browser e Performance. Se viene stabilita una comunicazione MIDI bidirezionale, questa viene segnalata
da un'icona a due frecce.

LF 2018 171
MIDI
Continuous Controller (cc)
I seguenti numeri di control change MIDI possono essere variati continuamente da un pedale MIDI. Qui
troverai anche i tre controlli di pedale per Wah, Pitch e Volume. L'intervallo di valori è 0-127. Alcuni foot
controller consentono di limitare questo intervallo impostando un valore minimo e massimo. Tuttavia,
questo non è necessario per wah, pitch e volume, poiché gli intervalli possono essere determinati nei
rispettivi effetti e nelle impostazioni del pedale del volume.

#1 Pedale Wah
#4 Pedale Pitch
#7 Pedale Volume
#10 Panorama
#11 Pedale Morph
#68 Delay Mix
#69 Delay Feedback
#70 Reverb Mix
#71 Reverb Time
#72 Gain
#73 Monitor Volume

172 LF 2018
MIDI
Interruttore Stomp/Effect
I numeri di control change MIDI possono essere usati per attivare o disattivare Stomps ed Effects.
L'interruttore per l’accordatore funziona in modo simile. Valori diversi da zero (1-127) attivano "ON",
mentre zero imposta a "OFF". Alcuni altri interruttori sono dotati di una funzione di blocco dedicata,
quando vengono tenuti premuti:

• Il pulsante TAP attiva lo scanner Beat quando viene premuto per più di un secondo
• I pulsanti su/giù (descritti di seguito), se premuti per più di un secondo, in modalità Performance
iniziano a scorrere le Performance.

Affinché la funzione Hold funzioni correttamente, la tua pedaliera deve trasmettere un messaggio MIDI
sia quando viene premuto (key-on), sia quando viene rilasciato (key-off). Programmare la pedaliera in
modo che invii un valore diverso da zero (1-127) alla pressione del pedale e uno zero al key-off. Alcune
pedaliere non sono in grado di inviare un evento di key-off e, sfortunatamente, non sono in grado di
sfruttare la funzione Hold. In questo caso, invia un valore zero per l'evento key-on, in modo che la
funzione Hold non venga attivata per errore.

#16 Inverte lo stato dei moduli Stomp da A a D e dei moduli Effect X e Mod
#17 Stomp A On/Off
#18 Stomp B On/Off
#19 Stomp C On/Off
#20 Stomp D On/Off
#22 Effect X On/Off
#24 Effect Mod On/Off
#26 Effect Delay On/Off (senza spillover)
#27 Effect Delay On/Off (con spillover)
#28 Effect Reverb On/Off (senza spillover)
#29 Effect Reverb On/Off (con spillover)
Tap (valori da 1 a 127 attivano Beat Scanner, 0 disattiva Beat Scanner. Qualsiasi valore
#30
attiva il tempo)
Accordatore On/Off (se è impostato il flag su “Mute Signal” in modalità Accordatore il
#31
suono è muto)
#33 Velocità del Rotary Speaker (qualsiasi valore modifica la velocità da lento a veloce)
#34 Delay Infinity (qualsiasi valore modifica il parametro da On a Off)
#35 Delay Hold (qualsiasi valore modifica il parametro da On a Off)


Se preferisci attivare il TAP tempo senza mai attivare Beat Scanner, invia il control change #30 sempre
con valore zero.

LF 2018 173
MIDI
Cambio Rig in modalità Performance
La modalità Performance offre 125 Performance, ognuna con cinque Slot, che consente di memorizzare
fino a 625 Rigs in totale e indipendentemente dalla modalità Browser. Una tipica applicazione per una
Performance sarebbe quella di organizzare tutti i suoni necessari per una canzone in un unico posto.

Tutti gli slot in modalità Performance hanno assegnazioni MIDI fisse. Per adattarsi alle diverse
funzionalità della pedaliera, ci sono due metodi disponibili per indirizzare e selezionare un Rig in
qualsiasi Slot.

Con il metodo "relativo", puoi avanzare o scorrere l'elenco delle Performance usando il MIDI Control
Change #48/#49. Idealmente questi due controller dovrebbero essere assegnati ai pulsanti "Bank" della
pedaliera. Il MIDI Control Change #50-#54 seleziona i Rig memorizzati negli Slot 1-5 all'interno della
Performance selezionata. Il parametro globale "Performance Load" determina cosa succede dopo aver
inviato il Control Change #48/49 cambiando slot o passando a un'altra Performance. Per impostazione
predefinita, "Performance Load" è impostato su "Pending" e il Profiler attende fino a quando non si invia
uno dei Control Change #50-#54; e alla fine seleziona lo Slot. Se "Performance Load" è impostato su
"Slot 1" o "Keep Slot", il Profiler caricherà immediatamente lo Slot corrispondente non appena viene
selezionata una Performance.

Valori 0-124 selezionano le Performance 1-125, se "Performance Load" è impostato su


#47 "Pending". Un successivo invio di Control Change #50-#54 carica uno degli Slot (se in
uso) in quella Performance.
In modalità Performance: Valore 1 seleziona la Performance successiva e dopo un po’
inizia a scorrere in avanti le Performance. Il valore 0 interrompe lo scorrimento o
#48 esegue solo un cambio Performance. In modalità Browser il valore 0 seleziona il Rig
successivo, valore 1 scorre cinque Rig successivi, valore 2 scorre al primo Rig del
successivo banco di cinque Rig.
In modalità Performance: Valore 1 seleziona la Performance successiva e dopo un po’
inizia a scorrere in avanti le Performance. Il valore 0 interrompe lo scorrimento o
#49 esegue solo un cambio Performance. In modalità Browser il valore 0 seleziona il Rig
successivo, valore 1 scorre cinque Rig successivi, valore 2 scorre all'ultimo Rig del
precedente banco di cinque Rig.
Carica lo slot 1 della performance selezionata e in modalità Browser il Rig 1 del banco
#50
corrente.
Carica lo slot 2 della performance selezionata e in modalità Browser il Rig 2 del banco
#51
corrente.
Carica lo slot 3 della performance selezionata e in modalità Browser il Rig 3 del banco
#52
corrente.
Carica lo slot 4 della performance selezionata e in modalità Browser il Rig 4 del banco
#53
corrente.
Carica lo slot 5 della performance selezionata e in modalità Browser il Rig 5 del banco
#54
corrente.


Nel manuale originale probabilmente i CC segnati in rosso sono spiegati male. Verificare l’effettivo
funzionamento.

174 LF 2018
MIDI
Il secondo metodo consiste nell'inviare MIDI Program Change dalla pedaliera. Ci sono 128 MIDI Program
Change disponibili e sono assegnati a ogni Slot man mano che si selezionano all'interno delle
Performance, in modo lineare:

Rig in Performance 1, Slot 1 selezionato da un Midi Program Change 0

Rig in Performance 1, Slot 2 selezionato da un Midi Program Change 1

Rig in Performance 2, Slot 5 selezionato da un Midi Program Change 9

Rig in Performance 26, Slot 3 selezionato da un Midi Program Change 127

Puoi anche utilizzare la formula seguente: (#Performance x 5) - 5 + (#Slot - 1)

A causa del limite di 128 diversi valori di cambio programma è possibile indirizzare solo circa 25
Performance. Se te ne occorrono di più, è necessario utilizzare controller MIDI che consentono di
indirizzare più di 128 Program Change.

