Sei sulla pagina 1di 7

LAURIE BAKER

Corpus Christi School, Kottayam, India

Situata nella regione del Kerala, nel sud dell’India, la scuola

sperimentale fondata da Mary Roy, nota attivista per i diritti

delle donne, ha acquisito nel corso degli anni una sempre

maggiore reputazione per la particolare formazione educativa

discordante da quella accademica diffusa nel Paese

(1)

Baker al lavoro diversi anni fa.

Nella pagina a fianco:

scorcio del corpo di ingresso e amministrativo.

o scopo della scuola è, di fatto,

quello di incoraggiare gli allievi

alle varie attività, musica, danza,

zione. Nonostante le critiche ricevute

per il tipo di istruzione focalizzato

sulla molteplicità dei coinvolgimenti

didattici, senza indirizzare il singolo

allievo a sviluppare attitudini individuali,

la scuola è divenuta

uno dei

migliori

istituti scolastici della regione,


se

non dell’India.

Artefice

della trasfigurazione

degli

ideali

educativi dell’Istituto, nell’insolito

campus

scolastico, è stato Laurie

Baker, il noto architetto inglese naturalizzato

indiano, scomparso nell’aprile

dello scorso anno all’età di 90 anni,

dopo

aver

vissuto e lavorato

in India

per

oltre

50 anni dando vita ad una

scuola

di pensiero

basata sul sentimento

di responsabilità

etica del fare

architettura
e metodi costruttivi tali da ridurre l’impiego

di materiali dispendiosi e, conseguentemente,

i costi edilizi, necessità

prioritaria in molte regioni

rurali

del

Paese.

Ispirato

alle geometrie

della

natura,

Laurie Baker impiega

prevalentemente

forme curvilinee,

spiegando

la sua scelta con grande

semplicità:

“Un’interessante

osservazione

scientifica è che la lunghezza di

una

parete

che racchiude

una data

area
è più corta

se la forma è circolare

...Questo

è un importante

fattore

nell’esercizio

di riduzione dei costi”

pittura, scultura, canto, musica, yoga,

gioco, e qualunque altra cosa desiderino,

in modo da formarsi come individui

più completi e dalle molte esperienze,

in grado

di affrontare

le varie

situazioni

della vita.

Nella

scuola materna e nelle prime

classi

elementari, in questa parte

dell’India,

l’istruzione è completamente

informale. I bambini si siedono in

terra

in gruppi e una singola classe


può

affrontare

simultaneamente tre

materie

differenti.

Gli insegnanti si

muovono

da un gruppo all’altro

favorendo

l’auto apprendimento

e la sperimentazione

personale.

bambini delle prime classi sono stimolati

a parlare

in malayalam,

la loro

madre lingua, avendo verificato quanto

questa pratica

favorisca

l’accrescimento

dell’autostima e dell’immagina-

(3)

(2)

.
L’architetto ‘indiano’, seguendo l’esperienza

di Hassan Fathy

e soprattutto

influenzato dalle idee del mahatma

Gandhi,

ha sperimentato positivamente

soluzioni di climatizzazione naturale

Baker ha saputo adattare alcune tecnologie

del XX

secolo all’architettura

tradizionale

e, inversamente,

i principi

dell’architettura

vernacolare

ai nuovi

metodi

di costruzione, acquisendo nel

tempo

l’appellativo

di the

brick master

of

Kerala,
dal nome della regione

dove

prevalentemente

ha operato.

Costruzioni

a basso costo non significano,

tuttavia, bassa qualità o minore