Sei sulla pagina 1di 3

WordPress lento?

Guida a un sito web veloce e


performante
Autore Emilio Petrozzi – MrTux.it

Velocizzare il caricamento delle pagine web, oltre a incrementare il proprio pagerank, è un fattore
determinante al fine di incrementare il tempo di permanenza dei visitatori sul proprio sito. In questo
articolo analizzeremo le tecniche e gli strumenti più efficaci in grado di incrementare in modo
determinante tale velocità di caricamento.

Diversamente dagli articoli che trattano l'argomento e che solitamente si limitano a fare una lista di
plugin o di consigli utili in questo tutorial si cercherà di analizzare il perché e il come i diversi
fattori possono incidere al fine di conseguire un'ottimale indicizzazione sui motori di ricerca.

Perché la velocità di un sito web è molto importante?

In base ad una ricerca realizzata da StrangeLoop un ritardo si 1 secondo nel caricamento di una
pagina web si traduce nel 7% di riduzione delle conversioni, nella riduzione dell11% del numero di
pagine visitate e nel 16% di riduzione nel grado di soddisfazione degli utenti.

Inoltre Google ed altri motori di ricerca hanno dichiarato in più occasioni che la velocità di
caricamento di una pagina web è un fattore importante al fine dell'attribuzione del ranking della
pagina medesima.

Come verificare la velocità di caricamento del proprio sito web


WordPress?

Uno degli errori più comuni è quello di considerare buona la velocità di caricamento delle pagine
del proprio sito web solo perché sul proprio computer le pagine sembrano caricarsi con una velocità
soddisfacente.

In realtà di solito a trarre in inganno è la memoria temporanea di browser come Chrome i quali,
immagazzinando nella cache grandi quantità di dati, consentono un caricamento quasi istantaneo
anche delle pagine più lente. Mentre in realtà chi visita per la prima volta la pagina web non avrà la
stessa velocità di caricamento che invece si riscontra nelle visite successive.

In considerazione di ciò è molto importante testare online quale è l'effettiva velocità ricorrendo a
strimenti come GTmetrix oppure PageSpeed Insights di Google. In linea generale l'ideale è avere
una velocità di caricamento al di sotto dei 2 secondi.

Cosa rallenta un sito web WordPress?

Le cause più comuni alla base di un sito web lento possono riassumersi nei seguenti punti:
1) L'Hosting dove è ospitato. Di solito hosting condiviso che a causa delle limitazioni non riesce a
gestire situazioni di sovraccarico di lavoro del server, configurazione del server web errata,
limitazioni di banda.

2) Configurazione di WordPress. In mancanza di un sistema di cache e in concomitanza con alti


carichi di lavoro il server inevitabilmente tende a rallentare.

3) Mancata ottimizzazione dei contenuti. Immagini troppo pesanti che appesantiscono le pagine.

4) Plugin sviluppati in modo errato. Installazione ed attivazione di plugin che producono carichi di
lavoro eccessivi sul database.

5) Script esterni. Il caricamento di fonts, javascript per inserzioni pubblicitarie e codice per le
statistiche di accesso sono tutti fattori che possono influire negativamente sulla velocità di
caricamento.

Quale servizio di hosting scegliere?

Se il proprio sito web ha un numero di visite relativamente basso è preferibile scegliere un’hosting
condiviso ma di qualità. Infatti condividendo le risorse di sistema con decine o centinaia di altri
utenti il rischio di rallentamenti è piuttosto alto se si sceglie un’hosting provider di scarso livello. Se
il numero di visite inizia a crescere è preferibile scegliere servizi di hosting ottimizzati per
WordPress oppure un server VPS o dedicato.

Installazione di un Sistema di Cache

L'installazione di un plugin di cache è indubbiamente il passo più importante al fine di incrementare


la velocità del proprio sito web. Con un sistema di cache mediamente il tempo di caricamento di
una pagina si riduce di circa il 70%. Tale drastica riduzione si ha in conseguenza del fatto che per
produrre nativamente una pagina html WordPress mette in esecuzione tantissimo codice PHP e
decine di query sul database. Contrariamente a ciò nella cache si ha invece solo una semplice
pagina html pronta per essere caricata dal browser. Tra i migliori plugin di cache gratuiti ricordiamo
W3 Total Cache, WP Super Cache, WP Fastest Cache. Invece tra i plugin premium a pagamento
uno dei migliori continua ad essere WP Rocket.

Ottimizzazione delle immagini caricate su WordPress

Diverse ricerche hanno evidenziato che la presenza di immagini a tema su una pagina web aumenta
considerevolmente il tempo trascorso dagli utenti sulle medesime. D'altro canto se tali immagini
non risultano ottimizzate per il web potrebbero vanificare del tutto la loro utilità, rendendo la pagina
pesante e con tempi di caricamento eccessivi.

Per un'ottimizzazione ottimale la regola è quella di caricarle su WordPress solo dopo averle
ridimensionate nella misura massima che si intende utilizzarle. Se ad esempio si dispone di
un'immagine 2000x2000 pixel ma la dimensione massima che si vuole visualizzare su WordPress è
di 1.000x1.000 pixel la salveremo con tali dimensioni nel formato jpg con una compressione
intorno al 70%. Oltre al formato jpg è molto importante prestare attenzione anche alle immagini
formato PNG le quali se non opportunamente ottimizzate potrebbero risultare molto pesanti.
Utilizzare un CDN oppure Cloudflare

L'utilizzo di un Content Delivery Network o di un servizio come Cloudflare consente di


incrementare in modo significativo la velocità di caricamento del proprio sito web. In particolare
anche nella versione gratuita il servizio offerto da Cloudflare migliora significativamente le
prestazioni e aumenta la sicurezza in quanto, tra l’altro, rende più difficili gli attacchi DDoS. Inoltre
indubbi vantaggi in termini di maggiore velocità si ottengono utilizzando per le componenti statiche
delle proprie pagine web servizi come S3 di AWS.

Utilizzare un server web con la versione PHP più recente

Infine bisogna sottolineare che il passaggio da PHP versione 5 alla versione 7 comporta un notevole
miglioramento delle prestazioni complessive di un server web. Si stima che rispetto alla versione 5
mediamente una pagina web generata da uno script PHP viene visualizzata in quasi metà del tempo
richiesto se il server web ha installato PHP versione 7.3