Ecco alcuni esempi ampliati dal MIDI bank select:

Rig in Performance 1, Slot 1 selezionato da un bank select LSB #32: 0 Program Change 0

Rig in Performance 1, Slot 2 selezionato da un bank select LSB #32: 0 Program Change 1

Rig in Performance 2, Slot 5 selezionato da un bank select LSB #32: 0 Program Change 9

Rig in Performance 26, Slot 3 selezionato da un bank select LSB #32: 0 Program Change 127

Rig in Performance 26, Slot 4 selezionato da un bank select LSB #32: 1 Program Change 0

Rig in Performance 52, Slot 1 selezionato da un bank select LSB #32: 1 Program Change 127

Rig in Performance 52, Slot 2 selezionato da un bank select LSB #32: 2 Program Change 0

Rig in Performance 125, Slot 5 selezionato da un bank select LSB #32: 4 Program Change 112

LF 2018 175
MIDI
Ecco le formule per calcolare i numeri di Program Change all'interno di ciascuno dei cinque banchi MIDI:

Bank select
Formula per il calcolo del MIDI
Bank Range valore del
Program Change
LSB #32
1 Performance 1 Slot 1 - Performance 26 Slot 3 0 (#Performance - 1) x 5 + (#Slot - 1)
2 Performance 26 Slot 4 - Performance 52 Slot 1 1 (#Performance - 26) x 5 + (#Slot - 4)
3 Performance 52 Slot 2 - Performance 77 Slot 4 2 (#Performance - 52) x 5 + (#Slot - 2)
4 Performance 77 Slot 5 - Performance 103 Slot 2 3 (#Performance - 77) x 5 + (#Slot - 5)
5 Performance 103 Slot 3 - Performance 125 Slot 5 4 (#Performance - 103) x 5 + (#Slot - 3)

Se è necessario un comando Program Change per avviare la selezione del Rig, i bank select MSB e LSB
sono ridondanti, non è necessario inviare bank select MSB perché la modalità Performance assume
sempre il valore "0". Non è necessario selezionare Bank LSB finché si naviga all'interno dello stesso
banco MIDI.

Questi due numeri di Control Change MIDI sono associati alla selezione del banco MIDI:

#0 Bank select MSB (sempre valore 0)


#32 Bank select LSB (valori 0-4)

Cambio Rig in modalità Browser


È possibile assegnare fino a 128 numeri di MIDI Program change in modalità Browser. Queste
assegnazioni si trovano in Impostazioni di sistema nella pagina "Browse Mode PrgChg".

Per assegnare un numero di Program Change a un Rig, prima seleziona il Rig nella modalità Browser.
Quindi premi il tasto SYSTEM. Passa alla pagina " Browse Mode PrgChg" utilizzando i pulsanti pagina
(Page). Selezionare il numero di Program Change desiderato usando la manopola 1 "MIDI PrgChg #" e
quindi premere il tasto funzione "Assign". Utilizzare il pulsante "Unassign" per cancellare l’assegnazione.

Senza uscire da questa pagina è possibile utilizzare la croce di navigazione Rig per caricare altri Rig in
modalità Browser ed eseguire ulteriori assegnazioni.

I comandi Midi Program change ricevuti sono indicati da una piccola icona "#" e controllano le modifiche
tramite una piccola icona a forma di pomello relative schermate in modalità Browser e Performance.
Se viene stabilita una comunicazione MIDI bidirezionale, questa è segnalata da un'icona a due frecce.

Al posto dei Program Change MIDI i control Change (#48-54) possono essere utilizzati per selezionare
Rig in modalità Performance o Browser. Fare riferimento alla tabella del paragrafo precedente per
ulteriori dettagli.

176 LF 2018
MIDI
Midi Global Channel
Di default, il Profiler riceve i comandi MIDI su tutti e 16 i canali MIDI ("Omni"). Tuttavia, se si desidera
controllare più dispositivi in modo indipendente, è possibile impostare un canale specifico in System
Settings nella pagina " MIDI Settings ". Ora, il Profiler riceverà solo messaggi su quel particolare canale.

Inviare comandi MIDI a due dispositivi esterni in modalità


Performance
I comandi MIDI possono essere attivati e trasmessi a un massimo di due dispositivi esterni, ogni volta
che uno slot viene caricato in Performance Mode. Ad esempio è possibile utilizzarlo per cambiare i
preset o per controllare i parametri dei dispositivi di altri produttori collegati al Profiler in loop effetti:

• Nelle Impostazioni di sistema, accedere alla pagina "Performance mode: MIDI" e utilizzare le
manopole 1 e 2 per assegnare un canale MIDI a ciascuno dei dispositivi esterni. Questa pagina è
accessibile solo in modalità Performance!
• Usate i pulsanti 1 e 2 per determinare se i corrispondenti dispositivi esterni sono collegati a MIDI
Out o MIDI Thru.
• Per praticità, è anche possibile assegnare dei nomi a questi due dispositivi esterni utilizzando i
pulsanti 3 e 4.
• Premere "Edit", "Slot Settings", "MIDI Settings" e selezionare i numeri di Program Change MIDI
associati allo slot. attualmente in uso. Ripeti questo passaggio per ogni Slot dal quale intendi
inviare Program Change MIDI.


Non appena si seleziona MIDI THRU per trasmettere i comandi MIDI dello Slot, il Profiler interromperà
l'inoltro dei dati MIDI in ingresso a MIDI THRU.

Inviare i comandi di Morphing, Wah, Volume e Pitch a due


dispositivi esterni
I quattro comandi relativi ai pedali utilizzati per Morphing (control change # 11), Wah (control change #
1), Volume (control change # 7) e Pitch (control change # 4) possono anche essere inviati via MIDI ai due
dispositivi esterni configurati nella pagina "Perform Mode: MIDI" in Impostazioni di sistema. Funziona
anche se i pedali di espressione sono collegati direttamente al Profiler o al Remote. Per abilitare questa
funzione seleziona l'opzione "Pedals to MIDI" in Impostazioni di sistema.

LF 2018 177
MIDI
Inviare i comandi di interfaccia utente al MID Global Channel
Se "UI to MIDI" è selezionato in Impostazioni di sistema, quasi tutte le modifiche ai parametri
nell'interfaccia utente del Profiler e del Remote collegato, verranno inoltrate attraverso l'uscita MIDI. Ad
esempio, è possibile collegare una serie di Profiler in cascata, che rispondono ai comandi che si inviano
al Profiler principale o Remote collegato, comprese eventuali modifiche Rig o Slot.

Questo flusso di comandi MIDI verrà inviato sullo stesso canale selezionato per MIDI Global Channel. Se
questo è impostato su "Omni", verrà utilizzato il canale MIDI 1 per "UI to MIDI".

NRPN
Il Profiler ha più di 400 parametri, quindi non è possibile indirizzarli tutti con un MIDI Control Message
standard, che è limitato a 128 parametri. Tuttavia, il Profiler supporta anche il protocollo NRPN (Non
Registered Parameter Numbers), che consente l'indirizzamento di 16384 parametri, con una risoluzione
di 14 bit.

Per informazioni più dettagliate riguardanti NRPN, consultare la documentazione dei parametri MIDI.

178 LF 2018
Organizzazione
Organizzazione
Sia che tu stia utilizzando pochi di Rig o centinaia, potresti essere alla ricerca di modi efficaci per
organizzare la ricerca dei Rig in modalità Browser. Il Profiler offre varie funzionalità per mantenere una
visione d'insieme, trovare rapidamente Rig o effettuare pulizie.

Viste
In modalità Browser, è possibile utilizzare la manopola TYPE o il soft button 1 per selezionare una vista
specifica, che consente di esplorare solo un sottoinsieme di rig presenti.

All Rigs Mostra tutti i Rig


Current Author Verranno visualizzati solo gli Rig dell'autore del Rig attualmente selezionato.
Favorites Vedrai solo quei Rigs che hai contrassegnato come tuoi "Preferiti". Vedi in
basso come creare e gestire Rig preferiti.
Last Imported Mostra solo gli Rig importati di recente. Immediatamente dopo una procedura
di ripristino, tutti gli Rig verranno mostrati in questa vista fino a quando non si
esegue la successiva importazione.
My Rigs Mostra solo Rig in cui il tag "Nome autore" corrisponde al nome del
proprietario del Profiler. Puoi verificare il nome del proprietario e la sua esatta
ortografia selezionando "Startup Dialog" da System Settings.
Non-Favorites Mostra solo i rig non contrassegnati come "Preferiti".
Just Bass Rigs Mostra solo gli Rigs in cui il tag "Instrument" è impostato su "Bass".

Qualsiasi Vista può essere combinata con un criterio "Ordinati per ...", che puoi scegliere utilizzando il
pulsante 2. Le viste disponibili sono: "Tutti i file", "Preferiti", "Non preferiti", "I miei file", "Autore
corrente" e “solo Basso ". Qualsiasi Rig all'interno di queste viste può essere ulteriormente ordinato per
nome, autore, data, amplificatore/cabinet e guadagno.


