Sei sulla pagina 1di 1

li regalò due dei cannoni inglesi catturati a Yorktown.

Al suo ritorno in Francia, dopo averlo ricevuto a corte con tutti gli onori,
Luigi XVI gli affidò il governo della Piccardia, carica che mantenne fino allo
scoppio della Rivoluzione francese, quando fu nominato comandante dell'Armata
del Nord. Nel 1791 fu nominato maresciallo di Francia. Dopo la fuga del re
l'Assemblea nazionale gli offrì il ministero della guerra ma lui rifiutò per
rimanere nell'esercito.

Cadde in disgrazia presso l'Assemblea quando il 2 marzo 1792 si disse contrario


a una guerra contro l'Austria ed un anno dopo finì sotto inchiesta presso il
Comitato di salute pubblica che gli tolse i cannoni regalatigli dal Congresso e
gli onori militari e lo rinchiuse nella Conciergerie, dopo averlo condannato
alla ghigliottina, ma dopo il 9 termidoro e la caduta di Robespierre fu rimesso
in libertà. Rochambeau si ritirò a vita privata nel castello di famiglia dove
cominciò a scrivere le sue Memorie pubblicate postume.

Nel 1803 Napoleone lo decorò con la croce di Grande Ufficiale della Legion
d'onore.