Sei sulla pagina 1di 1

PICCOLO IMPRENDITORE

Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e
coloro che esercitano un’attività professionale organizzata prevalentemente con il lavoro proprio e
dei componenti della famiglia. Possono svolgere un attività agricola (allevamento, coltivazioni),
commerciale (negozio di alimentari , cartoleria, abbigliamento), artigianale (parrucchiere,
idraulico, falegname), l'artigiano si assume la piena responsabilità con tutti gli oneri e i rischi che
l'attività comporta. Il piccolo imprenditore non è soggetto ai tre obblighi previsti per l'imprenditore
commerciale: tenere le scritture contabili, iscriversi nel registro delle imprese, fallimento in caso di
insolvenza. L'impresa familiare si ha quando i parenti partecipano collaborando all'attività in
modo continuativo. Non vi è obbligo di contratto. L'artigiano si assume la piena responsabilità
dell'impresa con tutti gli oneri e i rischi che la sua gestione comporta.

AZIENDA

E' l'insieme di beni mobili (denaro, materie prime, macchinari), immobili (terreni, capannoni) e
immateriali (brevetti, diritti d'autore, software, segni distintivi) che l' imprenditore utilizza per
svolgere il lavoro d'impresa. I beni che formano l'azienda possono essere trasferiti sia nel loro
complesso o singolarmente mediante atto tra vivi o per causa di morte. Quando l'azienda viene
venduta o affittata vi è il divieto di concorrenza da parte dell'alienante e non lo libera dai debiti
contratti. L'acquirente subentra nella successione dei contratti senza il consenso dell 'altro
contraente nei contratti che non abbiano carattere personale (clienti, fornitori, bollette energia ecc.).
L'avviamento dell'azienda, insieme ai beni che la compongono è molto importante perché ne
determina la capacità di produrre profitto e il suo valore.

SEGNI DISTINTIVI

I segni distintivi hanno lo scopo di far distinguere un imprenditore da un altro e sono:


• la ditta, indica il nome sotto il quale l'imprenditore esercita l'impresa e, per avere tutela
giuridica deve avere alcuni requisiti:
1. veridicità (deve contenere almeno il nome e cognome o la sua sigla)
2. novità (diritto esclusivo del nome scelto)
3. liceità (bar la svastica)

• l'insegna, è il segno distintivo dei locali nei quali l'imprenditore svolge la propria attività.
Essa presenta determinate caratteristiche:
1. denominativa (rosticceria da Toni)
2. figurativa (figura simbolica che attira attenzione)
3. mista (figura e nome).
Possedere la Capacita distintiva da il diritto di usare l'insegna in esclusiva

• il marchio è un segno distintivo che gli imprenditori appongono nei prodotti o servizi e
consente al pubblico di riconoscere quel prodotto e il suo produttore, strumento
indispensabile per attirare la clientela. Il marchio ha determinate caratteristiche:
1. marchio di fabbrica (provenienza)
2. marchio di commercio
3. marchio di servizio
A differenza della ditta e dell'insegna il marchio può essere trasferito separatamente dall'azienda.
Per avere tutela giuridica il marchio deve avere certi requisiti:
1. veridicità
2. novità
3. liceità
4. originalità