Durante la navigazione su Rig, verranno visualizzati due numeri nel formato "x di y", dove "x"
rappresenta la posizione del Rig attualmente selezionato e "y" indica il numero di Rig inclusi nella vista
attuale. Quindi, se scegli la vista "All Rigs", "y" rappresenterà il numero totale di Rigs memorizzati in
modalità Browser.

LF 2018 179
Organizzazione
Preferiti
I Rig preferiti sono indicati da un piccolo asterisco ("*") sul lato destro del display. System Settings è
possibile impostare il flag "Auto Favorite", in modo tale che qualsiasi Rig che memorizzi venga
automaticamente contrassegnato come "Preferito" e di conseguenza sia elencato in questa Vista. È
possibile contrassegnare (o rimuovere) come "Preferiti" i Rig in due modi:

• Premi il pulsante RIG per circa due secondi sulla schermata che mostra il Rig in modalità
Browser.
• Premere il soft button 2 "Favorite" nelle Impostazioni Rig.

Non è necessario memorizzare nuovamente il Rig, poiché lo stato di "Preferito" viene automaticamente
associato al nome del proprietario e memorizzato all'interno del file Rig. Di conseguenza, quando
condividi i tuoi Rig preferiti con altri utenti, questi non diventeranno automaticamente i loro Rig
preferiti. Se, intenzionalmente o in altro modo, si modifica il nome del proprietario del Profiler nella
finestra di dialogo di avvio, i Rig preferiti non verranno più visualizzati nella vista "Preferiti". Ma la tua
preferenza non viene cancellata! Hai solo bisogno di reinserire il nome del proprietario originale, e il tuo
elenco di Rig preferiti riapparirà. Se si preferisce che i Rig memorizzati non vengano automaticamente
contrassegnati come "Preferiti", è possibile modificare il parametro "Auto Favorite" in System Settings.

Cancellare i non preferiti


Se vuoi ripulire il tuo Profiler, puoi usare il pulsante " Erase Non-Favorites" in System Settings. Tutti i Rig
verranno cancellati, ad eccezione di "Favorites" e "My Rigs". Si consiglia di creare un backup prima di
utilizzare questa funzione.

180 LF 2018
Organizzazione
Rig Manager
Rig Manager è un software progettato per aiutare a gestire la tua collezione di amplificatori personali. Il
software è gratuito e può essere scaricato sul sito Web di Kemper Amps:
https://www.kemper-amps.com/

Importa ed esporta Rig tramite Rig Manager o chiavetta USB

LF 2018 181
Aggiornamenti, Backup e Condivisione
Aggiornamenti, Backup e condivisione
Il sistema operativo Profiler deve essere aggiornato regolarmente per miglioramenti al codice e nuove
funzionalità. Tutto ciò di cui hai bisogno è una connessione internet, un PC o un Mac e una chiavetta
USB.

Aggiornamenti del Sistema Operativo


Prima di definire i passaggi tecnici per eseguire un aggiornamento al sistema operativo del Profiler,
spieghiamo il concetto di evoluzione del software:

Kemper migliora costantemente il software in termini di nuove funzionalità, funzionalità avanzate e


correzioni di problemi noti. Gli aggiornamenti del software sono disponibili sulla pagina di download di
Kemper e sono gratuiti per tutti gli utenti. Tutto ciò di cui hai bisogno è un account utente attivo, al
quale è associato il numero di serie del tuo Profiler. Non appena accedi al tuo account, avrai accesso a
tutti i pacchetti di aggiornamento disponibili.

Ogni nuova revisione del software viene prima testata internamente dagli sviluppatori e dal nostro team
di esperti beta tester. Non appena sembra essere adeguatamente maturo, viene pubblicato come beta
pubblica. Una beta pubblica potrebbe essere seguita da un'altra beta pubblica che includerà correzioni e
miglioramenti basati sul feedback iniziale dell'utente. In generale, il software beta pubblico non è
raccomandato per un utilizzo professionale e produzioni. Tuttavia, se non ti dispiace correre un po 'di
rischio, e vuoi utilizzare le ultime novità, sei invitato a testare e condividere le tue valutazioni, ad
esempio sul forum degli utenti Kemper.

A proposito, se si crea un backup prima dell'aggiornamento, è sempre possibile eseguire il downgrade


alla versione non beta più recente, ripristinare il backup e utilizzare il Profiler in tutta sicurezza. In
questo modo, è possibile evitare occasionali problemi di compatibilità dei dati memorizzati in un nuovo
sistema operativo rispetto al precedente. I ripristini seguono la stessa procedura degli aggiornamenti.

Dopo diversi test, il software beta pubblico normalmente diviene un sistema operativo stabile. A questo
punto cambiamo il suo stato da beta pubblica a versione stabile. Non tutte le revisioni seguono questo
schema. Quindi, non sorprenderti se una versione 3.3.0 è per esempio seguita da una versione 4.0.6.

182 LF 2018
Aggiornamenti, Backup e Condivisione
Se preferisci suonare in sicurezza, non installare beta pubbliche e passare da una versione stabile
all'altra. Si consiglia vivamente di mantenere aggiornato il sistema operativo del Profiler. Non appena
pubblichiamo una nuova versione, dovresti pianificare il prossimo aggiornamento. Forse vuoi finire
prima il tuo tour in corso, ma poi dovresti aggiornare.

Non c'è motivo di preoccuparsi se una versione è 3.3.0 e la successiva è 4.0.6. Il passaggio da 3 a 4 indica
nuove importanti funzionalità, ad es. Morphing, mentre gli altri numeri indicano miglioramenti e
correzioni minori. 4.0.6 è solo la prima revisione del software che è stata sufficiente per qualificarsi
come un software di esercizio stabile.

Esistono due metodi per aggiornare il Profiler: le versioni correnti di Rig Manager verificano
automaticamente il sistema operativo installato sul Profiler non appena viene connesso e suggeriscono
un aggiornamento automatico se è disponibile un sistema operativo più aggiornato. Ulteriori
informazioni su questa comoda funzione sono disponibili nel manuale di Rig Manager. Il metodo più
tradizionale prevede una chiavetta USB. E qui ci sono i passaggi per aggiornare il tuo Profiler con un
nuovo sistema operativo usando una chiavetta USB:

• Per la prima volta è necessario utilizzare una chiavetta USB vuota per trasferire i file dal Mac o
PC al Profiler. La chiavetta USB deve essere preformattata con il file system FAT32. Quando
colleghi la chiavetta USB per la prima volta, il Profiler la formatterà per garantire la massima
affidabilità. La formattazione di una chiavetta USB cancellerà tutti i dati su di essa! Una
chiavetta USB che è stata formattata da Profiler conterrà le cartelle "Backups", OS Update" e
"Shared".
• Il passo successivo è scaricare il sistema operativo più recente. Gli aggiornamenti sono gratuiti e
possono essere scaricati dal seguente URL:

https://www.kemper-amps.com/

• L'ultima versione del software di esercizio è disponibile nella categoria "Aggiornamenti del sistema
operativo". L'ultimo software beta pubblico può essere trovato in "Versione beta del sistema
operativo". Seleziona e scarica il pacchetto di aggiornamento che desideri.
• Scompatta l'archivio .zip scaricato. Prima di cominciare leggi sempre il documento ReadMe incluso
nel pacchetto di download per importanti suggerimenti. Il manuale addendum contiene
informazioni utili relative alle principali nuove funzionalità ed è organizzato in base al numero di
versione del sistema operativo.
• Cerca il file di aggiornamento chiamato "kaos.bin" nell'archivio. Copia questo file nella directory
principale sulla chiavetta USB preformattata usando il tuo Mac o PC. La directory principale (root) è
la prima o la directory più in alto nella gerarchia.
• Successivamente, scollegare la chiavetta USB dal computer e collegarla al Profiler acceso e
funzionante. Segui le istruzioni sullo schermo che appariranno dopo un paio di secondi.

LF 2018 183
Aggiornamenti, Backup e Condivisione

In genere, è possibile eseguire l'aggiornamento al sistema operativo più recente in un unico passaggio.
Tuttavia, se il sistema operativo attualmente installato su Profiler dovesse essere precedente alla
versione 1.8.2, è necessario eseguire un passaggio intermedio e aggiornare prima la versione di quel
sistema operativo. Non effettuare questo aggiornamento potrebbe generare un errore.

Creare Backup
Ti consigliamo di eseguire regolarmente il backup di Rig, Preset, Performance e impostazioni. Per fare
ciò, collegare la chiavetta USB formattata al proprio profiler, passare in modalità Browser o
Performance, premere il tasto funzione "External Storage" e scegliere l'opzione "Backup/Restore". Il file
di backup conterrà tutti i tuoi Rig, Performance, Moduli e Section Presets, assegnazioni MIDI, Snapshot e
impostazioni globali. Se un backup più vecchio è già presente sulla chiavetta USB, non verrà eliminato.
Ogni archivio di backup ha un nome univoco. Per eseguire il backup, selezionare il pulsante “Backup" e
attendere fino a quando non viene notificato che il backup è stato completato. Questa procedura può
richiedere diversi minuti. Non rimuovere mai la penna USB fino a quando non ti viene chiesto di farlo.
Tutti i backup possono essere trovati all'interno di una cartella chiamata "Backup" sulla chiavetta USB.

Ripristinare i Backup
Questa opzione ripristina un backup dalla chiavetta USB al Profiler. Se vengono rilevati più backup, verrà
richiesto di selezionarne uno dall'elenco. ATTENZIONE: il ripristino di un backup sostituirà tutti i Rig,
Performance, Moduli e Section Presets, assegnazioni MIDI, Snapshot e impostazioni globali. Per caricare
un file di backup lasciando inalterato il contenuto esistente, procedere come segue:

184 LF 2018
Aggiornamenti, Backup e Condivisione
Importare Rig, Performace e Preset
Ti offriamo l'accesso a una varietà strabiliante di profili di altissima qualità. Tutto questo e altro può
essere scaricato dal nostro sito:

https://www.kemper-amps.com/

Puoi trasferire questi Rig dal tuo Mac o PC al Profiler usando l’applicazione Rig Manager o utilizzare la
tua chiavetta USB dedicata. In questo caso, copiare i Rig nella directory chiamata "Shared" sulla
chiavetta USB. Quindi, collegare la chiavetta USB allo slot USB del Profiler e passare in modalità Browser.
Quindi premere il tasto funzione "External Storage". Sarà visualizzata un'opzione per importare il
contenuto. L'importazione del contenuto unirà i nuovi dati con i tuoi Rig, Performance, Preset e
Snapshot esistenti.


Le funzioni di importazione ed esportazione sono disponibili solo in modalità Browser.

Esportazione Selettiva
Puoi esportare singoli Rig o tutti i Rig inclusi nella Vista corrente sulla tua chiavetta USB usando un solo
comando. Dal menu Import/Export, selezionare il pulsante 3 "Export current rig” per esportare il Rig
attualmente caricato o il pulsante 4 "Export Rigs in View". Questa funzioneEsporta tutti i rig relativi alla
vista attualmente selezionata; quindi, ad esempio, con View impostato su "All Rigs", esporterai tutti gli
Rigs contenuti in modalità Browser. Quando View è impostato su "Preferiti", esporti solo Rigs che sono
attualmente contrassegnati come Rig preferiti, e così via.


Usando un USB-lock puoi impedire a chiunque altro di avviare un'esportazione o un backup non
autorizzato dei tuoi preziosi Rig e Preset. Per evitare danni meccanici al connettore USB, potrebbe
essere necessario scollegare l’USB-lock prima di inserire il Profiler Head in una borsa o custodia rigida.

LF 2018 185
Profilare un Amplificatore
Profilare un Amplificatore
Passiamo alle cose divertenti! La profilazione del proprio amplificatore, della simulazione digitale
personalizzata o della stomp box preferita è ciò che distingue Kemper Profiler da ogni altro amplificatore
digitale in commercio. Abbiamo impiegato anni per realizzare il nostro sistema di profilazione per fornire
il miglior prodotto in termini di qualità del suono, suonabilità e facilità d'uso - il tutto racchiuso in
un'interfaccia intuitiva. Quindi, se dietro il concetto di Profiling, c’è tanta scienza e tecnologia, troverai
abbastanza facile usare il profiler; questa guida ti mostra le basi per iniziare bene da subito.

Considerazioni Generali
Per creare un profilo, l'amplificatore originale, che chiameremo "amplificatore di riferimento", deve
essere collegato al Profiler utilizzando il Direct Output e il Return Input sul retro. Il Profiler quindi manda
vari suoni e segnali nell'amplificatore di riferimento - che suonerà come rimbombi e elettricità statica a
varie altezze e intensità, in altre parole: non troppo musicale! Addentrandoci un attimo nel campo
tecnico: questi suoni che cambiano dinamicamente consentono al Profiler di conoscere il
comportamento non lineare dell'architettura della valvola e le dimensioni dei componenti passivi
nell'amplificatore di riferimento. Il Profiler quindi ascolta come l'amplificatore di riferimento riproduce
questi suoni e analizza i risultati. Queste caratteristiche vengono quindi ricreate nel flusso del segnale
virtuale del Profiler. Anche le caratteristiche del cabinet per chitarra e dei microfoni, inclusi tutti i picchi
di frequenza e le cancellazioni di fase, vengono rilevati e diventano parte del Profilo.

Se questo sembra un pò complicato, non preoccuparti. La cosa importante da capire è che quei suoni
strani rappresentano il modo in cui il Profiler determina in maniera univoca il modo in cui il tuo
amplificatore di riferimento cambia il suono della tua chitarra, in modo dinamico, nel tempo. Questa
informazione viene quindi utilizzata per creare un profilo digitale del tuo amplificatore di riferimento.

È possibile profilare gli amplificatori a stato solido, nonché gli amplificatori simulati via software,
sebbene i risultati possano a volte essere non eccezionali. La ragione di ciò è che alcune simulazioni
usano tecniche che non corrispondono necessariamente alla realtà analogica.

186 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Profilare con Effetti in Catena
Molti chitarristi ottengono il loro suono caratteristico combinando il loro amplificatore valvolare con
pedali di distorsione, pedali booster ed equalizzatori / filtri. Se lo si desidera, è possibile mantenerli nella
catena del segnale durante il processo di profilazione: verranno tutti profilati accuratamente come parte
del suono dell'amplificatore di riferimento. Tuttavia, vi sono alcune eccezioni: alcuni pedali di
distorsione utilizzano un design speciale che non può essere profilato con precisione, ad esempio il Tube
Screamer ™.

Se includi la tua catena di effetti nel profilo, ma non sei soddisfatto del risultato, riprova senza il pedale
di distorsione. Ricorda, puoi sempre usare uno dei pedali di distorsione modellati nel Profiler, quando
costruisci il tuo Rig.

Altri effetti dovrebbero essere bypassati durante il processo di profilazione perché influenzano
negativamente il risultato, rendendolo meno naturale e diverso dal tono dell'amplificatore originale.
Questi includono: compressori, noise gate e effetti time / modulation / reverb come delay, riverbero,
chorus e così via.

Potresti anche avere dei problemi nel profilare un suono in cui sia il preamplificatore che l'amplificatore
di riferimento sono distorti. Se il profilo risultante sembra insoddisfacente, provare a ridurre il volume
dell'amplificatore di potenza. Ciò renderà il suono un po’ più trasparente, senza ridurre
significativamente la quantità di distorsione. Lo stesso vale per quegli amplificatori a modellazione che
offrono un controllo di guadagno separato per pre e amplificatore di potenza.

Il Profiler consente solo il profilo mono. La profilazione Stereo non è attualmente supportata, ma in
realtà, quanti amplificatori classici per chitarra includono circuiti stereo?

Poiché il Profiler invia i propri toni di prova nell'amplificatore di riferimento durante la creazione di
profili, è chiaro che il suono della tua chitarra non fa parte del risultato. Il Profiler è progettato per
reagire a qualsiasi chitarra in modo identico all'amplificatore di riferimento che è stato profilato.

LF 2018 187
Profilare un Amplificatore
Ascolto durante la Profilazione
L'uscita dell'amplificatore di riferimento può essere monitorata attraverso le uscite del Profiler. In
questo modo, puoi passare dall'ascolto dell'amplificatore di riferimento alla versione profilata,
utilizzando i pulsanti in modalità Profiler. Di fatto, per evitare confusione, si consiglia di ascoltare
l'amplificatore di riferimento utilizzando solo il Profiler. È una buona idea posizionare il cabinet per
chitarra dell'amplificatore di riferimento in una stanza diversa (in altre parole, in modo che non possa
sentirsi) e lontano dal sistema di ascolto che si sta utilizzando per il Profiler. Tieni presente che ciò non
modificherà in alcun modo il risultato del processo di profilazione, ma renderà i confronti A / B tra
l'amplificatore di riferimento e il Profiler molto più semplice.

Se si desidera creare profili di simulazioni di amplificatori basati su computer, ma senza utilizzare alcun
tipo di mixer esterno per l’ascolto, è necessario fare attenzione a non creare del feedback. Un modo
semplice per evitare questo è utilizzare solo le cuffie per ascoltare l'output del Profiler durante la
creazione di profili. È inoltre possibile configurare le impostazioni appropriate nella DAW per impedire
che il segnale del Profiler sia rinviato al suo ingresso.

Considerazioni su Rumore e Ronzio


Se stai profilando un suono ad alto guadagno, probabilmente sentirai una certa quantità di rumore dal
tuo amplificatore per chitarra. Questo è il noto "fruscio di alto guadagno" niente di insolito. Tuttavia, se
rilevi ronzio, o altri rumori, dal tuo amplificatore di riferimento, probabilmente c’è un loop di terra.
Premere il pulsante Ground Lift sul retro di Profiler sia per Main Output che Return Input. Se ciò non
risolve il problema, prova diverse combinazioni usando gli altri pulsanti Ground Lift. È importante che
almeno uno dei pulsanti Ground Lift non venga premuto per assicurarsi che il Profiler abbia almeno una
connessione di terra.


Ricorda che ronzio e rumore sono indesiderabili e potrebbero avere un'influenza negativa sul processo
di profilazione. Spesso, i risultati migliori si ottengono premendo i pulsanti Ground Lift per tutte le
uscite, ad eccezione di Direct Out.

188 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Altre Considerazioni

Assicurati di ascoltare il Rig precedentemente selezionato nel Profiler quando imposti il confronto A / B
su "Kemper amp" e l'amplificatore di riferimento quando passi a "Reference amp". In caso contrario,
ricollega il tuo amplificatore di riferimento a Profiler.


Non è consigliabile utilizzare un cabinet per chitarra come monitor di riferimento per la profilazione. Per
ottenere i migliori risultati, ti preghiamo di eseguire la tua profilazione in un tipico ambiente di studio,
utilizzando i monitor da studio o un PA.


Se il tuo amplificatore ha un riverbero a molla, ricordati di disattivarlo per il processo di profilazione.

Effettuare i collegamenti
Ecco alcuni scenari tipici per le configurazioni di profilazione più comuni:


Collega la chitarra al jack di ingresso di Kemper Profiler.


Collega Diret Output/Send del profiler all'ingresso chitarra del tuo amplificatore di riferimento.


Collega il microfono, o il preamplificatore microfonico, al return input del Profiler (usa l'ingresso XLR o
quarto di pollice, a seconda del microfono o del preamplificatore del microfono).

LF 2018 189
Profilare un Amplificatore

Connessioni tipiche

L’immagine in alto presuppone che tu stia suonando il cabinet della chitarra collegato al tuo
amplificatore di riferimento. Se si sta utilizzando un'uscita diretta simulata dal cabinet, dallo stesso
amplificatore o da una loadbox come la Kemper DI box, è possibile collegare l'uscita line out della
loadbox direttamente al Return Input del proprio profiler. .

L'amplificatore di riferimento deve essere collegato al Profiler in modo tale che solo il Profiler invierà e
riceverà i segnali. In questo modo il Profiler diventa un dispositivo di ascolto.

Evita qualsiasi altra connessione che potrebbe portare a confusione e finire per danneggiare il risultato.
Ad esempio, se si desidera utilizzare diversi microfoni con l'amplificatore di riferimento, è necessario
instradare i segnali di questi microfoni in un mixer e successivamente inviare l’uscita del mixer
direttamente all'ingresso del Profiler. È possibile utilizzare l'equalizzatore del mixer per ottimizzare il
mix. Assicurati che il segnale sia inviato solo al Profiler e non sia duplicato nelle uscite principali del
mixer.

190 LF 2018
Profilare un Amplificatore

Connessioni con diversi microfoni

È una buona idea rendere il Profiler l'hub centrale per tutte le tue registrazioni di chitarra e usarlo come
dispositivo di commutazione principale. In questo modo, puoi utilizzare tutti i tuoi amplificatori preferiti
insieme agli effetti interni di Profiler. Una volta terminata la registrazione, ci vorranno solo alcuni
pulsanti per preservare il suono esatto per usi futuri.

LF 2018 191
Profilare un Amplificatore
Collegamenti per profilare Amp ed Effetti a Pedale

Connessioni con un effetto a pedale

• Collega la chitarra all'ingresso del Profiler.


• Collega Direct Output/Send dal Profiler all'ingresso del tuo effetto a pedale.
• Collegare l'uscita dell’effetto a pedale all'ingresso dell'amplificatore di riferimento
• Collegare il preamplificatore del microfono o del microfono al Return Input del profiler.


Il Profiler può solo catturare un profilo accurato di effetti a pedale preamp, come overdrive e distorsori,
equalizzatori e filtri, pedali preamplificatori valvolari e così via. Tentando di profilare un pedale di delay,
riverbero o modulazione è improbabile che funzioni come previsto.

192 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Collegamenti per profilare Simulazioni di Amplificatori
• Collega la chitarra all'ingresso del Profiler.
• Collegare Direct Output/Send dal Profiler all'ingresso sull'interfaccia audio del computer.
• Instradare l'uscita del software di simulazione dell'amplificatore per chitarra a un'uscita
hardware specifica dell'interfaccia audio del computer.
• Collegare questa uscita al Return Input del profiler.


Assicurati di disattivare il noise-gate nel tuo software di simulazione dell’amplificatore per chitarra
prima di profilarlo.

Catturare un Profilo
Una volta che l'amplificatore di riferimento è configurato come piace a te, è ora di iniziare la
profilazione. Non ti preoccupare, una volta che hai letto questa guida e l'hai provata, siamo sicuri che
sarai d'accordo che la profilatura è un processo molto semplice e diretto.
Inizia scegliendo un Rig nella modalità Browser. È una buona idea scegliere un profilo che abbia una
sonorità in qualche modo correlata all'amplificatore di riferimento. Questo ti darà la possibilità di
confrontare il Rig esistente con quello del setup che stai per profilare, assicurandoti così un risultato che
sia ancora più adatto alle tue esigenze.


Disattiva qualsiasi Loop effetti nel Rig che hai scelto, per evitare che l'amplificatore di riferimento si trovi
nel loop effetti del proprio profilo. I loop degli effetti sono indicati dal colore LED bianco.

L'utilizzo degli effetti presenti nel Profiler durante la creazione di profili non rappresenta un problema.
Eventuali effetti o stomp attivi saranno comunque udibili quando si passa all'amplificatore di
riferimento, quindi è possibile configurarli in base al tono dell'amplificatore di riferimento, anche prima
di catturarne il profilo. Quando hai catturato il profilo e lo hai memorizzato come parte di un nuovo rig,
anche tutti i pedali e gli effetti che facevano parte del Rig originale verranno memorizzati.


Se si preferisce un suono puro senza effetti, si può disattivare qualsiasi stomp ed effetti prima della
profilazione, oppure scegliere un Rig senza stomp ed effetti attivi.

Quando sei pronto, ruota la manopola di accensione nella posizione Profiler. A questo punto sentirai
ancora il Rig precedentemente selezionato. Utilizza i pulsanti per passare dall'amplificatore di
riferimento al profilo.

LF 2018 193
Profilare un Amplificatore
Livelli
Impostare "Return level" (manopola 4) in modo tale che il volume dell'amplificatore di riferimento
equivalga all'incirca al volume del Profiler. È possibile controllare le differenze di livello passando tra il
Rig corrente e l'amplificatore di riferimento. Se il LED di uscita diventa rosso quando si suona
l'amplificatore di riferimento, il livello è troppo alto. Potresti notare dei clic audio quando attivi il
"Return Level"; questo è lo stadio Return Input analogico che commuta il livello nel dominio analogico,
per garantire il miglior rapporto segnale-rumore. Questa funzione consente di registrare qualsiasi livello
di segnale, dal microfono con basso livello di uscita all'output più spinto a livello studio. Non
preoccuparti troppo di ottenere una perfetta corrispondenza di volume; durante il processo di
profilazione, il "Return Level" sarà regolato automaticamente in modo che corrisponda al livello di unità
del Profiler.
Ricordarsi di lasciare qualche decibel di headroom nei preamplificatori del microfono e nel resto della
catena del segnale - i segnali di test possono diventare più forti di un normale segnale di chitarra e
potrebbero causare clipping se non lo si fa. Assicurati di controllare i misuratori di livello mentre è in
corso la creazione del profilo, per essere sicuri che non ci siano sovraccarichi.

Premi il pulsante etichettato con “Next”.

In questa pagina, è possibile informare il Profiler se il suono che si desidera profilare è pulito o distorto
premendo i pulsanti appropriati. Se il tuo amplificatore di riferimento ha un suono pulito puoi impostare
il Profiler su "Clean". In verità, questo passaggio non è strettamente necessario; il Profiler rileverà se
l'amplificatore di riferimento è pulito durante il processo di profilazione. Tuttavia, impostando il Profiler
su "Clean" prima di iniziare la profilatura, si assicurerà che nessun segnale estremamente alto venga
inviato all'amplificatore di riferimento. Perché dovresti farlo allora? Ricorda, un amplificatore pulito ha
una gamma dinamica più ampia rispetto a un amplificatore distorto (perché la distorsione
dell'amplificatore ha anche un effetto di compressione), quindi premere "Clean" può proteggere i tuoi
diffusori e le tue orecchie. Per profilare un suono distorto, premere "Distorted".

In questa pagina è disponibile un equalizzatore a 4 bande per modellare il segnale di ritorno


dall'amplificatore di riferimento, in modo simile a come si equalizzerebbe il segnale del microfono su un
mixer, prima che venga registrato. Le regolazioni impostate sull’equalizzatore saranno integrate nel
profilo catturato.

Non appena si seleziona "Start Profiling", il Profiler invierà segnali di test (quei suoni strani di cui
abbiamo parlato all'inizio di questa guida) all'amplificatore di riferimento.

194 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Valutazione del profilo
Una volta terminata la procedura di profilazione, puoi effettuare i primi confronti A/B tra il tuo
amplificatore di riferimento e il nuovo profilo. Utilizzare i pulsanti per passare dall'amplificatore di
riferimento al profilo "Kemper Amp". Potresti notare che il tuo amplificatore di riferimento non viene
disattivato quando ascolti il profilo interno; questo è intenzionale, poiché il segnale acustico del tuo
amplificatore di riferimento si confonderà sempre con il suono dei tuoi monitor da studio, anche se lo
hai in una stanza separata. Mentre questo può influenzare la tua percezione del suono attraverso i
monitor da studio, non dovrebbe influenzare il confronto A/B. Tuttavia, se il tuo amplificatore di
riferimento fosse disattivato ogni volta che torni al profilo, un confronto valido A/B sarebbe impossibile.
Quando sei soddisfatto del confronto A/B, potresti voler valutare il Profilo puro; in questo caso, avrebbe
senso silenziare l'amplificatore di riferimento. Premere il pulsante On/Off per silenziare l'amplificatore di
riferimento; qualsiasi altra azione lo riattiva nuovamente.

Rifinitura del profilo


Dopo la procedura di profilazione automatica, il profilo è quasi finito ed è molto simile all'originale. Ora
è il momento di dargli il tocco finale: premi "Refine Profile" e suona la tua chitarra per circa venti
secondi. Non è il momento per un assolo - devi suonare diversi accordi! Questo genererà l'inter-
modulazione nella distorsione di cui il Profiler ha bisogno per rifinire il profilo. Assicurati di effettuare
uno strumming potente in modo che il Profiler abbia la possibilità di analizzare i transienti. Quando
ritieni di aver rifinito il profilo, premi il pulsante intermittente per interrompere il processo. Ora fai un
altro confronto A/B per verificare il risultato. Ripeti il processo finché non sei soddisfatto.

Il processo di rifinitura è indipendente dal tipo di chitarra. Riguarda l'adattamento delle caratteristiche
di distorsione e la pulizia dell'attacco e della risposta dinamica. Il profilo risultante agirà e risponderà in
modo accurato indipendentemente dalla chitarra o dal pickup che utilizzi.

Con suoni completamente puliti, non è necessario preoccuparsi di perfezionare le caratteristiche di


distorsione, quindi "Refine Profile" non è disponibile. Se pensi che il profilo offra una gamma dinamica
più ampia e un volume più alto nei transienti rispetto all'originale, il motivo è probabilmente che il
suono originale era, in effetti, leggermente distorto. Ciò avrebbe causato una piccola quantità di
compressione, influenzando in tal modo il risultato del processo di profilazione. In tal caso, ripetere
semplicemente l'intera procedura, ma senza utilizzare l'opzione "Clean".

Le valvole dell'amplificatore di potenza generano un diverso tipo di strutture armoniche rispetto alle
valvole del preamplificatore. Si distorcono con un suono più duro, perché la retroazione negativa nel
circuito dell'amplificatore di potenza linearizza l'amplificazione della valvola. Questo rende la curva di
distorsione più spigolosa. Se si nota nel confronto A/B che l'amplificatore di riferimento produce una
maggiore distorsione ad alta frequenza quando viene impostata una leggera distorsione, è necessario
impostare il parametro "Tube Shape" circa su 9.0, per ottenere lo stesso comportamento dal profilo.

LF 2018 195
Profilare un Amplificatore
Il Profilo Risultante
Una volta che sei soddisfatto del risultato della profilazione, puoi salvare il suono come un nuovo Rig che
troverai in modalità browser. Ti consigliamo vivamente di salvare il profilo prima di iniziare a
modificarne i parametri per preservare le impostazioni originali.
Complimenti! Hai aggiunto un nuovo amplificatore e un nuovo cabinet per chitarra al tuo Profiler. Ora
sei libero di combinare ciascuno di essi con altri amplificatori per chitarra o cabinet per chitarra per
creare nuovi stack ibridi.
Noterai che la manopola del Gain viene automaticamente impostata sulla stessa posizione (udibile)
dell'amplificatore di riferimento e il volume dell'amplificatore è uguale a quello degli altri volumi
dell'amplificatore per semplificare il confronto tra diversi amplificatori. Il range di guadagno effettivo del
Profiler è probabilmente molto più grande del tuo amplificatore originale. Ciò significa che è possibile
riprodurre il nuovo profilo da ultra-pulito a super-distorto, anche se non è possibile farlo
sull'amplificatore di riferimento stesso.

In situazioni in cui l'amplificatore di riferimento era pulito, la manopola del Gain verrà impostata in
posizione minima, pur mantenendo il volume originale. Naturalmente, potrai ruotare la manopola del
Gain ottenere suoni distorti se lo desideri! All'interno del Profiler, il parametro "Definition" è stato
impostato sulla posizione centrale e può essere modificato in qualsiasi momento.

Quando si tratta di suoni crunch o high gain, il valore "Definition" viene automaticamente impostato su
una posizione che corrisponde all'amplificatore di riferimento. È quindi possibile identificare l'età
virtuale dell'amplificatore di riferimento e persino modificarlo al volo.

Quando crei un nuovo profilo, "Power Sagging" è impostato su zero per impostazione predefinita.
Aumentando la quantità di "Power Sagging", puoi aumentare la gamma dinamica del tuo profilo. Questo
può essere particolarmente utile se hai profilato un amplificatore di riferimento che ha un suono
distorto con un intervallo dinamico limitato.


Suggerimento: se si imposta "Power Sagging" in posizione due dell’orologio (valore 7.0) e si imposta
"Definition" un po’ più in alto rispetto alla sua impostazione originale, è possibile rendere ancora più
piacevole il profilo di un amplificatore di riferimento e ancora più dinamico, rispetto all'originale!

Il suono del circuito di equalizzazione dell'amplificatore di riferimento diventa una parte intrinseca del
profilo, ma le impostazioni effettive delle manopole dell'equalizzatore non vengono replicate.
Supponiamo che il suono dell'amplificatore di riferimento sia esattamente il tono che vuoi ottenere,
quindi l'equalizzatore nel Profiler è impostato su uno stato neutro, lasciandoti libero di modificare il
suono secondo i tuoi gusti.
Per creare un altro profilo, basta premere il tasto funzione "Create new Profile". Vedi? Ti abbiamo detto
che era facile!

196 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Profilare un Amp senza Cabinet (Profili Direct)
Finora abbiamo profilato combinazioni di amplificatori e cabinet per chitarra. Questi profili vengono
denominati "profili studio". Lo scopo di un profilo di amplificazione diretta è quello di catturare il suono
del tuo ampli valvolare incluso il suo amplificatore di potenza.

Quando questo profilo viene successivamente eseguito attraverso l'amplificatore di potenza interno di
classe D di Profiler, o un amplificatore di potenza a stato solido separato, in un altoparlante per chitarra,
ricrea fedelmente il suono e la sensazione dell'amplificatore valvolare originale. Il “Profilo Direct” può
essere successivamente unito alla rispettiva sezione cabinet di un profilo Studio. In alternativa, i profili
Direct Amp possono essere abbinati a impulse response di cabinet per chitarra, importate dal nostro
software Cab Maker. Il risultato è un profilo completo che può pilotare un vero cabinet per chitarra sul
palco per l’ascolto, e contemporaneamente inviare il suono del diffusore virtuale della chitarra al PA
principale.

Mentre è relativamente semplice catturare i profili diretti dalle uscite a livello di linea degli amplificatori
per basso, o i segnali in uscita dai preamplificatori, catturarli da ampli valvolari che includono la sezione
delle valvole di potenza è un po’ 'più impegnativo. Ti richiede di prelevare il suono all’ingresso del
cabinet della chitarra. Questo punto è l'uscita dell'altoparlante, dove sono presenti alta tensione e
wattaggio elevato, il che significa che a tale scopo è necessario un DI box dedicato. Una scatola DI
specializzata come ad esempio la scatola Kemper DI può abbassare la tensione a un segnale a livello di
linea, adatto per il Profiler, su un jack di uscita XLR. Il segnale ad alta potenza viene inoltrato al cabinet
della chitarra attraverso un jack di uscita diverso.

Connessioni per profilazione con DI

LF 2018 197
Profilare un Amplificatore
 Perché ho bisogno del Cabinet se voglio catturare un profilo
senza cab?
È vero, il suono dell'altoparlante non verrà catturato in questo caso, ma il complesso comportamento
dell’impedenza dell'altoparlante è ancora necessario per creare quelle interazioni spesso menzionate tra
l'amplificatore a valvole e il cabinet della chitarra collegato. La DI box assicurerà che ci siano interazioni
reali per il processo di profilazione da acquisire. Successivamente, quando il profilo viene riprodotto
attraverso l'amplificatore di potenza di classe D incorporato o un amplificatore di stato a stato solido
esterno, ricrea la stessa situazione di impedenza del cabinet per chitarra collegato. Questa è la chiave
per far suonare il nostro amplificatore integrato come un amplificatore a valvole. Per questo motivo, si
consiglia di non utilizzare alcun tipo di attenuatore di potenza, in sostituzione o in aggiunta alla DI box e
al diffusore. Questi dispositivi funzionano principalmente con semplici resistori, che potrebbero inibire
le interazioni di impedenza desiderate, risultando così in un profilo non autentico.

Oltre alla DI box, è utile se possiedi un Profiler con un amplificatore di potenza incorporato o un
amplificatore separato a stato solido, per acquisire un profilo di amplificazione diretta. Altrimenti, non è
possibile suonare e controllare immediatamente il Profilo che è stato catturato.

 Come configurare la Profilazione Direct Amp


• Collega la tua chitarra all'ingresso del Profiler e Direct Out/Send al tuo amplificatore di
riferimento (questa parte è identica alla normale profilazione in studio).
• Utilizzare un cavo per altoparlanti per collegare l'uscita degli altoparlanti del proprio
amplificatore di riferimento all'ingresso altoparlante della DI box.
• Utilizzare un altro cavo dell'altoparlante per collegare l'uscita di bypass dell'altoparlante della
DI box al cabinet della chitarra.
• Infine, collegare l'uscita di linea della DI box al Retur Input del profiler.
• Disattivare la simulazione altoparlante opzionale della DI box, se disponibile.

Non è obbligatorio collegare le uscite principali a un sistema di altoparlanti, monitor o utilizzare le cuffie,
poiché si finirebbe per ascoltare il profilo di amplificazione diretta senza un cabinet per chitarra
profilato. Questo suono è molto sgradevole e innaturale. Un confronto A/B valido è possibile solo
collegando il tuo cabinet per chitarra al finale di Profiler, una volta acquisito il profilo.

• Seleziona la modalità Profiler.


• Suona la chitarra e controlla se il LED della sezione di uscita mostra un segnale.
• Regolare il parametro "Return level" in modo che il LED sia verde in corrispondenza dei segnali
di ingresso. Una regolazione esatta non è necessaria, il volume corretto verrà trovato
automaticamente dall'algoritmo di profilazione.
• Ora è possibile avviare la procedura di profilazione, come spiegato in precedenza in questo
capitolo. Normalmente, il Profiler rileva automaticamente un profilo Amplificatore diretto,
spegne il Modulo Cab e cattura il Profilo nel Modulo Amp. In casi eccezionali, può accadere che
Direct Amp Profile non venga riconosciuto automaticamente. In tal caso, selezionare
manualmente "No Cabinet" e ripetere la procedura.

198 LF 2018
Profilare un Amplificatore
La procedura di rifinitura raccomandata, che viene dopo la parte automatizzata del processo, equivale ad
una modifica al buio, poiché continuerai a sentire il tuo amplificatore di riferimento solo attraverso il
cabinet della chitarra. Tuttavia, è una buona idea portarla a termine suonando accordi sulla tua chitarra,
come spiegato nel capitolo "Rifinitura del profilo".

Al termine della profilazione, è ora di ascoltare il risultato!

• Abbassa "Monitor Volume" dall’amplificatore finale del Profiler.


• Metti il tuo amplificatore valvolare di riferimento in modalità standby, poiché non dovrebbe
funzionare senza un altoparlante collegato.
• Scollega il cavo dell'altoparlante (quello che va all'altoparlante) e collegalo a Speaker Output del
Profiler.
• Suona, e alza con attenzione "Volume monitor".
• Fatto! Quando suonate attraverso il vostro altoparlante per chitarra, il Profiler e il vostro ampli a
valvole suoneranno identici.
• Salva il tuo profilo direct.

LF 2018 199
Profilare un Amplificatore
Come Creare Profili Merged
Se hai intenzione di utilizzare sia un profilo direct che un profilo studio dello stesso amplificatore a
valvole, per unirli in un secondo momento, ti consigliamo la seguente sequenza:


Se preferisci, fai il setup e il cablaggio per entrambi i profili. Posizionare i microfoni dal cabinet della
chitarra come richiesto. Tuttavia, non sarà possibile prendere entrambi i profili in una volta sola, poiché
il Profiler supporta solo un segnale di ritorno per la profilazione.

Apporta tutte le regolazioni necessarie all'amplificatore mentre lo ascolti davanti al cabinet della
chitarra. Non preoccuparti del suono del microfono in questa fase, in quanto il suono diretto non può
essere regolato da qualcosa di diverso dai controlli dell'amplificatore.

• Cattura prima il profilo diretto, come descritto sopra, e salvalo.


Non toccare i controlli dell'amplificatore dopo aver catturato il profilo diretto, poiché entrambi i profili,
e quindi l'eventuale profilo merged, devono essere basati sullo stesso suono dell'amplificatore originale.

• Collegare il microfono (anziché la DI box) al ritorno di Profiler. Se si desidera disattivare la DI box


e collegare direttamente il cabinet per chitarra, non dimenticare di mettere prima
l’amplificatore di riferimento in standby.
• Preparare l'acquisizione del profilo Studio regolando le posizioni del microfono. Per ottimizzare
il suono del microfono, utilizzare l'equalizzatore a 4 bande in modalità Profiler o gli equalizzatori
sul banco di missaggio.
• Cattura il profilo di Studio.

Ora puoi unire la parte cabinet dal profilo Studio al profilo Direct Amp. Ecco la procedura in dettaglio:

• Seleziona il profilo Studio in modalità Browser.


• Tieni premuto il pulsante Cab per almeno un secondo finché non è selezionato.
• Premere il pulsante Copia sul pannello frontale.
• Premere il pulsante Exit e selezionare il rispettivo profilo Direct Amp.
• Tieni di nuovo premuto il pulsante Cab finché non è selezionato.
• Premere il pulsante Incolla.
• "Merge Cabinet" apparirà sotto il pulsante 2. Spingilo!
• È possibile annullare/ripristinare l’unione premendo nuovamente "Merge Cabinet" e
confrontare i risultati.
• Premere il pulsante Exit e memorizzare il nuovo profilo.

Fatto!

200 LF 2018
Profilare un Amplificatore
Profilare un cabinet Rotary Speaker
Il Profiler viene già fornito con un Rig chiamato "CK Rotary Speaker", catturato dal cabinet reale, ma se si
ha accesso a una marca diversa di Rotary Speaker, è possibile catturare anche i relativi profili.

Per fare ciò, impostare prima il Rotary Speaker come si farebbe in una normale situazione di
registrazione. Quindi, collega l'intera catena al Profiler, proprio come faresti con un amplificatore per
chitarra. Questa volta, tuttavia, è necessario utilizzare due microfoni per catturare il cabinet: uno per il
rotore dei bassi e uno per la tromba del tweeter.

Collega i microfoni a un mixer, crea un mix mono dei due e invia questo al Return Input del Profiler.
L'idea è che entrambi i microfoni vengano catturati contemporaneamente, risultando in un unico
profilo. Ora, metti il tuo Rotary Speaker ad alta velocità e avvia la procedura di profilazione. Il processo
di profilazione ignorerà la rotazione dell'altoparlante e catturerà solo il tipico carattere sonoro.
Probabilmente il profilo risultante sembrerà strano e poco interessante da solo, ma quando si attiva il
Rotary Speaker di tipo effetto nel modulo Mod, sentirai il suono ricco e animato del tuo cabinet
originale.


Suggerimento: Sebbene il profilo sia catturato in mono, è possibile utilizzare il Rotary Speaker nel
modulo X, Mod o DLY per ricreare il tipico movimento stereo del segnale. L'effetto Rotary Speaker
separerà automaticamente il rotore dei bassi dalla tromba del tweeter.

Sotto il Cofano
In caso ti piaccia leggere i dettagli tecnici, di seguito ecco una descrizione di ciò che il Profiler sta
facendo durante il processo di profilazione:

Durante la prima fase, sentirete un rumore bianco con un'ampiezza crescente. Il Profiler sta ora
raccogliendo dati sulla risposta in frequenza dell'amplificatore di riferimento. La risposta in frequenza
cambierà drasticamente all'aumentare del guadagno. Questo è il modo in cui il Profiler apprende il
circuito dell'amplificatore di riferimento e la risposta in frequenza del cabinet per chitarra. Inoltre, la
curva di impedenza caratteristica dell'altoparlante, compreso il suo feedback sull'amplificatore di
potenza, viene rilevata con dettagli precisi.

Nella fase successiva, il rumore bianco che pulsa lentamente viene inviato all'amplificatore di
riferimento. Il volume del rumore bianco è impostato su un livello al quale l'amplificatore di riferimento
inizia a distorcere. Questo è il modo in cui il Profiler apprende la curva di distorsione dinamica dele
valvole nell'amplificatore di riferimento. Usando queste informazioni, il Profiler può ricreare quella curva
con la massima precisione possibile. Questo vale anche per le distorsioni basate su transistor, nonché
modellate digitalmente.

Nella terza fase, il Profiler invia una trama tonale complessa che segue un insieme di regole
matematicamente basate sull'amplificatore di riferimento. Questa struttura crea schemi di interferenza
unici che consentono al Profiler di prendere una "impronta" del DNA del suono dell'amplificatore di
riferimento. Le distorsioni dell'altoparlante, insieme al modello parziale del diaframma dell'altoparlante
(noto anche come "rottura del cono" (cone breakup) sono eccitati da questa miscela tonale, completano
il caratteristico schema di interferenza che il Profiler riprodurrà fedelmente, una volta effettuate le
misurazioni.

LF 2018 201
Risoluzione dei Problemi
Risoluzione dei problemi
Questo capitolo ha lo scopo di aiutare a riconoscere determinati problemi che possono essere risolti
dall'utente. Per qualsiasi problema non trattato qui contattare l'assistenza Kemper. Come regola
generale, tieni aggiornato il sistema operativo Profiler e crea backup regolarmente. La versione attuale
del sistema operativo e l'ultima beta pubblica sono sempre disponibili su:

https://www.kemper-amps.com/

 Il Profiler non si accende


Nel caso in cui il Profiler non si avvii e i LED e il display rimangano spenti, controllare l'alimentazione
elettrica e il cablaggio. Se questi sono funzionanti, è possibile che sia stato attivato l'interruttore di
sicurezza interno che protegge il profiler contro le sovracorrenti. In questo caso: staccare il cavo di
alimentazione, attendere circa due minuti, ricollegare il cavo e provare ad accendere il Profiler

 Il Profiler non si avvia


Se il Profiler non è stato spento correttamente, potrebbe non essere in grado di riavviarsi. Per ricostruire
il database interno, tieni premuto il pulsante RIG mentre accendi il Profiler. Tenere premuto il pulsante
RIG finché appare il messaggio "Initializing current Rig". I tuoi dati e le tue impostazioni non subiranno
danni da questa procedura.

 Uscita Rumorosa
Se dovessi sentire del rumore su qualsiasi uscita, controlla gli interruttori di messa a terra (Ground Lift)
sul pannello posteriore. Questi possono essere usati solo in modo selettivo e non devono mai essere
attivati tutti allo stesso tempo. Questo è molto importante. Altrimenti, potresti non solo avere un
problema di schermatura, ma anche un serio rischio per la salute.

Se è solo l'uscita S/PDIF che produce rumore, assicurarsi che la schermatura del jack RCA non abbia
alcun contatto con l'alloggiamento del Profiler.

202 LF 2018
Risoluzione dei Problemi
 Amplificatore di potenza interno si è spento
Se l'amplificatore di potenza incorporato (Powerhead o PowerRack) si spegne durante il normale
funzionamento, potrebbe essere un'indicazione di surriscaldamento. Assicurati che ci sia sufficiente
circolazione d'aria e che il Profiler non sia posizionato sopra altri dispositivi che producono calore.
L'amplificatore di potenza si riattiverà automaticamente non appena la sua temperatura si normalizzerà.

 Comportamento Imprevisto
Nel caso in cui eventuali input o output non funzionino come previsto, o si verificano altri
comportamenti imprevedibili, il pulsante "Init Globals" nelle Impostazioni di sistema reimposterà la
maggior parte dei parametri globali nelle Impostazioni di sistema e nella sezione Output, nonché tutti i
blocchi (Lockings) al loro stato di default. In questo modo, sarai sempre in grado di ripristinare uno stato
predefinito delle impostazioni. I tuoi Rig, Preset, Performances e Slots memorizzati non saranno
influenzati da questo reset. È inoltre possibile caricare il backup più recente, che ripristinerà le
impostazioni globali complete e l'intero contenuto. Si consiglia vivamente di creare backup ogni volta
che si eseguono modifiche importanti ai parametri o si creano nuovi contenuti avendo sempre a portata
di mano la chiavetta USB. Data la dimensione delle normali chiavette USB, è possibile avere facilmente a
disposizione centinaia di archivi di backup del Profiler. Un'altra buona pratica è quella di memorizzare il
file del sistema operativo "kaos.bin" nella directory principale della chiavetta USB. In questo modo, non
solo puoi aggiornare in modo efficace il tuo Profiler, ma anche avere alcune opzioni di ripristino
aggiuntive.

Servizio Clienti
Eventuali altri malfunzionamenti del sistema operativo in uso devono essere indirizzati all'assistenza
clienti, tramite telefono o e-mail. Ulteriori informazioni sulla hotline di Kemper e un template di posta
elettronica sono disponibili sulla pagina Web https://www.kemper-amps.com/ alla voce "Supporto". Si
prega di riportare tutte le informazioni rilevanti, come il numero di versione del proprio sistema
operativo e come è possibile replicare da remoto il malfunzionamento.

LF 2018 203